L'autore ha chiuso la sua pagina

Cliniche

Il portale Proza.ru offre agli autori l'opportunità di pubblicare liberamente le loro opere letterarie su Internet sulla base di un accordo con l'utente. Tutti i diritti d'autore su opere appartengono agli autori e sono protetti dalla legge. La ristampa delle opere è possibile solo con il consenso del suo autore, a cui puoi fare riferimento nella pagina del suo autore. Gli autori sono gli unici responsabili dei testi delle opere sulla base delle norme di pubblicazione e della legislazione della Federazione Russa. I dati dell'utente vengono elaborati in base alla Politica di trattamento dei dati personali. Puoi anche vedere informazioni più dettagliate sul portale e contattare l'amministrazione.

Il pubblico giornaliero del portale Proza.ru è di circa 100 mila visitatori che visualizzano in totale oltre mezzo milione di pagine secondo il contatore delle presenze, che si trova alla destra di questo testo. Ogni colonna contiene due numeri: il numero di visualizzazioni e il numero di visitatori.

© Tutti i diritti riservati dagli autori, 2000-2020. Il portale opera sotto l'egida dell'Unione Russa degli Scrittori. 18+

La composizione del kit di pronto soccorso da shock anafilattico

Lo shock anafilattico è la forma più pericolosa di allergia, che si manifesta con un forte calo della pressione sanguigna, mancanza di respiro, perdita di coscienza. Spesso, una tale reazione si sviluppa entro 10 secondi dal contatto con un allergene. Per il soccorso di emergenza in caso di shock anafilattico, è previsto un kit di pronto soccorso specializzato, il cui equipaggiamento è rigorosamente regolato.

Caratteristiche di shock anafilattico

Lo shock anafilattico si sviluppa quando l'allergene rientra nel flusso sanguigno. Tutto può essere una fonte di allergie: medicine, punture di insetti, prodotti chimici domestici, cibo. In questo caso, può verificarsi una reazione di shock anche se una quantità minima di allergene è entrata nel corpo..

La reazione si sviluppa particolarmente rapidamente con la somministrazione endovenosa di farmaci. Pertanto, in tutte le sale per trattamenti, è necessario un kit di pronto soccorso per il sollievo dello shock anafilattico.

I principali segni dello sviluppo dell'anafilassi:

  • Debolezza generale, vertigini;
  • Sensazione di paura;
  • Gonfiore del viso - palpebre, labbra, mucosa nasale;
  • Lacrimazione, starnuti, tosse;
  • Difficoltà respiratorie dovute al gonfiore delle vie aeree;
  • Prurito della pelle;
  • Crampi addominali;
  • Dolce freddo;
  • Nausea;
  • Aumento della frequenza cardiaca;
  • Perdita di conoscenza;
  • La comparsa di eruzioni cutanee allergiche;
  • Spasmi con minzione involontaria.

I sintomi elencati non sono sempre osservati. In molti casi, la prima manifestazione di una reazione anafilattica è una perdita di coscienza sullo sfondo di un forte calo di pressione. In tale situazione, per l'implementazione tempestiva delle cure di emergenza, è importante che lo stile anafilattico sia a portata di mano.

La composizione del kit di pronto soccorso anti-shock secondo SanPin: un elenco di medicinali

Secondo gli ordini del Ministero della Salute della Federazione Russa e le norme di SanPin, il kit di pronto soccorso per l'anafilassi dovrebbe contenere i seguenti medicinali sotto forma di soluzioni:

  • Epinefrina 0,1% - 4 fiale da 1 ml;
  • Aminofillina 2,4% - 1 amp. 10 ml ciascuno;
  • Difenidramina 1% - 1 amp. 1 ml ciascuno;
  • Atropina solfato 0,1% - 1 amp. 1 ml ciascuno;
  • Ormoni glucocorticoidi tra cui scegliere:
  1. Prednisolone sodio fosfato 3% - 4 amp. 1 ml ciascuno;
  2. Betamethasone sodium phosphate 0,5% - 1 amp. 4 ml ciascuno;
  3. Desametasone sodio fosfato 0,4% - 4 amp. 1 ml ciascuno;
  4. Idrocortisone 0,125 g - 1 bottiglia.
  • Salino - 1 fl. 400 ml o 10 amp. 10 ml ciascuno;
  • Glucosio 5% - 1 fl. 400 ml ciascuno;
  • Amido idrossietilico - 1 flaconcino 500 ml ciascuno.

Dei glucocorticoidi elencati, è sufficiente inserire due farmaci nell'armadietto dei medicinali di emergenza.

Il kit di pronto soccorso include non solo medicinali, ma anche strumenti medici e accessori necessari per lo shock anafilattico:

  • Laccio emostatico medico - 1 pz.;
  • Cateteri periferici di diverso spessore - 3 pezzi.;
  • Sistemi monouso per impostazione contagocce - 3 pezzi.;
  • Siringhe monouso per 2,0, 5,0 e 10,0 ml - 5 pezzi.;
  • Salviette imbevute di alcol antibatterico - 10 pezzi.;
  • Rotolo di nastro adesivo - 1 pezzo.;
  • Guanti di gomma sterili - 5 paia.

Le salviette imbevute di alcol possono essere sostituite con un batuffolo di cotone sterile e una soluzione di alcool medico in una bottiglia. Tuttavia, le salviette pre-alcolizzate risparmiano significativamente tempo quando si forniscono cure di emergenza.

Quello che devi avere a portata di mano per fornire cure mediche tempestive

La composizione del kit di pronto soccorso anti-shock è la stessa per tutte le istituzioni, sono consentite solo piccole modifiche che non riguardano i principali gruppi di medicinali.

Adrenalina (epinefrina)

L'adrenalina o l'epinefrina sono il farmaco più importante che "innesca" il cuore e aumenta la pressione sanguigna. Nei primi secondi dall'inizio della reazione anafilattica, metà del contenuto della fiala può essere versato al paziente sotto la lingua, dove l'assorbimento avviene più intensamente.

L'epinefrina viene iniettata per via intramuscolare o endovenosa. 0,3-0,5 ml di soluzione non diluita vengono immessi nel muscolo. Se la normale attività cardiaca non si è completamente ripristinata e la pressione rimane bassa, dopo 10-20 minuti è possibile inserire un secondo, quindi una terza dose. Quando iniettato in una vena, l'adrenalina viene diluita in 10 ml di soluzione salina. La dose del principio attivo viene presa contemporaneamente - 0,1-0,25 ml.

La soluzione di adrenalina può anche essere utilizzata per tagliare il sito di iniezione del farmaco che ha provocato l'allergia o l'area intorno alla puntura di insetto. L'adrenalina provoca un restringimento locale delle arterie e previene la diffusione dell'allergene in tutto il corpo..

Farmaco ormonale

Gli ormoni glucocorticoidi sono la prima linea di difesa contro le allergie in anafilassi grave. Agiscono più velocemente degli antistaminici e bloccano completamente la reazione di ipersensibilità..

Dei quattro possibili farmaci per lo sviluppo di shock, viene solitamente utilizzato prednisone o desametasone. 2-5 ml di desametasone o 4 ml di prednisolone vengono iniettati in una vena senza diluizione preventiva.

È più conveniente equipaggiare il kit di pronto soccorso con fiale di prednisone, desametasone o betametasone, poiché possono essere conservati a temperature fino a 25 ° C insieme ad altri medicinali. La soluzione di idrocortisone deve essere conservata in frigorifero.

Anti allergico

I farmaci antiallergici per combattere lo shock anafilattico comprendono antistaminici iniettabili di prima generazione: difenidramina, suprastina, tavegil. Questi sono farmaci di seconda linea..

È preferibile usare la difenidramina (difenidramina), poiché ha un effetto sedativo e antiemetico più pronunciato rispetto ad altri rappresentanti del gruppo. La soluzione di difenidramina viene somministrata per via intramuscolare in una dose di 1 ml solo dopo la stabilizzazione del cuore e la normalizzazione della pressione, poiché l'ipotensione è uno degli effetti collaterali del farmaco.

Soluzione di aminofillina

Il compito principale dell'aminofillina (aminofillina) in caso di reazione allergica è espandere l'albero bronchiale e facilitare la respirazione. Viene inserito per via endovenosa lentamente, precedentemente diluito in 10 ml di soluzione salina. Amufillin deve essere somministrato solo da un professionista della salute, poiché questo farmaco può causare gravi disturbi del ritmo cardiaco.

Altre soluzioni per infusione incluse nella confezione (amido idrossietilico, glucosio) vengono somministrate in un contagocce per mantenere un normale volume di liquido nel letto vascolare. Sono anche messi da operatori sanitari già nella fase di fornire assistenza qualificata..

L'atropina viene utilizzata per via sottocutanea con un marcato rallentamento del battito cardiaco..

Video - Kit di pronto soccorso. Reazione allergica

Kit antishock: aree di utilizzo

Non una sola persona è immune dallo sviluppo di una reazione allergica e la sua gravità non può essere prevista in anticipo. Il maggior rischio di anafilassi si verifica quando sostanze estranee (droghe, vaccini, coloranti) vengono introdotte nel corpo. Ciò determina l'ambito di utilizzo dello styling contro l'anafilassi.

Dove e a chi è necessario disporre di un kit di pronto soccorso anti-shock

Il kit anti-shock deve essere nelle seguenti strutture:

  • Ospedali (sale di trattamento e manipolazione), compresi ospedali di maternità, centri di ostetricia e di trauma;
  • Cliniche di cosmetologia;
  • Studi dentistici;
  • Saloni per tatuaggi.

Nelle sale diagnostiche, è necessario lo styling contro lo shock anafilattico se durante lo studio è necessario introdurre contrasto o applicare vari composti chimici sulla pelle. Ciò è necessario per alcuni tipi di diagnostica a raggi X e agli ultrasuoni, mentre si esegue la risonanza magnetica.

Il kit di pronto soccorso deve essere posizionato direttamente nell'ufficio in cui vengono eseguite le procedure invasive. Per comodità, è dotato di un breve algoritmo di assistenza di emergenza in modo che una persona confusa in una situazione pericolosa non confonda nulla. Nel promemoria indicare la dose e la sequenza di somministrazione dei farmaci.

Per le persone inclini alle allergie, è meglio avere un kit di pronto soccorso simile a casa e portarlo anche in viaggio, in vacanza, quando c'è un'alta probabilità di una puntura di insetto e non ci sono ospedali nelle vicinanze.

Il kit anti-shock viene usato raramente, quindi le situazioni sono comuni quando i farmaci hanno una data di scadenza e nessuno se ne accorge. In genere, le istituzioni nominano un dipendente responsabile dello stato del kit di pronto soccorso. Le sue responsabilità comprendono il controllo e l'aggiornamento regolari della sua composizione..

Chi è più suscettibile allo shock anafilattico

La probabilità di shock anafilattico è maggiore nelle persone che:

  • Lo ha spostato prima;
  • Soffre di allergie in qualsiasi forma o asma bronchiale;
  • Hanno un'eredità sfavorevole: lo shock anafilattico è stato registrato nei parenti di sangue;
  • Un gran numero di farmaci viene assunto contemporaneamente..

Per tali pazienti, i medici spesso raccomandano di trasportare un autoiniettore con adrenalina. Questo dispositivo contiene una singola dose del farmaco, che puoi entrare in modo indipendente - rapidamente e facilmente - nel muscolo al primo segno di anafilassi. Tuttavia, un autoiniettore è un piacere costoso. In Russia, tali dispositivi non sono ampiamente utilizzati..

Video - Pronto soccorso per shock anafilattico

Memo paziente

L'algoritmo delle azioni durante le cure di emergenza per shock anafilattico è il seguente:

  1. Se possibile, interrompere l'esposizione all'allergene - interrompere la somministrazione del farmaco, tagliare la sede di iniezione con adrenalina e applicare freddo. Stringere l'elastico sul sito di iniezione..
  2. Abbassa la vittima, solleva leggermente le gambe e gira la testa su un fianco in caso di vomito.
  3. Chiama una squadra di ambulanze o assegnala a un'altra persona.
  4. Inserisci epinefrina e ormone (richiesto in diverse siringhe).
  5. Durante l'attesa dell'effetto, non lasciare la vittima incustodita. Monitora costantemente le sue condizioni: chiarezza di coscienza, frequenza cardiaca e respiro.
  6. Quando interrompi la respirazione e l'attività cardiaca, inizia le misure di rianimazione: massaggio cardiaco indiretto e respirazione artificiale. Per prima cosa devi mettere un'altra dose di adrenalina, che aiuterà a "avviare" il muscolo cardiaco.

Per istruzioni più dettagliate sull'implementazione delle cure di emergenza per shock anafilattico, consultare questo articolo..

L'inizio più rapido possibile dell'assistenza con l'anafilassi è la principale garanzia del suo successo, perché nel caso dello sviluppo di una condizione di shock, il punteggio è di minuti. Ricorda che devi cercare assistenza medica anche se sei riuscito a togliere il paziente in modo indipendente dallo shock, poiché in futuro potrebbero svilupparsi complicazioni ritardate e una ricaduta di allergie.

Shock anafilattico (anafilassi): cause, sintomi, cure di emergenza

Che cos'è lo shock anafilattico, come può essere riconosciuto e cosa deve essere fatto quando si verifica l'anafilassi.

Poiché lo sviluppo di questa malattia si verifica spesso in una frazione di secondo, la prognosi per il paziente dipende principalmente dalle azioni competenti delle persone vicine.

Che cos'è l'anafilassi??

Lo shock anafilattico, o anafilassi, è una condizione acuta che procede come una reazione allergica di tipo immediato che si verifica quando l'allergene (sostanza estranea) viene nuovamente esposto al corpo.

Può svilupparsi in pochi minuti, è una condizione pericolosa per la vita e richiede cure mediche di emergenza..

La mortalità è circa il 10% di tutti i casi e dipende dalla gravità dell'anafilassi e dal tasso di sviluppo. La frequenza di occorrenza annuale è di circa 5-7 casi per 100.000 persone.

Fondamentalmente, questa patologia colpisce bambini e giovani, poiché il più delle volte è a questa età che si verifica un secondo incontro con l'allergene.

Cause di shock anafilattico

Le cause dello sviluppo dell'anafilassi possono essere suddivise in gruppi principali:

  • farmaci. Di questi, l'anafilassi è spesso causata dall'uso di antibiotici, in particolare la penicillina. Anche i farmaci non sicuri a questo proposito includono aspirina, alcuni miorilassanti e anestetici locali;
  • morsi di insetto. Lo shock anafilattico si sviluppa spesso con il morso di insetti imenotteri (api e vespe), specialmente se numerosi;
  • prodotti alimentari. Questi includono noci, miele, pesce e alcuni frutti di mare. L'anafilassi nei bambini può svilupparsi con l'uso di latte vaccino, prodotti contenenti proteine ​​di soia, uova;
  • vaccini. La reazione anafilattica durante la vaccinazione è rara e può verificarsi su alcuni componenti della composizione;
  • allergene da polline;
  • contatto con prodotti in lattice.

Fattori di rischio per anafilassi

I principali fattori di rischio per lo sviluppo di shock anafilattico includono:

  • la presenza di un episodio di anafilassi in passato;
  • storia gravata. Se il paziente soffre di asma bronchiale, febbre da fieno, rinite allergica o eczema, il rischio di anafilassi aumenta in modo significativo. La gravità del decorso della malattia aumenta e quindi il trattamento dello shock anafilattico è un compito serio;
  • eredità.

Manifestazioni cliniche di shock anafilattico

Il tempo di insorgenza dei sintomi dipende direttamente dal metodo di introduzione dell'allergene (inalazione, endovenoso, orale, contatto, ecc.) E dalle caratteristiche individuali.

Quindi, quando si inala un allergene o lo si usa con il cibo, i primi segni di shock anafilattico iniziano a essere avvertiti da 3-5 minuti a diverse ore, con un'esposizione endovenosa a un allergene, lo sviluppo dei sintomi si verifica quasi all'istante.

I sintomi iniziali di uno stato di shock si manifestano generalmente con ansia, vertigini a causa di ipotensione, mal di testa, paura senza causa. Nel loro ulteriore sviluppo, si possono distinguere diversi gruppi di manifestazioni:

  • manifestazioni cutanee (vedi foto sopra): febbre con caratteristico arrossamento del viso, prurito nel corpo, eruzioni cutanee come orticaria; edema locale. Questi sono i segni più comuni di shock anafilattico, tuttavia, con lo sviluppo istantaneo dei sintomi, possono verificarsi più tardi degli altri;
  • respiratorio: congestione nasale dovuta a gonfiore della mucosa, raucedine della voce e difficoltà respiratoria a causa di gonfiore della laringe, respiro sibilante, tosse;
  • cardiovascolare: sindrome ipotensiva, palpitazioni, dolore al petto;
  • gastrointestinale: difficoltà a deglutire, nausea che si trasforma in vomito, crampi nell'intestino;
  • le manifestazioni di danno al sistema nervoso centrale sono espresse da cambiamenti iniziali nella forma di inibizione alla completa perdita di coscienza e al verificarsi di prontezza convulsa.

Fasi di sviluppo dell'anafilassi e della sua patogenesi

Nello sviluppo dell'anafilassi, si distinguono gli stadi sequenziali:

  1. immune (l'introduzione dell'antigene nel corpo, l'ulteriore formazione di anticorpi e il loro assorbimento "si depositano" sulla superficie dei mastociti);
  2. patochimico (reazione di allergeni appena ricevuti con anticorpi già formati, rilascio di istamina ed eparina (mediatori infiammatori) dai mastociti);
  3. fisiopatologico (stadio di manifestazione dei sintomi).

La patogenesi dello sviluppo dell'anafilassi è alla base dell'interazione dell'allergene con le cellule immunitarie del corpo, la cui conseguenza è il rilascio di anticorpi specifici.

Sotto l'influenza di questi anticorpi c'è un potente rilascio di fattori infiammatori (istamina, eparina), che penetrano negli organi interni, causando il loro fallimento funzionale.

Le principali opzioni per il corso dello shock anafilattico

A seconda della velocità con cui si sviluppano i sintomi e della rapidità con cui verrà fornito il pronto soccorso, si può ipotizzare l'esito della malattia..

I principali tipi di anafilassi includono:

  • maligno - differisce istantaneamente dopo l'introduzione dell'allergene dalla comparsa di sintomi con accesso all'insufficienza d'organo. Il risultato in 9 casi su 10 è sfavorevole;
  • protratto - osservato con l'uso di farmaci che vengono lentamente escreti dal corpo. Richiede la somministrazione continua di farmaci per titolazione;
  • abortivo: questo corso di shock anafilattico è il più semplice. Sotto l'influenza di droghe si ferma rapidamente;
  • ricorrenti - la principale differenza è la ripetizione di episodi di anafilassi a causa della costante allergizzazione del corpo.

Forme di anafilassi a seconda dei sintomi prevalenti

A seconda di quali sintomi dello shock anafilattico prevalgono, si distinguono diverse forme di malattia:

  • Tipico. I primi segni sono manifestazioni cutanee, in particolare prurito, comparsa di edema nel sito di esposizione all'allergene. Violazione del benessere e comparsa di mal di testa, debolezza senza causa, vertigini. Il paziente può provare grave ansia e paura della morte..
  • Emodinamica. Una riduzione significativa della pressione sanguigna senza farmaci porta al collasso vascolare e all'arresto cardiaco.
  • Respirazione Si verifica quando l'allergene viene inalato direttamente con un flusso d'aria. Le manifestazioni iniziano con congestione nasale, raucedine, quindi ci sono disturbi nell'inalazione e nell'espirazione dovuti all'edema laringeo (questa è la principale causa di morte durante l'anafilassi).
  • Lesioni al sistema nervoso centrale La sintomatologia principale è associata a disfunzione del sistema nervoso centrale, a seguito della quale vi è una violazione della coscienza e, nei casi più gravi, convulsioni generalizzate.

Gravità dello shock anafilattico

Per determinare la gravità dell'anafilassi, vengono utilizzati tre indicatori principali: coscienza, livello di pressione sanguigna e velocità dell'effetto del trattamento iniziato.

La gravità dell'anafilassi è classificata in 4 gradi:

  1. Primo grado. Il paziente è cosciente, irrequieto, c'è la paura della morte. La pressione sanguigna è diminuita di 30-40 mm Hg dal normale (normale - 120/80 mmHg). La terapia condotta ha un rapido effetto positivo..
  2. Secondo grado. Lo stato di stupore, il paziente risponde pesantemente e lentamente alle domande poste, può verificarsi perdita di coscienza, non accompagnata da depressione respiratoria. Pressione sanguigna inferiore a 90/60 mm Hg L'effetto del trattamento è buono..
  3. Terzo grado. La coscienza è spesso assente. La pressione arteriosa diastolica non è determinata, sistolica al di sotto di 60 mmHg L'effetto della terapia è lento.
  4. Quarto grado Inconscio, la pressione sanguigna non viene rilevata, non vi è alcun effetto terapeutico o è molto lenta.

Opzioni diagnostiche di anafilassi

La diagnosi di anafilassi deve essere effettuata il più rapidamente possibile, poiché la prognosi dell'esito della patologia dipende principalmente dalla velocità con cui è stato fornito il primo soccorso.

Nella diagnosi, l'indicatore più importante è una storia dettagliata che accompagna le manifestazioni cliniche della malattia.

Tuttavia, alcuni criteri di ricerca di laboratorio sono utilizzati anche come criteri aggiuntivi:

  • Analisi del sangue generale. L'indicatore principale del componente allergico è un aumento del livello di eosinofili (normale fino al 5%). Insieme a questo, possono essere presenti anemia (una diminuzione del livello di emoglobina) e un aumento del numero di globuli bianchi..
  • Chimica del sangue. Si nota l'eccesso di valori normali di enzimi epatici (ALaT, ASaT, fosfatasi alcalina), campioni renali.
  • Radiografia del torace. L'immagine mostra spesso edema polmonare interstiziale..
  • SE UNA. È necessario per la rilevazione di immunoglobuline specifiche, in particolare Ig G e Ig E. Il loro aumento del livello è caratteristico di una reazione allergica.
  • Determinazione del livello di istamina nel sangue. Deve essere fatto poco dopo l'insorgenza dei sintomi, poiché i livelli di istamina scendono bruscamente nel tempo..

Se l'allergene non è stato rilevato, dopo il recupero finale si consiglia al paziente di consultare un allergologo e un test allergologico, poiché il rischio di anafilassi ricorrente è nettamente aumentato ed è necessaria la prevenzione di shock anafilattico.

Diagnosi differenziale di shock anafilattico

Le difficoltà nella diagnosi di anafilassi non sorgono quasi mai a causa del vivido quadro clinico. Tuttavia, ci sono situazioni in cui è necessaria una diagnosi differenziale..

Molto spesso, sintomi simili sono dati da dati patologici:

  • reazioni anafilattoidi. L'unica differenza sarà il fatto che lo shock anafilattico non si sviluppa dopo il primo incontro con un allergene. Il decorso clinico delle patologie è molto simile e la diagnosi differenziale solo su di essa non può essere effettuata, è necessaria un'analisi approfondita dell'anamnesi;
  • reazioni vegetative-vascolari. Sono caratterizzati da una diminuzione della frequenza cardiaca e da una diminuzione della pressione sanguigna. A differenza dell'anafilassi, non si manifestano con broncospasmo, orticaria o prurito;
  • stati collassoidi causati dall'assunzione di bloccanti gangliari o altri farmaci che riducono la pressione sanguigna;
  • feocromocitoma: le manifestazioni iniziali di questa malattia possono anche manifestarsi con una sindrome ipotensiva, tuttavia non si osservano manifestazioni specifiche della componente allergica (prurito, broncospasmo, ecc.);
  • sindrome carcinoide.

Cure di emergenza per anafilassi

Le cure di emergenza per lo shock anafilattico dovrebbero basarsi su tre principi: la consegna più rapida, l'impatto su tutti i collegamenti della patogenesi e il monitoraggio continuo dei sistemi cardiovascolare, respiratorio e nervoso centrale.

  • sollievo dell'insufficienza cardiaca;
  • terapia volta ad alleviare i sintomi del broncospasmo;
  • prevenzione delle complicanze dal sistema gastrointestinale ed escretore.

Pronto soccorso per shock anafilattico:

  1. Cerca di identificare il possibile allergene il più rapidamente possibile e prevenirne il successivo impatto. Se si è notato un morso di insetto, applicare una benda di garza stretta 5-7 cm sopra il sito del morso. Con lo sviluppo dell'anafilassi durante la somministrazione del farmaco, è necessario completare urgentemente la procedura. Se è stata effettuata la somministrazione endovenosa, l'ago o il catetere non devono mai essere rimossi dalla vena. Ciò rende possibile la successiva terapia con accesso venoso e riduce la durata dell'esposizione ai farmaci..
  2. Spostare il paziente su una superficie solida e piana. Sollevare le gambe sopra il livello della testa;
  3. Girare la testa su un lato per evitare l'asfissia con il vomito. Assicurarsi di liberare la cavità orale da oggetti estranei (ad esempio protesi dentarie);
  4. Fornire l'accesso all'ossigeno. Per fare ciò, apri gli abiti spremuti sul paziente, apri il più possibile le porte e le finestre per creare un flusso di aria fresca.
  5. In caso di perdita di conoscenza delle persone colpite, determinare la presenza di un polso e la respirazione libera. In loro assenza, iniziare immediatamente la ventilazione artificiale con massaggio cardiaco indiretto.

Algoritmo per la fornitura di assistenza medica:

Prima di tutto, tutti i pazienti sottoposti a monitoraggio dei parametri emodinamici, nonché della funzione respiratoria. L'uso di ossigeno viene aggiunto alimentando attraverso la maschera ad una velocità di 5-8 litri al minuto.

Lo shock anafilattico può portare all'arresto respiratorio. In questo caso, viene utilizzata l'intubazione e se ciò non è possibile a causa del laringospasmo (edema laringeo), quindi una tracheostomia. Farmaci usati per la terapia farmacologica:

  • Adrenalina. Il principale farmaco per il sollievo di un attacco:
    • L'adrenalina viene utilizzata allo 0,1% alla dose di 0,01 ml / kg (massimo 0,3-0,5 ml), per via intramuscolare nella parte anteriore della coscia ogni 5 minuti sotto il controllo della pressione arteriosa tre volte. Se la terapia è inefficace, il farmaco può essere nuovamente somministrato, ma è necessario evitare il sovradosaggio e lo sviluppo di reazioni avverse..
    • con la progressione dell'anafilassi - 0,1 ml di una soluzione allo 0,1% di adrenalina vengono sciolti in 9 ml di soluzione salina e somministrati ad una dose di 0,1-0,3 ml per via endovenosa lentamente. Indicazioni ripetute.
  • Glucocorticosteroidi. Di questo gruppo di farmaci, vengono spesso utilizzati prednisone, metilprednisolone o desametasone..
    • Prednisolone alla dose di 150 mg (cinque fiale da 30 mg ciascuna);
    • Metilprednisolone alla dose di 500 mg (una fiala grande in 500 mg);
    • 20 mg di desametasone (cinque fiale da 4 mg).

Dosi minori di glucocorticosteroidi con anafilassi sono inefficaci.

  • Antistaminici. La condizione principale per il loro uso è l'assenza di effetti antiipertensivi e allergenici. Molto spesso, vengono utilizzati 1-2 ml di una soluzione all'1% di difenidramina o ranitidina alla dose di 1 mg / kg diluiti in una soluzione di glucosio al 5% fino a 20 ml. Introdurre ogni cinque minuti per via endovenosa.
  • Eufillin è usato per l'inefficacia dei farmaci broncodilatatori con un dosaggio di 5 mg per chilogrammo di peso ogni mezz'ora;
  • Con il broncospasmo, non arrestando l'adrenalina, il paziente viene sottoposto a nebulizzazione con una soluzione di berodual.
  • La dopamina. È usato per ipotensione, non suscettibile di adrenalina e terapia infusionale. È usato in una dose di 400 mg diluita in 500 ml di glucosio al 5%. Inizialmente, viene introdotto prima dell'aumento della pressione sistolica entro 90 mmHg, dopo di che viene trasferito all'introduzione mediante titolazione.

L'anafilassi nei bambini viene interrotta allo stesso modo degli adulti, l'unica differenza è il calcolo della dose del farmaco. Il trattamento di shock anafilattico è consigliabile solo in condizioni stazionarie, come entro 72 ore è possibile lo sviluppo di una seconda reazione.

Prevenzione dello shock anafilattico

La prevenzione dello shock anafilattico si basa sull'evitare il contatto con potenziali allergeni, nonché su sostanze alle quali è già stata stabilita una reazione allergica con metodi di laboratorio.

Con qualsiasi tipo di allergia nel paziente, la nomina di nuovi farmaci dovrebbe essere ridotta al minimo. In caso di necessità, è necessario un test cutaneo preliminare per confermare la sicurezza dell'appuntamento.

Cure di emergenza per shock anafilattico: cosa dovresti sapere

Ci sono molte persone che soffrono di questo o quel tipo di allergia. Ogni paziente lo sa: un attacco allergico è imprevedibile, inizia all'improvviso e la forza della reazione può raggiungere lo stadio di shock anafilattico e dimostrarsi pericolosa per la vita. Pertanto, ogni persona che soffre di allergie ha sempre almeno antistaminici con sé e, al massimo, un intero mini-kit con il set necessario di cure di emergenza per un attacco allergico. È sempre in allerta e sa chiaramente cosa fare se sente che si sta avvicinando un attacco allergico. Tuttavia, il paziente non è sempre in grado di aiutare se stesso, e quindi solo chi è vicino in momenti difficili può salvarlo.

Cosa fare a una persona che si trova accanto alla vittima che ha bisogno di cure di emergenza per shock anafilattico?

Come riconoscere lo shock anafilattico

Lo shock anafilattico (anafilassi) è un grado estremo di reazione immunitaria che può portare alla morte. Di solito l'anafilassi si manifesta nell'intervallo di tempo da 3-5 minuti a 4-5 ore dopo il contatto con l'allergene.

I segni di shock anafilattico sono molte volte maggiori dei sintomi di una normale risposta immunitaria e colpiscono molti sistemi corporei: tratto gastrointestinale, cardiovascolare, sistema respiratorio, pelle, mucose.

Qualsiasi allergene può causare lo sviluppo di anafilassi, tuttavia i più comuni sono:

  • medicinali;
  • test cutanei per allergeni;
  • punture di insetti, serpenti;
  • prodotti alimentari;
  • trasfusione di sangue e suoi componenti;
  • vaccinazione;
  • alta attività fisica;
  • contatto con sostanza aggressiva.

Per essere in grado di aiutare il paziente, è necessario essere in grado di riconoscere in tempo l'insorgenza dell'anafilassi e fornire l'assistenza necessaria.

È importante sapere: prima si è manifestata l'anafilassi, più grave è la reazione stessa. Quanto prima viene fornita l'assistenza di emergenza in caso di shock anafilattico, maggiori sono le possibilità che la vittima abbia di sopravvivere!

Segni di reazione anafilattica

I segni di shock anafilattico sono diversi, ma ci sono manifestazioni generali che consentono di sospettare lo sviluppo dell'anafilassi:

  • arrossamento della pelle, eruzione cutanea, forte prurito;
  • gonfiore delle superfici mucose;
  • spasmo broncopolmonare;
  • coscienza offuscata, paura della morte, panico;
  • nausea, vomito, crampi al dolore addominale;
  • gonfiore di occhi, labbra, lingua, edema di Quincke;
  • un forte calo della pressione sanguigna;
  • pallore del viso, labbra blu, sudore freddo;
  • vertigini, perdita di coscienza.

Qualsiasi sospetto di shock anafilattico richiede cure mediche immediate.!

Aiuto prima dell'arrivo del team di medici

Nella situazione di anafilassi, una persona non addestrata probabilmente non sarà in grado di fornire alla vittima assistenza completa, poiché le cure di emergenza per lo shock anafilattico richiedono l'uso di farmaci e rianimazione. Tuttavia, una persona può e deve fornire tutta l'assistenza possibile.

Quando si chiama un'ambulanza, è necessario trasmettere al dispatcher informazioni nel modo più preciso possibile sul tempo di insorgenza dell'attacco e sulle misure di emergenza utilizzate, ed è anche importante seguire chiaramente tutte le raccomandazioni.

Prima dell'arrivo dell'equipaggio dell'ambulanza, deve essere applicato il seguente algoritmo di azioni:

  1. Interrompere l'esposizione agli allergeni. Se la vittima è cosciente, prova a scoprire cosa ha causato l'attacco allergico. Se la reazione è innescata dall'introduzione del farmaco, rimuovere l'ago, applicare un laccio emostatico a circa 25 cm sopra il sito di iniezione e applicare ghiaccio. Se un insetto morde, rimuovere la puntura, applicare un laccio emostatico (quando possibile), applicare ghiaccio. Se lo shock è causato da un allergene alimentare, sciacquare lo stomaco, ecc..
  2. Appoggiare la vittima sulla schiena, sollevare le gambe.
  3. Gira la testa di lato. Se la vittima è incosciente, rilasciare le vie aeree da muco, vomito, ecc. Allunga la mascella inferiore, tira fuori la lingua. Se ci sono protesi, devono essere rimosse..
  4. Monitorare la respirazione, il polso, la pressione, il tempo per iniziare la reazione anafilattica.
  5. Garantire che le vittime ricevano antistaminici disponibili.
  6. Fornire aria fresca. Finestra aperta, vestiti slacciati.

Se la vittima ha farmaci di emergenza (i cosiddetti iniettori di adrenalina EpiPen, Anapen, Jext), devono essere somministrati secondo le istruzioni. Questi farmaci hanno la forma di una penna per siringa usa e getta. Gli iniettori di adrenalina vengono iniettati nel muscolo interno della coscia (è importante entrare nel muscolo e non nel tessuto adiposo). Il miglioramento delle condizioni del paziente di solito si verifica entro circa 5 minuti. Altrimenti, è consentita l'iniezione ripetuta dell'iniettore..

Emergenza medica

Immediatamente all'arrivo di un team di medici, al paziente verranno fornite cure di emergenza qualificate in caso di shock anafilattico, che consentirà di portare il paziente in una struttura medica senza perdita. Una serie di misure di emergenza comprende:

  • somministrazione endovenosa o intramuscolare di una soluzione di adrenalina. Se l'anafilassi è causata dall'introduzione di un farmaco o di una puntura di insetto, il sito di iniezione viene ulteriormente punzecchiato con una soluzione di adrenalina;
  • somministrazione di farmaci glucocorticosteroidi (prednisone, idrocortisone);
  • iniezione di una soluzione antistaminica (difenidramina, suprastina);
  • l'uso di "Eufillin" per lo spasmo broncopolmonare;
  • fornitura di ossigeno attraverso un catetere nasale;
  • rianimazione (massaggio cardiaco chiuso, respirazione artificiale, ventilazione meccanica, tracheotomia).

Inoltre, nelle condizioni di un'istituzione medica, al paziente verranno fornite una serie di misure volte a fermare la produzione di istamina, disintossicare il corpo, ripristinare il funzionamento stabile del sistema broncopolmonare, normalizzare la pressione sanguigna.

Dopo il ricovero, si consiglia al paziente di consultare uno specialista per 2-3 settimane.

Prevenzione dello sviluppo della reazione

Lo shock anafilattico può essere prevenuto osservando alcune regole:

  • evitare il contatto con sostanze aggressive;
  • studiare attentamente la composizione dei prodotti prima dell'uso;
  • evitare le punture di insetti;
  • leggere le istruzioni per l'uso di medicinali;
  • hanno sempre antistaminici con te;
  • portare un iniettore di adrenalina;
  • avvisare gli operatori sanitari della presenza di allergie prima di somministrare farmaci, vaccini;
  • attenersi rigorosamente al regime di trattamento prescritto da un allergologo.


Puoi anche scrivere una nota in cui dovresti descrivere in dettaglio come dovrebbero essere fornite le cure di emergenza in caso di shock anafilattico e portarlo con te in un luogo accessibile, ad esempio in una borsa, in tasca, nella borsa. Pertanto, è possibile facilitare in modo significativo il compito di una persona che è vicina in tempi difficili. essere sano!

Prednisolone Shock anafilattico

Prednisolone - un farmaco appartenente al gruppo dei glucocorticosteroidi, che è un analogo dell'idrocortisone - un ormone prodotto nella corteccia surrenale umana.

Il prednisolone ha effetti antinfiammatori, antiallergici, immunosoppressivi (riduce l'immunità) e anti-shock.

Meccanismo di azione

Quando il prednisolone entra nel corpo, si lega a specifici recettori sulla membrana cellulare e penetra nel nucleo cellulare, causando la sintesi o l'inibizione dell'escrezione di RNA (acido ribonucleico), che influenza indirettamente tutti i processi della cellula e la produzione di sostanze biologicamente attive (ormoni, enzimi, ecc.). ).

L'effetto antinfiammatorio del prednisone si ottiene riducendo la produzione di mediatori infiammatori (leucotrieni, citochine, prostaglandine, ecc.) A livello cellulare.

L'effetto antiallergico è dovuto a una diminuzione della sintesi dei mediatori delle reazioni allergiche di tipo immediato e ritardato, a una diminuzione del numero di basofili (cellule che vengono prodotte in grandi quantità dall'organismo quando ingerito un allergene - una sostanza che provoca una reazione allergica).

L'effetto immunosoppressivo appare a causa di una diminuzione del livello dei linfociti T e B nel sangue, dei leucociti e delle immunoglobuline. Queste cellule e sostanze aiutano a proteggere il corpo da agenti estranei..

L'effetto antishock del prednisone è dovuto alla stimolazione delle cellule del midollo osseo, che sono responsabili della formazione del sangue, perché sotto l'influenza del farmaco, aumenta il volume del sangue circolante, aumenta il contenuto di globuli rossi e piastrine nel sangue, che è particolarmente importante con un'enorme perdita di sangue e una diminuzione della pressione sanguigna.

Indicazioni per l'uso

Le indicazioni per l'uso del prednisone differiscono a seconda della forma del farmaco:

  • Indicazioni per l'uso di prednisolone iniettabile:
    • asma bronchiale;
    • stato asmatico;
    • shock anafilattico;
    • Edema di Quincke;
    • angioedema;
    • shock;
    • periodo acuto di infarto del miocardio;
    • insufficienza acuta della corteccia surrenale;
    • epatite acuta;
    • cirrosi epatica;
    • insufficienza epatica acuta;
    • insufficienza renale acuta;
    • crisi tireotossica (aumento della produzione di ormoni tiroidei).
  • Indicazioni per l'uso di compresse:
    • malattie del sistema muscolo-scheletrico:
      • artrite gottosa;
      • artrite psoriasica;
      • poliartrite;
      • osteoartrite;
      • osteocondrosi;
      • Spondilite anchilosante (spondilite anchilosante);
      • artrite giovanile;
      • periartrite omeroscapolare;
      • borsite (infiammazione della sacca articolare);
      • tenosinovite (infiammazione del tendine);
      • sclerosi multipla;
      • artrite reumatoide;
    • malattie del tessuto connettivo:
      • lupus eritematoso sistemico;
      • sclerodermia;
      • dermatomiosite;
      • periarterite nodosa;
      • reumatismi;
      • febbre reumatica;
    • malattie del sistema nervoso:
      • edema cerebrale;
      • meningite tubercolare;
    • malattie del sistema cardiovascolare:
      • cardiopatia reumatica acuta;
      • endocardite (infiammazione del rivestimento interno del cuore);
      • pericardite (infiammazione della sacca di cuore);
    • malattie del sistema bronco-polmonare:
      • sarcoidosi dei polmoni;
      • alveolite acuta;
      • fibrosi polmonare;
      • polmonite grave;
      • tubercolosi polmonare;
      • polmonite da aspirazione;
      • berilliosi;
      • cancro ai polmoni;
    • malattie del tratto gastrointestinale:
      • Morbo di Crohn (colite ulcerosa);
      • colite ulcerosa non specifica;
      • enterite (infiammazione dell'intestino tenue di qualsiasi eziologia);
      • epatite (infiammazione del fegato);
      • terapia sostitutiva per trapianto di fegato.
    • malattie del sistema urinario:
      • iperplasia della corteccia surrenale;
      • insufficienza surrenalica;
      • glomerulonefrite acuta e cronica (danno renale autoimmune);
      • sindrome nefrosica (rilevazione nelle urine del sangue e una grande quantità di proteine, accompagnata da un aumento della pressione sanguigna e dalla comparsa di edema degli arti inferiori);
    • malattie della pelle:
      • esantema;
      • pemfigo;
      • orticaria;
      • eczema;
      • psoriasi;
      • dermatite atopica;
      • neurodermite diffusa;
      • toxicodemia;
      • dermatite da contatto;
      • dermatite seborroica;
      • Sindrome di Lyell (necrolisi epidermica tossica);
      • dermatite bollosa;
      • dermatite esofoliativa;
    • reazioni allergiche:
      • febbre da fieno (allergia stagionale);
      • asma bronchiale;
      • varie allergie a cibo, animali, polvere, polline, ecc.;
      • malattia da siero;
      • rinite allergica;
      • angioedema dei tessuti molli;
    • emopoiesi:
      • panmyelopathy (diminuzione di tutti i germogli della formazione del sangue);
      • agranulocitosi;
      • anemia emolitica;
      • anemia ipoplastica;
      • leucemia;
      • leucemia linfocitica;
      • mieloma
      • lymphogranulomatosis;
      • porpora trombocitopenica;
      • erythremia.
  • Indicazioni per l'uso di colliri:
    • irite (infiammazione dell'iride);
    • iridociclite (infiammazione dell'iride e del corpo ciliare);
    • uveite (infiammazione della coroide);
    • sclerite (infiammazione della sclera);
    • congiuntivite;
    • cheratite (infiammazione della cornea);
    • trattamento dei processi infiammatori dopo lesioni al bulbo oculare.
  • Indicazioni per l'uso di unguento:
    • eruzione cutanea del tipo di orticaria;
    • lupus eritematoso discoide;
    • neurodermite;
    • lichene rosso;
    • toxicoderma;
    • psoriasi;
    • eczema;
    • seborrea;
    • alopecia (calvizie);
    • cicatrici sulla pelle.
  • Indicazioni per l'uso di iniezioni intraarticolari:
    • osteoartrosi;
    • infiammazione acuta dell'articolazione, non suscettibile di 7 giorni di terapia conservativa;
    • grave artrite reumatoide;
    • Spondilite anchilosante in stadio III-IV.

tavola di comparazione

Tempo per raggiungere la massima concentrazione, h

Cure di emergenza per shock anafilattico

Lo shock anafilattico è la reazione allergica più rapida e pericolosa. Dopo il contatto con l'allergene, l'anafilassi può portare alla morte in pochi minuti, quindi una persona ha bisogno di aiuto immediato. Con shock anafilattico, l'adrenalina (epinefrina) deve essere somministrata con urgenza. Puoi pugnalare qualsiasi muscolo, anche attraverso i vestiti. Dose - 0,2-0,5 ml di soluzione di adrenalina allo 0,1%. Se entro 15 minuti il ​​broncospasmo non si ferma, effettuare una seconda iniezione.

Lo shock anafilattico è un evento raro, ma chi soffre di allergie dovrebbe sempre avere un kit anti-shock con loro: almeno 2 fiale di adrenalina e due siringhe da 0,5 ml. Le persone che hanno subito uno shock anafilattico hanno un rischio maggiore di incontrarlo di nuovo, quindi devono portare adrenalina in ogni momento. Le siringhe Epipen per iniezione automatica sono vendute in farmacia. Il loro prezzo è estremamente elevato (si trova intorno a 5k rubli), ma il dispositivo ti consente di inserire l'adrenalina anche in uno stato semi-cosciente. È necessario rimuovere il cappuccio protettivo blu e attaccare l'ago nel braccio o nella gamba: l'adrenalina viene iniettata automaticamente nel muscolo.

Importante! Ogni quinto caso di anafilassi è bifasico: il secondo attacco si verifica 6-12 ore dopo il primo. Il paziente ha bisogno di ricovero in ospedale, dove i medici gli daranno glucocorticoidi e antistaminici.

Sintomi di shock anafilattico

I due sintomi più pericolosi di shock anafilattico sono:

Calo della pressione sanguigna. Una reazione allergica provoca il rilascio di mediatori infiammatori, provoca il rilassamento dei vasi sanguigni, la pressione scende di 30-50 mm RT. Arte. dalla fonte.

Broncospasmo e soffocamento. Trachea e bronchi si restringono, l'aria smette di fluire nei polmoni, una persona non può inspirare ed espirare.

In un decorso acuto benigno, i primi sintomi di anafilassi possono assomigliare a un'allergia comune: naso che cola, starnuti, orticaria, tosse, respiro corto, debolezza, vertigini, gonfiore delle palpebre e delle labbra. Gli antistaminici non aiutano

Cause di shock anafilattico

Lo shock anafilattico nei bambini può svilupparsi dopo il primo uso di prodotti allergenici (arachidi, pesce, latte, uova, frutti di mare), ma più spesso è causato da un'allergia ai farmaci. L'anafilassi è spesso registrata dopo iniezioni di penicillina, miorilassanti per anestesia, uso di aspirina, ibuprofene e altri farmaci antinfiammatori non steroidei. Molto meno spesso, lo shock anafilattico si sviluppa quando si inala polline, punture di api, vespe, bombi, calabroni, formiche rosse. Sono noti casi di shock anafilattico dovuto all'allergia al lattice..

Trovati possibili duplicati

Devi sapere

Aggiungo da me stesso: prima di tutto, è necessario rimuovere la fonte dell'allergene. Ad esempio, rimuovere una puntura di insetto o interrompere la somministrazione di un farmaco.

Il paziente deve essere messo sulla schiena e le gambe sollevate..

È necessario controllare la coscienza del paziente, se risponde alle domande, risponde all'irritazione meccanica.

Rilasciare le vie aeree. Girare la testa di lato e rimuovere dalla cavità orale, dal muco, dai corpi estranei, estrarre la lingua (se il paziente è incosciente). Successivamente, è necessario assicurarsi che il paziente stia respirando. In assenza di respirazione e polso, iniziare la rianimazione cardiopolmonare. Tuttavia, in caso di edema grave e spasmo delle vie aeree, la ventilazione polmonare prima della somministrazione di adrenalina potrebbe non essere efficace. Pertanto, in tali casi, viene utilizzato solo il massaggio cardiaco indiretto. In caso di polso, il massaggio cardiaco indiretto non viene eseguito.!

E così breve e informativo, grazie.

> Dopo il contatto con l'allergene, l'anafilassi può portare alla morte in pochi minuti
> Se entro 15 minuti il ​​broncospasmo non si è fermato, effettuare una seconda iniezione.
okeyee.

E se in modo più dettagliato, il broncospasmo non significa sempre arresto respiratorio completo. A volte si verifica insufficienza respiratoria, perché molti bronchi si restringono e quindi si respira, ma si indebolisce, quindi è necessaria una dose ripetuta per evitare complicazioni. A proposito, inalatori a base di adrenalina sono apparsi a lungo in Occidente, non abbiamo ancora visto.

E anche se è così, la scarica di adrenalina non finirà.

Lo shock anafilattico, spesso si sviluppa istantaneamente (3-5 minuti) e una persona può morire davanti ai nostri occhi. I sintomi rappresentati nella foto non hanno nemmeno il tempo di svilupparsi, tranne per una diminuzione della pressione sanguigna e minzione involontaria. Oltre all'adrenalina, in questa condizione devono essere introdotti ormoni steroidei. I farmaci, per garantire l'efficacia, devono essere somministrati esclusivamente per via endovenosa.

Ogni organizzazione medica ha un cosiddetto pacchetto anti-shock e accanto ad esso c'è un'istruzione. Con l'introduzione di medicinali, la questione non finisce. Tali pazienti necessitano di rianimazione cardiopolmonare competente. Nonostante ciò, nelle pareti delle organizzazioni mediche a causa dello shock anafilattico, a volte i pazienti muoiono.

Pertanto, è improbabile che l'introduzione dell'adrenalina, come auto-aiuto o mutua assistenza. la mortalità per shock anafilattico è estremamente elevata anche con assistenza professionale.

L'autore, ovviamente. ha sollevato un argomento molto importante. Ma, mancando di conoscenze sufficienti, era in qualche modo ottimista sul problema di aiutare con lo shock anafilattico..

Nella vita, tutto è molto più tragico.

Hai sicuramente letto attentamente il post? Non penso che lo shock anafilattico sia visto molto spesso per strada, ma anche ci potrebbe essere una farmacia nelle vicinanze, e quindi c'è una possibilità. Quello che ho descritto può certamente essere fatto da tutti, ma solo un medico può fare ulteriori manipolazioni. Questa è l'essenza del post. Se vuoi, posso fare un post in cui possono essere caricate molte informazioni su AS, sintomi, pronto soccorso, trattamento, risultati, patogenesi. Ma, penso, molti non saranno in grado di padroneggiarlo e con una descrizione dettagliata ci sarà solo un'enorme quantità di informazioni.

Naturalmente, ho studiato attentamente le informazioni fornite. Non riflette accuratamente l'eziologia, la patogenesi, le caratteristiche cliniche, la diagnosi, il trattamento, la riabilitazione e l'esame clinico della SA. E chiaramente progettato per un non specialista. Penso che lei induca in errore un laico, creando l'illusione che l'introduzione di adrenalina nel muscolo possa salvare la vita di un paziente con AS. In realtà, questo non è del tutto vero. E gli esperti lo sanno bene. E per estrarre informazioni da Internet su qualsiasi argomento oggi può chiunque possieda elementalmente un computer. Ma questo non rende una persona uno specialista. Diventa un dilettante ben letto che non lo onora.

Inoltre, gli esperti sanno che la FA può svilupparsi per allergeni di insetti in un campo, foresta, prato, spiaggia, ecc. quelli. lontano dagli insediamenti e soprattutto dalle farmacie.

Per tali casi, sono previste misure speciali per preparare tale caso. Soprattutto per i pazienti che soffrono di reazioni allergiche. E anche gli specialisti di questi eventi sono ben consapevoli.

E, infine, la cosa principale - se sei un medico e fornisci tali informazioni, allora sei un medico debole. Se non un medico (che è molto probabilmente), non dovresti scrivere post su argomenti che non capisci.

Credimi, devi studiare un dottore per molto tempo. Il medico deve conoscere molto bene la diagnosi differenziale delle malattie al fine di trattare correttamente. Questo è acrobazie aeree per il medico. Basta leggere le informazioni su Internet (libro) chiaramente non è abbastanza per capire la medicina! Informazioni speciali sono scritte da un medico specialista per un medico specialista. Ma non per il paziente.

E poi un colpo di adrenalina a un paziente che non ha affatto shock anafilattico, ma, ad esempio, una crisi ipertensiva.)))

Si punge per alleviare il broncospasmo.

Grazie per il commento, sono completamente d'accordo!)))

Forse mi iscriverò anche io)

Apparentemente sei un dottore, sarebbe così per giudicare. Non vedo l'ora di avere tue notizie su ASH in cui tutto è descritto in dettaglio. Per mostrarmi la mia ignoranza. In caso contrario, sei un altro balabol) Senza offesa. sottoscritto.

Ho guardato i tuoi post. Chiaramente non sei indifferente alla medicina. Lasciare questa area di conoscenza da solo. Lascia che i dottori lo facciano. Scrivi post su argomenti che capisci. Tuttavia, molto è perdonabile per te, quindi sembri molto giovane. Nonostante la tua giovinezza, sei cresciuto e hai una mente sobria, è piacevole. Ciò è evidenziato, incluso, e il tuo post sulla professione. Grazie per esserti iscritto.!

Farà un post sullo shock anafilattico attraverso gli occhi di un medico.

Non posso lasciare quell'area di conoscenza che mi promette il futuro. Creo post per la discussione, non valutazione delle mie capacità. Insieme a loro acquisisco conoscenza, acquisisco esperienza da persone più esperte, in particolare operatori sanitari. Tutto questo è un vantaggio per il mio lavoro su me stesso nella vita reale..

A proposito, ho soddisfatto la tua richiesta e ho scritto un post sulle allergie. Spero ti piaccia. pronto a rispondere alle domande.

Sì, ho capito bene che la medicina è l'area che ti promette il futuro? Sei nei corsi junior?

Ho scelto una tattica per me stesso e mi atterrò ad essa. Rispondere sempre a critiche e correzioni costruttive, rendendo le tue conoscenze più perfette.

Mi piacciono le tue tattiche. Sei una persona intelligente, con un perno, reggere il pugno! In bocca al lupo! Forse ci incontreremo di nuovo qui!)))

"Ho pensato che sarebbe stato come un'epidemia di influenza." Gli infermieri hanno parlato della lotta contro il coronavirus

La pandemia di coronavirus ha aumentato notevolmente l'onere per gli operatori sanitari. Medici e infermieri devono lavorare in reparti in quarantena in un programma irregolare, senza nemmeno avere l'opportunità di vedere i parenti per non rischiare la loro salute.

I rappresentanti di questa professione hanno parlato di come procede la lotta contro l'epidemia di TASS Day.

Aspettative e realtà

L'infermiera della squadra di ambulanze di rianimazione Antonina Gavrishina ha ammesso che all'inizio non aveva idea delle dimensioni della pandemia. "Non è stato spaventoso. Tutti pensavano che sarebbe stato qualcosa di simile a una banale epidemia di influenza e non sarebbero cresciuti a tale livello", ha detto.

Gavrishina ha osservato che anche adesso non c'è "nessuna paura di prendere il panico": tutti i dipendenti osservano le precauzioni di sicurezza e riducono la comunicazione con i parenti per non infettarli.

A differenza della sua collega, l'infermiera operativa Anastasia Klimova ha avuto paura di conoscere la diffusione del coronavirus in Russia a marzo. "Certo, è stato spaventoso perché non sai cosa e quando devi affrontare!" - ricordò.

Consolidamento e desiderio di salvare

L'onere per i medici e gli infermieri è particolarmente grande nelle unità di terapia intensiva e terapia intensiva, affermano gli operatori sanitari.

"Vengo a lavorare con 40 minuti di anticipo, alle 7:20. Misuro la temperatura negli spogliatoi, prendo un farmaco antivirale, prendo una tuta speciale. Mi vesto in una tuta chirurgica e poi in una speciale. Vado attraverso la porta del pronto soccorso e mi metto al lavoro" disse Anastasia Klimova.

Per sei ore di turno, più di 20 ambulanze possono venire con i pazienti. Il paziente viene portato in reparto, viene misurata la temperatura, viene verificata la saturazione, quindi tutti i dispositivi utilizzati vengono trattati con alcool. Dopo che i documenti necessari sono stati compilati, il medico prende una macchia per coronavirus con il permesso del paziente, ma solo dopo una radiografia viene presa una decisione sull'ospedalizzazione.

Il team di ambulanze di rianimazione con cui Antonina Gavrishina lavora trasporta pazienti con coronavirus o fornisce cure di emergenza se il paziente soffoca o soffre di edema polmonare.

"Mentre siamo al lavoro, non c'è emozione! C'è solo calma e desiderio di salvare. E poi. Non ricordiamo le facce dei polmoni dei pazienti, ma quelle pesanti rimangono sotto la doccia. Ogni volta che possiamo, cerchiamo sempre di scoprire il destino dei pazienti", ha detto..

In questo caso, l'infermiera ha attirato l'attenzione sul fatto che le persone spesso vanno in panico e chiamano un'ambulanza anche con sintomi lievi. "La gente sta chiamando il servizio di emergenza a qualsiasi starnuto e ad una temperatura di 37! Questo è sbagliato!", Ha osservato Gavrishina.

Coronavirus Recovery

Secondo Nina Chefonova, un'infermiera del dipartimento terapeutico dell'ospedale Botkin, il recupero dipende dall'immunità della persona e da come il suo corpo combatte il virus.

"Con una malattia moderata, il periodo di recupero dura circa due settimane. Nei casi più gravi, il processo di recupero può richiedere da tre a sei settimane", ha condiviso. Chefonova ha aggiunto che alcuni pazienti esprimono sinceramente gratitudine, mentre altri "credono che i medici e il personale medico siano obbligati a fare tutto solo per loro".

La stessa opinione è condivisa da Antonin Gavrishin. "Ora, in una pandemia, le persone sono diventate più grate. Hanno iniziato a capire e rendersi conto di aver bisogno di medici. E questo aspetto è abbastanza per noi! Ma quando ci danno un barattolo di caffè o caramelle come segno di gratitudine, è sempre bello", ha condiviso l'infermiera..

Nel centro di cardiologia di Nižnij Novgorod, dove lavora Anastasia Klimova, il trattamento dei pazienti dura da sette a 14 giorni. "Ognuno ha bisogno di un tempo diverso per riprendersi, perché ognuno ha una gravità diversa e l'immunità è diversa per tutti. Qualcuno avrà 14 giorni e qualcuno avrà bisogno di un mese. In generale, le persone nel nostro ospedale non mentono per più di 14 giorni." - ha sottolineato l'infermiera.

Sintomi in cui è necessario chiamare un'ambulanza

Temperatura prolungata superiore a 38 gradi, respiro corto, disidratazione e confusione sono sintomi della malattia in cui il paziente deve chiamare un'ambulanza. Lo ha annunciato mercoledì il capo dell'ospedale clinico cittadino n. 71 dal nome Zhadkevich Alexander Myasnikov in onda sul canale YouTube "Solovev LIVE".

"Voglio dirti i criteri per il ricovero in ospedale. Se hai una temperatura superiore a 38 che dura ostinatamente per diversi giorni; se hai 38-39, hai preso il paracetamolo e è caduto, non è niente, ma se prendi antipiretici e mette pressione e pressione, è un motivo per chiamare un medico. Se hai difficoltà a respirare - senza dubbio. Se sei disidratato, se hai la diarrea che porta alla disidratazione - questo è possibile con la baia, la pelle secca, la bocca secca, l'urina concentrata - ovviamente ", ha detto Myasnikov.

Ha notato che un altro sintomo grave che richiede di chiamare un equipaggio di ambulanze è un cambiamento nella coscienza: ritardo, confusione nelle parole.

Dall'inizio della pandemia, oltre 3,6 milioni di persone sono state infettate dal coronavirus nel mondo, oltre 250 mila sono morte. Secondo i dati della sede operativa federale per la lotta contro il coronavirus, in Russia sono stati registrati 165.929 casi di infezione, 21.327 persone sono state recuperate, 1.537 sono morte e il governo della Federazione russa ha lanciato la risorsa stopkoronavirus.ru per informare sulla situazione nel paese.

Rispondi al post "È facile essere un apicoltore?"

Anche il padre ha un apiario.

Ma personalmente, non posso aiutarlo.

Fino a 12 anni, era un po 'piccolo per arrampicarsi nell'alveare, ma a volte sembrava. Ma onestamente, avevo paura di loro. Ha aiutato a pompare il miele, ha trascinato i telai, ha lavorato come fumatore.

E così mio padre ha avuto l'idea di farmi un assistente a tutti gli effetti in modo da poter capire la struttura interna dell'alveare.

Mi ha dato una maschera e guanti. E lui stesso ha un abito speciale, e ovviamente è abituato a mordere, non ha bisogno di guanti.

E mi sono messo i pantaloni. con un buco tra le gambe.

Il primo giorno è andato, portato via - nessuno ha puntato.

E il secondo giorno se ne andò - un'ape si arrampicò e punse nella coscia.

Non so se questo fosse un brutto posto, ma molto probabilmente no. Prima di allora, le api mi mordevano, ma ero solo gonfio. Ma mia madre aveva segni di una completa allergia alle api, ne aveva paura e sempre, quando qualcuno la mordeva, faceva un'iniezione. Ma non capivo perché lo stesse facendo..

Sono venuto a significare a casa, a togliere la puntura e sento che mi solletica la gola. Penso: mi sono ammalato. Poi sento debolezza, non riesco a stare in piedi. Bene, mia sorella era ancora a casa ed è una studentessa all'università di medicina. Se ce n'era uno, si sarebbe sdraiato e avrebbe potuto non svegliarsi. Hanno chiamato un paramedico locale, iniettato adrenalina (non me lo ricordo proprio), mi hanno portato al centro del distretto, tuttavia lì ho salito le scale da solo, quindi non sono stato sottoposto a terapia intensiva. Solo una flebo. Ma è stato male.

La mamma in seguito disse che aveva anche questo: fino a un certo punto, il corpo reagiva male ai morsi, ma poi venne il momento in cui non solo la reazione esterna, ma anche quella interna iniziarono ad apparire. Cioè, la pressione diminuisce, la gola si gonfia, parlando approssimativamente, e puoi soffocare. Shock anafilattico. E ad ogni boccone, la reazione è sempre più forte.

Da allora non sono più entrato in contatto con le api. E scrivo in modo che tutti capiscano che se un'ape ti ha morso e improvvisamente ti senti male, chiama un medico.

È bello che fosse un'ape, e non circa cinque, come spesso accade dopo aver visitato l'orticaria.

COVID non è COVID, ma al diavolo. o caratteristiche sanitarie regionali dei cittadini!

In breve, non importa quanto io provi ad andare nella maschera per il cibo o andare in farmacia in esso, ma non posso escludere completamente alcun contatto.
Quindi ho avuto un contatto con un uomo che veniva da Nižnij, dove era in viaggio d'affari per lavoro. Un paio di giorni dopo, ha una temperatura di 37-38. Sta facendo un'analisi su covid19, uno negativo è arrivato. Il giorno dopo, due persone che hanno parlato con lui avevano anche una temperatura di 37-38, l'ho avuto l'altro ieri, più un naso che cola, un mal di gola, gli occhi e la testa ferita. Stato, come a scuola, doppio.
Ho chiamato la clinica distrettuale, ok hanno registrato la chiamata, hanno spiegato loro tutto, come e con cosa ho parlato, forse una persona ha un'analisi falsa negativa, dal momento che si scopre che una cosa contagiosa molto strana.
Verso le 3 arriva una dottoressa, senza maschera senza guanti. Alla mia domanda cosa. La risposta è, beh, qualcosa del genere! Sono scioccato, indosserò una maschera di tessuto, comunicheremo, racconto l'intera storia in dettaglio. Dice bene, va tutto bene, ha lo stesso aspetto negativo, quindi tutti voi avete un ARVI, non una maledetta covide.
Bene, ok, a quanto ho capito, non faranno alcuna analisi per me, dice, non c'è niente da fare, tanto più, secondo lei, non possono fare l'analisi senza le istruzioni del Servizio federale per la supervisione della protezione dei diritti dei consumatori e del benessere umano!
Sono seduto in congedo per malattia, penso che farò un'analisi retribuita, quindi, per i miei soldi guadagnati duramente, chiamerò tre laboratori privati ​​e me lo diranno, ma non possiamo farlo per te, hai segni di infezioni respiratorie acute, non li prendiamo! Dai, madre di te, sei serio, ho i segni di un ARVI. E perché voglio ancora fare un test. Bene, mi hanno mandato all ', alla clinica distrettuale, dicono che non ci saranno segni di ARVI, poi vieni, ma non lo sai mai, improvvisamente hai un brutto. Con CT, la stessa canoa non viene eseguita se ci sono segni di ARVI. Ho pensato a uno scherzo, se non a Kovid, quindi la medicina domestica finirà sicuramente!
Forse ho un solito ARVI, ma questo circolo vizioso e l'insicurezza del personale del servizio terapeutico distrettuale del SIZ sono in qualche modo deprimenti, specialmente sullo sfondo quando il miele mi versa dolce miele nelle orecchie.

Nel caso: condizioni di sonno soddisfacente. Temperatura 37 -37,5.
Ci sarà un deterioramento delle mie condizioni, mi ubriacherò di paracetamolo, mi avvolgerò in un "lenzuolo" e andrò a fare un'analisi per covidi senza segni di infezioni respiratorie acute. Si scopre che non bollirai, non vivrai!

Condizioni subfebriliche. linfoadenopatia

Ciao cari ragazzi! Voglio solo scusarmi per aver pubblicato questo messaggio su una risorsa di intrattenimento, ma dato che ora ho pochissime soluzioni disponibili al problema, provo a utilizzare quelle che hanno almeno la minima possibilità di aiutare a chiarire la situazione. Capisco che questa non è nemmeno una risorsa medica, ma lì ho anche pubblicato la mia domanda e ora aspetto una risposta. So che ci sono operatori sanitari ed è possibile che siano in grado di capire in quale direzione devi muoverti per fare una diagnosi. Coloro che non vogliono vedere una descrizione dei sintomi del corpo femminile immerso, per favore salta il post per non rovinare il tuo umore)

Per coloro che sono rimasti, chiedo consigli sulla situazione descritta di seguito. Al momento, le mie possibilità finanziarie sono nettamente limitate e penso che questo sia uno dei buoni motivi per cui navigo in Internet con i miei sintomi, invece di andare dal medico :) Ho visitato diversi specialisti, tra cui: terapista, specialista in malattie infettive, mammologo, otorinolaringoiatra, ginecologo, dermatologo. E, come nel paragrafo sopra puoi notare il mio avvertimento su un'ulteriore descrizione dei sintomi, forse inizierò.

L'intera situazione è iniziata dopo un bel po 'di stress (dopo essere stato all'ospedale dell'Helmholtz Research Institute, nel dipartimento di malattie oculari infettive e allergiche, dove sono stato trattato per cheratocongiuntivite secca), la congiuntivite secca K. è causata dalla totale assenza di lacrime negli occhi (test di Shirmer - 0 ) Dirò in anticipo che l'immunologia tace in termini di malattie autoimmuni, ma, come mi disse un medico dell'Istituto di ricerca di reumatologia, in Europa mi sarebbe stata diagnosticata la malattia di Sjögren in base alle mie manifestazioni cliniche. La raccomandazione del reumatologo è un tentativo di immunologia in un anno. Non nego che la presenza di una malattia autoimmune sia possibile, ma la domanda è leggermente diversa. I sintomi descritti di seguito sono iniziati verso la fine della mia permanenza nel reparto infettivo. E lì, in questo dipartimento, ho sperimentato un intenso stress emotivo causato da un conflitto senza precedenti nella mia vita.

All'arrivo nella mia città, ho sentito dolore nell'area dei linfonodi mascellari e cervicali. Erano un po '"contrazioni". Grande stanchezza Beh, non c'è da stupirsi, ho pensato, catturando un paio di flashback dell'ospedale. Il prossimo è un sogno. Mattina: uno stato di incredibile fatica. Lo stesso dolore e gonfiore dei linfonodi. Ricordo che volevo costantemente schiacciarli con le mani. È stato meno spiacevole. Temperatura rilevata 37.2. Una chiamata al registro della clinica, un appuntamento con il terapista. La giornata è stata molto stancante. Piuttosto stanco. La mascella inferiore era gonfia e sono diventato un po 'come un bulldog. Meraviglioso, ho pensato, e sono andato a letto..

La mattina del giorno successivo. Prendo la mia volontà in un pugno, le gambe tra le braccia e vado. Per il terapeuta. Ha messo in dubbio la SARS, ha prescritto Ergoferon e Sinupret. Quercia nominata, biochimica, oam. Nel frattempo, i farmaci prescritti non hanno influenzato i sintomi e ne sono comparsi di nuovi: il dolore, precedentemente localizzato nei linfonodi della mascella e del collo (principalmente sui lati, il collo posteriore era in perfetto ordine), si diffondeva al linfonodo tra l'ascella e il torace. Il seno stesso non ha ancora fatto male. Ma dopo un paio di giorni si è ammalata. Per la prima volta nella mia vita.

Nel frattempo, sono riuscito a visitare un terapista a pagamento che ha prescritto un corso di ciprofloxacina. Sfortunatamente, non ha aiutato. A quel tempo, tra i miei sintomi: dolore nei linfonodi ingrossati (sottomandibolare agli ultrasuoni era 17 * 10 mm, cervicale 10 * 7), temperatura fino a 37,4, dolore in un torace, dolore periodico in profondità nella gola all'interno, a livello della ghiandola tiroidea o addirittura inferiore. Sono venuto dal terapista in clinica, le deviazioni in ospedale - emoglobina 108, linfociti 38. Il resto è normale. L'emoglobina è così da un po 'di tempo, almeno dal 19 agosto. Il terapeuta ha prescritto Amoxiclav (l'ho informata che avevo bevuto ciprofloxacina)

Sfortunatamente anche Amoksiklav non ha aiutato a risolvere il problema. Di mia iniziativa, ho passato un tampone alla gola per le infezioni da herpesvirus (metodo PCR). L'analisi ha incluso la verifica per HSV (tipi 1 e 2), CMV, VEB. Donato sangue per la presenza di toxoplasma. Non anticorpi ad esso, ma la presenza nel sangue. Perché? Quindi si è rivelato meno nel costo. Non ha pagato. Dal momento che la PCR non ha rivelato nulla. E IFA ha mostrato un risultato diverso. Se possibile, non risparmiare sulla salute. E avere un cuscino di sicurezza finanziaria in modo da non scrivere post simili su Picaba :)

Quindi, dopo tutto, ho superato il test per gli anticorpi contro il VEB. Entrambi i crediti che ho superato si sono rivelati elevati. Titolo di IgM VCA EBV e IgG VCA EBV. Ma il titolo di IgG ha mostrato un livello piuttosto alto di anticorpi. Quindi, l'infezione non era primaria. Nella quercia espansa non c'erano cellule mononucleari atipiche, e in linea di principio non c'erano sintomi mononucleotici in quanto tali: le tonsille non erano infiammate e certamente non avevano vene bianche che sono state trovate nell'inf. mononucleosi. Certo, potrei sbagliarmi, per favore correggimi se confondo qualcosa.

Con il risultato dell'analisi degli anticorpi contro l'EBV, sono venuto da uno specialista di malattie infettive retribuito. Ha prescritto il trattamento - Valtrex 1000 mg 3 volte al giorno per 10 giorni, Cycloferon secondo lo schema di 23 giorni, fenuli per aumentare l'emoglobina. Ho onestamente bevuto l'intero corso. Ma, ancora una volta, senza risultato, purtroppo. Parallelamente, ho visitato un otorinolaringoiatra a pagamento, che mi ha lavato le tonsille. Sono venuto da un mammologo, ho fatto un'ecografia del seno, dove hanno trovato la mastopatia nodulare. Trattamento nominato. Con la palpazione al petto, si avverte un irrigidimento. Doloroso, ma non uguale all'inizio del trattamento. Sto scrivendo tutti i sintomi, perché sono apparsi, si potrebbe dire, come una valanga, uno dopo l'altro. Non sono un medico, e quindi sarà estremamente difficile per me persino immaginare che possa dare tutti questi sintomi insieme. È stata anche eseguita una radiografia dei polmoni, che non ha mostrato anomalie..

Al momento, dei sintomi, la temperatura è di 37,5, con la quale mi addormento e mi sveglio, il linfonodo gonfio all'inguine. Difficile da toccare. Soprattutto disponibili al momento. Una formazione dolorosa al petto che periodicamente fa male da sola. I linfonodi mascellari diminuivano, di tanto in tanto "sparano". Quando deglutisco, sento dolore in una certa area della faringe. Ho consegnato il TTG mezzo anno fa, tutte le analisi erano normali. Certo, non è un dato di fatto che siano uguali adesso. Sì, a proposito, ho consegnato l'HIV, l'epatite, la sifilide durante la raccolta di documenti in ospedale, quindi, data la mancanza di contatto sessuale, penso che queste infezioni possano essere escluse. Più preoccupato per il mix di temperatura e uno stato di estrema fatica. Dal risveglio. Allegherò una foto delle analisi. Voglio dire grazie a coloro che rispondono e sarò felice se questo post aiuta qualcuno con una situazione simile. C'è meno forza per combattere ogni giorno, ma almeno qualcosa deve essere fatto. La mia età ha 18 anni. Questo è il mio primo post, mi scuso se non mi sono adattato alle regole non scritte di scrivere post per Picabou :) Vorrei che tutti fossero persone sane e felici)