Test allergologici per un bambino: esami del sangue, un test provocatorio e test cutanei per rilevare un allergene

Nutrizione

L'allergia è la risposta del sistema immunitario all'ingestione di sostanze estranee nel corpo. A causa dell'inquinamento ambientale, la predominanza di alimenti di scarsa qualità nella dieta del bambino, nonché sotto l'influenza di molti altri fattori nei bambini (compresi i neonati), si verificano spesso reazioni allergiche. Per evitare gravi complicazioni, i genitori dovrebbero consultare un medico il più presto possibile e fare una serie di procedure diagnostiche per determinare l'allergene e prescrivere un trattamento.

Per identificare un allergene, il medico prescrive vari test allergologici al bambino.

Metodi di rilevazione degli allergeni

I principali metodi diagnostici in allergologia sono vari test cutanei e esami del sangue venoso che aiutano a determinare l'allergene. I test allergologici per i bambini sono abbastanza efficaci, ma a volte danno un risultato falso positivo o falso negativo. Gli errori possono essere associati a una violazione della tecnica di conduzione dei campioni o della preparazione impropria del paziente, pertanto è impossibile diagnosticare al 100% le allergie, basandosi solo su dati di analisi. Di seguito sono riportati i principali metodi per rilevare un allergene..

Test cutanei di scarificazione

Il metodo di scarificazione per determinare l'allergene è il più comune. Sulla pelle del lato interno dell'avambraccio, il medico applica graffi superficiali con uno scarificatore, quindi una soluzione contenente l'allergene gocciola su di essi. A volte una piccola quantità del farmaco viene somministrata per via intradermica (test di picco). Entrambi i tipi di introduzione di allergeni nel corpo sono praticamente indolori per i bambini, poiché è interessato solo uno strato sottile di pelle.

Puoi anche diagnosticare un patch test, che è il meno traumatico per i bambini. Una benda adesiva speciale contenente varie sostanze è attaccata alla pelle dell'avambraccio.

Di solito, viene eseguito un test allergologico 10-15 in una procedura, prima di tutto vengono testati gli allergeni più comuni: noci, miele, latte, agrumi, cioccolato. Entro 20-30 minuti, il medico corregge lo sviluppo di una reazione cutanea - gonfiore, prurito, iperemia nel sito di applicazione del farmaco. Se le manifestazioni cutanee sono assenti, la persona non è allergica a questo gruppo di irritanti.

I test delle allergie cutanee determineranno quale allergene provoca una reazione allergica

Il metodo diagnostico di scarificazione ha controindicazioni:

  • l'età del bambino è inferiore a 5 anni;
  • storia di shock anafilattico;
  • periodo di esacerbazione di manifestazioni allergiche e malattie croniche.

Rilevazione di anticorpi IgE e IgG4 o quantificazione di immunoglobuline specifiche

Quando il corpo umano interagisce con un allergene, il sistema immunitario produce proteine ​​specifiche - immunoglobuline, che trovano e distruggono sostanze estranee. Come risultato della risposta, le cellule del tuo stesso corpo vengono distrutte, il che comporta lo sviluppo di allergie. Se una risposta allergica si sviluppa immediatamente dopo il contatto con un irritante, l'immunità del bambino produce IgE totali e se i sintomi compaiono dopo poche ore o giorni, quindi IgG4.

L'analisi del sangue venoso per la determinazione degli anticorpi IgE e IgG4 elimina il contatto diretto del corpo umano con l'allergene, quindi è un metodo diagnostico sicuro, che è particolarmente importante quando si esaminano i bambini. Un'immunoglobulina separata reagisce a ciascun tipo di allergene, pertanto, in base ai risultati dell'analisi, il medico sarà in grado di determinare a quali irritanti il ​​paziente è allergico. In questo modo, è possibile verificare la presenza di ipersensibilità nell'uomo a 200 potenziali allergeni..

Per determinare gli anticorpi IgE e IgG4, è necessario donare il sangue da una vena

Indicatore di carta radioimmunosorbente - Metodo RIST

Se un bambino è sospettato di sviluppare asma bronchiale, bronchite allergica, rinite e sinusite, il medico prescrive uno studio utilizzando un indicatore di carta radioimmunosorbente. Il metodo RIST determina accuratamente la quantità di anticorpi IgE e IgG circolanti nel sangue, che consente al medico di vedere il quadro completo della malattia.

Metodi provocatori

Se in base ai risultati di studi precedenti non è stato possibile identificare quale sostanza è irritante, il medico prescrive un test provocatorio per il bambino. Viene introdotto un allergene putativo (cibo, medicine, ecc.) (Messo sotto la lingua, gocciolato nei passaggi nasali o negli occhi) nel corpo umano e osservato per la successiva reazione.

Il metodo provocatorio ha un'affidabilità del 100% dei dati, ma è potenzialmente pericoloso per la salute, poiché può provocare gravi allergie, fino a una reazione anafilattica. Questo tipo di diagnosi viene eseguita solo in condizioni stazionarie sotto la supervisione di un medico..

Come donare il sangue per le allergie?

Faccio un esame del sangue per le allergie sullo sfondo della completa salute somatica del bambino, durante il periodo di remissione delle malattie croniche, perché anche un lieve raffreddore può influenzare il risultato. A differenza di altri metodi di esame, il sangue per la determinazione degli anticorpi IgE e IgG può essere donato anche durante un'esacerbazione di allergie.

Per ottenere risultati affidabili prima di donare il sangue da una vena, è necessario osservare una serie di condizioni:

  • 5-7 giorni prima di un test allergologico, è necessario interrompere l'assunzione di tutti i farmaci, compresi gli antistaminici (se i farmaci sono vitali, è necessario consultare un allergologo);
  • per una settimana non mangiare cibi contenenti conservanti, coloranti, glutammato monosodico, nonché cioccolato, agrumi, bacche e frutti rossi, uova, latte;
  • non meno di 3 giorni dovrebbe escludere il contatto del bambino con gli animali;
  • ridurre l'attività fisica al giorno, escludere gli sport;
  • alla vigilia del test, preparare una cena leggera per il bambino, l'ultimo pasto dovrebbe essere non meno di 12 ore prima dell'esame;
  • il giorno dello studio non puoi mangiare, lavarti i denti e usare la gomma da masticare, puoi bere dell'acqua bollita.

Quanti anni hanno i bambini per i test allergologici??

I test allergologici che richiedono il contatto diretto dell'allergene con il corpo del bambino (scarificazione e provocazione) sono consentiti non prima dei 5 anni. Ciò è dovuto all'immaturità del sistema immunitario e all'alto rischio di shock anafilattico..

Per condurre un test delle allergie cutanee o prelevare sangue venoso per analisi, il medico decide in base all'età del paziente

I test per identificare un allergene mediante un esame del sangue venoso possono essere effettuati già per i neonati (da 1 mese), ma i risultati più affidabili possono essere ottenuti dall'età di 6 mesi. Tuttavia, il sistema immunitario dei bambini non sempre risponde adeguatamente alle sostanze estranee, quindi sono possibili risultati falsi nella prima infanzia. Nei neonati fino a un anno, le manifestazioni allergiche sono spesso il risultato di un'alimentazione scorretta, quindi, prima di dare l'allarme, i genitori dovrebbero rivedere il menu dei bambini.

I seguenti sintomi che compaiono nei bambini non devono essere ignorati:

  • naso che cola spesso ricorrente e prolungato, starnuti, mal di gola, tosse senza segni di SARS;
  • lacrimazione frequente e iperemia degli occhi;
  • eruzioni cutanee sul corpo, desquamazione e prurito della pelle;
  • mancanza di respiro, mancanza di respiro.

Una conferma indiretta delle allergie sarà una diminuzione dell'intensità di questi sintomi dopo l'assunzione di antistaminici (Fenistil, Zodak, ecc.). Tuttavia, questo non sostituisce un esame completo..

Norme e deviazioni nei risultati dei test sugli allergeni

Il valore dell'immunoglobulina totale E contenuta nel sangue dipende dall'età del paziente e dalla quantità di allergene che colpisce il corpo (unità di misura - mIU / ml):

  • bambini fino a 2 anni - 0-65;
  • bambini 2-14 anni - 0-150.

La determinazione dell'immunoglobulina specifica G4 viene utilizzata in caso di sospetto di allergia alimentare, in cui si può sospettare un'allergia a qualsiasi alimento dall'indice quantitativo di anticorpi:

  • meno di 1000 ng / ml - il bambino non è allergico a questo prodotto;
  • 1000-5000 ng / ml - l'uso del prodotto deve essere ridotto a 1-2 volte a settimana (in piccole quantità);
  • più di 5000 ng / ml - elimina l'allergene dal cibo per almeno 3 mesi.

Un trattamento adeguatamente selezionato ridurrà il rischio di complicanze, tuttavia, il trattamento delle malattie allergiche dovrebbe essere completo. Lo scopo principale di un test allergologico è identificare un irritante per escludere il contatto di una persona con esso.

Esame del sangue per allergie nei bambini

Le cause delle allergie nei bambini sono diverse e molto spesso i sintomi della malattia sono simili. Per determinare con precisione la fonte di allergeni, è necessario eseguire un test allergologico in un bambino.

I principali metodi per diagnosticare le allergie nei bambini

Questo processo è complesso, lungo e dovrebbe essere eseguito esclusivamente con la partecipazione di uno specialista. Se i sintomi allergici si ripresentano regolarmente, non ritardare la diagnosi. La medicina moderna offre due metodi principali in allergologia.

Metodo 1. "In vivo" (lat.) - tradotto "dentro il corpo". Suggerisce un'esposizione diretta all'allergene sui tessuti o sugli organi del paziente. Poiché esiste una probabilità di complicanze (edema di Quincke, shock anafilattico), la procedura viene eseguita in regime ambulatoriale. Ciò consente di fornire assistenza medica di emergenza, se necessario. Questo metodo include i seguenti tipi di analisi:

  1. Test di scarificazione.
  2. Test provocatori.
  3. Diagnostica di eliminazione.

Metodo 2. "In vitro" (lat.) - "in vetro". Consiste nella raccolta di campioni di sangue e nei successivi test di laboratorio senza la partecipazione del paziente. Un esame del sangue per le allergie nei bambini è considerato un metodo diagnostico ideale, poiché non influisce negativamente sul corpo dei bambini. Come risultato dell'analisi, vengono impostati i seguenti parametri:

  • IgE - un indicatore dell'immunoglobulina totale;
  • IgG (IgG 4) - un indicatore di immunoglobulina specifica.

Cosa sono i test di scarificazione e provocatori??

Si basano sul contatto degli allergeni con la pelle del paziente, in quanto un test allergologico nei bambini è chiamato "esaurimento" della pelle. Esistono diverse opzioni di test:

  • piccoli tagli (graffi) sono fatti sulla superficie della pelle, in cui sono immerse micro quantità di allergene;
  • test di picco: una sostanza provocatoria viene iniettata per via sottocutanea con un ago ultrasottile a una profondità non superiore a 1 mm;
  • test di applicazione o patch - un piccolo pezzo di nastro adesivo (patch) con una sostanza provocatoria viene incollato sulla zona della pelle;
  • tracce di allergene vengono applicate sulla lingua, iniettate nel naso o nei bronchi.

Il metodo non è raccomandato per i bambini di età inferiore ai 5-6 anni e precedentemente sottoposti a shock anafilattico. Inoltre, vale la pena astenersi dalla diagnosi se il bambino ha un periodo di esacerbazione di malattie croniche. Al momento del test dovrebbe essere assolutamente sano, senza segni di una reazione allergica. Vantaggi di questi test:

  • senza sangue - senza danni ai capillari e ai vasi sanguigni sottocutanei;
  • informativo - fino a 15 campioni (per diverse sostanze) in una procedura;
  • operativo - la reazione a un allergene è osservata tra 15-20 minuti.

Come e perché eseguire esami del sangue per le allergie nei bambini?

La soluzione alla domanda su quali esami è necessario eseguire per un'allergia a un bambino si basa su un esame del sangue o del siero. Il metodo è sicuro, poiché tutto il lavoro è svolto con biomateriale e non richiede la partecipazione di un piccolo paziente:

  • un campione di sangue viene prelevato dalla vena di un bambino;
  • collocato in diverse provette;
  • una sostanza allergenica viene aggiunta a ciascun contenitore.

Sotto l'influenza di un allergene, la composizione quantitativa e qualitativa degli anticorpi protettivi - immunoglobulina E e anticorpi specifici G - cambia. Sulla base dei risultati delle reazioni osservate e di calcoli speciali, viene stabilita la suscettibilità a determinate sostanze..

Determinazione dei parametri IgE

Con un rapido tipo di reazione allergica, si verifica un forte rilascio di immunoglobulina nel sangue La sua quantità (IgE) è normalmente molto bassa, aumenta in proporzione diretta alla quantità di allergene e alla durata della sua esposizione. Limiti ammessi (mIU / ml) per diverse fasce di età:

  • 0-64 anni - nei bambini di età inferiore ai due anni;
  • 0-150 - da due a 14 anni;
  • 0-123 - dai 14 anni in su;
  • 0-113 - adulti sotto i 60 anni;
  • 0-114 - oltre 60 anni.

Un aumento del valore di IgE indica la presenza di un processo allergico nel corpo. Il metodo è considerato altamente accurato, affidabile, sicuro ed è raccomandato quando si decide quali test vengono eseguiti per le allergie in un bambino dall'età di 1 mese.

Determinazione di Ig G

Se il livello di IgE è a un livello normale, rimane la probabilità di una reazione allergica di tipo ritardato. In questo caso, i sintomi della malattia si sviluppano entro poche ore dall'ingresso dell'allergene nel corpo e dalla produzione di immunoglobulina G. In questo caso, è necessario determinare il parametro IgG - specifico per gli allergeni più comuni:

  • prodotti alimentari;
  • polvere domestica;
  • Animali domestici;
  • polline di piante;
  • elminti;
  • farmaci.

Sulla base dei dati di IgE e IgG (IgG 4), l'allergologo determina la suscettibilità del paziente a determinate sostanze provocatorie o al loro intero gruppo. Le informazioni ottenute ci consentono di scegliere il regime di trattamento ottimale con la massima efficienza e sicurezza..

Come e perché è un esame del sangue per allergeni nei bambini?

Come capire che un bambino è allergico?

Ma i medici all'inizio potrebbero non essere in grado di determinare esattamente con cosa deve affrontare il bambino. La stessa rinite allergica non scompare da molto tempo e al bambino con i genitori viene dato un rinvio a un otorinolaringoiatra che prescrive farmaci per il raffreddore comune. Ci sono casi frequenti in cui a un bambino viene prescritta la fisioterapia. Sono state prese diverse misure per trattare lo stesso naso che cola, ma non scompare affatto. Il bambino è già sano, ma non appena appare sulla strada, il naso che cola ritorna. Il problema è che non è stato trattato affatto per ciò che era necessario.

Oltre alla febbre da fieno, che è accompagnata da grave irritazione della mucosa, naso che cola, prurito delle palpebre, eruzioni cutanee e vari arrossamenti possono apparire sul corpo dei bambini.

Per stabilire la causa di questi sintomi, è necessario superare un test allergologico che rileverà l'allergene. Dopo aver appreso quale sostanza provoca tali sintomi, puoi procedere al trattamento, in modo da non solo eliminare un naso che cola o un'eruzione cutanea, ma anche per prevenirli in futuro.

Ma prima di procedere ai test di laboratorio, è necessario escludere altre cause dei sintomi.

Devi sapere con certezza che il bambino non soffre di sudorazione, disbiosi, malattie della pelle, vermi o altri parassiti. Infine, è necessario assicurarsi che i sintomi che compaiono non siano il risultato di una forte risposta immunitaria agli stimoli.

Come stabilire un allergene?

Il numero di allergeni a cui può verificarsi una tale reazione è molto grande. E fare test su tutto non funziona, ma questo non è necessario. Per restringere il loro cerchio, il medico conduce un sondaggio, cercando di trovare la relazione dei sintomi che sono comparsi con alcuni stimoli esterni. Se prendiamo il caso sopra come esempio, il medico attira l'attenzione sul fatto che un naso che cola, un prurito alle palpebre si è manifestato durante la fioritura stagionale, i sintomi non scompaiono per due o tre settimane, anche dopo un complesso di procedure mediche. E se si scopre che il bambino ha sofferto della stessa cosa e un anno fa all'incirca nello stesso momento, allora per il medico questo sarà un segno sicuro che è necessario determinare l'allergene da qualsiasi pianta che fiorisce in questo momento.

Se l'allergene non è così pronunciato ed è difficile stabilire quale sia esattamente una tale reazione del corpo del bambino, viene eseguita una serie di test, il cui scopo è determinare la presenza dell'allergia stessa e quindi restringere le cause dell'insorgenza dei sintomi, identificando quelle più probabili, tra le quali si trovano sostanze pericolose e connessioni.

Molto spesso, vengono anche eseguiti test per chiarire la diagnosi che è già stata fatta, sulla base sia dei sintomi comparsi che della storia medica. In questo caso, i medici prescrivono test per:

  • confermare le allergie alimentari rilevate;
  • stabilire una reazione patologica ai vaccini;
  • identificare possibili complicanze causate da punture di insetti;
  • confermare l'efficacia del trattamento utilizzato per assicurarsi che l'allergia sia indebolita.

Analisi allergene generale nei bambini

Per stabilire con precisione la diagnosi, il medico invia il bambino a condurre un'analisi per identificare l'allergene, che viene eseguito in qualsiasi laboratorio moderno. Le più comuni tra queste analisi sono:

  1. L'opzione più semplice per i bambini di qualsiasi età è un esame del sangue per gli allergeni, utilizzando un metodo per rilevare la presenza di anticorpi nel sangue prelevati da una vena.
  2. Test allergologici: fino a due dozzine di graffi vengono applicati sulla pelle delle parti interne delle mani, dopo di che vari allergeni vengono applicati a ciascuna di esse in piccole quantità. Dopo 10-20 minuti, il medico osserva la comparsa di arrossamento, gonfiore in questi luoghi. Questo metodo non è molto adatto a bambini piccoli che, in base al loro comportamento e alla reazione alla procedura, interferiranno con esso..

Il risultato non sempre ottenuto può essere esatto. Ad esempio, nei bambini di età inferiore a un anno, un test allergenico può essere falso. Questo perché il bambino è allattato al seno e ci sono ancora gli anticorpi della mamma nel suo corpo.

Affinché il risultato dell'analisi sia il più affidabile, è necessario seguire queste raccomandazioni:

  • puoi fare i test solo da un bambino sano; se è malato, la concentrazione di anticorpi nel suo corpo darà un risultato falso positivo;
  • per diversi giorni, è necessario interrompere l'assunzione di farmaci antiallergici;
  • insieme alla sospensione dei farmaci, è necessario iniziare una dieta ipoallergenica.

Come stabilire un'allergia alimentare?

Al fine di rilevare l'allergene alimentare di un bambino a cui ha sintomi, è necessario osservare un periodo della sua reazione quando determinati alimenti vengono aggiunti alla dieta o esclusi da esso.

I più forti tra loro, a cui esiste un'alta probabilità di una reazione allergica, sono:

  • uova di gallina, latte di mucca e capra;
  • fagioli, noci, lenticchie, soia, piselli;
  • mais, orzo, soia, grano;
  • verdure e frutti di rosso e arancio;
  • melone, uva, avocado, kiwi, pesca, fragole;
  • frutti di mare e pesce.

Effettuando la diagnostica, il medico registra tutti i prodotti consumati e la reazione del corpo del bambino dopo il loro uso. Confrontando gli indicatori ottenuti, può rilevare ed escludere quei prodotti dal menu che causano allergie. Successivamente, viene prescritto un esame del sangue per un allergene alimentare, necessario per chiarire la diagnosi..

Le allergie alimentari possono verificarsi a causa dell'elevato consumo di un determinato prodotto. Ciò è particolarmente vero per bacche e frutti di stagione come fragole, fragole..

Desiderando che il bambino riceva una grande quantità di vitamine, i genitori gli danno una quantità eccessiva di questi prodotti, causando così l'ipervitaminosi. La conseguenza di ciò è una reazione allergica in un bambino a tutti quei prodotti che contengono vitamine ricevute in eccesso.

Nel tempo, gli agenti causali di una reazione allergica possono cambiare. Possono sia aggiungere che scomparire. Un fattore importante in questa materia sono i cambiamenti legati all'età, che possono sia causare allergie che portare alla loro scomparsa. Ma i segni tempestivi e le cause identificate dei sintomi patologici aiutano a prevenire le complicazioni di salute.

Decrittazione di un esame del sangue nei bambini con allergie

Le analisi ottenute devono essere decodificate solo da uno specialista.

Ma i genitori devono conoscere alcuni punti di base che consentono loro di navigare i risultati dei dati di laboratorio.

Se, durante la decodifica dei dati ottenuti a seguito di un esame del sangue clinico, risulta che il bambino ha un aumento degli eosinofili, significa che ha infiammazione, invasione di elminti e allergie.

In uno stato normale, il numero di eosinofili varia dallo 0,5 al 5%. Sono in grado di eliminare l'effetto del complesso "antigene-anticorpo".

La comparsa di un'allergia significa che il numero di eosinofili inizia ad aumentare e se raggiunge il 10%, il sistema immunitario può reagire in modo molto brusco e negativo a tale aumento.

Un aumento del contenuto di eosinofili nel sangue si verifica anche con l'invasione elmintica. Il numero di eosinofili dipende anche dai cambiamenti fisiologici..

Il loro contenuto più basso si osserva durante il giorno. E di notte, al contrario, il più alto.

Un test allergenico diretto viene eseguito per 3 o più giorni. La decrittazione risultante fornisce informazioni sul livello allergico generale del corpo, consente di determinare quei prodotti che devono essere esclusi dalla dieta del bambino.

Perché ho bisogno di un test allergenico in un bambino fino a un anno, come donare il sangue

I bambini di età inferiore a un anno hanno spesso reazioni allergiche al cibo e ad altre sostanze irritanti: droghe, peli di animali e peli di animali e piccole particelle di piante. Per diagnosticare il problema in tempo e iniziare il trattamento, i medici raccomandano di passare un'analisi immunologica. Di solito, i bambini tollerano bene questa procedura, quindi non dovresti aver paura di andare in una clinica per bambini.

L'allergia è una delle malattie infantili più comuni.

Cause di reazioni allergiche

Le cause più comuni di questo disturbo immunitario sono:

  • Condizioni di vita improprie per il bambino;
  • Catering inadeguato;
  • Predisposizione ereditaria;
  • Sistema immunitario debole.

Una tendenza alle allergie può verificarsi a qualsiasi età, molto spesso i primi segni della malattia si notano nella prima infanzia.

La predisposizione alla malattia è spesso ereditata.

Informazioni su un esame del sangue per allergeni fino a un anno

Un test allergenico in un bambino è un modo abbastanza efficace per identificare la causa di una reazione avversa. Viene consegnato solo nella direzione del medico.

Indicazioni e controindicazioni

Le indicazioni sono segni pronunciati di reazioni allergiche: eruzioni cutanee, frequenti malattie respiratorie, rinite cronica. Tutte queste condizioni possono essere segni di un sistema immunitario disfunzionale. Controindicazioni alla procedura sono:

  • dentizione;
  • malattia respiratoria acuta;
  • qualsiasi malattia infettiva;
  • febbre.

Il sangue viene prelevato da una vena. Lo scopo della procedura è identificare il livello di immunoglobuline specifiche.

Vantaggi dell'analisi rispetto ai test cutanei

Invece dell'analisi, molte cliniche a pagamento offrono ai bambini un test cutaneo. Tuttavia, in un bambino di età inferiore a tre anni, questo metodo di ricerca è spesso inefficace a causa della difficoltà nella valutazione del risultato..

Tipi di esami del sangue per allergeni

L'analisi del sangue più comune è il test RAST. La diagnosi con questo metodo è la seguente:

  • Un bambino di 0 anni preleva il sangue da una vena e lo mette in una provetta;
  • Successivamente, viene aggiunta una soluzione alla provetta che contiene un certo tipo di allergene;
  • Dopo un po 'viene esaminata la quantità di anticorpi nel sangue;
  • Se è al di sopra del normale, il bambino è allergico a un irritante specifico.

Il principale svantaggio di questa tecnica di ricerca è che non consente di calcolare l'esatto livello di sensibilità del bambino all'allergene in studio.

Un risultato più accurato è dato dagli studi che rivelano la presenza di immunoglobulina E nel sangue del bambino - questo è il nome della sostanza responsabile delle manifestazioni esterne della reazione. Per analisi, il siero del sangue dei bambini viene miscelato con sostanze come ingredienti alimentari, peli di animali, piccole particelle di piante, prodotti chimici domestici. Successivamente, viene rilevata l'irritante principale. Il principale svantaggio di questo metodo diagnostico è la lunga attesa dei risultati.

Esistono molti tipi di analisi; quale scegliere, dirà il medico

Come eseguire i test allergologici

Un'analisi degli allergeni nei neonati deve essere adeguatamente preparata. Per fare questo, devi:

  • Ottenere un rinvio da un medico;
  • Decidere la data e l'ora della procedura;
  • Porta con te tutti gli articoli igienici necessari per il bambino;
  • Se possibile, somministrare al bambino qualsiasi agente antivirale prima della visita in clinica, in modo da non contrarre malattie respiratorie infantili.

Non è richiesta la conformità con una dieta speciale alla vigilia. Tuttavia, è vietato somministrare antistaminici al bambino, altrimenti i risultati potrebbero risultare inaffidabili.

Quanta analisi viene fatta

La durata dell'attesa dei risultati dipende da dove viene eseguita l'analisi: nella clinica in cui il bambino l'ha passato o altrove. Nel secondo caso, ci vorrà più tempo per attendere i risultati. Se si donano sangue per neonati per immunoglobuline, il periodo di attesa medio può essere da una a due settimane, questa è considerata la norma. Il motivo è la difficoltà di condurre test di laboratorio.

Dove posso consegnare

Un test allergologico in un bambino può essere eseguito sia in una clinica pubblica che privata (commerciale). Fare domanda a un centro medico privato per effettuare un'analisi a pagamento eviterà le code. Tuttavia, in questo caso, dovresti prima verificare telefonicamente se una particolare organizzazione lavora con bambini di età inferiore a un anno - per ottenere sangue da una vena di un bambino a questa età, l'infermiera deve essere altamente qualificata.

Un rinvio alla procedura può essere ottenuto presso la clinica per bambini nel luogo di residenza

Caratteristiche del prelievo di sangue nei neonati

Prendere il sangue di un bambino in cerca di allergeni per rilevare patologie non è facile. È meglio farlo quando il bambino dorme. Un bambino che dorme profondamente fino a un anno potrebbe anche non provare dolore, perché tutto viene fatto molto rapidamente.

Attenzione! I bambini più grandi che mangiano cibo per adulti vengono testati a stomaco vuoto. Un bambino che non riceve alimenti complementari può essere allattato al seno - questo non influirà sul risultato corretto. In questo caso, l'analisi può essere fornita non solo al mattino.

Cosa fornisce la decodifica dell'analisi immunologica

La decrittazione dell'analisi aiuta a scoprire esattamente a cosa risponde il bambino. Di solito il risultato dello studio sembra un tavolo. Nella sua colonna di sinistra sono i nomi degli allergeni, a destra - l'intensità della reazione. Il numero "0" indica l'assenza di allergie.

Quali tipi di allergeni possono essere rilevati

Utilizzando test di laboratorio, è possibile identificare i principali allergeni alimentari, respiratori e tattili durante l'infanzia. Il primo include cibo, il secondo - piccole particelle di piante, il terzo - detersivi in ​​polvere, cosmetici, prodotti chimici domestici. La cosa principale è capire quale sostanza è il pericolo..

Attenzione! Molte persone credono erroneamente che l'allergia ai gatti derivi dall'attaccatura lunga e folta di questi animali domestici. In effetti, l'urina di gatto è l'allergene più forte. Pertanto, il bambino reagirà allo stesso modo ai capelli lunghi e al gatto calvo (gatto) o al cane.

Cosa fare dopo la diagnosi di allergia

Se dopo aver dato all'allergia al sangue del bambino è stato possibile scoprire quale irritante provoca una reazione indesiderata, l'allergene dovrebbe essere eliminato il prima possibile o il contatto con esso dovrebbe essere limitato. Vale anche la pena affrontare l'aumento dell'immunità del bambino. Ciò richiede frequenti passeggiate e trattamenti di rinvenimento. Con esacerbazioni di allergie, puoi periodicamente bere un ciclo di antistaminici prescritto da un medico in base all'età. Dopo qualche tempo, è possibile passare nuovamente l'analisi.

Non confondere le allergie con le intolleranze alimentari. La prima malattia rimarrà con il bambino per tutta la vita, la seconda passerà gradualmente mentre il sistema digestivo si sviluppa. Con una reazione indesiderata al latte materno nei neonati, la via d'uscita ideale sono le moderne miscele senza latte a base di soia.

Se a un bambino viene diagnosticata un'allergia, i genitori non dovrebbero preoccuparsi e farsi prendere dal panico. Nella maggior parte dei casi, questo disturbo scompare con l'età. Il bambino semplicemente "supera" la sua malattia mentre l'immunità si rafforza. Tuttavia, non trascurare il trattamento e i test. Affinché il bambino sia sano, i genitori devono seguire chiaramente tutte le raccomandazioni dei medici curanti: pediatra e allergologo-immunologo.

Analisi degli allergeni in un bambino

Il successo della lotta contro le manifestazioni allergiche dipende in gran parte dall'esclusione del contatto con il suo provocatore. Ma è tutt'altro che ovvio ciò che provoca una reazione allergica nei bambini piccoli. Al fine di non scoprirlo con prove ed errori, è molto appropriato analizzare gli allergeni causali in un bambino.

Come fare un esame del sangue per gli allergeni

Un esame del sangue per allergeni è il metodo di ricerca più comune. Nella diagnosi, l'allergene non viene a contatto con il corpo, il che è molto importante nel caso di piccoli pazienti. Un esame del sangue per le allergie nei bambini piccoli può essere preso in qualsiasi momento della giornata. L'unica condizione è che dopo aver mangiato siano trascorse almeno 3 ore.

Gli esami del sangue vengono eseguiti durante la remissione, anche se alcuni moderni metodi diagnostici possono rilevare un allergene anche durante una ricaduta acuta. Inoltre, gli antistaminici riducono il livello di anticorpi, quindi un esame del sangue viene eseguito principalmente dopo una sospensione temporanea di tali farmaci. In questo caso, i test immunologici non mostreranno risultati falsi..

Uno studio del sangue prelevato da una vena può essere condotto anche fino a sei mesi determinando l'immunoglobulina totale e specifica E. Ma gli allergologi insistono sul fatto che sia ottimale farlo da 6 mesi.

Tuttavia, non ci si può aspettare un risultato oggettivo da un'analisi. Inoltre, va tenuto presente che la presenza di un processo infettivo nel corpo può influire negativamente sui risultati, quindi è più ragionevole condurre uno studio durante il periodo in cui il bambino non è malato di raffreddori o malattie virali e la sua allergia non ha praticamente manifestazioni.

Test cutanei di scarificazione

In pediatria, a partire dall'età di 5 anni, pratica test di scarificazione cutanea per le allergie. Nel processo, vengono utilizzati speciali scarificatori, che praticano piccole incisioni superficiali sulla pelle, senza danneggiare i vasi sanguigni. Questa procedura è indolore, sebbene possa causare qualche disagio.

La pelle nel sito dello studio viene trattata con un antisettico e dopo che è stata asciugata, vengono applicate prima l'istamina e un liquido di controllo del test, e solo successivamente una goccia dell'allergene preparato per lo studio viene applicata alle incisioni. Ogni pannello allergenico utilizza i propri strumenti. I bambini non hanno la procedura se ci sono stati casi di shock anafilattico nella storia.

Allo stesso tempo, è consentito mettere 10-15 test cutanei con vari allergeni in una procedura. Ma se il paziente ha una ipersensibilità particolare, in una sessione si consiglia di identificare una possibile reazione non più di 2-3 tipi di allergeni. Soprattutto se i bambini vengono esaminati.

L'analisi di riferimento (test cutanei) per le allergie nei bambini è estremamente rara a causa della complessità della loro valutazione, che è determinata dalle caratteristiche anatomiche e fisiologiche della struttura della pelle nei neonati e dalla possibilità di una reazione versata.

Molto spesso, i campioni sono prescritti in questi casi:

  • le allergie ai bambini hanno raggiunto l'età in cui è possibile eseguire tali test;
  • dopo aver assunto un determinato prodotto alimentare, ci sono preoccupazioni per le allergie alimentari;
  • una reazione allergica del corpo si è verificata al momento della vaccinazione.

I genitori di chi soffre di allergie, di norma, hanno maggiori probabilità di suonare l'allarme quando il bambino ha sintomi di allergia e vuole scoprire i provocatori senza indugio, e anche prendere misure terapeutiche. E questo è corretto, perché in questi bambini il sistema immunitario è particolarmente soggetto a reazioni allergiche. Ma se condurre un test cutaneo o ricorrere ad altri metodi diagnostici dovrebbe essere deciso da un allergologo-immunologo.

Un test cutaneo per allergeni viene eseguito solo in assenza di processi infiammatori nel corpo e gravi malattie dermatologiche.

Determinazione degli anticorpi IgE e IgG4

Inizialmente, una piccola quantità di IgE è normalmente presente nel sangue di qualsiasi persona e, dopo l'introduzione di un possibile allergene causale, la sua quantità aumenta in modo significativo e supera l'intervallo normale. Le immunoglobuline specifiche di classe E nella quantificazione sono considerate altamente sensibili. Questo è un popolare test di allergia al sangue nei bambini..

La rilevazione di anticorpi IgG4 sierici si trova spesso in pazienti affetti da varie malattie allergiche (asma bronchiale, dermatite atopica), compresi i pazienti con livelli normali di IgE totali.

Metodi provocatori

Vengono effettuati test provocatori nei casi in cui i test cutanei per le allergie e lo studio delle immunoglobuline non hanno permesso di identificare la causa dell'allergia. Questa analisi deve essere eseguita solo da un medico esperto. Ma le analisi di un tale piano per le allergie nei bambini sono raramente prescritte a causa del pericolo di shock anafilattico.

L'essenza della ricerca è che l'allergene viene applicato direttamente sulla mucosa dell'organo bersaglio selezionato. I test provocatori possono essere inalazione, nasale o congiuntivale. L'inalazione viene eseguita esclusivamente in un ospedale e l'impostazione di altri può essere eseguita ambulatorialmente. Dopo qualche tempo, si sta studiando la risposta immunitaria..

Preparazione all'analisi

Per superare i test per gli allergeni causali, il bambino avrà bisogno di una piccola preparazione:

  1. Nel corpo del bambino non dovrebbero verificarsi processi acuti virali o batterici. Deve essere sano, come indicato dagli emocromi..
  2. Pochi giorni prima dello studio previsto, è necessario escludere dalla dieta alimenti altamente allergenici, interrompere l'assunzione di farmaci.
  3. 5 giorni prima della donazione di sangue, il contatto con gli animali domestici dovrebbe essere escluso.
  4. 3 giorni prima della data del prelievo del sangue, è auspicabile che il bambino eviti uno sforzo fisico intenso e non sia nervoso.
  5. Il bambino dovrebbe donare il sangue a stomaco vuoto, preferibilmente al mattino.

Se vengono seguite tutte le regole, i risultati del test saranno il più affidabili possibile e aiuteranno a prescrivere il trattamento corretto, escludendo l'allergene causale dalla vita del bambino.

Decifrare i risultati

L'immunoglobulina E è presente in quantità insignificante nel sangue di tutte le persone e con l'età il suo indicatore cambia. Se l'IgE totale è significativamente più alta della norma per una determinata categoria di età, ciò indica la presenza di una reazione allergica. Se il paziente è stato a lungo in contatto con l'allergene, questa cifra sarà molto alta. Un allergologo esperto dovrebbe valutare e decifrare i risultati di un esame del sangue.

Con i test cutanei, si verifica una reazione nel sito di applicazione dell'allergene del test, un sigillo che ha una tinta rossastra o un blister. Viene misurato e valutato da un risultato che non è sempre affidabile. A volte possono esserci risultati falsi positivi o falsi negativi. Questo può essere riconosciuto solo da uno specialista esperto che aggiusterà ulteriori diagnosi..

Numerose diagnosi e analisi sono state sviluppate per identificare l'allergene in un bambino. Tuttavia, è necessario un esame completo, che inizia con una consultazione con un allergologo. Dopo aver studiato i reclami, le caratteristiche dello sviluppo della malattia e altre circostanze, il medico prescrive i test più necessari. L'ulteriore salute dei bambini dipende in gran parte dalla volontà dei genitori di cooperare con gli allergologi.

Rileva allergie mediante analisi del sangue

Indicazioni e controindicazioni per lo studio

Questi test sono prescritti, prima di tutto, se c'è il sospetto di varie allergie e un deterioramento del benessere del bambino senza una chiara ragione. Queste sono varie eruzioni cutanee, forte prurito cutaneo, segni di varie dermatiti. L'indicazione è una frequente tosse rauca e che abbaia, bronchite con ostruzione bronchiale, quando è difficile espirare il bambino, sviluppa sibilo secco. Le indicazioni sono rinite frequente, difficoltà nella respirazione nasale e secrezione di grandi quantità di muco, muco trasparente dal naso, varie manifestazioni di orticaria, congiuntivite e prurito negli occhi, gonfiore dei tessuti molli del viso, laringospasmo.

In alcuni casi, questa analisi è prescritta dopo una reazione con un allergene, ma i test possono essere eseguiti senza alcuna connessione, quando il bambino si sente bene. Decifrare un esame del sangue per allergeni nei bambini mostrerà che la "memoria" del corpo che esiste durante il periodo di remissione, ma in qualsiasi momento è pronta a manifestarsi di nuovo.

Per quanto riguarda le controindicazioni, l'analisi stessa per le allergie non ha controindicazioni, ma nel caso in cui il bambino abbia emofilia, convulsioni, disturbi mentali, quindi eventuali esami del sangue sono controindicati. L'unica eccezione specifica può essere associata all'allattamento al seno. Il tasso di allergeni nel sangue dei bambini che mangiano solo latte materno può essere inaffidabile.

Quale esame del sangue mostra allergie

Per capire come viene eseguita la determinazione delle allergie da un esame del sangue, è necessario ricordare il meccanismo per lo sviluppo di una reazione allergica che si verifica nel corpo. L'allergia è una specie di reazione del sistema immunitario. Si verifica dopo il contatto diretto di un organismo con una determinata sostanza..

Un allergene, a cui il corpo umano diventa ipersensibile, entra nel tratto gastrointestinale, sulle mucose del naso, degli occhi e della pelle. Questo provoca la produzione di immunoglobuline E. Quindi inizia l'allergia.

Da allora, le immunoglobuline di classe E sono prodotte nel corpo in risposta al contatto con un allergene. Ciò consente a livello di anticorpi di diagnosticare allergie..

Un esame del sangue generale per le allergie viene consegnato per una conclusione preliminare su una possibile reazione allergica con un aumento del contenuto di eosinofili - globuli bianchi specifici (globuli bianchi). Partecipano alla risposta dell'organismo a varie malattie, comprese quelle allergiche. Considera questi metodi di ricerca in modo più dettagliato..

Cosa mostrano gli eosinofili

Un esame del sangue generale o clinico per le allergie è facoltativo, poiché non è indicativo. KLA può essere dettagliata o breve. Siamo interessati al contenuto di eosinofili nel sangue. Ma cosa può dire questa cifra?

Normalmente, il numero di eosinofili nel sangue di un adulto e di un bambino non deve superare l'1-5%. Se questa cifra è maggiore, si verificano processi patologici nel corpo. Può essere una malattia autoimmune, infettiva o infiammatoria, invasione elmintica o allergia.

Cioè, se una persona è allergica, un esame del sangue per eosinofili mostrerà il loro eccesso. Ma dire che questa è precisamente un'allergia è impossibile. Per esclusione, puoi scoprire che tipo di malattia. Ma per confermare la diagnosi preliminare, basata su sintomi clinici, un esame del sangue generale e l'anamnesi, sono necessari altri esami più accurati..

immunoglobuline

In laboratorio, è possibile identificare una sostanza che provoca una reazione specifica del sistema immunitario, ad esempio un allergene. Per fare questo, prendono il sangue da una persona allergica e lo mescolano con varie sostanze - probabili allergeni. Se gli anticorpi compaiono nel sangue quando interagiscono con uno di essi, una persona è predisposta a una reazione allergica a questa sostanza.

L'elenco degli allergeni è molto ampio. Pertanto, il numero di campioni prelevati può essere in decine o centinaia. Per ridurre l'elenco delle sostanze sospettate di provocare allergie, i sintomi e la storia medica vengono attentamente esaminati. Se si ritiene che un prodotto alimentare abbia causato la malattia, viene prima eseguito un esame del sangue per l'allergia alimentare. In questo caso, l'elenco include innanzitutto gli allergeni più aggressivi con cui il paziente deve contattare.

L'essenza del test RAST

Questo metodo diagnostico non è in grado di coprire l'intero elenco di possibili allergeni. Viene effettuato al fine di restringere il cerchio delle ricerche. Aiuta a determinare la direzione in cui andare avanti..

La decrittazione di un esame del sangue per le allergie deve essere eseguita da un medico, ma non c'è nulla di complicato al riguardo. Rappresenta un certo intervallo di norme. Se il risultato è 0 (i punteggi anticorpali vanno da 0 a 0,35), allora non c'è allergia. La presenza di anticorpi è espressa in gradi da 1 a 6 in ordine crescente..

I vantaggi degli esami del sangue sugli esami della pelle sono evidenti. Sono più sicuri e non causano un deterioramento delle condizioni di una persona allergica. Gli esami possono essere eseguiti anche durante un'esacerbazione di una reazione allergica (quando una persona può manifestare rinite allergica o sintomi di tosse allergica) e in presenza di eruzioni cutanee (sintomi). Di conseguenza, una persona riceve non solo indicatori qualitativi, ma anche quantitativi della risposta del corpo a una determinata sostanza.

La copia del materiale pubblicato sul sito è consentita solo con l'approvazione dell'amministrazione.

Cause di allergie e possibili sintomi

Un'allergia è un aumento della sensibilità del corpo a qualsiasi sostanza dovuta alla loro ingestione. Questa condizione è generalmente innescata da cibo, prodotti chimici domestici, polline di piante, lana, polvere o agenti patogeni.

Inoltre, studi hanno dimostrato che le allergie possono essere causate da endoallergeni e autoallergeni, la cui formazione si verifica nel corpo stesso. Sono divisi in naturali e acquisiti, che sono caratterizzati dall'acquisizione di proprietà aliene a causa di radiazioni, fattori termici, chimici, virali e batterici.

I potenziali allergeni possono includere:

  • Alimenti come soia, frutta, frutti di mare, noci, latte, uova.
  • Polline vegetale.
  • Spore di muffe e funghi.
  • Morsi di insetti succhiatori di sangue e pungenti.
  • Tick ​​Tossine.
  • Polvere.
  • Piume e lanugine.
  • farmaci.
  • Proteine ​​che compongono i vaccini e il plasma dei donatori.
  • Lana.
  • Prodotti per la pulizia chimica.
  • latice.
  • Infestazioni elmintiche.

Queste sostanze entrano nel corpo quando inalate, stile di vita e nutrizione impropri. Inoltre, una predisposizione ereditaria influenza lo sviluppo di allergie..

Ulteriori informazioni sui test che è necessario superare per le allergie sono disponibili nel video:

I sintomi delle allergie dipendono dal tipo di malattia:

  1. Con dermatite, si osservano prurito, secchezza, desquamazione e arrossamento della pelle. Inoltre, eruzioni cutanee simili a eczema, vesciche e grave gonfiore.
  2. Le allergie respiratorie sono accompagnate da starnuti, secrezione nasale e prurito, respiro sibilante e fischio nei polmoni, tosse, broncospasmo, mal di testa e vertigini. Pericolo di soffocamento.
  3. I sintomi delle allergie alimentari sono costipazione, diarrea, nausea, coliche intestinali, vomito.
  4. La congiuntivite allergica si manifesta con lacrimazione, arrossamento e gonfiore delle palpebre, sensazione di bruciore e dolore agli occhi.
  5. Nello shock anafilattico, che è considerato una forma pericolosa di allergia, possono esserci mancanza di respiro, soffocamento, diminuzione della pressione, opacità o perdita di coscienza, condizioni convulsive, movimenti involontari dell'intestino e minzione, eruzioni cutanee sul corpo.

Inoltre, con allergie, si verifica irritabilità, aumenta la fatica, appare una debolezza generale..

Rischio di allergia

Le malattie allergiche sono considerate pericolose. Questo perché possono provocare le seguenti complicazioni:

  • I sintomi diventano più pronunciati.
  • Inizia la gravità della malattia..
  • Lo spettro degli antigeni si sta espandendo, si verificano fenomeni allergici a nuovi allergeni.
  • La qualità della vita del paziente diminuisce.
  • L'immunità si sta indebolendo..

Inoltre, la rinite allergica stagionale può svilupparsi in asma bronchiale, prurito ed eruzioni cutanee sulla pelle in una reazione anafilattica.

Tali condizioni patologiche possono anche verificarsi:

  1. L'edema di Quincke
  2. Malattia da siero
  3. Anemia emolitica
  4. Shock anafilattico
  5. Eczema
  6. Sindrome di Stevens-Johnson
  7. Sindrome di Lyell

Per prevenire tali conseguenze indesiderate, è importante consultare uno specialista quando compaiono i primi segni di allergia

I vantaggi di tali test

Perché la maggior parte degli allergologi preferisce un esame del sangue piuttosto che altri metodi diagnostici? Ci sono diverse ragioni per questo:

  1. Il bambino non deve contattare direttamente sostanze irritanti.
  2. L'analisi può essere eseguita in qualsiasi fase della patologia..
  3. Alta precisione del risultato. I test aiutano a identificare gli allergeni che sono dannosi per il corpo dall'analisi..
  4. Un apporto biomateriale è sufficiente per rilevare le reazioni a dozzine di irritanti.
  5. La diagnosi può essere effettuata con danni all'epidermide.
  6. Il test è adatto anche per i bambini che hanno avuto reazioni anafilattiche in passato..

Test cutanei

I test cutanei sono una speciale tecnica di esame diagnostico per le malattie allergiche, che si basa sul monitoraggio del comportamento della pelle a contatto con gli allergeni. Esistono vari pannelli di test utilizzati per identificare un sospetto allergene. La necessità di utilizzare tutti i pannelli di prova è estremamente rara. Fondamentalmente, la gamma di allergeni sospetti si restringe significativamente, dopo aver ricevuto alcuni dati dal paziente, che indicano la natura del sospetto allergene.

  • Gravidanza e allattamento;
  • La prima età del bambino (fino a 3 anni);
  • La presenza di cancro;
  • Malattie infettive
  • AIDS, sifilide, tubercolosi;
  • Malattie con manifestazioni cutanee;
  • Stadio attivo di allergie;

Esistono diverse opzioni per i test cutanei. Si distinguono per il modo in cui sono condotti. Ciò può comportare l'allergene in piccole incisioni o forature, l'iniezione con una siringa o l'applicazione di un materiale speciale imbevuto di soluzioni allergeniche. Successivamente, viene monitorato il comportamento dell'area della pelle che interagisce con l'allergene. Una reazione positiva in caso di test cutanei è la comparsa di vari tipi di infiammazioni, vesciche, eruzioni cutanee, irritazioni cutanee localizzate in punti di contatto con l'allergene.

È importante ricordare che i test cutanei sono un metodo diagnostico basato sul monitoraggio del verificarsi di una reazione allergica. Pertanto, prima di eseguirlo, non vengono utilizzati mezzi per alleviare i sintomi di allergia

I luoghi preferiti per i test cutanei sono l'avambraccio e la schiena, poiché la pelle in quest'area reagisce a vari allergeni con un alto grado di sensibilità.

Allergia al sangue

L'allergia è un disturbo piuttosto spiacevole che sia un adulto che un bambino possono affrontare. Gli allergeni possono essere cibo, medicine o famiglia.

Inoltre, possono essere di origine vegetale e animale. Un disturbo può svilupparsi dopo aver mangiato latte, agrumi, uova, frutti di mare, funghi, lievito, spezie.

Le allergie possono verificarsi dopo il contatto con animali (lana, saliva), nonché dopo inalazione di polvere o polline dalle piante. Spesso, la patologia si verifica a causa dell'uso di farmaci, in particolare antibiotici: ampicillina, amoxicillina, penicillina.

Fortunatamente, la medicina moderna ha molti modi per diagnosticare la malattia e una vasta gamma di farmaci per ridurre al minimo ed eliminare i spiacevoli sintomi della patologia. Nonostante il fatto che l'allergia sia una malattia abbastanza pronunciata e manifestazioni specifiche inerenti al complesso di questa sola patologia, tuttavia, una sintomatologia non è sufficiente per stabilire una diagnosi accurata. Quindi, ad esempio, i sintomi di una reazione allergica possono essere facilmente confusi con le manifestazioni di patologie parassitarie.

Per questo motivo, i medici prescrivono un esame del sangue generale per le allergie. Un esame del sangue per la presenza o l'assenza di un disturbo aiuta a rilevare allergeni che provocano l'insorgenza di un disturbo.

Viene determinata la presenza di immunoglobuline (IgE e IgG) a diversi gruppi di stimoli da parte di un assistente di laboratorio. Un esame del sangue generale per le allergie è uno dei metodi più informativi..

Questo metodo, rispetto ai test cutanei, presenta diversi vantaggi:

  1. È consentito effettuare il bambino, poiché non è necessario il contatto del derma con sostanze irritanti. Inoltre, la probabilità di sintomi di allergia acuta è completamente eliminata..
  2. A differenza dei test cutanei, viene eseguito un esame del sangue anche con esacerbazioni di allergie.
  3. Una singola assunzione di liquidi corporei è sufficiente per testare un gran numero di irritanti.
  4. Come risultato di un esame del sangue generale per le allergie, sono contenuti sia indicatori oggettivi che quantitativi. Per questo motivo, è possibile valutare il grado di sensibilità di ogni stimolo.

Succede che lo svolgimento di test cutanei sia controindicato, non vengono effettuati in caso di:

  • grave danno al derma;
  • allergie acute;
  • l'uso di antistaminici;
  • la probabilità di shock anafilattico o storia di anafilassi.

In tutti questi casi, viene eseguito un esame del sangue. L'esecuzione di un esame del sangue generale per le allergie è prescritta anche ai bambini piccoli e agli anziani. Prima di iniziare a prendere farmaci per un disturbo, è necessario acquisire familiarità con il meccanismo di sviluppo delle allergie. Il corpo umano ha immunoglobuline. Queste strutture proteiche sono cellule che sono attivamente coinvolte in varie reazioni del sistema immunitario..

Cioè, possono combinarsi con diversi stimoli.

Questo complesso può interessare le cellule contenenti istamina. L'istamina rilasciata, a sua volta, ha un effetto sui recettori situati in altre cellule. Poiché, molto spesso, si tratta di cellule del derma, delle mucose e del rinofaringe, ciò determina i sintomi specifici sotto forma di eruzioni cutanee, rinite, starnuti e gonfiore delle mucose. Grazie agli anticorpi, è possibile diagnosticare la natura della malattia

Durante l'esame del sangue, viene prestata particolare attenzione al livello di eosinofili e altre Ig speciali

Per renderlo più chiaro, gli eosinofili sono un tipo speciale di cellule del sistema immunitario che possono sia assorbire le cellule estranee che avere un effetto dannoso su di esse. Paradossalmente, gli eosinofili possono sia assorbire gli allergeni che rilasciarli se necessario.

Questo meccanismo non è stato completamente studiato, ma è noto che con le allergie aumenta il conteggio degli eosinofili. Una deviazione dalla norma dell'indice eosinofilo si nota non solo con le allergie, ma anche con patologie parassitarie, artrite reumatoide, lesioni del tessuto connettivo e neoplasie maligne. Decifrare i risultati di un esame del sangue può uno specialista qualificato. Prescriverà la terapia necessaria.

Preparazione prima dell'analisi

I test del siero del sangue per la determinazione degli allergeni devono essere eseguiti in diverse condizioni. La loro inosservanza porta a risultati inaffidabili. Il medico deve spiegare al paziente tutte le sfumature delle misure preparatorie.

Prima del prelievo di sangue, devono essere osservate solo alcune condizioni:

  • Il sangue dona solo nei periodi di remissione. Durante un'esacerbazione di una reazione allergica, gli anticorpi saranno ovviamente aumentati e questo distorcerà i risultati del test..
  • Un'analisi degli allergeni non viene somministrata nel corso di malattie virali, da raffreddore, respiratorie. L'esame dovrà essere rinviato in caso di esacerbazione di malattie croniche, a temperatura e in caso di avvelenamento del corpo.
  • Pochi giorni prima delle analisi e dei test, rifiutano le cure mediche, inclusi gli antistaminici. Nei casi in cui non è possibile il ritiro dei farmaci a causa del grave decorso delle malattie, il sangue viene somministrato solo dopo aver consultato un allergologo.
  • Non meno di tre giorni prima del prelievo del sangue tutti i contatti con animali domestici - uccelli, animali, pesci, cessano.
  • Cinque giorni prima della diagnosi, tutti gli alimenti con un alto grado di allergenicità dovrebbero essere esclusi dalla dieta, come miele, cioccolato, latte intero, noci, agrumi e frutta esotica, frutti di mare, verdure, bacche e frutti di colore rosso. Inoltre, in questo momento è impossibile mangiare prodotti realizzati con conservanti, esaltatori di sapidità, aromi, coloranti.
  • Il giorno prima del giorno dell'esame, è necessario ridurre l'intensità dell'attività fisica, in particolare per l'allenamento sportivo.
  • L'ultimo pasto dovrebbe essere entro e non oltre 10 ore prima delle prove.
  • Il giorno dell'esame, rinunciano al caffè e al fumo.

Il rispetto di tutte le regole ti consentirà di ottenere risultati affidabili..

Quali test devono essere eseguiti

Identificare gli allergeni nel corpo usando i seguenti metodi:

  • Esame del sangue per immunoglobuline.
  • Esame del sangue biochimico ed ematologico.
  • Test allergologici.

Nel primo caso, lo studio consiste nel determinare l'indicatore quantitativo dell'immunoglobulina nel sangue. Questi sono anticorpi che vengono prodotti dal fluido tissutale, dai linfociti e dalle mucose per neutralizzare le cellule estranee che entrano nel corpo..

Tale studio può essere di due varietà: analisi del numero totale di immunoglobuline e diagnostica per la determinazione di anticorpi specifici.

Un riferimento per l'analisi è dato ai pazienti che soffrono di allergie a prodotti alimentari, droghe, polline di piante, prodotti chimici domestici, lana e altri allergeni. Inoltre, la diagnosi deve essere eseguita con dermatite atopica, eczema, invasioni elmintiche. Tale analisi è necessaria se esiste una predisposizione genetica. Di solito, un simile studio viene condotto sui bambini dopo tre anni..

Inoltre, per diverse ore prima dello studio, dovresti smettere di fumare, evitare lo stress fisico ed evitare situazioni stressanti. Dovrebbe essere abbandonato per tre giorni prima dell'analisi del bere alcolici.

Decodifica degli esami del sangue

Nelle malattie allergiche, i parametri di un esame del sangue biochimico cambiano notevolmente. Se si verifica una reazione allergica nel corpo, tali caratteristiche possono indicare questo:

  • Eosinofili. Nel caso in cui il numero di cellule dei leucociti superi il 5 percento.
  • Globuli bianchi. Nelle allergie, il livello cellulare supera i 10 mila per millimetro di sangue.
  • Basofili. Un segno di allergia è considerato un indicatore superiore all'1 percento.
  • Acido urico. Livelli eccessivi possono indicare patologia..

Il risultato di un esame del sangue per l'immunoglobulina può essere trovato dopo 1-2 settimane. Il livello normale di immunoglobulina totale dipende dal criterio dell'età:

  • Nei neonati, da 0 a 64 mIU per ml.
  • Fino a 14 anni - fino a 150 mIU per ml.
  • Fino a 18 anni - fino a 123 Mme per 1 ml.
  • Negli adulti, da 0 a 113 mIU.
  • Dopo 60 anni - fino a 114 Mme / ml.

Un test immunoglobulinico specifico viene di solito eseguito per determinare l'allergia alimentare. Nel caso in cui l'indicatore sia inferiore a 5 mila ng per ml, viene diagnosticata un'allergia alla sostanza:

  • Reazione positiva. Superare la norma più volte.
  • Risultato negativo. Se l'indice di immunoglobulina è normale.

Metodi diagnostici aggiuntivi

Come già accennato, un altro metodo diagnostico affidabile è i test cutanei. Inoltre, tale studio ci consente di stabilire quale allergene provoca la malattia. Il vantaggio di questo metodo è anche la velocità di ottenere risultati..

Per eseguire la procedura, una soluzione allergenica viene gocciolata su un'area specifica della pelle e attendere venti minuti. In caso di assenza di reazioni, si può escludere la presenza di una malattia allergica. In una situazione in cui c'è gonfiore o iperemia della pelle più di tre millimetri, questa condizione indica una patologia.

Altri metodi diagnostici includono:

  1. Eliminazione. Un prodotto, che può essere un allergene, viene rimosso dalla dieta e la reazione viene monitorata. In caso di miglioramento, la causa era proprio questa sostanza..
  2. Test provocatorio. Consiste nell'introduzione di un piccolo numero di allergeni sotto la lingua, nel naso o nei bronchi. Successivamente, viene valutata la reazione. Tuttavia, va ricordato che questo metodo è considerato pericoloso, poiché può causare reazioni forti.

Metodi più affidabili e sicuri sono gli esami del sangue per anticorpi e test cutanei..

Test allergologici del sangue: vantaggi e svantaggi del metodo

Un esame del sangue, a differenza degli esami cutanei, può essere eseguito sia per un adulto che per un bambino. Viene spesso prescritto un test Ig specifico: un test allergico al sangue. Questa tecnica aiuta a rilevare la presenza di anticorpi specifici per stimoli tipici. Durante la procedura, il sangue viene miscelato con sostanze speciali che provocano la comparsa di una reazione allergica.

I test allergologici del sangue presentano i seguenti vantaggi rispetto ad altri metodi, inclusi i test cutanei:

  • questo metodo non ha praticamente controindicazioni;
  • contribuisce alla determinazione accurata degli stimoli.

Gli svantaggi dei test delle allergie ematiche comprendono costi elevati. Inoltre, non tutti i laboratori sono dotati degli strumenti e delle attrezzature necessari. Ma nonostante ciò, i test per l'allergia al sangue sono usati abbastanza spesso, poiché sono considerati i più informativi.

Tipi di allergeni

Oggi esiste un'enorme quantità di sostanze che, se ingerite, possono scatenare una reazione avversa del suo sistema immunitario. Nella maggior parte dei casi, sono davvero non sicuri, ma spesso non presentano alcun problema. In questo caso, sono allergeni. Esistono le seguenti classi:

  • Allergeni vegetali. Questo gruppo di sostanze è il più ampio. Comprende principalmente una varietà di polline proveniente dalla fioritura di alberi, cespugli e fiori. Questo vale per l'ambrosia, il pioppo, la mimosa, ecc..
  • Allergeni animali. Molto spesso, un'allergia in una persona si verifica sulla copertina esterna degli animali domestici: piume o lana. Inoltre, questo gruppo di allergeni comprende vari veleni e morsi di animali: zanzare, mosche, zecche, vespe, api, ecc..
  • Allergeni alimentari. I tipi più comuni di alimenti che una persona può sperimentare una reazione avversa sono noci, cioccolato, dolci, verdure, frutta, frutti di mare, ecc..
  • Allergeni farmaceutici. Anche i farmaci non sono sicuri per alcune persone, sebbene siano progettati specificamente per il trattamento. Molto spesso, le reazioni allergiche provocano vari tipi di antibiotici, sebbene altri farmaci possano farlo..
  • Allergeni domestici. Questo gruppo di allergeni è il più piccolo. Nonostante ciò, le sostanze che vi entrano sono onnipresenti. Ciò vale principalmente per la normale polvere domestica e muffe..

Il bambino è più suscettibile ai vari allergeni, tra i quali, prima di tutto, è necessario distinguere quelli alimentari. Ciò è dovuto al fatto che il loro sistema digestivo è incompleto. Un adulto può superare il suo problema con l'età..

Il punteggio allergico in un esame del sangue può dipendere direttamente da ciò che ha causato la reazione avversa del corpo.

Pertanto, con le indicazioni appropriate, è importante eseguire questo studio.

costo medio

Il prezzo per rilevare un allergene dipende da molti fattori: il volume dello studio, lo stato della clinica, i farmaci usati.

Il costo medio è:

  1. Anticorpi specifici IgE, IgG ai singoli allergeni - 400 rubli.
  2. Il pannello alimentare con la definizione di 40 allergeni - 4000-5000 rubli.
  3. Pannello di inalazione con l'identificazione di 66 allergeni - 5000-7000 rubli.

Affinché un trattamento allergico sia efficace, è necessario stabilire le ragioni del suo sviluppo

Pertanto, è così importante condurre studi diagnostici in modo tempestivo. Con il loro aiuto, puoi identificare gli allergeni e scegliere una terapia adeguata.

Visualizzazioni post:
1.650

Quali altri tipi di analisi esistono

Nella medicina internazionale, tutti i test per la rilevazione di allergeni in bambini e adulti sono convenzionalmente suddivisi in 2 categorie:

  • In vivo. Tali tecniche richiedono la presenza della persona stessa, poiché l'analisi viene effettuata per contatto.
  • In vitro Tutto ciò che serve al paziente è donare biomateriale, dopo di che il sangue viene inviato al laboratorio per ulteriori test.

La diagnosi varia anche in base al metodo:

  1. Test cutanei di scarificazione. Vengono fatti piccoli graffi sull'avambraccio, dopo di che viene applicata una sostanza contenente un allergene..
  2. Test provocatori. A causa della maggiore probabilità di shock anafilattico, questo metodo diagnostico non è prescritto per i bambini.
  3. Determinazione delle immunoglobuline. Prelievo di sangue per ulteriori test. Questa tecnica è più efficace per determinare gli allergeni alimentari..
  4. Test di eliminazione. Prescritto per sospetta asma e bronchite allergica.

Un'allergia può essere rilevata da un esame del sangue generale

Se lo studio mostra un aumento del livello di eosinofili, questo indica la presenza di una reazione allergica. Il loro numero elevato è una conseguenza della presenza di una sostanza estranea nel sangue.

Un aumento del numero di eosinofili è un segno sicuro della presenza di un'allergia, che richiede un'ulteriore diagnosi.

Molto spesso, una reazione allergica appare nei bambini di età inferiore ai 2 anni, il sintomo più comune è un'eruzione cutanea. Dai 2 ai 5 anni, le allergie sono meno comuni.

I genitori dovrebbero ricordare che se un bambino sviluppa sintomi di allergia con una certa frequenza, è necessario condurre test tempestivi e capire cosa è irritante. La diagnosi è obbligatoria perché aiuta a prevenire la comparsa di eruzioni cutanee e riduce il rischio di malattie allergiche..

Fin dal giorno del compleanno del bambino, i pediatri avvertono i genitori della possibilità di sviluppare varie reazioni allergiche sia nei neonati che nei bambini più grandi. Il risultato di un esame del sangue per le allergie è di grande aiuto informativo nel trattamento e nella prevenzione.

Computer

La diagnostica computerizzata è considerata un metodo di ricerca abbastanza nuovo e informativo..

Un modo abbastanza comune è quello di condurre un esame strumentale secondo il metodo Voll.

Tiene conto della frequenza delle vibrazioni elettriche a livello cellulare..

Utilizzando questa tecnologia, è possibile valutare i cambiamenti funzionali nel corpo e scegliere il trattamento giusto..

La società svizzera "Phadia" offre il sistema "ImmunoCap".

Include kit di test unici che aiutano a rilevare la presenza di allergie e il tipo di allergeni con una precisione di quasi il cento per cento..

Nel complesso diagnostico ci sono test per determinare la sensibilità a muffe, polvere domestica, polline.

Come controllare le allergie a tuo figlio?

Vale la pena notare che più giovane è il bambino, più difficile è identificare la causa dell'allergia. Ciò è dovuto al fatto che il sistema immunitario di un bambino piccolo non ha ancora avuto il tempo di formarsi correttamente, pertanto alcune reazioni allergiche possono essere associate a fasi temporanee dell'adattamento del corpo a nuove sostanze e possono passare da sole. Sulla base di questo, l'identificazione di un allergene in un bambino è un compito piuttosto difficile e importante che richiederà un follow-up a lungo termine..

La maggior parte degli specialisti non raccomanda ai genitori di condurre test allergenici per bambini di età inferiore ai tre anni, poiché i risultati praticamente non danno alcuna risposta. Ma puoi verificarlo indipendentemente rimuovendo il presunto allergene dal cibo (rilevante per le allergie alimentari). Successivamente, i genitori devono guardare il loro bambino e se i sintomi si alleviano o scompaiono, è necessario controllare e aggiungere l'allergene al cibo. Nel caso della ripresa del quadro clinico, possiamo concludere che l'allergene è identificato e devi solo escluderne l'uso.

L'identificazione di un allergene è una procedura difficile, che deve essere eseguita sotto la stretta supervisione di uno specialista

Per questo, il medico raccoglie informazioni sulla dieta, lo stile di vita del bambino, è anche importante considerare le condizioni di vita, la presenza di animali domestici e la stagione delle reazioni allergiche

Tutti i metodi diagnostici per identificare un allergene sono suddivisi in:

  • "In vivo" quando il bambino è presente durante il test;
  • "In vitro" quando viene assunto solo siero di sangue.

Dopo aver raccolto informazioni sulle condizioni del bambino, il medico prescrive i test precedentemente descritti nell'articolo. Possono essere effettuati da:

  1. Guasto cutaneo alla scarificazione;
  2. Test provocatori;
  3. Test di eliminazione.