Allergie nei bambini

Nutrizione

Le allergie in un bambino di un anno non sono praticamente diverse da una patologia simile in età avanzata. Prima di tutto, le allergie significano il normale funzionamento sbilanciato dei sistemi corporei. Il processo infiammatorio è una manifestazione della protezione del sistema immunitario da pericolose influenze esterne. L'aspetto o la minima manifestazione di un'allergia in un bambino che ha solo un anno non deve essere lasciato senza esame e trattamento da un medico. Complicanze come rinite cronica, asma bronchiale, eczema o anafilassi possono essere rilevate.

Cause ed effetti delle allergie

Il complesso di ragioni che sono alla base della comparsa di allergie in un bambino di un anno è ampio. Nella maggior parte dei casi, è possibile identificare:

  • Cibo organizzato in modo improprio e un menu elaborato di madre e figlio. La violazione del tratto digestivo del bambino ha inizio nella nutrizione della madre, dove ci sono prodotti - potenziali agenti patogeni delle allergie alimentari. Un'introduzione precoce di alimenti complementari, latte intero, latte artificiale per lattanti, una dieta ad alto contenuto calorico ogni giorno, la mancanza di vitamine, sostanze in shampoo e sapone può avere un effetto dannoso sul corpo del bambino..
  • Predisposizione genetica ai disturbi del sistema immunitario del bambino e della madre. Se uno dei genitori soffre di allergia, è molto probabile che il bambino abbia lo stesso allergene nel primo mese. Tradizionalmente, gli allergeni da soli sia nei genitori che nei bambini.
  • Allergia: le conseguenze delle infezioni durante la gravidanza, la SARS, l'influenza, nonché le malattie del cuore, dei vasi sanguigni del fegato e dei reni nella madre, l'ipossia fetale o la sua asfissia.
  • Allergia del tipo di farmaco, reazione molto caratteristica ai farmaci antibatterici del gruppo della penicillina. La dermatite può essere il risultato dell'uso di vitamine, medicinali ad alto contenuto di allergeni contenenti ferro e fluoro.

Segni e manifestazioni

Molti sistemi sono soggetti a reazioni allergiche in un bambino di un anno, che si manifesta con un complesso di segni di allergia:

  1. Organi respiratori - un sintomo di rinite, la mucosa nasale si infiamma e si gonfiano, starnuti, attacchi di tosse secca. In futuro, si può rilevare mancanza di respiro, respiro sibilante, broncospasmo.
  2. La sconfitta del tratto gastrointestinale si manifesta con disturbi intestinali, si tratta di coliche, attacchi di dolore e crampi. Il bambino ha feci anormali, flatulenza, nausea, vomito spontaneo.
  3. Nelle reazioni alla pelle appare un'eruzione cutanea di tubercoli, macchie, vescicole, vesciche, pustole, edema fuso da un colore naturale a bordeaux; prurito, bruciore, graffio, micro-ferite e crepe sono caratteristiche. Il bambino può avere palpebre gonfie, crampi, lacrime che scorre o secrezione purulenta.

Terapia

Come identificare un allergene in un bambino di un anno? Dopo i test eseguiti in una clinica, il medico può identificare l'irritante e prescrivere un trattamento, che consiste nell'assunzione di antistaminici all'interno, un complesso di creme e unguenti antiallergici. Tutti i farmaci sono indicati esclusivamente per la pratica pediatrica. In casi speciali, devono essere prescritti agenti contenenti ormoni, esclusi i fattori di reazione.

Allergie nei bambini

Come si manifestano diversi tipi di allergie, quali sono le cause, quale dieta è consigliata durante la gravidanza per prevenire le allergie, come affrontare la dermatite atopica e altri tipi di allergie nei bambini.

Che cos'è un'allergia nei bambini

Un'allergia è un'ipersensibilità di un organismo a una sostanza estranea (antigene) seguita da una risposta immunitaria. Secondo i dati scientifici, questa caratteristica in sé non è ereditata, ma la predisposizione ad essa è sì. Nei bambini i cui genitori sono allergici (specialmente se entrambi o solo la madre), può avere maggiori probabilità di svilupparsi.

Quando entriamo in contatto con un allergene, il corpo reagisce in modo tale da bloccare l'accesso di sostanze "pericolose", secondo i suoi dati, al sangue. Questo si esprime nei fenomeni infiammatori che si presentano a causa del rilascio di immunoglobulina E e istamina, un ormone che regola varie funzioni del corpo..

L'istamina provoca edema tissutale, ristagno di sangue nei capillari, una diminuzione della pressione, fa battere il cuore più velocemente - tutti questi cambiamenti dovrebbero aiutare il corpo a consegnare rapidamente altrettanti globuli bianchi - globuli protettivi - a quelle aree in cui è necessaria la loro presenza.

L'eccessiva sensibilità del corpo a un particolare allergene porta al rilascio di una quantità eccessiva di istamina, motivo per cui i medici prescrivono antistaminici per le allergie.

Si ritiene che in Russia dal 15 al 35% delle persone soffra di allergie.

Quali sono i sintomi delle allergie nei bambini? Tra le manifestazioni comuni di questa condizione sono le seguenti:

  • rinorrea
  • starnuti
  • tosse;
  • prurito
  • lacrimazione o secchezza degli occhi;
  • respiro affannoso;
  • brividi;
  • eruzione cutanea o arrossamento della pelle, eczema;
  • infiammazione delle mucose;
  • problemi digestivi - con allergie alimentari.

In caso di allergie acute, può verificarsi uno shock anafilattico potenzialmente letale quando si verifica edema polmonare, la respirazione è disturbata e la pressione sanguigna diminuisce..

Quali tipi di allergie ci sono

L'elenco dei principali allergeni comprende:

  • polvere: contiene diversi allergeni contemporaneamente, dal polline delle piante e dagli acari della polvere alle squame dell'epitelio degli animali domestici;
  • polline: un'allergia può svilupparsi sul polline delle piante domestiche;
  • peli di animali domestici e particelle della loro pelle, nonché piumino e piume;
  • spore di funghi o muffe;
  • Cibo. Le allergie alimentari nei bambini non sono rare. È molto importante prendersi cura della sua prevenzione anche nella fase della gravidanza della madre;
  • punture di insetti - di regola, si tratta di vespe, calabroni, api, bombi e formiche. Tale allergia si verifica nello 0,4 - 0,8% della popolazione. Gli organismi di questi e altri insetti secernono vari veleni, che possono causare una reazione da orticaria o edema a convulsioni, diarrea, soffocamento e shock. Se si verifica una reazione allergica, è importante andare in ospedale molto rapidamente o dare al bambino i farmaci necessari entro la prima ora, che è necessario consultare in anticipo con un pediatra;
  • alcuni farmaci. Di solito è difficile verificare in anticipo quali farmaci causano una reazione allergica. Inoltre, un'allergia a un particolare farmaco può verificarsi in qualsiasi periodo della vita, anche se una persona non ne aveva mai avuto prima;
  • lattice: questa allergia può manifestarsi in modi molto diversi e, di regola, si sviluppa nelle persone che spesso devono indossare guanti in lattice, ad esempio i medici.

Altri fattori di rischio includono il fumo, l'uso di una stufa a gas, mangimi per animali secchi, prodotti chimici domestici e inquinamento industriale. Si ritiene che un'allergia possa essere causata da un bambino che vive in un'area in cui l'aria è inquinata a causa della vicinanza alla strada..

Corso di allergia

  • Le allergie nei bambini possono svilupparsi all'istante - ad esempio, nel caso di un morso di formica - o entro pochi mesi, come accade quando il pelo del gatto o il polline lo causa. Tutto dipende da quanto spesso il bambino è in contatto con l'allergene..
  • Le allergie stagionali si verificano ogni anno in primavera, estate e autunno e le allergie alla muffa possono svilupparsi se la pioggia e le case sono aumentate in strada per periodi più lunghi e i livelli di umidità sono aumentati, portando alla crescita di microrganismi.

È importante capire che le allergie nei bambini possono passare e apparire e non esiste una spiegazione esatta per questo..

Come distinguere un raffreddore da un'allergia in un bambino

Il raffreddore scompare - al più tardi - entro 10 giorni e l'allergia appare costantemente.

Ecco i chiari segni di un'allergia:

  • il bambino annusa costantemente il naso, soprattutto se lo scarico dal naso è trasparente e liquido e non giallo o verde e spesso;
  • il bambino starnutisce costantemente, i suoi occhi sono rossi, bagnati e pruriginosi;
  • il bambino ha le occhiaie sotto gli occhi, il naso è costantemente chiuso e respira attraverso la bocca;
  • tosse secca;
  • la pelle è infiammata, arrossata e prude.

Prevenzione delle allergie

È dimostrato che l'insorgenza di ipersensibilità a un particolare allergene può verificarsi in un bambino quando è ancora nello stomaco della madre, nel secondo trimestre di gravidanza. Ciò significa che anche prima della sua nascita, la futura mamma deve osservare le seguenti precauzioni:

  • se è allergica a questa o quella sostanza, è necessario evitare il contatto con essa durante la gravidanza;
  • è necessario smettere di fumare, assumere farmaci non approvati da un medico, assicurarsi attentamente che non vi siano contatti con allergeni sul lavoro: possono essere sali di platino, formaldeide, composti di nichel o cromo, pigmenti, pesticidi, resina epossidica e altre resine fenolo-formaldeide, composti organici, che comprendono cloro, fluoro e fosforo;
  • nutrizione squilibrata, presenza nella dieta di alimenti allergenici, prodotti con additivi chimici. È meglio formare una dieta preventiva in cui non ci saranno potenziali allergeni;
  • minimizzare il numero di situazioni stressanti.

Dopo il parto, devi:

1. Cerca di stabilire l'allattamento al seno (su quanto sia importante per l'immunità, scriviamo in un materiale separato;

2. Segui una dieta (quali prodotti possono essere inclusi e quali no, diciamo qui;

3. Per temperare il bambino, monitorare la sua salute, dargli un massaggio rassodante e fare ginnastica con lui;

4. Se i genitori del bambino presentavano asma o dermatite atopica, nonché altre reazioni allergiche, il bambino deve essere esaminato da un allergologo: prima viene identificato il problema, più efficace è il trattamento.

Tuttavia, è importante capire che il modo migliore per curare e prevenire le allergie è eliminare i fattori che lo provocano..

Se il bambino è allergico a polvere e piume, oltre al trattamento, è necessario osservare le norme igieniche:

  • materassi e cuscini devono essere in speciali coperture di plastica;
  • biancheria da letto speciale dovrebbe essere usato;
  • se la biancheria è ordinaria, ha bisogno di lavarsi e bollire 1 - 2 volte a settimana;
  • è importante scegliere cuscini e coperte con stucco sintetico;
  • l'appartamento dovrebbe avere un minimo di mobili imbottiti;
  • Non usare tappeti o tappeti con un odore pungente;
  • pulire con aspirapolvere speciali, eseguire la pulizia a umido.

Se il bambino è sensibile alla muffa e alla muffa, è necessario:

  • asciugare le superfici del bagno dopo il bagno;
  • lavare il bagno con soluzioni speciali una volta al mese;
  • rimuovere il vapore in cucina con un aspiratore;
  • vestiti asciutti in una stanza speciale, non in una stanza.

Se il bambino è allergico alla lana, dovresti:

  • escludere abiti da lana, pelliccia;
  • non andare allo zoo, al circo e alle case dove ci sono animali;
  • se un gatto o un cane viveva nel tuo appartamento, i locali devono essere accuratamente puliti.

Se devi proteggere il tuo bambino dal polline:

  • quando le piante fioriscono, chiudere le finestre;
  • Non camminare con tempo ventoso;
  • devi stare attento con saponi e shampoo contenenti preparati a base di erbe.

È anche importante evitare:

  • fatica
  • ipotermia o surriscaldamento del bambino;
  • umidità troppo elevata;
  • intensa attività fisica;
  • malattie infettive - provocano un'esacerbazione delle allergie.

Allergie nei bambini: alimenti che lo causano

È molto importante prevenire lo sviluppo di allergie alimentari nei bambini. Il fatto è che è con il cibo che il bambino incontra prima di tutto, mentre è ancora nello stomaco della madre. E l'insorgenza di allergie alimentari provoca lo sviluppo di altre sue specie.

Quali alimenti lo causano più spesso?

In genere, questi sono:

  • uova
  • grano, soia, segale;
  • miele;
  • frutti di mare, pesce e crostacei;
  • noccioline
  • cibo in scatola;
  • alcuni frutti.

Naturalmente, questo elenco può essere seriamente integrato, ma altri prodotti causano allergie meno spesso..

Come proteggere un nascituro dalle allergie alimentari?

1. Leggi la composizione. Abituati a imparare le etichette su tutti i prodotti. Se contengono miglioratori del gusto, conservanti, grassi trans - è meglio rifiutarli.

2. Meno prodotti finiti. Prodotti da forno industriali, vari semilavorati e persino piatti serviti in bar e ristoranti: tutto ciò può essere dannoso per te, poiché la composizione di tali alimenti è nella maggior parte dei casi sconosciuta.

3. Dai la preferenza alle verdure e ai frutti di stagione della tua striscia. Non sempre abbiamo l'opportunità di scoprire l'origine dei prodotti che sono sul nostro tavolo. Ma l'acquisto di frutta e verdura di conservazione a lungo termine, arrivato da paesi esotici, crea anche condizioni per lo sviluppo di allergie nel bambino. Vale la pena ricordare che l'uso di frutti rossi e bacche ora deve essere limitato: possono anche causare allergie nel bambino. Nella stagione fredda, bacche congelate e verdure in scatola coltivate nel paese saranno molto più utili dei frutti "freschi" portati da altri paesi.

4. Lavare verdure, frutta ed erbe. Vari pesticidi e fertilizzanti sono anche potenti allergeni, quindi cerca di sbarazzartene, anche se esponi le verdure a un lungo trattamento termico.

5. Acquista alimenti per bambini. Sugli scaffali dei nostri negozi non ci sono così tanti prodotti contrassegnati "Per le donne incinte", ma c'è una vasta selezione di purea, cagliata, yogurt per bambini. Acquistando prodotti di questa categoria da produttori di fiducia, puoi essere sicuro della loro qualità. Prova l'assortimento di Agusha: troverai sicuramente qualcosa di tuo gusto.

Se sei allergico e aspetti un bambino, dovresti consultare il tuo medico per discutere di dieta e assumere antistaminici durante la gravidanza. E come introdurre alimenti complementari per evitare allergie, diciamo qui.

Diatesi allergica o dermatite atopica

Le allergie nei bambini possono verificarsi in diversi modi. A 2-3 mesi di vita, il bambino a volte ha arrossamenti della pelle. Le crescenti lesioni, il gonfiore e il colore rosso vivo di questi luoghi possono indicare che il bambino ha una diatesi allergica - i medici lo chiamano "neurodermite" e "dermatite atopica".

C'è un'alta probabilità che questa malattia non scompaia da sola, e devi consultare un medico il prima possibile. Altrimenti, il rossore può andare nella seconda fase, più difficile, che è accompagnata da prurito e dà al bambino un grave disagio.

Cause di dermatite allergica

La dermatite allergica si manifesta in una forma o nell'altra in circa il 30-60% dei bambini nei primi 2 anni di vita. Per il 75 - 90% di essi, è solo un episodio e solo pochi successivamente possono sviluppare malattie allergiche.

  • La comparsa di questa malattia può provocare una dieta malsana della futura mamma durante la gravidanza.
  • Si ritiene che l'abbondante consumo di cioccolato, fragole, agrumi e altri frutti "rossi" possa portare a un'interruzione dell'apparato digerente del bambino. È meglio mangiare meno cibo in scatola, cibi più naturali e il più spesso possibile stare all'aperto.
  • Tuttavia, l'allergia alimentare è considerata la principale causa di dermatite atopica nel primo anno di vita di un bambino. Nei neonati, la funzione protettiva dell'intestino è ridotta: a questa età, vengono prodotti enzimi digestivi insufficienti, vengono prodotti anticorpi protettivi e aumenta la permeabilità della parete intestinale.
  • La combinazione di queste caratteristiche legate all'età del tratto gastrointestinale dei neonati porta al fatto che i componenti alimentari sottoesposti, principalmente le proteine, vengono facilmente assorbiti nel flusso sanguigno. Grandi frammenti di molecole hanno pronunciate proprietà antigeniche e innescano una catena di reazioni allergiche.

Come riconoscere la dermatite atopica

  • Di norma, i genitori comprendono che il bambino ha un attacco di diatesi allergica, quando ampie aree della pelle sono rosse e leggermente gonfie. Di solito colpiscono le guance, le pieghe delle braccia e delle gambe, il cuoio capelluto, le orecchie.
  • Ma una piccola eruzione cutanea rosso brillante può riguardare la diatesi allergica, così come l'eruzione da pannolino a lungo termine e la pelle eccessivamente secca coperta da una crosta. Deterioramento dovuto al prurito nelle aree interessate e alle ferite bagnate..
  • La dermatite atopica può essere complicata da un'infezione secondaria (una conseguenza del graffio profondo), che porta allo sviluppo di piodermite ed eczema.
  • Molto spesso, la diatesi allergica si verifica su uno sfondo di disbiosi - in questo caso, sintomi come feci frequenti e sciolte con schiuma o una tinta verdastra, il dolore all'addome sono caratteristici.

Prevenzione e trattamento della dermatite atopica

Nel 90% dei casi, la dermatite atopica, soggetta a misure preventive e dieta, dovrebbe passare di 6 mesi - 1 anno. Può essere curato fino a 3 anni. Se ciò non viene fatto, allora può perseguire una persona per tutta la vita..

Quali alimenti possono causare dermatite atopica?

Nelle prime settimane, i pediatri raccomandano di non mangiare cibi "sospetti", tra cui bacche rosse, pomodori, agrumi, cioccolato, pesce, noci, miele e altri alimenti allergenici, per la mamma.

Dopo aver eliminato tutti i possibili allergeni e curato la pelle del bambino, si consiglia di aggiungere con molta attenzione prodotti alla dieta e vedere di cosa tratta in particolare l'allergia. Può verificarsi letteralmente immediatamente dopo un pasto, o forse in pochi giorni - quando i residui indigeribili si accumulano nel corpo del bambino in volume sufficiente a provocare una reazione.

  • È molto importante che i bambini inclini alla dermatite atopica siano allattati al seno.
  • Se per qualche motivo l'allattamento al seno non è possibile, sarà più difficile. In questo caso, i medici di solito raccomandano alimenti per bambini ipoallergenici..
  • Ai bambini con dermatite atopica allattati al seno si consiglia, al contrario, di introdurre alimenti complementari non prima di 6 mesi e, come nel primo caso, seguire una dieta.
  • Si suggerisce di iniziare cibi complementari con cereali, preferibilmente con grano saraceno, mais o riso cotto in acqua. Se un bambino mangia, diciamo, porridge di grano saraceno, allora non è necessario dargli altro. Lascia che il corpo del bambino si abitui gradualmente al nuovo cibo.
  • Dopo 2-3 settimane, se non si è verificata alcuna reazione al porridge, aggiungere alimenti per bambini a base di carne - tacchino o coniglio. Ancora una volta, se un bambino mangia un tacchino, allora nient'altro dovrebbe essere introdotto nella sua dieta.
  • Dopo altre 2-3 settimane aggiungere purea di verdure o di frutta - zucchine, cavolfiore e broccoli. I succhi vengono introdotti all'ultimo momento. Si consiglia di seguire Monodiet per almeno 6 mesi. E se i sintomi della malattia scompaiono, puoi introdurre delicatamente nuovi prodotti, ma ricorda che il bambino è a rischio di ammalarsi di nuovo.

Gli allergologi raccomandano anche che, al primo segno di dermatite atopica, venga eseguito un test delle feci per determinare le condizioni del tratto digestivo e dopo che il bambino si è ripreso, è necessario condurre test ripetuti e osservare la progressione della malattia.

La base per la scomparsa dei sintomi della neurodermite è un'adeguata cura della pelle.

  • La pelle deve essere lavata 1 - 2 volte al giorno con uno strumento speciale che il medico le consiglierà. Con un'esacerbazione della malattia, le vasche da bagno calde (37 ° C) con foglie di alloro aiutano bene (da 6 a 8 foglie vengono preparate con un bicchiere di acqua bollente, lasciate fermentare per mezz'ora, versate in un bagno d'acqua). Quando i sintomi diminuiscono e scompaiono, si raccomandano i bagni di sale marino..
  • Dopo il lavaggio, sciacquare il bambino con acqua bollita o minerale pulita e, senza pulirlo, applicare la crema prescritta dal medico sulla pelle.
  • Puoi quindi tamponare l'acqua rimanente sul tuo corpo con un asciugamano morbido..

Allergie alimentari nei bambini: liberarsene è possibile, ma solo con il giusto trattamento

Negli ultimi anni, il numero di pazienti con allergie alimentari nel mondo sta crescendo. In Ucraina non ci sono statistiche accurate sui pazienti. Tuttavia, secondo l'allergologo e il capo medico della clinica FxMed Elena Moskovenko, i medici di famiglia e dei bambini registrano circa il 20-30% in più di pazienti con allergie alimentari di quanto non fosse, ad esempio, dieci anni fa.

Oggi, quasi tutti i bambini di età inferiore a uno hanno allergie alimentari. Qual è la ragione di questa prevalenza di allergie alimentari? È possibile superarlo? Come trattare correttamente la malattia e quale metodo diagnostico è il più informativo?

Elena Moskovenko risponde a queste e ad altre domande specifiche per il sito "All About Allergies".

Perché i bambini hanno un'allergia alimentare??

In genere, le manifestazioni cliniche di un'allergia alimentare sono un'eruzione cutanea, disturbi intestinali, orticaria, angioedema, rinite, congiuntivite.

Ci sono due ragioni principali per il loro aspetto. Il primo è puramente immunologico. È dovuto a una vera allergia, che è associata ad un aumento del livello ematico del paziente di immunoglobuline E specifiche a un allergene specifico.

Le manifestazioni di questo tipo di malattia dipendono dall'uso dell'allergene. Dopo tutto, i sintomi si intensificano con ogni nuovo bambino che mangia un prodotto causale. E non importa quanto lo abbia mangiato: ogni nuovo contatto del corpo con un allergene porta ad una maggiore sensibilità ad esso.

La causa principale di questo tipo di allergia può essere una predisposizione genetica. E qui è molto importante identificare la causa dell'allergia ed escludere il prodotto che lo provoca dalla dieta del bambino. Questo è l'unico trattamento..

Il termine per il quale il prodotto viene rimosso dal menu dipende dalle condizioni generali del bambino, dalla sua età e dalle proprietà dell'allergene stesso. E per stabilire esattamente cosa provoca esattamente la reazione, è possibile utilizzare la diagnostica delle allergie molecolari.

Oltre alle allergie alimentari, c'è intolleranza ai prodotti. Come distinguere tra queste condizioni?

Con una vera allergia, ad ogni contatto con l'allergene, le manifestazioni cliniche diventano più pronunciate. E la loro intensità non dipende dalla quantità di allergene che è entrata nel corpo.

In caso di intolleranza, la quantità di cibo consumata dal bambino è importante e una piccola parte di essa non causa alcun sintomo.

L'intolleranza si verifica nei bambini quando mancano di enzimi che possono digerire determinati alimenti o quando c'è molto di questo cibo. A volte per assicurarsi che il paziente sia intollerante, è sufficiente fare un'ecografia degli organi addominali, un coprogramma.

Abbiamo avuto un caso in cui una madre ha dato un bambino un anno e mezzo al salmone. Il bambino ha avuto una reazione molto grave - e un'eruzione cutanea, vomito e diarrea. Ma non era un'allergia: solo un bambino non era in grado di digerire il pesce grasso, anche se altri bambini possono mangiarlo già da un anno. Tutti individualmente.

In secondo luogo, la causa dei sintomi di cui abbiamo parlato potrebbe essere un aumento del livello di istamina nel corpo, una sostanza che media l'infiammazione. In questo caso, il sistema immunitario non reagisce e l'analisi a livello di immunoglobulina E specifica e test cutanei sono negativi.

I livelli di istamina possono anche aumentare perché un bambino sta mangiando cibi ricchi di istamina. Prima di tutto, questi sono:

  • formaggi fermentati;
  • frutta;
  • qualche verdura;
  • carne e pesce;
  • prodotti che sono stati conservati congelati per lungo tempo;
  • carni affumicate;
  • noccioline
  • uva
  • cibi fritti.

Normalmente, l'istamina in eccesso viene distrutta dall'enzima diammina ossidasi (DAO), se non è sufficiente nel corpo del bambino compaiono sintomi allergici. Ma, ripeto, questa non è una vera allergia, è una pseudo-allergia.

Il motivo della carenza di DAO è che questo enzima è scarsamente prodotto dal corpo del bambino. Inoltre, è possibile osservare un aumento del numero di batteri patologici nell'intestino del bambino e / o il bambino potrebbe non essere alimentato correttamente.

Tutto ciò, oltre a un precoce rifiuto dell'allattamento al seno, porta a una diminuzione del livello di DAO nel sangue del bambino e alla sua sensibilità all'istamina. La qualità dei prodotti alimentari stessi è influenzata dall'ambiente e dalle sostanze in essi contenute - pesticidi, nitrati e altri prodotti chimici.

L'uso ripetuto di un prodotto che contiene un vero allergene aumenta significativamente i sintomi della malattia. Con una pseudo-allergia, dopo un'interruzione nell'uso di un prodotto sospetto, i sintomi di intolleranza potrebbero non essere.

Quale dei fattori è fondamentale per l'insorgenza di sintomi di allergia alimentare?

Una predisposizione genetica in cui si forma la sensibilità ad un allergene attraverso il sistema immunitario. Se il bambino ha una pseudo-allergia, raccogliamo informazioni sulla sua dieta, esaminiamo, raccomandiamo prodotti che non richiedono una digestione lunga, che non sono istaminolibratori, calcoliamo la quantità di cibo alla volta.

I bambini di che età hanno un'allergia alimentare?

Molto spesso, le allergie alimentari si verificano nei bambini del primo o del secondo anno di vita, soprattutto se sono alimentate con miscele di latte artificiale e integrate con verdure, frutta, carne.

Nei bambini di età superiore ai tre anni, le manifestazioni di allergie alimentari sono meno comuni.

E solo il 3-5% dei bambini che in giovane età ha avuto una vera allergia alimentare, confermata da test allergologici, può rimanere in età adulta.

Quale allergene è il principale per i bambini del primo anno di vita?

Proteine ​​e uova di latte vaccino. Molto spesso, un'allergia a loro si manifesta sotto forma di eruzione cutanea, orticaria, angioedema, respiro sibilante e sibilante, naso che cola.

Inoltre, questi alimenti possono causare esacerbazione della dermatite atopica. Tali condizioni devono essere diagnosticate per escludere un allergene causale..

Hai detto che le allergie alimentari possono crescere troppo?

Outgrow non è un termine esatto. In effetti, con l'età aumenta la tolleranza del prodotto. Ma affinché ciò accada davvero, c'è solo un modo: scoprire quale proteina allergenica provoca allergie alimentari ed eliminarla completamente dalla dieta.

A seconda di quale proteina sia, quali alimenti contenga, quale sia l'età del bambino e le condizioni generali, il medico determina per quanto tempo deve durare l'eccezione. Ma rimuovere il prodotto allergenico dal menu deve essere.

E poi, dopo un po 'di tempo, è necessario inserirlo correttamente nella dieta. Di solito, in tali condizioni, viene ripristinata la capacità di percepire normalmente il prodotto. E solo nel 3-5% dei pazienti l'ipersensibilità può persistere.

Perché è stato sfortunato per quel 3-5% dei pazienti in cui rimane la sensibilità ai prodotti?

Dipende dall'allergene, dalla sua aggressività e resistenza al calore, in base alle sue proprietà fisiche e chimiche..

In genere, gli allergeni sono proteine. Alcuni riducono l'allergenicità o la perdono completamente quando riscaldati, trattati termicamente..

Ma ci sono quelli la cui molecola rimane aggressiva dopo qualsiasi esposizione termica. Sono questi allergeni che spesso causano una vera allergia alimentare, provocando reazioni anafilattiche. E la sensibilità nei loro confronti è permanente.

L'unica cosa che piace è che sono pochi. E noi, avendo il profilo molecolare della sensibilizzazione del paziente, possiamo prevedere quale tolleranza si svilupperà e quali no..

E quali allergie alimentari non possono essere curate?

Le allergie alimentari causate da cibi / bevande, alle quali la tolleranza e la tolleranza non possono svilupparsi, sono incurabili. E poi a questi pazienti viene prescritto un piano d'azione che aiuta a salvare vite umane.

Ad esempio, negli Stati Uniti ci sono molti casi di reazioni anafilattiche alle arachidi. E sanno che i bambini sensibili a determinate molecole di arachidi non dovrebbero mangiarlo per tutta la vita..

Dovrebbero sempre portare con sé un iniettore di adrenalina e nei bar o nei ristoranti per segnalare allergie in modo da non ricevere nemmeno una briciola di un prodotto contenente arachidi..

Oggi, un grave problema rimane una reazione allergica alle proteine ​​del latte vaccino, in particolare la caseina, che può durare una vita.

Negli Stati Uniti, l'allergene numero 1 sono le arachidi. E in Ucraina?

Può essere altra frutta a guscio, spezie, kiwi, pesca, proteine ​​del latte vaccino, pesce.

La diagnosi molecolare delle allergie ha ampliato la nostra comprensione delle fonti della malattia. Pertanto, l'identificazione di un allergene causale consente di prevedere la possibilità di allergia crociata: determinare quali alimenti o pollini contengono proteine ​​allergeniche simili che sono significative per questo particolare paziente.

Ad esempio, una proteina del gruppo Pr 10 è il principale allergene di betulla contenuto nel suo polline. E proteine ​​simili si trovano nel polline di altri alberi primaverili e in molti frutti e verdure: mele, pere, prugne, sedano, carote, kiwi, pesca, noci e altri.

Se conosciamo tutte le fonti di proteine ​​allergeniche per un particolare paziente, questo ci consente di determinare il piano di trattamento corretto e dare consigli sull'alimentazione del bambino.

Un altro esempio: siamo stati in grado di spiegare l'eruzione allergica dovuta all'uso del melone in un paziente ad agosto dopo la diagnostica molecolare, quando abbiamo confermato la sensibilizzazione all'ambrosia. In questo caso, il paziente ha mangiato melone durante un'esacerbazione di allergie stagionali.

Ma tali situazioni spesso colpiscono i bambini più grandi e gli adulti..

Quali sono i principali sintomi delle allergie alimentari e sono legati all'età?

Nei bambini piccoli, la dermatite atopica si verifica più spesso. E la madre, sapendo che il bambino riceve un certo piccolo insieme di prodotti, può associare il cibo all'insorgenza o all'esacerbazione dei sintomi.

Quando un bambino cresce, i genitori iniziano a dargli più frutta e verdura, soprattutto in estate. Certo, le allergie possono già manifestarsi a più alimenti. Non dimenticare la possibilità di manifestazioni di pseudoallergie.

Cioè, le allergie alimentari si manifestano principalmente con eruzioni cutanee.?

Possono esserci dermatite, angioedema e, molto meno spesso, reazioni anafilattiche. Ma la scienza sta andando avanti e ora gli scienziati hanno già stabilito una connessione tra l'uso di prodotti allergenici e la comparsa di costipazione o diarrea, scarso appetito, rigurgito e vomito.

È dimostrato che si verificano reazioni allergiche sulle mucose del tratto gastrointestinale. Quindi, l'esofagite allergica, cioè l'infiammazione dell'esofago, la gastrite allergica, l'enterocolite allergica, è già in fase di rilascio.

È molto difficile diagnosticarli e vengono trattati male. Il risultato può solo dare una completa esclusione del prodotto che provoca allergie. Se queste malattie non vengono curate, i sintomi della persona peggiorano solo.

Un bambino può essere allergico ai cibi che consuma sua madre.?

Certo che può. Il bambino può sensibilizzare attraverso la placenta a prodotti lattiero-caseari, noci o pesce che sua madre ha mangiato durante la gravidanza. Soprattutto se venivano consumati in grandi quantità.

E questa sensibilizzazione può verificarsi dopo la nascita e durante l'allattamento. Ma in nessun caso dovresti smetterla: hai bisogno che tua madre smetta di assumere cibo, il che provoca l'allergia al bambino.

Se la caseina provoca un'allergia, è sufficiente escludere i latticini dalla dieta della madre, perché non c'è caseina nel latte materno.

A volte le madri prescrivono irragionevolmente una dieta ipoallergenica, quando quasi tutto è escluso dalla dieta. Ma la mamma ha bisogno di mangiare, la mamma ha bisogno di latte per formarsi, devi mantenere la tua salute. Pertanto, è molto importante determinare con precisione la causa dell'allergia del bambino e fare la dieta ottimale per la madre.

E se il bambino non è allattato al seno e ha un'allergia?

Il bambino può anche rispondere alle proteine ​​del latte vaccino contenute nella formula per l'alimentazione. Utilizzando la diagnostica molecolare, il medico determina gli allergeni che causano la reazione del bambino.

Sulla base del risultato dell'analisi, può fare la dieta giusta per il bambino. E dopo che è stata mantenuta la pausa necessaria nell'uso di prodotti allergenici, questi possono essere riportati alla dieta del bambino.

Ma per escludere il prodotto dal menu e solo un medico può restituirlo lì. Al termine del periodo di esclusione degli allergeni, è indispensabile ripristinare la normale alimentazione in base all'età.

Quanto dovrebbe durare questa pausa?

Se il bambino è allergico alla caseina, una pausa nell'uso dei latticini può durare da 6 a 12 mesi o più. Se altre proteine ​​del latte vaccino causano allergie, la pausa può essere di 3-6 mesi. Questo è l'unico modo per sbarazzarsi del problema..

Se un bambino ha un'allergia alimentare, può manifestarsi una tendenza ad altri tipi di esso?

Come abbiamo già detto, la principale manifestazione di allergie alimentari è un'eruzione cutanea. E se l'integrità della pelle viene violata, a causa delle crepe su di essa, può svilupparsi la sensibilizzazione agli acari della polvere domestica, alle muffe spore, in particolare alle alternanze. Già nei primi o secondi anni di vita.

E poi, con l'età, un'allergia per inalazione viene aggiunta al polline di alberi, erbe ed erbe infestanti. E più intenso è lo stato allergologico, maggiore è il numero di allergeni a cui il bambino è sensibilizzato.

Questa condizione si chiama polisensibilizzazione. È mal trattato e l'efficacia di tale trattamento non sarà completa.

Cosa succede più spesso: allergia alimentare, che è associata, ad esempio, respiratoria o febbre da fieno, a cui è attaccata allergia alimentare?

In allergologia esiste un termine del genere: "marcia allergologica". È come un aumento: prima si sviluppa la dermatite atopica, poi la rinite allergica e poi l'asma bronchiale.

Pertanto, è necessario cercare una spiegazione per ogni episodio di dermatite atopica. E, se associato ad allergie, è necessario capire che, non trattato, può portare all'asma. Se la dermatite atopica si verifica a causa dell'intolleranza ai prodotti, non ci saranno conseguenze così gravi.

Succede anche che l'intolleranza alimentare sia combinata in un bambino con una vera allergia ed entrambe queste condizioni sono causate da un prodotto. E devono essere trattati in parallelo: scegli una dieta ed elimina l'allergene.

Questa combinazione si verifica in circa la metà dei casi. Ad esempio, la caseina nel latte di mucca può causare un'allergia in un bambino e il latte stesso può essere troppo oleoso, a causa del quale il bambino non può digerirlo..

Quindi, come viene trattata l'allergia alimentare??

Solo l'eccezione completa del prodotto che lo provoca. Non c'è altro modo.

Per la giusta scelta della dieta, è necessario eseguire la diagnostica molecolare delle allergie. Il trattamento completo, la terapia sintomatica, il trattamento della dermatite atopica sono essenziali.

Allergia nei bambini di età inferiore a un anno e 1 anno di età

Le allergie nei bambini di età inferiore a un anno sono un problema comune e ben noto. Spesso si manifesta come una reazione allergica alimentare a vari agrumi e altri prodotti che entrano nel corpo del bambino attraverso il latte della mamma.

Cos'è

L'allergia è chiamata lo stato di sensibilità sopravvalutata del corpo del bambino verso l'uno o l'altro fattore ambientale. Ad esempio, possono essere vari inquinanti atmosferici, polvere o polline di fiori.

Le allergie nei bambini fino a un anno possono essere provocate da molte ragioni. Le principali sono condizioni ambientali avverse e predisposizione ereditaria. Inoltre, lo sviluppo di reazioni allergiche è influenzato dalle caratteristiche del decorso del periodo di gravidanza e allattamento..

Le allergie nei bambini piccoli si manifestano sotto forma di irritazioni sulla pelle del viso e sul corpo. Questi possono essere vari arrossamenti, eruzioni cutanee e desquamazione. In alcuni casi, si manifesta con colica intestinale, gas, diarrea o difficoltà respiratoria..

Allergia alimentare in un bambino a 1 anno

Un'allergia alimentare in un bambino a 1 anno di età può manifestarsi in diversi modi. Di norma, si forma sotto forma di irritazioni o disturbi della pelle del tratto gastrointestinale (GIT). Sotto forma di irritazione allergica della pelle, possono verificarsi varie eruzioni cutanee in tutto il corpo, arrossamenti, prurito e desquamazione della pelle delle guance. A volte il peeling è chiamato diatesi.

Possono comparire anche dermatite da pannolino sostenuta, sudorazione profusa, che si forma quando il bambino è leggermente surriscaldato. Le manifestazioni allergiche sulla pelle possono formare squame e il loro peeling simultaneo sul cuoio capelluto e sulle sopracciglia. Questa condizione si chiama gneiss. Possibile manifestazione di orticaria.

Le allergie nei bambini di età inferiore a un anno e ad età diversa possono provocare l'edema di Quincke. È caratterizzato da un forte aspetto di gonfiore della pelle, del tessuto sottocutaneo e delle mucose. Questa condizione è considerata la più pericolosa per la salute e la vita del bambino, pertanto richiede un ricovero immediato.

La manifestazione di reazioni allergiche che interrompono il tratto gastrointestinale sono espresse da edema della mucosa degli organi digestivi interni. In questo caso, possono formarsi condizioni come frequenti sputi del bambino o vomito.

Le lesioni del tratto gastrointestinale con allergie possono provocare frequenti movimenti intestinali liquidi con schiuma o una miscela di verde. Si formano anche costipazione, coliche o flatulenza..

Le manifestazioni allergiche sotto forma di disturbi respiratori sono molto rare. Inizia a verificarsi gonfiore della mucosa delle vie respiratorie. Sono espressi da rinite allergica e broncospasmo. Questa condizione non consente all'aria di entrare correttamente nelle vie aeree o ne impedisce il processo..

Con le allergie, i broncospasmi sono considerati le conseguenze più pericolose della sua manifestazione. Possono causare danni irreparabili alla salute del bambino e in alcuni casi portare alla morte.

Esistono combinazioni di lesioni cutanee e gastrointestinali o di pelle e organi bronchiali. Inoltre, la manifestazione nutrizionale delle reazioni allergiche può servire come ragioni per lo sviluppo di altre malattie allergiche. Quindi può formare dermatite atopica, asma bronchiale e altre malattie.

Cause della manifestazione della malattia

Le ragioni per la comparsa di allergie alimentari in un bambino di un anno (se allattato al seno) possono essere i prodotti che la madre consuma. Se il bambino è nutrito artificialmente, dai prodotti che usa il bambino.

La comparsa di allergie è principalmente associata all'eredità del bambino. Il rischio della sua formazione si presenta in quei bambini nelle cui famiglie sono già stati notati casi di allergia (37% dei casi di sviluppo di allergie nei bambini, se un genitore ha una tale malattia, 67% - se entrambi i genitori hanno reazioni allergiche di diverse etimologie).

La comparsa di allergie alimentari è anche associata alle caratteristiche funzionali del processo digestivo. A questa età, c'è un basso livello di attività enzimatica e la produzione di anticorpi protettivi. Si trovano sulla superficie delle mucose del tratto gastrointestinale e forniscono protezione locale contro l'esposizione ad agenti estranei.

Le allergie alimentari possono verificarsi a un'altra età del bambino. Le ragioni del suo sviluppo sono simili a quelle dei bambini di 1 anno di età. Eruzioni cutanee sul corpo, gonfiore e altri tipi di reazioni allergiche sono anche caratteristiche..

Tipi di allergie in un bambino a 2 anni

Un'allergia in un bambino a 2 anni si presenta sotto forma di una reazione alimentare del corpo e allergie agli animali domestici, polline di fiori, punture di insetti, prodotti chimici domestici. Le conseguenze delle reazioni del corpo a tali agenti patogeni in ogni bambino si manifestano in modi diversi. Tutto dipende dallo stato della funzione immunitaria del bambino.

Le allergie agli animali domestici nei bambini di età compresa tra 2-3 anni si sviluppano a causa della presenza di peli di animali domestici lunghi o soffici. Anche le proteine ​​secrete da loro, che sono contenute nelle urine e nella saliva dell'animale, influiscono. Spesso i gatti agiscono come agenti patogeni. Sulla lana, possono portare polline, lanugine, polvere o muffa in casa. Pertanto, il loro mantello avrà un impulso significativo, sia nella formazione di allergie in un bambino di 3 anni, sia a un'età diversa. E per stabilire il vero patogeno in questo caso, solo una diagnosi approfondita del corpo del bambino aiuterà.

Le reazioni allergiche nel bambino, che si verificano all'età di 3 anni, devono essere sotto controllo speciale. È a questa età che hanno un impatto significativo sull'ulteriore salute del bambino.

Molto spesso, un'allergia in un bambino a 3 anni si verifica a causa della mancanza di vitamine dei gruppi A, B, C ed E. Inoltre, le vaccinazioni sono la causa della formazione di malattie. Possono includere sostanze che provocano vari tipi di allergie. In questi casi, dovresti assolutamente consultare un medico.