Test cutanei per la diagnosi di allergie

Nutrizione

I test cutanei per le allergie sono un esame del corpo per identificare l'intolleranza personale o l'ipersensibilità a determinate sostanze irritanti (allergeni). Test simili sono richiesti se:

  • predisposizione a una reazione allergica al fine di identificare sostanze irritanti più probabili;
  • anche lievi sospetti di sviluppare un'allergia prima di usare anestetici, usare un nuovo farmaco, cosmetici non familiari o in altre situazioni simili, specialmente in un bambino;
  • la necessità di determinare l'irritante se la fonte della reazione patologica del sistema immunitario non è nota a una persona.

Inoltre, sono indicati test allergenici per alcune malattie:

  • con asma bronchiale con grave insufficienza respiratoria;
  • con febbre da fieno con sintomi pronunciati caratteristici di questa patologia;
  • con cibo, allergie ai farmaci;
  • con rinite allergica, congiuntivite, dermatite.

Grazie a un test allergologico, puoi scoprire rapidamente quale sostanza è diventata la causa di una maggiore sensibilità. A tal fine, il corpo è influenzato da vari stimoli nel dosaggio minimo, quindi valuta i risultati in base alla natura delle manifestazioni.

  • scarificazione: nell'area dell'avambraccio, lo specialista applica particelle di allergene, per questo, piccoli graffi vengono fatti usando un ago o una lancetta;
  • applicazione - una tecnica sicura in cui non è necessario causare danni anche minimi all'epidermide: il medico mette un batuffolo di cotone imbevuto di una soluzione allergenica sulla pelle del paziente;
  • prik-test: un'infermiera rilascia una piccola quantità di allergene sulla pelle, quindi esegue accuratamente una puntura nell'area del test con uno strumento speciale.

Test allergologici durante l'infanzia

I test allergologici per i bambini devono essere eseguiti quando qualcuno della famiglia ha una tendenza alle allergie.

In alcuni casi, anche con una corretta alimentazione e cura, il bambino ha ancora segni di allergia. Sia i parenti che il medico non sono in grado di dire immediatamente cosa ha causato lo sviluppo di una tale reazione dell'organismo. In tale situazione, un test allergologico aiuterà a raggiungere i risultati desiderati..

Per capire come viene eseguito un test allergologico su un bambino, prima di procedere con la manipolazione, è necessario consultare un allergologo pediatrico. Il metodo più adatto per il test degli allergeni nell'infanzia è un test di scarificazione..

Procedure simili possono essere eseguite non per tutti i bambini. L'allergotest per i bambini di età inferiore a 2 anni non porta l'effetto desiderato e offre sensazioni spiacevoli.

Inoltre, durante i test per gli allergeni, il bambino non dovrebbe avere alcun sintomo caratteristico di questa patologia (eruzione cutanea, naso che cola, sindrome della tosse, ecc.).

Algoritmo di allergia

I test di screening degli allergeni vengono eseguiti come segue:

  1. Prima di graffiare, la pelle viene trattata con alcool al 70%..
  2. Se il test viene eseguito su un bambino, la manipolazione viene eseguita sul retro nella regione superiore e per gli adulti sull'avambraccio.
  3. Il medico deve applicare piccoli graffi sull'area trattata della pelle con un intervallo di 4-5 cm. Se la procedura non viene eseguita correttamente (la posizione dei segni è molto vicina), è possibile ottenere risultati imprecisi.
  4. Usando un ago o una lancetta sterili, il medico introduce un estratto o una soluzione di sostanze irritanti. Ogni tipo di allergene viene applicato con nuovi strumenti..
  5. Per un quarto d'ora, il paziente deve rimanere fermo in modo che le soluzioni con allergeni non si mescolino, altrimenti i risultati non saranno corretti.
  6. Dopo un po ', valutando il riflesso della pelle nell'area dei graffi, il medico conclude se la sostanza è pericolosa per questa persona o meno. La comparsa di papule, iperemia, prurito, gonfiore in una particolare area indica una reazione negativa a questa sostanza irritante.
  7. I risultati dello studio possono essere visti dopo 15 minuti. Dopo aver effettuato le misurazioni necessarie, analizzando la situazione, il medico pulisce i resti delle gocce di allergeni dalla pelle. Durante una manipolazione, è possibile controllare la reazione per non più di 20 stimoli.

Un prerequisito per l'esame corretto, dopo il quale non ci saranno reazioni negative, è l'esperienza del personale medico che conduce la procedura. Se il corpo del paziente risponde violentemente agli stimoli introdotti, il che porta allo sviluppo di reazioni anafilattiche, potrebbe essere necessario fornire assistenza specializzata rapida e competente per prevenire gravi complicazioni.

Limitazioni per i test allergologici

Qualsiasi studio allergologico è controindicato nei seguenti casi:

  • decorso acuto delle allergie per 14-21 giorni;
  • trattamento con antistaminici e altri medicinali, il cui scopo è ridurre la produzione di istamina, nonché i primi 7 giorni dopo l'interruzione della loro assunzione;
  • trattamento con sedativi e altri sedativi contenenti barbiturici, sale di bromo e magnesio, nonché i primi 7 giorni dopo il loro rifiuto;
  • esacerbazioni di patologie di forma cronica, inclusi disturbi neuropsicologici o stadio della cura;
  • gravidanza e allattamento, mestruazioni - nelle donne;
  • nel recente passato di shock anafilattico;
  • trattamento con farmaci ormonali, nonché durante i primi 14 giorni dopo la fine della terapia di corso;
  • lo sviluppo nel corpo di una malattia infettiva e infiammatoria (respiratoria, patologie virali, tonsillite, ecc.);
  • diagnosi di cancro, AIDS, diabete;
  • in presenza di una risposta violenta a uno stimolo specifico;
  • quando un paziente ha meno di 3-5 anni o più di 60 anni.

Se è presente una di queste condizioni, non viene eseguito un test cutaneo per l'allergene. In questo caso, il sangue del paziente viene esaminato per determinare lo stimolo..

Preparazione allo studio

Nel processo di preparazione per il test allergologico, è necessario prima analizzare le controindicazioni ed escludere tutti i possibili fattori che possono portare a una distorsione dei risultati della ricerca. Inoltre, va tenuto presente che il campionamento è possibile solo con remissione stabile (almeno 4 settimane dopo l'esacerbazione).

Inoltre, nel processo di preparazione per lo studio, è necessario osservare alcuni requisiti:

  • 3 giorni prima del test, è richiesta una riduzione dell'attività fisica;
  • è vietato fumare durante il giorno;
  • il giorno dell'esame, non mangiare, poiché i test di scarificazione vengono eseguiti a stomaco vuoto o non meno di 3 ore dopo aver mangiato.

Inoltre, gli esperti consigliano di condurre una preparazione psicologica per la manipolazione: rilassarsi e prepararsi per il completamento con successo della procedura.

Decifrare i risultati

Un test cutaneo è una tecnica altamente informativa che consente di identificare il livello di rischio di una sostanza per un determinato organismo. Il risultato dello studio può essere:

  • nettamente positivo - arrossamento intenso, rigonfiamento, che raggiunge una dimensione di 1 cm o più;
  • iperemia positiva - marcata, dimensioni delle papule - fino a 5 mm;
  • debolmente positivo - arrossamento marcato, dimensione convessa non superiore a 3 mm;
  • incerto: la pelle è iperemica, ma non c'è papula (per chiarire la diagnosi, viene prescritto un esame del sangue o un'altra procedura a scelta di uno specialista);
  • negativo: non si verificano reazioni cutanee nell'area della somministrazione di allergeni.

Ragioni per risultati imprecisi

Occasionalmente, i risultati dei test non sono accurati. Questo fenomeno si osserva spesso se:

  • il paziente ha assunto antistaminici o altri farmaci che rallentano la formazione di manifestazioni allergiche;
  • manipolazione errata;
  • i riflessi della pelle sono ridotti in una determinata persona in un determinato momento, di solito questo si osserva nei bambini e nei pazienti anziani;
  • gli estratti di sostanze irritanti sono conservati in violazione delle regole, a causa delle quali le loro proprietà cambiano;
  • viene effettuato un test su una sostanza che non è il principale allergene;
  • un'infermiera ha preparato una soluzione con una concentrazione molto bassa.

Possibili effetti collaterali e conseguenze dopo un test cutaneo

In alcuni casi, quando si esegue un test cutaneo nei bambini, è possibile sviluppare effetti simili di intensità diversa:

  • eruzione cutanea e prurito;
  • eccessiva irritazione nell'area in cui sono stati applicati gli allergeni;
  • sentimenti di costrizione dietro lo sterno durante la respirazione;
  • cambiamenti nella pressione sanguigna, che si presentano sotto forma di vertigini e svenimenti;
  • disagio nell'addome e nell'intestino.

Tali sintomi possono svilupparsi dopo un paio d'ore e durare per le prime 24 ore dopo il test. Se vengono pronunciate reazioni avverse, il bambino può sviluppare gravi complicazioni che a volte possono portare alla morte. Per questo motivo, il medico, prima di eseguire un test cutaneo, comunicherà sicuramente ai genitori del bambino le possibili reazioni negative e la necessità di trascorrere un po 'di tempo (entro 24 ore) in ospedale, dove, se necessario, verrà fornita assistenza specializzata in modo tempestivo.

Il livello di pericolo in tale situazione è determinato tenendo conto dello stato generale della salute del bambino e del tipo di stimolo somministrato.

Se esiste una predisposizione alle reazioni allergiche, è necessario essere testati una volta per le allergie. È molto più facile prevenire qualsiasi disturbo che cercare di far fronte ai suoi sintomi e complicazioni in futuro. Ciò è particolarmente importante in relazione alle allergie. Dal momento che può svilupparsi su qualsiasi sostanza, determinando quale, semplicemente non puoi entrare in contatto con essa e non incontrare un fenomeno come una reazione allergica.

Test allergologici nei bambini: come e da quale età prendere

Ciao cari lettori! Oggi abbiamo deciso di toccare un argomento come i test allergologici nei bambini.

Ti diremo quando devono essere fatti, a che età, come va il processo e l'analisi.

Abbiamo raccolto tutte le informazioni più importanti e complete sui tipi di campioni, il che faciliterà l'orientamento in questa materia..

Quando fare ricerche

Nella pratica medica, ci sono alcune indicazioni per lo studio. Tuttavia, puoi prendere indipendentemente tuo figlio per confermare / negare la presenza di una reazione allergica, senza prescrizione medica.

In questo caso, le principali indicazioni per l'analisi sono:

  • la presenza di sintomi che indicano lo sviluppo di allergie;
  • un quadro clinico vivido, senza una chiara eziologia (in altre parole, i medici non sono in grado di determinare perché si siano manifestati i sintomi);
  • shock anafilattico;
  • risposta al vaccino.

Dove fare un test? L'esame e l'analisi del bambino vengono effettuati in una clinica specializzata. In molte cliniche della comunità, questo servizio è disponibile..

Per cominciare, il bambino dovrebbe essere esaminato da un pediatra locale, quindi inviarlo a un allergologo.

Uno specialista ristretto determina cosa fare dopo e prescrive test allergologici.

Le analisi vengono eseguite sotto la supervisione di specialisti esperti. Ciò è dovuto alla specificità della malattia..

E in generale, il corpo di ogni bambino è unico, è impossibile prevedere la sua reazione.

E può essere molto forte, il che richiede l'assistenza immediata di personale altamente qualificato.

Ci sono limiti di età?

A che età è possibile condurre uno studio? In generale, un esame del sangue può essere preso anche da un mese.

Ciò determinerà la presenza di una specifica immunoglobulina IG E. La sua presenza nel sangue indica lo sviluppo di una reazione allergica.

Nonostante la mancanza di limiti di età, gli esperti raccomandano di non farlo fino a 6 mesi. Questo è stress per un bambino e trovare la vena di un bambino non è così facile.

Se il bambino viene allattato al seno, gli anticorpi della madre potrebbero essere presenti nel sangue e l'analisi sarà errata.

Un esame del sangue può essere eseguito sia durante il periodo di esacerbazione, sia durante il periodo di allergie "calme".

I test cutanei vengono eseguiti da bambini di 3-5 anni e solo durante la remissione.

I limiti di età possono essere revocati se:

  • naso che cola prolungato (mentre non ci sono altri segni di raffreddore);
  • mal di gola costante;
  • prurito ed eruzioni cutanee, che non passano da sole;
  • respirazione difficoltosa
  • la scomparsa dei sintomi quando si usano antistaminici specializzati.

Come fare un'analisi

Tutti i test di laboratorio eseguiti in ambito medico causano una risposta immunitaria.

I test cutanei sono mirati a questo. L'introduzione di un allergene consente di identificare la reazione del corpo ad esso e quindi confermare o confutare il suo pericolo.

Con la penetrazione di un potenziale allergene, il sistema immunitario inizia a combatterlo attivamente.

La sostanza risultante è riconosciuta come una minaccia. Il sistema immunitario inizia la produzione attiva di anticorpi specifici che influenzano le condizioni generali del bambino.

Ha i principali sintomi della malattia: eruzioni cutanee, prurito, lacrimazione e difficoltà respiratorie. In un caso grave, si registra uno shock anafilattico.

Per evitare lo sviluppo di gravi conseguenze, i test cutanei e i test vengono eseguiti esclusivamente in una struttura medica..

Ciò consente di interrompere urgentemente le allergie in caso di reazione immunitaria acuta..

Per ottenere materie prime per analisi di laboratorio, è sufficiente prelevare un po 'di sangue venoso e condurre una serie di studi.

Con i test cutanei, la situazione è diversa. Tutto viene eseguito qui a diretto contatto con la pelle del bambino..

È leggermente graffiato e una piccola quantità di allergene viene applicata sull'area danneggiata. Se c'è una reazione, viene aggiunto al gruppo di sostanze potenzialmente pericolose..

In assenza di sintomi negativi, lo studio continua.

I principali tipi di campioni

I test cutanei per allergeni nei bambini sono di diversi tipi, questo consente di ottenere un quadro clinico completo durante la loro condotta. Questi includono:

  • test cutanei direttamente;
  • test provocatori;
  • test di eliminazione;
  • prove di freddo e caldo.

Inoltre, uno specialista può consigliare di sottoporsi a un esame allergologico e immunologico completo. Cominciamo guardando ogni tipo di studio in ordine..

Test cutanei

I test cutanei sono il modo più comune e più semplice per determinare un allergene. Per fare questo, in un ambiente ambulatoriale, un bambino viene iniettato o graffiato sulla pelle.

Una piccola quantità di allergene viene applicata sull'area danneggiata. Entro 15-20 minuti, dovrebbero comparire i primi sintomi (in caso di allergie).

L'obiettivo principale dei test cutanei è identificare le sostanze potenzialmente pericolose. Questo è uno studio completamente indolore e il più sicuro.!

Per risultati accurati, gli specialisti usano una patch di pelle nell'avambraccio. Viene inoltre pulito con alcool e quindi passa alla procedura stessa.

Test provocatori

I test allergologici nei bambini vengono eseguiti utilizzando test provocatori. Aiutano a determinare la vera causa di una reazione allergica, anche se altri metodi non hanno aiutato..

Questo tipo di ricerca viene effettuata esclusivamente in ospedale. Dopotutto, la reazione può essere fulminea, il che richiede una rapida assistenza. In questo caso, l'allergene viene applicato sulla o sotto la pelle..

Test di eliminazione

In questo caso, il bambino deve essere limitato nel consumo di alimenti (sospetti allergeni).

Quindi introdurli gradualmente uno alla volta con una pausa di 2 settimane e osservare la reazione del corpo.

Tale studio può essere fatto a casa, ma con estrema cautela..

Prove di freddo e caldo

In questo caso, la pelle del bambino è influenzata da basse o alte temperature..

Sì, alcuni bambini possono essere allergici al raffreddore o alla febbre..

Quale tipo di ricerca condurre, decide lo specialista. Tutto dipende dall'età del bambino, dalle manifestazioni cliniche e dall'efficacia delle tecniche..

Vietare la ricerca non è raccomandato, perché può salvare la vita a tuo figlio.

Importante da ricordare

  1. Test cutanei - questo è uno studio serio, che viene effettuato esclusivamente in ospedale.
  2. Esistono diverse varietà di campioni e test..
  3. Quale tipo di studio scegliere, decide il medico.

Iscriviti agli aggiornamenti delle risorse e condividi informazioni utili con i tuoi amici sui social network. Ci vediamo nel prossimo articolo.!

Test per allergeni (test allergologici): cos'è, come sono fatti, metodi, indicazioni

Test allergologici - questo è uno dei metodi più informativi per determinare l'intolleranza personale da parte del corpo umano di vari tipi di sostanze irritanti chimiche (allergeni).

Questo metodo è più efficace, con un disagio minimo per il paziente..

I test diagnostici allergici vengono eseguiti solo dopo un esame completo del paziente..

Allergologi e immunologi raccomandano che ogni persona che soffre di allergie esegua test allergologici. Come eseguire i test allergologici, come prepararli e quali standard dovrebbero essere descritti più avanti nell'articolo.

Indicazioni per un test allergologico

Se una persona ha un'allergia, si consiglia di eseguire test allergologici al fine di identificare il principale patogeno e iniziare un trattamento efficace. Le indicazioni per i test allergologici comprendono pazienti con sospetti

  • dermatite allergica e asma bronchiale;
  • naso che cola stagionale o cronico (febbre da fieno);
  • rinite allergica (naso che cola, secrezione di muco dal naso);
  • photodermatitis;
  • allergia alimentare (prurito, orticaria, pelle secca);
  • congiuntivite allergica;
  • gonfiore e gonfiore della pelle, mancanza di respiro;
  • irragionevole prurito agli occhi, alle palpebre, al naso;
  • diarrea;
  • dolore e dolore allo stomaco;
  • reazioni a punture di animali o insetti (ad esempio: allergia alle punture di zanzara);
  • sensibilità corporea a prodotti chimici e medicinali per la casa.

Tutti o alcuni dei suddetti sintomi presenti in una persona richiedono un esame completo per accertarsi che vi sia un'allergia. Il metodo migliore è un test allergologico..

Lo scopo del test allergologico è:

  • determinazione del metodo di trattamento delle allergie;
  • test di farmaci ri-somministrati;
  • istituzione di reazioni a cosmetici, cibo, animali, insetti, polvere, ecc..

L'allergia si verifica a causa della reazione del corpo a un fattore irritante, il che significa che il sistema immunitario è rotto. Allergotest aiuterà a identificare i principali agenti patogeni, prevenendo così le successive reazioni del corpo..

Dopo aver identificato gli allergeni, una persona saprà cosa evitare (cibo, prodotti chimici domestici, cosmetici, polvere, ecc.).

Controindicazioni per i test allergologici

Come molti altri metodi, i test allergici possono essere controindicati nell'uomo. Questo succede se:

  • una persona è malata di malattie infettive con decorso cronico (tonsillite, polmonite, bronchite);
  • nell'uomo, la sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS) o altre patologie autoimmuni, con esse è vietato un allergotest;
  • shock anafilattico (reazioni anafilattiche e anafilattoidi);
  • durante l'allattamento (allattamento);
  • bronchite asmatica a uno stadio scompensato;
  • avere un figlio;
  • peggioramento delle reazioni allergiche;
  • disturbi mentali (nevrosi, nevrastenia, schizofrenia, ecc.).

Esistono due tipi di restrizioni per un test allergologico: assoluto e relativo.

  • Absolute implica un altro esame del sangue sicuro e altamente informativo per gli anticorpi (panel di allergeni alimentari).
  • Per quanto riguarda le controindicazioni relative, è vietata l'introduzione anche della dose minima dell'agente allergico durante la gravidanza, la polmonite e la tonsillite.

I test allergologici per i bambini sono anche controindicati se sono malati di angina, influenza, raffreddore, ecc..

Tipi di test allergologici

Per identificare i principali allergeni, gli allergologi utilizzano diversi tipi di campioni. Tipi di test allergici:

  • Test di screening delle allergie. Questo allergotest viene effettuato per stabilire la sensibilità del corpo umano a vari agenti patogeni delle allergie;
  • Applicazione. Implica l'introduzione di un frammento dell'allergene sotto la pelle, dopo di che vengono osservati e valutati i cambiamenti della pelle locale;
  • Test di Prik o iniezione. Il test più conveniente e rapido per rilevare reazioni allergiche;
  • Diretto. L'esame viene effettuato per diagnosticare malattie che si sono sviluppate con intolleranza a un irritante specifico. L'epidermide e il sospetto allergene sono in contatto diretto;
  • Indiretto. Questi test allergologici sono piuttosto laboriosi e richiedono molto tempo. Durante il test, è necessario essere chiaramente monitorati da uno specialista. Inoltre, il metodo è doloroso, poiché gli allergeni vengono iniettati in profondità sotto la pelle..
  • Provocatorio. Il metodo viene utilizzato solo se altri metodi hanno dato un contenuto di informazioni basso. Un test provocatorio consente di stabilire una diagnosi in modo più accurato rispetto ai test precedenti..
  • Cytotest. Per rilevare allergie alimentari, viene utilizzato un citotest. L'eruzione cutanea, la pelle secca e il prurito possono essere causati da un funzionamento alterato del tratto gastrointestinale. Questo test allergologico prevede il controllo delle reazioni a 50 o più alimenti che possono essere consumati quotidianamente. Questo metodo è raccomandato per le persone che hanno una mancanza o un eccesso di peso, un'eruzione cutanea pruriginosa, malessere generale, feci turbate (diarrea, costipazione).

La conduzione di determinati tipi di test comporta l'inclusione nel processo dello strato superiore della pelle.

I test sulle allergie cutanee sono più istruttivi per chiarire la diagnosi, diagnosticare malattie allergiche o il tipo di allergene.

Quali tipi di test allergologici devono essere determinati da un allergologo al fine di ottenere ulteriori risultati accurati.

Esecuzione di un test allergologico nei bambini

I bambini in cui uno dei parenti sono inclini a reazioni allergiche devono essere diagnosticati..

Succede che nonostante la dieta e le cure corrette, il bambino manifesterà ancora reazioni allergiche. Né i genitori né i medici saranno in grado di determinare esattamente a cosa vi sia un'allergia. È in questo caso che puoi ottenere risultati migliori con i test allergologici..

Per capire come i bambini fanno i campioni, è necessario consultare un allergologo prima della procedura.

I test allergologici più adatti per i bambini sono la scarificazione, cioè una certa quantità di irritante viene applicata sulla pelle. La vista di scarificazione viene di solito eseguita sull'avambraccio, sui bambini sulla coscia o sulla schiena.

Il metodo viene eseguito in tre modi:

  • lo strato superiore dell'epidermide viene graffiato e viene applicato un allergene;
  • perforando la pelle con un ago speciale;
  • test intradermico: l'introduzione dell'allergene viene eseguita con una siringa.

I test delle allergie cutanee comportano l'osservazione da parte degli specialisti della reazione del corpo allo stimolo. Più luminoso è il colore e più grande è il punto che si forma attorno al sito del campione (un'iniezione o un graffio), più è probabile che sia in grado di fare una diagnosi corretta e identificare il principale patogeno.

I campioni non sono ammessi per tutti i bambini. I test allergologici per i bambini di età inferiore ai due anni non danno il risultato atteso e causano disagio.

Inoltre, al fine di testare le allergie ai bambini, la malattia dovrebbe essere in remissione completa, cioè il bambino durante questo periodo non dovrebbe avere alcun segno della malattia (eruzione cutanea, naso che cola, tosse, ecc.).

Gli adulti non devono somministrare al bambino alcun farmaco antiallergico prima di un test allergologico.

Preparazione prima di un test allergologico

Come prepararsi per la procedura aiuterà uno specialista, a spiegare e dare raccomandazioni specifiche.

Esiste un test allergologico prima di eseguire non è vietato, ma anche viceversa dovrebbe essere obbligatorio. Questo è particolarmente vero per i bambini..

Quando si usano pomate o creme ormonali, è necessario informare il proprio medico di questo. In questo caso, il test verrà eseguito su un'area della pelle che non è stata interessata dai mezzi..

Prima di eseguire test allergici, il paziente deve somministrare il sangue per l'analisi. Se un'allergia non viene identificata e non ci sono controindicazioni evidenti, è possibile procedere alla selezione di un test allergologico.

È necessario un esame del sangue per scoprire se c'è un'allergia e per vedere il volume dei componenti nel sangue. È necessario prepararsi con cura per la consegna di un test allergologico. Alcuni giorni prima del test, si raccomanda di escludere lo stress fisico ed emotivo.

Come sono i test allergologici

  • Test di screening delle allergie. I frammenti di allergene vengono applicati all'avambraccio del paziente. Alcuni piccoli graffi sono fatti con un ago o una lancetta;
  • Applicazione. La vista più sicura. La tenuta non richiede alcun danno alla pelle. Un tampone inumidito con una soluzione di stimolo viene applicato sulla pelle;
  • Test di Prik o iniezione. Una goccia di allergene viene gocciolata sulla pelle, dopodiché, utilizzando uno speciale ago medico, l'area del test viene perforata ordinatamente;
  • Indiretto. In primo luogo, un allergene viene iniettato sotto la pelle, dopo un po 'il medico raccoglie il sangue venoso per rilevare il livello di anticorpi;
  • Provocatorio. Viene eseguita la reazione di Praustnitsa-Kustner, cioè il siero con il sangue di un paziente allergico viene iniettato in una persona sana, le particelle del sospetto allergene sono state rivelate mediante esame microscopico di sangue. Dopo un giorno, il medico determina il livello di tutti gli anticorpi nella pelle, dopo l'area in cui è stato eseguito il test, l'allergene viene elaborato. Successivamente, si verifica il monitoraggio standard della risposta del corpo allo stimolo..

Valutazione dei test cutanei di scarificazione

ReazioneRisultatoCaratteristica
Negativo-Mancanza di gonfiore e iperemia
dubbioso±Iperemia senza gonfiore nel sito del test
Debolemente positivo+Il gonfiore raggiunge i 2-3 mm, si nota solo se si allunga la pelle, grave iperemia
Positivo+ +Il gonfiore raggiunge i 4-5 mm, è evidente senza tensione, alta iperemia
Nettamente positivo+ + +Il gonfiore raggiunge i 6-10 mm con presenza di pseudopodi, iperemia elevata
Molto positivo+ + + +Il gonfiore raggiunge più di 10 mm con presenza di pseudopodi, grave iperemia e linfangite

Valutazione dei test allergologici intradermici

ReazioneRisultatoCaratteristica di reazione
Negativo-Le dimensioni sono le stesse del controllo
dubbioso±Il gonfiore si risolve molto più passivamente rispetto al controllo
Debolemente positivo+Il gonfiore ha un diametro di 4-8 mm, la pelle intorno è iperemica
Medio Positivo+ +Il gonfiore raggiunge 8-15 mm di diametro, arrossamento della pelle
Nettamente positivo+ + +Il gonfiore raggiunge i 15-20 mm di diametro con la presenza di pseudopodi, iperemia della pelle
Molto positivo+ + + +Gonfiore di oltre 20 mm di diametro con presenza di pseudopodi, vesciche cumulative attorno alla circonferenza con grave iperemia della pelle

Decifrare i risultati di un test allergologico

Uno dei test più informativi e rapidi è un test prik. I graffi e l'effetto dell'allergene daranno un risultato accurato sulla presenza o l'assenza di reazioni allergiche.

L'indicatore principale è la larghezza del graffio o del luogo indicato.

Se il graffio non è superiore a 2 mm, la reazione è negativa, se 5 mm è positivo (vedi foto sopra). L'interpretazione generale dell'analisi non richiede più di cinque minuti. Successivamente, lo specialista spiega i risultati della diagnosi alla persona più allergica o ai genitori di un bambino malato.

Oggi tutti possono indovinare la presenza di un'allergia. I sintomi sono espressi, quindi, ai primi segni irragionevoli, è necessario contattare un allergologo e un immunologo. Ciò è particolarmente vero per i bambini, poiché un bambino piccolo tollera i sintomi delle allergie peggio di un adulto.

Per sapere cosa deve essere escluso dalla dieta o per evitare altri fattori irritanti, è necessario eseguire un test diagnostico allergico.

Che cos'è un test allergologico.

Il sito fornisce informazioni di riferimento a solo scopo informativo. La diagnosi e il trattamento delle malattie devono essere effettuati sotto la supervisione di uno specialista. Tutti i farmaci hanno controindicazioni. È richiesta la consultazione di uno specialista!

Informazione Generale

I test allergologici o i test diagnostici allergici sono un metodo per rilevare l'intolleranza individuale di vari elementi chimici (allergeni) da parte del corpo. Vengono eseguiti solo dopo un attento esame del paziente, quando è possibile stabilire il numero massimo di sostanze irritanti sospette che causano allergie..

Specialisti allergologi e immunologi consigliano ad ogni persona allergica di condurre questa diagnosi almeno una volta nella vita; il suo obiettivo è identificare la cosiddetta "lista nera" di allergeni che squilibrano il sistema immunitario umano. Grazie a ciò, in futuro è possibile ripristinare l'equilibrio nel corpo e, quindi, ripristinare la salute in ordine.

Spesso, questo argomento interessa i genitori il cui bambino è allergico. Quando è necessario somministrare l'anestesia, assumere altri nuovi farmaci, è necessaria una visita dal dentista, c'è la minaccia di una reazione negativa dal corpo del bambino.

In conformità con la normativa vigente, il medico curante, in caso di minimo sospetto di allergia, è tenuto a nominare un test allergologico per il bambino. In caso di rilevamento di allergie, la diagnostica di screening viene eseguita prima di prescrivere un farmaco o l'imminente somministrazione di anestesia. Questo è un esame dettagliato del paziente il più presto possibile; in questo caso, viene applicato un insieme di metodi diagnostici e vengono prese in considerazione le caratteristiche individuali del corpo.

Indicazioni per

Quando puoi fare a meno di un test allergologico??
Quindi, quando è impossibile stabilire a quali sostanze si manifesta la reazione dell'organismo.

Le principali indicazioni per condurre:

  • Se il paziente era malato o con asma bronchiale, dermatite allergica;
  • Pollinosi (naso che cola cronico o stagionale);
  • Naso chiuso;
  • Allergie alimentari (prurito, eruzione cutanea);
  • Rinite allergica, congiuntivite;
  • Attacchi di soffocamento, tosse asfissiante, respiro sibilante periodico, respiro corto;
  • Gli occhi, le palpebre, il naso sono graffiati senza motivo;
  • Un'eruzione cutanea sul corpo tutto l'anno;
  • Gonfiore sulla pelle;
  • Naso costantemente o spesso chiuso, scarico senza evidenti segni di raffreddore;
  • Quando reazioni allergiche a punture di insetti e animali si sono verificate prima;
  • Nel caso in cui i suddetti sintomi compaiano dopo l'assunzione di nuovi farmaci, per i prodotti chimici domestici, alcuni alimenti.

Alcuni allergologi considerano anche i sintomi di allergia e raccomandano
attenzione a sintomi come respiro corto, pelle secca e prurito, diarrea e mal di stomaco. Gli esperti raccomandano che in tali problemi anche sottoporsi a un esame al fine di identificare o, al contrario, negare le allergie.

Anche i bambini i cui parenti hanno una patologia allergica devono essere diagnosticati. Accade spesso che le madri riflettano attentamente sulla dieta del bambino, tengano un diario alimentare, provino gradualmente a identificare il prodotto che provoca l'allergia con il metodo dell'esclusione, ma inutilmente: il bambino è ancora coperto da un'eruzione cutanea, secrezione nasale, tosse e altri sintomi familiari. Cioè, né la madre né il medico possono stabilire il motivo. In questi casi, non puoi fare a meno di un test allergologico.

Nelle allergie stagionali, i test e l'immunoterapia specifica vengono eseguiti fuori stagione (l'allergene viene introdotto nel corpo in piccole dosi).

Prescrizione di un test allergologico

I test allergologici vengono eseguiti per:

  • Definizioni di un metodo per il trattamento di pazienti con allergie;
  • Test di nuovi farmaci introdotti;
  • Uso di cosmetici precedentemente non applicabili.

Per ogni persona allergica, gli esperti in questo campo della medicina raccomandano vivamente di sottoporsi a una diagnosi allergica almeno una volta nella vita. Dopotutto, se si verifica una reazione simile del corpo, significa che il sistema immunitario è sconvolto, reagendo in modo simile alle sostanze circostanti. Un test allergologico aiuterà a confermare la presenza di sostanze irritanti sospette e può anche identificare agenti patogeni non familiari delle allergie e, quindi, prevenire possibili problemi in futuro; aiuterà a identificare i principali nemici: gli allergeni, che è meglio evitare per non mettersi in pericolo.

Inoltre, la persona saprà chiaramente quali allergeni dovrebbero essere temuti; la diagnostica allergica complessa (test cutanei e test immunosorbente enzimatico) consente il trattamento - terapia immunosensibilizzante sistemica (eliminazione della maggiore sensibilità del corpo). È un processo di introduzione graduale di piccole dosi di allergeni nel corpo al fine di adattare il sistema immunitario alle sostanze irritanti. A poco a poco, la risposta del corpo si indebolisce e per una reazione forte e critica sarà già necessaria una grande dose di allergene. La situazione sta gradualmente diventando meno pericolosa.

Il compito di un test allergologico è identificare il paziente con sensibilizzazione (aumentando la sensibilità del corpo) a varie sostanze irritanti che circondano una persona nella vita di tutti i giorni. Svolge un ruolo enorme nel processo di diagnosi di una malattia e prescrizione di trattamenti complessi per pazienti con disturbi gravi, come asma bronchiale, dermatite atopica, rinite e congiuntivite di origine allergica, orticaria, ecc..

Tutti dovrebbero sapere se hanno un'allergia; se c'è, allora è indispensabile ricordare o tenere traccia di quali particolari farmaci lo causano. Quando si visita un dentista, spesso ai pazienti viene chiesto di effettuare un'iniezione anestetica, non avendo idea e non sono interessati a quale farmaco verranno somministrati. E non sanno che potrebbero avere una grave reazione allergica alla sostanza iniettata. E sarebbe bello, e chiedere di fare un test allergologico. Prima di usare il farmaco, qualsiasi medico è tenuto a informarsi sulla reazione del corpo ai farmaci. E solo nel caso in cui il paziente affermi inequivocabilmente che non c'è allergia, procede al trattamento.

Sebbene il paziente possa non sapere quali sorprese porterà il suo corpo in risposta all'iniezione, può trattarsi di orticaria, broncospasmo o persino soffocamento. Ma può verificarsi un'allergia e non solo all'iniezione. Il pericolo può essere rappresentato dal lattice con cui sono realizzati i guanti del medico e dal materiale del sigillo. Particolarmente attentamente è necessario fare riferimento alla prossima procedura di anestesia, dovrebbe avvenire sotto la supervisione di un anestesista-rianimatore competente e solo se si verifica un risultato del test allergologico sulla sicurezza dell'uso dell'anestetico, garantendo la sicurezza del farmaco.

Spesso la causa delle allergie, ben note all'uomo, sono i prodotti, la cosiddetta intolleranza alimentare. A volte è combinato con una reazione a sostanze irritanti non alimentari - nel caso di un'allergia familiare, ad esempio albicocche, grano, una persona può avere una reazione simile e talvolta violenta alla fioritura di assenzio, betulla. Non puoi nemmeno scoprire una simile allergia fino a quando l'allergene non si incontra sulla strada. L'allergodiagnosi aiuta a identificare le sostanze irritanti e aiuta a evitare problemi indesiderati in futuro..

È molto importante prevenire lo sviluppo di reazioni allergiche nei bambini in tenera età. Dopotutto, il sistema immunitario del corpo è formato dall'età di 5 anni, quindi un pediatra esperto dovrebbe determinare la tendenza allergica di un bambino dalla nascita e trovare metodi di trattamento insieme a un allergologo.

Nei bambini dalla nascita ai 2 anni, le allergie si manifestano sotto forma di eruzioni cutanee (guance, glutei, stomaco). Spesso la causa di tali reazioni è la disbiosi; la sua diagnosi precoce e il trattamento aiuteranno a sbarazzarsi della malattia. All'età di 2-5 anni, le eruzioni cutanee, come manifestazione di allergie, sono molto meno comuni. Forse l'unico segno di allergia è il cosiddetto linguaggio "geografico". Ma all'età di 5 anni, diventano evidenti i segni respiratori delle allergie, quando può svilupparsi lo stadio iniziale dell'asma bronchiale.

Sulla base dei risultati della diagnosi, viene determinato il metodo di lotta alle allergie:
1. La completa eliminazione degli agenti causali della reazione è il modo più radicale, ma non sempre possibile, quando ci sono troppi allergeni;
2. Trattamento sintomatico (l'uso di antistaminici e, in casi gravi, farmaci ormonali) - non elimina la causa, ma combatte solo con i sintomi delle allergie;
3. L'immunoterapia specifica con allergeni (SIT) è il metodo più efficace e sicuro, ma piuttosto lungo (il corso del trattamento viene effettuato una volta all'anno per 3-4 anni).

Oltre ai metodi di cui sopra, si raccomanda di eseguire una terapia di rafforzamento generale - pulizia e miglioramento del tratto digestivo, fegato, reni, sangue, polmoni, igiene del rinofaringe e della cavità orale, ecc. - tutto ciò aiuta a mettere in ordine il sistema immunitario e il corpo risponde riducendo la risposta a irritanti.

I tipi. Metodi diagnostici

Di solito, gli esperti in questo campo raccomandano di condurre una diagnosi allergica completa, combinando tutti i metodi disponibili descritti di seguito.

Il metodo più moderno per identificare le cause delle allergie è un test allergologico completo per l'analisi del sangue. Questo metodo diagnostico consiste nel determinare l'ipersensibilità di tipo I: rileva il livello di concentrazione di immunoglobulina nel siero del sangue mediante analisi immunologiche colorimetriche o radiometriche. Questo metodo determina il livello di pericolo e la natura dello sviluppo di allergie: consente di conoscere la reazione del paziente a più di 40 allergeni alla volta utilizzando una "linea" speciale (un elenco dei patogeni più comuni delle allergie).

Questa "linea" comprende i seguenti elementi:

  • gatti
  • altri animali e insetti;
  • zecche;
  • funghi;
  • cani;
  • polline;
  • varietà di prodotti.

Ma spesso questo metodo è scomodo in caso di urgente necessità di stabilire una diagnosi, in quanto è piuttosto costoso e non operativo.
Tuttavia, l'opzione di test descritta è più affidabile, e talvolta l'unica possibile - in quei casi in cui, secondo le osservazioni, è diventato chiaro che la reazione del corpo può essere imprevedibile. Inoltre, questo metodo è adatto a pazienti con psoriasi, eczema. Per chiarire la diagnosi, è possibile eseguire un test del respiro aggiuntivo..

Un metodo più conservativo sono i test cutanei e le allergie provocatorie, il loro risultato è molto più veloce del precedente esame del sangue. Si basano sull'identificazione dell'ipersensibilità (sensibilizzazione specifica) di una persona a un allergene introdotto attraverso la pelle - vengono valutati l'entità e la natura della reazione infiammatoria della pelle. Questo metodo viene utilizzato non solo per determinare le allergie, ma anche alcune infezioni (brucellosi, tubercolosi) e malattie parassitarie. Di solito viene eseguito con gli allergeni maggiori dal 15 al 20. Il processo è quasi indolore e senza sangue, si avverte solo una leggera iniezione o graffio.

I test cutanei sono presentati nei seguenti tipi:
1. Alta qualità (sono anche chiamati "test di puntura"):

  • diretto,
  • intradermica,
  • scarificazione (graffio),
  • iniezione (test prik),
  • applicazione,
  • gocciolare,
  • indiretto (reazione di Praustnitsa-Kustner);

2. Quantitativo (test allergometrico).
Test cutanei di alta qualità vengono utilizzati per determinare se esiste un'allergia a questa sostanza o se è assente.

Quelli quantitativi mostrano quanto sia forte l'effetto dell'allergene. I loro risultati indicano la quantità approssimativa di un elemento specifico che provoca una chiara reazione allergica. Questo è molto importante per l'inizio del trattamento del paziente con il metodo di iposensibilizzazione specifica, cioè una diminuzione del livello di sensibilità del corpo introducendo piccole dosi che aumentano gradualmente l'allergene.

A loro volta provocatori sono:

  • congiuntivale;
  • nasale;
  • inalazione;
  • freddo;
  • termico;
  • espositiva;
  • eliminazione;
  • leukocytopenic;
  • trombocitopenica.

Spesso, è richiesto il test dei farmaci per il paziente. Ad esempio, quando si utilizza l'anestesia (novocaina, ecc.), È necessario stabilire se un paziente può avere una reazione negativa alla sostanza da iniettare; poiché l'uso dell'anestesia senza un test preliminare può causare uno shock allergico nel paziente direttamente durante l'operazione. Sono anche necessari campioni durante la vaccinazione (per la vaccinazione).

Si consiglia anche un test allergologico prima di utilizzare nuovi cosmetici, poiché spesso contengono allergeni..

Processi

Un test allergologico che utilizza un esame del sangue di un paziente (un test di laboratorio per singoli allergeni) viene eseguito con qualsiasi forma di allergia e non ha praticamente controindicazioni. Il metodo si basa sulla rilevazione di anticorpi specifici contro gli allergeni nel siero del sangue mediante saggio di immunoassorbimento enzimatico (ELISA).

Il processo utilizza:
1. allergeni individuali;
2. pannelli allergici (IgE);
3. pannelli allergici (IgG4).

Per la diagnosi di allergie viene utilizzata la determinazione di anticorpi specifici per antigeni standardizzati. Questo indicatore rappresenta il numero di anticorpi responsabili dello sviluppo di reazioni allergiche. Determina la concentrazione di immunoglobuline nel sangue.

Si consiglia 3 giorni prima del test per escludere il carico (fisico ed emotivo). Il sangue viene solitamente prelevato da una vena, ma in casi eccezionali è anche possibile la sua raccolta dal dito del paziente. L'immunoglobulina si trova nel sangue e nei segreti del corpo umano. È coinvolto in reazioni allergiche. Dal contatto con un allergene alla comparsa dei primi segni caratteristici, ci vogliono dai 15 minuti a diverse ore. Per i test, viene utilizzato un set di oltre 200 tipi di allergeni..

La cosa più importante in questo tipo di diagnosi è la determinazione della presenza di anticorpi specifici che reagiscono con gli allergeni. Si verifica una reazione allergica che si sviluppa se queste sostanze vengono rilasciate quando interagiscono con gli anticorpi: questa è la base per lo sviluppo di malattie come l'asma bronchiale, varie eruzioni cutanee, rinite, congiuntivite, ecc. Il risultato di un test allergologico è determinare il livello di anticorpi - proteine ​​- immunoglobuline prodotte in il risultato dell'interazione con gli allergeni, cioè se il sangue umano provoca una reazione con un determinato elemento, quindi contiene anticorpi che indicano la presenza di allergie.

Per determinare il risultato dello studio, vengono utilizzati i valori normali (di riferimento) del contenuto di anticorpi:

  • Con l'età del bambino da 5 giorni a 1 anno - 0 - 15;
  • Da 1 anno a 6 anni - 0 - 60;
  • Da 6 a 10 anni - 0 - 90;
  • Da 10 a 16 anni - 0 - 200;
  • Bambini da 16 anni e adulti - 0 - 100.

Il superamento dell'indicatore indica la presenza di una malattia allergica o altre condizioni patologiche.

Prima di eseguire un test cutaneo, il paziente deve seguire una determinata serie di istruzioni:
1. Una settimana prima dell'esame, escludere gli antistaminici, se sono stati assunti secondo il trattamento precedentemente prescritto;
2. 14 giorni prima della procedura, interrompere l'assunzione o attendere fino alla fine del ciclo prescritto - se il paziente ha assunto farmaci glucocorticosteroidi sistemici (in qualsiasi forma);
3. Se sono stati utilizzati unguenti ormonali, creme, informare il medico, in questo caso, il test viene eseguito su un'area della pelle non interessata dai preparati. Oppure, se tutte le aree della pelle sono interessate durante il trattamento, i campioni sono possibili solo 14 giorni dopo la cessazione dell'uso di questi farmaci sulla pelle;
4. È indispensabile informare il medico su tutti i preparati, i prodotti che sono stati e sono stati utilizzati negli ultimi 14 giorni (è particolarmente importante se il test viene eseguito per un bambino);
5. Lo stomaco non deve essere vuoto, cioè è necessario mangiare prima della procedura (è anche particolarmente importante prestare attenzione a questo in relazione ai bambini).

I test cutanei vengono generalmente eseguiti su aree della pelle su superfici curve. Questa è l'area degli avambracci, ma se necessario, è possibile utilizzare la parte posteriore. Nel caso di utilizzo di diversi tipi di test allergologici per la diagnosi, la sequenza della loro esecuzione ha il seguente ordine:

  • Test antigoccia;
  • Esempio di applicazione;
  • Un'iniezione (iniezione);
  • Test di scarificazione (attraverso un graffio);
  • Test intradermico.

Nel caso di utilizzo di un test cutaneo diretto, l'allergene interagisce con la pelle (iniezione, graffio, iniezione intradermica, caduta, applicazione).

Il processo è il seguente:
1. La pelle viene trattata con una soluzione antisettica;
2. Vengono applicate soluzioni di vari allergeni; vengono anche aggiunte gocce di liquido di controllo del test e istamina;
3. Quindi viene fatta un'iniezione, penetrando circa 1 mm, nella pelle coperta di soluzioni.

Marcature speciali vengono applicate sulla superficie della pelle con un pennarello o una penna (sono accuratamente selezionati, poiché la vernice o l'inchiostro possono anche provocare una reazione allergica).

La puntura non supera 1 mm, il che riduce al minimo il trauma sulla pelle e riduce il rischio di reazioni false positive. Per ogni allergene viene utilizzata una lancetta separata. La valutazione viene eseguita dopo 20 minuti.

La natura dei cambiamenti nella forma di arrossamento o formazione di vesciche nel sito di iniezione viene utilizzata per giudicare la reazione:

  • Apparve una reazione immediatamente positiva;
  • Entro 20 minuti - reazione immediata;
  • 24 a 48 ore - reazione ritardata.

Il medico valuta anche la presenza di una reazione cutanea su una scala in cui sono presentati gli indicatori da 0 ("-") a 4 ("++++"), indicando il grado di sensibilità (sensibilizzazione).

Un'opzione per un test cutaneo indiretto è la reazione di Praustnits-Kustner: il siero di sangue del paziente viene iniettato in un'altra persona che è completamente in salute e dopo un giorno viene somministrato un allergene. Il risultato è valutato dalla reazione cutanea. Questo metodo viene usato raramente, poiché è chiaramente obsoleto e presenta un pericolo piuttosto grave: è possibile trasferire informazioni nascoste su infezione da HIV, epatite B, ecc..

Separatamente, è possibile individuare uno dei test più primitivi per eseguire e valutare il risultato: un test dell'ago (viene spesso utilizzata l'espressione "prik-test"). Viene eseguito come segue: la pelle non perfora, ma solo leggermente graffia nella regione dell'avambraccio. Un allergene viene applicato al graffio e attendere 15-20 minuti.

Il campione viene valutato come segue:

  • nessuna reazione - negativa;
  • da 1 a 2 mm la dimensione di arrossamento o gonfiore - una reazione dubbia;
  • da 3 a 7 mm - una reazione positiva;
  • da 8 a 12 mm - La reazione è chiaramente positiva;
  • oltre 13 mm - reazione iperergica.

Questo metodo è tradizionale, conservativo nella diagnosi. Molti medici considerano questo metodo il più conveniente per i bambini: non è necessario donare il sangue, che è ciò di cui i bambini hanno così paura. I test di Prik sono considerati abbastanza pericolosi, poiché una reazione allergica può essere istantanea. Pertanto, un test allergologico deve essere eseguito solo in istituzioni speciali (centri medici, ospedali, laboratori diagnostici), dove è possibile fornire il primo soccorso in caso di una reazione allergica acuta. Alla fine del test allergologico, il bambino è sotto la supervisione di un medico per almeno mezz'ora.

Test di allergia provocatoria vengono eseguiti in rari casi quando altri metodi non funzionano e tutti i segni secondari indicano la presenza di un'allergia. Tali campioni sono spesso più accurati dei campioni di pelle. Si basano sul principio di introduzione della sostanza in esame nel corpo, effettuato come segue: l'allergene viene iniettato nel luogo (organo) in cui i segni della malattia sono chiaramente espressi o presenti (eruzione cutanea, prurito e altri segni).

In caso di congiuntivite allergica, vengono utilizzati test congiuntivali, in caso di rinite allergica e pollinosi - test nasali, con asma bronchiale - test di inalazione.

Anche i test termici (rash su calore) e freddi (rash su freddo) sono provocatori.

In assenza di chiari segni della malattia, viene eseguito un test di esposizione provocatorio - contatto diretto del paziente con il sospetto allergene.

Esiste anche un metodo opposto al precedente: il test di eliminazione, che è un metodo per escludere un presunto prodotto allergenico dal cibo, cambiare l'ambiente immediato, escludere i farmaci, ecc..

C'è un elenco di allergeni che vengono utilizzati nei test cutanei:
1. Allergeni domestici:

  • acaro della polvere domestica Farina, Pteronissinus,
  • Daphnia,
  • polvere di casa,
  • polvere di biblioteca;

2. Allergeni pollinici:
  • Betulla,
  • ontano,
  • nocciola;

3. Allergeni epidermici:
  • Epitelio di criceto,
  • cani,
  • gatti,
  • un coniglio,
  • topi,
  • porcellino d'India,
  • cavalli,
  • ratti,
  • Lana di pecora,
  • Piume di un pappagallino;

4. Fungo (un ampio elenco di muffe e altri tipi di funghi);

5. Cereali, erbe di prato:

  • erbe / cereali (grano, orzo, segale, avena, ecc.),
  • festuca di prato,
  • dactylis,
  • erba timida;

6. Erbacce:
  • erbe infestanti (dente di leone, piantaggine, ortica),
  • sagebrush,
  • ambrosia dalle foglie grandi,
  • garza bianca.

Molto spesso, il corpo umano reagisce bruscamente ai farmaci appena introdotti: appare un'allergia. Pertanto, devi cercare di proteggerti da reazioni indesiderate prima di iniziare a prenderle. È particolarmente utile comportarsi con i medicinali se prescritti per i bambini. È sempre necessario avvertire il medico di una possibile allergia. Devi avere un elenco di farmaci allergici con te se ne hai già uno entro quel momento..

Le principali cause della reazione sono:

  • Predisposizione (ereditaria, geneticamente determinata);
  • Un insieme di diversi tipi di allergie allo stesso tempo (cibo, polline, batteri, ecc.);
  • La situazione in cui vengono prescritti un numero di farmaci diversi da vari gruppi farmacologici, che insieme nelle loro proprietà rafforzano reciprocamente le proprietà allergeniche;
  • Con una dose eccessiva di farmaci prescritti;
  • Uso a lungo termine di droghe;
  • Farmaci casuali o incontrollati;
  • Contatto professionale con farmaci;
  • Alta attività sensibilizzante del farmaco, sua struttura fisico-chimica.

In tali situazioni, la diagnosi è semplicemente necessaria per confermare un'allergia ai farmaci, per questo viene effettuato quanto segue:
1. Test cutanei con soluzioni di farmaci;
2. Immunothermometry con le stesse soluzioni;
3. Determinazione del livello di immunoglobuline (generali e specifiche).

Per la diagnosi, a seconda della direzione scelta, vengono utilizzati i tipi di allergeni sopra indicati..

Successivamente, si consiglia di consultare un allergologo per un ulteriore esame e diagnosi differenziale delle allergie con reazioni ai farmaci.

Un numero enorme di cosmetici contiene composti chimici che possono anche causare allergie. Anche se i cosmetici sono contrassegnati come naturali o ipoallergenici. Più sostanze naturali sono presenti nella composizione del prodotto, più allergeni può contenere. Dopotutto, erbe, frutta e frutti che fanno parte di una crema, maschera o balsamo contengono esattamente questi elementi.

Pertanto, prima di utilizzare un nuovo prodotto, è consigliabile condurre un test allergologico. Certo, è meglio farlo con un allergologo, ma se non hai tempo per questo, puoi fare un semplice test fai-da-te..

Per fare questo, è necessario:
1. Al polso (10-15 cm dal pennello) per disinfettare la pelle;
2. Applicare la sostanza in esame sulla pelle sotto forma di una goccia con un diametro di 1 cm;
3. Fai un piccolo graffio di circa 5 mm sulla zona trattata della pelle;
4. Guarda la reazione.

La reazione può essere la seguente:

  • Nessuna modifica entro un'ora - nessuna allergia;
  • Arrossamento fino a 3 mm - o la pelle è stata scarsamente trattata con un antisettico, oppure è una reazione ai cosmetici stessi, cioè è indesiderabile utilizzare il prodotto, specialmente sul viso;
  • Il rossore di una forma rotonda con un diametro superiore a 3 mm è una reazione positiva, pertanto è severamente vietato utilizzare questo cosmetico.

Puoi applicare un'altra versione del test allergologico a casa. Basta applicare il prodotto sulla pelle e incollare questo posto con un cerotto. Quindi, entro 24 ore, osservare la reazione (dopo 1 ora, dopo 3 ore, dopo 12 ore e quindi dopo 24 ore). Dal comportamento della pelle, vedrai il risultato che si verifica quando si utilizza questo prodotto cosmetico come previsto, ad esempio sul viso.

Quando si sceglie un metodo di diagnosi allergica, è importante analizzare tutte le informazioni disponibili su questo argomento..

Alcuni esperti considerano i test cutanei più accurati, ma non negano la loro insicurezza per l'uomo - spesso si verifica una esacerbazione di una malattia allergica; possono anche dare risultati falsi - a causa delle caratteristiche della pelle, errori tecnici, valutazione soggettiva dei risultati.

Altri allergologi raccomandano di utilizzare i risultati di un test immunosorbente legato agli enzimi per il sangue, che consente di scoprire la compatibilità del corpo del paziente non solo con gli allergeni tipici, ma anche con qualsiasi sostanza.

Controindicazioni

Ci sono casi in cui è impossibile eseguire qualsiasi tipo di test allergologico:

1. Durante un'esacerbazione di allergie e dopo un'esacerbazione - non prima di 15-20 giorni;
2. Se una persona sta assumendo antistaminici (tavegil, diazolina, peritolo, difenidramina, claritina, erius, zyrtec, Xizal) e altri farmaci che fanno parte del gruppo di farmaci che sopprimono l'azione dell'istamina nel corpo, è necessario interrompere il trattamento per una settimana, quindi è possibile eseguire il test;
3. In caso di assunzione di sedativi (notta, novopassit, persen, valeriana e motherwort in varie forme). Così come altri preparati sedativi contenenti piccole dosi di barbiturici, sali di bromo e magnesio. Inoltre, è necessario interrompere l'assunzione da 5 a 7 giorni prima dei test;
4. Durante il periodo della malattia cronica sottostante o concomitante (compresi disturbi mentali e nervosi);
5. gravidanza;
6. Il periodo di allattamento;
7. Shock anafilattico in passato;
8. Se una persona stava assumendo farmaci glucocorticosteroidi (polcortolone, prednisone e altri derivati ​​dell'idrocortisone), un test allergologico è possibile 2 settimane dopo la fine della dose;
9. Malattie infettive e infiammatorie (infezioni virali respiratorie acute, tonsillite, ecc.);
10. Età superiore ai 60 anni.

Separatamente, puoi evidenziare le principali controindicazioni per i test cutanei, comprese le regole generali per tutti i tipi di test allergologici, menzionati sopra:
1. Prima infanzia (secondo vari esperti, varia da 3 anni a 12 mesi);
2. malattie infettive intercorrenti acute;
3. Esacerbazione di malattie infettive croniche (brucellosi, tubercolosi, sifilide, ecc.);
4. Sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS);
5. Quando il corpo è nella fase di recupero di una malattia cronica;
6. Esacerbazione di focolai di infezione cronica;
7. Tumori maligni, diabete;
8. Malattie nervose, anomalie mentali, crampi;
9. Gravidanza, allattamento e mestruazioni - nelle donne;
10. La reazione acuta specificata nella conclusione a un allergene specifico;

In caso di controindicazione ai test cutanei, la diagnostica allergica può essere eseguita utilizzando un esame del sangue - profilo allergologico.

Le principali controindicazioni per i test cutanei per i farmaci devono essere indicate separatamente:
1. Shock anafilattico passato;

2. Sindromi

  • Lyella,
  • Di Stevens-Johnson;

3. Malattie croniche nella fase acuta
  • cordiale,
  • rene,
  • fegato,
  • diabete grave;

4. La manifestazione in passato di un'allergia a un particolare farmaco o ai suoi principi attivi;

5. Malattie allergiche della pelle nella fase acuta.

I bambini piccoli, prima di raggiungere i 5 anni, possono essere sottoposti a test allergologici cutanei contemporaneamente con meno di 2 farmaci.

complicazioni

A volte il paziente può manifestare ipersensibilità di tipo ritardato (una reazione eccessiva indesiderata del sistema immunitario, che può portare non solo a disagio, ma anche alla morte). Si sviluppa dopo 6 ore e può durare fino a 24 ore. L'ipersensibilità è dimostrata dal fatto che il luogo di introduzione dell'allergene non guarisce, inoltre esiste il rischio di una maggiore sensibilità all'allergene e lo sviluppo di una nuova allergia.

A volte, al contrario, un allergene specifico non può essere determinato a causa dell'assenza di una reazione cutanea - cioè la conclusione sull'analisi è completamente incomprensibile. Ma insieme a questo, una persona può essere estremamente sensibile al test stesso - in questo caso si verificano manifestazioni imprevedibili e talvolta molto pericolose da parte del corpo del paziente, il che crea il rischio stesso.

Non è possibile effettuare test cutanei su bambini di età inferiore a 5 anni, poiché si ritiene che all'età di 3 - 5 anni stiano ancora formando immunità e questo può portare a complicazioni delle reazioni allergiche, fino allo shock anafilattico. Pertanto, si consiglia ai bambini di eseguire un esame del sangue per identificare allergeni specifici..