TOP 7 vitamine essenziali per adulti allergici

Analisi

I soggetti allergici stanno diventando sempre più numerosi. Un chiaro motivo di questa tendenza fino ad oggi non è stato identificato. Ma è noto per certo che uno di questi è una ridotta immunità, sia congenita che acquisita.

I fattori dell'immunità debole acquisita includono:

  • stile di vita sedentario;
  • cibo con un eccesso di prodotti raffinati e zucchero industriale (in particolare, pasticceria);
  • mancanza di attività fisica (lavoro fisico moderato).

Inoltre, frequenti malattie, mancanza di vitamine, sonno e riposo di qualità riducono l'immunità. Non è un segreto che le persone che praticano regolarmente sport raramente si ammalano e non hanno praticamente allergie a nulla..

Pertanto, dal punto di vista dell'immunità, le allergie sono esplicite e quelle a rischio. I primi reagiscono immediatamente al contatto con un allergene. E quest'ultimo solo nel caso di fattori provocatori. Ad esempio, con l'uso prolungato di farmaci, può svilupparsi un'allergia al prodotto e persino vitamine..

Da quanto precede, c'è sempre la possibilità di prevenire una reazione allergica con misure preventive e, soprattutto, eliminando l'allergene. Una delle misure preventive sono le vitamine per adulti allergici, selezionate da uno specialista.

Le principali indicazioni per l'assunzione di vitamine e integratori alimentari per le allergie

L'assunzione corretta di vitamine selezionate aiuta a rafforzare l'immunità, a stabilire processi metabolici colmando la mancanza di nutrienti.

Tra le principali indicazioni per l'assunzione di vitamine sono:

  • ipersensibilità alla luce solare, al calore, ai forti venti e al gelo (spesso si manifesta come un'eruzione cutanea di vari gradi di “orticaria”);
  • la febbre da fieno (rinocongiuntivite stagionale) è la reazione pollinica più comune di alcune piante;
  • allergia alimentare (si sviluppa a causa dell'incapacità del corpo di digerire il prodotto). Uno dei più comuni. Può verificarsi sia immediatamente dopo il consumo del prodotto, sia dopo un po 'di tempo a causa dell'accumulo di sostanze in eccesso. Ad esempio, zucchero, alcuni tipi di proteine;
  • allergia da contatto - si sviluppa a contatto con un allergene. Molto spesso, una tale reazione si sviluppa su un prodotto cosmetico, ultravioletto, peli di animali.

Importante! Poiché le allergie spesso derivano dall'assunzione di determinati farmaci e persino da integratori vitaminici e minerali, non dovresti comprare le vitamine da solo.

Quali vitamine raccomandano i medici per la prevenzione e l'eliminazione delle allergie

Immediatamente, notiamo che l'eliminazione delle allergie aiuterà ad eliminare le allergie e migliorare le proprietà protettive del corpo. Ciò che provoca esattamente un'allergia può essere stabilito indipendentemente o contattando un allergologo che prescriverà un test di laboratorio per i test allergologici. Oggi è il modo più efficace per identificare il "nemico". Inoltre, il numero di quei pazienti che sono allergici anche ai prodotti che non sono considerati sicuri sta crescendo.

Eliminando la causa, possiamo iniziare a rafforzare le proprietà protettive del corpo e la salute in generale, la normalizzazione di tutti i processi. Per questo, lo specialista prescriverà vitamine.

Attenzione! Senza indicazioni, non dovresti assumere integratori vitaminici o minerali. Ad esempio, rame e ferro sono allergeni abbastanza forti se la loro quantità nel corpo diventa eccessiva.

Di norma, vengono prescritte diverse vitamine, sia in modo complesso che individuale, a seconda delle condizioni del paziente:

  • Vitamina PP o niacina - essenziale per lo scambio di aminoacidi, grassi, carboidrati e proteine. Ha anche un effetto benefico sullo stato dei vasi sanguigni, migliora il flusso sanguigno, accelera la disintossicazione del corpo. È considerato un immunostimolante e un modulatore efficaci;
  • L'acido ascorbico è un potente antiossidante che aumenta la resistenza del corpo ai radicali liberi. La bassa tossicità della vitamina non viene prodotta dall'organismo, quindi è difficile "spingersi oltre". Crolla in acqua;
  • Cianocobalamina o vitamina B12 - ha un effetto antistaminico sul corpo, quindi può ridurre significativamente la sensibilità agli allergeni popolari. La mancanza porta allo stress;
  • Tocoferolo o vitamina E - è utile non solo per la salute della pelle e delle mucose. È anche un forte antiossidante ed è in grado di rafforzare il sistema immunitario del corpo. Combatte i radicali liberi, rafforza i vasi sanguigni e i capillari. Aiuta ad eliminare la rinorrea, compresa l'origine allergica;
  • La piridossina o vitamina B6 è una delle principali vitamine per la salute della ghiandola tiroidea e del sistema nervoso. Normalizza i processi metabolici nel corpo e in particolare nella pelle;
  • Biotina o vitamina H - è necessario per il normale metabolismo dei carboidrati. Grazie a ciò, è estremamente necessario per i diabetici e coloro che spesso sperimentano salti nella norma della glicemia. In caso di abuso di cibo con un elevato indice glicemico, si raccomanda un apporto aggiuntivo di questa vitamina. Il normale contenuto di biotina nel corpo migliora le condizioni di pelle, capelli e unghie;
  • L'acido pantotenico o la vitamina B5 è coinvolto in tutti i processi metabolici. È in grado di aumentare l'efficacia degli antistaminici, quindi è sempre prescritto nel corso della terapia terapeutica antiallergica.

Ricordiamo ancora che le vitamine per chi soffre di allergie dovrebbero essere prescritte da un medico. Questo è importante perché tutte queste vitamine entrano nel nostro corpo attraverso il cibo. Sì, non tutti vengono digeriti, il che è associato alla qualità di questo alimento e generalmente all'organizzazione della nutrizione, ma ancora una parte viene digerita. Pertanto, l'immenso apporto di vitamine in compresse può aggravare le condizioni della persona allergica e portare alla morte.

Sintomi di allergia alla vitamina A.

Allergia alle vitamine e ai complessi vitaminici negli adulti e nei bambini

Le vitamine sono essenziali in ogni momento. Non sono sintetizzati nel corpo, vengono con il cibo. Le funzioni delle vitamine sono molto diverse:

  • sostenere il metabolismo;
  • partecipare a reazioni chimiche;
  • contribuire al ritiro di sostanze tossiche;
  • proteggere da molte malattie;
  • aiutare il lavoro degli organi interni;
  • ridurre i processi infiammatori;
  • rallentare il processo di invecchiamento;
  • migliorare le capacità cognitive (memoria, pensiero, attenzione);
  • prendere parte al processo di formazione dell'osso, della cartilagine;
  • rafforzare il sistema immunitario.

La necessità di vitamine aumenta durante la malattia. Per una persona, è meglio usare i nutrienti con il cibo che sotto forma di droghe. Quindi vengono assorbiti più rapidamente e più completamente nel sistema digestivo.

Le reazioni allergiche alle vitamine sono simili all'irritazione alimentare. È facile confondere le patologie, quindi è impossibile fare una diagnosi da soli, dovresti consultare un medico. Caratteristiche principali:

  • starnuti frequenti
  • arrossamento, eruzione cutanea;
  • debolezza generale;
  • vomito
  • forte prurito sulla pelle;
  • emicrania;
  • aumento della frequenza cardiaca;
  • attacchi di nausea;
  • borse sotto gli occhi;
  • colica nello stomaco;
  • accumulo di gas intestinali;
  • indigestione sotto forma di diarrea o costipazione.

I sintomi di una reazione negativa possono iniziare mezz'ora dopo la somministrazione o dopo 2-3 ore. In alcuni casi, possono passare 1-2 giorni.

Cause delle allergie vitaminiche

Alcune cause possono influenzare l'insorgenza di una reazione allergica nel corpo:

  • eredità;
  • frequenti malattie infettive;
  • ambiente inquinato;
  • abuso di vitamine o determinati alimenti (funghi, caviale, uova);
  • malattie dell'apparato digerente;
  • mancanza di opportunità per lo sviluppo dell'immunità a causa di condizioni sterili nell'infanzia;
  • stress costante;
  • assunzione eccessiva di sole vitamine.

Ogni vitamina ha le sue ragioni per il verificarsi di conseguenze negative..

Caratteristiche delle allergie nei bambini

Nell'infanzia, l'intolleranza vitaminica ricorda un'allergia alimentare. Manifestazioni frequenti nei bambini:

  • dermatite da pannolino;
  • rigurgito costante;
  • diarrea o costipazione senza motivo apparente;
  • diatesi piangente;
  • rifiuto del cibo;
  • eczema;
  • arrossamento, eruzione cutanea, prurito sulla pelle;
  • naso che cola senza raffreddore;
  • spasmi
  • crescita più rapida della fontanella;
  • tosse.

Nei casi più gravi, l'edema di Quincke, si sviluppa un attacco d'asma. Le manifestazioni allergiche delle vitamine nei neonati compaiono anche a piccoli dosaggi. Non puoi usarli per un bambino, una madre che allatta può mangiare una vitamina - questo sarà sufficiente.

Manifestazioni di allergie in un adulto

Non è corretto considerare che l'intolleranza alle vitamine si verifica solo durante l'infanzia. Anche un sistema immunitario forte non è sempre in grado di far fronte a un tale problema. Molto spesso negli adulti, il rinofaringe è principalmente colpito. Con un aumento del flusso sanguigno, i seni si gonfiano, diventa difficile respirare per una persona. Non c'è naso che cola e altri sintomi del raffreddore comune. A causa della costante congestione nasale, iniziano i mal di testa, seguiti da debolezza generale, disturbi del sonno.

Con un'allergia alle vitamine C, B, D, si osservano disturbi digestivi. Inizieranno nausea, vomito, crampi e gonfiore. Una persona cercherà la causa di avvelenamento negli alimenti senza pensare a un sovradosaggio o un'allergia alle vitamine. Se tali sintomi si verificano regolarmente, ma la persona non ha potuto essere avvelenata, è necessario sottoporsi a test allergologici..

Le vitamine più allergeniche

Ogni persona ha reazioni individuali ai preparati vitaminici. Ma alcuni sono usati più spesso di altri, di solito insorge una reazione negativa. Devi conoscere i sintomi principali per capire cosa sta succedendo con la tua salute..

Allergia alla vitamina A.

Questa vitamina è necessaria per la normale crescita durante l'infanzia, è importante per le donne in gravidanza. Con un sovradosaggio, si verifica un'allergia alla vitamina A, che si manifesta con i seguenti sintomi:

  • eruzione cutanea;
  • bruciore, arrossamento della pelle;
  • mal di testa;
  • aumento della lacrimazione;
  • la perdita di capelli;
  • arrossamento degli occhi;
  • rinite;
  • aumento della sudorazione;
  • attacchi di nausea, vomito.

La vitamina A viene spesso aggiunta ai cosmetici, quindi un'allergia può essere non solo cibo, ma anche contatto in natura. A contatto con creme, unguenti, maschere contenenti vitamina A, edema, vesciche con contenuto liquido possono formarsi sulla pelle.

Reazione a un sovradosaggio di vitamine del gruppo B.

L'allergia alla vitamina B è diffusa. Le più popolari del gruppo sono le vitamine B1, B6, B12. Sono importanti per il funzionamento dei principali processi del corpo, ma il loro sovradosaggio ha gravi complicazioni..

B1 aiuta a estrarre energia dal cibo. Con una reazione allergica ad esso, iniziano i disturbi nel lavoro del fegato e dei reni. B6 aiuta il sistema nervoso, la produzione di molte sostanze essenziali. L'intolleranza a questo elemento porta a eruzioni cutanee, formicolio agli arti. Vitamina presente negli agrumi, nelle banane, nelle verdure, nelle noci.

La B12 è necessaria nell'infanzia, poiché ha un effetto positivo sullo sviluppo mentale, è anche coinvolta nel processo di emopoiesi, normalizza il flusso sanguigno. Con un sovradosaggio, si notano eruzioni cutanee e bruciore sulla pelle.

Overdose di vitamina C.

Un'allergia alla vitamina C (acido ascorbico) si verifica immediatamente dopo che entra nel corpo. Le modalità di ingresso sono diverse:

Questo è un elemento vitaminico diffuso che viene aggiunto quasi ovunque. Se sei allergico ad esso, potrebbero esserci gonfiore del rinofaringe, prurito sulla pelle, formicolio alle estremità, interruzione del sistema digestivo. Se hai tali sintomi e li tratta senza risultati, devi testare l'intolleranza a questa vitamina.

Allergia alla vitamina D.

Le allergie a questo elemento sono rare. È necessario costantemente, poiché partecipa al rafforzamento del tessuto osseo e nell'infanzia impedisce lo sviluppo del rachitismo. Il contenuto dei prodotti è limitato. È sintetizzato nella pelle sotto l'influenza della luce solare. I sintomi dello sviluppo delle allergie sono pronunciati:

  • respirazione difficoltosa
  • gonfiore delle labbra;
  • sete costante;
  • raucedine della voce;
  • dolore al petto
  • prurito sulla pelle;
  • sensazione di un nodo alla gola.

Le eruzioni cutanee sono rare. Consultare un medico per la diagnosi..

Intolleranza alla vitamina E

Un'allergia a questa vitamina si manifesta nei disturbi dell'apparato digerente e nelle reazioni cutanee. Più spesso l'articolo è ben tollerato. Con cautela, è necessario assumere vitamina E per i pazienti con diabete. Con una prolungata influenza negativa dell'elemento, la melanina si accumula nel corpo. Per questo motivo, desquamazione, irritazione appare sulla pelle.

L'uso di vitamine per le allergie

Tra i bambini e i soggetti allergici adulti. Dovrebbero anche assumere vitamine, ma i farmaci dovrebbero essere selezionati per loro con più attenzione. È meglio farlo insieme al medico curante insieme a un allergologo. È necessario escludere l'accumulo di sostanze che provocheranno una reazione negativa. Per fare ciò, è necessario osservare rigorosamente il dosaggio durante l'utilizzo.

Le seguenti vitamine sono particolarmente utili per chi soffre di allergie:

  • Acido nicotinico o vitamina PP. Prende parte al metabolismo dei grassi, stimola il flusso sanguigno, aiuta a rimuovere le sostanze tossiche, riduce l'infiammazione e ha un effetto benefico sul sistema immunitario. Si trova nel fegato, noci, carne, pollo, coniglio, funghi, erbe, pesce.
  • Vitamina N. È utile per i pazienti con diabete, poiché è attivamente coinvolto nel metabolismo dei carboidrati. Migliora la condizione di capelli, pelle, unghie. Porta sollievo dalla dermatite atopica e dalle manifestazioni cutanee di allergie. Contenuto in latte, fegato, noci, pesce, uova di gallina.
  • Vitamina B5 Prende parte al metabolismo, aumenta l'attività degli antistaminici, fornisce al cervello, ripristina il corpo ben dopo le operazioni, malattie dell'apparato digerente. Contenuto in piselli, noci, tuorlo di pollo, carne, pesce.

Con qualsiasi forma di allergia, i medici consigliano di non usare complessi multivitaminici, ma di ottenere elementi utili con il cibo. La dieta dovrebbe includere regolarmente:

Mantenere la salute è importante per i bambini piccoli con manifestazioni allergiche, nonché per gli adulti con un sistema nervoso instabile. Spesso la dermatite e altre manifestazioni di allergie iniziano tra lo stress. Altri fattori provocatori sono patologie croniche, infezioni frequenti, condizioni ambientali avverse, cattive abitudini, diete inadeguate.

L'uso di complessi multivitaminici

Spesso una reazione allergica alle vitamine inizia con preparazioni multivitaminiche. Tutti gli ingredienti nella loro composizione sono contenuti nel consumo quotidiano. Ma una persona riceve ancora elementi utili con il cibo.

L'eccesso regolare di vitamine per diversi giorni può portare a sensibilizzazione - ipersensibilità agli allergeni. Ciò è particolarmente vero se una persona supera indipendentemente il dosaggio di vitamine per un rapido recupero..

La maggior parte dei complessi vitaminici sono registrati come integratori alimentari. Ciò rende il processo rapido ed economico, ma il controllo sul contenuto di capsule e compresse non è così rigoroso. Secondo le autorità di controllo, il dosaggio delle vitamine è spesso sopravvalutato. La composizione contiene sostanze riempitive che provocano anche una reazione allergica, ad esempio la gomma.

Diagnostica

Per fare una diagnosi, devi essere esaminato. È difficile determinare la causa dai sintomi, poiché le manifestazioni sono simili a molte malattie. Un'allergia viene rilevata da un esame del sangue. Questo sarà segnalato dalla presenza di anticorpi, un alto livello di globuli bianchi, eosinofili.

Un allergene specifico viene diagnosticato dai test cutanei. Una piccola quantità di ciascuna vitamina viene iniettata per via sottocutanea per iniezione. In caso di allergia, dopo un po ', appare irritazione nel sito di puntura.

Metodi di trattamento

Dopo aver fatto una diagnosi e identificato un allergene specifico, è necessario interrompere l'assunzione di questa vitamina nel corpo. Per fare questo, non usarlo con medicinali, prodotti che lo contengono in grandi quantità, non usare cosmetici con esso.

Trattamento farmacologico

Assumere medicinali per il trattamento delle allergie vitaminiche solo su raccomandazione di un medico. L'automedicazione può peggiorare la condizione. Lo specialista prescriverà antistaminici per sopprimere la reazione allergica, ad esempio Tavegil, Zodak, Zirtek.

Riducono le manifestazioni sintomatiche, ma non curano la malattia. Inoltre, è necessario assumere assorbenti per purificare il corpo dagli allergeni stranieri. Questo è carbone attivo alla velocità di 1 compressa per 1 kg di peso o Enterosgel, Polysorb (assunto secondo le istruzioni).

Per alleviare la condizione della pelle con arrossamento con forte prurito, vengono prescritti pomate, ad esempio La Cree, Fenistil. Se l'eruzione cutanea copre l'intera superficie del corpo, i farmaci vengono prescritti come iniezioni.

Medicina tradizionale

Applicare metodi di trattamento alternativi solo dopo l'approvazione di un medico. La maggior parte delle erbe provoca allergie, che peggiorano solo le condizioni del paziente. È impossibile curare le allergie con la medicina tradizionale, puoi solo farti sentire meglio.

Lozioni di decotti di camomilla, corteccia di quercia, timo leniscono la pelle con arrossamenti e irritazioni, contribuiscono alla sua disinfezione e rapida guarigione. Per questo, puoi usare una foglia di cavolo fresca. Lo hanno picchiato un po 'con un martello di carne o arricciato le mani per dare succo. Quindi applicare su punti dolenti e correggere. Quando la foglia si asciuga, non è fresca..

Misure preventive

Non tutti i meccanismi di una reazione allergica sono completamente compresi, quindi non esiste un regime di trattamento esatto. Meglio prevenire l'insorgenza di intolleranza vitaminica rispetto al trattamento.

  • le vitamine sintetiche sono progettate per il trattamento, vengono utilizzate solo come indicato da un medico;
  • quando prescrivono le vitamine, devono essere prese in corsi, assicurati di osservare una pausa;
  • è necessario osservare il dosaggio e il regime del farmaco;
  • se sei allergico alle vitamine, devi smettere di prenderle e consultare un medico per selezionare analoghi;
  • 30 minuti prima di mangiare, bere un bicchiere di acqua pulita per stimolare la digestione e un migliore assorbimento dei nutrienti;
  • quando si usano vitamine sintetiche, è necessario limitare il loro contenuto nei prodotti alimentari al fine di prevenire il sovradosaggio;
  • non usare coloranti artificiali, aromi, conservanti nella dieta che provocano una reazione allergica;
  • trattare tempestivamente le malattie croniche che indeboliscono il corpo e il sistema immunitario;
  • utilizzare cosmetici di aziende che non causano reazioni indesiderate (Roche-Posay, Clinique, Ahav, Bioderma);
  • seleziona attentamente i prodotti chimici per la casa, assicurati di familiarizzare con le istruzioni per l'uso;
  • limitare l'uso di cibi esotici e provocare allergie (fragole, latte, miele, cioccolato, uova, noci);
  • smettere di fumare e abuso di alcolici;
  • Assicurati di avvisare il personale medico della presenza di un'allergia a vitamine e altre sostanze;
  • evitare di assumere più farmaci contemporaneamente.

L'allergia è una patologia autoimmune, quindi è importante rafforzare l'immunità per ridurre l'intensità delle manifestazioni negative.

Vitamine allergiche: tutti dovrebbero saperlo

Il contenuto dell'articolo:

Non è sempre possibile comporre la dieta in modo tale da ottenere la quantità di vitamine e minerali necessari per la vita normale. I complessi vitaminici aiutano a reintegrarli. L'assunzione di vitamine può essere accompagnata da reazioni allergiche, parlare di malattie del sistema immunitario o sensibilità ereditaria a una determinata sostanza. Se non riesci a prendere vitamine che causano allergie, come compensarle? Quali di questi causano più spesso reazioni allergiche? Proviamo a capirlo usando i dati della ricerca medica.

Tipi di vitamine e possibili reazioni allergiche ad essi

Le vitamine sono composti organici necessari per il pieno funzionamento di una persona. Per il corpo, sia la loro carenza che il loro eccesso sono pericolosi. Pertanto, le vitamine sono considerate farmaci che dovrebbero essere assunti come prescritto da un medico e sotto la sua supervisione..

Gli scienziati stimano che circa il 40% della popolazione soffre di fame di vitamina. Il gruppo a rischio comprende: bambini, specialmente durante il periodo di crescita intensiva, donne in gravidanza, anziani, lavoratori fisici mentali e fisici.

  1. Liposolubile (A, E, D, K).
  2. Solubile in acqua (C, gruppo B).

Allergie di diversa gravità possono causare una qualsiasi di esse. La tabella fornisce informazioni su quali vitamine causano allergie e le cause della sua insorgenza..

Nome delle vitamineCause di reazioni allergiche
ESovradosaggio, consumo eccessivo di prodotti contenenti vitamina A (uova, ricotta, latte, fegato di manzo, prezzemolo, carote)
Gruppo BConsumo eccessivo di alimenti contenenti vitamine B1 (uova, latte, piselli, fagioli, fegato di manzo) e B2 (uova, ricotta, farina d'avena, pesce, maiale, olio di semi di soia)
A PARTIRE DALCarenza dell'enzima glucosio-6-fosfato deidrogenasi, consumo eccessivo di acido ascorbico o prodotti con vitamina C (agrumi, frutti rossi, piselli, cavolfiore, fagioli, ravanello)
DSovradosaggio di una sostanza o di prodotti con vitamina D (olio vegetale, fegato di manzo, tuorlo d'uovo, pesce, manzo)
EAssunzione eccessiva di alimenti contenenti vitamina E (latte, olio vegetale, lattuga, germe di grano)
PERAssunzione eccessiva di alimenti con vitamina K (tè verde, alghe, spinaci, lenticchie, cipolle)

Le conseguenti reazioni allergiche possono essere vere e pseudoallergiche. Il primo si verifica indipendentemente dalla quantità che è entrata nel corpo della sostanza. Il secondo è causato dal consumo eccessivo di alimenti contenenti vitamina o dal suo sovradosaggio..

  1. Cibo: si verifica a causa del consumo eccessivo di alimenti contenenti vitamina.
  2. Contatto - attraverso cosmetici applicati esternamente con vitamine.

I dosaggi di vitamine sono individuali. Dipendono dall'attività umana, dall'età, dai bisogni fisiologici, dalla stagione.

Sono queste miscele che spesso causano reazioni allergiche, specialmente nei bambini. Prima di prenderli, dovresti consultare un medico sull'interazione di alcune vitamine tra loro. Il complesso vitaminico deve essere adeguatamente selezionato ed equilibrato.

Cause di allergie e sintomi generali

Quando ti chiedi se le vitamine possono causare allergie, devi sapere che ci sono alcuni fattori che influenzano la sua insorgenza..

  • intolleranza ereditaria (genetica) alla sostanza;
  • assunzione in eccesso di vitamina di qualsiasi gruppo;
  • indebolimento dell'immunità a causa di frequenti malattie durante l'infanzia;
  • patologia del tratto gastrointestinale;
  • interazione regolare con prodotti chimici;
  • ecologia inquinata.

Nei bambini piccoli, possono verificarsi allergie a causa di cure improprie. Se i genitori creano condizioni sterili, esclusi i contatti vitali con il mondo esterno e i microrganismi, la formazione di un sistema immunitario a pieno titolo del bambino è complicata.

  • mal di testa;
  • naso che cola senza causa;
  • sonnolenza, sensazione di stanchezza;
  • gonfiore delle palpebre, gonfiore sotto gli occhi;
  • cardiopalmus;
  • orticaria, vesciche, prurito;
  • starnuti, tosse, gonfiore del naso e della gola.

Molto spesso, le reazioni acute sono causate da complessi vitaminici contenenti vitamine B. Gli allergologi avvertono che il dosaggio in eccesso e la comparsa di una reazione negativa continueranno in futuro anche con piccole dosi di vitamina.

Caratteristiche delle reazioni allergiche a varie vitamine

I sintomi sopra descritti per ciascun gruppo di vitamine avranno le loro caratteristiche. Molto spesso, le allergie si verificano agli elementi vitaminici del gruppo B, E, meno spesso alle vitamine A, C, D. Alcune vitamine, anche con un sovradosaggio, vengono eliminate dal corpo in 2-3 giorni senza conseguenze. Le vitamine A, D possono accumularsi nei tessuti e causare non solo allergie, ma anche lo sviluppo di varie malattie.

Vitamine del gruppo B.

Questo gruppo comprende 8 vitamine idrosolubili che causano diversi sintomi e reazioni. Tutte le vitamine del gruppo B causano allergie sia negli adulti che nei bambini..

  1. B1 ha un effetto negativo sulla funzionalità renale ed epatica, i segni evidenti sono gonfiore del viso, delle mucose, fino all'edema di Quincke.
  2. B6 - sui processi di circolazione del sangue, una rottura generale, l'insorgenza di convulsioni, manifestate esternamente dalla comparsa di orticaria e dermatite.
  3. B12 provoca allergie molto meno frequentemente di B1. La reazione può essere un'eruzione cutanea (orticaria, dermatite).

Di norma, la reazione alla vitamina B si verifica dopo l'assunzione di complessi multivitaminici, che sono spesso registrati come additivi biologicamente attivi, il che semplifica il processo di registrazione.

La sensibilizzazione alimentare è meno comune. La digeribilità delle vitamine B aiuta attivamente: magnesio, calcio, vitamina C..

La somministrazione simultanea di diversi farmaci può anche intensificare la reazione. I medici sconsigliano di assumere più di 5 diverse vitamine contemporaneamente..

  1. Smetti di assumere immediatamente il farmaco.
  2. Escludere alimenti contenenti vitamine del gruppo B..
  3. Visita un allergologo o un terapista.

Quando si verifica una reazione, è possibile assumere antistaminici, ma solo un medico prescrive un trattamento ulteriore efficace.

Vitamina E

La vitamina E o tocoferolo, che viene tradotto dal greco come "dare vita", è essenziale per la vita umana. È considerato innocuo e non tossico, ma la vitamina E può causare allergie? Molto raramente, tuttavia, può. Un leggero sovradosaggio non provoca reazioni. Ma il loro aspetto può essere provocato da altri allergeni contenuti nei complessi vitaminici (dolcificanti, aromi, coloranti, additivi aromatizzanti).

  • donne che usano la vitamina per migliorare la crescita di capelli, unghie, condizioni della pelle, migliorare le funzioni riproduttive;
  • persone che soffrono di malattie del pancreas, del fegato, della cistifellea;
  • neonati nel primo anno di vita con un sistema immunitario immaturo.

Si consiglia agli allergologi di reintegrare la norma della vitamina E con il cibo. Fa parte dei prodotti in combinazione con sostanze che ne aiutano l'assimilazione completa. I complessi vitaminici contengono spesso vitamina E sintetica, che il corpo umano assorbe molto peggio. Residuo non digerito e causa allergie, aumenta il carico sui reni e sul fegato.

La vitamina E presente negli alimenti provoca raramente reazioni allergiche. Il loro aspetto si interrompe facilmente quando il cibo contenente la sostanza viene rimosso dalla dieta e bevendo molto. Possono essere presi enterosorbenti o antistaminici..

  • orticaria, arrossamento, idropisia, prurito;
  • lacrimazione, congestione nasale, starnuti;
  • mal di testa.

L'edema di Quincke è estremamente raro. In caso di sovradosaggio, possono comparire nausea, vomito, dolore addominale, debolezza, aumento della pressione sanguigna.

Vitamina D

Per il pieno assorbimento del calcio e la prevenzione del rachitismo, la vitamina D3 è essenziale per i bambini. Mangiare cibo con questo elemento non provoca mai reazioni a causa del suo basso contenuto. La vitamina D provoca allergie solo con un sovradosaggio di preparati vitaminici venduti in farmacia.

  • respiro affannoso;
  • nausea;
  • problemi di respirazione
  • sete intensa.

La carenza di vitamina D è parzialmente compensata in estate dalle radiazioni ultraviolette. Si accumula nel tessuto adiposo e nel fegato, liberandosi in inverno. Secondo il dott. Komarovsky, rimanere in strada 2-3 ore alla settimana è sufficiente per prevenire lo sviluppo del rachitismo in un bambino.

Vitamine A, C

Il gruppo della vitamina A stimola lo sviluppo della vista, fornisce protezione antiossidante. Simile alle vitamine sopra descritte, si verificano reazioni allergiche che si verificano a causa di un sovradosaggio di farmaci da farmacia.

  • prurito, desquamazione della pelle, orticaria;
  • arrossamento della proteina dell'occhio;
  • dolore agli occhi, lacrimazione;
  • fotofobia;
  • tosse, respiro corto.

La vitamina C è estremamente raramente accompagnata da reazioni allergiche. Il componente immunostimolante si trova nella frutta e nella verdura. Soprattutto spesso, le allergie sono causate dall'assunzione di agrumi con il massimo contenuto di questa vitamina..

La reazione si manifesta entro pochi minuti dall'ingestione. Il corpo reagisce particolarmente rapidamente alle iniezioni di vitamina: inizia il prurito, appare un'eruzione cutanea.

Quali vitamine non causano allergie

Le vitamine ingerite come cibo raramente causano reazioni allergiche. Nella maggior parte dei casi, i complessi vitaminici sono i colpevoli. Le vitamine non allergeniche per i bambini dovrebbero contenere solo ingredienti naturali sicuri.

È necessario iniziare a prendere con piccole dosi, annullando immediatamente la ricezione quando si manifestano anche i sintomi più lievi. La ricezione ripetuta può essere ripetuta solo dopo sei mesi. La reazione spesso scompare quando il bambino cresce. Alcuni complessi ipoallergenici multivitaminici sono approvati per l'uso a partire dai due mesi di età.

I complessi vitaminici e le vitamine che non causano allergie negli adulti sono selezionati secondo gli stessi principi dei bambini. Una soluzione migliore sarebbe una dieta equilibrata, compresa la quantità necessaria di vitamine. Ciò minimizzerà il rischio di reazioni allergiche..

  1. Niacina (B3 o PP) - un efficace immunostimolante che accelera la disintossicazione.
  2. B12 - riduce la sensibilità agli allergeni, fungendo da antistaminico.
  3. B5 - agente antiallergico che aumenta l'efficacia degli antistaminici.
  4. B6 - migliora il metabolismo.
  5. E - rafforza il sistema immunitario, agisce come antiossidante, elimina la rinorrea allergica.

Le persone sensibili alle allergie devono consultare un medico per assumere vitamine, complessi, integratori alimentari. L'assunzione impropria può aggravare una condizione allergica a conseguenze imprevedibili..

La principale conclusione che ho fatto per me stesso: non puoi assumere integratori alimentari e complessi vitaminici senza consultare un medico. Ciò è particolarmente vero per i bambini e gli adulti inclini alle allergie. Quando si sceglie un farmaco, prestare attenzione alla sua composizione, produttore, leggere recensioni su di esso su Internet. La ricezione senza consultare un medico inizia con piccole dosi, monitorando le tue condizioni. Personalmente, sono più vicino all'idea di una dieta equilibrata, ricostituendo la quantità necessaria di vitamine importanti per la vita normale rispetto alla sperimentazione con vari integratori alimentari e altri prodotti chimici.

Riferimenti:

  1. Brusilovsky E.S. Allergia al farmaco. - M.: Health, 2013
  2. Zheltakov M.M. Allergia alle droghe. - M.: Medicina, 2015
  3. Novik G.A. Allergia. Il sistema immunitario - M.: Anfora, 2013
  4. Nogaller A.M. Allergia al cibo. - M.: Medicine, 1983
  5. Pamela Brooks Allergia. Riferimento completo. - M.: Olma-Press, 2003
  6. Pogozheva A.V. Le basi della nutrizione per le allergie. Non fare del male: la regola d'oro del cibo. - M.: Casa editrice "E", 2017
  7. Svetlov A. Allergy. –M.: Libro scientifico, 2013
  8. Progressi nell'immunologia clinica e nell'allergologia. Volume3.- M.: Accademia Russa di Scienze Naturali, Accademia Russa di Scienze Naturali, 2016
  9. Hicks Rob. 52 modi per superare l'allergia. - M.: Tsentrpoligraf, 2013

Allergia alla vitamina A: cause, sintomi, diagnosi e trattamento

La reazione acuta del corpo che si verifica in risposta all'uso di questo nutriente può verificarsi in qualsiasi persona. L'allergia alla vitamina colpisce non solo gli adulti, ma anche i bambini piccoli, quindi è importante sapere quali manifestazioni indicano lo sviluppo di questa condizione.

Cause di allergia alla vitamina A.

Questa sostanza è un nutriente liposolubile. La vitamina A, o retinolo, è essenziale per una buona vista, pelle, capelli e ossa sani. Il precursore del nutriente è il beta-carotene. Una volta nel corpo, si trasforma in retinolo.

Allo stesso tempo, il rispetto dei dosaggi non è una garanzia contro le reazioni di ipersensibilità del corpo. I preparati di vitamina A, di norma, contengono analoghi sintetici indigeribili di retinolo - retinolo palmitato e retinolo acetato. I nutrienti sintetizzati artificialmente hanno la capacità di accumularsi nei tessuti del corpo, causando allergie. Inoltre, la decomposizione dell'acetato di retinolo produce sali di acido acetico che possono provocare reazioni di ipersensibilità..

Oggi i produttori fanno affidamento su prodotti biologici, sostenendo che il beta-carotene, che fa parte dei cosmetici, è ottenuto naturalmente. Il precursore naturale della vitamina A è estremamente instabile, motivo per cui è sottoposto a un trattamento speciale, modificando la struttura atomica. A contatto con la pelle, l'isomero si comporta diversamente. Purtroppo un'eruzione cutanea da vitamine incluse in tali cosmetici "naturali" non è rara.

Segni di allergia alla vitamina

Un marcato eccesso di beta-carotene sintetico nel corpo può portare a una violazione della coagulazione del sangue. Sullo sfondo dell'uso prolungato di cosmetici con vitamina A, si sviluppa la dermatite retinoide. I nutrienti sintetici rallentano la formazione di ghiandole sebacee, che porta a un essiccamento eccessivo della pelle. L'uso di idratanti, di regola, porta sollievo. Tra gli altri segni di allergie, gli esperti chiamano:

  • peeling e arrossamento della pelle;
  • bruciore, prurito nel corpo;
  • lacrimazione, arrossamento della sclera;
  • fotofobia;
  • naso che cola, congestione nasale;
  • eruzioni cutanee sotto forma di orticaria, vescicole.

Nei casi più gravi di allergia vitaminica, i sintomi di dermatite, congiuntivite e rinite sono uniti da segni di edema di Quincke: tosse, raucedine, gonfiore dei tessuti molli del viso, degli arti. Questa condizione richiede cure mediche immediate. In una situazione in cui una reazione allergica è causata da un eccesso di vitamina A, queste manifestazioni cliniche sono integrate:

  • diarrea
  • iperidrosi;
  • vertigini, mal di testa;
  • oscuramento della pelle;
  • la perdita di capelli
  • nausea.

Trattamento farmacologico

La diagnosi di allergia vitaminica non è difficile. A tal fine, il medico raccoglie una storia medica, conduce test cutanei e provocatori. Il trattamento prevede l'interruzione dell'assunzione di antigene nel corpo di un adulto o di un bambino. Ricorda, la vitamina A naturale raramente provoca reazioni di ipersensibilità. Tuttavia, i componenti dei fertilizzanti utilizzati nella coltivazione di piante coltivate possono essere responsabili di allergie. Il trattamento farmacologico della reazione di ipersensibilità del corpo viene effettuato dai seguenti gruppi di farmaci:

  • Gel di fenistil.

Il mediatore delle reazioni allergiche immediate (istamina) è legato e disattivato, interrompendo così i sintomi negativi dell'allergia

  • Carbone bianco;
  • Polysorb;
  • Lactofiltrum.

Accelera l'eliminazione dell'allergene dal corpo

  • Unguento all'idrocortisone;
  • Afloderm;
  • Apulein
  • Triderm;
  • Dermozolone

Hanno un effetto antinfiammatorio e antistaminico, riducono la gravità del prurito.

Ricorda, qualsiasi caso di reazione allergica alla vitamina A dovrebbe essere sottoposto a correzione medica tempestiva. L'uso della medicina tradizionale in questi casi è inaccettabile. Un approccio competente può migliorare le condizioni del paziente, evitare possibili complicazioni e anche prevenire le manifestazioni sintomatiche dello stato di ipersensibilità del corpo in futuro.

video

Trovato un errore nel testo?
Selezionalo, premi Ctrl + Invio e lo ripareremo!

Allergia con un'eruzione cutanea sulle vitamine A, B, C, D, E

Può verificarsi un'eruzione cutanea da vitamine?

Quando alimenti o medicine sono saturi di vitamine, il loro consumo può causare una reazione allergica acuta sotto forma di eruzioni cutanee sul corpo e sul viso.

La meccanica dello sviluppo di eruzioni cutanee

Una reazione patologica sotto forma di un'eruzione allergica è causata da uno qualsiasi dei gruppi di vitamine se la persona è predisposta e ha una sensibilità individuale alla loro composizione.

L'allergia alla vitamina è divisa in due tipi:

  • Vista del cibo. La reazione si sviluppa in relazione al consumo di alimenti ricchi di vitamine..
  • Vista contatti. La manifestazione di irritazione allergica sotto forma di eruzione cutanea da cosmetici contenenti complessi vitaminici.
  • È vero, che non dipende dalla dose di uno stimolo allergenico - una reazione allo stimolo stesso.
  • Sottospecie pseudoallergiche. Può manifestarsi solo a condizione di eccesso di cibo di un prodotto con un contenuto di stimolo. Questa è la manifestazione più comune di allergie vitaminiche..

Tuttavia, un consumo moderato di cibo e la giusta scelta di cosmetici possono evitare con successo problemi.

Prerequisiti per una reazione allergica

Cause della manifestazione di sintomi allergici sul fattore vitaminico:

  • una persona è predisposta ad alta sensibilità a livello genetico;
  • eccesso di vitamine;
  • disfunzioni immunitarie dovute a malattie frequenti durante l'infanzia;
  • malattie dell'apparato digerente e patologia intestinale;
  • situazione ecologica;
  • contatto costante con prodotti chimici;
  • immunità non sviluppata quando i bambini crescono in condizioni sterili.

Sintomi associati

I sintomi allergici all'assunzione di vitamine non sono praticamente diversi dai segni che indicano un'alta sensibilità al cibo. Le allergie possono essere riconosciute identificando:

  • attacchi di asma;
  • starnuti ripetuti;
  • sonnolenza
  • fatica cronica;
  • tosse parossistica senza motivo apparente;
  • sensazioni pruriginose sul tegumento della pelle;
  • eruzioni cutanee vescicolari;
  • mal di testa spasmodico;
  • gonfiore e arrossamento della pelle;
  • naso che cola senza motivo apparente;
  • orticaria;
  • gonfiore della mucosa nasale / orale;
  • tachicardia;
  • borse sotto gli occhi, gonfiore delle palpebre;
  • Edema di Quincke o attacco asmatico (in un caso grave).

Le vitamine vengono spesso assunte senza seguire le istruzioni. Molte persone pensano che "non rovinerai il porridge con il burro", facendo riferimento a un gruppo di farmaci utile e sicuro. Nel frattempo, anche un singolo sovradosaggio, che ha portato a un'eruzione cutanea, causerà quindi una reazione anche alla dose minima.

Ragioni provocatorie

L'eredità è la ragione principale per eruzioni allergiche ricorrenti regolarmente. L'altro è l'immunità. Con un alto grado di dolore nel bambino, le sue funzioni immunitarie soffrono, si sviluppano malattie allergiche. La terza ragione è l'habitat:

  • condizioni di vita di natura igienica;
  • situazione ecologica;
  • contatto con sostanze di origine chimica;
  • patologia del sistema nervoso centrale e organi digestivi.

Sono state inoltre stabilite le relazioni causali che provocano lo sviluppo di una malattia allergica a molte vitamine:

  • Intolleranza ai gruppi vitaminici E e B causati da un precedente sovradosaggio.
  • Una reazione simile alla vitamina D.
  • Risposta della vitamina C a causa della carenza dell'enzima glucosio-6-fosfato deidrogenasi.

La vitamina B è particolarmente pericolosa per chi soffre di allergie.1. Il suo consumo è irto di insufficienza renale e epatica.

Le persone che non sono inclini alle allergie, soffrono di un'eruzione cutanea dopo aver assunto complessi multivitaminici. Hanno un'alta concentrazione di vitamine, portando a una reazione di tipo pseudo-allergico. Lo sviluppo di allergie e complessi vitaminici con oligoelementi inclusi nella composizione: sali di metallo, ferro, rame. E, naturalmente, coloranti alimentari, aromi, dolcificanti, dove senza di loro? Pertanto, le persone con tendenza alle allergie ai farmaci dovrebbero essere estremamente attenti nella scelta dei multivitaminici. Tuttavia, puoi sempre rivolgerti al distretto che consiglierà un complesso vitaminico e minerale sicuro.

Reazioni cutanee e altre

Vitamina A

L'assunzione di vitamina A, presente in carote, zucche, albicocche, carne, fegato, uova e pesce, è di grande beneficio per l'abilità visiva umana. Le overdose sono rare, soprattutto se si usano prodotti a base di erbe. Ma tenerlo in farmacia richiede cautela nell'ammissione. Un sovradosaggio di retinolo può essere determinato dai seguenti segni:

  • sensazioni pruriginose e pelle traballante;
  • fotofobia;
  • forte prurito delle mani con bruciore in alcune aree;
  • lacerazione;
  • eruzioni cutanee sulla pelle di natura vescicolare e il tipo di orticaria;
  • dolore e taglio nella zona degli occhi;
  • scleratrice rossa.

Con ulteriore sviluppo si può osservare:

  • respirazione difficoltosa
  • raucedine;
  • gonfiore degli arti / del viso;
  • tosse parossistica grave.

Queste reazioni sono la ragione per consultare un medico, annullando immediatamente il farmaco.

Gruppo Vitamina B.

In relazione agli elementi di questa associazione, si sviluppano le reazioni allergiche più comuni. I più allergenici nel gruppo:

Tutti sono importanti per i processi vitali, quindi non possono essere completamente eliminati..

La reazione più pericolosa per la vitamina B.1, che è coinvolto nel rilascio di energia dai nutrienti. Attiva anche l'acetilcolina, il cui effetto porta ad un aumento dei sintomi allergici. Abbastanza forte da aspettarsi un malfunzionamento degli organi interni (fegato e reni).

Vitamina B6 contenuto in banana, noce, fragola, agrumi, germogli di cereali e verdure. Con eccessivo eccesso di cibo di questi prodotti o assunzione illimitata di farmaci B6 si sviluppa un'allergia che porta a:

  • disturbi circolatori;
  • orticaria accompagnata da un'eruzione cutanea e un forte prurito;
  • formicolio agli arti, fino a quando non perdono la loro sensibilità.

Evita le eccezioni di vitamina B.6 dalla dieta a causa di allergie è impossibile, perché svolge un ruolo cruciale per l'uomo:

  • normalizza il lavoro del sistema nervoso periferico;
  • sintetizza proteine, catecolamine, enzimi, emoglobina.

Dovremo monitorare attentamente la dieta e il suo apporto.

B12, provoca anche una reazione di ipersensibilità quando si superano gli standard di assunzione, che è espressa da arrossamento, eruzione cutanea e prurito. Un elemento importante nella costruzione di abilità cognitive / mentali. Con la sua partecipazione attiva, il sistema di emopoiesi è regolato, il che lo rende non meno popolare delle precedenti vitamine del gruppo B..

Vitamina C

Coloro che sono allergici alla vitamina C dovrebbero usare estrema cautela nell'assunzione di farmaci e alimenti che la contengono. Poiché la reazione alla ricezione dello stimolo è istantanea, indipendentemente dal modo in cui entra. La manifestazione di una reazione patologica è possibile nella seguente forma:

  • shock anafilattico;
  • sviluppo del tumore;
  • disturbo intestinale;
  • sensazioni pruriginose;
  • formicolio
  • eruzione cutanea;
  • arrossamento sulla pelle.

Puoi raccomandare di studiare attentamente i volantini con le istruzioni ed evitare eccessi negli alimenti.

Eruzione cutanea con vitamina D.

Poiché la vitamina D viene prodotta sotto l'influenza della luce solare, le reazioni allergiche ad essa non si verificano così spesso. Questo è l'elemento più importante per la crescita e lo sviluppo, che è prescritto dopo la nascita del bambino, ma non più di una gocciolina al giorno.

Se si supera la dose raccomandata, non è possibile evitare una grave reazione allergica. Ma un rifiuto completo di D3 non è possibile, poiché è coinvolto nella crescita del tessuto osseo. L'output è visualizzato nel rigoroso rispetto del dosaggio raccomandato dal medico. La dieta del paziente deve essere monitorata, eliminando l'elevato consumo di alimenti arricchiti con vitamina D. Occorre prestare attenzione a:

I sintomi della reazione saranno:

  • dispnea
  • nell'area dei polmoni, si può sentire un sigillo;
  • la respirazione diventa difficile;
  • orecchie / occhi iniziano a prudere;
  • dolore al petto;
  • arrossamento sulla pelle;
  • eczema;
  • eruzione cutanea.

L'autotrattamento è vietato. Un rifiuto completo dell'elemento a causa di un approccio analfabeta al trattamento è inaccettabile.

Vitamine E

In una reazione allergica alle vitamine E (derivati ​​del tocol), si sviluppa la dermatite da contatto, che si diffonde in aree in cui si è verificato il contatto con l'irritante. Le restanti sezioni dell'epidermide non sono danneggiate. Viene espresso arrossamento malsano della pelle, seguito dalla formazione di un'eruzione cutanea (da piccole vesciche riempite con un liquido leggero).

L'ingestione, a volte, porta a disturbi intestinali, ma nel complesso non danneggia.

Trattamento di allergia alla vitamina

Un'eruzione allergica può svilupparsi, sia dopo un'assunzione anormale di vitamina A, sia se viene presa la norma. I singoli elementi non causano problemi, ma la loro combinazione provoca lo sviluppo della malattia. Pertanto, la raccomandazione principale è il consiglio di evitare un lungo elenco di vitamine in preparati complessi.

Quando viene prescritto un multivitaminico per un bambino, è necessario monitorare costantemente le sue condizioni, in modo che in caso di ipersensibilità.

La terapia inizia con l'esclusione del colpevole della reazione avversa, indipendentemente dalla forma di applicazione (per via endovenosa, intramuscolare, per via orale).

Se la malattia si manifesta facilmente e i suoi sintomi sono limitati a piccole eruzioni cutanee sulla pelle, è sufficiente prescrivere antistaminici al paziente: Erius, Loratadin, Tsetrin. Tuttavia, quando i sintomi della malattia sono più pronunciati, i farmaci antistaminici iniettabili non interferiranno: Tavegil, Suprastin.

Una grave allergia, manifestata da attacchi di asma o edema di Quincke, non è priva di trattamento con ormoni steroidei: desametasone o prednisolone. Sono presi con il corso minimo di trattamento..

Se la manifestazione di una reazione allergica può essere fermata con i rimedi casalinghi, è comunque necessario contattare uno specialista. È necessario, nel modo più accurato possibile, determinare la causa specifica di una reazione allergica in modo da non escludere le vitamine importanti per la salute dalla dieta.

Comprendendo il ruolo dei complessi vitaminico-minerali nello sviluppo di eruzioni allergiche, non bisogna dimenticare i loro benefici. In generale, non danneggiano quasi nessuno tranne un piccolo gruppo con un alto grado di suscettibilità a vitamine e minerali. Pertanto, la completa esclusione di alcune vitamine dalla dieta è inaccettabile senza l'approvazione di un medico. Organizzerà una sostituzione o organizzerà il giusto ricevimento.

Vitamine allergiche: tutti dovrebbero saperlo

Il contenuto dell'articolo:

Non è sempre possibile comporre la dieta in modo tale da ottenere la quantità di vitamine e minerali necessari per la vita normale. I complessi vitaminici aiutano a reintegrarli. L'assunzione di vitamine può essere accompagnata da reazioni allergiche, parlare di malattie del sistema immunitario o sensibilità ereditaria a una determinata sostanza. Se non riesci a prendere vitamine che causano allergie, come compensarle? Quali di questi causano più spesso reazioni allergiche? Proviamo a capirlo usando i dati della ricerca medica.

Tipi di vitamine e possibili reazioni allergiche ad essi

Le vitamine sono composti organici necessari per il pieno funzionamento di una persona. Per il corpo, sia la loro carenza che il loro eccesso sono pericolosi. Pertanto, le vitamine sono considerate farmaci che dovrebbero essere assunti come prescritto da un medico e sotto la sua supervisione..

Gli scienziati stimano che circa il 40% della popolazione soffre di fame di vitamina. Il gruppo a rischio comprende: bambini, specialmente durante il periodo di crescita intensiva, donne in gravidanza, anziani, lavoratori fisici mentali e fisici.

  1. Liposolubile (A, E, D, K).
  2. Solubile in acqua (C, gruppo B).

Allergie di diversa gravità possono causare una qualsiasi di esse. La tabella fornisce informazioni su quali vitamine causano allergie e le cause della sua insorgenza..

Nome delle vitamine Cause di reazioni allergiche
ESovradosaggio, consumo eccessivo di prodotti contenenti vitamina A (uova, ricotta, latte, fegato di manzo, prezzemolo, carote)
Gruppo BConsumo eccessivo di alimenti contenenti vitamine B1 (uova, latte, piselli, fagioli, fegato di manzo) e B2 (uova, ricotta, farina d'avena, pesce, maiale, olio di semi di soia)
A PARTIRE DALCarenza dell'enzima glucosio-6-fosfato deidrogenasi, consumo eccessivo di acido ascorbico o prodotti con vitamina C (agrumi, frutti rossi, piselli, cavolfiore, fagioli, ravanello)
DSovradosaggio di una sostanza o di prodotti con vitamina D (olio vegetale, fegato di manzo, tuorlo d'uovo, pesce, manzo)
EAssunzione eccessiva di alimenti contenenti vitamina E (latte, olio vegetale, lattuga, germe di grano)
PERAssunzione eccessiva di alimenti con vitamina K (tè verde, alghe, spinaci, lenticchie, cipolle)

Le conseguenti reazioni allergiche possono essere vere e pseudoallergiche. Il primo si verifica indipendentemente dalla quantità che è entrata nel corpo della sostanza. Il secondo è causato dal consumo eccessivo di alimenti contenenti vitamina o dal suo sovradosaggio..

  1. Cibo: si verifica a causa del consumo eccessivo di alimenti contenenti vitamina.
  2. Contatto - attraverso cosmetici applicati esternamente con vitamine.

I dosaggi di vitamine sono individuali. Dipendono dall'attività umana, dall'età, dai bisogni fisiologici, dalla stagione.

Sono queste miscele che spesso causano reazioni allergiche, specialmente nei bambini. Prima di prenderli, dovresti consultare un medico sull'interazione di alcune vitamine tra loro. Il complesso vitaminico deve essere adeguatamente selezionato ed equilibrato.

Cause di allergie e sintomi generali

Quando ti chiedi se le vitamine possono causare allergie, devi sapere che ci sono alcuni fattori che influenzano la sua insorgenza..

  • intolleranza ereditaria (genetica) alla sostanza;
  • assunzione in eccesso di vitamina di qualsiasi gruppo;
  • indebolimento dell'immunità a causa di frequenti malattie durante l'infanzia;
  • patologia del tratto gastrointestinale;
  • interazione regolare con prodotti chimici;
  • ecologia inquinata.

Nei bambini piccoli, possono verificarsi allergie a causa di cure improprie. Se i genitori creano condizioni sterili, esclusi i contatti vitali con il mondo esterno e i microrganismi, la formazione di un sistema immunitario a pieno titolo del bambino è complicata.

  • mal di testa;
  • naso che cola senza causa;
  • sonnolenza, sensazione di stanchezza;
  • gonfiore delle palpebre, gonfiore sotto gli occhi;
  • cardiopalmus;
  • orticaria, vesciche, prurito;
  • starnuti, tosse, gonfiore del naso e della gola.

Molto spesso, le reazioni acute sono causate da complessi vitaminici contenenti vitamine B. Gli allergologi avvertono che il dosaggio in eccesso e la comparsa di una reazione negativa continueranno in futuro anche con piccole dosi di vitamina.

Caratteristiche delle reazioni allergiche a varie vitamine

I sintomi sopra descritti per ciascun gruppo di vitamine avranno le loro caratteristiche. Molto spesso, le allergie si verificano agli elementi vitaminici del gruppo B, E, meno spesso alle vitamine A, C, D. Alcune vitamine, anche con un sovradosaggio, vengono eliminate dal corpo in 2-3 giorni senza conseguenze. Le vitamine A, D possono accumularsi nei tessuti e causare non solo allergie, ma anche lo sviluppo di varie malattie.

Vitamine del gruppo B.

Questo gruppo comprende 8 vitamine idrosolubili che causano diversi sintomi e reazioni. Tutte le vitamine del gruppo B causano allergie sia negli adulti che nei bambini..

  1. B1 ha un effetto negativo sulla funzionalità renale ed epatica, i segni evidenti sono gonfiore del viso, delle mucose, fino all'edema di Quincke.
  2. B6 - sui processi di circolazione del sangue, una rottura generale, l'insorgenza di convulsioni, manifestate esternamente dalla comparsa di orticaria e dermatite.
  3. B12 provoca allergie molto meno frequentemente di B1. La reazione può essere un'eruzione cutanea (orticaria, dermatite).

Di norma, la reazione alla vitamina B si verifica dopo l'assunzione di complessi multivitaminici, che sono spesso registrati come additivi biologicamente attivi, il che semplifica il processo di registrazione.

La sensibilizzazione alimentare è meno comune. La digeribilità delle vitamine B aiuta attivamente: magnesio, calcio, vitamina C..

La somministrazione simultanea di diversi farmaci può anche intensificare la reazione. I medici sconsigliano di assumere più di 5 diverse vitamine contemporaneamente..

  1. Smetti di assumere immediatamente il farmaco.
  2. Escludere alimenti contenenti vitamine del gruppo B..
  3. Visita un allergologo o un terapista.

Quando si verifica una reazione, è possibile assumere antistaminici, ma solo un medico prescrive un trattamento ulteriore efficace.

Vitamina E

La vitamina E o tocoferolo, che viene tradotto dal greco come "dare vita", è essenziale per la vita umana. È considerato innocuo e non tossico, ma la vitamina E può causare allergie? Molto raramente, tuttavia, può. Un leggero sovradosaggio non provoca reazioni. Ma il loro aspetto può essere provocato da altri allergeni contenuti nei complessi vitaminici (dolcificanti, aromi, coloranti, additivi aromatizzanti).

  • donne che usano la vitamina per migliorare la crescita di capelli, unghie, condizioni della pelle, migliorare le funzioni riproduttive;
  • persone che soffrono di malattie del pancreas, del fegato, della cistifellea;
  • neonati nel primo anno di vita con un sistema immunitario immaturo.

Si consiglia agli allergologi di reintegrare la norma della vitamina E con il cibo. Fa parte dei prodotti in combinazione con sostanze che ne aiutano l'assimilazione completa. I complessi vitaminici contengono spesso vitamina E sintetica, che il corpo umano assorbe molto peggio. Residuo non digerito e causa allergie, aumenta il carico sui reni e sul fegato.

La vitamina E presente negli alimenti provoca raramente reazioni allergiche. Il loro aspetto si interrompe facilmente quando il cibo contenente la sostanza viene rimosso dalla dieta e bevendo molto. Possono essere presi enterosorbenti o antistaminici..

  • orticaria, arrossamento, idropisia, prurito;
  • lacrimazione, congestione nasale, starnuti;
  • mal di testa.

L'edema di Quincke è estremamente raro. In caso di sovradosaggio, possono comparire nausea, vomito, dolore addominale, debolezza, aumento della pressione sanguigna.

Vitamina D

Per il pieno assorbimento del calcio e la prevenzione del rachitismo, la vitamina D3 è essenziale per i bambini. Mangiare cibo con questo elemento non provoca mai reazioni a causa del suo basso contenuto. La vitamina D provoca allergie solo con un sovradosaggio di preparati vitaminici venduti in farmacia.

  • respiro affannoso;
  • nausea;
  • problemi di respirazione
  • sete intensa.

La carenza di vitamina D è parzialmente compensata in estate dalle radiazioni ultraviolette. Si accumula nel tessuto adiposo e nel fegato, liberandosi in inverno. Secondo il dott. Komarovsky, rimanere in strada 2-3 ore alla settimana è sufficiente per prevenire lo sviluppo del rachitismo in un bambino.

Vitamine A, C

Il gruppo della vitamina A stimola lo sviluppo della vista, fornisce protezione antiossidante. Simile alle vitamine sopra descritte, si verificano reazioni allergiche che si verificano a causa di un sovradosaggio di farmaci da farmacia.

  • prurito, desquamazione della pelle, orticaria;
  • arrossamento della proteina dell'occhio;
  • dolore agli occhi, lacrimazione;
  • fotofobia;
  • tosse, respiro corto.

La vitamina C è estremamente raramente accompagnata da reazioni allergiche. Il componente immunostimolante si trova nella frutta e nella verdura. Soprattutto spesso, le allergie sono causate dall'assunzione di agrumi con il massimo contenuto di questa vitamina..

La reazione si manifesta entro pochi minuti dall'ingestione. Il corpo reagisce particolarmente rapidamente alle iniezioni di vitamina: inizia il prurito, appare un'eruzione cutanea.

Quali vitamine non causano allergie

Le vitamine ingerite come cibo raramente causano reazioni allergiche. Nella maggior parte dei casi, i complessi vitaminici sono i colpevoli. Le vitamine non allergeniche per i bambini dovrebbero contenere solo ingredienti naturali sicuri.

È necessario iniziare a prendere con piccole dosi, annullando immediatamente la ricezione quando si manifestano anche i sintomi più lievi. La ricezione ripetuta può essere ripetuta solo dopo sei mesi. La reazione spesso scompare quando il bambino cresce. Alcuni complessi ipoallergenici multivitaminici sono approvati per l'uso a partire dai due mesi di età.

I complessi vitaminici e le vitamine che non causano allergie negli adulti sono selezionati secondo gli stessi principi dei bambini. Una soluzione migliore sarebbe una dieta equilibrata, compresa la quantità necessaria di vitamine. Ciò minimizzerà il rischio di reazioni allergiche..

  1. Niacina (B3 o PP) - un efficace immunostimolante che accelera la disintossicazione.
  2. B12 - riduce la sensibilità agli allergeni, fungendo da antistaminico.
  3. B5 - agente antiallergico che aumenta l'efficacia degli antistaminici.
  4. B6 - migliora il metabolismo.
  5. E - rafforza il sistema immunitario, agisce come antiossidante, elimina la rinorrea allergica.

Le persone sensibili alle allergie devono consultare un medico per assumere vitamine, complessi, integratori alimentari. L'assunzione impropria può aggravare una condizione allergica a conseguenze imprevedibili..

La principale conclusione che ho fatto per me stesso: non puoi assumere integratori alimentari e complessi vitaminici senza consultare un medico. Ciò è particolarmente vero per i bambini e gli adulti inclini alle allergie. Quando si sceglie un farmaco, prestare attenzione alla sua composizione, produttore, leggere recensioni su di esso su Internet. La ricezione senza consultare un medico inizia con piccole dosi, monitorando le tue condizioni. Personalmente, sono più vicino all'idea di una dieta equilibrata, ricostituendo la quantità necessaria di vitamine importanti per la vita normale rispetto alla sperimentazione con vari integratori alimentari e altri prodotti chimici.

Riferimenti:

  1. Brusilovsky E.S. Allergia al farmaco. - M.: Health, 2013
  2. Zheltakov M.M. Allergia alle droghe. - M.: Medicina, 2015
  3. Novik G.A. Allergia. Il sistema immunitario - M.: Anfora, 2013
  4. Nogaller A.M. Allergia al cibo. - M.: Medicine, 1983
  5. Pamela Brooks Allergia. Riferimento completo. - M.: Olma-Press, 2003
  6. Pogozheva A.V. Le basi della nutrizione per le allergie. Non fare del male: la regola d'oro del cibo. - M.: Casa editrice "E", 2017
  7. Svetlov A. Allergy. –M.: Libro scientifico, 2013
  8. Progressi nell'immunologia clinica e nell'allergologia. Volume3.- M.: Accademia Russa di Scienze Naturali, Accademia Russa di Scienze Naturali, 2016
  9. Hicks Rob. 52 modi per superare l'allergia. - M.: Tsentrpoligraf, 2013