Cause di allergie durante la gravidanza

Allergeni

La gravidanza è un grande momento per ogni donna. Tuttavia, è accompagnato da cambiamenti che interessano il sistema immunitario e i livelli ormonali, a seguito dei quali un'allergia esistente si ripresenta o si sviluppa. A cosa può essere allergica una donna incinta? In medicina si distinguono i principali allergeni: polvere domestica, polline di piante, peli di animali domestici, droghe, ecc. Il processo di insorgenza della patologia è imprevedibile, può portare a conseguenze negative. Il trattamento deve essere iniziato immediatamente..

Allergia e gravidanza

Le patologie allergiche sono estremamente rare nelle donne che si trovano in una posizione interessante per la prima volta. Nella maggior parte dei casi, la futura mamma è consapevole della sua intolleranza a questo o quel prodotto, sostanze, ecc., Che provocano lo sviluppo del processo patologico. Ma qualsiasi regola ha un'eccezione.

Il tempo in cui nasce un bambino è una serie di cambiamenti nel corpo femminile che possono diventare un catalizzatore per lo sviluppo di una reazione allergica. Il sistema immunitario funziona con un doppio carico, può rispondere in modo imprevedibile a qualsiasi allergene.

I principali tipi di allergeni:

  • Raggi ultravioletti;
  • Freddo;
  • Componenti di cosmetici;
  • Alcuni alimenti
  • farmaci;
  • Peli di animali domestici;
  • Polvere, polline, ecc..

Le allergie durante la gravidanza hanno sempre una certa "base". In particolare, ci sono diversi fattori provocatori che portano al problema. Se la donna è in buona salute, la gravidanza procede normalmente, nulla la disturba, quindi la probabilità di sviluppare un'allergia è ridotta a zero.

Per informazione, secondo le statistiche, fino al 30% delle donne in gravidanza soffre di allergie. Nella maggior parte dei casi, la malattia si manifesta tra 18 e 24 anni..

Prerequisiti che aumentano la probabilità di sviluppare un'allergia:

  1. Stress cronico.
  2. Insufficienza del sistema immunitario.
  3. Automedicazione.
  4. Contatto frequente con prodotti chimici domestici.
  5. Indossa abiti sintetici.
  6. L'abuso del trucco.
  7. Dieta impropria, cattive abitudini alimentari.
  8. Cattive condizioni ambientali.

Se hai già una storia di allergie, dovresti consultare un medico quando pianifichi una gravidanza. Prescriverà un corso di terapia che aiuta a ridurre l'esacerbazione della patologia durante il portamento di un bambino.

Tipi di allergie e sintomi

Nelle prime 12-14 settimane di una situazione interessante, le donne possono sviluppare una reazione al feto, come la tossicosi. Viene livellato da solo quando il corpo si abitua a un nuovo stato..

Le allergie durante la gravidanza sono dei seguenti tipi:

  • Forma allergica di rinite. È caratterizzato da abbondanti secrezioni di muco dai passaggi nasali, starnuti costanti, sensazioni pruriginose, congestione del seno nasale. Molto spesso, la reazione si verifica su polvere, piante fiorite, peli di animali domestici;
  • Congiuntivite di natura allergica. Accompagnato da abbondante secrezione di lacrime, paura della luce, arrossamento della cornea. Molto spesso, questa patologia si verifica contemporaneamente alla rinite, i provocatori sono simili;
  • Orticaria e dermatite. Sulla pelle c'è un'eruzione cutanea, arrossamento, gonfiore, forte prurito. In apparenza, la malattia ricorda un'ustione di ortica. Una reazione allergica è localizzata - al punto di contatto con l'allergene. Si sviluppa spesso sul viso a causa dell'intolleranza all'uno o all'altro cosmetico;
  • L'edema di Quincke. La malattia colpisce le palpebre, le labbra e la cavità orale, il tratto respiratorio superiore. Si sviluppa all'istante e sempre all'improvviso. Alto rischio di gonfiore della laringe e successivo soffocamento. A volte la patologia è accompagnata da dolore addominale e segni di ostruzione intestinale (raramente).

Importante: la forma più grave di allergia è lo shock anafilattico, che si verifica con un cambiamento nella coscienza e un forte calo della pressione sanguigna. In assenza di cure mediche tempestive, esiste il rischio di morte.

Lo shock anafilattico nella maggior parte dei casi si sviluppa entro un'ora dopo il contatto con un allergene: polline di piante, cosmetici, farmaci.

L'effetto delle allergie sullo sviluppo fetale

Qualsiasi cambiamento nel benessere preoccupa la donna, specialmente quando si tratta di dare alla luce il primo figlio. Se la madre è preparata, è a conoscenza della sua reazione allergica, quindi pre-acquista un medicinale che aiuta a fermare i sintomi dell'ansia. Tuttavia, in questo caso, devi pensare a quale effetto avrà il farmaco sul feto. L'automedicazione in una posizione interessante è severamente vietata. Doppia minaccia - per mamma e bambino.

La stessa patologia non influisce negativamente sullo sviluppo intrauterino. Gli agenti patogeni non sono in grado di attraversare la placenta verso il bambino. Tuttavia, possono influire in futuro quando il bambino sviluppa la stessa malattia della madre. Si scopre che un'allergia durante la gravidanza è pericolosa in quanto può essere ereditata. Ma questa affermazione non si applica a tutte le situazioni. Se i geni del papa "hanno vinto", allora la probabilità è estremamente bassa.

L'effetto delle allergie durante la gravidanza, a seconda del trimestre:

  1. Primo trimestre. La barriera placentare non è completamente formata, quindi il bambino non è protetto. Durante questo periodo, viene eseguita la posa e lo sviluppo di tutti gli organi interni e del sistema. Vi è il rischio di sviluppo anormale a causa degli effetti negativi dei farmaci usati da una donna.
  2. Secondo trimestre. La placenta è completamente formata, il bambino è protetto dagli effetti negativi di fattori provocatori e droghe. Il pericolo è assumere pillole che sono vietate in una posizione interessante.
  3. Terzo trimestre. Gli agenti patogeni non sono in grado di penetrare attraverso la placenta, il bambino è protetto prima del travaglio. Tuttavia, la cattiva salute della madre non è il modo migliore che influisce sulle condizioni del feto.

Molti antistaminici sono controindicati durante la gravidanza. Il loro uso non autorizzato può portare a disturbi circolatori nella placenta, che minaccia l'ipossia.

Le allergie durante la gravidanza sono un pericolo per la madre. La forma "innocua" di rinite è in grado di provocare un attacco di asma bronchiale, shock anafilattico e provocare soffocamento. La mancanza di ossigeno porta alla fame di ossigeno fetale.

Metodi per il trattamento delle allergie durante la gravidanza

Come trattare le allergie durante la gravidanza? Il problema è rilevante, poiché è necessario alleviare le condizioni della madre, eliminando l'impatto negativo sullo sviluppo del bambino. Tutti i medicinali sono usati con cura, solo come prescritto dal medico curante.

La terapia è sintomatica, a causa della gravità e dell'intensità delle manifestazioni cliniche. È impossibile curare un'allergia, puoi solo rimuovere i sintomi.

Importante: nel primo trimestre, è altamente indesiderabile assumere qualsiasi pillola. Sono prescritti solo in casi eccezionali in base al principio del potenziale beneficio e del probabile danno..

  • Le gocce con sale marino aiutano a ridurre i sintomi della rinite allergica - Marimer e Aqua Maris; Puoi usare lo spray Pinosol (come nella foto), che include menta ed eucalipto, o Prevalin aerosol, che crea un film protettivo nel naso che blocca gli agenti patogeni;
  • Per il lavaggio degli occhi contro la congiuntivite, è consentito l'uso di gocce Innoxa;
  • Dalle allergie cutanee viene prescritto un unguento allo zinco, che ha una proprietà essiccante;
  • Per il trattamento delle allergie alimentari, l'allergene viene prima eliminato, quindi agenti detergenti - Enterosgel;
  • Sullo sfondo di forte prurito e desquamazione della pelle nei primi giorni, viene assunto un ampio dosaggio di enterosorbenti - carbone attivo.

Per quanto riguarda i farmaci con proprietà antistaminiche, non sono completamente sicuri durante la gravidanza. Possono essere prescritti solo in gravi reazioni allergiche, quando non ci sono altre opzioni di trattamento..

Bloccanti e corticosteroidi del recettore dell'istamina H1

I bloccanti dell'istamina H1 contribuiscono al blocco dei recettori dell'istamina, a seguito della quale scompaiono i sintomi allergici. L'industria farmaceutica offre diverse generazioni di questi farmaci. Ogni successivo ha un elenco più piccolo di effetti collaterali. Alcuni sono categoricamente controindicati, altri sono considerati l'unico mezzo possibile.

Elenco generazionale di farmaci:

  1. Prima generazione. La difenidramina non deve essere assunta durante la gravidanza, in casi estremi, è prescritta solo nel secondo trimestre. Suprastin non è prescritto durante la gestazione, sebbene non vi siano dati clinici sull'effetto sul feto..
  2. Seconda generazione. Claritina: non sono stati condotti studi sugli effetti sullo sviluppo intrauterino, prescritti solo in casi eccezionali.
  3. Terza generazione. Allertec è assunto solo come prescritto dal medico nel 2 ° e 3 ° trimestre, nel primo è controindicato.

I corticosteroidi sotto forma di compresse, creme e unguenti sono raramente prescritti. I mezzi aiutano a ridurre la resistenza del corpo femminile alle infezioni, che influisce negativamente sul feto. È prescritto solo nei casi in cui il beneficio per la madre è superiore al rischio per il feto.

Come trattare le manifestazioni di una reazione allergica è deciso esclusivamente dal medico. Una terapia adeguata allevierà le condizioni della madre, non danneggerà il bambino. L'autotrattamento è pieno di complicazioni, anche irreversibili.

Allergia all'inizio della gravidanza

Il momento più atteso nella vita di una donna è il momento della gravidanza. Durante questo periodo, tutte le reazioni protettive del corpo sono rivolte al feto e l'immunità della donna incinta si indebolisce. Con l'inizio della gravidanza, cambiamenti nello stile di vita e nella dieta. Tutto ciò provoca spesso reazioni allergiche, soprattutto nelle prime fasi, quando il corpo continua a non capire nulla ed è in uno "stato di perplessità". Le allergie causano molti problemi e disagi. E il problema principale è che molti medicinali e preparati a base di erbe sono proibiti per le donne in gravidanza..

Cause di allergie nelle donne in gravidanza

I sintomi possono variare, a seconda della causa che ha preceduto la reazione. In questo momento, il corpo reagisce in modo molto acuto a tutto: cibo, odori, cosmetici, aria, sole e così via. Pertanto, il primo dei motivi è necessario annotare la dieta di una donna incinta.

Cercando di saturare il suo corpo con vitamine e minerali, una donna, con l'inizio della gravidanza, consuma quantità eccessive di frutta e verdura. Questo porta ad un eccesso di loro nel corpo e provoca allergie. Vale la pena mangiare solo a dosi moderate. Prodotti che provocano allergie nelle prime fasi della gravidanza: carni affumicate, sottaceti, salsicce, cibi in scatola, cibi pronti, pesce, agrumi, frutti di bosco. Prestare particolare attenzione alle uova e al latte di mucca. Anche carne come maiale e agnello possono essere dannosi. Un prodotto apparentemente utile allo zenzero. Ma nelle prime fasi della gravidanza è controindicato. Contiene aceto, che è severamente vietato alle donne in gravidanza.

Le bevande al cinorrodo sono ricche di vitamina C, ma nelle donne in gravidanza possono causare tono uterino, che alla fine porterà ad un aborto spontaneo. E una tale bacca, come i mirtilli rossi, provoca il sovrappeso del feto. Prestare attenzione nell'uso del miele..

La prossima causa di allergie può essere un cambiamento nel background ormonale. Gli allergeni possono circondarsi a casa, nella vita di tutti i giorni. Questo è spesso polvere e animali domestici. A questo proposito, i medici raccomandano di mettere i loro animali domestici in buone mani durante la gravidanza. Il contatto con detergenti e prodotti per la pulizia comporta molti problemi. I prodotti chimici domestici e i cosmetici decorativi sono particolarmente pericolosi a partire dalla 20a settimana di gravidanza.

Sintomi allergici

Al momento del parto, l'allergia può essere di qualsiasi tipo: pelle, vie respiratorie e cibo. Quali sono le sue manifestazioni?

PelleEruzione cutanea, arrossamento, forte prurito, bruciore. Possono verificarsi croste, ferite infiammate..
respiratorioNaso che cola, starnuti, rinite, congiuntivite, tosse, soffocamento.
CiboVomito, nausea, mal di stomaco, eruzioni cutanee sul corpo.

Uno dei segni di allergie è il gonfiore. Questo sintomo si verifica se una donna è allergica alle punture di insetti. Il posto del morso può aumentare di cinque o anche dieci volte. Allo stesso tempo, l'edema di Quincke è molto pericoloso. Nelle fasi iniziali, spesso un'allergia si manifesta sul viso di una donna.

Nocivo per un'allergia al feto

I medici sono rassicuranti in questa materia. Le allergie non influenzeranno particolarmente il feto, poiché gli allergeni non sono in grado di penetrare la placenta nel bambino. L'assunzione di vari farmaci e le condizioni generali insoddisfacenti della madre possono influire negativamente. La futura mamma è a disagio, con un'eruzione cutanea che prude ed è nervosa. Stressato. Tutto ciò è pericoloso nelle prime fasi della gravidanza, quando il corpo tenta di ricostruirsi in un modo nuovo, dati tutti i cambiamenti ormonali. E questo non tiene conto della tossicosi nel primo trimestre.

Al momento della congestione nasale, il bambino può soffrire di mancanza di ossigeno. Il digiuno di ossigeno è molto pericoloso per il feto nel primo trimestre di gravidanza, poiché in questo momento c'è un processo di formazione di tutti gli organi interni.

Come trattare le allergie nelle prime fasi?

Qui dovresti immediatamente dire che devi correre dal medico. Al momento del parto, non dovresti impegnarti nel trattamento. Dopotutto, non ti fai del male, fai del male al bambino. Prima di andare dal medico, prendere le seguenti misure:

  • Passa a una dieta ipoallergenica;
  • Evitare il contatto con tutti i possibili allergeni..
Non tutti i farmaci antiallergici sono ammessi per le donne in gravidanza
suprastinConsentito nel secondo e terzo trimestre, ma solo in casi di emergenza e sotto la supervisione di un medico. In manifestazioni allergiche acute.
TavegilNon è raccomandato l'uso durante la gravidanza, poiché minaccia il normale sviluppo del feto.
PipolfenControindicato durante la gestazione.
ClaritinConsentito durante la gravidanza, ma solo come indicato dal medico curante.
DiphenhydramineControindicato nelle donne in gravidanza, in quanto può causare contrazioni uterine.
terfenadinaNon è consigliabile assumere al momento della gravidanza, poiché riduce il peso del feto.
astemizoloDroga molto tossica, vietata durante il periodo di gestazione.
CetrinApprovato per l'uso solo sotto controllo medico..

Molti unguenti hanno anche molte controindicazioni. Ma molto più sicuro delle pillole. È molto importante usare unguenti e creme antiallergici per le eruzioni cutanee. Dopo la pettinatura, si formano ferite attraverso le quali l'infezione penetra e danneggia il feto.In generale, tutti gli unguenti anti-allergici sono suddivisi nelle seguenti categorie: antinfiammatori, ormonali, idratanti e combinati.

Unguenti anti-infiammatori
Fenistil-gelConsentito durante il secondo e il terzo trimestre, ma solo a piccole dosi e come indicato da un medico. È possibile utilizzare nel primo trimestre, sotto stretto controllo.
Psilo-balsamoConsentito in tutte le fasi della gravidanza sotto controllo medico.
ElidelUn farmaco molto efficace. È prescritto se altri unguenti non portano il risultato desiderato. Consentito durante la gravidanza, ma solo come indicato da un medico.

Gli unguenti ormonali, di regola, non sono prescritti durante la gravidanza. Sono molto efficaci, ma hanno molti effetti collaterali. Questo tipo di farmaco viene assorbito attraverso la pelle nel flusso sanguigno, che può danneggiare il feto. Va notato che ci sono 3 categorie di unguenti ormonali. Dipende dalla loro azione e assorbimento nel sangue. Ad esempio, l'unguento Elokom ha un assorbimento abbastanza basso e può essere usato durante la gestazione sotto la stretta supervisione di un medico. Di norma, è prescritto per un breve periodo (3-5 giorni). Ma Akriderm appartiene alla terza categoria e non è raccomandato per le donne in gravidanza..

Gli unguenti idratanti sono ottimi per la guarigione dei tessuti. Allevia il prurito e nutre la pelle. Sono i mezzi più sicuri per le donne in gravidanza. Questi includono:

BepantenHa una proprietà curativa. Idrata perfettamente la pelle. È usato sia per il trattamento che per la prevenzione. Autorizzato ad applicare in qualsiasi fase della gravidanza.
La creeUn farmaco antinfiammatorio sufficientemente efficace e sicuro. La crema idrata e ammorbidisce la pelle. Non ha controindicazioni al momento del parto.
D-pantenoloNormalizza la funzione del tessuto cutaneo, guarisce i danni alla pelle. Ha un buon effetto idratante. Non ci sono controindicazioni durante la gravidanza.
VediamoÈ prescritto per eczema, orticaria, gonfiore. Rimuove efficacemente le manifestazioni allergiche sul viso e sulle palpebre. Ma è controindicato nel primo trimestre di gravidanza.
RadevitUtilizzato per dermatosi, cura ferite della pelle e ulcere. Non raccomandato durante la gravidanza.
EmoliumÈ prescritto per la pelle secca eccessiva, con dermatite atopica. Non ha controindicazioni per le donne in gravidanza.

Se un'allergia si manifesta sotto forma di rinite, allora ci sono preparazioni nasali abbastanza sicure. Le gocce al naso come Aqua Maris sono una soluzione salina semplice. Ciò cancella il naso e facilita la respirazione. Idrata la mucosa nasale in modo abbastanza efficace. La base di questa soluzione è semplice sale marino. Non ci sono controindicazioni durante la gravidanza e il pinosolo. Si compone di eucalipto, pino e menta. Allevia la congestione nasale e facilita la respirazione. Le gocce nasali sicure includono anche:

Come prevenire le allergie?

La regola principale è di escludere il possibile contatto con allergeni. Questo vale non solo per la sfera domestica, ma anche per il cibo. Particolarmente cauto da mangiare nel primo trimestre, quando il corpo viene appena ricostruito. Ma nel secondo trimestre, gli anticorpi contro i prodotti iniziano a formarsi nel feto, che dopo la nascita può manifestarsi in manifestazioni allergiche. Le donne in gravidanza dovrebbero consumare più burro, carne dietetica, verdure, in quanto sono prodotti antiallergici. Una delle principali cause di allergie nelle donne in gravidanza è la lana. La sensazione di vari odori può causare allergie ai profumi.

Tra le molte vitamine si notano antistaminici naturali.
Vitamina CSotto forma di acido ascorbico. Aiuta con attacchi di rinite. Riduce le manifestazioni di dermatite allergica. Diminuisce la sensibilità al tuorlo d'uovo.
Grasso di pescePreviene il naso che cola, prurito, eruzione cutanea.
Acido oleicoIncluso in olio d'oliva ottimo rimedio per la prevenzione di reazioni allergiche.
Un acido nicotinicoPiù efficace nella febbre da fieno.

Un prerequisito è l'osservanza di una dieta ipoallergenica fin dai primi giorni di gravidanza. Il fumo attivo e passivo è severamente vietato. Dovresti sbarazzarti delle cose "collettori di polveri". Camminare all'aria aperta, preferibilmente la sera, è molto utile..

Un'allergia nelle future mamme è spiacevole, ma puoi vivere

Quanto è pericolosa un'allergia durante la gravidanza per la madre e il feto? Esistono mezzi sicuri in grado di trattare efficacemente questa malattia e quali metodi popolari posso usare? Come stabilire la nutrizione e la vita ipoallergeniche?

La gravidanza colpisce tutti i processi e i sistemi nel corpo di una futura madre. Anche il sistema immunitario subisce gravi cambiamenti: il numero, la percentuale e l'attività dei leucociti cambiano, i cambiamenti ormonali di fondo, si verifica l'immunosoppressione. Ciò può portare a malfunzionamenti del sistema immunitario, inclusa la comparsa di una nuova o aumentata allergia nelle donne in gravidanza.

Pertanto, a volte le allergie possono essere considerate come uno dei primi segni di gravidanza.

Tuttavia, durante la gravidanza, la produzione di cortisolo, un ormone con un effetto antiallergico, sopprime lo sviluppo di una reazione allergica, aumenta, quindi in alcuni casi la malattia, al contrario, può scomparire o andare in una forma più lieve.

Allergia alla gravidanza: una doppia minaccia

Di norma, le allergie in gravidanza si verificano raramente per la prima volta. La maggior parte delle donne ha una chiara idea dei "loro" allergeni e delle manifestazioni della malattia, ma potrebbero esserci delle eccezioni. La gravidanza agisce come una sorta di catalizzatore, esacerbando il problema. Pertanto, è importante pensare alla possibilità di allergia e al suo trattamento anche nella fase di pianificazione della gravidanza..

Schema: dove le donne in gravidanza possono essere in attesa di allergeni

Il sistema immunitario della donna durante questo periodo funziona, come si suol dire, "da indossare", quindi la reazione a un particolare prodotto cosmetico o alimentare può essere imprevedibile.

Le allergie nelle donne in gravidanza possono verificarsi con vari gradi di gravità. Per comodità, sono divisi in 2 gruppi. Il primo include sintomi lievi:

  • La rinite allergica è accompagnata da secrezione sierosa dalla cavità nasale, una sensazione di congestione nasale, starnuti.
  • La congiuntivite da allergie si manifesta con aumento della lacrimazione, paura della luce, arrossamento della cornea. La congiuntivite allergica e la rinite si verificano spesso contemporaneamente..
  • Orticaria, dermatite allergica. Le manifestazioni di dermatite da contatto sono la comparsa di un'eruzione cutanea sull'addome, sulla schiena o sul torace. La dermatite si manifesta con gonfiore della pelle, prurito, arrossamento. L'orticaria in apparenza ricorda una "bruciatura" da cellule di ortica pungenti.

Il secondo gruppo comprende reazioni sistemiche (reazioni che colpiscono l'intero organismo) con un decorso grave:

  • L'edema di Quincke (edema delle palpebre, labbra, lingua, trachea), chiamato "orticaria gigante", si manifesta con un improvviso gonfiore delle mucose e grasso sottocutaneo in faccia e collo. Di particolare pericolo è il gonfiore della trachea e della laringe, che può portare a gravi problemi respiratori..
  • Lo shock anafilattico si manifesta con una coscienza alterata, un forte calo della pressione sanguigna. Se una donna non viene aiutata, potrebbe morire.

Queste sono reazioni allergiche immediate. Con allergie di tipo ritardato, l'allergene si accumula nel corpo (spesso un'allergia ritardata si sviluppa sullo sfondo di diversi allergeni).

La reazione immunocomplessa può essere una delle cause di glomerulonefrite, artrite reumatoide e altre malattie.

Allergia alla gravidanza - effetti sul feto

L'allergia è particolarmente pericolosa nel primo trimestre di gravidanza, poiché gli organi, i sistemi e i tessuti del feto sono nella loro infanzia e la placenta con le sue funzioni protettive non è ancora completamente formata..

Nel secondo e terzo trimestre, l'allergia non ha un effetto negativo sul feto, poiché una placenta completamente formata non passa antigeni. Ma la cattiva salute di una donna incinta, un morale depresso possono influire negativamente sulla salute del bambino.

Inoltre, le reazioni allergiche possono minacciare la vita della futura mamma e l'assunzione incontrollata di antistaminici può causare malformazioni fetali e interruzione prematura della gravidanza. Con l'auto-somministrazione di medicinali, è impossibile rispondere con precisione alla domanda "Il bambino soffrirà?". Pertanto, dovresti consultare un allergologo e un ginecologo, quali e in quali dosi dovrebbero essere prese per curare le allergie.

Diagnosi di allergie durante la gravidanza

La diagnosi comprende un esame del sangue per le allergie, vale a dire:

  • livello totale di anticorpi LGE,
  • screening allergenico per anticorpi specifici,
  • test cutanei,
  • storia medica,
  • tenere un diario alimentare per sospette allergie alimentari.

Il medico dovrebbe essere consapevole della posizione del paziente al fine di prescrivere i migliori metodi diagnostici per lei..

Come trattare le allergie durante la gravidanza

Il trattamento delle allergie nelle donne in gravidanza è abbastanza vario. Di seguito descriviamo cosa puoi prendere per sbarazzarti dei principali sintomi di allergie..

Trattamento delle allergie durante la gravidanza nel 1 ° trimestre

In questo momento, è indesiderabile utilizzare qualsiasi farmaco.

Se sei allergico alla fioritura, dopo ogni passeggiata è consigliabile lavare i vestiti e lavare le scarpe. Se non è possibile evitare il contatto con l'allergene, indossare una maschera medica..

Per la rinite allergica

Le gocce nel naso, che vengono utilizzate con un raffreddore comune, aiutano molto con la rinite allergica.

I migliori prodotti per le donne incinte sono i sali di mare.

  • Drops Marimer e Aqua Maris;
  • Complesso di delfini con sale marino ed erbe;
  • Spray Dr. Theiss Allergol acqua di mare

Oltre a quanto sopra, è possibile utilizzare:

  • Pinosol - contiene estratti di menta ed eucalipto, che migliorano il benessere nella rinite allergica.
  • Prevalin spray: forma una sottile schiuma sulla mucosa, bloccando gli allergeni.
  • Gocce saline - il principale ingrediente attivo è il cloruro di sodio. Aiuta a pulire la cavità nasale.

Congiuntivite, lacrimazione

Per il lavaggio degli occhi sono adatte gocce blu di Innoxa, che includono solo sostanze naturali

Prurito, eruzione cutanea, desquamazione

Gli unguenti sono un buon rimedio, aiuteranno a sbarazzarsi delle allergie cutanee durante la gravidanza - eruzione cutanea, dermatite cutanea. Ad esempio, l'unguento allo zinco ha un pronunciato effetto essiccante..

Allo stesso modo, è possibile utilizzare una sospensione di Tsindol contenente ossido di zinco.

Una buona opzione sono le creme che contengono estratti di piante medicinali. Con dermatite atopica, uno strato sottile sulle aree interessate di Physiogel A.I..

Allergie alimentari e farmacologiche - pulizia del corpo

Questo tipo di allergia è spesso caratterizzato da orticaria e altre eruzioni cutanee. Il primo passo è quello di escludere l'allergene dall'uso e, successivamente, pulire il corpo. Questo aiuterà:

In caso di allergie gravi, accompagnate da prurito o desquamazione, nei primi giorni dovresti assumere una doppia dose di qualsiasi sorbente, ad esempio carbone attivo.

Quanto è facile calcolare: dividi il tuo peso per 5. Questo sarà il numero di compresse.

Utilizzare 2-3 volte al giorno per 1-2 giorni. Quindi viene restituita la dose abituale - 1 compressa per 10 kg di peso corporeo.

Posso prendere le pillole per le allergie durante la gravidanza??

Per quanto riguarda gli antistaminici, sfortunatamente non esistono farmaci completamente sicuri per una donna incinta. Considereremo come trattare le allergie durante la gravidanza, quali antistaminici possono essere utilizzati durante questo periodo secondo le raccomandazioni del medico curante e quali sono completamente vietati..

Le indicazioni e le controindicazioni degli antistaminici devono essere prese in considerazione al fine di scegliere correttamente come trattare le allergie nelle donne in gravidanza, specialmente nei casi gravi.

Bloccanti dell'istamina H1

Blocca i recettori dell'istamina, eliminando così i sintomi di una reazione allergica. Esistono 4 generazioni di questi farmaci, in cui ogni successiva è caratterizzata da un minor numero di effetti collaterali e dalla forza della loro manifestazione, durata più lunga. Di seguito sono riportati i principali preparati in compresse della categoria H1 e la possibilità del loro uso in vari trimestri di gravidanza.

1a generazione
  • Diphenhydramine. È strettamente controindicato durante la gravidanza, poiché influenza la contrattilità dell'utero se assunto in una dose superiore a 50 mg. In casi estremi, è possibile utilizzare solo nel 2 ° trimestre.
  • Suprastin. Questo farmaco è controindicato durante la gravidanza, sebbene non vi siano informazioni affidabili sul suo effetto sul feto. Il farmaco non è prescritto nel primo trimestre di gravidanza e nelle fasi successive.
  • Tavegil. Il farmaco viene utilizzato solo in caso di emergenza, quando non è possibile utilizzare un altro rimedio. Nel primo trimestre, il farmaco non viene utilizzato. Esperimenti su animali hanno mostrato malformazioni fetali.
  • Pipolfen (piperacillina, diprazina). Non ci sono dati clinici sull'uso di questo farmaco, quindi il suo uso è controindicato. Se è necessario assumere farmaci durante l'allattamento, deve essere sospeso.
2a generazione
  • Claritin. Non è stato rilevato un effetto negativo sul feto e sul corpo della madre, ma, allo stesso tempo, la reazione di una donna incinta al farmaco può essere imprevedibile. Per questo motivo, Claritin è prescritto a una donna incinta solo nell'ultima risorsa.
  • Terfenadina. Non desiderabile durante la gravidanza, può portare alla perdita di peso nel neonato. Viene utilizzato se l'effetto dell'uso supera il rischio per il feto..
3a generazione
  • Fexadine. Queste pillole allergiche per la gravidanza sono controindicate..
  • Zirtek (il secondo nome è cetirizina). Non vi è stato alcun effetto teratogeno dall'uso del farmaco, ma è in grado di penetrare nel latte materno.
  • Allertec - può essere usato nel 2 ° e 3 ° trimestre come prescritto dal medico

I corticosteroidi

Sono prodotti sotto forma di compresse, iniezioni, nonché unguenti e creme. Il meccanismo d'azione dei corticosteroidi si basa sull'inibizione delle citochine Th-2, "responsabili" del verificarsi di una reazione allergica.

È stato scoperto che l'uso di farmaci come il desametasone, Metipred riduce significativamente la resistenza del corpo femminile a varie infezioni e quindi influisce negativamente sul feto. Ecco perché i corticosteroidi sono prescritti a una donna incinta se i farmaci antiallergici tradizionali non danno l'effetto desiderato..

Trattamento delle allergie nelle donne in gravidanza con rimedi popolari

I rimedi popolari sono usati principalmente nel trattamento delle manifestazioni cutanee di allergie nelle donne in gravidanza.

Tosse

Quando si tossisce, l'inalazione con acqua minerale, da cui viene rilasciato tutto il gas, aiuta bene. Puoi usare Borjomi, Essentuki (n. 4, n. 17) o Narzan. Un'ora dopo questa procedura, le inalazioni vengono inoltre eseguite con oli - eucalipto, pesca o oliva.

Orticaria durante la gravidanza

Le soluzioni di acido salicilico o mentolo alleviano il prurito della pelle. Utilizzando un disco o un bastoncino di cotone idrofilo, pulire le aree interessate. Le sensazioni spiacevoli scompaiono letteralmente in pochi minuti.

Con un forte prurito cutaneo, un'infusione di foglie di piantaggine e semi di aneto aiuterà. La miscela (un cucchiaio di semi di aneto e la stessa quantità di foglie di piantaggine tritate) viene versata con acqua bollente (0,22 L), insistita per circa due ore e utilizzata per pulire le aree interessate.

Dermatite allergica

Per pulire la pelle usando un decotto di camomilla, calendula, iperico e salvia. Mescola un cucchiaio di ciascun componente. Quindi un cucchiaio della miscela viene preparato con un bicchiere di acqua bollente. L'infusione può essere assunta per via orale (1/3 di tazza, tre volte al giorno).

Una foglia di piantaggine triturata mescolata in proporzioni uguali con fiori di calendula e camomilla aiuta molto. Quattro cucchiai di miscela producono 0,5 l di acqua bollente. Applicare per pulire la pelle e le compresse. Una buona opzione per lozioni è un decotto di corteccia di quercia.

Il decotto di corteccia di quercia e l'estratto di olio di rosa canina trattano anche la dermatite allergica.

  • 100 grammi di corteccia di quercia vengono fatti bollire per 30 minuti in 1 litro d'acqua; usato sotto forma di sfregamento e impacchi.
  • L'olio viene estratto dai semi di rosa canina; applicare esternamente e all'interno per 1 cucchiaino. in un giorno.

Eczema allergico

Per far fronte a tali manifestazioni di questa malattia, aiuta una foglia di cavolo fresca, che è legata alla zona interessata. Il foglio viene cambiato una volta al giorno, fino a quando i sintomi scompaiono. Puoi anche applicare impacchi con cavolo tritato e albume (3 cucchiai per 1 proteina).

La raccolta di erbe aiuterà anche: olivello spinoso, finocchio (2 parti ciascuno) mescolati con radici di dente di leone, cicoria e una foglia di turno (1 parte). Un cucchiaio della collezione viene versato con un bicchiere di acqua bollente, bollito per mezz'ora. Prendi due volte al giorno per ¾ tazza.

Inoltre, posso usare aceto a blocchi o linfa di betulla:

  • L'aceto di mele, l'acqua e un uovo crudo vengono miscelati in un rapporto di 1: 1: 1, usato come impacco.
  • Pulisci la pelle con linfa di betulla.

Una serie di allergie durante la gravidanza

Un decotto di una serie allevia prurito e arrossamento, ha un effetto sedativo. Il corso può durare fino a diversi anni, ma dovrebbero essere prese 10 settimane per 20 settimane di utilizzo..

Un modo di usare: 1 cucchiaino. erbe in un bicchiere di acqua bollente, bere invece di tè / caffè. Anche con una soluzione di 3 cucchiaini. su un bicchiere di acqua bollente è possibile elaborare la pelle.

Prima di utilizzare qualsiasi rimedio popolare e vitamine, è necessario consultare un allergologo.

Antistaminici naturali per donne in gravidanza

Le sostanze naturali possono aiutare a prevenire le allergie o ad alleviarne i sintomi? Di seguito parleremo della possibilità di ridurre le allergie senza l'aiuto di antistaminici.

Vitamina C o acido ascorbico

Riduce al minimo le manifestazioni allergiche come broncospasmo o naso che cola.

La dose giornaliera raccomandata va da 1 a 3 g.

Deve essere assunto gradualmente, iniziando con 500 mg / die e quindi aumentando gradualmente la dose a 3-4 g.

Olio di pesce e acido linoleico

Previene la comparsa di sintomi come eruzione cutanea, prurito, arrossamento degli occhi e lacrimazione abbondante. L'assunzione di questi farmaci dipende dalle caratteristiche del corpo..

Vitamina B12

È un antistaminico naturale universale. Ti aiuterà a ridurre i sintomi di asma allergico o dermatite. Prendi 500 mcg per 3-4 settimane.

Preparati di zinco

Lo zinco aiuta a ridurre le allergie a vari composti chimici. Dovrebbe essere assunto per via orale solo in forma complessa come parte dei farmaci.

Olio d'oliva

L'acido oleico, che fa parte dell'olio, è un eccellente agente antiallergico. Pertanto, è utile utilizzare questo tipo di olio vegetale per cucinare.

Prevenzione delle allergie

Per prevenire lo sviluppo di allergie nelle donne in gravidanza ricorrere alle seguenti misure preventive:

  • È escluso il contatto con tutti gli animali;
  • La casa viene regolarmente lavata a umido, la polvere viene pulita con un aspirapolvere con un filtro per l'acqua, le stanze vengono ventilate e i tappeti, le tende e i cuscini vengono puliti dalla polvere almeno una volta alla settimana per prevenire lo sviluppo di allergie agli acari della polvere;
  • Dal menu, è necessario escludere i prodotti per i quali è stata identificata una reazione allergica; uso limitato di cibi altamente allergenici (agrumi, cioccolato, arachidi), dovresti anche abbandonare l'uso di cibi nuovi ed esotici;
  • Vale la pena rinunciare a cattive abitudini, in quanto possono provocare la comparsa di un'allergia in un bambino. Ad esempio, fumare una madre può portare a polmonite o asma bronchiale in un bambino.

Durante il trattamento sotto la supervisione di uno specialista, un'allergia nelle donne in gravidanza non rappresenta un pericolo per il feto e l'uso di misure preventive e il rifiuto dell'automedicazione aiutano a evitare complicazioni durante la gravidanza.

Allergia durante la gravidanza: cause e metodi di trattamento

L'allergia è considerata un tipico processo immunologico durante il quale una reazione di ipersensibilità viene attivata in un organismo sensibilizzato a un allergene. La sensibilizzazione è il primo incontro con una sostanza estranea che attiva la risposta immunitaria. Ad un secondo incontro con il provocatore, la risposta arriva immediatamente. E la sua gravità può essere diversa: da un naso che cola a uno shock grave.

Tipi di reazioni

Esistono cinque tipi di reazioni allergiche dalle quali dipendono gli approcci terapeutici. Possono essere tutti divisi in due grandi gruppi.

  1. Ipersensibilità del tipo immediato. Si sviluppa 20 minuti dopo ripetuti contatti con il provocatore. La reazione è associata a meccanismi umorali: la risposta deriva dalla produzione di determinate sostanze.
  2. Ipersensibilità ritardata Si sviluppa a causa di meccanismi immunitari cellulari da sei a otto ore dopo il contatto.

I medici hanno iniziato a studiare queste condizioni all'inizio del XX secolo. A quel tempo, quattro dei loro tipi furono identificati e molto più tardi, fu scoperto il quinto tipo.

  1. Reazioni anafilattiche Associato alla sintesi e al rilascio attivo dell'immunoglobulina E. Reazione di tipo immediato. Sotto l'influenza dell'immunoglobulina, le cellule speciali, i basofili, vengono distrutte, il che porta al rilascio di una grande quantità di istamina e altre sostanze. Ciò provoca un aumento della permeabilità vascolare, spasmo della muscolatura liscia. I sintomi sono familiari a molti: starnuti, lacrimazione, broncospasmo.
  2. Tipo citotossico. È anche realizzato a causa di anticorpi - immunoglobuline di classe G, M. Le strutture cellulari normali che si verificano quando le cellule sono danneggiate fungono da antigeni. Tali reazioni includono anemia emolitica autoimmune, nefrite nefrosica, tiroidite autoimmune.
  3. Tipo immunocomplesso. Le immunoglobuline G, M prendono parte alla reazione, ma non si legano agli antigeni cellulari, ma fluttuano liberamente nel sangue. Dopo l'interazione, si formano complessi immunitari che causano danni ai vasi sanguigni e ai tessuti. Questo tipo comprende malattia da siero, glomerulonefrite, allergia ai farmaci, lupus eritematoso sistemico, sindrome antifosfolipidica.
  4. Reazioni lente. Lo sviluppo si verifica a causa dell'attivazione dei linfociti T e della produzione di anticorpi specifici. Hanno un effetto citotossico diretto sulle cellule e agiscono su di esse a causa dell'attivazione dell'apoptosi e del rilascio di sostanze pro-infiammatorie. Questa reazione è caratteristica di dermatite da contatto, rigetto di trapianto, tubercolosi e alcune malattie autoimmuni..
  5. Tipo stimolante. Con questo tipo, non ci sono danni alle celle, ma la loro attivazione. Gli antigeni interagiscono con i recettori situati all'interno delle membrane cellulari e agiscono come ormoni. Il gozzo tossico diffuso si sviluppa secondo questo schema.

Provocatori di allergie in gestanti

Durante la gestazione, lo sviluppo del primo tipo di reazione è molto probabilmente anafilattico. Si manifesta dopo l'esposizione ai seguenti allergeni:

  • acari della polvere dalla polvere domestica;
  • polline di piante;
  • fungo;
  • medicinali (penicilline, sulfamidici);
  • veleno di insetto;
  • particelle di epitelio animale;
  • lattice;
  • detersivo in polvere.

Il cibo agisce anche come potenziali provocatori. Nella maggior parte dei casi, questi sono:

Meccanismo di sviluppo

L'allergia non si verifica alla volta. Dopo il primo contatto con una sostanza estranea, le cellule del sistema immunitario iniziano la sintesi di anticorpi ad esso. Quest'ultimo si attacca alla superficie di celle speciali e aspetta un secondo incontro.

Se il provocatore entra di nuovo, questo porta all'attivazione di composti proteici protettivi già esistenti. Allo stesso tempo, viene rilasciata una grande quantità di istamina e altre sostanze attive, che innescano una risposta.

I vasi aumentano la permeabilità, appare uno spasmo dei muscoli lisci. Nei polmoni di questo tipo si sviluppa l'asma bronchiale. Se la reazione si generalizza, allora è possibile uno shock anafilattico.

Tipi di patologia

La risposta infiammatoria può avere una gravità diversa. L'esposizione a polvere, polline di piante o peli di animali porta spesso a manifestazioni lievi e allergeni alimentari, medicine - può causare gravi conseguenze. Le seguenti forme di patologia sono comuni nelle donne in gravidanza.

  • Rinite allergica. Spesso si verifica in primavera e in estate durante il periodo di fioritura delle piante. Manifestato da lacrimazione, congestione nasale e secrezione mucosa-acquosa da esso, starnuti, solletico in gola.
  • Congiuntivite allergica. Rossore congiuntivale, gonfiore delle palpebre, prurito e lacrimazione. Le navi sui bianchi degli occhi appaiono sotto forma di una rete rossa.
  • Orticaria localizzata. Le vesciche appaiono sulla pelle con bordi delimitati. Sono di colore rosso, torreggianti sopra il resto della pelle. Persegue il prurito persistente.
  • Orticaria generalizzata. Le vesciche fortemente delimitate appaiono sulla maggior parte della pelle. La condizione è pericolosa in quanto gli organi interni sono interessati..
  • L'edema di Quincke. Pelle gonfia, grasso sottocutaneo, mucose. Questo è più spesso palpebre, guance, orecchie, faringe, scroto, gomiti, ginocchia. L'edema laringeo porta a raucedine, tosse e soffocamento. Nel tratto digestivo - provoca dolore addominale.
  • Shock anafilattico. Condizioni gravi Può essere fatale se le misure non vengono prese in modo tempestivo. Perdite di carico, gonfiore della laringe, perdita di coscienza. La reazione si sviluppa spesso alla velocità della luce, quindi il trattamento viene avviato immediatamente.

Pericolo per il feto

Per un bambino, una reazione allergica del primo tipo nella madre non è direttamente pericolosa. Gli anticorpi risultanti, i complessi immunitari non penetrano nella placenta e non possono influenzare il suo sviluppo. Il seguente impatto negativo è molto più pericoloso..

  • Condizioni della mamma. La malattia, che è accompagnata da prurito, starnuti, naso che cola costantemente esaurisce la futura mamma, riduce il suo umore, la rende irritabile. Gli ormoni dello stress che vengono rilasciati durante questo processo possono tonificare l'utero.
  • Medicinali Se devi ricorrere all'aiuto di droghe, possono peggiorare lo stato del flusso sanguigno nel sistema madre-placenta-feto, che porterà all'ipossia. Molti farmaci sono controindicati nella gestazione a causa di effetti teratogeni o tossici sul bambino..

Un bambino nato da due genitori allergici ha un'alta probabilità di ereditare questa malattia. Ma questo non significa che apparirà necessariamente nella stessa forma di quella di mamma e papà. Il tipo di reazione e la natura della produzione di anticorpi per l'assunzione di sostanze estranee sono ereditate. Questo crea una predisposizione allo sviluppo della patologia..

Altri tipi di reazioni di ipersensibilità hanno conseguenze ancora più gravi. Il lupus eritematoso sistemico, la sindrome antifosfolipidica spesso causano aborto precoce, aborto abituale. Il secondo tipo di risposta (citotossico) si sviluppa con incompatibilità immunologica per gruppo sanguigno o fattore Rh. Con trasfusione impropria, questo si traduce in emolisi vascolare..

Gli obiettivi e i metodi di terapia

È impossibile curare completamente le allergie, l'obiettivo di tutte le misure terapeutiche è ridurre i sintomi spiacevoli e ridurre il rischio di recidiva. Per fare questo, devi prima cambiare il tuo stile di vita.

Dieta e altro ancora

È importante escludere il contatto con l'allergene. Inoltre, si raccomanda di evitare sostanze che possono anche avere lo stato di allergeni. Questo è importante per non creare stress per il sistema immunitario. La dieta dovrebbe essere ipoallergenica, anche se una donna ha una reazione alle piante da fiore. Dalla dieta escludere:

  • frutti rossi ed esotici;
  • dolci, miele e cioccolato;
  • caffè;
  • carni affumicate;
  • alimenti ricchi di coloranti, conservanti;
  • frutti di mare;
  • noccioline
  • marinate.

Per ridurre l'assunzione di allergeni, è necessaria la pulizia giornaliera con acqua. La polvere domestica contiene sia acari della polvere che i loro prodotti di scarto. Si consiglia di eliminare completamente i collettori di polvere sotto forma di tappeti e percorsi, tende e copriletti. Aerazione quotidiana delle camere. Se l'aria è troppo secca, deve essere umidificata. La comunicazione con gli animali per un po 'dovrà anche fermarsi, anche se la ragione non è in essi.

farmaci

Non è sempre possibile fare a meno delle droghe. La maggior parte dei farmaci è controindicata nel primo trimestre, ma può essere utilizzata in seguito. Inizia il trattamento con l'assunzione di enterosorbenti. Sono in grado di assorbire i complessi immunitari che si trovano nell'intestino. Uso:

Gli enterosorbenti sono sicuri per la futura mamma e bambino. Agiscono solo nel lume intestinale e non vengono assorbiti..

I seguenti sono antistaminici. Nel trattamento delle donne in gravidanza, dovrebbe essere preferita l'ultima generazione di farmaci. Hanno significativamente meno effetti collaterali. Vengono utilizzati i seguenti farmaci..

  • "Loratadina". Disponibile in forma di tablet. L'effetto antiallergico si sviluppa entro un'ora o tre dopo la somministrazione. L'effetto massimo si osserva dopo otto ore e persiste per un giorno. Non ha un effetto cardiotossico, né influisce sul sistema nervoso.
  • Fexofenadine. È usato per trattare la rinite allergica, la febbre da fieno, l'orticaria. Nelle donne in gravidanza, vengono utilizzate con cautela, poiché non vi sono dati completi sull'effetto sul feto. Gli analoghi del farmaco sono Telfast, Allegra, Dinoks.

Tattica per altri tipi di reazioni

L'allergia alle medicine merita un'attenzione speciale. Se si è manifestato in precedenza, si ripeterà con successive iniezioni del farmaco. Nei casi più gravi, la reazione può essere rapida. Per prevenire conseguenze disastrose, quando entrano in un ospedale di maternità, le donne in travaglio scoprono quali farmaci hanno sensibilità.

Trattamento di altri tipi di reazioni di ipersensibilità individualmente. Se la madre e il feto sono incompatibili con il fattore Rh, la terapia viene eseguita con immunoglobuline anti-Rhesus-D. Se una donna non ha mai avuto una gravidanza prima e l'analisi degli anticorpi è negativa, viene somministrato siero per prevenire il conflitto a 28 settimane. In tutti gli altri casi, il trattamento viene effettuato entro 72 ore dalla consegna.

Le patologie associate alla formazione di complessi immunitari spesso mettono a rischio l'esistenza stessa della gravidanza. Pertanto, il trattamento viene effettuato in fase di pianificazione. Si basa su corticosteroidi. Lo schema e i farmaci aggiuntivi sono selezionati individualmente. Ma il risultato è difficile da prevedere. Il sistema immunitario non è sempre suscettibile di controllo esterno.

Allergia in gravidanza

L'allergia è uno stato molto spiacevole del corpo, accompagnato da sintomi specifici. Dermatite, rinite e sinusite, asma bronchiale, allergie alle piante da fiore, cibo, medicine o allergie alla lana e alla polvere - tutti questi possono essere sintomi di un'allergia. Allo stesso tempo, l'allergia, secondo la medicina, non è una malattia, ma una reazione del corpo a determinati fattori ambientali che il sistema immunitario definisce nemici. Le statistiche mostrano che oggi le condizioni allergiche in una forma o nell'altra e la gravità sono caratteristiche di quasi la metà della popolazione mondiale. E, sfortunatamente, le donne in gravidanza si trovano spesso tra le persone allergiche: il loro numero è del 5-20 percento. Naturalmente, in questo stato di cose, le donne si chiedono se l'allergia non danneggi il bambino durante la gravidanza; come affrontarlo e idealmente non incontrarsi affatto; e come comportarsi, avere allergie, mentre trasporta un bambino.

I medici affermano che qualsiasi cosa può causare un'allergia, ma la cosa più triste è che è impossibile curare una predisposizione alle allergie - vengono trattati solo i sintomi che la accompagnano. E non sempre i sintomi caratteristici di un particolare tipo di allergia indicheranno il suo aspetto. Quindi, ad esempio, nel 50% delle donne in gravidanza compaiono congestione nasale, starnuti e naso che cola, chiamato termine generale "rinite acuta". Allo stesso tempo, ha senso parlare di rinite allergica se si osserva un'esacerbazione durante la fioritura di fiori o alberi, come reazione alla polvere, alla comparsa di animali domestici nell'appartamento. Ma l'asma bronchiale è già considerata una malattia allergica più grave. Sebbene non sia una controindicazione per la gravidanza in sé, tuttavia, il medico deve essere informato se nell'anamnesi è presente asma bronchiale - quindi lo specialista sarà in grado di fornire il controllo necessario durante la gravidanza.

Come le allergie influenzano la gravidanza?

Per quanto riguarda l'effetto delle allergie durante la gravidanza sul feto: questa condizione non è pericolosa per il bambino, poiché le sostanze causate da manifestazioni allergiche (i cosiddetti antigeni) non sono in grado di penetrare nel feto attraverso la placenta, influenzandolo in alcun modo. Sebbene, ovviamente, in presenza di un'allergia in una donna incinta, la predisposizione del bambino alle malattie allergiche, ovviamente, aumenta.

Un'altra cosa è che il danno maggiore al feto è rappresentato dai cambiamenti nello stato della madre e dai farmaci usati in tali condizioni (alcuni di essi influenzano l'afflusso di sangue al feto e non per il meglio). A questo proposito, è desiderabile eliminare il più possibile tutti i fattori che possono provocare un'esacerbazione delle allergie e astenersi dall'assumere farmaci - specialmente nel primo trimestre di gravidanza, quando la principale formazione di futuri organi del bambino.