Metodi e diagnosi delle allergie a Mosca

Analisi

È vero che la prevalenza delle allergie alimentari nel mondo sta crescendo o è la colpa della diagnosi sbagliata? Ecco un parere di esperti.

Negli ultimi 20 anni, alcuni specialisti hanno notato un aumento significativo delle allergie alimentari. Secondo le statistiche dei Centers for Disease Control and Prevention (Agenzia Federale del Dipartimento della Salute degli Stati Uniti), dal 1997 al 2011, la prevalenza di allergie alimentari tra la popolazione adulta d'America è aumentata del 50%. Nei bambini, questo indicatore è aumentato del 18% dal 1997 al 2007. Oggi, il numero di persone che soffrono di allergie alimentari negli Stati Uniti è stimato in circa 15 milioni di persone..

Alcuni esperti ritengono che una combinazione di fattori - ambientali, genetici, domestici, contribuisca alla crescita delle allergie alimentari. Tuttavia, si ritiene che in realtà non vi siano più casi di allergia alimentare e che la diagnosi eccessiva sia da attribuire alle statistiche "cattive" (errate conclusioni mediche sulla presenza della malattia esaminata o sulle sue complicanze, che sono effettivamente assenti o meno pronunciate di quanto indicato nella conclusione) e sopravvalutazione, che è il risultato di metodi di ricerca imprecisi e idee sbagliate sulle allergie alimentari.

Allergie o intolleranze alimentari?

C'è confusione nei concetti di "allergia alimentare" e "intolleranza alimentare", afferma l'allergologo David Stuckus dell'American College of Allergy, Ashma and Immunology (ACAAI). Allergia alimentare - una reazione del sistema immunitario, intolleranza al tratto gastrointestinale.

Secondo ACAAI, nel 90% dei casi, otto alimenti causano allergie alimentari: uova, latte, arachidi, noci, pesce, frutti di mare, grano e soia. "L'intolleranza alimentare è più probabilmente correlata alla quantità consumata", afferma il dott. Stukus. Può essere accompagnato da gonfiore, dolore addominale, diarrea. "Dopo qualche tempo, i sintomi stessi scompaiono e non sono in pericolo di vita", spiega lo specialista.

Un'altra cosa è l'allergia alimentare. Tra i suoi sintomi ci sono respiro corto, tosse, respiro corto, prurito, vomito, coliche intestinali, gonfiore della lingua, vertigini. I sintomi possono essere da lievi a gravi; in rari casi, si verifica l'anafilassi - una reazione sistemica pericolosa per la vita in cui sono coinvolti più organi contemporaneamente. "Ecco perché è così importante diagnosticare correttamente le allergie alimentari!" - sottolinea lo scienziato.

Diagnostica non informativa

Per rilevare allergie alimentari, il medico di solito prescrive esami cutanei e / o un esame del sangue per immunoglobuline specifiche E (IgE). Tuttavia, molti esperti dubitano del contenuto informativo degli esami della pelle e degli esami del sangue per le allergie alimentari, ritenendo che sia la causa dell'affidabilità di tali esami a causare la diagnosi eccessiva.

“I risultati dei test cutanei possono essere attendibili in circa il 60% dei casi; molti medici raccomandano di completarlo con test sierologici ", ha dichiarato Jonathan Bernstein, membro dell'American Academy of Allergy, Ashma and Immunology (AAAAI). - Allo stesso tempo, dobbiamo ricordare che le allergie hanno sempre manifestazioni cliniche associate all'esposizione a un allergene. E molte persone sono allergiche solo in base ai risultati delle analisi "..

“I test per la presenza di allergie alimentari dovrebbero essere prescritti ai pazienti solo se il paziente ha una storia di sintomi corrispondenti alla malattia, che si verificano in un determinato momento dopo aver mangiato e che hanno una certa durata. Se una persona mangia un prodotto e non presenta alcun sintomo, significa che non è allergico, anche se un esame del sangue per IgE specifiche ha dato un risultato positivo. Non è necessario raccomandargli di escludere qualsiasi prodotto dalla dieta solo sulla base di test ", il dott. Stukus è sicuro.

Questa opinione è stata confermata da un recente studio in cui i pazienti allergici alle noci sulla base di test cutanei hanno effettivamente mangiato questo prodotto senza sintomi..

Prova orale provocatoria di eliminazione

Un metodo veramente affidabile per diagnosticare le allergie alimentari è il test orale provocatorio dell'eliminazione. Si basa sull'assunzione di piccole dosi di cibo, che presumibilmente provoca una reazione allergica nel paziente, e viene effettuato sotto la supervisione di un medico. Se il soggetto presenta determinati sintomi, l'allergia può essere considerata confermata..

Oggi i medici prescrivono un test provocatorio solo se gli esami della pelle e un esame del sangue non ci consentono di trarre conclusioni inequivocabili. Molti terapisti e allergologi cercano di evitarlo, temendo gravi reazioni allergiche. Tuttavia, il Dott. Stukus è fiducioso che "tali test sono assolutamente sicuri se vengono eseguiti da allergologi qualificati che hanno esperienza e capacità professionali nell'arresto delle reazioni allergiche". Questo metodo di ricerca dovrebbe entrare nella pratica quotidiana, sottolinea il dott. Bernstein..

Il consiglio del dottore

Trappole speciali intrappolano polline e spore dall'aria tutto il giorno. Otteniamo dati accurati unici da una stazione di monitoraggio del polline, elaborati utilizzando un metodo scientifico unico.

Analisi delle allergie: test Skin Prik

Tatyana Zvereva, giornalista, esperta nel campo delle pubbliche relazioni, blogger, creatrice e autrice del blog Instagram @deti_na_diete con ricette e informazioni utili per chi soffre di allergie dopo che suo figlio era allergico:

- Test di puntura della pelle (dall'inglese. Prick - "iniezione") - una determinazione visiva dell'intensità della reazione della pelle al contatto con allergeni. Una volta mi hanno fatto assolutamente torto - durante il periodo di esacerbazione, di conseguenza, tutte le incisioni si sono gonfiate, il che mi ha fatto scioccare.
Nei prik-test c'è sempre un test su cui viene gocciolata l'istamina, questo è un indicatore della correttezza del test. Se il test dell'istamina non è gonfio, il test è considerato non valido..

Un prik-test è una tecnica in vivo, ovvero il corpo è a diretto contatto con l'allergene, è un "test provocatorio" che consente di determinare l'allergia a un prodotto specifico, un allergene specifico, ma non alle proteine. E, come sai, solo una proteina può causare una reazione allergica. I test di Prik sono uno dei metodi più tradizionali di allergologia classica; sono noti per il loro basso costo, accessibilità e velocità: solo 20 minuti per ottenere il risultato. Un altro vantaggio di questo metodo è che puoi prendere l'allergene appositamente per il tuo gatto o la tua polvere e testarlo. Tuttavia, l'affidabilità / specificità dei prik-test non è standard, perché:

  1. Il metodo non rileva la quantità di immunoglobuline nel siero.
  2. Controindicato nella fase attiva della malattia (allergia, SARS).
  3. Prima dell'analisi è necessario un ritiro temporaneo dei farmaci: gli antidepressivi (non tutti) vengono cancellati in 3-4 settimane, gli ormoni (compresi quelli esterni) in 4-5 giorni, gli antistaminici in 3-7 giorni. In ogni caso, questo punto deve essere verificato con il medico.
  4. È vietato l'uso in donne in gravidanza.
  5. I test di Prik sono controindicati nei bambini piccoli, vengono eseguiti da 6 mesi, ma i bambini di solito hanno difficoltà a tollerare il test prik: hanno paura, scoppiano, piangono, quindi il risultato sfocato.
  6. È necessaria una vasta area di pelle sana..
  7. Esiste il rischio di una reazione sistemica (inferiore alle tacche).
  8. Non ci sono standard per gli estratti per condurre test prik.
  9. Il metodo non è applicabile agli infetti da HIV.
  10. I test di Prik non vengono eseguiti per le persone con malattie mentali..
  11. Esacerbazioni di malattie della pelle, inclusa dermatite atopica, nonché tipi di allergie con l'impossibilità di sospensione del farmaco - controindicazioni per l'utilizzo del metodo.

Tra i limiti per condurre un test di prik ci sono l'età, l'esacerbazione di una malattia cronica e l'uso di farmaci antiallergici.
Il prik test viene eseguito con una lancetta che controlla la profondità di iniezione (1-1,5 mm) in modo che l'allergene non penetri nel flusso sanguigno e non causi una reazione sistemica.

Test provocatori nella diagnosi di allergie alimentari

"Challenge test" - un metodo per rilevare la sensibilizzazione (allergie), basato sull'introduzione di un allergene nell'organo bersaglio.

I test provocatori respiratori (respiratori) (nasali, congiuntivali, bronchiali) servono come "gold standard" oggettivo per determinare una significativa ipersensibilità clinica (allergie).

Altri test provocatori, i cui risultati sono talvolta necessari per confermare o escludere allergie: professionale, fisico, alimentare.

Test provocativi vengono eseguiti in caso di ambiguità o dubbio nella diagnosi (test del secondo livello diagnostico), se la storia medica e i risultati dei test allergologici non corrispondono, soprattutto in vivo (ad esempio, in pazienti con una storia di febbre da fieno e test preliminari negativi), secondo rigorose indicazioni dei medici allergologi- immunologi in sale e dipartimenti allergologici (ospedali) dotati di tutto il necessario per le cure di emergenza in caso di reazioni gravi.

Nei bambini, i test provocatori sono limitati. È possibile eseguire test provocatori in bambini di almeno 5-7 anni da specialisti esperti in un ospedale.

Il "gold standard" per la diagnosi delle allergie alimentari è il test provocatorio in doppio cieco, controllato con placebo, per uso orale, che è stato proposto per la prima volta nel 1950 da Loveless e modificato nel maggio 1976. Un risultato negativo ottenuto con questo test deve essere sempre confermato da un successivo test provocatorio aperto..

Test di provocazione congiuntivale

Il test è stato dimostrato per la prima volta da Blackley; usato per sospetta congiuntivite allergica, ma in alcuni casi può anche essere utile per la diagnosi di rinite allergica.

indicazioni
• Confermare la sensibilizzazione a un allergene specifico.
• Valutare la sensibilità dell'organo bersaglio.
• Valutare l'effetto del farmaco e dell'immunoterapia.

Tecnica
1. È necessario sedere o sdraiare (nel caso di alcuni bambini) il paziente.
2. Quindi è necessario chiedere al paziente di guardare in alto e non strofinarsi gli occhi in presenza di prurito.
3. Mettere una goccia di soluzione salina allo 0,9% nella sacca congiuntivale inferiore per escludere una reattività aspecifica.
4. Se la reazione è assente per 10 minuti, ogni 10-15 minuti successivi vengono applicate gocce di soluzione allergenica in concentrazione crescente (di solito da 1: 104–1: 105 a 1:10 o più) fino a quando appare una reazione positiva. Un test con una maggiore concentrazione di allergene viene eseguito solo in assenza di una reazione a una precedente diluizione. La congiuntiva dell'altro occhio è un controllo.
5. Il test viene valutato dalla comparsa di sintomi che di solito vengono rilevati dopo pochi minuti: prurito, gonfiore nella zona degli occhi, arrossamento degli occhi, lacrimazione.
6. Possibile raccolta di lacrime ed esame per mediatori infiammatori e cellule marker.
7. Alla fine del test, il sacco congiuntivale viene lavato con soluzione salina.

Test di sfida nasale

Un test di provocazione nasale viene eseguito in caso di dubbi nella diagnosi e, in alcuni casi, per valutare l'efficacia della terapia.

Prima del test, il paziente deve interrompere l'assunzione di alcuni farmaci, come nel caso del test preliminare cutaneo.
La membrana mucosa della cavità nasale deve essere esaminata per escludere possibili sintomi non specifici..
La rinomanometria è possibile valutare il test..

Tecnica
1. Prima dell'inizio del test, una valutazione della resistenza al passaggio dell'aria nella cavità nasale utilizzando un rinomanometro (valore medio di almeno cinque misurazioni). Per il controllo, puoi anche usare la soluzione salina, come nel caso del test congiuntivale.
2. Quindi è necessario instillare 0,2-0,5 ml di estratto di allergene in una diluizione 1:10 000–1: 1000 nel passaggio nasale del paziente.
3. In assenza di reazione, è necessario instillare più volte una maggiore concentrazione di allergeni ogni 15 minuti fino a un valore massimo (di solito non più di 1:10).
4. Il test viene valutato dalla comparsa di sintomi nasali (prurito, rinorrea, starnuti, congestione nasale, ecc.), Indicazioni di rinomanometria e determinazione dei mediatori infiammatori in un segreto nasale.
5. Un risultato positivo del test valutato utilizzando un rinomanometro è caratterizzato da un aumento della resistenza nasale di oltre il 400% o da una diminuzione del flusso d'aria di oltre il 50%.
6. Dopo 6-8 ore, è necessaria una nuova valutazione del test per escludere reazioni ritardate.
7. Alla fine del test, la cavità nasale viene lavata con soluzione salina.

Test di provocazione bronchiale

Nella maggior parte dei casi, l'esecuzione di un test di provocazione bronchiale consente di valutare l'ipersensibilità del tratto respiratorio inferiore con una diagnosi poco chiara..

Durante il test, come agenti broncocostrittori possono essere utilizzati stimoli immunitari (allergeni) e non immuni (acetilcolina, metacolina, istamina, carbacholo, aria fredda, esercizio fisico e iperventilazione). La scelta dell'agente viene effettuata in base allo scopo dello studio.
È necessario conoscere la dose esatta e la concentrazione degli stimoli provocatori al fine di garantire la sicurezza del test e ottenere risultati affidabili..

Descrizione della metodologia per condurre un test bronchiale negli adulti.
Le raccomandazioni per questo test comprendono l'annullamento di determinati farmaci prima del test, la determinazione della dose iniziale dell'allergene mediante un test cutaneo e un test con metacolina, FEV1 70%, durata dell'esposizione all'allergene, misurazione del FEV1 a intervalli dopo l'esposizione, attento monitoraggio delle reazioni ritardate, confronto con placebo test controllato condotto il giorno prima di una specifica provocazione

Il test viene eseguito con un solo agente al giorno e se il paziente ha ritardato le reazioni dopo il test, la successiva provocazione deve essere eseguita non prima di una settimana dopo al fine di evitare risultati falsi positivi dovuti a reattività non specifica.

indicazioni
• asma bronchiale, iperreattività bronchiale, dubbi sulla diagnosi.
• In presenza di sintomi di asma e risultati normali di spirometria e altri test.
• Se si sospetta una variante della tosse di asma.
• Valutazione della gravità dell'iperreattività bronchiale e suo monitoraggio.

Test provocatori

I test provocativi sono criteri altamente affidabili per la diagnosi di malattie allergiche. Vengono utilizzati in caso di discrepanza tra la storia e i risultati dei test cutanei. Attualmente vengono eseguiti i seguenti test provocatori: congiuntivale, nasale, inalazione, sublinguale, eliminazione.

Test congiuntivale. Utilizzato per diagnosticare la congiuntivite allergica. La tecnica del test è la seguente: 1-2 gocce dell'allergene studiato vengono instillate nel sacco congiuntivale in una concentrazione che ha dato una reazione debolmente positiva nel test cutaneo. Una reazione positiva si manifesta con lacrimazione, iperemia congiuntivale, prurito della palpebra.

Test nasale. È usato per diagnosticare la rinite allergica, la tracheite, la bronchite, l'asma bronchiale in remissione. Viene effettuato con allergeni domestici, pollinici e infettivi. La tecnica di prova è la seguente: in una metà del naso, 2 gocce di allergene vengono instillate in una diluizione di 1: 100 (100 PNU) o sospettate di un grado molto elevato di allergia in una diluizione di 1: 1000. Una reazione positiva si manifesta con prurito al naso, rinorrea, starnuti.

Test di inalazione. Di solito è usato in pazienti con asma bronchiale al fine di identificare allergeni causali, valutare l'efficacia del trattamento, identificare i fattori non specifici che causano il broncospasmo, ai fini della diagnosi differenziale (asma bronchiale, bronchite ostruttiva), determinare l'idoneità professionale del paziente.

Il test viene eseguito solo in ospedale, nella fase di remissione della malattia nelle persone di età superiore ai 5 anni. Può essere effettuato con allergeni domestici, epidermici, pollini, infettivi. Il test viene eseguito se ci sono risultati negativi del test nasale e se i dati storici non coincidono con i risultati dei test cutanei. Prima di impostare il test, vengono registrati i parametri della respirazione esterna (FEV1 - volume espiratorio forzato durante il primo secondo, FVC - capacità polmonare vitale forzata, coefficiente di Tiffno). I valori iniziali di FEV1 dovrebbero essere almeno il 70% dei valori dovuti.

Durante l'esecuzione del test, al paziente attraverso l'inalatore viene prima consentito di inalare la soluzione di controllo, quindi dopo 10-15 minuti l'allergene nella dose minima che può causare una reazione registrata. Il test è considerato positivo con una diminuzione di FVC, FEV1 e indice Tiffno di oltre il 20%.

Con successive inalazioni di varie concentrazioni (diluizioni) dell'allergene, il FEV1 viene registrato tre volte, ogni 10 minuti. Dopo l'ultima iniezione dell'allergene, il FEV1 viene misurato per un'ora ogni 10 minuti, quindi dopo 1,5 ore, 2 ore e quindi ogni ora per 7 ore.

Test sublinguale. È usato per diagnosticare allergie ai farmaci e agli alimenti. Allrgen viene applicato sulla mucosa dell'area ipoide. Con le allergie alimentari, i prodotti naturali (succhi) vengono utilizzati in una diluizione di 1:10, con un'allergia ai farmaci - 1 / 8-1 / 4 di una singola dose di sostanza disciolta. Il test è positivo in presenza di iperemia, gonfiore, prurito nell'area ipoide, nonché aumento della frequenza cardiaca, starnuti, tosse.

Test di eliminazione Utilizzato per diagnosticare le allergie alimentari. I prodotti naturali agiscono come allergeni. 2-3 giorni prima del test, il prodotto studiato è escluso dalla dieta del paziente. Dopo che il prodotto di prova è incluso nella dieta, le reazioni totali e locali (pelle, tratto gastrointestinale) del corpo vengono valutate per 1 ora.

Test cutaneo allergico: tutto ciò che devi sapere su un esame importante

Olga Ulizko 02/01/2020, 10:54 1.1k visualizzazioni

Congestione nasale, starnuti, naso che cola, arrossamento e prurito agli occhi sono sintomi dolorosamente familiari per molte persone che soffrono di intolleranza a una sostanza o all'altra. Bene, se una persona sa che tipo di innesco si verifica questa reazione. E cosa fare quando non si conosce l'origine del problema? In questo caso, i medici offrono un test cutaneo allergico..

La reazione di intolleranza individuale è diventata una vera pandemia del 21 ° secolo. Secondo stime prudenti, circa 300 milioni di persone in tutto il mondo soffrono di asma bronchiale e ogni quinto individuo ha rinite allergica, afferma Joinfo.com.

In Russia, la situazione non è migliore. Questa patologia si osserva in ogni terzo adulto e ogni quarto bambino. Un test cutaneo allergico aiuterà a identificare la fonte di questo problema..

Panoramica dell'analisi

Un test cutaneo allergico è un processo di rilevazione / conferma di una reazione di intolleranza mediante l'applicazione di un potenziale estratto trigger sul derma e intradermicamente. Questo assicura la sua penetrazione nel corpo. E poi resta solo da osservare la reazione dell'epidermide.

Molto spesso, il test viene eseguito perforando la pelle, iniettando l'allergene o applicandolo a una garza (applicatore), che deve essere indossata per un certo periodo di tempo. Le procedure vengono eseguite in un'area controllata limitata per far fronte a eventuali complicazioni indesiderate..

Molto spesso, l'irritante viene applicato sull'avambraccio o sulla schiena (in rari casi, la coscia). In combinazione con una storia medica e altri test eseguiti, questi test aiuteranno a identificare come un allergene entra nel corpo - per inalazione, contatto o ingestione.

Perché hai bisogno di fare un test allergologico cutaneo??

Le informazioni fornite da questi campioni aiutano l'allergologo a sviluppare un piano di trattamento che preveda l'esposizione a sostanze irritanti, la prescrizione di farmaci specifici o l'immunoterapia (vaccinazione).

Ecco alcune malattie che possono essere rilevate:

  • febbre da fieno (rinite allergica);
  • asma allergico;
  • dermatite atopica (eczema);
  • allergia al cibo;
  • reazione di intolleranza alla penicillina;
  • allergia al veleno d'api;
  • intolleranza al lattice.

Per le persone che non vogliono fare questi test cutanei, è possibile fare esami del sangue (per anticorpi, immunoglobuline). Ma sono meno sensibili del primo e sono molto più costosi..

Tieni presente che, in generale, i test dermatologici sono definitivi per la diagnosi di allergie alle sostanze trasportate dall'aria. Come polline, peli di animali e zecche. Per quanto riguarda l'intolleranza ai prodotti, a causa della complessità della loro natura, richiedono ulteriori analisi.

In quali casi il test non può essere eseguito?

In generale, questi tipi di test sono sicuri per adulti e bambini di tutte le età, compresi i neonati. Tuttavia, a determinate condizioni non sono raccomandati, vale a dire:

  • Una storia di gravi manifestazioni allergiche conosciute come shock anafilattico. In questo caso, anche una piccola quantità della sostanza può causare una reazione potenzialmente fatale..
  • In caso di inizio del trattamento, che influisce sui risultati. Questo vale per antistaminici, antidepressivi e alcuni farmaci per il bruciore di stomaco (alta acidità di stomaco). Ecco perché è importante informare il medico dei farmaci che sta assumendo. Quindi determinerà se il trattamento può essere continuato o deve essere sospeso per l'esame.
  • In presenza di malattie della pelle (come eczema grave o psoriasi) che colpiscono ampie aree dell'epidermide sulle braccia e sulla schiena. Cioè, nei luoghi in cui viene eseguito il test, il coperchio potrebbe non essere "pulito" abbastanza per l'affidabilità del test. Altre patologie, come la dermatografia, possono portare a risultati falsi..
  • Oltre 60 anni.
  • Durante la gravidanza.

Come è la procedura?

La procedura varia in base al tipo di test cutaneo eseguito. In linea di principio, ce ne sono tre: un prik-test (o un prick test), un test intradermico e un test di applicazione ("patchwork").

1. Il primo di essi - il test di puntura, è il più spesso utilizzato e viene eseguito in più fasi. Inizialmente, il medico / l'infermiere esamina la pelle dell'avambraccio (in un adulto) o la schiena (in un bambino) e la disinfetta.

Quindi disegnano una trama di pelle sui quadrati con un pennarello e li numerano per identificare ogni allergene testato. Una goccia dell'estratto di stimolo viene posizionata nel segmento appropriato. Per la puntura, utilizzare un piccolo strumento ad ago (lancetta) per introdurre la sostanza nell'epidermide.

Per verificare l'adeguatezza della reazione cutanea, vengono introdotte due sostanze aggiuntive nel tegumento cutaneo, vale a dire:

  • istamina (nella maggior parte delle persone provoca una reazione); in caso contrario, il test non rivelerà alcuna allergia, anche se una persona soffre di una delle sue varietà;
  • glicerina o soluzione salina (la maggior parte delle persone non causa manifestazioni); se il paziente risponde a loro, ciò significa che ha la pelle sensibile e i risultati devono essere interpretati con cautela al fine di evitare test falsi positivi.

Dopo un intervallo di 15 minuti, viene verificata la reazione cutanea. Se si è formato un gonfiore rosso e pruriginoso, viene misurata la sua dimensione. Dopo aver registrato i risultati, il derma viene finalmente eliminato dai segni di marcatura..

Si noti che il test di puntura non viene eseguito per iniezione e non provoca sanguinamento, disagio a breve termine. Il numero di sostanze in esame può raggiungere i 40 e l'analisi è efficace per determinare la risposta a polline, muffe, peli di animali, zecche e alimenti.

2. Nella prima fase, quando si esegue un test intradermico, il derma viene esaminato e disinfettato. Una piccola quantità di allergene viene iniettata direttamente sotto la pelle nell'avambraccio, simile al test di Mantoux. Dopo circa 20-30 minuti, viene controllata una reazione allergica..

3. Il test di applicazione viene eseguito applicando un allergene (estratti di circa 20-30 sostanze, tra cui lattice, medicinali, profumi, conservanti, coloranti, metalli e resine) su una patta di garza (applicatore), che viene quindi posizionata sulla pelle della schiena.

Se nel corpo compaiono anticorpi allergici, il derma si irrita e prude, come per le punture di insetti. Ciò significa che esiste una reazione di intolleranza a questa sostanza. Nei giorni di test, si consiglia di evitare qualsiasi attività che causa un'eccessiva sudorazione..

Si noti che tutti i campioni vengono eseguiti solo in un istituto medico e i risultati vengono interpretati da uno specialista. La comparsa di reazioni nei primi due test dura da 15 a 40 minuti circa. E con un lembo di garza o un applicatore, dovrai camminare per circa due giorni. A volte in caso di una risposta allergica ritardata - anche 3-4 giorni.

Come prepararsi per il test?

Prima di tutto, è necessario informare l'allergologo su tutti i farmaci assunti. Compresi integratori alimentari e complessi vitaminici da banco. Poiché i farmaci allergici, in particolare gli antistaminici, inibiscono le reazioni di intolleranza, non dovresti prenderli qualche giorno prima del test (fino a 10 giorni) e discutere con il medico la possibilità di sospendere il trattamento.

Prima dell'esame, il medico esaminerà la storia medica del paziente, chiederà i sintomi e raccoglierà una storia familiare. Può anche avere una visita medica (per escludere altre condizioni). Poni domande su possibili malattie passate / presenti, stile di vita e abitudini alimentari..

Devi sapere che alcuni farmaci sopprimono le manifestazioni allergiche, non permettendo alla pelle di dare risultati veri. Allo stesso tempo, altri - aumentano il rischio di sviluppare una grave reazione di intolleranza. Anche interrompendo la loro assunzione, la maggior parte dei farmaci rimane nel corpo per diversi giorni e anche una settimana.

Effetti collaterali

Sebbene nel corpo vengano introdotte solo piccole quantità di allergeni, un test cutaneo è sicuro se eseguito correttamente e le reazioni sistemiche sono rare. L'effetto indesiderato più comune è l'infiammazione, il rossore e il conseguente prurito locale (ciò può verificarsi durante i test o dopo alcune ore, che dura fino a diversi giorni).

Le reazioni allergiche gravi e immediate sono rare. Tuttavia, i campioni devono essere eseguiti in un istituto medico, i cui specialisti saranno in grado di intervenire immediatamente se necessario.

False reazioni

Sebbene siano stati trovati risultati abbastanza rari, falsi negativi e falsi positivi. Nel primo caso, le cause di una reazione errata possono essere:

  • estratti di allergeni di bassa qualità o viziati;
  • errori nell'esecuzione di un test cutaneo;
  • malattie che influenzano la reazione dermatologica;
  • produzione insufficiente di anticorpi allergici nel corpo del paziente.

Risultati falsi positivi si verificano nel 50-60% dei casi e possono verificarsi per 2 motivi:

  • Durante i pasti, il tratto gastrointestinale scompone le proteine, comprese quelle allergeniche, in minuscole particelle che gli anticorpi non sono in grado di riconoscere. E una persona può tranquillamente utilizzare il prodotto senza rischi per la salute.

Ma durante un test cutaneo, più proteine ​​entrano nell'epidermide. Di conseguenza, gli anticorpi li riconoscono e danno un risultato falso positivo. Sebbene in realtà, una persona non abbia mai avuto problemi con questo prodotto.

  • Molti prodotti appartenenti allo stesso gruppo alimentare (cereali, legumi, belladonna e così via) hanno proteine ​​simili o completamente identiche. Pertanto, se il paziente è allergico ai pomodori (la famiglia della belladonna), un test cutaneo può dare una reazione falsa positiva alla melanzana. Sebbene la persona li consuma con calma e non ha avuto conseguenze indesiderabili.

Dopo il test

Dopo un test di allergia cutanea, eventuali estratti e marcatori vengono rimossi dall'epidermide e viene applicata una crema leggera con cortisone per ridurre il prurito eccessivo. Una reazione positiva significa che c'è un'allergia alla sostanza corrispondente. Di solito, maggiore è il gonfiore, maggiore è la sensibilità.

Una reazione negativa significa che molto probabilmente non c'è allergia a un trigger specifico. I risultati verranno utilizzati dal medico per elaborare un piano di trattamento, che può includere farmaci (antistaminici e decongestionanti, spray nasali o colliri), immunoterapia, un cambiamento nello stile di vita / ambiente di vita o dieta.

Identificando gli allergeni, il paziente può controllare i sintomi. Ma è molto importante evitare o minimizzare il contatto con sostanze irritanti e seguire esattamente le istruzioni del medico.

L'articolo è solo a scopo informativo. Se c'è una reazione di intolleranza a un allergene, dovresti consultare un medico. Prescriverà gli esami necessari e, in base ai loro risultati, il trattamento.

Abbi cura di te e sii sano!

Di recente, abbiamo scritto che molto spesso le allergie sono causate da peli di animali, polline di piante, frutti di mare, agrumi e materiali sintetici. Ma ci sono ulteriori fattori che possono migliorare le manifestazioni della condizione.

Come viene eseguito un test allergologico prik?

Prik-test è un metodo di ricerca che aiuta a stabilire allergeni che causano malattie allergiche. Si riferisce a tecniche minimamente invasive, poiché colpisce solo la superficie della pelle. Per un test, è possibile verificare la tolleranza di oltre 20 irritanti.

Cos'è un prik test

Per confermare un'allergia a una particolare sostanza irritante, vengono utilizzati diversi metodi diagnostici. I test cutanei, che includono il prik test, sono considerati i più informativi. È possibile stabilire un allergene durante la loro attuazione in pochi minuti.

Il metodo prik differisce dal test di scarificazione in quanto nella prima variante, vengono eseguiti tagli sulla pelle e nella seconda, solo piercing. Pertanto, il prik test è meno traumatico e più facile da trasportare..

L'essenza del prik-test è l'introduzione di allergeni sotto la pelle e in ulteriore confronto della reazione con i punti di controllo.

In caso di allergia, i sintomi tipici della reazione di intolleranza appariranno nel sito di iniezione dello stimolo, risultanti dal rilascio di mediatori infiammatori dai mastociti sotto l'influenza di un allergene.

Quali allergeni determina un test prik

Viene prescritto uno studio se si sospetta che il deterioramento del benessere di una persona e la comparsa di determinati sintomi allergici siano associati all'esposizione ad allergeni di diversi gruppi, questo:

  • Famiglia: particelle di polvere domestica, zecche e rifiuti delle loro funzioni vitali;
  • Epidermal. Intolleranza alle proteine ​​negli animali - cani, conigli, criceti, ratti;
  • Polline - erba, fiori, alberi;
  • Cereali: intolleranza a orzo, grano, segale, avena;
  • Erba erbaccia. Molto spesso, le allergie sono controllate per ambrosia e assenzio, per saperne di più sulle allergie stagionali https://allergiik.ru/sezonnay.html;
  • Funghi - spore di muffe.

Un prik-test è prescritto per le sospette allergie non a tutti e non sempre, poiché ci sono indicazioni e controindicazioni per la sua condotta.

Indicazioni per la nomina della procedura

Uno studio è prescritto se il paziente ha sintomi che indicano una possibile reazione allergica:

  • Eruzioni cutanee - eruzioni cutanee, vesciche, brufoli;
  • Prurito del corpo, arrossamento e desquamazione di alcune aree;
  • Lacrimazione, arrossamento della sclera;
  • Starnuti, congestione nasale, rinorrea;
  • Tosse;
  • Broncospasmo ricorrente;
  • L'edema di Quincke.

Un test prik è di solito prescritto in combinazione con altri metodi di esame. È necessario sottoporsi alla procedura e, se l'orticaria idiopatica è disturbata periodicamente, in cui l'irritante non può essere stabilito.

Controindicazioni

Il prik test è considerato il metodo più informativo per rilevare allergie, ma questo metodo di ricerca non è adatto a tutti. Controindicazioni al suo scopo:

  • Il periodo acuto del decorso di allergie e malattie infettive e infiammatorie;
  • Gravidanza e allattamento;
  • Età. La procedura non è prescritta per i bambini di età inferiore a 3 anni e per le persone di età superiore ai 60 anni;
  • Infezione da HIV, cancro.

Il test di Prik non è informativo, se eseguito durante l'assunzione di antistaminici e ormoni.

Gli antistaminici non possono essere utilizzati almeno 7 giorni prima del test e i farmaci ormonali devono essere eliminati con almeno 2 settimane di anticipo. Pertanto, il medico dovrebbe essere avvisato della terapia farmacologica in corso..

Tecnica

Il test di Prik viene eseguito nella sala di trattamento da un operatore sanitario. Un prerequisito è la presenza di un kit di pronto soccorso anti-shock, poiché una reazione acuta non esclude lo shock anafilattico.

Lo studio è prescritto in autunno o in inverno, cioè in un momento in cui la sensibilità del corpo alle proteine ​​estranee è ridotta al minimo.

Prima della manipolazione, il medico deve assicurarsi che il paziente non abbia manifestazioni acute di allergie, temperatura, malattie infiammatorie.

Gli allergeni vengono applicati sulla pelle dell'avambraccio o sopra le scapole..

  • L'area selezionata del corpo viene trattata con un antisettico cutaneo;
  • Vengono applicati segni di controllo: soluzione salina e istamina, a cui quasi tutte le persone sono allergiche;
  • Quindi goccia a goccia allergeni selezionati. In una procedura, il pri-test consente di controllare la reazione a 20 stimoli;
  • La pelle sopra ogni goccia applicata, incluso il controllo, viene perforata usando un sottile scarificatore dell'ago. Condizioni obbligatorie: ogni puntura deve essere eseguita con un nuovo strumento monouso.

Dopo la fase principale del prik-test, è necessario attendere fino a 20 minuti, per tutto questo tempo il paziente dovrebbe essere sotto la supervisione di un operatore sanitario. Dopo il tempo specificato, una valutazione dei risultati.

risultati

Dopo la scadenza del tempo necessario per lo sviluppo di allergie, il medico valuta le condizioni della pelle nel sito del test. Il risultato di un prik test può essere:

  • Positivo. La papula aumenta di dimensioni di oltre 3 mm, si notano arrossamenti intensi e gonfiore crescente, ci possono essere eruzioni cutanee e prurito;
  • Negativo. I cambiamenti nel luogo di applicazione dell'allergene non differiscono dal campione di controllo rispetto a una goccia di soluzione salina;
  • Dubbioso. L'ingrandimento della papula raggiunge i 2 mm.

Il prik test è il test cutaneo più affidabile per le allergie, ma questo metodo di ricerca non offre una garanzia al cento per cento.

I risultati dei test falsi positivi, falsi negativi e dubbi possono essere correlati:

  • Con il paziente che assume farmaci per allergie e ormoni, sia il giorno della manipolazione, sia pochi giorni prima della sua nomina;
  • Con l'inosservanza delle tecniche di manipolazione;
  • Utilizzo di soluzioni non standardizzate di allergeni;
  • Con caratteristiche della pelle individuali.

Le controindicazioni al test preliminare nei bambini piccoli sono associate precisamente alle caratteristiche anatomiche della pelle, con la sua maggiore sensibilità, che molto spesso porta a risultati falsi positivi.

È impossibile determinare l'allergene e fare una diagnosi sulla base di un solo test prik. Il medico esprime un parere solo dopo aver valutato tutti i test diagnostici e i test di laboratorio.

Possibili complicazioni

Quando si esegue un test prik, non è escluso lo sviluppo di una reazione allergica non solo locale, ma anche sistemica, ma lo indicano:

  • Prurito in tutto il corpo;
  • Starnuti con abbondante scarica, congestione nasale;
  • Gonfiore, vesciche;
  • Lacrimazione, iperemia degli occhi;
  • Deterioramento generale del benessere, manifestato da debolezza, brividi, vertigini, febbre.

Le reazioni più gravi possibili con un prik test sono l'edema o l'anafilassi di Quincke. Se compaiono segni atipici, il medico deve condurre una terapia anti-allergica e anti-shock.

Vantaggi e svantaggi dei test

I principali vantaggi degli allergologi del test prik includono:

  • La capacità di determinare un allergene specifico che provoca una risposta immunitaria specifica;
  • Risultati rapidi;
  • Test di alta affidabilità;
  • Identificazione di condizioni anallergiche - carenza di enzimi, falsa allergia.

Ma il prik test ha i suoi svantaggi:

  • Non è esclusa la probabilità di sviluppare una reazione allergica acuta durante il test. Per eliminare tutte le complicazioni, la procedura deve essere eseguita in uffici dotati di kit di pronto soccorso per le cure di emergenza;
  • Alto costo di analisi. Per determinare un allergene, sono necessari in media 300 rubli. Scopri in via preliminare esattamente a cosa sarà impossibile l'allergia, quindi al paziente viene assegnata una definizione della reazione ad almeno 20 stimoli, quindi il costo totale dell'analisi può talvolta raggiungere fino a 5 o più migliaia di rubli.

I test allergologici devono essere eseguiti in laboratori e cliniche specializzate, solo in questo caso sono garantiti i risultati più accurati.

Dove posso ottenere un test di prik

È possibile effettuare un test prik in centri medici statali e commerciali. Nelle grandi città, la diagnostica di laboratorio avanzata, comprese le allergie, viene eseguita in centri come:

  • In vitro;
  • MedCentService;
  • HemoTest;
  • Sinevo;
  • Clinica "Scandinavian Health Center";
  • Istituto di allergologia e immunologia a Mosca.

La direzione per l'analisi è data dall'allergologo presente. La diagnosi viene fatta insieme ai dati di altre procedure diagnostiche..

Un prik test consente di stabilire rapidamente un irritante, portando allo sviluppo di sintomi allergici. Conoscendolo, puoi eliminare completamente il contatto con lui in futuro o minimizzarlo.

Di conseguenza, ciò ti consentirà di tenere sotto controllo le allergie e di ridurre i costi delle medicine..

Come vengono prelevati i campioni allergenici: tipi di test cutanei, caratteristiche e risultati

Test cutanei diretti, indiretti e provocatori

I test allergologici diretti sono una tecnologia di esame volta a diagnosticare una specifica malattia. Nei test diretti, l'allergene viene a contatto con la pelle a causa di danni all'epidermide o senza di essa applicando una goccia di irritante contenente questo allergene (scarificazione, test preliminari, applicazioni).

Il test indiretto è la somministrazione sottocutanea di un irritante e la successiva presa dell'analisi del sangue di un paziente per determinare la quantità di anticorpo. I risultati determinano il tipo di reazione allergica.

La reazione di Prausnitz-Kyustren è una reazione provocatoria quando il siero di sangue del paziente viene somministrato a una persona sana. Dopo 24 ore, il livello di anticorpi nella pelle viene fissato e quindi viene applicato un allergene nella stessa area. L'uso di questa tecnologia è strettamente limitato, poiché lascia sempre al paziente la possibilità di infezione in caso di infezione latente nel donatore. La necessità di test provocatori sorge se la cronologia e i dati dei test non corrispondono.

L'assunzione di antistaminici e sedativi riduce significativamente la reattività, quindi prima di condurre i campioni, è necessario astenersi dall'utilizzarli per una settimana.

Quando fare un esame del sangue per gli allergeni

Per comprendere il principio della procedura, perché viene eseguito, è necessario comprendere la definizione di allergia. Alcuni pensano erroneamente che questo sia un fenomeno innocuo che non richiede diagnosi, trattamento. In effetti, un'allergia è una reazione specifica del sistema immunitario, che non è la norma, a determinate sostanze. Utilizzando questa analisi, è possibile determinare le sostanze che provocano tale reazione. È impossibile prescrivere un trattamento senza un esame del sangue.

I segni di una reazione allergica nei bambini o negli adulti includono questi sintomi locali:

  • gonfiore della mucosa nasale, naso che cola, non associato a malattie respiratorie;
  • arrossamento di qualsiasi area della pelle, occhi;
  • tosse, starnuti;
  • eruzioni cutanee;
  • forte prurito in tutto il corpo o in alcune aree;
  • deterioramento generale.

In ogni caso, compaiono alcuni sintomi, la maggior parte di essi può essere scambiata per altre malattie, in particolare raffreddori. Molti adulti si auto-curano, quindi, notando la mancanza di risultati, si rivolgono agli specialisti. Se i sintomi di allergia compaiono in un bambino di 1 anno o più giovane, i genitori si rivolgono immediatamente ai medici, il che consente loro di sospettare un'allergia in tempo e confermare la diagnosi dopo un esame del sangue.

Preparazione all'analisi

Per ottenere risultati di analisi affidabili, è necessario rispettare una serie di regole di formazione:

Quando le allergie compaiono per la prima volta negli adulti, di solito iniziano immediatamente a prendere antistaminici. Tale trattamento medico è davvero efficace, ma è necessario prescriverlo solo dopo la diagnosi. Se il paziente ha già iniziato a prendere tali fondi, la donazione di sangue può essere effettuata solo pochi giorni dopo l'interruzione.
Un esame del sangue per gli allergeni viene somministrato a stomaco vuoto, dopo l'ultimo pasto devono passare almeno 8 ore

È anche importante che la cena alla vigilia della diagnosi sia facile, il cibo dovrebbe essere ipocalorico, facilmente digeribile.
Per diversi giorni, si consiglia di seguire una dieta semplice: escludere cibi grassi, fritti, piatti, affumicati dalla dieta. Assicurati di rinunciare all'alcool

I prodotti di decomposizione dell'alcool etilico rimangono a lungo nel sangue, il che può distorcere il risultato dello studio del biomateriale.
Al mattino, prima di passare l'analisi, evitare uno sforzo fisico intenso, situazioni stressanti. Di solito, i medici ti consigliano di venire in ospedale in anticipo in modo da avere il tempo di riprendere fiato, calmarti..

Le donne possono donare sangue per allergeni durante le mestruazioni, ma con questa fase del ciclo mestruale, si verificano ancora cambiamenti nella composizione del sangue. A volte il medico può consigliare di rimandare la procedura per diversi giorni, se non c'è urgenza.

Tipi di allergeni

Esistono diversi tipi di allergeni. I più comuni sono pollini vegetali, prodotti alimentari. Il pannello allergene è composto da otto varietà:

  • famiglia - polvere;
  • epidermico: lanugine, piume;
  • cibo - tutti i prodotti alimentari esistenti;
  • polline;
  • medicinale;
  • fungine;
  • elminti.

Per decidere quale di questi gruppi provoca allergie in un caso particolare, il medico conduce un sondaggio sul paziente. Spesso le persone stesse notano che eruzioni cutanee e altri sintomi compaiono naturalmente - dopo aver consumato un determinato prodotto, la medicina, durante il periodo di fioritura di piante specifiche. Quindi il compito del medico è confermare / confutare l'assunzione della persona, la selezione del trattamento. La forma più comune della malattia è per gli allergeni alimentari. Molto spesso sono latte, uova, soia, frutti di mare. Al secondo posto c'è la reazione agli allergeni del polline..

Test delle allergie ematiche

Tale diagnosi consente di determinare la presenza di una reazione allergica nelle sue prime manifestazioni..

È implicito l'uso dei seguenti metodi:

  • test per l'immunoglobulina totale E;
  • test per immunoglobuline specifiche;
  • test per ImmunoCap.

L'essenza di tali studi è la rilevazione delle immunoglobuline E e G nel sangue: si tratta di anticorpi che si formano in risposta all'ingresso di allergeni nel corpo.

Test IgE totali

È prescritto per bambini e adulti quando rilevano:

  • asma bronchiale;
  • aspergillosi broncopolmonare - si sviluppa sullo sfondo dell'asma bronchiale, quando l'aspergillo - i funghi della muffa entrano nel tratto respiratorio;
  • dermatite;
  • eczema
  • intolleranza individuale al cibo, droghe.

Il test IgE totale viene eseguito prelevando sangue da una vena. Prima di tenerlo al mattino non puoi mangiare e bere. Eventuali farmaci assunti durante questo periodo devono essere segnalati in anticipo al medico..

La preparazione per la diagnosi comprende:

  • rifiuto di alcol, grassi e piccanti, nonché di prodotti che possono causare allergie (cioccolato, agrumi, albume) pochi giorni prima della data della sua detenzione;
  • calma emotiva e fisica 3 giorni prima dell'analisi (attività fisica, stress non sono raccomandati);
  • smettere di fumare 60 minuti prima del test.
Età / indicatoreBambini da 5 giorni a 12 mesi.16 anni6 a 10 anni10-16 anni16 anni e più
kE / ml0 - 150-600 - 900 - 2000 - 100

Test per IgE e IgG4 specifiche

Tali metodi vengono utilizzati quando il quadro clinico non consente di determinare quale allergene provoca lo sviluppo di una reazione allergica. Sono anche prescritti per la dermatite comune..

L'essenza dell'analisi è mescolare il siero di sangue con allergeni: polline, saliva animale, polvere, cosmetici. Inoltre, vengono utilizzati enzimi e radioisotopi. Se si osservano le regole della procedura descritta nella sottosezione precedente, lo specialista riceve risultati accurati.

Il vantaggio principale del test per immunoglobuline specifiche IgE e IgG4 è che per la sua condotta non viene fornito il contatto del paziente con allergeni. Pertanto, viene effettuato uno studio sicuro e informativo..

In questo caso, il medico può raccomandare uno specifico allergopanel (cibo, funghi, pannello di allergeni alcolici), a seconda dell'anamnesi. Ognuno di questi pannelli comprende da 20 a 100 allergeni, la cui sensibilità è in fase di studio. Se necessario, viene eseguito un allergoscreen approfondito, quando lo specialista seleziona diverse sostanze, pezzo per pezzo, per il test.

Col tempo, tale diagnosi può protrarsi per diversi giorni, a seconda del lavoro di laboratorio.

Risultati / IndicatoreNegativoBassa sensibilitàModerata sensibilitàAlta sensibilità
U / mlFino a 5050 - 100100 - 200Oltre 200

Test ImmunoCap

Condotto nei casi in cui la diagnostica convenzionale non consente di stabilire risultati accurati. I loro vantaggi risiedono nella possibilità di identificare sostanze intollerabili, nonché di una reazione crociata tra molecole di diverse specie e determinare l'allergene più grave.

La preparazione per tale analisi non differisce dalla preparazione per i test precedenti. Tuttavia, poiché per lo studio è necessario più sangue, i bambini piccoli non sono prescritti.

La durata della procedura può richiedere fino a 3 giorni. Ti consente di identificare allergie a pollini, cibo, zecche, funghi, piante, polvere.

Metodi di prova

A seconda delle caratteristiche della malattia, vengono utilizzati vari metodi di test. Per condurre un'analisi della sensibilità del corpo, esiste un numero significativo di farmaci per test effettuati da polvere domestica, elementi di peli di animali e polline. Ci sono preparati fatti sulla base di zecche, funghi, sostanze chimiche, cibo, irritanti batterici.

Test cutanei

La pelle umana è piena di mastociti che possono rispondere rapidamente all'introduzione di mediatori infiammatori a rilascio irritante, che sono provocatori di una reazione infiammatoria locale.

I test di applicazione (cutanea) vengono utilizzati per manifestazioni allergiche cutanee in aree pulite da danni. Varie sostanze, farmaci, compresi gli antibiotici, sono allergeni. I farmaci vengono utilizzati sia in forma pura che in soluzioni concentrate che non causano una reazione negativa nelle persone sane. Di solito un allergene viene inumidito con un pezzo di benda o garza e applicato sulla pelle dell'addome, della schiena o dell'avambraccio. Quindi coprire con cellophane e fissare con nastro adesivo. Dopo 20 minuti (reazione di tipo immediato), 5-6 ore (reazione di immunocomplesso), 1-2 giorni (reazione di tipo ritardata), i risultati vengono valutati. A proposito, ad oggi, solo gli allergeni del gruppo della penicillina sono stati sviluppati per i test allergenici cutanei per gli antibiotici..

I test di scarificazione per allergeni vengono eseguiti come segue. Goccioline di vari allergeni vengono applicate sulla pelle del lato esterno dell'avambraccio a una distanza di 2-2,5 cm l'una dall'altra. Quindi uno scarificatore usa e getta o la fine di un ago sottile graffia l'epidermide sotto ogni goccia. Il danno all'epidermide dovrebbe essere fatto in modo che i vasi sanguigni non vengano danneggiati..

Una variante di questo tipo di test allergico cutaneo è un test di puntura: perforare l'epidermide con un ago per iniezione. Questo test è finalizzato alla presenza di sole reazioni anafilattiche. La valutazione del test di scarificazione viene eseguita dopo 12-18 minuti. Questi test vengono utilizzati in caso di febbre da fieno, edema di Quincke, rinite atopica o asma bronchiale, orticaria. È possibile effettuare circa 15 test in una sola visita. La presenza di allergie sarà indicata dalla comparsa di eruzione cutanea, gonfiore, arrossamento.

Quando si esegue un test allergologico intradermico, un irritante viene iniettato nella pelle del paziente. Questi campioni sono più sensibili della scarificazione, ma meno specifici. Spesso durante tali analisi, possono verificarsi reazioni allergiche. Questo tipo di campione viene utilizzato per rilevare la sensibilità agli allergeni di origine fungina o batterica, nonché agli allergeni degli imenotteri, poiché quando si esegue un metodo di scarificazione per l'analisi della sensibilità al veleno delle api o delle vespe, si ottengono spesso risultati negativi. Questi test possono essere considerati provocatori. I test allergologici intradermici rilevano reazioni ritardate.

L'intensità del test allergologico è stimata dal diametro della papula (gonfiore) o dall'area dell'infiammazione. Il tempo del test per gli allergeni e la natura del suo decorso dipendono dal tipo di reazione.

Test cutanei severi possono essere accompagnati da gravi complicazioni, tra cui shock anafilattico. Una certa difficoltà sorge nell'interpretazione dei risultati. Pertanto, l'esecuzione di procedure per la sensibilizzazione del corpo è possibile solo in sale specializzate sotto la supervisione di un allergologo.

Un modo semplice per sconfiggere le allergie una volta per tutte! Utilizzando la composizione correttamente selezionata di erbe medicinali, è possibile ottenere una completa pulizia del fegato, del corpo da tossine e tossine, che rafforzerà la tua immunità e allevia le allergie. Un corpo sano con una forte immunità non teme alcun incontro con allergeni in futuro. I nostri lettori hanno confermato di utilizzare con successo un rimedio efficace per le allergie. Avendo studiato attentamente questo metodo, abbiamo deciso di condividerlo con te.

Assicurati che sia davvero allergico

L'allergia è una di quelle "semplici" diagnosi che si è tentati di fare da soli. Ma questo non può essere fatto. Per una semplice ragione: dozzine di altre malattie sono simili a un'allergia: da infezioni virali respiratorie acute, vermi e privazione di asma..

Il medico ascolterà i tuoi reclami, condurrà un esame, farà ulteriori domande: sul tuo stile di vita, prodotti e medicinali che usi, prodotti chimici domestici e cosmetici, animali domestici. Forse il terapeuta suggerirà un'altra diagnosi a cui non hai nemmeno pensato e ti chiederà di fare dei test - ad esempio le feci, per escludere un'infezione parassitaria.

Test allergici

Gli allergeni ci circondano ovunque, e non è facile determinare quello che provoca la reazione negativa del corpo. In questo caso, i test allergologici vengono in aiuto di medici e pazienti - test di laboratorio che identificano le sostanze coinvolte nella formazione della reazione.

I test allergici sono un metodo diagnostico che rileva la sensibilizzazione (sensibilità) di un organismo introducendo un allergene attraverso la pelle o con un altro metodo e valutando la natura e l'entità della reazione infiammatoria e dell'edema. Di norma, questa analisi viene eseguita durante la remissione persistente - non prima di 30 giorni dopo la fine della fase acuta di una malattia allergica.

Un modo semplice per sconfiggere le allergie una volta per tutte! Utilizzando la composizione correttamente selezionata di erbe medicinali, è possibile ottenere una completa pulizia del fegato, del corpo da tossine e tossine, che rafforzerà la tua immunità e allevia le allergie. Un corpo sano con una forte immunità non teme alcun incontro con allergeni in futuro. I nostri lettori hanno confermato di utilizzare con successo un rimedio efficace per le allergie. Avendo studiato attentamente questo metodo, abbiamo deciso di condividerlo con te.

I test sugli allergeni sono indicati per le seguenti malattie:

  • Asma accompagnato da mancanza di respiro, soffocamento.
  • Allergia stagionale al polline, lanugine con caratteristico disagio nasale: prurito nella cavità nasale, starnuti continui e congestione nasale;
  • Dermatite atopica, manifestata da eruzioni cutanee.
  • Rinite allergica che causa naso che cola.
  • Congiuntivite allergica con arrossamento degli occhi, lacrimazione, prurito.
  • Allergie alimentari con le sue varie manifestazioni.

I test cutanei per le allergie sono qualitativi e quantitativi, nonché diretti e passivi..

  1. Il compito dei test di qualità è di rispondere alla domanda: il corpo è sensibile a questo allergene. Un test positivo non indica ancora che la malattia abbia causato questo allergene. Nelle persone praticamente sane, questo metodo può rilevare la sensibilità a molti allergeni, ad esempio polvere, lana, streptococco e altri senza segni di reazione di un organismo. Se un test qualitativo positivo coincide con la storia, si può considerare che questo allergene è la causa della malattia. Se non vi è corrispondenza o se il campione non è sufficientemente espresso, eseguire test provocatori.
  2. I test quantitativi per allergeni determinano il grado di sensibilizzazione. Sono necessari per identificare la sensibilità individuale e risolvere il problema delle dosi iniziali di una sostanza allergica quando si prescrive una terapia antiallergenica, che riduce il livello di sensibilizzazione del corpo.
  3. I test di allergia cutanea diretta consistono nell'introduzione dell'allergene di prova.
  4. Test passivi o indiretti: introduzione del siero del sangue del paziente nel corpo di una persona sana, dopo di che un allergene viene introdotto nel sito del siero. Questo test si chiama reazione di Prausnitz-Kustner. Per molto tempo, è stato usato per diagnosticare allergie da droghe e alimenti. Attualmente, tali test allergologici non sono praticamente utilizzati a causa dell'elevato rischio di infezione durante il trasferimento del siero di sangue con un'infezione latente..

Controindicazioni

Un test allergologico può rappresentare una minaccia maggiore per lo stato di salute di una persona piuttosto che rifiutarlo..

Per i pazienti il ​​cui corpo è indebolito, non è prescritto un test.

Il metodo di ricerca è controindicato:

  • durante un'esacerbazione di malattie allergiche o altre malattie croniche;
  • con l'uso prolungato di farmaci corticosteroidi;
  • se il paziente ha una malattia infiammatoria infettiva acuta (tonsillite, infezioni virali respiratorie acute, ecc.);
  • contemporaneamente all'assunzione di farmaci antiallergici;
  • di età superiore ai 60 anni;
  • durante la gravidanza.

Se ci sono controindicazioni ai test cutanei, vengono prescritti altri metodi per diagnosticare le allergie.

Molto spesso si tratta di un esame del sangue che consente di rilevare la presenza di anticorpi di un certo tipo a contatto con un allergene.

Questo metodo diagnostico è il più sicuro..

Foto: Metodo Scratch

Vari metodi di ricerca possono essere utilizzati per diagnosticare le allergie..

Sono divisi in 2 gruppi principali a seconda che una persona sia direttamente coinvolta nel test.

Se il paziente è attivamente coinvolto nel test, questo è un metodo del gruppo in vivo, in caso contrario, del gruppo in vitro. I test cutanei appartengono al primo gruppo. Sono anche diversi.

Questo è il metodo di ricerca più comune, è anche chiamato un abito spinoso. È prescritto per sospetta sensibilità a più agenti patogeni contemporaneamente..

Con le allergie di tipo I, questo metodo diagnostico è il più efficace, poiché produce rapidamente un risultato. L'allergologo riceve informazioni di interesse dopo pochi minuti.

Un prik test allergologico ha un solo inconveniente: è probabile che questo metodo di ricerca provochi una reazione allergica acuta.

Test intradermico

Molto spesso, il metodo viene assegnato come ulteriore, se necessario, per ottenere informazioni più dettagliate..

Questo test è molto sensibile, ma la probabilità di sintomi allergici comuni durante esso è maggiore, poiché la soluzione contenente l'allergene viene consegnata immediatamente agli strati più profondi della pelle..

Foto: test intracutaneo

Test cutaneo di scarificazione

Si differenzia dal prik test solo nel modo in cui gli strati profondi della pelle sono esposti all'allergene.

Invece di forature, le incisioni vengono eseguite con una lancetta in modo che la soluzione penetri nella pelle.

Questo metodo non specifico è raramente prescritto..

Foto: test di scarificazione

Quando si esegue il test utilizzando questo metodo, non vengono utilizzate soluzioni contenenti allergeni, ma direttamente le loro fonti. Può trattarsi di determinati alimenti, peli di gatto o di cane, polline, ecc..

Il vantaggio del metodo è la conservazione dell'integrità della pelle.

Lo svantaggio non è la sensibilità così elevata.

Per eseguire il test, sono necessari 2 operatori sanitari: uno strofinerà una fonte di allergeni nell'avambraccio di una mano e il secondo - soluzione salina dall'altra. Ciò garantirà che la reazione non sia causata dall'attrito..

Test di patchwork

Durante un test cutaneo (patch test), patch di garza impregnate di una soluzione allergenica vengono applicate sulla pelle della schiena del paziente.

Con queste applicazioni devi camminare 2 giorni.

Successivamente, il medico controlla la pelle. Tre giorni dopo, viene eseguito un controllo ripetuto..

Questo metodo è affidabile, ma richiede molto tempo per ottenere risultati..

Foto: test dell'applicazione

Test provocatori

Un'alta sensibilità agli allergeni può essere rilevata applicando una soluzione che li contiene direttamente agli organi che sono inclini a sintomi di allergia. Può essere occhi, naso, gola..

Di conseguenza, il tipo di test provocatori può essere:

  • congiuntivale: consente di identificare la congiuntivite allergica;
  • nasale - sono usati per sospetta rinite allergica;
  • inalazione - usato per diagnosticare l'asma bronchiale, le allergie alimentari.

Questo metodo di ricerca richiede la presenza costante di un allergologo e la sua rigorosa osservazione, poiché i test provocatori spesso causano complicazioni fino allo shock anafilattico.

Esame del sangue

Se la pelle e i test provocatori sono controindicati per la diagnosi di allergie da parte del paziente, viene spesso prescritto un esame del sangue specifico per l'immunoglobulina E.

Dopo aver preso il materiale per l'analisi, gli allergeni vengono aggiunti al sangue e si osserva un cambiamento nella concentrazione di anticorpi contro le IgE..

Più anticorpi vengono rilasciati, più grave è l'allergia. Questo è il metodo più popolare del gruppo in vitro; è il più sicuro, ma piuttosto laborioso e richiede tempo..

Esame del sangue allergico

Se sei allergico, un esame del sangue può essere eseguito in diversi modi. Il più comune e il meno informativo è un esame del sangue generale. Si basa sul conteggio di cellule speciali - eosinofili. Una persona sana non ne ha più del 5%. Se il loro numero è molto più grande, ciò può indicare un'allergia e una possibile invasione elmintica.

Per escludere la presenza di elminti, il paziente deve passare un'analisi su di essi. Se i parassiti non vengono rilevati nel corpo, c'è motivo di assumere una tendenza a una reazione allergica. Per rilevarlo, il paziente verrà inviato per l'analisi delle immunoglobuline E..

Mostrerà la presenza di anticorpi speciali - immunoglobuline che attaccano elementi estranei. L'immunoglobulina E è presente nel sangue in quantità minime, pertanto esistono indicatori della norma del suo contenuto in base all'età. Un aumento significativo degli indicatori indica la presenza di una reazione allergica.

Il sangue ricevuto dal paziente è diviso in porzioni e mescolato con i principali allergeni: muffe, polline di piante, peli di animali, cibo e così via. Dopo questa procedura, i medici esaminano il sangue e identificano il rischio di allergie..

Gli indicatori sono divisi in tre gruppi:

Una bassa minaccia significa un rischio minimo di malattia.

Il livello medio suggerisce che è meglio evitare tale sostanza..

Un rischio elevato indica la necessità di eliminare completamente il contatto con questa sostanza..

Preparazione all'analisi

Se si sospetta un'allergia, un esame del sangue aiuterà a identificarlo, ma per questo è necessario prepararsi in un modo speciale:

Qualsiasi prelievo di sangue comporta il prelievo di un campione a stomaco vuoto, quindi i medici consigliano di donare il sangue al mattino presto. L'ultima volta che puoi cenare non è più tardi di 8-12 ore prima di visitare un ospedale o un laboratorio. Ciò è necessario per garantire che gli indicatori siano il più precisi possibile..

Inoltre, per ottenere dati "puliti" alla vigilia dell'analisi, si raccomanda di astenersi dal mangiare cibi che tendono a dare reazioni allergiche. Si tratta di frutta a guscio, cioccolato, miele, uova, frutti di mare, latte e prodotti lattiero-caseari, formaggi, bevande artificiali con coloranti, aromi e dolcificanti, agrumi e altri frutti e verdure importati, soprattutto se non stagionali, ovvero coltivazioni in serra.

Inoltre, 1-2 ore prima della donazione di sangue, non puoi fumare.

3 giorni prima dell'analisi, si consiglia di abbandonare le bevande alcoliche, tra cui birra e cocktail a basso contenuto alcolico, ridurre l'attività fisica, non preoccuparsi ed evitare lo stress.

Se possibile, alcuni giorni prima del test, dovresti evitare il contatto con lana, lanugine, piume e animali domestici. Se necessario, il medico può raccomandare una pausa nell'assunzione di determinati farmaci per non distorcere il risultato. Lo stesso vale per gli antistaminici..

Non prelevare campioni durante un periodo di malattia acuta, se non ci si sente bene.

Decrittazione dei dati del test allergologico

In un esame del sangue generale, vengono contate le cellule speciali, gli eosinofili. Se il loro numero supera significativamente la norma del 5%, il medico può parlare della potenziale presenza di allergie.

Tuttavia, questo metodo non può essere definito assolutamente accurato a causa della possibilità di esercitare lo stesso effetto sul sangue dalla presenza di parassiti nel corpo. Piuttosto, è la base per una ricerca più approfondita..

Durante la diagnosi di immunoglobulina E, i medici ricevono i seguenti dati, "legati" alla fascia di età:

Età del pazienteNorm (mIU / ml)
Neonati fino a 24 mesi0 - 64
Bambini da 24 mesi a 14 anni0 - 150
Ragazzi di età superiore ai 14 anni0 - 123
Adulti sotto i 60 anni0 - 113
Persone oltre i 60 anni0 - 114

Leggi: Perché la viscosità degli spermatozoi aumenta e come ridurla?

Possiamo supporre che il paziente abbia un'allergia se l'esame del sangue fornisce indicatori che superano significativamente i dati indicati.

Test allergologici durante l'infanzia

I test cutanei per la rilevazione di sostanze irritanti sono disponibili in diverse varietà:

scarificazione: nell'area dell'avambraccio, lo specialista applica particelle di allergene, per questo, piccoli graffi vengono fatti usando un ago o una lancetta;
applicazione - una tecnica sicura in cui non è necessario causare danni anche minimi all'epidermide: il medico mette un batuffolo di cotone imbevuto di una soluzione allergenica sulla pelle del paziente;
prik-test: un'infermiera rilascia una piccola quantità di allergene sulla pelle, quindi esegue accuratamente una puntura nell'area del test con uno strumento speciale. I test allergologici per i bambini devono essere eseguiti quando qualcuno della famiglia ha una tendenza alle allergie

I test allergologici per i bambini devono essere eseguiti quando qualcuno della famiglia ha una tendenza alle allergie.

In alcuni casi, anche con una corretta alimentazione e cura, il bambino ha ancora segni di allergia. Sia i parenti che il medico non sono in grado di dire immediatamente cosa ha causato lo sviluppo di una tale reazione dell'organismo. In tale situazione, un test allergologico aiuterà a raggiungere i risultati desiderati..

Procedure simili possono essere eseguite non per tutti i bambini. L'allergotest per i bambini di età inferiore a 2 anni non porta l'effetto desiderato e offre sensazioni spiacevoli.

I test di screening degli allergeni vengono eseguiti come segue:

  1. Prima di graffiare, la pelle viene trattata con alcool al 70%..
  2. Se il test viene eseguito su un bambino, la manipolazione viene eseguita sul retro nella regione superiore e per gli adulti sull'avambraccio.
  3. Il medico deve applicare piccoli graffi sull'area trattata della pelle con un intervallo di 4-5 cm. Se la procedura non viene eseguita correttamente (la posizione dei segni è molto vicina), è possibile ottenere risultati imprecisi.
  4. Usando un ago o una lancetta sterili, il medico introduce un estratto o una soluzione di sostanze irritanti. Ogni tipo di allergene viene applicato con nuovi strumenti..
  5. Per un quarto d'ora, il paziente deve rimanere fermo in modo che le soluzioni con allergeni non si mescolino, altrimenti i risultati non saranno corretti.
  6. Dopo un po ', valutando il riflesso della pelle nell'area dei graffi, il medico conclude se la sostanza è pericolosa per questa persona o meno. La comparsa di papule, iperemia, prurito, gonfiore in una particolare area indica una reazione negativa a questa sostanza irritante.
  7. I risultati dello studio possono essere visti dopo 15 minuti. Dopo aver effettuato le misurazioni necessarie, analizzando la situazione, il medico pulisce i resti delle gocce di allergeni dalla pelle. Durante una manipolazione, è possibile controllare la reazione per non più di 20 stimoli.

In alcuni casi, quando si esegue un test cutaneo nei bambini, è possibile sviluppare effetti simili di intensità diversa:

  • eruzione cutanea e prurito;
  • eccessiva irritazione nell'area in cui sono stati applicati gli allergeni;
  • sentimenti di costrizione dietro lo sterno durante la respirazione;
  • cambiamenti nella pressione sanguigna, che si presentano sotto forma di vertigini e svenimenti;
  • disagio nell'addome e nell'intestino.

Se esiste una predisposizione alle reazioni allergiche, è necessario essere testati una volta per le allergie. È molto più facile prevenire qualsiasi disturbo che cercare di far fronte ai suoi sintomi e complicazioni in futuro.

Ciò è particolarmente importante in relazione alle allergie. Dal momento che può svilupparsi su qualsiasi sostanza, determinando quale, semplicemente non puoi entrare in contatto con essa e non incontrare un fenomeno come una reazione allergica