Caratteristiche della febbre da fieno nei bambini in condizioni moderne

Trattamento

Vengono prese in considerazione le manifestazioni cliniche della febbre da fieno nei bambini, possibili varianti di intolleranza al polline e agli allergeni alimentari correlati, approcci diagnostici, principi generali del trattamento della febbre da fieno.

Vengono esaminate le manifestazioni cliniche di pollinosi nei bambini, possibili versioni dell'intolleranza del polline e degli allergeni alimentari correlati, approcci alla diagnostica, principi generali di terapia della pollinosi.

La pollinosi (dal polline inglese - polline) è un gruppo di malattie allergiche causate dal polline delle piante e caratterizzate da alterazioni infiammatorie acute nei tessuti tegumentari (mucose e pelle). La malattia ha una stagionalità che si ripete chiaramente, in coincidenza con il periodo di fioritura di alcune piante. La natura e la gravità delle manifestazioni cliniche della febbre da fieno dipende dal grado di ipersensibilità agli allergeni pollinici, dalla massiccia esposizione ad essi, dalle reazioni allergiche e dalle malattie associate.

La febbre da fieno è causata solo dal polline, che ha proprietà allergeniche. Un numero enorme di pollini piccoli e volanti è prodotto da diffuse piante impollinate dal vento. A seconda del periodo di fioritura di queste piante, si distinguono tre picchi dell'incidenza di pollinosi: primavera, estate e autunno. In alcuni pazienti, si possono osservare manifestazioni cliniche di febbre da fieno per l'intero periodo, dalla primavera all'autunno inoltrato.

La febbre da fieno è una delle malattie allergiche comuni. Colpiscono dallo 0,5% al ​​15% della popolazione totale.

Non esiste una classificazione ufficiale della febbre da fieno. Attualmente, la febbre da fieno è generalmente divisa in base alla localizzazione del processo patologico e alla gravità della malattia. Allocare: a) lesioni allergiche agli occhi; b) malattie allergiche del tratto respiratorio superiore e inferiore; c) malattie allergiche della pelle; d) manifestazioni allergiche combinate; e) rare manifestazioni cliniche di eziologia del polline. Le manifestazioni cliniche più comuni della febbre da fieno nella pratica pediatrica sono la rinite / rinosinite allergica, la congiuntivite allergica, l'asma bronchiale, l'edema di Quincke, l'orticaria, la dermatite allergica (da contatto). Queste manifestazioni cliniche di allergia ai pollini possono verificarsi isolatamente o in combinazione tra loro. Tra le forme combinate, la sindrome rinocongiuntivale più comunemente osservata, la rinite allergica e l'asma bronchiale, la rinite allergica e le manifestazioni cutanee di allergie.

Meno comuni nei bambini sono i cambiamenti nei sistemi cardiovascolare, digestivo, nervoso e genito-urinario dovuti all'esposizione ad allergeni da polline.

In base alla gravità delle manifestazioni cliniche associate all'allergia ai pollini, si distinguono forme lievi, moderate e gravi di febbre da fieno..

La pollinosi provoca polline, che ha proprietà allergeniche, in presenza di condizioni specifiche. Questi includono: 1) alta allergenicità / antigenicità del polline; 2) il polline appartiene al genere delle piante, diffuso nel paese; 3) leggerezza e volatilità (capacità di diffondersi su lunghe distanze); 4) il diametro dei granuli di polline non supera i 35 micron, garantendo la penetrazione del polline nel tratto respiratorio; 5) la capacità di essere prodotta in quantità significative, creando un'alta concentrazione nell'aria.

Il polline delle piante ha una composizione antigenica complessa e può contenere da 5 a 10 componenti antigenici. Inoltre, gli antigeni sono presenti non solo nei granuli di polline, ma anche in altre parti delle piante: steli e foglie. Le proprietà allergeniche più pronunciate sono possedute dal guscio esterno del granello di polline (exin), che contiene una serie di enzimi che svolgono un ruolo significativo nell'interazione del polline con l'ambiente. I composti proteici responsabili dell'allergenicità da polline sono polipeptidi / glicopolipeptidi con un peso molecolare da 5.000 a 40.000 dalton nella loro struttura chimica. Allo stesso tempo, gli antigeni contenenti una grande quantità di carboidrati hanno una bassa attività allergenica. La presenza di proteine ​​in tutti gli allergeni pollinici spiega in gran parte il fenomeno delle comuni proprietà antigeniche nel polline delle piante legate alla struttura. È stato stabilito che la frazione solubile in acqua dell'allergene pollinico provoca danni alle mucose e che la frazione liposolubile, specialmente quando viene a contatto con la pelle, provoca dermatite da contatto..

La causa dell'allergia ai pollini è, di norma, piante impollinate dal vento, poiché la sua concentrazione nell'aria è molto più elevata della concentrazione di polline impollinata dagli insetti. Il polline del vento viene rilasciato al mattino presto, ma la sua concentrazione nell'aria di solito diventa il giorno massimo o la prima serata. Ciò è dovuto all'elevata circolazione dell'aria in queste ore del giorno. Con tempo asciutto, anche sotto l'influenza di un vento leggero, la concentrazione di polline nelle città può essere molto alta. Le proprietà allergeniche del polline possono persistere per molte ore. Quando piove, il polline scompare quasi completamente dall'aria..

Ogni regione ha il suo calendario di fioritura delle piante. In Russia, come in molti paesi d'Europa, America, Canada e Asia, esiste un calendario di piante da fiore. Per la fascia centrale della parte europea della Russia, tre periodi di piante da fiore sono caratteristici. Quindi, in primavera (aprile-maggio) si nota la fioritura degli alberi (ontano, nocciola, betulla, quercia, pioppo, salice, acero, pino, frassino, olmo, pioppo tremolo e altri). All'inizio del periodo estivo (giugno-luglio) si osserva la fioritura di erbe di cereali (timothy, riccio, ryegrass, fescue, coda di volpe, bluegrass, falò, mais, semina di segale). Il periodo di fine estate (luglio-agosto - inizio autunno) è caratterizzato dalla fioritura di erbe infestanti (assenzio, quinoa, dente di leone, farfara), nelle regioni meridionali della Russia fioriscono ambrosia e girasole (vedi tabella. “Calendario delle piante fiorite nella Russia centrale” a pagina 26).

Esiste una comunità antigenica tra polline di piante correlate e numerosi prodotti alimentari (Fig.).

La pollinosi è una classica malattia allergica, la cui base patogenetica è rappresentata dalle reazioni allergiche IgE-mediate. La penetrazione di allergeni pollinici nel corpo umano, geneticamente determinata a svilupparsi atopia, induce la prima fase della reazione allergica - l'immunologica, ovvero una maggiore sintesi di anticorpi della classe IgE, che vengono fissati sulla superficie dei mastociti e dei basofili mediante appropriati recettori. La combinazione di antigeni pollinici con anticorpi IgE fissati sulla superficie di queste cellule provoca lo sviluppo della seguente fase patochimica con il rilascio di sostanze biologicamente attive o mediatori allergici (istamina, serotonina, leucotrieni, ecc.) Che inducono la fase patofisiologica: gonfiore delle mucose, aumento della produzione di muco spasmo dei muscoli lisci. Queste reazioni fisiopatologiche si verificano 10-20 minuti dopo l'esposizione all'allergene e determinano il quadro clinico della malattia..

Manifestazioni cliniche della febbre da fieno possono verificarsi a qualsiasi età, ma la febbre da fieno si verifica più spesso nei bambini dai 3 ai 10 anni. Una comparsa precoce della febbre da fieno si osserva nei bambini ad alto rischio di sviluppare atopia (in presenza di malattie allergiche nei genitori). I ragazzi si ammalano più spesso delle ragazze.

La manifestazione più comune di febbre da fieno nei bambini è la rinite allergica, la congiuntivite allergica e la loro combinazione (sindrome rinocongiuntivale). La rinite allergica associata al polline delle piante è caratterizzata da frequenti starnuti, scarico abbondante (di solito sieroso-mucoso) dal naso, prurito e congestione nasale. Questi sintomi possono essere di gravità variabile [1, 2].

La congiuntivite allergica dell'eziologia del polline inizia con la comparsa di prurito nella zona degli occhi e può essere accompagnata da una sensazione di bruciore. Il prurito inizia dall'angolo interno della fessura palpebrale e poi si estende alle palpebre. Allo stesso tempo, appare il rossore delle palpebre, seguito dal passaggio di una secrezione mucosa trasparente, lacrimazione, fotofobia, dolore agli archi superciliari. Nei casi più gravi si sviluppano blefospasmo, cheratite, erosione e ulcerazione lungo l'arto. Relativamente raro con pollinosi, si osserva uveite..

La sindrome rinocongiuntivale può essere accompagnata da aumento della fatica, diminuzione dell'appetito, sudorazione, pianto, disturbi del sonno.

L'asma bronchiale, come manifestazione isolata di allergia ai pollini, è rara nei bambini. L'asma bronchiale nei bambini è di solito combinata con la sindrome rinocongiuntivale, a volte con manifestazioni cutanee di allergie. In questo caso, i principali sintomi clinici dell'asma bronchiale pollinico si manifestano in attacchi di asma, difficoltà nel respiro sibilante, senso di oppressione al torace e tosse.

Le manifestazioni cutanee di allergia ai pollini si verificano sotto forma di orticaria ed edema di Quincke e sono caratterizzate dalla comparsa di diverse dimensioni di elementi vescicali di un colore rosa pallido o bianco. Il numero di questi elementi può essere diverso, a volte sono confluenti. Gli elementi dell'orticaria sono circondati da una corolla di pelle iperemica e sono accompagnati da prurito o bruciore della pelle. Una delle forme di orticaria è l'edema del tessuto sottocutaneo e delle mucose con localizzazione del processo nelle palpebre, labbra, guance, fronte e altre parti del corpo.

La dermatite allergica da contatto è una manifestazione rara della febbre da fieno. Può verificarsi in aree aperte della pelle a contatto con foglie o steli di piante e si manifesta con arrossamento della pelle con successive eruzioni vescicolari nelle aree interessate. Si nota prurito della pelle nel punto di contatto con l'allergene pollinico..

I cambiamenti cardiovascolari dovuti all'allergia ai pollini sono caratterizzati da tachicardia, suoni cardiaci smorzati, soffio sistolico all'apice e aumento della pressione sanguigna. Questi cambiamenti sono di natura funzionale e non si osservano al di fuori del periodo di fioritura..

La febbre da fieno in alcuni casi è accompagnata da sintomi dell'apparato digerente, come nausea, dolore epigastrico, feci instabili. Si verificano insieme ad altre manifestazioni di febbre da fieno e possono essere associati all'ingresso di polline e / o allergeni alimentari nel tratto gastrointestinale.

I cambiamenti nel sistema nervoso sono di natura funzionale e sono caratterizzati dalla comparsa di mal di testa, debolezza, disturbi del sonno, febbre durante il periodo di fioritura nei bambini. Questi sintomi si osservano nella febbre da fieno grave con un'enorme concentrazione di polline nell'aria.

La diagnosi della febbre da fieno comprende tre fasi. Prima di tutto (fase 1), si deve assumere la febbre da fieno. Al 2 ° stadio, confermalo e determina l'allergene causale del polline che causa l'esacerbazione della malattia. Al 3 ° stadio: valutare la gravità della malattia e determinare le tattiche della terapia a breve e lungo termine.

Il primo stadio: la diagnosi nella maggior parte dei casi non è difficile. La diagnosi si basa sui risultati di una storia allergica e sulla comparsa di segni di malattie allergiche durante il periodo di fioritura delle piante. La probabilità di una diagnosi di febbre da fieno è elevata in presenza dei seguenti criteri: 1) una storia allergica positiva (presenza di malattie allergiche nel genere); 2) l'insorgenza dei sintomi della malattia durante il periodo di fioritura delle piante: 3) l'assenza di manifestazioni cliniche della malattia al di fuori della stagione di fioritura; 4) la comparsa annuale di segni clinici di malattie allergiche allo stesso tempo, correlata al periodo di spolvero delle piante.

Il secondo stadio è una diagnosi specifica, il cui scopo è determinare gli allergeni pollinici potenzialmente significativi che causano un'esacerbazione della malattia. Per fare questo, utilizzare: test cutanei, rilevazione di anticorpi IgE specifici per allergeni pollinici nel siero del sangue, test provocatori.

Per la diagnosi specifica della febbre da fieno, vengono utilizzati i seguenti allergeni pollinici..

  • Polline di albero: ontano, betulla, nocciola, quercia, pioppo, pino, acero, salice, frassino, pioppo tremulo, castagno, platano, tiglio, faggio, cipresso, cedro, alloro, lilla, biancospino, sambuco.
  • Polline di cereali: timothy, riccio, festuca, falò, bluegrass, semina di segale, ryegrass, mais, coda di volpe, erba piuma, pannocchia, grano, orzo, avena.
  • Polline: dente di leone, piantaggine, assenzio, ambrosia, ortica.
  • Polline di fiori: crisantemo, gladiolo, giglio, rosa, margherita, chiodi di garofano, calendula, dalia, narciso, geranio, tulipano.
  • Polline di alberi da frutta: mela, pera, ciliegia, prugna, albicocca, pesca, olive, fico.
  • Polline di piante coltivate: girasole, cotone, luppolo, barbabietole, acetosa, trifoglio.

Un passo importante nella diagnosi specifica della febbre da fieno è la stadiazione dei campioni di pelle con allergeni da polline. I test cutanei vengono eseguiti al di fuori della stagione di fioritura delle piante e durante il periodo di remissione di altre malattie allergiche associate alla febbre da fieno, nonché in assenza di malattie acute intercorrenti e esacerbazione di malattie infiammatorie croniche. Per i test cutanei, non è possibile utilizzare antistaminici e corticosteroidi..

Molto spesso, i bambini usano la pelle di scarificazione e i test percutanei (prick test)..

I test provocatori con allergeni da polline sono estremamente rari nei bambini..

La diagnosi differenziale deve essere effettuata con infezioni virali respiratorie acute, congiuntivite batterica acuta e fotodermatosi. Le manifestazioni rare della febbre da fieno possono essere differenziate sulla base di un confronto tra storia, risultati clinici e allergologici.

Principi generali di terapia

L'approccio moderno al trattamento della febbre da fieno comprende tre aree: trattamento acuto, trattamento anti-recidiva con agenti farmacologici, immunoterapia specifica per allergeni.

La terapia per un periodo acuto di febbre da fieno nei bambini comprende misure volte ad eliminare o ridurre il contatto con allergeni pollinici potenzialmente significativi. Ciò si ottiene limitando le passeggiate al mattino e durante il giorno (quando vi è una concentrazione massima di polline nell'aria), riducendo la concentrazione di polline nei locali residenziali (finestre chiuse, aria condizionata), diminuendo i viaggi fuori città, in foreste, parchi, cottage, ecc. d.

Per il trattamento del periodo acuto di tali manifestazioni di febbre da fieno, come rinite allergica / congiuntivite, orticaria, angioedema, antistaminici locali e sistemici. La scelta del farmaco viene effettuata in base alla posizione dell'organo "shock", alla gravità delle manifestazioni cliniche, all'età del bambino, al tempo e alla durata della sua azione.

Dopo aver interrotto le manifestazioni acute della rinite allergica, i bloccanti orali N sono prescritti come trattamento anti-recidiva per il periodo di fioritura delle piante causali.1-recettori dell'istamina in relazione alla loro attività antinfiammatoria e antiallergica associata a un complesso meccanismo di azione ed effetto su una varietà di mediatori e stadi della cascata allergica. La durata del corso di trattamento varia da 1 a 3 mesi.

Blocco antistaminici H1-recettori dell'istamina e interferiscono con l'ulteriore sviluppo di una reazione allergica. Gli antistaminici di nuova generazione più comunemente usati [3, 4]. Un posto speciale tra questi farmaci è Kestin (ebastin), la cui efficacia è stata dimostrata in molti studi clinici..

Ebastin - bloccante dell'istamina H.1-recettori a lunga durata d'azione. Il farmaco inizia ad agire dopo 1 ora e rimane attivo per 48 ore. Una delle caratteristiche di questo farmaco è la mancanza di un pronunciato effetto anticolinergico e sedativo. Un aumento della dose di ebastina non influenza l'intervallo QT in uno studio elettrocardiografico. Dopo la somministrazione orale, il farmaco viene rapidamente assorbito dal tratto gastrointestinale ed è completamente biotrasformato nel fegato con la formazione del metabolita attivo della carbastina. Dopo una singola dose di 10 mg di ebastina, la concentrazione massima di carbastina nel sangue viene raggiunta dopo 2,6–4,0 ore e ammonta a 80–100 ng / ml. Il periodo di escrezione della carbastina va dalle 15 alle 19 ore, con il 66% della sostanza attiva escreta nelle urine sotto forma di coniugati. Il farmaco non attraversa la barriera emato-encefalica.

Il farmaco non deve essere prescritto contemporaneamente a ketoconazolo ed eritromicina. Forse una combinazione di ebastina con farmaci come teofillina, anticoagulanti indiretti, etanolo, diazepam.

Il farmaco Kestin è disponibile in compresse con due dosaggi: 10 mg e 20 mg. Ai bambini dai 6 ai 12 anni vengono prescritti 5 mg al giorno una volta, per i bambini dai 12 ai 15 anni - 10 mg al giorno una volta. Alla dose di 10-20 mg al giorno, il farmaco è raccomandato per i bambini di età superiore ai 15 anni e per gli adulti.

Uno studio sull'efficacia terapeutica dell'ebastin alla dose di 20 mg al giorno in 11 bambini con rinite allergica stagionale ha mostrato un effetto positivo sui sintomi della malattia. Nell'81,8% dei pazienti (età dai 15 ai 17 anni), l'effetto clinico è stato osservato sotto forma di diminuzione della rinorrea, prurito nella cavità nasale, starnuti e congestione nasale. La durata del farmaco è stata di 4 settimane ed è caduta sul periodo di fioritura degli alberi. Non sono state osservate reazioni allergiche o altre reazioni avverse al farmaco. L'uso di ebastina nei bambini di età superiore ai 15 anni alla dose di 20 mg al giorno aiuta a ridurre e fermare i sintomi della rinite allergica e congiuntivite allergica. Quando si ottiene una remissione della malattia, è necessario continuare a prendere allergeni causali durante il periodo di fioritura. La durata del corso di trattamento va da 2-3 settimane a 2-3 mesi.

Pertanto, allo stato attuale, l'ebastina è ampiamente utilizzata in allergologia clinica e pediatria. È usato con successo come agente sintomatico e anti-recidiva per il trattamento della rinite allergica stagionale (polline) e congiuntivite allergica. Tutti i dosaggi del farmaco (10 e 20 mg) sono altamente efficaci e sicuri. Naturalmente, il successo del trattamento dipende dalla corretta scelta di un farmaco, dall'implementazione di una serie di misure terapeutiche e dall'immunoterapia specifica per allergeni.

L'immunoterapia specifica per allergeni è la più efficace per la pollinosi nei bambini. È effettuato da allergeni di polline, il cui significato è confermato da un esame allergologico. Colpisce favorevolmente il decorso della febbre da fieno ed è un metodo promettente e moderno per il trattamento delle malattie allergiche associate all'allergia ai pollini..

Letteratura

  1. Ilyina N.I. Epidemiologia della rinite allergica // Diario della crescita. rhinol. 1999, n. 1, pag. 23-24.
  2. Revyakina V. A. Uno sguardo moderno al problema della rinite allergica nei bambini // Assistere medico. 2001, n. 3, pag. 22-27.
  3. Gushchin I. S, Fridland D. G., Poroshina Yu. A. Individuazione della scelta H1-antagonista per il trattamento della rinite allergica // Allergia, asma e cuneo. Immunol. 2001, n. 8, pag. 44-50.
  4. Gushchin I. S. Prospettive per il trattamento delle malattie allergiche: dagli antistaminici ai farmaci antiallergici multifunzionali. IX Congresso Nazionale Russo "Uomo e medicina". M., 2002, pag. 224-232.

V. A. Revyakina, dottore in scienze mediche, professore

Istituto di ricerca FSBI della nutrizione RAMS, Mosca

Febbre da fieno in un bambino: come trattare?

In primavera, non tutti i bambini godono del calore, del sole e delle prime foglie e fiori. Se il bambino sviluppa la febbre da fieno - questo è uno dei tipi di allergie che si formano sul polline delle piante impollinate dal vento - le sue condizioni possono soffrire in modo significativo. La presenza di naso che cola o tosse, congiuntivite e prurito della pelle interrompe il sonno e l'appetito e quando esci per una passeggiata, i sintomi a volte aumentano bruscamente. È importante consultare un medico e prescrivere una dieta ipoallergenica speciale, nonché misure per ridurre il carico antigenico. Inoltre, sono necessari farmaci che sopprimono le reazioni acute per eliminare gli eventi acuti..

Dove iniziare la lotta contro le allergie?

È tutt'altro che possibile solo assumendo farmaci per eliminare attivamente e rapidamente tutte le manifestazioni di allergie, specialmente quando si tratta di febbre da fieno. Non esiste un rimedio unico e universale che possa aiutare qualsiasi bambino. Il mezzo puramente tecnico più semplice ed efficace, ma non sempre possibile, si sta trasferendo nel luogo in cui non c'è polline pericoloso durante la stagione pericolosa. Questo è l'isolamento dall'allergene e la prevenzione delle allergie. Cambiare la zona climatica è importante: un viaggio verso il mare, dove c'è l'aria calda e umida del mare, o verso nord, dove le piante non sono ancora fiorite o non crescono a causa del freddo. Se non c'è allergene, l'allergia non inizia, non c'è prurito e starnuti, irritazione agli occhi e alla pelle. Se tale prevenzione non è possibile, è necessario ridurre la probabilità di contatto con l'allergene con tutti i mezzi possibili. Se non è la prima volta che insorgono allergie stagionali e la sostanza a cui si sviluppano le reazioni è nota in precedenza, in inverno, l'immunoterapia ASIT può essere effettuata con la formazione di tolleranza (insensibilità) a questo allergene attraverso una serie di iniezioni. Ciò è possibile nei bambini in età scolare, per i bambini, è difficile eseguire tale metodo.

Eventi domestici con la febbre da fieno

La più efficace è l'eliminazione dell'allergene dall'ambiente circostante il bambino in modo che non vi sia contatto con una sostanza che irrita il sistema immunitario. In un momento in cui è probabile la febbre da fieno, è importante rifiutare viaggi nella natura, passeggiate nei parchi e nelle piazze in tempo ventoso e asciutto e l'uso di dispositivi di protezione per gli occhi delle mucose e il rinofaringe quando si esce di casa.

In caso di febbre da fieno, l'uso di alcune misure è necessario a casa: l'uso di un condizionatore d'aria con filtro HEPA, umidificazione o "lavaggio" dell'aria. Quando si aprono le finestre, è necessario allungare la rete in tessuto, che dovrebbe essere inumidita, deve essere lavata spesso. Dopo aver camminato, per ridurre il rischio di febbre da fieno, è necessario risciacquare le mucose e fare il bagno sotto la doccia.

Dieta per ridurre il carico allergenico

Durante la fioritura o la spolverata delle piante su cui si verifica la febbre da fieno, per il bambino è indicata una dieta ipoallergenica. Non solo riduce il carico sul corpo, ma elimina anche la formazione di reazioni crociate con componenti alimentari. Molti prodotti vegetali sono legati a quelle erbe e fiori che provocano la febbre da fieno e la loro ingestione può aggravare il decorso della malattia..

La dieta nel trattamento delle allergie comporta l'esclusione o la riduzione di prodotti pericolosi ad alto potenziale allergenico, nonché l'esclusione di quei piatti che possono formare manifestazioni nutrizionali. Quindi, all'inizio dell'estate, la dieta implica l'esclusione di pere, bacche luminose, mele e piatti con loro, così come decotti alle erbe, tè e miele. In ogni caso, le sfumature della dieta sono discusse in dettaglio con il medico..

Quali medicinali sono applicabili?

La base del trattamento della febbre da fieno sono i farmaci che sopprimono le reazioni infiammatorie e la sensibilizzazione, stabilizzano le membrane dei mastociti, che riducono i sintomi. Utilizzare questi fondi per tutto il periodo pericoloso senza lacune e interruzioni. Se non si assumono farmaci o non si interrompe il regime di trattamento, è probabile una reazione più grave nella prossima stagione.

I principali farmaci utilizzati nel trattamento sono antistaminici che sopprimono la produzione di un mediatore allergico, portando alla formazione di prurito e bruciore, gonfiore delle mucose e secrezione di muco. Possono essere integrati con l'uso di farmaci vasocostrittori locali, alleviano la congestione nasale e il gonfiore. Non è possibile utilizzare questo tipo di medicina a lungo in modo che la dipendenza non si formi.

Se questi farmaci sono inefficaci, i preparati glucocorticoidi (ormonali) possono essere utilizzati sotto forma di forme locali - gocce, spray o aerosol. Sopprimono il processo infiammatorio e bloccano la produzione di mediatori, senza penetrare nella circolazione sistemica e senza dare effetti collaterali. La prevenzione delle ricadute viene effettuata attraverso l'uso di farmaci di un gruppo speciale - cromoglicati (aerosol o gocce nel naso, per gli occhi). Possono sopprimere le reazioni allergiche se la loro assunzione viene iniziata poche settimane prima dell'esacerbazione..

L'uso di ASIT in un bambino

Se un bambino in età scolare soffre di febbre da fieno, viene esaminato e vengono identificati gli allergeni che provocano reazioni, è possibile un trattamento specifico - ASIT. Aiuta a prevenire gravi varianti della febbre da fieno, riduce la necessità di farmaci e può formare una tolleranza agli allergeni per diversi anni. ASIT viene utilizzato non prima di 6 anni, solo nella fase di remissione, di solito questa è la fine dell'autunno e dell'inverno. È necessario finire ASIT in un bambino entro 3-4 settimane prima della fioritura. È importante che il bambino sia sottoposto a una diagnosi allergica completa prima di iniziare a identificare tutti i possibili allergeni. Il corso del trattamento inizia in regime di ricovero, utilizzando 2-3 iniezioni di una debole diluizione dell'allergene al giorno, conducendo tali iniezioni per un massimo di due settimane. Quindi, con un decorso più raro, al bambino vengono somministrate iniezioni in clinica (di solito due iniezioni a settimana per 2 mesi). Alla fine del corso, il corpo forma una tolleranza agli allergeni per un massimo di 5 anni.

Nella fase acuta della febbre da fieno, l'ASIT è impossibile, così come il rilevamento di allergeni mediante test cutanei. È possibile determinarlo solo mediante un esame del sangue al fine di eliminare il più possibile la sostanza dalla vita del bambino, al fine di alleviarne le condizioni.

Perché i bambini hanno la febbre da fieno e come evitarlo?

© H. Armstrong Roberts

Trovate le risposte alle principali domande sulle allergie stagionali.

Cos'è la febbre da fieno?

La febbre da fieno è una malattia allergica in cui il sistema immunitario reagisce agli allergeni come una potenziale minaccia e, di conseguenza, cerca di difendersi. La protezione è espressa nella produzione di anticorpi (immunoglobuline E). Allo stesso tempo, aumenta la concentrazione di istamina nel sangue (guardando avanti - da qui il nome del medicinale allergico: antistaminici), che provoca gonfiore e malessere generale. La condizione allergica, in linea di principio, è molto simile ai sintomi della SARS: congestione nasale, starnuti, tosse, prurito al naso e agli occhi. Naturalmente, i sintomi possono influenzare il benessere generale, specialmente nei bambini: possono verificarsi letargia, affaticamento e stati d'animo..

Come quindi distinguere l'allergia dalla SARS? (e perché non sei allergico alla lanugine di pioppo)

Questo dovrebbe essere fatto da uno specialista, ma ci sono una serie di sintomi che possono indicare la febbre da fieno:

  • con le allergie, il naso che cola, di regola, è simmetrico, lo scarico è abbondante e trasparente;
  • forte prurito al naso. Chi soffre di allergie ha anche un gesto caratteristico: si grattano il naso, mentre cercano di asciugare il moccio, con il palmo verso il basso. Gli allergologi hanno definito questo gesto "saluto allergico";
  • La SARS, di regola, è accompagnata dalla temperatura. Con le allergie, questo è molto raro (ma succede!);
  • prestare attenzione al periodo di insorgenza e alla durata dei sintomi. Un raffreddore dura raramente più di una settimana (se non ci sono state nuove infezioni virali), appare improvvisamente e, di regola, ha un inizio, una metà e una fine. Un'allergia dura mentre agisce un allergene, cioè può perseguitare una persona, ad esempio, da aprile a maggio.

Molti soggetti allergici affermano di essere allergici alla lanugine di pioppo. Molto probabilmente si sbagliano: in primo luogo, i fiocchi di lanugine non sono un allergene e in linea di principio sono troppo grandi per essere sulle mucose. Tuttavia, ci sono buoni motivi per non amarlo e temerlo: la lanugine di pioppo raccoglie il polline da altre piante e lo diffonde attivamente ovunque.

A quale età si manifesta di solito?

L'allergia non dipende dall'età: può manifestarsi durante l'infanzia, andare in remissione nell'adolescenza e riapparire in età avanzata. Tuttavia, le allergie stagionali sono molto rare nei bambini di età inferiore ai tre anni. Solo perché un bambino ha bisogno di attraversare diverse stagioni di fioritura.

A volte un'allergia scompare con l'età, ma questo è più un bonus che una regolarità, e certamente non è un motivo per non fare nulla. Più spesso le persone si trovano ad affrontare una remissione, che può essere sostituita, tuttavia, dal deterioramento. A proposito, un trattamento adeguato aumenta le possibilità di remissione a qualsiasi età.

Per quanto riguarda la predisposizione genetica, non ci sono conclusioni definitive, tuttavia, la maggior parte dei medici e una serie di esperimenti scientifici confermano l'ipotesi della parentela. Ma, come capiamo, dalle parole sopra: è troppo presto per gioire, se il bambino non ha un'allergia ereditaria, può manifestarsi a qualsiasi età.

Come capire quali allergie possono essere e cosa sta fiorendo ora?

Nel nostro paese ci sono tre periodi principali di fioritura: in primavera - alberi, la prima metà dell'estate - erbe di cereali (prato), la seconda metà dell'estate e settembre - erbe infestanti.

La mappa di fioritura in una particolare area può essere visualizzata su portali diversi (ad esempio pollen.club/map, allergotop. Ru o Yandex. Meteo)

È necessario iniziare il trattamento per le allergie un paio di settimane prima della stagione di fioritura. E lui (trattamento) dovrebbe essere prescritto da un medico. Sì, anche se sei già stato curato la scorsa stagione e tu stesso sai tutto, quest'anno devi ancora andare dal dottore. Di norma, nel trattamento vengono utilizzati:

  • antistaminici 2 generazioni;
  • spray ormonali nasali (non dovresti averne paura: sopprimono l'infiammazione e quindi riducono la permeabilità della mucosa per microbi e allergeni, mentre vengono assorbiti minimamente nel sangue) + antistaminici locali nel naso. La loro combinazione sarà ottimale (per i bambini di età superiore ai 12 anni);
  • per il trattamento e la prevenzione dell'asma bronchiale, possono essere prescritti corticosteroidi per via inalatoria e farmaci per alleviare le condizioni acute - agonisti beta 2 ad alta velocità.
  • enterosorbenti (per la rimozione di allergeni e tossine)

Perché i sorbenti sono prescritti per le allergie?

Gli assorbenti ti consentono di rimuovere allergeni e tossine dal corpo. Molto spesso sono prescritti per allergie alimentari, tuttavia alcuni adsorbenti sono usati per altri tipi di reazioni allergiche, inclusa la pollinosi. Ad esempio, Polysorb neutralizza l'azione degli allergeni e impedisce l'assorbimento di tossine nel sangue dal tratto digestivo. Pertanto, Polysorb elimina la vera causa dell'allergia e aiuta ad alleviare i sintomi. Polysorb non ha limiti di età, è consentito ai bambini fin dall'infanzia, viene utilizzato durante la gravidanza e l'allattamento.

E il farmaco ha un'alta capacità di assorbimento (la quantità di sostanza che può assorbire il sorbente per unità di massa) e i primi segni di miglioramento saranno evidenti dopo 1-4 minuti dalla somministrazione. Tuttavia, va ricordato che gli assorbenti fanno parte di un trattamento completo. Non sostituiscono antistaminici o altri medicinali locali prescritti dal medico..

Come alleviare i sintomi?

La stagione di fioritura per chi soffre di allergie è il momento perfetto per una vacanza. Sì, capiamo, lasciare la regione con le betulle può essere difficile, ma a volte è necessario. È vero, il metodo non è così affidabile: in primo luogo, la fioritura non si verifica sempre esattamente nei tempi previsti e non è sempre possibile indovinare, in secondo luogo, prima o poi dovrai tornare indietro e i sintomi torneranno sicuramente.

Cosa fare se la vacanza non è pianificata?

  • Inumidisci il naso con soluzione salina.
  • Lavarsi le mani e il viso dopo la strada, ma è consigliabile fare la doccia. Cambia vestiti di strada a casa tua quando torni a casa.
  • Installa un umidificatore nell'appartamento (se non "ancora"), fai la pulizia con acqua più spesso, infine rimuovi i tappeti e tutto ciò che può accumulare allergeni (anche gli orsacchiotti!).
  • Non asciugare la biancheria da letto all'aperto (balcone).
  • Il picnic in fiore non è una buona idea.
  • Comunicare meno con gli animali domestici, dopo il contatto: lavarsi immediatamente le mani. Gli allergeni possono accumularsi in lana.
  • Assicurati di rimanere a casa se c'è un temporale sulla strada (c'è il rischio di soffrire di asma temporale - questa è una malattia rara ma estremamente pericolosa che si verifica nelle persone con febbre da fieno. Durante un temporale, il polline raccoglie una grande quantità di umidità e, quando esposto al vento e alla temperatura, si rompe in un piccolissimo particelle. Si depositano nel tratto respiratorio inferiore e causano broncospasmo grave).

Prevenzione della pollinosi (ASIT)

L'immunoterapia specifica per allergeni (ASIT) è di gran lunga l'unico modo per portare le allergie in remissione. Cos'è? In breve: l'introduzione di dosi di allergene con un aumento graduale della dose (per via sottocutanea o sotto la lingua). In effetti, ASIT funziona come un vaccino: allena il sistema immunitario. Le possibilità di recupero dopo il trattamento sono dell'80% circa, tuttavia, è necessario tenere presente che il trattamento è disponibile per i bambini dai cinque anni e per raggiungere risultati ottimali dovrebbe durare diverse stagioni di seguito (di solito due o tre).

L'allergia crociata è una compagna frequente della febbre da fieno, una situazione in cui il sistema immunitario confonde il cibo con il polline. In parole povere: una persona è allergica al polline di betulla, ma mangia una mela e osserva i sintomi della febbre da fieno. Ciò accade perché la mela ha determinate molecole simili al polline degli alberi. Tale allergia si manifesta più spesso in età avanzata. Prevederlo in anticipo escludendo qualsiasi prodotto è impossibile e non necessario.

Le manifestazioni più pericolose delle allergie stagionali sono lo shock anafilattico e l'angioedema di Quincke. Il primo è raro, ma il secondo è molto comune tra i bambini. Questo è il motivo per cui il trattamento allergico deve essere iniziato immediatamente, senza attendere forme e complicazioni gravi ed essere sicuri - su raccomandazione del medico.

CONTROINDICAZIONI SONO DISPONIBILI. CONSULTAZIONE SPECIALISTICA RICHIESTA.

Pollinosi nei bambini: sintomi e trattamento

La pollinosi è un'allergia al polline delle piante, in particolare a determinate sostanze proteiche presenti in essa. L'esacerbazione si verifica in primavera e in estate. I sintomi della febbre da fieno nei bambini assomigliano al raffreddore. Si osservano tosse, starnuti, lacrimazione, respiro corto, respiro corto, manifestazioni cutanee. Eziologia dovuta al deterioramento del sistema immunitario.

Cause della febbre da fieno nei bambini

La patologia si sviluppa nelle persone che hanno geni "difettosi" nel corpo quando alcune piante iniziano a fiorire. Questi geni provocano lo sviluppo di allergie - una reazione anormale del sistema immunitario.

Il polline delle piante è costituito da microparticelle che penetrano facilmente nel sistema respiratorio, si depositano sulla mucosa delle labbra, congiuntiva e pelle. Le cellule immunitarie disponibili in queste aree riconoscono gli elementi pollinici, innescano la produzione di istamina e istidina, che porta a sintomi allarmanti.

La probabilità di trasmettere geni "difettosi" dai genitori a un bambino:

  • Il rischio è del 50% se la storia di entrambi i genitori è allergica;
  • La probabilità è del 25% se si osserva una risposta immunitaria anormale in un genitore;
  • Meno del 10% - se non vi è alcuna persona allergica nella storia familiare.

La causa dominante della condizione patologica è il deterioramento dello stato immunitario. Tra i fattori che portano al fallimento dell'immunità includono:

  1. Alimentazione artificiale.
  2. Malattie croniche.
  3. Patologie infettive precedentemente trasferite.
  4. Terapia antibiotica a lungo termine.
  5. Cattive condizioni ambientali.

Per informazione, la febbre da fieno può svilupparsi a qualsiasi età del bambino. Tuttavia, è più spesso rilevato nei bambini dai 3 ai 10 anni e nelle ragazze è meno comune.

Più di 60 specie vegetali possono portare allo sviluppo della febbre da fieno allergica. Ci sono 3 picchi stagionali quando il contenuto di polline nell'aria è il limite:

  • Primavera. Il polline di betulla, pioppo e ontano è pericoloso. La febbre da fieno allergica può verificarsi sulla fioritura di latifoglie - acero, quercia; conifere - pino o abete rosso.
  • Estate. La reazione si sviluppa su dente di leone, camomilla, ortica. I cereali producono anche polline: bluegrass, grano saraceno, festuca.
  • Autunno. Le erbacce in fiore portano allo sviluppo della febbre da fieno allergica nei bambini. Questi includono assenzio, ambrosia, quinoa.

È impossibile nascondersi dal polline, che si diffonde facilmente nell'aria. Pertanto, è impossibile curare la malattia. Lo scopo del trattamento è stabilizzare le condizioni del bambino, rimuovere i sintomi ansiosi, ridurre le manifestazioni della patologia.

Manifestazioni cliniche della febbre da fieno nei bambini

Dopo aver scoperto cos'è la pollinosi, è necessario considerare i sintomi della patologia al fine di distinguerli dal comune raffreddore o dalle allergie stagionali. I segni della malattia vengono rilevati ogni anno nello stesso periodo dell'anno. Il quadro clinico è costituito da diversi complessi sintomatici.

Congiuntivite

Gli occhi del bambino sono molto pruriginosi, c'è una sensazione di un oggetto estraneo negli organi della vista, una grave lacrimazione e la percezione visiva possono deteriorarsi leggermente. A differenza degli adulti, il bambino non è sempre trattenuto, inizia a strofinarsi gli occhi, danneggia la mucosa, trasporta i batteri.

Di conseguenza, la congiuntivite allergica è esacerbata dal processo infettivo, i sintomi si uniscono:

  1. Grave sensazione di bruciore.
  2. Dolore agli occhi.
  3. Pus.

Spesso si sviluppano sacche di capelli infiammate di ciglia, blefarite di gravità variabile, in alcuni casi uveite.

Rinite allergica

Compaiono sintomi: prurito al naso, starnuti costanti, congestione del seno nasale, accompagnati da grave lacrimazione, mal di gola, rumore estraneo nelle orecchie. Nei bambini esiste un "saluto allergico".

Importante: il "saluto allergico" è il sintomo più comune che caratterizza la febbre da fieno. Nel tentativo di sbarazzarsi del prurito, il bambino “afferra” il naso con il palmo, il che porta a irritazione, iperemia e dolore.

Sintomi respiratori

Nei bambini con pollinosi, si osserva una forte tosse improduttiva (secca), il timbro della voce cambia - diventa rauco. C'è pesantezza al petto, respiro corto, respiro sibilante. Se vengono rilevati tali segni, il trattamento dei bambini deve essere iniziato immediatamente.

Un grave pericolo di una malattia allergica è lo sviluppo dell'asma bronchiale. Si verifica spesso in piccoli pazienti. Un attacco di tosse può essere la prima "campana".

Manifestazioni cutanee

Lo sviluppo simultaneo di dermatite atopica e febbre da fieno è un evento comune. Se il bambino ha la dermatite, allora questa è la febbre da fieno, come negli adulti le manifestazioni cutanee sullo sfondo della febbre da fieno si verificano estremamente raramente:

Molto spesso, le lesioni sono localizzate nel viso (intorno alle labbra, sulla fronte e sulle guance), glutei, lati palmari degli avambracci.

Altri sintomi

Occasionalmente, il quadro clinico della febbre da fieno nei bambini è integrato da segni specifici che non sono caratteristici di una malattia allergica. Come sintomo di stress nei bambini, la temperatura corporea aumenta, più spesso ai numeri subfebrilici. Di solito dura diverse ore, dopo essersi normalizzato.

Sintomi raramente osservati:

  1. Nausea, fino al vomito (nei bambini di età inferiore a 5 anni).
  2. Mal di testa.
  3. Dolore addominale.
  4. Disordine del sonno.
  5. Irritabilità, malumore.

Nota: lo shock anafilattico con pollinosi nei bambini è raro. Tuttavia, l'angioedema è un evento comune.

Allergia crociata

La febbre da fieno è una condizione pericolosa caratterizzata da una vasta gamma di segnali di avvertimento, gravi complicazioni in assenza di un trattamento tempestivo nei bambini. La febbre da fieno può portare allo sviluppo di reattività crociata.

Le proteine ​​contenute nelle erbe e nel polline delle piante hanno componenti comuni con proteine ​​che compongono frutta e verdura. Di conseguenza, quando gli elementi "si presentano" quando si consuma cibo, si sviluppa una sindrome allergica orale..

  • Grave bruciore in bocca e gola;
  • Gola infiammata;
  • Attacco di nausea, vomito.

L'autotrattamento è irto dello sviluppo di una reazione allergica ai farmaci, che aggraverà il quadro clinico.

Trattamento della febbre da fieno in un bambino

Prima di tutto, devi visitare un medico. A volte una tosse non è un raffreddore comune, ma un sintomo di un'infezione nel corpo. Sintomi e trattamento sono strettamente intrecciati. Il regime di trattamento dipende dalle manifestazioni cliniche. Nei bambini, il trattamento non è diverso dagli adulti. Prima di tutto, devi eliminare l'allergene.

Trattamento sintomatico

Il trattamento della febbre da fieno nei bambini ha lo scopo di alleviare i sintomi. Come parte di questo approccio, vengono prescritti farmaci delle seguenti categorie:

  1. Antistaminici per uso topico e sistemico.
  2. Ormonale (più spesso dell'esposizione locale).
  3. Farmaci immunomodulatori.
  4. Preparati idratanti, ecc..

Prescrivere gocce nasali - Reactin, Allergodil. È consentito l'uso di entrambi i medicinali a partire dall'età di 6 anni; collirio - Opatanol (controindicato fino a 3 anni); per somministrazione orale - Loratadina sotto forma di sciroppo, polvere per diluizione, compresse (solo da un anno).

I farmaci ormonali sono usati esternamente o per via intranasale. I farmaci aiutano a sbarazzarsi della congestione nasale, alleviare il prurito, il gonfiore e combattere l'infiammazione.

Importante: gli unguenti ormonali vengono utilizzati quando è necessario alleviare il prurito e alleviare l'infiammazione. In altri casi, vengono utilizzate creme e gel senza ormoni..

Trattamento patogenetico

Alla domanda su come trattare la febbre da fieno nei bambini, ci sono molti regimi di trattamento. È impossibile curare la patologia, puoi solo ridurre l'intensità dei sintomi. In alcune situazioni, si consiglia una procedura ASIT per prevenire l'esacerbazione.

L'immunoterapia specifica per allergeni è un metodo di trattamento che consente non solo di rimuovere i sintomi allarmanti, ma anche di eliminare le cause che hanno provocato la patologia. L'essenza del metodo: un allergene viene introdotto nel corpo attraverso un farmaco appositamente sintetizzato.

La procedura non ha praticamente controindicazioni, ad eccezione di gravi malattie concomitanti, insufficienza d'organo e immunodeficienza. Inizia 2-3 mesi prima dell'esacerbazione prevista. Il medico esamina il bambino, seleziona la medicina e il dosaggio. L'immunoterapia specifica per allergeni è prescritta per i piccoli pazienti solo dopo i 5 anni di età.

Prevenzione

La prevenzione fa parte del trattamento. Le attività possono prevenire lo sviluppo della febbre da fieno. Assicurati di parlare con i genitori informando sulla natura della malattia, i metodi di terapia, i metodi di primo soccorso in caso di condizioni potenzialmente letali - asma bronchiale, edema di Quincke, ecc..

La prevenzione della febbre da fieno nei bambini comprende azioni:

  • L'uso di umidificatori;
  • Ventilare le stanze solo durante la pioggia;
  • L'eccezione è camminare per strada in un clima caldo e calmo;
  • Uso di filtri nasali;
  • Lascia la regione di fioritura della pianta allergenica (se possibile).

La febbre da fieno nei bambini richiede un esame approfondito e una terapia seria. Non puoi iniziare la patologia. I sintomi allergici tendono a "mutare" in malattie gravi, il cui trattamento richiederà una vita.

Il regime di trattamento è sviluppato individualmente. La stretta aderenza alle raccomandazioni di uno specialista consente di ottenere una remissione stabile nei bambini fino a una cura completa.

Segni di febbre da fieno in un bambino e metodi di trattamento

All'inizio, questa spiacevole malattia era chiamata "febbre da fieno", poiché si credeva che il fieno causasse allergie. Successivamente si è scoperto che la reazione negativa è provocata anche dal polline di piante e alberi. La malattia ha ricevuto un secondo nome - "pollinosi" (dall'inglese. Polline - polline). Febbre da fieno in un bambino - una serie di processi infiammatori acuti da parte della pelle e delle mucose - orticaria, congiuntivite, rinite, asma bronchiale, dermatite.

Le ragioni

Una reazione allergica ha una stagionalità che coincide con il momento in cui alcune piante fioriscono. Ci sono tre picchi della malattia: in primavera, estate e autunno. In numerosi bambini, i segni della febbre da fieno vengono diagnosticati dalla primavera all'autunno inoltrato.

Il periodo di fioritura di alcune piante allergeniche:

  • da aprile a fine maggio, fioriture di betulla, pino, nocciola, acero, pioppo, quercia, ontano, pioppo tremulo, trifoglio, lilla, ciliegia di uccello, melo;
  • da giugno a metà luglio - segale, mais, timothy, motherwort, fiordaliso, coda di volpe, dente di leone;
  • da fine luglio a settembre - assenzio, ambrosia, girasole.

Nel polline possono essere presenti fino a 10 allergeni diversi. Questi sono composti proteici ed enzimi. La maggior parte di loro sono in esine, il guscio di granelli di polline, ma possono anche essere trovati in foglie e steli. Quando queste sostanze entrano nelle mucose e nella pelle, il corpo le riconosce come estranee. Inizia una risposta immunitaria. Viene rilasciata una quantità eccessiva di ormone istamina e immunoglobuline E. La permeabilità dei piccoli vasi sanguigni aumenta. Di conseguenza, si sviluppano edema, arrossamento, prurito e altre manifestazioni allergiche.

Condizioni in cui aumenta la probabilità di patologia:

  • il polline è altamente allergenico;
  • tale specie vegetale è tipica della zona;
  • a causa della volatilità e della leggerezza, il polline può essere trasportato su una distanza considerevole (decine di chilometri);
  • il granello di polline ha un diametro non superiore a 35 micron, che gli consente di penetrare nel tratto respiratorio;
  • densa concentrazione di irritante.

La pollinosi è più spesso causata da specie vegetali impollinate dal vento rispetto a quelle che impollinano gli insetti. Il polline viene espulso al mattino e raggiungerà la sua massima concentrazione per cena, soprattutto in condizioni di clima secco e ventoso. Durante la pioggia, l'allergene inchioda quasi completamente a terra..

Il rischio di malattia nei bambini aumenta se i genitori soffrono di allergie. La presenza di altre patologie, acute e croniche, influisce anche a causa di una diminuzione dell'immunità in un determinato periodo..

La malattia viene diagnosticata nel 5-15% dei bambini. Può verificarsi a qualsiasi età, ma di solito si sviluppa da 3 a 10 anni. Nei ragazzi, la patologia è più comune. Se il bambino vive in una metropoli con scarsa ecologia, la probabilità di ammalarsi è molte volte superiore a quella dei suoi coetanei nelle aree rurali. La patologia nei bambini viene diagnosticata raramente, poiché la sensibilità alle sostanze irritanti presenti nell'aria si forma di solito dopo un paio di stagioni. I bambini hanno maggiori probabilità di avere allergie alimentari..

Sintomi della febbre da fieno

La velocità di sviluppo di una reazione allergica può variare da 10 minuti a 12-14 ore. Quando un allergene rientra nel corpo, i sintomi si sviluppano più rapidamente e il sistema immunitario risponderà già a una quantità inferiore.

  • prurito alla gola e al naso, gonfiore delle mucose;
  • starnuti costanti, naso chiuso, muco abbondante spiccano da esso;
  • gli occhi sono rossi, pruriginosi, le lacrime scorrono;
  • tosse secca, respiro corto;
  • pelle arrossata, rigonfiamento, eruzioni cutanee, vesciche, prurito;
  • le occhiaie compaiono sotto gli occhi a causa della stasi venosa;
  • si manifesta fotofobia, disturbi del sonno, pianto, sudorazione, debolezza generale;
  • possibile gonfiore delle estremità;
  • le manifestazioni potenzialmente letali non sono escluse: l'edema di Quincke e lo shock anafilattico, in cui è necessario un aiuto immediato.

A causa di sintomi simili, i genitori possono assumere pollinosi in un bambino per un'infezione virale. Il medico effettua la diagnosi finale, ma dovresti conoscere le principali differenze:

  1. Con la febbre da fieno non c'è la febbre.
  2. Nessun dolore agli occhi.
  3. Il muco dai seni è abbondante, liquido, trasparente, costantemente secreto. Con un raffreddore, lo scarico si addensa, diventa verdognolo-giallastro e di solito scompare dopo 7-10 giorni.
  4. Il bambino starnutisce e tossisce durante il periodo di fioritura delle piante e con un raffreddore questi sintomi scompaiono dopo circa una settimana e mezza.

Allergia crociata

Questa è una reazione ad alimenti, cosmetici, prodotti chimici domestici, che contengono gli stessi irritanti del polline.

Ai bambini non è raccomandato, specialmente durante l'esacerbazione, di mangiare il seguente cibo:

  • con intolleranza ai grani di polline di betulla e melo - noci, albicocche, cipolle, ciliegie, cetrioli, mele;
  • con sensibilità al pioppo - melone, zucca, miele, olio di semi di girasole, mais;
  • assenzio, girasole, dente di leone - angurie, patate, olio vegetale, semi;
  • su ontano e acero - pera, kiwi, sedano, pomodori, nocciole, carote;
  • su lillà - olive;
  • su quercia - miele, arachidi, patate.

L'ipersensibilità a piante diverse può anche sovrapporsi. Ad esempio, gli allergeni di ontano e betulla, salice e pioppo saranno incrociati.

Diagnostica

È necessario essere esaminato da un pediatra o allergologo. Esamina il paziente e, tenendo conto dei test di laboratorio, conferma o rifiuta la diagnosi. Viene eseguito un esame del sangue generale a livello di immunoglobulina E. Il superamento dei valori ammessi (2-4 volte) indica un'allergia. Viene rilevato anche l'allergene stesso..

I bambini di età superiore ai 5 anni vengono sottoposti a test cutanei. Una possibile sostanza irritante viene introdotta nel graffio con un ago sottile. La comparsa di arrossamento, gonfiore, prurito entro mezz'ora indica che il campione è stato positivo.

Trattamento

Sarebbe l'ideale per eliminare completamente il contatto con lo stimolo. Ma questo non è sempre possibile. Il trattamento della febbre da fieno nei bambini deve essere effettuato sotto la costante supervisione di un medico, poiché la malattia può trasformarsi in una malattia più grave, ad esempio asma bronchiale, eczema.

Terapia farmacologica

Può essere raccomandato:

  1. Antistaminici: Loratadin, Cetirizine (dai 2 anni), Ezelastin (dai 5 anni), Fexofenadine e Kestin (dai 6 anni).
  2. Per alleviare il gonfiore della mucosa nasale - naftizina, sanorina, nazivina, ecc. Di solito è consentito l'uso per non più di 5 giorni.
  3. Preparati con sale marino per sciacquare i seni - Aquamaris, Morenazole, Aqualor.
  4. Per alleviare l'infiammazione delle mucose - Kronasol, Allergocrom, ecc..
  5. In grave infiammazione - glucocorticoidi (fluticasone, mometasone, budesonite).

L'immunoterapia può essere somministrata a bambini dai 5 anni. Molto spesso, è prescritto in inverno, quando non c'è esacerbazione. Al paziente viene somministrata una piccola dose di irritante. Il corpo si abitua gradualmente a loro e reagisce in modo meno acuto o non si verificano affatto manifestazioni allergiche..

Metodi popolari

Con il loro aiuto, la pollinosi deve essere trattata con cautela. Con lo strumento sbagliato, potrebbe esserci un aumento della reazione negativa.

  1. 50 g di foglie di ortica versano 200 ml di acqua bollente. Dopo tre ore, filtrare. Somministrare 70 ml 3 volte al giorno.
  2. Grattugia un po 'di zenzero e prepara il tè. Bevi una volta al giorno.
  3. Instillare il succo di barbabietola nel naso o lubrificare la mucosa con succo di Kalanchoe fresco.
  4. Fai cadere un paio di gocce di alloro o olio di finocchio su un pezzo di zucchero raffinato. Consentire di mangiare mezz'ora prima dei pasti.
  5. Se prude la pelle, aggiungi un decotto di camomilla e corteccia di quercia al bagno.
  6. Gli occhi possono essere lavati con tè addormentato (cioè uno che è stato preparato più volte).

Prevenzione

Queste misure ti aiuteranno a sopravvivere al periodo di esacerbazione della malattia:

  • è necessario escludere dal menu per bambini prodotti altamente allergenici, in particolare quelli a cui sono possibili reazioni crociate;
  • Non camminare in luoghi in cui piante e alberi fioriscono abbondantemente;
  • le finestre dovrebbero essere coperte con una griglia o una garza, pulirle con un panno umido;
  • necessita di una regolare pulizia a umido;
  • nelle stanze è necessario utilizzare umidificatori;
  • i fiori del vivaio dovrebbero essere spostati in un altro posto;
  • si consiglia di camminare la sera o dopo la pioggia. È meglio chiudere gli occhi con gli occhiali con una vestibilità aderente. Una medicazione di garza non sarà superflua;
  • al ritorno a casa, lascia che il bambino cambi i vestiti, si lavi o, meglio ancora, si faccia una doccia, si sciacqui la bocca, si sciacqui i seni con acqua e sale marino.

La febbre da fieno può complicare seriamente la vita dei bambini. Pertanto, i genitori dovrebbero contattare gli specialisti in modo tempestivo e svolgere tutte le attività che possono aiutare a far fronte alla patologia.