Cure di emergenza per shock anafilattico, algoritmo di azione

Nutrizione

Lo shock anafilattico è una grave condizione allergica, che nella maggior parte dei casi porta alla morte.

Il più pericoloso è lo shock causato dall'introduzione di droghe. Ogni persona deve imparare le basi del pronto soccorso al fine di aiutare se stessa o qualcuno a chiudere al momento dell'anafilassi.

Lo shock anafilattico si verifica nei soggetti allergici. La penetrazione ripetuta dell'allergene nel corpo provoca una reazione immediata. Quando si verifica una malattia, non è sempre possibile aiutare una persona, poiché nella maggior parte dei casi la reazione a un allergene procede alla velocità della luce.

Tutto quello che devi sapere sullo shock anafilattico

Cause di shock

Lo shock anafilattico si verifica con l'introduzione secondaria di alcuni tipi di allergeni nel corpo:

  • farmaci contenenti molecole proteiche;
  • antibiotici - serie di penicilline;
  • antidolorifici, a rischio di novocaina e suoi analoghi;
  • veleno dal morso di api, serpenti, vespe, ecc.
  • allergeni alimentari.

Ogni persona deve ricordare i propri allergeni e, se sono ricoverati in ospedale, informarne immediatamente il medico in modo che non vi sia ripetuta introduzione dell'allergene nel sangue.

Il tempo di insorgenza della reazione è associato a fattori di penetrazione dell'allergene nel corpo umano:

  1. Quando introdotto nel sangue attraverso un'iniezione endovenosa e intramuscolare, lo sviluppo di anafilassi si verifica abbastanza rapidamente e l'attuazione delle misure di primo soccorso dovrebbe essere immediata.
  2. Assunzione di allergeni attraverso una puntura di insetto, dopo somministrazione sc del farmaco, inalazione di vapori o polvere contenente molecole di allergeni - lo shock si verifica entro un'ora.
  3. Penetrazione di allergeni attraverso il cibo - lo shock si verifica nel periodo da un'ora a due.

Che cos'è lo shock anafilattico??

  1. Fulmine: lo sviluppo è rapido, in pochi secondi. Questa forma, molto spesso porta alla morte, in quanto è difficile e non c'è tempo per il pronto soccorso, in caso si verifichi a casa o in strada.
  2. Acuto: può svilupparsi fino a mezz'ora, il che consente di chiamare un'ambulanza in modo tempestivo.
  3. Subacuto: si sviluppa lentamente a partire da 30 minuti o più. Con questo modulo, il paziente avverte l'approccio dello shock in base ai sintomi caratteristici, che consente di fornire il primo soccorso in tempo prima dell'arrivo degli specialisti.

Segni di una condizione pre-shock:

  • manifestazioni allergiche sulla pelle - prurito e arrossamento;
  • Edema di Quincke: si verifica gonfiore di labbra, orecchie, collo, lingua e viso;
  • sensazione di calore e mancanza di aria;
  • arrossamento della mucosa dell'occhio;
  • lacerazione ed escrezione dei contenuti dalla cavità nasale;
  • broncospasmo che porta a una tosse che abbaia;
  • insorgenza di ansia;
  • l'insorgenza di dolore nell'addome, mal di testa e dolore doloroso nel muscolo cardiaco.

In caso di stadio fulminante, acuto e subacuto nella sua successiva manifestazione, ci sono segni, la cui comparsa, se non viene fornita assistenza medica tempestiva, può portare alla morte.

  • si verifica ipotensione, fino alle tariffe più basse;
  • tachicardia;
  • spasmi
  • stato depresso fino a svenimento;
  • pallore della pelle, sudore freddo, triangolo nasolabiale bluastro.

Sviluppo di shock anafilattico

Al fine di fornire correttamente assistenza tempestiva, è necessario disporre di informazioni sullo sviluppo di questa malattia.

Quando una sostanza estranea entra nel corpo di una persona allergica, viene riconosciuta dal sistema immunitario. Di conseguenza, si forma l'immunoglobulina del gruppo E. In futuro, queste sostanze vengono escrete dal corpo, ma gli anticorpi non smettono di essere prodotti e rimangono nel corpo umano per tutta la vita..

Con la seconda penetrazione nel sangue della stessa sostanza, gli anticorpi si combinano con le molecole e formano un gruppo protettivo. Questa formazione previene l'insorgenza di una reazione a cascata, che rilascia nel sangue i mediatori delle allergie - istamine, steroidi, ecc. Queste sostanze biologicamente attive contribuiscono a:

  • Rilassamento dei muscoli lisci dei piccoli vasi sanguigni periferici - questo porta ad un aumento della capacità dei vasi sanguigni.
  • Per aumentare la permeabilità delle pareti dei vasi sanguigni - il sangue lascia il letto vascolare ed entra nello spazio intercellulare. Di conseguenza, si verifica la ridistribuzione della parte liquida del sangue, che diventa più piccola nei vasi, il che porta a ipotensione, coagulazione del sangue e cambiamenti nell'afflusso di sangue a organi e tessuti - cioè all'anafilassi. Pertanto, lo shock anafilattico è anche chiamato redistributivo.

Sollievo per shock anafilattico

Il pronto soccorso è suddiviso in: emergenza e degenza.

Le cure di emergenza sono destinate all'assistenza medica in caso di reazioni allergiche.

Misure di shock anafilattico:

  1. Chiama un team medico.
  2. Poggiare il paziente e sollevare gli arti inferiori in modo che siano più alti della testa affinché il sangue penetri nel muscolo cardiaco.
  3. Rilasciare i vestiti stretti e aprire tutte le finestre..
  4. Ispezionare la cavità orale - rimuovere la mascella rimovibile.
  5. Quando si verificano convulsioni, assicurarsi che la lingua non affondi e che i denti non si rompano - per questo, un oggetto solido viene posizionato tra i denti ed è necessario fissare la lingua.
  6. Quando un allergene entra nel flusso sanguigno attraverso un'iniezione o attraverso una puntura di insetto, è necessario applicare un laccio emostatico e applicare freddo per ridurre il tempo in cui l'allergene entra nel sangue.

L'assistenza ospedaliera comprende:

  1. Introduzione di s / c, in / in / m soluzione allo 0,1% di adrenalina. Adrenalina: restringe i vasi sanguigni, abbassa la permeabilità delle pareti e aumenta la pressione.
  2. Con l'anafilassi dopo un morso o una s / c, in / m iniezione, il sito dell'iniezione o del morso viene punzecchiato con adrenalina. Metodo di diluizione: 1,0 ml di adrenalina all'01% viene diluito con 10,0 ml di cloruro di sodio. Scheggiato in sei punti in un cerchio - 0,2 ml per punto.
  3. Quando l'allergene penetra in un altro modo, l'adrenalina viene somministrata in una quantità di 1,0 ml. Dose giornaliera - 2,0 ml.
  4. E iniettare anche prednisolone 60-100 mg, diluito in 100-200 ml di cloruro di sodio allo 0,9%, viene somministrato per via endovenosa in un getto o flebo.
  5. Poiché con l'anafilassi c'è una carenza di liquidi nel corpo, è necessario introdurre una flebo endovenosa di una grande quantità di liquido, un litro di cloruro di sodio allo 0,9% - 120 gocce al minuto.
  6. Il personale medico deve fornire al paziente una maschera per l'ossigeno e, in caso di gonfiore delle vie aeree, eseguire immediatamente una tracheotomia.

Riassumere

  • Il cloruro di sodio viene introdotto nell'ambulanza e proseguito in ospedale.
  • Il paziente viene posto in un reparto di shock o in terapia intensiva.
  • La terapia ormonale viene eseguita per una settimana con un graduale abbassamento della dose..
  • Gli antistaminici sono prescritti alla fine del trattamento e sotto la guida di un medico, poiché i farmaci antiallergici possono causare una nuova liberazione di istamina.
  • In ospedale, il paziente giace per almeno una settimana.

L'algoritmo per il sollievo dello shock anafilattico in un bambino

Aiutare un bambino con anafilassi dovrebbe essere fornito immediatamente. I suoi genitori trascorrono prima che arrivi l'ambulanza..

Algoritmo di azione per shock anafilattico:

  1. Squadra di rianimazione.
  2. Appoggia il bambino su una superficie dura.
  3. Controlla il battito cardiaco e la respirazione; in caso contrario, esegui un massaggio cardiaco indiretto.
  4. Se il bambino è cosciente, dagli antistaminici..
  5. Riparo e se c'è un inalatore da attacchi di asma, è possibile spruzzare una dose per inalazione per ridurre l'edema polmonare.
  6. Quando la puntura di insetto, applicare un laccio emostatico e allegare un pezzo di carta al momento dell'applicazione.

All'arrivo dell'ambulanza, è necessario fornire tutte le informazioni sulle azioni che sono state effettuate nella fornitura del pronto soccorso e se è diventato più facile per il bambino, in nessun caso rifiutarsi di essere ricoverato in ospedale.

Kit di pronto soccorso stazionario

Ogni ospedale deve avere un kit di pronto soccorso.

  • Adrenalina allo 0,1% - 2 confezioni
  • 0,9% di soluzione salina - 800,0 ml
  • Reopoliglyukin - 800,0 ml
  • prednisone - confezione da 3
  • Difenidramina all'1% - 1 confezione
  • Aminofillina al 2,4% - 1 confezione
  • 70% di alcol - 30,0 ml
  • siringhe da 2,0 e 10,0 ml - 10 pezzi
  • contagocce - 2 pezzi
  • guanti sterili - 2 paia
  • catetere endovenoso - 1 pezzo
  • cotone medicale in lana - 1 confezione
  • imbracatura
  • istruzione

Kit di pronto soccorso compilato dal Ministero della Salute della Russia.

La composizione del kit di pronto soccorso da shock anafilattico

Lo shock anafilattico è la forma più pericolosa di allergia, che si manifesta con un forte calo della pressione sanguigna, mancanza di respiro, perdita di coscienza. Spesso, una tale reazione si sviluppa entro 10 secondi dal contatto con un allergene. Per il soccorso di emergenza in caso di shock anafilattico, è previsto un kit di pronto soccorso specializzato, il cui equipaggiamento è rigorosamente regolato.

Caratteristiche di shock anafilattico

Lo shock anafilattico si sviluppa quando l'allergene rientra nel flusso sanguigno. Tutto può essere una fonte di allergie: medicine, punture di insetti, prodotti chimici domestici, cibo. In questo caso, può verificarsi una reazione di shock anche se una quantità minima di allergene è entrata nel corpo..

La reazione si sviluppa particolarmente rapidamente con la somministrazione endovenosa di farmaci. Pertanto, in tutte le sale per trattamenti, è necessario un kit di pronto soccorso per il sollievo dello shock anafilattico.

I principali segni dello sviluppo dell'anafilassi:

  • Debolezza generale, vertigini;
  • Sensazione di paura;
  • Gonfiore del viso - palpebre, labbra, mucosa nasale;
  • Lacrimazione, starnuti, tosse;
  • Difficoltà respiratorie dovute al gonfiore delle vie aeree;
  • Prurito della pelle;
  • Crampi addominali;
  • Dolce freddo;
  • Nausea;
  • Aumento della frequenza cardiaca;
  • Perdita di conoscenza;
  • La comparsa di eruzioni cutanee allergiche;
  • Spasmi con minzione involontaria.

I sintomi elencati non sono sempre osservati. In molti casi, la prima manifestazione di una reazione anafilattica è una perdita di coscienza sullo sfondo di un forte calo di pressione. In tale situazione, per l'implementazione tempestiva delle cure di emergenza, è importante che lo stile anafilattico sia a portata di mano.

La composizione del kit di pronto soccorso anti-shock secondo SanPin: un elenco di medicinali

Secondo gli ordini del Ministero della Salute della Federazione Russa e le norme di SanPin, il kit di pronto soccorso per l'anafilassi dovrebbe contenere i seguenti medicinali sotto forma di soluzioni:

  • Epinefrina 0,1% - 4 fiale da 1 ml;
  • Aminofillina 2,4% - 1 amp. 10 ml ciascuno;
  • Difenidramina 1% - 1 amp. 1 ml ciascuno;
  • Atropina solfato 0,1% - 1 amp. 1 ml ciascuno;
  • Ormoni glucocorticoidi tra cui scegliere:
  1. Prednisolone sodio fosfato 3% - 4 amp. 1 ml ciascuno;
  2. Betamethasone sodium phosphate 0,5% - 1 amp. 4 ml ciascuno;
  3. Desametasone sodio fosfato 0,4% - 4 amp. 1 ml ciascuno;
  4. Idrocortisone 0,125 g - 1 bottiglia.
  • Salino - 1 fl. 400 ml o 10 amp. 10 ml ciascuno;
  • Glucosio 5% - 1 fl. 400 ml ciascuno;
  • Amido idrossietilico - 1 flaconcino 500 ml ciascuno.

Dei glucocorticoidi elencati, è sufficiente inserire due farmaci nell'armadietto dei medicinali di emergenza.

Il kit di pronto soccorso include non solo medicinali, ma anche strumenti medici e accessori necessari per lo shock anafilattico:

  • Laccio emostatico medico - 1 pz.;
  • Cateteri periferici di diverso spessore - 3 pezzi.;
  • Sistemi monouso per impostazione contagocce - 3 pezzi.;
  • Siringhe monouso per 2,0, 5,0 e 10,0 ml - 5 pezzi.;
  • Salviette imbevute di alcol antibatterico - 10 pezzi.;
  • Rotolo di nastro adesivo - 1 pezzo.;
  • Guanti di gomma sterili - 5 paia.

Le salviette imbevute di alcol possono essere sostituite con un batuffolo di cotone sterile e una soluzione di alcool medico in una bottiglia. Tuttavia, le salviette pre-alcolizzate risparmiano significativamente tempo quando si forniscono cure di emergenza.

Quello che devi avere a portata di mano per fornire cure mediche tempestive

La composizione del kit di pronto soccorso anti-shock è la stessa per tutte le istituzioni, sono consentite solo piccole modifiche che non riguardano i principali gruppi di medicinali.

Adrenalina (epinefrina)

L'adrenalina o l'epinefrina sono il farmaco più importante che "innesca" il cuore e aumenta la pressione sanguigna. Nei primi secondi dall'inizio della reazione anafilattica, metà del contenuto della fiala può essere versato al paziente sotto la lingua, dove l'assorbimento avviene più intensamente.

L'epinefrina viene iniettata per via intramuscolare o endovenosa. 0,3-0,5 ml di soluzione non diluita vengono immessi nel muscolo. Se la normale attività cardiaca non si è completamente ripristinata e la pressione rimane bassa, dopo 10-20 minuti è possibile inserire un secondo, quindi una terza dose. Quando iniettato in una vena, l'adrenalina viene diluita in 10 ml di soluzione salina. La dose del principio attivo viene presa contemporaneamente - 0,1-0,25 ml.

La soluzione di adrenalina può anche essere utilizzata per tagliare il sito di iniezione del farmaco che ha provocato l'allergia o l'area intorno alla puntura di insetto. L'adrenalina provoca un restringimento locale delle arterie e previene la diffusione dell'allergene in tutto il corpo..

Farmaco ormonale

Gli ormoni glucocorticoidi sono la prima linea di difesa contro le allergie in anafilassi grave. Agiscono più velocemente degli antistaminici e bloccano completamente la reazione di ipersensibilità..

Dei quattro possibili farmaci per lo sviluppo di shock, viene solitamente utilizzato prednisone o desametasone. 2-5 ml di desametasone o 4 ml di prednisolone vengono iniettati in una vena senza diluizione preventiva.

È più conveniente equipaggiare il kit di pronto soccorso con fiale di prednisone, desametasone o betametasone, poiché possono essere conservati a temperature fino a 25 ° C insieme ad altri medicinali. La soluzione di idrocortisone deve essere conservata in frigorifero.

Anti allergico

I farmaci antiallergici per combattere lo shock anafilattico comprendono antistaminici iniettabili di prima generazione: difenidramina, suprastina, tavegil. Questi sono farmaci di seconda linea..

È preferibile usare la difenidramina (difenidramina), poiché ha un effetto sedativo e antiemetico più pronunciato rispetto ad altri rappresentanti del gruppo. La soluzione di difenidramina viene somministrata per via intramuscolare in una dose di 1 ml solo dopo la stabilizzazione del cuore e la normalizzazione della pressione, poiché l'ipotensione è uno degli effetti collaterali del farmaco.

Soluzione di aminofillina

Il compito principale dell'aminofillina (aminofillina) in caso di reazione allergica è espandere l'albero bronchiale e facilitare la respirazione. Viene inserito per via endovenosa lentamente, precedentemente diluito in 10 ml di soluzione salina. Amufillin deve essere somministrato solo da un professionista della salute, poiché questo farmaco può causare gravi disturbi del ritmo cardiaco.

Altre soluzioni per infusione incluse nella confezione (amido idrossietilico, glucosio) vengono somministrate in un contagocce per mantenere un normale volume di liquido nel letto vascolare. Sono anche messi da operatori sanitari già nella fase di fornire assistenza qualificata..

L'atropina viene utilizzata per via sottocutanea con un marcato rallentamento del battito cardiaco..

Video - Kit di pronto soccorso. Reazione allergica

Kit antishock: aree di utilizzo

Non una sola persona è immune dallo sviluppo di una reazione allergica e la sua gravità non può essere prevista in anticipo. Il maggior rischio di anafilassi si verifica quando sostanze estranee (droghe, vaccini, coloranti) vengono introdotte nel corpo. Ciò determina l'ambito di utilizzo dello styling contro l'anafilassi.

Dove e a chi è necessario disporre di un kit di pronto soccorso anti-shock

Il kit anti-shock deve essere nelle seguenti strutture:

  • Ospedali (sale di trattamento e manipolazione), compresi ospedali di maternità, centri di ostetricia e di trauma;
  • Cliniche di cosmetologia;
  • Studi dentistici;
  • Saloni per tatuaggi.

Nelle sale diagnostiche, è necessario lo styling contro lo shock anafilattico se durante lo studio è necessario introdurre contrasto o applicare vari composti chimici sulla pelle. Ciò è necessario per alcuni tipi di diagnostica a raggi X e agli ultrasuoni, mentre si esegue la risonanza magnetica.

Il kit di pronto soccorso deve essere posizionato direttamente nell'ufficio in cui vengono eseguite le procedure invasive. Per comodità, è dotato di un breve algoritmo di assistenza di emergenza in modo che una persona confusa in una situazione pericolosa non confonda nulla. Nel promemoria indicare la dose e la sequenza di somministrazione dei farmaci.

Per le persone inclini alle allergie, è meglio avere un kit di pronto soccorso simile a casa e portarlo anche in viaggio, in vacanza, quando c'è un'alta probabilità di una puntura di insetto e non ci sono ospedali nelle vicinanze.

Il kit anti-shock viene usato raramente, quindi le situazioni sono comuni quando i farmaci hanno una data di scadenza e nessuno se ne accorge. In genere, le istituzioni nominano un dipendente responsabile dello stato del kit di pronto soccorso. Le sue responsabilità comprendono il controllo e l'aggiornamento regolari della sua composizione..

Chi è più suscettibile allo shock anafilattico

La probabilità di shock anafilattico è maggiore nelle persone che:

  • Lo ha spostato prima;
  • Soffre di allergie in qualsiasi forma o asma bronchiale;
  • Hanno un'eredità sfavorevole: lo shock anafilattico è stato registrato nei parenti di sangue;
  • Un gran numero di farmaci viene assunto contemporaneamente..

Per tali pazienti, i medici spesso raccomandano di trasportare un autoiniettore con adrenalina. Questo dispositivo contiene una singola dose del farmaco, che puoi entrare in modo indipendente - rapidamente e facilmente - nel muscolo al primo segno di anafilassi. Tuttavia, un autoiniettore è un piacere costoso. In Russia, tali dispositivi non sono ampiamente utilizzati..

Video - Pronto soccorso per shock anafilattico

Memo paziente

L'algoritmo delle azioni durante le cure di emergenza per shock anafilattico è il seguente:

  1. Se possibile, interrompere l'esposizione all'allergene - interrompere la somministrazione del farmaco, tagliare la sede di iniezione con adrenalina e applicare freddo. Stringere l'elastico sul sito di iniezione..
  2. Abbassa la vittima, solleva leggermente le gambe e gira la testa su un fianco in caso di vomito.
  3. Chiama una squadra di ambulanze o assegnala a un'altra persona.
  4. Inserisci epinefrina e ormone (richiesto in diverse siringhe).
  5. Durante l'attesa dell'effetto, non lasciare la vittima incustodita. Monitora costantemente le sue condizioni: chiarezza di coscienza, frequenza cardiaca e respiro.
  6. Quando interrompi la respirazione e l'attività cardiaca, inizia le misure di rianimazione: massaggio cardiaco indiretto e respirazione artificiale. Per prima cosa devi mettere un'altra dose di adrenalina, che aiuterà a "avviare" il muscolo cardiaco.

Per istruzioni più dettagliate sull'implementazione delle cure di emergenza per shock anafilattico, consultare questo articolo..

L'inizio più rapido possibile dell'assistenza con l'anafilassi è la principale garanzia del suo successo, perché nel caso dello sviluppo di una condizione di shock, il punteggio è di minuti. Ricorda che devi cercare assistenza medica anche se sei riuscito a togliere il paziente in modo indipendente dallo shock, poiché in futuro potrebbero svilupparsi complicazioni ritardate e una ricaduta di allergie.

Shock anafilattico: aiuto indesiderato e algoritmo di azioni

Lo shock anafilattico è una reazione sistemica acuta di un organismo ipersensibile al contatto ripetuto con un allergene, che si basa su una reazione di tipo immediato, accompagnata da una violazione di emodinamica e ipotensione.

Cause di shock anafilattico

Lo shock anafilattico può essere causato dall'azione degli stessi allergeni con l'edema di Quincke:

  • casalinghi (polvere, cuscini di piume e piume, acari del letto, piante e animali domestici, alimenti per animali domestici, ecc.)
  • fungo (actinomycetes, trichophytes, epidermophytes, candida);
  • verdura (polline, succo);
  • cibo (miele, pesce e frutti di mare, noci, cioccolato, agrumi, latte di vacca, albumi);
  • farmaci (analgesici, anestetici locali, sulfamidici, farmaci antibatterici, oppioidi, vitamine, vaccini, sieri);
  • lattice;
  • prodotti chimici (prodotti chimici domestici, disinfettanti, disinfettanti, cosmetici);
  • antigeni parassiti;
  • punture e punture di insetti.

Il meccanismo dello shock anafilattico

Gli allergeni che entrano nel corpo vengono assorbiti dai macrofagi che trattano l'allergene e lo presentano agli aiutanti a T. I T-helper, a loro volta, producono citochine che innescano la proliferazione dei linfociti B e la loro differenziazione in plasmacellule, nonché la produzione di IgE. Quando rientra nel corpo, l'allergene si lega alle IgE e ai recettori cellulari fissati sulla cellula, il che porta all'attivazione dei mastociti, alla sintesi dei mediatori dell'allergia e allo sviluppo di manifestazioni cliniche.

Effetto dei mediatori delle allergie tissutali

I mediatori dell'allergia influenzano i tessuti come segue:

  • restringimento della muscolatura liscia (spasmo dei bronchi, intestino, ecc.),
  • espansione dei vasi periferici con concomitante venosa, quindi stasi arteriosa ed emolisi (disturbi emodinamici),
  • aumento della permeabilità vascolare (edema della laringe, polmoni, cervello e altri organi).

Sintomi e gravità dello shock anafilattico

Si distinguono quattro livelli di gravità dello shock anafilattico..

  • Grado - una leggera violazione dell'emodinamica: la pressione sanguigna scende al di sotto del normale di 30-40 mm Hg Coscienza salvata. Il paziente ha ansia, agitazione, paura della morte. Altre manifestazioni di anafilassi sono talvolta annotate: orticaria, edema di Quincke, broncospasmo. Lo shock anafilattico lieve risponde bene alla terapia antishock. È improbabile un esito fatale.
  • II grado - i disturbi emodinamici sono più pronunciati: pressione arteriosa sistolica - 90-60 mm Hg, pressione arteriosa diastolica - 40 mm Hg Possibile perdita di coscienza. Può verificarsi asfissia dovuta a broncospasmo, nonché movimenti intestinali involontari e minzione. Il paziente appare pallido, respiro corto, respiro sibilante nei polmoni con auscultazione, i suoni del cuore sono smorzati, tachicardia. Risposta ritardata alla terapia antishock.
  • Grado III - gravi disturbi emodinamici: pressione arteriosa sistolica 60-40 mmHg, la pressione arteriosa diastolica potrebbe non essere rilevata. Forse lo sviluppo della sindrome convulsiva. Il paziente ha osservato: cianosi, polso irregolare, filiforme. La terapia anti-shock è inefficace.
  • IV grado - il paziente perde improvvisamente conoscenza, pressione sanguigna, il polso non viene rilevato, la respirazione nei polmoni non viene ascoltata. Esito letale altamente probabile.

A seconda della natura dei reclami e dei sintomi, si distinguono le seguenti quattro opzioni:

  • Emodinamica (cardiogenica): i sintomi dell'insufficienza cardiovascolare vengono alla ribalta: ipotensione, tachicardia, tono cardiaco indebolito, pallore o marmorizzazione della pelle. ECG - ischemia miocardica dovuta a spasmo delle arterie coronarie periferiche.
  • Asfissia - il quadro clinico principale è l'insufficienza respiratoria dovuta a broncospasmo, edema polmonare e laringe.
  • Addominale - caratterizzato da dolore addominale, comparsa di sintomi di irritazione peritoneale, che ricorda i sintomi della perforazione di un organo cavo e un'ostruzione intestinale.
  • Cerebrale - i sintomi del sistema nervoso centrale stanno conducendo nel quadro clinico: agitazione psicomotoria, mal di testa, convulsioni tonico-cloniche, perdita di coscienza.

Attenzione. Se è necessaria la consultazione urgente di uno specialista e, a causa di varie circostanze, non è possibile raggiungere rapidamente il medico giusto per un appuntamento (un giorno libero, si è fuori città, all'estero, senza coupon o referral), è possibile utilizzare la consultazione online di un medico di qualsiasi specialità. Come ottenere una consulenza online? Vai al sito Web di questo link sprosivracha.org. e fai una domanda a qualsiasi medico attraverso messaggi personali, puoi ottenere una risposta senza uscire di casa. Devi solo spiegare l'essenza del problema, descrivere i sintomi, ecc..

Il sito offre servizi gratuiti ea pagamento, i prezzi sono molto convenienti.

Diagnosi di shock anafilattico

La diagnosi si basa sui dati di anamnesi (identificazione di un allergene e sul metodo del suo ingresso nel corpo), nonché su manifestazioni cliniche, sintomi.

Algoritmo di azione e trattamento dello shock anafilattico

Shock anafilattico - un'indicazione assoluta per il ricovero in ospedale di un paziente nel reparto di terapia intensiva.

È necessario chiamare un'ambulanza o trasportare il paziente all'ospedale più vicino.

Cure di emergenza per shock anafilattico

Pronto soccorso pronto soccorso - algoritmo di azione per shock anafilattico

  1. È necessario posare il paziente, girare la testa di lato ed estendere la mascella inferiore.
  2. Girare la testa di lato per prevenire l'aspirazione del vomito, rimuovere la dentiera dalla bocca;
  3. Fornire aria fresca alla stanza (finestra aperta, porta);
  4. Adottare misure per impedire all'allergene di entrare nel corpo della vittima: rimuovere la puntura con il veleno, attaccare un impacco di ghiaccio sul sito del morso o dell'iniezione, applicare una fasciatura a pressione sopra il sito del morso e così via..
  5. Per sentire il polso del paziente: prima sul polso, se è assente, poi sulle arterie carotidi o femorali. Se non c'è polso, inizia un massaggio cardiaco indiretto - chiudi le mani nella serratura e metti la parte centrale dello sterno, disegna punti ritmici profondi 4-5 cm;
  6. Controllare la respirazione del paziente: vedere se c'è movimento del torace, fissare uno specchio alla bocca del paziente. Se non si respira, si consiglia di iniziare la respirazione artificiale respirando aria nella bocca o nel naso del paziente attraverso un tovagliolo o uno scialle;
  7. Quando la respirazione e la circolazione si fermano, viene eseguita la rianimazione cardiopolmonare..

Un algoritmo di assistenza di emergenza per shock anafilattico

Trattamento non farmacologico

Ha lo scopo di eliminare l'ulteriore assunzione di allergeni nel corpo: interrompere la somministrazione del farmaco, lavanda gastrica e clistere detergente con angioedema per il prodotto alimentare, rimuovere la puntura d'insetto, ecc..

Trattamento farmacologico

Misure anti-shock

Monitoraggio delle funzioni vitali: misurazione della pressione sanguigna e del polso, determinazione della saturazione di ossigeno, elettrocardiografia.

  1. Garantire la pervietà delle vie aeree - rimuovere il vomito dalla bocca, rimuovere la mascella inferiore usando la tripla presa di Safar e l'intubazione tracheale. In caso di spasmo della glottide o edema di Quincke, si consiglia la conicotomia (eseguita in caso di emergenza da un medico o un paramedico, l'essenza della manipolazione è quella di tagliare la laringe tra la tiroide e la cartilagine cricoidea per garantire il flusso d'aria) o la tracheotomia (eseguita solo in ospedale, il medico analizza gli anelli tracheali ).
  2. In caso di shock anafilattico, il paziente deve essere sdraiato, girare la testa di lato, estendere la mascella inferiore, rimuovere le protesi rimovibili.
  3. Iniezioni intramuscolari di adrenalina allo 0,1% in una dose di 0,3-0,5 ml, se necessario, le iniezioni vengono ripetute ogni 20 minuti per 1 ora sotto il controllo della pressione sanguigna.
  4. Con emodinamica instabile con lo sviluppo di una minaccia immediata alla vita, è possibile la somministrazione endovenosa di una soluzione allo 0,1% di adrenalina, che viene diluita in 100 ml di una soluzione isotonica e somministrata ad una velocità di 1 μg / min. L'adrenalina viene somministrata per monitorare la frequenza respiratoria, la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna..
  5. Il sito di contatto con l'allergene viene iniettato con adrenalina allo 0,1% alla dose di 0,1-0,3 ml per via sottocutanea.

Terapia antiallergica

  1. Prednisone prescritto per via endovenosa alla dose di 60-150 mg per gli adulti e 2 mg / kg di peso corporeo nei bambini.

Terapia sintomatica

  1. La correzione della pressione sanguigna e il riempimento del volume del sangue circolante vengono effettuati utilizzando soluzioni saline (0,9% NaCI - 1000 ml).
  2. A causa della ridistribuzione del sangue nel corpo e dello sviluppo dell'insufficienza vascolare acuta, si raccomanda l'introduzione di soluzioni di cristalloide (suoneria, ringer lattato, plasmalite, sterofundina) e colloide (gelofusina, neoplasmazhel).
  3. Dopo aver reintegrato il volume del sangue circolante, vengono utilizzate le ammine vasopressori (dopamina 400 mg).
  4. Con la bradicardia, l'atropina viene somministrata alla dose di 0,3-0,5 mg per via sottocutanea.
  5. Con cianosi, dispnea, è indicata l'ossigenoterapia..
  6. Con broncospasmo - β-adrenomimetici attraverso un nebulizzatore.
  7. Per la prevenzione dell'edema cerebrale e polmonare, vengono prescritti diuretici: furosemide, torasemide, minnitolo.
  8. Anticonvulsivanti per malattia cerebrale - 25% solfato di magnesio 10-15 ml, tranquillanti (sibazon, relanium, seduxen), 20% sodio oxibutirrato (GHB) 10 ml.

In caso di morte clinica, respirazione artificiale e massaggio cardiaco indiretto. In caso di arresto respiratorio e circolatorio, è indicata la ventilazione meccanica..

Le conseguenze dello shock anafilattico

Qualsiasi malattia non passa senza lasciare traccia, incluso lo shock anafilattico. Dopo l'interruzione dell'insufficienza cardiovascolare e respiratoria, in un paziente possono persistere i seguenti sintomi:

  • Inibizione, letargia, debolezza, dolori articolari, dolori muscolari, febbre, brividi, respiro corto, dolori cardiaci, dolori addominali, vomito e nausea.
  • Ipotensione a lungo termine (bassa pressione sanguigna) - viene interrotta dalla somministrazione prolungata di vasopressori: adrenalina, mesatone, dopamina, noradrenalina.
  • Si raccomanda dolore al cuore dovuto all'ischemia del muscolo cardiaco - si raccomanda la somministrazione di nitrati (isoket, nitroglicerina), antiipossanti (tiotriazolina, messidolo), cardiotrofi (riboxin, ATP).
  • Mal di testa, diminuzione delle funzioni intellettuali dovute a ipossia cerebrale prolungata - vengono utilizzati farmaci nootropici (piracetam, citicolina), sostanze vasoattive (cavinton, ginko biloba, cinnarizina);
  • Quando gli infiltrati compaiono nel sito di un morso o di un'iniezione, viene indicato un trattamento locale: unguenti ormonali (prednisone, idrocortisone), gel e unguenti con un effetto risolutivo (unguento con eparina, troxevasin, lyoton).

Come gli operatori sanitari possono ridurre il rischio di shock anafilattico in un paziente?

Per la prevenzione dello shock anafilattico, l'aspetto principale è una storia medica accuratamente raccolta della vita e della malattia del paziente. Per ridurre al minimo il rischio del suo sviluppo dall'assunzione di farmaci dovrebbe:

  • Eventuali farmaci devono essere prescritti rigorosamente secondo le indicazioni, il dosaggio ottimale, tenendo conto della tolleranza, della compatibilità
  • Non somministrare più farmaci contemporaneamente, solo un farmaco. Dopo esserti accertato della tollerabilità, puoi prescrivere il seguente farmaco.
  • L'età del paziente deve essere presa in considerazione, poiché le dosi giornaliere e singole di farmaci cardiaci, neuroplegici, sedativi e antiipertensivi devono essere ridotte di 2 volte per gli anziani rispetto alle dosi per i pazienti di mezza età
  • Quando si prescrivono diversi farmaci simili per effetto farmacologico e composizione chimica, considerare il rischio di reazioni allergiche crociate. Ad esempio, con l'intolleranza alla prometazina, non è possibile prescrivere derivati ​​antistaminici della prometazina (diprazina e pipolfen), con allergie alla procaina e all'anestesia, c'è un alto rischio di intolleranza al sulfanilamide.
  • È pericoloso per i pazienti con malattie fungine prescrivere antibiotici per la penicillina, poiché i funghi e la penicillina hanno un determinante antigenico comune.
  • Gli antibiotici devono essere prescritti tenendo conto degli studi microbiologici e determinando la sensibilità dei microrganismi
  • Per un solvente antibiotico, è meglio usare una soluzione acquosa di cloruro di sodio o acqua distillata, poiché la procaina porta spesso a reazioni allergiche.
  • Valutare lo stato funzionale del fegato e dei reni del paziente
  • Per controllare il contenuto di leucociti ed eosinofili nel sangue dei pazienti
  • Prima di iniziare il trattamento, i pazienti ad alto rischio di shock anafilattico, 30 minuti e 3-5 giorni prima della somministrazione del farmaco pianificato, prescrivono antistaminici di 2a e 3a generazione (Claritin, Semprex, Telfast), preparazioni di calcio, secondo le indicazioni dei corticosteroidi.
  • Le sale di trattamento devono essere dotate di kit di pronto soccorso anti-shock e disporre di tabelle con un elenco di farmaci che danno reazioni allergiche crociate, con determinanti antigenici comuni
  • Vicino alle sale di manipolazione non dovrebbe esserci un reparto di pazienti con shock anafilattico e inoltre non collocare i pazienti con shock nella storia nelle camere in cui vengono posti i pazienti a cui vengono somministrati i farmaci che causano allergie nella prima.
  • Al fine di evitare l'insorgenza del fenomeno Artyus-Sakharov, il sito di iniezione deve essere monitorato (prurito, gonfiore, arrossamento, in seguito con ripetute iniezioni di farmaci necrosi cutanea)
  • Quei pazienti che hanno subito uno shock anafilattico durante il trattamento in ospedale, quando scritti sulla copertina della storia medica, sono contrassegnati a matita rossa con il segno "allergia ai farmaci" o "shock anafilattico"
  • Dopo la dimissione di pazienti con shock anafilattico, i farmaci devono essere indirizzati agli specialisti nel luogo di residenza, dove saranno registrati presso il dispensario e riceveranno un trattamento immunocorrettivo e iposensibilizzante..

Cure di emergenza per shock anafilattico: cosa dovresti sapere

Ci sono molte persone che soffrono di questo o quel tipo di allergia. Ogni paziente lo sa: un attacco allergico è imprevedibile, inizia all'improvviso e la forza della reazione può raggiungere lo stadio di shock anafilattico e dimostrarsi pericolosa per la vita. Pertanto, ogni persona che soffre di allergie ha sempre almeno antistaminici con sé e, al massimo, un intero mini-kit con il set necessario di cure di emergenza per un attacco allergico. È sempre in allerta e sa chiaramente cosa fare se sente che si sta avvicinando un attacco allergico. Tuttavia, il paziente non è sempre in grado di aiutare se stesso, e quindi solo chi è vicino in momenti difficili può salvarlo.

Cosa fare a una persona che si trova accanto alla vittima che ha bisogno di cure di emergenza per shock anafilattico?

Come riconoscere lo shock anafilattico

Lo shock anafilattico (anafilassi) è un grado estremo di reazione immunitaria che può portare alla morte. Di solito l'anafilassi si manifesta nell'intervallo di tempo da 3-5 minuti a 4-5 ore dopo il contatto con l'allergene.

I segni di shock anafilattico sono molte volte maggiori dei sintomi di una normale risposta immunitaria e colpiscono molti sistemi corporei: tratto gastrointestinale, cardiovascolare, sistema respiratorio, pelle, mucose.

Qualsiasi allergene può causare lo sviluppo di anafilassi, tuttavia i più comuni sono:

  • medicinali;
  • test cutanei per allergeni;
  • punture di insetti, serpenti;
  • prodotti alimentari;
  • trasfusione di sangue e suoi componenti;
  • vaccinazione;
  • alta attività fisica;
  • contatto con sostanza aggressiva.

Per essere in grado di aiutare il paziente, è necessario essere in grado di riconoscere in tempo l'insorgenza dell'anafilassi e fornire l'assistenza necessaria.

È importante sapere: prima si è manifestata l'anafilassi, più grave è la reazione stessa. Quanto prima viene fornita l'assistenza di emergenza in caso di shock anafilattico, maggiori sono le possibilità che la vittima abbia di sopravvivere!

Segni di reazione anafilattica

I segni di shock anafilattico sono diversi, ma ci sono manifestazioni generali che consentono di sospettare lo sviluppo dell'anafilassi:

  • arrossamento della pelle, eruzione cutanea, forte prurito;
  • gonfiore delle superfici mucose;
  • spasmo broncopolmonare;
  • coscienza offuscata, paura della morte, panico;
  • nausea, vomito, crampi al dolore addominale;
  • gonfiore di occhi, labbra, lingua, edema di Quincke;
  • un forte calo della pressione sanguigna;
  • pallore del viso, labbra blu, sudore freddo;
  • vertigini, perdita di coscienza.

Qualsiasi sospetto di shock anafilattico richiede cure mediche immediate.!

Aiuto prima dell'arrivo del team di medici

Nella situazione di anafilassi, una persona non addestrata probabilmente non sarà in grado di fornire alla vittima assistenza completa, poiché le cure di emergenza per lo shock anafilattico richiedono l'uso di farmaci e rianimazione. Tuttavia, una persona può e deve fornire tutta l'assistenza possibile.

Quando si chiama un'ambulanza, è necessario trasmettere al dispatcher informazioni nel modo più preciso possibile sul tempo di insorgenza dell'attacco e sulle misure di emergenza utilizzate, ed è anche importante seguire chiaramente tutte le raccomandazioni.

Prima dell'arrivo dell'equipaggio dell'ambulanza, deve essere applicato il seguente algoritmo di azioni:

  1. Interrompere l'esposizione agli allergeni. Se la vittima è cosciente, prova a scoprire cosa ha causato l'attacco allergico. Se la reazione è innescata dall'introduzione del farmaco, rimuovere l'ago, applicare un laccio emostatico a circa 25 cm sopra il sito di iniezione e applicare ghiaccio. Se un insetto morde, rimuovere la puntura, applicare un laccio emostatico (quando possibile), applicare ghiaccio. Se lo shock è causato da un allergene alimentare, sciacquare lo stomaco, ecc..
  2. Appoggiare la vittima sulla schiena, sollevare le gambe.
  3. Gira la testa di lato. Se la vittima è incosciente, rilasciare le vie aeree da muco, vomito, ecc. Allunga la mascella inferiore, tira fuori la lingua. Se ci sono protesi, devono essere rimosse..
  4. Monitorare la respirazione, il polso, la pressione, il tempo per iniziare la reazione anafilattica.
  5. Garantire che le vittime ricevano antistaminici disponibili.
  6. Fornire aria fresca. Finestra aperta, vestiti slacciati.

Se la vittima ha farmaci di emergenza (i cosiddetti iniettori di adrenalina EpiPen, Anapen, Jext), devono essere somministrati secondo le istruzioni. Questi farmaci hanno la forma di una penna per siringa usa e getta. Gli iniettori di adrenalina vengono iniettati nel muscolo interno della coscia (è importante entrare nel muscolo e non nel tessuto adiposo). Il miglioramento delle condizioni del paziente di solito si verifica entro circa 5 minuti. Altrimenti, è consentita l'iniezione ripetuta dell'iniettore..

Emergenza medica

Immediatamente all'arrivo di un team di medici, al paziente verranno fornite cure di emergenza qualificate in caso di shock anafilattico, che consentirà di portare il paziente in una struttura medica senza perdita. Una serie di misure di emergenza comprende:

  • somministrazione endovenosa o intramuscolare di una soluzione di adrenalina. Se l'anafilassi è causata dall'introduzione di un farmaco o di una puntura di insetto, il sito di iniezione viene ulteriormente punzecchiato con una soluzione di adrenalina;
  • somministrazione di farmaci glucocorticosteroidi (prednisone, idrocortisone);
  • iniezione di una soluzione antistaminica (difenidramina, suprastina);
  • l'uso di "Eufillin" per lo spasmo broncopolmonare;
  • fornitura di ossigeno attraverso un catetere nasale;
  • rianimazione (massaggio cardiaco chiuso, respirazione artificiale, ventilazione meccanica, tracheotomia).

Inoltre, nelle condizioni di un'istituzione medica, al paziente verranno fornite una serie di misure volte a fermare la produzione di istamina, disintossicare il corpo, ripristinare il funzionamento stabile del sistema broncopolmonare, normalizzare la pressione sanguigna.

Dopo il ricovero, si consiglia al paziente di consultare uno specialista per 2-3 settimane.

Prevenzione dello sviluppo della reazione

Lo shock anafilattico può essere prevenuto osservando alcune regole:

  • evitare il contatto con sostanze aggressive;
  • studiare attentamente la composizione dei prodotti prima dell'uso;
  • evitare le punture di insetti;
  • leggere le istruzioni per l'uso di medicinali;
  • hanno sempre antistaminici con te;
  • portare un iniettore di adrenalina;
  • avvisare gli operatori sanitari della presenza di allergie prima di somministrare farmaci, vaccini;
  • attenersi rigorosamente al regime di trattamento prescritto da un allergologo.


Puoi anche scrivere una nota in cui dovresti descrivere in dettaglio come dovrebbero essere fornite le cure di emergenza in caso di shock anafilattico e portarlo con te in un luogo accessibile, ad esempio in una borsa, in tasca, nella borsa. Pertanto, è possibile facilitare in modo significativo il compito di una persona che è vicina in tempi difficili. essere sano!

Algoritmo di primo soccorso per shock anafilattico

Lo shock anafilattico è una reazione allergica immediata. Si basa su cambiamenti reattivi nel corpo umano in risposta alla penetrazione di sostanze allergiche. Il pronto soccorso tempestivo per lo shock anafilattico è l'unico modo per salvare la vita di una persona.

Gli allergeni entrano nel corpo in vari modi: con il cibo consumato, attraverso il sistema respiratorio, la pelle e quando iniettato. Secondo le statistiche, lo shock anafilattico si sviluppa più spesso con l'introduzione di medicinali.

In particolare, possono provocarlo antibiotici, sulfamidici, vitamine, agenti di contrasto ai raggi X. Inoltre, lo sviluppo di shock anafilattico può innescare punture di insetti e persino cibo.

Sintomi di shock anafilattico

Lo sviluppo di shock anafilattico si verifica improvvisamente ed è caratterizzato da un inizio acuto. Quasi immediatamente dopo che una sostanza allergica entra nel corpo umano, compaiono alcuni sintomi: debolezza generale, dolore dietro lo sterno. Spesso c'è la paura della morte.

Se durante questo periodo le cure di emergenza non sono state fornite con shock anafilattico, la condizione è fortemente aggravata:

  1. Un forte pallore della pelle.
  2. Il paziente è coperto di sudore freddo e appiccicoso.
  3. L'impulso diventa filiforme.
  4. Un forte calo della pressione sanguigna.
  5. Crampi, mancanza di respiro e perdita di coscienza.

A volte c'è uno sviluppo più lento dello shock anafilattico:

  1. C'è una sensazione di calore e un forte arrossamento della pelle.
  2. Rumore nelle orecchie.
  3. Prurito agli occhi e al naso.
  4. Respirazione rumorosa, tosse secca e starnuti.
  5. Dolore parossistico.

Se il pronto soccorso per shock anafilattico non viene fornito immediatamente, il paziente di solito muore.

Importante. È difficile fornire assistenza adeguata da soli a casa.

Algoritmo di primo soccorso per shock anafilattico

Al primo segno di shock, devi chiamare un'ambulanza.

Importante. Per fornire il primo soccorso, devi avere almeno le capacità di manipolazione del paziente minimo, poiché dovrai fare iniezioni e misurare le dosi esatte di farmaci.

Poggiare il paziente, girare la testa di lato e far emergere la mascella inferiore o rimuovere le protesi dentarie (se presenti) per prevenire la ritenzione della lingua e la conseguente asfissia. Alle estremità inferiori mettere scaldini caldi.

Eliminare l'effetto dell'allergene: interrompere la somministrazione del farmaco, rimuovere la puntura d'insetto.

Sopra il sito di penetrazione di una sostanza allergica nel corpo, applicare un laccio emostatico. Luogo asciutto e asciutto per rallentare l'assorbimento dell'allergene nel flusso sanguigno.

Chip la pelle nel sito di accesso agli allergeni con una soluzione di adrenalina allo 0,1%, in una proporzione di 0,5 ml di adrenalina per 4,5 ml di fisiologia.

Per via endovenosa - 0,5 ml di adrenalina per 20 ml di fisiologia, 60 mg di prednisone o 8 mg di desametasone.

2 ml di cordiamina, mesatone, caffeina vengono iniettati per via sottocutanea per stabilizzare la pressione.

L'introduzione di adrenalina e cordiamina deve essere eseguita 10-15 minuti prima della stabilizzazione persistente della pressione.

Se è presente broncospasmo, vengono somministrati 10 ml di 2,4% di aminofillina per 10 ml di soluzione di glucosio al 40%. Puoi entrare nell'aminofillina solo dopo aver aumentato la pressione sanguigna.

In caso di forte prurito ed eruzioni cutanee, introdurre per via intramuscolare 2 ml di suprastina o difenidramina, ripetere dopo 20 minuti, questo eliminerà l'effetto della sostanza allergica.

Con edema polmonare e insufficienza ventricolare sinistra, somministrare per via endovenosa 0,5 ml di strophanthin per 10 ml di glucosio al 40% e 10 ml di aminofillina.

Anche con un miglioramento delle condizioni, il paziente necessita di ricovero immediato nell'unità di terapia intensiva dell'istituto medico più vicino.

Prevenzione dello shock anafilattico

Qualsiasi malattia è più facile da prevenire che da curare in seguito. Per proteggere il corpo da reazioni allergiche immediate, non dovresti assumere farmaci incontrollati, in particolare antibiotici.

Se compaiono sintomi di qualsiasi tipo di reazione allergica, è necessario contattare il medico di famiglia e l'allergologo, sottoporsi a un esame raccomandato per identificare gli allergeni.

In questo caso, è necessario rispettare chiaramente tutte le raccomandazioni dei medici.

Algoritmo di pronto soccorso per shock anafilattico

Shock anafilattico o anafilassi: una reazione allergica di tipo immediato, uno stato di sensibilmente aumentata sensibilità del corpo, che si sviluppa con la somministrazione ripetuta di un allergene.
------------------------------------------------------------------------
Il tasso di shock anafilattico - da pochi secondi o minuti a 5 ore dall'inizio del contatto con l'allergene.
------------------------------------------------------------------------
CLINICA
Il primo sintomo o addirittura un presagio dello sviluppo di shock anafilattico è una pronunciata reazione locale nel punto in cui l'allergene entra nel corpo - dolore insolitamente acuto, grave gonfiore, gonfiore e arrossamento nel sito di una puntura d'insetto o iniezione di un farmaco, forte prurito della pelle che si diffonde rapidamente in tutta la pelle (generalizzata prurito). Quando un allergene viene assunto per via orale, il primo sintomo può essere un forte dolore all'addome, nausea e vomito, diarrea, gonfiore della cavità orale e della laringe. Quando il farmaco viene somministrato per via intramuscolare, si osserva dolore toracico (grave compressione sotto le costole) da 10-60 minuti dopo la somministrazione del farmaco.
-----------------------------------------------------------------------
Rapido edema laringeo, broncospasmo e laringospasmo si uniscono rapidamente, portando a una forte difficoltà respiratoria. La mancanza di respiro porta allo sviluppo di una respirazione rapida, rumorosa, rauca ("asmatica"). L'ipossia si sviluppa. Il paziente diventa molto pallido; le labbra e le mucose visibili, così come le estremità distali degli arti (dita) possono diventare cianotiche (cianotiche). In un paziente con shock anafilattico, la pressione sanguigna scende bruscamente e si sviluppa il collasso. Il paziente può perdere conoscenza o svenire.
-----------------------------------------------------------------------
TERAPIA
La prima misura per lo shock anafilattico dovrebbe essere la somministrazione urgente di adrenalina - 0,2-0,5 ml di una soluzione allo 0,1% per via sottocutanea o, preferibilmente, per via endovenosa. La somministrazione di adrenalina può essere ripetuta fino a una dose totale totale di 1-2 ml di soluzione allo 0,1% in un breve periodo di tempo (diversi minuti), ma in ogni caso deve essere somministrata in porzioni frazionarie. In futuro, l'adrenalina viene somministrata secondo necessità, tenendo conto della sua breve emivita, concentrandosi su pressione sanguigna, frequenza cardiaca, sintomi di sovradosaggio (tremore, tachicardia, contrazioni muscolari). Non è possibile overdose di adrenalina, perché i suoi metaboliti hanno la proprietà di peggiorare il decorso dello shock anafilattico e bloccare i adrenorecettori.

Dopo l'adrenalina, devono essere somministrati glucocorticoidi. Va notato che le dosi di glucocorticoidi necessarie per alleviare lo shock anafilattico sono decine di volte superiori alle dosi "fisiologiche" e molte volte superiori alle dosi utilizzate per trattare malattie infiammatorie croniche come l'artrite. Le dosi tipiche di glucocorticoidi necessarie nello shock anafilattico sono 1 fiala “grande” di metilprednisolone (come per la terapia del polso) da 500 mg ciascuno (cioè 500 mg di metilprednisolone) o 5 fiale di desametasone 4 mg (20 mg) o 5 fiale di prednisolone 30 mg (150 mg). Le dosi più piccole sono inefficaci.

È anche indicata la somministrazione di antistaminici da quelli che non abbassano la pressione sanguigna e non hanno un alto potenziale di allergene intrinseco: 1–2 ml di difenidramina all'1% o suprastin, tavegil.

La somministrazione endovenosa lenta di 10-20 ml di una soluzione al 2,4% di aminofillina ha dimostrato di alleviare il broncospasmo, ridurre l'edema polmonare e facilitare la respirazione. (Questo è in discussione e non esiste ancora una risposta concreta all'opportunità di somministrare aminofillina)

✙ Aiuto medico di emergenza ✙