Unguento per dermatiti durante la gravidanza

Allergeni

La gravidanza è un periodo in cui si verificano molti cambiamenti nel corpo di una donna e le malattie croniche vengono aggravate. Questi includono dermatite atopica. Dato che questa malattia è più comune nelle donne, esiste il rischio di recidiva durante la gravidanza. Inoltre, è possibile che prima di questa malattia non si manifestasse.

Perché la dermatite atopica si sviluppa durante la gravidanza

La diagnosi di dermatite atopica non è unica per le donne in gravidanza. Chiunque può incontrarlo, ma più spesso la malattia si manifesta durante l'infanzia. Il motivo è l'ereditarietà: se almeno uno dei genitori è atopico, aumenta il rischio di incontrare dermatite in un bambino. I primi segni della malattia possono verificarsi in età adulta.

La dermatite atopica nelle donne in gravidanza si verifica spesso per la prima volta. Prima di questo, una donna potrebbe non aver riscontrato una tale malattia. Il motivo è associato all'aumento della produzione di cortisolo, un ormone che svolge un ruolo importante nello sviluppo del feto ed è anche responsabile della formazione di reazioni allergiche.

L'esacerbazione è anche dovuta a una diminuzione dell'immunità, necessaria affinché il corpo della madre non rifiuti il ​​feto. Questo spiega lo sviluppo della dermatite atopica durante la gravidanza. Il rischio è particolarmente elevato se una donna anche prima del concepimento aveva una tale diagnosi o una tendenza alle allergie. I fattori che provocano includono anche:

  • eccessivo stress psico-emotivo;
  • l'uso di prodotti allergenici;
  • condizioni ambientali avverse;
  • malattie croniche dell'apparato digerente;
  • disturbi endocrini;
  • cambiamenti ormonali nel corpo della gravidanza.

Come si manifesta la malattia durante la gravidanza

La malattia è abbastanza facile da riconoscere da un forte prurito ed eruzioni cutanee rosse che compaiono su addome, ginocchia, gomiti, petto e collo. Con un corso attivo, l'eruzione cutanea sembra piccole vescicole con contenuto liquido. Quando scoppiano, sulla pelle appaiono aree di pianto, che poi si asciugano e si staccano.

A causa della pettinatura, la pelle si ispessisce e si ingrossa. Questo fenomeno si chiama lichenificazione. L'effetto sul feto della dermatite atopica durante la gravidanza è minimo. La malattia porta più disagio alla donna stessa, senza interferire con lo sviluppo del bambino. Le conseguenze possono verificarsi dopo la nascita, poiché la tendenza all'atopia è ereditata. In un bambino, può manifestarsi non solo sotto forma di dermatite, ma anche sotto forma di asma bronchiale o febbre da fieno.

Forme e fasi della dermatite atopica

I periodi critici di gravidanza sono considerati I e III trimestre. Durante questo periodo, la dermatite atopica può verificarsi in forma grave. In altri casi, tutto è fatto con un corso lieve.

Il trattamento della dermatite atopica durante la gravidanza dipende dalla gravità:

  • Forma leggera. Le eruzioni cutanee sono lievi, accompagnate da gonfiore, hanno una tinta rosata. Il peeling non viene osservato, si verifica periodicamente prurito.
  • La forma media. Tutti i sintomi si intensificano, l'eruzione cutanea si diffonde in tutto il corpo: su viso, schiena, stomaco, cosce interne. Un'altra caratteristica è l'oscuramento della pelle intorno agli occhi..
  • Forma grave. A causa del forte prurito, c'è la possibilità di esaurimenti nervosi e problemi di sonno. La pelle nel sito dell'eruzione cutanea diventa gonfia, desquamata, coperta di erosione e pustole.

Trattamento adeguato e sicuro

Il trattamento della dermatite atopica nelle donne in gravidanza è spesso difficile a causa del divieto dell'uso di droghe. Anche molti unguenti, che senza conseguenze possono essere utilizzati negli adulti, sono vietati durante la gravidanza. Ma nella clinica PsorMak viene utilizzato un unguento assolutamente innocuo e sicuro. Contiene solo ingredienti naturali, senza ormoni che possono influenzare il feto.

Cosa fare con l'esacerbazione della dermatite atopica durante la gravidanza, solo i medici esperti sanno. Durante questo periodo, è particolarmente importante non auto-medicare, poiché la salute del bambino dipende anche dalla salute della donna. La clinica PsorMak ha sviluppato un regime terapeutico che tiene conto di tutte le caratteristiche e i rischi che si presentano durante la gravidanza. Puoi fissare un appuntamento compilando il modulo sul sito Web o chiamarci al numero +7 (495) 150-15-14, +7 (800) 500-49-16.

Dermatite atopica nelle donne in gravidanza: trattiamo con estrema cautela

La gravidanza per ogni ragazza è un periodo importante in cui prende qualsiasi decisione sia per se stessa che per il suo futuro bambino. Ma cosa succede se durante la gravidanza queste eruzioni pruriginose compaiono improvvisamente di nuovo? Bevi la stessa medicina? O trattare con qualcosa di nuovo? O forse questo può essere evitato del tutto.?

Secondo le statistiche, nel 20% dei casi si verifica esacerbazione della dermatite o dell'eczema e nel restante 80% la dermatite atopica debutta durante la gravidanza. È importante essere consapevoli di questi e molti altri problemi, perché il trattamento è complicato dal divieto di molti medicinali convenzionali, perché può danneggiare il bambino.

Con esacerbazione della dermatite atopica, vengono utilizzati diversi gruppi di farmaci: glucocorticosteroidi locali, uso sistemico, antistaminici, farmaci stabilizzanti della membrana, immunomodulatori per applicazione topica. Una decisione adeguata e corretta sul trattamento può essere presa solo da un medico, il compito principale è prevenire lo sviluppo della malattia e allo stesso tempo escludere metodi di trattamento che possono influenzare il feto, diagnosticare ed escludere la dermatite da contatto. Se il trattamento non viene avviato in tempo, c'è un'alta probabilità che una lieve forma di dermatite atopica diventi più grave.

Cause della malattia

La dermatite atopica è una dermatosi allergica cronica ed è una delle malattie della pelle più comuni. Secondo gli ultimi dati dell'OMS, l'incidenza tra gli adulti è del 2-10% e recenti studi dimostrano che continua a crescere.

I primi segni della malattia si verificano più spesso durante l'infanzia, da 0 a 5 anni, ma è anche possibile il debutto nell'adolescenza.

Ci sono molte ragioni, poiché la dermatite atopica si riferisce a malattie multifattoriali. Un ruolo importante è giocato dal fatto che la predisposizione all'atopia è ereditata dai genitori. Se entrambi lo hanno, la probabilità di manifestazione di malattie atopiche in un bambino è di circa il 50 percento. Per attuare questa predisposizione, molto spesso è necessaria l'influenza di uno o più motivi:

  • Mangiare potenziali allergeni
  • Potenziali allergeni nel tuo ambiente domestico
  • Infezioni respiratorie superiori frequenti

In età avanzata:

  • fumo
  • Farmaci non controllati
  • Abuso di alcool

Esacerbazione della dermatite atopica durante la gravidanza

Una delle caratteristiche piacevoli della dermatite atopica è la remissione spontanea, che può essere piuttosto lunga, e la gravidanza spesso agisce come un fattore che interrompe questa remissione e provoca il peggioramento della malattia. Nel periodo gestazionale, si verifica una cascata temporanea di cambiamenti ormonali nel corpo della madre, la sensibilità del sistema immunitario aumenta e le reazioni emotive cambiano, il che porta alla comparsa dei primi sintomi di dermatosi.

Nella maggior parte dei casi, il momento in cui la dermatite può peggiorare si verifica nel primo o nel secondo trimestre di gravidanza (nel 75% dei casi). Prima di tutto, si nota la comparsa di punti rossi pruriginosi, a volte accompagnati da desquamazione, se un tale episodio è per la prima volta, è possibile la comparsa di piccole vescicole (vescicole) che, quando pettinate, daranno un pianto. Successivamente, la pelle su cui c'erano eruzioni cutanee può essere secca e irruvidita, elevata rispetto ai tessuti circostanti - questo si chiama escissione del lichene. La localizzazione più comune di eruzioni cutanee è parti del corpo con pelle più sottile: collo, torace, curve del gomito, fossa poplitea.

Esistono diversi gradi di malattia:

  • Lieve: caratteristica di coloro che hanno questo primo episodio della malattia. È caratterizzato da piccole aree di arrossamento sotto forma di noduli (1-2 mm), localizzate in aree tipiche. Prurito - moderato, principalmente la sera..
  • Grado medio: lo stadio successivo della malattia, in cui le macchie rosse aumentano di dimensioni e l'area di diffusione diventa più ampia, l'eruzione cutanea va allo stomaco, alla schiena, così come al viso, alle cosce interne. In questa condizione, è meglio spostare il paziente in ospedale.
  • Grave: caratteristica di coloro che hanno precedentemente sofferto di episodi di dermatite atopica. I segni principali sono un forte prurito, che potrebbe anche non permetterti di dormire profondamente, il processo si diffonde in tutto il corpo. In alcuni casi, è possibile un'infezione secondaria, ad es. la comparsa di gonfiore degli elementi, la comparsa di vescicole con pus. Non in tutti i casi di dermatite atopica grave, apparirà la piodermite, dipende dall'immunità di una determinata persona.

Trattamento medicinale durante la gravidanza

Il compito principale è quello di evitare effetti teratogeni sul feto, riducendo al minimo le condizioni per la futura mamma e idealmente rimuovere tutti i segni della malattia. Per prescrivere un trattamento, prima di tutto, è necessario consultare un medico, le pazienti in gravidanza sono condotte congiuntamente da un dermatologo e un ostetrico-ginecologo.

Se viene diagnosticata una fase lieve della malattia, il trattamento viene eseguito a casa, in caso di grado moderato o grave - si raccomanda il ricovero in ospedale, ma, ancora una volta, questo viene esaminato dal medico in ogni singolo caso.

  • interrompere il contatto con un potenziale allergene (cibo, casa, animali, nuovi prodotti per l'igiene, ecc.);
  • rispetto del sonno e del riposo, escludere qualsiasi sovraccarico emotivo;
  • mantenimento della pulizia della casa - pulizia a umido 2 volte a settimana;
  • rimuovere piumini e cuscini e coperte di piume;
  • se possibile, rimuovere tappeti, peluche, pulizia a umido di mobili imbottiti;
  • rimuovere le piante dalla casa;
  • aerazione regolare delle stanze;
  • escludere indumenti sintetici, biancheria da letto e biancheria intima e utilizzare tessuti naturali quando possibile;
  • eliminare l'eventuale fumo passivo

Come trattamento medico, vengono utilizzate creme idratanti speciali, crema o unguento, che contengono glucocorticosteroidi, farmaci per ridurre il prurito.

Creme o emollienti idratanti contengono ingredienti speciali che aiutano a ripristinare la barriera lipidica della pelle, riducendone la sensibilità e l'irritazione. La produzione di tali creme viene effettuata da aziende speciali che producono cosmetici per farmacie, quindi vale la pena cercare fondi in una farmacia e non in un normale supermercato. Questo gruppo di rimedi esterni non deve essere trascurato, fornisce un rapido recupero e guarigione delle aree colpite e aiuta anche ad aumentare l'immunità della pelle, riducendo il rischio di infezione secondaria.

Per aumentare il comfort, garantire un sonno sano, ridurre l'intensità del prurito, alle donne in gravidanza sono consentiti alcuni antistaminici. Ad esempio, clemastina, loratadina, con un'adeguata valutazione da parte di un medico della necessità di nominare questi farmaci.

Creme o unguenti contenenti steroidi sono prescritti rigorosamente da un medico e vengono utilizzati sotto la sua supervisione. A seconda della durata, dell'intensità del processo, il medico seleziona la forma di dosaggio corretta. Dovrebbero essere applicati sulla pelle pulita e asciutta, solo su aree danneggiate con uno strato sottile. Per le donne in gravidanza, è consentito l'uso di steroidi lievi e moderati, poiché quando si utilizzano farmaci con un alto grado di attività, è possibile trasmettere un effetto negativo sul feto.

Il trattamento con pillole ormonali (il prednisone è consentito durante la gravidanza) è consentito nel trattamento di forme gravi di dermatite atopica, si raccomanda di usare piccoli dosaggi e una breve durata della somministrazione.

Possono essere usati antibiotici?

Nel trattamento della dermatite atopica, gli antibiotici vengono utilizzati solo per il trattamento esterno e solo come parte dei preparati combinati (farmaco ormonale e antibiotico). Sono prescritti per malattie gravi in ​​caso di infezione per il minor tempo possibile..

Metodi alternativi di trattamento

Il problema del trattamento della dermatite atopica nelle donne in gravidanza non è così raro, le ricette più efficaci per la medicina tradizionale in questo articolo. I seguenti metodi alternativi possono essere utili come aiuto per ridurre l'insorgenza dei sintomi:

  • bagno alle erbe di ortica, bardana e achillea: la miscela secca viene prodotta con acqua bollente e infusa. Il brodo risultante può essere pulito aree di eruzioni cutanee.
  • infuso di gemme di betulla: versare 1 tazza di reni con acqua bollente e insistere in un thermos. Questa infusione aiuta a ridurre l'irritazione e la sensibilità della pelle..
  • un decotto della corda (1 cucchiaio per mezzo bicchiere d'acqua) viene applicato 3-4 volte al giorno come impacchi ad asciugatura ad umido.

dieta

Come già accennato, gli allergeni che provocano un'esacerbazione possono includere anche il cibo e, quindi, uno dei punti obbligatori del trattamento è l'alimentazione secondo una dieta ipoallergenica. La sua essenza sta nell'esclusione dei prodotti che possono agire come potenziali allergeni..

In primo luogo è quello di mettere frutti di mare, alimenti contenenti varie spezie e condimenti, nonché caffè, cioccolato, miele e cibi affumicati, noci e agrumi. Forse conosci un prodotto specifico che può causare segni di allergie, dovrebbe essere escluso completamente durante la gravidanza. La dieta deve essere seguita per tutto il periodo di esacerbazione e dopo che il pericolo è passato - i prodotti devono essere introdotti gradualmente, non più di una volta ogni due o tre giorni.

Dermatite atopica durante la gravidanza

La dermatite atopica è una malattia allergica cronica della pelle che si verifica nelle persone con una certa predisposizione alla malattia. La patologia non interferisce con il corso della gravidanza e lo sviluppo del feto, tuttavia, può causare molta ansia alla futura mamma. Il trattamento della dermatite atopica durante la gestazione è difficile a causa del divieto di molti farmaci sistemici e locali.

Le ragioni

Secondo le statistiche, la dermatite atopica si verifica nel 10-20% degli abitanti del mondo. La patologia è nota principalmente nei paesi sviluppati, tra i residenti delle grandi città (compresi i principali centri industriali). Negli ultimi anni si è verificato un aumento della morbilità, un aumento del numero di casi gravi di dermatite atopica e un esito sfavorevole della malattia.

La dermatite atopica è uno dei passaggi della marcia atopica. Con questo termine si intende un graduale cambiamento nelle forme di allergie. Nella prima infanzia, un bambino sviluppa dermatite atopica, che nel tempo viene sostituita dalla febbre da fieno e passa all'asma bronchiale. Secondo le statistiche, oltre la metà dei pazienti con dermatite atopica soffre contemporaneamente di altre malattie allergiche.

Il fattore principale nello sviluppo della malattia è considerata una predisposizione genetica. La malattia è spesso osservata in successione per diverse generazioni. È importante ricordare: non è la stessa dermatite atopica che viene trasmessa, ma solo una tendenza all'ipersensibilità del corpo e allo sviluppo di reazioni allergiche. Predisposizione ereditaria non significa sviluppo obbligatorio della malattia. Per attuare il processo patologico, è necessaria l'influenza di uno o più fattori (trigger):

  • cattiva alimentazione (mangiare cibi potenzialmente allergenici);
  • vivere in una zona svantaggiata dal punto di vista ambientale (grandi città industriali);
  • farmaci incontrollati;
  • fumo (incluso passivo);
  • stress psico-emotivo.

Al momento è noto con precisione: lo sviluppo della dermatite atopica si basa su una caratteristica ereditariamente predisposta della risposta del sistema immunitario agli allergeni. I peptidi atopici mostrano una maggiore produzione di immunoglobuline specifiche E (YgE) e alcuni anticorpi. In combinazione con una maggiore reattività cutanea, ciò crea le condizioni per la manifestazione della malattia..

Sintomi

Nella maggior parte dei casi, la dermatite atopica si verifica nella prima infanzia. In molti bambini, la malattia passa senza lasciare traccia a 3-7 anni. La probabilità di un grave decorso del processo e la sua transizione a una forma cronica aumenta con una combinazione di dermatite atopica con allergie alimentari (comprese le proteine ​​del latte vaccino). Con l'età riproduttiva, il quadro clinico della malattia sta cambiando. La forma dei bambini di dermatite atopica appartiene al passato. Le manifestazioni della forma adulta della malattia vengono alla ribalta.

Sintomi di dermatite atopica negli adulti:

  • macchie rosse traballanti sulla pelle del viso, del collo, del torace, degli arti;
  • forte prurito (anche con manifestazioni cutanee minime della malattia);
  • pelle secca grave.

Sintomi simili si riscontrano in altre malattie della pelle. I seguenti criteri aiuteranno a distinguere la dermatite atopica da un'altra patologia:

  • l'insorgenza della malattia nella prima infanzia (fino a 3 anni);
  • ipercheratosi (cheratinizzazione eccessiva) sulle superfici laterali delle mani;
  • forte desquamazione della pelle;
  • la comparsa di macchie biancastre sulla pelle del viso e del collo;
  • forte prurito con aumento della sudorazione;
  • arrossamento e prurito della pelle dopo le procedure dell'acqua;
  • frequenti lesioni cutanee non specifiche (dermatosi, processi infettivi);
  • dermografismo bianco (una speciale reazione cutanea).

Le condizioni generali con dermatite atopica di solito non soffrono. Forse lo sviluppo dell'insonnia a causa del forte prurito. Un lungo decorso della malattia può rendere la donna irritabile, lacrimosa, lunatica. Durante la remissione, la condizione migliora significativamente fino alla completa scomparsa di qualsiasi sintomo della malattia.

La dermatite atopica è una malattia che si verifica con esacerbazioni periodiche. L'eruzione cutanea si forma principalmente nella stagione fredda, dal tardo autunno all'inizio della primavera. Il picco di incidenza si verifica in inverno, associato all'aria secca in ambienti riscaldati. La luce solare e l'umidità elevata alleviano significativamente la condizione e contribuiscono al raggiungimento della remissione.

Gravidanza

La dermatite atopica non interferisce con il concepimento di un bambino, non influenza il corso della gravidanza e non interferisce con lo sviluppo del feto. Il parto con questa patologia passa senza funzionalità. Il forte prurito cutaneo e l'insonnia possono causare malessere alla futura madre, ma questo pone fine all'effetto indesiderato della malattia. Non sono state osservate complicanze specifiche della gravidanza nella dermatite atopica..

Durante la gravidanza, molte donne notano la subsidenza dei sintomi della malattia o addirittura la loro completa scomparsa. Questo fenomeno è associato ad una maggiore produzione di cortisolo durante la gravidanza. Dopo la nascita di un bambino, tutte le manifestazioni di dermatite atopica torneranno dopo 3-4 mesi. In previsione del bambino, le esacerbazioni gravi della malattia sono estremamente rare..

Conseguenze per il feto

La malattia è ereditaria? Esiste una certa predisposizione genetica all'atopia: una reazione eccessiva del corpo a determinate sostanze (allergeni). La tendenza all'atopia è ereditata. È impossibile prevedere in anticipo come questa malattia si manifesterà in un bambino: sotto forma di dermatite atopica, febbre da fieno o asma bronchiale. I genitori atopici dovrebbero essere particolarmente attenti al loro bambino e, se possibile, eliminare tutti i fattori che possono portare alla manifestazione della malattia.

Qual è la probabilità di trasmissione della malattia? È noto che in presenza di dermatite atopica in entrambi i genitori, il rischio di sviluppare una patologia in un bambino è fino all'80%. Se solo uno dei genitori ha un problema, la probabilità di trasmissione della malattia per ereditarietà va dal 30 al 50%. Il rischio di sviluppare dermatite atopica in un bambino con una storia ereditaria non complicata - 20%.

Principi di trattamento

Tutti i sintomi della dermatite atopica sono principalmente ipersensibilità alla pelle. È impossibile curare completamente questa malattia. Tutto ciò che può essere fatto è eliminare i sintomi e alleviare le condizioni della donna. A tal fine, vengono attuate una serie di misure volte a idratare la pelle e prevenirne l'eccessivo essiccamento in futuro..

Terapia non farmacologica

Il trattamento non farmacologico include:

  1. Interruzione del contatto con possibili allergeni. Tappeti, peluche e qualsiasi cosa che intrappoli la polvere devono essere rimossi dalla casa..
  2. Creazione nella stanza in cui si trova costantemente la donna incinta, di umidità ottimale (50-70%) a una temperatura dell'aria fino a 22 ° C. In tali condizioni, la pelle non si seccherà, il che accelererà il recupero e ridurrà il rischio di ricaduta.
  3. Pulizia e aerazione quotidiane bagnate.
  4. Idratazione permanente della pelle con creme emollienti.
  5. Conformità con una dieta ipoallergenica (specialmente se associata a allergie alimentari).

La cura della pelle è un elemento importante nel trattamento della dermatite atopica. Per idratare la pelle, vengono utilizzate creme emollienti speciali (Emolium, Lipikar, Losterin, ecc.). I prodotti per la cura quotidiana non consentono alla pelle di seccarsi, ridurre il rischio di irritazione, la comparsa di crepe e abrasioni. La crema deve essere utilizzata dopo la doccia e con una pelle secca e grave durante il giorno. Nelle fasi iniziali della malattia, l'emolliente viene applicato sull'area interessata dopo che l'infiammazione si è attenuata (come seconda fase del trattamento dopo unguenti e creme steroidei). In futuro, si consiglia di utilizzare costantemente gli emollienti come prodotto base per la cura della pelle (anche in completa assenza di sintomi della malattia).

La dieta è un altro punto importante nel trattamento della dermatite atopica. Con un'esacerbazione della malattia, si raccomanda di escludere i seguenti prodotti dalla dieta:

  • cacao, cioccolato;
  • noccioline
  • miele;
  • agrumi e frutti esotici;
  • pesce (compresi i brodi di pesce);
  • cibi piccanti e piccanti.

Dopo il miglioramento, puoi aggiungere gradualmente questi prodotti alla tua dieta (in piccole porzioni e soggetti a una buona tolleranza). La base della dieta durante l'esacerbazione dovrebbe essere piatti di verdure al vapore. I prodotti a base di latte acido ne trarranno beneficio: yogurt, kefir, cagliata senza additivi. In caso di intolleranza al latte di mucca, dovrebbe essere escluso dalla dieta..

Terapia farmacologica

I seguenti gruppi di farmaci sono usati per trattare la dermatite atopica durante la gravidanza:

Fondi locali

Nel trattamento della dermatite atopica vengono utilizzati attivamente pomate, creme, lozioni e gel di corticosteroidi. La scelta del farmaco dipenderà dalla forma di danno alla pelle. L'effetto dell'uso di steroidi si verifica abbastanza rapidamente. Già il secondo giorno di trattamento, il prurito diminuisce, la dimensione delle macchie diminuisce. La pelle secca persiste a lungo. Per idratare la pelle, si consiglia di utilizzare creme emollienti speciali.

L'uso di farmaci corticosteroidi durante la gravidanza è molto limitato a causa del possibile rischio per il feto. Il medicinale viene selezionato dal medico, dando la preferenza ai farmaci che non penetrano nel flusso sanguigno. Creme e unguenti vengono utilizzati in breve tempo su piccole aree della pelle. L'automedicazione della dermatite atopica durante la gravidanza non è accettabile.

Enterosorbents

Gli assorbenti sono agenti che aiutano ad eliminare gli allergeni dal corpo attraverso il tratto digestivo. Efficace nella combinazione di dermatite atopica con allergie alimentari. Il corso della terapia dura circa 3-5 giorni. È possibile utilizzare farmaci simili per azione endovenosa.

Altri farmaci

Per il trattamento della dermatite atopica nelle donne in gravidanza, è possibile utilizzare i seguenti farmaci:

  • farmaci che migliorano il tratto digestivo (probiotici, enzimi, batteriofagi);
  • vitamine;
  • antibiotici (in caso di infezione batterica).

Gli antistaminici e altri farmaci sistemici non vengono praticamente utilizzati durante la gravidanza.

Prevenzione

Cosa si dovrebbe fare per evitare l'esacerbazione della malattia durante la gravidanza?

  1. Evitare il contatto con un possibile allergene. Rimuovi i tappeti, i peluche da casa, sostituisci i piumini con quelli sintetici. Non è consigliabile tenere animali domestici nell'appartamento.
  2. Bagnare e ventilare ogni giorno.
  3. Indossare guanti se esposti a sostanze irritanti (detersivo e altri prodotti chimici domestici).
  4. Utilizzare solo cosmetici ipoallergenici e altri prodotti per la cura del corpo sicuri..
  5. Idrata quotidianamente la pelle con creme emollienti.
  6. Non usare salviette dure che possono ferire la pelle durante il bagno..
  7. Indossa abiti e biancheria in tessuto naturale di alta qualità..
  8. Segui una dieta ipoallergenica.
  9. Evita lo stress e l'esercizio eccessivo.
  10. Non assumere preparati a base di erbe senza il consiglio speciale di un medico.

Il rispetto di queste regole ridurrà il rischio di sviluppare dermatite atopica durante la gravidanza e contribuirà ad evitare una ricaduta della malattia dopo il parto.