Allergico ai gatti britannici?

Trattamento

Alcune razze di gatti provocano emozioni speciali: i rappresentanti soffici e maestosi della razza britannica, specialmente durante l'infanzia, possono causare un sorriso anche alle persone più serie. Gli allevatori spesso dicono ai clienti che le allergie ai gatti britannici non sono possibili perché hanno i capelli corti. Tuttavia, tali affermazioni non dovrebbero essere prese sulla fede cieca: se vuoi avere un familiare a quattro zampe, è meglio calcolare in anticipo tutte le possibili conseguenze.

Per capire se c'è un'allergia ai gatti britannici, è sufficiente rendersi conto del seguente fatto: il mantello non ha nulla a che fare con lo sviluppo di una reazione negativa - è tutto sulla proteina prodotta dalle ghiandole sebacee feline.

Le proteine ​​si trovano nella saliva, nelle urine e nelle cellule della pelle dei gatti. La principale via di trasmissione dell'allergene è il peli di animali, cioè particelle morte dell'epidermide. Sono praticamente invisibili ad occhio nudo, ma si diffondono in tutta la stanza in cui vive il gatto. Una persona inala la forfora, entra nelle mucose, ad esempio occhi e naso, penetra nel sangue attraverso lesioni cutanee.

Per una persona sana, questo non è dannoso: inaliamo costantemente una grande varietà di sostanze che non hanno alcun effetto sul corso dei processi interni. Tuttavia, il sistema immunitario dei soggetti allergici percepisce le proteine ​​feline come una particella dannosa. Il corpo fa del suo meglio per sbarazzarsi dell'allergene, che provoca reazioni protettive (naso che cola, tosse, lacrimazione, ecc.).

Importante! Non sempre si verifica un'allergia negli animali. A volte il motivo sono gli additivi chimici nel mangime, il riempitivo di scarsa qualità o quelle particelle che il gatto porta a casa dalla strada dopo aver camminato libero.

Oltre alla forfora, che arriva sui capelli, le proteine ​​si trovano nella saliva dell'animale. Anche se non si consente al gatto di leccarsi, la proteina può penetrare nel sangue. Molto spesso questo accade: l'animale si lecca le zampe, quindi decidi di giocarci e, portato via, il tuo animale ti graffia. Le particelle di saliva e con loro l'allergene entrano nel flusso sanguigno.

Un altro modo per trasferire le proteine ​​feline è attraverso il vassoio. Se una persona allergica cambia in modo indipendente il riempitivo nella toilette dell'animale, allora inala inevitabilmente particelle di proteine. Avvicinarsi al vassoio per gatti si trasforma costantemente in lacrime, tosse, naso che cola o prurito.

C'è una reazione dell'organismo ai rappresentanti della razza?

Gli inglesi sono una delle razze più antiche. Si ritiene che i Romani portarono questi animali nel I secolo d.C. I gatti si sono sentiti a proprio agio in un nuovo clima per se stessi, che è stato aiutato da un cappotto denso e hanno iniziato a portare benefici pratici, dimostrando eccellenti capacità di caccia ai roditori. A poco a poco, l'aspetto dei gatti britannici è diventato una priorità, e ora questa razza è considerata una delle più "alla moda".

I compratori che non sanno se esiste un'allergia ai gatti britannici vengono spesso ingannati: alcuni allevatori sostengono che questi animali non causeranno una reazione assoluta del corpo. Questa affermazione è un mito e persino una bufala..

Se una persona allergica porta un gatto britannico di razza in casa, molto presto sentirà tutta l'indignazione del suo corpo per l'abbondanza di allergene nell'ambiente. Questa razza è una delle più allergeniche, cioè provoca più spesso una reazione negativa.

Il motivo è che sotto il pelo corto di questi gatti, che gli allevatori posizionano come la principale causa di ipoallergenicità, viene nascosto un sottopelo denso. Per questo motivo, i gatti di questa razza sembrano grumi soffici. La forfora si accumula anche sul sottopelo, che raramente entra nell'ambiente, poiché le particelle di pelle morta devono bypassare il mantello..

Ciò significa che in un punto, e in particolare sul tuo animale domestico, si concentra un'enorme quantità di allergene. Quando prendi l'animale tra le braccia, lo accarezzi o addirittura dormi con esso sullo stesso cuscino, inali queste particelle e questo provoca una risposta del sistema immunitario che non accetta tale trattamento.

Pertanto, il grado di allergenicità di un animale non è influenzato dalla lunghezza del mantello, ma dalla sua quantità. Il denso sottopelo della bella britannica crea un ambiente favorevole per la concentrazione di proteine ​​feline. Se sai per certo che sei allergico agli animali, questa razza non è la tua scelta..

Come si manifesta

I sintomi della reazione negativa del corpo ai gatti britannici non sono diversi dalle allergie ad altre razze. Tutto dipende da dove è arrivato l'allergene: nel tratto respiratorio, nelle mucose o nel sangue.

Considera quanto è allergico ai gatti britannici se hai inalato la forfora e la rinite sviluppate:

  • congestione nasale;
  • naso che cola con abbondante scarica;
  • eccessiva secchezza della superficie interna del naso;
  • prurito intorno o all'interno del naso;
  • arrossamento della pelle;
  • gonfiore del viso.

Questi sintomi possono essere rimossi con gocce o spray con effetto antiallergico. Anche il lavaggio del naso con acqua di mare può aiutare. Puoi migliorare le condizioni generali con gli antistaminici.

Oltre alla rinite, si verifica spesso congiuntivite allergica. Il bianco degli occhi diventa rosso, prurito, dolore e lacrimazione costantemente. La pelle intorno alle palpebre si gonfia e diventa rossa, l'acuità visiva può temporaneamente peggiorare.

Dalla congiuntivite allergica sbarazzarsi di speciali colliri, nonché lozioni con decotti a base di erbe. Gli antistaminici aiutano ad alleviare gonfiore e arrossamento.

I sintomi di un'allergia ai gatti britannici, se l'allergene è andato oltre attraverso il tratto respiratorio fino ai polmoni e ha provocato la bronchite, sono i seguenti:

  • pesantezza al petto;
  • sensazione di corpo estraneo nei polmoni;
  • mal di gola o bronchi;
  • raucedine della voce, raucedine;
  • tosse secca parossistica;
  • dispnea;
  • sensazione di soffocamento.

Un caso speciale di bronchite allergica è l'asma bronchiale. Questa pericolosa malattia può svilupparsi come una brillante reazione negativa del corpo a una grande quantità di allergene, anche dopo il primo contatto con un gatto britannico.

Un'altra opzione per lo sviluppo di asma bronchiale è una complicazione dopo il ripetuto verificarsi di bronchite allergica, se non sono state prese misure per eliminare la reazione negativa del corpo.

Per eliminare i sintomi della bronchite allergica, vengono utilizzati inalatori che espandono i bronchi. Questo aiuta a rimuovere rapidamente l'allergene dal corpo e a liberarsi della mancanza di respiro, della pesantezza al petto e dei sentimenti di soffocamento.

Se un allergene entra nel flusso sanguigno di una persona attraverso lesioni cutanee, molto spesso la reazione si manifesta sotto forma di orticaria. Una piccola eruzione cutanea o grandi vesciche con un liquido chiaro appaiono sulla pelle. Pruriscono, a volte fanno male.

Attenzione! Inoltre, arrossamento, secchezza e desquamazione della pelle possono agire come una reazione.

In questo caso, vengono spesso usati pomate, gel e creme con un effetto antiallergico locale. Può essere sia farmaci antinfiammatori non steroidei sia farmaci ormonali.

Oltre alle principali manifestazioni di allergie, dopo il contatto con una proteina di un gatto britannico, può esserci un deterioramento generale:

  • debolezza;
  • sonnolenza;
  • vertigini;
  • una sensazione di febbre, sebbene rimanga normale;
  • concentrazione compromessa.

Gli antistaminici aiutano a combattere questi sintomi. Sono divisi in 3 generazioni, quindi è meglio non scegliere la medicina da soli, ma affidare la questione a un allergologo esperto.

Prevenzione

Se hai già fatto amicizia con un peloso e separarti da lui è inaccettabile per te, puoi imparare a vivere con lui in pace e armonia. A volte è persino possibile abituarsi al proprio animale domestico e il corpo non lo considera più una potenziale minaccia per la salute.

Per ridurre la probabilità di un'allergia a un gatto britannico, devono essere prese le seguenti misure preventive.

L'abbondanza di peli in un gatto britannico porta ad un'alta concentrazione di allergeni nella stanza. Non tutti possono andare d'accordo con un simile animale nello stesso appartamento, quindi, se nessun metodo di prevenzione aiuta, c'è solo una via d'uscita: trovare una nuova famiglia per l'animale.

conclusioni

Ciò che dicono numerose recensioni, le allergie ai gatti britannici sono davvero possibili. Inoltre, questi animali sono ancora più allergenici, a causa del denso sottopelo. Non fidarti degli allevatori che affermano che il rischio di sviluppare una reazione corporea negativa è minimo.

ALLERGIA GATTA

Le allergie sono un evento abbastanza comune. A cui, secondo alcune stime, una persona su quattro nel mondo è esposta a vari livelli. Solo alcuni non lo notano. Senza attribuire particolare importanza al fatto che in presenza di un gatto il loro naso inizia a graffiare un po '; mentre altri, quando si incontrano con l'animale, stanno per morire, e questa è una vera tragedia. E più o meno gravemente allergico ai gatti circa il 15% di tutte le persone. Il colpevole della comparsa di allergie è il cosiddetto allergene Felis domesticus 1 o Pel d 1. Si trova nella saliva del gatto e sulla sua pelle e ha forti proprietà allergeniche e la sua dimensione è un decimo della particella. Formazione di polvere domestica. È noto che i gatti passano molto tempo a leccare. Allo stesso tempo, lasciano una grande quantità di saliva allergenica sulla loro copertina, e quindi la saliva si diffonde ovunque. Inoltre, quando leccano, i gatti disperdono intere nuvole di minuscole goccioline di saliva nell'aria circostante. Sono letteralmente irroratori di allergie! Contrariamente alla credenza popolare, i peli di gatto in sé non sono una fonte di allergie! Anche se si taglia un gatto calvo o si ottiene un animale senza peli in casa. Ad esempio, la sfinge. Questa non sarà la soluzione al problema. Il problema è che l'allergene Pel d 1 si trova anche sulla pelle dell'animale e viene trasferito solo dalla pelle al pelo. Inoltre, i gatti secernono allergeni provenienti dalle loro urine e pelle. Molto leggeri, galleggiano costantemente in aria, si attaccano facilmente alla superficie porosa: al tappeto, alla tappezzeria. Panneggio. Biancheria da letto, pareti e soffitto. Proprietà allergiche di lana, forfora. La saliva e l'urina degli animali sono indipendenti dalla razza o dalla lunghezza del mantello. Molte persone hanno una domanda: perché una persona reagisce a un animale, ma può sopportare la presenza di un'altra della stessa specie? Anche in questo caso, l'esempio dell'allergene di gatto è adatto. Come sopra. Questo non è un allergene, ma una miscela di diversi allergeni. Inoltre, in questa miscela si distinguono alcuni importanti allergeni a cui reagisce la maggior parte delle persone con allergie ai gatti e le cosiddette frazioni allergeniche minori, la cui sensibilità in persone diverse può essere diversa. I gatti producono significativamente più allergeni rispetto ai gatti. L'allergene Pel d 1 è in grado di rimanere in casa per diversi mesi in seguito. Come l'animale è stato rimosso da lì. Anche se l'animale che ha causato l'allergia viene rimosso dalla casa, gli attacchi di allergia possono ancora essere ripetuti in seguito a causa del fatto che gli allergeni sono ancora contenuti su mobili, copriletti, tende, tappeti, ecc. l'unica misura adeguata in questo caso è quella di effettuare una pulizia approfondita! Allo stesso tempo, nelle pubblicazioni su questo argomento è stato possibile trovare una conclusione apparentemente completamente opposta che, secondo recenti studi, un gatto o un cane. Vivere in una famiglia con un bambino impedisce ai bambini di sviluppare l'asma in futuro. Secondo studi condotti negli Stati Uniti e pubblicati sul Journal of Allergy and Clinical Immunology, i bambini che entrano in contatto con animali domestici sin da piccoli raramente sviluppano l'asma in futuro. Raramente hanno anche allergie agli animali, polvere domestica e polline delle piante. Contatto favorevole dei bambini non solo con cani e gatti, ma anche con animali da fattoria.

I gatti stessi saranno in grado di far fronte alle allergie ai gatti

Gli scienziati spagnoli hanno proposto un modo efficace per affrontare le allergie ai gatti. Il trattamento, consistente nel prendere sotto la lingua dosi crescenti di estratto di forfora di gatto, porta a un indebolimento delle reazioni immunitarie avverse, affermano i ricercatori. I medici di solito raccomandano alle persone con allergie di peli di gatto di sbarazzarsi degli animali domestici. Tuttavia, gli esperti dell'ospedale Ramon-i-Cahal di Madrid credono che con questo nuovo metodo di trattamento, la necessità di questa misura scomparirà. All'esperimento, condotto da scienziati guidati da Emilio Alvarez-Cuesta (Emilio Alvarez-Cuesta), hanno partecipato 50 adolescenti affetti da allergie ai gatti. Tutti i partecipanti sono stati sottoposti a immunoterapia sublinguale (SLIT) - somministrazione giornaliera sotto la lingua di gocce contenenti dosi crescenti di allergene felino (forfora) o placebo. Si è ipotizzato che l'introduzione di una dose progressivamente crescente dell'allergene porterà alla dipendenza del sistema immunitario dei pazienti dall'allergene e alla graduale estinzione delle reazioni allergiche. Attualmente, un metodo simile - desensibilizzazione specifica - è usato in medicina per trattare le allergie alla polvere e al polline. Dopo la fine del corso annuale di trattamento, i partecipanti dovevano trascorrere un'ora e mezza nella stanza in cui viveva il gatto. Si è scoperto che il 62% dei pazienti trattati con il metodo SLIT ha mostrato una riduzione significativa dei sintomi allergici rispetto ai dati di base. Inoltre, hanno migliorato la respirazione e diminuito la reazione cutanea all'estratto di forfora di gatto. Non ci sono stati effetti collaterali del trattamento, che potrebbero indicare la sicurezza della nuova tecnica, hanno detto gli scienziati. Secondo il Dr. Savchenko, è impossibile ridurre le allergie ai peli degli animali attraverso il costante contatto con i gatti. Pertanto, una reazione allergica ai peli del gatto progredirà e le condizioni della persona peggioreranno. È necessario escludere qualsiasi contatto con gli animali per un lungo periodo di tempo, incluso non avviare altri animali a casa (uccelli, cavie, criceti, ecc.) E cercare di non visitare gli ospiti in cui sono tenuti gli animali domestici. Secondo una certa indicazione, è possibile effettuare una vaccinazione allergica con un allergene di peli di gatto in un istituto allergologico specializzato.

Tratto da materiali del sito
e siti medportal.ru
ksfinksj.narod.ru

SU UNA NOTA.
Le seguenti razze sono più tolleranti nei confronti dei bambini piccoli e degli altri animali domestici: British Shorthair, Scottish Fold, Abyssinian, Burmese, Burmese, esotico shorthair, Foresta norvegese, Sfinge, Van turco.

(clicca e leggi)

Elenco della letteratura raccomandata:
-Gerber Berbel. Gatti: razze. Abitudini. Cura. Allevamento. - Mn.: Inter-Digest, 1994
- Krylova N. Gatti domestici. Donetsk: Stanker, 1999
-Machetti Gays. Gatti dalla A alla Z. Enciclopedia. - M.: Vagrius, 1996
- Penge Susie. Enciclopedia degli animali domestici. - M.: White City, 1998.
- Pinter A. Gatti, gatti, gattini. - M.: Ecocenter-VNIRO, 1993.
- Taylor David Tutto sul gatto. - Londra: 1989.
- Shustrova I.V. Toolkit per esperti e felinologi sulla standardizzazione e descrizione delle razze di gatti. - M.: MFC "Felis". 1998.
- Shustrova I.V. Koshki: genetica e allevamento.-M.: Mir, 1997
- Shustrova I.V., Ashatkin A.F., Vasiliev A.V. Gatti britannici e scozzesi - Mosca, 2001
- Fallo Bruce Cat Behavior. - M.: Centerpolygraph, 1999.
- Nepomniachtchi N. Cats. - M.: Kolos, 1994
- Ridards Dorothy Silkstone Il tuo gatto. - M.: Mir, 1994
- Hammand Sean e Yuzri Caroline Come allevare un gatto mentalmente e fisicamente sano. - M.: Centerpolygraph, 1999
- Nepomnyashchiy N. Gatto a casa tua. - M.: Profizdat, 1990
- Savenkova V.A. Gatti da riproduzione. - M.: AST, 2002
- Savenkova V.A. British shorthair cat. - M.: AST, 2002

Un'allergia in uno dei membri della famiglia è una buona ragione per abbandonare per sempre l'idea di avere un animale domestico. E se il desiderio di vedere un quarto amico nelle vicinanze fosse così forte da rendere difficile essere felici? Esistono razze ipoallergeniche di gatti: meravigliose creature, accanto alle quali i loro occhi non arrossiscono, una tosse non soffoca e la pelle non è coperta da un'eruzione rossa! Sfortunatamente, questa è una frode - arrogante e irresponsabile. Ma chi soffre di allergie ha ancora la possibilità di diventare il proprietario di una borsa affascinante.

Per via dei soldi, ovviamente. Gli allevatori senza scrupoli inventano "nuove razze", le dichiarano ipoallergeniche e le vendono per quantità favolose. Ad esempio, una meravigliosa allergia del valore di $ 7.000 non è diversa da qualsiasi altro gatto. Quando i proprietari delusi, trovando un trucco, iniziarono a inondare la compagnia di azioni legali e pretesero di risarcire il danno, l'astuto uomo d'affari Simon Brody scomparve per un po '. E ora, l'insolenza, è apparsa cinque anni dopo con una nuova sensazione - non solo ipoallergenica, ma anche unica nel genotipo, e quindi molto più costosa - $ 20.000! E dopotutto c'erano persone che credevano di nuovo a Brody. E ha colpito di nuovo il grande jackpot ed è fuggito, questa volta in Canada.

Un'allergia alla lana è un'allergia a una proteina estranea che si trova nella saliva, nelle urine, nei fluidi seminali e vaginali, nel sudore, nel sebo e in generale in tutti i liquidi escreti dagli animali. Inoltre, questa non è una proteina specifica, ma molti tipi diversi di proteine.

Esistono gatti ipoallergenici tra le razze non inventate esistenti? Sfortunatamente neanche. Sebbene gli allevatori stiano cercando di convincerci del contrario, attribuendo ipoallergenicità a quasi tutte le razze. Ad esempio, si può spesso sentire che un gatto norvegese, kun, ragdoll o siberiano ha meno probabilità di provocare un'allergia rispetto ad altri (e questo nonostante il fatto che il mantello di questi uomini belli sia molto spesso e "isolato" con il sottopelo!). Tali affermazioni non sono un metodo completamente onesto per diffondere le tue razze preferite..

Quali gatti sono i più adatti per chi soffre di allergie??

Prima di tutto, è importante capire che lo stesso gatto può causare un attacco grave in una persona e l'altra non avrà alcuna reazione ad esso. Pertanto, è necessario scegliere non una razza, ma un animale domestico specifico. Per capire se il sistema immunitario risponde a questo animale, è necessario prelevare il sangue e un campione della saliva / pelo del gattino per l'analisi, e preferibilmente anche la madre dei gattini. Nessun allevatore competente rifiuterà questo servizio a un acquirente allergico, non esitate a chiedere materiale di ricerca.

Parlare con un gatto non è sempre abbastanza. I sintomi delle allergie potrebbero non comparire immediatamente, ma dopo alcune ore o giorni. Pertanto, una visita al vivaio e uno stretto contatto con gli animali è solo una parte del test di sensibilità. Anche se i sintomi non compaiono, i test devono ancora essere superati.

Quindi, i test mostreranno quali gatti sono ipoallergenici per te. Ma già nella fase di scelta, puoi aumentare le possibilità di successo. Prestare attenzione ai seguenti criteri:

  • Colore. È stato dimostrato che i gatti bianchi e di colore chiaro hanno meno probabilità di causare allergie. La genetica suggerisce che la concentrazione di proteine ​​"dannose" è in qualche modo correlata alla quantità di pigmento. Come esattamente e se questa connessione esiste affatto non è ancora chiaro. Ma i gatti di cioccolato, nero e blu scuro per qualche motivo provocano sintomi più spesso delle fusa bianche;

Nella foto in basso - un affascinante birmano viola in compagnia di fratelli e cucciolate di cioccolato:

  • Fertilità. Se uno dei membri della famiglia soffre di allergie, l'animale dovrà necessariamente essere sterilizzato o sterilizzato. I gatti maturi e i gatti emettono decine di volte più allergeni dei gatti sterili! Soprattutto durante il periodo di eccitazione. Pertanto, è necessario essere preparati in anticipo per l'operazione (finanziariamente e moralmente) o portare un animale domestico già sterilizzato in casa;
  • Tipo di lana La lunghezza e la densità del mantello non influiscono sulla quantità di allergene secreto dal gatto. Ma è con la lana che l'allergene si diffonde in tutto l'appartamento. Pertanto, i migliori gatti per chi soffre di allergie sono quelli la cui pelliccia non si sbiadisce, non si cosparge di aghi e non vola a riposo. Ad esempio, i gatti esotici, scozzesi e britannici causano allergie più spesso, perché hanno i capelli "pieni", con un sottopelo folto e denso. Ma birmani, siamesi, abissini e altri gatti con peli lisci, sottili e aderenti provocano sintomi meno frequentemente..

Molte persone che soffrono di allergie si sentono benissimo insieme agli sphynx canadesi. Ma non con le bambole "di gomma", ma con i gatti "pesca" - la loro pelle è coperta da una lanugine che è appena percettibile al tatto. Le sfingi emettono anche allergeni, ma le superfici meno diverse si sporcano (non c'è lana ed è più facile lavare gli allergeni dalla pelle nuda). Circa il 15% dei soggetti allergici non risponde alle razze ricci: Devon Rex e Cornish Rex perdono meno e la lana setosa e sottile non vola a pezzi negli angoli, come la lanugine di murs "riscaldate".

Anche nella foto puoi vedere le onde "regolari", strette e simmetriche del cappotto Cornish Rex:

Vedi anche: quante razze di gatti esistono?

Si scopre che i gatti più ipoallergenici sono animali domestici sterili di colore bianco o il più possibile rosso chiaro con peli lisci senza sottopelo (e senza peli o ricci). Se la sterilizzazione / castrazione di un animale domestico è completamente inaccettabile per te, è meglio scegliere un gatto: i gatti sono in uno stato di eccitazione quasi tutto l'anno e i gatti solo due o tre volte l'anno.

Ciò che riduce la concentrazione di allergeni?

Il primo è l'igiene. Devi fare il bagno al tuo animale domestico una volta alla settimana, usando shampoo speciali che riducono o bloccano l'azione degli irritanti. Ci sono gli stessi tovaglioli - ideali per la cura dei gatti di razza nuda. Assicurati di pettinare il gatto ogni giorno, rimuovendo i peli che cadono con un guanto di gomma o con una mano bagnata. La contaminazione delle zampe con l'urina non dovrebbe essere consentita: nelle urine c'è un'altissima concentrazione di allergeni, che il gatto porterà sicuramente in tutto l'appartamento. Pertanto, è necessario utilizzare un riempitivo di alta qualità e pulire il vassoio quotidianamente.

Per chi soffre di allergie, e in particolare per i bambini, tutte queste procedure possono essere pericolose. Pertanto, prendersi cura del gatto deve essere un altro membro della famiglia. Decidi in anticipo se qualcuno accetta di assumersi queste responsabilità (regolarmente, per molti anni!).

Secondo me un articolo molto utile, in particolare chi ha o sta pianificando dei bambini.
L'allergia agli animali domestici è una frase?

Portiamo alla tua attenzione l'articolo del candidato di scienze mediche Tatyana Tikhomirova, che non solo si espanderà, ma trasformerà anche le tue idee sulle allergie agli animali domestici.

"Le allergie agli animali domestici / agli uccelli possono verificarsi in diversi modi: prurito e arrossamento della pelle, lacrimazione, congestione nasale e starnuti, difficoltà respiratorie, tosse e persino mal di testa. E se sei incompatibile con il tuo animaletto preferito? Qualsiasi terapista ti indirizzerà immediatamente per la consultazione di un allergologo.

Ma voglio avvertire che non appena arrivi all'allergologo, nel 100% dei casi sentirai un preciso e categorico: "Sbarazzati dell'animale!" Tutti! Nessun allergologo potrà mai, nella sua mente e memoria, assumersi la responsabilità di offrire qualcos'altro, specialmente quando si tratta di allergie nei bambini. Qualsiasi amico a cui sei allergico lo confermerà..

Nel 99% dei casi, l'allergologo non offrirà una iposensibilizzazione specifica, un metodo per abituare il corpo a un allergene, che attualmente funziona più o meno costantemente solo in caso di allergie alle piante (di solito polline) e non agli animali.

Ma con tutto ciò, se sei allergico a un animale per la prima volta o se le sue manifestazioni sono cambiate, dovresti andare dal medico. È possibile che l'allergia non sia un'allergia, ma qualcos'altro. Ci sono molte malattie con sintomi simili alle allergie. Inoltre, è possibile che la diagnosi venga confermata, ma il motivo non è l'animale, ma il tuo nuovo detersivo. E questa sarà una grande notizia, giusto?

Quindi, dall'allergologo seguirà un'indispensabile minaccia di consiglio: abbandonare la custodia dell'animale (ovviamente, non cacciarlo in strada, ma darlo in buone mani).

INFATTI
Quindi no! In questa materia, rappresento tre parti interessate: un medico allergologo-immunologo (candidato di scienze mediche in allergologia e immunologia, se qualcuno è interessato a sonagli), una persona allergica (sì, una persona forte, sì, con un'allergia agli animali) e un amante degli animali senza la più piccola esperienza di contenuto

Ed ecco cosa ti dirò a riguardo:

L'ANIMALE PUO 'CURA DI TE DALL'ALLERGIA PER TE!

Esiste una iposensibilizzazione specifica spontanea su un animale. Ma questo è tutt'altro che esotico, anche se, ovviamente, non funziona nel 100% dei casi. La sua essenza è questa: quando l'animale è arrivato per la prima volta a casa tua, i primi giorni la reazione è estremamente forte. Congiuntivite, eruzione cutanea, rinite allergica, qualche esacerbazione persino dell'asma o del suo debutto. Ma dopo 3-4 giorni, i sintomi delle allergie si attenuano e dopo 2-3 settimane scompaiono quasi completamente.

Inoltre, cosa succede con gli antistaminici (questi sono farmaci per le allergie), come senza di loro! Qui funzionano due semplici meccanismi..

PRIMO MECCANISMO. BIT, LIE E ​​RAP!

È particolarmente efficace nel caso di ratti e gatti. I ratti sono leggeri e quasi impercettibili, e i gatti e soprattutto i gattini a volte giocano anche in modo evidente, applicano ferite sulla pelle con gli artigli. Pertanto, un allergene si insinua sotto la pelle - le particelle stesse che causano la tua allergia all'animale e la somministrazione sottocutanea di un allergene naturale specifico è l'essenza del metodo di ipersensibilità specifica!

Inoltre, a differenza delle verdure, gli allergeni animali sono molto più "individuali" e meno resistenti ai diversi tipi di conservazione, motivo per cui lo stesso trattamento da parte di un medico sotto forma di iniezioni sottocutanee da un allergene puro dà una percentuale molto inferiore di successo. E qui - allergeni naturali, freschi, senza alcuna conservazione, ed è il tuo animale.

SECONDO MECCANISMO. LA QUANTITÀ VA ALLA QUALITÀ
Un altro possibile metodo si basa su questo meccanismo, sebbene finora un trattamento esotico delle allergie. Il fatto è che le allergie si sviluppano più spesso sul principio di "una piccola sostanza innocua - e non con il cibo, ma sulla pelle e sulle mucose". Semplifico, semplifico enormemente, non usare questo, per favore, come descrizione della patogenesi delle allergie, ok?

Ma la linea di fondo è che quando appare un animale domestico, i suoi allergeni diventano non solo un po ', ma abbastanza, e non solo si trovano sulla pelle, anche se non hai l'abitudine di leccare il tuo gatto o cane. Ad un certo momento, si verifica un "clic" e il sistema immunitario capisce che sembrano esserci troppe di queste particelle ed entrano nel corpo con tutti i mezzi, il che significa che sono già tirati dai segni di un allergene. E la risposta allergica svanisce.

CONSIGLIO PRATICO
Quindi, se hai davvero un animale e vuoi vivere con esso, ma tu o i tuoi parenti avete un'allergia ad esso, non abbiate fretta di separarvi. Non sto parlando di coloro che per primi hanno iniziato un "giocattolo" per se stessi o per i loro bambini, poi hanno scoperto che il cucciolo stava scrivendo sul tappeto e masticava le scarpe, e il gattino stava strappando i mobili e ha deciso di sbarazzarsi della fonte dei problemi con un pretesto plausibile..

Sto parlando di coloro che vogliono davvero stare con i loro animali. Non affrettarti. Vai da un allergologo se è la prima volta, annuisci, quindi acquista antistaminici e aspetta solo 2-3 settimane - un po ', ma non limita completamente il contatto con l'animale. A meno che, naturalmente, i sintomi non siano pericolosi, cioè non ci sono attacchi di asma (asma o edema allergico).

Le allergie possono davvero diminuire o addirittura scomparire da sole. È vero, dopo essere tornato a casa dopo una vacanza o un viaggio d'affari, potresti dover soffrire ancora un po ', ma la reazione secondaria sarà più calma e più calma. Potresti scomparire completamente allergico al tuo gatto, ma rimanere una reazione ai gatti di altre persone. A volte, tuttavia, diminuisce sugli estranei, accade in diversi modi. Un secondo gatto ferito, a proposito, darà una reazione molto più debole, e un terzo, tu stesso sarai sorpreso, è del tutto possibile apparire in casa già come se non avessi mai avuto un'allergia ai gatti.

AVVERTENZE
L'unica cosa che oscura l'idillio che ho descritto: anche se hai polvere e peli di animali che giacciono su tutte le superfici a brandelli e la tua allergia non pensa di ricordarti, devi comunque vivere con alcune limitazioni. La cosa principale è il letto. Il secondo è il viso. Se c'era un'allergia e una forte, è meglio non lasciare mai l'animale sulla lettiera, sui vestiti (intendo quello che viene a contatto direttamente con il corpo, cioè il lato sbagliato, e non il lato anteriore delle cose, e fondamentalmente un guardaroba intimo).

Inoltre, non seppellire il viso nel lato caldo e soffice dell'animale e non toccarlo immediatamente dopo il contatto con esso. Tuttavia, cento volte al giorno per lavarsi le mani dopo ogni contatto non è necessario. In primo luogo, sei tormentato, e in secondo luogo, non ha senso: hai esattamente la stessa quantità di allergeni sulle tue mani di tutti gli oggetti in un appartamento con un animale. Pertanto, solo dopo esserti lavato le mani, tocca il palmo con qualcosa, ad esempio la maniglia della porta, e i tuoi sforzi saranno sprecati.

UNA PICCOLA CIRCA SCIENZA FRESCA
Sembra paradossale, ma è un dato di fatto: più animali in casa, meno allergie hanno i bambini e più calmo scorre.

Questa osservazione è descritta in termini di teoria dell'igiene. La teoria è relativamente fresca, da qualche parte a metà degli anni '90. Ciò significa che il 99% degli allergologi in Russia o non sa nulla di lei o non sa quasi nulla.

Spero di non spezzare il cuore di nessuno se ti ricordo modestamente che ci viene insegnato nei libri di testo russi, che hanno una media di 5-10 anni, o nei libri di testo tradotti (meno spesso), che sono obsoleti per lo stesso minimo 3-5 anni a causa della traduzione e la modifica?

Nel migliore scenario. Bene, aggiungi a questo l'età del dottore, cioè quanto tempo fa ha ascoltato le lezioni. Bene, aggiungi a questo l'ignoranza quasi totale dell'inglese, che è necessaria per leggere articoli sull'argomento nell'originale. Bene, aggiungi a questo l'assenza di un urgente bisogno di un medico di leggere costantemente articoli strettamente scientifici debolmente legati alla sua pratica diretta. No, anche un allergologo-clinico molto, molto, molto bravo, molto probabilmente, non ha mai sentito parlare di una tale teoria igienica, ahimè. Quindi ho avvertito.

CHI VIVERE BENE IN RUSSIA? STATISTICHE
Tuttavia, i fatti sono testardi. L'incidenza di allergie e malattie autoimmuni sta crescendo in tutto il mondo (questo è anche il risultato di un errore del sistema immunitario, ma un altro).

Ma per qualche motivo crescono esclusivamente nei paesi sviluppati. E per qualche ragione, è molto più forte nelle città che nelle aree rurali sia nelle condizioni dello stesso paese che nel mondo. Sono stati a lungo interessati a questo fatto e stanno cercando di scoprire i modelli e le cause della crescita. C'erano molte idee, ad esempio, tutta la chimica nell'aria e specialmente nel cibo.
Ciò vale anche per chi sostiene, ma non si adatta al fatto che i contadini più poveri che lavorano quotidianamente in campi con fertilizzanti terribilmente dannosi e i poveri delle città che consumano una serie completa di sostanze chimiche per il cibo, per qualche ragione soffrono di allergie molto meno spesso. E i "cittadini" più ricchi, anche se stanno allevando bambini nelle case di campagna nell'aria più fresca e sui prodotti più puliti e costosi, cioè in ottime condizioni, ricevono sempre questa allergia dai bambini. Come è successo?

EVOLUZIONE E PROGRESSO TECNICO
La ragione è stata trovata contemporaneamente in diversi paesi contemporaneamente, quindi controllata e ricontrollata, condotto studi retrospettivi (approfondimento della storia) e prospettici (osservando diversi anni) su piccoli gruppi e grandi popolazioni. Il fatto è che la rivoluzione tecnica ha superato quella naturale molto forte e netta. Abbiamo a lungo avuto l'opportunità, senza sforzo, di mantenere il bambino in condizioni quasi sterili e il sistema immunitario è ancora sicuro che dopo la nascita sarà avvolto in una pelle di pulce sporca e messo sulla terra, che è infestata da vermi e uova di vermi, che il bambino, non appena impara a gattonare sicuro di tirare in bocca. E immediatamente divorerà la terra, i vermi, le pulci e i resti di cacca di una quantità inimmaginabile di varie creature, e poi la berrà con acqua, in cui non solo il pesce scopa. Bene, in generale, il quadro, penso, dipinto abbastanza comprensibile?

Dopo la nascita, il sistema immunitario del neonato: sì, debole, sì, immaturo, ma è pronta a incontrare i nemici. Molti, molti nemici pericolosi che devono penetrare dappertutto, specialmente attraverso la pelle e le mucose. Ma in qualche modo non ci sono nemici, perché la madre di solito è brava: stira i pannolini su entrambi i lati e disinfetta tutto ciò che il bambino tocca. E qui in questo posto c'è un "fallimento". Dobbiamo trovare il nemico, sicuramente lo è, non può che esserlo!

E il sistema immunitario prende per i nemici sostanze innocue e normalmente innocue: alcuni componenti del cibo, così come cose che non possono essere eliminate nemmeno in un appartamento moderno: polvere, acari della polvere e i loro detriti, vari funghi microscopici, polline di piante, ogni sorta di piccoli detriti prodotti chimici domestici, particelle di polvere di lanugine e piume dai cuscini e così via. Solo ora, dato che queste particelle non danneggiano effettivamente nessuno e in qualche modo non pensano di poter riprodursi nel corpo, viene innescata una risposta modificata, non come un'infezione, ma come allergica. Ancora una volta, ho semplificato notevolmente la descrizione e non la uso al posto di un articolo scientifico sulla teoria igienica, ok? E poi qualcuno degli scienziati mi sparerà.

IGIENE - QUESTO, purtroppo, NON SOLO BUONO
In generale, il quadro è il seguente: maggiore è il livello di igiene nella popolazione, maggiore è l'incidenza di allergie e autoimmuni, maggiore è il flusso di allergie. Ma non possiamo mettere i bambini nel fango e dar loro da mangiare con la paglia per una migliore salute, giusto? E poi all'improvviso gli animali si sono rivelati la salvezza. Nelle famiglie in cui nei primi cinque anni di vita c'erano animali domestici, il numero di bambini allergici era drasticamente ridotto. E più animali c'erano (o più grandi erano di dimensioni), meno allergie c'erano!
Inoltre, la bestia in casa nel primo anno di vita del bambino si è rivelata la "medicina" più efficace per le allergie in questi bambini in futuro, dal secondo al quinto anno di vita - meno efficace, e dopo il quinto anno di vita praticamente non importava se l'animale era in famiglia o no. La coincidenza delle statistiche con i tempi della "formazione" del sistema immunitario ha spinto gli scienziati a studiare ulteriormente questo meccanismo.

In generale, per dirla semplicemente, la presenza di un animale in una casa porta al fatto che il suo mantello, le particelle di pelle, la saliva e persino i resti di feci si accumulano nell'aria e su tutti gli oggetti, mi scusano. Tutta questa grazia spetta al bambino e il suo sistema immunitario ha qualcosa da fare! Allena i meccanismi corretti per rispondere alle infezioni e alle sostanze innocue, affina le reazioni necessarie sul materiale in arrivo e non cerca nemici dove non sono.

UN ALTRO CONCLUSIONE PRATICO
In effetti, queste osservazioni hanno notato che l'invasione elmintica nella prima infanzia riduce drasticamente anche tutte le manifestazioni allergiche in seguito, perché in realtà il più importante nemico dei soggetti allergici - le IgE si è storicamente formata come un modo per gestire i vermi. Ma i vermi non sono ancora così innocui come la lana e la bava di cane e gatto, quindi possiamo fare a meno del fanatismo.

In generale, sul serio, vuoi un bambino senza allergie? Quindi tieni un gatto a casa, cinque gatti, un grosso cane shaggy sbavato e lasciali leccare le mani del bambino e lasciare cadere la pelliccia sul letto e sui vestiti, soprattutto nel primo anno di vita. È vero, ti avverto che per altri 10-15 anni pediatri e allergologi ti diranno che sei genitori disgustosi, che devi rimuovere urgentemente l'animale dalla casa e così via. Bene, se non riesci a sopportare la pressione dei dottori che, naturalmente, vogliono il bene, allora vai con il bambino fuori città per almeno i primi tre anni. Lì, in ogni caso, romperà la terra e l'erba, su cui nessuno striscia, e le mosche vi corrono sopra, e il vento porterà alla finestra tutti gli escrementi di cui il suo sistema immunitario ha bisogno, a cui una persona dalla mente pulita non vuole pensare. "

Candidato di Scienze mediche Tatyana Tikhomirova.

La scabbia è una malattia della pelle abbastanza comune..

Allergia ai gatti britannici

Le allergie sono un evento abbastanza comune. A cui, secondo alcune stime, una persona su quattro nel mondo è esposta a vari livelli. Solo alcuni non lo notano. Senza attribuire particolare importanza al fatto che in presenza di un gatto il loro naso inizia a graffiare un po '; mentre altri, quando si incontrano con l'animale, stanno per morire, e questa è una vera tragedia. E più o meno gravemente allergico ai gatti circa il 15% di tutte le persone.

La causa dell'allergia è il cosiddetto allergene Felis domesticus 1 o Pel d 1. Si trova nella saliva di un gatto e sulla sua pelle e ha forti proprietà allergeniche e la sua dimensione è un decimo di una particella. Formazione di polvere domestica. È noto che i gatti passano molto tempo a leccare. Allo stesso tempo, lasciano una grande quantità di saliva allergenica sulla loro copertina, e quindi la saliva si diffonde ovunque. Inoltre, quando leccano, i gatti disperdono intere nuvole di minuscole goccioline di saliva nell'aria circostante. Sono letteralmente irroratori di allergie! Contrariamente alla credenza popolare, i peli di gatto in sé non sono una fonte di allergie! Anche se si taglia un gatto calvo o si ottiene un animale senza peli in casa. Ad esempio, la sfinge. Questa non sarà la soluzione al problema..

Il problema è che l'allergene Pel d 1 si trova anche sulla pelle dell'animale e viene trasferito solo dalla pelle al pelo. Inoltre, i gatti secernono allergeni provenienti dalle loro urine e pelle. Molto leggeri, galleggiano costantemente in aria, si attaccano facilmente alla superficie porosa: al tappeto, alla tappezzeria. Panneggio. Biancheria da letto, pareti e soffitto. Proprietà allergiche di lana, forfora. La saliva e l'urina degli animali sono indipendenti dalla razza o dalla lunghezza del mantello. Molte persone hanno una domanda: perché una persona reagisce a un animale, ma può tollerare la presenza di un'altra della stessa specie?

Anche in questo caso, l'esempio dell'allergene di gatto è adatto. Come sopra. Questo non è un allergene, ma una miscela di diversi allergeni. Inoltre, in questa miscela si distinguono alcuni importanti allergeni a cui reagisce la maggior parte delle persone con allergie ai gatti e le cosiddette frazioni allergeniche minori, la cui sensibilità in persone diverse può essere diversa. I gatti producono significativamente più allergeni rispetto ai gatti.

L'allergene Pel d 1 è in grado di rimanere in casa per diversi mesi in seguito. Come l'animale è stato rimosso da lì. Anche se l'animale che ha causato l'allergia viene rimosso dalla casa, gli attacchi di allergia possono ancora essere ripetuti in seguito a causa del fatto che gli allergeni sono ancora contenuti su mobili, copriletti, tende, tappeti, ecc. l'unica misura adeguata in questo caso è quella di effettuare una pulizia approfondita!

Allo stesso tempo, nelle pubblicazioni su questo argomento è stato possibile trovare una conclusione apparentemente completamente opposta che, secondo recenti studi, un gatto o un cane. Vivere in una famiglia con un bambino impedisce ai bambini di sviluppare l'asma in futuro. Secondo studi condotti negli Stati Uniti e pubblicati sul Journal of Allergy and Clinical Immunology, i bambini che entrano in contatto con animali domestici sin da piccoli raramente sviluppano l'asma in futuro. Raramente hanno anche allergie agli animali, polvere domestica e polline delle piante. Contatto favorevole dei bambini non solo con cani e gatti, ma anche con animali da fattoria.

Cosa devono sapere gli amanti dei gatti HDW Enterprises e "Foothill Felines Bengals" presenta un articolo progettato per fornire informazioni sulle allergie, le loro cause e le possibili soluzioni al problema di milioni di persone che amano i gatti.

Che cos'è un'allergia e una reazione allergica? Forse l'allergia è la malattia cronica più diffusa al mondo. Secondo l'enciclopedia Britannica, una persona su quattro ha un'allergia cronica. Un'allergia è un'eccessiva sensibilità o una reazione errata del corpo a una sostanza che è sicura per la maggior parte delle persone.

Le allergie sono un grave problema che si sta rapidamente diffondendo nel mondo sviluppato. Le sostanze che causano allergie sono chiamate allergeni o antigeni. Una reazione di un organismo in cui il sistema immunitario cerca di difendersi da sostanze normalmente sicure si chiama reazione allergica. Il meccanismo biologico di base di qualsiasi reazione allergica è quasi identico.

Gli allergeni possono entrare nel corpo in quattro modi diversi: - attraverso il naso, la gola e i polmoni (volatili); - attraverso la bocca e il sistema digestivo (cibo, liquidi, medicine, ecc.); - attraverso sostanze e sostanze chimiche a contatto con la nostra pelle (cosmetici, detergenti e detergenti, ecc.); - per via sottocutanea (vaccini, medicine, punture di animali o punture di insetti). Ripetuti attacchi di allergeni inducono il corpo a produrre anticorpi che si attaccano alla superficie di cellule ematiche specifiche. Queste cellule secernono sostanze che causano l'espansione dei vasi sanguigni e delle vie aeree nei polmoni. Con questo tipo di risposta immunitaria, le cellule cercano di distruggere una sostanza che "invade" il corpo, che in realtà NON causa alcun danno reale. Al posto dell'attacco si verifica l'infiammazione "invasore". Questa reazione è molto efficace quando la sostanza invasiva richiede neutralizzazione, ma è molto pericolosa quando si verifica con un allergene, una sostanza innocua per chi soffre di non allergie..

Tipi di allergeni Acari della polvere: in realtà, le allergie sono causate dagli escrementi di milioni di minuscole creature che vivono nelle nostre case e possono causare problemi alle persone allergiche e agli asmatici. Le zecche prosperano soprattutto nelle camere da letto e nei mobili imbottiti, perché amano le condizioni calde e umide e vivono su pezzi di pelle morta che perdiamo ogni giorno. Il polline di piante domestiche o all'aperto, le loro spore nell'atmosfera, possono anche causare attacchi di asma. Dalla primavera all'autunno, erbe, alberi ed erbacce rilasciano molto polline. Tale allergia è stagionale e termina dopo la stagione di fioritura. La posizione geografica svolge un ruolo importante nelle allergie ai pollini, nonché in altri fattori ambientali, compreso il riscaldamento globale. Cibo: le allergie alimentari sono meno comuni di quanto appaiano. Tuttavia, può causare una reazione molto pericolosa. In particolare, arachidi, uova, latte e pesce spesso causano problemi alle persone allergiche. Animali domestici: tutte le creature a sangue caldo, inclusi criceti, uccelli, furetti e gatti, sono allergeni che possono causare asma e rinite. Altri: una percentuale molto piccola di persone è ipersensibile a certe api e punture di vespe. Tuttavia, la reazione di queste persone a loro può essere così forte che a volte porta alla morte. Altri possibili allergeni sono medicine, sostanze chimiche, gomma, gioielli in metallo, fabbriche e persino luce solare..

Chi è allergico e perché

Il principale fattore di insorgenza di allergie è l'ereditarietà genetica e l'ambiente. Se hai parenti stretti che soffrono di qualsiasi tipo di allergia, allora c'è una maggiore probabilità che tu abbia ereditato una maggiore reazione al contatto con l'allergene. L'unico modo per allergia a una sostanza specifica è attraverso il contatto di una persona con la sostanza. Si presume che i primi mesi di vita possano essere particolarmente importanti in questo senso, così come il luogo in cui cresci. Ad esempio, a volte viene citato che le persone nate negli Stati Uniti hanno maggiori probabilità di avere una reazione allergica alle arachidi perché il burro di arachidi è un alimento comune in questo paese, mentre le persone nate in Svezia hanno maggiori probabilità di avere una reazione allergica al salmone. che viene mangiato lì in grandi quantità. In Russia è improbabile una reazione allergica a entrambi questi prodotti. È stato inoltre dimostrato che le persone geneticamente sensibili nate durante la stagione della fioritura hanno maggiori probabilità di soffrire di febbre da fieno. L'allattamento al seno è particolarmente importante per i bambini, poiché il latte materno protegge dalle allergie. La differenza tra la causa dell'allergia e la causa della reazione allergica è riconosciuta. Eppure, nessuno sa con certezza perché in ogni caso si sviluppino varie forme di allergie. Che cos'è un'allergia agli animali domestici? La sensibilità degli animali è una delle allergie più comuni. Sono comuni reazioni allergiche gravi ai gatti, ma qualsiasi animale o uccello peloso può anche causare sintomi come arrossamento, prurito e naso, occhi acquosi, naso chiuso, starnuti, respiro corto, mal di gola cronico, tosse, respiro sibilante, ecc..P. Si ritiene che il principale allergene a cui la maggior parte delle persone con allergie ai gatti domestici reagisca sia Fel d 1 (abbreviazione di Felis domesticus, gatti domestici), che viene prodotto dalle ghiandole sebacee sulla pelle e sulla saliva del gatto. La forfora (cellule morte della pelle) viene costantemente persa dagli animali, piccole particelle delle quali aderiscono a mobili, tendaggi e rivestimenti murali e causano problemi alle persone allergiche. Le minuscole particelle di Fel d 1 nell'aria hanno le stesse dimensioni delle goccioline utilizzate per trattare la bronchite e penetrare nelle membrane bronchiali. non a caso, le allergie ai gatti possono portare all'asma. Fel 1 può persistere per mesi o addirittura anni dopo che il gatto è stato rimosso dalla casa. È interessante notare che i gatti distribuiscono significativamente MENO allergeni rispetto ai gatti, e più giovane è il cucciolo, meno allergeni ha. Gli studi hanno dimostrato che, indipendentemente dalla razza o dal genere di un gatto, molte più persone hanno reazioni allergiche ai gatti di colore o schema scuri rispetto ai gatti di colore chiaro. Voglio anche considerare che i gatti castrati sono meno allergenici dei gatti pieni. Come convivere con le allergie Tuttavia, è noto che gli animali domestici hanno un effetto benefico sulla condizione umana. Gli studi dimostrano che i proprietari di gatti vivono più a lungo delle persone che non lo fanno. Forse perché i gatti alleviano lo stress accumulato durante il giorno. Quando si parla di allergie animali, è importante capire che, come altri tipi di allergie, è complesso, ad es. dipende dalla presenza simultanea di allergeni diversi con quantità soglia diverse di allergeni che innescano una reazione allergica. Questi valori soglia possono anche dipendere dal rapporto tra diversi tipi di allergeni. Ogni persona può avere un diverso grado di sensibilità ai diversi allergeni. Polvere, terra, muffa, polline, vernice, profumo, cosmetici e molte altre sostanze possono causare una reazione allergica e se una persona ha segni di allergia, dipende da QUANTI allergeni nell'AMBIENTE. Ricorda che questa quantità cambia costantemente, a seconda della totalità delle condizioni che caratterizzano l'ambiente - temperatura, umidità, polverosità, ecc. Pertanto, ha senso cercare di eliminare gli allergeni a cui la tua reazione è massima. Ogni persona allergica ha un livello di tolleranza, che è unico a modo suo, e una reazione allergica inizia solo se questo livello viene superato. Finché il livello di allergeni è inferiore alla soglia delle allergie, non si avrà una reazione allergica. A volte, se hai un gatto o un gatto sterilizzato, questo può ridurre il livello di allergeni a un livello accettabile. Molte persone con un'aumentata reazione allergica ai gatti, dopo qualche tempo sviluppano immunità al proprio PROPRIO CAT. Tuttavia, hanno ancora una reazione di diversa intensità verso ALTRI gatti. Alcune semplici azioni possono ridurre il rischio di una reazione allergica: poiché i gatti diffondono gli allergeni nell'aria, gli allergeni si accumulano nell'appartamento. Devi ridurne il numero: rimuovi i tappeti, specialmente nelle camere da letto e nelle stanze in cui trascorri molto tempo. imparare ad amare i pavimenti in legno massello. Copri i tuoi materassi e cuscini con un rivestimento ermetico. Se i fondi lo consentono, sostituire i mobili imbottiti con pelle. Vuoto con filtri altamente puliti. Ora sono stati messi in vendita depuratori d'aria, ozonizzatore e ionizzatori, riducendo notevolmente il numero di allergeni nell'aria ed eliminando l'odore dei gatti, il fumo dalla cucina, ecc. Esistono farmaci, come gli aerosol, che riducono l'infiammazione allergica nel naso e aiutano a ridurre l'infiammazione bronchiale, la tosse, il respiro sibilante e la pesantezza toracica..

Un miglioramento significativo si osserva in circa l'80% delle persone che usano l'immunoterapia. Il più grande svantaggio del trattamento con iniezione è il loro inconveniente, in quanto le iniezioni vengono somministrate due volte a settimana per sei mesi e quindi ogni 3-4 settimane per 3-5 anni. E, sfortunatamente, a causa della natura della terapia, le controindicazioni al trattamento sono frequenti, sebbene le complicanze gravi siano molto rare. Ciò è dovuto al fatto che il siero iniettato è composto da un estratto della sostanza a cui si ha una reazione allergica. E sebbene l'immunoterapia non sia una cura per le allergie, è considerata più efficace del trattamento farmacologico della reazione, perché combatte la causa dell'allergia e non solo i sintomi. Le forme di immunoterapia sempre più nuove, più accurate e più sicure sono in costante sviluppo. Altri consigli per chi soffre di allergie. Lava il tuo gatto. Gli studi presso il Centro per l'asma e le malattie allergiche dell'Università della Virginia a Charlottesville mostrano che lavare il gatto riduce le sostanze irritanti allergiche (Fel d 1). Il livello di allergeni viene ripristinato dopo qualche tempo, quindi è necessario lavare periodicamente il gatto. Risultati positivi si ottengono se il gatto viene lavato almeno una volta ogni due settimane, cosa che all'inizio potrebbe non piacere. Nei gatti lavati con sapone, la quantità di proteine ​​allergiche è diminuita dal 44 al 79 percento. Vaccino sintetico per epitopi: i ricercatori della John Hopkins University School of Medicine hanno testato un vaccino epitopico sviluppato dall'allergene di gatto Fel d 1. Il vaccino consisteva in due 27 peptidi di aminoacidi isolati da Fel d 1. Nella maggior parte dei pazienti studiati (71%) che hanno ricevuto quattro 750 ug una volta alla settimana, è stato osservato un miglioramento, e la successiva osservazione dei partecipanti ha mostrato che nel 75% di essi persistevano cambiamenti positivi anche dopo sette mesi e mezzo. Lo studio ha dimostrato che i biologi molecolari sono riusciti a clonare i principali allergeni per identificare le cellule T degli epitopi associati alla risposta immunitaria umana. Questi risultati sono coerenti con la comprensione del meccanismo di una reazione allergica e del ruolo che le cellule T svolgono in esso. Il vaccino è stato somministrato per via sottocutanea in dosi molto piccole. Il risultato è stato che anche una sola iniezione ha fornito una protezione a lungo termine contro uno specifico allergene, quindi si spera che se il progetto viene ripreso e i test proseguiti, il vaccino può essere migliorato in modo che una o due iniezioni forniscano un intero anno di vita senza allergie. Il vaccino rappresenta una nuova direzione nel trattamento delle allergie. Consentirebbe lo sviluppo di farmaci antiallergici per una varietà di allergeni. L'effetto del vaccino è una riduzione della lunghezza della cellula T, portando alla soppressione dell'ultimo stadio dell'infiammazione allergica e della sintesi di IgE degli anticorpi.

Un'allergia è spesso chiamata una malattia della civiltà. Forse non c'è una sola persona che non ha riscontrato questo problema. Allergie a polvere, polline, punture di insetti, alcuni tipi di prodotti: tutto ciò complica la nostra vita e ci obbliga a fare alcuni adattamenti. Le allergie agli animali possono essere una vera tragedia per gli amanti di cani e gatti. Cani, gatti, cavalli, cavie, conigli, criceti e pappagalli: tutti questi e molti altri animali domestici e da fattoria possono causare malattie allergiche. Le allergie agli animali sono spesso associate ai loro capelli. Tuttavia, in realtà, anche altri allergeni di origine animale possono essere la causa della malattia: forfora, saliva, urina, piume e lanugine e una serie di altri prodotti di scarto animale. Le manifestazioni delle allergie animali possono essere diverse e comprendono: - rinite allergica: starnuti, prurito e congestione nasale, secrezione nasale; - congiuntivite allergica: prurito, gonfiore, arrossamento degli occhi, lacrimazione; - asma bronchiale: tosse secca, respiro sibilante al petto, respiro sibilante, respiro corto o soffocamento; - Dermatite atopica o orticaria: eruzioni cutanee, prurito. Si ritiene che l'allergia sia una risposta errata del sistema immunitario a determinati stimoli, uno stato di ipersensibilità a qualsiasi sostanza (allergene), accompagnato da danni ai tessuti e sviluppo di infiammazioni specifiche. Nonostante la diffusa prevalenza di allergie e la conoscenza del meccanismo di sviluppo di una reazione allergica, la medicina moderna non può offrire metodi universali ed efficaci di prevenzione e trattamento. Esistono molti metodi per il trattamento delle allergie: dal banale sollievo dei sintomi con antistaminici all'iposensibilizzazione specifica ("abituarsi" ad un allergene). In molti casi, omeopati, fisioterapisti e persino psicologi combattono con successo le allergie. E a volte l'allergia scompare da sola (il più delle volte nei bambini durante la pubertà). Ma, sfortunatamente, questa malattia insidiosa può riapparire altrettanto improvvisamente e senza motivo. Un animale per chi soffre di allergie. È comprensibile il desiderio di qualsiasi persona, anche di chi soffre di allergie, di fare amicizia con un pelo (o piumato o squamoso). Se non stiamo parlando di una forma chiara e grave di allergia specifica per gli animali, ma solo di una tendenza alle reazioni allergiche, puoi provare a scegliere un animale domestico che non provoca un peggioramento della condizione. Quando inizi a scegliere un animale domestico, prima di tutto, dovresti separarti con piacevoli delusioni e capire che non ci sono animali assolutamente allergenici. La genetica americana sta lavorando alla creazione di gatti ipoallergenici, tuttavia, finora si tratta solo di sviluppo. E in caso di completamento con successo, gli animali miracolosi non riceveranno ancora la distribuzione di massa. I piani degli scienziati americani di rilasciare i primi campioni entro il 2007, annunciando loro un prezzo di 3,5 mila dollari. Ma per ora, le "razze anallergiche" sono solo un'anatra pubblicitaria di venditori senza scrupoli o incompetenti di beni vivi. Va ricordato che le allergie causano un certo tipo di allergene. Pertanto, per una persona che reagisce alla saliva del cane, potrebbe non esserci allergia ai peli del gatto. Proviamo a capire dove cercare il tuo animale allergico. Conoscendo il meccanismo dell'insorgenza di allergie, è facile capire che saranno gli animali più sicuri che, meno di altri, rilasciano i loro prodotti metabolici nell'ambiente umano. Forse i più sicuri per chi soffre di allergie sono pesci e rettili. Ma qui c'è una "cattura" - molto spesso le allergie sono causate dai mangimi per questi animali. I roditori che vivono in gabbie, e specialmente negli acquari, diffondono la lana in un'area limitata, tuttavia, chi soffre di allergie può trovare pericolose le urine e le feci, il cui contatto è inevitabile durante la pulizia della gabbia. La piuma e il piumino degli uccelli sono molto volatili e si diffondono quasi in tutto l'appartamento, anche se l'uccello non lascia la gabbia. Anche in assenza di una reazione allergica alla piuma di un uccello, va ricordato che piume e lanugine sono un'ulteriore fonte di inquinamento della stanza e un ambiente eccellente per lo sviluppo di acari della polvere. Se l'habitat di pesci, uccelli e piccoli roditori è separato da una persona dalle pareti dell'acquario o della gabbia, è quasi impossibile per cani e gatti limitare i movimenti nella casa del proprietario. Una persona allergica che sogna un gatto o un cane dovrebbe cercare un animale domestico tra le razze "insolite". Prima di tutto, come gli animali ipoallergenici sono pubblicizzati per i gatti senza peli (sfingi) e per i cani (senza peli messicani, con cresta cinese). L'assenza di peli riduce davvero la diffusione dei prodotti di scarto degli animali nella stanza e impedisce la concentrazione di polvere sull'animale stesso. Ma come compensazione della mancanza di pelo, le ghiandole della pelle degli animali calvi spesso hanno una maggiore attività di secrezione - il sudore e il salato "calvo" più delle loro controparti ispide, e quindi hanno bisogno di lavaggi frequenti. Un altro gruppo di razze che causano allergie meno spesso di altri è a pelo duro (molti terrier, schnauzer, ecc.). Nonostante i loro capelli piuttosto folti e lunghi, non hanno praticamente alcuna muta naturale. Con una visita regolare dal "cane parrucchiere" (per lavare e tagliare), la quantità di allergene in casa può essere ridotta al minimo. Altre razze con peli alterati possono diventare una scoperta per chi soffre di allergie. Tra i gatti, questi sono rex (con capelli mossi e generalmente corti), tra cani, Yorkshire terrier (con peli satinati simili nella struttura ai capelli umani), barboncini e terrier bendlington (i loro capelli morbidi non si sbiadiscono, ma richiedono una pulizia regolare). Vorrei sottolineare che le manifestazioni delle allergie sono lungi dall'essere sempre suscettibili di spiegazioni logiche. In pratica, si possono incontrare casi, ad esempio, quando una persona coperta da un'eruzione cutanea in presenza di una sfinge completamente calva va d'accordo con un siberiano o un'angora. Quando si sceglie un animale, un soggetto allergico dovrebbe prestare particolare attenzione alla scelta del sesso del futuro animale domestico. Spesso, le allergie si verificano solo durante la pubertà dell'animale. Se non vi è alcuna certezza assoluta che il proprietario non abbia una reazione ai segni urinari del gatto o allo scarico di una femmina che scorre, allora vale la pena prepararsi mentalmente per una possibile sterilizzazione / castrazione dell'animale. C'è un'altra sfumatura che dovrebbe essere considerata allergica quando si acquisisce e si mantiene ulteriormente l'animale. Con una cattiva manutenzione e una cattiva alimentazione dell'animale, così come con molte malattie, può soffrire la pelle dell'animale: un aumento delle mute e dei danni alla pelle aumentano significativamente il numero di allergeni nell'ambiente. È pericoloso per le persone con allergie portare un animale con una tendenza ereditaria alle malattie della pelle nelle proprie case. Pertanto, dovresti prima leggere le malattie della razza e chiedere in dettaglio all'allevatore della salute degli antenati degli animali..

Algoritmo di selezione. Avendo padroneggiato la teoria, cioè avendo scelto approssimativamente la specie e la razza dell'animale, si dovrebbero iniziare test pratici. È possibile eseguire test allergici (presso l'allergologo). Tuttavia, i test standard non sono sempre efficaci e informativi - dopo tutto, gli allergeni utilizzati per loro sono presi dal cane o dal gatto "medio" (un animale di razza proveniente dal vivarium). E gli allergeni hanno (seppur insignificanti) "caratteristiche di razza". In alcuni allergocentri, è possibile condurre un test con un reagente preparato individualmente, prelevando un campione da un particolare animale che ha attirato l'attenzione. Tuttavia, esiste un altro modo affidabile per identificare una possibile allergia. È necessario concordare con uno degli allevatori e trascorrere diverse ore a casa sua. Durante questo periodo, è possibile e necessario accarezzare gli animali, tenerli per sé, permettere loro di leccarsi le mani e il viso. (In caso di una reazione allergica, vale la pena avere in magazzino un antistaminico affidabile) Se non si manifestano manifestazioni allergiche a stretto contatto con gli animali, è possibile acquistare un animale da questo vivaio. Tuttavia, vale la pena negoziare con l'allevatore la possibilità di restituire l'animale entro i prossimi giorni, se si verifica una lontana reazione allergica.

Allergia o... Se, dopo aver acquisito un animale, uno dei membri della famiglia ha mostrato segni di rinite, congiuntivite o dermatite, è necessario consultare un medico prima di pronunciare una frase di "allergia agli animali", analizzare attentamente la situazione e escludere altre possibili cause dei sintomi. Prima di tutto, è necessario verificare se l'animale ha una malattia infettiva e invasiva comune all'uomo e agli animali. Quindi, ad esempio, sotto la rinite allergica e la congiuntivite, possono essere mascherate malattie come la micoplasmosi, la clamidia o la toxoplasmosi. Il prurito e il rossore della pelle possono essere causati da un'infezione fungina (lichene) o infestazione da zecche (scabbia). Va tenuto presente che in molti casi le manifestazioni esterne della malattia nell'animale stesso possono essere assenti. Quindi, ad esempio, in un gatto che ha avuto la clamidia, i segni clinici della congiuntivite potrebbero non comparire (molti proprietari considerano normali deflussi dagli occhi). Ma allo stesso tempo, l'animale rimarrà il corriere e può infettare gli ospiti. Sulla pelle di molti animali, un segno di spunta microscopico, cheilitiella, può parassitare. Nella maggior parte degli animali, non causa alcun problema. Non vive in pubblico, ma, cadendo accidentalmente sulla pelle, può mordere, causando prurito e irritazione della pelle. Un altro errore comune nella "diagnosi domestica" delle allergie è una definizione errata dell'allergene. La causa di una malattia allergica può essere non solo gli animali stessi, ma anche i loro mangimi, riempitivi per toilette, cosmetici per animali domestici, giocattoli e altri accessori.

Se hai un cane... Uno dei primi consigli che un malato di allergia sente dal suo medico è di sbarazzarsi di tutti gli animali domestici. Ma, nonostante tutta la razionalità di questo consiglio, non è sempre possibile seguirlo. Abbastanza spesso, chi soffre di allergie deve mettersi in contatto con animali di altre persone appartenenti a parenti o vicini. Un grave problema morale affronta le persone in una situazione in cui un nuovo membro della famiglia (marito / moglie o figlio) è allergico a un cane o un gatto, che vive in casa da molti anni ed è considerato un membro a pieno titolo della famiglia. Ma anche se un cucciolo o un gattino ha trascorso solo pochi giorni in casa, potresti sentire che è già impossibile separarsene. Se una persona allergica deve vivere con un animale nella stessa casa, puoi provare a ridurre al minimo il contatto con gli allergeni. Prima di tutto, si dovrebbe evitare un contatto ravvicinato prolungato con l'animale: meno spesso accarezzare e non raccoglierlo, non portarlo in faccia. Se l'animale è il tuo preferito, allora è moralmente difficile forzarti a non toccarlo. Ma puoi trovare un'alternativa alla comunicazione tattile: osservare l'animale di lato, parlare, giocare con le palle, le canne da pesca, ecc. Ed è meglio affidare la "cura del corpo" dell'animale ad altri membri della famiglia. Dovrebbe essere più frequente (1-2 volte a settimana) lavare l'animale (affidando questa procedura a qualcuno da casa). In questo caso, puoi utilizzare shampoo anallergici speciali o solo acqua pulita. Il territorio dell'appartamento dovrà essere rigorosamente "diviso" con l'animale. Non lasciare che il tuo animale domestico nella camera da letto di chi soffre di allergie, soprattutto a letto. Ma il paziente stesso non deve sedersi sulla sedia amata di un cane o di un gatto. Dopo aver comunicato con l'animale o con i suoi accessori, è necessario lavarsi le mani e, se possibile, cambiare i vestiti. Per il lavaggio, è meglio usare detersivi con additivi speciali. Se possibile, gli oggetti che raccolgono allergeni dovrebbero essere rimossi dall'appartamento: tappeti, mobili imbottiti, biancheria da letto in lana e lana. È necessario eseguire quotidianamente la pulizia a umido dell'appartamento, utilizzare depuratori d'aria, un aspirapolvere con filtri speciali (filtri HEPA), prodotti per la pulizia anallergici (ad esempio MITE-NIX)

Gli animali sono un'arma contro le allergie. Le chiamate tradizionali degli allergologi sulla necessità di isolare i bambini dai potenziali allergeni sono state criticate sempre più di recente. Recenti studi scientifici dimostrano che il contatto ravvicinato con gli animali consente di "indurire" il sistema immunitario, rendendolo indifferente agli allergeni di origine animale e non solo. Gli studi statistici rivelano il seguente quadro: nei bambini che crescono senza comunicare con gli animali, le allergie si verificano nel 15,5% dei casi, se un animale vive in casa, la probabilità di allergie diminuisce al 12%, ma nei proprietari di due o più animali, solo 8 % di casi.

Articoli Correlati: