Allergia alimentare in un neonato: come riconoscere e come trattare?

Cliniche

Le reazioni allergiche riducono significativamente la qualità della vita anche negli adulti. Cosa dire dei bambini il cui organismo è ancora poco adattato alle condizioni del mondo circostante. Il sistema immunitario del bambino si sta appena formando, quindi nei primi mesi tutto può causare un'allergia: biancheria da letto, polvere domestica e persino una polvere progettata specificamente per i neonati. Ma nella maggior parte dei casi, l'allergene si trova nel cibo, tale allergia in un bambino si chiama cibo.

Nell'articolo rispondiamo alle domande: come si manifesta l'allergia alimentare nei bambini, qual è il pericolo di allergia alimentare in un bambino e come trattare l'allergia alimentare nei bambini?

I primi segni di allergie alimentari nei bambini

I sintomi delle allergie alimentari nei neonati sono diversi, è questo fatto che rende difficile diagnosticare questa condizione. In questo caso, è necessario riconoscere una reazione allergica nel più breve tempo possibile - al fine di eliminare l'allergene e correggere con successo le condizioni delle briciole.

I seguenti sintomi possono indicare allergie alimentari nei neonati:

  • Cambiamenti nella pelle. Il bambino è preoccupato per l'eruzione cutanea e il rossore sul corpo, prurito e desquamazione sul collo e sulle guance, dermatite da pannolino e sudorazione, formazione di fiocchi e desquamazione sotto i capelli. Ma la manifestazione più ovvia di un'allergia alimentare in un bambino è l'edema..
  • Disturbi respiratori I disturbi respiratori possono essere lievi, come ad esempio la rinite allergica. Tuttavia, una forte allergia alimentare in un bambino può portare all'edema di Quincke, che è accompagnato da un attacco di soffocamento ed è fatale.

La mancanza di respiro è un sintomo molto pericoloso. In tale situazione, è necessario rimuovere tutti i potenziali allergeni dal bambino e chiamare un'ambulanza!

  • Problemi di sonno, pianto frequente, scarso appetito. Tali cambiamenti comportamentali possono segnalare un'allergia alimentare a un bambino..
  • Violazioni del tratto digestivo. Rigurgito frequente, accompagnato da urla e pianto, vomito, costipazione, coliche, flatulenza: ecco come il corpo del bambino può reagire a un allergene. Vale la pena notare che l'allergia è strettamente associata alla disbiosi: può essere sia la sua causa che il suo effetto. È improbabile che almeno una madre non abbia familiarità con questo concetto, poiché la disbiosi si verifica in quasi tutti i neonati (nel 90% dei casi) [1]. Ma per ogni evenienza, spieghiamo: questo è uno squilibrio nella microflora intestinale, in cui diminuisce il numero di bifidobatteri e lattobacilli benefici e aumenta il numero di microrganismi patogeni e condizionatamente patogeni.

Possibili cause di allergie alimentari in un bambino

La predisposizione alle allergie alimentari al bambino può passare "per eredità" ai genitori. Se uno di loro è una persona allergica, la probabilità che il bambino abbia adottato questa funzione da lui è del 25%. Se mamma e papà soffrono di allergie, il rischio raddoppia.

Secondo le statistiche, il cibo è il tipo più comune di allergia nei neonati [2].

Le allergie alimentari sono più comuni nei neonati allattati al seno. Il corpo del bambino può persino rifiutare le miscele ipoallergeniche, quindi non devi nemmeno parlare di quelle "normali". Ad esempio, l'intolleranza alle proteine ​​del latte di vacca - un componente frequente della formula per l'infanzia - si verifica in circa il 10% [3] bambini, di norma passa da 2 a 3 anni.

In un bambino allattato al seno, possono verificarsi allergie a causa di un'alimentazione scorretta della madre. Dopotutto, i prodotti della sua dieta con il latte entrano nel corpo del bambino. Quindi, in caso di rilevazione di manifestazioni allergiche in un bambino, i medici raccomandano di abbandonare i prodotti potenzialmente allergici. Molto spesso questi sono: agrumi e frutti esotici, cibi a base di pigmenti rossi, cioccolato, noci, miele, uova, latte e frutti di mare. La stessa "dieta" è rilevante per l'introduzione di alimenti complementari: durante questo periodo si verifica spesso una reazione allergica.

Infezioni intestinali, malattie virali, l'uso di antibiotici aumentano il rischio di allergie in un neonato di diverse volte: qualsiasi colpo al sistema immunitario facilita la penetrazione della flora patogena e condizionatamente patogena nell'intestino del bambino, che, come abbiamo già detto, può portare ad allergie.

Trattamento delle allergie alimentari nei neonati

Tutti i genitori dovrebbero ricordare che il trattamento indipendente di qualsiasi malattia nel bambino è inaccettabile! Un rischio troppo elevato di danneggiare il corpo di un bambino fragile. Pertanto, la prima cosa da fare è mostrare il bambino al pediatra. Se la causa dell'allergia è evidente, allora, ovviamente, è necessario escludere il prodotto dalla dieta del bambino. Altrimenti, il medico scriverà un rinvio per un esame speciale per identificare l'allergene e regolare il menu.

Elenchiamo i mezzi principali che un pediatra può prescrivere:

  • Sorbenti: aiutano a rimuovere rapidamente l'allergene dal corpo.
  • Antistaminici. Tali farmaci eliminano rapidamente i sintomi delle allergie, in particolare eruzioni cutanee e gonfiore, ma hanno un ampio elenco di effetti collaterali e controindicazioni. Pertanto, nei bambini vengono utilizzati solo in forme gravi di allergie.
  • Unguenti e gel per il trattamento locale - per eliminare un'eruzione cutanea in un bambino con allergie alimentari, così come altre manifestazioni della pelle.
  • Probiotici con lattobacilli e / o bifidobatteri - per correggere i disturbi della microflora intestinale.

Il medico prescriverà fondi con batteri benefici vivi con quasi il cento per cento di probabilità. E non è solo una stretta relazione tra allergie e disbiosi. I probiotici non sono un medicinale, il che significa che non portano un carico di droga sul corpo del bambino. Questi microrganismi sono abitanti naturali del tratto intestinale, abitano il corpo umano nelle prime ore dopo la nascita. Bifidobatteri e lattobacilli sono attivamente coinvolti nella digestione e nell'assimilazione dei nutrienti, promuovono la sintesi di vitamine nell'intestino, inibiscono la crescita della microflora patogena e aiutano a rafforzare l'immunità.

L'effetto positivo dei lactobacilli Lactobaccillus rhamnosus GG (LGG) è stato confermato da cinquanta studi clinici. In particolare, nel 2016, la Kharkov Medical Academy ha testato l'efficacia dell'uso di LGG nel complesso trattamento delle allergie alimentari nei bambini. Gli studi hanno mostrato dinamiche positive dal terzo giorno di trattamento (coliche, costipazione e flatulenza sono scomparse) e le manifestazioni cutanee di allergie sono state completamente risolte entro il giorno 15 [4].

Vale la pena notare che gli agenti probiotici possono essere monocomponenti (con un tipo di batteri benefici) e complessi (con bifidobatteri e lattobacilli nella composizione). Quest'ultima opzione è ottimale, poiché i lattobacilli, tra le altre cose, supportano l'ambiente acido necessario allo sviluppo dei bifidobatteri.

Le allergie alimentari nei bambini sono un evento comune. Di norma, questa condizione scompare infine all'età di tre anni, quando il sistema immunitario del bambino diventa più perfetto. Tuttavia, ciò non significa affatto che le allergie non debbano essere trattate: senza una terapia tempestiva e corretta, possono insorgere complicazioni.

Segni con una foto e il trattamento delle allergie alimentari nei neonati e nei neonati: come appaiono e quando i sintomi scompaiono?

Il corpo dei bambini fino a 1 anno di età è ancora troppo sensibile a fattori esterni, pertanto i bambini di questa età sono spesso colpiti dallo sviluppo di reazioni allergiche. Nei neonati, un'allergia alimentare è particolarmente comune, che nella maggior parte dei casi appare a causa della colpa della madre.

Se una donna durante il periodo dell'allattamento al seno consuma prodotti allergenici, è probabile che con il suo latte gli allergeni entrino nel fragile corpo del bambino. Al fine di evitare lo sviluppo di questa malattia, ogni madre dovrebbe sapere come si manifestano le allergie alimentari nei bambini, per quanto tempo i potenziali allergeni vengono escreti dal corpo, come curare e prevenire le allergie.

Sintomi di allergie alimentari con foto nei bambini

I sintomi delle allergie alimentari nei neonati e nei neonati sono divisi in 3 gruppi:

  • lesioni della pelle;
  • disturbi dell'apparato digerente;
  • insufficienza respiratoria.

I segni del primo tipo si manifestano nel modulo:

  • eruzioni cutanee sulla pelle;
  • macchie rosse in tutto il corpo;
  • prurito, desquamazione e screpolature della pelle;
  • dermatite da pannolino;
  • sudorazione;
  • orticaria;
  • edema dei tessuti molli.

Il secondo gruppo di segni di una reazione allergica include:

  • rigurgito costante;
  • attacchi di vomito;
  • consistenza schiumosa delle feci;
  • diarrea frequente, seguita da costipazione;
  • feci verdi;
  • colica
  • aumento della formazione di gas nell'intestino;
  • salivazione eccessiva.

Il terzo gruppo di sintomi è caratterizzato da:

Insieme a questo, neonati e lattanti possono sperimentare una maggiore lacrimazione e irritazione agli occhi. Con una forma grave della malattia, può verificarsi un fenomeno pericoloso: shock di angioedema. Questa condizione è accompagnata da un forte gonfiore di viso, palato, labbra, palpebre, collo. Inoltre, sul corpo si formano spesso grandi vesciche. Questo fenomeno richiede cure mediche immediate, poiché qualsiasi ritardo può costare la vita del bambino..

I sintomi elencati non indicano sempre un'allergia alimentare. Un naso che cola e una tosse possono essere segni di raffreddore e un disturbo digestivo spesso indica intossicazione. Questi sintomi possono manifestarsi contemporaneamente o individualmente..

L'intestino reagisce a uno stimolo esterno entro 2 giorni dopo aver mangiato un prodotto allergenico. Se si identifica ed esclude rapidamente l'allergene dalla dieta, le manifestazioni cutanee di allergie scompaiono in 1-2 ore. Per ripristinare l'intestino, è necessario un periodo molto più lungo - circa 7-14 giorni.

Molti fattori influenzano la durata di una reazione allergica:

  • la quantità di allergene nel corpo del bambino;
  • il periodo di esclusione del prodotto allergenico dalla dieta;
  • qualità dell'approccio allo sviluppo di un piano di trattamento;
  • livello di immunità.

Le allergie alimentari nei bambini di età inferiore ai 2 anni di solito compaiono su uova, cioccolato, pesce, caffè, latte di vacca, verdure e frutta dai colori vivaci. In età avanzata, la maggior parte dei bambini ha una reazione allergica al cibo. Tuttavia, in alcuni casi, l'intolleranza a determinati alimenti (pesce, frutti di mare, arachidi) persiste fino alla fine della vita. La foto sotto mostra come appaiono le macchie rosse di origine allergica sul viso e sul corpo del bambino.

Cause di una reazione allergica

Tra i fattori che provocano lo sviluppo di allergie nei neonati, ci sono:

  • predisposizione ereditaria (è dimostrato che la nascita di un bambino allergico è molto probabile nei genitori che durante l'infanzia erano sensibili a una reazione allergica o hanno intolleranza cronica a determinati prodotti);
  • vivere in condizioni ambientali sfavorevoli;
  • riduzione dell'immunità del bambino sullo sfondo della malattia;
  • malnutrizione, carenza di vitamine e minerali;
  • l'uso da parte di una donna durante la gravidanza di prodotti altamente allergenici (il rischio di un background allergenico in un bambino è provocato da uova, cioccolato, pesce, frutti di mare, caffè, latte di mucca, noci, miele, funghi, verdure e frutta di colori vivaci);
  • infezione di una donna durante la gestazione;
  • malattie croniche della gestante;
  • SARS, infezioni intestinali e disbiosi trasmesse da un bambino nella prima infanzia;
  • mancanza di ossigeno durante lo sviluppo fetale;
  • trasferimento improprio del bambino all'alimentazione artificiale (la causa delle allergie può essere un frequente cambiamento nella formula del bambino, l'introduzione del latte di vacca in alimenti complementari, un'alimentazione di scarsa qualità).

Nei neonati, il processo di produzione degli enzimi responsabili della digestione del cibo non è ancora sottoposto a debug, quindi ogni nuovo alimento viene parzialmente digerito o non viene affatto processato. Spesso, un costante cambiamento di prodotti provoca il rifiuto da parte del fragile corpo di un bambino, che porta successivamente alla sua completa intolleranza.

Diagnosi delle allergie

Se il bambino ha sintomi di allergia, dovresti mostrarlo immediatamente a un pediatra, allergologo o nutrizionista. È severamente vietato trattare in modo indipendente i bambini, in particolare di età inferiore a 1 anno - l'uso improprio e incontrollato di farmaci può causare danni irreparabili alla loro salute. All'appuntamento iniziale, il medico esamina il piccolo paziente e intervista i genitori sui cambiamenti patologici esistenti nelle condizioni del bambino. La mamma del bambino dovrebbe informare lo specialista di tutti i prodotti utilizzati.

Una parte integrante della diagnosi è mantenere un diario alimentare. Tutti i piatti che una donna consuma vengono inseriti in esso e si nota come il corpo dei bambini reagisce a loro. Di norma, i registri devono essere eseguiti entro 2-3 settimane.

Sulla base delle informazioni ricevute, il medico stabilisce una relazione causale tra la reazione allergica del bambino e il cibo consumato dalla madre. Quindi, a un piccolo paziente viene prescritto un esame del sangue per l'immunoglobulina E. Inoltre, per escludere la patologia dello stomaco e dell'intestino, il medico può prescrivere una direzione per un esame ecografico degli organi addominali.

Per identificare un prodotto allergenico, viene eseguito un test allergenico. Nei neonati di età inferiore a 1 anno, la procedura viene eseguita utilizzando il prelievo di sangue venoso, nei bambini più grandi vengono eseguiti test cutanei. Tale studio viene effettuato esclusivamente prima dell'inizio del trattamento, altrimenti i suoi risultati potrebbero non essere affidabili.

Le allergie nei bambini sono spesso confuse con malattie dermatologiche, ad esempio il calore pungente, le cui manifestazioni sono visibili nella foto qui sotto. A questo proposito, durante la diagnosi di allergie, viene spesso eseguita una diagnosi differenziale. Questo metodo elimina altre patologie con sintomi simili..

Trattamento complesso

Il trattamento allergico nei bambini viene effettuato a casa. Quando i sintomi non scompaiono per molto tempo o la malattia procede con complicazioni, i neonati vengono ricoverati in ospedale. La terapia prevede l'uso di droghe, rimedi popolari e una dieta speciale.

Un piano di trattamento è sviluppato individualmente. Ciò tiene conto dell'età e delle caratteristiche del corpo di un piccolo paziente. Il medico deve valutare il rischio di reazioni avverse durante l'uso di un farmaco. Tale misura eviterà conseguenze pericolose per la salute dei bambini..

farmaci

Lo sviluppo della terapia farmacologica in questo caso è complicato dal fatto che l'elenco dei farmaci approvati per l'uso nei neonati è molto limitato. Antistaminici, enterosorbenti e medicinali per normalizzare la digestione sono usati per trattare le allergie nei neonati. Le informazioni sui medicinali prescritti ai bambini di questa età per fermare gli effetti delle allergie sono presentate nella tabella.

Modulo per il rilascioIl nome del farmacoatto
Sciroppi e soluzioni per somministrazione oraleSuprastin, Diazolin, Diprazin, ClaritinFermare l'edema
Linex, Bificol, BififormRipristino della normale microflora intestinale
Unguenti e creme per uso esternoSkin-Cap, Desitin, Fenistil, Gistan, Elidel, Vundehil, Protopic, Bepanten, De-panthenol, Psilo-balmEliminazione di eruzioni cutanee
Gocce per somministrazione oraleFenistil, CetirizineSbarazzarsi di infiammazione, prurito, arrossamento
Compresse, polveriSmecta, carbone attivo, Enterosgel, PolysorbRimozione di sostanze tossiche, virus, batteri dal corpo del bambino

Per eliminare le allergie nei bambini allattati al seno, vengono utilizzate formule per bambini ipoallergeniche.

Rimedi popolari

I rimedi popolari aiutano a trattare arrossamenti, eruzioni cutanee e prurito sulla pelle. Tuttavia, nonostante il fatto che le ricette di medicina alternativa si basino sull'uso di ingredienti naturali, il loro uso può danneggiare il bambino. Per evitare ciò, qualsiasi metodo terapeutico applicato deve essere concordato con il pediatra. In questo caso, ai bambini è severamente vietato l'uso orale di decotti di erbe medicinali. Le informazioni sui rimedi popolari più efficaci e sicuri per la pelle sensibile del bambino sono presentate nella tabella.

Ricetta medicaMetodo di cotturaMetodo di utilizzo
Bagno con un decotto di una stringa100 g di una pianta medicinale vengono versati con 1 litro di acqua calda. La soluzione infusa per 10-12 ore viene filtrata attraverso diversi strati di garza pulita.Devi fare il bagno al tuo bambino in acqua con l'aggiunta di un decotto ogni giorno per almeno 5 giorni. La soluzione viene diluita in acqua in una proporzione di 1:12.
Vassoio con infuso di alloro100 g di foglie lavate vengono versate con 1 litro di acqua bollente. Infuso per 6-8 ore, la miscela viene filtrata.Il bambino viene posto in acqua in cui viene aggiunta la soluzione terapeutica per diversi minuti. Dopo il bagno, la pelle del bambino dovrebbe essere lasciata asciugare naturalmente. La procedura viene eseguita a giorni alterni. L'effetto curativo è evidente il 7 ° giorno di balneazione regolare.
Appliques Di AloeLa foglia succulenta della pianta viene accuratamente lavata e tagliata in piccoli piatti.La parte tagliata di aloe viene applicata quotidianamente sulle aree della pelle gravemente colpite. L'impianto dovrebbe essere riparato con una benda pulita..
Compresse per infusione di camomilla2 cucchiai. l 250 ml di acqua bollente vengono versati sui fiori della pianta e infusi per 1 ora.Un batuffolo di cotone imbevuto di una soluzione medicinale viene applicato sulle aree interessate della pelle del bambino per 5 minuti. La procedura deve essere eseguita ogni giorno fino a quando l'allergia scompare completamente..
Impacco di cavoloSuccosa foglia di cavolo bollita fino a che morbida.La foglia di cavolo bollita viene applicata quotidianamente sulla pelle infiammata per diversi minuti..

Dieta e cibi allergenici

Un ruolo importante nel trattamento delle allergie alimentari nei bambini è la correzione nutrizionale. La dieta comporta l'esclusione o la riduzione dell'uso di numerosi prodotti da parte di una donna durante l'allattamento. Gli stessi requisiti si applicano alla nutrizione del bambino artificiale, nella cui dieta è già stata introdotta un'esca. Tutto il cibo è diviso in ipoallergenico, leggermente allergenico e altamente allergenico. Con una rigorosa osservanza delle raccomandazioni nutrizionali in un bambino, i sintomi delle allergie passano abbastanza rapidamente.

Cosa posso mangiare?

L'elenco dei prodotti approvati comprende:

  • ricotta senza ingredienti aggiuntivi;
  • kefir;
  • yogurt naturale;
  • formaggio stagionato;
  • grano saraceno, mais e farina d'avena cotti in acqua;
  • frutta e verdura di colori chiari: patate, zucchine, mele verdi e gialle, pere;
  • manzo magro e tacchino;
  • varietà di pesci a basso contenuto di grassi - pesce persico, pollock, merluzzo bianco, luccio sauro;
  • verdura e burro;
  • brodi e zuppe a basso contenuto di grassi;
  • bevande e composte di frutta e bacche;
  • tè verde.

Questo elenco non è definitivo, può essere modificato. Il medico sviluppa raccomandazioni nutrizionali in ogni caso.

Cosa no?

Gli alimenti altamente allergenici che devono essere completamente eliminati dalla dieta includono:

  • funghi;
  • noccioline
  • varietà morbide di formaggio;
  • cereali cotti nel latte di vacca;
  • miele;
  • cioccolato;
  • frutti di mare;
  • uova di pesce rosso;
  • pesce grasso - sgombro, pesce gatto, salmone rosa, salmone, branzino, capelin;
  • frutta, bacche e verdure con una buccia o polpa luminose - pomodori, peperoni rossi e gialli, melograno, barbabietole, fragole, lamponi, mirtilli, more;
  • agrumi - limoni, arance, mandarini;
  • piatti in salamoia e affumicati;
  • spezie;
  • salse;
  • caffè;
  • cacao;
  • ravanello;
  • ravanello;
  • cipolla;
  • aglio;
  • alimenti contenenti coloranti artificiali e una grande quantità di sostanze chimiche;
  • prodotti semi-finiti;
  • bevande gassate e alcoliche;
  • kvass.

Cosa dovrebbe essere usato con restrizione?

L'elenco dei prodotti che si consiglia di ridurre a icona include:

  • latte intero di vacca;
  • panna acida;
  • pasta e prodotti da forno;
  • pollo, maiale e carne di coniglio;
  • zucca;
  • cetrioli
  • peperone verde;
  • sale;
  • zucchero;
  • verdure crude;
  • legumi;
  • succhi di frutta, verdura e bacche appena spremuti (se usati, devono essere diluiti con acqua in un rapporto di 1: 1);
  • semolino;
  • uova di gallina (in presenza di intolleranza alle proteine, si possono invece usare uova di quaglia);
  • Tè nero.

Come evitare le allergie alimentari?

Per evitare lo sviluppo di una reazione allergica nei neonati, è possibile con il rigoroso rispetto delle seguenti raccomandazioni:

  • introdurre alimenti complementari per il bambino durante l'allattamento dopo sei mesi, artificiali - a partire dai 4 mesi di età;
  • il primo giorno la quantità di alimenti complementari non deve superare 1 cucchiaino;
  • quando nuovi ingredienti vengono introdotti nella dieta del bambino, le loro porzioni dovrebbero essere aumentate ogni giorno di mezzo cucchiaio da dessert;
  • l'introduzione di nuovi alimenti complementari dovrebbe essere graduale e dovrebbe essere effettuata entro 14 giorni;
  • escludere il latte di mucca dalla dieta del bambino fino all'età di 2 anni;
  • appena possibile introdurre cioccolato e miele nel menu per bambini;
  • dare da mangiare ai bambini solo dopo 8 mesi;
  • come prima esca, si consiglia di utilizzare prodotti ipoallergenici;
  • utilizzare ingredienti freschi e naturali durante la cottura;
  • monitorare attentamente l'alimentazione di una donna che allatta un bambino;
  • fornire una corretta alimentazione alla futura mamma;
  • prenditi cura della tua salute durante la gravidanza;
  • proteggere il bambino da infezioni virali respiratorie acute.

LiveInternetLiveInternet

-Ricerca diario

-Abbonamento e-mail

-statistica

Allergie in un bambino di 6 mesi rispetto al trattamento

Lunedì 26 marzo 2018 11:07 + in preventivo

Allergie in un bambino di 6 mesi rispetto al trattamento

Allergie in un bambino di un mese

Molti genitori sono allergici a un bambino. Nei primi mesi di vita del bambino, è più suscettibile alle allergie alimentari. I genitori si perdono spesso quando vedono eruzioni cutanee sulla pelle di un bambino o di fronte ad altre manifestazioni spiacevoli di una reazione allergica. Perché c'è un'allergia in un bambino di un mese, come aiutarlo, quali sono le cause dell'allergia nei bambini nei primi sei mesi di vita? Considera questi problemi che i genitori hanno spesso..

Allergie in un bambino di un mese

Le proteine ​​presenti negli alimenti causano allergie alimentari. Sono allergeni in risposta ai quali si formano immunoglobuline E (anticorpi) nel corpo. Le immunoglobuline attivano una catena di reazioni che portano allo sviluppo di sintomi allergici.

Molto spesso, un'allergia in un bambino di un mese si manifesta sotto forma di lesioni cutanee:


  • eruzioni cutanee sul corpo che iniziano con un'eruzione cutanea sulle guance e nelle pieghe della pelle;
  • prurito delle aree interessate della pelle;
  • secchezza e desquamazione;
  • desquamazione della pelle e formazione di squame sul cuoio capelluto.

Ma spesso, i sintomi allergici sono disturbi dell'apparato digerente del bambino, che è associato al gonfiore della mucosa del tratto gastrointestinale. Questi sintomi includono le seguenti condizioni:


  • gonfiore e crampi allo stomaco;
  • sputi frequenti, vomito;
  • flatulenza;
  • costipazione o frequenti feci molli.

Molto meno spesso, a causa dell'edema del tratto respiratorio, un neonato può avere un naso che cola allergico e un broncospasmo (l'aria entra nelle vie aeree con difficoltà o non entra affatto).

Vale la pena menzionare un pericoloso sintomo di una reazione allergica: l'edema di Quincke. Durante il suo sviluppo, il soffocamento si verifica nella laringe del bambino. I primi segni dell'edema di Quincke sono la tosse che abbaia e la mancanza di respiro con respiro pesante. Quindi la carnagione diventa cianotica, dopo di che improvvisamente diventa pallida. Questa è una condizione molto pericolosa, quando i primi segni di cui hanno urgentemente bisogno di chiamare un medico.

Di solito il bambino del primo mese di vita è allattato al seno. Pertanto, la causa delle allergie in un bambino di un mese deve essere ricercata negli errori nutrizionali di sua madre.

Durante l'allattamento, una donna dovrebbe aderire a una dieta speciale, che esclude l'uso di prodotti che possono causare allergie nel bambino.

Prodotti altamente allergenici come uova di gallina (è consentito solo tuorlo), pesce, frutti di mare, frutta, bacche e verdure di colore rosso e arancione, cacao, caffè, cioccolato, miele, noci, funghi, crauti, sottaceti, sono assolutamente esclusi dal menu della madre. cibi salati e piccanti, spezie. Lo stesso elenco comprende prodotti che contengono coloranti, conservanti, cibi pronti, salse.

Puoi assumere quantità limitate di latte intero, panna acida, semola, prodotti da forno di farina pregiata, pasta, pasticceria.

Spesso, solo seguendo una madre che allatta una dieta del genere contribuisce alla scomparsa dei segni di allergia in un bambino di un mese.

Ai bambini di un mese di età non vengono prescritti farmaci per la somministrazione orale. Di solito, il medico consiglia di fare il bagno al bambino in decotti di erbe (spago, camomilla), lubrificare l'area interessata con una crema speciale.

Allergia nei bambini dei primi sei mesi di vita

Nei bambini dei primi sei mesi di vita, le reazioni allergiche, di regola, si sviluppano quando vengono trasferite all'alimentazione artificiale o quando viene introdotta l'alimentazione.

Sebbene la comparsa di un'allergia in un bambino di 3 mesi e nei bambini più grandi non sia esclusa a causa di un'alimentazione scorretta della madre durante l'allattamento.

Spesso un'allergia in un bambino di 5 mesi, così come in bambini di età diversa, è una conseguenza dello sviluppo di una reazione allergica alle proteine ​​del latte vaccino. Gli esperti affermano che oltre il 90% di tutti i casi di allergie alimentari nei bambini del primo anno di vita sono associati a questo tipo di allergia. Questo perché il corpo del bambino percepisce le proteine ​​del latte vaccino come estranee. Di conseguenza, il sistema immunitario produce antigeni per questo, che possono portare, ad esempio, allo sviluppo di un'allergia in un bambino di 3 mesi o alla comparsa di un'allergia in un bambino di 5 mesi.

In tali situazioni, i pediatri raccomandano ai genitori di scegliere latte di capra o miscele di soia per nutrire il proprio bambino. Ma le miscele di latte di capra spesso causano anche reazioni allergiche nei bambini. E le miscele di soia non hanno un valore nutrizionale come le miscele nel latte di mucca o di capra, poiché sono un prodotto vegetale.

In alcuni casi, diventa necessario utilizzare miscele ipoallergeniche. Esistono due tipi di tali miscele: preventiva e terapeutica.

Le miscele profilattiche ipoallergeniche sono utilizzate per quei bambini in cui genitori, sorelle e fratelli maggiori sono allergici alle proteine ​​del latte vaccino.

Miscele terapeutiche ipoallergeniche sono utilizzate per nutrire i bambini con allergie moderate e gravi.

Allergie in un bambino di 6 mesi solitamente associate a una somministrazione impropria della prima poppata.

È particolarmente importante somministrare correttamente la prima esca ai bambini che sono predisposti alle allergie. Si sconsiglia a questi bambini di iniziare a dare nuovi prodotti fino a 6-7 mesi.

La prima esca inizia con frutta e verdura, che hanno meno probabilità di causare reazioni allergiche. Questi includono zucchine, cavolfiore, zucca, mele bianche.

Si raccomanda ai bambini indeboliti di iniziare cibi complementari da porridge. In questo caso, il primo porridge può essere riso, grano saraceno.

È solo necessario introdurre alimenti complementari a un bambino soggetto ad allergie quando è assolutamente sano: non ci sono eruzioni cutanee, non ci sono segni di problemi digestivi. Un prerequisito è l'introduzione di cibi complementari al mattino, in modo che sia possibile osservare le condizioni del bambino.

Se si verifica un'allergia dopo l'introduzione di un nuovo prodotto, non viene più somministrata al bambino. Con una lieve allergia, i suoi sintomi scompaiono dopo poche ore o giorni. Nei casi più gravi, è necessario mostrare il bambino al medico.

Nel trattamento di un'allergia in un bambino di 6 mesi, il medico può prescrivere farmaci. Il più delle volte prescritto Fenistil in gocce, Zyrtec, Peritol.

Come trattare le allergie nei bambini (6 mesi)?

In questo argomento, abbiamo esaminato come trattare le allergie nei bambini e se un bambino ha 6 mesi di allergia, cosa fare, come affrontarlo?

Le allergie in un bambino in sei mesi dovrebbero essere trattate con l'aiuto di medici e identificando le cause della sua formazione. Un'allergia in un bambino in sei mesi può svilupparsi sullo sfondo del cibo che prende una madre che allatta o di una miscela che deve essere selezionata correttamente. Se l'allergia è grave e c'è arrossamento sulla pelle, possono prudere, consultare un medico e consultare.

Un'allergia in un bambino può verificarsi se sua madre ha cibo "sbagliato". La madre che allatta non dovrebbe mangiare verdure crude, latte di mucca, dolci e salinità, cibi fritti, legumi e uva. Durante l'alimentazione, è necessario seguire una dieta. Un bambino di 6 mesi ha un'allergia: questo è il motivo per cui la mamma pensa a mangiare il bambino. Come possono verificarsi allergie:

Sotto forma di danno alla pelle del bambino: si tratta di un'eruzione cutanea e di arrossamento, desquamazione della pelle, prurito, dermatite da pannolino persistente, sudorazione profusa, gneiss sulla testa e sopracciglia, angioedema.

Sotto forma di lesioni del tratto gastrointestinale: rigurgito, vomito, feci frequenti e sciolte, coliche, costipazione, flatulenza.

Sotto forma di disturbi respiratori: rinite allergica, broncospasmo.

L'edema di Quincke è particolarmente pericoloso per un neonato: si verifica soffocamento e sono necessarie cure mediche urgenti. Come trattare le allergie nei bambini: questa è una domanda rivolta ai medici.

Se un bambino sviluppa sintomi di allergia, è necessario consultare un pediatra, un allergologo e un nutrizionista. Se il bambino ha lesioni cutanee, può mettere il bambino e la madre in un ospedale specializzato. Come trattare un'allergia in un bambino - solo scoprendo la causa dell'allergene e rimuovendo questo allergene dal cibo.

La diagnosi di allergia viene stabilita esaminando il bambino, intervistando i genitori, esami del sangue e delle urine, esame ecografico della cavità addominale del bambino.

Il trattamento allergico inizia con la dieta del bambino e della madre, l'esclusione di un allergene alimentare dal cibo. Non dovresti combattere le allergie da solo. In ogni caso, la diagnosi e il trattamento devono essere prescritti da un medico. Quindi, per riassumere, l'allergia è un processo complesso nel corpo del bambino, accompagnato da un'eruzione cutanea e prurito, arrossamento e che può essere curato solo rifiutando di usare e nutrire l'allergene, il prodotto. Particolarmente importante è la formula nutrizionale e del latte materna, che deve essere correttamente selezionata per le briciole. La cosa più importante per il bambino è il supporto di mamma e papà in modo che ci sia amore e cura nelle vicinanze nella malattia, i bambini non possono crescere senza di essa.

Grazie per l'articolo Ancora una volta ho rivisto la mia dieta. Il mio bambino è nel GV. Ad essere sincero, vorrei leggere qui il trattamento raccomandato. Sembra che una dieta anallergica non possa fare. Ad essere onesti, ci sono stati prescritti sia Fenistil che Suprastin. Ma ho sentito molto parlare delle controindicazioni di questi farmaci ai bambini. Ho paura Più di una volta ne ho sentito parlare di uno nuovo che aiuta a curare le allergie, ma più sicuro: Zyrtec. Cosa puoi dire di lui? Gli elogi degli amici, dicono risparmiando per il sistema nervoso, non causano sonnolenza e l'effetto è buono.

Che articolo informativo per la mamma, tutto è meraviglioso e chiaramente scritto. La cosa principale è capire perché il bambino è allergico, quale prodotto dovrebbe essere escluso dalla dieta di una madre che allatta. Ho sempre pensato che fosse tale che il mio bambino avesse un rossore e un'eruzione cutanea. E dopo aver letto questo materiale mi sono reso conto che mangio i mandarini.

A giudicare dal titolo, sperava di ottenere una risposta a questa domanda scottante sulle allergie. Di conseguenza, ho riletto le verità note a lungo e non ho imparato nulla di nuovo. L'autore descrive in dettaglio tutti i sintomi e le conseguenze delle allergie, ma non risponde alla domanda posta nel titolo.

L'allergia è una maggiore sensibilità del corpo umano a vari fattori esterni..

L'allergia è un'ipersensibilità del corpo umano a vari fattori esterni (polvere, polline delle piante, inquinamento dell'aria), compreso il cibo.

Cause di allergie nei bambini

Sfortunatamente, il numero di bambini esposti a reazioni allergiche è in costante aumento..

Oggi, il loro tasso di incidenza in Russia è del 30%. Questa cifra è approssimativamente la stessa per tutti i paesi europei, il che indica la portata internazionale del problema..

I motivi principali sono: una situazione ambientale difficile, una predisposizione ereditaria, epidemie stagionali, malattie dei genitori, stress, in particolare il corso della gravidanza e il periodo dell'allattamento al seno nelle madri, ecc..

Molto spesso, nel primo anno di vita, un'allergia si esprime sotto forma di eruzioni cutanee, arrossamenti e desquamazione sulla pelle di un bambino. A volte questo si manifesta sotto forma di colica intestinale, instabilità delle feci, gas, difficoltà respiratoria.

Sì, è tutto serio. Ma non dovresti scoraggiarti solo perché il tuo bambino è nato nell'era dell'urbanizzazione e di migliaia di disgrazie ambientali. Il compito della madre non è quello di avere paura, ma di fare tutto il possibile per proteggere il suo bambino dalle allergie.

Come determinare se il bambino è allergico?

Molto spesso, una tale reazione si verifica nei bambini a rischio. HEM è un'abbreviazione dei tre principali fattori per cui i bambini sono a rischio: genetica, ecologia, madre.

Tutto viene trasmesso dai genitori al bambino - sia buono che non buono. Se mamma e papà sono allergici, devi essere vigile.

In questo caso, il rischio di allergie nel bambino è del 90%.

Se solo la mamma è esposta alle allergie - 80%, se il papà - 30%. Se non soffri di allergie, ma i tuoi genitori (i nonni) soffrono - la probabilità della malattia di un bambino è ridotta al 20%.

Di grande importanza è la situazione ambientale nel luogo in cui la madre è cresciuta, dove è proseguita la sua gravidanza e in cui il bambino è apparso e cresce. Nelle grandi città, la situazione è raramente favorevole: il fumo di tabacco si accumula nell'aria, lo smog, molti allergeni da piante e alberi.

Bene, se prima della nascita del bambino, papà o madre lavoravano in una produzione dannosa, questo fattore può avere un effetto dannoso non solo sulla loro salute, ma anche indirettamente sul corpo del nascituro.

A volte le persone non sono libere di scegliere dove vivono e lavorano. Ma i genitori devono sempre prendersi cura della salute della prole a causa delle loro capacità..

Purtroppo, non è sempre il caso che la gravidanza proceda con calma e serenità. Se la madre ha assunto antibiotici durante questo periodo o c'era un rischio di aborto spontaneo, molto probabilmente in futuro ciò influenzerà l'insorgenza di manifestazioni allergiche nel bambino.

Succede che le future mamme siano dipendenti dall'uso di cioccolato, agrumi, pesce, noci o altri prodotti allergenici. E se allo stesso tempo fumano e continuano a farlo durante l'allattamento, il rischio del bambino di contrarre un'allergia aumenta del 50%! Inoltre, il fumo passivo lo influenza esattamente allo stesso modo di quello attivo.

Ma la principale causa di allergie nei bambini nel loro primo anno di vita è ancora una dieta malsana. Come proteggere il tuo bambino, anche con un'alta probabilità di malattia (se trovi più corrispondenze contemporaneamente) e i metodi di trattamento, descriveremo di seguito.

Come si manifesta l'allergia?

Principalmente sintomi della pelle. Questi includono arrossamento e secchezza, prurito, eruzione cutanea. Nei casi più gravi, si verifica l'orticaria - grandi macchie di forma irregolare che sporgono sopra il livello della pelle, dermatite atopica - hanno causato danni genetici alla pelle e diatesi alimentare.

Se non vengono trattati, appaiono graffi, erosione e pianto. In questo caso, le allergie alimentari possono essere accompagnate da una violazione delle funzioni del tratto gastrointestinale (diarrea, costipazione) e del sistema nervoso (ansia, malumore).

Con l'età, questi sintomi possono assumere altre forme: rinite allergica, asma bronchiale, febbre da fieno, congiuntivite.

Quali alimenti possono causare allergie nei bambini?

L'allergene più comune è la proteina del latte vaccino. Nella maggior parte delle miscele, è il latte di mucca che viene utilizzato come base. Se è accertato che il bambino ha una reazione alla miscela, è necessario sostituirlo con un prodotto a base di latte di capra o proteine ​​di soia e, in casi particolarmente gravi, con miscele idrolizzate e ipoallergeniche. I cambiamenti nella nutrizione dovrebbero avvenire solo con la partecipazione diretta del pediatra..

Oltre alle miscele e al latte di mucca, possono causare gravi allergie: uova, pesce, grano, mais, noci, cioccolato, verdure e frutta rossa. Non dovresti mai introdurre in anticipo alcun tipo di alimento complementare (fino a 6 mesi), perché il latte materno è la migliore misura preventiva contro tutti i tipi di allergie. Devi cercare di tenerlo il più a lungo possibile, e se il bambino è anche incline alle allergie, allora questo può diventare solo una panacea per te da tutti i problemi.

Come trattare le allergie nei bambini?

Alle prime manifestazioni di un'allergia, dovresti contattare il tuo medico locale e, se necessario, ti indirizzerà a specialisti specializzati. Prima di tutto, devi superare una serie di test: un esame del sangue generale (per eosinofili elevati) e una determinazione delle IgE totali. La chiave del successo del trattamento sarà la completa esclusione del contatto con l'allergene e una dieta ipoallergenica (per le allergie alimentari).

Se al bambino viene diagnosticata una dermatite atopica, ti verrà prescritto un ciclo di trattamento con farmaci locali: unguenti ormonali topici e unguenti con un pronunciato effetto antinfiammatorio. Succede che vengono rilevate diverse cause di allergie contemporaneamente - quindi, inoltre, vengono prescritti farmaci anti-gestamina e quando viene attaccata un'infezione, sono antibatterici e antifungini. Se necessario, il medico può prescrivere pro o prebiotici, enzimi, sorbenti.

Inoltre, preparati per almeno 6-8 mesi per osservare il rigoroso cosiddetto dieta di eliminazione ad eccezione dei prodotti allergenici obbligatori (vedere l'elenco sopra), con una graduale espansione della dieta nel tempo e con la tenuta obbligatoria di un diario alimentare.

Ancora nessun commento!

Articoli in vetrina

Cosa insegnare a un bambino in 2 mesi

Come giocare con un neonato, i giochi successivi.

Dare il latte di mucca a un bambino di 4 mesi

Latte di mucca per bambini fino a un anno Razione alimentare in più.

La temperatura nel bambino è di 7 giorni

Infezione - consulenze online Ciao! Perfavore continua.

Articoli popolari

Interessante

Video di assistenza ai neonati Komarovsky

Come e quante volte al giorno devi lavare il tuo neonato, procedure mattutine per il neonato, fare il bagno al neonato e molto altro. Cura.

Bambino di 10 mesi naso chiuso Cosa fare

Un bambino ha il naso chiuso, quando un bambino ha il naso chiuso, non riesce a respirare completamente. Respiro affannoso.

Sgabello frequente per bambini di 8 mesi

Ragazze, il quinto giorno il bambino ha feci frequenti, non diarrea! Dopo ogni pasto. Per non mangiare. Dopo il composto, il porridge, le verdure con la carne, la ricotta con la frutta. Ho appena dato patate bollite, solo porridge (senza latte e.

Come si manifesta un'allergia in un bambino - una domanda che eccita le mamme

Da questo articolo imparerai come si verificano le allergie nei neonati (neonati e bambini fino a un anno), nonché le principali cause del suo aspetto.

Quando si tratta di medicina, è molto importante capire: un bambino non è un adulto piccolo, è un organismo molto speciale in cui tutti i processi procedono in modo diverso. Una conclusione logica segue da questa affermazione: la stessa patologia negli adulti e nei bambini può “apparire” clinicamente completamente diversa. Inoltre, le malattie allergiche sono in linea di principio polimorfiche e possono produrre un'ampia varietà di sintomi..

Per capire in tempo che il corpo di un bambino piccolo reagisce troppo fortemente a qualsiasi allergene e adottare misure per interrompere il contatto con questa sostanza, è necessario sapere come si manifestano le allergie nei bambini.

Cause di allergie

Nel primo anno di vita, nel sangue del bambino circolano solo anticorpi materni. Quasi ogni sostanza è estranea al bambino, non familiare e quindi potenzialmente pericolosa.

Quando un allergene entra per la prima volta nel corpo, le cellule vengono sensibilizzate, ad es. diventare sensibile ad esso. L'esposizione ripetuta a questa sostanza porta al rilascio di speciali prodotti attivi - mediatori infiammatori. A loro volta, agiscono sul corpo, causando sintomi di allergia.

Come sapete, tra tutti i prodotti e le sostanze ci sono sempre più allergeni. Per i bambini, le proteine ​​del latte vaccino, la caseina, sono considerate le più allergeniche. Il corpo non può far fronte alla sua digestione e i residui non trasformati causano ipersensibilità (allergia al latte nella sua forma pura, a una miscela non adatta).

Un'allergia ai cibi complementari, tra cui per pesce, per uova, per purea di frutta. Spesso manifestava allergie ai farmaci.

Secondo la ricerca [1], i principali allergeni alimentari includono:

Foto: l'allergia alimentare nei neonati è la reazione più comune di un organismo non formato

  • latte di mucca;
  • uovo;
  • arachidi;
  • semi di soia;
  • noccioline
  • molluschi;
  • un pesce;
  • Grano.

Si ottengono con il latte materno o sotto forma di alimenti complementari.

Oltre alle allergie alimentari, è possibile anche il contatto - per pannolini, cosmetici, detergenti e abbigliamento.

La cosiddetta allergia domestica si sviluppa su peli di animali e saliva, sulla polvere.

Manifestazioni di reazioni allergiche

Sembrerebbe che i sintomi delle allergie siano familiari a tutti: prurito sulla pelle, lacrimazione, edema di Quincke, starnuti, naso che cola. Tuttavia, nei neonati, in primo luogo, i sintomi possono differire e, in secondo luogo, hanno una maggiore varietà.

Come è un'allergia in un bambino: foto

Dopo quanto tempo appare un'allergia nei bambini?

Una reazione allergica ai prodotti alimentari, a seconda del tipo di ipersensibilità, può verificarsi sia in pochi minuti dopo aver mangiato (sintomi orali), sia in 1-2 ore e anche il giorno successivo.

Gli allergeni entrano nel latte materno in media entro 3 ore dopo che la madre ha ingerito cibo..

I sintomi di una reazione di contatto si verificano sulla pelle abbastanza rapidamente - entro pochi minuti dal contatto con l'allergene.

Sintomi dal tratto gastrointestinale

In che modo un'allergia nei neonati agli alimenti più allergenici? Sono più comuni due varianti del quadro clinico: ipersensibilità gastrointestinale immediata (NGH) e sindrome allergica orale (OSA).

Il dolore addominale e l'aumento della formazione di gas sono frequenti compagni di allergie alimentari nei neonati.

Nel primo caso, i seguenti sintomi compaiono da pochi minuti a un paio d'ore dopo aver mangiato prodotti allergenici:

  • nausea
  • vomito
  • dolore addominale
  • diarrea (appare dopo 2-6 ore).

Forse una combinazione con reazioni cutanee, lacrimazione, broncospasmo.

L'OSA è solitamente associato a un'allergia al polline e, a sua volta, si manifesta:

  • arrossamento
  • prurito
  • bruciore nella cavità orale
  • gonfiore delle labbra, della lingua e del palato.

I sintomi di solito compaiono immediatamente dopo l'assunzione di determinati alimenti (molto spesso si tratta di frutta o verdura). La sensibilizzazione si verifica molto prima di questo punto con il polline, in una composizione simile ai prodotti che provocano allergie (stiamo parlando della cosiddetta allergia crociata). Va tenuto presente che in questo caso una reazione allergica si sviluppa già al primo contatto con un allergene da frutta o verdura.

Il muco e lo scolorimento delle feci possono essere segni di una reazione allergica.

Una manifestazione più rara può essere la proctocolite causata dalle proteine ​​alimentari (si sviluppa come allergia alla ricotta, al porridge cotto nel latte di vacca e alle noci), entrambi inclusi negli alimenti complementari e quando questi prodotti vengono utilizzati da una madre che allatta.

Si manifesta con i seguenti sintomi:

  • sanguinamento rettale (raro);
  • la presenza di muco nelle feci;
  • sangue nelle feci.

Video dall'Unione dei pediatri: com'è l'allergia nei bambini del tratto gastrointestinale

Sintomi della pelle

Le manifestazioni cutanee possono essere causate da cibo, allergie da contatto, dermatite atopica e svilupparsi, molto spesso, in due tipi: orticaria e dermatite propria.

Allergia al cibo

Che aspetto ha l'orticaria con le allergie alimentari nei neonati? Questa è un'eruzione rosso-rosa, molto spesso sul viso e sulla pelle delle mani, a volte pruriginosa e in alcuni casi senza prurito, molto spesso non bagnata..

Si sviluppa su amido, banane, agrumi, cioccolato, noci.

Molto meno probabile è un'allergia alle zucchine, al grano saraceno e alle mele, ma è possibile e si manifesta in modo simile..

Le reazioni allergiche alimentari possono verificarsi anche nell'eczema, come nella foto a destra. I suoi sintomi: prurito, gonfiore, croste sulla pelle; forme secche e umide della malattia.

Separatamente, è necessario menzionare le allergie al miele. Si sviluppa sul polline delle piante da cui è composto, ma non sul prodotto stesso, quindi chiamarlo cibo non è del tutto legittimo. Si manifesta con un'eruzione cutanea sul viso, prurito, a volte in combinazione con rinite allergica e congiuntivite..

Nei casi più gravi, possono anche svilupparsi sintomi gastrointestinali, di solito sotto forma di NGH..

Dermatite

La dermatite si manifesta anche come sintomi cutanei. La dermatite atopica è causata da una predisposizione genetica. Le sue esacerbazioni provocano non solo alimenti o allergeni domestici, ma anche i soliti fattori fisici e chimici.

Foto: manifestazione di allergia da contatto al lattice nei neonati (sul cerotto adesivo usato per sigillare l'ernia). Foto di: Amanda Kern

In altre parole, è allergico al freddo, alla luce solare, al fumo di tabacco, a volte anche all'acqua (molto, molto raro).

La dermatite da contatto si sviluppa in risposta al contatto dell'allergene con la pelle. Le sue manifestazioni sono simili a quelle con dermatite atopica e sono:

  • eruzione cutanea;
  • desquamazione della pelle;
  • secchezza;
  • bruciando;
  • screpolatura.

Questi sintomi sono spiacevoli per il bambino, quindi diventa lunatico, irrequieto, in lacrime, può rifiutare di mangiare.

Allergia ai pannolini e ai prodotti chimici domestici

Un'attenzione speciale (come causa comune di una reazione allergica) merita un'allergia ai pannolini. Si manifesta con un'eruzione cutanea sul sacerdote, sulla schiena e sulle gambe, nell'area genitale. Il motivo potrebbe essere, in primo luogo, materiali di scarsa qualità e, in secondo luogo, un gel speciale con il quale è impregnato il pannolino.

Le eruzioni risultanti si presentano così: piccole, fino a 2 mm di diametro, vescicole infiammate piene di liquido spesso prurito.

Manifestazioni di allergie cutanee al detersivo e altra vita. la chimica è diversa: può essere sia orticaria che eczema o dermatite da contatto.

Gli additivi possono causare questa reazione: fosfati, sbiancanti ottici, aromi.

Se usi la normale polvere per lavare i vestiti dei bambini, si verificherà un'allergia in un bambino con una probabilità del 95%, ma anche l'uso della polvere per bambini più ipoallergenica non la riduce a zero.

Allergia al farmaco

Oltre a quanto sopra, le allergie cutanee possono anche causare allergie ai farmaci..

Una caratteristica di questa reazione è la vastità delle manifestazioni..

È importante sapere che con una reazione allergica ai farmaci sono possibili sintomi gravi, fino allo shock anafilattico. Di seguito li imparerai..

Rinite allergica e congiuntivite

Per allergeni come peli di animali, saliva e polvere, si sviluppano generalmente rinite allergica e congiuntivite. Un'allergia al polline si chiama febbre da fieno. Sono caratterizzati da:

Foto: il Dr. Komarovsky scrive che pensa al rapporto "animale a casa - allergie in un bambino" (può essere aumentato)

  • lacrimazione
  • gonfiore delle palpebre;
  • prurito
  • edema congiuntivale;
  • arrossamento degli occhi;
  • fotofobia;
  • rinorrea
  • gola infiammata;
  • starnuti
  • sensazione di pienezza nel rinofaringe (in un bambino si manifesta con ansia e rifiuto di mangiare).

Molte madri sono interessate a come si manifestano allergie a cani e gatti nei neonati. È particolarmente importante per i genitori allergici conoscere queste informazioni..

Alcuni medici ritengono che i bambini che sono stati in contatto con animali da quando sono nati hanno meno probabilità di essere allergici a loro..

Tuttavia, care madri, vale la pena considerare che questa non è una protezione al 100% contro le reazioni allergiche.

Il bambino non può dire da solo ciò che lo disturba, quindi è necessario monitorare attentamente le sue condizioni. Se il bambino si strofina gli occhi, si innaffiano, il bianco degli occhi diventa rosso, ha il naso che cola, una tosse secca, le occhiaie appaiono sotto gli occhi - vale la pena considerare la probabilità di allergie agli animali domestici.

Dovresti ricordare una cosa come una marcia allergica: se la malattia non viene trattata in modo tempestivo, può svilupparsi in forme più gravi fino all'asma bronchiale.

Bambini e allergie agli animali - opinione del Dr. Komarovsky

Dal video qui sotto scoprirai cosa pensa Komarovsky degli animali di casa.

Gravi reazioni sistemiche - rare, ma possibili

Il pericolo è che quando un farmaco (veleno di insetto) entra nel corpo, soprattutto per via parenterale, a causa del flusso continuo dei suoi grandi volumi, non solo dermatite o orticaria, ma può verificarsi l'edema di Quincke o lo shock anafilattico.

Foto: reazione allergica alla penicillina sotto forma di orticaria sul corpo del bambino

Sintomi dell'edema di Quincke:

  • gonfiore delle mucose (occhi, bocca e gola);
  • edema genitale;
  • gonfiore, un po 'di indurimento della pelle del viso;
  • un aumento delle dimensioni di labbra, palpebre, orecchie, lingua;
  • aumento della temperatura corporea;
  • brividi;
  • vomito

I sintomi si sviluppano improvvisamente, entro pochi minuti (molto meno spesso - ore). Se l'edema si diffonde nel cervello, si sviluppano disturbi neurologici: epipressure, paralisi, ecc. Il principale pericolo di questa reazione è l'ostruzione delle vie aeree a causa di edema, asfissia.

Sintomi di shock anafilattico:

  • segni di ansia, paura (pianto);
  • intorpidimento del viso e delle labbra;
  • dolce freddo;
  • Edema di Quincke;
  • orticaria;
  • un attacco di respiro corto, broncospasmo, asfissia;
  • vomito
  • spasmi
  • schiuma dalla bocca;
  • cianosi delle labbra;
  • pallore;
  • perdita di conoscenza.

In caso di questi sintomi, è necessario interrompere immediatamente il contatto con l'allergene, chiamare un'ambulanza e provare a somministrare un antistaminico al bambino (è possibile schiacciare la compressa in polvere "Suprastin", "Tavegil", "Claritin").

Diagnosi differenziale

La diagnosi differenziale è un termine medico che implica:

  1. diagnosi preliminare;
  2. identificazione di malattie simili;
  3. la ragione per cui un particolare paziente ha la presunta malattia, e non un altro.

Tale diagnosi di allergia nei neonati dovrebbe essere effettuata con intolleranza a prodotti, malattie del tratto gastrointestinale (se stiamo parlando di allergie alimentari), calore pungente, malattie della pelle e altre condizioni di emergenza (shock anafilattico - un attacco epilettico, ecc.).

Poiché l'allergia si manifesta nei neonati, abbiamo già descritto sopra. Considera alcune altre malattie.

È impossibile differenziare NGG (ipersensibilità gastrointestinale immediata) e intolleranza ai prodotti a casa. La differenza tra loro può essere rilevata solo con l'aiuto di test di laboratorio: immunoglobuline - le proteine ​​immunitarie sono necessariamente coinvolte nell'NGH, mentre il sistema immunitario non è coinvolto nell'intolleranza.

La proctocolite allergica differisce dalle malattie infiammatorie o infettive dell'intestino in quanto i bambini sembrano completamente sani, aumentano di peso bene. La perdita di sangue con questa patologia è minima, non cambia l'immagine del sangue (anemia), non c'è perdita di peso, disidratazione, nessun dolore. La principale differenza rispetto a tutte le altre malattie dell'apparato digerente nel contatto obbligatorio con un allergene specifico.

Foto: sudorazione sul corpo del bambino

La sudorazione è molto simile a un'allergia, ma quest'ultima si verifica a causa di una cura della pelle impropria o inadeguata nelle pieghe - sul collo, tra i glutei, all'inguine e inoltre non dipende dal contatto con l'allergene.

Lo shock anafilattico e l'edema di Quincke raramente si sviluppano "nel mezzo di una salute completa" nei bambini che non hanno mai sofferto di allergie. Di solito i genitori sono consapevoli del problema e sono pronti a fornire il primo soccorso al bambino. In ogni caso, i sintomi sono vividi e si verificano dopo una prolungata interazione della sostanza che causa la reazione con il corpo del bambino, che si tratti di un'iniezione o di una puntura di insetto.

In un modo o nell'altro, un bambino non dovrebbe essere diagnosticato in modo indipendente. Se sospetti un'allergia (così come qualsiasi altra malattia), devi consultare un pediatra che, dopo aver esaminato, diagnosticherà e fornirà le sue raccomandazioni.

Trattamento di allergia

Il primo punto di trattamento è la cessazione del contatto con l'allergene, sia che si tratti del rifiuto di determinati alimenti, della vita ipoallergenica o di un cambiamento nella marca di cosmetici per bambini.

Il trattamento dei sintomi gastrointestinali consiste in tre punti:

  • l'uso di antistaminici (ad esempio "Suprastin";
  • l'uso di assorbenti (Enterosgel, Polysorb, Smecta);
  • uso di probiotici.

Il trattamento delle manifestazioni cutanee si basa sull'uso di antistaminici, antinfiammatori, emollienti e pomate antipruriginose:

Utilizzo di emollienti (Mustela Stelatopia) per ammorbidire la pelle estremamente secca.

Con dermatite atopica, come prescritto da un medico, è consigliabile utilizzare unguenti a base di glucocorticosteroidi.

La rinite e la congiuntivite sono trattate con gocce o sciroppi per somministrazione orale (ad esempio, il farmaco Zaditen sotto forma di gocce è controindicato nei bambini di età inferiore ai tre anni e lo sciroppo può essere utilizzato da sei mesi).

Queste malattie si manifestano raramente durante l'infanzia, pertanto i farmaci progettati appositamente per questa età sono pochi e il medico dovrebbe selezionarli.

Una cosa è certa: lavare il naso e gli occhi con eventuali rimedi popolari provoca lo sviluppo di un'infezione secondaria e altre gravi complicazioni.

Riassumendo, bisogna dire che ci sono molte manifestazioni di malattie allergiche. E non importa quanto sia dettagliata la loro classificazione su Internet, non sarà in grado di tener conto delle caratteristiche individuali di ciascun bambino.

Per una diagnosi accurata, sono necessari test di laboratorio e un esame obiettivo, che può essere fornito solo da un allergologo o un pediatra.