Shock anafilattico. Cos'è?

Cliniche

Il sito fornisce informazioni di riferimento a solo scopo informativo. La diagnosi e il trattamento delle malattie devono essere effettuati sotto la supervisione di uno specialista. Tutti i farmaci hanno controindicazioni. È richiesta la consultazione di uno specialista!

Leggendo le annotazioni per vari farmaci, probabilmente ti sei imbattuto in un nome come shock anafilattico. Questo fenomeno non è troppo frequente (per fortuna), ma può ancora verificarsi uno shock anafilattico in chiunque sia soggetto ad allergie.
Cos'è lo shock anafilattico e da cosa può provenire?
Le risposte a queste domande che il college di medicina tiensmed.ru (www.tiensmed.ru) proverà a darti in questo articolo.

Lo shock anafilattico è la più alta manifestazione di una reazione allergica. Di norma, lo shock anafilattico si verifica quando una sostanza provocante entra nel corpo di una persona soggetta ad allergie. Inoltre, di norma, una reazione così violenta del corpo si verifica quando questa sostanza rientra nel corpo.

Quali sostanze possono scatenare shock anafilattico?

Chi ha uno shock anafilattico??

Lo shock anafilattico può accadere, sfortunatamente, per ognuno di noi, ma se non hai mai sofferto di allergie, allora la tua possibilità è minima. Inoltre, le donne adulte sono più inclini a questa condizione. Nei bambini, lo shock anafilattico è un evento piuttosto raro. Se sei allergico ai farmaci, fai attenzione. In media, il quindici percento di queste allergie ai farmaci è fatale.

Quando si sviluppa lo shock anafilattico?

Lo shock anafilattico può svilupparsi anche quando si esegue un test allergologico. Ogni persona che soffre di allergie almeno una volta ha effettuato tale test, quando vengono fatti piccoli graffi sulla pelle e vengono applicati allergeni a loro. Quindi, se questo test viene eseguito utilizzando gli allergeni stessi, può provocare lo sviluppo di shock anafilattico.

Cosa succede durante lo shock anafilattico nel corpo?

Nel corpo si osserva un rilascio di istamina. Sotto l'influenza dell'istamina, la circolazione sanguigna peggiora immediatamente. Di conseguenza, il corpo del paziente diventa più freddo, pallido. Le mucose e le labbra diventano blu. La circolazione sanguigna del sistema nervoso centrale è interrotta, il che significa che la maggior parte dei processi nel corpo sono interrotti.

Come si verifica lo shock anafilattico??

Con moderata gravità, le condizioni del paziente peggiorano in modo significativo, il cuore fa male, suda abbondantemente, si indebolisce negli occhi, le mucose della bocca si infiammano e gli arti possono tremare. A volte vengono aggiunti disturbi digestivi e minzione spontanea..
La forma più complessa di shock anafilattico si sviluppa molto rapidamente. Una persona diventa pallida e sviene, la pressione diminuisce, la respirazione si ferma.

In persone diverse, il corso dello shock anafilattico è molto diverso..
Alcuni possono soffrire di più dalla pelle. In questo caso, il paziente si lamenta di prurito, eruzioni cutanee, gonfiore e arrossamento. In altri, lo shock anafilattico colpisce il cervello. Questo immediato mal di testa, vomito, contrazione muscolare, incontinenza urinaria e fecale, svenimento.

Lo shock anafilattico può influenzare principalmente il lavoro del cuore. Questa condizione comporta un infarto del miocardio..

Al fine di evitare shock anafilattici quando si usano droghe, nonché integratori alimentari (integratori alimentari), fare attenzione e leggere le istruzioni per l'uso.

Autore: Pashkov M.K. Coordinatore del progetto di contenuto.

Shock anafilattico

Informazione Generale

Lo shock anafilattico è di solito una reazione allergica sistemica acuta, caratterizzata da un rapido sviluppo con segni di soffocamento e una forte diminuzione della pressione. L'insufficienza cardiovascolare e respiratoria grave è pericolosa per la vita.

La causa dello shock anafilattico è dovuta al contatto ripetuto con l'allergene. Lo sviluppo della reazione dipende dalla sensibilità del corpo. Quindi, in alcuni casi, la reazione si verifica entro due minuti dal contatto, ma può svilupparsi entro poche ore. Molto spesso, lo shock anafilattico si verifica con un'allergia alle punture di insetti, durante l'assunzione di alimenti proteici o la somministrazione di farmaci che hanno precedentemente avuto reazioni allergiche.

Differenze di shock anafilattico da reazioni allergiche simili, la sua natura sistemica, cioè il coinvolgimento di diversi organi e la gravità della malattia. Senza assistenza tempestiva, tali reazioni si concludono fatalmente. Lo shock anafilattico come complicazione dell'allergia ai farmaci si verifica su antibiotici, anestetici, farmaci antinfiammatori non steroidei, vaccini, agenti radiopachi. La malattia può manifestarsi anche quando si testano questi farmaci per una reazione..

Sintomi di shock anafilattico

Di solito, lo shock anafilattico è caratterizzato dal fatto che i suoi sintomi compaiono alternativamente. Di norma, i primi sintomi visivi sono prurito e orticaria, anche se in alcuni casi l'orticaria può essere assente. Poi c'è mal di gola, rauco respiro "asmatico" e tosse, a causa del rapido sviluppo di bronco e laringospasmo, è possibile lo sviluppo e la progressione dell'edema di Quincke. Inoltre, la pressione sanguigna scende bruscamente e improvvisamente.

Molto spesso, tali sintomi generali di shock anafilattico compaiono come sensazione di calore, acufene, mancanza di respiro, dolore alla testa e alla cavità toracica. Durante la reazione, la persona è agitata, irrequieta, ma in rari casi può anche essere letargica, depressa. Vale la pena notare che, a seconda di come procede lo sviluppo di questa condizione patologica, il paziente può sperimentare crampi muscolari.

Cure di emergenza per shock anafilattico

La prima cosa da fare, in considerazione della possibilità, è di interrompere urgentemente l'assunzione di allergeni nel corpo. Ad esempio, se si sviluppa un'allergia a causa di una puntura di insetto, in questo caso sarebbe consigliabile applicare un laccio emostatico appena sopra il sito del morso di 1-2 cm e applicare ghiaccio sul sito di entrata della puntura di insetto. Ciò interrompe in modo significativo il flusso di allergene nel flusso sanguigno generale e rallenta il processo di sviluppo di shock anafilattico. Una squadra di ambulanze viene chiamata con urgenza e, nel frattempo, il paziente si sistema in posizione sulla schiena e viene rilasciato dalla pressione e dalla compressione dei vestiti (cravatta, colletti), fornendo così l'accesso all'ossigeno. Se il vomito è possibile, la testa del paziente deve essere girata su un lato per impedire l'aspirazione dovuta alla retrazione della lingua o al vomito..

Trattamento shock anafilattico

Il trattamento dello shock anafilattico, proprio come altre condizioni allergiche, è sintomatico. Da 0,2 ml a 0,5 ml di epinefrina allo 0,1% sotto forma di cloridrato (soluzione di adrenalina) viene somministrato per via parenterale al paziente, cioè per via sottocutanea e soprattutto. Questo è il primo trattamento di emergenza per shock anafilattico, quindi le persone che sono inclini alle allergie dovrebbero avere questo medicinale con sé. Se necessario, puoi ripetere le iniezioni di adrenalina, ma assicurati di controllare la frequenza cardiaca e la respirazione.

A seguito del suddetto farmaco, vengono somministrati glucocorticoidi, ad esempio prednisolone in un dosaggio di 150 mg. Inoltre, l'uso di antistaminici, cioè quelli che riducono la reazione allergica, sarà un'azione necessaria in un processo come un trattamento adeguato per lo shock anafilattico. L'elenco di questi farmaci comprende difenidramina, suprastina, tavegil e altri antistaminici di questa serie. Quando soffoca, il paziente utilizza l'ossigenazione totale con un cuscino di ossigeno, seguito da una lenta iniezione endovenosa di soluzione acquosa di aminofillina al 2,4%, in un dosaggio da 10 a 20 ml per alleviare i sintomi di carenza di ossigeno.

Shock anafilattico: cosa fare prima dell'arrivo dell'ambulanza?

L'anafilassi è una delle reazioni allergiche più difficili che possono portare a gravi conseguenze. I medici hanno detto cosa fare con lo shock anafilattico.

È noto che si verifica una reazione allergica quando un allergene entra nel corpo umano. Il sistema immunitario inizia a rispondere a una sostanza estranea, secernendo immunoglobuline. La sensibilità del corpo aumenta più volte, il che aumenta la probabilità di contrarre un virus o un'infezione..

Con la ripetuta interazione dell'allergene con cellule già familiari del sistema immunitario, i mediatori vengono rilasciati. Causano un processo infiammatorio. Una persona può manifestare sintomi come prurito e gonfiore..

Una condizione allergica tende a svilupparsi. Il numero di mediatori aumenta e il sistema immunitario reagisce agli allergeni, interrompendo il funzionamento degli organi. In questo caso, anche la morte è possibile..

Tutte le sostanze possono essere allergeni. Molto spesso si trovano in droghe, ad esempio antibiotici. I medicinali contenenti miorilassanti e anestetici sono anche inclusi nel gruppo di farmaci con allergeni. Sostanze estranee possono anche essere trovate nei vaccini..

I medici affermano che parte degli allergeni si trova nei prodotti a base di carne. Studi clinici dimostrano che la carne può contenere antibiotici e miorilassanti. Gli alimenti contenenti allergeni comprendono tutte le piante di agrumi, gli additivi alimentari, i frutti di mare e i legumi..

La fonte della comparsa di un allergene sono anche le punture di insetti, in particolare le punture di api.

Gli allergeni possono verificarsi durante una maggiore attività pollinica. È anche dimostrato che lo shock anafilattico si sviluppa quando si combina l'allenamento sportivo con integratori alimentari o l'uso di droghe.

Segni di shock anafilattico

I primi sintomi di una condizione allergica si verificano entro pochi minuti. Il periodo massimo per il rilevamento dei primi segni è di un'ora. Molto spesso, i sintomi compaiono quasi all'istante, quindi è necessario rispondere rapidamente, questo:

gonfiore del viso e degli arti;

Successivamente, si verificano sintomi secondari: vertigini e difficoltà respiratorie. La pressione aumenta all'istante. L'anafilassi spesso interrompe il tratto respiratorio, il tratto gastrointestinale, il cervello e il sistema cardiovascolare. In casi speciali, è possibile un malfunzionamento di diversi organi.

Regole per l'assistenza con l'anafilassi

I medici raccomandano quanto segue quando entra un allergene:

1. Smettere di mangiare o assumere farmaci che hanno causato una condizione allergica.

2. Chiamare il servizio di ambulanza.

3. Sdraiati sulla schiena e solleva le gambe sopra la testa.

4. Girare la testa di lato per evitare gli effetti negativi del riflesso del vomito..

5. Assicurarsi che ci sia abbastanza aria nella stanza..

7. Controlla il tuo battito cardiaco.

Se una persona smette di respirare a causa di un aumento del gonfiore, è necessario eseguire un massaggio cardiaco indiretto. Una buona soluzione sarebbe quella di iniettare adrenalina, che può essere applicata a qualsiasi parte del corpo.

Incorporare "Pravda.Ru" nel flusso di informazioni se si desidera ricevere commenti operativi e notizie:

Aggiungi Pravda.Ru alle tue fonti in Yandex.News o News.Google

Saremo anche felici di vederti nelle nostre community su VKontakte, Facebook, Twitter, Odnoklassniki.

Cosa fare con lo shock anafilattico: pronto soccorso per le allergie

Quali sono i sintomi dello shock anafilattico e cosa fare quando si verifica questo evento potenzialmente fatale?

Indaghiamo i motivi e i termini in cui è possibile intervenire per la diagnosi e il trattamento per evitare rischi.

Che cos'è lo shock anafilattico?

Lo shock anafilattico è una reazione allergica molto intensa che si sviluppa in un soggetto dopo il contatto con un allergene. Le reazioni di ipersensibilità causate da contatto, ingestione, somministrazione o inalazione di un allergene determinano la comparsa di gravi sintomi allergici.

Lo shock anafilattico si verifica in 4-5 casi per 100.000 persone e il suo tasso di mortalità è di circa lo 0,0006%.

Come si verifica questa reazione allergica??

Meccanismo di shock anafilattico

Lo shock anafilattico è una reazione allergica molto forte..

Il meccanismo per lo sviluppo di una reazione di ipersensibilità può essere di due tipi:

  • immunologica: in cui sono coinvolte immunoglobuline di classe IgE che legano l'allergene e attivano i mastociti e i basofili per formare le sostanze responsabili dei sintomi.
  • Non-immunologico: questo meccanismo di attivazione dei mastociti non è associato ad anticorpi, ma è direttamente attivato da determinate sostanze o determinate condizioni (ad es. temperatura o vibrazioni) che causano il rilascio di sostanze che innescano una reazione di ipersensibilità.

Il grado di shock anafilattico

Lo shock anafilattico può essere suddiviso in più fasi, a seconda della gravità dei sintomi e delle manifestazioni..

Si distinguono quattro gradi di shock anafilattico:

  • 1 grado: il grado più lieve di anafilassi, che si manifesta con sintomi solo a livello della pelle (ad esempio prurito o arrossamento).
  • 2 gradi: lieve anafilassi, in cui, oltre ai sintomi della pelle, si osservano anche disturbi gastrointestinali come nausea, sintomi cardiovascolari come un aumento della frequenza cardiaca e sintomi respiratori come lieve respiro corto.
  • 3 gradi: reazione anafilattica moderatamente grave con sintomi gastrointestinali, aumento dei sintomi respiratori (broncospasmo ed edema laringeo) e disturbi cardiovascolari, che si manifestano in uno stato di shock.
  • 4 gradi: la forma più grave di anafilassi che provoca arresto respiratorio e arresto cardiaco.

Nei bambini si distinguono interi gradi di shock anafilattico con varie caratteristiche:

  • 1 grado: caratterizzato da lievi sintomi riguardanti la pelle, come il prurito e il tratto gastrointestinale, come gonfiore e arrossamento della bocca e delle labbra..
  • 2 gradi: lieve anafilassi, che presenta la stessa pelle e sintomi gastrointestinali di 1 grado, a cui si aggiungono lievi sintomi respiratori, quali starnuti o congestione nasale.
  • 3 gradi: qui stiamo parlando di anafilassi moderata, esacerbazione di disturbi gastrointestinali, malattie respiratorie e sintomi cardiovascolari, come palpitazioni cardiache, si aggiungono ai sintomi delle fasi precedenti. In questa fase, puoi anche osservare i cambiamenti nel comportamento del bambino.
  • 4 gradi: grave anafilassi con aumento dei sintomi descritti per il grado 3, con l'aggiunta di difficoltà respiratorie e una sensazione di confusione.
  • 5 gradi: è la forma più pericolosa di reazione anafilattica nei bambini, accompagnata da arresto cardiaco, grave ipotensione arteriosa, arresto respiratorio e perdita di coscienza.

Possibili cause di shock anafilattico

Le cause dello shock anafilattico sono molto soggettive, in quanto dipendono dalla sensibilità innata del soggetto in relazione a una certa entità.

Tra le principali cause di shock anafilattico ci sono tutti i cibi e le medicine. Il cibo è una delle principali cause di allergie e quindi può causare shock anafilattico..

Tra gli alimenti che causano più spesso una reazione anafilattica, dovresti indicare:

  • Alcuni tipi di frutta secca come noci, nocciole e arachidi.
  • Alcuni tipi di frutta, come kiwi e fragole, e alcuni tipi di verdure, come pomodori e funghi.
  • Alcuni tipi di pesce, come salmone e merluzzo, crostacei, gamberi e altri frutti di mare.
  • Altri prodotti, come cereali (più specificamente, glutine), uova, cioccolato, latte, riso, sesamo e legumi.

In Asia, in particolare, riso e piselli sono una delle principali cause di shock anafilattico, mentre in Medio Oriente il sesamo è molto responsabile, e nei paesi occidentali latte e uova.

Un'altra causa importante di shock anafilattico sono i farmaci (per via orale o per iniezione).

Tra i farmaci che possono causare shock anafilattico, abbiamo:

  • Farmaci per somministrazione orale: aspirina, FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei), cortisone, antibiotici, in particolare quelli appartenenti alla classe degli antibiotici beta-lattamici, come la penicillina e alcune vitamine, come la vitamina B12.
  • Medicina iniettabile: vaccini, agenti di contrasto, anestetici locali, oppioidi, miorilassanti, insulina, alcuni agenti chemioterapici.

Cause rare di anafilassi

Sebbene droghe, veleni e cibo siano le principali cause di shock anafilattico, ci sono altre sostanze che possono portare a questa grave reazione allergica:

  • Punture di insetti: in particolare api, vespe, calabroni e, più raramente, zanzare, honeyduz.
  • Lattice e suoi derivati.
  • Additivi chimici: presenti in alimenti, tinture per capelli o inchiostri per tatuaggi.
  • Metalli come il nichel.
  • Esercizio: in questo caso, parlano di anafilassi da esercizio o stress.
  • Motivi sconosciuti: in questo caso parleremo di anafilassi idiopatica.

Queste cause di shock anafilattico sono molto rare rispetto alle precedenti, e tra queste la più comune è una puntura d'insetto, che è l'anafilassi nello 0,8-4% dei casi.

Sintomi di shock anafilattico

Riconoscere i sintomi è fondamentale per intraprendere le giuste azioni che possono salvare la vita di una persona colpita da shock anafilattico. Dovresti sapere che questa manifestazione allergica riguarda diversi sistemi nel corpo umano e in ognuno di essi c'è un problema piuttosto specifico.

In particolare, possono comparire i seguenti sintomi:

  • Pelle: Si possono osservare orticaria sulla pelle, arrossamento diffuso, prurito generalizzato o localizzato, in particolare su braccia e gambe, bruciore e gonfiore a livello delle labbra. Nei casi più gravi, può comparire cianosi cutanea: la pelle acquisisce un colore bluastro a causa della mancanza di ossigeno, a causa del broncospasmo.
  • Cardiovascolare: a livello del cuore, i sintomi si verificano a causa della vasodilatazione causata dal rilascio di mediatori di shock anafilattici. Il solito aumento osservato della frequenza cardiaca e diminuzione della pressione. Se lo shock è molto forte, può apparire la bradicardia, cioè una diminuzione della frequenza cardiaca, che può svilupparsi in un infarto.
  • respiratorio: il sistema respiratorio è coinvolto nella reazione anafilattica, in quanto vi è una riduzione della muscolatura liscia dei bronchi, cioè il broncospasmo. Inoltre, possono comparire angioedema, gonfiore dell'epiglottide e della lingua, che porta all'ostruzione delle vie aeree - di conseguenza, mancanza di respiro e mancanza di ossigeno. Nei casi più gravi, lo shock può causare arresto respiratorio.
  • gastrointestinale: Sintomi lievi, come dolore addominale e nausea, o più gravi, come vomito ripetuto e diarrea, possono comparire a livello del tratto gastrointestinale.
  • Altri sintomi: sudorazione, intenso raffreddamento della pelle, sensazione di confusione e, nei casi più gravi, può verificarsi un coma. A volte, se la vasodilatazione include vasi cerebrali, può verificarsi un lieve mal di testa..

Il tempo dopo il quale compaiono i sintomi è variabile, ma di norma varia da 5 minuti a mezz'ora se l'esposizione all'allergene si verifica per via endovenosa e dopo circa due ore se l'esposizione all'allergene si verifica per via orale. Alcune condizioni, come il sole o una certa temperatura, sono talvolta favorevoli all'insorgenza dei sintomi..

Rischi di reazione anafilattica

Lo shock anafilattico può verificarsi in forma lieve, coinvolgendo solo la pelle o il tratto respiratorio e senza gravi complicazioni.

Tuttavia, nel caso di una reazione allergica molto grave, compaiono rischi significativi, come:

  • Fame di ossigeno nei tessuti e nel cervello: a causa della chiusura del tratto respiratorio, che interferisce con la normale respirazione.
  • Perdita di coscienza e insorgenza del coma: a causa di una diminuzione della quantità di ossigeno che entra nei tessuti.
  • Cianosi: cioè l'accumulo di anidride carbonica nel sangue, con conseguente riduzione dell'ossigenazione dei tessuti.
  • Arresto respiratorio: seguito da arresto cardiaco.
  • La morte del soggetto.

Diagnosi e prognosi di shock anafilattico

Lo shock anafilattico viene di solito diagnosticato dopo che l'oggetto è stato stabilizzato e non è in pericolo di vita..

La diagnostica prevede i seguenti passaggi:

  • Anamnesi e interviste ai pazienti: quando il paziente è in grado di comunicare, il medico pone alcune domande per capire se i sintomi sono comparsi per la prima volta, se ci sono state allergie in famiglia. Inoltre, il medico proverà a ricostruire l'immagine dell'evento per trovare l'allergene responsabile dello shock anafilattico..
  • Test di laboratorio: eseguito per fare una diagnosi differenziale e per capire se si trattava di una reazione di anafilassi o se i sintomi hanno una causa diversa. In caso di anafilassi, possono verificarsi alterazioni di ematocrito, leucopenia e trombocitopenia, iperkaliemia associata a iponatriemia, aumento dell'azotemia e della creatinina, può verificarsi acidosi metabolica.
  • Test allergologico: eseguito per rilevare eventuali IgE presenti nel sangue e per confermare la natura allergica dello shock anafilattico.

La prognosi dipende dalla rapidità con cui è stato eseguito l'intervento e dalla gravità dello stato di shock. Se agisci in modo tempestivo, la prognosi è sempre buona e in assenza di aiuto o shock molto grave, è possibile la morte per asfissia o arresto cardiaco.

Terapia allergica

Una volta che il paziente si è stabilizzato e la sua vita è in pericolo, dovrebbe essere prescritta una terapia a lungo termine per prevenire la ricaduta..

Tale terapia prevede l'introduzione di alcuni farmaci, come:

  • Antistaminici: farmaci usati per ridurre o inibire il rilascio di istamina e quindi alleviare i sintomi, in particolare la pressione delle vie aeree. Tra questi, notiamo la prometazina, assunta per via orale, intramuscolare o endovenosa, a seconda del caso, ranitidina e difenidramina per somministrazione endovenosa.
  • Antagonisti della beta-2: usati per trattare il broncospasmo sotto forma di inalazione. Tra questi abbiamo il salbutamolo e l'albuterolo.
  • Corticosteroidi: come gli antistaminici, questi farmaci migliorano il quadro del carico infiammatorio delle vie aeree. Alcuni, come il metilprednisolone, vengono somministrati per via endovenosa; altri, come il prednisolone, vengono somministrati per via orale.

Lo shock anafilattico può essere prevenuto?

Prevenzione dello shock anafilattico

In termini di shock anafilattico, la prevenzione secondaria è importante, cioè nell'attuazione di misure per prevenire un secondo attacco.

Le seguenti misure preventive sono più efficaci:

  • Indossa un braccialetto che informerà gli altri del motivo della tua condizione e che porta costantemente una maniglia contenente adrenalina.
  • Se sei allergico alle punture di insetti, dovresti evitare di viaggiare in luoghi aperti dove ci sono piante e fiori, o indossare scarpe e vestiti chiusi in tali luoghi.
  • Se sei allergico al veleno degli insetti, puoi eseguire la desensibilizzazione. Questo metodo "abitua" il corpo all'azione del veleno e rende il sistema immunitario meno sensibile a questo veleno, è efficace nell'80-90% dei casi.
  • Se sei allergico a determinati alimenti, fai sempre domande quando mangi a una festa. Allo stesso modo, dovresti leggere le etichette per capire l'esatta composizione del cibo..

Cosa fare in caso di shock anafilattico

L'intervento tempestivo è spesso l'unico modo per salvare una persona colpita da shock anafilattico..

Di norma, il trattamento immediato prevede l'introduzione dell'adrenalina:

  • per via intramuscolare: usando una penna contenente adrenalina. Esistono due diversi tipi di penne con adrenalina, per gli adulti che contengono una dose (circa 0,3-0,5 ml) per le persone che pesano più di 25 kg di peso e per i bambini che contengono una dose (circa 0,01 ml / kg) per persone di peso compreso tra 10 e 25 kg. Gli effetti collaterali sono praticamente assenti, tuttavia a volte c'è un leggero mal di testa o ansia.
  • Per via endovenosa: terapia utilizzata per casi più gravi e solo in ospedale, che prevede la somministrazione continua di 2-10 mcg / min di adrenalina. In questo caso, possono verificarsi gravi effetti collaterali come l'aritmia..

È anche importante sapere cosa fare e cosa non dovrebbe essere fatto se qualcuno del tuo ambiente ha sviluppato un attacco di shock anafilattico:

  • La prima cosa da fare è chiamare immediatamente un'ambulanza (112) e cercare una maniglia per l'iniezione di adrenalina negli effetti personali del paziente.
  • Il paziente è supino e le gambe sollevate per stimolare il flusso di sangue al cuore e al cervello.
  • Se lo shock è stato causato da una puntura di insetto, non rimuovere la puntura con le mani o le pinzette. Si consiglia invece di rimuoverlo con una carta di plastica, con un leggero movimento di raschiatura nella direzione della puntura.
  • Non dare cibo o bevande, in quanto potrebbero ostruire le vie respiratorie..
  • Se possibile, controlla il polso, la pressione sanguigna e il ritmo respiratorio fino all'arrivo dell'aiuto..

Shock anafilattico. Sintomi, cause, cure di emergenza e trattamento

Buona giornata, cari lettori!

Nell'articolo di oggi considereremo con te uno dei tipi più pericolosi di reazioni allergiche per la vita di una persona, come lo shock anafilattico, nonché i suoi sintomi, cause, tipi, algoritmo per le cure di emergenza, il trattamento e la prevenzione dello shock anafilattico.

Che cos'è lo shock anafilattico??

Lo shock anafilattico (anafilassi) è una reazione allergica acuta, in rapido sviluppo e mortale del corpo a un allergene.

Lo shock anafilattico è una reazione allergica di tipo immediato, molto spesso manifestata quando l'allergene rientra nel corpo. Lo sviluppo dell'anafilassi è così rapido (da alcuni secondi a 5 ore dall'inizio del contatto con l'allergene) che con un algoritmo di assistenza di emergenza errato, la morte può avvenire letteralmente entro 1 ora!

Come abbiamo già notato, lo shock anafilattico, infatti, è una risposta di una reazione estremamente forte (iperergica) del corpo all'ingestione di una sostanza estranea in esso. Al contatto dell'allergene con anticorpi che hanno la funzione di proteggere il corpo, vengono prodotte sostanze speciali: bradichinina, istamina e serotonina, che contribuiscono a interrompere la circolazione sanguigna, disturbi dei sistemi muscolare, respiratorio, digestivo e di altri corpi. A causa di una violazione del normale flusso sanguigno, gli organi in tutto il corpo mancano della nutrizione necessaria - si verifica ossigeno, glucosio, nutrienti, fame, tra cui cervello. In questo caso, la pressione sanguigna si abbassa, compaiono vertigini, può verificarsi perdita di coscienza.

Naturalmente, le manifestazioni di cui sopra non sono una normale reazione del corpo ad un allergene. Ciò che si osserva con l'anafilassi indica un malfunzionamento del sistema immunitario, quindi, dopo le cure di emergenza per lo shock anafilattico, la terapia mira anche a normalizzare il funzionamento del sistema immunitario.

Secondo le statistiche, l'anafilassi è fatale nel 10-20% dei casi, se la sua causa era l'introduzione di un farmaco (allergia ai farmaci). Inoltre, di anno in anno, il numero di manifestazioni di shock anafilattico è in aumento. Ciò è dovuto, innanzitutto, al deterioramento dello stato di salute generale di un gran numero di persone, alla bassa qualità dei moderni prodotti alimentari e all'uso frivolo di medicinali senza consulenza medica. Gli extra notano anche che la manifestazione dell'anafilassi è più evidente nelle donne e nei giovani.

Per la prima volta, il termine "shock anafilattico" è apparso nel mondo scientifico all'inizio del XX secolo, quando è stato introdotto in uso da 2 persone: Alexander Bezredka e Charles Richet.

Shock anafilattico. ICD

ICD-10: T78.2, T78.0, T80.5, T88.6;
ICD-9: 995.0.

Cause di shock anafilattico

La causa dello shock anafilattico può essere un numero incredibile di diversi allergeni, quindi notiamo il più comune di essi:

Morsi di insetto

Di anno in anno c'è un numero crescente di morsi da parte di insetti umani. Di conseguenza, la percentuale non solo di anafilassi, ma anche di decessi, sta crescendo. Molto spesso mordono una persona: vespe, api, calabroni. Inoltre, il morso simultaneo di diversi insetti nella maggior parte dei casi provoca lo sviluppo di shock anafilattico. Inoltre, è stato notato se una persona è stata morsa da una vespa e tutto è stato passato, ad es. oltre all'edema locale, non è successo nulla, quindi il prossimo morso è accompagnato da manifestazioni più forti, anche se questa prossima volta sarà tra un anno o due. Ti consiglio di leggere, cari lettori, un articolo: cosa fare se vieni morso da una vespa, un'ape o un calabrone.

Morsi di animali

Lo sviluppo di shock anafilattico può anche provocare morsi di vari animali, ad esempio serpenti, ragni, vari millepiedi, rane esotiche, ecc. In effetti, la reazione può causare qualsiasi rappresentante del regno animale, rilasciando veleno quando viene morso da una vittima. Sarà molto utile leggere un articolo: cosa fare se sei stato morso da un serpente.

Cibo

A causa del fatto che il corpo, a causa di vari prodotti OGM, non riceve la quantità necessaria di vitamine e minerali, così come la sostituzione del cibo normale da parte di molte persone - fast food e altri prodotti alimentari dannosi, molte persone sperimentano vari disturbi nel corpo. Inoltre, le allergie a vari prodotti sono sempre più osservate, mentre circa il 30% delle persone allergiche sono inclini all'anafilassi.

Gli alimenti ad alto contenuto allergenico includono:

  • noci e loro derivati ​​- arachidi e burro di arachidi, mandorle, nocciole, noci, ecc.;
  • frutti di mare - crostacei, granchi, alcuni tipi di pesce;
  • latticini, uova;
  • bacche e frutti - agrumi, fragole, uva, banane, ananas, melograni, lamponi, albicocche, mango;
  • altri prodotti: pomodori, cioccolato, piselli, miele.

Preparazioni mediche

A causa del rapido sviluppo dei mass media (mass media), molte persone, senza consultare un medico, spesso usano irragionevolmente determinati farmaci che non solo possono curare, ma anche peggiorare significativamente la salute di una persona. È necessario comprendere che alcuni farmaci sono prescritti solo in combinazione con altri farmaci, ma il medico di solito prescrive tutti i dettagli sulla base dell'esame e di una diagnosi approfondita del paziente.

Considera i farmaci che comportano il pericolo di sviluppare l'anafilassi:

Gli antibiotici, in particolare la penicillina (ampicillina, bicillina, penicillina) e tetraciclina, sulfamidici, levomicetina, streptomicina, ecc. Le statistiche sui casi di anafilassi sono comprese tra 1 e 5000.

Farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) - Aspirina, Ketoprofene, Paracetamolo, ecc. Le statistiche dei casi di anafilassi sono 1 su 1500.

Inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina (ACE) utilizzato nel trattamento dell'ipertensione - Captopril, Enalopril, ecc. Le statistiche dei casi di anafilassi sono 1 su 3000.

Anestetici utilizzati in vari interventi chirurgici - "Ketamina", "Propofol", "Thiopental", "Halotan", "Sevovluran" e altri. Le statistiche dei casi di sviluppo dell'anafilassi sono 1 su 10.000.

Altri medicinali: vaccini, sieri.

Agenti di contrasto

Gli agenti di contrasto vengono somministrati per via endovenosa al corpo umano per condurre una serie di studi sulla salute radiologica: tomografia computerizzata (TC), angiografia e fluoroscopia. Le sostanze contrastanti evidenziano letteralmente vari organi per una diagnosi più dettagliata. La statistica dei casi di anafilassi è 1 su 10.000.

Altri motivi

Altre cause di anafilassi possono anche essere notate: prodotti chimici domestici (contatto diretto e inalazione di vapori), peli di animali, inalazione di vapori (profumi, deodoranti, vernici, vernici, polvere domestica), cosmetici (tinture per capelli, mascara, rossetto, polvere), Vitamina B1 (tiamina), materiali artificiali (lattice), ecc..

Sintomi di shock anafilattico

Segni di shock anafilattico possono verificarsi entro pochi secondi dall'esposizione a un allergene.

I primi sintomi di shock anafilattico:

  • debolezza generale;
  • vertigini, coscienza offuscata;
  • sensazione di calore nel corpo;
  • spasmi
  • calo della pressione sanguigna;
  • cardiopalmus;
  • minzione involontaria, defecazione;
  • paura intensa, panico;
  • mal di testa;
  • dolore al petto;
  • iperemia, nonché sbiancamento della pelle;
  • aumento della sudorazione.

Tra gli altri sintomi di shock anafilattico, ci sono:

  • cambiamenti nella pelle - iperemia, orticaria, forte prurito, edema di Quincke;
  • disturbi del sistema respiratorio - mancanza di respiro, soffocamento, gonfiore delle mucose del sistema respiratorio e crampi nel tratto respiratorio superiore, sensazione di un nodo alla gola;
  • gonfiore della parte anteriore - occhi, labbra, lingua;
  • pupille dilatate;
  • orecchie chiuse
  • violazione della funzione del gusto;
  • nausea;
  • maggiore sensibilità tattile;
  • dita e dita blu;
  • miocardite, infarto del miocardio.

Tipi di shock anafilattico

Lo shock anafilattico è classificato come segue:

Con il flusso:

  • Flusso facile;
  • Corso moderato;
  • Corso severo.

Per manifestazioni cliniche:

Un'opzione tipica. Sintomi generali.

Opzione emodinamica. L'anafilassi è accompagnata da anomalie nel lavoro del sistema prevalentemente cardiovascolare: dolore cardiaco, calo della pressione sanguigna, ritmo cardiaco irregolare, flusso sanguigno alterato. La variante emodinamica dell'anafilassi ha 4 gradi di gravità.

Opzione asfissica. L'anafilassi è accompagnata da anomalie nel lavoro del sistema respiratorio prevalentemente - disturbi respiratori, gonfiore delle vie respiratorie (gola, bronchi, polmoni), mancanza di respiro.

Variante cerebrale. L'anafilassi è accompagnata da disturbi del lavoro del sistema nervoso centrale (SNC): paure, edema cerebrale, vertigini, convulsioni, perdita di coscienza, arresto cardiaco e respiratorio.

Variante addominale. Le violazioni si verificano principalmente nella regione addominale: dolore addominale, nausea, vomito, minzione e defecazione spontanee, gonfiore del tratto digestivo.

Per natura del corso

  • Malignità acuta
  • benigno
  • Zyatyazhnoe
  • Ricorrente
  • abortivo.

Diagnosi di shock anafilattico

La diagnosi di shock anafilattico, di regola, viene stabilita in base al quadro clinico. Una diagnosi completa viene effettuata dopo il primo aiuto medico, come letteralmente ogni secondo conta. Naturalmente, se inizia una reazione allergica, è consigliabile informare il medico, dopo di che si è manifestato, nonché quanto tempo è trascorso dopo il contatto con l'allergene.

Dopo le cure di emergenza, una diagnosi dettagliata del paziente include i seguenti studi:

  • storia allergica;
  • test cutanei e applicativi (patch test);
  • esame del sangue per immunoglobulina totale (IgE);
  • test provocatori.

Lo scopo dello studio è determinare l'agente causale di una reazione allergica..

Cure di emergenza per shock anafilattico

L'algoritmo di azione per lo shock anafilattico comprende i seguenti punti di primo soccorso (primo soccorso):

1. Interrompere immediatamente il contatto con l'allergene.

2. Posa la vittima, se possibile, in modo che la sua testa sia al di sotto del livello delle gambe, per questo puoi mettere qualcosa sotto i tuoi piedi. Girare la testa su un lato in modo che in caso di vomito, la persona non soffoca il vomito. Se una persona ha una mascella falsa, rimuovila.

3. Rimuovere gli indumenti attillati dalla persona, fornire libero accesso all'aria.

4. Se una sostanza allergica è stata introdotta nell'arto, applicare un laccio emostatico sopra il sito di iniezione (per 25 minuti), che impedirà all'antigene di diffondersi rapidamente in tutto il corpo.

5. Se la pressione sanguigna non scende, somministrare alla vittima un drink di antistaminico: Suprastin, Tavegil. Se possibile, inseriscili per via intramuscolare, che accelereranno la loro azione.

6. Nel frenulo della lingua (per via sublinguale) o intramuscolare, inserire una soluzione allo 0,1% di adrenalina. La dose per gli adulti è 0,3-0,5 ml, per i bambini - 0,05-0,1 ml / anno di vita. Per somministrare adrenalina per via endovenosa, deve essere diluito con soluzione salina, in un rapporto di 1:10, per ottenere una soluzione di adrenalina dello 0,01%.

7. Il sito di iniezione viene anche punzecchiato con una soluzione di adrenalina, in dosi per adulti - 0,3-0,5 ml, bambini - 0,1 ml / anno di vita, diluito con 4,5 ml di soluzione salina.

8. Se conosci il luogo in cui è arrivato l'allergene (il posto di una puntura d'insetto, iniezione, ecc.), Attacca lì qualcosa di freddo. Un'ottima opzione sarebbe il ghiaccio o una bottiglia d'acqua refrigerata. Ciò rallenterà l'assorbimento da parte del corpo della sostanza allergica..

9. Chiama immediatamente un medico. Sarebbe bello se qualcuno chiama un medico all'inizio, durante le cure di emergenza.

Importante! Quando si fornisce il primo soccorso per shock anafilattico, non dimenticare di controllare la pressione sanguigna.

10. All'inizio dell'arresto cardiaco, eseguire la ventilazione artificiale e il massaggio cardiaco indiretto.

Pronto soccorso per shock anafilattico

Le seguenti misure sono prese se la condizione della vittima non migliora, ma piuttosto peggiora.

1. Continuare a somministrare per via intramuscolare ed endovenosa una soluzione di adrenalina, in dosi per adulti - 0,3-0,5 ml, per bambini - 0,05-0,1 ml / anno di vita. La frequenza delle iniezioni è di 5-10 minuti. La dose può essere aumentata se la pressione sanguigna continua a scendere e le manifestazioni cliniche aumentano. Una singola dose di soluzione di adrenalina allo 0,1% non deve superare i 2 ml.

2. Se il livello della pressione sanguigna non si normalizza, è necessario iniziare la somministrazione endovenosa di noradrenalina allo 0,2% (dopamina, mesaton), in una dose di 1,0-2,0 ml per 500 ml di soluzione di glucosio al 5%. Invece del glucosio, puoi usare la soluzione salina.

3. Glucocorticosteroidi somministrati per via endovenosa:

  • "Desametasone": adulti - 8-20 mg, bambini - 0,3-0,6 mg / kg;
  • "Prednisolone": adulti - 60-180 mg, bambini - 5 mg / kg.

Gli ormoni vengono somministrati per 4-6 giorni.

4. Dopo aver normalizzato la pressione sanguigna, un antistaminico viene somministrato per via intramuscolare:

  • "Suprastin" (soluzione al 2%): adulti - 2,0 ml, bambini - 0,1-0,15 ml / anno di vita;
  • Tavegil (soluzione allo 0,1%): per adulti - 2,0 ml, per bambini - 0,1-0,15 ml / anno di vita;

Trattamento sintomatico

Con broncospasmo. Una soluzione al 2,4% di aminofillina viene somministrata per via endovenosa in soluzione salina, in una dose per adulti - 10,0 ml, per bambini - 1 ml / anno di vita. Inoltre, puoi inserire analeottici respiratori, glicosidi cardiaci (digossina, strofantina).

Se il vomito entra nel tratto respiratorio, iniziano ad aspirare, viene utilizzata l'ossigenoterapia.

Con l'anafilassi degli antibiotici della penicillina, 1670 UI di penicillinasi diluiti con 2 ml di soluzione salina vengono somministrati per via intramuscolare.

Dopo cure mediche di emergenza per shock anafilattico, il paziente è soggetto a ricovero in ospedale, con un periodo minimo di 10 giorni. Durante l'osservazione ospedaliera e il trattamento sintomatico, il paziente può ancora manifestare reazioni allergiche tardive dopo shock anafilattico. In questo momento, è molto importante ricevere assistenza medica qualificata..

Trattamento shock anafilattico

Dopo lo shock anafilattico, viene continuato il trattamento sintomatico del paziente, che include:

Ricezione di antistaminici che sono usati a scoppi di una reazione allergica - "Loratadin", "Claritin", "Suprastin".

Ricezione di decongestionanti, che vengono utilizzati per reazioni allergiche nel sistema respiratorio - "Xylometazoline", "Oxymetazoline". Controindicazioni - madri che allattano, bambini sotto i 12 anni, ipertensione.

L'uso di inibitori dei leucotrieni, che allevia il gonfiore degli organi respiratori, elimina il broncospasmo - "Montelukast", "Singolare".

Iposensibilizzazione. Questo metodo prevede la somministrazione sistematica graduale di piccole dosi di un gran numero di allergeni, che mira a sviluppare la resistenza del corpo agli allergeni e, di conseguenza, a ridurre al minimo gli attacchi ripetuti di reazioni allergiche acute, incluso lo shock anafilattico.

Prevenzione dello shock anafilattico

La prevenzione dello shock anafilattico comprende le seguenti regole e raccomandazioni:

- conservazione di una tessera sanitaria che indica tutte le informazioni sulle reazioni allergiche a una particolare sostanza;

- se è allergico, porta sempre con sé un passaporto per allergie e una serie di medicinali per le cure di emergenza: antistaminici (Suprastin, Tavegil), laccio emostatico, soluzione di adrenalina con soluzione salina, glicosidi cardiaci (Digoxin, Strofantin).

- Non utilizzare i farmaci senza consultare un medico, in particolare per quanto riguarda le iniezioni;

- Utilizzare metodi alternativi di trattamento delle malattie solo dopo aver consultato un medico;

- prova a indossare abiti principalmente con tessuti naturali;

- utilizzare prodotti per la pulizia della casa con i guanti;

- Usare prodotti chimici (vernici, vernici, deodoranti, ecc.) Solo in aree ben ventilate;

- escludere l'immunoterapia per l'asma bronchiale incontrollato;

- Evitare il contatto con insetti pungenti - vespe, api, calabroni, bombi e altri animali - serpenti, ragni, rane esotiche e altri rappresentanti della fauna esotica;

- se hai un'allergia, consulta il tuo medico, non lasciare il decorso della malattia da solo.

Shock anafilattico

Articoli di esperti medici

Lo shock anafilattico è un processo acuto. Rappresenta una grande minaccia per la vita umana e può portare alla morte. Molto dipende dal grado di attacco allergico e dai disturbi che ha provocato. Più in dettaglio su tutti i sintomi, le cause e il trattamento saranno descritti di seguito..

Codice ICD-10

Lo shock anafilattico appartiene al gruppo T78-T80. Ciò include sia i codici primari per l'identificazione sia quelli causati da un motivo non identificato. Per la codifica multipla, questa sezione può essere utilizzata come codice aggiuntivo per identificare gli effetti delle condizioni classificate in altre sezioni.

  • T78.0 Shock anafilattico dovuto a reazione patologica al cibo.
  • T78.1 Altre manifestazioni di una reazione patologica al cibo.
  • T78.2 Shock anafilattico, non specificato.
  • T78.3 Edema angioneurotico

Edema di Quincke nell'orticaria gigante. Escl.: orticaria (D50.-). siero (T80.6).

  • T78.4 Allergia non specificata

Reazione allergica NOS Ipersensibilità NOS Idiosincrasia NOS Esclusa: reazione allergica della NOS a un farmaco adeguatamente prescritto e correttamente somministrato (T88.7). T78.8 Altre reazioni avverse, non classificate altrove.

  • T78.9 Reazione avversa, non specificata.

Escl.: reazione avversa causata dall'intervento chirurgico e terapeutico di NOS (T88.9).

Codice ICD-10

statistica

Fortunatamente, le situazioni in cui si sviluppa uno shock anafilattico non sono così comuni. Secondo le statistiche, la reazione all'assunzione di alcuni farmaci si sviluppa in una sola persona su 2.700 ricoverati in ospedale. Questo è un indicatore molto piccolo. I risultati letali non sono così comuni. Di solito, la mortalità è di 1-2 casi su un milione. Queste statistiche sono rilevanti per le punture di insetti..

Le statistiche su questa patologia nei diversi paesi variano in modo significativo. Per quanto riguarda la Russia, il problema si presenta in non più di una persona su 70 mila all'anno. Fondamentalmente, una reazione si verifica quando un insetto morde, questa è la ragione più comune per il suo aspetto. In Canada, questa cifra è inferiore, 4 casi per 10 milioni, in Germania 79 casi per 100 mila (massimo). Negli Stati Uniti, il problema è molto comune. Quindi, nel 2003, la patologia ha colpito 1.500 mila persone all'anno.

Cause di shock anafilattico

Il motivo principale è la penetrazione del veleno nel corpo, questo può accadere a causa del morso di un serpente o di un insetto. Negli ultimi anni, il problema ha iniziato ad apparire sullo sfondo dell'assunzione di farmaci. La penicillina, la vitamina B1, la streptomicina possono portare a questo. Un effetto simile è causato da Analgin, Novocaina, sieri immunitari..

  • Veleni. I morsi di cimici, vespe e api possono portare a patologie. Ciò provoca shock anafilattico nelle persone particolarmente sensibili a questo..
  • Medicinali I suddetti farmaci possono causare shock. Per alleviare le condizioni di una persona, vale la pena introdurre il suo prednisone e l'adrenalina. Saranno in grado di alleviare una reazione allergica e gonfiore..
  • Cibo. La maggior parte dei prodotti può causare problemi. Basta mangiare un allergene. Questo è principalmente latte, uova, arachidi, noci, semi.
  • Fattori di rischio. Le persone che soffrono di asma, eczema, rinite allergica sono più soggette a shock. Una reazione allergica può svilupparsi su lattice, agenti di contrasto.

fisiopatologia

Il punto chiave dello shock anafilattico è un forte calo della pressione sanguigna. Come ogni reazione allergica, questa patologia inizia con una reazione allergene-anticorpo. Non esiste una definizione esatta del motivo per cui sorge il disturbo. Questa è una normale reazione allergica che può verificarsi su qualsiasi cosa..

È vero, è dimostrato che quando un allergene entra nel corpo, inizia la sua reazione attiva con gli anticorpi. Questo avvia una serie di azioni a cascata. Il risultato è l'espansione dei capillari e degli shunt areterio-venosi.

A causa di questo effetto negativo, la maggior parte del sangue inizia a passare dai principali vasi periferici. Il risultato è una riduzione critica della pressione sanguigna. Questa azione si verifica così rapidamente che il centesimo circolatorio semplicemente non ha il tempo di rispondere rapidamente a questo processo. Di conseguenza, il cervello non riceve abbastanza sangue e la persona perde conoscenza. È vero, questa misura è estrema, di norma porta alla morte. Non in tutti i casi, ma la metà di loro finisce sicuramente in disfunzione.

Sintomi di shock anafilattico

Il quadro clinico della malattia è "famoso" per la sua velocità. Quindi, i sintomi si sviluppano in pochi secondi, dopo che si verifica il contatto con l'allergene. Prima di tutto, si verifica la depressione della coscienza, dopo di che la pressione sanguigna scende bruscamente. Le convulsioni infastidiscono una persona e si verifica la minzione involontaria.

Molti pazienti, prima dei sintomi principali, iniziano a sentire una forte ondata di calore, arrossamento della pelle. Inoltre, la paura della morte opprime, c'è mal di testa e dolore dietro lo sterno. Quindi la pressione diminuisce e l'impulso diventa filiforme.

Esistono altre opzioni per lo sviluppo di shock anafilattico. Quindi, è possibile danneggiare la pelle. Una persona avverte un prurito crescente, che è caratteristico dell'edema di Quincke. Dopo di che si sviluppa forte mal di testa, si sviluppa nausea. Quindi si verificano convulsioni, accompagnate da minzione involontaria, defecazione. Quindi la persona perde conoscenza.

Danni al sistema respiratorio, una persona ascolta il soffocamento, causato dal gonfiore della mucosa. Da parte del cuore, si osserva miocardite acuta o infarto del miocardio. Diagnosi clinica.

Araldo di shock anafilattico

Dopo che si è verificata l'interazione con l'allergene, si sviluppa la fase precursore. È caratterizzata dall'apparizione di una sensazione di morte imminente. Una persona inizia a infastidire disagio, paura e ansia. Non può caratterizzare le sue condizioni. Perché è davvero strano.

Quindi l'acufene inizia ad apparire. È possibile una brusca riduzione della visione, il che porta molto disagio. La persona è svenuta. Quindi si sviluppa il mal di schiena, le dita delle mani e dei piedi iniziano a diventare intorpidite. Tutti questi sintomi indicano che una persona sviluppa uno shock anafilattico. È anche caratterizzato dallo sviluppo di orticaria, edema di Quincke e forte prurito.

È importante capire che le cose vanno male ed è necessario fornire assistenza di emergenza a una persona. Se compaiono sintomi, contattare un istituto medico. Senza una preparazione speciale e l'uso dei farmaci necessari, è impossibile aiutare una persona.

Shock anafilattico

Lo shock anafilattico medicinale è una reazione allergica acuta che si verifica immediatamente. Tutto appare sullo sfondo dell'assunzione di farmaci. Predano i mediatori e portano all'interruzione dell'attività di organi e sistemi importanti. Cosa potrebbe essere fatale?.

C'è un problema a causa di una storia di allergie ai farmaci. È possibile svilupparsi sullo sfondo dell'uso prolungato di sostanze medicinali, specialmente se l'uso ripetuto è tipico per loro. I preparati di deposito, la polifarmacia e una maggiore attività sensibilizzante del farmaco possono portare a shock. Il rischio è l'esposizione professionale ai farmaci, una storia di malattie allergiche, la presenza di dermatomiosite.

Questa patologia non è così comune. Ciò accade principalmente a causa dell'autotrattamento, senza consultare un medico o utilizzare un farmaco che può causare allergie.

Shock anafilattico nelle donne in gravidanza

Questo fenomeno inizia a guadagnare slancio nel tempo. La gravidanza in sé rende una donna vulnerabile a molti fattori, tra cui reazioni allergiche. Spesso questa condizione è causata dall'assunzione di determinati farmaci..

Il quadro clinico delle manifestazioni non è affatto diverso dai sintomi di shock anafilattico nelle altre persone. Tuttavia, questo fenomeno nelle donne in gravidanza può portare all'aborto spontaneo o all'insorgenza di un parto prematuro. Questo processo può portare al distacco prematuro della placenta, che comporta la morte del feto. Lo sviluppo della sindrome da coagulazione intravascolare disseminata non è escluso. È lui che causa il sanguinamento uterino fatale.

Di particolare gravità è la reazione che procede insieme alla perdita di coscienza. Una donna può semplicemente morire in 30 minuti. A volte questo "processo" viene esteso per 2 giorni o 12 giorni. Implica il malfunzionamento di organi e sistemi vitali..

Il trattamento in questo caso è estremamente complicato. In effetti, nel ruolo dell'allergene stesso è il feto. Se le condizioni della donna sono gravi, si consiglia di interrompere la gravidanza. In generale, una ragazza incinta dovrebbe prendere le medicine con cautela per non provocare una tale reazione dell'organismo.

Shock anafilattico nei neonati

Lo shock anafilattico è una reazione allergica di tipo immediato. Cioè, la condizione peggiora immediatamente dopo il contatto con un allergene. Ciò può accadere a causa dell'uso di droghe e dell'uso di sostanze radiopache. Molto raramente, il processo si verifica sullo sfondo di una puntura di insetto. Ci sono stati casi in cui il "problema" è stato provocato dal freddo. Molto spesso, il problema deriva dagli effetti negativi degli antibiotici. Tipicamente, si verifica una reazione sulla penicillina. Se la madre prendesse una tale droga e poi allattasse al seno il suo bambino, la reazione sarà immediata.

Il bambino inizia a essere infastidito da un senso di paura e ansia. Il bambino è cattivo, piange. C'è una faccia blu, pallore della faccia. Spesso inizia la mancanza di respiro, accompagnata da vomito e un'eruzione cutanea. La pressione sanguigna del bambino aumenta, ma capirlo senza misurarlo è impossibile. Dopo di che arriva una perdita di coscienza, compaiono le convulsioni. Naturalmente, la morte non è esclusa..

Se la condizione è accompagnata da insufficienza respiratoria acuta, il bambino ha una forte debolezza, non ha abbastanza aria, soffre di tosse dolorosa. La pelle è nettamente pallida, a volte appare schiuma alla bocca e respiro sibilante. Nei bambini, tutto si manifesta molto rapidamente. Debolezza, acufene e sudore pesante sono i primi segni improvvisi. La pelle diventa pallida, le cadute di pressione. In pochi minuti, possono svilupparsi perdita di coscienza, crampi e morte. Pertanto, è importante identificare il problema in tempo e iniziare le cure di emergenza..

fasi

Esistono quattro fasi di sviluppo dello shock. Il primo di questi è un'opzione cardiogena. Questa fase è la più comune. È caratterizzato da sintomi di insufficienza cardiovascolare. Quindi, si nota la tachicardia, una persona avverte un forte calo della pressione, un polso filiforme. C'è un disturbo della respirazione esterna. Questa opzione non è fatale..

  • Opzione asmoxica (asfissica). È caratterizzato dalla manifestazione di spasmo bronchiale, tutto ciò porta allo sviluppo di insufficienza respiratoria acuta. Si verifica soffocamento, è associato al gonfiore della laringe.
  • Variante cerebrale. È caratterizzato da un danno al sistema nervoso centrale. Ciò è dovuto all'edema cerebrale acuto. Le emorragie, così come le funzioni cerebrali compromesse, non sono escluse. Questa condizione è caratterizzata da un disturbo psicomotorio. Spesso c'è una perdita di coscienza, così come convulsioni tonico-cloniche.
  • Variante addominale. È caratterizzato dallo sviluppo di sintomi a seguito dell'assunzione di antibiotici. Può essere bicillina e streptomicina. La morte può verificarsi a causa dello sviluppo di insufficienza cardiovascolare, nonché edema cerebrale..

Forme

Esistono diverse forme di sviluppo della patologia. La forma fulminea è la più veloce, diventa chiara dal nome stesso. Si sviluppa entro 2 minuti dall'ingresso dell'allergene nel corpo. È caratterizzato dal rapido sviluppo di sintomi e dall'arresto cardiaco. I segni sono molto scarsi, c'è un pallore acuto, si manifestano sintomi di morte clinica. A volte i pazienti semplicemente non hanno il tempo di caratterizzare le loro condizioni.

  • Forma pesante. Si sviluppa entro 5-10 minuti dopo il contatto con l'allergene. Il paziente inizia a lamentarsi della mancanza acuta di aria. È soppresso da una forte sensazione di calore, un mal di testa, la sindrome del dolore si sviluppa nella regione del cuore. L'insufficienza cardiaca si sviluppa molto rapidamente. Se non viene fornito un aiuto qualificato in tempo, la morte.
  • Forma moderata. Lo sviluppo avviene entro 30 minuti dall'ingresso dell'allergene nel corpo. Molti pazienti lamentano febbre, arrossamento della pelle. Hanno mal di testa, paura della morte e intensa eccitazione..
  • Forma velocissima caratterizzato da esordio acuto e rapida progressione. La pressione sanguigna scende molto rapidamente, una persona perde conoscenza e soffre di aumento dell'insufficienza respiratoria. Una caratteristica distintiva della forma è la resistenza alla terapia intensiva anti-shock. Inoltre, lo sviluppo della patologia progredisce notevolmente, probabilmente un coma. La morte può verificarsi per la prima volta minuti o ore, a seguito della sconfitta di organi importanti per la vita.

Ci sono opzioni per la corrente del lampo. Sono completamente dipendenti dalla sindrome clinica. Può essere un'insufficienza respiratoria o vascolare acuta..

In stato di shock, accompagnato da insufficienza respiratoria acuta, si sviluppa una sensazione di oppressione al petto, la persona non ha abbastanza aria, una tosse dolorosa, mancanza di respiro, inizia il mal di testa. Possibile angioedema del viso e di altre parti del corpo. Con la progressione della sindrome, è possibile un esito fatale..

Una reazione allergica con insufficienza vascolare acuta è caratterizzata dalla sua insorgenza improvvisa. Una persona sente debolezza, acufene, appare sudore torrenziale. La pelle diventa pallida, la pressione cala, il cuore si indebolisce. L'esito fatale può verificarsi a causa di un aumento dei sintomi.

Conseguenze e complicazioni

Per quanto riguarda le conseguenze, sono influenzati dalla gravità dello shock anafilattico e dalla sua durata. L'intero pericolo sta nel fatto che il processo è in grado di influenzare negativamente l'intero organismo nel suo insieme. Cioè, porta al fallimento di molti organi e sistemi vitali.

Meno tempo c'è tra l'esposizione a un allergene e lo sviluppo di shock, più gravi sono le conseguenze. Per qualche tempo, tutti i sintomi sono completamente assenti. Ma un contatto ripetuto può diventare più pericoloso del primo.

Spesso un problema porta allo sviluppo di malattie molto pericolose. Includono ittero non infettivo e glomerulonefrite. Gravi malfunzionamenti nel funzionamento dell'apparato vestibolare, sistema nervoso centrale. Le conseguenze sono davvero aggravanti. Pertanto, prima viene fornito un aiuto di emergenza a una persona, maggiori sono le possibilità di prevenire la morte e lo sviluppo di problemi con molti organi e sistemi.

Per quanto riguarda le complicazioni, devono essere divise in due tipi. Dopotutto, possono verificarsi sia dopo il contatto con un allergene, sia durante il trattamento raccomandato. Quindi, arresto respiratorio, DIC, bradicardia, che comporta arresto cardiaco, sono correlati a complicazioni causate dal contatto con un allergene. Possibile sviluppo di ischemia cerebrale, insufficienza renale, nonché ipossia generale e ipossiemia.

Anche le complicazioni dopo una terapia impropria sono aggravanti. Possono verificarsi in quasi il 14% di tutti i casi. Ciò può essere dovuto all'uso di adrenalina. In questo contesto, si verificano tachicardia di vari tipi, sono possibili aritmia e ischemia miocardica.

Durante il trattamento, si deve comprendere che la rianimazione cardiopolmonare può essere necessaria in qualsiasi momento. Dovresti sapere come fare. Dopotutto, il processo dovrebbe essere eseguito secondo gli algoritmi ALS / ACLS standard.

Diagnosi di shock anafilattico

La diagnostica dovrebbe iniziare con un sondaggio sulla vittima. Naturalmente, ciò avviene nei casi in cui la manifestazione di shock non ha una forma fulminea. Vale la pena chiarire con il paziente se in precedenza aveva avuto reazioni allergiche, che cosa le ha provocate e come sono comparse. Dovresti scoprire informazioni riguardanti i farmaci usati. Può essere glucocarticoidi, antistaminici o adrenalina. Sono loro che possono condurre allo sviluppo di un processo negativo.

Dopo il sondaggio, il paziente viene esaminato. Il primo passo è valutare le condizioni della persona. Quindi viene esaminata la pelle, a volte assumono un carattere cianotico o viceversa diventano pallidi. Successivamente, la pelle viene valutata per eritema, edema, eruzione cutanea o congiuntivite. L'orofaringe viene esaminata. Spesso lo shock anafilattico provoca gonfiore della lingua e palato molle. Misura il polso della persona interessata. Vengono valutate la pervietà delle vie aeree, la dispnea o l'apnea. Assicurati di misurare la pressione, se la condizione è grave, non è affatto determinata. Inoltre, è necessario chiarire la presenza di sintomi come vomito, perdite vaginali (tipo sanguinante), minzione involontaria e / o defecazione.

Test di shock anafilattico

Questo processo è caratterizzato da una manifestazione molto peculiare, che può differire a seconda degli organi e dei sistemi interessati. È caratterizzato da una forte diminuzione della pressione, un disturbo del sistema nervoso centrale, uno spasmo dei muscoli lisci. Questo non è l'intero elenco di manifestazioni..

Quando si diagnostica lo shock anafilattico, i test di laboratorio non vengono eseguiti affatto. Perché è impossibile imparare qualcosa da loro. È vero, fermare una reazione acuta non significa sempre che tutto sia finito con successo e che il processo si sia ritirato. Nel 2-3% dei casi, le manifestazioni iniziano nel tempo. Inoltre, potrebbero non essere i soliti sintomi, ma le vere complicazioni. Quindi, una persona è in grado di "ottenere" giada, danni al sistema nervoso, miocardite allergica. La manifestazione di disturbi immunitari ha molte somiglianze..

Quindi, il numero di linfociti T è significativamente ridotto e si verificano anche cambiamenti nella sua attività. Il livello di soppressori T diminuisce. Per quanto riguarda le immunoglobuline, aumentano bruscamente. La reazione di blasttransformation dei linfociti aumenta drammaticamente. Gli autoanticorpi compaiono nel corpo.

Diagnostica strumentale

Va notato che la diagnosi del processo è clinica. Non esistono metodi strumentali che possano confermare l'esistenza di questo processo. Dopotutto, tutto è visibile e così. È vero, nonostante ciò, ci sono ancora alcuni metodi di ricerca condotti insieme al primo soccorso. Questi includono ECG, pulsossimetria e radiografia del torace, TC e risonanza magnetica.

Pertanto, il monitoraggio ECG viene eseguito su 3 derivazioni. La registrazione in 12 derivazioni viene mostrata solo a quei pazienti in cui sono stati rilevati disturbi del ritmo cardiaco caratteristici dell'ischemia. Questa procedura non dovrebbe interferire con le cure di emergenza. È necessario tenere conto del fatto che eventuali cambiamenti nell'ECG possono essere causati da ipossiemia o ipoperfusione. Le malattie del miocardio causate dall'uso di adrenalina sono in grado di provocare un tale decorso..

  • Pulsossimetria. Se i valori di SpO2 sono bassi, una persona ha l'ipossiemia. Di solito in presenza di shock anafilattico, questo processo precede l'arresto cardiaco. Il processo può essere osservato in due stati. Quindi, con asma bronchiale o laringite stenosante. Pertanto, tutto dovrebbe essere valutato in un complesso.
  • Radiografia del torace. Viene effettuato esclusivamente dopo la stabilizzazione delle condizioni di una persona e in presenza di segni di patologie polmonari. Si consiglia di scattare foto immediatamente. Le tecniche di supporto sono CT e MRI. Sono effettuati esclusivamente nei casi in cui vi è il sospetto di embolia polmonare..

Diagnosi differenziale

Non vengono effettuati studi di laboratorio durante lo sviluppo della reazione. Dopotutto, devi agire rapidamente, non c'è tempo per fare i test e aspettare una risposta. Una persona ha bisogno di cure di emergenza.

Un aumento dei livelli di alcuni enzimi nel sangue suggerisce che una persona ha sviluppato una condizione critica. Quindi, di solito l'istamina inizia a salire bruscamente, questo accade letteralmente entro 10 minuti. È vero, tale tecnica di determinazione non è pubblicamente disponibile. Triptasi. I valori di picco vengono osservati entro un'ora e mezza dopo l'inizio del processo stesso, rimangono per 5 ore. I pazienti possono riscontrare un aumento di entrambi due indicatori e uno.

Per determinare il livello di questi enzimi, è necessario prelevare un campione di sangue. Per questo, vengono prelevati 5-10 ml del campione. Vale la pena notare che la raccolta di test dovrebbe andare in parallelo con le cure di emergenza! La ripresa è effettuata 2 ore dopo che i sintomi hanno iniziato a manifestarsi..

Acido 5-idrossindolacetico. Serve per la diagnosi differenziale di laboratorio della sindrome carcinoide e viene misurata nelle urine quotidiane. LgE non ha un ruolo speciale. È possibile solo una conferma della diagnosi..

Vengono eseguiti test cutanei per determinare il trigger che potrebbe innescare questo processo. Può essere una reazione allergica al cibo o ad un farmaco..

Inoltre, vengono eseguiti test per i marcatori di reazioni indipendenti dalle IgE, metanefrine, acido mentale vanillile, serotonina nel sangue, nonché un pannello di test per determinare i polipeptidi vaso-intestinali.

Tutto quanto sopra è solo una ricerca accessoria. È possibile determinare la presenza di un problema anche mediante esame visivo del paziente.