Principi di una dieta ipoallergenica per i bambini

Allergeni

Una reazione allergica viene sempre più diagnosticata in bambini di diverse fasce d'età. Ciò è dovuto all'immaturità del sistema immunitario e all'intolleranza individuale alle singole sostanze. L'allergia è accompagnata da disfunzione di organi, sistemi e spesso porta a gravi complicazioni. È necessario diagnosticare tempestivamente la malattia, curarla e adottare misure preventive. Un componente importante della terapia è una dieta ipoallergenica..

indicazioni

La dieta è prescritta per i bambini inclini a una reazione allergica, indipendentemente dal tipo di allergene. Questa è una parte importante del trattamento. Non solo ti consente di fermare i sintomi, ma aiuta anche a evitare manifestazioni negative in futuro..

L'essenza della dieta per le allergie è l'esclusione dalla dieta di prodotti che possono provocare una reazione allergica (crociata) o portare alla sua esacerbazione. È indicato per l'ipersensibilità a determinati alimenti, punture di insetti, polvere, droghe, sostanze chimiche. Si raccomanda una dieta speciale per le reazioni allergiche acute prima di determinare la proteina patogena.

Raccomandazioni generali

Un medico prescrive una dieta ipoallergenica per un bambino, tenendo conto della sua età, delle sue condizioni fisiche, del grado di sintomi e di altri fattori. Solo un allergologo dopo un esame può cambiare cibo, espandere l'elenco di prodotti ipoallergenici.

Se segui una dieta, è importante comporre correttamente la dieta di un bambino. Dovrebbe ricevere tutte le vitamine, i minerali, una quantità sufficiente di proteine, grassi e carboidrati. Ciò garantirà uno sviluppo fisico e mentale armonioso, contribuendo ad evitare problemi di salute. Un allergologo, immunologo o nutrizionista per bambini può creare un menu equilibrato.

Per mantenere efficace la tua dieta ipoallergenica, segui le linee guida di seguito..

  • Rispettare rigorosamente le raccomandazioni del medico. Non prendere la tua decisione di aggiungere o escludere un prodotto dalla dieta..
  • Modifica il menu di tuo figlio man mano che invecchiano e le esigenze fisiologiche cambiano..
  • Utilizzare il metodo di cottura, stufatura o cottura per cucinare..
  • Visita regolarmente il tuo medico, esegui i test necessari per monitorare lo stato di salute del bambino e valutare l'efficacia della terapia..
  • Proteggi il tuo bambino dal contatto con sostanze che possono causare allergie, monitora la sua igiene e l'ambiente.

Tieni il diario alimentare di un bambino. Inserisci un elenco di alimenti introdotti nella dieta e descrivi la reazione del corpo (se ci sono state eruzioni cutanee, disturbi delle feci, altre manifestazioni della risposta immunitaria). Ciò determinerà i prodotti allergenici e li escluderà dalla dieta..

Cosa mangiare

Una dieta ipoallergenica per bambini include un ampio elenco di prodotti ammessi nel menu. Forniscono l'apporto di nutrienti e ti permettono di creare una dieta gustosa e varia.

L'elenco dei cibi sicuri comprende agnello, carne di coniglio, manzo, zucchine, broccoli, cavoli, zucca, rape, verdure a foglia verde, patate, mele cotte o verdi, mirtilli, pere, grano saraceno, riso. Con cautela, puoi mangiare cetrioli, carote, barbabietole, legumi, tacchino, frattaglie, carne di maiale magra, pesce di fiume, segale, orzo, farina d'avena, albicocche, biscotti secchi.

Prodotti proibiti

Gli allergologi dei bambini avanzano varie ipotesi riguardo al pericolo e al grado di allergia di alcuni prodotti. Tuttavia, in molti modi le loro opinioni sono simili..

Di seguito è riportato un elenco di prodotti ipoallergenici..

  • Verdure: pomodori, ravanelli, sedano, peperoni.
  • Frutta e bacche: agrumi, melone, fragole, kiwi, cachi, banane, uva, ananas, melograno.
  • Carne e prodotti ittici: frutti di mare, pesce grasso (in particolare rosso), caviale, pollo, anatra, carni affumicate.
  • Cereali: grano, semola.
  • Altro: cioccolato, noci, spezie, cacao, spezie, uova di gallina e quaglia, latte di mucca, miele, funghi, lievito.

Dieta specifica

Restrizioni rigorose sono imposte fino all'esatta determinazione dell'allergene, quindi il menu si espande a discrezione di uno specialista. Se necessario, il medico può prescrivere una dieta ipoallergenica specifica, esclusi cibi e piatti contenenti una proteina patogena.

In caso di intolleranza individuale alle proteine ​​del latte (caseina), è vietato includere prodotti lattiero-caseari in qualsiasi forma nel menu: latte, latte condensato, ricotta, kefir, latte al forno fermentato, yogurt, yogurt, margarina, burro, gelato. Tutti i piatti e prodotti che contengono queste sostanze sono esclusi, ad esempio, dolci, pasticcini e salsicce. Allo stesso tempo, per ricevere una quantità sufficiente di proteine, è necessario aumentare la porzione del piatto di carne.

Con la celiachia (allergia al glutine), i cereali, il pane, la pasta, i cereali, i panini, il cioccolato, l'impanatura, i cracker cadono sotto il divieto. Non acquistare alimenti contenenti proteine ​​vegetali, amido, glutammato monosodico.

In caso di reazione allergica alle uova, tutti i prodotti che li contengono sono esclusi: salse, uova strapazzate, pasticcini, dolci, caramelle gommosa e molle, pastella, salsicce, salsicce. Evita gli alimenti contenenti lecitina, albumina, lisozima e altri integratori..

Caratteristiche di una dieta per età

Una dieta ipoallergenica è compilata da un allergologo che tiene conto dell'età e dei bisogni fisiologici del bambino. Ciò ti consente di creare una dieta competente, equilibrata e varia.

seni

Se un'allergia viene diagnosticata in un bambino, la dieta viene prescritta alla madre che allatta. Tutti gli alimenti che possono causare una reazione vengono rimossi dalla dieta. Con l'esatta determinazione dell'allergene, viene prescritta una dieta specifica ad eccezione della fonte della proteina patogena (senza latticini o senza glutine).

Se il bambino si nutre artificialmente, viene selezionata una miscela ipoallergenica. I più popolari sono "Similak", "Nan", "Bellakt", "Baby", "Unfavored". Non è sempre possibile raccogliere una miscela la prima volta. Se il prodotto provoca una reazione negativa nel bambino sotto forma di eruzioni cutanee, vomito, disturbi delle feci, modificare la nutrizione.

Bambini 1-3 anni

Si raccomanda ai bambini di 1 anno di età di escludere il latte di mucca dalla dieta. Prodotti lattiero-caseari acidi gradualmente, monitorando costantemente le condizioni del bambino. Cuocere senza spezie, condimenti, con aggiunta di sale minimo.

A 2 anni, la dieta ipoallergenica si espande, i nuovi prodotti possono essere gradualmente inclusi, inclusa l'introduzione di uova di gallina e quaglia.

A 3 anni, il menu diventa più ampio, il bambino può mangiare da un tavolo comune. Allo stesso tempo, c'è un tabù su cioccolato, pomodori, frutti di mare, noci, fragole, agrumi.

Menu di esempio per bambini di 1-3 anni
MangiarePiatti
ColazioneRicotta, porridge di grano saraceno nel latte, mela verde, tè
PranzoZuppa di spaghetti d'acqua, cotoletta di carne, riso, frutta in umido
High teaMela, kefir o yogurt, biscotti secchi
CenaPatate bollite con carne, insalata di cavolo, tè

3 anni e più

Il menu per bambini dai tre anni comprende tutti i prodotti della tabella generale, ad eccezione di quelli che provocano una reazione acuta. I bambini con allergie non dovrebbero mangiare cibi pronti, fast food, bibite gassate, dolci. Tutti questi prodotti creano un carico maggiore sul corpo e aumentano il rischio di sviluppare una reazione..

Gli adolescenti spesso formano la propria dieta, cucinano il cibo e decidono sull'uso di determinati alimenti. È importante spiegare correttamente il pericolo di una violazione della dieta, descrivere chiaramente le conseguenze negative. A questa età, il caffè, le bevande gassate, le bevande alcoliche e le bevande alcoliche riempiono l'elenco dei prodotti vietati.

Menu di esempio per bambini dai tre anni
ColazionePranzoHigh teaCenaCena in ritardo
Farina d'avena su acqua, tè, un panino con burroZuppa vegetariana, lingua bollita con broccoli, insalata di cavolo, compostaBiscotti SuccoPurè di patate, polpette di carne, tèKefir, biscotti secchi
Casseruola di ricotta con marmellata, tèManzo bollito, insalata di cavoloAlbicocche secchePasta, cotoletta al vapore, succo di fruttaYogurt
Porridge di riso, formaggio a pasta dura, tè o cicoriaPorridge di grano saraceno, polpette di carne, tèRicotta con bananaZuppa Di Verdure, Insalata Di Verdure FrescheRyazhenka, pan di zenzero
Yogurt, banana, biscotti secchiTagliatelle, bistecche di manzo, frutta in umidoprugneInvoltini di cavolo, tèBiscotti Kefir

Una dieta ipoallergenica è un componente del trattamento e della prevenzione delle allergie nei bambini. In alcuni casi, dovrai tenerlo per tutta la vita. Dopotutto, ogni nuovo contatto con lo stimolo sta diventando più acuto e minaccia di conseguenze più pericolose..

213 ricette per pasti deliziosi per chi soffre di allergie (A. A. Sinelnikova, 2014)

Questo libro presenta metodi per affrontare vari tipi di allergie con l'aiuto di deliziosi piatti che aiuteranno a rendere il menu appetitoso e vario quando si usano solo prodotti che non causano reazioni allergiche nelle persone e aiutano a far fronte alla malattia. I lettori impareranno a mangiare deliziosamente e allo stesso tempo non avranno paura delle reazioni allergiche con allergie a soia, frutti di mare e pesce, pollame e uova, latte, verdure e frutta e prodotti a base di cereali. Inoltre, vengono fornite informazioni sul meccanismo del corso di allergie, prodotti allergenici, una dieta generale ipoallergenica, una dieta per l'asma, allergia ai funghi e febbre da fieno. Ancora più importante, il libro contiene 213 ricette per gustosi e salutari piatti ipoallergenici! Indirizzato a un vasto pubblico.

Sommario

  • Century Allergies
  • Allergia al cibo
  • Diete allergiche
  • Ricette di piatti
Dalla serie: Food That Heals

Il frammento introduttivo sopra del libro di 213 ricette per deliziosi piatti per chi soffre di allergie (A. A. Sinelnikova, 2014) è stato fornito dal nostro partner del libro, litri.

Diete allergiche

Dieta ipoallergenica generale

Una dieta ipoallergenica è adatta per i casi in cui non viene identificato un prodotto specifico che provoca una reazione o se esiste una cosiddetta "prontezza" del corpo per le allergie. Tale dieta dovrebbe consistere in prodotti in cui non vi sono o quantità minime di sostanze che causano condizioni allergiche. Prodotti adatti con un effetto avvolgente che prevengono l'assorbimento di allergeni, contengono una grande quantità di fibre alimentari (porridge di farina d'avena, riso, ecc.).

Nel caso in cui la natura dell'allergia rimanga poco chiara, non vengono utilizzate nella dieta: pesce (soprattutto mare), frutti di mare, fagioli, uova, noci, agrumi, maionese, pomodori, melanzane, peperoncino, funghi, prodotti a base di carne preparati e in scatola, miele e altri prodotti dell'apicoltura, formaggi, gelati.

Sono esclusi dal menu piatti fritti, prodotti a base di farina di grano tenero, pasticceria, cioccolato, marmellata, miele, pasticcini, alcuni frutti e bacche (banane, uva, uva passa, fichi, agrumi, fragole, lamponi, datteri), nonché succhi di frutta da loro.

La dieta ipoallergenica non contiene carne grassa, cibi trasformati, strutto, fegato, grassi da cucina, carne forte, brodi di pesce e funghi, pesce salato, carni affumicate, cereali, sottaceti, marinate, cibi salati, condimenti, salse.

Diffidare di latte, soia, noci. Limitare il consumo di sostanze che accelerano l'assorbimento degli allergeni: spezie e spezie (cipolle, aglio, senape, pepe), bevande alcoliche e gassate, verdure e pesce salati, caffè e cacao. Fatta salva una dieta ipoallergenica, non è consentito l'uso di prodotti sottoposti a trasformazione industriale, contenenti coloranti, aromi, aromatici e altri tipi di additivi alimentari.

Per ragioni sconosciute, le allergie sono generalmente consentite: tipi di carne a basso contenuto di grassi (carne di vitello, carne di coniglio); oliva, girasole, burro; zuppe vegetariane, patate lesse, zuppe di cereali e verdure, cereali di grano saraceno, riso, farina d'avena, cetrioli, prezzemolo, aneto, mele cotte, tè, zucchero, pane con crusca, frutta secca (eccetto l'uvetta), yogurt senza additivi, ricotta fresca, yogurt e altri prodotti lattiero-caseari fermentati, tutti i tipi di cavolo, zucca leggera, fagiolini. Adatto: zucchine, mele, pere in qualsiasi forma. Puoi usare bevande: composte di frutta, decotti di bacche di cinorrodo, acqua minerale senza gas, tè.

Esiste anche una variante di una dieta ipoallergenica rigorosa per manifestazioni allergiche di natura inspiegabile.

Opzione menu dieta ipoallergenica (proteine, grassi, carboidrati con calorie 1978 kcal)

Con esacerbazioni durante i primi tre giorni, durante la giornata sono consentiti solo 4-5 bicchieri di tè debole con una piccola quantità di zucchero. Nella seconda fase vengono aggiunti alla dieta pane bianco secco e cereali. Tre giorni dopo, includono menu e prodotti lattiero-caseari (burro, ricotta, formaggio, ecc.) Nel menu. Dopo tre giorni, la dieta viene ampliata per includere carne, pesce e, in seguito, piatti a base di uova, verdure e frutta.

Una dieta esclusiva viene utilizzata non solo per prevenire le allergie alimentari, ma anche per identificare gli allergeni. La conclusione dalla dieta dei prodotti più pericolosi a questo proposito consente non solo di migliorare le condizioni del paziente, ma anche di stabilire la causa della malattia. Per questo, la dieta deve essere osservata per due o tre settimane e quindi, se si nota un miglioramento, i prodotti esclusi possono essere gradualmente introdotti nella dieta, uno ogni tre giorni.

Una dieta esclusiva può essere utilizzata in vari casi di allergie alimentari. Tipicamente, un prodotto sospettato di sviluppare una reazione allergica viene rimosso da una dieta normale per sette-dieci giorni. Allo stesso tempo, tutti i piatti che possono includere un prodotto sospetto sono vietati. Se è possibile ridurre la manifestazione di reazioni allergiche, allora uno o un altro prodotto inizia ad essere aggiunto a sua volta. E quando si verifica una reazione, l'effetto allergico di un prodotto è considerato provato.

Se il prodotto non può essere completamente escluso dalla dieta, viene utilizzato in piccole quantità. Se possibile, viene diluito in acqua bollita in un rapporto di 1: 2, 1:10, 1: 100 e anche 1: 1000 e preso 1 cucchiaino di soluzione una volta al giorno, quindi aumenta quotidianamente la dose (fino a 10 cucchiaini in giorno). Il corso per abituarsi a tale prodotto è di almeno due o tre mesi. È molto più difficile sviluppare dipendenza da pesce, carne e altri prodotti insolubili..

In caso di reazioni lievi, si consiglia una piccola quantità di prodotto intollerante (ad es. 1 /6 uova, 20-30 ml di latte, ecc.) 45–60 minuti prima del pasto principale. Questo metodo a volte elimina le allergie a un prodotto specifico in 3-4 settimane..

Con un'esacerbazione delle allergie, si raccomanda il digiuno da uno a due giorni. In questo momento, dovresti bere solo tè o acqua deboli in un volume fino a 2 litri al giorno. La dieta successiva viene osservata per uno o cinque giorni e comprende prodotti che sono relativamente raramente la causa di reazioni allergiche. Sono ammessi pane (pane integrale di ieri), zuppe (cereali su brodo vegetale o vegetariano), cereali (farina d'avena o grano saraceno, cotti sull'acqua senza aggiungere olio). Mangia almeno sei volte al giorno. Con l'indebolimento dei sintomi, la dieta diventa meno rigorosa e tutti i prodotti di cui sopra sono inclusi in essa. Il numero di pasti può essere ridotto da tre a quattro volte al giorno.

Dieta per l'asma

La comparsa di un attacco asmatico è generalmente facilitata da proteine ​​estranee che rientrano nel corpo. A volte queste proteine ​​sono di origine batterica, in altri casi sono commestibili o si trovano in sostanze volatili nell'aria. Se c'è l'asma, ma non vi è alcuna chiara indicazione dell'una o dell'altra sostanza che causa un'allergia, tutto ciò che potrebbe potenzialmente causare una reazione, così come spezie acuminate e salinità, viene escluso dal cibo. La dieta per gli asmatici si basa sulla restrizione di carboidrati (in particolare zucchero), sale e liquidi. Ridurre la quantità di proteine ​​animali, escludere brodi saturi, alcool. Ridurre la quantità di queste sostanze riduce la reazione infiammatoria, la preparazione allergica per un attacco. Vitamine C, P, A, gruppo B, calcio e fosforo sono introdotti nella dieta, che riducono la reattività del corpo.

Succede che gli allergeni nell'aria abbiano proprietà comuni con determinati nutrienti. Ad esempio, il polline delle erbe di cereali è pericoloso tanto quanto i cereali stessi, il polline di nocciolo lo rende pericoloso per chi soffre di allergie e noci. Se il polline di assenzio e girasole provoca un'allergia, non dovresti mangiare semi di girasole. Pertanto, in presenza di una reazione al polline, vengono esclusi anche prodotti analoghi, specialmente durante i periodi di esacerbazione della malattia.

La dieta mira ad alleviare i sintomi e gli attacchi della malattia. Cibo cotto a vapore, bollito, in umido o cotto.

La composizione e il contenuto calorico della tabella dietetica per l'asma bronchiale: 100-130 g di proteine, 85 g di grassi, 300 g di carboidrati (complessi). Calorie giornaliere: 2600–2700 kcal.

Liquido libero: 1,5–1,8 L.

Sale: 8-10 g.

Temperatura ottimale del cibo: 15–65 ° C.

La nutrizione di coloro che soffrono di asma bronchiale dovrebbe essere frazionaria. Devi mangiare cinque volte al giorno in piccole porzioni. L'ultimo pasto dovrebbe essere fatto almeno 2 ore prima di coricarsi..

Prima colazione: porridge di grano saraceno, ricotta, tè al latte.

Pranzo: budino di mele.

Pranzo: borsch, pancakes con carne, stufato di verdure, brodo di rosa selvatica.

Spuntino: gelatina di frutta.

Cena: cavolfiore bollito, polpette in salsa, composta di mele.

Di notte: yogurt.

Opzione di menu per pazienti con asma (proteine, grassi, carboidrati con un contenuto calorico di 2457,3 kcal)

Alimenti proibiti della tabella n. 9 (specialmente durante le esacerbazioni dell'asma bronchiale): zucchero, sciroppi, liquori, miele, pasticceria, pesce e frutti di mare, carne di anatra e oca, caviale di pesce, uova, legumi, noci, agrumi, melone, pesche, lamponi, fragole, pomodori, lievito, cioccolato e miele.

Dovresti limitare l'uso di alcuni altri prodotti: semolino, pane integrale, ricotta, latte intero, panna acida, carne grassa e maiale, pollo.

A volte di esacerbazione dell'asma, offrono una dieta meccanicamente e chimicamente parsimoniosa.

Ciò ha un effetto positivo sull'attività degli organi interni. Tale dieta aiuta a ridurre vari disturbi e processi infiammatori, migliorando le condizioni del corpo con l'asma..

Dieta per allergie ai funghi

Un allergene comune è la muffa, che è un fungo. I funghi della muffa sono microrganismi viventi che parassitano su creature e oggetti di origine animale e vegetale. Molto spesso, la muffa viene propagata dalle spore che si diffondono nell'aria. Salendo sulle mucose, queste spore causano reazioni allergiche. Se viene riscontrato questo tipo di allergia, i prodotti contenenti muffa devono essere eliminati. Questi prodotti includono: formaggi a pasta dura (Roquefort, Camembert, formaggio cheddar, qualsiasi formaggio con uno stampo), latticini, kvas, birra, champagne e altri vini, liquori, carni affumicate, pasta lievitata, crauti, zucchero, fruttosio, sorbitolo, xilitolo, altri prodotti sottoposti a fermentazione durante la cottura.

Per le allergie ai microrganismi fungini, è necessario seguire alcune regole:

● escludere dalla dieta tutti i prodotti su cui si trova la muffa;

● prima di mangiare frutta o verdura cruda, sbucciarli;

● durante le esacerbazioni, limitare la quantità di prodotti grezzi, sottoporli al trattamento termico;

● conservare i prodotti in contenitori chiusi per non più di un giorno.

Dieta per la febbre da fieno

La pollinosi è una rinocongiuntivite allergica stagionale che provoca polline dalle piante. Abbiamo già notato sopra che se c'è sensibilità al polline di alcune piante, i frutti di queste piante possono causare allergie. Ad esempio, se sei allergico al polline dei fiori degli alberi da frutto (meli, pere, ciliegie, prugne, ecc.), Dovresti evitare di mangiare i loro frutti. Allo stesso tempo, le noci e alcuni tipi di verdure (carote, sedano, patate novelle, paprika) hanno una struttura comune con il polline degli alberi e possono anche causare allergie o esacerbarle. Gli allergeni particolarmente forti sono le nocciole, una reazione ad esse può verificarsi anche con un contenuto minimo negli alimenti.

Durante le esacerbazioni stagionali della febbre da fieno, si consiglia a tutti i pazienti di escludere il miele e le bevande alcoliche, che non solo possono causare allergie, ma anche indebolire l'effetto degli antistaminici. In caso di allergia al polline degli alberi, è vietato mangiare mele rosse, noci, ciliegie, pesche, albicocche, ciliegie, fragole, patate e carote giovani, bere linfa di betulla. Inoltre, è necessario limitare l'uso di prodotti come zucchero, dolci, conserve e altri prodotti dolciari, coloranti alimentari e additivi, sottaceti, marinate, carni affumicate, salsicce affumicate, bevande fredde, cioccolato, cacao, gelato, bevande alcoliche.

In alcuni casi, la febbre da fieno dovrebbe ridurre il consumo di patate, cipolle, cetrioli, pomodori. In nessun caso dovresti usare droghe come corteccia di olivello spinoso, gemme di ontano, gemme e foglie di betulla, assenzio, farfara, elecampane, camomilla, calendula, successione, achillea, tanaceto, dente di leone. Non è possibile utilizzare rimedi a base di erbe da erbe di cereali. Quando si risponde al polline delle erbe foschia (quinoa), le barbabietole e gli spinaci non devono essere mangiati.

Se sei allergico a polline, betulla, ontano o nocciola devi escludere dalla dieta: linfa di betulla, drupacee: prugne, pesche, albicocche, ciliegie, ciliegie, olive, olive, mele, pere, kiwi. Non puoi mangiare noccioline: bosco, noci, mandorle. Pericoloso: erbe e spezie (sedano, aneto, curry, anice, cumino), carote.

Sono ammessi i seguenti alimenti e piatti: pane, prodotti da forno da qualsiasi farina, biscotti, zuppe e piatti a base di carne (manzo magro, carne di vitello, carne di pollame), piatti a base di uova, latte e prodotti lattiero-caseari (yogurt, latte fermentato cotto, kefir, latte acidofilo, panna acida, ricotta non acida), cereali e casseruole da qualsiasi cereale, pasta, verdure (patate del vecchio raccolto, barbabietole, ravanelli, ravanelli, cetrioli, pomodori), legumi (fagioli, piselli, lenticchie, arachidi), bevande (tè, caffè debole con l'aggiunta di latte, acqua potabile e acqua minerale).

Per le allergie al polline, le erbe di prato di cereali non dovrebbero essere consumate: birra e kvas, mais, soia, fagioli, arachidi, acetosa. Nelle forme acute di febbre da fieno, è necessario limitare il consumo di cereali, pasta, pane e piatti, tra cui farina (cotolette, sugo, salse), fragole, fragole, agrumi.

Se sei allergico al polline delle erbe di asteraceae (assenzio, ambrosia, quinoa), dovresti escludere dalla dieta: semi di girasole e olio di girasole, halva, maionese, senape, cicoria, bevande che includono assenzio (vermouth, assenzio), meloni (melone, anguria), erbe e spezie (sedano, aneto, semi di cumino, prezzemolo, curry, pepe, anice, noce moscata, cannella, zenzero e coriandolo), limitare l'assunzione di carote, aglio, agrumi, banane, pesche, sedano, erbe, nella composizione che hanno camomilla, calendula, farfara e altre erbe di campo.

Consentito: pane integrale e di segale, prodotti da forno, biscotti, eventuali zuppe, carni magre, carne di vitello, pollame bollito, cotto o in umido, piatti a base di uova, latte e prodotti caseari (yogurt, latte fermentato, kefir, latte acidofilo, panna acida, ricotta non acida), cereali e casseruole, nonché pasta, verdure (patate, barbabietole, ravanelli, ravanelli, cetrioli, cavolfiori bianchi, cavolo rapa, broccoli), legumi (fagioli, piselli, lenticchie), bevande (tè, caffè debole con latte, acqua potabile e minerale, frutta e bevande gassate).

Dieta allergica al latte vaccino

Il latte di mucca contiene circa 20 proteine ​​diverse, mentre le allergie sono generalmente causate solo da tre proteine, che vengono distrutte da ebollizione, essiccazione, fermentazione. Se sei allergico a queste proteine, viene mantenuta una reazione sana al latte in polvere, ai prodotti a base di latte fermentato e al latte bollito. Se c'è una reazione a tutti i tipi di proteine, dovrai escludere completamente il latte di mucca dal menu.

Per i bambini del primo anno, l'alimentazione naturale e gli alimenti complementari nel latte materno diventano uno sbocco. Non dovrebbe inoltre esserci latte vaccino nella dieta di una madre che allatta. Se è necessario sostituire il latte materno con un'alimentazione artificiale, al posto del latte di mucca viene somministrato, ad esempio, latte di capra o di cavalla. Puoi anche usare mandorle, latte di soia per alimenti per bambini (preferibilmente mandorle, poiché la soia è anche un forte allergene). Parallelamente al latte di mandorle, ai bambini viene prescritta l'infusione di rosa canina (se non c'è allergia) o vitamina C, nonché soluzioni di vitamina D in quantità corrispondenti all'età. Inoltre, vengono introdotti precocemente alimenti vegetali e cereali (preparati anche con latte di mandorle o brodo vegetale) e il burro viene sostituito con olio vegetale.

Il periodo minimo di dieta è di 3-4 mesi, a volte dovrebbe durare sei mesi, un anno o anche diversi anni. Nel menu dopo questo periodo, gradualmente, in piccole porzioni, introdurre burro, latte acido.

Per gli adulti allergici al latte vaccino, nella dieta sono accettabili: tè, caffè surrogato, succhi di frutta (dai frutti ammessi in una dieta ipoallergenica), pane di segale, tutti i cereali, tutte le verdure, carne, grassi vegetali. Controindicato: latte, latticini: panna acida, formaggio, ricotta, yogurt, condensato ed essiccato, qualsiasi prodotto contenente frazioni di latte, burro (anche per friggere), panna, gelato, caramello, pane integrale, salse di panna acida.

Dieta per allergie al pollame

Se c'è un'allergia alla carne di pollame, viene completamente esclusa dalla dieta, insieme ai prodotti nella preparazione di cui viene utilizzata: ripieni di carne, salsicce, salsicce, semilavorati, ecc..

Invece del pollame, puoi usare la carne di coniglio. Sostituisci la carne con il pesce. Con questa dieta, gli alimenti contenenti ferro dovrebbero essere inclusi nella dieta: legumi, verdure a foglia verde, uva passa, semi, cacao. Inoltre, è utile mangiare cibi contenenti vitamine del gruppo B (pesce, legumi, semi, noci, latte, formaggio, pane integrale), magnesio (crostacei, molluschi, funghi, cacao, verdure a foglia), rame (aglio, avocado, alga marina). I prodotti a base di soia e soia possono sostituire le proteine ​​della carne di pollo. L'infuso di ortica aiuta con questo tipo di allergia alimentare e le giovani ortiche possono essere aggiunte a zuppe e insalate.

Dieta allergica alle uova

Con questo tipo di allergia, le uova, la polvere d'uovo, l'albumina d'uovo e i prodotti che li contengono sono esclusi dalla dieta. Tutti i prodotti che coinvolgono uova e prodotti a base di carne preparati sono vietati: salsicce, salsicce, semilavorati (polpette, polpette), maionese, prodotti impanati, salse e fonduta, alcuni tipi di dolci, marshmallow, dolci dolci, torrone. Sono ammessi zuppe di verdure, piatti di carne, frutti di mare, latticini, spezie, pasticcini (senza uova e loro componenti).

Se sei allergico alle uova di gallina, puoi sostituirle con quaglie o okara (un prodotto ottenuto durante la produzione di latte di soia). Ad esempio, quando si cuociono i prodotti di pasticceria, anziché 1 uovo, aggiungere 1 cucchiaio. cucchiaio di Okara mescolato con 2 cucchiai. cucchiai d'acqua. Viene anche utilizzata la farina di soia (2 cucchiai. Farina, diluita in 2 cucchiai. Acqua, può sostituire 1 uovo).

Dieta per allergie al grano e ad altri cereali

Con un'allergia al grano, tutti i prodotti che contengono questo cereale sono esclusi: farina di grano tenero di tutte le varietà e prodotti, semola, semenzali, crusca, pangrattato, miscele secche per fare salse e creme, biscotti, torte, pasta, gnocchi, prodotti impanati, salsicce, salsicce, conserve, polpette di patate, muffin, frittelle, frittelle, salse, budini, gelati in waffle, sorbetto, vodka.

L'impasto, preparato sulla base di riso e farina di mais, è spesso ottenuto con grumi. Per ottenere una consistenza uniforme, aggiungi acqua o latte a riso e farina di mais, mescola bene. La farina di soia viene miscelata con altri tipi di farina per un impasto più elastico).

La farina di frumento può essere sostituita con farina di altri cereali.

● 1 cucchiaio. un cucchiaio di farina di grano corrisponde nella sua composizione di nutrienti: 1 /2 Arte. cucchiai di farina di mais o fecola di patate; 1 /2 Arte. cucchiai di farina di riso, 2 cucchiai. cucchiai di farina di manioca;

● 1 tazza di farina di grano verrà sostituita 1 /2 tazze di farina d'orzo, 1 tazza di farina di mais, 3 /4 tazze di farina d'avena, 1 tazza parziale di farina di mais, 10 cucchiai. cucchiai di fecola di patate, 15 cucchiai. cucchiai di farina di riso, 1 1 /4 tazza di farina di segale, 1 tazza di farina di riso grosso, 1 1 /3 bicchieri di farina d'avena macinata, 1 /2 tazza di farina di segale, 1 /2 tazze di fecola di patate, 1 tazza di farina di soia e 3 /4 bicchieri di fecola di patate.

Se sei allergico alle proteine ​​contenute nei cereali, tutti gli alimenti preparati non solo dal grano, ma anche da segale, orzo, avena e miglio dovrebbero essere esclusi dalla dieta. Semola, pasta, pane, caffè surrogato a base di grano, pasticceria con farina, gelato, birra, whisky, vodka di grano, zuppe in scatola, cubetti di brodo, miscele di minestre secche, prodotti a base di carne preparati con l'aggiunta di cereali (salsicce, salsicce) sono inaccettabili cibo in scatola). Non utilizzare farina di grano, segale o avena per impanare e preparare salse.

Quando acquisti prodotti, dovresti studiare attentamente la confezione, poiché il glutine, che può causare allergie, può far parte di salse, ketchup, senape, gomme da masticare, confetteria, miscele per fare budini e gelatine, ecc. Invece del pane ordinario, si consiglia di mangiare dietetico, a base di farina di soia con aggiunta di riso o mais o amido di frumento.

Per garantire che il corpo abbia bisogno della quantità di carboidrati complessi contenuti nei prodotti a base di cereali, dovrebbero essere sostituiti con patate, radici e legumi. Una grande quantità di carboidrati è contenuta nelle banane..

Con l'intolleranza al grano, occorre prestare attenzione per garantire che il corpo non presenti una carenza di vitamine e oligoelementi che fanno parte di alimenti proibiti. A tal fine, si consiglia di includere pesce e frutti di mare (contenenti vitamine B, A, E, iodio, fosforo, magnesio) nel menu giornaliero, latticini (contenenti vitamine del gruppo B, cromo, zinco), carne e verdure a foglia (contenenti ferro, rame ) È utile mangiare più frutta e verdura, tra cui la fibra, necessaria per la normale funzione intestinale. Una preziosa fonte di fibre è Okara, un prodotto ottenuto dalla spremitura del latte di soia, che abbiamo menzionato sopra.

Dieta allergia ai frutti di mare e pesce

Con questo tipo di allergia, è vietato mangiare pesce, caviale, farina di ossa e olio di pesce. Con questo tipo di allergia, gli alimenti contenenti proteine ​​della tropomiosina dovrebbero essere completamente esclusi dalla dieta: frutti di mare (gamberetti, granchi, calamari), nonché piatti preparati contenenti uno qualsiasi dei prodotti elencati (pesce in scatola, formaggio e burro con frutti di mare, bastoncini di granchio, ecc. d.). Una reazione allergica può causare integratori alimentari e complessi vitaminici, che includono proteine ​​di origine marina. L'uso di carni affumicate, spezie piccanti, marinate non è raccomandato. Si consiglia di limitare l'assunzione di caffè, tè forte, bevande gassate, prodotti contenenti coloranti artificiali e conservanti.

Avendo escluso i prodotti ittici dalla dieta, è necessario assicurarsi che dal cibo provengano abbastanza iodio e acidi polinsaturi insostituibili. Lo iodio si trova in alimenti come cavolfiore, feijoa, chokeberry, carne e verdure a foglia. Inoltre, durante la cottura, è possibile utilizzare iodato al posto del normale sale da cucina. Gli acidi polinsaturi si trovano negli oli vegetali (soprattutto molti in semi di lino e cedro), noci, semi di zucca, semi di soia, piantine di grano.

La dieta può includere alimenti: brodi e decotti, carne di ogni genere, frattaglie, salsicce e carne in scatola che non contengono pesce e suoi componenti, funghi, noci, legumi, verdure e frutta, latticini, cereali, panna e verdure oli, margarina, panna, condimenti per insalata a base di olio vegetale e aceto, pancetta, maionese, sale, zucchero, miele, melassa, conserve, marmellate, marmellate, cioccolato, dolci, halva.

Dieta per allergie a frutta e verdura

In caso di reazione allergica a determinati tipi di frutta e verdura (di solito agrumi, nonché frutta e verdura di colore rosso e giallo), è sufficiente utilizzare una dieta esclusiva in cui i prodotti contenenti allergeni siano completamente esclusi dalla dieta. Inoltre, non è consigliabile utilizzare cibi pronti o cibi pronti contenenti frutta e verdura illegali, nonché coloranti e conservanti..

Poiché frutta e verdura, in particolare quelle fresche, sono una fonte indispensabile di vitamine e minerali, quando sono esclusi dalla dieta, dovrebbe essere trovato un sostituto equivalente e, se necessario, dovrebbero essere utilizzati preparati multivitaminici (previa consultazione con un medico).

Se l'intolleranza agli agrumi fornisce al corpo la quantità necessaria di vitamina C, i prodotti come freschi e crauti, cavoli, broccoli, ribes nero, rosa canina, peperone, ecc. Aiuteranno.

Se sei allergico alle verdure e alla frutta rosse e gialle (carote, pomodori, zucca, albicocche, fragole, ciliegie, ecc.), Puoi compensare la carenza di beta-carotene e vitamina A in esse contenute includendo più piatti preparati con il verde ortaggi a foglia, latticini, tuorlo d'uovo, fegato di manzo, pesce, legumi, oli vegetali spremuti a freddo.

Sommario

  • Century Allergies
  • Allergia al cibo
  • Diete allergiche
  • Ricette di piatti
Dalla serie: Food That Heals

Il frammento introduttivo sopra del libro di 213 ricette per deliziosi piatti per chi soffre di allergie (A. A. Sinelnikova, 2014) è stato fornito dal nostro partner del libro, litri.

Dieta ipoallergenica

Regole generali

Il termine "allergia" indica uno stato di ipersensibilità a vari stimoli (allergeni), manifestato da una reazione specifica, che si basa su reazioni immunologicamente (IgE) mediate. Gli allergeni possono agire come sostanze di origine organica e inorganica e fattori fisici (calore, freddo, raggi ultravioletti). Esistono molti gruppi di allergeni, i più importanti dei quali sono: cibo, droga, famiglia, polline, epidermico, industriale, infettivo (fungino, virale, batterico, parassitario), insetto e altri.

Il meccanismo di una reazione specifica di un organismo a un allergene è lo sviluppo della sensibilizzazione (la produzione di anticorpi in risposta all'ingestione iniziale di un allergene nel corpo) e lo sviluppo di una reazione allergica quando un allergene riappare in un organismo già sensibilizzato. Una reazione allergica è causata da una serie di processi biochimici che si verificano con il rilascio di ammine biogeniche (istamina, serotonina) che danneggiano le cellule di vari tessuti e organi.

Il trattamento delle allergie implica, innanzitutto, l'eliminazione o la riduzione del contatto con un allergene causale. È la dieta per le allergie che è il fattore più importante che consente sia di escludere l'allergene alimentare dalla dieta in presenza di una reazione allergica ai prodotti alimentari sia di ridurre lo stato generale dell'iperreattività del corpo in risposta ad allergeni di altri gruppi (fungini, domestici, medicinali, pollini e altri), poiché durante questo periodo, qualsiasi irritante minore può esacerbare i sintomi clinici di una malattia esistente (con orticaria, asma, rinite allergica, edema di Quincke) o provocare una nuova reazione allergica sistemica o locale (prurito della pelle / eruzione della pelle).

Tuttavia, la dietoterapia è della massima importanza nei casi in cui le manifestazioni cliniche sono causate da un'allergia ai prodotti alimentari, compresi i farmaci utilizzati nell'industria alimentare e l'allevamento di animali e uccelli (salicilati, antibiotici). La dieta di questa categoria di pazienti richiede la correzione più scrupolosa e accurata, ma l'effetto di seguire un'eliminazione individuale o una dieta ipoallergenica generale può essere molto significativo.

Una dieta antiallergica dovrebbe basarsi su una serie di principi:

  • esclusione dalla dieta di alimenti che contengono causalmente significativi e allergeni crociati;
  • l'esclusione di prodotti ad alta attività allergenica;
  • l'uso di soli prodotti freschi, l'esclusione di prodotti geneticamente modificati e di conservazione a lungo termine (conservazione, conserve), nonché di prodotti contenenti additivi alimentari (conservanti, coloranti, additivi aromatizzanti);
  • l'esclusione dei prodotti che liberano istamina che provocano il rilascio di istamina dalle cellule del tratto gastrointestinale (caffè, latte di mucca, cioccolato, succo d'arancia, crusca di frumento), nonché prodotti contenenti istamina (fragole, pomodori, cacao, legumi, nocciole, filetto di aringhe, tonno, affumicati, spinaci, formaggi) contenenti una grande quantità di ammine biogeniche - istamina, tiramina, beta-etil etil ammina;
  • evitare l'eccesso di proteine ​​animali nella dieta;
  • limitazione del consumo di carboidrati semplici e sale da tavola, nonché di prodotti che irritano la mucosa gastrointestinale: cibi piccanti, fritti, salati e bevande contenenti alcol;
  • adeguata sostituzione dei prodotti esclusi per garantire la conformità quantitativa e qualitativa della dieta ai bisogni fisiologici del corpo del paziente in base ai principali nutrienti.

Quando si elabora una dieta o quando è necessario correggerla, è importante esplorare l'attività allergica di un prodotto e disporre di un elenco di prodotti alimentari ipoallergenici:

  • gli alimenti con un alto grado di attività allergenica includono: uova di gallina, crostacei, latte vaccino e prodotti lattiero-caseari, cioccolato, formaggio, pesce, caffè, senape, grano, noci, fragole, fragole, lamponi, uva, cachi, cacao, pomodori, barbabietole, sedano, melone, carote, ananas, more, agrumi, miele, ribes nero, melograno, funghi, spezie, salse, caviale rosso, conserve e prodotti in salamoia, carni affumicate, bevande gassate e contenenti alcol;
  • gli alimenti con un grado medio di attività allergenica includono: carne di maiale, ribes, tacchino, patata, coniglio, piselli, pesche, mais, riso, albicocche, peperoni verdi, grano saraceno, segale, banane, grano saraceno, mirtilli rossi;
  • i prodotti a basso grado di attività allergenica comprendono agnello, manzo (varietà a basso contenuto di grassi), pollo bollito, zucca (toni chiari), zucchine, rape, zucca, mele di colore verde e giallo, uva spina, prugne, ribes bianco, cetriolo verde, anguria, mandorle, prodotti a base di latte acido, erbe aromatiche, frattaglie (fegato, lingua, reni), riso, farina d'avena e porridge di orzo perlato, crema, olio di oliva e di girasole, pere, frutta secca.

Dieta allergica per adulti

I principi generali della nutrizione dietetica per chi soffre di allergie si riflettono in una dieta ipoallergenica non specifica - Tabella n. 5 HA (ipoallergenico), che si basa sulla dieta n. 5, destinata a pazienti con malattie del fegato e del sistema biliare. Nel periodo acuto di una malattia allergica, la base della dieta dovrebbe essere i prodotti anti-allergenici. Di norma, il paziente deve osservare una dieta rigorosa fino a quando le manifestazioni della malattia scompaiono. La durata di tale dieta dovrebbe essere di circa 3 settimane per gli adulti e circa 10 giorni per un bambino.

Man mano che i sintomi si attenuano, i menu possono essere espansi per includere prodotti con un grado medio di attività allergenica, che vengono somministrati in piccole quantità. In primo luogo, pane bianco, pesce bollito a basso contenuto di grassi di varietà bianche, cipolle fresche, succhi di frutta appena spremuti e purea di frutta e bevande di frutta vengono introdotti nella dieta. Allo stesso tempo, vengono introdotti i primi frutti e verdure di colore verde e giallo e, in assenza di eruzioni cutanee, in pochi giorni vengono introdotti frutti / verdure di arancia (zucca) e rosso.

Ogni nuovo prodotto deve essere introdotto non più di una volta ogni tre giorni, tenendo conto della reazione del corpo a ciascun prodotto appena introdotto. Se non ci sono reazioni negative, questo prodotto è sicuro per la salute e può essere incluso nella dieta di base per chi soffre di allergie. Se dopo la sua introduzione la reazione allergica è ripresa, allora dovrebbe essere completamente esclusa dalla dieta.

Nonostante una dieta ipoallergenica rigorosa nel periodo acuto della malattia includa un elenco limitato di prodotti, la nutrizione del paziente deve essere fisiologicamente completa, ma non eccessiva in termini di micronutrienti (specialmente proteine) e significato energetico. È estremamente importante escludere dal menu tutti i prodotti e i piatti allergenici, in cui sono presenti anche in quantità minima. Quindi, in caso di una reazione allergica del paziente alle uova di gallina, è necessario escludere maionese, creme, casseruole, pasticcini e tutti i piatti, la cui ricetta include uova o i suoi componenti.

Se non si conosce un allergene causale, tutti i prodotti con un alto grado di attività allergenica sono esclusi dalla dieta: latte, uova, frutti di mare, pesce, caviale di pesce, agrumi, pomodori, miele, cioccolato, melone, fragole, noci.

Nella dieta, gli alimenti contenenti carboidrati facilmente digeribili sono limitati: miele, zucchero, dolciumi, confetteria, marmellata, cioccolato. Sono ammessi zucchero, saccarina, aspartame, xilitolo. La dieta è arricchita con prodotti contenenti una grande quantità di calcio (prodotti a base di latte fermentato, ricotta), che ha effetti antiallergici e antinfiammatori. Allo stesso tempo, gli alimenti contenenti acido ossalico, che riduce l'assorbimento del calcio, sono limitati nella dieta..

Il sale e tutti i cibi salati sono soggetti a limitazione. La dieta aumenta il contenuto di alimenti ricchi di vitamine (frutta e verdura consentite) e bioflavonoidi che rafforzano le pareti dei vasi sanguigni.

Particolare attenzione dovrebbe essere prestata ai prodotti che hanno una pronunciata reazione allergica crociata. In caso di intolleranza a un tipo di prodotto dalla dieta, è necessario escludere i tipi rimanenti. Di seguito sono riportati alcuni di questi alimenti e un elenco di prodotti che reagiscono in modo incrociato con ciascuno di essi..

  • Pesce - con tutti i tipi di pesce di fiume / di mare, frutti di mare (gamberi, granchi, aragoste, caviale, cozze, aragoste).
  • Latte di mucca - prodotti contenenti proteine ​​del latte di mucca, vitello, manzo e prodotti derivati, latte di capra.
  • Patate - pomodori, peperoni rossi, melanzane, paprika.
  • Uovo di gallina - carne e brodo di pollo, carne di anatra; maionese, carne e uova di quaglia, creme e salse contenenti componenti di uova di gallina.
  • Noci - altri tipi di noci, farina (riso, avena, grano saraceno), kiwi, sesamo, mango, papavero.
  • Banane: kiwi, avocado, melone, glutine di frumento.
  • Agrumi - tutti gli altri tipi di agrumi (arancia, pompelmo, mandarino, limone).
  • Fragole - ribes, lamponi, more, mirtilli rossi.
  • Legumi - mango, arachidi, soia, lenticchie.
  • Prugna - albicocche, ciliegie, mandorle, pesche, nettarine, ciliegie, mele, prugne.
  • Kefir (kefir lievito) - pasta lievitata, varietà di formaggi a muffa (Dor Blue, Roquefort, Bri), kvas.

Forti carni, brodi di funghi e pesce, spezie e condimenti, piatti piccanti, affumicati e salse sono soggetti ad eccezione. Quando si cucina la carne, il primo brodo deve essere versato e i cereali devono essere immersi in acqua per 2 ore prima della cottura.

Quando si scelgono i prodotti, è estremamente importante prestare attenzione alla presenza di additivi alimentari, che in molti casi sono allergeni, e anche conoscere la loro designazione codificata. I seguenti additivi alimentari sono i più pericolosi:

  • Antiossidanti: E 321 (butilidranisolo / butil idrossitoluene).
  • Conservanti: E 220-227 (solfiti), E 249-252 (nitriti), E 210-219 (acido benzoico e derivati), E 200-203 (acido sorbico).
  • Coloranti: E 122 (azorubina), E 102 (tartrazina), E 110 (giallo-arancio), E 124 (rosso cocciniglia), E127 (eritrosina), E 151 (diamante BN nero).
  • Sapori: B 550-553 (glutammati).
  • Additivi aromatizzanti: E 621 (glutammato di sodio), E 622 (glutammato di potassio), E 623 (glutammato di calcio), E 624 (glutammato di ammonio) ed E 625 (glutammato di magnesio).

Si consiglia di cucinare i piatti nella dieta cuocendo o bollendo; non è consentito friggere cibi. Ciò fornisce un risparmio chimico della mucosa gastrointestinale e riduce l'assorbimento di allergeni nell'intestino. Per la completa digestione delle proteine ​​alimentari, che sono potenziali allergeni, si raccomanda l'assunzione di cibo frazionato e una riduzione del volume delle porzioni..

indicazioni

Malattie allergiche (edema di Quincke, orticaria, rinite allergica). Allergie di varia genesi (cibo, droga, famiglia, polline, epidermico, insetto e altri).

Prodotti consentiti

Una dieta antiallergica comprende una carne dietetica non grassa (senza pelle) bollita o in umido di pollo, coniglio o tacchino. Dai cereali sono ammessi grano, grano saraceno e farina d'avena.

I primi piatti vengono cotti senza friggere su un brodo vegetale debole con l'aggiunta di varie erbe da giardino. Le patate bollite in pezzi separati o come purè di patate sull'acqua sono consentite come contorno.

La dieta può contenere yogurt senza additivi, ricotta fresca a basso contenuto di grassi, latticini a basso contenuto di grassi, crusca / pane integrale, pasta di grano duro, biscotti secchi.

Dai grassi: girasole vegetale o olio d'oliva. Dalle verdure - insalate a foglia, cetriolo, zucchine stufate / bollite, cavolo, cipolle.

Tabella dei prodotti approvata

Verdure e verdure

Proteine, gGrassi, gCarboidrati, gCalorie, kcal
melanzana1,20.14,524
zucchine0.60.34.624
cavolo1.80.14.727
broccoli3.00.45.228
cavoletti di Bruxelles4.80,08.043
cavolfiore2,50.35,4trenta
cipolla verde1.30,04.6diciannove
cipolle a bulbo1.40,010,441
cetrioli0.80.12,815
schiacciare0.60.14.3diciannove
prezzemolo3,70.47.647
insalata1,20.31.312
sedano0.90.12.112
asparago1.90.13,120
Topinambur2.10.112.861
aneto2,50.56.338
fagioli7.80.521.5123
aglio6.50.529.9143
Lenticchie24,01,542.7284

Frutta

pere0.40.310.942
Nettarina0.90.211.848
Pesche0.90.111.346
mele0.40.49.847

Frutti di bosco

uva spina0.70.212.043
ribes nero1,00.47.344

Frutta secca e noci

semi di lino18,342,228.9534
semi di girasole20.752,93.4578

Cereali e cereali

semole di grano saraceno (nocciolo)12.63.362,1313
semolino10.31,073,3328
semola12.36.159,5342
cereali11.97.269.3366
crusca di frumento15.13.853,6296

Farina e Pasta

pasta10,41,169,7337

Latticini

latticini3.26.54.1117
kefir 0%3.00.13.8trenta
kefir 1%2,81,04.040

Formaggi e ricotta

ricotta 0,6% (magro)18,00.61.888
cagliata di tofu8.14.20.673

Prodotti a base di carne

manzo cotto25.816.80,0254
Manzo brasato16.818,30,0232

Uccello

pollo bollito25,27.40,0170
petto di pollo al vapore23.61.90,0113
filetto di tacchino bollito25,01,0-130

Pesce e frutti di mare

cavolo marino0.85.10,049

Oli e grassi

burro0.582.50.8748
olio di lino0,099,80,0898
olio d'oliva0,099,80,0898
olio di semi di girasole0,099.90,0899

Bevande analcoliche

acqua minerale0,00,00,0-
tè verde0,00,00,0-

Succhi e composte

succo di rosa canina0.10,017.670
* i dati si intendono per 100 g di prodotto

Prodotti totalmente o parzialmente soggetti a restrizioni

La dieta antiallergenica comporta l'esclusione dalla dieta di cibi come brodo di carne e pesce e tutti i primi piatti a base di essi; varietà grasse di carne rossa, carni affumicate, anatra, oca, latte intero; la maggior parte delle salsicce, uova di gallina, pesce "rosso" di ogni tipo; cioccolato, agrumi, prodotti farinacei e dolci, frutti di mare (gamberetti, cozze, calamari), miele e prodotti derivati ​​(latte d'api, propoli), cibi salati, verdure in salamoia, conserve; grassi culinari e animali, panna, formaggi salati e grassi, panna acida, cagliata dolce.

Sono esclusi i prodotti contenenti carboidrati digeribili: zucchero, confetteria, marmellata, miele, gelati, marmellate, dolci. Anche pasta, semola, soia, riso bianco sono soggetti a restrizioni..

Sono esclusi dalla dieta aceto, tutti i condimenti (ketchup, senape, maionese, rafano), funghi, melanzane, melone, ananas, pasticceria e anche frutta / verdura di colore rosso e arancione (mandarini, pomodori, mele rosse, arance, barbabietole, ravanello, carote, ravanelli, fragole, fragole), noci (arachidi e nocciole), caffè.

Nel menu ipoallergenico, è vietato includere qualsiasi prodotto contenente additivi alimentari (coloranti, conservanti), succhi di frutta / verdura da bacche vietate, tè alla frutta, zuccheri gassati e tutte le bevande contenenti alcol e anidride carbonica.