Orticaria a freddo: caratteristiche di diagnosi e trattamento

Analisi

L'orticaria fredda (HC) è una forma di orticaria fisica, che è caratterizzata dalla rapida comparsa di vesciche e / o edema di Quincke a seguito dell'esposizione al freddo (più precisamente, un improvviso calo di temperatura, ad esempio, dopo il contatto con acqua fredda, pioggia

L'orticaria fredda (HC) è una delle forme di orticaria fisica, che è caratterizzata dalla rapida comparsa di vesciche e / o edema di Quincke a seguito dell'esposizione al freddo (più precisamente, un improvviso calo di temperatura, ad esempio, dopo il contatto con acqua fredda, pioggia, neve, bevande / cibi freddi ecc.) in soggetti sensibili.

Dalla descrizione di HC, fatta per la prima volta nel 1864 da Bourdon, non vi sono ancora spiegazioni esatte per questo fenomeno..

Nel 2009, un gruppo di esperti congiunti di allergologi-immunologi e dermatologi europei ha pubblicato una guida che definisce l'orticaria fisica e colinergica, nonché raccomandazioni per test provocatori per confermare queste diagnosi (tabella) [1]. Gli scienziati hanno identificato separatamente la forma colinergica di orticaria a causa del fatto che con essa i sintomi compaiono a causa di un aumento della temperatura corporea e non a causa dell'esposizione a fattori fisici esogeni sulla pelle, come nel caso dell'orticaria fisica.

Questo documento non contiene un'altra classificazione di HC, che si trova nella letteratura scientifica. Quindi, gli scienziati distinguono due tipi principali di HC: 1) acquisiti: primario (sinonimo - orticaria da contatto freddo) e secondario; 2) ereditario (famiglia) HC [2-4]. Inoltre, sono descritti 9 diversi sottotipi di HC acquisiti: sotto forma di reazioni immediate e ritardate; orticaria fredda localizzata, nonché manifestazioni (sistemiche) generalizzate, ecc..

L'HC è anche classificato in base alla risposta a un campione freddo (tecnica: applicare un cubetto di ghiaccio sull'avambraccio per 4 minuti, valutare l'effetto dopo 10 minuti dall'apparizione di una reazione cutanea sotto forma di blister o edema): se il campione è positivo, allora si tratta di HC primario o secondario a seconda dell'eziologia; se il test è atipico (ritardato o la reazione si è verificata altrove) o negativo se il paziente ha sintomi clinici, si tratta di un'orticaria acquisita atipica.

Molto spesso, i pazienti hanno HC acquisito primario o idiopatico; la forma ereditaria di HC è già diagnosticata nei bambini in tenera età (estremamente rara). L'HC acquisito è principalmente interessato da donne di età superiore ai 25-30 anni, sebbene, secondo numerosi studi, i sintomi della malattia possano comparire nei bambini e negli adolescenti, a volte in combinazione con altri tipi di orticaria (ad esempio, con dermografismo orticale).

HC ereditaria (o sindrome autoinfiammatoria fredda familiare) è una delle opzioni per le cosiddette sindromi periodiche associate alla criopirina (CAPS), che include anche la sindrome di Michael-Wales e la sindrome cronica neuro-pelle-articolare infantile / malattia infiammatoria multisistemica infantile ( Insorgenza infantile cronica Neurologica cutanea articolare / neonatale Insorgenza della malattia infiammatoria multisistemica - CINCA / NOMID) [5–7]. Nel 2009, gli scienziati americani hanno descritto una nuova malattia ereditaria - HC atipico familiare [8].

L'etiopatogenesi dell'HC non è completamente chiara. Nella maggior parte dei pazienti, la malattia è idiopatica. In letteratura ci sono segnalazioni di una possibile associazione del verificarsi di HC con infezioni (sifilide, mononucleosi infettiva), neoplasie maligne, malattie autoimmuni, vasculite sistemica, farmaci, ecc. Nel 2004, i pediatri spagnoli hanno descritto un caso clinico di HC persistente grave che si è verificato in un bambino pochi mesi dopo la mononucleosi infettiva [2].

L'HC acquisito è anche associato a crioglobulinemia primaria o secondaria, che si riscontra in pazienti con malattie linfoproliferative, epatite C. L'HC secondario può verificarsi nella malattia da siero, nell'emofilia; sono descritti casi di HC dopo l'assunzione di determinati farmaci (siero del tetano, contraccettivi orali, griseofulvin, ecc.), oltre a un morso di insetti imenotteri. Nel 2008, Allergy Ducommun et al. ha descritto il cosiddetto HC locale, che si è verificato in un paziente sottoposto a immunoterapia specifica per allergeni con allergeni da polline (farmaco Fostal): nel secondo anno di terapia con vaccino allergico nel sito di iniezione dopo l'esposizione al freddo (doccia fredda, aria fredda), il paziente ha sviluppato prurito e arrossamento della pelle [nove]. Un test del freddo con ghiaccio è stato fortemente positivo sul braccio in cui è stato somministrato il vaccino, debolmente positivo sul contrario e negativo sull'avambraccio e sugli arti inferiori. Il paziente ha continuato il corso di immunoterapia specifica per allergeni (ASIT) sullo sfondo di un antistaminico. Esistono descrizioni della presenza di HC locale dopo la stadiazione di campioni cutanei [9].

Nella fisiopatologia dell'orticaria in generale e dell'HC in particolare, l'istamina e i mastociti (come le più importanti cellule effettrici che lo producono) hanno un'importanza primaria. In molti studi è stato dimostrato un aumento del livello di istamina nel sangue e nella biopsia cutanea nei pazienti con HC. Tuttavia, la concentrazione di istamina nel sangue di vari pazienti con HC varia notevolmente: ci sono osservazioni che indicano un debole effetto clinico di antistaminici con un basso livello di istamina [10]. I mastociti possono essere attivati ​​dai neuropeptidi. Il basso livello di leucotriene C4 rilevato nella maggior parte dei pazienti con HC, secondo R. Nuutinen et al., Spiega l'inefficacia del modificatore del recettore dei leucotrieni montelukast nel loro trattamento [10].

Esistono poche pubblicazioni riguardanti il ​​ruolo di altri mediatori (in particolare PGD2, leucotriene E4, fattori chemiotattici, fattore di attivazione piastrinica, TNF-alfa, IL-3, ecc.) In presenza di HC.

La patogenesi della sindrome autoinfiammatoria fredda familiare è associata a cambiamenti nella proteina criopirina (dovuta alla mutazione del gene CIAS1), che attiva la caspasi 1, che porta al rilascio di IL-1 e alla secrezione di citochine infiammatorie IL-6, TNF-alfa, ecc. [5– 7]. L'elevata efficacia terapeutica dell'antagonista del recettore dell'IL-1 Anakinra nella prevenzione dei sintomi indotti dal freddo (come documentato da dati clinici e immunoistochimici) conferma il fatto che l'IL-1 svolge un ruolo centrale in questa sindrome autoinfiammatoria [6, 7].

La frequenza di atopia rilevata nei pazienti con HC non differisce dagli indicatori nella popolazione generale; non ci sono inoltre differenze tra i pazienti atopici nella gravità o durata dei sintomi clinici di HC.

Quindi, HC è una sindrome eterogenea. Considera le sue manifestazioni cliniche.

Clinica

Nei pazienti con HC, pochi minuti dopo il contatto con acqua fredda / aria ghiacciata, compaiono bruciore, prurito, eritema, vesciche e / o edema cutaneo. Di norma, questi sintomi compaiono principalmente sul viso, sulle mani; spesso raggiungono il massimo durante il riscaldamento di zone fredde del corpo e scompaiono entro 30-60 minuti. A volte l'HC può essere accompagnato da eruzioni orticarie costanti, che di solito compaiono pochi minuti dopo l'esposizione al freddo, ma persistono per una settimana o più. Un'altra variante di HC è il verificarsi di eruzioni orticarie in un altro posto - intorno a una zona fredda della pelle e non dove la pelle è stata esposta al freddo - il cosiddetto HC riflesso [2–4]. Alcuni pazienti possono avvertire gonfiore delle labbra, della lingua e della gola dopo aver assunto cibi o bevande freddi..

I pazienti rivelano anche violazioni dei sistemi cardiovascolare e respiratorio; possono verificarsi sintomi gastrointestinali (dolore addominale, diarrea).

Più pronunciati sono i sintomi clinici, più difficile è il decorso dell'HC. Indubbiamente, la gravità delle manifestazioni cliniche di HC dipende dall'area di raffreddamento e dal fattore di raffreddamento. Quindi, in soggetti molto sensibili al freddo, il raffreddamento di una superficie significativa del corpo può causare una reazione anafilattoide: sincope, nausea, vomito, vertigini, mancanza di respiro, tachicardia, abbassamento della pressione sanguigna, ecc. Sono descritti i casi di morte causati dall'esposizione al freddo (ad esempio, dopo l'immersione tale paziente in acqua, ecc.).

In caso di HC locale, una vescica e / o angioedema colpiscono solo una superficie limitata della pelle dopo l'esposizione al freddo.

L'eritema freddo è accompagnato da dolore ed eritema dell'area della pelle sottoposti a raffreddamento, senza lo sviluppo di tipiche vesciche e prurito; il test del ghiaccio allo stesso tempo dà un risultato positivo.

La famiglia HC viene trasmessa in modo autosomico dominante. Come descrivono Fedorov E.S. et al. Nel loro articolo, tutte e tre le sindromi autoinfiammatorie del gruppo CAPS (sindrome autoinfiammatoria fredda familiare, sindrome di Michael-Wales e sindrome neuro-cutanea-articolare cronica infantile / malattia infiammatoria multisistemica infantile - CINCA / NOMID) caratterizzato da un esordio precoce (di solito nel primo anno di vita), episodi ricorrenti di febbre, rash del tipo di orticaria, una vasta gamma di danni articolari dall'artralgia all'artrite ricorrente e persistente nei casi gravi, nonché (per la sindrome di Michael-Galles e CINCA / NOMID) danno al sistema nervoso centrale e periferico [5].

Quindi, la sindrome di Michael - Galles - una reazione infiammatoria generalizzata all'aria fredda / al clima umido e umido - è caratterizzata dalla comparsa di prurito con un diametro di 0,2–3 cm, che dura 5-24 ore; poliartrite (la sindrome articolare può essere presente da brevi casi di artralgia alla ricaduta dell'artrite delle articolazioni grandi); congiuntivite; un aumento della temperatura (non sempre), dei globuli bianchi e del livello di proteina C reattiva nel sangue; in seguito, tali pazienti possono sviluppare amiloidosi renale [5, 7]. Non ci sono crioglobuline e agglutinine fredde nel sangue; in alcuni di questi pazienti, un test provocatorio con ghiaccio / acqua fredda può essere negativo, mentre dopo l'esposizione all'aria fredda sviluppano eruzioni cutanee e prurito. Istologicamente, vengono rilevate vasodilatazione e infiltrazione tissutale da neutrofili, monociti e macrofagi (come con altri tipi di orticaria). Inoltre, la sindrome di Michael-Galles è caratterizzata dalla progressione della perdita dell'udito neurosensoriale nei pazienti. È possibile che alcuni pazienti con amiloidosi renale e perdita dell'udito neurosensoriale abbiano diagnosi inaccurate a causa del decorso latente della sindrome autoinfiammatoria. Inoltre, gli attacchi con la sindrome di Michael-Wells possono essere innescati, al contrario, dall'esposizione a temperature elevate, stress, intenso sforzo fisico. Di solito, la malattia inizia durante l'infanzia, ma sono stati descritti casi negli adulti [5].

La sindrome autoinfiammatoria fredda familiare / HC familiare è quasi sempre diagnosticata nei bambini all'età dei primi 6 mesi di vita da segni cardinali come febbre, orticaria, artralgia, che si verificano 1-2 ore dopo l'esposizione al freddo, raggiungono un picco dopo 6-8 ore e scompaiono dopo 24 ore Inoltre, gli attacchi possono essere accompagnati da congiuntivite, sudorazione, sonnolenza, mal di testa, sete lancinante e nausea [6, 7]. È importante notare che anche una leggera esposizione al freddo (aerare la stanza) può scatenare un attacco. Le esacerbazioni della malattia sono più comuni nella stagione fredda..

I casi di sindrome autoinfiammatoria fredda / HC familiare sono di solito una storia di storia familiare immediata. La diagnosi differenziale viene eseguita con HC idiopatico, che non è caratterizzato da un aumento dell'ESR e della proteina C reattiva.

Una nuova variante dell'HC familiare atipico, che differisce dall'HC acquisito e dalla sindrome autoinfiammatoria del raffreddore familiare, è stata recentemente descritta da Gandhi C. et al. membri di diverse famiglie: in tali pazienti, dalla prima infanzia, sono stati osservati prurito, eritema ed eruzioni orticarie sulla pelle dopo l'esposizione al freddo; in alcuni casi, nell'anamnesi erano presenti anche anamnesi, convulsioni e svenimenti [8]. I sintomi della malattia sono stati scatenati da fattori scatenanti quali aria fredda (100% dei casi), procedure idriche (92%) e assunzione di cibi o bevande freddi. L'infiltrazione dei mastociti è stata rilevata nei campioni di biopsia cutanea, che si sono rapidamente degranulati dopo provocazione a freddo. Questa nuova sindrome - il cosiddetto HC atipico familiare - differisce dall'HC acquisito e dalla sindrome autoinfiammatoria del raffreddore familiare in assenza di febbre, brividi e altri sintomi sistemici, nonché il coinvolgimento delle articolazioni. Le caratteristiche patogenetiche e genetiche di questa nosologia richiedono un'ulteriore valutazione..

Sono descritti i casi di anafilassi indotti dallo sforzo fisico al freddo (giocare a calcio o in bicicletta in inverno). In tali casi, i pazienti devono escludere l'orticaria colinergica causata dall'esposizione a fattori del freddo (mentre l'esercizio in una stanza calda non provoca una ricaduta dell'orticaria e un test del freddo è negativo).

Diagnostica

La diagnosi clinica di HC dovrebbe essere confermata da un test provocatorio con ghiaccio. Per fare ciò, il ghiaccio viene inserito in un sottile sacchetto di plastica per prevenire il contatto diretto della pelle con l'acqua e per evitare confusione con l'orticaria acquagena in caso di campione positivo. All'avambraccio viene applicato un cubetto di ghiaccio e si osserva la reazione (il tempo di valutazione della reazione è dopo 10 minuti) (Fig. 1). Nei pazienti con un'alta sensibilità al freddo, la reazione può verificarsi entro 30 secondi, in altri con una storia positiva della malattia, può essere più ritardata (ad esempio, notata dopo 20 minuti). Il test è considerato positivo se un eritema palpabile e chiaramente visibile, l'eritema, che nella maggior parte dei casi è accompagnato da bruciore e prurito della pelle, appare nel sito di applicazione del ghiaccio del paziente.

L'uso di altri test provocatori (stare in una stanza fredda (4 ° C) senza vestiti per 10-20 minuti; un test del freddo modificato con l'avambraccio immerso in acqua fredda (4 ° C) per 10 minuti, ecc.) Sono attualmente esperti non raccomandato a causa dell'elevata probabilità di sviluppare manifestazioni sistemiche di HC in tali pazienti [1]. Invece, il gruppo di esperti ha proposto un approccio in due fasi nel condurre un provocatorio test del freddo: se il paziente ha un test del freddo con ghiaccio, il paziente è determinato dalla temperatura di soglia alla quale si verifica una reazione cutanea. A tale scopo, gli scienziati raccomandano di utilizzare il cosiddetto TempTest: questo dispositivo è attualmente approvato a fini di ricerca e viene approvato come dispositivo medico per la diagnosi di orticaria nelle cliniche. Il dispositivo consente di controllare contemporaneamente la reazione cutanea a 32 diverse temperature (tra 4–35 ± 0,1 ° C), che aiuterà il paziente a ottenere informazioni importanti sull'indicatore di temperatura soglia che rappresenta il rischio di sviluppare la malattia (Fig. 2) [1, 11]. Allo stesso tempo, il tempo necessario per indurre una reazione positiva ha un significato prognostico: esiste una relazione inversamente proporzionale tra il tempo necessario per rispondere a un raffreddore a una certa temperatura e la gravità dei sintomi della malattia. Alcuni studi dimostrano che le reazioni sistemiche gravi sono più comuni nei pazienti se hanno un test del raffreddore positivo tre minuti dopo aver applicato un pezzo di ghiaccio.

Inoltre, ai pazienti con HC viene prescritto un esame del sangue generale, la biochimica del sangue (vengono esaminate le funzioni epatiche, renali e proteiche), il fattore reumatoide, le immunoglobuline sieriche, C3, C4, fibrinogeno, crioprecipitine, agglutinine fredde, nonché gli anticorpi contro i virus di Epstein-Barr, l'epatite viene determinata C, B, clamidia, ecc..

Trattamento

Si raccomanda innanzitutto ai pazienti con HC di non rilassarsi, lavarsi con acqua tiepida, indossare abiti caldi (di cotone o di lino) e un cappello e non mangiare cibi freddi e bevande [4]. A tali pazienti è vietato nuotare nel mare, praticare attività fisica al freddo. Prima di uscire di casa, i pazienti con HC dovrebbero applicare mezzi speciali alle parti esposte del corpo (viso, mani, labbra) che proteggono la pelle dagli effetti del freddo (per i bambini dai primi giorni di vita e gli adulti - Cold Cream and Barrier (Uryazh); solo per i bambini in di età inferiore ai 14 anni - Crema fredda ("Mustela"), ecc.).

Quindi, Barderm contiene emollienti e sostanze protettive che possono resistere alle aggressioni, indipendentemente dal tipo: climatico (vento, gelo), chimico (detergenti), ecc. Due polimeri - pirrolidone e fosforilcolina - hanno un effetto su due livelli dello strato corneo: superficie e ad una profondità di 10 µm. Inoltre, l'acqua termale di Uryazh, che fa parte di Barrierm, ha proprietà idratanti (analogia ai sali minerali di un film idrolipidico); lenitivo: ricco di calcio (inibisce il rilascio di istamina); filmogeno e curativo (Si, Cu, Zn). Barrierderm viene applicato sulla pelle 5-10 minuti prima di uscire di casa o a contatto con l'acqua: in modo uniforme, non massaggiare, non ottenere un completo assorbimento (aggiornare la frequenza di applicazione, a seconda delle circostanze). Barriera per le labbra - progettata per proteggere le labbra da fattori ambientali aggressivi. L'effetto originale del farmaco si manifesta nella fornitura di isolamento superficiale, ripristino della mucosa delle labbra e un lungo effetto calmante.

L'efficacia clinica degli antistaminici nell'HC è molto variabile, sebbene occupino un posto importante nel suo trattamento. Indubbiamente, ai pazienti devono essere prescritti antistaminici di seconda generazione (desloratadina, cetirizina, fexofenadina, levocetirizina) per 3-4 settimane. Di recente, scienziati tedeschi hanno proposto di trattare pazienti con HC acquisito con desloratadina in una dose di 20 mg (in assenza di una risposta terapeutica di 5 mg) [3]. Sono descritti i casi dell'effetto positivo dell'assunzione di ketotifene, una combinazione di bloccanti H1 e H2, doxepina, ecc. L'efficacia degli antagonisti dei leucotrieni può anche variare in diversi pazienti con epatite cronica C. Tuttavia, l'uso combinato di montelukast e cetirizina in uno studio di P. Nuutinen et al. non è stato accompagnato da un effetto aggiuntivo nell'inibizione della dimensione del blister nei pazienti con HC [10]. Sono stati descritti casi di successo del trattamento di pazienti con HC che usano un omalizumab (Xolar) anti-IgE [12]. Il trattamento con un paziente antivirale con interferone beta-farmaco con HC ed epatite C ha portato alla completa scomparsa dei sintomi clinici di allergie da freddo e crioglobuline [13].

Casi di improvvisi episodi potenzialmente letali di reazioni anafilattoidi al freddo richiedono l'immediata somministrazione di adrenalina al paziente (l'autoiniettore di adrenalina, che purtroppo non è ancora registrato in Russia, è l'ideale in tali casi).

Il trattamento di pazienti con HC familiare include anche misure per prevenire l'esposizione al freddo e la nomina di farmaci antinfiammatori non steroidei durante gli attacchi, l'uso della terapia glucorticoide ad alte dosi. Tuttavia, tale terapia non cambia il decorso e la prognosi della sindrome autoinfiammatoria. Solo con l'avvento del preparato biologico Anakinra (somministrato quotidianamente per via sottocutanea alla dose di 1 mg / kg), un alto effetto terapeutico è associato alla sindrome autoinfiammatoria [5, 7].

Conclusione

È stato riferito che l'HC potrebbe eventualmente scomparire nella maggior parte dei pazienti. Allo stesso tempo, ci sono pochi studi scientifici in letteratura riguardo all'etiopatogenesi dell'allergia fredda secondaria, in particolare, associata alle infezioni. Un approccio terapeutico a questo problema richiede anche uno studio dettagliato. In una stampa russa accessibile, non abbiamo trovato descrizioni di casi di orticaria fredda familiare - qual è il problema qui: fortunatamente, i nostri pazienti non hanno questa patologia grave o nella nostra insufficiente conoscenza di HC.

Letteratura

  1. Magerl M., Borzova E., Gimnez-Arnau A. et al. La definizione e test diagnostici di orticaria fisica e colinergica - raccomandazioni del panel di consenso EAACI / GA2 LEN / EDF / UNEV // Allergia. 2009: 64: 1715-1721.
  2. Morais-Almeida P., Marinho S., Gaspar A. et al. Orticaria fredda e mononucleosi infettiva nei bambini // Allergol Immunopathol (Madr). 2004; 32: 368–371.
  3. Giebenhaar F., Degener F., Zuberbier T., Martus P., Maurer M. La desloratadina ad alte dosi riduce il volume del wheal e migliora le soglie di provocazione del freddo rispetto al trattamento a dosi standard in pazienti con orticaria fredda acquisita: un randomizzato, controllato con placebo, studio crossover // J Allergy Clin Immunol. 2009; 123: 672–679.
  4. Zaykov S.V. Orticaria a freddo: moderni approcci alla diagnosi e al trattamento // Immunologia clinica. Allergologia. Infettivologia. 2007; 6: 123.
  5. Fedorov E.S., Salugina S.O., Kuzmina N.N. Orticaria nella pratica di un reumatologo pediatrico // Consilium Medicum, applicazione Pediatria. 2008, n. 3: 68–72.
  6. Shinkai K., McCalmont T., Leslie K. Sindrome periodica assotiata da criopirina e autoinfiammazione // Clin Exp Dermatol. 2007; 33: 1–9.
  7. Hoffman H., Rosengren S., Boyle D. et al. Prevenzione dell'infiammazione acuta associata al freddo nella sindrome autoinfiammatoria fredda familiare da parte dell'antagonista del recettore dell'interleuchina-1 // Lancet. 2004; 364 (9447): 1779-1785.
  8. Gandhi C., Healy C., Wanderer A., ​​Hoffman H. Orticaria fredda atipica familiare: descrizione di una nuova malattia ereditaria // J Allergy Clin Immunol. 2009; 124: 1245–1250.
  9. Ducommun J., Morel V., Ribi C., Hauser C. Orticaria localizzata indotta dal freddo associata a immunoterapia specifica per allergia ai pollini degli alberi // Allergia. 2008; 63: 789–790.
  10. Nuutinen R., Harvima I., Ackermann L. Histamine, ma non il leucotriene C4, è un mediatore essenziale nell'orticaria fredda // Acta Dermato-Venereologica. 2007; 1: 9–13.
  11. Siebenhaar F., Staubach P., Metz M. et al. Sfida della temperatura basata sull'effetto Peltier: un metodo migliorato per diagnosticare l'orticaria fredda // J Allergy Clin Immunol. 2004; 114: 1224–1225.
  12. Boyce J. Trattamento efficace dell'orticaria / anafilassi indotta dal freddo con anti-IgE // Ibid. 2006; 117: 1415–1458.
  13. Ito A., Kazama T., Ito K., Ito M. Purpura con orticaria fredda in un paziente con crioglobulinemia mista associata a infezione da virus dell'epatite C di tipo III: trattamento efficace con interferone beta // J Dermatol. 2003; 30: 321–325.

D. Sh. Macharadze, dottore in scienze mediche, professore

Orticaria dal freddo: concetto, sintomi e trattamento

Allergia al freddo, primi sintomi e trattamento

L'orticaria dal freddo è uno dei tipi di reazioni allergiche del corpo. Molto spesso si verifica a seguito di esposizione a basse temperature, con umidità, umidità elevata. Come trattare una malattia simile? Ci sono modi per affrontarlo?

Cos'è

L'orticaria è una reazione sulla pelle sotto l'influenza di determinati fattori. Viene diagnosticato in bambini e adulti, indipendentemente dal sesso. L'orticaria non è contagiosa, non viene trasmessa da una persona all'altra.

La forma fredda dell'orticaria è la risposta della pelle agli effetti del freddo. Si manifesta sotto forma di eruzioni cutanee di una tonalità rossa o rosa, accompagnate da un intenso prurito. L'urtikaria fredda ha un codice per ICD-10 L50.2.

Un'allergia al freddo si verifica spesso dopo il bagno in acqua fredda. I sintomi nei pazienti differiscono: alcune manifestazioni sono intense, altre soffrono meno. Distribuito nei paesi freddi.

La malattia è più suscettibile ai giovani e ai bambini di età superiore ai cinque anni. I piccoli alveari nei bambini spesso vanno via con l'età da soli. Ci sono stadi acuti e cronici della malattia.

Se si verificano sensazioni spiacevoli, si consiglia di visitare uno specialista - un dermatologo o un allergologo.

patogenesi

Qual è il meccanismo di sviluppo dell'orticaria fredda? Sotto l'influenza di un fattore provocante - il freddo - i granuli presenti nei mastociti vengono distrutti. Di conseguenza, vengono rilasciati alcuni principi attivi che contribuiscono allo sviluppo dell'orticaria. La sostanza principale in questo caso è l'istamina..

Quantità eccessive comportano un aumento della permeabilità vascolare, un aumento del flusso sanguigno, con conseguente reazione negativa sulla pelle.

Quando si reagisce al freddo, è possibile rilasciare altri principi attivi che influenzano le condizioni della pelle. In tali casi, l'uso di antistaminici non dà il risultato desiderato..

Segni della malattia

Come si manifesta l'orticaria fredda? I sintomi dell'orticaria di questo tipo non differiscono dalle manifestazioni di altri tipi.

La reazione all'irritante si manifesta entro cinque o venti minuti. In alcuni casi, i sintomi possono manifestarsi dopo alcune ore. Qual è la caratteristica della febbre da un raffreddore?

Sintomi

  • Le vesciche rosse sull'epidermide, singole o multiple, possono fondersi in grandi macchie,
  • Prurito intenso, intenso, a volte insopportabile,
  • Peggioramento della salute, debolezza,
  • Dolore ai muscoli, alle articolazioni,
  • Mal di testa, vertigini,
  • Svenimento o svenimento,
  • Gonfiore dei tessuti a contatto con il freddo,
  • Mancanza di respiro, naso che cola, lacrimazione,
  • Nausea, in rari casi, riflesso del vomito,
  • Gonfiore delle mucose, shock anafilattico, edema di Quincke.

I sintomi si manifestano piuttosto rapidamente. scompare gradualmente al ritorno in un ambiente caldo. L'orticaria fredda è divisa in diversi tipi.

  1. Acuto. È caratterizzato da una forte manifestazione di sintomi, in rari casi si verificano reazioni gravi. I segni scompaiono anche rapidamente.
  2. Riflesso. Una reazione allergica è presente solo nelle aree dell'epidermide a contatto con il freddo.
  3. Ricorrente. Una manifestazione stagionale è caratteristica, l'orticaria non può apparire a lungo, dopo di che colpisce di nuovo la pelle.

Come si presenta l'orticaria, puoi vedere nella foto.

Cause di eruzione cutanea di ortica dal freddo

Quali fattori possono scatenare l'orticaria fredda? La malattia si verifica a causa di un aumento della sensibilità delle cellule epidermiche al freddo..

  1. Malattie infettive,
  2. Forme croniche di malattie degli organi interni,
  3. Malattie oncologiche,
  4. Sistema immunitario debole,
  5. Molte tossine nel corpo,
  6. Squilibrio ormonale,
  7. Malattie parassitarie,
  8. Carenza di vitamina,
  9. Eredità, predisposizione genetica,
  10. Disturbo dello stomaco e dell'intestino,
  11. Malattie del sangue,
  12. Frequenti shock nervosi e stress.

La presenza di uno o più di questi fattori porta allo sviluppo dell'orticaria.

Qual è il pericolo di una tale malattia? È impossibile prevedere esattamente quando si manifesterà la malattia. In assenza di un trattamento adeguato, l'orticaria può gradualmente trasformarsi in una condizione cronica, provocare lo sviluppo di malattie autoimmuni.

La comparsa dell'edema di Quincke e dello shock anafilattico può causare la morte. Inoltre, la febbre dell'ortica dal freddo interrompe il normale corso della vita.

Diagnosi di orticaria

La diagnosi viene fatta in istituzioni specializzate. Per rilevare la reazione, viene eseguito un test sulla percezione della pelle del freddo: un pezzo di ghiaccio viene eseguito lungo l'epidermide alla curva del gomito. Se si verifica un'eruzione cutanea, possiamo parlare della presenza di orticaria.

Una varietà di studi sono utilizzati se necessario..

  • Esami del sangue e delle urine,
  • Test sugli allergeni,
  • Studi immunologici,
  • Test parassiti,
  • Usando la radiografia e la tomografia computerizzata,
  • Esame della tiroide.

Si distinguono le forme tipiche e atipiche dell'orticaria fredda. Nel primo caso, l'orticaria viene acquisita, per la sua diagnosi, viene eseguita una biopsia cutanea.

La forma atipica si riferisce alle malattie ereditarie, viene diagnosticato un esame del sangue. Dopo aver effettuato una diagnosi accurata, viene prescritto un trattamento adeguato..

Trattamenti per un'eruzione cutanea fredda

Quando compaiono i primi segni di orticaria, una persona viene collocata in una stanza calda, puoi fornirgli un bagno caldo. Successivamente, i farmaci e la medicina tradizionale vengono utilizzati per il trattamento.

Medicinali:

  1. Gli antistaminici - Claritin, Tavegil, Suprastin - riducono la produzione di istamina nel sangue, riducono la reazione negativa sulla pelle.
  2. I rimedi esterni aiutano ad alleviare l'infiammazione, riducono il gonfiore e il prurito. Trovato sotto forma di creme, gel, unguenti - Fenistil, Skin-cap, Gistan.
  3. Nei casi più gravi, possono essere prescritti preparati contenenti ormoni: idrocortisone, Elokom, Advantan. I mezzi aiutano bene, tuttavia, hanno alcuni effetti collaterali e sono vietati per un uso prolungato..
  4. Con l'edema di Quincke e lo shock anafilattico, è necessario fornire assistenza di emergenza alla vittima e chiamare un team di medici. In questa condizione, l'epinifrina viene somministrata al paziente, un'ampolla di antistaminici e medicina decongestionante.

Le medicine sono prescritte da uno specialista, la selezione indipendente di medicinali può provocare una esacerbazione dell'orticaria. Per il trattamento della febbre dell'ortica dal freddo è consentito utilizzare rimedi e metodi popolari.

Rimedi popolari:

  • Il succo di sedano appena spremuto viene bevuto un cucchiaino tre volte al giorno prima dei pasti.
  • Una piccola quantità di succo di una foglia di aloe viene spremuta su un tovagliolo di garza. Compress è usato sulla pelle infiammata con orticaria fredda..
  • Trecento grammi di foglie di ortica vengono versate in trecento millilitri di acqua bollente. Insistere durante il giorno. Filtra e prendi un bicchiere prima di coricarti.
  • Una buona profilassi per l'orticaria sul corpo è la marmellata di lamponi. Dovrebbe essere consumato qualche cucchiaio al giorno.
  • Per le infusioni di erbe, usa camomilla, calendula, bardana. Strumento pronto all'uso per pulire le aree infiammate della pelle.
  • Duecento grammi di mirtilli freschi vengono macinati e applicati alle aree interessate. La procedura viene eseguita una volta al giorno per sette giorni..
  • Centocinquanta grammi di aghi di conifere, coni e ramoscelli vengono versati con acqua bollente. La soluzione pronta viene utilizzata per i bagni allergici.

I rimedi popolari possono causare aggravamento dell'orticaria, quindi vengono utilizzati dopo aver consultato uno specialista.

Il cibo dovrebbe essere equilibrato. Gli alimenti esclusi gli alimenti ad alto contenuto di istamina, enzimi e coloranti artificiali sono esclusi dal cibo. La preferenza dovrebbe essere data a prodotti lattiero-caseari, frutta e verdura ipoallergeniche..

Metodi di prevenzione

Lo sviluppo dell'orticaria fredda su gambe, braccia e altre parti del corpo può essere prevenuto se aderisci a una certa prevenzione.

  1. Vesti secondo il tempo, non dimenticare biancheria calda, cappelli e sciarpe.
  2. Si consiglia di utilizzare agenti protettivi speciali, applicarli alle aree esposte della pelle.
  3. Se ci sono segni di orticaria, vai immediatamente in un luogo caldo.
  4. Particolare attenzione è rivolta alla corretta alimentazione, non dovrebbero esserci alimenti nella dieta che possano causare una reazione allergica.
  5. Se possibile, prova ad escludere il contatto con l'allergene..
  6. Tratta tempestivamente tutte le malattie: infettive, virali, fungine.

L'orticaria fredda è una malattia spiacevole che viola il normale stile di vita di una persona. La malattia non può essere completamente curata, tuttavia, l'adesione alle prescrizioni raggiungerà una remissione stabile..

Cos'è l'orticaria fredda e come trattarla con rimedi popolari?

Spesso, le allergie cutanee sono causate da una reazione al freddo. Questo tipo di allergia è persino innescato dal tempo e quindi ci sono diversi nomi simili: orticaria fredda, allergia meteorologica, allergia fredda.

Secondo la classificazione internazionale delle malattie, è criptato come codice ICD-10 (L50.2). Questa forma di orticaria è caratterizzata dalla comparsa istantanea di vesciche ed eruzioni rossastre..

La malattia è molto spiacevole, ma il problema è stato eliminato. A volte puoi incontrare persone che soffrono di orticaria fredda, anche se meno spesso. Come curare questa malattia, leggerai in questo articolo..

Come diagnosticare una malattia in te stesso?

Questa forma di orticaria può essere sospettata se si osservano i seguenti sintomi dopo l'esposizione al freddo:

  • broncospasmo, ansimante, raucedine;
  • eruzioni cutanee sulla pelle;
  • secrezione di lacrime e naso che cola, passando nel caldo;
  • aree aperte della pelle si gonfiano;
  • palpitazioni, dolore addominale, aritmia.

La malattia è spesso espressa dalla congestione nasale e nei suoi passaggi si avvertirà un forte prurito. Gli occhi subiscono congiuntivite, che provoca un diluvio di lacrime. La bassa temperatura colpisce i bronchi, che provocano mancanza di respiro. Una forte tosse nel tempo può causare lo sviluppo di asma bronchiale.

L'orticaria fredda è di diversi tipi che presentano alcuni sintomi.

    cronico.

Con questo tipo di malattia, si nota un forte prurito delle aree esposte della pelle, ma a volte tutto il corpo. In questi punti compaiono gonfiori e vesciche della pelle. Se la malattia procede in forma grave, compaiono brividi, dolore ai muscoli e palpitazioni cardiache. L'esacerbazione si verifica nella stagione fredda e dura diverse settimane. Riflesso.

Una tipica reazione all'esposizione al freddo. Appare come un'eruzione rossastra che circonda una zona fredda della pelle. Forma ricorrente.

Questa orticaria è stagionale, ma l'acqua fredda aggrava tutto l'anno. Orticaria familiare.

È molto raro Il motivo è una predisposizione genetica. Appaiono i brividi, le articolazioni fanno male. Esiste una forma rara della malattia in cui appare l'eruzione cutanea dopo un giorno. È spesso confusa con la manifestazione dell'orticaria idiopatica. Eritema freddo.

Le lesioni cutanee sono accompagnate da dolore. Dermatite da freddo.

C'è desquamazione della pelle e prurito intollerabile. In forma acuta, tutto il corpo si gonfia.

  • Rinite fredda. Il naso giace solo al freddo. I sintomi scompaiono in una stanza calda.
  • Cause dell'evento

    Non sono state ancora stabilite le cause esatte della reazione atipica del corpo agli effetti del freddo. Esiste una teoria secondo cui la malattia si sviluppa a causa di un difetto nelle proteine. Il freddo colpisce gli aminoacidi che si attaccano insieme.

    Il nodulo risultante del sistema immunitario percepisce un antigene estraneo. Si sviluppa un conflitto, che si manifesta con una reazione cutanea inaspettata. C'è un'altra teoria in cui le piastrine si uniscono, ma le manifestazioni sono le stesse.

    L'orticaria fredda è una manifestazione di una malattia.

    È possibile che possano essere:

    • infezioni
    • patologie autoimmuni;
    • disturbi del sistema digestivo;
    • linfosarcoma;
    • varicella.


    Qualsiasi malattia somatica può scatenare questo tipo di orticaria..

    Misure diagnostiche

    Anche prima della prima visita dal medico, è necessario seguire le regole di base per alleviare l'insorgenza dei sintomi:

    • Non pettinare le aree interessate e lubrificarle con crema all'olio;
    • è necessario evitare l'esposizione al freddo;
    • limitare il contatto con eventuali irritanti;
    • quando prurito, utilizzare solo antistaminici.

    La diagnosi dell'orticaria fredda non può essere definita complicata.

    Vengono svolte le seguenti attività:

    1. esame di anamnesi.
    2. Test di laboratorio.
    3. Se necessario, vengono prescritti esami hardware e radiografie.

    Vengono anche utilizzati test specifici..

    • Test di Duncan. Il ghiaccio viene deposto sull'avambraccio. Ma bisogna riconoscere onestamente che il test non è sempre accurato. La maggior parte dei pazienti con orticaria ereditaria ha un risultato negativo.
    • Il paziente rimane nudo per 10 minuti in una stanza fredda.
    • Test modificato Consiste nell'immergere l'avambraccio in acqua refrigerata..

    Orticaria fredda nella foto:

    Caratteristiche del trattamento

    Quando appare l'orticaria fredda, il pronto soccorso è limitato alle compresse termiche. Ma le persone con una predisposizione a questa malattia dovrebbero sempre avere con sé: Claritin, Cetirizine, Cetrin, Xizal (naturalmente, uno dei farmaci).

    Si consiglia inoltre di utilizzare una crema barriera "Barrierderm".

    Va ricordato che non tutti i rossori della pelle indicano una malattia. Questa è una reazione naturale all'esposizione al freddo. Dovresti conoscere le differenze per non danneggiare il corpo assumendo farmaci non necessari.

    È impossibile eliminare la malattia con i soli farmaci. Il trattamento deve mirare a sopprimere la causa.

    A proposito, il paziente deve essere informato sui farmaci controindicati:

    1. aspirina.
    2. Preparati di codeina trovati in molti antidolorifici.
    3. ACE-inibitori. I farmaci in questo gruppo causano angioedema.

    Antistaminici per lo più prescritti:

    • gli antistaminici contrastano l'istamina. Desloratadina e Fexofenadine vengono utilizzate una volta al giorno fino a quando l'eruzione cutanea scompare completamente..
    • Si possono usare creme antiallergiche..
    • Cyproheptadine. Mitiga i sintomi agendo sugli impulsi nervosi.
    • Omalizumab. Cura l'asma, ma è anche utile nella lotta contro l'orticaria fredda..
    • Doxepin. Elimina principalmente la depressione, ma allevia anche i sintomi di questa orticaria..


    Ma a volte hai bisogno di una terapia più seria e in casi difficili si applicano:

    • antagonisti - Akolat, Singolare.
    • Ciclosporina - utilizzata in presenza di un componente autoimmune nella patologia.
    • Prednisolone - con una combinazione di orticaria fredda con un'altra malattia.

    Trattamento con rimedi popolari

    Non c'è bisogno di ignorare le ricette popolari. Molti sono testati nel tempo e si sono dimostrati eccellenti..

    Ecco alcuni che è possibile utilizzare:

    1. la cosa più semplice è applicare un impacco caldo umido sulla zona interessata e tenerlo premuto per 10 minuti.
    2. Aiuta perfettamente il succo di aloe. È necessario spremere il succo dalla foglia della pianta su una garza e attaccarlo alle aree dolorose. Durata: non più di 15 minuti..
    3. Dovresti bere molto tè verde. Questo antiossidante naturale cura con successo l'orticaria fredda. Prima di uscire in inverno, bevi del tè verde caldo.
    4. Per quanto strano possa sembrare, l'ortica stessa aiuta a combattere l'orticaria. Versare acqua bollente sulle foglie della pianta, insistere per diversi giorni e bere tale tè prima di andare a letto.
    5. Puoi anche insistere sulle radici di lampone e bere un drink due mesi prima di coricarti. Se non hai voglia di scherzare con la preparazione delle infusioni, puoi semplicemente usare la marmellata di lamponi. Previene perfettamente l'orticaria fredda..

    Dieta

    I pazienti con questa diagnosi devono aderire a una dieta speciale a basso contenuto di istamina. I suoi principi principali sono:

    • esclusione di alimenti con istamina in eccesso;
    • dimenticare il cibo fermentato;
    • evitare cibi con coloranti alimentari.

    Dalla dieta dovrebbe essere rimosso: frutti di mare, latte, conserve, pomodori, birra.

    Sfortunatamente, non esiste ancora una cura che allevia completamente l'orticaria fredda. Ma la malattia può essere combattuta con successo, poiché sono stati sviluppati farmaci speciali e misure preventive. Al fine di prevenire lo sviluppo di questo tipo di orticaria, è consigliabile indurire.
    Guarda un video sull'argomento:

    Quali potrebbero essere le conseguenze e come sbarazzarsi dell'orticaria dal freddo?

    L'orticaria fredda è una reazione allergica del corpo umano al freddo. Questa è una patologia rara che si verifica in una persona per 100 mila. Un sintomo caratteristico sono le vesciche pruriginose rosa pallido che saltano in tutto il corpo o solo in determinati luoghi. Il codice per ICD 10 è “L50.2”. Qualsiasi orticaria è difficile da trattare e anche fredda. L'unico metodo efficace è quello di evitare fattori che provocano irritazione. In alcuni, l'orticaria dal freddo procede con recidive e remissioni a breve termine entro 10-15 anni, in altri - ci vogliono 3 anni o più velocemente. A volte complicato da gravi malattie sistemiche, può essere un sintomo di altri disturbi.

    Cos'è l'orticaria fredda

    Questa è una specie di allergia al freddo, che si verifica nel periodo autunno-inverno e all'inizio della primavera. I sintomi di un'allergia fredda compaiono nel posto a contatto con l'irritante. Molto spesso, l'acqua fredda o l'aria gelida in inverno è irritante..

    L'orticaria fredda o fredda viene diagnosticata nei giovani (16-20 anni), nonché nei bambini di età superiore ai cinque anni. Se i suoi sintomi vengono osservati per 6 mesi o più, possiamo parlare di una forma cronica di patologia. Dopo alcuni anni, di solito passa spontaneamente nella maggior parte dei pazienti, ma può anche stare con una persona per tutta la vita. Se si manifestano sintomi di una reazione allergica cutanea al freddo, si consiglia di consultare immediatamente un allergologo e un dermatologo. Se non trattata, una malattia può influire negativamente su tutto il corpo e provocare complicazioni..

    Cause e fattori di rischio

    Le cause esatte dell'orticaria fredda sono ancora sconosciute. Si ritiene che una predisposizione ereditaria all'orticaria possa essere trasmessa dai genitori ai bambini e che i suoi sintomi siano provocati da interruzioni autoimmuni e ormonali, infezioni (malattie croniche degli organi ENT, genitali, intestinali) e altre malattie.

    Il principale provocatore della reazione negativa del corpo è il freddo (abbassamento della temperatura dell'aria o dell'acqua ghiacciata), che stimola il rilascio di istamina e altri "patogeni" delle allergie da parte delle cellule immunitarie.

    A volte un'eruzione cutanea fredda è un sintomo di altre malattie, ad esempio la crioglobulinemia o la sifilide. Le cause di esacerbazione delle allergie possono anche essere:

    Il gruppo a rischio con una maggiore probabilità di orticaria da gelo comprende le persone con immunodeficienza, disturbi metabolici nel corpo, nonché coloro che sono spesso esposti allo stress e ad uno sforzo fisico eccessivo..

    Varietà e segni della malattia negli adulti e nei bambini

    L'orticaria fredda può essere:

    Queste sono le sue forme principali. La forma acquisita di orticaria appare 3-5 minuti dopo uno stretto contatto con l'allergene e dura solo 2-5 ore, quindi i sintomi scompaiono. L'allergia al freddo ereditaria appare in un giorno o due dopo il contatto con un irritante e rimane per 2-3 giorni.

    Con una varietà ereditaria di orticaria, i principali sintomi (pelle) possono essere integrati da sistemici: febbre, vertigini, soffocamento, dolori articolari, debolezza. L'orticaria acquisita è ulteriormente suddivisa in diverse sottospecie:

    • primario: i sintomi compaiono entro mezz'ora dal contatto con il freddo, i segni principali sono prurito, arrossamento, bruciore della pelle su braccia e gambe, sono possibili anche ulteriori sintomi sotto forma di vertigini, palpitazioni, soffocamento;
    • lento - si manifesta molto più tardi, i sintomi sono gli stessi della versione precedente;
    • localizzato - la manifestazione di un'eruzione cutanea sotto forma di vesciche solo su quella parte del corpo colpita dal freddo, forse anche sulle labbra dopo bevande fredde;
    • riflesso - compaiono macchie rosse in risposta al contatto locale di oggetti freddi con la pelle o all'ipotermia generale del corpo;
    • secondario: si manifesta dopo varie malattie infettive.

    Secondo i sintomi, l'orticaria fredda è generalmente suddivisa nelle seguenti sottospecie:

    • eritema (eritema doloroso si forma sulla pelle dopo il contatto con un allergene);
    • dermatite (forma fredda atipica, gonfiore, arrossamento, desquamazione della pelle);
    • rinite (congestione nasale dopo aria fredda, che si chiama rinite allergica);
    • congiuntivite (irritazione agli occhi solo per strada quando fa freddo).

    I segni classici dell'orticaria fredda sono:

    • vesciche rosse di varie forme e dimensioni sull'area della pelle a contatto con il freddo, ad esempio sulla parte esterna della coscia;
    • gonfiore e dolore alle mani durante il contatto con oggetti freddi;
    • gonfiore delle labbra e delle mucose della bocca quando si bevono bevande fredde e dopo aver mangiato a bassa temperatura.

    Se si preme sulle eruzioni allergiche provocate dall'orticaria, diventano temporaneamente pallide. Le eruzioni cutanee possono saltare ovunque, anche su piedi, mani, cuoio capelluto. Specialmente spesso localizzato su viso e collo. Questi siti sono caratterizzati da una maggiore gravità dei sintomi. Per la manifestazione della reazione di intolleranza al freddo, è sufficiente una temperatura inferiore a + 3 ° C.

    In situazioni particolarmente difficili, l'orticaria fredda sfocia in uno shock anafilattico e nell'edema di Quincke (gonfiore della laringe, della lingua, del tratto respiratorio). Questi sintomi sono mortali e quindi richiedono cure mediche immediate. Le reazioni allergiche fredde più gravi si osservano quando il corpo umano è completamente immerso in acqua ghiacciata, ad esempio durante i tradizionali bagni invernali. In tali situazioni, una persona può perdere immediatamente conoscenza e soffocare.

    Metodi diagnostici

    La diagnosi dell'orticaria fredda può essere facilmente eseguita a casa. Per fare questo, attacca il ghiaccio al gomito per 25 minuti. In presenza di una reazione allergica sulla pelle nel sito di contatto con il ghiaccio, appariranno vesciche rosse o rosa infiammate. È molto più difficile determinare il fattore che provoca una reazione inadeguata del corpo al freddo (ad eccezione del freddo stesso), vale a dire malattie concomitanti e deviazioni. Per questo, vengono prescritti vari esami del sangue di laboratorio.

    Complicanze: cosa temere per i malati

    L'orticaria fredda dovrebbe essere un'occasione per visitare l'ospedale. Se non trattata, un'allergia fredda può provocare varie complicazioni: lupus eritematoso, ghiandola tiroidea, patologie della cistifellea e altre malattie sistemiche. Anche se i sintomi dell'orticaria sono sempre relativamente lievi, in qualsiasi momento l'allergia può andare in shock anafilattico o portare all'edema di Quincke. Pertanto, non dovresti ignorare i sintomi della pelle.

    Come trattare l'orticaria fredda

    Solo una terapia complessa, che consiste in dieta, terapia farmacologica, cure adeguate e protezione della pelle da fattori ambientali negativi, aiuterà a curare l'orticaria fredda. Inoltre, puoi provare i rimedi popolari, ma solo con estrema cautela, poiché spesso aggravano il decorso delle malattie allergiche..

    Eliminazione del fattore irritante

    Il metodo più affidabile per il trattamento dell'orticaria fredda è la prevenzione: l'eliminazione di un fattore irritante. Per fare questo:

    • proteggere il corpo il più possibile con l'abbigliamento quando si va fuori in inverno;
    • rifiutare bevande e cibi freddi;
    • indossare occhiali per proteggere gli occhi prima di uscire;
    • Non usare acqua fredda per le procedure igieniche;
    • non toccare oggetti freddi a mani nude.

    Nella stagione calda, il corpo può essere gradualmente abituato al freddo, temperandolo con una doccia a contrasto. Solo seguire tutte le raccomandazioni aiuterà a sbarazzarsi dei sintomi dell'orticaria e prevenire la sua ricaduta.

    Terapia farmacologica

    Il trattamento dell'orticaria fredda con medicinali è l'assunzione di antistaminici.

    Per le persone con orticaria al freddo, medicinali come l'aspirina, la codeina e gli ACE-inibitori sono controindicati. Tutti loro possono provocare angioedema nei soggetti allergici..

    Spesso vengono prescritti medicinali antiallergici sicuri venduti in farmacia nelle farmacie:

    Inoltre, gli unguenti antiallergici possono essere utilizzati per alleviare i sintomi. A giudicare dalle prescrizioni dei medici, i migliori rimedi per l'orticaria fredda sono:

    • Ciproeptadina (blocca gli impulsi delle terminazioni nervose, riducendo così la gravità dei sintomi dell'orticaria);
    • Doxepin (sedativo);
    • Omalizumab (prescritto per l'inefficacia di altri farmaci).

    Per le persone con orticaria al freddo, medicinali come l'aspirina, la codeina e gli ACE-inibitori sono controindicati. Tutti loro possono provocare edema allergico nei soggetti allergici..

    Rimedi popolari

    La terapia tradizionale suggerisce di trattare l'orticaria da freddo con impacchi caldi: il tessuto preriscaldato deve essere applicato sull'area interessata per 5-15 minuti. Il succo di aloe è anche usato come unguento per la pelle per alleviare i sintomi delle allergie fredde. Si raccomanda inoltre di bere l'infuso di tè verde e ortica per il rafforzamento generale del corpo..

    Dieta

    I principi fondamentali di una corretta alimentazione degli alveari al freddo:

    • eliminare gli alimenti allergenici;
    • rifiutare alimenti fermentati;
    • evitare coloranti e aromi artificiali.

    La cosa più importante è rimuovere gli alimenti dalla dieta che aumentano la sintesi di istamina nel corpo: frutti di mare, pesce, pomodori, melanzane, spinaci, birra, latte, cibo in scatola. La nutrizione dovrebbe essere leggera, equilibrata e il più diversificata possibile, in modo che il corpo riceva una quantità sufficiente di nutrienti e vitamine..

    Cosa fare se l'orticaria è diventata grave

    Le forme complicate e gravi di orticaria fredda devono essere trattate con antagonisti dei leucotrieni (come i farmaci Akolat e Singular), immunosoppressori (ciclosporina), glucocorticoidi (Prednisolone). Persone soggette a gravi reazioni allergiche (le manifestazioni gravi sono spesso provocate dalla forma riflessa dell'orticaria fredda), si consiglia di avere sempre con sé farmaci di emergenza: Loratadina, Fexofenadina, Cetirizina.

    Prevenzione dell'eruzione cutanea

    Per prevenire attacchi di orticaria fredda, è necessario evitare l'ipotermia di tutto il corpo e delle sue singole parti. Si raccomanda a chi è malato di rafforzare la propria immunità, di trascorrere più tempo all'aria aperta (se il tempo lo permette), di condurre uno stile di vita sano e attivo e di seguire una dieta. È anche auspicabile eliminare i focolai di infezione cronica nel corpo (tonsillite, carie) e trattare tempestivamente le malattie concomitanti.