Quali alimenti sono pericolosi per i bambini

Allergeni

Ciao cari lettori. Oggi stiamo prendendo in considerazione una domanda che interessa molte madri: quali alimenti sono i più allergenici per i bambini.

Quali prodotti allergenici dovrebbero essere completamente esclusi dalla dieta dei bambini di età inferiore a un anno, quali per i bambini dai due ai tre anni.

E da quale età i cibi allergenici possono essere introdotti nella dieta di un bambino.

Prodotti allergenici per bambini

Inquinamento ambientale, prodotti di bassa qualità, sovrasaturazione della nostra vita quotidiana con sostanze chimiche (domestiche, cosmetiche, agricole): il corpo risponde a tutti questi "carichi" con disfunzioni immunitarie.

Piante, animali, articoli per la casa: tutto ciò può causare reazioni allergiche. Ma il più delle volte (fino all'80%) viene registrata un'allergia alimentare.

Come proteggere dall'allergia alimentare il più costoso che abbiamo - i nostri figli? Quali alimenti sono chiamati allergenici?

Prodotti - Allergeni

Tutti gli alimenti che mangiamo possono essere suddivisi in tre gruppi: ipoallergenici, allergeni medi e allergeni ad alto rischio.

I prodotti ipoallergenici sono facilmente assorbiti dall'organismo, praticamente non contengono sostanze che possono causare allergie. It:

  • latticini (kefir, ricotta, latte fermentato, yogurt, formaggio feta),
  • cereali (grano saraceno, riso),
  • verdure e frutta verdi e bianche (zucchine, zucca, mele),
  • carne di coniglio, vitello.

I prodotti allergenici a medio rischio includono quelli che, con un grado sufficiente di sicurezza, possono causare reazioni indesiderate del corpo in soggetti in determinate circostanze.

Questi sono pesci magri, frattaglie, legumi, banane, bacche, decotti di erbe, ecc..

Gli alimenti allergenici ad alto rischio includono latte, agrumi, verdure rosse e arancioni, bacche e frutta, cioccolato, miele, noci, frutti di mare.

Consideriamo più in dettaglio le regole per l'uso di prodotti allergenici per i bambini..

Prodotti allergenici per bambini fino a un anno

Nei bambini, le possibilità di sviluppare un'allergia sono molto alte..

Ci sono fattori che aumentano il rischio: predisposizione genetica, non conformità della mamma alla dieta durante la gravidanza e l'allattamento, assunzione di antibiotici durante la gravidanza, svezzamento precoce dal latte materno, alterazione della microflora intestinale.

Ma anche se sei riuscito a evitare questi rischi, dovresti sapere: fino a sei mesi, qualsiasi nuovo prodotto per un bambino può diventare un allergene!

Gli organi del tratto digestivo del bambino non producono abbastanza enzimi per "riconoscere" un nuovo prodotto.

Pertanto, i medici raccomandano di nutrire il latte materno il più a lungo possibile, poiché si tratta dell'alimento più sicuro e utile per il bambino. Si consiglia di introdurre alimenti complementari a partire da sei mesi utilizzando prodotti ipoallergenici..

I seguenti prodotti allergenici sono i più pericolosi per un bambino fino a un anno:

  • Latte di mucca. Le allergie possono anche diffondersi nelle formule del latte vaccino. Pertanto, se devi passare all'alimentazione artificiale, fai attenzione quando scegli una miscela. Per le allergie, passa alle formule di latte di capra o di soia, sono meno allergeniche.
  • Le uova. Anche loro sono noti per contenere proteine. Pertanto, solo un tuorlo e preferibilmente le uova di quaglia possono essere introdotti nella dieta di un bambino fino a un anno con molta attenzione - sono meno allergenici.
  • Frutti esotici Forse tutti sanno che i prodotti allergenici per i bambini di età inferiore a un anno sono agrumi: arance, mandarini, pompelmi. Anche le nostre nonne lo sapevano. Ma gli agrumi non sono un prodotto allergenico a causa di alcuni elementi, ma perché crescono nei paesi tropicali e sono estranei, esotici per il nostro corpo. Pertanto, i medici raccomandano di introdurre frutta nativa per i nostri luoghi (ad esempio mele) ai bambini di età inferiore a un anno e di fare attenzione non solo agli agrumi, ma anche a banane, mango, ananas e altri ospiti d'oltremare.
  • Verdure rosse e arancioni, bacche e frutta. I prodotti di questi colori vivaci sono allergenici, in quanto hanno una struttura complessa, che è difficile da digerire dal corpo dei bambini. Pertanto, i bambini di età inferiore a un anno non possono essere nutriti con questi prodotti.
  • Miele. Certo, tutti sanno che il miele è un prodotto molto salutare e molto gustoso. Ma le api raccolgono polline per il miele da piante diverse, comprese quelle che causano allergie. Rende il miele un prodotto allergenico..
  • Cioccolato. Troppi prodotti allergenici fanno parte del cioccolato: latte, proteine, fave di cacao. Il corpo del bambino non è in grado di elaborare questa miscela esplosiva.
  • Noci, soprattutto arachidi. L'alto contenuto proteico rende le noci un prodotto allergenico particolarmente pericoloso per il bambino.
  • Frutti di mare e pesce di mare. Le proteine ​​presenti nei frutti di mare e nei pesci non sono meno pericolose per il bambino. Questi prodotti devono essere esclusi per i bambini di età inferiore a un anno..
  • Confetteria, marmellate, confetture. Contengono molto zucchero e l'assunzione di zucchero dovrebbe essere ridotta al minimo per i bambini.

Se il bambino ha segni di allergia, ha bisogno di una dieta ipoallergenica. Un'introduzione alla dieta di nuovi prodotti, consultare il pediatra.

Con una sana reazione agli alimenti complementari nel secondo o terzo anno di vita dei bambini, puoi sperimentare attentamente cibi più allergenici.

Ricorda la regola: solo un nuovo prodotto deve essere somministrato gradualmente, iniziando con piccole dosi, al mattino o al pomeriggio per diversi giorni, osservando attentamente la reazione del bambino.

Devi iniziare con cibi a media allergenicità (pesce magro, legumi, frattaglie, banane, bacche leggere, anguria).

Con una reazione sana, puoi anche provare attentamente a dare al bambino alcuni alimenti allergenici: latte, uova, confetteria, noci (noci o mandorle), marmellate, miele.

All'età di tre anni, puoi provare a introdurre gli agrumi nella dieta del tuo bambino..

Gli alimenti più allergenici - cioccolato, fragole, frutti di mare, arachidi - è meglio non dare ai bambini sotto i cinque anni.

Principi di una dieta ipoallergenica per i bambini

Una reazione allergica viene sempre più diagnosticata in bambini di diverse fasce d'età. Ciò è dovuto all'immaturità del sistema immunitario e all'intolleranza individuale alle singole sostanze. L'allergia è accompagnata da disfunzione di organi, sistemi e spesso porta a gravi complicazioni. È necessario diagnosticare tempestivamente la malattia, curarla e adottare misure preventive. Un componente importante della terapia è una dieta ipoallergenica..

indicazioni

La dieta è prescritta per i bambini inclini a una reazione allergica, indipendentemente dal tipo di allergene. Questa è una parte importante del trattamento. Non solo ti consente di fermare i sintomi, ma aiuta anche a evitare manifestazioni negative in futuro..

L'essenza della dieta per le allergie è l'esclusione dalla dieta di prodotti che possono provocare una reazione allergica (crociata) o portare alla sua esacerbazione. È indicato per l'ipersensibilità a determinati alimenti, punture di insetti, polvere, droghe, sostanze chimiche. Si raccomanda una dieta speciale per le reazioni allergiche acute prima di determinare la proteina patogena.

Raccomandazioni generali

Un medico prescrive una dieta ipoallergenica per un bambino, tenendo conto della sua età, delle sue condizioni fisiche, del grado di sintomi e di altri fattori. Solo un allergologo dopo un esame può cambiare cibo, espandere l'elenco di prodotti ipoallergenici.

Se segui una dieta, è importante comporre correttamente la dieta di un bambino. Dovrebbe ricevere tutte le vitamine, i minerali, una quantità sufficiente di proteine, grassi e carboidrati. Ciò garantirà uno sviluppo fisico e mentale armonioso, contribuendo ad evitare problemi di salute. Un allergologo, immunologo o nutrizionista per bambini può creare un menu equilibrato.

Per mantenere efficace la tua dieta ipoallergenica, segui le linee guida di seguito..

  • Rispettare rigorosamente le raccomandazioni del medico. Non prendere la tua decisione di aggiungere o escludere un prodotto dalla dieta..
  • Modifica il menu di tuo figlio man mano che invecchiano e le esigenze fisiologiche cambiano..
  • Utilizzare il metodo di cottura, stufatura o cottura per cucinare..
  • Visita regolarmente il tuo medico, esegui i test necessari per monitorare lo stato di salute del bambino e valutare l'efficacia della terapia..
  • Proteggi il tuo bambino dal contatto con sostanze che possono causare allergie, monitora la sua igiene e l'ambiente.

Tieni il diario alimentare di un bambino. Inserisci un elenco di alimenti introdotti nella dieta e descrivi la reazione del corpo (se ci sono state eruzioni cutanee, disturbi delle feci, altre manifestazioni della risposta immunitaria). Ciò determinerà i prodotti allergenici e li escluderà dalla dieta..

Cosa mangiare

Una dieta ipoallergenica per bambini include un ampio elenco di prodotti ammessi nel menu. Forniscono l'apporto di nutrienti e ti permettono di creare una dieta gustosa e varia.

L'elenco dei cibi sicuri comprende agnello, carne di coniglio, manzo, zucchine, broccoli, cavoli, zucca, rape, verdure a foglia verde, patate, mele cotte o verdi, mirtilli, pere, grano saraceno, riso. Con cautela, puoi mangiare cetrioli, carote, barbabietole, legumi, tacchino, frattaglie, carne di maiale magra, pesce di fiume, segale, orzo, farina d'avena, albicocche, biscotti secchi.

Prodotti proibiti

Gli allergologi dei bambini avanzano varie ipotesi riguardo al pericolo e al grado di allergia di alcuni prodotti. Tuttavia, in molti modi le loro opinioni sono simili..

Di seguito è riportato un elenco di prodotti ipoallergenici..

  • Verdure: pomodori, ravanelli, sedano, peperoni.
  • Frutta e bacche: agrumi, melone, fragole, kiwi, cachi, banane, uva, ananas, melograno.
  • Carne e prodotti ittici: frutti di mare, pesce grasso (in particolare rosso), caviale, pollo, anatra, carni affumicate.
  • Cereali: grano, semola.
  • Altro: cioccolato, noci, spezie, cacao, spezie, uova di gallina e quaglia, latte di mucca, miele, funghi, lievito.

Dieta specifica

Restrizioni rigorose sono imposte fino all'esatta determinazione dell'allergene, quindi il menu si espande a discrezione di uno specialista. Se necessario, il medico può prescrivere una dieta ipoallergenica specifica, esclusi cibi e piatti contenenti una proteina patogena.

In caso di intolleranza individuale alle proteine ​​del latte (caseina), è vietato includere prodotti lattiero-caseari in qualsiasi forma nel menu: latte, latte condensato, ricotta, kefir, latte al forno fermentato, yogurt, yogurt, margarina, burro, gelato. Tutti i piatti e prodotti che contengono queste sostanze sono esclusi, ad esempio, dolci, pasticcini e salsicce. Allo stesso tempo, per ricevere una quantità sufficiente di proteine, è necessario aumentare la porzione del piatto di carne.

Con la celiachia (allergia al glutine), i cereali, il pane, la pasta, i cereali, i panini, il cioccolato, l'impanatura, i cracker cadono sotto il divieto. Non acquistare alimenti contenenti proteine ​​vegetali, amido, glutammato monosodico.

In caso di reazione allergica alle uova, tutti i prodotti che li contengono sono esclusi: salse, uova strapazzate, pasticcini, dolci, caramelle gommosa e molle, pastella, salsicce, salsicce. Evita gli alimenti contenenti lecitina, albumina, lisozima e altri integratori..

Caratteristiche di una dieta per età

Una dieta ipoallergenica è compilata da un allergologo che tiene conto dell'età e dei bisogni fisiologici del bambino. Ciò ti consente di creare una dieta competente, equilibrata e varia.

seni

Se un'allergia viene diagnosticata in un bambino, la dieta viene prescritta alla madre che allatta. Tutti gli alimenti che possono causare una reazione vengono rimossi dalla dieta. Con l'esatta determinazione dell'allergene, viene prescritta una dieta specifica ad eccezione della fonte della proteina patogena (senza latticini o senza glutine).

Se il bambino si nutre artificialmente, viene selezionata una miscela ipoallergenica. I più popolari sono "Similak", "Nan", "Bellakt", "Baby", "Unfavored". Non è sempre possibile raccogliere una miscela la prima volta. Se il prodotto provoca una reazione negativa nel bambino sotto forma di eruzioni cutanee, vomito, disturbi delle feci, modificare la nutrizione.

Bambini 1-3 anni

Si raccomanda ai bambini di 1 anno di età di escludere il latte di mucca dalla dieta. Prodotti lattiero-caseari acidi gradualmente, monitorando costantemente le condizioni del bambino. Cuocere senza spezie, condimenti, con aggiunta di sale minimo.

A 2 anni, la dieta ipoallergenica si espande, i nuovi prodotti possono essere gradualmente inclusi, inclusa l'introduzione di uova di gallina e quaglia.

A 3 anni, il menu diventa più ampio, il bambino può mangiare da un tavolo comune. Allo stesso tempo, c'è un tabù su cioccolato, pomodori, frutti di mare, noci, fragole, agrumi.

Menu di esempio per bambini di 1-3 anni
MangiarePiatti
ColazioneRicotta, porridge di grano saraceno nel latte, mela verde, tè
PranzoZuppa di spaghetti d'acqua, cotoletta di carne, riso, frutta in umido
High teaMela, kefir o yogurt, biscotti secchi
CenaPatate bollite con carne, insalata di cavolo, tè

3 anni e più

Il menu per bambini dai tre anni comprende tutti i prodotti della tabella generale, ad eccezione di quelli che provocano una reazione acuta. I bambini con allergie non dovrebbero mangiare cibi pronti, fast food, bibite gassate, dolci. Tutti questi prodotti creano un carico maggiore sul corpo e aumentano il rischio di sviluppare una reazione..

Gli adolescenti spesso formano la propria dieta, cucinano il cibo e decidono sull'uso di determinati alimenti. È importante spiegare correttamente il pericolo di una violazione della dieta, descrivere chiaramente le conseguenze negative. A questa età, il caffè, le bevande gassate, le bevande alcoliche e le bevande alcoliche riempiono l'elenco dei prodotti vietati.

Menu di esempio per bambini dai tre anni
ColazionePranzoHigh teaCenaCena in ritardo
Farina d'avena su acqua, tè, un panino con burroZuppa vegetariana, lingua bollita con broccoli, insalata di cavolo, compostaBiscotti SuccoPurè di patate, polpette di carne, tèKefir, biscotti secchi
Casseruola di ricotta con marmellata, tèManzo bollito, insalata di cavoloAlbicocche secchePasta, cotoletta al vapore, succo di fruttaYogurt
Porridge di riso, formaggio a pasta dura, tè o cicoriaPorridge di grano saraceno, polpette di carne, tèRicotta con bananaZuppa Di Verdure, Insalata Di Verdure FrescheRyazhenka, pan di zenzero
Yogurt, banana, biscotti secchiTagliatelle, bistecche di manzo, frutta in umidoprugneInvoltini di cavolo, tèBiscotti Kefir

Una dieta ipoallergenica è un componente del trattamento e della prevenzione delle allergie nei bambini. In alcuni casi, dovrai tenerlo per tutta la vita. Dopotutto, ogni nuovo contatto con lo stimolo sta diventando più acuto e minaccia di conseguenze più pericolose..

Alimenti per bambini: allergia

Secondo le statistiche, ogni quarto bambino soffre di allergie, che si manifestano in una forma o nell'altra. Anche nei neonati, vengono spesso registrate reazioni allergiche. L'allergia in sé è una reazione del sistema immunitario del bambino a una certa sostanza (allergene), che può essere alimenti, medicine e molto altro. Un'allergia può verificarsi immediatamente dopo che un allergene entra e può essere ritardata (è anche chiamata ritardata), cioè si verifica solo dopo un po '. Il pediatra Alena Paretskaya condivide regole e suggerimenti per evitare allergie.

Cause delle allergie alimentari

Una delle cause più comuni di questo tipo di allergia è l'eccessiva alimentazione di un bambino..

L'eccesso di cibo costante provoca reazioni nel bambino anche a quei prodotti che erano precedentemente ben compresi dal corpo. Anche cibi apparentemente ipoallergenici come mele verdi e farina di riso possono causare una reazione allergica. Inoltre, non dimenticare il tipo più comune di allergia alimentare nei bambini - per il latte di mucca e alcuni tipi di frutta (soprattutto quelli esotici che non crescono nella regione in cui vive il bambino). Allergenici sono tutti frutti e verdure che hanno un colore brillante (principalmente fiori rossi e arancioni), alcune bacche (fragole, lamponi, ribes nero, ecc.), Così come i loro succhi.

È dimostrato che se una madre ha abusato di prodotti allergenici durante la gravidanza (cioccolato, caffè, miele, prodotti esotici), allora il bambino ha quasi il 90% di probabilità di essere allergico, poiché in utero può formarsi un'allergia.

Sintomi allergici

I principali segni caratteristici dell'allergia alimentare sono danni alla pelle del bambino, comparsa di vari tipi di eruzioni cutanee, eccessiva secchezza (o, al contrario, bagnatura) della pelle. I genitori spesso chiamano tali diatesi sintomi, ma la dermatite atopica è più corretta. Le allergie possono verificarsi non solo sulla pelle; i disturbi del tratto gastrointestinale (coliche, rigurgito, vomito, gas e disturbi delle feci) sono comuni. Inoltre, in un bambino con un'allergia alimentare, può formarsi disbiosi intestinale. È molto meno probabile che il tratto respiratorio soffra: congestione nasale, rinite allergica e respiro nasale affannoso, compagni di allergia alimentare rari. Molti frutti e bacche possono causare tali sintomi, quindi il compito principale dei genitori è quello di tracciare la reazione del bambino a tali alimenti e identificare allergeni specifici..

Allergeni

Esistono molti modi per rilevare gli allergeni, ma tutti hanno alcune sfumature, quindi prima di tutto, i genitori dovrebbero provare a selezionare in modo indipendente un prodotto allergenico dalla dieta. L'aiuto in questa materia sarà fornito dal diario alimentare, in cui è necessario registrare tutto ciò che il bambino ha mangiato e bevuto. Successivamente, puoi contattare uno specialista che esaminerà il bambino, intervisterà i genitori e confronterà i dati ricevuti. Se questi metodi sono inefficaci, ci sono indicazioni per i test allergologici, ma va tenuto presente che tali studi hanno controindicazioni legate all'età. Quindi, per i bambini dei primi due anni di vita, tali metodi non sono informativi, quindi praticamente non vengono utilizzati. Metodi più moderni di diagnosi di laboratorio del rilevamento di allergeni suggeriscono studi sul sangue venoso di un bambino.

Trattamento

in ogni caso, il medico determina il regime di trattamento, poiché tutto è molto individuale rispetto alle allergie, tuttavia, ci sono raccomandazioni generali che dovrebbero essere osservate in ciascun caso, senza eccezioni.

I genitori non dovrebbero nemmeno provare a combattere le allergie da soli, usare l'omeopatia e il consiglio di amici e parenti. Il trattamento incontrollato e improprio delle allergie alimentari può influire negativamente sulla salute del bambino e portare a gravi complicazioni.

Il primo e più importante compito è limitare il contatto del bambino con l'allergene, ovvero la completa esclusione di quest'ultimo dalla dieta. Per questo, il bambino dovrà seguire una dieta ipoallergenica speciale. Spesso a un bambino vengono prescritti antistaminici e, se necessario, viene eseguito un trattamento sintomatico..

Dieta. In questo caso, la dieta si riferisce non solo a determinati prodotti, ma anche alla loro quantità. I genitori dovrebbero monitorare rigorosamente la quantità di cibo che mangiano e gli intervalli di tempo tra i pasti. È importante che la nutrizione del bambino rimanga equilibrata e varia. I nutrizionisti insieme agli allergologi aderiscono a tre fasi principali della terapia dietetica. Primo passo dura 1-2 settimane, tutti i potenziali allergeni sono esclusi dalla dieta del bambino, è vietato mangiare semilavorati, i prodotti lattiero-caseari sono obbligatori limitati. Sul seconda fase l'allergene (così come la sua fonte principale) è spesso già identificato, quindi l'elenco dei prodotti consentiti si sta espandendo, ma la dieta stessa continua per diversi mesi (il più delle volte 1-3). Sul terzo stadio la terapia dietetica presenta un significativo miglioramento delle condizioni del bambino e pertanto l'elenco dei prodotti può essere ulteriormente ampliato, ma i prodotti allergenici sono ancora vietati.

L'introduzione di alimenti complementari merita un'attenzione particolare. Si raccomanda di somministrarlo ai bambini dopo sei mesi di vita, tuttavia, per i bambini con allergie alimentari, questi periodi possono cambiare e gli alimenti complementari non dovrebbero mai essere iniziati con succhi di frutta e purè di patate. Nel processo di scelta degli alimenti per alimenti complementari, è necessario prendere in considerazione importanti sfumature:

- i prodotti non dovrebbero avere un colore brillante, ad esempio se le mele sono le prime, non dovrebbero essere verde brillante o giallo; - le uova di gallina sono meglio sostituite con uova di quaglia;

- è meglio sostituire i brodi di carne con quelli vegetali e scegliere carni magre per l'alimentazione della carne;

- nel processo di preparazione di una purea di verdure multicomponente a casa, devi prima immergere ogni ingrediente (tagliato a pezzi) in acqua fredda per 12 ore.

Sostituto della frutta

Una delle domande più urgenti che i genitori hanno è come sostituire i frutti - una fonte così ricca di vitamine - se il bambino ha un'allergia? È semplice: i frutti possono essere sostituiti con verdure, non meno ricche di vitamine e fibre. A questo proposito, i nutrizionisti consigliano di mettere in pratica semplici regole:

- nel processo di preparazione dei primi piatti, è necessario aggiungere a loro cavoletti di Bruxelles o cavolfiori congelati o freschi, broccoli;

- come contorno è necessario cuocere le verdure il più spesso possibile (piselli, zucca leggera, ecc.);

- Il consumo settimanale di brodo di spinaci, in cui viene aggiunto il succo di limone, è l'ideale; sulla base di questo brodo, puoi cucinare molte zuppe leggere;

- I bambini ogni giorno devono mangiare un pezzettino di peperone verde dolce in qualsiasi forma;

- i frutti ipoallergenici (mele verdi, ribes bianco, pere, uva spina, ciliegie bianche) possono essere inclusi nella dieta, ma la loro quantità deve essere rigorosamente controllata per prevenire l'eccesso di cibo;

- le verdure sono più utili in forma grezza, poiché è il trattamento termico che distrugge la maggior parte delle vitamine.

Come evitare le allergie?

Per prevenire lo sviluppo di allergie a frutta e bacche, è necessario "familiarizzare" il bambino con questi alimenti in piccole quantità e il più tardi possibile (specialmente se il bambino ha una predisposizione alle allergie). Si consiglia di iniziare a dare bacche solo dopo un anno. Se dopo aver mangiato più bacche appare il rossore sulle guance o sulla pelle del bambino, escludi questo prodotto fino a tre anni, è a questo punto che il sistema immunitario del bambino matura e può rispondere adeguatamente a frutta e verdura allergeniche.

Spesso i genitori cercano di nutrire i loro bambini a causa dell'elevato contenuto di vitamine in essi, ovviamente, questo è vero, ma il frutto può essere sostituito con altre fonti di nutrienti. Se non c'è modo di impedire al bambino di mangiare cibi così gustosi, ma pericolosi, è necessario sottoporli a un trattamento termico: durante il trattamento termico, la struttura dell'allergene alimentare viene distrutta, il che riduce il rischio di sviluppare la reazione quasi a zero. Se non si verificano reazioni, è possibile aumentare gradualmente il numero di frutti e bacche, ma ciò non significa che è necessario interrompere il monitoraggio della reazione del bambino a questi frutti o verdure.

La cosa più importante è non correre a nutrire il bambino con un'intera ciotola, è meglio iniziare con un paio di bacche. Mangiare troppo in questo caso può provocare una reazione allergica, poiché il bambino potrebbe non avere gli enzimi necessari (o la loro quantità) per digerire e assorbire le sostanze risultanti. È per questi motivi che è necessario controllare la reazione del bambino a qualsiasi frutto o bacca che appare per la prima volta nella dieta anche di un bambino sano e senza allergie.

Dieta ipoallergenica per bambini: menu e ricette

Molte nonne e mamme non danno ai loro figli prodotti allergenici: fragole, cioccolato, arance. In questo caso, le guance del bambino diventano ancora rosse, compaiono una crosta piangente o orticaria. Il motivo è che ci sono più prodotti allergenici di quanto i genitori possano immaginare. Se non è possibile escludere il colpevole, viene prescritta una dieta medica speciale.

Cos'è una dieta ipoallergenica per i bambini

Con il termine allergia, i medici indicano una condizione speciale (ipersensibilità) del corpo a varie sostanze, al contatto con cui si verificano varie reazioni negative: arrossamento delle palpebre, eruzione cutanea, starnuti, lacrimazione, gonfiore. Una dieta ipoallergenica è una delle opzioni per il trattamento di questa malattia, che prevede l'esclusione di prodotti altamente allergenici dal menu. Aiuta a identificare la causa delle reazioni negative, alleviare lo stress dal corpo e migliorare il sistema immunitario..

Una dieta ipoallergenica fa necessariamente parte del trattamento nelle fasi iniziali di un esame allergologico. È prescritto a tutti i bambini che non sono stati in grado di stabilire la causa dell'allergia, i bambini con immunità indebolita, con dermatite atopica, rinite allergica, una storia di edema di Quincke. Talvolta si raccomanda una nutrizione ipoallergenica per le donne che allattano al fine di prevenire le allergie nei neonati e migliorare la qualità del latte materno.

Regole generali

La nutrizione per le allergie nei bambini dovrebbe essere fisiologicamente completa, ma parsimoniosa. È necessario limitare l'assunzione di sale a 7 grammi al giorno. La lavorazione culinaria preferita dei prodotti è bollitura, stufatura, cottura a vapore, cottura al forno. Preparare i primi piatti nel brodo di carne con un cambio di liquido tre volte, soprattutto quando si cucina pollo, carne grassa o pesce. Si consiglia di mangiare frazionalmente, almeno 4 volte al giorno.

Se i piedi o le dita del bambino si gonfiano, le borse sotto gli occhi compaiono dopo il sonno, limitare l'assunzione di liquidi a 1-1,2 litri di acqua al giorno. La composizione chimica ed energetica di una dieta ipoallergenica per bambini è la seguente:

  • proteine ​​(vegetali e animali) - 90 grammi;
  • grassi - 80 grammi;
  • carboidrati - 400 grammi;
  • contenuto calorico giornaliero dei piatti - 2800 kcal.

Prima di procedere alla costruzione del menu, è necessario comprendere le regole della terapia dietetica:

  • Ai primi sintomi di un'allergia in un bambino, limitare l'assunzione di sale al minimo (3-5 grammi al giorno). Poiché questa malattia è accompagnata da un processo infiammatorio e il sale contribuisce all'edema, è necessario rimuovere tutti i sottaceti dal menu del bambino, comprese le salsicce.
  • Per lo stesso motivo, dai al tuo bambino cibi più ricchi di calcio. Questo oligoelemento contribuisce alla rapida rimozione dell'infiammazione e rafforza anche le pareti dei vasi sanguigni, dei denti e delle ossa. È meglio aggiungere ricotta, formaggio, latte al menu. Se questi prodotti sono allergici, è necessario sostituirli con analoghi con lo stesso livello di calcio.
  • È importante rimuovere dal menu non solo i principali allergeni, ma anche quei prodotti che causano una reazione crociata. Ad esempio, se il bambino è allergico al latte, devi smettere di dargli ricotta, panna, panna acida.
  • Durante la cottura, utilizzare solo prodotti freschi e di alta qualità. Non acquistare prodotti con coloranti, aromi, additivi alimentari e vari modificatori che ne prolungano la durata.

La durata della dieta può variare da due a tre settimane a diversi mesi o addirittura anni. Quando i sintomi della malattia cessano di apparire, dopo 2-3 giorni dal momento del miglioramento, i prodotti esclusi possono essere gradualmente rimessi nella dieta. Questo dovrebbe essere fatto rigorosamente uno alla volta, passando da poco allergenico a altamente allergenico. Un nuovo ingrediente viene somministrato una volta ogni tre giorni. Se c'è un aggravamento, l'ultimo componente della dieta è allergenico e devi abbandonarlo completamente.

Prodotti ipoallergenici

L'elenco dei prodotti consentiti, nonché l'elenco degli ingredienti vietati, può variare a seconda delle caratteristiche individuali del piccolo paziente. La versione finale del menu deve essere discussa con il medico. Spesso nella dieta dei bambini ti permettono di includere i seguenti prodotti:

  • carne - manzo bollito, pollo senza pelle, tacchino, coniglio;
  • zuppe vegetariane a base di verdure consentite;
  • oli vegetali - sesamo, oliva, girasole;
  • cereali - grano saraceno, avena, riso, semola (in quantità limitata);
  • latticini - latte di capra e formaggio, yogurt, yogurt naturale;
  • verdure - cetrioli, cavoli, lattuga, verdure, patate, piselli, zucca, rape, zucca, zucca;
  • frutti ipoallergenici - mele verdi, pere, ribes rosso, uva spina, prugne, prugne, pesche, banane;
  • tè, composte di frutta secca;
  • pane bianco secco, cracker, torte azzime, pane pita.

Dolci per chi soffre di allergie

Se tuo figlio soffre di allergie, questo non è un motivo per negargli completamente i dolci. Molte prelibatezze deliziose oggi sono facili da sostituire con cibi più sani. In alternativa ai ragazzi che amano molto il cioccolato ma soffrono di allergie al latte, puoi offrire una barretta amara con un alto contenuto di cacao o torrone. Non c'è latte in questo prodotto.

Un bambino di età superiore a un anno può essere soddisfatto di marshmallow, caramelle, waffle con ripieno di frutta. Contengono pectina. Questo elemento è utile per il corpo, poiché migliora il funzionamento del tratto gastrointestinale. Quando acquisti tali prelibatezze, dovresti leggere attentamente la composizione: non deve contenere coloranti, cioccolato, aromi. I seguenti integratori alimentari rappresentano un grave pericolo per il corpo del bambino:

  • E 321 o butilidrossitoluene - un popolare antiossidante;
  • E 220-27 - solfati;
  • E 249-52 - nitrati;
  • E210-19 - derivati ​​dell'acido benzoico;
  • E 200-203 - acido sorbico;
  • E 122, 102, 110, 124, 127, 151 - coloranti;
  • B 550-553 - aromi;
  • E 621-25 - glutammati di sodio, potassio, calcio, magnesio.

Puoi trovare un buon sostituto della pasticceria con additivi alimentari: frutta secca, gelato o marmellata fatti in casa, dolci senza glutine, biscotti al pan di zenzero. Molti bambini mangiano volentieri succhi di frutta congelati a base di frutta naturale, popcorn dolci. Non offrire minuscoli tortini, muffin acquistati e altri dolci ricchi con un alto contenuto di albume e margarina. Scegli biscotti non troppo dolci e magri:

Se vuoi trattare il bambino con le caramelle, dovresti dare la preferenza ai dolci a base di latte senza cioccolato: Iris, Korovka, School. Le barrette acquistate del tipo Snickers e Twix possono essere facilmente sostituite con granola pressata, una prelibatezza vitaminica della farmacia - hematogen. Se il bambino non è allergico al miele e alle noci, puoi includere l'halva nella tua dieta.

Prodotti altamente allergenici

Tra i prodotti alimentari ci sono molti allergeni che possono provocare sintomi spiacevoli e quando la malattia peggiora può diventare molto pericolosa. I medici distinguono tali prodotti con effetti negativi:

  • pesce e frutti di mare, compreso il caviale;
  • carne macinata e carne, oltre a quanto elencato sopra;
  • agrumi - arance, mandarini;
  • tutti i tipi di noci;
  • frutti e bacche arancioni e rossi - ananas, fragole, fragole, uva, cachi, meloni, melograni;
  • verdure - barbabietole, carote, pomodori, sedano, ravanello, ravanello, rafano, melanzane;
  • cioccolato;
  • caffè;
  • miele;
  • confetteria e pasticceria;
  • uova
  • latte di mucca e prodotti a base di latte fermentato con proteine ​​di mucca;
  • Grano
  • spezie e salse - maionese, ketchup, senape, soia;
  • legumi;
  • funghi;
  • prodotti in scatola, salati e in salamoia;
  • bevande gassate;
  • carni affumicate.

Per i bambini fino a un anno

Se viene rilevata un'allergia in un neonato in allattamento, i principi di una dieta ipoallergenica devono essere seguiti da una madre che allatta. Dal menu vale la pena rimuovere tutti i prodotti che possono fungere da provocatori della malattia. Allo stesso tempo, non è consigliabile annullare l'allattamento. La nutrizione per i bambini con allergie alimentari dovrebbe essere introdotta gradualmente, aggiungendo non più di 3-4 nuovi ingredienti alla dieta al mese.

L'introduzione di alimenti complementari dovrebbe iniziare con purè di verdure o cereali senza latte, zucchero e sale. La conoscenza di una nuova dieta dovrebbe iniziare con piatti monocomponenti: se si tratta di purea di verdure, allora dovrebbe consistere in una verdura, un porridge - da un cereale. Gli esperti consigliano di introdurre piatti di carne nel menu del bambino non prima di 6 mesi. Chi soffre di allergie sta meglio preparando il cibo da un coniglio o un filetto di tacchino. Se preferisci nutrire i bambini con miscele artificiali, scegli prodotti senza proteine ​​di mucca e caseina. Tali cereali ipoallergenici si sono dimostrati efficaci:

  • Nutrilac GA;
  • Alfare;
  • Peptidi-peptidi;
  • Soia Nan;
  • Similac ipoallergenico;
  • Nan-2;
  • Peptidi Nutrilon TSC.

Menù dietetico ipoallergenico

Il corpo di un bambino combatte le allergie molto meglio di un adulto. A questo proposito, per i bambini viene prescritta una dieta ipoallergenica per un breve periodo - fino a 10 giorni. Un menu di esempio per i bambini allergici dovrebbe apparire così:

Ricette per bambini allergici

Oggi pediatri e gastroenterologi pediatrici diagnosticano sempre più allergie alimentari nei bambini. Secondo le statistiche, ogni terzo bambino nel mondo soffre di una qualche forma di ipersensibilità: uno può sviluppare un'eruzione cutanea, prurito e altri sintomi dermatologici, l'altro inizia a soffrire di disturbi digestivi e il terzo soffoca completamente dopo che ogni allergene entra nel corpo.

Le allergie possono essere insidiose e i sintomi possono essere vari e molto pericolosi. E se non si stabilisce un'alimentazione adeguata per una persona allergica dall'infanzia, la condizione peggiorerà solo nel corso degli anni e le manifestazioni di ipersensibilità nell'età adulta diventeranno più difficili. Come creare un menu per un bambino del genere, quali piatti escludere e cosa cucinare in modo che le briciole non soffrano di carenze nutrizionali? Diamo un'occhiata alle basi della dietetica terapeutica per i piccoli allergici.

Elenco degli allergeni più comuni

Sfortunatamente, non esiste una formula universale per le allergie: quasi tutti i prodotti, anche i più sicuri, possono causare una reazione grave in una persona allergica. Tuttavia, i nutrizionisti e gli allergologi suggeriscono una separazione condizionale di tutti i componenti alimentari in tre grandi gruppi in base al grado di pericolo: sostanze con un gruppo ad alto, medio e basso rischio di reazioni allergiche. Puoi valutare il grado di pericolo di ogni piatto particolare dalla tabella proposta:

Gruppi a rischio alimentare per chi soffre di allergie

Altamente allergenico

Con moderata allergenicità

Bassa allergenicità

  • Uova di gallina (in particolare proteine ​​delle uova di gallina);
  • piatti di pesce e frutti di mare;
  • vari tipi di carne (compresi i brodi di carne);
  • cereali: grano, segale;
  • bacche: fragole, fragole;
  • verdure: peperoni, pomodori, carote;
  • frutti: tutte le varietà di agrumi, kiwi, melone, ananas, cachi;
  • fave di cacao e piatti con la loro aggiunta;
  • noci (in particolare arachidi);
  • miele, funghi, caffè.
  • Latte vaccino e prodotti lattiero-caseari;
  • pollo, manzo;
  • cereali: riso, avena, grano saraceno;
  • piselli, soia, fagioli;
  • verdure: barbabietole, patate;
  • zucchero;
  • frutti: pesche, albicocche, banane;
  • bacche: ciliegia, ribes nero, mirtillo rosso, mirtillo rosso;
  • rosa canina.
  • Latticini,
  • coniglio, carne di cavallo, maiale magro e agnello, tacchino;
  • verdure: broccoli, cavolfiori e cavoli bianchi, cetrioli, zucchine, zucca;
  • Mais;
  • cereali: orzo perlato, miglio;
  • frutti: mele verdi e pere;
  • bacche: ribes bianco e rosso.

Come nutrire un bambino incline alle allergie alimentari? 10 divieti principali

Per capire come agisce ogni prodotto specifico e quando è una minaccia, esaminiamoli in modo più dettagliato..

1. Latte intero

Nonostante il latte di mucca sia un gruppo a medio rischio, è il principale e più pericoloso allergene per una persona allergica nel primo anno di vita. Il fatto è che nel latte intero, come nella maggior parte delle formule per bambini, contiene composti proteici (caseina, albumina, ecc.), Che agiscono come antigeni, portando spesso a un certo grado di intolleranza. Pertanto, è meglio non trasferire tali bambini all'alimentazione artificiale, o almeno farlo il più tardi possibile - IV in questo caso può aggravare i sintomi di allergia. Se il trasferimento alla miscela non può essere evitato, il bambino deve essere alimentato con composti strettamente ipoallergenici, che sono raccomandati dal pediatra - "attività indipendenti" e ancor più risparmi in questo caso sono inaccettabili.

Inoltre, una madre che allatta dovrebbe seguire una dieta con un contenuto minimo di prodotti lattiero-caseari, compensando la carenza di calcio con altri piatti o integratori vitaminici. Per quanto riguarda i derivati ​​del latte fermentato, qui tutto è individuale, quindi vale la pena introdurli nella dieta in modo graduale ed estremamente accurato, monitorando i minimi cambiamenti nel benessere del bambino.

2. Uova di gallina

In questo caso, non è tanto l'uovo stesso che è pericoloso per chi soffre di allergie quanto la proteina che contiene. Tuttavia, non si tratta solo di uova di gallina: quaglie, tacchini, oche e altre specie sono anche in grado di provocare allergie, solo in misura minore. In questo caso, dovrai nutrire il cibo per bambini che non contiene uova in linea di principio: padroneggiare la sezione speciale della cottura in casa con ricette senza uova, per escludere l'uso di maionese, tutti i tipi di dessert e altri piatti che includono un ingrediente pericoloso.

3. Pesce e frutti di mare

Tra gli abitanti dell'ambiente acquatico, le varietà marine rappresentano il pericolo maggiore per chi soffre di allergie, tuttavia a volte si riscontra anche l'intolleranza alle specie ittiche di fiume. Sfortunatamente, nessun trattamento termico o altro è in grado di distruggere le sostanze nei pesci che causano sintomi spiacevoli, il che significa che l'alimentazione di un bambino con piatti di pesce non funzionerà. In questo caso, dovrai regolare il menu, concentrandoti su altri piatti contenenti calcio e acidi grassi.

4. Prodotti a base di carne

L'allergia alla carne è un altro tipo di intolleranza alimentare, in cui è molto difficile nutrire completamente un bambino. Nella maggior parte dei casi, chi soffre di allergie sperimenta una reazione a pollo, manzo, maiale grasso e agnello e l'ebollizione e lo stufato non salvano la situazione. Inoltre, anche il brodo di carne è un certo pericolo per un bambino con ipersensibilità, il che significa che dovranno nutrire le briciole esclusivamente con zuppa di verdure e dieta. Come sostituire la quantità di grasso necessaria per un corpo in crescita? Una risposta più dettagliata a questa domanda può essere data da un nutrizionista che ha familiarità con la storia del bambino, ma nella maggior parte dei casi, i soggetti allergici sono autorizzati a utilizzare oli vegetali che possono compensare la carenza almeno parzialmente.

5. Cereali e fagioli

Tra questi prodotti apparentemente innocui, ci sono anche varietà pericolose per chi soffre di allergie: grano, segale, meno spesso riso, avena, grano saraceno, soia. In precedenza, tale intolleranza praticamente non si era verificata, tuttavia, nel tempo e l'aggravamento delle statistiche allergologiche, l'ipersensibilità ai derivati ​​della soia ha iniziato a diffondersi gradualmente. Ciò è dovuto principalmente ai crescenti casi di intolleranza al latte e, di conseguenza, al trasferimento dei soggetti allergici a miscele di soia, che in precedenza potevano essere consumate senza paura.

Puoi nutrire un bambino del genere con altri tipi di cereali consentiti da un nutrizionista. Inoltre, se si verifica una reazione atipica al grano o alla segale, dovrai abbandonare la cottura acquistata e persino il pane. Tuttavia, puoi sempre cucinare piatti simili con l'aggiunta di farina di mais: un volo di immaginazione culinaria ti permetterà di non esaurire la dieta del bambino, rendendola il più sicura possibile.

6. Frutta e bacche

Chi soffre di allergie per intolleranza agli acidi della frutta è solitamente particolarmente sensibile agli agrumi, al kiwi, alle pesche, agli ananas, ai melograni, alle fragole, al ribes e ad altri tipi di frutta e bacche, a seconda delle caratteristiche individuali. In questo caso, è abbastanza facile nutrire completamente il bambino: una grande varietà di tutti i tipi di bacche e frutti nei supermercati ti consente di creare un menu che non è privo di vitamine naturali e non è pericoloso per una piccola persona allergica.

7. Fave di cacao, noci e miele

È estremamente difficile riconoscere una tale allergia dall'infanzia - di norma, un bambino inizia a mostrare i sintomi solo dopo che nella dieta compaiono alimenti con l'aggiunta di allergeni. Il cioccolato e tutti i tipi di dolci con componenti di cacao, noci e miele spesso causano manifestazioni cutanee: eruzione cutanea, prurito, orticaria, arrossamento della pelle, ecc. In questo caso, è sufficiente non nutrire il bambino con allergeni e i sintomi si fermano rapidamente da soli. Naturalmente, all'inizio sarà difficile per il bambino spiegare perché non può mangiare dolci, cioccolatini e altre cose "dannose", ma, d'altra parte, se lo si desidera, possono sempre essere sostituiti con analoghi: marshmallow, frutta dolce, caramelle e altri tipi di dolci sicuri per chi soffre di allergie.

8. Verdure

L'ipersensibilità "vegetale" nei soggetti allergici è leggermente meno comune rispetto al resto della sua specie e, inoltre, è facilmente controllata da una dieta speciale. Nonostante gli indiscutibili benefici delle verdure fresche, possono essere facilmente sostituite con altre specie, poiché l'elenco dei prodotti allergenici non è così ampio. Molto spesso, i bambini hanno difficoltà a percepire verdure dai colori vivaci: pomodori, peperoni, carote, barbabietole, ecc. Zucchine, verdure a foglia verde, cavoli e altre specie più neutre hanno meno probabilità di causare allergie, il che significa che possono nutrire il bambino, dopo aver rintracciato la reazione a ogni nuova varietà.

9. Supplementi nutrizionali

Chi soffre di allergie, in particolare i bambini, è estremamente indesiderabile nutrirsi di piatti con tutti i tipi di additivi alimentari: addensanti, coloranti, esaltatori di sapidità, aromi, conservanti, ecc. Il fatto è che queste sostanze possono causare sintomi di allergie alimentari o, a volte, aumentarne il decorso, quindi qualsiasi fast food è vietato. È meglio nutrire il tuo bambino con piatti fatti in casa a base di cibi provati.

10. Allergia crociata

Questo tipo di ipersensibilità si riscontra nei soggetti allergici che non sono immuni da alcun prodotto particolare, ma dalla loro combinazione. Ad esempio, i bambini che reagiscono bruscamente al latte di mucca spesso soffrono di sintomi spiacevoli dopo aver consumato latticini e prodotti a base di latte acido, mentre quelli sensibili alle uova reagiscono alla carne di pollo e persino ai brodi. In questo caso, nutrire completamente un bambino è molto più difficile: dovresti identificare immediatamente tutti i possibili allergeni, solo allora, insieme a un nutrizionista per bambini, fare un menu adeguato.

Consigli utili per i genitori di chi soffre di allergie

  1. Semplifica significativamente l'alimentazione di un test per la sensibilità agli allergeni più tipici. Dopo un tale studio, saprai esattamente come nutrire il piccolo e cosa dovrebbe essere escluso.
  2. Se il bambino è soggetto ad allergie, ogni nuovo prodotto deve essere introdotto gradualmente, in modo da poter determinare con precisione il grado di rischio individuale e fermare i sintomi dell'ipersensibilità nella fase iniziale.
  3. L'ammollo prolungato e il trattamento termico di frutta e cereali possono ridurre il grado di allergenicità del prodotto, ma, sfortunatamente, non eliminarlo completamente.

Osservando rigorosamente le raccomandazioni di un allergologo e nutrizionista, puoi nutrire completamente anche la persona allergica più sensibile, senza rischiare la vita e la salute!

Dieta per le allergie nei bambini di età diverse: principi generali, menu

Sempre più dati compaiono in letteratura sul fatto che una dieta rigorosa per le allergie può non solo essere utile, ma anche dannosa. Come scegliere la dieta giusta per un bambino allergico? Per capire come dovrebbe essere costruita una dieta ipoallergenica per i bambini con diverse malattie allergiche, questo articolo aiuterà.

L'allergia è una malattia che si sviluppa a causa di una reazione inadeguata del corpo all'ingestione di una proteina estranea. Questa sostanza può penetrare in vari modi:

  • si sviluppa la febbre aerogenica e quindi del fieno;
  • contatto, che comporta lo sviluppo di dermatite da contatto;
  • parenterale, causando allergie ai farmaci o allergie al veleno degli insetti;
  • e ovviamente cibo.

In caso di allergia alimentare, al fine di escludere il contatto corporeo con una proteina allergenica, è necessario escludere dalla dieta i prodotti contenenti questa proteina.

Dieta di eliminazione

È molto specifico. Dei prodotti consumati, è necessario rimuovere specifici, specifici, solo quelli a cui esiste ipersensibilità. Utilizzare diete specifiche quando è impossibile condurre una diagnosi accurata o nelle sue prime fasi (inclusa l'autodiagnosi).

Dieta non specifica

La seconda opzione è una dieta di base, non specifica. È necessario per spegnere tutti i prodotti "pericolosi" in termini di allergie dalla dieta, per ridurre il carico nutrizionale complessivo sul corpo.

Pertanto, lo scopo di una dieta ipoallergenica è il seguente:

  1. ricerca diagnostica per allergeni trigger;
  2. esclusione del contatto con un allergene scatenante;
  3. diminuzione del carico allergenico totale sul corpo;
  4. rifornimento di sostanze nutritive escluse e oligoelementi da altri prodotti.

L'ultimo punto è di fondamentale importanza, poiché è necessaria una dieta ipoallergenica rigorosa per i bambini e importante solo durante un periodo di grave esacerbazione, prima della nomina della terapia. Nel resto del tempo, è importante non solo escludere l'allergene dal cibo (con allergie alimentari), ma formare una dieta completa ed equilibrata con una tale eccezione.

Principi generali della formazione di una dieta per le allergie in un bambino

Durante la formazione della dieta, è molto importante considerare le caratteristiche del corpo del bambino.

Quindi, va ricordato che i bambini hanno molte più probabilità degli adulti di avere bisogno di proteine ​​e fibre. Ciò è dovuto all'attività estremamente elevata del bambino (specialmente all'età di 3-7 anni) e alla necessità di "completamento" di tutti i sistemi e organi. Ma è successo che sono le proteine ​​animali a provocare una risposta immunitaria inadeguata.

Il secondo punto è l'elevata prevalenza di allergia alle proteine ​​del latte vaccino. Inoltre, ci sono alcune differenze tra un'allergia alimentare "infantile" e una "adulta":

  • nella maggior parte dei bambini, la risposta immunitaria è combinata con quella non immune (si realizza la cosiddetta pseudo-allergia);
  • molto spesso c'è sensibilizzazione poliallergenica;
  • più vecchio è il bambino, maggiore è la probabilità di sviluppare un'allergia crociata.

L'ultimo punto è collegato, prima di tutto, con l'espansione della dieta.

Tenendo conto di tutte queste caratteristiche, possiamo distinguere i principi di base della formazione di qualsiasi dieta ipoallergenica, sia specifica che non specifica:

  • una dieta è necessaria per qualsiasi malattia allergica, che si tratti di ipersensibilità alimentare, febbre da fieno o dermatite da contatto;
  • con allergie alimentari, è necessaria un'accurata determinazione dell'allergene scatenante;
  • è necessaria l'esclusione più completa delle proteine ​​animali e la sua sostituzione con le verdure;
  • uso consentito di prodotti lattiero-caseari;
  • esclusione obbligatoria di prodotti antistaminici;
  • è importante escludere non solo allergeni causali, ma anche irritanti incrociati (particolarmente importanti per la febbre da fieno);
  • è richiesto un rigoroso controllo della dieta completa ed equilibrata.

Il cibo per i bambini allergici deve essere cotto, cotto a vapore o bollito.

Regole obbligatorie

Un altro punto su cui concentrarsi sono le regole che devono essere seguite se un bambino ha bisogno di una dieta ipoallergenica:

  1. Lavora in coppia con un allergologo. Non è possibile escludere in modo indipendente i prodotti dalla dieta o introdurli, soprattutto nelle allergie gravi;
  2. Conformità rigorosa. Non puoi "seguire l'esempio" di un bambino che chiede un prodotto allergenico. È importante ricordare che con una vera allergia, anche una piccola porzione è sufficiente per formare una grave reazione allergica;
  3. Regolazione tempestiva. Esiste la possibilità di autorigenerazione di alcuni tipi di allergie con l'età, nonché la comparsa di nuovi;
  4. Vita ipoallergenica. Dovrebbe andare in combinazione con una dieta: pulizia regolare a umido, assenza di muffa, polvere, possibilmente animali domestici in casa, l'uso di filtri dell'aria.

Fasi di entrare in una dieta per le allergie in un bambino

Secondo le raccomandazioni cliniche, una dieta ipoallergenica viene introdotta in tre fasi:

  1. Identificazione del fattore scatenante, selezione della dieta. Vengono eseguiti test provocativi, test di scarificazione, terapia dietetica empirica. La durata di questa fase è maggiore, più allergeni sono irritanti diretti;
  2. Terapia di mantenimento La fase più lunga della terapia dietetica (la sua durata varia da 3-5 mesi a diversi anni. In questa fase, sono esclusi tutti i prodotti allergenici per l'uomo;
  3. Espansione della dieta Il criterio per la transizione è una remissione clinica e di laboratorio completa. In questa fase, a partire dalle dosi minime, vengono introdotti prima i prodotti minimamente allergenici, quindi gli allergeni crociati e, se somministrati con successo, si tenta di introdurre allergeni sempre più forti.

Dieta non specifica

Una dieta non specifica implica l'esclusione di tutti gli alimenti altamente allergenici. Viene nominata alla sua prima visita da un allergologo con lamentele di reazioni di ipersensibilità..

Vengono utilizzate le diete di eliminazione della gamma più ampia possibile. Secondo I.V. Borisova, professore presso la Filiale siberiana dell'Accademia Russa di Scienze Mediche, tutti i prodotti in base al loro grado di attività allergenica sono suddivisi in tre tipi. Allocare prodotti:

Alta attività:

  • uova di gallina;
  • latte;
  • prodotti ittici;
  • carne di gallina;
  • Pomodori
  • agrumi;
  • banane
  • lievito per panetteria;
  • prodotti di cioccolato, fave di cacao;
  • tutti i tipi di noci;
  • melone;
  • sedano;
  • eventuali spezie.

Attività media:

  • Manzo;
  • carne di maiale;
  • carne di cavallo;
  • tacchino
  • Grano
  • alimenti di segale;
  • riso
  • orzo;
  • prodotti d'avena;
  • carote;
  • cetrioli
  • barbabietole;
  • soia;
  • piselli;
  • fagioli
  • albicocche
  • mele
  • uva
  • Kiwi;
  • ananas
  • lamponi;

Attività debole:

  • carne di agnello;
  • carne di coniglio;
  • grano saraceno;
  • schiacciare;
  • cavolo;
  • rapa;
  • zucca;
  • prugne
  • Pera;
  • angurie;
  • insalata;
  • mirtilli;
  • mirtilli;
  • mirtilli rossi.

L'Unione dei pediatri russi offre un modello simile di distribuzione dei prodotti in base alla loro allergenicità:

Tabella: Dieta per allergie in un bambino dell'Unione dei Pediatri della Russia (Parte 1) Tabella: Dieta per allergie in un bambino dell'Unione dei Pediatri della Russia (Parte 2)

Dr. E.O. Komarovsky nomina i sei alimenti più allergenici:

Dieta ipoallergenica per bambini

INFERNO. Ado, un fisiopatologo, immunologo e allergologo sovietico, che studia i meccanismi scatenanti delle reazioni allergiche, ha scoperto che ci sono prodotti che sono allergeni quasi obbligati (obbligatori) e ci sono quelli che sono relativamente sicuri in termini di allergie.

La dieta Ado per i bambini allergici, formata nel 1987, si basa su questo: l'esclusione del cibo "aggressivo" e la sua sostituzione con una più delicata.

I vantaggi di questa dieta:

  • un elenco specifico di alimenti che non dovrebbero essere consumati, piuttosto che la lunga definizione di "alimento pericoloso";
  • l'esclusione di tutti gli allergeni contemporaneamente, che garantisce la rapida eliminazione dei sintomi clinici delle allergie;
  • la capacità di introdurre a turno allergeni obbligati nella dieta, capendo quale particolare stimolo sviluppa la reazione.

Tuttavia, questa tecnica presenta anche degli svantaggi:

  • estrema non specificità;
  • mancanza di attenzione sulle caratteristiche individuali di ogni bambino.

Cosa è possibile con questa dieta ipoallergenica per un bambino e cosa è impossibile

Ad Ado puoi mangiare i seguenti alimenti:

  • manzo bollito;
  • zuppe di cereali o verdure;
  • “Latte acido” (ricotta, yogurt, prodotti kefir);
  • oli cremosi, di oliva, di girasole;
  • grano saraceno, ercole, riso;
  • pane non commestibile (bianco);
  • cetrioli (solo freschi);
  • prezzemolo, aneto;
  • Mele cotte
  • zucchero;
  • tè;
  • composta di mele.

È necessario rimuovere dalla dieta senza fallo:

  • eventuali agrumi;
  • eventuali noci;
  • pesce e frutti di mare;
  • uccello intero (compreso il tacchino);
  • cioccolato e cacao;
  • caffè;
  • carni affumicate;
  • Spezia;
  • Pomodori
  • melanzana;
  • funghi;
  • uova di gallina e quaglia;
  • latte;
  • fragole, fragole;
  • ananas
  • muffin (particolarmente fresco);
  • miele;
  • alcol (rilevante per gli adolescenti più grandi).

Menu dieta ipoallergenica per bambini per 7 giorni (Ado)

Pertanto, il menu dietetico per bambini per una settimana può apparire così:

Giorno della settimanaColazionePranzoHigh teaCenaSeconda cena
LunediFarina d'avena sull'acqua, un panino con burro, tè dolceZuppa di verdure, broccoli con lingua lessa, insalata di cavolo con olio vegetale, composta di meleBiscotti persistenti, succo di pescaPurè di patate, polpette di carne, tèKefir, pan di zenzero
martedìPancakes in acqua con marmellata di mele, cicoriaPorridge di grano saraceno sull'acqua, filetto alla Stroganoff, tèApple, biscotti non commestibiliInvoltini di cavolo, tèLatte al forno fermentato, biscotti non commestibili
mercoledìPorridge "cinque cereali" sull'acqua, un panino con burro, tèZuppa di verdure, spezzatino di verdure con salsiccia, tèBere yogurt, cialde viennesiCavolo brasato con salsicciaKefir, pan di zenzero
giovediYogurt, banana, pane, tèTagliatelle, carne macinata cotta in una doppia caldaia o fritta senza olio, composta di frutta seccaprugneSpezzatino di verdure con salsiccia, succo di mirtillo rossoCarote Con Panna Acida E Zucchero
VenerdìMele al forno, uvetta, succo di ciliegiaZuppa di piselli con brodo vegetale, purè di patate con spezzatino di manzo, insalata di cavolo, tèYogurt, sfoglia di pasta senza lievitoRiso bollito, cavolfiore, fagiolini, lingua, cinorrodoKefir, pan di zenzero
SabatoPorridge di riso senza latte, toast con formaggio, cicoriaPorridge di grano saraceno con polpette di carne, tèAlbicocche seccheInsalata Di Cetrioli Con Olio Di Oliva, Zuppa Di VerdureRyazhenka, biscotti
RisurrezioneCasseruola di ricotta con marmellata, tèManzo bollito, insalata di cavolo, cicoriaRicotta con bananaTagliatelle con salsiccia, succo di pescaYogurt, frutta secca

Vale la pena notare che questa dieta è adatta per un bambino di qualsiasi età (oltre 2 anni), ma è approssimativa e richiede un aggiustamento in termini di porzioni.

Dieta specifica

In questa sezione, vale la pena considerare i tipi di nutrizione dietetica per varie malattie e complessi di sintomi e separatamente per le allergie alimentari a specifici gruppi di irritanti. Nonostante il fatto che in generale, le tabelle dietetiche siano simili. Ogni caso ha le sue caratteristiche..

Dieta per allergie respiratorie

Con la febbre da fieno, è molto importante escludere gli allergeni incrociati. Ciò è necessario per evitare lo sviluppo della sindrome allergica orale. A seconda di quale polline di una pianta diventa irritante, esistono elenchi di allergeni incrociati..

Nell'asma bronchiale, che spesso diventa sintomo o esito della febbre da fieno, il cui principale segno è la sindrome ostruttiva bronchiale, è estremamente importante escludere il miele dalla dieta per non provocare un episodio di ostruzione bronchiale e, di conseguenza, soffocamento, tosse, senso di costrizione toracica.

Dieta per allergie cutanee

È dimostrato che quando si tratta di trattamento per bambini con dermatite allergica, causata non da allergie alimentari, ma dal contatto diretto dell'allergene, nonché dall'eczema, con l'orticaria causata da questo fattore, la dietoterapia non svolge un ruolo significativo.

Ma una dieta ipoallergenica per i bambini con dermatite atopica dovrebbe essere selezionata con molta più attenzione e cautela. Ciò è particolarmente importante se la dermatite atopica è causata da allergie alimentari..

In questo caso, l'eliminazione del fattore scatenante è in realtà una terapia etiopatogenetica e determina il successo del trattamento. Ma anche in assenza di una reazione allergica diretta ai prodotti alimentari, è necessario seguire una dieta non specifica.

Dieta per allergie alimentari in un bambino

Nelle allergie alimentari, l'esclusione dell'allergene stesso, così come tutti gli stimoli incrociati, è di fondamentale importanza..

Esistono diverse opzioni principali per le tabelle dietetiche:

  • dieta senza latte;
  • dieta con ipersensibilità alle colture di cereali;
  • dieta con ipersensibilità alle proteine ​​delle uova di gallina;
  • dieta per allergie alla soia;
  • dieta allergia lievito e muffa.

Dieta senza latte

Questo tipo di dieta può essere prescritto per l'ipersensibilità alle proteine ​​del latte vaccino. Nella situazione più difficile, quando il bambino non tollera latte o latticini, è necessario astenersi dal bere:

  • latte di mucca;
  • eventuali opzioni per il latte in polvere;
  • margarina;
  • siero;
  • kefir;
  • latte cotto fermentato;
  • crema
  • yogurt;
  • fiocchi di latte;
  • gelato;
  • formaggio;
  • latte condensato.

Spesso tracce di proteine ​​del latte possono contenere:

  • confetteria, dolciumi;
  • creme e salse;
  • cialde;
  • biscotto;
  • salsiccia e salsicce.

Ecco perché è così importante leggere la composizione dei prodotti prima di donarli a un bambino allergico. Come si possono etichettare le proteine ​​del latte sulla confezione? Questi sono i seguenti nomi:

  • caseina;
  • idrolizzato di caseina;
  • burro di latte;
  • caseinato di sodio;
  • caseinato di potassio;
  • caseinato di calcio;
  • lattoalbumina;
  • lattoglobulina.

Per compensare la mancanza di latte e prodotti lattiero-caseari è necessario carne magra, pollame, soia, legumi. Controllo obbligatorio dell'assunzione di calcio nel corpo. Norme d'età:

EtàNorm, mg / giorno
0-6 mesi300-400
6-12 mesi600
1-7 anni800-1000
> 7 anni100-1200

Puoi colmare la carenza di calcio con complessi vitaminici, nonché pesce, legumi, verdure. È richiesta la vitamina D..

Dieta per allergie ai cereali

Dalla nutrizione del bambino dovrebbe essere escluso:

  • piatti a base di grano;
  • porridge;
  • contorni di cereali;
  • pane;
  • pangrattato per impanare;
  • crusca;
  • biscotti, panini;
  • pasta;
  • Cupcakes
  • maionese e ketchup;
  • cioccolato;
  • salsa di soia;
  • gelato.

È importante prestare attenzione a tali nomi sul pacchetto:

  • proteine ​​vegetali (compresi i suoi idrolizzati);
  • amido vegetale;
  • malto e aromi basati su di esso;
  • glutammato monosodico.

Si deve prestare attenzione con emulsionanti, addensanti, aromi, che spesso contengono anche proteine ​​di cereali..

Puoi compensare questi prodotti con orzo, avena, segale, riso, grano saraceno, farina di mais. Tuttavia, questo dovrebbe essere fatto con cautela, tenendo presente la possibilità di sviluppare un'allergia crociata.

Dieta allergica all'uovo

È necessario rimuovere dai prodotti alimentari tutto ciò che include l'albume:

  • frittata;
  • marshmallows;
  • alcuni pasticcini;
  • maionese e altre salse;
  • salsicce, kolab;
  • torrone;
  • meringhe;
  • sorbetto.

Fai attenzione ai seguenti nomi sull'etichetta:

  • Albumina
  • globuline;
  • lisozima;
  • lecitina;
  • livetin;
  • ovomucin;
  • ovomukoid;
  • vitellin.

Per sostituire l'albume (che di solito è necessario per la cottura), puoi usare semi di lino, farina di soia e ricotta, gelatina, fecola di patate. Inoltre, sono disponibili numerose ricette per la preparazione delle quali non sono necessarie le uova.

Dieta per allergie a soia, lievito

È necessario escludere i piatti in cui viene utilizzato questo prodotto, incluso salsicce, salsicce, carne macinata, pasta, caffè, cioccolato, gelati, margarina. Non mangiare la salsa di soia.

In caso di ipersensibilità al lievito, non è possibile:

  • focaccina;
  • aceto;
  • crauti;
  • latticini;
  • succhi di frutta;
  • kvass;
  • formaggio;
  • bevande alcoliche, in particolare birra (particolarmente vero per gli adolescenti!).

Dieta per altre malattie

Con la vasculite emorragica, che ha un altro nome - porpora allergica - la terapia dietetica è molto importante. Da un lato, l'allergia alimentare è spesso la causa dell'infiammazione asettica autoimmune. D'altra parte, uno dei principali elementi del trattamento della vasculite emorragica è la nomina di farmaci ormonali.

Tuttavia, questa malattia non viene trattata in regime ambulatoriale, tutti i bambini vengono necessariamente ricoverati in ospedale, quindi è più facile seguire una dieta. Dovrebbe essere escluso:

  • allergeni causali (se presenti);
  • alimenti che hanno mai causato reazioni indesiderate, tra cui allergie o intolleranze alimentari;
  • allergeni obbligati.

Con l'edema di Quincke, la dieta dovrebbe anche essere selezionata in base alla storia allergica. Se questa condizione è stata causata da una puntura di insetto o dall'introduzione di un farmaco, è sufficiente seguire una dieta non specifica. Nel caso in cui il gonfiore fosse provocato da un allergene alimentare, la sua esclusione è categoricamente necessaria.

Video utile: errori delle diete ipoallergeniche

Dieta ipoallergenica per bambini di età diverse

I dati sopra riportati sono piuttosto universali. Tuttavia, è impossibile negare che l'alimentazione di un bambino di 8 mesi e 16 anni sia assolutamente diversa. Ecco perché è importante evidenziare le caratteristiche di una dieta ipoallergenica per bambini di età diverse..

Nutrizione per bambini fino a un anno

Per i bambini, l'allergene principale è la proteina del latte vaccino. Ecco perché i prodotti basati su di esso vengono introdotti negli alimenti complementari in ritardo, non prima dell'ottavo mese di vita. Per quanto riguarda il principale tipo di alimentazione, questo problema è rilevante per quei bambini che sono alimentati artificialmente o in modo misto.

Una miscela nel latte di mucca è controindicata per loro; sono necessari prodotti ipoallergenici, ad esempio:

Foto: Nutrilak Peptidium SCT

  • Nutrilon Pepti;
  • Nutrilak Peptidi;
  • Tutteli-Peptidi;
  • Nutramigen;
  • Pregestimil;
  • Frisopep AS.

Per i bambini con altri tipi di allergie, dovrebbero essere prescritte anche miscele ipoallergeniche, tuttavia è accettabile l'uso di alimenti a base di caseina moderatamente o parzialmente idrolizzata:

Nel caso in cui il bambino sia allattato al seno, è necessario regolare la nutrizione della madre che allatta. Potrebbe essere prescritta una dieta priva di latticini o senza glutine, oppure si consiglia una dieta ipoallergenica non specifica..

Nutrizione per bambini da uno a tre anni

Durante questo periodo, la terapia dietetica è particolarmente importante..

Dieta ipoallergenica per bambini di 1 anno:

  1. senza dubbio implica l'esclusione del latte.
  2. I prodotti lattiero-caseari sono ammessi con buona tolleranza..
  3. Non puoi dare ai bambini prodotti del gruppo altamente allergenici, il passaggio alla tabella generale è inaccettabile, il cibo deve essere leggermente salato, senza spezie, preferibilmente senza additivi chimici.

Dieta ipoallergenica per un bambino di 2 anni:

  • consente l'introduzione di uova di gallina e di quaglia con buona tolleranza, ma non consente il passaggio a una tabella comune.

Dieta ipoallergenica per un bambino di 3 anni:

  • offre già l'opportunità di trasferire il bambino in alimenti "per adulti", sono ammessi pesce e noci.
  • Tuttavia, anche con un decorso favorevole della malattia, non è consigliabile dare al bambino cioccolato, cacao, frutti tropicali, fragole e fragole, funghi, agrumi, pomodori, condimenti.

Dieta n. 5 GA per bambini di 1-3 anni - menu

Esempio di menu per un giorno di dieta ipoallergenica per bambini piccoli.

Menu il giorno di una dieta ipoallergenica n. 5 ettari per bambini piccoli con allergie alimentari

Dieta per allergie nei bambini di età superiore ai tre anni, adolescenti

Nel complesso, un menu ipoallergenico per una settimana per un bambino di tre e dodici anni differisce solo per la quantità di porzioni. Tuttavia, è molto più facile controllare i bambini piccoli rispetto a quelli più grandi: appare la paghetta, il tempo trascorso al di fuori dell'attenzione dei genitori.

Negli adolescenti più grandi, vieta:

  • bevande alcoliche;
  • Fast food;
  • prodotti con molti coloranti, aromi, sapori.

Pertanto, la formazione di una dieta ipoallergenica è un processo molto responsabile, in cui è importante considerare molti fattori, come il tipo di allergia, l'età del bambino e il fattore scatenante. Pertanto, è meglio affidare la compilazione della dieta a uno specialista.

Non dobbiamo dimenticare che l'adesione a una dieta ipoallergenica per i bambini è uno degli elementi più importanti, e talvolta il principale, nel trattamento delle malattie allergiche..