Perché è immunoglobulina E elevata e che cos'è?

Nutrizione

Le immunoglobuline sono sostanze di natura proteica (più precisamente, glicoproteine), sono anche chiamate anticorpi. Gli anticorpi vengono prodotti in risposta all'invasione di tutti i tipi di antigeni: batteri, virus, funghi e altri. Sono note cinque classi principali di immunoglobuline (Ig) nell'uomo: IgG, IgA, IgM, IgD, IgE. Tutti sono rigorosamente specifici..

Immunoglobulina E

Si trova nel sangue in quantità molto piccole. È specifico per reazioni allergiche ed elmintiasi. Si forma sulla membrana dei linfociti b. Quindi si deposita sulla superficie delle cellule (mastociti e basofili) con l'aiuto di recettori situati sulla superficie di queste stesse cellule. E, seduto sulle cellule, è localizzato nei tessuti (sulle mucose, sui bronchi, sulle membrane sottomucose). Quando un allergene entra nel corpo, gli anticorpi (immunoglobuline E) reagiscono con esso direttamente sulla superficie della cellula. I complessi antigene-anticorpo risultanti agiscono sulla membrana e innescano una catena di reazioni biochimiche.

Immunoglobulina E elevato che cosa significa

L'interazione di IgE e allergene

Ciò significa che, probabilmente, c'è stato un contatto con uno degli allergeni: polline di piante, cibo, polvere, peli di animali, medicine, prodotti chimici domestici o altri. I composti chimici vengono rilasciati dai mastociti e dai basofili che dilatano i vasi sanguigni e li rendono più permeabili. Di conseguenza, si verifica edema e l'antigene rimane a fuoco senza entrare nel sangue. Oltre all'edema, c'è uno spasmo dei muscoli lisci dei bronchi, organi del tratto gastrointestinale. Il corpo reagisce:

  • dermatite atopica;
  • infiammazione allergica della congiuntiva degli occhi, rinite;
  • asma bronchiale atopico;
  • orticaria;
  • shock di angioedema;
  • shock anafilattico;
  • allergia agli insetti e altri.

Echinococcosi come causa di aumento delle IgE

Oltre alle manifestazioni allergiche, si verifica un aumento della concentrazione di gamma globulina E nel sangue in relazione a:

  • malattie parassitarie (trichinosi, fascioliasi, ascariasi, echinococcosi, malaria, ecc.);
  • lesioni infettive (HIV, mononucleosi infettiva, lebbra, tubercolosi, pertosse, infezione da citomegalovirus, ecc.);
  • immunodeficienze (sindrome di Di George, sindrome da iperimmunoglobulina E (HIES), deficit selettivo di IgA, sindrome di Wiskott-Aldrich);
  • patologie neoplastiche (carcinoma bronchiale, test di Hodgkin, mieloma IgE);
  • lesioni cutanee (eritema streptococcico, pemfigoide bolloso e altri).

E anche: fibrosi cistica, sindrome nefrosica, danno epatico, sindrome di Guillain-Barré, anemia di Fanconi, trapianto di midollo osseo, ustioni, artrite reumatoide, malattia di Kawasaki, enteropatia celiaca, alcolismo, fumo.

Indicatori normali negli adulti e nei bambini

Le IgE hanno le proprie norme e caratteristiche di età

Etàindicazioni
Da 0 a 3 mesi0-2 kE / l
Da 3 a 6 mesi3-10 kE / l
6 mesi a un anno8-20 kE / l
Da 1 a 5 anni10-50 kE / l
Dai 5 ai 15 anni15-60 kE / l
Da 15 a 18 anni20-100 kE / l
adulti20-100 kE / l

Prima della pubertà, la quantità di IgE aumenta, quindi si ferma e dura per tutta la vita. Nella vecchiaia, la sua quantità diminuisce.

Durante il periodo di forte fioritura della maggior parte delle piante (aprile - maggio - giugno), la quantità di IgE può aumentare.

Come diagnosticare

Metodo diagnostico di IgE basato sulla reazione antigene-anticorpo

Lo studio della concentrazione di immunoglobuline avviene in laboratori immunologici. Per la determinazione si utilizza un metodo sierologico basato sulla reazione antigene-anticorpo. Vengono esaminate sia le IgE generali che i marcatori specifici (cibo, droga, ecc.) A differenza di altre immunoglobuline, E è difficile da diagnosticare, poiché non è abbastanza nel sangue, si deposita sulle cellule.

Il medico, in base al quadro clinico e alla storia, prescrive uno studio.

  • bambini i cui genitori sono allergici;
  • le persone con sintomi che ti fanno sospettare un'allergia;
  • pazienti con asma.

Il sangue di una vena viene donato tra le 7 e le 10 del mattino (il tempo di massima concentrazione di gamma globuline). A stomaco vuoto. È meglio non bere nulla, ma se sei completamente insopportabile, puoi bere un po 'd'acqua non gassata. Non bere alcolici il giorno prima. Alcuni giorni prima del test, si consiglia di passare a una delicata parete dello stomaco non irritante, dieta: non mangiare cibi piccanti, salati, affumicati e fritti, non bere bevande gassate. Non fumare prima di donare il sangue. Se il paziente sta assumendo farmaci, è necessario informare il medico, poiché ciò potrebbe influire sull'affidabilità del risultato. Non è possibile donare sangue se sono stati presi antibiotici.

Cause di aumento dell'immunoglobulina E

Febbre da fieno come causa di aumento delle IgE

Le principali cause di iperimmunoglobulinemia E:

  1. Allergia (anche pollinosi).
  2. Infestazioni elmintiche.
  3. Mieloma IgE (una malattia oncologica in cui aumenta il numero di linfociti B che producono IgE). Tale tumore è incurabile, ma la sua crescita può essere controllata con i farmaci..
  4. La dermatite è la sindrome di Lyell. (dermatite dolorosa. Quando si contatta prematuramente un medico o la completa assenza di trattamento, il paziente muore).

Trattamento

Gli antistaminici sono la base del trattamento

La base per il trattamento delle reazioni allergiche sono gli antistaminici. Se parliamo di febbre da fieno stagionale, viene selezionato un farmaco per un lungo consumo regolare (farmaci come Loratadin, Cetrin, Fenistil, Zirtek, Suprastin e altri). In precedenza, il medico prescriveva un test allergologico per determinare l'allergene principale e minimizzare il contatto con esso, se possibile.

Anche con le allergie, vengono utilizzati farmaci locali: creme, gel, unguenti, colliri, spray. Allevia le manifestazioni sintomatiche e facilita le condizioni del paziente. In alcuni casi, viene prescritta l'immunoterapia (la somministrazione graduale di piccole dosi di antigene con un successivo aumento).

Con le infestazioni da elminti, vengono prescritti antielmintici. In questo caso, oltre agli studi immunologici, vengono eseguiti numerosi altri test per chiarire il tipo di parassita. E solo allora, sulla base di tutti i risultati, il medico prescriverà il farmaco, il suo dosaggio e la frequenza d'uso.

In ogni caso, solo un medico può prescrivere un trattamento. L'automedicazione può aggravare il problema e danneggiare la salute. Consultare un medico dovrebbe essere - immunologi, allergologi e specialisti in malattie infettive.

Perché è elevata l'immunoglobulina adulta

Cosa sono le immunoglobuline e qual è la loro funzione? Cosa significa un aumento in eccesso del livello di immunoglobulina E.?

Perché, a chi e in quali opzioni dovrebbe controllare il livello di questo composto proteico?

Immunoglobuline: che cos'è ?

Le immunoglobuline (lg) sono composti proteici che sono sintetizzati dalle cellule del sistema immunitario e svolgono una funzione protettiva quando i patogeni entrano nel corpo e entrano in contatto con gli allergeni. Le immunoglobuline sono divise in 5 classi: A, G, M, D, E, ognuna delle quali affronta con successo il proprio compito, strettamente definito.

Quindi, a lungo, il GNL si trova nel siero del sangue di bambini e adulti, prevenendo il ri-sviluppo della malattia.

Si può annunciare che le immunoglobuline di questa classe sono necessarie per la formazione dell'immunità acquisita..

Le immunoglobuline di classe M vengono sintetizzate prima nel corpo quando gli antigeni estranei entrano in esso. Questo tipo di anticorpo è evolutivamente più vecchio..

Le molecole dell'immunoglobulina di classe M sono le più grandi, prima del resto sono sintetizzate nel corpo quando entrano antigeni estranei e sono responsabili della risposta immunitaria primaria del corpo quando i microrganismi estranei entrano nel flusso sanguigno. Le immunoglobuline di classe M determinano la presenza di immunità umorale. Una maggiore concentrazione di LG M indica infezione del corpo.

Se aumenta la concentrazione di anticorpi Ig M nel sangue del cordone ombelicale, ciò indica la presenza di infezione intrauterina del feto, poiché le immunoglobuline di classe M non passano attraverso la placenta.

La funzione dell'immunolobulina D non è ancora completamente compresa..

Le immunoglobuline di classe A sono classificate come secretorie, in quanto prodotte dalle ghiandole salivari e lacrimali, si trovano sulle mucose del tratto genito-urinario, come parte del latte materno.

Ragioni per aumentare lg E

L'immunoglobulina E è un tipo speciale di proteina che appartiene alla classe degli anticorpi e ha la capacità di stabilirsi intensamente sulla superficie della pelle, delle mucose e del tratto gastrointestinale.

Questa proteina è sintetizzata nelle tonsille, nelle adenoidi e nella milza..

Inoltre, questa immunoglobulina viene rilevata nei pazienti con ittero. In una persona sana adulta, questa immunoglobulina è in piccole quantità. La presenza di immunoglobulina E nel sangue indica una reazione allergica del corpo all'uno o all'altro allergene, è coinvolta nella produzione di istamina e seratonina, che innescano anche meccanismi nel corpo che portano a sintomi di reazioni allergiche, vale a dire:

  • eruzioni cutanee;
  • prurito
  • rigonfiamento;
  • irritazione
  • orticaria;
  • arrossamento;
  • rinite;
  • bronchite;
  • shock anafilattico.

Inoltre, LgE è sintetizzato durante le elmintiasi..

Livelli elevati di LgE sono un indicatore di una reazione allergica nel corpo..

Le persone inclini a malattie atopiche hanno una concentrazione sopravvalutata di questa immunoglobulina anche senza la presenza di un allergene. Nel mondo moderno, in tempo per riconoscere la presenza di allergie all'uno o all'altro prodotto o prodotto alimentare è un compito molto urgente, poiché le manifestazioni di reazioni allergiche da manifestazioni esterne sono semplicemente confuse con i sintomi di quasi tutte le altre malattie. Ad esempio, la rinite può essere assunta come manifestazione di ARVI.

Ma nel caso di una reazione allergica nei bambini e negli adulti, è innanzitutto necessario escludere l'assunzione di un prodotto che ha causato una reazione allergica o l'uso di alimenti che sono allergeni.

L'immunoglobulina E inizia a essere sintetizzata nel feto già durante la settimana di gravidanza. Pertanto, la più alta concentrazione di questa proteina nel sangue del cordone ombelicale indica una disposizione allo sviluppo di malattie atopiche.

In una persona sana, il conteggio degli anticorpi nel sangue cambia con l'età.

Questi anticorpi sono anche nel sangue dei neonati, il loro livello di concentrazione cambia man mano che si forma il sistema immunitario del bambino.

livello di età dell'immunolobulina classe E, kE / l

1 - 4 mesi non più di 2

fino a 6 mesi da 3 a 10

fino a 5 anni dalle 8 alle 20

dai 6 ai 14 anni dai 10 ai 50 anni

dai 14 ai 20 anni dai 16 ai 60 anni

adulti dai 20 ai

Se la concentrazione di anticorpi IgE è inferiore al normale, ciò può indicare la probabilità di:

  • neoplasie maligne;
  • hypoimmunoglobulinemia;
  • anemia
  • leucemia.

Se la concentrazione di anticorpi IgE è significativamente aumentata, ciò significa che questa persona ha una maggiore sensibilità alla stragrande maggioranza degli allergeni identificati.

Il livello di immunoglobuline di classe E è aumentato nei bambini che soffrono di malattie, ereditate, ad esempio, da asma o dermatiti.

Nei bambini e negli adulti, il superamento della norma per il contenuto di questi anticorpi nel sangue può essere attivato da:

  • predisposizione ereditaria a reazioni allergiche;
  • infezioni da elminti e altre malattie parassitarie:
  • mononucleosi infettiva;
  • cirrosi epatica;
  • immunodeficienza;
  • la presenza di malattie autoimmuni.

La necessità di effettuare un'analisi che rivela il livello di immunolobulina E si verifica quando il paziente presenta sintomi di eczema, asma, infestazione da vermi, dermatite atopica, febbre da fieno.

Inoltre, è necessario stabilire la presenza di reazioni allergiche di una persona a prodotti farmaceutici e alimentari.

Nei bambini, un prerequisito per condurre tale analisi può essere la possibilità di sviluppare reazioni allergiche ereditarie, se esistono in parenti stretti adulti, il che significa che possono essere ereditate.

Cosa fare?

Se a questa persona viene diagnosticata la sindrome dell'iperglicemia E, sulla quale il livello di concentrazione di questi anticorpi può superare la norma di 10 e centinaia di volte, ciò significa che è necessario monitorare costantemente il livello di questo indicatore.

Inoltre, è necessario:

  • fare un esame del sangue generale
  • sottoporsi a una visita medica completa
  • testare i principali gruppi di allergeni, ovvero: polline di piante; polvere, muffe e prodotti di scarto di acari microscopici; peli di animali domestici; alimenti e cercare di escludere il contatto con l'allergene identificato.

Per alleviare la condizione, ai pazienti vengono prescritti assorbenti e antistaminici.

Di grande importanza in questo caso è il rifiuto di cattive abitudini, uno stile di vita sano e la più grande eccezione alla dieta di possibili allergeni.

Sotto il divieto in questo caso: latte intero, agrumi, frutti di mare, cioccolato. Inoltre, dovrebbero essere evitate le bevande gassate dolci. Vale la pena dare la preferenza a carne magra di pollo, anatra o tacchino, frutta e verdura verdastre, prodotti a base di latte acido.

La stragrande maggioranza dei cereali è anche ipoallergenica. Dalle bevande sarà utile brodo di rosa canina, tè verdastro.

Inoltre, il contatto con altri gruppi di possibili allergeni dovrebbe essere evitato..

Immunoglobuline sieriche totali E (IgE)

Le immunoglobuline sieriche umane totali E (IgE) sono gamma globuline prodotte dai linfociti B. La loro funzione principale è la partecipazione a reazioni di tipo immediato (reagin), nonché la protezione antiparassitaria.

Immunoglobuline di classe E.

Immunoglobulina E, IgE, totale (siero).

Saggio immunosorbente legato agli enzimi chemiluminescenti in fase solida (metodo "sandwich").

Intervallo di rilevazione: 0,1 - 50.000 UI / ml.

UI / ml (unità internazionale per millilitro).

Quale biomateriale può essere utilizzato per la ricerca?

Come prepararsi allo studio?

  • Non mangiare per 2-3 ore prima di fare il test, puoi bere acqua naturale pulita.
  • Elimina lo stress fisico ed emotivo per 30 minuti prima dell'esame.
  • Non fumare per 3 ore prima dello studio.

Panoramica dello studio

Le immunoglobuline sieriche umane (Ig, anticorpi) sono gamma globuline prodotte dai linfociti beta. La loro funzione principale è il riconoscimento e la distruzione degli antigeni. Le immunoglobuline sono composte da 2 catene pesanti (H) e 2 leggere (L) collegate da ponti disolfuro. A seconda della struttura delle catene H, sono divise in classi: G, M, A, D ed E.

Le immunoglobuline di classe E (reagine) sono coinvolte nello sviluppo di reazioni allergiche atopiche (asma bronchiale, rinite, orticaria, dermatite atopica, ecc.). Sono in grado di attaccarsi rapidamente alla superficie dei mastociti e dei basofili della pelle e delle mucose. Pertanto, il contatto ripetuto di IgE di reagin con un antigene (allergene) si verifica sulla superficie di queste cellule, il che porta al rilascio di sostanze vasoattive (istamina, serotonina, eparina, ecc.) E allo sviluppo di manifestazioni cliniche di una reazione di ipersensibilità di tipo 1.

Nel 75% dei bambini i cui genitori soffrono di malattie allergiche, il livello di IgE è aumentato. Tra i bambini sani, un aumento del livello di IgE totali è associato ad un aumento di 10 volte del rischio di sviluppare malattie allergiche nei prossimi 18 mesi rispetto ai bambini che hanno un livello normale di IgE totali nel sangue. Un test per le IgE totali nel plasma sanguigno viene utilizzato come screening per rilevare allergie, tuttavia, per identificare un allergene causale, è necessario identificare IgE specifiche.

Inoltre, le IgE svolgono un ruolo significativo nella formazione dell'immunità antiparassitaria nei nematodi, toxoplasm, nematodi, echinococci, trichinella e altri parassiti, grazie alla capacità delle IgE di interagire con gli antigeni dell'elminto. Pertanto, un aumento delle IgE totali plasmatiche può indicare la presenza di invasione parassitaria.

A cosa serve lo studio??

  • Per diagnosticare le malattie allergiche e valutare l'efficacia del loro trattamento.
  • Per la diagnosi, in particolare le infestazioni elmintiche differenziali.
  • Per valutare il rischio di reazioni allergiche nei bambini.
  • Per la diagnosi di alcune malattie immunopatologiche.

Quando è programmato uno studio?

  • Se si sospetta mieloma IgE o altre malattie immunopatologiche.
  • Con sintomi di aspergillosi broncopolmonare.
  • Per i bambini - quando i loro genitori soffrono di malattie allergiche.
  • Se si sospetta un'infestazione da elminti.

ALLERGIA E IMMUNOGLOBULINA E

Cara Irina. Il risultato del livello di IgE totali 71,76 MEl è normale. Ciò non significa che tu abbia una malattia anallergica, suggerisce solo che l'allergia non procede secondo il tipo di reattina, ma secondo altri meccanismi. È richiesto un esame completo da parte di un allergologo-immunologo con test cutanei e di applicazione.

Centro di allergologia e immunologia del Dr. Popovich a San Pietroburgo Aleksey M. Popovich, direttore generale e specialista principale del Centro medico, medico praticante allergologo-immunologo, malattia infettiva, terapista. Assistente del Dipartimento di terapia n. 1 intitolato a E.E. Eichwald dell'Accademia medica post-laurea di San Pietroburgo, capo del corso di certificazione della formazione post-laurea dei medici "Immunologia clinica con allergologia".

Se tu o i tuoi parenti, così come i vostri amici, avete avuto allergie o problemi di immunità, vi invitiamo a visitare il nostro Centro medico per allergologia e immunologia, che si trova in una comoda posizione a San Pietroburgo: sull'isola Vasilievsky, vicino alla stazione della metropolitana Vasileostrovskaya.

Cari visitatori, è possibile continuare la consultazione sul nostro sito Web allergy.ru o chiamare e ottenere una consulenza per telefono.

Telefono: +7 (812) 973-00-20 (10-22 h) Tel / Fax: +7 (812) 323-43-28 (dalle 10 alle 18 ore nei giorni lavorativi). Informazioni: +7 (812) 777-10-29 (24h / 7 giorni).

Licenza n. 78-01-001378 del 23/04/2010

Come può essere? Allergia a zero ig E ?

Lo era! Hanno anche curato le allergie con un pediatra e un dermatologo, hanno creato un centro per le allergie e non c'erano test allergologici lì. Prima di questo, non abbiamo menzionato questa analisi..

Hanno detto di trasmettere l'herpes, ecco il tipo 6 e rivelato, con un corso insolito. 2 compresse di aciclovir (c'era un bambino piccolo), unguento di aciclovir, una settimana e per tre anni non ricordiamo nemmeno

Non ti parlerò dell'igE generale, ma anche tutti gli esami del sangue sono normali, ma c'è un'allergia. a ottobre faremo dei test cutanei. e siamo stati anche testati per tutti i tipi di parassiti come la giardia e così via. consiglio anche di passare.

e quindi consulta Lavrik, scopre bene le cause della dermatite

Decodifica immunoglobulina e test

Che cos'è l'immunoglobulina E

L'immunoglobulina E è un tipo speciale di proteina prodotta dai linfociti del gruppo B, che è responsabile della risposta del sistema immunitario alla penetrazione dei parassiti (toxoplasma, trichinella, nematode) e ha un effetto antielmintico.

Le IgE sono anche coinvolte nello sviluppo dell'infiammazione quando gli allergeni entrano nel corpo..

Le immunoglobuline spesso aumentano con dermatite atopica, asma bronchiale e orticaria. Molte persone hanno una predisposizione genetica agli anticorpi allergici, che includono immunoglobuline IgE.

Ci sono fasi iniziali e ritardate di allergie. Nel primo, sotto l'influenza di sostanze attive, aumenta la permeabilità delle pareti vascolari, si sviluppa l'edema tissutale, la secrezione della ghiandola viene attivata, le terminazioni nervose sono irritate, i muscoli sono ridotti negli organi.

Sotto l'influenza di sostanze biologicamente attive, le cellule del sangue che secernono mediatori antinfiammatori sono coinvolte nell'area dell'infiammazione..

IgE ed ECP comuni

L'immunoglobulina E (IgE) è coinvolta nella formazione dell'immunità alle infezioni parassitarie. La proteina cationica eosinofila (ECP) è coinvolta nello sviluppo di malattie come l'asma, la dermatite atopica, le allergie alimentari.

Un campione di sangue del paziente viene utilizzato come materiale per studi su IgE ed ECP totali. Metodo utilizzato - saggio immunosorbente enzimatico.

Formazione

Entro 6-8 ore prima della procedura, non è consigliabile mangiare cibo, è consentito solo bere acqua pulita. 3 ore prima dell'analisi dovrebbe smettere di fumare.

indicazioni

L'analisi può essere raccomandata nei seguenti casi:

  • Se necessario, diagnosi di asma bronchiale,
  • Se necessario, diagnosticare malattie come allergie alimentari, rinite allergica, dermatite,
  • In presenza di sintomi come prurito e bruciore della pelle, respiro corto, aumento della secchezza della pelle, prurito nel rinofaringe, eruzione cutanea, odore alterato, mal di testa di natura sconosciuta.

Decifrare i risultati

L'aumento del contenuto di IgE nel campione ci consente di parlare a favore della presenza di patologie quali orticaria, rinite allergica, asma bronchiale. Il contenuto ridotto indica atassia o teleangectasia.

Il livello di VES nella norma non supera i 24 ngml. Un aumento di questo indicatore favorisce la presenza di una malattia allergica. Il livello ridotto non indica alcuna violazione.

Test di immunoglobulina E: normale, elevato, ridotto

Non esistono medicinali speciali per abbassare il livello di immunoglobuline E. Gli immunologi dell'ospedale di Yusupov elaborano un regime di trattamento individuale per ciascun paziente affetto da malattie allergiche. Dopo un ciclo di terapia, il livello di immunoglobulina diminuisce.

Quando le allergie alimentari sono escluse dalla dieta del paziente, i prodotti che causano reazioni allergiche prescrivono una terapia antinfiammatoria e antimeducatrice (antistaminici), farmaci enzimatici e corretta disbiosi intestinale secondaria. Ai pazienti con lupus eritematoso vengono prescritti farmaci per il dolore, immunosoppressori, farmaci antinfiammatori e corticosteroidi. Con l'asma bronchiale atopico, viene prescritto un trattamento complesso strettamente individuale e giustificato:

  • dieta ipoallergenica e regime di trattamento;
  • terapia farmacologica esterna e sistemica;
  • procedure fisioterapiche;
  • psicoterapia.

I pazienti con asma bronchiale atopico nell'ospedale di Yusupov sono trattati da un pneumologo e da un allergologo-immunologo. La terapia farmacologica per l'asma atopico comprende farmaci desensibilizzanti e antinfiammatori. Per fermare gli attacchi acuti, i medici di soffocamento usano i broncodilatatori. Nell'asma bronchiale, viene data preferenza alle forme inalate di steroidi, che vengono utilizzate sotto forma di inalatori di aerosol a dose misurata o terapia nebulizzante. Gli espettoranti sono prescritti per migliorare la pervietà bronchiale.

Con asma bronchiale atopico, i medici dell'ospedale Yusupov usano la plasmaferesi e, senza esacerbazione, eseguono specifici iposensibilizzazione, immunocorrection, esercizi di fisioterapia, agopuntura e fisioterapia.

Prendi un appuntamento con un immunologo-allergologo chiamando l'ospedale Yusupov. Sarai testato per le immunoglobuline E. Dopo un esame completo, il medico prescriverà un trattamento individuale, dopo di che il livello di immunoglobuline E diminuirà.

Dottore in scienze mediche, professore, dottore della più alta categoria di qualifica

Che cos'è l'immunoglobulina E

Questa è una delle classi di immunoglobuline, la cui caratteristica distintiva è la presenza di Epsilon nella catena pesante. Questa è l'ultima immunoglobulina umana rilevata, studiata per la prima volta nel 1966. Le IgE circolano nel sangue in concentrazioni molto basse. Il suo contenuto è circa 300 volte inferiore al livello di IgG, la principale classe di anticorpi. Il ruolo fisiologico di questa sostanza non è ancora completamente compreso. Si ritiene che sia coinvolto nella protezione del corpo dai parassiti (elminti).

Inoltre, a differenza di altre immunoglobuline, le IgE attivano i cosiddetti mastociti e basofili attraverso il recettore sulle loro membrane. Queste cellule sono concentrate principalmente nei tessuti bersaglio (pelle, polmoni). La maggior parte delle molecole di IgE sono legate a loro e si trovano nei tessuti, non nel sangue..

Le IgE vengono rapidamente sintetizzate dai linfociti B alla prima ingestione di una sostanza estranea di natura proteica nel corpo e si attaccano ai mastociti e ai basofili. Quando l'allergene riappare, le catene di Epsilon si legano l'una all'altra, causando la reticolazione (atopia) delle immunoglobuline E sulla superficie dei mastociti. Ciò porta al rilascio immediato di istamina e triptasi da loro nel sangue e nei tessuti, seguita dalla sintesi di sostanze pro-infiammatorie come prostaglandine, leucotrieni, interleuchine-4 e 5. Si sviluppa immediatamente una reazione allergica.

Ha due fasi: precoce e ritardata. Nella prima fase, i principi attivi rilasciati causano un aumento della permeabilità delle pareti dei vasi sanguigni al fluido e al gonfiore dei tessuti, aumento della secrezione di muco nelle ghiandole, contrazione dei muscoli degli organi interni, irritazione delle terminazioni nervose.

Sotto l'influenza di sostanze biologicamente attive, le cellule del flusso sanguigno - eosinofili, cellule di Langerhans e altre, che iniziano anche a secernere mediatori pro-infiammatori, sono attratte dal focus dell'allergene. Questa è la seconda fase delle allergie..

Esempi tipici di malattie principalmente mediate dall'immunoglobulina E sono l'asma atopico, la febbre da fieno, lo shock anafilattico, l'orticaria.

Come eseguire i test di immunoglobulina g?

Un test di laboratorio richiede siero prelevato da una vena. Le analisi sono prescritte al mattino (fino alle 10), al paziente è vietato mangiare, lo stomaco deve essere vuoto. È accettabile bere acqua pura purificata.

Prima dell'analisi dovrebbe:

  • Non mangiare cibi fritti, piccanti e grassi, nonché escludere cibi che causano salti della pressione sanguigna.
  • Non assumere alcolici, medicinali (ad esempio analgesici).

Smetti di fumare e fai un esercizio fisico eccessivo prima della procedura..

Si consiglia una procedura di test delle IgG prima che il paziente abbia iniziato a prendere le medicine. In caso contrario, i test verranno eseguiti 14 giorni dopo l'interruzione del trattamento..

Il sangue proveniente da una vena viene donato prima degli ultrasuoni, dei raggi X, della fisioterapia, ecc., In modo che i risultati siano il più precisi possibile.

Come fare un'analisi?

Per l'analisi, è richiesto sangue venoso. Nei neonati, viene prelevato dalla vena ombelicale e nei bambini più grandi dalla vena ulnare. L'operatore sanitario deve utilizzare strumenti di campionamento del sangue nuovi e sterili..

La persona che prende il sangue dovrebbe essere in nuovi guanti sterili. La pelle nel sito di puntura viene pretrattata con alcool e, dopo aver prelevato il sangue, la puntura viene sigillata con un cerotto sterile. Tutte queste misure proteggeranno il bambino da possibili infezioni..

Per l'accuratezza del risultato, è necessaria una piccola preparazione:

  1. È preferibile effettuare un'analisi a stomaco vuoto: l'ultimo pasto dovrebbe essere consumato almeno 8 ore fa. Se l'età del bambino non lo consente, l'analisi può essere effettuata tre ore dopo aver mangiato.
  2. I bambini piccoli non dovrebbero introdurre nuovi alimenti nella dieta poco prima dello studio. I prodotti dovrebbero essere il più sani e leggeri possibile..
  3. Meglio donare il sangue al mattino.
  4. Si consiglia di effettuare un'analisi in uno stato di remissione. Allergia acuta, malattie infettive possono distorcere i risultati.
  5. Alcuni giorni prima della diagnosi, escludere l'uso di agenti antiallergici.
  6. 7 giorni prima dello studio, interrompere l'assunzione di farmaci. L'uso a lungo termine di farmaci ormonali è una limitazione alla diagnosi (questo può distorcere significativamente i risultati).
  7. In previsione della diagnosi, escludere allergeni sospetti (contatto con animali, allergeni alimentari).
  8. Prima di dare il sangue, il bambino deve essere in uno stato emotivo calmo. Lo stress e l'esercizio eccessivo influenzano le risposte allo studio.

Le risposte all'analisi saranno pronte entro una settimana dopo la procedura di prelievo del sangue. Il medico dovrebbe occuparsi della decrittazione, poiché è uno specialista e solo lui conosce tutte le sottigliezze nella diagnosi corretta. L'automedicazione è pericolosa e ingiustificata in questa situazione..

Norma per immunoglobulina G

I seguenti valori di riferimento sono stabiliti per le IgG:

EtàPavimentoIgG, g / l
0 - 1 meseMaschio3.97 - 17.65
Femmina3.91 - 17.37
1 - 12 mesiMaschio2,05 - 9,48
Femmina2,03 - 9,34
12 anniMaschio4.75 - 12.1
Femmina4,83 - 12,26
2 - 80 anniMaschio5.4 - 18.22
Femmina5.52 - 16.31

Nota: va tenuto presente che ogni laboratorio ha il diritto di impostare il proprio intervallo di valori normali. È auspicabile sottoporsi a test e sottoporsi a cure nello stesso istituto medico.

Esistono fattori che possono distorcere i risultati del test:

  • sport intensi;
  • stress ed eccitazione eccessivi;
  • assunzione di alcol o droghe, fumo;
  • uso a lungo termine di droghe per aumentare l'immunità;
  • prendendo alcuni farmaci:
    • carbamazepina;
    • fenitoina;
    • metilprednisolone;
    • farmaci ormonali (estrogeni, contraccettivi orali);
    • acido valproico;
    • preparati d'oro;
    • citostatici;
    • immunosoppressori (farmaci per la soppressione artificiale dell'immunità);
  • irradiazione con radiazioni ionizzanti;
  • malattie dell'intestino, del fegato e dei reni che causano una perdita massiccia di proteine, tra cui immunoglobuline;
  • gravi ustioni cutanee.

Si consiglia di valutare lo stato di immunità generale e diagnosticare patologie dopo uno studio completo sulle immunoglobuline di tutte le classi.

Allergens Ige

A prima vista, elementi sicuri e familiari agli esseri umani possono provocare allergie. Polline di piante, prodotti per la cura della casa, aspetto e persino cibo. Tutto ciò può causare indignazione del sistema immunitario..

La reazione più acuta provoca cibo, peli di animali. Vengono eseguiti test speciali per determinare l'allergene. Con un'allergia alimentare, il sangue del paziente aumenterà il contenuto di allergeni. Spesso il paziente non è in grado di distinguere tra una vera allergia e intolleranza a determinati alimenti.

L'allergia alimentare tradizionale Ige è una reazione acuta che si verifica nel 2-3% della popolazione. È caratterizzato da manifestazioni pericolose sotto forma di soffocamento, anafilassi. I segni si sviluppano abbastanza rapidamente, entro 5-15 minuti dal momento in cui la sostanza aggressiva entra nel corpo. Qualsiasi tipo di alimento considerato francamente allergenico può causare un'allergia di questo tipo. Per esempio:

Le ragioni del cambiamento nell'indicatore

Le cause dei cambiamenti nel livello di immunoglobuline E nel siero del sangue sono:

Quando si decifra l'analisi, si può osservare sia un aumento dell'indicatore di IgE che il suo livello ridotto.

Abbassamento

Una diminuzione dell'indicatore indica una patologia congenita del sistema immunitario associata a ridotta produzione di singoli anticorpi. Questa condizione viene diagnosticata nei bambini in tenera età (fino a 3 anni).

Malattie che portano a questa condizione:

In presenza di tumori e un difetto nelle cellule T, il bambino è in ritardo nello sviluppo e soffre di una mancanza di coordinazione dei movimenti. L'ipogammaglobulinemia - una diminuzione di tutte le frazioni di anticorpi - è caratterizzata da frequenti malattie infettive protratte che si verificano con complicanze.

Aumentare

Livelli elevati di IgE sono stati osservati in varie reazioni allergiche e malattie linfoproliferative. Le ragioni dell'aumento di questa classe di anticorpi in ciascun caso sono diverse.

Malattie correlate alle IgE.

NomePossibili ragioni
Malattie atopiche: asma bronchiale, dermatite, rinite, gastroenteropatiaAllergeni multipli: polline, polvere, epidermico, cibo, farmaci, sostanze chimiche, metalli, proteine ​​estranee
Patologie anafilattiche: anafilassi sistemica, orticaria
Aspergillosi broncopolmonare allergicaSconosciuto
elmintiasiReazione di difesa dell'immunità
Sindrome da lavoro (sovrapproduzione di IgE)Malfunzionamento del soppressore a T.
Carenza di IgAMalfunzionamento del soppressore a T.
Mieloma IgECellule che secernono IgE
Innesto contro hostMalfunzionamento del soppressore a T.

Il più indicativo di questa analisi è il rilevamento della patologia nei bambini. Il sistema immunitario dei bambini è più sensibile agli antigeni che lo circondano, quindi, con le allergie, un aumento delle IgE di 3 o più volte è un fenomeno abbastanza comune.

Le seguenti sono le malattie più comuni, accompagnate da un aumento del risultato di un test di immunoglobuline di questa classe:

Condizione patologicaValori di riferimento (UI / ml)
Rinite allergica120-1000
Asma bronchiale atopico120-1200
Dermatite atopica80-14000
Aspergillosi broncopolmonare allergica, esacerbazione1000-8000
Aspergillosi broncopolmonare allergica, remissione80-1000
Sindrome da iper-IgE1000-14.000
Mieloma IgEPiù di 15.000

Valori sierici di IgE costantemente elevati sono caratteristici delle malattie allergiche croniche. In questo caso, il valore mostra il periodo della malattia:

Al fine di decrittografare più accuratamente l'analisi, è necessario contattare uno specialista in grado di identificare la presenza di una patologia specifica e prescrivere il trattamento necessario.

La norma e le indicazioni per lo studio

Le indicazioni per lo studio della concentrazione di IgE sono un gran numero di patologie, ad esempio rinite allergica, asma bronchiale, infezione da elminti, dermatite, orticaria e molte altre. Per diagnosticare le allergie, determinare la concentrazione di IgE totali non è sufficiente, quindi è necessario studiare anticorpi specifici del gruppo E delle immunoglobuline per l'allergene identificato. I moderni metodi diagnostici consentono di determinare immunoglobuline specifiche nel plasma per 600 o più allergeni.

Per valutare la concentrazione di IgE e anticorpi, viene prodotto un campione quantitativo. Per questo, il sangue viene prelevato da una vena al mattino, rigorosamente a stomaco vuoto. Prima di fare il test, ti è permesso di bere acqua

In un bambino, uno studio della concentrazione di immunoglobulina è più importante nella diagnosi rispetto agli adulti. Un aumento delle IgE nei bambini con allergie e ipersensibilità a un gran numero di allergeni viene rilevato più spesso rispetto, ad esempio, in un bambino con ipersensibilità a un piccolo numero di allergeni

Per le norme dell'immunoglobulina E assumere valori diversi, a seconda dell'età del paziente. È designata l'unità di misura delle IgE nel sangue - kE / L. Gli standard di concentrazione in base all'età sono i seguenti:

  • bambini da 1 a 3 mesi. - da 0 a 2 kE / l;
  • bambini da 3 a 6 mesi - da 3 a 10 kE / l;
  • bambini da 1 anno a 5 anni - da 8 a 20 kE / l;
  • bambini di età compresa tra 6 e 14 anni - da 10 a 50 kE / l;
  • adolescenti di 15 anni - fino a 20 anni - da 15 a 60 kE / l;
  • adulti - da 20 a 100 kE / l.

Il primo esame del sangue per l'immunoglobulina E può essere eseguito quando l'embrione si sviluppa entro dodici settimane. È durante questo periodo che il livello di IgE inizia ad aumentare. Dopo la nascita del bambino, l'immunoglobulina inizia un rapido aumento della concentrazione. Un aumento della concentrazione di IgE dura fino a una certa età. Negli anziani, il valore diminuisce il più possibile e la diagnosi successiva perde la sua rilevanza.

Cosa mostra l'analisi per immunoglobuline E?

Non è necessario un test di immunoglobulina E ogni volta che si visita un medico. Un medico o un terapista, un allergologo, un pneumologo, un gastroenterologo, un reumatologo o un ematologo prescrivono un rinvio per uno studio.

Indicazioni per la ricerca: sintomi di asma bronchiale allergico, rinite, varie eruzioni cutanee e sospetta invasione elmintica.

Inoltre, un esame del sangue per l'immunoglobulina E nei bambini è obbligatorio se i genitori hanno identificato casi di reazione allergica a varie sostanze. Questo perché il 75% dei bambini con allergie ha un alto livello di proteine ​​protettive..

Se il bambino ha valori elevati dell'indicatore e i genitori non soffrono di allergie, allora è classificato come un gruppo a rischio. Secondo le statistiche, in questo caso, il bambino sviluppa una malattia allergica nel prossimo uno e mezzo o due anni.

Lo studio consente uno screening iniziale per la presenza di una reazione allergica. Tuttavia, l'immunoglobulina totale E non consente di stabilire un allergene specifico che ha causato l'attivazione dell'immunità del paziente. Per stabilire un irritante specifico, vengono eseguiti ulteriori test di ipersensibilità a specifici allergeni..

La difficoltà della diagnosi differenziale è che il numero di allergeni supera diverse migliaia. Cercare di identificare un allergene specifico per selezione è impossibile. Viene raccolta una storia familiare e allergica e viene trovata una risposta a determinati alimenti, piante, medicine o allergeni domestici..

Una diagnosi completa comporta un'analisi chiamata chip allergico. Lo svantaggio è il costo elevato, il vantaggio è la determinazione simultanea dell'intolleranza individuale a un gran numero di allergeni.

Prognosi e complicanze

Con una terapia tempestiva, la prognosi per il recupero nella maggior parte dei casi è positiva. La sindrome è suscettibile di cura clinica, seguendo tutte le raccomandazioni di uno specialista, compresa l'alimentazione dietetica. In forme complicate, il trattamento è prescritto non solo per la malattia di base, ma anche per la patologia concomitante.

Nelle forme gravi o nei casi avanzati, la sindrome può portare a ulteriori complicazioni. In questo caso, si sviluppano infezioni ricorrenti, la sepsi è interessata. Non sono state sviluppate misure preventive specifiche per prevenire un aumento dell'immunoglobulina E nel sangue negli adulti.

Tuttavia, gli esperti raccomandano di osservare le regole di igiene personale, evitando qualsiasi contatto con un provocatore di malattie, eliminando l'uso di alimenti potenzialmente pericolosi e trattando le malattie infettive nel tempo, in particolare una storia di patologie causate dallo Staphylococcus aureus.

Si raccomanda inoltre di sottoporsi a esami preventivi annuali da uno specialista che aiuterà a identificare la malattia e le sue cause nelle prime fasi..

Design dell'articolo: Mila Fridan

A cosa serve la diagnosi di anticorpi specifici?

Il tipo di diagnosi in esame aiuta a determinare la risposta del corpo a determinati gruppi di componenti. Inoltre, utilizzando questa analisi, è possibile identificare la natura della reazione. Ad esempio, si presenta così:

  • Le immunoglobuline di classe G sono coinvolte in processi ritardati. In altre parole, la reazione si sviluppa diverse ore dopo il contatto con l'allergene;
  • Le immunoglobuline del gruppo E, a loro volta, sono un riflesso di reazioni istantanee. In altre parole, dopo il contatto e prima dell'inizio della prima sintomatologia, passano diversi minuti.

Immunoglobuline allergiche

Viene eseguito uno studio sulla concentrazione di biomateriale prelevato da un paziente per determinare un livello elevato di immunoglobulina. In uno studio di laboratorio sul tema delle allergie determinare il livello di:

IgE immunoglobuliniche. In caso di sospetto di reazioni atipiche, al paziente può essere prima assegnato un esame del sangue per IG di classe E. I dati ottenuti sono la base per iniziare un ulteriore esame più dettagliato del paziente, nonché lo specialista che sceglie le giuste tattiche di trattamento. Nel caso in cui questo indicatore sia più di 100 unità, ciò indica la necessità di speciali test aggiuntivi per identificare il provocatore dello sviluppo di una malattia allergica. Il livello di IgE aumenterà nel sangue di una persona se si verifica una reazione atipica a cibo, prodotti chimici domestici o prodotti per la cura. A proposito, la reazione più acuta può provocare peli di animali domestici o un gruppo di alimenti.

Immunoglobulina IgG. Queste proteine ​​sono anticorpi antiparassitari e anti-infettivi che possono bloccare la crescita di funghi, virus e la diffusione dell'infezione. Inoltre, il tipo di immunoglobulina che stiamo prendendo in considerazione neutralizza le tossine prodotte dai patogeni. Vale la pena notare che la presenza nel corpo di un livello elevato di proteine ​​di questo tipo indica il decorso di una reazione atipica ritardata. Più spesso, Group G IG segnala l'intolleranza a determinati alimenti. Un fenomeno simile si osserva in oltre il 20% della popolazione. Una risposta appare dopo diverse ore, e talvolta giorni, dopo aver mangiato cibo contenente un allergene. Inoltre, questo tipo di studio viene utilizzato nel caso in cui l'analisi dell'immunoglobulina totale non abbia mostrato un eccesso, tuttavia, l'allergologo sospettava lo sviluppo di una reazione atipica nel paziente

In questo caso, il medico tiene conto della stagionalità del pericolo, dell'area di residenza e dell'età del paziente.
In alcuni casi, uno specialista può anche prescrivere un esame del sangue per quantificare l'immunoglobulina IgA. Questa proteina controlla le proprietà protettive delle mucose.

Con infezione della pelle, vengono attivati ​​gli anticorpi. Se i risultati di questo studio hanno mostrato un'alta immunoglobulina, ciò segnala non solo lo sviluppo di una forte reazione negativa, ma anche i problemi esistenti nel fegato e nei reni, nonché sull'intossicazione del corpo.

IgG al di sopra del normale

Un'alta concentrazione di IgG si osserva nei seguenti casi:

  • forma acuta o recidiva della malattia;
  • remissione dopo infezione primaria;
  • malattie dell'apparato respiratorio, del tratto gastrointestinale e dell'apparato genito-urinario in forma acuta, subacuta e cronica;
  • malattia del fegato:
    • epatite (autoimmune o virale);
    • cirrosi, compreso l'alcol;
  • Malattie autoimmuni:
    • lupus eritematoso (danno alla pelle e al tessuto connettivo);
    • collagenosi (disturbi degenerativi del tessuto connettivo);
    • artrite reumatoide (danno alle piccole articolazioni);
    • reumatismi (infiammazione del tessuto connettivo);
    • sclerosi multipla (lesioni multiple del sistema nervoso), ecc.;
  • sarcoidosi (danno agli organi e ai tessuti causato dai granulomi);
  • processi oncologici:
    • Mieloma di tipo IgG;
    • leucemia linfatica cronica;
    • linfoma
    • Malattia di Waldenstrom (tumore del midollo osseo), ecc.;
  • fibrosi cistica (danno agli organi che secernono muco);
  • gammopatia monoclonale (danno alle plasmacellule) di origine sconosciuta;
  • mononucleosi infettiva (malattia virale che colpisce il fegato, i linfonodi, la faringe, la milza, ecc.);
  • neurosifilide (danno al sistema nervoso a seguito della penetrazione dell'agente causale della sifilide nel tessuto nervoso);
  • sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS).

L'uso di IgE specifiche nella diagnosi

Il livello di immunoglobulina E è determinato nel sangue venoso.

Le reazioni che causano IgE nel corpo consentono di utilizzarlo per la diagnosi di malattie allergiche. La base di questo riconoscimento sono i test clinici, principalmente i test cutanei. Gli allergeni vengono applicati mediante scarificazione (causando danni superficiali), intradermicamente o mediante applicazione. In risposta a un allergene causale, le immunoglobuline E iniziano a essere rilasciate, causando una reazione infiammatoria nel sito di iniezione..

La determinazione del livello di immunoglobulina E nel sangue consente di diagnosticare solo uno stato di sensibilizzazione, ovvero una sensibilità alterata. Clinicamente, potrebbe non mostrare alcun sintomo fino a quando non si verifica il contatto con l'allergene. Pertanto, il rilevamento di un aumento delle IgE specifiche nel sangue consente di prevenire lo sviluppo della febbre da fieno o un attacco d'asma evitando il contatto con l'allergene corrispondente.

Indicazioni per la determinazione di laboratorio del livello di IgE specifiche nel sangue:

  • bambini piccoli;
  • alta attività del processo allergico;
  • controindicazioni per i test cutanei;
  • recidiva persistente della malattia;
  • l'incapacità di cancellare i glucocorticoidi o i farmaci antiallergici antistaminici;
  • ipersensibilità a più allergeni contemporaneamente;
  • reattività cutanea significativamente alterata, tendenza alla reazione infiammatoria;
  • risultati falsi positivi o falsi negativi dei test cutanei;
  • il cosiddetto dermografo orticarico - la formazione sulla pelle di un modello di brufoli sotto forma di orticaria dopo irritazione meccanica.

I seguenti metodi vengono utilizzati per determinare il livello di IgE specifiche:

  • saggio immunoenzimatico più moderno (ELISA);
  • test di assorbimento di allergie radio (RAST).

In generale, un aumento del livello di IgE specifiche deve essere valutato solo in combinazione con reclami dei pazienti, anamnesi, esame e test cutanei. Senza la consultazione di un medico, non è possibile diagnosticare un solo valore di IgE..

Indicazioni per l'analisi delle immunoglobuline

Dopo il trattamento con farmaci immunosoppressori, è anche necessario donare il sangue per questo tipo di studio. Ciò è dovuto al fatto che questi farmaci hanno un effetto deprimente sull'immunità umana. Inoltre, le indicazioni per il rinvio a questo tipo di analisi immunologiche sono:

  • Grande perdita di sangue.
  • Predisposizione a fallimenti nel funzionamento del sistema immunitario dovuti a un fattore ereditario.
  • Infezioni causate dall'esposizione a virus e batteri.
  • Malattie oncologiche di qualsiasi sistema e organo umano.
  • Patologia endocrina tiroidea.
  • Malattie associate a una diminuzione delle proprietà immunitarie del corpo, tra cui il lupus eritematoso, l'artrite reumatoide, ecc..
  • Virus dell'immunodeficienza umana.
  • Polmonite ricorrente.
  • Un cambiamento nel livello di immunoglobuline dovuto a fattori fisiologici, ad esempio durante la gravidanza, negli anziani e nei bambini.
  • Infezioni fungine che sono difficili da curare.
  • Forma cronica di processi infiammatori.
  • Ulcere della pelle.
  • Lunghi periodi di depressione e situazioni stressanti.
  • Povero ambiente nel luogo di residenza.

Esame del sangue di allergeni IgE - recensione

Analisi assolutamente non informativa! Perché sono risultati falsi?

Solo poche settimane fa, la nostra storia di allergia quasi epica è finita. Un bambino di tre anni ha avuto tutti i sintomi di un'allergia, ma in realtà la ragione di tutte le disavventure risiede altrove, ho spiegato più dettagliatamente in questa recensione.

Oggi voglio condividere il mio punto di vista sui test per l'immunoglobulina IgE totale.

Quindi, il bambino era preoccupato per un'eruzione cutanea di diversa natura e prurito nei luoghi della sua localizzazione per lungo tempo. Abbiamo visitato diversi terapisti che ci hanno fornito diagnosi diverse. Abbiamo visitato un allergologo che non ha prescritto alcun test per noi, ma ha raccomandato di osservare la dieta. Dopo viaggi inefficaci ai dottori da parte di noi genitori, è stato deciso di fare dei test sul pannello degli allergeni.

Nella nostra città, questa analisi può essere effettuata in una clinica o in un dispensario cutaneo e venereologico. Ma, come abbiamo scoperto in seguito, nel KVD questa analisi è presa dai bambini solo nella direzione di un terapeuta o di un altro specialista, quindi abbiamo deciso di non esitare e abbiamo scelto l'unica opzione: una clinica per bambini.

Ho chiamato in anticipo l'ufficio dei servizi a pagamento per scoprire tutte le sfumature della preparazione per l'analisi. Non è risultato niente di speciale, tutto è standard: devi venire la mattina a stomaco vuoto. Non vi è stata alcuna formazione in quanto tale. Persino l'assunzione di fenistil, che a quel tempo eravamo trattati, non poteva essere interrotta. Abbiamo dovuto passare tre diversi pannelli a diversi gruppi di allergeni, il costo di ciascun pannello è di 500 rubli, oltre a un prelievo di sangue di 150 rubli. Di conseguenza, ho pagato 1650 rubli per tutto.

Nel giorno stabilito, siamo arrivati ​​alle 8 del mattino a stomaco vuoto, non ci siamo nemmeno lavati i denti per ogni evenienza. Alla cassa, hanno pagato tutto e sono andati nella sala di trattamento. Il sangue viene prelevato da una vena e mio figlio è un cinghiale, quindi ho dovuto trattenerlo il più possibile. Era qualcosa! Ma non c'è stato alcun aiuto e ho dovuto farcela da solo. Io stesso mi sono seduto su una sedia, ho messo mio figlio con la schiena contro di me e l'ho stretto con i piedi. Con la mano sinistra ho tenuto l'avambraccio della mano sinistra del bambino e l'ho premuto sul tavolo. Con la mia mano destra premuta sul corpo e fissando la sua mano destra, ho dovuto tenere anche la sua mano sinistra, afferrandola sopra il gomito. In generale, il dipinto ad olio: il figlio urla, piange, calcia, in qualche modo lo tengo premuto, mentre lo premo a me e premendo la mia mano sinistra sul tavolo.

Fortunatamente, l'infermiera ha fatto tutto rapidamente. Ma il figlio non riuscì a calmarsi per molto tempo.

Le analisi avrebbero dovuto essere preparate prima di quattro settimane, ma ci hanno chiamato dopo tre settimane. Si è scoperto che due dei tre pannelli sono pronti. Ho deciso di non andare ancora in clinica e aspettare il terzo, che mi hanno detto che abbiamo un'allergia molto forte a molti prodotti familiari, mi hanno chiesto di non esitare. Poi io stesso, come una donna pazza, mi sono precipitato piuttosto per i risultati. Quando guardavo i pannelli, il mio stupore non conosceva limiti, perché a giudicare da loro, il bambino era allergico a quasi tutto: latte, uova, carne e diversi tipi di cereali. Non ci sono state reazioni solo agli allergeni popolari sotto forma di polline e lana.

Non sapevo più cosa dare da mangiare al bambino: patate bollite sull'acqua, pesce cotto.

Quando in una settimana ci è stato dato l'ultimo pannello, ho dovuto chiedermi di nuovo: il bambino era allergico anche alle patate.

Qui voglio fare una piccola nota a piè di pagina e spiegare che per tutti e tre gli anni mio figlio non ha avuto il minimo accenno di alcuna reazione allergica, abbiamo mangiato tutto il solito cibo senza conseguenze.

Poi ho già messo il bambino a dieta con grano saraceno, mio ​​figlio mi ha chiesto del cibo e pianto... L'ho capito un po 'di più e sono pazzo. Non so per quanto tempo durerebbe questa eresia se non avessi trovato un buon immunologo-immunologo. Grazie a lei, ho scoperto che abbiamo risultati completamente inaffidabili. Perchè è successo? Questo accade se, al momento della donazione di sangue, una persona ha un'immunità specifica, come nella nostra situazione.

Ma la clinica non ci ha detto nulla al riguardo... Non hanno nemmeno chiesto l'anemnesi, hanno solo preso il sangue. Ma se pensi logicamente, le persone hanno bisogno di questa analisi proprio nel periodo di esacerbazione delle allergie?

Apparentemente, questo non disturba nessuno tranne me, e io stesso ho dovuto scoprire tutto e prendermi cura di tutto. Ma io non sono un esperto? Anche su Internet, le versioni variano su questa analisi, quindi cosa credere?

L'analisi è disponibile per la conduzione al momento dell'esacerbazione della malattia, è possibile la somministrazione parallela di antistaminici

O piuttosto l'opinione opposta:

Se una persona ha una reazione allergica, la diagnosi viene ritardata.

Un esame del sangue per gli allergeni potrebbe non essere corretto durante lo stress psico-emotivo.

In generale, nessuna domanda e nessuna risposta.

A quanto pare, a quel tempo avevamo un grosso carico sul sistema immunitario, quindi tutti i risultati erano falsi.

Riassumendo quanto sopra, non consiglio di fidarsi ciecamente di queste analisi e di fare affidamento sulla loro affidabilità. È necessario coprire una vasta gamma ed escludere tutte le possibili cause. E, soprattutto, trova un medico competente.