Diprospan - istruzioni per l'uso, effetti collaterali, analoghi, prezzo e recensioni

Cliniche

Istruzioni per l'uso:

Prezzi nelle farmacie online:

Diprospan è un farmaco glucocorticoide (omone della corteccia surrenale) usato per trattare le malattie infiammatorie.

effetto farmacologico

Diprospan ha proprietà antinfiammatorie, immunosoppressive (soppressione immunitaria), antiallergiche, anti-shock e desensibilizzanti (ridotta sensibilità corporea).

Il componente attivo - betametasone - è presentato in Diprospan in due forme: betametasone disodico fosfato, che fornisce un rapido inizio dell'effetto terapeutico e betametasone dipropionato, che serve a prolungare l'azione del farmaco.

L'uso diffuso di Diprospan in varie malattie è dovuto alla sua capacità di inibire la sintesi di sostanze che causano una reazione infiammatoria, bloccando lo sviluppo del processo infiammatorio a livello cellulare.

Diprospan ha una capacità scarsamente espressa di trattenere il sodio nel corpo e migliorare il rilascio di idrogeno, potassio e ioni ammonio, tuttavia, quando si utilizza il farmaco nelle dosi raccomandate, queste proprietà non hanno significato clinico.

Diprospan, il prezzo non lo ha influenzato, è uno dei farmaci glucocorticoidi più popolari.

Indicazioni Diprospan

Per applicare Diprospan l'istruzione consiglia di:

  • malattie dei tessuti molli e del sistema muscoloscheletrico: borsite (infiammazione della borsa periarticolare), osteoartrosi (danno alla cartilagine della superficie delle articolazioni), artrite reumatoide (infiammazione del tessuto connettivo e danno alle articolazioni), epicondilite (processo degenerativo nel sito di attaccamento dei muscoli all'omero) (danno alle fibre nervose che si estendono dal midollo spinale), lombalgia (dolore lombare acuto), torcicollo, fascite (dolore al tallone durante lo sforzo), malattie del piede;
  • malattie allergiche: febbre da fieno, asma bronchiale, rinite, bronchite allergica, allergia ai farmaci, malattia da siero (allergia alla somministrazione di farmaci con una grande quantità di proteine), allergia alle punture di insetti;
  • malattie dermatologiche: neurodermite (comparsa di prurito arrossato sulla pelle), eczema a forma di moneta (eruzioni cutanee infiammatorie), dermatite da contatto, dermatite atopica, orticaria, fotodermite grave, lichen planus, psoriasi, pemfigo vulgaris, acne cistica, dermatite erpetica;
  • malattie sistemiche del tessuto connettivo: periarterite nodosa (danno, infiammazione delle piccole arterie seguite da necrosi), dermatomiosite (danno sistemico a muscoli e pelle), sclerodermia (deposizione di tessuto cicatriziale), lupus eritematoso sistemico (danno alla pelle e vari organi interni);
  • emoblastosi (malattie tumorali del tessuto linfatico ed ematopoietico);
  • insufficienza surrenalica;
  • altre condizioni e malattie patologiche: nefrite, sindrome nefrosica, colite ulcerosa, sindrome adrenogenitale, sindrome da malassorbimento (perdita di nutrienti a causa di insufficiente assorbimento nell'intestino tenue), ileite regionale (malattia dell'intestino tenue).

Istruzioni per l'uso Diprospana

Diprospan è disponibile sotto forma di soluzione o sospensione iniettabile.

Le iniezioni di diprospan possono essere somministrate per via intramuscolare, intradermica, perticolare (attorno all'articolazione) o mediante il metodo intraarticolare. Le iniezioni di Diprospan non possono essere somministrate per via endovenosa.

Secondo le istruzioni per Diprospan, per via intramuscolare, il farmaco deve essere usato ogni 2-4 settimane, 1-2 ml. Le iniezioni di Diprospan vengono somministrate per via intraarticolare e perticolare nelle seguenti dosi: 1-2 ml nell'articolazione dell'anca, spalla, caviglia, ginocchio - 1 ml, carpale, ulnare - 0,5-1 ml, interfalangea, metacarpo-falangea, sternoclavicolare - 0,25 -5 ml.

Quando si utilizza Diprospan direttamente nella lesione mediante somministrazione intradermica, la dose settimanale di 1 ml non deve essere superata. A seconda della natura della malattia, l'infiltrazione locale comporta la somministrazione di 0,25-2 ml di Diprospan.

Di norma, le iniezioni di Diprospan sono indolori, ma in alcuni casi è necessario somministrare il farmaco insieme a un anestetico per eliminare il dolore.

Effetti collaterali

Una singola applicazione di Diprospan o un breve ciclo di trattamento non causano reazioni negative significative.

I possibili effetti collaterali del farmaco e il prezzo di Diprospan sono commisurati alla sua efficacia.

Secondo le istruzioni, Diprospan con uso prolungato può provocare:

  • ipernatriemia, aumento dell'escrezione di potassio e calcio dal corpo, ritenzione di liquidi nei tessuti, aumento del peso corporeo;
  • aumento della pressione sanguigna, insufficienza cardiaca cronica;
  • miopatia steroidea (disturbi metabolici nel tessuto muscolare), debolezza muscolare, osteoporosi (assottigliamento del tessuto osseo), rotture del tendine, fratture delle ossa tubulari, necrosi asettica della testa dell'omero e del femore;
  • singhiozzo, flatulenza, pancreatite, lesioni erosive e ulcerative del tratto digestivo;
  • aumento della sudorazione, acne steroidea, dermatite, atrofia e assottigliamento della pelle, compromissione della guarigione delle ferite;
  • aumento della pressione intracranica, convulsioni, mal di testa, vertigini, cambiamenti dell'umore, aumento dell'irritabilità, depressione, insonnia;
  • insufficienza surrenalica secondaria, irregolarità mestruali, diabete steroideo, ritardo della crescita e sviluppo sessuale nei bambini;
  • glaucoma, aumento della pressione intraoculare, cataratta;
  • ipotensione arteriosa, angioedema, shock, reazioni anafilattiche;
  • ascessi asettici, atrofia sottocutanea e cutanea.

Controindicazioni

Nel trattamento di molte malattie di Diprospan, il prezzo non ha importanza, è abbastanza efficace, ma i medici non prescrivono questo farmaco per micosi sistemiche e ipersensibilità al betametasone e altri farmaci glucocorticoidi.

L'uso di Diprospan è proibito nello spazio intervertebrale nelle superfici infette e la somministrazione intra-articolare è controindicata nell'artrite infettiva e in un'articolazione instabile..

Usare con cautela le istruzioni Diprospan raccomandano per cirrosi epatica, ulcera peptica, recenti anastomosi intestinali (connessione di siti incrociati), insufficienza renale, osteoporosi, ipertensione, varicella, diabete, tromboflebite.

Poiché non vi sono dati affidabili sulla sicurezza di Diprospan per la madre e il feto, il medico dovrebbe decidere sull'opportunità di utilizzare il farmaco durante la gravidanza, confrontando tutti i rischi e i benefici.

L'uso di diprospan durante l'allattamento comporta l'interruzione dell'allattamento al seno.

Informazioni aggiuntive

Quando si conserva Diprospan a una temperatura non superiore a 2 0 -25 0 C, il farmaco sarà idoneo all'uso per 2 anni.

Diprospan

Attenzione! Questo farmaco può essere particolarmente indesiderabile per interagire con l'alcol! Più dettagli.

Indicazioni per l'uso

Shock (ustioni, traumatico, chirurgico, tossico, cardiogeno) con l'inefficacia di altre terapie.

Reazioni allergiche (acute, gravi), shock trasfusionale, shock anafilattico, reazioni anafilattoidi.

Edema cerebrale (incluso sullo sfondo di un tumore al cervello o associato a chirurgia, radioterapia o lesioni alla testa).

Asma bronchiale (forma grave), stato asmatico.

Malattie sistemiche del tessuto connettivo (LES, artrite reumatoide).

Insufficienza surrenalica acuta.

Avvelenamento con fluidi cauterizzanti (riduzione dell'infiammazione e prevenzione delle cicatrici).

Possibili analoghi (sostituti)

Principio attivo, gruppo

Forma di dosaggio

Iniezione, sospensione iniettabile

Controindicazioni

Per la somministrazione parenterale con uso a breve termine per indicazioni "vitali", l'unica controindicazione è l'ipersensibilità.

Per la somministrazione intra-articolare: artroplastica precedente, sanguinamento patologico (endogeno o causato dall'uso di anticoagulanti), frattura ossea intra-articolare, processo infiammatorio infettivo (settico) nelle infezioni articolari e periarticolari (inclusa una storia), nonché una comune malattia infettiva, espressa da periarticolare osteoporosi, assenza di segni di infiammazione nell'articolazione (la cosiddetta articolazione "secca", ad esempio, con osteoartrosi senza sinovite), grave distruzione ossea e deformazione articolare (forte restringimento del gap articolare, anchilosi), instabilità articolare come risultato di artrite, necrosi asettica delle epifisi ossa con cautela. Malattie parassitarie e infettive di natura virale, fungina o batterica (attualmente o recentemente trasferite, incluso il recente contatto con il paziente) - herpes simplex, herpes zoster (fase viremica), varicella, morbillo; amebiasi, strongiloidosi (accertata o sospettata); micosi sistemica; tubercolosi attiva e latente. L'uso in gravi malattie infettive è consentito solo sullo sfondo di una terapia specifica.

Periodo post-vaccinazione (periodo di 8 settimane prima e 2 settimane dopo la vaccinazione), linfoadenite dopo vaccinazione BCG. Condizioni di immunodeficienza (incluso AIDS o infezione da HIV).

Malattie gastrointestinali - ulcera gastrica e duodenale, esofagite, gastrite, ulcera peptica acuta o latente, anastomosi intestinale di recente creazione, colite ulcerosa con il rischio di perforazione o ascesso, diverticolite.

Malattie da CCC, incluso recente infarto miocardico (in pazienti con infarto miocardico acuto e subacuto, diffusione del focus della necrosi, rallentamento della formazione del tessuto cicatriziale e conseguente rottura del muscolo cardiaco), insufficienza cardiaca scompensata, ipertensione arteriosa, iperlipidemia).

Malattie endocrine - diabete mellito (inclusa ridotta tolleranza ai carboidrati), tireotossicosi, ipotiroidismo, malattia di Itsenko-Cushing.

Grave insufficienza renale e / o epatica cronica, nefrourolitiasi.

Ipoalbuminemia e condizioni che predispongono al suo verificarsi.

Osteoporosi sistemica, miastenia grave, psicosi acuta, obesità (III-IV secolo), poliomielite (ad eccezione della forma di encefalite bulbare), glaucoma ad angolo aperto e ad angolo chiuso, gravidanza, allattamento.

Per la somministrazione intra-articolare: condizioni generali gravi del paziente, inefficienza (o breve durata) dell'azione di 2 iniezioni precedenti (tenendo conto delle proprietà individuali dei corticosteroidi applicati).

Come usare: dosaggio e ciclo di trattamento

La via di somministrazione e il regime posologico dipendono dalla gravità e dalla natura della malattia. Betametasone disodium phosphate - in / in un flusso (lentamente) o goccia a goccia, una singola dose - 4-8 mg (1-2 ml), se necessario - fino a 20 mg; dose di mantenimento - 2-4 mg. La soluzione per infusione viene diluita in una soluzione di NaCl allo 0,9% o in una soluzione di destrosio. Preparare immediatamente prima dell'uso. Le soluzioni inutilizzate vengono conservate in frigorifero per non più di 24 ore Il betametasone dipropionato è profondamente intramuscolare, in una dose iniziale di 4-8 mg per malattie gravi (LES, stato asmatico). Per i bambini da 1 a 5 anni, la dose iniziale è di 2 mg, 6-12 anni - 4 mg. Per la prevenzione della malattia ialina-membranosa dei neonati durante il parto pretermine - v / m, 8 mg 48-72 ore prima del parto (almeno 24 ore), l'iniezione viene ripetuta dopo 24 ore. Intarticolare e periarticolare: articolazioni molto grandi (pelvica) - 4 -8 mg, articolazioni grandi (ginocchio, caviglia, spalla) - 4 mg, articolazioni medie (ulnare, carpale) - 2-4 mg, articolazioni piccole (interfalangee, sternoclavicolari, metacarpo-falangee) - 1-2 mg (0,25-0,5 ml). W / c o somministrazione intra-ferita per il trattamento di malattie della pelle - 0,2 ml / mq, ma non più di 4 mg / settimana. Infiltrazione locale: con borsite - 1-2 mg (con forma acuta fino a 8 mg), con cisti sinoviale e sinovite - 1-2 mg, con tendinite - 2 mg, con miosite, fibrosite, peritendinite, infiammazione periarticolare - 2-4 mg ; la somministrazione viene ripetuta ogni 1-2 settimane.

Se necessario, 2 mg vengono somministrati in modo congiuntivo..

effetto farmacologico

GCS inibisce il rilascio di interleuchina1, interleuchina2, gamma di interferone da linfociti e macrofagi. Ha effetti anti-infiammatori, anti-allergici, desensibilizzanti, anti-shock, antitossici e immunosoppressivi.

Inibisce il rilascio di ACTH e beta-lipotropina da parte della ghiandola pituitaria, ma non riduce il livello di beta-endorfina circolante. Inibisce la secrezione di TSH e FSH.

Aumenta l'eccitabilità del SNC, riduce il numero di linfociti ed eosinofili, aumenta il numero di globuli rossi (stimola la produzione di eritropoietine).

Interagisce con specifici recettori citoplasmatici e forma un complesso che penetra nel nucleo cellulare e stimola la sintesi dell'mRNA; quest'ultimo induce la formazione di proteine, tra cui lipocortina che media gli effetti cellulari. La lipocortina inibisce la fosfolipasi A2, inibisce il rilascio di acido arachidonico e inibisce la sintesi di endoperidi, Pg, leucotrieni, che contribuiscono all'infiammazione, alle allergie, ecc..

Metabolismo proteico: riduce la quantità di proteine ​​nel plasma (dovuta alle globuline) con un aumento del coefficiente albumina / globulina, aumenta la sintesi di albumina nel fegato e nei reni; migliora il catabolismo proteico nel tessuto muscolare.

Metabolismo lipidico: aumenta la sintesi di acidi grassi e TG più alti, ridistribuisce il grasso (accumulo di grasso principalmente nella cintura della spalla, del viso, dell'addome), porta allo sviluppo di ipercolesterolemia.

Metabolismo dei carboidrati: aumenta l'assorbimento dei carboidrati dal tratto digestivo; aumenta l'attività del glucosio-6-fosfatasi, portando ad un aumento del glucosio dal fegato al sangue; aumenta l'attività della fosfoenolpiruvato carbossilasi e la sintesi di aminotransferasi, portando all'attivazione della gluconeogenesi.

Metabolismo dell'acqua-elettrolita: trattiene Na + e acqua nel corpo, stimola l'escrezione di K + (attività MKS), riduce l'assorbimento di Ca2 + dal tratto digestivo, "liscivia" Ca2 + dalle ossa e aumenta l'escrezione di Ca2 + da parte dei reni.

L'effetto antinfiammatorio è associato all'inibizione del rilascio di mediatori infiammatori da parte degli eosinofili; inducendo la formazione di lipocortina e riducendo il numero di mastociti che producono acido ialuronico; con una diminuzione della permeabilità dei capillari; stabilizzazione delle membrane cellulari e delle membrane degli organelli (in particolare lisosomiale).

L'effetto antiallergico si sviluppa a causa della soppressione della sintesi e della secrezione di mediatori allergici, dell'inibizione del rilascio di istamina e di altre sostanze biologicamente attive, dei linfociti T e B, dei mastociti dai mastociti sensibilizzati e dei basofili, diminuzione della sensibilità delle cellule effettrici ai mediatori allergici, soppressione della formazione di anticorpi, cambiamenti risposta immunitaria del corpo.

Nella BPCO, l'effetto si basa principalmente sull'inibizione dei processi infiammatori, l'inibizione dello sviluppo o la prevenzione dell'edema delle mucose, l'inibizione dell'infiltrazione eosinofila dello strato sottomucoso dell'epitelio bronchiale, la deposizione di complessi immunitari circolanti nella mucosa bronchiale, nonché l'inibizione dell'erosione e la desquamazione della mucosa. Aumenta la sensibilità dei beta-adrenorecettori di piccolo e medio calibro verso catecolamine endogene e simpaticomimetici esogeni, riduce la viscosità del muco a causa dell'inibizione o della riduzione della sua produzione.

Gli effetti antishock e antitossici sono associati ad un aumento della pressione sanguigna (a causa di un aumento della concentrazione di catecolamine circolanti e del ripristino della sensibilità degli adrenorecettori ad essi, nonché della vasocostrizione), una diminuzione della permeabilità della parete vascolare, proprietà protettive della membrana e attivazione degli enzimi epatici coinvolti nel metabolismo di endo- e xenobiot.

L'effetto immunosoppressivo è dovuto all'inibizione del rilascio di citochine (interleuchina1, interleuchina2; interferone gamma) da linfociti e macrofagi.

Inibisce la sintesi e la secrezione di ACTH e, in secondo luogo, la sintesi di corticosteroidi endogeni. Inibisce le reazioni del tessuto connettivo durante il processo infiammatorio e riduce la possibilità di formazione di tessuto cicatriziale.

Il betametasone disodio fosfato è un composto facilmente solubile che è ben assorbito dopo la somministrazione parenterale ai tessuti e fornisce un rapido effetto. Il betametasone dipropionato ha un assorbimento più lento. Combinando questi sali, è possibile creare farmaci con effetti sia a breve termine (ma rapidi) che a lungo termine. A seconda del metodo di applicazione (iv, iv, intraarticolare, periarticolare, iv), si ottiene un effetto generale o locale.

Effetti collaterali

La frequenza di sviluppo e la gravità degli effetti collaterali dipendono dalla durata dell'uso, dalle dimensioni della dose utilizzata e dalla possibilità di osservare il ritmo circadiano dell'appuntamento.

Dal sistema endocrino: diminuzione della tolleranza al glucosio, diabete mellito “steroide” o manifestazione di diabete mellito latente, inibizione della funzione surrenale, sindrome di Itsenko-Cushing (viso a forma di luna, obesità di tipo ipofisario, irsutismo, aumento della pressione sanguigna, dismenorrea, amenorrea, miastenia), ha ritardato lo sviluppo sessuale nei bambini.

Dal sistema digestivo: nausea, vomito, pancreatite, ulcera "steroidea" dello stomaco e ulcera duodenale, esofagite erosiva, sanguinamento e perforazione del tratto gastrointestinale, aumento o diminuzione dell'appetito, flatulenza, singhiozzo. In rari casi - aumento dell'attività delle transaminasi "epatiche" e della fosfatasi alcalina.

Dal CCC: aritmie, bradicardia (fino all'arresto cardiaco); sviluppo (in pazienti predisposti) o aumento della gravità della CHF, cambiamenti dell'ECG caratteristici di ipopotassiemia, aumento della pressione sanguigna, ipercoagulazione, trombosi. Nei pazienti con infarto miocardico acuto e subacuto - la diffusione del focus della necrosi, rallentando la formazione del tessuto cicatriziale, che può portare alla rottura del muscolo cardiaco.

Dal sistema nervoso: delirio, disorientamento, euforia, allucinazioni, psicosi maniaco-depressiva, depressione, paranoia, aumento della pressione intracranica, nervosismo o ansia, insonnia, vertigini, vertigini, pseudotumore cervelletto, mal di testa, crampi.

Da parte degli organi sensoriali: improvvisa perdita della vista (con somministrazione parenterale nella testa, collo, concha nasale, cuoio capelluto, cristalli del farmaco possono essere depositati nei vasi dell'occhio), cataratta subcapsulare posteriore, aumento della pressione intraoculare con possibile danno al nervo ottico, tendenza a sviluppare batterica secondaria, infezioni fungine o virali degli occhi, alterazioni trofiche nella cornea, esoftalmo.

Dal lato del metabolismo: aumento dell'escrezione di Ca2 +, ipocalcemia, aumento del peso corporeo, bilancio azotato negativo (aumento della disgregazione proteica), aumento della sudorazione.

Attività correlata alla ISS: ritenzione idrica e Na + (edema periferico), ipernatriemia, sindrome da ipopotassiemia (ipopotassiemia, aritmia, mialgia o spasmo muscolare, debolezza insolita e affaticamento).

Dal sistema muscoloscheletrico: ritardo della crescita e processi di ossificazione nei bambini (chiusura prematura della ghiandola pineale), osteoporosi (molto raramente fratture ossee patologiche, necrosi asettica della testa dell'omero e del femore), rottura del tendine muscolare, miopatia "steroide", diminuzione massa muscolare (atrofia).

Dalla pelle e dalle mucose: guarigione ritardata di ferite, petecchie, ecchimosi, assottigliamento della pelle, iper o ipopigmentazione, acne steroidea, strie, tendenza a sviluppare piodermite e candidosi.

Reazioni allergiche: generalizzate (eruzione cutanea, prurito della pelle, shock anafilattico), reazioni allergiche locali.

Altro: sviluppo o esacerbazione di infezioni (la comparsa di questo effetto collaterale è facilitata dagli immunosoppressori e dalla vaccinazione utilizzati congiuntamente), leucocituria, sindrome da "astinenza".

Locale per somministrazione parenterale: bruciore, intorpidimento, dolore, parestesia e infezione nel sito di iniezione, raramente - necrosi dei tessuti circostanti, cicatrici nel sito di iniezione; atrofia della pelle e del tessuto sottocutaneo con somministrazione i / m (l'introduzione nel muscolo deltoide è particolarmente pericolosa).

Con l'accensione / nell'introduzione: aritmie, "vampate" di sangue sul viso, convulsioni.

Con somministrazione intracranica, sangue dal naso.

Con somministrazione intra-articolare - aumento del dolore nell'articolazione. Sintomi: nausea, vomito, disturbi del sonno, euforia, agitazione, depressione. Con l'uso prolungato a dosi elevate - osteoporosi, ritenzione di liquidi nel corpo, aumento della pressione sanguigna e altri segni di ipercorticismo, inclusa la sindrome di Itsenko-Cushing, insufficienza surrenalica secondaria.

Trattamento: sullo sfondo di una graduale sospensione del farmaco, mantenimento delle funzioni vitali, correzione dell'equilibrio elettrolitico, antiacidi, fenotiazine, preparati Li +; con la sindrome di Itsenko-Cushing - aminoglutethimide.

istruzioni speciali

È consentito mescolare con un uguale volume di soluzioni di anestetici locali (soluzione all'1% di cloridrato di procaina o soluzione all'1% di cloridrato di lidocaina) in una siringa (ma non in una fiala). Non può essere usato per trattare la malattia della membrana ialina neonatale, iniettata in articolazioni instabili, aree infette e spazi intervertebrali. Prima e durante la terapia steroidea, è necessario monitorare l'analisi generale di sangue, glicemia e glucosuria, il contenuto di elettroliti nel plasma. Durante la terapia durante le infezioni intercorrenti, vengono contemporaneamente trattate le condizioni settiche, la tubercolosi, gli antibiotici. I bambini che sono stati in contatto con il morbillo o la varicella durante il trattamento ricevono Ig specifiche per la profilassi. Durante la gravidanza e l'allattamento, è prescritto tenendo conto dell'effetto terapeutico atteso e degli effetti negativi sul feto.

Nei bambini, durante il periodo di crescita, i corticosteroidi devono essere utilizzati solo secondo indicazioni assolute e sotto la supervisione particolarmente attenta del medico curante.

Va tenuto presente che nei pazienti con ipotiroidismo, la clearance dei corticosteroidi è ridotta e nei pazienti con tireotossicosi aumenta.

Interazione

Riduce l'efficacia dell'insulina, dei farmaci ipoglicemizzanti e ipotensivi orali, anticoagulanti (cumarina e derivati ​​dell'indandione, eparina, streptochinasi e urocinasi); indebolisce l'effetto dei diuretici, l'attività del vaccino (a causa di una diminuzione della produzione di anticorpi); riduce il contenuto di salicilati nel sangue; riduce la concentrazione di praziquantel nel siero del sangue.

Rifampicina, fenitoina, barbiturici indeboliscono l'effetto (essendo induttori degli enzimi microsomiali "epatici", aumentano il tasso metabolico); i contraccettivi ormonali aumentano l'efficacia.

Aumentare il rischio di effetti collaterali: FANS ed etanolo (lesioni erosive e ulcerative e sanguinamento dal tratto digestivo); androgeni, estrogeni, contraccettivi orali, anabolizzanti steroidi (irsutismo, acne); farmaci antipsicotici, immunosoppressori (aumentando la probabilità di sviluppare infezioni, così come linfomi e altre malattie linfoproliferative), bukarban, azatioprina (cataratta); m-anticolinergici, antistaminici, antidepressivi triciclici, nitrati (aumento della pressione intraoculare); diuretici (ipopotassiemia), glicosidi della digitale (aritmie associate all'ipopotassiemia), ritodrin (la possibilità di sviluppare edema polmonare in donne in gravidanza).

Aumenta il rischio di effetti epatotossici del paracetamolo.

Gli inibitori dell'amfotericina B e dell'anidrasi carbonica aumentano il rischio di osteoporosi.

Aumenta la tossicità dell'asparaginasi (eventualmente aumentandone l'effetto ipoglicemico e il rischio di neuropatia ed eritropoiesi).

Riduce il metabolismo della ciclosporina, aumenta la sua tossicità.

Aumenta (con terapia prolungata) il contenuto di acido folico.

Aumenta il metabolismo dell'isoniazide, la mexiletina (specialmente negli "acetilatori veloci"), che porta a una diminuzione delle concentrazioni plasmatiche.

Il mitotan e altri inibitori della funzione della corteccia surrenale possono richiedere un aumento della dose di corticosteroidi.

L'ipopotassiemia causata dai corticosteroidi può aumentare la gravità e la durata del blocco muscolare contro i miorilassanti.

Accelera l'eliminazione dell'ASA, riduce il suo livello nel sangue (con l'abolizione del betametasone, aumenta la concentrazione di salicilati nel sangue e aumenta il rischio di effetti collaterali).

Aumenta la gravità dell'effetto iperglicemico della streptozocina.

Con l'uso simultaneo con vaccini antivirali vivi e sullo sfondo di altri tipi di immunizzazioni, aumenta il rischio di attivazione del virus e lo sviluppo di infezioni.

Diprospan: istruzioni per l'uso di iniezioni e perché è necessario, prezzo, recensioni, analoghi

Diprospan è un farmaco antinfiammatorio ormonale (glucocorticoide), prescritto per malattie infiammatorie, allergiche e autoimmuni. Il farmaco ha effetti anti-infiammatori, desensibilizzanti, immunosoppressivi, anti-shock. Diprospan non è raccomandato per i bambini di qualsiasi età, durante la gravidanza e l'allattamento. Secondo indicazioni vitali, il farmaco è prescritto per i bambini durante il periodo di gestazione, il dosaggio è determinato individualmente a seconda della gravità della malattia, dell'età e della durata della gravidanza.

Forma di dosaggio

Diprospan è disponibile sotto forma di soluzione per somministrazione parenterale (iniezioni intramuscolari e intradermiche) e intraarticolare. Il farmaco è confezionato in fiale di vetro con una capacità di 1 ml, che si trovano in cellule di contorno di plastica, in scatole di cartone n. 1 o n. 5. La soluzione acquosa per iniezione è trasparente, senza impurità e sospensioni.

Descrizione e composizione

Il principio attivo del farmaco è il betametasone sodio fosfato (2,63 mg / ml) e il betametasone dipropionato (6,43 mg / ml). I principi attivi nella composizione del farmaco hanno un effetto inibitorio sulla reazione infiammatoria, rallentano le manifestazioni di allergie, sopprimono l'immunità nelle malattie autoimmuni, ripristinano i segni vitali nello sviluppo di shock.

Componenti ausiliari: polietilenglicole, sodio disodio, alcool benzilico, sodio cloruro, polisorbato, sodio carmellosa. Gli eccipienti creano una comoda forma di dosaggio per la somministrazione parenterale.

Gruppo farmacologico

Diprospan appartiene al gruppo farmacologico - farmaci glucocorticoidi. Ha un effetto antinfiammatorio, sopprime le reazioni allergiche e autoimmuni nel corpo..

farmacodinamica

Diprospan ha un'alta attività glucocorticoide. Colpisce i processi metabolici nei tessuti: riduce il livello di proteine ​​nel plasma, migliora la sintesi degli acidi grassi, provoca l'ipercolesterolemia, attiva la gluconeogenesi. Cambia il metabolismo del sale d'acqua - trattiene il sodio, rimuove il potassio, liscivia il calcio dalle ossa. Inibisce la secrezione degli ormoni TTG e FSH.

L'effetto antinfiammatorio è associato alla soppressione della produzione di mediatori dell'infiammazione e dell'acido arachidonico, alla stabilizzazione delle membrane cellulari e alla diminuzione del grado di permeabilità capillare. L'effetto desensibilizzante si sviluppa a causa dell'inibizione del rilascio di mediatori allergici, dell'inibizione della secrezione di istamina e di altre sostanze biologicamente attive da mastociti, basofili, linfociti, bloccando la formazione di anticorpi.

Il farmaco aiuta a fluidificare il muco viscoso nei bronchi, previene l'edema allergico nella mucosa del tratto respiratorio e inattiva i complessi immunitari circolanti (CEC). L'effetto antishock è associato a una diminuzione della permeabilità della parete vascolare, al restringimento del lume delle arterie (vasocostrizione) e ad un aumento della pressione sanguigna a causa di un aumento del contenuto di catecolamine nel sangue periferico.

Effetto immunosoppressivo dovuto all'inibizione della sintesi di citochine da parte di linfociti e macrofagi.

farmacocinetica

Diprospan nella sua composizione contiene 2 frazioni del principio attivo attivo, che consente di ottenere un effetto terapeutico rapido e prolungato. Dopo la somministrazione parenterale, il betametasone disodio fosfato si dissolve bene ed entra nei tessuti, il che garantisce la rapida azione del farmaco, necessaria per le reazioni allergiche e le condizioni di shock. Il betametasone dipropionato viene assorbito lentamente e provoca un effetto prolungato del farmaco nelle malattie infiammatorie e autoimmuni. Con la somministrazione parenterale prevale l'effetto sistemico, con la somministrazione intraarticolare, l'effetto terapeutico locale del farmaco.

Indicazioni per l'uso

Per adulti

Diprospan è prescritto per malattie infiammatorie, allergiche e autoimmuni.

  1. Reazioni allergiche, anafilassi.
  2. Asma bronchiale.
  3. Rinite allergica.
  4. Artrite reumatoide.
  5. Psoriasi, artrite psoriasica.
  6. collagenosi.
  7. miosite.
  8. sinovite.
  9. osteocondrosi.
  10. Lombaggine.
  11. Insufficienza surrenalica acuta.
  12. Shock di varie eziologie (cardiogeno, trasfusione di sangue, anafilattico, traumatico).
  13. Epatite acuta complicata da coma epatico.
  14. Cicatrici cheloidi.
  15. Edema cerebrale.

Diprospan è prescritto per la somministrazione intraarticolare nel trattamento di malattie infiammatorie asettiche articolari causate da fattori allergici e autoimmuni.

Per bambini

Nell'infanzia, il farmaco viene utilizzato per motivi di salute.

Per gravidanza e allattamento

Durante la gestazione e l'allattamento al seno, il medicinale viene utilizzato per motivi di salute.

Controindicazioni

Prima di usare Diprospan, è necessario familiarizzare con le controindicazioni per la prevenzione delle complicanze.

  1. Intolleranza individuale al principio attivo e ai componenti ausiliari.
  2. Malattie della pelle (dermatite, eczema, acne, ferite infette).
  3. Artrite di natura infettiva.
  4. Infezione dei tessuti periarticolari (legamenti, muscoli, fascia).
  5. Instabilità articolare.
  6. Disturbo della coagulazione del sangue.
  7. osteoporosi.

Diprospan è prescritto con cautela in caso di ulcera gastrica e duodenale, gastrite, colite ulcerosa, un processo infettivo nel corpo di natura virale, batterica o parassitaria, un periodo post-infarto, diabete mellito, durante la vaccinazione.

Dosaggio e amministrazione

Per adulti

Il dosaggio di Diprospan dipende dalle specifiche della malattia, dalla gravità del processo patologico, dal metodo di somministrazione del farmaco.

Con l'iniezione intramuscolare, la soluzione viene iniettata in profondità nel muscolo della regione glutea in un dosaggio di 1-2 ml una volta in 2-4 settimane. Con l'iniezione intradermica, la soluzione viene iniettata nell'area interessata al ritmo di 0,2 ml / cm * 2, la dose media è di 0,25-0,5 ml. Con la somministrazione intra-articolare, il dosaggio dipende dal volume dell'articolazione: anca - 1-2 ml, spalla - 1 ml, caviglia - 1 ml, ulnare - 1 ml, piccole articolazioni del piede e della mano - 0,25-0,5 ml.

Per ridurre il dolore delle iniezioni, Diprospan viene miscelato in una siringa con un anestetico locale - lidocaina all'1% o soluzione di procaina.

Per bambini

La dose viene selezionata individualmente in base all'età e alla gravità della malattia..

Per gravidanza e allattamento

La dose viene selezionata individualmente in base alla durata della gravidanza e alla gravità della malattia. Lo scopo del farmaco durante l'allattamento richiede il trasferimento del bambino all'alimentazione artificiale.

Effetti collaterali

Gli effetti collaterali si sviluppano con la nomina di alte dosi del farmaco e il trattamento a lungo termine.

  1. Disturbi del sonno, nevrosi, irritabilità.
  2. Depressione.
  3. Violazione del processo di assorbimento e digestione del cibo.
  4. Sindrome di edema.
  5. Scompenso del diabete.
  6. osteoporosi.
  7. Progressione delle malattie infettive.
  8. Inibizione della funzione della corteccia surrenale.
  9. Aumento di peso corporeo.
  10. Ritardato sviluppo fisico nei bambini.

Il trattamento con dosi adeguate nel corso terapeutico accettabile di solito non provoca effetti collaterali..

Interazione con altri farmaci

Durante il trattamento con Diprospan, l'alcool non deve essere consumato. L'uso combinato del farmaco con farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) aumenta il rischio di ulcera peptica del tratto digestivo e lo sviluppo di sanguinamento. Diprospan riduce l'effetto terapeutico di vaccini, insulina, anticoagulanti, diuretici. La contraccezione ormonale migliora l'azione farmacologica del farmaco.

istruzioni speciali

Diprospan non è usato per iniezioni endovenose e sottocutanee. Con un lungo ciclo di terapia, è necessario controllare il livello di glucosio e la composizione elettrolitica del sangue.

Overdose

Con un sovradosaggio del farmaco, si sviluppa nausea, vomito, agitazione ipermotoria. In caso di avvelenamento del corpo con alte dosi di farmaco, viene prescritta un'infusione di soluzioni di disintossicazione, nei casi più gravi viene eseguita l'emodialisi.

Condizioni di archiviazione

Il farmaco deve essere conservato a una temperatura di + 5- + 15 gradi, è possibile in frigorifero. Non consentire il congelamento della soluzione. Tenere fuori dalla portata dei bambini.

Analoghi

Invece di Diprospan, puoi scrivere i seguenti analoghi:

  1. Il phlosterone è un analogo completo di Diprospan. È prodotto da KRKA, che produce generici di alta qualità. In vendita, Flosterone è sotto forma di sospensione iniettabile. Può essere prescritto a pazienti di età superiore ai 3 anni. Le donne in gravidanza hanno bisogno di iniezioni con cautela.
  2. Betaspan Depot contiene gli stessi ingredienti attivi di Diprospan. Disponibile in sospensione iniettabile. Il farmaco può essere utilizzato per il trattamento di bambini di età superiore ai 3 anni, le pazienti in gravidanza possono usarlo in casi estremi.
  3. L'idrocortisone è un sostituto di Diprospan nel gruppo clinico e farmacologico. Il farmaco è prodotto da numerose società nazionali ed estere. In vendita, si presenta sotto forma di sospensioni per somministrazione intramuscolare e intraarticolare, nonché in una soluzione di iniezione, le cui iniezioni possono essere fatte nel muscolo o nella vena.
  4. Dexamed è un sostituto di Diprospan nel gruppo terapeutico. Il farmaco viene prodotto in una soluzione per somministrazione intramuscolare e endovenosa, il cui principio attivo è il desametasone. La prescrizione durante la gravidanza e l'allattamento è possibile solo se il beneficio per la donna supera il possibile pericolo per il bambino.

Il costo di Diprospan è in media di 305 rubli. I prezzi vanno da 201 a 821 rubli.