Allergologo

Analisi

Un allergologo è un medico che si occupa dell'occorrenza, del corso, nonché della prevenzione e del trattamento delle malattie allergiche.

L'allergologia è una branca della medicina che studia le reazioni allergiche e le malattie ad esse associate, scopre le loro cause eziologiche, i meccanismi di sviluppo e le manifestazioni cliniche. Inoltre, l'allergologia sta sviluppando metodi per diagnosticare, trattare e prevenire le allergie tra le persone..

Chi è un allergologo?

Come ramo separato in medicina, l'allergologia è sorta relativamente di recente e rimane indissolubilmente legata a molte discipline e, in primo luogo, all'immunologia. Ogni anno aumenta il numero di pazienti che soffrono di allergie, il che rende un allergologo uno specialista estremamente ricercato.

È importante che il medico non solo possieda un'impressionante base di conoscenze nel suo campo, ma sappia anche come metterlo in pratica, che può differenziare una malattia catarrale e un attacco allergico in un paziente. Identifica i motivi, prescrivi un trattamento adeguato: questi sono i compiti principali che devono affrontare uno specialista.

Un allergologo è il medico che si occupa della prevenzione della febbre da fieno, delle allergie alimentari e di altri tipi di reazioni allergiche, risolve i problemi con la correzione del sistema immunitario, formula raccomandazioni per una corretta alimentazione e stile di vita in generale. Se necessario, il medico raccomanda al paziente di visitare altri specialisti, come immunologo, nutrizionista, dermatologo, optometrista, gastroenterologo, otorinolaringoiatra, ecc..

Cosa fa un allergologo??

È spesso difficile identificare da solo la causa della reazione allergica del corpo. In questo caso, uno specialista viene in soccorso.

Le direzioni principali delle sue attività sono le seguenti:

Diagnosi, terapia e prevenzione dell'asma bronchiale, dermatite atopica, congiuntivite, pollinosi, rinite, edema di Quincke e altre malattie.

Prescrizione di una terapia specifica per allergeni completa subseasonica, breve o per tutto l'anno.

Diagnostica e correzione dello stato di immunità.

Ripristino e ulteriore mantenimento delle funzioni protettive del corpo.

Ci sono molte malattie che si verificano in un contesto di ridotta immunità, le reazioni allergiche del corpo non fanno eccezione. Pertanto, così spesso puoi sentire la combinazione delle parole allergologo-immunologo. Le specifiche delle attività di questo medico includono non solo la lotta contro le manifestazioni allergiche del corpo, ma anche la normalizzazione dello stato immunitario.

Quali malattie tratta un allergologo??

Il medico è impegnato nel trattamento di molte malattie, tuttavia, molto spesso, deve occuparsi delle seguenti malattie:

La rinite cronica ossessiona il paziente tutto l'anno, di natura allergica;

Congiuntivite di origine allergica;

Forma acuta e cronica di orticaria;

Dermatite atopica, contatto, seborroica;

Cibo, insetto (reazione a una puntura di insetto) e allergie ai farmaci;

Malattie provocate da immunodeficienza secondaria;

Malattie respiratorie, sia superiori che inferiori, con una base allergica;

Malattie virali ricorrenti, come l'herpes; (Vedi anche: descrizione, sintomi e trattamento di tutti i tipi di virus dell'herpes)

Malattie suppurative ricorrenti, ad esempio foruncolosi;

Lesioni micotiche che non sono suscettibili di terapia;

Malattie ginecologiche, come il papilloma virus;

Sindrome dell'affaticamento cronico;

Prurito della pelle, eziologia inspiegabile e irreversibile;

Malattie urologiche croniche.

Una visita a un allergologo è importante in primo luogo in modo che venga prescritto un trattamento adeguato che non danneggi il corpo umano. Quindi, trattando una rinite allergica con preparati freddi, puoi sconvolgere l'equilibrio nel corpo. L'allergene non interrompe il suo effetto patologico, in quanto non verrà rilevato ed eliminato. Di conseguenza, un naso che cola diventa cronico, quindi una tosse si unisce a lui, alla fine, una persona inizia a soffrire di bronchite e, successivamente, di asma bronchiale. Ecco perché la consultazione tempestiva dell'allergologo è così importante.

Corpi trattati da un allergologo

In connessione con le specifiche dell'attività, la competenza dell'allergologo è il trattamento dei seguenti organi:

Quando contattare un allergologo?

Devi visitare un medico quando scopri i primi segni di una reazione allergica.

È importante conoscere i sintomi di questo processo per non perdere tempo e iniziare il trattamento il più presto possibile:

Prurito al naso, congestione nasale, starnuti.

Il verificarsi di un naso che cola a seconda del periodo dell'anno. Molto spesso, la febbre da fieno si verifica allo stesso tempo e coincide con la fioritura di alcune erbe, alberi, ecc..

Tosse parossistica che non è accompagnata dalla produzione di espettorato. Una tale tosse non si ferma per molto tempo.

Mancanza improvvisa di respiro, crampi del sistema respiratorio, sensazione di mancanza di ossigeno.

La comparsa di secrezione dagli occhi, la loro iperemia, irritazione.

Eruzioni cutanee sulla pelle, che sono accompagnate da prurito persistente.

Inoltre, il medico può aiutare il paziente a identificare la causa delle seguenti condizioni:

Frequenti ricadute di malattie croniche;

Insonnia, costante o periodica;

Basso livello di prestazione;

La comparsa di mal di testa, che sono accompagnati dall'assunzione dello stesso cibo o prodotto alimentare;

Quali test devono essere eseguiti quando si contatta un allergologo?

Il medico, a seconda dei reclami del paziente e dei suoi sintomi, consiglierà al paziente di superare uno o più dei seguenti test:

Raschiando dalle tonsille, dalla superficie della lingua, dal condotto uditivo per un ulteriore esame citologico. Questo test viene eseguito se si sospetta una lesione micotica..

Analisi fecale per escludere la disbiosi o per rilevare la sensibilità ai batteriofagi.

Sangue per coltura batteriologica.

Determinazione della flora ascessuale, raschiature dalla superficie del derma, dai canali auricolari, ecc..

Diagnostica PCR per rilevare virus, batteri o micoplasma specifici.

Analisi del siero del sangue per IgE specifiche, per IgE totali, che indicano la sensibilità a pollini, polvere, allergeni fungini e alimentari, ecc..

Esecuzione di metodi di prova, ad esempio test del principio, test di scarificazione.

Il piano di esame diagnostico può essere modificato. A volte radiografia, TC o risonanza magnetica, test di provocazione con allergeni, ecc..

Quando un bambino dovrebbe essere visto da un allergologo?

Un allergologo è un medico che tratta non solo gli adulti, ma anche i bambini. Se un bambino sviluppa sintomi allergici simili a quelli degli adulti, dovrebbe consultare immediatamente un medico per un consiglio. Il fatto è che la difesa immunitaria dei bambini non è pienamente formata. Se un'allergia non viene rilevata in tempo, allora diventerà una seria minaccia per la salute e persino la vita del bambino.

I genitori particolarmente attenti devono stare con bambini di età inferiore a un anno quando iniziano a somministrare la prima esca. In generale, con l'introduzione di nuovi alimenti, è necessario monitorare la reazione del corpo del bambino e, se necessario, consultare un medico.

Allergologo-immunologo

Un allergologo-immunologo è uno specialista nella diagnosi di manifestazioni e malattie allergiche, nonché nel loro trattamento. Esplora la causa dell'allergia, il meccanismo del suo sviluppo, spiega i metodi di prevenzione per il paziente..

L'immunologia è considerata un'area correlata di allergologia, poiché in entrambi i casi il problema risiede nel funzionamento del sistema immunitario. Pertanto, l'immunologo ha una vasta gamma di conoscenze: studia le norme e tutti i tipi di deviazioni nel funzionamento del nostro sistema immunitario.

Caratteristiche di allergia

Quindi, un allergologo-immunologo tratta le allergie. Cos'è? Questa è la reazione del sistema immunitario alle particelle estranee dall'esterno, che sono comunemente chiamate allergeni. Sono percepiti dal corpo come una minaccia, in risposta a quali sostanze speciali - istamine - iniziano a essere prodotte. Sono loro che sono responsabili della manifestazione istantanea delle reazioni più forti.

Tale ipersensibilità può manifestarsi in vari modi: dal banale arrossamento della pelle, naso che cola persistente e starnuti, ad attacchi asmatici e persino shock anafilattico.

Quali malattie tratta un allergologo??

L'elenco delle malattie che rientrano nelle competenze di un allergologo-immunologo è piuttosto impressionante. Cura patologie come:

  • Congiuntivite allergica, rinite. Cioè, processi infiammatori che si verificano nelle mucose degli occhi e del naso a causa dell'esposizione a un allergene.
  • Pollinosi. Esacerbazione allergica stagionale della rinocongiuntivite, quando vi è un aumento della lacrimazione degli occhi, abbondante scarica dal naso di un colore bianco. A volte accompagnato da dermatite.
  • Orticaria in forma acuta e cronica. La malattia è accompagnata da irritazione e prurito con conseguente formazione di vesciche..
  • Dermatite da contatto. È localizzato su quelle aree della pelle che sono a diretto contatto con l'allergene..
  • Dermatite atopica. La malattia ha spesso una forma cronica con remissioni e ricadute. Le esacerbazioni si verificano spesso in inverno. Si ritiene che esista una predisposizione genetica a tale malattia..
  • L'edema di Quincke. Una reazione più grave a un irritante, caratterizzata da gonfiore della pelle su labbra, guance, mucosa orale, palpebre. Se il gonfiore si estende alla mucosa della laringe, può rendere difficile la respirazione, il che è molto pericoloso.
  • Asma bronchiale. Ostruzione cronica dei bronchi, che appare spesso sullo sfondo di reazioni allergiche.
  • Cibo, allergia ai farmaci, sensibilità alla puntura d'insetto.
  • Shock anafilattico. Una condizione critica in cui il paziente perde conoscenza, la sua pressione diminuisce. Se l'assistenza non viene fornita tempestivamente, potrebbe verificarsi un soffocamento..

A seconda della situazione e della gravità della malattia, un allergologo-immunologo può effettuare trattamenti sintomatici o patogenetici. Nel primo caso, il medico prescrive antistaminici, il cui scopo è bloccare il rilascio di recettori dell'istamina e dell'istamina. Un grande vantaggio è che i farmaci aiutano rapidamente, tuttavia, se l'allergene stesso non può essere eliminato, l'effetto scompare non appena il paziente smette di assumere il farmaco.

Per quanto riguarda il secondo metodo, in questo caso, un estratto di allergene a piccole dosi viene iniettato nel corpo per attenuare la sensibilità ad esso. Il metodo è pericoloso e richiede molta cura dal medico. Usandolo, un allergologo cerca di ridurre l'uso di antistaminici nella vita quotidiana del paziente.

Quando andare alla reception?

Se hai i seguenti sintomi, assicurati di fissare un appuntamento con un allergologo:

  • rinite stagionale;
  • gonfiore della pelle, arrossamento, prurito;
  • prurito e arrossamento degli occhi;
  • soffre di respiro corto con difficoltà ad espirare.

Com'è l'accoglienza?

All'appuntamento, il medico ascolta attentamente le lamentele del paziente, gli chiede delle predisposizioni ereditarie, una storia di reazioni allergiche, stile di vita; esaminerà la pelle e le mucose. Un allergologo-immunologo può ordinare un esame aggiuntivo, ad esempio, per sostenere alcuni test. Prescriverà il trattamento e spiegherà come ridurre la ricaduta..

Quali test potrebbero dover essere superati?

  1. Test allergologici.
  2. Esame del sangue per lo stato immunitario con determinazione dell'immunoglobulina E (Ig E).
  3. Un esame del sangue per identificare un gruppo di allergeni: cibo, microbico, domestico o polline.
  4. Ulteriori consultazioni di altri specialisti specializzati.

Come prepararsi per la tua prima visita?

All'appuntamento del medico, dovresti andare pulito e ben vestito, preferibilmente con risultati freschi di un esame del sangue clinico con te. Il giorno prima della visita del medico, si consiglia di non assumere antistaminici.

Immunogramma: cos'è?

In alcuni casi, l'immunologo può chiedere un immunogramma. Questa speciale analisi viene eseguita per determinare lo stato del sistema immunitario..

Di norma, l'oggetto della ricerca è il sangue prelevato da un dito o da una vena. Per determinare le condizioni della mucosa, la saliva o il muco dal rinofaringe viene preso per l'analisi. A volte il liquido cerebrospinale viene utilizzato come materiale di prova..

Durante lo studio, viene attirata l'attenzione sul numero e sulla capacità funzionale dei leucociti, il loro rapporto tra loro in percentuale, il numero totale di linfociti T e linfociti B, il livello di anticorpi nel sangue (immunoglobuline) delle classi A, M, G ed E.

Qualità necessarie nella professione

Un allergologo-immunologo deve senza dubbio essere responsabile, avere la capacità di pensare in modo analitico, avere il desiderio di aiutare le persone e migliorare costantemente le loro capacità professionali, perché in questo settore della medicina c'è ancora molto inesplorato e devi seguire le ultime tecnologie e conoscenze.

Posto di lavoro

Un allergologo-immunologo può lavorare sia in una normale clinica, ospedale, sia in reparti specializzati di allergologia, centri di ricerca.

Conoscenze e abilità

Un allergologo-immunologo ha bisogno di conoscenze di base nel campo della fisiologia, anatomia e farmacologia. Tuttavia, dovrebbe essere particolarmente esperto in tutte le complessità del sistema immunitario, i meccanismi coinvolti nello sviluppo di reazioni allergiche.

Tale medico sa fornire assistenza medica di emergenza, perché per natura dell'attività deve affrontare lo shock anafilattico. Se il ritardo è consentito in tale situazione, può verificarsi la morte..

Formazione scolastica

La professione è masterizzata in un istituto medico superiore con una laurea in allergologia e immunologia.

Cosa è importante sapere prima di visitare un allergologo

Naturalmente, se si verificano sintomi di una reazione allergica o semplicemente se si sospetta un'allergia, è necessario consultare un medico, un allergologo. Se la natura allergica dei sintomi della tua malattia ti mette in dubbio, è meglio consultare un terapista, al quale il medico deciderà se indirizzarti a uno specialista. Nonostante siamo abituati a fidarci dei medici e a non comprendere l'essenza del loro lavoro, una persona allergica (anche potenziale) dovrebbe essere un paziente competente, poiché la qualità della sua vita futura dipende da essa.

Quindi, alcuni punti che è necessario sapere quando si contatta un medico.

All'appuntamento del medico

Una storia medica è obbligatoria per i pazienti con qualsiasi potenziale diagnosi, ma per chi soffre di allergie questo è uno stadio particolarmente importante, che spesso risulta molto più importante dei metodi di ricerca di laboratorio e strumentali. Per la massima cronologia delle informazioni, che determina l'accuratezza della diagnosi e la correttezza del trattamento prescritto, la selezione dell'algoritmo ottimale per i metodi di esame di laboratorio e strumentale, è necessario aderire a determinate regole quando si risponde alle domande del medico.

I reclami devono essere formulati con parole tue, evitando la terminologia medica, soprattutto di natura generale (correttamente: "Ho un naso chiuso e attacchi di starnuti tormentati", "Ho tosse con espettorato, a volte sento respiro corto di notte", "Ho un'eruzione cutanea e prurito in alcuni punti eruzione cutanea ", erroneamente:" Ho un'allergia "," Sono preoccupato per l'asma bronchiale "- tali condizioni possono manifestarsi in una varietà di modi, tali informazioni non dicono al medico, nonostante la natura specifica dei termini). Se altri specialisti hanno fatto diagnosi per te, devono essere espressi solo dopo aver esposto i cambiamenti nel tuo benessere in un semplice linguaggio quotidiano, descrivendo i tuoi sentimenti nel modo più specifico possibile. Nel descrivere le reazioni a cibi e droghe, cerca di ricordare il nome del farmaco e la marca del prodotto, il momento in cui si è verificata la reazione e la durata dei sintomi. Quando reagisci a diversi alimenti, cerca di non riassumerli, ma di nominare ciascuno in modo specifico (correttamente: "eruzioni cutanee pochi minuti dopo aver mangiato una caramella al cioccolato con nocciole, quindi immediatamente, non appena ho mangiato 2 biscotti con mandorle", sbagliato: " Sono allergico ai dolci ") Ricordati di ricordare cosa hai provato a curarti, a cui sei venuto dai dottori.

Un piano approssimativo per intervistare un medico con lamentele e una storia di questa malattia:

  1. Reclami con parole tue
  2. Quando si sono verificati i sintomi per la prima volta, per quanto tempo sono durati (se non ci sono segni della malattia al momento dell'esame), quanto spesso ricadono e quando, per quanto tempo durano le ricadute?
  3. Cosa pensi sia associato alla comparsa dei sintomi (o che insorgono senza motivo)?
  4. In che modo le condizioni meteorologiche, l'attività fisica, lo stress, alcuni fattori domestici (contatto con gli animali, permanenza in scantinati polverosi o umidi, spostamenti fuori città, uso di determinati alimenti, ecc.) Hanno influenzato il decorso della malattia??
  5. Come hanno cercato di curarsi, qual è stato il risultato dell'autotrattamento?
  6. Chi è stato contattato dai medici per prescriverti per l'esame e il trattamento, cosa è stato rivelato durante l'esame, qual è stato l'effetto del trattamento prescritto?

Inoltre, è necessario che il medico scopra e registri nella cartella clinica informazioni sulle condizioni del tuo lavoro e della tua vita (clima psicologico e caratteristiche domestiche dell'appartamento, luogo di lavoro); regolarità, diversità e qualità della nutrizione; malattie di parenti immediati; la presenza di malattie croniche passate e già accertate (lesioni, interventi chirurgici), la presenza di malattie croniche, comprese le malattie allergiche, da parte di genitori e fratelli. sorelle, bambini, abitudini dannose, nonché l'elenco dei farmaci usati, la loro tolleranza, allergia o intolleranza al cibo e alla medicina.

Se possibile, è necessario portare con sé i risultati dell'esame e le conclusioni con raccomandazioni per il trattamento negli istituti medici che sono stati contattati in precedenza. Se ci sono molti di questi materiali, guardali prima della visita per, se possibile, aiutare il medico a navigare. Ti consigliamo inoltre di portare con te le istruzioni per i medicinali e gli integratori alimentari che ritieni colpevoli della reazione che hai, le istruzioni o la confezione dei farmaci usati per trattare i tuoi sintomi, se non riesci a ricordare il loro nome: può essere molto complicato. Nel condurre un esame, il medico deve condurre un esame fisico (esame, palpazione, auscultazione, ecc.) Anche di quei sistemi che, a prima vista, non sono coinvolti nel processo patologico.

Importante: anche dopo un esame dettagliato e domande, il medico non può fare una diagnosi finale senza condurre studi!

Metodi di ricerca di base

  • Test cutanei con allergeni: test prik o test di scarificazione, test intradermici;
  • Analisi generale di sangue, urina, espettorato (se presente), citologia delle secrezioni nasali (se presenti);
  • Studio della funzione della respirazione esterna (HPF o spirografia, se si sospetta l'asma bronchiale): il test consente di registrare l'insufficienza respiratoria, chiarirne la natura (broncospasmo, restringimento irreversibile del lume dei bronchi, diminuzione della capacità polmonare);
  • Esame del sangue: determinazione delle IgE totali e anticorpi IgE specifici per vari allergeni (domestici, pollini, cibo, contatto).
  • Test provocativi con acetilcolina, istamina o vari allergeni (in un ospedale specializzato);

Metodi di ricerca aggiuntivi

  • Radiografia del torace;
  • Radiografia dei seni;
  • Ultrasuoni della cavità addominale, ghiandola tiroidea
  • Esofagogastroduodenoscopy (endoscopia)
  • Consultazioni di altri specialisti: dermatologo, otorinolaringoiatra, pneumologo, gastroenterologo, specialista in malattie infettive, reumatologo, neurologo, dentista per diagnosi differenziale, rilevazione e trattamento di malattie croniche che contribuiscono all'esacerbazione della tua malattia allergica.
  • Esame batteriologico dell'espettorato (se presente) per la flora e la sensibilità agli antibiotici.

Metodi di ricerca specifici (assegnati quando i risultati dei metodi principali e aggiuntivi sono ambigui)

  • Un esame del sangue per cortisolo, ormoni tiroidei;
  • Esame del sangue per anticorpi patogeni di infezioni virali, batteriche e infestazioni parassitarie, provocando un'esacerbazione di malattie allergiche o esacerbato dall'immunodeficienza
  • Stato immunitario;
  • Stato dell'interferone;
  • Test di inibizione dei leucociti.

Importante: in caso di rischio di sviluppare reazioni gravi (ad esempio anafilassi), non devono essere eseguiti test cutanei e test provocatori con allergeni! Inoltre, quando si assumono antistaminici, sedativi e sonniferi, i test cutanei non sono informativi..

Nota! Dopo aver identificato gli allergeni e aver prescritto un trattamento adeguato, è necessario modificare la dieta ed escludere prodotti contenenti componenti pericolosi per l'utente. Nel caso in cui si verifichi una reazione allergica improvvisa dopo un prodotto commestibile che non contiene sostanze che causano la tua reazione allergica, è necessario eseguire un'analisi di tali prodotti.

  1. Allergologia clinica sotto. ed. Acad. RAMS, prof. R.M. Khaitova Mosca "MEDpress-inform" 2002 UDC 616-056,3 BBK 52,5 K49
  2. Nikolay Mukhin “Medicina interna. Volume 1 »casa editrice GEOTAR-Media 2010 ID: 536219 632 pagine.
  3. AL. Grebnev "Propedeutica delle malattie interne" Mosca "Medicina" 2001 UDC 616.1 /. 4-07 (075.8) BBK 54.1 G79 pagg. 19-23
Ai suggerimenti "

Allergologo-immunologo

Un allergologo-immunologo è un medico impegnato nella diagnosi e nel trattamento delle reazioni allergiche del corpo. Il medico studia lo stato del sistema immunitario, determina i processi che regolano la risposta immunitaria a fattori irritanti.

Che cos'è un'allergia??

Il termine "allergia" indica la reazione difensiva dell'organismo alle particelle estranee, che percepisce come una minaccia. Difendendosi, il corpo produce istamine che causano sintomi allergici pronunciati..

I segni di allergie si manifestano sotto forma di prurito ed eruzioni cutanee, rinite, starnuti, arrossamento delle membrane oculari, attacchi asmatici, edema di Quincke, shock anafilattico.

Malattie e patologie che affronta l'allergologo-immunologo

Il medico tratta varie patologie che si presentano a seguito di una reazione allergica del corpo sotto l'influenza di fattori dannosi e a causa delle caratteristiche individuali del sistema immunitario:

  • rinite allergica - infiammazione e gonfiore della mucosa dei seni nasali. Questa reazione a fattori irritanti è più comune;
  • Edema di Quincke - una grave condizione manifestata dal gonfiore della mucosa della laringe, motivo per cui una persona non può respirare normalmente, lo sviluppo di un ampio processo infiammatorio sulle mucose dei seni, della bocca, delle palpebre;
  • la dermatite atopica è una condizione cronica caratterizzata da frequenti ricadute. Ha una natura ereditaria, si manifesta come reazioni allergiche alla pelle;
  • dermatite da contatto - eruzioni cutanee derivanti dal contatto diretto con un allergene;
  • shock anafilattico - uno stato di gravità estremamente grave, manifestato da una rapida diminuzione della pressione, svenimento profondo. Senza cure mediche di emergenza, può essere fatale;
  • asma bronchiale - una violazione del funzionamento dei bronchi, che è di natura cronica, una ricaduta si verifica ogni volta con l'influenza di un allergene;
  • reazione negativa del corpo a determinati alimenti (manifestazione di allergie alimentari);
  • allergia al tipo di insetto - si verifica quando una persona morde una varietà di insetti;
  • reazioni allergiche ai farmaci.

Quando vedere un dottore?

Le reazioni allergiche hanno vari gradi di gravità. Se una persona inizia a lacrimare gli occhi, appare una tosse, le palpebre si gonfiano, questo non significa che i sintomi non peggioreranno nel tempo.

Al fine di prevenire lo sviluppo di patologie così gravi come l'edema di Quincke e lo shock anafilattico, è necessario consultare un medico immediatamente dopo il seguente quadro sintomatico:

  • comparsa periodica di arrossamenti, macchie, prurito sulla pelle;
  • se si nota la stagionalità del raffreddore comune, prurito agli occhi, peggioramento delle condizioni generali;
  • quando, dopo il contatto con determinate sostanze, i rappresentanti del mondo animale, la mucosa nasale si gonfia in una persona, la lacrimazione aumenta.

Si consiglia di consultare un medico se si hanno sintomi allergici, quindi sarà più facile per uno specialista diagnosticare e prescrivere un trattamento adeguato.

Cosa succede durante un esame con un allergologo-immunologo?

Prima di andare a un consulto con un medico, si consiglia di passare in anticipo un esame del sangue dettagliato e fornire i risultati a uno specialista. Il medico esamina il paziente, ascolta le sue principali lamentele, la storia è attentamente studiata..

Verranno poste una serie di domande relative alla frequenza e alla frequenza dell'insorgenza di una reazione allergica, alla presenza di queste patologie in parenti stretti del sangue, al momento dell'insorgenza di allergie. Il paziente deve informare il medico di cattive abitudini, dipendenze gastronomiche, condizioni di lavoro, presenza o assenza di malattie croniche.

Un allergologo-immunologo prescriverà una serie di test medici. Affinché i risultati della ricerca siano quanto più precisi e informativi possibile, il giorno prima di contattare uno specialista non è consigliabile assumere alcun farmaco, cambiare drasticamente la dieta o bere alcolici.

Più onesto e completo il paziente fornirà all'allergologo informazioni su se stesso, maggiori saranno le probabilità che il medico sarà in grado di aiutare a liberarsi dei spiacevoli segni di reazioni allergiche.

Regole per prepararsi alla visita di un medico

Se è necessario visitare un allergologo-immunologo, il paziente deve fare una doccia, vestirsi con cura, prendere gli ultimi risultati dell'esame. Non è consigliabile assumere farmaci che allevino le manifestazioni allergiche.

Elenco dei test necessari

Un allergologo-immunologo non solo rileva la presenza di una reazione allergica, ma cerca anche le cause della sua manifestazione al fine di prescrivere il trattamento corretto. Al paziente verrà assegnato di sottoporsi a una serie di test medici:

  • analisi del sangue generale e dettagliata;
  • analisi per la determinazione dell'immunoglobulina;
  • un esame del sangue per determinare il tipo di irritante (cibo, rappresentanti del mondo vegetale o animale, prodotti per la pulizia della casa);
  • se necessario, viene prescritta una consultazione con altri specialisti in presenza di malattie concomitanti che si verificano nella fase cronica.

Che cos'è un immunogramma?

Se non è possibile determinare il tipo di allergene o nei casi in cui le manifestazioni del quadro sintomatico sono gravi, viene prescritto un immunogramma.

Questa analisi di laboratorio ha lo scopo di studiare lo stato del sistema immunitario. Per lo studio, viene prelevato sangue venoso o materiale biologico viene prelevato dal dito. Potrebbe essere necessario assumere liquido cerebrospinale.

Tipi di terapia

Sulla base dei risultati degli esami di laboratorio, della natura e dell'intensità del quadro sintomatico, delle cause delle reazioni allergiche, è possibile prescrivere una terapia sintomatica o patogenetica a un allergologo-immunologo.

Il trattamento sintomatico prevede l'assunzione di antistaminici che inibiscono l'azione dell'allergene, prevenendo la comparsa di un quadro clinico spiacevole di allergie.

Trattamento patogenetico - se l'allergene è stato determinato, ma non può essere rimosso dalla vita del paziente, un estratto di sostanza irritante viene iniettato nel corpo in modo che il sistema immunitario sviluppi anticorpi ad esso, riducendo il rischio di ricaduta e riducendo l'intensità del quadro sintomatico.

Questo tipo di terapia può portare alla manifestazione di sintomi collaterali, pertanto richiede un approccio molto attento e cauto con una diagnosi preliminare complessa. Il trattamento patogenetico può ridurre significativamente il dosaggio e la regolarità dell'assunzione di antistaminici.

Qualità professionale

Responsabilità, pensiero analitico, desiderio di miglioramento, desiderio di aiutare le persone sono le principali qualità che un allergologo-immunologo dovrebbe avere.

Abilità e abilità di un allergologo-immunologo

Questa specializzazione richiede abilità nel fornire cure di emergenza a pazienti con gravi manifestazioni di sintomi avversi - edema di Quincke e shock anafilattico. Il medico deve avere conoscenze di base di farmacologia, fisiologia e anatomia umana.

Dove trovare uno specialista?

Un allergologo-immunologo lavora in cliniche per adulti e bambini, ospedali, centri medici e diagnostici privati. Si consiglia di fissare un appuntamento in anticipo, dopo aver ricevuto le istruzioni relative alla preparazione della visita e aver superato alcuni test.

Formazione scolastica

Per diventare un allergologo-immunologo professionista, devi laurearti presso un istituto di istruzione superiore (istituto, università, accademia) in una specialità ristretta.

Cosa tratta un allergologo?

L'allergologia è la branca della medicina che studia le malattie allergiche, le reazioni allergiche, le cause della loro insorgenza, i meccanismi e le manifestazioni di sviluppo, nonché i metodi per la diagnosi, il trattamento e la prevenzione. Allergologo-immunologo: un medico impegnato nella diagnosi, nel trattamento e nella prevenzione di queste patologie.

Cosa tratta un allergologo?

La competenza di un allergologo-immunologo comprende malattie allergiche e reazioni che si manifestano con un'ampia varietà di sintomi, dal rossore degli occhi al gonfiore degli organi interni. Tuttavia, tutti questi sintomi sono di natura simile: le reazioni di ipersensibilità del corpo a sostanze che normalmente dovrebbero essere innocue e sicure. Queste sostanze - allergeni - sono percepite dal sistema immunitario come estranee e pericolose, innescando la reazione di rigetto. Allo stesso tempo, alcune cellule del corpo secernono sostanze speciali - istamine, che agiscono sui recettori dell'istamina e provocano una reazione immediata e forte. Una volta lanciato, il meccanismo di questa risposta del corpo tende a funzionare nuovamente sotto l'influenza di qualsiasi stimolo. Pertanto, le persone con allergie molto spesso si trovano con un'allergia multicomponente. Cioè, il corpo mostra una reazione patologica a una serie di allergeni simili per origine e struttura (ad esempio al polline di varie piante o ai prodotti chimici domestici) e in alcuni casi ad allergeni completamente diversi (ad esempio a cibo e peli di animali).

Quali malattie tratta un allergologo?

Un allergologo è coinvolto nella diagnosi, nel trattamento e nella prevenzione delle seguenti malattie:

  • congiuntivite allergica (processo infiammatorio della congiuntiva degli occhi);
  • rinite allergica (infiammazione della mucosa nasale dovuta a una reazione allergica);
  • rinocongiuntivite allergica stagionale (un altro nome è febbre da fieno o febbre da fieno), espressa nell'infiammazione delle mucose degli occhi e del naso, talvolta accompagnata da dermatite e una reazione nervosa;
  • orticaria acuta e cronica (irritazione cutanea con comparsa di vesciche piatte);
  • asma bronchiale;
  • dermatite atopica (spesso ha cause genetiche);
  • angioedema della pelle e delle mucose - edema di Quincke;
  • dermatite allergica da contatto - dermatite che si sviluppa su aree della pelle a contatto con un allergene;
  • risposta inadeguata ai farmaci (allergia ai farmaci);
  • risposta inadeguata a determinati alimenti (allergia alimentare);
  • reazione allergica alle punture di insetti (allergia agli insetti).

Poiché la causa delle reazioni allergiche del corpo è la sua risposta inadeguata a varie sostanze, il trattamento delle allergie può procedere in due direzioni.

Il primo è sintomatico, cioè finalizzato a interrompere la connessione tra istamina e recettore dell'istamina. Viene effettuato assumendo farmaci antiallergici (antistaminici) e aiuta solo durante l'assunzione di droghe. Il vantaggio di questo trattamento è che può avere un effetto con vari o diversi allergeni..

La seconda direzione è patogenetica, quando un estratto di allergene viene iniettato nel corpo del paziente al fine di attenuare la sensibilità ad esso. Richiede un approccio molto attento e una diagnosi accurata, ma aiuta a ridurre la necessità di antistaminici.

Questo articolo è pubblicato solo a scopo didattico e non è materiale scientifico o consulenza medica professionale..

Cosa è necessario registrarsi per un appuntamento con un allergologo

Ogni anno aumenta il numero di persone che soffrono di allergie. Ciò è facilitato dal deterioramento della situazione ambientale e della qualità dell'acqua, aria piena di sostanze nocive e cibo di scarsa qualità. Spesso le persone cercano di risolvere il problema da sole: bevono farmaci allergici pubblicizzati, provano ricette popolari su consiglio di amici e parenti. Tuttavia, tutti questi metodi non portano i risultati necessari. La migliore soluzione in una situazione del genere sarebbe un appuntamento con un allergologo. Lo specialista ti dirà come affrontare correttamente il trattamento delle malattie allergiche.

Cosa tratta un allergologo?

Un allergologo è uno specialista medico che studia le reazioni dolorose del corpo umano a contatto con sostanze irritanti e stabilisce una terapia, per eliminare la reazione o per rimuovere i sintomi spiacevoli di una reazione allergica. Le cause di eruzioni cutanee, prurito, starnuti, lacrime e gonfiore delle vie respiratorie e degli organi interni, che sono molto pericolosi per la vita, sono sostanze che vengono prodotte dal corpo umano sotto forma di una risposta all'ingresso di allergeni all'interno.

Un allergologo con le qualifiche appropriate sarà in grado di comprendere le cause affidabili di una reazione allergica, utilizzando attrezzature e test moderni e prescrivere una terapia con farmaci antiallergici. Ad oggi, i farmaci sviluppati utilizzando le moderne tecnologie non causano sonnolenza e non provocano reazioni avverse..

Quando contattare un allergologo

È necessario fissare un appuntamento con un allergologo quando compaiono i primi segni di natura allergica. I sintomi delle allergie possono manifestarsi in questo modo:

  • Reazioni infiammatorie, gonfiore, eruzione cutanea, di solito accompagnata da prurito;
  • Il corso delle lacrime o una sensazione di dolore agli occhi;
  • Tosse;
  • Mancanza di respiro o difficoltà respiratorie;
  • Naso che cola stagionale.

Importante! Le reazioni allergiche non tollerano l'automedicazione. Non c'è bisogno di diagnosticare te stesso. Potrebbe essere dannoso..

Lo specialista condurrà le ricerche e i test necessari, determinerà la malattia e stabilirà un regime di trattamento. Inoltre, si terrà una consultazione sulla prevenzione delle allergie..

Cosa fa un allergologo alla reception

Una parte importante della ricezione del medico di un allergologo è la raccolta di un'anamnesi. Questa fase è importante per qualsiasi malattia, ma per una persona con un'allergia è particolarmente importante. In termini di significato, questa parte supera anche i metodi di ricerca speciali..

  1. Il medico sente le lamentele del paziente;
  2. Chiede quando si è manifestata per la prima volta la reazione allergica, per quanto tempo è durato il sintomo e con quale frequenza si sono verificate le ricadute;
  3. Quali connessioni ha il paziente con l'insorgenza dei sintomi o compaiono senza ovvi motivi;
  4. Esiste una connessione di sintomi con i cambiamenti climatici, lo stress, lo sforzo fisico, il consumo di cibo e altri;
  5. Il paziente ha tentato l'autotrattamento e quanto ha avuto successo?
  6. Quali specialisti hanno visitato il paziente e quali farmaci ha assunto, quali sono stati i risultati.

Inoltre, il medico deve registrare nella scheda del paziente informazioni su condizioni di lavoro e di vita, malattie, operazioni e lesioni. Assicurati di stabilire dati su casi di allergie nei parenti, quali cattive abitudini ha il paziente, cibo, droghe e farmaci che hanno una reazione allergica.

Importante! Quando visiti uno specialista, dovrai prendere raccomandazioni dai medici che hanno già visitato.

È importante non dimenticare che condurre test cutanei e altri test provocatori durante l'assunzione di farmaci allergici non produrrà alcun risultato..

Consultazione allergologo

Per la storia più informativa, è necessario rispondere alle domande dei medici, seguendo alcune regole:

  • Dare una risposta specifica, non tentando di usare termini medici e stabilire autonomamente una diagnosi;
  • Se sai a quale prodotto il corpo produce una reazione, chiamalo (fornisci una descrizione, un marchio, ecc.);
  • Indica quando è comparsa una reazione allergica nel tempo e per quanto tempo è durata;
  • Se esiste un gruppo di prodotti, allora devi provare a descriverli nel modo più dettagliato possibile;
  • Inoltre, è importante indicare i precedenti tentativi di trattamento, sia indipendenti che tra specialisti..

Diagnosi di malattie allergiche

Alla prima assunzione, vengono eseguiti esami del sangue nelle urine per valutare le condizioni generali del corpo umano. Dopo, se necessario, saranno nominati studi specializzati:

  1. Test allergici cutanei con un test prik. Durante questa procedura, la pelle del paziente viene leggermente perforata con un priklancet con una goccia di soluzione di allergene, una profondità di puntura non superiore a 1 mm. Tale test consente a un allergologo di stabilire una sostanza allergenica che provoca la malattia dopo 15-20 minuti. Inoltre, con il loro aiuto è possibile stabilire il grado di sensibilità di una persona ad altri allergeni;
  2. Istituzione di immunoglobuline generali e specifiche E (Ig E) nel siero del sangue. Durante la procedura, viene calcolato il grado di concentrazione dell'immunoglobulina E (IgE) nel sangue del paziente. Quando la quantità viene aumentata, ciò indica la comparsa di anticorpi nel corpo. Questo metodo consente allo specialista di condurre uno studio su oltre 100 allergeni causali;
  3. Determinazione di una reazione allergica ai farmaci mediante esame del sangue. Permette di comprendere la relazione causale tra allergie e uso di farmaci. Durante lo studio, viene effettuata una valutazione dell'effetto sul corpo di farmaci che vengono assunti abbastanza spesso o addirittura vitali: antibiotici, farmaci antinfiammatori e antidolorifici, anticoagulanti.
  4. Valutazione della funzione della respirazione esterna. Consente di determinare la presenza e il grado di insufficienza respiratoria nell'asma bronchiale o nella bronchite ostruttiva.

Trattamento di allergia

Durante la terapia allergica fino ad oggi, possono essere utilizzati i tecnologi più progressivi, tra cui:

  • Eliminazione degli allergeni, che è la massima riduzione dell'effetto degli allergeni causali sull'uomo. Tra questi, lo sviluppo personale di una dieta ipoallergenica e la consultazione del paziente secondo gli standard ipoallergenici domestici.
  • La terapia con farmaci viene eseguita utilizzando farmaci antiallergici modernizzati con un effetto altamente efficace e altri medicinali locali e generali.
  • Immunoterapia specifica per allergeni, comporta iniezioni sottocutanee o gocce sotto la lingua di dosi molto piccole di allergeni causali nel corpo umano.
  • Fisioterapia: inalazione per fermare l'esacerbazione dell'asma bronchiale, elettroforesi (una tecnica speciale in cui il farmaco viene deliberatamente consegnato al corpo sotto l'influenza di deboli impulsi elettrici). Un piano di trattamento viene preparato e sviluppato da un fisioterapista.

Prevenzione delle malattie allergiche

Le misure preventive prevengono le esacerbazioni e riducono la gravità dei sintomi. Tra questi metodi:

  1. seguendo gli standard di vita ipoallergenica del paziente;
  2. dieta ed evitamento di fattori e oggetti che possono agire come fonti di allergeni causali.

Un ruolo molto importante in questa fase sono le misure preventive per il raffreddore e l'eliminazione delle fonti di infezione cronica, che possono aggravare gravemente le allergie. Al fine di prevenire reazioni allergiche al polline delle piante, gli specialisti producono iposensibilizzazione non specifica. Consiste nell'introduzione di medicinali speciali per periodi prescritti, fino alla fioritura delle piante. Ciò consente di ridurre la gravità degli attacchi allergici a tutti i tipi di polline, lanugine di pioppo, ecc..

Come arrivare a un allergologo

  • Di norma, i terapisti locali vengono definiti specialisti così ristretti come allergologi. Nei casi in cui essi stessi non possono risolvere il problema del paziente. Pertanto, si dovrebbe comprendere che inizialmente il medico di famiglia nella clinica all'indirizzo di residenza proverà a risolvere il problema allergico. Quando si rende conto che i suoi metodi non sono efficaci, verrà emesso un rinvio a un allergologo..
  • Prima della dimissione del rinvio, il medico deve preparare un estratto dalla storia medica. Conterrà informazioni sul decorso della malattia e sulla terapia che è stata effettuata. Questo viene fatto in modo che sia più facile per un allergologo capire quali metodi di terapia non portano risultati in un caso particolare. Inoltre, la dichiarazione contiene dati sullo stato corrente, che possono essere stimati solo mediante analisi.
  • Il terapista deve richiedere un rinvio per un esame generale delle urine e del sangue. Il medico può offrire di condurre alcune ricerche specializzate. Tuttavia, spesso le analisi di tale piano non vengono eseguite nella clinica distrettuale e il paziente può condurle a pagamento o addirittura rifiutare di condurle e attendere gli appuntamenti da un allergologo.
  • Prima di fissare un appuntamento con un allergologo, il medico emetterà documenti di cui l'allergologo avrà successivamente bisogno. È importante assicurarsi che la direzione del terapeuta sia tutta l'informazione sulla salute e tutte le firme necessarie con sigilli.

Come fissare un appuntamento con un allergologo

Successivamente, è necessario chiarire l'orario del lavoro dell'allergologo nel registro e, se necessario, è possibile fissare prima un appuntamento con un allergologo. È necessario consultare la propria clinica se esiste la possibilità di fissare un appuntamento con un allergologo via Internet. Ora spesso forniscono tali servizi.

C'è un modo più semplice: ottenere una consulenza presso un istituto medico a pagamento. Il ricevimento a pagamento di un allergologo non richiede un rinvio.

Chiama un allergologo a casa

Se ci sono sintomi che causano il sospetto di una reazione allergica e le condizioni della persona non consentono di venire personalmente in un istituto medico, allora è meglio rimanere a casa, il che eviterà complicazioni. In qualsiasi fase della malattia, è meglio chiamare uno specialista a casa. Uno specialista allergologo tornerà a casa lo stesso giorno ed eseguirà le manipolazioni necessarie. Se la chiamata viene effettuata dopo 19 ore, lo specialista arriverà il giorno successivo.

Chiamare un allergologo a casa ti permetterà di ottenere un aiuto professionale specializzato su tutti i problemi di reazioni allergiche e sui metodi di prevenzione. Tali specialisti saranno in grado di fornire un ampio elenco di servizi medici per tutta la giornata lavorativa. Inoltre, insieme a uno specialista, un'infermiera può andare a casa tua, che farà i test e svolgerà le procedure necessarie a casa.

Riferimento! Sulla base dei risultati dell'esame, viene inviato un rapporto medico a ciascun paziente.

Il costo dei servizi per allergologi

Se vuoi entrare in un istituto medico commerciale, i pazienti si chiedono quanto costino i servizi di un tale specialista. La consultazione e il ricevimento di un allergologo specializzato costerà da 1350 a 3500 rubli. Chiamare un allergologo a casa avrà un costo di 6000 rubli. Se parliamo di condurre analisi, l'immagine è la seguente:

Tipo di studioCosto
Test cutaneo per un tipo di allergeneda 420 sfregamenti.
5 a 10 allergenidal 1580 sfregare.
10 a 25 allergenida 2100 rub.
Corso di supporto di immunoterapia specifica per allergie (senza costo di farmaci)da 8400 sfregamenti.
Immunoterapia suballergica specifica per allergeni (senza costo di farmaci)da 10 500 rub.
Immunoterapia specifica con allergeni iniettabili soggettivamente (senza costo di farmaci)da 15 750 rub.
Corso di ipersensibilità non specificoda 7350 sfregamenti.

Non automedicare, questo può causare danni significativi alla salute. Se si sospetta una reazione allergica, è necessario fissare un appuntamento con un medico. All'appuntamento del medico dovrebbero prendere appunti e documenti di altri specialisti per fare una diagnosi più accurata. È meglio fissare un appuntamento attraverso la reception.

Allergologo: caratteristiche della professione

L'allergologia sta studiando le reazioni negative del corpo a vari agenti patogeni esterni. Sin dai tempi antichi, l'umanità ha cercato modi per fermare le reazioni allergiche e ha ottenuto un successo significativo in questo. Tuttavia, molti tipi di allergie non sono ancora completamente guariti..

L'essenza del lavoro di un allergologo

L'allergologia moderna è un'industria medica indipendente, che ha affrontato i problemi di prevenzione, diagnosi e trattamento di varie malattie allergiche. Un allergologo è uno specialista medico che identifica e tratta le allergie.

Va notato che l'immunologia non è solo una specie di progenitore di allergologia, ma è attualmente una specialità correlata. E poiché entrambe le aree studiano il sistema immunitario, esiste anche un allergologo-immunologo specializzato.

La professione di allergologo è suddivisa condizionatamente in due aree:

Allo stesso tempo, uno specialista nel lavorare con reazioni allergiche nei bambini dovrebbe anche prendere in considerazione quando sceglie un trattamento che gli organismi dei suoi pazienti sono nella fase di sviluppo e formazione. Pertanto, le reazioni a determinati agenti patogeni possono cambiare nel tempo..

Cosa tratta un allergologo??

L'allergologo si occupa delle reazioni allergiche che si verificano nel corpo umano.

Ad oggi, un gran numero di malattie allergiche si distingue in medicina. Questi includono i seguenti:

gonfiore delle vie aeree;

Inoltre, un allergologo è anche coinvolto nella prevenzione. Ora questo è particolarmente vero, perché negli ultimi anni il numero di persone allergiche è aumentato. E ci sono i seguenti motivi:

indebolimento generale del sistema immunitario;

problemi ai reni

scarsa funzionalità epatica;

peggioramento delle condizioni economiche;

diminuzione del livello di qualità dei prodotti alimentari;

stile di vita sbagliato e cattive abitudini.

Allo stesso tempo, la farmacologia a questo proposito non si ferma, quindi ci sono un gran numero di farmaci che aiutano a far fronte o addirittura a prevenire le reazioni allergiche. Inoltre, i mezzi attuali sono adattati per i bambini. A questo proposito, il medico deve determinare la causa della reazione allergica e selezionare correttamente il corso del trattamento.

Responsabilità degli allergologi

L'elenco funzionale di questo specialista include quanto segue:

riferimento alle analisi e agli esami necessari;

creare un piano di trattamento, compresa la formazione di una dieta speciale;

svolgimento di una procedura di test allergologico;

consultazione di altri specialisti medici;

lavorare con cartelle cliniche.

Per poter svolgere i compiti a lui assegnati, il medico deve sapere:

principi di assistenza medica di emergenza.

Requisiti per le competenze degli allergologi

Un allergologo può lavorare come medico che soddisfa i seguenti requisiti:

istruzione medica superiore;

certificato valido nelle aree di "Allergologia" o "Allergologia-Immunologia";

conoscenza dei moderni metodi di trattamento;

capacità di lavorare in programmi specializzati per medici specialisti;

libro medico con dati attuali.

Luogo di lavoro dell'allergista

L'importanza di questa professione ti consente di svolgere attività mediche in molti istituti sanitari:

Inoltre, un professionista con una vasta esperienza può impegnarsi nell'insegnamento o nella ricerca nel suo campo.

Dove imparare la professione di allergologo?

Per padroneggiare questa specialità, è necessario ottenere un'istruzione superiore. È possibile ottenerlo presso le scuole di medicina. È necessario agire come segue:

iscriversi a facoltà o "Medicina generale" o "Pediatria";

Disimpara per sei anni, ottieni un diploma;

iscriversi a residenza nelle aree di "Allergologia" o "Allergologia-Immunologia";

due anni per ottenere le qualifiche necessarie.

Vale anche la pena notare che i medici sono costantemente impegnati nell'autoeducazione. Partecipano a vari eventi specializzati, conducendo ricerche indipendenti. Inoltre, ci sono molti corsi diversi..

Qualità personali dell'allergologo professionista

Questo tipo di attività implica che il medico abbia un certo carattere e un insieme di qualità che lo aiuteranno nella sua attività professionale:

Mente analitica;

capacità di lavorare con molte informazioni;

desiderio di auto-sviluppo.

Livello di retribuzione della professione di allergologo

In molti modi, lo stipendio di uno specialista dipende dalla regione di residenza. Pertanto, gli specialisti nelle grandi città hanno un reddito maggiore. Ad esempio, lo stipendio medio di un allergologo a San Pietroburgo raggiunge i 60.000 rubli.

Se parliamo di regioni e piccole città, lo stipendio può variare significativamente da 20.000 a 50.000 rubli al mese.

Pro e contro della professione di allergologo

Gli aspetti positivi della specialità includono:

pertinenza e pertinenza;

guadagni complessivi elevati.

Contro dovrebbe essere considerato:

    la necessità di apprendere costantemente;

bassi salari nelle cliniche governative;