Rinosinusite o banale "raffreddore" nei bambini

Analisi

Le infezioni virali respiratorie acute occupano un posto di rilievo nella struttura della patologia infettiva. L'articolo definisce la rinosinusite acuta nei bambini, esamina il suo posto nella pratica di routine di un pediatra, fornisce raccomandazioni per la diagnosi e il trattamento.

Le infezioni virali respiratorie acute occupano un posto di rilievo nella struttura delle malattie infettive. L'articolo fornisce una definizione di rinosinusite acuta nei bambini, la sua posizione nella pratica pediatrica di routine è stata presa in considerazione e sono state fornite raccomandazioni per la diagnosi e il trattamento.

Le infezioni virali respiratorie acute (SARS) di solito si verificano in forma lieve e terminano nei pazienti che si stanno riprendendo il 5-10 ° giorno della malattia. Tuttavia, in alcuni casi, ci sono complicazioni di infezioni virali respiratorie acute sotto forma di rinosinusite, otite media acuta, adenoidite.

La rinosinusite acuta è una malattia riscontrata non solo dagli otorinolaringoiatri nella pratica quotidiana, ma anche da pediatri, medici di medicina generale e medici di medicina generale. Quindi, secondo le statistiche, nei bambini di età inferiore a 4 anni vengono registrati 2 casi di rinosinusite per 100 mila persone ogni anno e negli adolescenti di età compresa tra 12 e 17 anni - 18 casi per 100 mila persone [1]. Attualmente, si ritiene che quasi ogni infezione virale respiratoria acuta, in un modo o nell'altro, sia accompagnata da infiammazione dei seni paranasali e sintomi rinologici. I segni di rinosinusite secondo studi che utilizzano la tomografia computerizzata sono rilevati nel 95% dei casi di SARS. La Russian Society of Rhinologists raccomanda di usare il termine più ampio di “rinosinusite”, poiché l'infiammazione nei seni paranasali è sempre accompagnata da cambiamenti infiammatori nella mucosa nasale [2].

Secondo la classificazione del documento di consenso europeo EPOS-2012 (European Position Paper su rinosinusite e poliposi nasale - consenso europeo su rinosinusite e polipi nasali), la rinosinusite acuta (ORS) è divisa in ORS virali (raffreddore comune), ORS post-virale e batterica (OBRS).

I principali patogeni dell'ODS sono i virus respiratori (rinovirus, sinciziali respiratori, adenovirus, coronavirus). A seguito dell'esposizione a virus, si sviluppa l'epitelio della cavità nasale e dei seni paranasali, si sviluppano ciglia dell'epitelio ciliato, edema della mucosa e infiammazione. Di conseguenza, vi è una violazione dell'aerazione dei seni paranasali, ristagno della secrezione delle ghiandole mucose, una variazione del pH, disturbi metabolici nella mucosa, compromissione della clearance mucociliare e accumulo di essudato sieroso nel lume dei seni paranasali. A causa della diminuzione del tasso di pestaggio delle ciglia, i disturbi del trasporto mucociliare aumentano il tempo di contatto dei batteri patogeni con la mucosa, il che contribuisce all'infezione batterica [3, 4].

Una rinosinusite acuta “fredda” o acuta nei bambini è definita come l'insorgenza improvvisa di due o più sintomi, come congestione nasale / difficoltà nella respirazione nasale, e / o scarico incolore / leggero dal naso e / o tosse (durante il giorno o la notte). La presenza di sintomi non dura più di 12 settimane, mentre si possono osservare intervalli asintomatici durante i quali i sintomi sono assenti se la malattia è ricorrente. Quando si riscontra un'anamnesi, è importante chiarire la presenza di sintomi allergici (come starnuti, secrezione acquosa dal naso, prurito e lacrimazione). La rinosinusite acuta può verificarsi una o più volte in un determinato periodo di tempo. Questo di solito si manifesta sotto forma di episodi della malattia entro un anno, ma si può anche osservare la piena risoluzione dei sintomi tra episodi della malattia, che è un criterio per la rinosinusite acuta ricorrente. L'ARS viene rilevato quando i sintomi persistono per meno di 10 giorni, ARS post-virale - se c'è un aumento dei sintomi dopo 5 giorni o se i sintomi persistono per più di 10 giorni, ma con una durata totale inferiore a 12 settimane. Se il paziente ha un aumento della gravità dei sintomi rinologici dopo 5 giorni dall'insorgenza della malattia o i sintomi persistono per più di 10 giorni (con piena risoluzione per 12 settimane), ma in assenza di giustificazione per affermare l'eziologia batterica della rinosinusite acuta, gli autori di EPOS hanno raccomandato la diagnosi di rinosinusite post-virale acuta [12].

La rinosinusite batterica rappresenta in media il 5-7% dei casi di tutta la rinosinusite ed è più spesso causata dai seguenti agenti patogeni: Streptococcus pneumoniae, Haemophilus influenzae, Moraxella catarrhalis (principalmente nella pratica pediatrica), Streptococcus pyogenes, Staphylococcus aureus (giovani) e associazioni batteriche [5]. I segni di OBRS che richiedono antibiotici sono i criteri diagnostici di OBRS sulla base di dati clinici: i sintomi non si arrestano o non vi è alcuna dinamica positiva entro 10 giorni o la maggior parte dei sintomi presenti al momento dell'insorgenza della malattia persistono per più di 10 giorni; sintomi gravi al momento dell'insorgenza della malattia - febbre alta, presenza di secrezione purulenta dal naso, dolore nei seni paranasali, una significativa violazione delle condizioni generali, che disturbano per 3-4 giorni, c'è una tendenza allo sviluppo di processi orbitali purulento-settici o complicazioni intracraniche; i sintomi si arrestano in tutto o in parte entro 3-4 giorni, ma entro 10 giorni dall'esordio dei sintomi si verifica una ricaduta con la ripresa di tutti i sintomi [1, 2].

Uno qualsiasi dei seni paranasali può essere coinvolto nel processo infiammatorio, tuttavia il mascellare (sinusite), quindi etmoide (etmoidite), frontale (sinusite frontale), sfenoide (sfenoidite) è in primo luogo nella frequenza del danno. Questa sequenza è tipica per adulti e bambini di età superiore ai 7 anni. Nei bambini di età inferiore ai 3 anni predomina l'infiammazione acuta dei seni etmoidi (fino all'80-90%) e dai 3 ai 7 anni predomina la sconfitta combinata dei seni etmoidali e mascellari [6].

La diagnosi di rinosinusite acuta viene solitamente effettuata da un pediatra o terapeuta all'appuntamento iniziale sulla base di una combinazione di sintomi clinici e dati di esame obiettivo, in futuro il paziente può essere indirizzato a un otorinolaringoiatra. I sintomi comuni di infezioni virali respiratorie acute e infezioni respiratorie acute comprendono i classici segni di infiammazione della mucosa della cavità nasale e, ad eccezione del dolore, sono limitati alle manifestazioni locali (difficoltà nella respirazione nasale, secrezione mucosa dal naso, meno spesso un carattere mucopurulento, alterazione dell'olfatto). Un metodo importante è la rinoscopia anteriore, che dovrebbe essere padroneggiata non solo dagli specialisti ORL, ma anche dai medici di medicina generale. Quando viene rilevata la rinoscopia su uno sfondo di iperemia congestizia diffusa e gonfiore della mucosa nasale? la presenza di secrezione patologica nell'area delle aperture di uscita dei seni paranasali interessati. Un segreto patologico può anche essere rilevato sul retro della faringe con faringoscopia..

Le misure terapeutiche per la SM infettiva comprendono la terapia etiotropica, patogenetica e sintomatica. Gli obiettivi principali nel trattamento della SM acuta e recidivante sono:

  • eradicazione dell'agente patogeno;
  • riduzione della durata della malattia;
  • prevenzione dello sviluppo di complicanze orbitali e intracraniche.

I farmaci, di norma, consistono in farmaci antibatterici, terapia di "scarico" con nomina di vasocostrittore, farmaci mucoattivi, terapia antinfiammatoria. Vengono utilizzati sia farmaci sistemici che locali.

Terapia di eliminazione

Uno dei metodi per il trattamento dell'ARS sono le procedure di irrigazione, in particolare una doccia nasale, che prevede il lavaggio e il lavaggio della cavità nasale. Il risciacquo della cavità nasale con soluzione salina viene effettuato per eliminare virus e batteri. I preparati per lavare la cavità nasale sono generalmente preparati sulla base di acqua di mare, sterilizzandola e portando il contenuto di sale a una concentrazione isotonica. Con ORS, l'applicazione di una soluzione isotonica alla mucosa della mucosa aiuta a normalizzare le proprietà reologiche del muco e ha un leggero effetto decongestionante, migliora la respirazione nasale e facilita la rimozione meccanica delle secrezioni patologiche e la preparazione della mucosa per l'esposizione a preparazioni topiche. A causa della mancanza di sostanze che possono causare effetti collaterali, questi farmaci non richiedono un dosaggio chiaro e la frequenza della loro somministrazione può variare ampiamente a seconda delle necessità.

Terapia antivirale e antibatterica

La divisione della rinosinusite in virale e batterica è direttamente correlata agli approcci alla terapia. Gli agenti antivirali sono usati nell'ARVI grave o moderato. I farmaci più efficaci sono quelli il cui principale meccanismo d'azione è la stimolazione della formazione di interferone endogeno, che in pratica vengono utilizzati per trattare la maggior parte delle infezioni virali respiratorie acute, indipendentemente dalla posizione dell'infiammazione. Tuttavia, si deve tenere presente che sono efficaci principalmente nelle prime 48 ore dall'inizio della malattia.

Il principale problema controverso nel trattamento dell'ARS è la nomina di farmaci antibatterici. Secondo gli studi, oltre il 90% dei medici di medicina generale e degli otorinolaringoiatri prescrive farmaci antibatterici in presenza di sintomi di rinosinusite [19]. L'uso diffuso di farmaci antibatterici porta ad un aumento della resistenza agli antibiotici. Dovresti anche ricordare complicazioni così spesso gravi della terapia antibiotica come epatotossicità, reazioni allergiche e disbiosi. Le raccomandazioni per il trattamento della rinosinusite EPOS delineano un chiaro confine tra l'uso della terapia antibiotica sistemica - solo con OBRS! Per le infezioni respiratorie acute lievi, sono generalmente sufficienti agenti sintomatici ed etiopatogenetici prescritti per le infezioni virali respiratorie acute. Solo quando i sintomi persistono per 5 giorni o la loro progressione dovresti pensare di unirti alla flora batterica e alla nomina di antibiotici sistemici. Inoltre, a causa di alcune difficoltà nell'identificare il patogeno e nell'incapacità di attendere i risultati degli esami di laboratorio, la scelta degli antibiotici è spesso empirica. I criteri per l'efficacia della terapia antibiotica empirica sono la dinamica dei principali sintomi della rinosinusite (mal di testa, secrezioni, congestione nasale) e le condizioni generali del paziente. Dato lo spettro dei patogeni tipici (Streptococcus pneumoniae e Haemophilus influenzae) e i dati russi sulla loro resistenza agli antibiotici, l'amoxicillina è il farmaco di prima scelta per la rinosinusite acuta. Tuttavia, oltre il 5% dei ceppi di Haemophilus influenzae in Russia non è sensibile alle penicilline non protette. Pertanto, in assenza di un evidente effetto clinico, dopo tre giorni, l'amoxicillina dovrebbe essere cambiata in un antibiotico che è attivo contro i pneumococchi resistenti alla penicillina e i ceppi che producono la β-lattamasi dell'emofilo influenzale: amoxicillina clavulanato per via orale, cefalosporine o macrolidi (azitromicina e claritromicina). Nei bambini e negli adolescenti, gli agenti di seconda scelta, che sono prescritti in caso di fallimento del primo ciclo di terapia antibiotica, sono attualmente macrolidi e clindamicina [2].

Se necessario, i farmaci antibatterici per l'azione locale sulle mucose possono essere prescritti in combinazione con l'uso sistemico di antibiotici e in alcuni casi come trattamento alternativo per la rinosinusite acuta. Ma il problema della terapia antibiotica locale per la rinosinusite è controverso. La principale controindicazione è una violazione della clearance mucociliare dei seni paranasali a causa dell'effetto avverso di grandi dosi di antibiotico sull'epitelio ciliato. Esistono forme speciali di antibiotici destinati alla somministrazione endonasale sotto forma di spray, che nel caso della rinosinusite catarrale possono penetrare attraverso le anastomosi dei seni paranasali e contattare direttamente l'agente patogeno nel fuoco dell'infiammazione. Tuttavia, quando si riempiono i seni con essudato mucoso o mucopurulento, i seni devono essere prima lavati con soluzione salina o si devono usare decongestionanti [6].

Terapia di "scarico"

Poiché il legame chiave nella patogenesi della rinosinusite acuta è il blocco delle anastomosi dei seni paranasali a causa del gonfiore della mucosa, una delle direzioni principali della terapia sintomatica e patogenetica è il ripristino della pervietà di queste anastomosi - "terapia di scarico" [6]. Per questo vengono utilizzati farmaci vasocostrittori (decongestionanti) e mucolitici (secretolitici)..

I decongestionanti (ossimetazolina, xilometazolina, tetrizolina, fenilefrina, ecc.), Attivando i recettori adrenergici, causano spasmo dei vasi della mucosa nasale, diminuiscono la sua iperemia ed edema, dilatano i passaggi nasali e migliorano la respirazione nasale. A causa del rapido sollievo della respirazione nasale, sono ampiamente utilizzati per alleviare sintomi come rinorrea e congestione nasale e sono molto popolari tra i pazienti. Con la stretta aderenza al regime posologico raccomandato, i metodi di applicazione e la durata del corso, gli effetti collaterali e indesiderati sono rari quando si usano farmaci vasocostrittori topici. Tuttavia, le violazioni del regime posologico raccomandato (aumento delle dosi singole o frequenza d'uso) possono portare a un sovradosaggio con lo sviluppo di gravi condizioni patologiche. Con l'uso prolungato e incontrollato di decongestionanti locali, è possibile lo sviluppo dell'atrofia della mucosa nasale [5]. Probabilmente, non esiste un medico del genere che non ricordi che questi farmaci, con un uso prolungato, causano lo sviluppo della sindrome di rimbalzo. Tuttavia, i pazienti o i genitori dei pazienti non sempre lo ricordano, sfortunatamente. Va notato che nei bambini, in particolare i bambini piccoli, nonostante il metodo di utilizzo locale, l'uso di decongestionanti può essere accompagnato dallo sviluppo di effetti avversi sistemici. Un aumento dell'assunzione di decongestionanti locali nella circolazione sistemica è anche facilitato da un trauma della mucosa, che spesso si verifica a causa di difetti nei passaggi nasali. Pertanto, l'uso di decongestionanti locali dovrebbe essere limitato. Dal punto di vista della terapia sintomatica, l'uso di farmaci locali è più mostrato, ma dal punto di vista dell'effetto sulla patogenesi, viene mostrato l'uso di decongestionanti sistemici, poiché i farmaci topici non possono influenzare il gonfiore della mucosa del seno. Allo stesso tempo, se possibile, è necessario limitare l'uso di decongestionanti a un breve periodo (3-4 giorni) a dosi minime, perché possono peggiorare il trasporto mucociliare.

Terapia mucolitica

L'uso di mucolitici si riferisce alla terapia patogenetica. Come già notato, lo squilibrio tra la produzione di secrezioni nelle cellule caliciformi e delle ghiandole sierose e mucose e l'evacuazione della secrezione da parte delle cellule dell'epitelio ciliato è uno dei legami più importanti nella patogenesi della rinosinusite. Pertanto, l'assottigliamento di un segreto viscoso e denso è importante nel trattamento dell'ORS. L'assunzione di farmaci con un effetto differenziato sulla produzione di secrezioni, riducendo la viscosità del muco e le funzioni delle ciglia può ripristinare il trasporto mucociliare compromesso. I farmaci mucolitici alterano le proprietà fisico-chimiche di un segreto riducendone la viscosità [6]. Nelle raccomandazioni internazionali di EPOS-2012, la terapia mucolitica è assente, presumibilmente a causa della mancanza di un metodo affidabile di conferma sperimentale della loro efficacia. Tuttavia, l'uso di mucolitici nell'ORS è giustificato da un punto di vista fisiologico ed è confermato da osservazioni a lungo termine che indicano l'effetto benefico dei farmaci mucolitici sul decorso della rinosinusite acuta, pertanto la terapia mucolitica, vale a dire acetilcisteina e carbocisteina, è inclusa negli standard domestici di terapia e raccomandazioni cliniche [2, 6–9 ].

Nella pratica di un medico locale, un gruppo di farmaci mucoattivi è più comunemente usato per le malattie del tratto respiratorio inferiore. Naturalmente, non vale la pena estrapolare al tratto respiratorio superiore l'azione di tutti i mucolitici (ambroxolo, bromexina, ecc.), Che sono ampiamente usati nella patologia bronchiale. Degli agenti mucolitici nel trattamento della rinosinusite, a causa del suo meccanismo d'azione e della presenza di punti di applicazione nel tratto respiratorio superiore, vengono utilizzati solo derivati ​​della cisteina (acetilcisteina, carbocisteina). L'acetilcisteina è in grado di rompere i ponti disolfuro nei mucopolisaccaridi acidi e quindi ridurre la viscosità del muco, il muco perde la sua capacità di essere viscoso e viene delicatamente rimosso soffiando e starnutendo, di conseguenza vengono ripristinati il ​​normale drenaggio e l'aerazione dei seni paranasali..

Va notato che oltre all'effetto mucolitico diretto, l'acetilcisteina ha anche effetti antiossidanti e antinfiammatori, che è estremamente importante nel trattamento della rinosinusite. L'influenza sui sistemi antiossidanti aiuta a proteggere le cellule dai danni dei radicali liberi, il che porta a una diminuzione dell'infiammazione delle mucose del tratto respiratorio e al miglioramento dei sintomi clinici [10].

C'è un altro punto importante: l'acetilcisteina riduce l'adesione dei batteri patogeni alle cellule epiteliali della mucosa delle vie aeree e quindi riduce la colonizzazione delle vie aeree da parte di microbi patogeni [11, 12]. Come già discusso in precedenza, la nomina di antibiotici per ORS virale non è mostrata. Ancora più prezioso è il fatto che l'uso di acetilcisteina riduce la probabilità di colonizzazione batterica e quindi riduce la probabilità di complicanze batteriche della rinosinusite. Inoltre, l'acetilcisteina porta a una diminuzione della formazione di biofilm da parte di batteri e funghi gram-positivi e gram-negativi; riduce la produzione di matrice extracellulare di polisaccaridi, che contribuisce alla distruzione di biofilm maturi [13-15]. Probabilmente, l'acetilcisteina può distruggere i legami disolfuro degli enzimi batterici, influenzando il componente principale della matrice del biofilm (esopolisaccaridi) coinvolto nella loro formazione o escrezione. E a causa delle proprietà antiossidanti e dell'effetto sul metabolismo delle cellule batteriche, l'acetilcisteina può interferire con il funzionamento delle proteine ​​dei batteri adesivi [16], che è confermato dal metodo culturale e dalla microscopia elettronica [17]. Pertanto, l'uso di acetilcisteina nella rinosinusite acuta aiuta a prevenire lo sviluppo di complicanze batteriche e la cronicità del processo. Va notato che, secondo studi in vitro pubblicati nel 2016, l'acetilcisteina non è un antagonista per la maggior parte degli antibiotici usati per trattare le infezioni respiratorie [18], il che significa che può essere tranquillamente prescritto contemporaneamente agli antibiotici in caso di rinosinusite batterica.

Esistono forme per l'uso dell'acetilcisteina sia per via orale che topica. Tuttavia, se ci sono sintomi di rinosinusite sullo sfondo di una tosse, con danno simultaneo al tratto respiratorio superiore e inferiore, sarà consigliabile somministrare acetilcisteina per via orale, perché in questo caso diluisce contemporaneamente secrezioni bronchiali e nasali viscose e inoltre ha un antiossidante sistemico e anti-infiammatorio atto.

Terapia antinfiammatoria

Nelle raccomandazioni di EPOS-2012, la direzione principale nel trattamento della rinosinusite è la terapia topica con corticosteroidi endonasali. I corticosteroidi topici (mometasone furoato, fluticasone dipropionato, budesonide) sono entrati relativamente di recente nell'arsenale principale di farmaci per il trattamento dell'ARS. A causa del pronunciato effetto antinfiammatorio di questi farmaci, che causa una diminuzione dell'edema, la nomina di qualsiasi altra terapia di scarico è considerata superflua all'estero. Negli standard russi nel trattamento della rinosinusite, la terapia di scarico mantiene la sua proporzione piuttosto significativa, sebbene sia stata applicata sempre più ampiamente negli ultimi anni [6]. I glucocorticosteroidi inibiscono principalmente lo sviluppo dell'edema a causa dell'effetto sull'infiammazione della propria placca della mucosa. Viene ripristinata la capacità funzionale delle anastomosi: un legame chiave nella patogenesi della sinusite e della rinosinusite. Inoltre, i corticosteroidi sopprimono attivamente il rilascio di liquido dal letto vascolare e la produzione di muco, che è un fattore importante nel trattamento patogenetico della rinosinusite acuta. Va ricordato che l'uso di glucocorticosteroidi topici non è indicato per i bambini di età inferiore ai 12 anni.

Il paracetamolo e l'ibuprofene e le loro combinazioni al culmine delle manifestazioni acute delle infezioni virali respiratorie acute sono i farmaci scelti dal gruppo di farmaci antipiretici e antinfiammatori [6].

In conclusione, voglio notare che i bambini con rinosinusite acuta vanno prima dai pediatri e solo allora, se necessario, da un otorinolaringoiatra. Poiché la rinosinusite acuta nella pratica di un medico locale si trova spesso non come una malattia indipendente, ma come parte dell'ARVI, il medico si trova di fronte alla necessità di eliminare diversi sintomi contemporaneamente. È comprensibile che il desiderio del medico di influenzare immediatamente tutti i legami dell'etiopatogenesi, ma molto spesso ciò porta alla nomina di 4-5 e spesso più farmaci. Allo stesso tempo, vale la pena ricordare che la polifarmacia porta non solo a costi di trattamento più elevati, ma a un aumento del carico di farmaci sul corpo, che è spesso accompagnato da interazioni farmacologiche, lo sviluppo di reazioni farmacologiche indesiderate. A questo proposito, la preferenza dovrebbe essere data a farmaci ben studiati con un effetto complesso, che consente di influenzare contemporaneamente i principali collegamenti della patogenesi o diversi sintomi contemporaneamente.

Letteratura

  1. Fokkens W., Lund V., Mullol J. et al. Documento di posizione europeo sulla rinosinusite e polipi nasali 2012 (EP3 OS) // Rinologia. 2012. Vol. 50 (23). P. 1-299.
  2. Lopatin A.S., Svistushkin A.M. Rinosinusite acuta: principi di eziologia, patogenesi, diagnosi e trattamento. Raccomandazioni cliniche. M., 2009.25 s.
  3. Rinite di Lopatin A.S. M.: Litterra, 2010. S. 122, 126-127.
  4. Ryazantsev S.V., Kocherovets V.I. Terapia etiopatogenetica delle malattie del tratto respiratorio superiore e dell'orecchio. Linee guida. San Pietroburgo, 2008.120 s.
  5. Karpova E.P., Vagina E.E. Il ruolo dei decongestionanti nasali nel complesso trattamento della rinosinusite acuta nei bambini // Consiglio medico. 2013, n. 1, pag. 46-48.
  6. Abdulkerimov Kh. T., Garashchenko T.I., Koshel V.I., Ryazantsev S.V., Svistushkin V.M. Principi di terapia etiopatogenetica della sinusite acuta: linee guida / Ed. S.V. Ryazantseva. SPb: Polyforum Group, 2014.40 s.
  7. Ordinanza del ministero della Sanità della Russia del 12.12.2012 N 1201н "Sull'approvazione dello standard dell'assistenza sanitaria primaria per la sinusite acuta" (registrata presso il ministero della Giustizia della Russia il 15 marzo 2013 N 27696).
  8. Ordinanza del Ministero della Sanità della Russia del 9 novembre 2012 N798н "Sull'approvazione dello standard di assistenza medica specializzata per i bambini con malattie respiratorie acute di gravità moderata" (registrato presso il Ministero della Giustizia della Russia il 12 marzo 2013 n. 27623).
  9. Ordinanza del ministero della Sanità della Russia del 24 dicembre 2012 N1395 "Approvazione dello standard dell'assistenza sanitaria di base per la sinusite cronica" (registrata presso il ministero della Giustizia della Russia il 26 febbraio 2013 N 27331).
  10. Geppe N.A., Snoetskaya M.N., Penkina M.V. Algorithm per il trattamento della tosse nei bambini // Farmateka. 2014. N. 1. S. 71–75.
  11. Singh M., Singh M. Aria riscaldata e umidificata per il raffreddore comune. Database Cochrane di revisioni sistematiche 2013, Numero 6. Art. No: CD001728. DOI: 10.1002 / 14651858. CD001728.pub5.
  12. Smith S. M., Schroeder K., Fahey T. Farmaci da banco (OTC) per la tosse acuta in bambini e adulti in contesti comunitari // Cochrane Database Syst Rev. 24 novembre 2014; 11: CD001831. DOI: 10.1002 / 14651858. CD001831.pub5.
  13. Riise G., Qvarfordt I., Larsson S. et al. Effetto inibitorio della N-acetilcisteina sull'adesione di Streptococcus pneumoniae e Haemophilusinfluenzae alle cellule epiteliali orofaringee umane in vitro // Respirazione. 2000; 67: 552–558.
  14. Aslam S., Darouiche R. Ruolo degli agenti antibiofilm-antimicrobici nel controllo delle infezioni correlate al dispositivo // Int. J. Artif. Organi. 2011; 34 (9): 752–758.
  15. Rubin B. Mucolitici, espettoranti e farmaci mucocinetici // Respir. Cura 2007; 52: 859–865.
  16. Schwandt L., Weissenbruch R., Stokroos I. et al. Prevenzione della formazione di biofilm da parte di prodotti lattiero-caseari e N-acetilcisteina su protesi fonatorie in una gola artificiale // Acta Otolaryngol. 2004; 124: 726–731.
  17. Zhao T., Liu Y. N-acetilcisteina inibiscono i biofilm prodotti da Pseudomonas aeruginosa // BMC Microbiol. 2010; 10: 140.
  18. Landini G. et al. Effetto della N-acetilcisteina sull'attività degli antibiotici contro i patogeni respiratori rilevanti, Congresso ERS, 2016.
  19. Little D. R., Mann B. L., Godbout C. J. In che modo i fisici della famiglia distinguono la sinusite acuta dalle infrazioni del tratto respiratorio superiore: un'analisi retrospettiva // J Am Board Fam Pract. 2000. Vol. 13. R. 101–106.

E.P. Karpova, dottore in scienze mediche, professore

FGBOU DPO RMAPO MZ RF, Mosca

Trattamento della rinosinusite nei bambini

La rinosinusite è una malattia derivante dall'infiammazione della mucosa nasale e dei seni paranasali.

Questa malattia non si riscontra solo negli adulti: secondo le statistiche mediche, la rinosinusite nei bambini è recentemente aumentata in modo significativo. Ciò è dovuto al deterioramento della situazione ambientale, nonché al fatto che il trattamento del raffreddore non viene sempre eseguito correttamente..

Cos'è la rinosinusite nei bambini?

Di solito, la rinosinusite nei bambini si verifica da sette a dieci giorni dopo l'inizio di un raffreddore. Pertanto, i sintomi della rinosinusite nei bambini hanno una stretta relazione con l'infezione iniziale:

  • La congestione nasale diventa più pronunciata e porta un notevole inconveniente;
  • Cambiando il timbro della voce - diventa nasale, il bambino parla nel naso;
  • Dal naso scorre uno spesso segreto di colore bianco, giallastro, verde e talvolta marrone;
  • Mal di testa - che ritorna dopo aver assunto analgesici, un segno caratteristico di una malattia in via di sviluppo;
  • Dolore nella zona del viso, una sensazione di pesantezza sulle guance o sopra le sopracciglia;
  • Aumento della temperatura corporea;
  • Cattivo gusto dovuto al fatto che il muco infetto scorre giù nel rinofaringe nella bocca;
  • Senso dell'olfatto.

Infiammazione dei seni paranasali del bambino

La rinosinusite nei bambini ha varie forme. Ciò è dovuto al fatto che i seni nasali nei bambini si sviluppano gradualmente. Tra queste forme si distinguono:

  • Etmoidite (infiammazione dei seni etmoidi);
  • Sinusite (infiammazione dei seni mascellari);
  • Frontite (infiammazione dei seni frontali del naso);
  • Sfenoidite (infiammazione dei seni sfenoidali).

Inoltre, nei bambini ci sono stadi catarrali e purulenti della malattia. La rinosinusite catarrale si manifesta con edema acuto della mucosa nasale, senza secrezione. Una varietà purulenta della malattia è caratterizzata dall'accumulo di pus nei seni, peggioramento delle condizioni del bambino, aggiunta di un intenso mal di testa.

La rinosinusite è anche divisa in fasi acute, subacute e croniche..

È caratterizzato dalla gravità dei sintomi, dal deterioramento della salute. È nella fase acuta che la temperatura del paziente aumenta bruscamente, l'olfatto diminuisce.

Questo è un acuto che corre, in cui le fibre della mucosa cambiano. La rinosinusite cronica è caratterizzata da un'esacerbazione dei sintomi della malattia dopo un fattore provocatorio (il più delle volte - ipotermia o esposizione a correnti d'aria). Con la rinosinusite cronica, un bambino malato è preoccupato per:

  • Congestione nasale persistente;
  • Disturbo dell'olfatto (il più delle volte questi bambini non odorano).

Cause di rinosinusite nei bambini

La rinosinusite nei bambini si sviluppa a causa dell'aggiunta di un'infezione batterica alla SARS. I fattori che contribuiscono allo sviluppo di questa malattia sono:

  • Alcune caratteristiche anatomiche della struttura del naso. Impediscono il deflusso libero di pus. Prima di tutto, tali caratteristiche includono la curvatura del setto nasale;
  • Stretti passaggi nasali;
  • Malattie croniche che riducono la resistenza generale del corpo;
  • Allergia;
  • Procedure dentali infruttuose, il cui risultato è un'infezione nella cavità nasale;
  • Colpito nei seni nasali di corpi estranei;
  • Infezioni da bambini Molto spesso - varicella, morbillo, scarlattina.

Principi generali per il trattamento della rinosinusite nei bambini

Se i sintomi di questa malattia nei bambini non sono critici e la temperatura corporea non sale a circa 38 gradi, vengono prescritti farmaci che alleviano il gonfiore e il dolore al seno. Tra i medicinali efficaci per la rinosinusite nei bambini, vale la pena menzionare:

Le gocce di fenilefrina sono una buona scelta per i bambini..

Spray nasali antibiotici.

Questi sono farmaci come isofra e polydex..

Antibiotici sistemici.

Per un bambino piccolo, le penicilline saranno le più sicure. Ma è importante considerare che i bambini dovrebbero assumere antibiotici sotto la stretta supervisione di un pediatra e dall'età di 14 anni un medico adolescente.

Farmaci antinfiammatori non steroidei.

Questi sono il noto aspirina e paracetamolo. Sono necessari per alleviare i sintomi dolorosi e ridurre la febbre..

Farmaci mucolitici per assottigliare il contenuto dei seni. Mucaltina, ACC o erba di timo. Ridurranno la viscosità dell'espettorato stagnante nei seni e ne faciliteranno lo scarico.

Preparazioni a base di erbe complesse.

Mezzi con effetti immunomodulatori, mucolitici e antinfiammatori. Tali rimedi includono varie erbe..

Come trattamento non farmacologico a casa, vengono utilizzati il ​​lavaggio nasale con soluzione salina o soluzioni disinfettanti, il riscaldamento.

  • Per preparare una soluzione salina, devi prendere un terzo di un cucchiaino di mare o sale da tavola in un bicchiere d'acqua;
  • Una soluzione disinfettante può essere preparata sciogliendo mezza compressa di furatsilin in un litro di acqua calda. O acquista una soluzione pronta per l'uso di miramistin.
Riscaldamento.

Come mezzo per riscaldare, puoi usare il calore secco. Ma questo non può essere fatto in tutti i casi. Se c'è una febbre alta, un moccio purulento o un forte dolore, è meglio rifiutarsi di riscaldarsi.

Per gli impiastri, metti un asciugamano bagnato sul naso, un asciugamano su di esso e una piastra riscaldante in cima. La durata di questa procedura è di fino a 15 minuti.

Puoi scaldare il naso con sabbia asciutta o sale. Prima di applicare sulla pelle, devono essere versati in un sacchetto. Ed è più comodo scaldare il naso con una lampada blu. Questa è una normale lampada a incandescenza con una lampadina blu. Sono venduti in farmacie o negozi specializzati..

Trattamento della rinosinusite nei bambini

Quando il bambino inizia ad annusare, i genitori cercano di dargli un farmaco vasocostrittore il più presto possibile. Tuttavia, tali medicinali non forniscono sempre dinamiche positive, alcune assolutamente inutili nel trattamento. Se la rinosinusite si sviluppa nei bambini, l'uso di gocce nasali da solo non è sufficiente, poiché la diagnosi è di natura batterica.

Informazioni generali sulla malattia

Il primo passo è chiarire che un disturbo caratteristico caratterizza l'infiammazione dei passaggi nasali con l'ulteriore formazione di focolai di muco nei seni paranasali. Poiché la malattia è infettiva, l'obiettivo principale del trattamento durante l'infanzia è quello di uccidere i microbi patogeni, eliminare il loro effetto sulla mucosa già colpita.

Per capire quale flora patogena sia coinvolta, un esempio eloquente è la maggiore attività di stafilococchi, streptococchi, funghi e protozoi. Tali microrganismi pericolosi per la salute, penetrando nei passaggi nasali dopo il contatto con il corriere dell'infezione, si moltiplicano rapidamente, rilasciano i loro prodotti di intossicazione nei fluidi biologici.

Come risultato di questa interazione patogena, la separazione della secrezione viscosa viene interrotta, si formano masse mucose con un'alta concentrazione di batteri nocivi. Se il processo patologico non viene interrotto, continua il suo sviluppo e la rinosinusite diventa cronica, cioè una malattia permanente.

Forme della malattia

La rinosinusite è un concetto collettivo, poiché caratterizza la rinite protratta della flora batterica. Tuttavia, queste informazioni non sono sufficienti per determinare finalmente la diagnosi, per trasgredire alla terapia intensiva. Per chiarire le caratteristiche del quadro clinico e prescrivere correttamente i farmaci, viene specificamente fornita una classificazione della rinosinusite. It:

  1. Sinusite allergica, che spesso progredisce in pazienti di età compresa tra 2-4 anni. Prurito al naso, starnuti ed eccessiva lacrimazione sono completati da debolezza generale e attacchi di emicrania. L'intossicazione parziale del corpo ha luogo.
  2. La sinusite infettiva indica eloquentemente che il sistema immunitario del corpo del bambino non può resistere a un'infezione patogena. L'attacco è integrato da un salto di temperatura disturbato dalla respirazione nasale.
  3. La sinusite vasomotoria è soggetta a un decorso cronico, il più delle volte diagnosticato in giovani pazienti in età prescolare. Il trattamento è prolungato e il paziente dovrà soffrire a lungo di rinite incessante..
  4. Sinusite poliposa Una forma complicata della malattia, la cui eliminazione può richiedere un intervento chirurgico immediato per eliminare le neoplasie patogene sulla mucosa dei passaggi nasali.

A seconda del tipo di malattia caratteristica, viene selezionato un regime di trattamento conservativo. Se presti attenzione ai segni della malattia in modo tempestivo, riconosci le cause della sua insorgenza e organizzi correttamente la diagnosi, presto puoi contare in sicurezza sul recupero finale del bambino piccolo.

Fattori provocatori

Per sua origine, la rinosinusite, anche durante l'infanzia, è una complicazione della rinite protratta. Il più delle volte progredisce dopo infezioni virali respiratorie acute, infezioni respiratorie acute, altri raffreddori e indica un sistema immunitario debole. La malattia non è piacevole, perché la respirazione nasale del bambino è disturbata ei suoi genitori ansiosi iniziano notti insonni. Tra i fattori che provocano un disturbo, i medici distinguono:

  • ipotermia del corpo;
  • la presenza di un corpo estraneo nel passaggio nasale;
  • malattie infettive dell'infanzia;
  • esacerbazione di una reazione allergica;
  • anatomia del naso.

Qualsiasi infezione si verifica in un contesto di immunità indebolita. Pertanto, un tale fattore provocatorio non dovrebbe essere escluso dall'elenco proposto. Se riesci a capire quali sono le cause della patologia progressiva; diventerà immediatamente ovvio come trattarla e per quanti giorni.

Sintomatologia

Il trattamento efficace della rinosinusite nei bambini non è possibile senza una storia di raccolta di dati. Dovresti informare il tuo medico dei tuoi reclami in modo che il quadro clinico sia il più completo possibile. Ogni organismo è individuale, può dare i suoi effetti collaterali, ma i sintomi generalizzati per la diagnosi specificata sono i seguenti:

  • congestione nasale con una sensazione di disagio nei passaggi nasali;
  • diminuzione dell'olfatto;
  • mal di testa, in corso dopo l'assunzione di analgesici;
  • voce nasale;
  • condizioni di temperatura violate;
  • sindrome del dolore acuto dei muscoli facciali;
  • sapore di moneta in bocca.

La gravità dei sintomi dipende completamente dalla negligenza del processo patologico, dalle caratteristiche del corpo del bambino e dalle prescrizioni mediche. Se dopo l'inizio della terapia conservativa le condizioni generali di un piccolo paziente non migliorano, verranno apportate modifiche al regime di trattamento esistente.

Caratteristiche della terapia intensiva

Il medico curante effettua una diagnosi individuale per determinare la diagnosi finale nel bambino. La radioscopia non è indicata per tutti i bambini, ma deve ancora andare un'ecografia dei seni paranasali. Tale procedura viene eseguita in un ospedale, non è accompagnata da dolore, disagio interno..

La rinoscopia è un esame della cavità nasale, che determina lo stato reale della mucosa. Ma l'esame endoscopico è già prescritto in complicati quadri clinici. Esistono diversi metodi diagnostici e tutti quelli non invasivi tra loro sono ammessi durante l'infanzia, aiutano a determinare un disturbo caratteristico.

Dopo la diagnosi di rinosinusite acuta nei bambini, inizia il trattamento. Nella fase iniziale, questi sono metodi prevalentemente conservativi, integrati dal coinvolgimento di procedure fisioterapiche. Se non ci sono dinamiche positive per diverse settimane, sono indicati interventi chirurgici e un corso obbligatorio di riabilitazione.

Metodi conservativi

Vale la pena iniziare dal fatto che il pediatra locale determina individualmente il regime di terapia intensiva. Esistono diversi gruppi farmacologici con un effetto mirato sul focus della patologia. È escluso un trattamento non autorizzato, poiché è pericoloso organizzare esperimenti dubbi con il corpo del bambino. Se il medico approva il farmaco, la regolarità dell'assunzione è importante, la stretta aderenza ai dosaggi giornalieri prescritti. Così:

  1. I farmaci vasocostrittori facilitano il deflusso di pus e muco, alleviano il gonfiore e l'infiammazione della mucosa. Nell'infanzia, questo è Nazivin, Otrivin.
  2. Agenti steroidei con proprietà antibatteriche. Le sostanze sintetiche non penetrano nella circolazione sistemica, agiscono localmente, ma efficacemente al centro della patologia. Questo è Isofra, Polydex.
  3. I mucolitici aiutano l'espettorato ad accumularsi naturalmente. Il giorno successivo, la respirazione nasale è facilitata, alcuni dei sintomi scompaiono. Questo è il tè con timo e ACC Long.
  4. In quei quadri clinici sono necessari farmaci antinfiammatori non steroidei quando un piccolo paziente ha un forte aumento della temperatura corporea. Questo è lo stesso paracetamolo, aspirina.
  5. Omeopatia. Tali preparati a base di erbe sono preferibilmente utilizzati per rafforzare l'immunità debole, aumentare la resistenza del corpo del bambino.

Nel trattamento della rinosinusite nei bambini, non bisogna dimenticare i farmaci antibiotici sistemici, che sono spesso raccomandati in quadri clinici complicati, quando gli antibiotici locali semplicemente non possono farcela. Queste sono compresse o sospensione per somministrazione orale, che sono prescritte individualmente da un medico. Gli antibiotici sistemici come Augmentin, Flemoxin Solutab, Amoxicillin sono ben noti. Il corso del trattamento è di 5-7 giorni.

Chirurgia

L'operazione è appropriata nei casi in cui i metodi conservativi non hanno soddisfatto le aspettative. Una soluzione chirurgica radicale prevede due direzioni: una puntura del seno mascellare o parte del segmento dei seni paranasali. Entrambe le procedure vengono eseguite in un ospedale utilizzando un anestetico locale, richiedono un periodo di riabilitazione obbligatorio..

Se parliamo di metodi di trattamento più delicati, questo è sicuramente l'uso locale della soluzione del cuculo. Tale lavaggio del naso è consentito a qualsiasi età e i bambini piccoli non fanno eccezione. Se i genitori hanno paura di non farcela a casa, è meglio contattare un day hospital e ricorrere all'aiuto di un'infermiera.

Nota dei genitori

Se un bambino ha il raffreddore o la SARS, è necessario iniziare il trattamento conservativo in tempo, rafforzando nel contempo l'immunità indebolita con complessi multivitaminici, vitamine naturali.

L'aumentata attività del bambino e l'indurimento costante sono un altro modo per raggiungere una salute perfetta anche con carenza vitaminica stagionale, durante l'epidemia di massa della stessa influenza.

La puntura dei seni paranasali dovrebbe essere una misura estrema per i genitori su come aiutare il loro bambino. È importante evitare un intervento chirurgico o scegliere metodi non invasivi.

Altrimenti, non fatevi prendere dal panico, il problema per i bambini non è globale, ma vale anche la pena gestirlo.

Trattamento della sinusite nei bambini: droghe, rimedi popolari, fisioterapia

Vereshchak Vladimir Vasilievich

Otorinolaringoiatra (ENT) di prima categoria

La rinosinusite in un bambino è una malattia associata a infiammazione della mucosa nasale e appendici paranasali. Il verificarsi di questo disturbo, di regola, si verifica sullo sfondo di una precedente infezione virale respiratoria acuta o di un'altra malattia catarrale a seguito di un danno alla mucosa causato da varie infezioni.

La velocità di recupero e il decorso della malattia sono maggiormente influenzati da fattori come la giusta scelta delle tattiche e l'inizio tempestivo del trattamento, lo stato di immunità, nonché la presenza di altre malattie o processi infiammatori nel corpo.

Sintomi

I principali segni della rinosinusite di un bambino includono difficoltà respiratoria, febbre alta, purulenta (con rinosinusite purulenta nei bambini) o secrezione mucosa dai seni paranasali. I bambini possono perdere il gusto e le sensazioni olfattive. La congestione dell'orecchio peggiora a causa di orecchie chiuse..

I sintomi possono dipendere dal particolare decorso della rinosinusite e dal suo patogeno:

  1. Poliposa. Questa forma è caratterizzata dalla formazione di escrescenze (polipi) nella cavità nasale. I polipi crescono gradualmente, impedendo ai bambini di respirare. Il segno principale è una costante congestione nasale. Anche dopo la rimozione dei polipi in modo operativo, la probabilità di ricaduta rimane.
  2. Infettiva. Lo sviluppo della rinosinusite infantile può essere associato a un sistema immunitario indebolito. La malattia si sviluppa dopo aver invaso varie infezioni nel corpo. I principali sintomi della rinosinusite infettiva comprendono la febbre.
  3. Allergico. Alcune forme della malattia dipendono dall'età del bambino. Allergico è più comune nei bambini fino a 4-5 anni. Sintomi della malattia: starnuti, prurito nei passaggi nasali, congestione nasale, sonnolenza. Un'allergia può essere stagionale (ad esempio, causata da piante da fiore) o tutto l'anno, causata dalla presenza costante di un allergene nell'aria (ad esempio, una reazione allergica ai peli di animali domestici).
  4. Vasomotoria. Questo modulo è più spesso osservato nei bambini in età prescolare più anziani. La causa della comparsa di rinosinusite vasomotoria può essere l'esposizione prolungata a basse temperature o tensione nervosa. I bambini avvertono maggiore affaticamento, mal di testa e disturbi del sonno..

Cause di rinosinusite

I batteri sono in grado di provocare rinosinusite acuta nei bambini. Una volta nella cavità nasale, causano il ristagno di muco e interferiscono con il suo deflusso naturale. Anche le deformazioni delle pareti del naso provocano un processo infiammatorio. Il ristagno del segreto si verifica se il bambino ha adenoidi, nel caso di un setto curvo o di polipi nella cavità nasale.

Le malattie virali sono un'altra ragione per lo sviluppo della rinosinusite. Provocano gonfiore della mucosa, che interferisce con il normale deflusso di muco dal passaggio nasale. L'uso frequente di antibiotici, senza la nomina di un medico, può provocare malattie fungine. A causa di complicanze, appare la rinosinusite. L'immunità indebolita può anche causare disturbi.

Se durante un naso che cola il bambino non riesce a soffiarsi completamente il naso, alla fine può portare a un disturbo. In questo caso, una secrezione purulenta entra nei seni nasali e porta al blocco della bocca. Disturbi come l'asma bronchiale o la rinite allergica possono causare una malattia. La cattiva situazione ambientale è un altro fattore favorevole per la rinosinusite.

Le malattie infettive dell'infanzia possono provocare lo sviluppo della malattia. Morbillo, scarlattina, varicella sono le cause più comuni di infiammazione del naso. Con procedure dentali infruttuose, l'infezione ha anche l'opportunità di entrare nel passaggio nasale. I corpi estranei che entrano nel naso sono un'altra causa di rinosinusite..

Rinosinusite acuta

La mancanza di trattamento per raffreddori e riniti porta spesso allo sviluppo di infiammazione acuta della mucosa nasale. La malattia è più spesso osservata nei pazienti di età inferiore ai 10 anni, poiché l'immunità dei bambini non è sempre in grado di combattere autonomamente i microrganismi. Lesioni, corpi estranei nella cavità nasale e malattie della mascella superiore possono portare allo sviluppo di rinosinusite acuta. In forma acuta, più spesso che in cronica, il paziente ha segni di intossicazione del corpo:

  • alta temperatura (fino a 39ºС);
  • debolezza;
  • forte mal di testa;
  • mancanza di appetito.

I bambini di età inferiore a 2 anni, incapaci di lamentarsi della propria condizione, diventano lunatici, dormono male. Segni specifici della forma acuta della malattia includono gonfiore del viso nei seni, nelle palpebre e sulla fronte.

La rinosinusite acuta è divisa in catarrale e purulenta. La forma catarrale è considerata meno pericolosa per la vita e la salute. La rinosinusite purulenta coinvolge non solo mal di testa, ma anche orecchio e mal di denti. Le sensazioni spiacevoli sono amplificate inclinando la testa in avanti. A causa del riempimento dei seni con pus, la respirazione diventa quasi impossibile. La temperatura può salire a 40-41ºС.

Tipi di malattia e loro differenze

Una persona ha quattro seni accoppiati. In conformità con loro, a seconda della posizione, la sinusite è classificata in base al luogo di insorgenza, in base alla natura dello sviluppo, in base al tipo di agente patogeno.

Sinusite: localizzazione dei seni mascellari all'esterno del viso, tra la mascella superiore e gli occhi, su entrambi i lati del naso. Sono assenti nei bambini di età inferiore ai 3 anni e dopo questa età stanno appena iniziando a formarsi, questo processo dura fino a 25 anni. Pertanto, la sinusite viene diagnosticata nei bambini di età superiore ai 3 anni.

Sfenoidite - suppurazione nel seno sfenoidale, che si trova in profondità dietro la cavità nasale.

L'etmoidite è una malattia delle cellule dell'osso etmoide, che si trova tra i seni frontali e sfenoidali. Con la scarlattina, questo tipo di infezione si verifica spesso con un danno osseo. La malattia è spesso combinata con l'infiammazione dei seni aggiuntivi, che dipende esattamente da quale parte è interessata l'osso etmoide. Se dalla parte posteriore, anche il seno sfenoidico (sfenoidite) soffre ulteriormente. Se dalla parte anteriore, anche i seni frontali e mascellari (sinusite e sinusite frontale) possono infiammarsi.

Frontite: i seni frontali sono vicini alla superficie, sopra il naso tra le sopracciglia. Cominciano anche a formarsi nei bambini dopo tre anni, quindi questo tipo non si verifica nei bambini.

Forme

Si distinguono le seguenti forme di malattia:

  1. cronico I segni della malattia compaiono per più di 3 mesi.
  2. Ricorrente. L'esacerbazione della malattia si verifica almeno 4 volte l'anno. I sintomi si manifestano entro 10 giorni..
  3. Acuto. I segni della malattia persistono per un mese e appaiono bruscamente.
  4. Subacuta. I sintomi possono manifestarsi entro 3 mesi. Dopo il recupero, i sintomi della malattia scompaiono completamente.

La malattia può essere classificata in base al suo decorso. In tali casi, il modulo può essere:

  1. Facile. La temperatura non supera i 37,5ºС. Un piccolo accumulo di muco nei seni paranasali non interferisce con la respirazione.
  2. Medio. La temperatura può salire fino a 38ºС. Oltre ad altri sintomi della malattia, il paziente ha emicranie.
  3. Pesante. Questo è il decorso più pericoloso, spesso manifestato nella rinosinusite acuta. La temperatura corporea raggiunge i valori massimi. L'edema appare sul viso del paziente. Il paziente può smettere di alzarsi dal letto..

Rinosinusite cronica

Se viene rilevata rinosinusite acuta nei bambini, il trattamento deve iniziare immediatamente in modo che la malattia non diventi cronica. La malattia può anche essere una conseguenza di altre patologie croniche che si verificano nel corpo. Cause meno comuni includono la curvatura congenita o acquisita del setto nasale. I segni caratteristici della rinosinusite cronica sono:

  1. Un leggero aumento della temperatura corporea. L'indicatore supera 37-37,5ºС. Un aumento si osserva la sera.
  2. Pesantezza o disagio nell'area dei seni. La mancanza di respiro è più spesso osservata con polipi e allergie: rinosinusite allergica e escrescenze nella cavità nasale impediscono la piena aerazione.
  3. Mal di testa periodici. A differenza della forma acuta, il disagio con la rinosinusite cronica sarà meno pronunciato.
  4. Lacrimazione. Il sintomo potrebbe essere assente.
  5. La voce nasale Il cambiamento nel timbro della voce è associato alla perdita della funzione di risonatore.
  6. Scarico mucoso. Il muco non viene secreto o viene escreto in piccole quantità..

Suggerimenti per il trattamento e la prevenzione della sinusite

Un fattore importante nel trattamento e nella prevenzione della rinosinusite nei bambini è il regime di temperatura osservato a casa. È importante che la stanza in cui si trova il bambino sia ben ventilata. Per mantenere condizioni di temperatura ottimali, è necessario assicurarsi che l'aria nella stanza non sia troppo fredda, ma non troppo calda. Per i bambini che sono inclini alle allergie, è particolarmente importante prevenire l'eccessivo accumulo di polvere nelle stanze per la prevenzione della sinusite. Nella stagione di riscaldamento, un'attenzione particolare dovrebbe essere prestata all'umidità dell'aria, poiché l'aria secca e calda nella stanza porta all'essiccamento del muco e complicando il suo deflusso dalla cavità nasale. Estremamente efficace nella prevenzione di sinusite, indurimento, una dieta ricca di vitamine e passeggiate regolari all'aria aperta in qualsiasi condizione atmosferica.

Trattamento

Prima di iniziare a trattare la rinosinusite in un bambino, è necessario stabilire la causa e l'agente causale della malattia. La diagnosi nei bambini include:

  1. Storia presa. Al primo appuntamento, il medico riceve informazioni su malattie passate o patologie croniche, ascolta i reclami se il paziente ha più di 2 anni.
  2. Esame endoscopico. Con l'aiuto dell'endoscopia, del gonfiore, è possibile rilevare la presenza di polipi e muco.
  3. Esame radiografico. Una radiografia aiuterà a distinguere una forma purulenta della malattia da un catarro.
  4. Puntura dei seni mascellari. La procedura viene eseguita al fine di ottenere il contenuto dei seni..
  5. ultrasuono Ultrasuoni è prescritto in aggiunta..

Solo uno specialista è coinvolto nella selezione di medicinali e procedure. La terapia della rinosinusite comprende farmaci come:

  1. Antibiotici sistemici (Azitromicina, Augmentin). Gli antibiotici per la rinosinusite sono spesso prescritti per la forma acuta della malattia, accompagnata da febbre alta e secrezione purulenta..
  2. Gocce di vasocostrittore (Tizin, Nazivin). Dovresti limitare l'uso di questi fondi: le gocce di vasocostrittore creano dipendenza. È indesiderabile usare droghe per più di 7 giorni.
  3. Farmaci mucolitici (Fluimucil, ACC). Liquefazione dell'espettorato di medicinali.
  4. Antipiretico (ibuprofene, paracetamolo). I farmaci vengono utilizzati solo con un aumento della temperatura corporea..

Le medicine omeopatiche sono usate per sostenere il sistema immunitario. Per facilitare la respirazione, vengono utilizzati rimedi locali: gocce e spray. Per i bambini di età inferiore a 3 anni, Isofra è raccomandato. Un bambino di età superiore a 3 anni è adatto a Polydex. L'inalazione con sinusite è anche necessaria per combattere i processi infiammatori. Esistono 2 tipi di procedure:

  1. Nebulizzatore. Questo tipo di inalazione è consentito anche per i neonati. La durata della procedura non supera i 20 minuti e la frequenza è di 4 volte a settimana. Le inalazioni vengono eseguite utilizzando una soluzione salina, in cui in alcuni casi vengono aggiunti farmaci..
  2. Vapore. I bambini di età compresa tra 6-7 anni possono essere trattati con inalazione di vapore. È consentito eseguire procedure a casa sotto la supervisione di adulti. Per inalazione, utilizzare un decotto di patate o di erbe con l'aggiunta di oli essenziali o acqua bollita senza ingredienti aggiuntivi. La procedura deve essere eseguita almeno 2 volte al giorno.

Terapia

Nel trattamento della sinusite e della rinosinusite vengono utilizzati farmaci, a volte è necessario un intervento chirurgico.

Per il trattamento, il medico di solito prescrive:

  • vasocostrittore gocce nasali per 3-5 giorni (per ridurre il gonfiore della mucosa);
  • antistaminici (se il paziente ha condizioni allergiche e per aiuto nel compito di ridurre l'edema della mucosa);
  • se la sinusite è acuta, si raccomandano antibiotici locali e sistemici.

Se ciò non aiuta, viene eseguita una rinoplastica completa.

Il dottor Komarovsky consiglia il trattamento della rinosinusite esclusivamente sotto la supervisione di un medico.

Non rinunciare nemmeno agli antibiotici: in caso di sinusite purulenta, non puoi farne a meno in terapia, poiché i batteri si moltiplicano rapidamente.

I genitori possono contribuire al passaggio del contenuto dei seni mediante un regolare lavaggio del naso. Per questi scopi, puoi scegliere una delle tante soluzioni con acqua di mare che esistono nelle farmacie o prepararti a casa (un cucchiaino di sale ordinario per 1 litro di acqua pre-bollita). Più spesso il bambino verrà lavato il naso, meglio è.

Durante il trattamento, i genitori dovrebbero ricordare che l'aria secca nella stanza in cui vive il bambino, il calore, contribuisce all'essiccamento del muco nel tratto respiratorio superiore. Ciò significa che sta aumentando la probabilità di gravi complicanze. Pertanto, è necessario ventilare la stanza, lavare i pavimenti, inumidire l'aria con un dispositivo speciale, chiamato umidificatore, al livello del 50-70%. Se non è presente un umidificatore, è possibile appendere pannolini bagnati o lenzuola, asciugamani sulle batterie o su una corda. Il liquido da loro evaporerà e umidificherà l'aria nella casa. La temperatura dell'aria nella stanza dei bambini, anche in inverno, non dovrebbe superare i 19-21 gradi.

Non dimenticare l'abbondante bevanda calda: questo aiuta a diluire ed eliminare il muco nasale. Se non c'è alta temperatura, devi mandare il bambino a camminare fuori - ha bisogno di aria fresca.

Se il bambino è allergico, il trattamento non porterà risultati tangibili, mentre il bambino continua a contattare l'allergene. I genitori dovrebbero essere perplessi in modo che la casa non abbia grandi giocattoli morbidi e tappeti che accumulano polvere, i libri sono nell'armadio dietro il vetro. Lavano i pavimenti, lo fanno tutti i giorni, ma non usano detergenti. Lavare indumenti e biancheria con polvere ipoallergenica e risciacquare.

Eugene Komarovsky esorta i genitori a stare più attenti con i farmaci vasocostrittori: non possono essere utilizzati per più di cinque giorni. Sviluppano una tossicodipendenza persistente, la mucosa può atrofizzarsi. Solo quelle forme di farmaci vasocostrittori che sono adatte all'età del bambino possono essere utilizzate al momento indicato in conformità con tutte le raccomandazioni del medico curante..

  • Un noto pediatra consiglia ai genitori che curano la sinusite nei bambini di lavare i beccucci il più spesso possibile. Mentre il bambino respira attraverso la bocca, aumenta la probabilità che non solo le secrezioni nasali, ma anche il muco nei bronchi e nei polmoni si secchino, il che aumenta la probabilità di una malattia polmonare o bronchiale.
  • Incoraggia i giochi attivi di tuo figlio all'aria aperta. Consentono al bambino di ricevere più ossigeno, perché con la congestione nasale tutti gli organi e i sistemi sperimentano una certa carenza di ossigeno.
  • La maggior parte delle ricette della medicina tradizionale per la sinusite non sono solo inutili, ma possono danneggiare in modo significativo. I rimedi di erbe, i rimedi a base di miele possono essere essi stessi allergenici, il che non aiuta in alcun modo a ridurre il gonfiore della mucosa.

Puoi nel prossimo video.

Trattamento terapeutico per la rinosinusite acuta

Il trattamento della malattia in forma acuta ha le sue caratteristiche:

  1. Al paziente vengono spesso prescritti antibiotici dei gruppi cefalosporine e penicilline. Se il farmaco non ha l'effetto desiderato entro 3 giorni, viene annullato.
  2. Se le penicilline o le cefalosporine non aiutano, i macrolidi vengono prescritti al paziente. L'uso di questi medicinali è considerato l'ultima risorsa. Per i bambini di età inferiore ai 16 anni, i macrolidi non sono praticamente prescritti a causa della loro capacità di influenzare negativamente il tessuto cartilagineo nella fase di sviluppo..
  3. Come nella cronica, nella forma acuta, si raccomanda il lavaggio, il cui scopo è quello di pulire la cavità nasale da pus e muco e disinfettare. Ma per la preparazione della soluzione, non vengono utilizzati sale marino o decotti a base di erbe, ma medicine, ad esempio furatsilin.
  4. I farmaci antibatterici per la somministrazione intramuscolare ai bambini sono prescritti sotto forma di compresse o sospensioni.
  5. Nella fase di recupero, vengono eseguiti i warm-up (UHF, UFO).

Come va la diagnosi??

Prima di iniziare il trattamento per la sinusite acuta nei bambini, il medico deve condurre un esame ed effettuare una diagnosi. La diagnosi iniziale prevede le seguenti azioni:

  • Sondaggio orale Il medico chiarisce con il bambino di quali lamentele si preoccupa (se il suo naso è bloccato, c'è qualche scarica, è il bambino che soffre di emicrania);
  • Chiarisce i tempi del decorso della malattia. Lo specialista deve chiedere se il piccolo paziente ha avuto un raffreddore prima dell'inizio dei sintomi;
  • Il medico chiede al paziente se ha visitato un dentista;
  • Ispezione generale Il medico indaga l'area delle guance e della fronte per identificare la natura dell'infiammazione. Se l'edema è presente in queste aree, lo specialista identifica il paziente in un ospedale;
  • Ispezione dei passaggi nasali. Se le mucose sono rosse, gonfie e c'è muco mescolato con pus nel naso - questo conferma la diagnosi.

L'esame endoscopico consente di diagnosticare e comprendere in modo più preciso lo stato del bambino. Questa procedura aiuta a scoprire se il bambino ha polipi, per capire quanto sono gonfiati i passaggi nasali. L'esame endoscopico è un'opportunità per rilevare la presenza di pus e muco nella cavità nasale..

Con l'aiuto di una radiografia, il medico è in grado di distinguere la rinosinusite catarrale da purulenta. L'ecografia in alcuni casi diventa un'ottima alternativa alla radiografia. Grazie a questa procedura, uno specialista può controllare in dettaglio i seni paranasali. In casi difficili, il medico utilizza una TAC per la diagnosi più accurata..

Rimedi popolari per la lotta contro la rinosinusite nei bambini

La medicina alternativa è raccomandata per la prevenzione e nella forma lieve della malattia come terapia aggiuntiva. Con un aumento della temperatura e uno scarico purulento dal naso, i rimedi popolari mostrano una bassa efficienza. Puoi curare la rinosinusite con:

  1. Decotto di piante medicinali. Se ci sono sintomi di intossicazione, il paziente deve usare una grande quantità di liquido: bambini di età inferiore a 5 anni almeno 1 litro al giorno, bambini in età prescolare e adolescenti più grandi - fino a 1,5-2 litri al giorno. Puoi preparare un decotto di farfara, salvia, erba di San Giovanni e camomilla. Le piante si mescolano in proporzioni uguali e versano un bicchiere di acqua bollente 1 cucchiaino. miscele. Il brodo deve essere infuso per 15-20 minuti.
  2. Gocce di succo di barbabietola, carota e aloe. Il succo per la preparazione del farmaco deve essere appena spremuto (non più vecchio di 24 ore). Usa le gocce almeno 4-5 volte al giorno.
  3. Olio di olivello spinoso. Un trattamento per la rinosinusite può essere preparato a casa o acquistato in farmacia. Prima di applicare l'olio, la cavità nasale deve essere pulita da pus e muco.

Metodi diagnostici e di ricerca

Nella diagnosi di sinusite vengono utilizzati metodi di ricerca generali e specifici. Si consiglia una diagnosi di laboratorio completa. L'ecografia ti consente di valutare le condizioni dei seni nasali e di monitorare in fase di trattamento. Questo è uno dei metodi più sicuri e affidabili consigliati per la diagnosi nei bambini..

Secondo le indicazioni, sono prescritte la RM e la tomografia computerizzata. Per determinare i fattori di sviluppo della sinusite consentirà la video endoscopia della cavità nasale. L'esame radiografico è meno comunemente prescritto..

I sintomi della rinosinusite nei bambini sono gravi e la diagnosi non è difficile. Ulteriori studi sono prescritti per identificare l'agente causale della malattia, localizzare il focus dell'infiammazione e valutare il rischio di possibili complicanze. Determinare la natura dell'infiammazione consente la puntura. Il contenuto del seno viene esaminato per la sensibilità agli antibiotici, il che consente di scegliere farmaci più efficaci.

complicazioni

Nelle fasi iniziali, la sinusite è curabile. La malattia non costituirà un pericolo per la vita e la salute del paziente. Le forme lanciate causano complicazioni, la cui prognosi è sfavorevole:

  1. Sepsi. L'avvelenamento del sangue si verifica quando i microrganismi piogeni e i loro prodotti di scarto entrano nel flusso sanguigno.
  2. Miocardite. Il processo infiammatorio del rivestimento del cuore è una rara complicanza della rinosinusite, ma non dovrebbe essere completamente escluso. Con miocardite, il paziente ha respiro corto, aritmia, aumento della fatica.
  3. Lo sviluppo di altre patologie del tratto respiratorio superiore e inferiore. L'infezione batterica si diffonde ad altri organi, causando bronchite, laringite, polmonite, ecc..
  4. Malattie infiammatorie dell'occhio (ascesso retrobulbare, flemmone delle orbite e altri).
  5. Patologie intracraniche (otite media, meningite, neurite trigeminale, insufficienza di sangue e processi infiammatori del cervello).

Con complicanze della malattia, i pazienti hanno bisogno di ricovero urgente.

Le conseguenze della sinusite in un bambino

Con un trattamento tempestivo e correttamente selezionato, la rinosinusite in un bambino, di regola, scompare senza gravi conseguenze per la salute. Il pericolo principale, come menzionato sopra, non è tanto la sinusite quanto l'uso incontrollato di procedure mediche e farmaci per il suo trattamento. Il trattamento di questa malattia dovrebbe iniziare nelle prime fasi, poiché un ignorante prolungato del problema può portare alla transizione della sinusite in una forma cronica e quindi a una perdita parziale o completa dell'olfatto e altre conseguenze non meno gravi.

Affinché il trattamento della rinosinusite sia efficace e sicuro, è necessario consultare sempre un medico, quindi seguire rigorosamente le sue raccomandazioni sulla scelta e il dosaggio dei farmaci e altri metodi di trattamento di un bambino.

Prevenzione

Per evitare l'insorgenza e lo sviluppo della malattia, è necessario:

  1. Trattare tempestivamente eventuali malattie infettive e croniche. Poiché il processo infiammatorio del seno può essere innescato da malattie della cavità orale, il bambino dovrebbe visitare il dentista almeno 2 volte l'anno.
  2. Escludere l'allergene dall'ambiente del bambino. Questo non è sempre possibile, ad esempio, i genitori non possono proteggere i propri figli dalle piante fiorite. Tuttavia, se le allergie sono causate da detergenti (polveri aromatizzate), devono essere sostituite o abbandonate..
  3. Rafforzare il sistema immunitario. Il rafforzamento del sistema immunitario è facilitato dall'assunzione di vitamine e dall'indurimento. In questo caso, è necessario prevenire l'ipotermia.
  4. Insegnare a un bambino incline a processi infiammatori della mucosa dei seni nasali per sciacquare la cavità nasale. La procedura deve essere eseguita dopo il ritorno a casa. Il risciacquo è consentito con l'acqua calda del rubinetto. Tuttavia, per questi scopi, è meglio usare acqua salata o minerale naturale. È anche importante insegnare ai bambini a lavarsi le mani prima di mangiare, dopo aver camminato e parlato con gli animali.

Dovrebbe stimolare il bambino a esercitare. I genitori dovrebbero spiegare ai bambini il ruolo di una corretta alimentazione nella protezione dell'organismo da varie infezioni..

Misure terapeutiche

Se i genitori comprendono i sintomi e il trattamento della sinusite infantile, possono fermare rapidamente la malattia ed evitare conseguenze negative per la salute del bambino. L'automedicazione e l'uso della medicina tradizionale senza il consenso di un medico sono inaccettabili. Le misure terapeutiche mirano a facilitare la respirazione nasale, alleviare l'edema e l'infiammazione e prevenire le complicanze..

Il trattamento della rinosinusite nei bambini prevede:

  • prendendo antibiotici;
  • l'uso di farmaci vasocostrittori;
  • pulizia intensiva dei seni;
  • prendendo antistaminici;
  • procedure fisioterapiche.

Come trattare la sinusite in un giovane paziente, dirà il medico. L'otorinolaringoiatra selezionerà il farmaco antibatterico più efficace in un caso particolare. Ci vogliono diversi giorni per identificare l'agente patogeno. Per non perdere tempo, lo specialista prescrive antibiotici ad ampio spettro, quindi il trattamento viene regolato tenendo conto dei risultati dei test. La massima efficacia è stata dimostrata da antibiotici di tipo penicillina (Amoxiclav, Ampicillin) e macrolidi (Azitromicina, Sumamed).