Allergia: sintomi, stadi, reazioni allergiche e pronto soccorso

Nutrizione

Il contatto dell'allergene con il corpo (in particolare con il sistema immunitario) provoca l'insorgenza di allergie. I tessuti viventi sono danneggiati, sorgono una serie di segni caratteristici di vari gradi di complessità. Gli irritanti includono alimenti, polvere, cosmetici, detergenti, polline di piante, lanugine di uccelli, ecc. L'assistenza tempestiva aiuta a salvare la vita di una persona, quindi è importante conoscere i segni di gravi allergie e il metodo delle misure pre-mediche.

Allergia e immunità

Il compito principale del sistema immunitario è garantire la costanza interna del corpo. Protegge l'omeostasi cellulare e macromolecolare da una varietà di oggetti estranei - virus, tossine, batteri, nonché da quelle cellule atipiche che si formano nel corpo a seguito di processi patologici. Il sistema immunitario è un meccanismo complesso costituito dai seguenti collegamenti:

  • milza, timo;
  • sezioni di tessuti linfoidi che si trovano nei nodi dell'intestino, linfonodi, anello linfoide della faringe;
  • cellule del sangue (linfociti, anticorpi).

Tutte queste strutture svolgono determinate funzioni. Alcuni riconoscono gli antigeni, "ricordano" la loro struttura, altri - producono anticorpi, neutralizzano agenti estranei, ecc. All'incontro iniziale con l'antigene, il sistema immunitario inizia una lotta attiva contro di esso. In una seconda collisione, il corpo è già "armato", neutralizza rapidamente un agente estraneo, previene l'insorgenza della malattia.

Fasi allergiche

La reazione di ipersensibilità è simile alla risposta naturale del sistema immunitario agli agenti estranei. La differenza sta nel fatto che l'adeguatezza del rapporto tra l'intensità della reazione e la forza del fattore che la provoca scompare. Tutte le reazioni allergiche hanno un meccanismo di sviluppo. Consiste in diverse fasi successive:

  1. Immunologico (introduzione primaria di uno stimolo e sensibilizzazione) - l'esposizione ripetuta a un allergene porta alla formazione di complessi antigene-anticorpo e alla malattia;
  2. Pathochemical - i complessi immunologici danneggiano la membrana dei mastociti, che attiva i mediatori infiammatori, li visualizza nel flusso sanguigno;
  3. Patofisiologico - a seguito dell'influenza dei mediatori infiammatori, si sviluppano segni di una reazione allergica (espansione dei capillari, eruzione cutanea, produzione di una grande quantità di muco, gonfiore, broncospasmo).

Tra la prima e la seconda fase, il tempo può avere luogo, calcolato in minuti / ore e mesi (e talvolta anche anni). Se lo stadio patochimico procede rapidamente, stiamo parlando di una forma acuta di allergia. Il corpo è regolarmente esposto a fattori estranei che il sistema immunitario normalmente ignora. Con allergie, si verifica ipersensibilità a determinati agenti. È su di loro che inizia a formarsi una forte reazione allergica.

Tipi di allergeni

La causa della condizione patologica è una combinazione di un elevato carico allergenico con caratteristiche genetiche, infezioni da elminti, stress o malattie infettive. Conducono al fallimento delle forze protettive e alla violazione dell'omeostasi. Esistono diverse categorie principali di fattori esterni nello sviluppo di reazioni allergiche:

  • polvere, acari, muffe;
  • alimenti (latticini, uova, miele, frutta, cioccolato, ecc.);
  • additivi alimentari, conservanti;
  • medicinali (antibiotici, vitamine, plasma donatore, vaccini);
  • veleni di insetti, serpenti;
  • secrezioni, saliva, peli di animali, peluria di uccelli;
  • polline di piante;
  • cosmetici;
  • prodotti chimici domestici;
  • raggi ultravioletti, freddo.

Questi fattori sono chiamati "exoallergeni". Causano diversi tipi di reazioni allergiche. Gli stimolanti della genesi endogena si distinguono anche. Alcune strutture anatomiche mancano di comunicazione con il sistema immunitario, che è la norma (ad esempio la lente dell'occhio). Con lesioni, infezioni o altre patologie, si osserva una violazione dell'isolamento. Un altro meccanismo di formazione di allergie è un cambiamento nella struttura naturale dei tessuti dopo irradiazione, ustioni, congelamento. Il sistema immunitario in tutti questi casi considera le proprie cellule come un oggetto estraneo.

Reazioni allergiche

Esistono cinque tipi principali di reazioni allergiche:

  1. Reazioni anafilattiche - asma bronchiale, anafilassi, orticaria, edema di Quincke, rinite, allergia nutrizionale. Nel sangue sono presenti sostanze biologicamente attive (istamina, eparina, bradichinina). Alterano la permeabilità delle membrane cellulari, ottimizzano la produzione di secrezioni delle ghiandole e aumentano il gonfiore, promuovono lo spasmo della muscolatura liscia.
  2. Reazioni citotossiche: allergia ai medicinali, malattia emolitica, complicanze della trasfusione di sangue. Le membrane cellulari sono danneggiate..
  3. Reazioni immunocomplesse: malattia da siero, glomerulonefrite, congiuntivite, allergia cutanea, vasculite, lupus. La superficie delle pareti vascolari è coperta da complessi immunitari che causano infiammazione.
  4. Ipersensibilità tardiva - dermatite, brucellosi, tubercolosi, rigetto di impianti, ecc. Svilupparsi con contatto ripetuto con l'antigene. Colpito, di regola, derma, organi respiratori, canale digestivo.
  5. Stimolare le reazioni di ipersensibilità (ad es. Tireotossicosi, diabete, miastenia grave). Gli anticorpi stimolano o inibiscono l'attività di altre cellule..

Esistono anche reazioni allergiche di tipo immediato (i segni compaiono immediatamente dopo l'interazione con un allergene) e reazioni allergiche di tipo ritardato (i segni si osservano non prima di un giorno dopo).

Con un'allergia in rapido sviluppo, gli agenti irritanti sono medicine, polline, prodotti alimentari, allergeni di origine animale, ecc. Gli anticorpi circolano principalmente nei fluidi corporei. Si osserva lo sviluppo alternativo di tutte le fasi della reazione immunitaria, inoltre si sostituiscono piuttosto rapidamente. Se al paziente non viene fornita urgentemente assistenza adeguata, una reazione allergica acuta può innescare la morte.

Con allergie di tipo ritardato, si verifica una grave reazione infiammatoria con la formazione di granulomi. Le cause delle allergie sono spore fungine, batteri (agenti patogeni della tubercolosi, toxoplasmosi, cocchi, ecc.), Vaccini sierici, composti chimici, patologie croniche, ecc..

Sintomi allergici

Lo stesso allergene in diversi pazienti può causare diverse manifestazioni della malattia. Sono di natura locale o generale, a seconda del tipo specifico di allergia..

Tipici sintomi allergici:

  • rinite - prurito, gonfiore della mucosa del rivestimento nasale, starnuti, naso che cola abbondante;
  • congiuntivite allergica - iperemia della mucosa degli organi visivi, dolore agli occhi, secrezione sierosa;
  • dermatite: arrossamento, irritazione della pelle, eruzione cutanea, prurito, vesciche;
  • Edema di Quincke: gonfiore dei tessuti del tratto respiratorio, soffocamento;
  • anafilassi: perdita di coscienza, cessazione dell'attività respiratoria.

Nei bambini piccoli, una forma frequente è l'allergia nutrizionale - ipersensibilità a determinate categorie di prodotti alimentari. La patologia si manifesta con eczema, orticaria, disturbi intestinali, dolore all'addome, ipertermia.

Pronto soccorso per le allergie

Spesso, il paziente ha urgentemente bisogno di aiuto con un'allergia, poiché la procrastinazione è irta di morte. Se si verificano sintomi pericolosi come soffocamento, crampi, perdita di coscienza, gonfiore e calo della pressione, è necessario chiamare immediatamente un team medico. I tipi gravi di reazioni allergiche sono accompagnati da tali manifestazioni: edema di Quincke o anafilassi..

Prima dell'arrivo dei medici, devono essere prese le seguenti misure:

  1. Interrompere l'esposizione agli allergeni.
  2. Garantire libero accesso all'ossigeno (liberare il collo e il torace dalla spremitura dei vestiti, aprire la finestra).
  3. Dare alla vittima un antistaminico (Zodak, Claritin, Tavegil o altri.).
  4. Bevi la vittima con acqua minerale alcalina.
  5. Se c'è stato un morso di un insetto velenoso, allora è necessario rimuovere la puntura, trattare l'area danneggiata con alcool, applicare freddo.
  6. Posare la persona su uno dei lati per impedire l'aspirazione di sostanza emetica.
  7. Mantenere una conversazione in modo che il paziente non segua una perdita di coscienza.

Un'ulteriore strategia di trattamento delle allergie è determinata dall'allergologo. Farmaci antiallergici, vitamine, farmaci disintossicanti, diuretici sono prescritti, se necessario, pomate ormonali per applicazione locale, ecc. Un ruolo importante è dato a una dieta terapeutica. I tentativi di automedicazione sono inefficaci e possono portare allo sviluppo di forme gravi della malattia.

Allergia: cause, sintomi, trattamento

Che cos'è un'allergia??

L'allergia è un processo immunopatologico che si esprime nell'ipersensibilità del sistema immunitario del corpo a determinate sostanze irritanti, ad esempio il cibo. Il termine allergia fu introdotto dal pediatra viennese Clemens von Pirke nel 1906.

Un'allergia deve essere trattata da un allergologo-immunologo. Il materiale è solo a scopo informativo.!

Il sistema immunitario è progettato per proteggerci dagli effetti negativi dell'ambiente. Ma, una persona che soffre di allergie, protegge in modo troppo aggressivo. Così aggressivo che l'immunità inizia a lavorare contro il suo "portatore". Ciò è spesso dovuto alla predisposizione genetica di una persona alle reazioni allergiche. Inoltre, di norma, viene ereditata una tendenza generale alle allergie e non una reazione a un prodotto specifico. Un'allergia alle noci della mamma e alle fragole del papà può essere allergica al polline in un bambino.

C'è un mito secondo cui la creazione di un certo "ambiente sterile", pieno di purezza, può proteggere una persona dalle allergie. In effetti, la pulizia a umido per cinque volte in un salotto può essere un fattore stimolante. La flora alla quale una persona può adattarsi viene effettivamente uccisa.

Allergeni comuni

Tutti gli allergeni sono divisi in due tipi.

  1. Gli exoallergeni sono fattori ambientali che danno slancio allo sviluppo di una reazione allergica;
  2. Endoallergeni: fattori dell'ambiente interno del corpo che accompagnano lo sviluppo di una reazione allergica.

Gli allergeni più comuni:

  • Acari della polvere e della polvere domestica
  • Proteine ​​estranee contenute nel plasma donatore e nei vaccini
  • Polline di piante (febbre da fieno)
  • Funghi muffa
  • penicilline
  • sulfamidici
  • salicilati
  • Anestetici locali
  • Noccioline
  • Sesamo
  • Frutti di mare
  • Uova
  • Legumi
  • latte
  • Cereali
  • agrume
  • Miele
  • Veleno d'api
  • Veleno di vespa
  • particelle di pelle (scaglie dell'epitelio) di animali
  • scarafaggi
  • Escrezioni di zecche domestiche
  • latice
  • Composti del nichel
  • Detergenti chimici.

Sintomi allergici

I sintomi di un'allergia si manifesteranno a seconda della sua gravità, irritazione e caratteristiche individuali del corpo umano. Non trascurare nemmeno quei sintomi che sembrano "lievi" e "sicuri", perché le allergie possono portare a condizioni potenzialmente letali..

  • Dolore agli occhi,
  • Rinorrea,
  • Tosse,
  • starnuti,
  • Eruzione cutanea,
  • Arrossamento della pelle,
  • Prurito,
  • Mal di testa,
  • Perdita dell'udito, disagio alle orecchie,
  • Stomatite,
  • Edema,
  • Soffocamento.

Tutte queste sono le manifestazioni più tipiche delle allergie. Un esame del sangue per la produzione di un anticorpo specifico del tipo immunoglobulina E può dare una risposta esatta: un aumento di questo indicatore molto probabilmente indica una reazione allergica. Ulteriori esami e test allergologici sono prescritti dal medico curante. In caso di allergia, questo è un allergologo-immunologo..

Cosa succede nel corpo con allergie?

  1. Quando un allergene entra nel corpo attraverso il tratto respiratorio, l'apparato digerente o in un altro modo, il corpo inizia a secernere una specifica immunoglobulina IgE per sfuggire al dannoso "invasore".
  2. Nella lotta contro il "nemico" l'Ige si combina con i basofili (mastociti).
  3. I composti con basofili viaggiano con calma attraverso il corpo insieme al flusso sanguigno e con i mastociti rimangono al loro posto. Il sistema immunitario studia l'allergene e si prepara ad un attacco.
  4. La prossima volta che il corpo, incontrando un allergene, produce istamina. Questa sostanza provoca sintomi allergici..

Come trattare le allergie?

Prima di tutto, non da soli. Le allergie richiedono un controllo medico. Sebbene una persona possa prendere determinate misure prima di visitare un medico.

  • Un metodo che sicuramente non rappresenta un pericolo anche prima della diagnosi è quello di eliminare il contatto con l'allergene. Se l'eruzione cutanea appare dopo aver mangiato burro di arachidi, è meglio scartare temporaneamente le noci..
  • Medicinali: non prescrivere farmaci da soli. Alcuni di essi vengono assunti solo a contatto con un allergene, altri sono più lunghi, ma qualsiasi farmaco deve essere prescritto da uno specialista, l'uso incontrollato di farmaci antiallergici è pericoloso.
  • L'immunoterapia è una nuova parola nel trattamento delle allergie, come qualsiasi metodo di trattamento, deve essere discusso con il medico.

È importante ricordare che la vita con allergie è associata a determinate difficoltà, ma con un'adeguata supervisione da parte di un medico, non rappresenta un pericolo per una persona. Inoltre, ignorare i sintomi allergici e l'automedicazione può portare a tristi conseguenze, una delle quali è lo shock anafilattico. Ai primi sintomi di una reazione allergica, contattare un'istituzione medica.

11 sintomi allergici inaspettati che non possono essere ignorati

I segnali di avvertimento possono includere mal di testa, costipazione e persino cerchi sotto gli occhi..

L'allergia è l'allergia più comune. La statistica è una malattia cronica in Europa. Una o un'altra forma di questo disturbo colpisce dal 10 al 40% della popolazione mondiale e entro il 2025 il numero di malati può aumentare al 50%.

Esiste uno stereotipo che le allergie sono facili da riconoscere. Occhi acquosi, naso che cola, eruzioni cutanee - in effetti, questi sono i segni più comuni. Ma ce ne sono altri. Non meno indicativo.

Gli hacker hanno raccolto sintomi che potrebbero indicare una reazione allergica cronica. Anche se non sei pronto a considerarti allergico.

1. Mal di testa

Un mal di testa può avere dozzine di cause. È possibile supporre che la testa si spezzi a causa di un'allergia, secondo la natura delle allergie Mal di testa di sensazioni spiacevoli. Esistono due opzioni:

  1. Il dolore è localizzato nell'area dei seni nasali e dà al naso.
  2. Il dolore è unilaterale (interessa solo il lato sinistro o destro della testa), pulsante. Può intensificare dalla luce solare intensa ed essere accompagnato da nausea.

Se tali attacchi vengono ripetuti regolarmente, ha senso consultare un terapista o direttamente a un allergologo. Questo può essere un sintomo sorprendente della febbre da fieno..

2. Costipazione

La costipazione è uno dei segni comuni di allergie alimentari. Questo è particolarmente pronunciato nei bambini piccoli..

Uno studio sull'allergia alimentare come causa di costipazione nei bambini nei primi tre anni di vita - le stesse osservazioni, che hanno riguardato quasi 9.500 bambini di età inferiore ai tre anni, hanno scoperto: il 73% dei bambini che hanno avuto problemi di stitichezza sono stati successivamente trovati allergici alle proteine latte di mucca.

Negli adulti, la relazione tra costipazione e allergia alimentare non è così semplice Articolo di revisione: costipazione cronica e ipersensibilità alimentare - una relazione intrigante. Tuttavia, si presume che lo sia. Se hai regolarmente difficoltà con i movimenti intestinali, il tuo corpo potrebbe soffrire di qualche tipo di allergene nella tua dieta..

3. Una costante sensazione di affaticamento

Un'allergia alle piante di polline, polvere, peli di animali domestici è accompagnata da edema nei passaggi nasali. A causa dell'edema, anche se è insignificante e quasi impercettibile, i motivi per cui sei a corto di respiro possono peggiorare la fornitura di ossigeno ai polmoni e la fornitura di organi e tessuti. Ma non è tutto.

A causa di difficoltà con la respirazione nasale, una persona non riesce a dormire. Di notte si sveglia spesso e al mattino si alza, senza sentirsi riposato. Giorno dopo giorno, la fatica accumula sintomi allergici. Fatica. E questa è una chiara indicazione per una visita dal terapeuta.

4. memoria compromessa

Data la continua mancanza di sonno, concentrazione e problemi di memoria, 7 cause comuni di dimenticanza sono assolutamente prevedibili.

5. Labbra screpolate

L'abitudine di respirare attraverso la bocca fa sì che le labbra si tessano, si secchino e si spezzino. Spesso, le labbra screpolate sono quasi il primo sintomo che i medici notano nei soggetti allergici che sono appena arrivati ​​al primo appuntamento "tematico".

6. Dolore addominale

Secondo Cleveland Clinic Food Problems: è un'allergia o un'intolleranza, i crampi addominali lievi regolari sono un segno relativamente comune ma spesso trascurato delle allergie alimentari..

La causa del dolore sono le istamine, che vengono prodotte nel tratto gastrointestinale in risposta al contatto con un allergene.

7. Occhiaie sotto gli occhi

Gonfiore allergico nei seni causano cosa sono gli Shiners allergici? a ristagno di sangue nei piccoli capillari sotto gli occhi. I vasi sanguigni si espandono, si scuriscono e diventano visibili sotto la pelle più sottile intorno agli occhi.

8. Perdita dell'olfatto

Se non si cura la congestione nasale associata ad allergie (ad esempio, non accorgersene e abituarsi a respirare attraverso la bocca), ciò può portare a un deterioramento o persino alla perdita dell'odore - dell'anosmia Perdita dell'olfatto.

9. Diminuzione della sensibilità al gusto

La capacità di ricevere sensazioni gustative è strettamente correlata al senso dell'olfatto. Se hai problemi con il profumo, il gusto diventa noioso. Il cibo inizia a sembrare fresco, "no".

Si può notare una diminuzione della sensibilità del gusto attraverso segni indiretti. Ad esempio, hai iniziato più spesso di prima a cercare uno shaker e uno shaker per esaltare il gusto dei piatti.

10. Voce rauca

Con gravi allergie, i percorsi vocali si contraggono. Questo può portare a raucedine. Se la raucedine non scompare entro 7-10 giorni, è necessaria una visita dal terapista.

Un segno di allergia a Signs of Allergies può anche essere una tosse secca ossessiva senza motivo per cui non puoi liberarti di.

11. Aumento dell'ansia

Lo shock anafilattico - una forma forte di una reazione allergica - a volte sembra un attacco di panico Attacchi di panico / ansia ricorrenti: mascherato di anafilassi e sfida alla presa completa della storia. Se si verificano regolarmente attacchi di panico e non si capisce cosa li sta causando, prestare attenzione all'ambiente circostante..

Cosa hai appena mangiato? Come si respira? Indossavi guanti in lattice sulle mani? O forse hanno preso delle medicine? Il panico può essere la risposta del corpo a un incontro con un allergene che è personalmente pericoloso per te. E varrebbe la pena installarlo.

Se ritieni di essere allergico, contatta il tuo medico di famiglia e spiegagli in dettaglio i sintomi che ritieni sospetti. Il medico effettuerà un esame, ti chiederà lo stile di vita, la dieta, le cattive abitudini. Molto probabilmente, proporrà di superare una serie di test per escludere altre malattie.

Se il suggerimento di un'allergia nascosta sembra ragionevole per il terapeuta, riceverai un rinvio a uno specialista più specializzato - un allergologo. E già sotto la sua guida, verrai testato per gli allergeni per trovare la sostanza che provoca una reazione eccessivamente violenta nel tuo corpo.

Gli esperti hanno capito il meccanismo dell'allergia

Consiglia un medico di altissima categoria, un allergologo, Istituto di allergologia e immunologia clinica a Mosca Tatyana Petrovna Guseva

- Quale delle ultime scoperte nel campo dell'allergologia può essere definita veramente significativa - sia per i medici che per i pazienti?

- Il principale risultato degli ultimi tempi può essere considerato che abbiamo imparato quasi tutto sul meccanismo delle reazioni allergiche. L'allergia ha smesso di essere una malattia misteriosa. Più precisamente, questa non è una malattia, ma un intero gruppo di condizioni. Le malattie allergiche comprendono asma, rinite allergica, problemi della pelle - orticaria acuta e cronica, dermatite atopica.

Tutti questi problemi si basano sulla stessa reazione. E oggi è completamente decifrato. L'essenza delle allergie è che il sistema immunitario inizia a reagire in modo eccessivo a sostanze relativamente innocue per il corpo. Oggi sappiamo tutto sui meccanismi che innescano una risposta immunitaria inadeguata. E possiamo agire sulle allergie in qualsiasi momento.

- Come avviene questa reazione?

- Prendi ad esempio la rinite allergica. Un allergene entra nel corpo, ad esempio il polline delle piante. In risposta a ciò, una speciale proteina, l'immunoglobulina di classe E, aumenta nel sangue e viene prodotta solo in persone geneticamente predisposte alle allergie. L'immunoglobulina E si lega a un allergene sulla superficie di un mastocita. Questi ultimi si trovano in diversi tessuti e organi. Quindi, molti di loro nella composizione delle mucose del tratto respiratorio superiore e inferiore, così come la congiuntiva degli occhi.

I mastociti sono i depositi di istamina. Di per sé, questa sostanza è necessaria affinché il corpo svolga molte importanti funzioni. Ma nel caso di una reazione allergica, è l'istamina che è responsabile dello sviluppo di sintomi spiacevoli. Quando il mastocita viene attivato, l'istamina viene rilasciata nel sangue. Provoca una maggiore secrezione di muco e congestione nasale. Allo stesso tempo, l'istamina agisce su altre strutture e iniziamo a starnutire, tossire, prurito.

- La scienza sta andando avanti e le persone allergiche stanno diventando sempre più ogni anno. Come essere?

- Le allergie sono davvero molto comuni oggi. Secondo le statistiche, ogni quinto abitante della Terra ne soffre. E la cosa peggiore è per i residenti dei paesi sviluppati. Una tale diffusione del problema è associata al degrado ambientale, all'eccessivo entusiasmo per le persone con antibiotici. Lo stress, la malnutrizione e l'abbondanza di materiali sintetici intorno a noi stanno contribuendo..

Tuttavia, l'ereditarietà svolge il ruolo principale nell'innescare una reazione allergica. L'allergia stessa non viene trasmessa di generazione in generazione. Ma puoi ereditare una predisposizione. E lo stile di vita è di grande importanza e dalla più tenera età. È dimostrato, ad esempio, che i bambini allattati al seno per almeno sei mesi hanno molte meno probabilità di soffrire di allergie. Oggi, i bambini vengono allattati al seno meno spesso e non crescono nelle condizioni più favorevoli..

C'è ancora un problema. Esiste ancora uno stereotipo nella società secondo cui le allergie sono una malattia "frivola". Molte persone prescrivono farmaci da soli, applicano una sorta di ricette popolari. Nel frattempo, se si esegue un'allergia, può assumere forme più gravi. Ad esempio, la rinite allergica senza trattamento può portare allo sviluppo di asma bronchiale. La conclusione è semplice: prima ricevi un aiuto professionale, più velocemente riesci a far fronte al tuo problema.

- Come inizia il trattamento dei problemi allergici??

- Con una visita da un medico e la diagnostica. È importante sapere cosa causa esattamente le allergie. Oggi esiste una vasta gamma di metodi per questo. Questi sono vari test cutanei, esami del sangue avanzati.

Inoltre, se possibile, il contatto con l'allergene dovrebbe essere escluso. Se si tratta di cibo, viene prescritta una dieta ipoallergenica. Se sei allergico alla polvere domestica, al polline o ai peli di animali domestici, dovrai procurarti un purificatore d'aria. I moderni modelli di questi dispositivi intrappolano particelle di dimensioni fino a un decimo di micron..

Ora gli scienziati stanno provando ad affrontare questo problema dall'altra parte - per "insegnare" al corpo a non rispondere all'immunoglobulina E. In Germania, gli studi clinici sull'ultimo farmaco che consente di farlo. Questo è un approccio rivoluzionario nel trattamento delle allergie..

- Di recente è stato ampiamente discusso un altro metodo di prevenzione: la terapia specifica per allergeni..

- Questa è una tecnica ben studiata ed efficace. La sua essenza è che basse dosi di allergene vengono introdotte nel corpo secondo un certo schema. Aumentare gradualmente la dose. Di conseguenza, la sensibilità del corpo a questa sostanza diminuisce. E invece dell'immunoglobulina "sbagliata" E, gli anticorpi protettivi iniziano a essere prodotti nel corpo. Questo trattamento richiede tempo: in media, il corso dura da 3 a 5 anni.

In precedenza, questo metodo era associato a un gran numero di complicazioni. Ma recentemente, questo metodo è diventato molto più sicuro. Il fatto è che oggi gli allergeni terapeutici vengono sottoposti a una pulizia approfondita. Praticamente non danno complicazioni e allo stesso tempo hanno un potente effetto immunostimolante. Un altro vantaggio è l'effetto prolungato..

Di recente, un altro passo avanti è stato fatto in questa direzione. In Austria, gli allergeni terapeutici hanno iniziato a essere creati utilizzando l'ingegneria genetica. Attualmente sono in fase di sperimentazione clinica in Francia. Questi farmaci ridurranno la probabilità di effetti collaterali. Inoltre rendono il trattamento più veloce..

- La terapia specifica per allergeni dà un effetto per tutti i tipi di allergie.?

- Molto spesso, questo metodo viene utilizzato per l'asma bronchiale e la rinite allergica. Fornisce i migliori risultati per le allergie ai pollini delle piante e agli acari della polvere domestica. Ma ha iniziato a essere usato con successo in pazienti con allergie epidermiche e trasmesse da zecche..

Questa terapia viene eseguita solo nel periodo di remissione e pochi mesi prima della fioritura delle piante allergeniche. È importante che questo metodo di trattamento prevenga lo sviluppo dell'asma bronchiale nei pazienti con rinite allergica..

- Quali altri metodi aiutano a combattere le allergie?

- Una componente molto importante del programma di trattamento è la terapia di base. Il suo obiettivo è rafforzare la membrana dei mastociti. Ciò è necessario per prevenire il rilascio di istamina nel sangue. Oggi ci sono diversi farmaci che hanno questo effetto. Questo, ad esempio, zadit, zirtek o Intal. Per ottenere un buon effetto, dovrebbero essere presi per diversi mesi o addirittura anni. Ogni volta che la reazione allergica sarà più lieve, la sensibilità agli allergeni diminuirà.

- Cosa fare se si è già verificata una reazione?

- Sono prescritti antistaminici. Quindi, con la rinite allergica, oggi vengono utilizzati spray nasali. Con congiuntivite - colliri antiallergici. Per le reazioni cutanee, vengono utilizzati preparati contenenti ormoni locali..

A proposito, si è verificata una vera svolta nel trattamento delle reazioni allergiche cutanee. Oggi è apparsa un'intera generazione di cosmeceutici di alto livello. Sono usati per prendersi cura della pelle colpita dopo il sollievo di un'esacerbazione. Ti permettono di aumentare il periodo di remissione, nutrire e idratare bene la pelle. Durante un'esacerbazione di una malattia allergica, insieme al trattamento locale, sono necessari antistaminici.

Negli ultimi anni sono comparsi farmaci con proprietà migliorate: telfast, erius. Praticamente non hanno effetti collaterali, agiscono in modo rapido ed efficace. Oggi nelle farmacie esiste una vasta selezione di tali fondi. Ma solo un medico dovrebbe selezionare un medicinale per un paziente specifico.

Come puoi vedere, oggi puoi far fronte a una reazione allergica in quasi ogni fase. Sintonizzati sul fatto che il trattamento richiederà un certo periodo. Ma il risultato sarà sicuramente.

Olga Demina

Incorporare "Pravda.Ru" nel flusso di informazioni se si desidera ricevere commenti operativi e notizie:

Aggiungi Pravda.Ru alle tue fonti in Yandex.News o News.Google

Saremo anche felici di vederti nelle nostre community su VKontakte, Facebook, Twitter, Odnoklassniki.

Allergia - una malattia o un sintomo?

Secondo l'OMS, ogni sesto abitante della Terra soffre di qualche forma di allergia e il numero di pazienti sta crescendo rapidamente. Le ragioni di ciò sono l'uso diffuso di droghe sintetiche, principalmente antibiotici; rapido sviluppo dell'industria chimica, l'emergere di un gran numero di vari materiali sintetici, coloranti, detersivi e altre diverse sostanze industriali e domestiche. Altrettanto importante nella crescita delle malattie allergiche è il grado di inquinamento ambientale dell'habitat (aria, suolo, acqua).

I meccanismi di sviluppo per loro natura non sono allergici, ma reazioni abbastanza naturali che si verificano quotidianamente nel corpo umano e svolgono un ruolo estremamente importante nell'attuazione dell'immunità antimicrobica e nel mantenimento dell'omeostasi antigenica, e solo in alcuni casi le reazioni patologiche sono realizzate dai meccanismi indicati, accompagnati da autolesionismo. L'allergia si sviluppa.

Equipaggiamento protettivo

Il corpo ha meccanismi protettivi contro agenti stranieri.

Diverse barriere protettive funzionano sulle mucose di una persona sana, impedendo la penetrazione di vari antigeni (Ag) nell'ambiente interno del corpo. Questa è una protezione multi-componente..

Il motivo principale per lo sviluppo di malattie allergiche è la violazione delle barriere. Purtroppo, lungi dall'essere ricordarlo sempre e provare a trattare "dalla parte sbagliata".

Vero meccanismo di allergia

L'allergia è un processo esclusivamente patologico che procede secondo il meccanismo dell'atopia.

Nelle reazioni atopiche si distinguono tre fasi:

  1. immunologico;
  2. pathochemical;
  3. fisiopatologico.

Per una corretta interpretazione del concetto di "allergia", è importante comprendere l'essenza della fase immunologica del processo patologico, in cui si verificano il riconoscimento e la cattura di Ag da fattori di immunità innata (cellule dendritiche, macrofagi), la sua scissione e l'isolamento del cosiddetto peptide immunogenico.

Il risultato finale, la natura della risposta immunitaria, dipende dalla qualità del lavoro delle barriere e dal trattamento delle cellule Ag con immunità innata.

Barriere protettive

Nella cavità intestinale - enzimi digestivi e altri enzimi (in particolare lisozima), microrganismi (simbionti) che scompongono macromolecole provenienti dall'esterno, a seguito dei quali questi ultimi perdono le loro proprietà antigeniche e non possono provocare reazioni allergiche.

Le immunoglobuline secretorie di classe A (sIgA) si trovano sulla superficie dell'epitelio della mucosa. Questi anticorpi (At) neutralizzano una varietà di antigeni (Ag), che per qualche motivo non sono stati sottoposti a scissione enzimatica nel lume intestinale. I complessi immunitari risultanti vengono successivamente rimossi dal corpo a causa della desquamazione dell'epitelio delle mucose e dei movimenti peristaltici dell'intestino.

Nella stessa mucosa c'è una terza barriera formata da cellule dendritiche che, intrecciate con i loro lunghi processi, formano una sorta di rete che intrappola antigeni non neutralizzati da sIgA sulla superficie della mucosa. Le cellule dendritiche catturano l'Ag, penetrando in profondità nelle pareti e digerendole, dividendosi in molti piccoli frammenti non pericolosi, evidenziando uno o più cosiddetti peptidi immunogenici, che possono essere successivamente presentati alle cellule T-helper per avviare una risposta immunitaria.

Nello strato sottomucoso si trova l'ultima, quarta barriera protettiva, costituita da immunoglobuline di classe E (IgE) e mastociti. Queste sostanze riconoscono la penetrazione di Ag e forniscono la degranulazione dei mastociti, che porta allo sviluppo di pronunciato essudazione ed eruzione di Ag nella cavità intestinale. Le reazioni che coinvolgono le IgE sono urgenti e normalmente si verificano solo in situazioni urgenti in cui il rischio di "inquinamento" dell'ambiente interno del corpo è estremamente elevato.

Nei pazienti con allergie, tali reazioni diventano una regolarità piuttosto che un'eccezione alla regola, poiché non neutralizzano l'Ag nelle prime fasi della protezione, ad es. c'è una diminuzione dell'attività degli enzimi digestivi e / o una violazione dell'immunità delle mucose.

Il motivo principale per lo sviluppo di allergie è la violazione delle barriere.

Normalmente, gli antigeni non pericolosi (Ag) (polline, lanugine di pioppo, alimenti, ecc.) Non sviluppano una risposta immunitaria. Se un Ag relativamente inerte viene riconosciuto, elaborato in modo errato e successivamente presentato agli aiutanti T (cellule immunitarie specializzate che sono responsabili dello sviluppo di ulteriori reazioni immunologiche) nonché a componenti di microbi patogeni, una reazione immunitaria violenta ma "inutile" con enorme autolesionismo.

Inoltre, per garantire il corretto riconoscimento dell'Ag, le IgA sono di grande importanza, il che dovrebbe garantire la neutralizzazione di varie sostanze estranee fino a quando non penetrano negli strati profondi della mucosa, dove le immunoglobuline di classe E (IgE) svolgono un ruolo protettivo.

Il meccanismo di degranulazione dei mastociti mediato dalle IgE (fase patochimica) è abbastanza fisiologico ed estremamente benefico per il corpo.

Il coinvolgimento delle IgE nella reazione protettiva si verifica quando Ag supera le barriere primarie menzionate in precedenza, che è associato ad un alto rischio di penetrazione di sostanze estranee nell'ambiente interno del corpo.

Tale situazione può verificarsi con carenza di IgA, una diminuzione dell'attività fagocitaria delle cellule presentanti l'antigene, con una dose estremamente elevata di Ag, quando un numero completamente normale di fattori di immunità non può far fronte a un carico antigenico in forte aumento. Pertanto, IgE specifiche, riconoscendo Ag, assicurano la degranulazione dei mastociti, che porta allo sviluppo di un'intensa reazione essudativa (fase fisiopatologica), necessaria per rimuovere il patogeno dal corpo. In altre parole, il fluido e l'edema impediscono alla Ag di diffondersi e, per così dire, "lavano via".

Allergia o pseudoallergia?

L'allergia è un processo altamente specifico. Pertanto, i pazienti con vere allergie sono caratterizzati da sensibilizzazione principalmente verso qualsiasi Ag.

Se il paziente nota intolleranza a molti alimenti, allora stiamo parlando di pseudo-allergia - ipersensibilità non allergica, che è caratterizzata da manifestazioni cliniche simili. Tuttavia, queste reazioni procedono senza una fase immunologica e non sono specifiche! Tattiche diverse.

Per 1 caso di vera allergia, possono verificarsi fino a 8 casi di pseudo-allergia.

Le allergie sono rare. Abbiamo a che fare principalmente con varie manifestazioni di reazioni pseudoallergiche, che sono analoghi clinici delle allergie, ma richiedono un approccio completamente diverso al trattamento e alla prevenzione.

Meccanismi pseudoallergici

Esistono tre tipi di reazioni pseudoallergiche. E ora sarà un po 'DIFFICILE!:

  1. Reazioni associate ad alterato metabolismo dell'istamina.
  2. Reazioni dovute ad attivazione inadeguata del complemento.
  3. Reazioni causate da una violazione del metabolismo degli acidi grassi, principalmente dell'acido arachidonico e dei suoi prodotti metabolici.

Attivazione del complemento inadeguata. Il meccanismo di pseudo-allergia associato a un'insufficiente attivazione del complemento è una conseguenza dell'immunodeficienza - angioedema ereditario. Tali pazienti hanno un deficit di inibitore C1, che porta ad un'attivazione estremamente forte della cascata del complemento con il rilascio di un gran numero di istaminolibratori endogeni, nonché di molecole di chinina.

Tale diagnosi differenziale è estremamente importante, poiché queste malattie richiedono approcci diversi al trattamento e alla prevenzione..

Se l'adrenalina e i glucocorticoidi devono essere somministrati in caso di angioedema acuto atopico, con una carenza dell'inibitore C1, sarà efficace la somministrazione endovenosa di acido e-aminocaproico, che inibisce il sistema del complemento eccessivamente attivato. Nei casi più gravi, è possibile utilizzare un'infusione di plasma appena congelato, poiché il farmaco contiene un livello normale di inibitore C1 dal sangue dei donatori. Ma si tratta di trattare situazioni difficili in un ospedale.

Alterato metabolismo dell'acido arachidonico. Quando si usano farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), è possibile lo sviluppo di reazioni pseudo-allergiche di 3o tipo a causa del metabolismo alterato dell'acido arachidonico. Il blocco dell'enzima prostaglandinsintetasi sotto l'azione dei farmaci porta ad una maggiore formazione di leucotrieni, causando broncospasmo, che ricorda una clinica di asma bronchiale atopico. Il ritiro dei FANS cura completamente questa opzione di pseudo-allergia.

Molto spesso, le reazioni pseudoallergiche sono associate a un metabolismo alterato dell'istamina.

  • aumento dell'istaminolibrazione (rilascio di istamina);
  • diminuzione dell'istaminopessia (legame all'istamina);
  • l'uso di alimenti contenenti istamina.

L'aumentata istaminoliberizzazione è caratteristica dei bambini nei primi anni di vita, entro i 3 anni, a condizione che questi bambini siano adeguatamente mantenuti e che le barriere siano nel tempo, si riprendano completamente dal 70 al 90% dei bambini che in precedenza avevano manifestato allergie alimentari sotto forma di dermatite atopica.

Negli adulti e nei bambini più grandi, questo è un processo patologico. È causato da un disturbo digestivo, una violazione della microbiocenosi intestinale e una diminuzione dell'immunità delle mucose, che crea condizioni per il contatto dell'Ag non trattato con i mastociti dello strato sottomucoso.

Nel trattamento di pazienti con questo tipo di reazioni pseudoallergiche, è consigliabile prescrivere stabilizzatori di membrana dei mastociti (cromoglicato N8, blocco di Hista, lecitina, Omega-3, ecc.), Che bloccano la reazione di degranulazione.

In tali pazienti, lo sviluppo di una reazione pseudo-allergica è possibile con lo stiramento meccanico della parete intestinale con il cibo.

In questo caso, il paziente lamenta intolleranza a quasi tutto il cibo.

Lo scopo della nutrizione frazionata e della correzione equilibrata (preparati enzimatici, assorbenti, simbiotici, ecc.) Possono migliorare significativamente le condizioni ed espandere la dieta.

Gli antistaminici sono inefficaci perché l'istamina è solo una delle molte sostanze biologicamente attive rilasciate dai granuli dei mastociti. Inoltre, il blocco degli effetti dell'istamina può solo migliorare l'azione di altre sostanze biologicamente attive, il cui accumulo è ancora più pericoloso.

La riduzione dell'istaminopessia è l'attività inadeguata della proteina istaminopexina che si lega all'istamina priva di siero. Si sviluppa nelle condizioni di intossicazione del corpo (importante: disbiosi, elminti e malattie parassitarie), accompagnata da una diminuzione dell'attività legante l'istamina di questa proteina, che è coinvolta nei processi di neutralizzazione dei prodotti tossici.

È possibile migliorare la condizione attraverso misure di disintossicazione, correzione della disbiosi, deformazione. Nel caso di una massiccia reazione pseudo-allergica, è consigliabile utilizzare il calcio in forma chelata o ionica - per 3 giorni in un dosaggio potente, poiché Ca2 + migliora l'attività funzionale dell'istaminopexina. Ulteriore uso di preparazioni di calcio solo in dosi profilattiche, poiché tale terapia migliora la reazione di degranulazione dei mastociti.

Devono essere utilizzati aminoacidi strutturati che possono aiutare nella formazione di istaminopexina..

Mangiare cibi ricchi di istamina. Le reazioni pseudoallergiche si sviluppano con l'uso di prodotti contenenti istamina: formaggi fermentati, salsicce affumicate crude, fragole, pomodori, crauti, cioccolato, legumi, ecc. La dieta di eliminazione, gli enterosorbenti e la disintossicazione sono i più efficaci. Nel periodo acuto, è anche consigliabile per tali pazienti prescrivere antistaminici con un breve corso.

Infestazioni elmintiche. Gli stessi elminti possono creare problemi di salute ed esacerbare una patologia esistente. I vermi sono un potente fattore di sensibilizzazione del corpo a causa dei prodotti del loro metabolismo che entrano nel flusso sanguigno. Sullo sfondo delle nematodosi, la dermatite atopica si intensifica e il decorso di altre malattie allergiche peggiora (tra cui asma bronchiale, pollinosi). Le infestazioni da elmintici possono essere la causa della prima allergia che può essere locale (infiltrati, granulomi, necrosi) e generale (orticaria, edema di Quincke, eosinofilia, broncospasmo, ecc.), Specialmente se compaiono nel periodo estivo-autunnale. Le reazioni allergiche nelle elmintiasi sono quasi resistenti al trattamento convenzionale.

L'eosinofilia nell'analisi generale del sangue è allo stesso tempo un segno di allergie e malattie parassitarie. In alcune situazioni, gli elminti portano a un aumento significativo del livello di IgE totale, il che rende difficile la diagnosi.

Gli elminti causano disbiosi intestinale, inibendo la normale microflora intestinale e indebolendo l'immunità locale del tratto gastrointestinale.
.
Sullo sfondo della disbiosi, i disturbi funzionali del tratto gastrointestinale e la patologia allergica sono aggravati, si sviluppano cambiamenti secondari (reattivi) nel fegato, nel tratto biliare e nel pancreas.

dysbacteriosis

Il tratto digestivo (così come la pelle, il tratto respiratorio) è il luogo di contatto tra i microbi (antigeni) e il sistema immunitario del corpo. Inizialmente, il corpo del bambino impara a gestire i microbi non aggressivi che popolano l'intestino, che hanno molto in comune con molti microbi pericolosi.

La maturazione del sistema immunitario avviene in parallelo con la formazione di microflora intestinale. La formazione della microflora intestinale termina con 3-5 anni di vita. A questo punto, il sistema immunitario sta maturando.

Sullo sfondo del ripristino delle barriere, del trattamento con il corretto simbiotico vivente, si forma un'immunità stabile che può far fronte agli agenti causali di molte malattie.

Inoltre, per tutta la vita di una persona, la microflora intestinale mantiene il suo sistema immunitario in uno stato di costante disponibilità..

Di recente, gli scienziati hanno descritto un fatto sorprendente: nonostante la loro significativa immunogenicità (la capacità di causare lo sviluppo di una risposta immunitaria), i microbi intestinali praticamente non causano disturbi visibili del sistema immunitario intestinale. Si è scoperto che nel processo di coesistenza del tessuto intestinale (in particolare la mucosa) e i batteri in contatto con loro si scambiano materiale genetico e diventano "simili" tra loro. Pertanto, il sistema immunitario del corpo cessa di riconoscere i batteri intestinali come "strutture estranee".

Questo straordinario processo è stato spiegato dal fatto che alcuni virus e batteri, entrando nell'intestino, non attaccano le cellule del nostro corpo, ma le cellule batteriche ("simili" all'epitelio intestinale), con le quali vengono escrete dal corpo.

La microflora intestinale è uno dei principali fattori che proteggono l'intestino dalla colonizzazione con microbi patogeni (insieme all'acidità dello stomaco e alla motilità intestinale).

Ciò è dovuto a tre meccanismi principali: in primo luogo, la normale microflora intestinale compete con i microbi patogeni per il cibo e, allo stesso tempo, rilascia una serie di sostanze che distruggono i microbi patogeni.

In secondo luogo, la microflora intestinale stimola l'immunità locale e rende la membrana intestinale impenetrabile per molti microbi patogeni, antigeni.

In terzo luogo, la microflora intestinale stimola l'immunità generale.

Al momento, non vi è dubbio che lo sviluppo di molte malattie allergiche (specialmente nei bambini) procede sullo sfondo di un cambiamento nella composizione della normale microflora intestinale (cioè sullo sfondo della disbiosi).

Malattie come la dermatite atopica, l'eczema, l'orticaria, l'asma bronchiale, le allergie alimentari nei bambini si verificano in parallelo con la disbiosi intestinale.

Il luogo principale in cui gli allergeni entrano nel corpo del bambino è la mucosa intestinale. Pertanto, i disturbi digestivi e la protezione della mucosa intestinale con disbiosi contribuiscono all'eccessiva penetrazione di allergeni nel corpo e alla formazione di una sensibilizzazione lunga e persistente, che alla fine diventa una malattia allergica.

Ecco perché il complesso trattamento delle malattie allergiche include necessariamente la correzione della disbiosi intestinale, che protegge il corpo dalla penetrazione dell'antigene nell'ambiente interno del corpo, aiuta a ripristinare la stretta connessione delle cellule epiteliali, attiva la produzione di IgA secretoria, necessaria per proteggere dalle reazioni allergiche e pseudo-allergiche.

Salute a tutti!

Raccomandazioni del nutrizionista Arkady Bibikov

Diventa il primo a commentare

lascia un commento cancella risposta

Questo sito utilizza Akismet per combattere lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti..

Che cos'è un'allergia: dal primo contatto con un allergene alla lotta contro lo shock anafilattico

Cosa comporta questo pericolo, qual è il meccanismo della sua azione e quali metodi di protezione contro la malattia esistono - capiamo.

Che cos'è un'allergia??

Le sostanze nocive possono non solo penetrare nel corpo dall'esterno, ma anche formarsi indipendentemente all'interno a causa di varie patologie. L'immunità combatte da soli.

Cos'è il sistema immunitario? Se semplifichi la sua struttura per la comprensione, allora assomiglia a questo:

  • organi del sistema immunitario: milza e ghiandola del timo;
  • linfonodi;
  • cellule del sangue - linfociti e anticorpi - cellule speciali prodotte dal sistema immunitario per combattere i batteri estranei.

Il principio del sistema immunitario

Quando sostanze nocive (antigeni) entrano nel corpo, il sistema immunitario studia la loro struttura e crea anticorpi speciali (immunoglobuline) per eliminare queste sostanze. Per ogni batterio e virus, viene creato un anticorpo separato. La produzione di tali "difensori" coinvolti nei linfociti B situati nei linfonodi. Esiste un secondo tipo: i linfociti T. Distruggono le proprie cellule che sono già state infettate dagli antigeni..

L'immunoglobulina, volta a proteggere dagli allergeni - i corpi che causano allergie - è presente in ogni corpo. Nelle persone soggette ad allergie, il contenuto di tale immunoglobulina è superiore al normale.

Come ciò accade: una reazione agli stimoli

  1. Un allergene entra nel corpo. Può essere qualsiasi cosa: dal polline alla polvere dai cosmetici.
  2. Una grande quantità di immunoglobulina IgE viene rilasciata per neutralizzare elementi estranei. Inoltre, per ogni tipo di allergene ci sarà il proprio anticorpo.
  3. Le IgE si legano quindi ai mastociti o ai basofili. La formazione dell'unione "immunoglobulina - allergene - basofilo (o mastociti)".
  4. I composti con basofili si muovono con calma attraverso il corpo insieme al flusso sanguigno e con i mastociti rimangono in posizione. Quindi il sistema immunitario legge la struttura dell'allergene e prepara una reazione.
  5. La prossima volta che un allergene entra nel corpo, questi composti emettono una difesa speciale: l'istamina. La sostanza provoca uno spasmo dei muscoli dell'intestino, dei bronchi, dello stomaco, abbassando la pressione sanguigna a causa dell'espansione dei capillari, gonfiore. Quindi il corpo reagisce alla presenza di un allergene in esso.

Quali sono le cause delle allergie?

Cosa causa un'allergia? Per cominciare, questo problema non è stato completamente compreso. Ma, come siamo già riusciti a scoprire, l'allergia è una risposta del corpo a determinate sostanze. Molto spesso si chiama:

  • polline di fiori;
  • peli di animali domestici;
  • polvere;
  • spore di funghi e muffe;
  • prodotti chimici domestici;
  • preparati medici;
  • morsi di insetto;
  • sostanze sintetiche.

Non dimenticare che esiste una predisposizione congenita alle allergie. Se uno dei genitori ce l'ha, il bambino è il 30% più suscettibile alla malattia rispetto ad altri. Se entrambi i genitori sono affetti da allergeni - 70%.

L'allergia acquisita appare in caso di contatto frequente e intenso con un allergene, ad esempio, sul cioccolato a seguito del suo consumo in grandi quantità.

Sintomi allergici Come riconoscere un'allergia

Il modo in cui la reazione si manifesta sul corpo dipende dal luogo di contatto con l'allergene. Se quest'ultimo è passato attraverso la pelle, il corpo lo mostrerà con un'eruzione cutanea, macchie rosse, prurito della pelle, vesciche. Se un allergene entra nel tratto respiratorio, può trattarsi di respiro corto, mancanza di aria, tosse, senso di oppressione al torace. Spesso labbra, collo, lingua, occhi gonfi si gonfiano e arrossiscono. Il prurito può anche apparire nel naso. La manifestazione più grave è nausea e vomito. Possibile diarrea.

Ma nessuna delle precedenti può essere paragonata allo shock anafilattico. Questo tipo di reazione rapida del corpo è accompagnato da un'abbondante secrezione di una grande quantità di istamina. Vi è una violazione del flusso sanguigno: prima periferica e poi centrale. La pelle diventa fredda e bagnata. A causa della diminuzione del flusso sanguigno, appare l'ansia, la tensione interna, la minzione è disturbata, appare la mancanza di respiro.

Lo shock anafilattico è spesso accompagnato da vertigini e perdita di coscienza. In genere, questa reazione del corpo si verifica dopo le punture di insetti o l'introduzione di iniezioni sottocutanee. Lo shock inizia con un forte dolore nel sito di contatto, è accompagnato da un forte prurito, cadute di pressione sanguigna. Con intossicazione alimentare, tutto inizia con dolore addominale, vomito, diarrea può andare, la laringe e il gonfiore del cavo orale.

Lo shock anafilattico è un fenomeno piuttosto pericoloso, può portare alla morte senza cure mediche tempestive..

Come "catturare" un allergene? Diagnosi delle allergie

La prima cosa da fare di sicuro è consultare un medico. Se sospetti un'allergia, ma non sai cosa l'abbia causata, non rimandare la tua visita in ospedale a dopo.

Devi capire come l'allergene è entrato nel tuo corpo. Ci sono un certo numero di misure per questo. Il modo più economico, più semplice e veloce sono i test cutanei..

Il tempo medio di attesa per il risultato dei test cutanei è di 15-20 minuti. Il costo del servizio parte da 350 rubli.

La stessa procedura è un'introduzione speciale alla pelle degli allergeni per identificare quali di essi il corpo potrebbe rispondere con una reazione appropriata. Tale studio viene condotto sull'avambraccio o sul retro del soggetto. La pelle è divisa in aree numerate. Per ciascuno di essi, viene introdotta una goccia di allergene. E poi tutto è semplice: se il sito inizia a gonfiarsi e arrossarsi, aumenta di dimensioni e supera la norma dopo 15-20 minuti - questo allergene è la causa della reazione del corpo.

Con una tale procedura, è meglio non usare farmaci anti-allergenici in due giorni, poiché possono influenzare il processo e non ci saranno effetti sui campioni..

Se non è possibile farlo o se i test cutanei falliscono, viene utilizzato un esame del sangue per determinare la quantità di immunoglobulina IgE. Esiste un'analisi generale - misura il numero totale di anticorpi nel sangue - e un'analisi speciale che identifica il numero di IgE specifiche. Il secondo metodo viene spesso utilizzato per rilevare reazioni allergiche a determinati tipi di alimenti..

Un altro modo è un'applicazione cutanea. Adatto a reazioni cutanee come dermatiti o eczemi. Speciali piastre metalliche di non più di un centimetro di circonferenza sono attaccate all'allergene e applicate sul retro del soggetto per due giorni. Se dopo questo periodo non vengono rilevate reazioni, la persona viene nuovamente inviata per due giorni di ricerca senza piastre per escludere una reazione ritardata del corpo. Con questo metodo, non puoi fare il bagno o la doccia: l'area di ricerca sulla pelle dovrebbe essere sempre asciutta.

Se nulla aiuta o i risultati non forniscono dati specifici, ricorrere all'aiuto di test provocatori. Tali test vengono eseguiti rigorosamente sotto la supervisione di un medico in ospedale e includono l'uso di prodotti alimentari che potrebbero causare una reazione allergica. Un allergene viene introdotto nel corpo e, con una risposta ripetuta del corpo, lo studio si interrompe e i medici iniziano il trattamento.

Pronto soccorso per le allergie

Se avverti bruciore o prurito sulla pelle, congestione nasale improvvisa o segni di mal di gola, inizia a starnutire spesso e si verifica una possibile reazione allergica, procedi come segue:

  1. Risciacquare con acqua calda l'area di contatto prevista con l'allergene sulla pelle, sul naso o sulla bocca.
  2. Se sei stato morso da un insetto e una puntura è rimasta sul sito del morso, rimuovilo.
  3. Sbarazzati dell'allergene se è vicino: fiori, animali domestici - trasferiscili in un'altra stanza o limita il contatto con loro.
  4. Applicare una benda imbevuta di acqua fredda sulla pelle.
  5. Prendi un antiallergico.
  6. Se non ti senti meglio o le tue condizioni peggiorano, chiama un'ambulanza o vai in ospedale da solo se sei in grado di farlo.

Se i sintomi indicano una grave reazione allergica con gravi conseguenze - arrossamento di una vasta area o di tutto il corpo, vomito, mancanza di respiro o respiro pesante, raucedine o difficoltà a parlare, chiamare immediatamente un'ambulanza.

Rilasciare il paziente dagli abiti che interferiscono con la respirazione. Dare a una persona farmaci antiallergenici se sono in grado di prenderli. Attendere la squadra di ambulanze senza lasciare il paziente e monitorare le sue condizioni.

Tipi di reazioni allergiche

I tipi di allergie sono divisi in base al luogo di contatto e alla manifestazione della reazione:

  • cibo - la reazione del corpo ai prodotti: uova, latte, pollo, pesce, segale. Sintomi: prurito, eczema, arrossamento della pelle, dolore addominale, vomito e altri segni;
  • orticaria - dermatite allergica, manifestata dalla comparsa di vesciche rosa pallide, come dopo un'ustione di ortica;
  • la febbre da fieno è una risposta del sistema immunitario al polline delle piante. Sintomi: violazione dell'olfatto, soffocamento, bronchite e altri segni;
  • la congiuntivite allergica è un tipo di febbre da fieno che colpisce gli occhi: l'infiammazione si verifica nella congiuntiva - la parte superiore che copre lo strato bianco dell'occhio. Sintomi: lacrimazione, prurito, gonfiore degli occhi;
  • rinite allergica - una reazione della mucosa nasale agli allergeni. Manifestazioni: prurito, starnuti ripetuti, gonfiore della mucosa;
  • dermatite atopica - dermatite allergica cronica. Caratteristico per soggetti con predisposizione genetica all'atopia.

Se dividiamo le reazioni del corpo in base all'azione sugli organi umani, possiamo distinguere i seguenti tipi:

  1. Cutanea: contatto con sostanze chimiche, farmaci, determinati alimenti e polline delle piante.
  2. Respiratorio - tutti gli allergeni che passano attraverso le vie respiratorie: polline, polvere, peli di animali domestici, aerosol e spray.
  3. Cibo - tutto ciò che riguarda il cibo - di solito proteine, bacche, zucchero, frutta.
  4. Infettivo - parassiti intestinali e microrganismi infettivi.
  5. Ultravioletto: alla luce del sole. La reazione appare sulla pelle sotto forma di prurito, arrossamento, vesciche, secchezza dello strato superiore della pelle.

Tipi di reazioni allergiche

I tipi di allergie si dividono in:

  1. Anafilattico - una reazione istantanea del corpo. Passa ancora più velocemente nei bambini. Si manifesta sotto forma di orticaria, rinite, asma e shock anafilattico. È caratterizzato da un esteso rilascio di istamina per prevenire un secondo attacco dell'allergene. È accompagnato da vasodilatazione, gonfiore della mucosa e contrazione muscolare;
  2. Citolitico: la reazione del corpo è finalizzata alla distruzione delle proprie cellule. È causato più spesso dai farmaci;
  3. Immunocomplesso: si manifesta dopo poche ore. Ciò è dovuto al fatto che le immunoglobuline interagiscono con gli allergeni e in un tale fascio si depositano sulle pareti dei vasi sanguigni, restringendo il flusso sanguigno e causando dermatiti, congiuntivite, artrite e molte altre malattie;
  4. Ipersensibilizzazione: la reazione del corpo si verifica dopo circa un giorno ed è causata non da un allergene, ma da sostanze formate a seguito del contatto con esso. Sintomi: infiammazione della mucosa nasale, rinite, vari tipi di dermatiti, asma e altri tipi di reazioni.

Come e come trattare le allergie? Prevenzione delle allergie

Se sai di essere allergico a determinate sostanze, evita il contatto con esse. La ripetuta invasione dell'allergene nel corpo ogni volta si manifesterà peggio sul sistema immunitario e sul benessere generale..

I farmaci hanno lo scopo di ridurre l'effetto di una reazione allergica o di eliminare i sintomi che comportavano un'allergia. Prima di assumere antistaminici, è necessario consultare il proprio medico: identificare la dose accettabile per lei, la possibilità di utilizzo e la compatibilità con gli altri

Per alleviare i sintomi di congestione nasale, vengono prescritti sinusite, influenza, decongestionanti - farmaci speciali che agiscono sulla mucosa nasale. La riduzione dell'edema si verifica a causa del restringimento dei vasi sanguigni. L'uso di tali farmaci non è raccomandato ai bambini di età inferiore ai 12 anni e alle madri che allattano. Non continuare a usare per più di 5-7 giorni - esiste la probabilità di un effetto inverso e complicazioni dei sintomi allergici.

Gli spray steroidi possono essere utilizzati per gli stessi risultati. Hanno un basso assorbimento e quasi nessun effetto collaterale. A meno che il sangue non possa andare nel naso in caso di uso molto lungo.

L'iposensibilizzazione è un metodo di trattamento in cui le dosi di allergene che aumentano ogni volta che vengono introdotte nel corpo per ridurre la sensibilità del corpo ad esso. Questo tipo di trattamento viene utilizzato in caso di un tipo complesso di allergia o puntura di insetto. Il trattamento si svolge in un ospedale sotto la supervisione di medici curanti.

Se dai un'occhiata più da vicino alle cause delle allergie, vedremo che il pericolo sta nello spazio intorno a noi. Con la crescita di tecnologie e attrezzature industriali, imprese e fabbriche, ci sono più allergeni nell'aria, i prodotti hanno un sapore sintetico e le condizioni climatiche in molte regioni sono molto tristi. Trovare un rimedio che aiuta con le allergie diventa difficile e si allunga per molto tempo.

Per non cadere nella trappola del tuo corpo, dovresti prenderti cura in anticipo dell'assenza di possibili allergeni. Come minimo, arieggia la tua casa il più spesso possibile. Mantieni pulito e ordinato nell'appartamento, spesso fai la pulizia bagnata. Prova a cambiare i vestiti sporchi almeno una volta alla settimana. Bevi acqua pulita, metti un filtro per non preoccuparti della sua qualità. Guarda i tuoi animali domestici, contatta il tuo veterinario se pensi che qualcosa non vada nell'animale.

Anche se non hai abbastanza tempo per seguire tutto, puoi facilmente ottimizzare questi processi. La modernità offre molte soluzioni per mantenere la pulizia della casa: aspirapolvere robot automatici per la pulizia di pavimenti e tappeti, depuratori d'aria per chi soffre di allergie, respiratori per mantenere la freschezza dell'atmosfera in casa, stazioni base per controllare il livello ottimale di microclima interno confortevole. Un semplice sfiato aiuterà a risolvere il problema della carenza di aria fresca pulita, indipendentemente da dove vivi. La stazione base Magic Air manterrà i parametri ottimali e non sarà necessario controllare nient'altro.

La pulizia della casa è la prima cosa a cui dovresti prestare attenzione in caso di frequenti reazioni allergiche. Se questo non aiuta, consultare un medico e identificare eventuali cause di eruzione cutanea, arrossamento, prurito della pelle o altri sintomi. L'ipersensibilità di un organismo è la sua qualità inalienabile, ma con un trattamento adeguato non avvelenerà la tua vita in alcun modo. Abbi cura di te e prendi tutte le misure per prevenire reazioni allergiche.