Intolleranza alle proteine ​​animali o allergia alla carne: opzioni di trattamento efficaci per bambini e adulti

Analisi

Le proteine ​​animali sono una sostanza indispensabile per il corpo umano, sono coinvolte in molti processi della vita. Recentemente, sempre più persone che visitano un allergologo si sono lamentate del rifiuto delle proteine. Tutta colpa del tratto digestivo, immunità indebolita, altri fattori negativi.

Nella maggior parte dei casi, un'allergia si manifesta in un tipo di carne, molto raramente: si forma intolleranza alle proteine ​​animali nel loro insieme. Il processo patologico richiede una grande attenzione al paziente, l'adesione a una dieta speciale, le raccomandazioni di altri medici.

Cause della comparsa di patologia

Il principale fattore negativo nella formazione dell'intolleranza alla carne è la proteina dell'albumina, che fa parte del tessuto muscolare degli animali. La sostanza si dissolve nei liquidi, se esposta a temperature elevate, si coagula rapidamente. L'intolleranza alla gamma globulina è rara (i componenti fanno parte del sangue degli animali). Alcuni pazienti sono allergici a tutti i prodotti a base di carne esistenti, ma spesso si forma intolleranza su un certo tipo di proteine ​​animali.

Un'allergia alla carne si forma sotto l'influenza di fattori negativi:

  • il processo patologico inizia in connessione con le caratteristiche individuali del sistema immunitario umano (ipersensibilità ai composti proteici);
  • la predisposizione genetica svolge spesso un ruolo chiave. Cattive condizioni ambientali nel luogo di residenza influiscono negativamente sul corpo umano;
  • Una varietà di integratori alimentari viene spesso utilizzata per una rapida crescita del bestiame. Le sostanze hanno la capacità di accumularsi nella carne animale, in futuro influenzano negativamente l'uomo. In particolare, tale carne è considerata dannosa per i bambini;
  • In alcuni casi, l'ipersensibilità del paziente si forma sul pelo / forfora di un certo animale, quindi un'alta probabilità di una reazione negativa alla sua carne. Non rinunciare affatto alla carne, prova a usarne un'altra varietà;
  • l'uso di semilavorati. I prodotti includono una certa percentuale di carne, ma i componenti principali sono conservanti, coloranti e altri additivi alimentari che influiscono negativamente sulla salute umana. Salsicce, salsicce non sono raccomandate per essere incluse nella dieta del bambino, ad eccezione dei semilavorati, cucina casalinga.

Ricorda: la causa esatta del disturbo è determinata dal medico, quindi elabora un piano di trattamento. È impossibile eliminare i sintomi spiacevoli da soli. Nella maggior parte dei casi, il paziente ha intolleranza a un tipo di carne. A volte si verifica un'allergia crociata: ad esempio, se c'è un'allergia ai pesci, appare l'intolleranza al pollo (la farina di pesce viene spesso aggiunta al mangime per uccelli); l'ipersensibilità al latte forma intolleranza alla carne bovina.

Leggi informazioni utili sui tipi di allergeni e vedi anche la loro classificazione.

In questo articolo sono riportati i nomi e le regole per l'uso degli sciroppi allergici per bambini..

Pazienti a rischio:

  • le reazioni allergiche sono comuni tra i bambini. Un organismo fragile è facilmente suscettibile agli effetti negativi di sostanze inadeguate. La malattia si trova spesso nei bambini la cui dieta è satura di prodotti a base di carne, in particolare carne affumicata. Il gruppo a rischio comprende bambini i cui genitori hanno iniziato a nutrire troppo presto o hanno fatto il processo sbagliato;
  • persone con predisposizione ereditaria. Nelle famiglie in cui ci sono membri con intolleranza alla carne, i bambini nascono spesso con un disturbo simile;
  • la malattia si manifesta spesso durante l'infanzia, raramente negli adulti. Il processo è associato al consumo di grandi quantità di proteine, l'assunzione regolare di carne contribuisce all'inizio della produzione di anticorpi contro le proteine. Ricorda, la carne dovrebbe essere il 15% della dieta, superare questa cifra porta a processi patologici, tra cui le allergie.

Sintomatologia

L'allergia alla carne si sviluppa in due direzioni: in forma lenta e acuta, come tutte le altre patologie alimentari.

Il quadro clinico della malattia è diviso in diversi gruppi:

  • problemi nel tratto gastrointestinale. Un'allergia alla carne è accompagnata da aumento della flatulenza, nausea e vomito. Si notano feci liquide, dolori addominali. I sintomi negativi compaiono mezz'ora dopo aver mangiato un allergene. Nel tempo, al paziente viene diagnosticata l'ipovitaminosi, che è associata a scarsa digeribilità dei nutrienti dagli alimenti;
  • manifestazioni cutanee. Il corpo del paziente è coperto da un'eruzione allergica di vari colori e forme. Le aree danneggiate dell'epidermide spesso prurono, sensazione di bruciore. Ci sono gonfiore, orticaria, sensazione di bruciore nella cavità orale;
  • sistema respiratorio. La malattia provoca broncospasmo del paziente, che è accompagnato da raucedine, rinite allergica, soffocamento. In alcuni casi, c'è l'edema di Quincke, shock anafilattico. La condizione patologica richiede cure mediche immediate;
  • patologie cardiovascolari si verificano raramente, sono annotate in casi gravi. La vittima abbassa bruscamente la pressione sanguigna, appare l'aritmia, spesso il paziente si lamenta di mal di testa, vertigini.

Allergia alla carne nei bambini

La patologia è spesso nota nei bambini di età primaria e prescolare. Con lo sviluppo precoce della malattia, circa l'80% dei pazienti guarisce completamente entro 8-10 anni. Nei neonati, si forma un'allergia sullo sfondo del consumo eccessivo di carne da parte della madre, le proteine ​​animali in grandi quantità entrano nel bambino attraverso il latte materno.

In questo caso, una donna dovrebbe aderire a una dieta vegetale, evitare di mangiare uova, pesce, latte, altri alimenti proteici.

L'allergia alle proteine ​​animali nei bambini si manifesta con sintomi spiacevoli:

  • diatesi, comparsa di orticaria;
  • gonfiore, eruttazione, feci molli, perdita di appetito;
  • il bambino è tormentato da una tosse allergica parossistica, un forte aumento della temperatura, uno stato d'animo senza causa.

Diagnostica

Se compaiono i primi segni di una reazione allergica, consultare un medico. La diagnosi precoce della patologia aumenta le possibilità di sbarazzarsi degli effetti negativi dell'allergene sul corpo, riduce la probabilità di complicanze. La diagnosi dipende dal quadro clinico, dai risultati dei test (studio del sangue del paziente, test di allergia cutanea).

Trattamenti efficaci per la malattia

È possibile eliminare efficacemente le manifestazioni di un'allergia alla carne eliminando l'allergene dalla dieta. Alcuni pazienti preferiscono il vegetarianismo, rifiutando completamente di mangiare carne. Altri cercano di passare a un altro tipo di carne, rifiutando le proteine ​​intollerabili.

Norme dietetiche e nutrizionali speciali

I medici raccomandano una dieta ipoallergenica, includendo solo cibi adeguati nella dieta, eliminando cibi potenzialmente pericolosi.

Gli alimenti vietati includono:

  • salsicce, salsicce, altri semilavorati;
  • carne in scatola;
  • tipi di carne che causano reazioni allergiche. In alcuni casi, al paziente è severamente vietato consumare qualsiasi proteina animale;
  • uova di pesce;
  • frattaglie, latte di vacca.

Nell'elenco degli alimenti consentiti, i nutrizionisti aggiungono:

  • ceci, soia, fagioli;
  • funghi, alcuni tipi di noci (con grande cura);
  • spinaci, cavoli;
  • piselli, fagioli, cereali germogliati;
  • lenticchie, grano saraceno.

A seconda delle caratteristiche individuali del paziente, del decorso della malattia, il medico curante può adattare l'elenco dei prodotti consentiti / vietati. Seguire una dieta prescritta da un medico, la violazione delle regole porta allo sviluppo di allergie. Una seconda reazione minaccia gravi conseguenze per la salute del paziente, persino la morte.

Terapia farmacologica

Un'allergia alla carne non viene trattata con farmaci, i farmaci vengono utilizzati per fermare i sintomi che si sono manifestati dopo aver mangiato un allergene:

  • antistaminici. I farmaci hanno lo scopo di ridurre la sensibilità all'istamina, riducendo i sintomi spiacevoli. Le medicine hanno un effetto cumulativo, le droghe di prima generazione hanno molte controindicazioni, effetti collaterali. È preferibile usare farmaci antiallergici di 2, 3 generazioni (Telfast, Erius e altri);
  • le manifestazioni della pelle vengono neutralizzate con l'aiuto di unguenti per allergie (Sinaflan, Lokoid);
  • Situazioni gravi richiedono l'uso di corticosteroidi (prednisone, idrocortisone). Ricorda: le droghe potenti sono vietate per l'uso a casa, non è consentito dare ai bambini;
  • immunoterapia. È un nuovo metodo nel trattamento delle allergie alla carne, spesso usato nei bambini. La terapia include il supporto immunitario, un aumento della resistenza a vari allergeni..

I rimedi popolari (decotti di erbe medicinali, una soluzione debole di mumiyo, altri farmaci) sono usati raramente, sono considerati ausiliari nel trattamento dell'intolleranza alla carne..

Può esserci un'allergia alle cipolle e come trattare la malattia? Abbiamo una risposta!

Leggi come usare le erbe allergiche per bambini e adulti a questo indirizzo..

Segui il link http://allergiinet.com/zabolevaniya/generalizovannaja-krapivnitsa.html e scopri cos'è l'orticaria generalizzata e come trattare la patologia.

Raccomandazioni preventive

Qualsiasi patologia è più facile da prevenire che cercare di affrontarla, l'intolleranza alle proteine ​​animali non fa eccezione.

Le raccomandazioni preventive includono:

  • durante la cottura, scaricare l'acqua due volte (quindi, ridurrete la quantità di sostanze chimiche, antibiotici che potrebbero far parte della carne). Per i bambini, la manipolazione dovrebbe essere obbligatoria. Un sistema immunitario debole spesso reagisce bruscamente all'assunzione di varie sostanze nel corpo, i genitori dovrebbero cercare di prevenire le allergie con tutti i mezzi;
  • la maggior parte degli allergologi insiste sull'impossibilità di abbandonare completamente i prodotti a base di carne. La carne contiene aminoacidi, che sono importanti per lo sviluppo del bambino, la vita del corpo umano nel suo insieme. Sii vigile, consuma proteine ​​in piccole quantità, cambiando regolarmente la dieta (non puoi sempre mangiare solo pollo, cucinare piatti a base di coniglio, tacchino, manzo, maiale);
  • prova a mangiare solo carne naturale. Puoi acquistare prodotti in agricoltura, la maggior parte dei supermercati tratta prodotti a base di carne, aggiungendo un gran numero di composti chimici.

Come è un'allergia alle proteine ​​in un bambino e come trattarla

Ciao cari lettori. In questo articolo prenderemo in considerazione un altro tipo di allergia, ovvero la reazione alle proteine. Imparerai quali tipi di questa malattia si verificano, quali sintomi sono accompagnati, quali cause e come viene diagnosticata. Considereremo i metodi di trattamento, nonché l'alimentazione dietetica e le misure preventive..

Brevemente sulle proteine

È una sostanza organica ad alto peso molecolare. È costituito da aminoacidi che sono divisi in intercambiabili e insostituibili. Questi ultimi non sono sintetizzati nel corpo umano e devono essere ottenuti dall'esterno. I più preziosi sono: leucina, valina e isoleucina.

Le proteine ​​svolgono molte importanti funzioni nel corpo umano:

  • costruzione;
  • trasporto;
  • protettivo;
  • regolamentare;
  • segnalazione;
  • il motore;
  • energia;
  • calza;
  • catalitico.

Dovresti sapere che ci sono proteine ​​animali e vegetali. C'è anche una differenza nella digeribilità, rispettivamente veloce e lenta, nella composizione degli amminoacidi - pieno e inferiore, distingue tra solubile e insolubile, semplice (proteine) e complesso (proteine).

È importante che gli alimenti contenenti proteine ​​costituiscano circa il 16% della dieta di un bambino.

Aumenta la necessità di proteine:

  • nei momenti di malattia;
  • nella stagione fredda;
  • con grave stress;
  • durante le competizioni sportive.

Tipi di allergie

Distinguere tra tali opzioni per le reazioni allergiche ai prodotti proteici:

  1. Allergia alle proteine ​​presenti nel latte. La caseina spesso influisce negativamente sulla salute dei bambini con immunità indebolita o sottosviluppo del sistema enzimatico, è scarsamente assorbita e provoca la risposta immunitaria del corpo.
  2. Allergia alle proteine ​​dell'uovo. Ciò che è caratteristico, si verifica più spesso sul pollo, le uova di quaglia sono considerate ipoallergeniche e praticamente non provocano una reazione allergica. I sintomi primari con questo tipo di allergia compaiono durante il primo giorno e rimarranno fino a quando questo prodotto non sarà completamente escluso dalla dieta del bambino. Va tenuto presente che la reazione del corpo apparirà non solo quando si mangiano direttamente le proteine, ma anche se il bambino mangia biscotti, torte o salse, che includono.
  3. Allergia alle proteine ​​di pesce e ai frutti di mare. Sono particolarmente comuni negli insediamenti in cui è predominante l'uso di tali prodotti. Di norma, il motivo principale è una predisposizione ereditaria. Tale allergia può essere rilevata nella prima infanzia. Se non c'è predisposizione, le reazioni allergiche possono svilupparsi sullo sfondo di una sovrabbondanza di prodotti ittici nella dieta del bambino, cioè a causa dell'effetto multiplo.
  4. Allergia alle proteine ​​della carne. Spesso trovato insieme alle allergie al latte. Nell'infanzia, il corpo può reagire bruscamente al manzo o al vitello. In questo caso, è necessario rimuoverli dalla dieta del bambino e talvolta eliminare completamente i piatti di carne prima dell'età di uno..
  5. Allergia alle noci. Non ha limiti di età, è incurabile. Ciò che è caratteristico, anche con concentrazioni molto basse di questo prodotto negli alimenti consumati, un bambino può iniziare ad avere una grave allergia. Le più aggressive sono le arachidi, seguite da mandorle e noci..

Puoi leggere di allergie alimentari e altri tipi:

Le ragioni

Esistono numerosi fattori che aumentano il rischio di allergie:

  1. Predisposizione ereditaria.
  2. Imperfezione del sistema enzimatico, mancanza di lattasi.
  3. L'uso di una donna che allatta, prodotti allergici.
  4. La dermatite atopica aumenta la probabilità di una reazione allergica, comprese le proteine.

Segni principali

Quando i genitori considerano la domanda "allergia alle proteine ​​in un bambino, sintomi delle sue manifestazioni", la risposta è: a seconda del tipo di proteina che si verifica una reazione, i segni specifici possono differire.

Se consideriamo le arachidi dell'infanzia, allora, ad esempio, si manifesta una reazione atipica alle proteine ​​del latte:

I segni comuni sono:

  1. Edema.
  2. Iperemia della pelle.
  3. Eruzioni cutanee. La presenza di un'eruzione cutanea nelle pieghe della pelle è caratteristica, che confonde le giovani madri e prendono allergie per dermatite da pannolino.
  4. La comparsa di croste di latte sulla testa di un bambino (sotto i capelli).
  5. Forte prurito.
  6. Fiato corto.
  7. Nausea, attacchi di vomito.
  8. Poiché l'allergene entra nel corpo con il cibo, in quasi tutti i casi, le manifestazioni allergiche, in un modo o nell'altro, influenzano il tratto digestivo, si verificano sintomi caratteristici:
  • colica
  • flatulenza;
  • costipazione, alternata a diarrea;
  • perdita di appetito o sua completa assenza.
  1. Nei bambini di età superiore a un anno si osservano anche manifestazioni sulla mucosa. Può essere presente:
  • rinorrea
  • congestione nasale;
  • congiuntivite;
  • asma bronchiale.

I genitori dovrebbero essere consapevoli del fatto che quando si verificano allergie, si può osservare anche solo uno dei suddetti sintomi, ma anche casi in cui l'intero complesso.

Diagnostica

  1. Prima di tutto, il pediatra rivelerà che il bambino è allergico e non un'altra malattia. Successivamente, ti reindirizza a un allergologo.
  2. Ora l'attività dello specialista è stabilire cosa ha causato esattamente la reazione atipica nel corpo. Il medico esaminerà il bambino, raccoglierà i reclami, farà un quadro clinico generale. Sulla base dei risultati delle sue osservazioni, l'allergologo suggerirà un possibile allergene.

Per facilitare la diagnosi del medico, si raccomanda alle giovani madri di introdurre gradualmente e a loro volta nuovi prodotti nella loro dieta o in alimenti complementari per un bambino in allattamento in modo che possano descrivere le loro osservazioni e stabilire come il corpo del bambino risponde ai cambiamenti nella nutrizione.

  1. Esame del sangue per immunoglobuline. Questo studio rivelerà il livello di immunoglobuline E.
  2. Test cutanei. Tuttavia, vale la pena considerare che questo studio è efficace nei casi cronici di reazioni allergiche. Inoltre, questo metodo non è raccomandato per i bambini fino a tre anni. Lo studio viene condotto per via sottocutanea, mantenendo la proteina e registrando la reazione osservata nelle successive tre ore.

Allergia nei neonati

L'allergia al latte è la reazione negativa più comune alle proteine ​​consumate in questa categoria di età. Il bambino ha:

  • eruzione cutanea;
  • arrossamento;
  • forte prurito;
  • sputi frequenti, soprattutto dopo aver mangiato;
  • il vomito è possibile;
  • diarrea.

Nella maggior parte dei casi, è sufficiente escludere le proteine ​​del latte dalla dieta del bambino, in modo da migliorare lo stato di salute. Il corpo del bambino reagisce alle proteine ​​del latte in questo modo a causa dell'imperfezione del sistema enzimatico e della flora intestinale non completamente formata.

Il modo migliore per impedire a un bambino di sviluppare un'allergia, comprese le proteine ​​del latte, è l'allattamento al seno. Tuttavia, è importante che la donna che allatta sia attenta ai cibi utilizzati. Mamma, il più a lungo possibile, dovrebbe nutrire il bambino in modo naturale e non andare alla miscela. Se la situazione è tale che non puoi fare a meno del tipo artificiale di alimentazione, prenditi cura dell'acquisto di miscele ipoallergeniche. Inoltre ora puoi acquistare un prodotto idrolizzato. In esso, la proteina è già suddivisa in aminoacidi, quindi nel corpo del bambino non ci saranno difficoltà con il suo assorbimento.

Metodi di trattamento

La base del corso del trattamento è la dieta. Dovresti essere consapevole che l'arachide può avere una reazione negativa solo alle proteine ​​del latte vaccino ed essere assente dalle proteine ​​del pollo, o completa, a qualsiasi tipo di prodotto contenente proteine ​​animali.

Trattamento farmacologico

  1. Ricezione di enterosorbenti. Enterosgel è molto popolare. Questo farmaco consente di resistere all'antigene e rimuoverlo dall'intestino, prevenendo l'influenza delle proteine ​​sulle cellule immunitarie.
  2. Antistaminici, ad esempio gocce di Suprastin o Fenistil, Zyrtec.
  3. Unguenti per uso esterno per alleviare manifestazioni esterne di allergie. Possono presentarsi rappresentanti di creme e gel non ormonali, ad esempio Skin-cap, Lacry o Elidel. Va tenuto presente che gli unguenti ormonali sono controindicati per l'uso nei bambini. Se il bambino ha una grave allergia, il medico sarà costretto a prescrivere un tale farmaco, tuttavia, assicurarsi che venga utilizzata una crema per bambini con esso.

Dieta

Quando si verificano allergie, è importante attenersi a regole speciali nella dieta e nella dieta del bambino. Se una donna sta ancora allattando al seno, deve assicurarsi che gli allergeni non possano entrare nel corpo del bambino con il latte materno.

Se un bambino è allergico alle proteine, la dieta di sua madre dovrebbe includere quanto segue:

  • cereali (avena, riso, grano saraceno, orzo perlato);
  • carne magra, come la carne di coniglio, anche carne di maiale magra;
  • latticini;
  • frutta e verdura al forno;
  • qualsiasi olio;
  • composta di frutta secca.

Quando la mamma vede che il sistema digestivo del bambino ha iniziato a far fronte, sarà in grado di espandere gradualmente la sua dieta. Tuttavia, non è necessario introdurre tutti i prodotti contemporaneamente e utilizzarli esclusivamente in piccole porzioni.

La mamma dovrebbe essere preparata per il fatto che per il periodo dell'allattamento al seno dovrà limitare o escludere completamente tali prodotti:

  • latte intero;
  • cioccolato, in particolare latte;
  • uova di gallina;
  • salsicce, specialmente affumicate;
  • Frutti esotici;
  • piatti d'oltremare;
  • noccioline
  • agrume.

Inoltre, la madre dovrebbe provare a mangiare solo piatti freschi e cucinati con le proprie mani. L'uso di cibi pronti non è raccomandato. Devi dimenticare i fast food fino a quando il bambino inizia a mangiare da solo, senza la partecipazione del latte materno.

Caratteristiche nutrizionali per chi soffre di allergie

Se alle arachidi viene diagnosticata un'allergia assoluta alle proteine, è necessario limitare la sua dieta a partire da quali prodotti:

  • quando si prepara il porridge, il latte di mucca, utilizzare miscele ipoallergeniche a base di latte di soia;
  • uova di gallina, in quanto l'albume è altamente allergenico;
  • prodotti a base di carne; puoi iniziare a dare un po 'dopo aver raggiunto un anno di età;
  • semolino. Stranamente, può anche provocare lo sviluppo di allergie, contiene proteine ​​vegetali, che spesso causano effetti collaterali.

Nutrire i bambini

Nella maggior parte dei casi, le allergie si verificano nei bambini che seguono un'alimentazione mista o artificiale. I genitori dovrebbero sapere che se sei allergico alle proteine ​​del latte, può essere sostituito con prodotti lattiero-caseari o miscele idrolizzate. Se il bambino reagisce in modo specifico al latte vaccino, sostituiscilo con latte di capra o usa latte artificiale ipoallergenico. Quindi puoi venire in soccorso:

Se il bambino è complementare, assicurati che i nuovi alimenti non compaiano nella sua dieta fino a quando i segni di una reazione allergica scompaiono completamente.

Prevenzione

  1. Le attività primarie devono essere svolte prima della nascita del bambino. È molto importante che durante il periodo di sviluppo fetale, la madre non consumi cibi che possono provocare un'allergia. Inoltre, quando una donna ha costantemente lo stesso cibo nella sua dieta, ciò può provocare la comparsa di un'allergia acquisita e influire negativamente sul bambino.
  2. È importante che la mamma segua una dieta ipoallergenica se sta allattando.
  3. Non è consigliabile introdurre un bambino incline alle allergie agli alimenti complementari insieme ai suoi coetanei. Si consiglia di rimandare questa innovazione..
  4. Se il bambino ha una predisposizione all'allergia all'albume, all'acquisto di biscotti o dolci nel negozio, assicurati di studiare la composizione del prodotto.
  5. Se il tuo bambino ha del cibo fuori casa, all'asilo oa scuola, assicurati di informarlo della sua tendenza alle allergie..
  6. Quando vengono vaccinati con un'arachide - un soggetto allergico, studia attentamente la composizione del vaccino, può contenere sostanze biologicamente attive che sono proibite per te.

L'allergia alle proteine ​​può verificarsi sia nella prima infanzia che in un adulto che non ha precedentemente sofferto di un disturbo simile. Il compito dei genitori: adottare tutte le misure che riducono il rischio di una reazione atipica a un allergene. Se il tuo bambino ha già una storia di allergie, è meglio non rischiare di assumere cibi aggressivi. Ricorda, un'allergia alle proteine ​​non è una frase, il tuo bambino sarà in grado di vivere e mangiare completamente normalmente, se segui regole speciali.

Allergia alle proteine ​​animali

Da aprile, siamo stati tormentati dalla diatesi sulle guance e sulle gambe. L'allergologo ha escluso tutto ciò che è luminoso (carote, zucche, pomodori, fragole, ecc.) In estate, ci siamo seduti esclusivamente su verdure dell'orto, coniglio domestico e latte di capra. La diatesi non si è ancora ritirata. Davantant periodicamente passava, ma poi i fuochi balenarono di nuovo. Arrivati ​​a casa a settembre, siamo andati di nuovo dall'allergologo mentre cercavamo di prescrivere di nuovo i prossimi farmaci che non hanno mai aiutato da aprile, ho insistito per un esame del sangue da una vena per scoprire l'allergene. Il bambino ha 1 anno e 9 mesi. La donazione di sangue da una vena è stata molto, molto difficile per il bambino e per me.

E due giorni fa è arrivato il nostro esame del sangue. Allergene... ta da da da dam... proteine ​​animali, ad es. latte di mucca e capra e tutti i prodotti che li contengono almeno in alcune parti.

Certo, all'inizio ero arrabbiato, ma dopo aver letto articoli su Internet, il lavoro scientifico dei dottori su questo argomento si è calmato. L'allergia scompare di 3-6 anni, quando iniziano a produrre abbastanza enzimi per digerire le proteine ​​animali. Nel frattempo, sostituiscilo con proteine ​​vegetali.

Il giorno dopo, ho iniziato a girare per mini e ipermercati alla ricerca di prodotti a base di soia. Era disponibile solo bevanda o latte di soia. Negozi su Internet che escludo.

Cari lettori di questo post, se siete vegetariani o voi oi vostri parenti stretti, bambini, siete allergici alle proteine ​​animali e mangiate prodotti a base di soia, ditemi dove li trovate. E come diversificare il menu del bambino sul latte di soia?

Allergia alle proteine ​​animali

L'allergia alle proteine ​​animali si verifica a causa di malfunzionamenti nel sistema immunitario. Tale patologia è stata a lungo considerata una rarità. Gli allergeni proteici possono scatenare una varietà di reazioni, dalla cattiva salute alle eruzioni cutanee..

I medici affermano che negli ultimi anni il problema è diventato molto più comune di prima. La causa esatta di questo fenomeno è ancora sconosciuta. Forse questo è dovuto all'ecologia avversa o al funzionamento alterato del tratto digestivo.

Meccanismo di occorrenza

Il principale fattore negativo è la proteina dell'albumina presente negli animali nei muscoli. Una reazione allergica si sviluppa a causa della sensibilizzazione del corpo alle molecole proteiche. L'immunità include la protezione per la produzione di antigeni e altre sostanze. Di conseguenza, le allergie si verificano in varie manifestazioni..

Ciò che contribuisce

Gli esperti ritengono che la comparsa di tale patologia possa essere innescata da alcuni fattori negativi. Ecco un elenco di loro:

  1. Eredità.
  2. Condizioni ambientali avverse.
  3. Ipersensibilità ai composti proteici.
  4. Utilizzando una varietà di integratori alimentari per l'allevamento del bestiame. Hanno un effetto estremamente negativo sulla salute umana..

A quali alimenti stanno reagendo

Le proteine ​​aliene si trovano nei seguenti alimenti:

Non è necessario che una persona abbia intolleranza a tutti i prodotti di cui sopra. Di norma, si forma una reazione negativa su un tipo di proteina.

I gamberetti e i pesci di mare sono considerati uno dei più potenti allergeni. La prima è la sostanza ─ tropomiosina. Ha la capacità di persistere anche in un ambiente acquatico. Le proteine ​​contenute nei pesci non vengono distrutte anche dopo un trattamento termico prolungato.

La reazione può verificarsi a causa della vaccinazione, poiché anche le proteine ​​animali sono presenti nei vaccini. Il motivo è che vengono coltivati ​​su embrioni di pollo..

Sintomi

Un'allergia alle proteine ​​animali è simile alla manifestazione di qualsiasi altra malattia allergica. Può essere accompagnato da una serie di segni caratteristici. Eccone alcuni tipici:

  • arrossamento e secchezza della pelle;
  • peeling;
  • elementi avventati;
  • prurito
  • respiro affannoso;
  • tosse;
  • abbondante secrezione mucosa dal naso;
  • dolore nell'epigastrio;
  • flatulenza;
  • nausea;
  • problemi alle feci
  • congiuntivite;
  • gonfiore delle palpebre;
  • lacerazione;
  • sensazione di sabbia o di corpi estranei negli occhi;
  • angioedema;
  • shock anafilattico.
Sintomi di allergia alle proteine ​​animali negli adulti

Negli adulti, un'allergia alle proteine ​​animali è in alcuni casi accompagnata da sintomi insoliti. Tra loro:

  • pressione sanguigna instabile;
  • anemia;
  • mal di testa;
  • sangue dal naso;
  • disturbi del sonno;
  • gonfiore delle articolazioni, compromissione della funzione motoria;
  • ritenzione urinaria;
  • piccola eruzione cutanea, emorragia sottocutanea.

Trattamento

La terapia mira principalmente a ridurre l'incidenza delle recidive e la loro gravità. Prima che il medico prescriva un regime di trattamento, è necessario condurre una diagnosi di alta qualità ed esaminare il paziente.

Affinché il corpo funzioni normalmente, dovrebbe essere introdotta una dieta speciale. È indispensabile escludere allergeni e prodotti che causano una reazione allergica crociata. È anche importante identificare gli alimenti che sono stati approvati per l'uso. Ad esempio, se c'è un'allergia alle uova, una persona può avere una reazione solo alle proteine, mentre il tuorlo non provoca cambiamenti negativi. Quindi, puoi mangiarlo soggetto a un'attenta separazione.

È obbligatorio escludere:

  • prodotti semi-finiti;
  • salsicce e salsicce;
  • frattaglie;
  • carne in scatola.

Il medico curante tiene sempre conto della gravità della malattia e delle caratteristiche individuali di ciascun paziente. A seconda di ciò, regola il menu.

Per eliminare i sintomi, vengono prescritti sorbenti (Enterosgel). Rimuovono gli allergeni dall'intestino e ripristinano la normale microflora.

Per rimuovere i sintomi delle allergie, i medici raccomandano farmaci con un effetto antistaminico (Claritin, Erius, Zirtek e altri). La loro azione è volta a ridurre la sensibilità all'istamina. È meglio dare la preferenza ai farmaci di seconda o terza generazione. Quest'ultimo è prodotto sia in forma di compresse che in forma liquida (gocce). I medicinali di prima generazione hanno molti effetti collaterali e controindicazioni.

  • I segni di asma bronchiale vengono fermati con successo dai broncodilatatori. Aiutano a migliorare la funzione di drenaggio dei bronchi.
  • Le manifestazioni cutanee possono essere neutralizzate con mezzi esterni (unguenti Lokoid, Advantan, Sinaflan).
  • Gocce nasali vasocostrittive o spray aiuteranno ad eliminare la congestione nasale (Xylometazoline, Nazivin).
  • Quando si verifica una reazione allergica in forma grave, sono ammessi agenti ormonali.
  • L'immunoterapia dà un buon risultato. Rafforzando l'immunità, è possibile aumentare l'immunità del corpo agli allergeni. Questa è una tecnica collaudata ed efficace utilizzata per trattare le malattie allergiche..

Metodi popolari

La medicina tradizionale viene utilizzata solo per le allergie cutanee. Si raccomandano bagni medicinali con decotti di erbe. Per questi scopi sono adatti corteccia di quercia, valeriana, celidonia, spago e ortica. Un bicchiere di materiale vegetale dovrebbe essere preso per cinque litri di acqua. La durata media della procedura è di 20 minuti.

Allergia alle proteine ​​nei bambini

Secondo le statistiche, i bambini sono spesso allergici ai prodotti lattiero-caseari. Non è possibile curare una tale patologia. Il problema è risolto dalla dieta. È necessario eliminare completamente l'allergene dalla dieta del bambino o di sua madre, se sta allattando. Per i bambini allattati al seno, esiste anche un modo: miscele senza lattosio sviluppate.

Sintomi tipici di intolleranza:

  • tosse persistente;
  • comportamento capriccioso;
  • scarso appetito o mancanza di ciò;
  • gonfiore;
  • diarrea;
  • orticaria;
  • dermatite da pannolino;
  • crosta seborroica;
  • diatesi.
Sintomi di allergia alle proteine ​​animali nei bambini

Ai primi segni di patologia, è necessario contattare un pediatra per scoprire la causa ed eliminare la malattia. Prima lo fai, più facile sarà affrontare il problema. Gli allergeni non hanno il tempo di avere un pronunciato effetto negativo sul corpo. Altrimenti, c'è il rischio di complicazioni..

Prevenzione

L'intolleranza alle proteine ​​animali è molto più facile da prevenire che da trattare in seguito. Consigli di prevenzione:

  1. Mangiare solo carne e pesce naturali. È meglio acquistare prodotti da agricoltori e pescatori fidati. Ciò che viene venduto nei supermercati è solitamente pieno di additivi..
  2. Scolare l'acqua durante la cottura della carne due volte.
  3. Mangiare carne e pesce in quantità limitata.

La prevenzione dell'allergia alle proteine ​​animali nei bambini comprende le seguenti misure:

  • Dieta sana della mamma durante la gravidanza
  • cerca di introdurre il composto il più tardi possibile, privilegiando l'alimentazione naturale;
  • non alimentare eccessivamente il bambino.

Se una persona ha una predisposizione alle allergie alimentari, allora deve prestare particolare attenzione alla sua dieta e seguire le raccomandazioni dei medici. Tutti i prodotti acquistati devono essere attentamente esaminati per una composizione adeguata..

Danno alle proteine ​​animali

Ricette Di Cucina Sana

L'articolo parla degli effetti dannosi delle proteine ​​animali derivanti dallo sviluppo di allergie. Sono descritte le cause e le possibili conseguenze di tali reazioni corporee..

Danno alle proteine ​​animali

Le proteine ​​animali sono scarsamente assorbite dal corpo umano, essendo considerate una sostanza estranea ad esso. A causa dell'uso costante di prodotti contenenti tale proteina, possono svilupparsi segni allergici del suo rifiuto. L'allergia alle proteine ​​negli ultimi decenni è stata diffusa e questo indicatore sta crescendo con una velocità allarmante. Ciò significa che le proteine ​​che fanno parte del latte, della carne e di altri prodotti di origine animale acquisiscono lo stato di un chiaro allergene.

Come funzionano le proteine?

Un eccesso di qualsiasi proteina influisce negativamente sul tratto digestivo. Viene digerito piuttosto lentamente e può accumularsi se presente ad ogni pasto. Le proteine ​​animali vengono assorbite ancora più duramente, quindi i processi di fermentazione e putrefattivi nell'intestino si verificano spesso sullo sfondo del suo surplus.

L'acidità di questa proteina è molto alta. Pertanto, con un uso costante, l'equilibrio acido-base inizia a essere disturbato. L'acidità aumentata interferisce con il corretto funzionamento delle cellule, il che porta a tentativi da parte del corpo di ripristinare l'equilibrio da solo. Ciò accade attraverso il ritiro di minerali e sali, con conseguente esaurimento delle riserve di calcio e questo porta a una violazione del tessuto osseo.

Un allarme è anche causato dalla coltivazione industriale di animali il cui mangime contiene una grande quantità di ormoni e antibiotici. Queste sostanze si accumulano ed entrano nel corpo umano insieme al cibo, distruggendo la benefica microflora intestinale..

Inoltre, aumenta il colesterolo, che influenza immediatamente lo stato dei vasi sanguigni e l'attività cardiaca. Aumenta il carico sul fegato, che non può far fronte a così tante tossine e c'è un avvelenamento generale del corpo. Ciò può provocare gravi reazioni allergiche che si sviluppano in malattie croniche..

Cause e conseguenze

Le reazioni allergiche compaiono a causa di un malfunzionamento del sistema immunitario, che è responsabile della distruzione di sostanze nocive che entrano nel corpo. Le proteine ​​animali sono proteine ​​estranee. Le sue fonti principali:

  • carne;
  • Pesce e frutti di mare;
  • latte e prodotti lattiero-caseari;
  • le uova.

Per l'assimilazione qualitativa di tale proteina, il corpo umano non ha gli enzimi necessari. Pertanto, il meccanismo protettivo del sistema immunitario inizia a produrre composti chimici che causano una reazione caratteristica.

Segni di un'allergia

Le reazioni allergiche alle proteine ​​sono accompagnate da varie manifestazioni di malattie della pelle. I bambini sono ad aumentato rischio. Hanno diverse forme di dermatite con focolai nelle pieghe della pelle. Nei neonati appare spesso un'eruzione da pannolino, che cercano di neutralizzare con l'aiuto di creme o polveri speciali. Tali metodi sono inutili e se la causa dell'allergia non viene eliminata, le aree interessate sono coperte da una crosta seborroica..

Oltre alle malattie della pelle, gli adulti sviluppano rinite allergica, tosse e respiro corto, che si sviluppa in asma..

Le forme patologiche possono causare complicazioni agli organi della vista, colpendo la mucosa dell'occhio, che minaccia la comparsa di:

  • arrossamento e prurito;
  • congiuntivite;
  • gonfiore delle palpebre;
  • lacerazione;
  • sensazione di corpo estraneo negli occhi.

Una grave forma di allergia si esprime in un danno alle pareti dei vasi sanguigni. Il corpo è coperto da una piccola eruzione cutanea, che è caratterizzata da lividi. Questa reazione si manifesta un giorno dopo aver ottenuto un allergene pericoloso.

Le forme pericolose di sviluppo della malattia includono:

  • guasti nel funzionamento del sistema cardiovascolare, picchi di pressione regolari;
  • problemi articolari accompagnati da gonfiore e dolore durante il movimento;
  • disturbi del sistema nervoso con disturbi del sonno e mal di testa persistente;
  • problemi con la minzione;
  • anemia.

Attenzione! Secondo i dati ufficiali degli immunologi, un'allergia che si verifica sullo sfondo dell'intolleranza alle proteine ​​animali si sviluppa in forme gravi e spesso causa la morte.

Risposta alle proteine ​​del latte vaccino

I sintomi più tipici che si verificano quando si verifica un'allergia al latte e ai prodotti lattiero-caseari sono caratterizzati da diarrea prolungata con formazioni di proteine ​​plasmatiche nelle feci. In questo contesto, può svilupparsi anemia sideropenica associata a perdita cronica di sangue attraverso l'intestino..

Proteine ​​nella carne

L'intolleranza alle proteine ​​animali è l'albumina, una sostanza che fa parte del tessuto muscolare degli animali. Ci sono casi in cui le allergie sono causate dalle globuline che compongono il sangue. Questa reazione corporea si forma sotto l'influenza di numerosi fattori chiave..

  1. Predisposizione genetica umana.
  2. Cattiva ecologia, che influisce negativamente sul sistema immunitario, indebolendo la funzione protettiva.
  3. Intolleranza individuale ai prodotti proteici.
  4. L'uso di additivi alimentari dannosi nei mangimi, che non muoiono durante il trattamento termico dei prodotti. Quando mangiano, secernono le tossine epatiche..
  5. Ipersensibilità ai peli di animali, la cui percentuale è nei prodotti.
  6. Mangiare cibi pronti. I prodotti a base di carne, come salsicce e salsicce, contengono solo una piccola parte di carne. Il resto è costituito da conservanti, esaltatori di sapidità e altre sostanze chimiche che influiscono negativamente sul corpo..

Attenzione! La reazione può verificarsi a causa della vaccinazione, poiché anche le proteine ​​animali sono presenti nei vaccini. Il motivo è che vengono coltivati ​​su embrioni di pollo..

La terapia, in caso di sintomi della malattia, dovrebbe mirare principalmente all'identificazione dell'allergene. Gli alimenti contenenti proteine ​​pericolose dovrebbero essere completamente esclusi dalla dieta. Questo è un prerequisito per un trattamento efficace. È estremamente importante monitorare il corretto equilibrio delle proteine ​​nel corpo, basandosi sugli alimenti vegetali come fonte principale di un elemento prezioso. Ciò contribuirà ad arricchire il corpo con le proteine ​​necessarie facilmente digeribili, che forniranno una pelle bella, capelli folti e sani, unghie forti..

Escludere dalla dieta tutto ciò che riguarda gli animali ed essere in buona salute!

Allergia e tutto ciò che riguarda

Le proteine ​​contenute in prodotti di origine animale, sono necessarie per l'uomo per il corretto funzionamento del corpo. Una dieta quotidiana dovrebbe includere almeno il 15% di alimenti proteici. Tuttavia, un'allergia alle proteine ​​del latte vaccino è recentemente diventata un problema sempre più comune e una tale reazione si verifica in ogni decimo abitante del pianeta.

A causa dell'intolleranza allergica agli alimenti proteici può essere non solo la sensibilità individuale del corpo, ma anche condizioni ambientali avverse nell'ambiente umano. In generale, una reazione così imprevista è una risposta del sistema immunitario quando proteine ​​estranee, anche simili a quelle umane nella composizione molecolare, penetrano nel corpo.

Varietà della sindrome

Oltre alle allergie alle proteine ​​del latte vaccino, una reazione inaspettata può provocare molti altri gruppi di prodotti:

Prodotti più allergici a

  1. Allergia all'albume - si verifica non meno frequentemente delle reazioni al latte di mucca. La comparsa di manifestazioni allergiche è spiegata dalla composizione piuttosto complessa di questo prodotto. La proteina contenuta nell'uovo è un complesso di mucoproteine ​​che provoca una reazione intestinale piuttosto aggressiva. Inoltre, queste sostanze possono essere immagazzinate nel corpo per un tempo piuttosto lungo, questo fatto è spiegato dalle loro potenti proprietà antigeniche.
  2. Allergia ai pesci e ai frutti di mare proteici. Una reazione inaspettata all'uso di questi prodotti si verifica più spesso negli adulti, ma i casi di manifestazioni allergiche ai frutti di mare che si sviluppano durante l'infanzia e l'adolescenza non sono rari. Il sarcoplasma parvalbumina, che fa parte della composizione cellulare delle specie di pesci marini e fluviali, è fortemente irritante. Inoltre, con un'allergia alle proteine ​​nei pesci e nei frutti di mare, una persona non tollererà questo cibo fino alla fine della sua vita. Anche il trattamento termico intensivo non salva da una reazione aggressiva del corpo, che fa perdere per sempre questo gruppo di alimenti.
  3. Allergia alle proteine ​​contenute nelle noci: la sensibilizzazione più comune alle arachidi, in rari casi alle mandorle, alle nocciole e alle noci. Una reazione aggressiva può verificarsi sia negli adulti che nei bambini e dovrai abbandonare le noci per sempre, poiché questo tipo di allergia non può essere trattato. In caso di grave intolleranza a questo prodotto, tutti i prodotti contenenti noci, incluso il cioccolato, dovrebbero essere esclusi dalla dieta.

Esistono molti tipi di allergie agli alimenti, tra cui agrumi, cereali, legumi, cacao e cioccolato. Tuttavia, le manifestazioni di tali reazioni sono più veloci e questi prodotti sono più facili da escludere dalla dieta rispetto, ad esempio, al latte o al pesce, che sono vitali nel menu e contengono una grande quantità di nutrienti.


Nonostante si tratti di allergeni, latte, pesce e uova sono difficili da escludere completamente dalla dieta.

Intolleranza alle proteine ​​di mucca

Poiché questo particolare tipo di reazione allergica si trova più spesso non solo nei bambini ma anche negli adulti e il latte è presente sul tavolo in ogni famiglia ogni giorno, è necessario parlare di questo tipo di patologia in modo più dettagliato.


L'allergia alle proteine ​​della mucca si verifica sia nei bambini che negli adulti

La reazione del sistema immunitario sotto forma di allergia alle proteine ​​del latte vaccino si manifesta principalmente nei neonati nei bambini. Si verifica all'inizio dell'introduzione di alimenti complementari e può persistere per tutta la vita, ma più spesso passa dopo che il bambino ha raggiunto i 4 anni. Un'allergia alle proteine ​​della mucca può verificarsi immediatamente dopo l'alimentazione, dopo alcune ore o giorni. I sintomi di intolleranza al prodotto possono essere visti sia dal tratto gastrointestinale, sia sulla pelle. Ecco i principali sintomi del sistema digestivo:

  • lo sgabello del bambino contiene pezzi di cibo mal digerito, visibili ad occhio nudo;
  • il bambino soffre di frequenti sputi e nausea;
  • l'eccessivo gas nell'intestino porta al dolore addominale;
  • si sviluppa la diarrea con schiuma.

Se si manifestano tali sintomi, il bambino può soffrire di disbiosi persistente, a causa della morte della microflora intestinale benefica e della moltiplicazione dei microrganismi patogeni.

Lo sviluppo di sintomi di una reazione cutanea alle proteine ​​avviene come segue:

  • la pelle del collo, delle spalle, delle guance e dei glutei diventa rossa, in alcune parti della testa può apparire una crosta lattea (gneiss);
  • con lo sviluppo dell'eczema, sulla pelle si formano piccole vescicole, che alla fine esplodono formando ulcere e, una volta essiccate, coprono il corpo con uno strato di crosta;
  • si verifica dermatite atopica, che è caratterizzata da aree di arrossamento in tutto il corpo e la pelle su di essi diventa squamosa e ruvida;
  • le vescicole acquose che esplodono nel tempo e prima sono insopportabilmente pruriginose, sono chiamate orticaria;
  • una forte allergia alle proteine ​​del latte può portare allo sviluppo dell'edema di Quincke - mentre la pelle del viso si gonfia negli occhi, nel naso e nella bocca, inizia la stenosi della laringe, i segni di soffocamento sono pronunciati, il prurito è assente.


Le allergie al latte sono spesso osservate nelle guance.

Come è un'allergia alle proteine ​​del latte dagli organi respiratori? Si sviluppano i seguenti sintomi:

  • congestione nasale, gonfiore della mucosa nasale;
  • nasale o raucedine della voce;
  • mal di gola e mal di gola, tosse secca.

Se vengono introdotti alimenti complementari sotto forma di latte di vacca, ad esempio in un neonato, il bambino diventa lacrimoso e irritabile, dorme male e soffre di diarrea con una spruzzata di muco e talvolta sangue. Se i sintomi delle allergie non sembrano troppo pronunciati, quindi con la fine dell'introduzione del latte nel corpo, i sintomi possono scomparire da soli entro pochi giorni. Una reazione aggressiva può persino portare all'asfissia (asfissia), questa condizione è pericolosa e richiede cure mediche immediate.

Fattori che innescano lo sviluppo di una reazione inattesa alle proteine

Le proteine ​​animali sono disponibili in molte varietà, ma solo alcune di esse causano allergie nell'uomo. Tali sostanze provocanti rimangono attive anche dopo una prolungata ebollizione del latte. Quali ragioni possono scatenare una reazione imprevista al latte di mucca, l'allergia può essere ereditaria o è una malattia puramente acquisita? Ecco i principali fattori che causano l'aggressività nel corpo quando le proteine ​​vengono ingerite:


Per qualsiasi reazione allergica in un bambino, è necessario consultare immediatamente un medico

  • predisposizione ereditaria;
  • introduzione troppo precoce o improvvisa di alimenti complementari;
  • introdurre il latte di mucca nella dieta del bambino quando è malato, è appena stato vaccinato o nella calda estate;
  • grave gravidanza, procedendo sullo sfondo della gestosi, la minaccia di aborto spontaneo o carenza di ossigeno nel feto;
  • condizioni di vita sfavorevoli.

La diagnosi di allergia alle proteine ​​animali in un bambino deve essere effettuata dopo aver consultato un pediatra. Il medico raccoglie una storia generale, comprese le condizioni di vita, la presenza o l'assenza di altre malattie, l'identificazione di una predisposizione ereditaria, la natura dello sviluppo del bambino (mangia bene e ingrassa).

I test allergologici danno buoni risultati, i metodi diagnostici ausiliari comprendono esami del sangue, feci per disbiosi e globuli rossi. Scoprono anche se c'è un'allergia alle proteine ​​o se si verificano disturbi dovuti a carenza di lattosio. Se il bambino si sente bene quando usa miscele senza lattosio, allora non c'è allergia. La via d'uscita è trasferire il bambino in miscele che non contengono lattosio. Quando si conferma la diagnosi di intolleranza alle proteine, il bambino viene trasferito al cibo senza miscele di soia da latte.

L'allergia alle proteine ​​del pollo si verifica a causa della complessa composizione dell'uovo, in particolare a causa della sostanza albumina. Se un'allergia alle proteine ​​dell'uovo è congenita, una persona soffrirà di manifestazioni aggressive di questo prodotto fin dall'infanzia. In alcuni casi, una reazione inattesa al consumo di uova inizia ad apparire negli adulti, questo fenomeno si chiama pseudo-allergia e si manifesta da solo senza trattamento, seguendo una dieta.

La reazione allergica ai provocatori proteici presenti nelle uova è molto simile nelle manifestazioni a un'allergia che si verifica quando vengono consumati prodotti lattiero-caseari:

  • manifestazioni cutanee sotto forma di prurito, orticaria, arrossamento, dermatite atopica, edema di Quincke;
  • dolore addominale, gas, feci molli;
  • rinite allergica, lacrimazione, congestione nasale, mal di gola.

Le conseguenze più pericolose sono l'edema di Quincke e lo shock anafilattico, quando il paziente inizia a soffocare e sviene. In tali casi, è necessario chiamare immediatamente un equipaggio di ambulanze..

Oltre alle allergie derivanti dall'uso dell'albume, una persona può essere tollerata da qualsiasi alimento contenente uova. Si tratta di prodotti da forno, prodotti a base di carne (polpette, polpette, ecc.), Pasticceria, salse e maionese, insalate. In tali casi, il paziente probabilmente ha anche un'allergia alla carne del pollo stesso..

Misure terapeutiche

Come già accennato, con l'intolleranza alle proteine ​​contenute nel latte o le allergie alle uova di gallina (come, tuttavia, con una reazione aggressiva a qualsiasi prodotto sensibilizzante, noci, miele, agrumi o cioccolato), questi prodotti devono essere completamente esclusi dalla dieta. La dieta per le allergie dovrebbe essere lunga. Durante i periodi di esacerbazione, il medico collega la terapia di supporto farmacologica non solo per eliminare i sintomi allergici, ma anche i sintomi correlati. Il trattamento comprende:

  • preparati enterosorbenti per rimuovere le tossine dal corpo;
  • antistaminici per alleviare i sintomi di allergia acuta;
  • i farmaci ormonali sono prescritti in casi gravi e impediscono la progressione della reazione;
  • agenti non ormonali sotto forma di unguenti per il trattamento esterno della pelle.

Se un bambino è predisposto a un'allergia, sua madre dovrebbe monitorare la sua dieta e non mangiare cibi che possono causare la reazione di un bambino - questi sono agrumi, grandi quantità di latte di mucca, cioccolato e altri.

Tra i rimedi popolari disponibili per sbarazzarsi di eruzioni cutanee e prurito, si possono distinguere i decotti di una corda e una camomilla, fanno il bagno due volte al giorno, fino alla scomparsa della dermatite. All'interno, sia un bambino che un adulto, puoi prendere un decotto di finocchio (acqua di aneto). Il brodo aiuterà ad eliminare i problemi digestivi, alleviare la formazione di gas e la diarrea.

In caso di reazioni inattese al cibo, specialmente se si è verificato in un bambino, è necessario ricordare in dettaglio cosa stava mangiando il bambino ed escludere questo prodotto dal menu. L'introduzione di alimenti complementari dovrebbe essere graduale e i genitori devono monitorare attentamente che il bambino non abbia manifestazioni allergiche dopo aver mangiato uova, carne di pollo o latte di mucca. Per sintomi sospetti come eruzioni cutanee, gonfiore, diarrea e altri segni di allergie, è necessario consultare immediatamente un medico, poiché gli effetti dell'aggressività su un allergene possono essere imprevedibili e persino potenzialmente letali.

Le allergie alimentari sono una patologia comune tra adulti e bambini. Molte persone hanno una reazione negativa a carne, pesce, noci o prodotti lattiero-caseari. Ciò significa che una persona è allergica alle proteine ​​o, in altre parole, alle proteine.

Una reazione allergica è un comportamento atipico del sistema immunitario a fenomeni irritanti dall'esterno. Tutti i fattori possono diventare tali irritanti: cibo, medicine, polvere, peli di animali.

Il corpo li percepisce come ostili e cerca di proteggersi producendo anticorpi. Di conseguenza, inizia il processo infiammatorio, che porta a un'eruzione cutanea, naso che cola, mal di testa, nei casi più gravi, anche al soffocamento.

Le proteine ​​sono proteine, sostanze organiche che sono uno dei tipi più comuni di allergeni. Una reazione negativa al latte o alle proteine ​​dell'uovo può verificarsi già nell'infanzia. Con l'età, la patologia può passare da sola o, al contrario, andare in una forma cronica.

Le proteine ​​esistenti possono essere divise in due tipi: pianta e animale. Il primo tipo è noci, fagioli, verdure e cereali. Il secondo tipo è pesce, carne, frutti di mare, uova e prodotti lattiero-caseari. Le allergie a pollo, frutti di mare e latte sono particolarmente comuni..

L'alimentazione impropria di una donna durante la gravidanza e l'allattamento può innescare l'insorgenza di allergie nel bambino. Quando consuma grandi quantità di pesce e latte, il bambino ha una speciale suscettibilità alle proteine. Inoltre, l'eccessiva saturazione di un bambino con proteine ​​attraverso il latte materno può causare un'allergia a loro.

Caratteristica! La probabilità di sviluppare un'allergia con un fattore ereditario è alta e i genitori possono soffrire di qualsiasi tipo di allergia alimentare e in un bambino si manifesterà in un'allergia alle proteine.

Sintomi

I sintomi di un'allergia proteica sono simili a qualsiasi altra allergia alimentare. La loro scala dipende dalla quantità di prodotto consumato e dallo stato del sistema immunitario. La patologia inizia in media in un'ora, tuttavia, nei casi più gravi, può verificarsi in un paio di minuti.

In generale, si possono distinguere i seguenti sintomi negli adulti:

  • flatulenza;
  • nausea e vomito;
  • feci frequenti libere;
  • gonfiore del rinofaringe;
  • gonfiore del viso;
  • congestione nasale, lacrimazione degli occhi, congiuntivite;
  • rinorrea
  • eruzioni cutanee, prurito, orticaria;
  • mal di testa, perdita di coscienza;
  • tosse secca;
  • aumento della temperatura corporea;
  • abbassamento o, al contrario, aumento della pressione sanguigna.

Le allergie alimentari possono manifestarsi acutamente e portare all'edema e all'anafilassi di Quincke. Nel primo caso, il paziente sviluppa gonfiore di tutto il corpo, la respirazione peggiora. Con l'anafilassi, il polso rallenta e si verifica la perdita di coscienza. In tali situazioni, è importante chiamare immediatamente un'ambulanza. L'assistenza a lungo termine può provocare la morte..

Il corpo di un bambino in crescita con un sistema immunitario ancora debole, non del tutto formato è particolarmente sensibile agli allergeni. I segni dell'inizio di un'allergia in un bambino saranno tali fattori:

  • colica intestinale;
  • gonfiore;
  • feci molli;
  • nausea e vomito;
  • mancanza di respiro e tosse secca;
  • dermatite, prurito e bruciore;
  • arrossamento delle guance;
  • perdita di appetito.

Una reazione negativa alle proteine ​​del latte si verifica spesso nei neonati durante l'alimentazione. Oltre ai sintomi di cui sopra, possono apparire dermatite da pannolino nelle pieghe della pelle e nella crosta seborroica. In tali casi, si raccomanda di trasferire immediatamente il bambino all'alimentazione artificiale e sostituire il latte vaccino con latte di capra.

Se si verificano sintomi, come nella foto sotto, è necessario consultare un medico.

Trattamento

Se compaiono sintomi, dovresti consultare un medico per identificare l'esatto allergene e prescrivere un trattamento adeguato. Prima di tutto, al paziente viene prescritta una dieta ad eccezione non solo dell'allergene stesso, ma anche dei prodotti incrociati, che possono anche causare una reazione allergica. È importante sostituirli con prodotti simili alle sostanze benefiche in essi contenute..

Per alleviare i sintomi già espressi, il medico può prescrivere i seguenti gruppi di farmaci:

  1. Sorbenti per la rimozione di sostanze pericolose dal corpo: Enterosgel, Polysorb, Lactofiltrum.
  2. Unguenti e creme per rimuovere l'irritazione della pelle - Fenistil Gel, Bepanten.
  3. Antistaminici: Cetrin, Claritin, Erius.
  4. Spray vasocostrittivi - Tizin, Otrivin.

Il trattamento delle allergie nei bambini è simile a quello negli adulti. C'è un completo rifiuto degli allergeni e l'adozione di farmaci a dosaggio ridotto. Sarà anche utile per i genitori tenere un diario con la dieta del bambino al fine di monitorare la reazione del suo corpo ad altri alimenti. In caso di allergia al latte vaccino, viene sostituito da capra o latticini..

Interessante! Il medico può prescrivere un trattamento con immunostimolanti. Implica l'introduzione di una piccola dose di allergene all'interno per migliorare il funzionamento del sistema immunitario. Tuttavia, questo metodo può sia curare completamente il paziente sia, al contrario, esacerbare ulteriormente i sintomi..

Rimedi popolari

L'uso di rimedi popolari e decotti può essere efficace per alleviare i sintomi di allergia lieve..

Molte ricette sono facili da preparare a casa. Per esempio:

  1. Ortica. Versare 3 cucchiai di acqua calda bollita. lascia e lascia fermentare per 30 minuti. Può essere assunto per bambini dai 3 anni 100 ml al giorno.
  2. Una serie di. Versare 0,5 litri di acqua bollente 4 cucchiai. materie prime, insistono per un'ora. Utilizzare come lozioni su aree irritate della pelle o aggiungere al bagno.
  3. Camomilla della farmacia. Versare 1 cucchiaio. acqua bollente 1 cucchiaio fiori, cuocere a fuoco lento per 15 minuti. Quindi filtrare, raffreddare e dare ai bambini 1 cucchiaino. 3 volte al giorno, per bambini dai 5 anni - 0,5 cucchiai..

Importante! Il trattamento con eventuali rimedi popolari può essere effettuato solo dopo aver consultato un medico. Eventuali decotti e tinture se usati in modo improprio possono causare un peggioramento di una persona allergica.

conclusioni

L'allergia alle proteine ​​è un problema comune tra adulti e bambini. Molti alimenti che contengono proteine ​​vegetali o animali possono causare allergie..

È importante per chi soffre di allergie condurre un trattamento sotto la supervisione di un medico per eliminare i sintomi. Come misura preventiva, si consiglia di abbandonare completamente i prodotti con proteine ​​nella composizione e seguire una dieta.

L'allergia alle proteine ​​negli ultimi decenni è diventata una vera minaccia, ma in precedenza questa forma di allergia era considerata abbastanza rara. Ora l'allergia alimentare sta diventando più comune, il che significa che la proteina, che fa parte non solo del latte e della carne, ma anche in alcuni tipi di piante, acquisisce lo stato di allergene provocante. Il fatto è che il corpo umano è un sistema multifunzionale proteico. Pertanto, altre proteine, indipendentemente dalla loro fonte, sono soggette a sensibilizzazione, il corpo le accetta e inizia a riconoscerle. A seconda dello stato del sistema immunitario, la sensibilizzazione può essere accelerata, attiva, ma può anche essere lenta..

In sostanza, un'allergia a una proteina è una reazione allergica a una proteina, la risposta di sistemi e organi immunocompetenti all'invasione di un alieno, ma simile nella composizione molecolare, nella proteina.

Cosa causa un'allergia alle proteine?

L'allergia alle proteine, come la maggior parte degli altri tipi di allergie, è provocata da un allergene che è entrato nel tratto gastrointestinale. L'intolleranza proteica al cibo è caratterizzata da enterite, enterocolite, flatulenza. Le allergie alle proteine ​​sono spesso accompagnate da dispepsia, disturbo delle feci - diarrea o costipazione. Possibile nausea, fino al vomito. Nei casi più gravi, il paziente lamenta un forte dolore nella regione epigastrica, che rende difficile differenziare i sintomi di altri sintomi del tratto digestivo. L'allergia alle proteine ​​è suddivisa in tipi e metodi di trattamento, a seconda dell'allergene:

Intolleranza al BKM - proteine ​​del latte vaccino

Questo è l'allergene provocante più comune, soprattutto nella dieta dei bambini, sia neonati che anziani. L'allergia alle proteine ​​del latte nei bambini è dovuta alla insufficiente formazione dell'apparato digerente e alla funzione enzimatica immatura. I sistemi di secrezione non hanno il tempo di produrre abbastanza proteoenzimi specifici, le proteine ​​del latte entrano nel corpo e quindi nel sangue, praticamente non suddivise. Di conseguenza, inizia la sensibilizzazione, il riconoscimento della struttura proteica e, di conseguenza, una reazione allergica. La terapia dell'allergia alle proteine ​​del latte, innanzitutto, consiste nell'esclusione dalla dieta di tutti i prodotti a base di latte intero. Preparati assorbenti sono anche prescritti per rimuovere le tossine dal corpo. Enterosgel è efficace, che protegge le mucose dell'apparato digerente dal contatto con CEC - complessi immunocircolanti. La terapia sintomatica (antistaminica) è prescritta solo da un medico, l'automedicazione è inaccettabile, come in tutti gli altri casi di allergia.

Allergia alle proteine ​​del latte

L'allergia alle proteine ​​è rara negli adulti. Di solito all'età di sette anni, iniziata nella prima infanzia, un'allergia simile scompare. Anche la forma crociata, che combina allergie alla BMD e alle proteine ​​di carne o pesce, è piuttosto rara, viene trattata con l'eccezione dei prodotti provocatori dalla dieta di una persona malata.

Allergia ai pesci proteici, alla carne

Un'allergia alle proteine ​​nei pesci e nella carne è più comune negli adulti, i bambini, a causa della specificità della dieta, soffrono di questa forma meno spesso. La caratteristica di questo tipo di allergia può verificarsi durante l'adolescenza, durante la pubertà. Raramente è un'allergia alle proteine ​​della carne, principalmente alle proteine ​​del manzo. La più aggressiva è la proteina di pesci marini, gamberi e altri frutti di mare. Questa è sarcoplasma parvalbumina, una proteina che rimane invariata anche con un trattamento termico prolungato. I gamberi, i crostacei contengono tropomiazina, che può essere conservata anche nell'ambiente acquatico circostante la vita marina e praticamente non è soggetta a succhi digestivi. Questo tipo di allergia non dipende dall'età del paziente, l'allergene provocante non può essere trattato, quindi una persona a cui è stata diagnosticata un'allergia alle proteine ​​del pesce dovrebbe dimenticare questi prodotti per sempre. Il trattamento è standard: esclusione di prodotti allergici dal cibo, farmaci assorbenti, terapia antistaminica.

Allergia all'albume

L'allergia alle proteine ​​è anche possibile in relazione alle uova e ai prodotti che le contengono. I più pericolosi sono l'ovomukoide, l'ovalbumina, la conalbumina. Queste mucoproteine ​​sono aggressive, sono a lungo nel tratto digestivo, mascherandosi sotto forma di una tripsina simile nella struttura molecolare (un enzima naturale).

Allergia alle noci

Gli allergeni possono essere noci di ogni tipo. Le arachidi sono considerate pericolose, meno minacciose nel senso di provocare un'allergia: le mandorle, quindi nell'elenco sono nocciole e noci. La reazione può essere rapida e verificarsi a qualsiasi età. La capacità di sensibilizzare è preservata per sempre, quindi le noci in caso di manifestazioni allergiche dovrebbero essere escluse dalla dieta. Dovresti anche stare attento con l'uso di prodotti contenenti noci, anche in quantità minima..

L'allergia alle proteine ​​può essere innescata dall'uso di cereali, legumi e prodotti a base di soia. Le proteine ​​organiche, proteine ​​specifiche, sono anche pericolose per le persone soggette a reazioni allergiche..

Come è un'allergia alle proteine?

L'allergia alle proteine ​​è clinicamente identica a qualsiasi altra forma di allergia. Di norma, le reazioni allergiche alle proteine ​​compaiono a livello cutaneo, cioè sulla pelle. Può essere prurito, eruzione cutanea, spesso gonfiore. L'iperemia si manifesta in diversi modi, quindi localmente, localmente, ma può anche essere generalizzata. Se un'allergia proteica colpisce i bambini, la dermatite è tipica di questa forma, sono localizzati nelle pieghe della pelle, spesso caratterizzate da secchezza, desquamazione. L'eruzione da pannolino, che di solito si verifica nei neonati nel primo anno di vita, non può essere neutralizzata con mezzi convenzionali. Inoltre, l'allergia alle proteine ​​nei neonati può manifestarsi sotto forma di gneiss persistentemente persistente - crosta di latte. Negli adulti, le manifestazioni cutanee dell'intolleranza alle proteine ​​alimentari si trasformano in reazioni allergiche delle mucose. È una rinite allergica, spesso con una componente asmatica. Le mucose degli occhi sono gradualmente coinvolte nel processo patologico - congiuntivite, lacrimazione appare, la sclera è iperemica. Un tipico segno: sabbia negli occhi, prurito e arrossamento, sono spesso considerati sintomi di allergie di altre forme, contatto. Pertanto, è molto importante raccogliere una storia medica completa, anche dietetica, al fine di determinare con precisione la fonte che provoca allergie.

Le proteine ​​sono un elemento multifunzionale necessario per la salute del corpo umano. La dieta umana dovrebbe consistere in alimenti proteici al 15%. Di recente, tuttavia, l'allergia alle proteine ​​è diventata una vera piaga. Gli allergeni proteici, che entrano nel corpo, provocano reazioni allergiche di vario tipo: dalle semplici eruzioni cutanee al peggioramento del benessere generale.

L'allergia alle proteine ​​è una reazione del sistema immunitario a un'invasione di un alieno, ma simile nella composizione molecolare, le proteine ​​nel corpo.

Di quali alimenti diffidare?

Le proteine, come sapete, sono di origine animale e vegetale. Il primo si trova in carne e pesce, uova, latticini e frutti di mare. Una tale proteina è considerata un'alta qualità a tutti gli effetti. Le proteine ​​difettose sono presenti in legumi, noci, cereali e verdure. Le proteine ​​di origine vegetale sono in fagioli e piselli, soia, funghi, avocado, asparagi.

Ma indipendentemente dalla qualità e dall'origine della proteina, i suoi benefici non sono disponibili per molti. I bambini spesso soffrono di allergie alle proteine ​​del latte vaccino, il tipo più comune di allergia alle proteine ​​del latte nei bambini. Definendo questa proteina come estranea, il sistema immunitario la rifiuta. È impossibile curare un'allergia alle proteine ​​della mucca. Il problema è risolto con l'aiuto di una dieta che prevede la completa esclusione dell'allergene dalla dieta del bambino o della madre, se il bambino è allattato al seno. Per nutrire i bambini-artigiani usano miscele speciali che non contengono proteine ​​di mucca.

Non molto spesso, ma c'è anche un'allergia alle proteine ​​del pollo. È caratterizzato da sintomi come un'eruzione cutanea, prurito, problemi respiratori e indigestione. Il trattamento implica anche una completa esclusione dell'allergene dalla dieta, il che non è facile, poiché l'albume fa parte di molti prodotti: viene aggiunto a maionese, gelato, pasta, salsicce, ecc..

Un forte allergene sono noci di ogni tipo. Le arachidi sono riconosciute come le più pericolose; mandorle, nocciole e noci sono considerate meno pericolose. La reazione appare rapidamente e a qualsiasi età. La capacità di sensibilizzare, di regola, dura per tutta la vita, quindi, con manifestazioni allergiche, le noci dovrebbero essere rimosse dalla dieta. Inoltre, è necessaria cautela quando si usano alimenti contenenti noci, anche in piccole quantità..

Le allergie alle proteine ​​animali provocano non solo latte e uova. L'intolleranza alle proteine ​​di pesce e carne è diffusa tra gli adulti. I bambini, a causa delle specifiche della dieta, soffrono meno di questa forma di allergia alimentare. Di solito si manifesta durante l'adolescenza, durante la pubertà. L'allergia alle proteine ​​della carne si verifica meno frequentemente, in particolare provoca proteine ​​di manzo.

L'allergene più potente è la proteina del pesce e dei gamberi marini. Il pesce contiene sarcoplasma parvalbumina, una proteina che persiste anche dopo un trattamento termico prolungato. E la tropomiazina, che è presente nei gamberetti e in altri crostacei, viene preservata anche nell'ambiente acquatico in cui vivono gli animali marini e praticamente non viene distrutta dai succhi digestivi.

In alcuni casi, si verifica un'allergia alle proteine ​​quando si mangiano prodotti a base di soia, cereali e legumi. Le proteine ​​organiche e complesse (proteine) possono anche essere pericolose per le persone predisposte alle reazioni allergiche..

Segni tipici e atipici di allergia alle proteine

Le manifestazioni cliniche dell'allergia alle proteine ​​sono identiche a quelle di qualsiasi altra forma di allergia. Le reazioni allergiche alle proteine ​​sono caratterizzate da cambiamenti nella pelle. Se un'allergia alle proteine ​​colpisce i bambini, sviluppano dermatiti (lesioni infiammatorie della pelle), localizzate nelle pieghe della pelle. L'eruzione da pannolino osservata nei bambini nel primo anno di vita non può essere neutralizzata con mezzi semplici (polveri, creme). Nei neonati, un'allergia proteica può manifestarsi sotto forma di gneiss persistente - seborroica o crosta di latte.

L'intolleranza alimentare alle proteine ​​negli adulti si riflette non solo sulla pelle, ma anche sulle mucose. Rinite allergica, tosse secca. Il processo patologico procede gradualmente alle mucose dell'occhio - si sviluppa la congiuntivite, la sclera è iperemica e appare la lacrimazione. Prurito e arrossamento, sensazioni di sabbia negli occhi sono caratteristiche di altri tipi di allergie da contatto. Pertanto, per determinare con precisione la fonte delle allergie, è molto importante raccogliere informazioni complete sulla malattia, comprese le informazioni nutrizionali..

Devi sapere che lo sviluppo di allergie alle proteine ​​animali in rari casi può causare sintomi atipici. E questo è più grave dell'orticaria.

  • La sconfitta di grandi articolazioni (ginocchio e gomito). Si notano gonfiore, dolore, possibilmente limitazione dei movimenti.
  • Un disturbo del sistema nervoso autonomo caratterizzato da mal di testa, irritabilità e scarso sonno.
  • Disturbi del sistema cardiovascolare - si verificano picchi di pressione.
  • Danni alle pareti dei vasi sanguigni o vasculite allergica. Il corpo è coperto da una piccola eruzione cutanea che può trasformarsi in lividi. L'infiammazione dei vasi sanguigni si verifica più spesso entro 24 ore dall'ingestione di un allergene.
  • Naso dal naso - di solito corto e mite.
  • Malfunzionamenti del sistema urinario - ritardo o viceversa incontinenza urinaria. Lo studio delle urine rivela la presenza di proteine ​​in esso e un aumento del contenuto di globuli rossi (globuli rossi).
  • Aumento della temperatura corporea - si verifica sporadicamente.
  • Anemia.

Come trattare le allergie proteiche nei bambini e negli adulti?

Con le allergie alimentari, ai pazienti viene prescritta una dieta ad eccezione dell'allergene principale e di altri prodotti della dieta, che possono causare reazioni allergiche crociate. Quando compaiono i primi segni di allergia, è necessario assumere immediatamente Enterosgel sorbente. Questo farmaco aiuta a rimuovere l'allergene dall'intestino, eliminare i spiacevoli sintomi allergici e ripristinare la microflora intestinale..

Per eliminare sintomi come enterocolite, rinite, congiuntivite, dermatite, antistaminici sono prescritti. I broncodilatatori (broncodilatatori che migliorano la funzione di drenaggio dei bronchi) vengono utilizzati per alleviare i sintomi dell'asma bronchiale.

Nei bambini, l'allergia alle proteine ​​viene trattata in modo simile: limitare o escludere i prodotti allergenici dalla dieta del bambino e seguire una dieta speciale. Inoltre, nella fase avanzata dell'allergia alimentare, vengono utilizzati farmaci desensibilizzanti per sbarazzarsi rapidamente di tutti i sintomi che sono sorti. Il trattamento delle allergie infantili comporta anche l'uso di antistaminici e sorbenti..

I medici raccomandano di tenere un diario nutrizionale per i genitori di un bambino incline a reazioni allergiche. Registra informazioni sulla data e l'ora dell'alimentazione, sui prodotti e sulla loro quantità, sul comportamento del bambino e sulla reazione del corpo del bambino dopo aver mangiato un determinato alimento.

La predisposizione di una persona alle allergie alimentari richiede, prima di tutto, un'attenzione particolare al cibo consumato. Pertanto, studia attentamente la composizione dei prodotti acquistati..