Conclusioni del campione di spirometria

Allergeni

La conclusione dovrebbe includere i seguenti elementi:

- frequenza specifica in min. (con respirazione calma) e le sue caratteristiche: normo-, tachimetro, bradipnea;

- caratteristica di BS (con respirazione calma): eu-, iper-, ipopnea;

- caratteristica di VC, MVL e FEV1 (di ciascun indicatore separatamente): normale, sopra o sotto la norma;

- tipo di insufficienza respiratoria: ostruttiva, restrittiva, mista;

- Caratteristica RD: normale o ridotta.

Esempio di conclusione: BH = 15 / min, tachipnea, eupnoea. ZhEL, MVL e FEV1 al di sotto della norma. Tipo misto di insufficienza respiratoria. Le riserve respiratorie sono ridotte..

Blocco informativo n. 1.

Lo scambio di gas. Regolazione del respiro

Nel processo di respirazione esterna, si verifica lo scambio di gas nei polmoni, a causa della composizione dell'aria alveolare ed espirata.

La composizione gassosa dell'aria inalata, alveolare ed espirata

Gas respiratorioAria inalataAria alveolareAria espirata
DI2% mmHg.20,9% 160 mmHg.13,5% 104 mmHg.15,5% 120 mmHg.
Con2% mmHg.0,03% 0,2 mmHg.5,3% 40 mmHg.3,7% 27 mmHg.

Il processo di scambio di gas consiste in 3 fasi di respirazione:

2 ° stadio della respirazione. Scambio di gas tra aria alveolare e sangue.

3a fase della respirazione. Trasporto di gas nel sangue.

4 ° stadio della respirazione. Lo scambio di gas tra sangue e tessuti.

Al centro della 2 e 4 fasi la respirazione ha gli stessi meccanismi, ad es. La base dello scambio di gas tra alveoli e sangue, nonché sangue e tessuti, è un fenomeno fisico: il processo di diffusione.

Meccanismi del 2o e 4o stadio della respirazione.

Se il gas è al di sopra del liquido, passa anche facilmente in esso, dissolvendosi in esso. L'intensità della transizione dei gas in un liquido dipende dalla pressione parziale del gas sopra di esso.

La pressione del gas in una miscela con altri gas, espressa in mm RT. Art., Comunemente chiamato "pressione parziale".

La pressione di un gas disciolto in un liquido viene definita "tensione".

Con un contatto relativamente lungo di gas e liquidi in un determinato momento, la pressione parziale del gas sopra il liquido e la tensione del gas nel liquido si equivalgono.

Con una forte diminuzione della pressione parziale di uno dei gas o una diminuzione della pressione atmosferica totale, il liquido con i gas disciolti in esso inizia a "bollire" (fino a quando la pressione parziale e la tensione dei gas non vengono nuovamente livellate).

FVD con Salbutamol: caratteristiche dell'esame, preparazione, tecnica

Il respiro di una persona è un componente importante che fornisce alla persona non solo una vita normale, ma la vita stessa. Di conseguenza, i medici prestano molta attenzione alla normale respirazione, il che porta alla necessità di un esame regolare. Questo è ancora più importante quando ci sono problemi con gli organi respiratori..

In questo caso, viene sempre prescritta la FVD: un esame speciale della funzione della respirazione esterna. Per determinare le deviazioni, viene utilizzato un test con Salbutamol, un broncodilatatore del gruppo di agonisti selettivi del beta2-adrenorecettore. I risultati dell'esame prima di prendere Salbutamol e dopo sono attentamente studiati, sulla base dei quali è possibile identificare varie malattie dell'apparato respiratorio.

  • Indicazioni e controindicazioni per l'esame
  • Formazione
  • FVD
  • Informazioni sugli standard di prestazione
  • Campione con Salbutamol
  • Spirometria o spirografia con salbutamolo

A proposito di FVD

L'esame FVD è la direzione principale della diagnostica strumentale nell'identificazione delle malattie polmonologiche. Il metodo di esame include metodi di esame quali:

  • spirografia: consente di rilevare le variazioni dei volumi d'aria durante l'inspirazione e l'espirazione,
  • pneumotachometria - utilizzando questo metodo di esame, è possibile determinare la portata durante l'inspirazione e l'espirazione, che è fissata in tempo per la respirazione calma o forzata,
  • Peak Flowmetry - un metodo per determinare la velocità di picco con un volume espiratorio massimo forzato.

La respirazione è un processo vitale necessario per una persona, che consente al corpo di ricevere la quantità di ossigeno di cui le cellule hanno bisogno per la vita normale. Con una mancanza di ossigeno, le cellule iniziano a rompersi, portando a interruzioni nel funzionamento degli organi interni. Ciò accade spesso a causa di un broncospasmo. La ragione di ciò e consente di determinare l'esame dell'HPF.

Nella maggior parte dei casi, la spirometria viene utilizzata per determinare le deviazioni dalla norma nella respirazione, che consente:

  • valutare le condizioni degli organi polmonari e la loro conservazione e adempimento completo delle funzioni,
  • per determinare la presenza di violazioni delle vie aeree,
  • identificare l'ostruzione emergente - lo spasmo stesso dei bronchi,
  • determinare la presenza e la gravità dei cambiamenti patologici esistenti,
  • identificare la presenza di spasmo latente dei bronchi, che si verifica spesso con lo sviluppo di asma bronchiale o bronchite cronica,
  • diagnosticare malattie polmonari e determinarne la gravità,
  • determinare lo schema per l'ulteriore trattamento del paziente,
  • determinare l'efficacia del trattamento prescritto.

L'esame presentato viene effettuato al momento dell'attività fisica o prima e dopo l'inalazione con farmaci broncodilatatori. I benefici di FVD che usano Salbutamol saranno discussi di seguito..

Indicazioni e controindicazioni per l'esame

Il medico inizia a parlare della condotta dell'HPF quando vede il paziente come un potenziale pericolo di sviluppare una malattia polmonare - spesso il paziente stesso si lamenta dei problemi respiratori. Per l'esame, si distinguono le seguenti indicazioni:

  • malattie respiratorie croniche - bronchite, polmonite, asma,
  • patologie con danno primario ai vasi polmonari - ipertensione, arterite, trombosi,
  • disturbi nella posizione o nella funzione del diaframma - postura compromessa, obesità, paralisi muscolare, ormeggi pleurici,
  • nevrosi diagnosticata,
  • malattie degli organi interni che provocano mancanza di respiro in un paziente.

Inoltre, viene effettuato un esame dell'HPF nei seguenti casi:

  • prima dell'occupazione, dove si notano condizioni di lavoro dannose,
  • prima dell'intervento chirurgico con la necessità di anestesia per intubazione,
  • durante lo screening per i cambiamenti.

Non dobbiamo dimenticare le controindicazioni allo svolgimento della funzione di alta pressione, che includono:

  • patologia acuta del sistema respiratorio,
  • esacerbazione di una malattia cronica precedentemente identificata,
  • la presenza di malattie infettive,
  • l'udito e il danno mentale del paziente,
  • epilessia precedentemente diagnosticata.

L'esame FVD non viene condotto per i bambini e gli anziani di età superiore ai 75 anni.

Formazione

Ora dovremmo parlare più in dettaglio della preparazione, della condotta e dei risultati dell'esame pneumologico in esame..

Il medico racconta di più sulla preparazione, guidata dall'individualità del caso e dal paziente stesso - è importante determinare i divieti esatti in un particolare sospetto o malattia. Le caratteristiche principali della preparazione includono i seguenti punti:

  1. Prima di iniziare l'esame, è importante sedersi in una posizione rilassata o sdraiarsi in una stanza ventilata con una temperatura dell'aria non superiore a +20 gradi Celsius. Il tempo di riposo dovrebbe essere di almeno 30 minuti.
  2. Immediatamente prima dell'esame, si siedono in una posizione libera per 10 minuti.
  3. Lo specialista registra sesso, età, altezza e razza - questo viene preso in considerazione quando si studiano i risultati.
  4. Il giorno prima della FVD è vietato fumare, prendere alcolici, indossare abiti che stringono il petto. 4 ore prima della misurazione degli indicatori, non è possibile utilizzare broncodilatatori di breve durata.

È importante considerare e rispettare tutte le restrizioni e le caratteristiche in preparazione, quindi gli indicatori risultanti saranno il più affidabili possibile. Altrimenti, a condizione che i risultati rivelino qualsiasi patologia, l'HPF deve essere ripetuto.

FVD

Dopo la preparazione, iniziano l'esame stesso. Allo stesso tempo, il paziente si siede su una sedia in posizione eretta, con le mani sui braccioli. Uno specialista prepara un dispositivo spirometrico che misura gli indicatori necessari per la diagnosi - mette un boccaglio monouso su di esso. Successivamente, viene applicata una clip per naso sul naso del paziente e lo specialista richiede quanto segue:

  1. Il paziente deve inalare completamente, trattenere il respiro, rannicchiarsi fino al boccaglio ed espirare con calma. Il volume corrente è determinato in modo simile: il volume d'aria espirato durante ogni inspirazione ed espirazione di una persona.
  2. Quindi viene eseguita la stessa procedura, ma l'espirazione si verifica già con il massimo sforzo: questo consente di determinare il volume dell'aria di riserva.
  3. Ora il paziente deve inalare ed espirare il più rapidamente possibile, quindi viene determinata la capacità vitale forzata dei polmoni.

Le azioni presentate vengono eseguite più volte, dopodiché i risultati vengono studiati da uno specialista e viene emesso un verdetto.

Informazioni sugli standard di prestazione

Per determinare la patologia e altri disturbi nel sistema polmonare, vengono utilizzati gli indicatori principali. Sulla base di questi, anche altri componenti sono determinati da calcoli appropriati. Nei risultati ottenuti, il paziente incontra spesso più di 20 valori, ognuno dei quali determina uno o l'altro fattore respiratorio. Ora, dovrebbero essere forniti solo i valori di base, in caso di deviazione di cui il medico conclude che sviluppano disturbi.

IndiceCosa determinaNorma
ROVDL'aria massima che una persona può respirare in uno stato di riposo e respirazione calmaDa 1500 ml a 2000 ml negli adulti
PRIMAEsponente misurato dell'aria inspirata ed espirata ad ogni movimento ciclico300 ml a 900 ml
ROVYDAria espiratoria massima in respirazione calmaDa 1500 ml a 2000 ml
OOLIl volume di gas che rimane nei polmoni dopo l'espirazione con la massima forza applicataDa 1000 a 1500 ml

Questi indicatori sono solo di base, consentendo di determinare la presenza di problemi con il sistema respiratorio. Puoi affrontare la natura del problema solo dopo aver studiato e confrontato tutti i significati e i singoli fattori..

Va notato solo che l'affidabilità dei risultati è determinata in assenza di errori tra gli indicatori di tre ripetizioni. L'errore è consentito, ma non più che in un rapporto del 5%, e questo è solo 100 ml. In altri casi, dovrai ripetere il test.

Campione con Salbutamol

Viene eseguito un test con l'uso di salbutamolo per rilevare il tipo ostruttivo di insufficienza respiratoria: la presenza di broncospasmo. Il salbutamolo è un farmaco broncodilatatore speciale che consente di determinare il grado di reversibilità dei cambiamenti e la gravità delle malattie.

Il sondaggio viene condotto due volte. Innanzitutto, il paziente espira nel dispositivo prima di utilizzare Salbutamol. Dopo aver fissato gli indicatori, al paziente è consentito fare 2-3 respiri con un inalatore, in cui il farmaco è stato precedentemente versato per il test. Dopo 15-30 minuti, la procedura HPF viene ripetuta di nuovo, i cui indicatori vengono anche registrati. Successivamente, il medico determina o meno un test positivo..

Un test positivo viene diagnosticato quando si determina il valore aumentato del volume espiratorio forzato in 1 secondo (FEV1) del 12%, che in un valore quantitativo è di 200 ml. L'indicatore FEV1 può essere più, ma significa che l'ostruzione rilevata è reversibile e dopo aver assunto la forma di inalazione con Salbutamolo, la pervietà bronchiale è significativamente migliorata - questo rende possibile ripristinare il sistema respiratorio.

Se il test con Salbutamol è negativo, ciò significa che l'ostruzione bronchiale non è reversibile e che i bronchi non reagiscono in alcun modo all'uso di un broncodilatatore nel trattamento.

Questo è importante: prima di esaminare FVD con Salbutamol per 6 ore, sono vietati altri farmaci broncodilatatori.

Spirometria o spirografia con salbutamolo

La spirometria è un test standard della funzione e del volume polmonare, che consente di stabilire possibili cause di scambio di gas. La spirografia è un esame grafico del volume polmonare e della velocità dell'aria espiratoria registrando gli indicatori nel tempo.

Ma né la spirometria né la spirografia danno un risultato accurato e più affidabile. Spesso i broncospasmi latenti rimangono inosservati usando tecniche di esame standard..

Un'altra cosa è l'uso del broncodilatatore Salbutamol. Nel caso della spirometria, il farmaco consente di determinare i disturbi respiratori nascosti. La spirometria con l'uso di salbutamolo fornisce un quadro più accurato della funzionalità della respirazione e rivela persino un broncospasmo latente.

Tale uso è necessario quando il paziente lamenta difficoltà respiratorie caratteristiche, ma i metodi di esame standard non hanno rivelato deviazioni.

Paziente Maria, 54 anni. Ha un fisico pieno, consultato un medico con problemi respiratori - si forma periodicamente un respiro convulso. A causa di tali difficoltà respiratorie, sono comparsi mal di testa e un aumento della pressione sanguigna. Un esame di spirometria di routine non ha rivelato problemi respiratori..

Tuttavia, dopo aver applicato Salbutamol, i medici hanno rivelato broncospasmo latente. Il motivo è stato stabilito dopo - spostamento del diaframma a causa di una maggiore quantità di grasso sugli organi interni della cavità addominale. Dieta raccomandata per la perdita di peso e l'assunzione di farmaci broncodilatatori.

In caso di problemi respiratori, non rimandare una visita dal medico. Nel più breve tempo possibile, verrà effettuato un esame dell'HPF, che determinerà la causa del sistema respiratorio compromesso e prescriverà un trattamento adeguato.

Spirometria: obiettivi, indicazioni e controindicazioni, indicatori dello stato dei polmoni, come viene eseguita la procedura, norme, decodifica dei risultati, dove farlo, prezzo. Spirometria e spirografia

Il sito fornisce informazioni di riferimento a solo scopo informativo. La diagnosi e il trattamento delle malattie devono essere effettuati sotto la supervisione di uno specialista. Tutti i farmaci hanno controindicazioni. È richiesta la consultazione di uno specialista!

La spirometria è un metodo di misurazione dei volumi e dei flussi polmonari (velocità) dell'aria sullo sfondo della respirazione calma e delle manovre respiratorie. In altre parole, durante la spirometria, viene registrato quali volumi d'aria e con quale velocità entrano nei polmoni durante l'inalazione, vengono espulsi all'espirazione, rimangono dopo l'inalazione e l'espirazione, ecc. La misurazione dei volumi polmonari e della velocità dell'aria durante la spirometria consente di valutare la funzione della respirazione esterna.

Cos'è la procedura spirometrica? una breve descrizione di

Quindi, la spirometria è un metodo diagnostico funzionale progettato per valutare la funzione della respirazione esterna misurando il volume e la velocità del movimento dell'aria durante i movimenti respiratori a riposo e sotto stress. Cioè, durante la spirometria, una persona esegue inalazioni ed esalazioni normali e calme, inspira ed espira con forza, inspira ed espira dopo che l'inalazione o espirazione principale è già stata effettuata e durante tali manovre respiratorie, un dispositivo speciale (spirometro) registra il volume e la velocità del flusso d'aria che entra nei polmoni ed espira da loro. Una successiva valutazione di tali volumi di marea e portate d'aria ci consente di valutare lo stato e la funzione della respirazione esterna.

La funzione della respirazione esterna è di ventilare i polmoni con lo scambio di aria e gas, quando il livello di anidride carbonica nel sangue diminuisce e l'ossigeno aumenta. Il complesso di organi che fornisce la funzione della respirazione esterna è chiamato respirazione esterna sistemica ed è costituito da polmoni, circolazione polmonare, torace, muscoli respiratori (muscoli intercostali, diaframma, ecc.) E dal centro respiratorio nel cervello. Se si sviluppano disturbi nel funzionamento di qualsiasi organo del sistema di respirazione esterno, ciò può portare a insufficienza respiratoria. La spirometria consente di valutare in modo completo come normale la funzione di respirazione esterna viene svolta dal sistema di respirazione esterno e come soddisfa le esigenze del corpo.

Lo studio della funzione della respirazione esterna durante la spirometria può essere utilizzato con una vasta gamma di indicazioni, poiché i suoi risultati consentono la diagnosi precoce della patologia del sistema broncopolmonare, delle malattie neuromuscolari, la valutazione delle dinamiche dello sviluppo della patologia, l'efficacia della terapia, nonché le condizioni del paziente durante la riabilitazione, l'esame medico (ad es. militari, atleti che lavorano con sostanze nocive, ecc.). Inoltre, è necessaria una valutazione della funzione della respirazione esterna per selezionare il regime ottimale di ventilazione meccanica (ALV), nonché per decidere quale tipo di anestesia può essere somministrata al paziente per l'operazione imminente.

Varie malattie che si verificano con una violazione della funzione della respirazione esterna (BPCO, asma, enfisema, bronchite ostruttiva, ecc.) Si manifestano con sintomi simili, come mancanza di respiro, tosse, ecc. Tuttavia, le cause e il meccanismo di sviluppo di questi sintomi possono differire notevolmente. Ma è la conoscenza delle giuste cause e meccanismi dello sviluppo della malattia che consente al medico di prescrivere il trattamento più efficace in ciascun caso. La spirometria, che consente di valutare la funzione della respirazione esterna e la natura dei disturbi in essa presenti, consente di stabilire con precisione il tipo di insufficienza respiratoria esterna e il meccanismo del suo sviluppo. Quindi, attualmente, a seconda del principale meccanismo di danno, si distinguono i seguenti tipi di disturbi della funzione respiratoria:

  • Tipo ostruttivo, a causa di una violazione del passaggio di un flusso d'aria attraverso i bronchi (ad esempio, con spasmo, gonfiore o infiltrazione infiammatoria dei bronchi, con una grande quantità di espettorato viscoso nei bronchi, con deformità bronchiale, con collasso bronchiale all'espirazione);
  • Tipo restrittivo, a causa di una diminuzione dell'area degli alveoli polmonari o di bassa estensibilità del tessuto polmonare (ad esempio, sullo sfondo della pneumosclerosi, rimozione di una parte del polmone durante l'intervento chirurgico, atelettasia, malattie pleuriche, forma del torace anormale, compromissione dei muscoli respiratori, insufficienza cardiaca, ecc.) ;
  • Tipo misto, quando vi è una combinazione di cambiamenti sia ostruttivi che restrittivi nei tessuti degli organi respiratori.

La spirometria consente di rilevare entrambi i tipi di disturbi respiratori ostruttivi e restrittivi, nonché di distinguere l'uno dagli altri e, di conseguenza, di prescrivere il trattamento più efficace, fare previsioni corrette per il corso della patologia, ecc..

La conclusione della spirometria indica la presenza, la gravità e la dinamica di tipi ostruttivi e restrittivi di funzionalità respiratoria compromessa. Tuttavia, la sola spirometria non è sufficiente per fare una diagnosi. Dopotutto, i risultati finali della spirometria vengono analizzati dal medico curante in combinazione con sintomi, dati di altri esami e solo sulla base di questi dati aggregati viene fatta una diagnosi e viene prescritto un trattamento. Se i dati della spirometria non coincidono con i sintomi e i risultati di altri studi, viene prescritto un esame approfondito del paziente al fine di chiarire la diagnosi e la natura delle violazioni.

Lo scopo della spirometria

La spirometria viene eseguita ai fini della diagnosi precoce dei disturbi respiratori, del chiarimento della malattia che si verifica con difficoltà respiratoria, nonché per valutare l'efficacia della terapia e le misure di riabilitazione. Inoltre, la spirometria può essere utilizzata per prevedere l'ulteriore decorso della malattia, selezionare il metodo di anestesia e ventilazione meccanica (ventilazione meccanica), valutare la disabilità, monitorare lo stato di salute delle persone che lavorano con sostanze nocive sul posto di lavoro. Cioè, lo scopo principale della spirometria è valutare la vitalità degli organi che garantiscono la normale respirazione.

Spirometria FVD

Il termine "spirometria FVD" non è del tutto corretto, poiché l'abbreviazione "FVD" sta per funzione della respirazione esterna. E la funzione della respirazione esterna è ciò che viene stimato usando il metodo spirometrico.

Spirometria e spirografia

La spirometria è il nome del metodo durante il quale vengono registrati volumi polmonari e portate d'aria durante vari movimenti respiratori. E la spirografia è una rappresentazione grafica dei risultati della spirometria, quando i parametri misurati non sono visualizzati sullo schermo o nella tabella, ma sotto forma di un grafico consolidato in cui il flusso d'aria (velocità del flusso d'aria) è tracciato su un asse e il tempo sull'altro asse. uno è flusso e l'altro è volume. Poiché durante la spirometria vengono eseguiti vari movimenti respiratori, uno spirogramma può essere registrato per ciascuno di essi. La totalità di tali spirogrammi è il risultato della spirometria, presentata sotto forma di grafici e non di elenchi di valori in una colonna o tabella.

Indicazioni per la spirometria

La spirometria è indicata per i seguenti casi:

1. Una valutazione obiettiva dei cambiamenti nel lavoro degli organi respiratori in presenza di sintomi di insufficienza respiratoria (respiro corto, stridore, tosse, produzione di espettorato, dolore toracico, incapacità di inalare in varie posizioni);

2. Valutazione della gravità dei disturbi della respirazione esterna sullo sfondo dei segni patologici di malattie dell'apparato respiratorio rivelati durante l'esame (indebolimento della respirazione e del rumore nei polmoni in base all'ascolto con uno stetofonendoscopio, difficoltà a espirare, deformazione del torace);

3. Valutazione dei disturbi nella funzione della respirazione esterna in caso di deviazioni rivelate nei valori degli esami strumentali e di laboratorio (ipercapnia, ipossia, aumento del numero di globuli rossi, globuli bianchi e piastrine nel sangue, alterazioni dei raggi X, tomografia, ecc.);

4. La presenza di malattie della trachea, dei bronchi, dei polmoni o degli organi mediastinici (ad esempio enfisema, broncopneumopatia cronica ostruttiva, bronchite, bronchiectasie, tracheite, pneumosclerosi, asma bronchiale, tumori che restringono il lume dei bronchi, ecc.);

5. Malattie del sistema cardiovascolare che si verificano con insufficienza circolatoria;

6. Malattia neuromuscolare;

7. Anomalie nello sviluppo o nel trauma del torace;

8. Lo scopo del gruppo di beta-bloccanti (Bisoprolol, Metoprolol, Timolol, Nebivolol, ecc.) Per la selezione del farmaco e del dosaggio ottimali;

9. Monitoraggio dell'efficacia della terapia o delle misure di riabilitazione;

10. Selezionare il tipo di anestesia e ventilazione meccanica prima dell'operazione imminente;

11. Esami preventivi di persone che hanno un alto rischio di sviluppare disturbi respiratori (fumatori che soffrono di rinite cronica, insufficienza cardiaca, vivono in condizioni ambientali avverse, lavorano con sostanze che influenzano negativamente polmoni e bronchi, ecc.);

12. Al fine di valutare l'idoneità professionale (militari, atleti, ecc.);

13. Valutazione della prognosi della funzione di trapianto polmonare;

14. Monitoraggio del grado di insufficienza respiratoria durante l'assunzione di farmaci che hanno effetti tossici sui polmoni;

15. Valutazione dell'effetto della malattia di qualsiasi organo o sistema sulla funzione della respirazione esterna.

Prima di tutto, la spirometria è indicata per le persone che hanno disturbi del sistema respiratorio (respiro corto, tosse, espettorato, dolore toracico, naso che cola cronico, ecc.) E / o cambiamenti patologici nei polmoni su radiografia, tomografia e anche violazioni della composizione gassosa del sangue e policitemia (un aumento simultaneo del numero di globuli rossi, globuli bianchi e piastrine nel sangue).

Inoltre, la spirometria dovrebbe essere ampiamente utilizzata per un esame completo periodico di fumatori, atleti e persone che lavorano in condizioni dannose, vale a dire coloro che sono a maggior rischio di sviluppare problemi respiratori.

Controindicazioni alla spirometria

La spirometria è controindicata nei seguenti casi:

  • Gravi condizioni generali del paziente;
  • pneumotorace;
  • Tubercolosi attiva;
  • Si è trasferito meno di due settimane fa pneumotorace;
  • Infarto miocardico, ictus o episodio di incidente cerebrovascolare acuto hanno subito meno di tre mesi fa;
  • Chirurgia degli occhi, degli organi della cavità addominale o toracica meno di due settimane fa;
  • Emottisi;
  • Scarico di espettorato in quantità molto grandi;
  • Disorientamento del paziente nello spazio, nella situazione e nel tempo;
  • Inadeguatezza del paziente;
  • Rifiuto o incapacità di collaborare con un operatore sanitario che esegue spirometria (ad esempio bambini piccoli, persone con ritardo mentale, non parlare la lingua a un livello sufficiente, ecc.);
  • Asma bronchiale grave;
  • Epilessia (stabilita o sospettata): è possibile eseguire la spirometria, escluso lo studio del parametro MVL (ventilazione massima).

L'età del paziente non è una controindicazione per la spirometria.

Indicatori di spirometria (dati)

Di seguito considereremo quali indicatori vengono misurati durante la spirometria e indicheremo che riflettono.

Il volume corrente (DO) è il volume d'aria che entra nei polmoni in un respiro con una respirazione normale e calma. Normalmente, DO è 500 - 800 ml, misurato durante una manovra respiratoria per correggere VC (capacità polmonare).

Il volume inspiratorio di riserva (Rvd.) È il volume d'aria che può essere inalato ulteriormente nei polmoni dopo aver eseguito una calma inspirazione regolare. Misurato durante l'esecuzione della manovra respiratoria per registrare VC.

Il volume espiratorio di riserva (RVyvd.) È il volume d'aria che può essere espirato ulteriormente dai polmoni dopo aver eseguito una normale espirazione silenziosa. Misurato durante l'esecuzione della manovra respiratoria per registrare VC.

La capacità inspiratoria (Evd.) È la somma del volume corrente (DO) e del volume inspiratorio di riserva (Rvd.). Il valore del parametro viene calcolato matematicamente e riflette la capacità dei polmoni di allungarsi.

La capacità vitale dei polmoni (VC) è il volume massimo di aria che una persona può inalare dopo aver eseguito l'espirazione più profonda. È determinato durante l'esecuzione della manovra per determinare il VC. È la somma del volume corrente (DO), il volume di riserva dell'ispirazione (ROvd.) E il volume di riserva dell'espirazione (ROvid). Inoltre, VC può essere rappresentato come la somma della capacità inspiratoria (Evd.) E del volume espiratorio della riserva (ROvid.). JELL consente di identificare e controllare il decorso delle malattie polmonari restrittive (pneumosclerosi, pleurite, ecc.)

La capacità vitale forzata dei polmoni (FVC) è il volume d'aria che può essere espirato con espirazione intensiva e rapida dopo la massima inalazione. FVC consente di diagnosticare malattie ostruttive (bronchite, asma, broncopneumopatia cronica ostruttiva, ecc.). Misurato quando si esegue una manovra per la registrazione FVC.

Frequenza respiratoria (BH): il numero di cicli di inalazione-espirazione che una persona esegue entro un minuto con calma respirazione normale.

Il volume respiratorio minuto (MOD) è la quantità di aria che entra nei polmoni per un minuto con la normale respirazione normale. Calcolato matematicamente moltiplicando la frequenza respiratoria (BH) per il volume corrente (DO).

Durata del ciclo respiratorio (Tt) - la durata del ciclo inspiratorio-espiratorio, misurata con la normale respirazione calma.

Massima ventilazione polmonare (MVL): la quantità massima di aria che una persona può pompare attraverso i polmoni per un minuto. Misurato durante una speciale manovra respiratoria per determinare la MVL. La MVL può anche essere calcolata matematicamente moltiplicando il FEV1 per 40. MVL consente di identificare la gravità del restringimento delle vie respiratorie, nonché di diagnosticare malattie neuromuscolari che portano a un deterioramento della funzione della respirazione esterna a causa dell'indebolimento dei muscoli respiratori.

Volume espiratorio forzato per il primo secondo del flusso espiratorio forzato (FEV1): rappresenta il volume d'aria espirato dal paziente durante il primo secondo durante l'esecuzione dell'espirazione forzata. Questo indicatore risponde a qualsiasi patologia (ostruttiva e restrittiva) del tessuto polmonare. Riflette completamente e bene l'ostruzione (restringimento) delle vie aeree. La misurazione viene eseguita durante l'esecuzione della manovra FVC.

La massima velocità volumetrica dell'aria (MOS, MOS 25, MOS 50, MOS 75) - rappresenta la velocità del movimento dell'aria durante l'espirazione 25% di FVC (MOS 25), 50% di FVC (MOS 50) e 75% di FVC (MOS 75). Misurato durante l'esecuzione della manovra per determinare l'FVC. MOS 25, MOS 50 e MOS 75 consentono di identificare le fasi iniziali dell'ostruzione bronchiale, quando i sintomi possono ancora essere assenti.

La velocità volumetrica media di espirazione forzata (SOS 25 - 75) - è la portata media del flusso d'aria durante l'espirazione forzata, misurata durante il periodo in cui l'espirazione era compresa tra il 25% e il 75% di FVC. Riflette le condizioni di piccoli bronchi e bronchioli.

Portata espiratoria volume di picco (POSv.) - rappresenta la velocità massima che viene fissata al flusso d'aria durante l'espirazione durante l'esecuzione della manovra FVC.

Tempo per raggiungere PIC (Tpos) - il periodo di tempo durante il quale viene raggiunta la velocità massima del flusso d'aria durante la scadenza forzata. Misurato durante l'esecuzione della manovra FVC. Riflette la presenza e il grado di ostruzione delle vie aeree.

Tempo di scadenza forzata (TFZHEL): il periodo durante il quale una persona esegue completamente una scadenza forzata.

Test di Tiffno (rapporto FEV1 / VC) e indice di Gensler (FEV1 / FVC). Sono espressi in percentuale e consentono di distinguere tra disturbi ostruttivi e restrittivi. Con i disturbi ostruttivi, i valori del test di Tiffno e dell'indice di Gensler diminuiscono, mentre con quelli restrittivi rimangono normali o addirittura aumentano.

Preparazione per la spirometria

Prima di tutto, in preparazione alla spirometria, devi misurare la crescita e pesarti per conoscere l'altezza e il peso esatti. Questi dati sono importanti per la successiva determinazione di quali limiti delle fluttuazioni dei parametri spirometrici debbano essere considerati la norma per un dato individuo.

Idealmente, prima della spirometria, si dovrebbe astenersi dal fumare durante il giorno, ma se ciò non è possibile, non fumare per almeno un'ora prima del test. L'ultimo pasto dovrebbe essere effettuato 2 ore prima della spirometria, ma se questo non è possibile per qualsiasi motivo, allora dovresti astenersi dal mangiare cibo in abbondanza per due ore prima dello studio ed accontentarti di uno spuntino leggero. Inoltre, l'assunzione di alcol dovrebbe essere esclusa almeno 4 ore prima della spirometria e l'esercizio fisico intenso dovrebbe essere preso 30 minuti prima. In generale, è auspicabile escludere l'alcol, nonché la tensione fisica, psico-emotiva e nervosa, un giorno prima dello studio.

Inoltre, prima dello studio, è necessario escludere l'uso dei seguenti farmaci:

  • Agonisti beta-adrenergici per via inalatoria ad azione breve (ad esempio Fenoterol, Salbutamol, ecc.) - escludere almeno 8 ore prima dello studio;
  • Agonisti beta-adrenergici per via inalatoria ad azione prolungata (ad esempio Salmeterolo, Formoterolo) - escludere almeno 18 ore prima dello studio;
  • Agonisti beta-adrenergici orali (per somministrazione orale) (clenbuterolo, terbutalina, esoprenalina, ecc.) - escludono l'assunzione almeno un giorno prima dello studio;
  • Colinolitici (Urotol, Ridelat C, Atropine, Scopolamine, Gomatropin, Methyldiazil) - escludere l'assunzione almeno 8 ore prima dello studio;
  • Teofilline (Teofillina, Teobromina, ecc.) - escludono la ricezione 2 giorni prima dello studio;
  • Antistaminici (Erius, Telfast, Claritin, Fenistil, Parlazin, ecc.) - escludere 4 giorni prima dello studio (farmaci con astemizolo - 6 settimane).

Alla vigilia dello studio, caffè, tè ed eventuali bevande contenenti caffeina (energia, Coca-Cola, Pepsi-Cola, ecc.) Dovrebbero essere esclusi dalla dieta.

Per sottoporsi allo studio, dovresti indossare abiti larghi che non stringano e stringono lo stomaco e il torace.

È ottimale fare spirometria al mattino dopo una colazione leggera o anche a stomaco vuoto. Poiché poco prima dello studio è necessario riposare per 10-15 minuti, si consiglia di venire in clinica un po 'prima del tempo per il quale è prescritta la spirometria. Prima di entrare nell'ufficio di diagnostica funzionale, è consigliabile urinare in modo che l'impulso di fare pipì non interferisca con la spirometria.

Come viene eseguita la spirometria (metodologia di ricerca)

Dopo che il paziente è entrato nella stanza di diagnostica funzionale, l'assistente di laboratorio gli offrirà di sedersi su una sedia, sintonizzarsi sul prossimo studio, se necessario, per slacciare o allentare i vestiti sul petto e sull'addome. Mentre il paziente si sta preparando mentalmente per la spirometria, l'assistente di laboratorio installa il dispositivo spirometrico, spiega cosa accadrà durante lo studio, cosa dovrà fare la persona, come farlo correttamente, suggerisce l'allenamento, ecc..

Quindi, a colpo sicuro, il medico registra l'altezza, il peso e l'età del paziente, chiede se sono state seguite le regole per la preparazione alla spirometria, quali farmaci sono stati presi di recente e in quali dosaggi. Tutte queste informazioni si riflettono nella documentazione medica, in quanto possono influenzare i risultati e dovranno essere prese in considerazione durante la decodifica dello spirogramma.

Successivamente, il medico pone il paziente davanti al dispositivo in posizione seduta (in modo ottimale su una sedia con braccioli), dà un bocchino e spiega come posizionarlo correttamente in bocca. Il boccaglio deve essere strettamente coperto dalle labbra e premuto delicatamente con i denti dal bordo in modo che la lingua non interferisca con il passaggio del flusso d'aria, ma allo stesso tempo non morda. Se una persona ha una dentiera, quindi, di norma, non è necessario rimuoverla per sottoporsi a spirometria. Le protesi vengono rimosse solo in quei casi in cui i risultati mostrano che lo studio non è informativo, poiché i denti non stringono delicatamente il boccaglio e le incisioni all'aria. Se le labbra non coprono strettamente il boccaglio, è necessario tenerle con le dita.

Dopo che l'esaminato afferra correttamente il boccaglio, l'ufficiale medico inserisce una clip nasale attraverso un singolo tovagliolo, in modo che l'aria mentre inspiri ed espiri provenga solo attraverso lo spirometro e, di conseguenza, il suo volume e la velocità siano completamente registrati.

Inoltre, il medico dice e spiega quale tipo di manovra respiratoria deve essere eseguita, e il paziente la esegue. Se la manovra si è conclusa male, allora è di nuovo fatta. Tra le manovre di respirazione, il paziente può riposare per 1-2 minuti.

Lo studio dei parametri spirometrici viene eseguito nel seguente ordine: prima VC, poi FVC e alla fine della MVL. Tutti gli altri parametri spirometrici vengono registrati durante le manovre di respirazione per misurare VC, FVC e MVL. Cioè, infatti, il paziente deve eseguire tre tipi di manovre respiratorie, durante le quali sarà possibile determinare tutti i parametri della spirometria e fissarne i valori.

Quindi, prima di tutto, durante la spirometria, viene misurato il VC. La misurazione del VC in base alle caratteristiche del dispositivo può essere effettuata in due modi. Il primo modo: prima devi espirare con calma la massima quantità possibile di aria, quindi eseguire il massimo respiro calmo e dopo passare alla respirazione normale. Il secondo modo: prima devi prendere il massimo respiro calmo, poi la stessa espirazione e passare alla respirazione normale. Il secondo metodo è simile a un respiro profondo, di solito è meglio tollerato ed eseguito. Tuttavia, il metodo di misurazione del VC è determinato dalle caratteristiche del dispositivo e pertanto sarà necessario eseguire le manovre del primo o del secondo metodo senza il diritto di scegliere.

Nei casi in cui la spirometria viene eseguita per pazienti indeboliti e gravemente malati, la VC può essere misurata in due fasi: nella prima fase, una persona inala solo il più profondamente possibile, quindi riposa per 1-2 minuti e quindi espira solo profondamente. Cioè, l'inspirazione e l'espirazione più profonde e massime possibili sono separate e non vengono eseguite una dopo l'altra, come in tutte le altre persone.

Durante l'esecuzione delle manovre per la misurazione del VC, l'ufficiale medico monitora lo spirogramma sul monitor del dispositivo e, se non risulta essere abbastanza buono, quindi dopo aver riposato per 1 o 2 minuti, chiede di ripetere la manovra. Di solito vengono registrati tre spirogrammi, ovvero la manovra respiratoria viene eseguita tre volte, da cui viene selezionato e analizzato il migliore. Tuttavia, se una persona non è in grado di eseguire immediatamente la manovra respiratoria necessaria, non è possibile registrare tre, ma 5-6 spirogrammi per determinare la VC.

Dopo aver misurato il VC, continuano a registrare l'FVC. Per questo, al paziente viene solitamente offerto di praticare espirazione forzata senza spirometro. Per eseguire una espirazione forzata, è necessario inspirare con calma, riempiendo completamente i polmoni di aria, quindi espirare il più rapidamente possibile, tendendo i muscoli respiratori ed espirando aria nel boccaglio dello spirometro, fino a quando i polmoni sono completamente vuoti. Durante la corretta esecuzione della scadenza forzata, si sente chiaramente il suono "HE", non "FU" e le guance non si gonfiano.

Per misurare la FVC, al paziente viene chiesto di inalare i polmoni pieni d'aria, quindi prendere il boccaglio dello spirometro nella bocca ed espirare il più possibile con la massima velocità tutta l'aria, quindi inspirare di nuovo fino a quando i polmoni sono pieni. Tali manovre di respirazione espiratoria forzata vengono eseguite da 3 a 8 per ottenere la curva del grafico più accettabile per l'analisi. Tra esalazioni forzate, un medico chiede una pausa di 1-2 minuti, respirando solo con calma in questo momento.

Dopo aver misurato VC e FVC, procedere alla registrazione di MVL. Per fare questo, prendendo il boccaglio dello spirometro in bocca, una persona deve inspirare ed espirare profondamente e spesso entro 12-15 secondi. Quindi i volumi misurati di aria espirata vengono raccontati per 1 minuto ed espressi in litri al minuto. Tale manovra di respirazione frequente e profonda per la registrazione MVL viene eseguita non più di tre volte, prima di dare a ogni paziente un riposo di almeno 1 - 2 minuti. Quando si registra la MVL, può svilupparsi il fenomeno della ventilazione eccessivamente forte degli alveoli dei polmoni con aria, con conseguente debolezza, vertigini, oscuramento degli occhi. Dato il rischio di iperventilazione alveolare, la MVL non è registrata nelle persone con epilessia, insufficienza cerebrovascolare, anziani o molto deboli.

Attualmente, la misurazione MVL spesso non viene eseguita e invece di questo parametro viene utilizzata per analizzare la spirometria FEV1, che viene registrata durante la manovra espiratoria forzata durante la misurazione di FVC.

Dopo la misurazione di VC, FVC e MVL, la spirometria è considerata completa. Il paziente può alzarsi e andarsene.

Se una persona si ammala durante la spirometria, inizia l'emottisi, una tosse indomabile o separazione dell'espettorato, dolori al petto, svenimenti, "mosche" davanti agli occhi, vertigini, debolezza compaiono, quindi lo studio viene interrotto. Sfortunatamente, i pazienti debilitati non possono tollerare la spirometria a causa del fatto che durante lo studio devono esercitare sforzi considerevoli, inspirando ed espirando aria, il che porta ad un deterioramento del benessere durante il periodo di prova..

Spirometria: funzione di respirazione esterna (VC, FVC, MVL) - video

Velocità di spirometria

La questione della norma della spirometria non è semplice e esattamente gli stessi indicatori ottenuti durante l'esame di due persone diverse possono risultare normali per l'uno e patologici per l'altro. Ciò è dovuto al fatto che la norma di ciascun indicatore spirometrico viene ogni volta calcolata individualmente per una persona in particolare, tenendo conto della sua età, sesso, peso corporeo e altezza. Tale norma individuale è definita un "indicatore adeguato" ed è considerata al 100%. I valori misurati durante la spirometria sono espressi in percentuale dell'indicatore dovuto. Ad esempio, se l'indicatore corretto calcolato di VC per una persona in particolare è 5 l, e misurato durante la spirometria 4 l, il valore misurato dalla spirometria di VC è dell'80%.

I moderni dispositivi per la spirometria calcolano automaticamente i valori corretti in base ai programmi in essi incorporati, che sono considerati la norma solo per una determinata persona sottoposta a esame. E nel risultato finale, i dispositivi forniscono i valori degli indicatori misurati in percentuale dei valori corretti. E la conclusione se tutto sia normale in una persona con la funzione di respirazione esterna o meno viene fatta sulla base di quale percentuale è il valore misurato del parametro dal valore corretto.

Gli indicatori VC, FVC, MVL, SOS25-75, MOS25, MOS50, MOS75, POSvyd sono considerati normali se il loro valore è superiore all'80% di quanto previsto. Gli indicatori FEV1, SOS25-75, test Tiffno, indice Gensler sono considerati normali se il loro valore è superiore al 75% del dovuto. Indicatori DO, MOD, Rovd., Rovyd., Evd. sono considerati normali se il loro valore è superiore all'85% di quanto dovuto. Pertanto, dopo aver ottenuto il risultato della spirometria, è necessario concentrarsi sui valori percentuali indicati dei valori misurati e non sui numeri assoluti, che in relazione a una determinata persona non forniscono alcuna informazione completa.

Gradazioni percentuali più accurate della norma e patologia della respirazione esterna secondo Clement e Zilbert sono presentate nella tabella seguente.

IndiceEntro limiti normaliPatologia della respirazione esterna
Molto leggeroFacileModeraresignificativoMolto significativoAcutoEstremamente nitido
Bambini di età inferiore ai 18 anni
JELL79 - 112736761544842˂ 42
FZHEL78 - 113736862575247˂ 47
FEV178 - 113736762575146˂ 46
Posvyd72 - 117645546382921˂ 21
MOS2571 - 117635546382921˂ 21
MOS5071 - 1176151413121diecidieci
MOS7561 - 12353453628diciannoveundiciundici
SOS25-7560 - 124493928187Meno di 7˂ 7
Uomini di età superiore ai 18 anni
JELL81 - 111756962565044˂ 44
FZHEL79 - 112746964585348˂ 48
FEV180 - 112756964595347˂ 47
Tiffno84 - 110787265585246˂ 46
Posvyd74 - 116665749403223˂ 23
MOS2570 - 1186153443628diciannovediciannove
MOS5063 - 12352423323133˂ 3
MOS7555 - 12741414127272727
SOS25-7565 - 12155453423132,4˂ 2,4
Donne di età superiore ai 18 anni
JELL78 - 113726660534741˂ 41
FZHEL76 - 114716661555045˂ 45
FEV177 - 114726761565045˂ 45
Tiffno86 - 109807367605448˂ 48
Posvyd72 - 11763554638292020
MOS2567 - 1205950423325sedicisedici
MOS5061 - 12451413121undiciundiciundici
MOS7555 - 12742424228282828
SOS25-7558 - 126483726sedicicinquecinquecinque

Decodifica (valutazione) della spirometria

Conclusione con spirometria

In effetti, la decodifica della spirometria è una determinazione del fatto che una persona abbia violazioni restrittive, ostruttive o miste della funzione della respirazione esterna e, in tal caso, qual è la gravità.

Per decifrare la spirometria, è necessario, prima di tutto, leggere la conclusione, che indica necessariamente il valore di ciascun indicatore come percentuale del valore corretto e se rientra nell'intervallo normale.

Inoltre, a seconda di quali indicatori particolari non fossero normali, è possibile stabilire il tipo di disturbi della respirazione esterna esistenti: ostruttivi, restrittivi o misti. Va ricordato che la spirometria non consente di fare una diagnosi clinica, riflette solo il grado e la natura dei disturbi respiratori, se, ovviamente, ce ne sono. Di conseguenza, la spirometria è uno studio importante per determinare la gravità del decorso della malattia, la cui diagnosi viene stabilita dal medico sulla base di sintomi e altri esami (esame, ascolto del torace con uno stetofonendoscopio, radiografia, tomografia, test di laboratorio, ecc.).

Per disturbi restrittivi (pneumosclerosi, fibrosi polmonare, pleurite, ecc.), Quando la quantità di tessuto polmonare coinvolto nella respirazione diminuisce, una diminuzione di VC, FVC, DO, ROvid., Rovd., Evd., Nonché un aumento dell'indice di Gensler e test tiffno.

Per i disturbi ostruttivi (bronchiectasie, bronchite, asma bronchiale, ecc.), Quando i polmoni sono in ordine, ma ci sono ostacoli al libero passaggio dell'aria attraverso il tratto respiratorio, una diminuzione di FVC, COS25-75, MOS25, MOS50, MOS75, OFV1, SOS25 è caratteristica -75, indice Tiffno e Gensler.

I disturbi restrittivi ostruttivi misti sono caratterizzati da una diminuzione degli indici VC, FVC, SOS25-75, MOS25, MOS50, MOS75, OFV1, SOS25-75 e Tiffno e Gensler.

Nella sezione successiva, presentiamo un semplice algoritmo per la decodifica della spirometria, che consente di determinare il tipo di disturbi nella funzione della respirazione esterna anche a una persona non allenata senza una formazione medica.

Algoritmo di decodifica della spirometria

Poiché la spirometria comporta la misurazione di un gran numero di parametri, è difficile analizzarli tutti in una volta per una persona che non ha un occhio allenato e le solide conoscenze necessarie. Pertanto, di seguito forniremo un algoritmo relativamente semplice, grazie al quale anche una persona non preparata sarà in grado di determinare se ha una violazione della respirazione esterna e, in caso affermativo, che tipo (ostruttivo o restrittivo) sono.

Prima di tutto, devi trovare nella conclusione il valore in percentuale del parametro FEV1. Se FEV1 è superiore all'85%, è necessario esaminare i valori di MOS25, MOS50, MOS75, SOS25-75. Se i valori di tutti questi parametri (MOS25, MOS50, MOS75, SOS25-75) sono superiori al 60%, non vi sono disturbi nella funzione della respirazione esterna. Ma se il valore di almeno uno dei parametri MOS25, MOS50, MOS75, SOS25-75 è inferiore al 60%, una persona ha disturbi ostruttivi nella fase iniziale (gravità lieve).

Nel caso in cui FEV1 sia inferiore all'85%, è necessario esaminare il valore dell'indice Tiffno e VC. Se l'indice Tiffno è inferiore al 75% e il VC è inferiore all'85%, una persona ha disturbi ostruttivi-restrittivi della respirazione esterna. Se l'indice Tiffno è superiore al 70% e il VC è inferiore all'85%, la persona ha disfunzioni restrittive della funzione respiratoria esterna. Quando l'indice Tiffno è inferiore al 70% e il VC è superiore all'80%, una persona ha una funzione respiratoria ostruttiva.

Dopo aver stabilito il tipo di disfunzioni respiratorie esistenti, è necessario determinare il grado della loro gravità, e per questo è meglio usare la tabella nella sezione successiva.

Il valore dei dati spirometrici nella tabella

Quando le violazioni della funzione della respirazione esterna vengono rilevate dai dati della spirometria, è molto importante determinare la forza con cui sono espresse, poiché, in definitiva, è la forza dei disturbi respiratori che determina le condizioni generali di una persona e le raccomandazioni sul modo di lavorare e riposare.

Per rendere più semplice e comprensibile la navigazione, di seguito inseriremo tabelle di riepilogo in base alle quali possiamo determinare la gravità della funzione respiratoria compromessa nei processi patologici restrittivi e ostruttivi.

La gravità dei disturbi ostruttivi
Parametro spirometriaNessuna anomalia ostruttivaDisturbi ostruttivi lieviDisturbi ostruttivi moderatiGravi disturbi ostruttiviDisturbi ostruttivi molto gravi
JELLOltre l'80%Oltre l'80%Oltre l'80%Meno del 70%Meno del 60%
FZHELOltre l'80%70-79%50 - 69%35-50%Meno del 35%
Test TiffnoPiù del 75%60 - 75%40 - 60%Meno del 40%Meno del 40%
FEV1Oltre l'80%70-79%50 - 69%35-50%Meno del 35%
MVLOltre l'80%65 - 80%45 - 65%30 - 45%Meno del 30%
DispneaNon++++++++++

La gravità dei disturbi restrittivi
Parametro spirometriaNessun disturbo restrittivoDisturbi restrittivi lieviDisturbi moderati restrittiviGravi disturbi restrittiviDisturbi restrittivi molto gravi
JELLOltre l'80%60 - 80%50 - 60%35-50%Meno del 35%
FZHELOltre l'80%Oltre l'80%Oltre l'80%60 - 70%Meno del 60%
Test TiffnoPiù del 75%Più del 75%Più del 75%Più del 75%Più del 75%
FEV1Oltre l'80%75 - 80%75 - 80%60 - 80%Meno del 60%
MVLOltre l'80%Oltre l'80%Oltre l'80%60 - 80%Meno del 60%
DispneaNon++++++++++

Spirometria nei bambini

I bambini possono eseguire la spirometria dall'età di 5 anni, poiché i bambini più piccoli non sono in grado di eseguire normalmente le manovre di respirazione. I bambini dai 5 ai 9 anni devono spiegare in una forma accessibile ciò che è loro richiesto quando eseguono manovre respiratorie. Se il bambino non capisce bene cosa gli viene richiesto, i genitori dovrebbero spiegare cosa deve essere fatto in una forma visiva figurativa, ad esempio, chiedere al bambino di immaginare una candela accesa e soffiarci sopra come se stesse cercando di spegnere la luce. Durante le manovre di respirazione, i bambini devono assicurarsi di prendere correttamente il boccaglio del dispositivo in bocca, bloccarlo bene, ecc..

Altrimenti, non ci sono caratteristiche specifiche nella spirometria nei bambini. Solo per l'analisi degli spirogrammi sarà necessario prendere le norme dei parametri specificamente per i bambini nell'ufficio di diagnostica funzionale, poiché i valori degli adulti non sono adatti a loro.

Spirometria con un guasto

Quando le disfunzioni ostruttive della funzione della respirazione esterna sono rivelate dai risultati della spirometria convenzionale, la spirometria con i test è prescritta per determinare la loro reversibilità e i meccanismi di formazione del broncospasmo. In questo caso, la spirometria viene eseguita sullo sfondo dell'uso di droghe (restringimento dei bronchi (metacholina), bronchi in espansione (salbutamolo, terbutalina, ipratropio bromuro)) o attività fisica (su un ergometro per bicicletta). Tali forme di spirometria con campioni consentono di capire perché i bronchi si stanno restringendo, nonché quanto sia reversibile questo restringimento e se è possibile espandere il loro lume con i farmaci. La spirometria con un campione viene eseguita solo sotto il controllo e in presenza di un medico.

Spirometria in asma, BPCO e fibrosi

Gli indicatori di spirometria per BPCO e asma sono casi speciali dei risultati dello studio, caratteristici dei disturbi ostruttivi. Di conseguenza, tutti gli indicatori si adatteranno ai limiti per un diverso grado di gravità dell'ostruzione, cioè ci sarà una diminuzione di FVC, SOS25-75, MOS25, MOS50, MOS75, OFV1, SOS25-75, Tiffno e Gensler.

Ma gli indicatori spirometrici della fibrosi polmonare si adatteranno ai limiti per i tipi restrittivi di disturbi della respirazione esterna, poiché questa patologia è associata a una diminuzione della quantità di tessuto polmonare. Cioè, ci sarà una diminuzione di VC, FVC, DO, ROvid., ROvd., Evd. sullo sfondo di un aumento simultaneo o dei valori normali dell'indice di Gensler e del test di Tiffno.

Peak flowmetry e spirometry

Il Peak Flowmetry è un metodo che consente di registrare separatamente solo Posvyd, quindi può essere considerato un caso speciale di spirometria. Se durante la spirometria, oltre al PIC, viene registrato un gran numero di altri parametri, quindi durante il picco di portata, viene misurato solo il PIC.

La misurazione del flusso di picco viene eseguita da dispositivi portatili che possono essere utilizzati a casa in modo indipendente. Inoltre, sono così semplici e convenienti da usare che anche i bambini possono usarli..

Tipicamente, il flusso di picco viene utilizzato dai pazienti con asma per monitorare l'efficacia dei farmaci e predire lo sviluppo del broncospasmo. Quindi, pochi giorni prima dell'inizio del broncospasmo successivo, viene registrata una diminuzione del 15% o più dei valori PIC mostrati dal misuratore di flusso di picco al mattino.

In generale, la misurazione del flusso di picco consente, al mattino e alla sera, di controllare la gravità del restringimento dei bronchi, l'efficacia della terapia, di identificare i fattori che provocano il broncospasmo.
Maggiori informazioni sulla misurazione del flusso di picco

Dove fare spirometria?

La spirometria può essere eseguita in cliniche diagnostiche regionali, distrettuali o cittadine, che dispongono di un dipartimento di diagnostica funzionale completamente attrezzato. Inoltre, la spirometria può essere eseguita in grandi istituti di ricerca che si occupano di problemi di patologia del sistema respiratorio. In tali istituzioni statali, la spirometria viene eseguita gratuitamente secondo l'ordine del medico.

La spirometria può essere eseguita su base retribuita nelle strutture sanitarie pubbliche senza attendere in linea o in vari centri medici privati ​​operanti nel settore della diagnostica funzionale.

Iscriviti per la spirometria

Per fissare un appuntamento con un medico o la diagnostica, devi solo chiamare un singolo numero di telefono
+7 495 488-20-52 a Mosca

+7 812 416-38-96 a San Pietroburgo

L'operatore ti ascolterà e reindirizzerà la chiamata alla clinica desiderata o accetterà un ordine per la registrazione allo specialista di cui hai bisogno..

Spirometria Prezzo

Il costo della spirometria in vari istituti al momento attuale varia da 1100 a 2300 rubli, a seconda della politica dei prezzi del centro medico.

Diagnosi di asma bronchiale: sintomi e segni, spirografia e spirometria, radiografia, ecc. (Commenti del medico) - video

Tre test del respiro: test di intossicazione da alcol, spirometria (picco di portata), test dell'ureasi - video

Il sistema respiratorio umano - video

Meccanismo respiratorio e capacità polmonare - video

Autore: Nasedkina A.K. Specialista in ricerca biomedica.