Cause di allergie e trattamenti solari

Analisi

La mancanza di vitamina D che il sole dà è spiacevole. E se ci fosse un'allergia al sole? Per posticipare una vacanza o pensare, quali pomate dalle allergie al sole andranno bene per te e i tuoi bambini? Capiremo cos'è l'allergia al sole, i sintomi, il trattamento. Allo stesso tempo, parleremo delle possibili conseguenze della malattia..

Tipi di segni, cause di allergie

L'intolleranza alla luce solare si manifesta all'istante, letteralmente 20-40 secondi e una persona avverte disagio. Un'allergia al sole provoca varie reazioni, chiamate fotosensibilizzazione in medicina:

  1. Reazioni fototraumatiche. Queste sono le conseguenze di un'esposizione prolungata al sole. Appaiono anche in persone normalmente sane che hanno ricevuto ustioni alla pelle. Per evitare il fenomeno, non prendere il sole a lungo, soprattutto nel periodo dalle 11-00 alle 16-00 h.
  2. Manifestazioni fototossiche. Appare a causa dell'uso di prodotti o farmaci contenenti fotosensibilizzanti. Lesioni cutanee sotto forma di vesciche, edema, eritema.
  3. La fotoallergia è la stessa allergia solare che si verifica quando i raggi UV sono completamente intolleranti. I sintomi di un'allergia al sole sono estesi: papule, vescicole, eruzione cutanea, disturbi della pigmentazione, assottigliamento o ispessimento della pelle (focale). Questa reazione allergica al sole è un processo patologico. Il motivo della percezione del corpo dei raggi come effetto tossico estraneo.
  4. La fotodermatosi si manifesta a contatto con piante fototossiche. Queste sono erbe e fiori con salicilati e cumarine..

Importante! Una scottatura non è, ovviamente, un'allergia, ma un fenomeno spiacevole. La conseguenza dell'abbronzatura in eccesso è il melanoma. È estremamente importante prendere il sole sotto i raggi in modo dosato per non ottenere heroderma, una patologia che non sembra intolleranza, ma è la risposta del sistema immunitario a un allergene. Causa la comparsa di eruzioni cutanee intollerabili prurito.

Non è sempre possibile capire se c'è un'allergia al sole o se queste sono le conseguenze del surriscaldamento. A rischio sono i pazienti con alterazioni del sistema endocrino, del sistema immunitario, dei reni, delle patologie epatiche.

Sintomi generali di allergie

L'allergia dal sole ha varie manifestazioni. I sintomi variano a seconda dell'età, del sesso, della salute del paziente e di fattori esterni. Molto spesso, un'allergia alla luce solare assomiglia a: arrossamento della pelle, eruzione cutanea, prurito. Su mani, piedi e viso, le ustioni possono manifestarsi come peeling, a volte i fuochi si fondono in ampie aree di gonfiore. Potrebbero apparire delle croste che scoppiano e sanguinano. Va ricordato che un'allergia dal sole sul viso e su altre parti del corpo in una persona normalmente sana si manifesta solo con un'esposizione attiva al punto, cioè se l'abbronzatura è stata prolungata. Se un'eruzione cutanea e altri segni compaiono nelle aree coperte del corpo, è un'allergia al sole. In una persona sana normale, le radiazioni ultraviolette vengono convertite in abbronzatura, le radiazioni intense sono un'ustione che può essere curata con i normali metodi domestici.

Come fa un'allergia al sole negli adulti - è chiaro, con i bambini è più complicato. Il sistema immunitario dei bambini è instabile, perché la reazione all'insolazione ha le sue caratteristiche. La manifestazione principale può essere simile a una normale eruzione cutanea, arrossamento, desquamazione. La somiglianza delle eruzioni cutanee da allergie solari ad altri tipi di intolleranza richiede una chiara separazione e comprensione dell'intolleranza ai raggi UV:

  1. stagionalità L'allergia al sole si manifesta durante periodi di intensa insolazione.
  2. Località focale di eruzioni cutanee. Orticaria, altre eruzioni cutanee compaiono solo dove le parti del corpo sono aperte.
  3. Dipendenza diretta dal luogo di riposo. Supponiamo che un bambino sia stato portato al mare, dove la luce del sole non è solo più luminosa del suo giardino natio, ma anche riflessa dall'acqua. Il fattore può anche causare eruzioni cutanee..

Un'allergia al sole, l'ipersensibilità alle radiazioni può essere la conseguenza dell'assunzione di determinati farmaci. Pertanto, non dovresti portare il bambino al mare senza una visita preliminare dal pediatra.

Possibili cause di intolleranza

L'allergia emergente al sole ha varie cause. Principalmente la malattia colpisce le persone con il primo fototipo cutaneo (celtico). L'abbronzatura per tali individui praticamente non si attacca, la pelle semplicemente brucia. Inoltre, le cause delle allergie al sole si trovano in sostanze speciali: fotosensibilizzanti o agenti fotoreattivi, la cui quantità determina l'intensità di radiazione consentita. Se ci sono molti fotosensibilizzanti nel corpo del paziente, allora qualsiasi esposizione: sulla spiaggia, nel solarium, provoca cambiamenti manifestati sotto forma di questi segni.

Le reazioni fototossiche possono essere causate da sostanze contenute nei seguenti articoli e prodotti:

  1. Gel antibatterici, saponi;
  2. In quasi tutti i profumi, i rossetti;
  3. Possono contenere crema solare, che comprende burro di arachidi, patchouli, olii essenziali di agrumi, bergamotto, corteccia di cannella;
  4. Mothballs, prodotti chimici domestici.

Fatto! È dai filtri solari che si può ottenere una grave reazione allergica. Leggi la composizione, se indica acido para-aminobenzoico e benzofenoni, è meglio abbandonare la crema.

L'elenco dei farmaci contenenti sostanze che causano intolleranza è enorme. Di norma, le istruzioni indicano una fotosensibilizzazione delle reazioni avverse. I più comuni includono: contraccettivi orali, ibuprofene, tetracicline, Palin, Biseptol, diuretici, antidepressivi, farmaci ipolipemizzanti, unguenti contenenti catrame.

L'intolleranza può verificarsi a causa di piante contenenti furocumarine. Questa sostanza si trova più spesso nelle erbe di prato. Anche la più piccola ingestione di succo o materia vegetale si manifesta con prurito, eruzioni cutanee, eczema. I più comuni sono: ortica, grano saraceno, quinoa, panace, erba di San Giovanni, carice. Cibi e bevande hanno un effetto provocatorio: carote, peperoni, fichi, acetosa, prezzemolo, succhi di agrumi, vino, champagne. I pazienti che sono già allergici al cioccolato, al caffè e alle nocciole hanno un alto livello di rischio..

Trattamento intolleranza

Il trattamento delle allergie al sole inizia con la scoperta delle cause di strane reazioni. Se si tratta di prodotti o cosmetici, è sufficiente escludere gli ingredienti dalla dieta e il trattamento delle allergie solari può essere considerato completo. Nel caso in cui la medicina per malattie croniche o di altra natura che causano intolleranza non possa essere annullata, si dovrà evitare qualsiasi contatto della pelle con il sole. Esistono diverse opzioni per la protezione..

Creme, pomate

Particolarmente efficace è un unguento per le allergie ai corticosteroidi, ma può essere utilizzato solo con la forma più grave di intolleranza. Farmaci simili sono prescritti per le allergie al sole da un medico, vengono acquistati secondo una prescrizione. L'uso a lungo termine dei composti provoca disturbi nel corpo, dipendenza. Di conseguenza, il paziente riceve l'atrofia della pelle. Puoi scegliere una crema non ormonale per le allergie al sole: Deestin, Gistan, Solcoseryl, Vinylin, Livian.

Per quanto riguarda gli unguenti, cioè un buon rimedio Radevit contenente integratori vitaminici. Usando Actovegin, unguenti Apulein, il paziente noterà quasi immediatamente l'effetto dell'applicazione. I composti rimuovono l'eruzione cutanea, il rossore della pelle, le ferite, le crepe, che si manifestano con le radiazioni. Esistono gel buoni, ad esempio Fenistil: i componenti fanno un ottimo lavoro di bruciore, raffreddano la pelle. Il balsamo antinfiammatorio di Akriderm, disponibile anche sotto forma di crema, contiene ibuprofene, paracetamolo, nimesil e quindi affronta prurito, bruciore e altre manifestazioni spiacevoli.

Consigli! Tutti i rimedi per le allergie al sole sotto forma di unguenti, gel, creme sono più efficaci se combinati con antistaminici.

Antistaminici

Le pillole di allergia solare sono prescritte solo dopo un esame approfondito da un dermatologo, allergologo e altri specialisti. L'efficacia dei composti dipende dal tipo di manifestazione e dall'intensità dell'intolleranza. Le medicine allergiche più popolari: Suprastin, citrino, zodak. È necessario distinguere tra farmaci per il trattamento di adulti, bambini e donne in gravidanza. Ad esempio, la diprazina è uno strumento efficace e potente che rimuove tutte le manifestazioni, ma è controindicato nelle future mamme e bambini di età inferiore ai 5 anni. La clemastina viene utilizzata per l'orticaria, l'edema di Quincke, ma è controindicata in coloro che hanno intolleranza ai singoli componenti. La diazolina è un'ottima composizione che può curare quasi completamente un'allergia al sole, ma ha un effetto collaterale sotto forma di problemi al tratto gastrointestinale, affaticamento, vertigini, il che significa che non puoi usarla prima di guidare un'auto.

Rimedi popolari

Spesso è sufficiente modificare la dieta e includere nel menu più alimenti per mantenere l'immunità, in modo che il corpo sia ben resistente agli allergeni. L'allergia che si sviluppa passa con un aumento della dose di vitamine: C, B, E, acido nicotinico. Gli enterosorbenti e il bere pesante aiutano molto: la procedura pulirà rapidamente il corpo da tossine e allergeni. Preparazioni: Enterosgel, Polypefan, Polysorb.

La terapia vitaminica si riferisce anche a opzioni di trattamento alternative, nonché a ricette alternative. Vengono utilizzati quando è impossibile contattare un medico, anche se i segni di intolleranza sono impliciti. Come trattare le allergie solari in modo semplice:

  1. Il cavolo, il succo di patate aiuta ad alleviare l'infiammazione della pelle;
  2. Fette di cetriolo fresco eliminano il prurito, rimuovono l'ustione;
  3. Impacchi freddi fatti dal colore della calendula, celidonia aiuteranno adulti e bambini che sono allergici al sole, il trattamento può essere effettuato in modo continuo;
  4. Le foglie color geranio (1 cucchiaio. Per 1 cucchiaio di acqua bollente, insistono e tendono) aiuteranno a combattere le lesioni cutanee estese, ad esempio se il paziente prende il sole sotto i raggi intensi e brucia in vesciche.

Quando scegli come trattare le allergie, dovresti assolutamente consultare un medico. Il pronto soccorso non è sempre efficace, rimuovendo solo segni evidenti. Il problema può essere molto più profondo e nascondersi nei cosmetici, nelle medicine. Ma sapendo che aspetto ha e perché c'è un'intolleranza in un paziente a causa di una lunga esposizione al sole, è più facile scegliere un trattamento. Quando visiti un medico, dovresti assolutamente parlare della frequenza dei sintomi, delle loro caratteristiche e dei loro sentimenti. Solo nel caso di un'analisi dettagliata uno specialista può decidere come sbarazzarsi delle allergie al sole e selezionare l'opzione di trattamento giusta.

L'allergia al sole non fa più paura

L'inverno sta finalmente ritirando truppe di ghiaccio, spiagge estive e onde calde che si profilano all'orizzonte. E se invece di un'abbronzatura color bronzo, la tua pelle fosse coperta solo di macchie e ustioni? Sei davvero allergico al sole? In questo articolo, ti parleremo di questa malattia insidiosa e di alcuni metodi per affrontarla..

Perché il sole brucia così??

Cominciamo con il male. Un'allergia al sole, nota anche come fotodermatite o fotodermatosi, non è un'invenzione dei produttori di creme abbronzanti. Esiste una malattia simile. Inoltre, si trova in quasi ogni quinto abitante del nostro pianeta.

Tuttavia, ci sono buone notizie. Nella maggior parte delle persone, una reazione allergica appare solo in determinate condizioni. Le ragioni possono essere diverse, ad esempio una cattiva scelta di cibo o polline di piante. Ma in generale possono essere divisi in due grandi categorie.

Manifestazioni esterne della malattia (fotodermatosi)

La categoria più comune e "innocua". La causa delle allergie al sole qui è la reazione fototossica agli allergeni-fotosensibilizzatori che sono entrati nel tuo corpo. Possono essere contenuti nelle seguenti cose:

  • Prodotti alimentari, principalmente agrumi, fichi, peperoncini, liquori;
  • Cosmetici, che includono acido para-aminobenzoico o salicilico, nonché estratti di ingredienti naturali come iperico, muschio o legno di sandalo;
  • Medicinali, principalmente antibiotici, farmaci cardiaci e antinfiammatori, nonché aspirina;
  • Allergeni contenuti in alcuni fiori e erbe di prato;
  • Disinfettanti e coloranti utilizzati nelle piscine;
  • Recenti procedure cosmetiche che danneggiano lo strato superiore della pelle (pilling, scrub, tatuaggio).

Manifestazioni interne

Categoria I molto più pericolosa Qui, la causa delle allergie al sole è un malfunzionamento nel tuo corpo. Prima di tutto, il sistema immunitario, il fegato e i reni. Un classico esempio di ciò è la porfiria, nota anche come "malattia dei vampiri" a causa della reazione allergica acuta dei pazienti alla luce solare.

Tuttavia, se scopri di bruciare rapidamente al sole, non correre immediatamente dal medico, dettando contemporaneamente una volontà. Nelle malattie gravi, la fotodermatosi si presenta sempre con un sacco di sintomi concomitanti. E se a parte il peeling non ti disturba nulla, vivi con calma e stai solo attento sulla spiaggia.

I segni della malattia sono abbastanza diversi. Questo può essere eczema, eruzione cutanea e persino crepe nella pelle e piaghe purulente. Ma nella maggior parte dei casi, una reazione allergica è molto simile a una semplice scottatura solare. E qui la cosa principale è prevenire una pericolosa confusione tra di loro.

Come distinguere una malattia dalle scottature solari?

A prima vista, le manifestazioni esterne di allergie al sole e alle scottature sono le stesse. In entrambi i casi, le vittime hanno notato arrossamenti, prurito e bruciore, seguiti dall'esfoliazione della pelle nelle aree colpite. Le differenze, come si suol dire, in dettaglio.

  1. Sconfiggi il tempo. Per attivare la fotodermite, spesso bastano pochi minuti di contatto della pelle con il sole. Per le ustioni semplici, devi prendere il sole per almeno un'ora. Inoltre, compaiono immediatamente scottature solari, ma una reazione allergica può iniziare tra 18-72 ore;
  2. Prurito con allergie al sole appare quasi immediatamente. Bruciare - un po 'più tardi. Con le scottature solari, è vero il contrario;
  3. Con un semplice surriscaldamento della pelle non c'è eruzione cutanea e le vesciche compaiono solo con gravi ustioni;
  4. Inoltre, con normali ustioni da “spiaggia”, non vi sono orticaria e perdita di macchie bianche sulla pelle. Ascessi comuni per fotodermatosi: una rarità.

Gruppi a rischio

Le maggiori possibilità di contrarre la fotodermite allergica sono:

  • Le persone con pelle sensibile, principalmente bionde naturali;
  • Donne in gravidanza e bambini di età inferiore ai 5 anni;
  • Anziani con disturbi metabolici;
  • Persone con parenti allergiche al sole;
  • Frequenti visitatori di centri di abbronzatura, saloni per tatuaggi e saloni di bellezza;
  • Le persone che usano attivamente antibiotici e antidepressivi.

Prevenzione

Se fai parte di uno di questi gruppi, tali suggerimenti ti permetteranno di tornare a casa senza piaghe inutili. Ma, anche se sei completamente sano, questi consigli ti aiuteranno a ottenere il massimo dalla tua piacevole esperienza di vacanza senza essere distratto da piccoli problemi.

  1. Non sei sotto il sole dalle 10.00 alle 17.00. Durante questo periodo, l'intensità del suo bagliore è massima e brucerai due volte più velocemente;
  2. Non asciugare dopo essere uscito dall'acqua. La pelle eccessivamente secca è un ordine di grandezza più suscettibile alla luce solare. Anche camminare bagnato non è raccomandato. Le goccioline d'acqua svolgono il ruolo di lenti, migliorando l'effetto dei raggi sulla pelle;
  3. Riposarsi dopo il nuoto è meglio sotto una tenda da sole;
  4. Lavare il trucco e non usare il profumo prima di andare in spiaggia. La loro fragranza sarà ancora spazzata via dalla prima ondata;
  5. Dosare rigorosamente il tempo trascorso al sole. Nel solito caso, sono 20 minuti. Ma se hai la pelle sensibile, i tempi per prendere il sole dovrebbero essere ridotti;
  6. Usa la protezione solare;
  7. Se hai già avuto allergie al sole prima, consulta un allergologo. Potrebbe prescrivere antistaminici per attenuare gli effetti. Ma devi farlo prima del viaggio e non dopo;
  8. Includi nella tua dieta cibi ricchi di vitamine C, B ed E. Innanzitutto bacche e frutti freschi (eccetto gli agrumi). Bevi molta acqua pulita e non abusare della cucina esotica;
  9. Scegli un posto dove rilassarti. Le persone con pelle sensibile dovrebbero rinunciare a visitare resort tropicali ed equatoriali, nonché altopiani. Visita le spiagge nella corsia centrale, il Baltico o il Canada. Fa più freddo lì, ma il sole non è così caldo.

Trattamento

Non è consigliabile trattare da soli gli effetti di un'allergia al sole. Oltre alla diagnosi errata, l'automedicazione può portare a varie complicazioni. Sia di natura cosmetica che fisiologica.

Un'altra cosa è quando non c'è modo di vedere un medico. In questi casi, puoi provare ad alleviare i sintomi con antistaminici di terza generazione generali. Ad esempio, Zodak o Tsetrin. Puoi anche usare vari unguenti e lozioni dalle scottature solari. Ma fai attenzione: alcuni hanno effetti collaterali o danno dipendenza.

Dei mezzi improvvisati, il succo appena spremuto di cetrioli e patate aiuta meglio. Puoi anche usare succo di anguria, unguento con prodotti a base di latte acido o lozioni con foglie di tè. Ma in nessun caso non usare vaselina e ghiaccio. Il primo ostruisce i pori, interrompendo il trasferimento di calore. Il secondo: riduce la temperatura corporea, ma provoca la morte della pelle danneggiata. Se hai bisogno di rinfrescarti rapidamente, fai una doccia o un bagno.

L'estate è un momento di relax e buon umore. E speriamo che i nostri consigli ti aiuteranno a divertirti, senza essere distratto da piccole sciocchezze. Riposati e non lasciare che l'allergia al sole oscuri la tua vacanza..

Allergia al sole

Ragione principale

Nonostante l'esistenza del termine "allergia solare", i raggi del sole stessi non sono allergeni. Al contrario, la luce solare in quantità sicure ha un effetto benefico sul corpo umano: migliora l'umore, favorisce l'assorbimento della vitamina D e stimola il sistema immunitario. Solo quando il componente ultravioletto della luce solare interagisce con qualsiasi sostanza presente sulla pelle o nella pelle compaiono composti con proprietà antigeniche. Sono questi composti, non i raggi del sole, che causano i sintomi di un'allergia al sole. I medici chiamano questa malattia "fotodermatite".

Di norma, la fotodermatite può verificarsi durante un periodo in cui una persona è esposta a un'esposizione significativa al sole, trascorrendo molto tempo all'aperto, cioè in primavera ed estate. Ma puoi provocare questa malattia in inverno: dopo tutto, alcuni iniziano a prepararsi in anticipo per la stagione balneare, visitando il solarium e qualcuno nella stagione fredda va per il sole aggiuntivo a sud o nei paesi tropicali. Pertanto, l'allergia al sole per molti è diventata una malattia per tutto l'anno.

Perché ci sono sintomi di allergia al sole?

L'emergere della fotodermatite contribuisce a cause interne ed esterne.

Le cause interne includono malattie croniche del fegato e delle ghiandole surrenali, alcuni disturbi metabolici e disfunzioni del sistema immunitario. Va anche notato la tendenza alla fotodermite delle persone con pelle chiara e bambini.

Le cause esterne sono l'effetto sul corpo di sostanze che possono essere divise in tre grandi gruppi:

  1. I furocoumarins sono sostanze speciali secrete da piante come hogweed, pastinaca, cenere, prezzemolo, aneto, erba di San Giovanni e possono causare allergie. L'olio di bergamotto, lavanda, muschio e sandalo ha anche un effetto allergenico..
  2. Componenti di cosmetici - eosina, acido para-aminobenzoico, retinoidi, acidi borici e salicilici, fenolo, composti del mercurio.
  3. Farmaci - sulfanilamidi, barbiturici, clorpromazina, alcuni antibiotici (doxiciclina, tetraciclina), alcuni farmaci cardiovascolari (amiodarone, trazikor), citostatici, contraccettivi orali, alcuni farmaci antinfiammatori non steroidei (indometacina, chetoprofenfenoxen, napro sia sotto forma di compresse che sotto forma di unguenti, creme e gel.

Peeling, tatuaggi o tatuaggi cosmetici, anche temporanei, possono anche provocare fotodermite..

Sintomi di un'allergia al sole: opzioni per manifestazione

Entro un giorno o poco dopo l'esposizione al sole, il dolore e il prurito della pelle iniziano a disturbare. Quindi appaiono aree di arrossamento sulla pelle, un'eruzione cutanea sotto forma di macchie, noduli, placche, vesciche, che talvolta si fondono in placche. Spesso c'è un deterioramento delle condizioni generali. Molto spesso, si verifica un'eruzione cutanea sul viso, meno spesso sul corpo e sugli arti. Le eruzioni cutanee sul viso possono essere accompagnate da congiuntivite, crepe negli angoli della bocca (cheilite). Dopo una diminuzione dei sintomi acuti, si nota il peeling della pelle. Con l'esposizione ripetuta al sole, la malattia può peggiorare di nuovo.

È importante distinguere la fotodermatite dalle normali scottature solari. È anche accompagnato da dolore sullo sfondo del rossore della pelle e con forme gravi, possono verificarsi vesciche. Ma l'eruzione cutanea e il forte prurito, caratteristici della fotodermite, con una scottatura solare non danno fastidio.

Raccomandazioni e trattamento

Ai primi sintomi di un'allergia al sole, è necessario consultare un medico e seguire rigorosamente le sue istruzioni.

La prima raccomandazione del medico per qualsiasi allergia è di eliminare o ridurre il contatto con l'allergene..

  1. Evitare la luce solare diretta, essere all'ombra, sotto una tenda da sole.
  2. Rifiuta di visitare il solarium.
  3. Usa i prodotti di protezione UV applicandoli al tuo corpo 20 minuti prima di uscire.
  4. Non dimenticare i cappelli con visiera o visiera e abiti a maniche lunghe.
  5. Dopo il bagno in acque libere, tampona la pelle, ma non pulirla. Quindi risparmi uno strato di crema solare.
  6. Ridurre al minimo l'uso di trucco, creme, profumi, ecc..
  7. Leggere attentamente le istruzioni per i medicinali: i preparati non devono contenere sostanze che possono provocare fotodermite. Discutere in anticipo con il proprio medico le opzioni per la sostituzione dei farmaci per i sintomi dell'allergia solare.
  8. Evitare il contatto con piante contenenti furocumarine.
  9. Aumentare il consumo di verdure fresche, frutta e bacche, contribuiscono al ripristino della pelle danneggiata a causa della presenza di antiossidanti e vitamine del gruppo B.

Come eliminare i sintomi delle allergie al sole

Per alleviare i sintomi di allergia, il medico può prescrivere antistaminici (ad es. Cetrin ®). In futuro, è consigliabile tenere a portata di mano questi farmaci: sfortunatamente, una reazione allergica al sole può essere ripetuta.

Per trattare le manifestazioni locali sulla pelle, il medico può raccomandare lozioni fredde, nonché pomate o creme esterne contenenti glucocorticosteroidi.

Se la causa della fotodermite è interna, è necessario trattare una malattia che provoca un'allergia al sole.

La conformità con queste raccomandazioni e le seguenti prescrizioni del medico ti aiuteranno a ridurre significativamente la comparsa dei sintomi di allergia al sole o persino a sbarazzarti delle manifestazioni di fotodermite.

Allergia al sole: come si manifesta e cosa fare

Articoli di esperti medici

Un'allergia al sole è una fotodermatosi allergica o una fotoallergia. Il nome della malattia deriva da due parole greche: phōtos, derma, cioè luce, pelle, e comprende un gruppo abbastanza ampio di problemi dermatologici causati dall'esposizione alla luce solare. Eruzioni cutanee e prurito causati dal sole non devono essere chiamati allergie, ma una falsa reazione allergica, poiché gli anticorpi non si formano nel siero del sangue.

Codice ICD-10

Cosa può provocare un'allergia al sole?

I motivi per cui si sviluppano allergie al sole sono diversi. Si ritiene che i fattori provocatori possano essere:

  • Malattie del fegato e della cistifellea.
  • Patologie gastrointestinali, insufficienza enzimatica.
  • Malattia renale cronica.
  • Malattia della tiroide.
  • Disturbo del metabolismo dei pigmenti (porfirina).
  • Infezione parassitaria, invasione elmintica.
  • Carenza di vitamine, in particolare mancanza di vitamine A, PP ed E.
  • Farmaci non controllati.
  • Predisposizione allergica generale, inclusa ereditaria.

Farmaci fototossici che possono causare allergie al sole:

  • L'intero gruppo tetraciclina.
  • citostatici.
  • I corticosteroidi.
  • Farmaci ipolipemizzanti.
  • Sonniferi e barbiturici.
  • Contraccettivi orali.
  • Cardiopreparations.
  • Farmaci antinfiammatori non steroidei.
  • sulfamidici.
  • retinols.
  • salicilati.
  • antipsicotici.
  • Farmaci antifungini.
  • I fluorochinoloni.
  • diuretici.
  • Farmaci antiaritmici.
  • Vitamine B2, B6.
  • Aspirina.

Piante, frutti, frutti, che includono furocoumarins. Un'allergia al sole può essere scatenata da tali sensibilizzanti delle piante:

Il meccanismo di sviluppo delle allergie al sole

La luce solare, in linea di principio, non può essere un allergene, ma può provocare diversi tipi di reazioni aggressive non solo del sistema immunitario, ma anche dell'intero organismo:

  • Reazione fototraumatica - una scottatura solare elementare da un'abbronzatura eccessivamente “zelante”.
  • Reazione fototossica - fotodermatosi causata dall'interazione delle radiazioni ultraviolette e alcuni tipi di farmaci, piante.
  • Fotoallergia o allergia al sole - fotosensibilità.

Tutti i tipi di reazioni si manifestano con vari gradi di pigmentazione della pelle, inoltre, nelle persone che sono inclini alle allergie, anche un'esposizione apparentemente sicura di mezz'ora al sole può causare gravi allergie.

Un'allergia al sole può essere scatenata dai fotosensibilizzanti, tra cui molti componenti vegetali, cibo e sostanze farmaceutiche. I fotosensibilizzatori aumentano la sensibilità della pelle agli effetti delle radiazioni ultraviolette, attivano meccanismi interni di "protesta", inclusa la risposta aggressiva del sistema immunitario. Prurito ed eruzione cutanea, tipici delle allergie classiche, con false allergie si formano a seguito della formazione di sostanze biologicamente attive all'interno del corpo: acetilcolina, istamina.

I fotosensibilizzanti, a loro volta, si differenziano per la velocità di azione - facoltativa e obbligatoria.

  1. La fotosensibilità facoltativa del derma è molto rara, solo in casi eccezionali con intensa esposizione alla luce solare e in presenza di prontezza allergica. Le sostanze opzionali tendono a provocare una reazione allergica..
  2. Obbligatorio: attiva sempre la fotosensibilità della pelle sempre, a volte quasi 10-15 minuti dopo o diverse ore dopo. I sensibilizzanti obbligatori provocano una reazione fototossica.

Oltre ai sintomi acuti sotto forma di scottature solari o fotodermatite, un'allergia al sole può causare esacerbazione di eczema, herpes, acne e persino psoriasi. Esistono fotosensibilizzanti che possono accelerare l'appassimento del tegumento cutaneo e contribuire allo sviluppo del cancro (tumore della pelle, melanoma).

Sintomi di allergia al sole

Un'allergia al sole si manifesta più spesso con fotodermatosi, cioè con sintomi cutanei. La fotodermatosi può apparire come una ben nota ustione dopo scottature solari, fotofitodermite, reazione fototossica, eczema leggero, prurito, orticaria solare.

  • Sunburn, combinato con manifestazioni allergiche. Questa è una reazione fototraumatica acuta, che si manifesta con infiammazione della pelle e negli ultimi 20 anni, provocando sempre più melanoma (cancro della pelle).
  • L'esposizione cronica alle radiazioni ultraviolette provoca heroderma, che non sembra un'allergia classica, tuttavia, i processi che si svolgono all'interno del corpo sono molto simili alla tipica risposta immunitaria all'invasione di allergeni. Il fotoinvecchiamento può portare a iperpigmentazione, riduzione del turgore cutaneo, aumento della sensibilità e piccole eruzioni cutanee interne (emorragie).
  • Il contatto con piante fototossiche può anche provocare fotodermatosi, in particolare fotodermite da "prato". Tali sensibilizzanti vegetali comprendono tutte le piante contenenti salicilati e cumarinici..
  • L'eczema solare e il prurito prurito sono manifestazioni tipiche dell'allergia al sole..
  • Le allergie possono manifestarsi come dermatosi polimorfiche, cioè un'eruzione cutanea dipendente dalla luce.

È necessario distinguere tra fotodermatite e fotodermatosi. È abbastanza facile, basta ricordare che la fine "um" è un sintomo transitorio, in rapido sviluppo, e la fine "oz" significa un processo più lungo.

La fotodermite, che è considerata tossica, è caratterizzata da eruzioni cutanee in aree del corpo esposte alla luce solare: compaiono vesciche che poi esplodono e la pelle è pigmentata in questi luoghi.

La fotodermatosi tossica è caratterizzata da desquamazione, rilassamento cutaneo. Diventa flaccido, secco, compaiono teleangectasie (scoppio dei vasi sanguigni), quindi si sviluppa l'iperpigmentazione.

La fotofitodermite è un arrossamento significativo della pelle, la comparsa di vesciche di forma irregolare, l'intero corpo inizia a prudere, prurito. L'iperpigmentazione non è localizzata, assomiglia a modelli sfocati.

La tipica dermatite fotoallergica sembra un'eruzione cutanea, a volte come una dispersione di piccole vescicole, il corpo prude, prude. La pigmentazione è estremamente rara e l'eritema solare è quasi sempre. Un'allergia al sole può anche manifestarsi quando si fondono vesciche localizzate sul viso. Quindi l'eruzione cutanea si diffonde gradualmente al collo e verso il basso in tutto il corpo. Spesso, le manifestazioni cutanee sono accompagnate da febbre, mal di testa, cheilite (infiammazione del bordo delle labbra), congiuntivite.

Le vesciche umide con essudato, combinate con gonfiore della pelle, indicano eczema solare.

Allergia al sole, sintomi, cosa fare, come trattare

Saluti ai miei amati lettori sul mio blog. Oggi è il tema estivo, il periodo delle vacanze, il riposo sulle spiagge, tutti sono desiderosi di partire per rilassarsi, prendere il sole, nuotare abbastanza nel mare.

Ma c'è un problema che puoi improvvisamente incontrare in vacanza e altro ancora. La fotodermite, o nelle persone comuni, un'allergia al sole, ha recentemente la tendenza ad aumentare il numero di vittime.

Qual è la ragione di ciò, dobbiamo capire questa nota. Dovresti scoprire la causa, i sintomi e i modi per prevenire le allergie al sole, nonché i metodi di trattamento..

Si scopre che circa il 20% delle persone in un modo o nell'altro si trova ad affrontare una reazione allergica al sole. Sono i proprietari dell'ipersensibilità della pelle e la manifestazione della fotodermatosi in essi di solito inizia nel mese di maggio. I medici chiamano anche questo fenomeno una reazione fototossica..

Allergia al sole nei sintomi, foto

Le statistiche mediche sono inarrestabili; i casi segnalati di allergie al sole aumentano di anno in anno. È importante notare che la fotodermatosi non ha sempre una forma cronica nella sua storia. Esiste un'opzione tale che dopo un trattamento adeguato, i sintomi delle allergie scompaiono e non lo farai mai più.

Il sole con i suoi raggi non è un allergene, ma può provocare con il suo effetto sul corpo umano l'accumulo di sostanze, che in futuro causano fotodermatosi.

Le persone ignare possono facilmente confondere i sintomi delle ustioni con le allergie al sole. Tuttavia, le loro manifestazioni sono diverse.

Ustioni solari - contrassegnate da dolore e forte arrossamento della pelle esposta. Se l'ustione è profonda, possono formarsi bolle..

Fotodermite (allergia solare) - ha altri sintomi: la persona avverte un forte prurito, la pelle è coperta da un'eruzione cutanea rossa e persino su aree protette dal sole.

Ci sono anche indicazioni generali: la presenza di uno stato febbrile, dal rilascio di tossine nel sangue. In questo caso, la persona mostra vertigini, mal di testa, sensazione di debolezza, nausea, svenimento, a causa della caduta della pressione sanguigna.

In una forma più lieve, si possono osservare eruzioni cutanee e peeling pustolosi. Le allergie possono causare fattori correlati. A volte, una tale reazione è data dall'assunzione di antibiotici o contraccettivi.

Può anche essere influenzato applicando sulla pelle eventuali oli essenziali o altri componenti, se l'immunità è ridotta, o una persona soffre di una malattia del fegato o dell'intestino.

Ciò che è degno di nota, questa condizione potrebbe non verificarsi immediatamente. Se l'ustione si fa sentire quasi immediatamente, allora la fotodermatosi, dopo un tempo abbastanza lungo, dopo aver lasciato la spiaggia.

Dirò anche di più, le allergie possono verificarsi dopo che sei tornato in sicurezza da una casa di vacanza.

Misure di sicurezza

Puoi parlare di allergie al sole solo se hai preso tutte le misure di protezione prima di andare in spiaggia o in un altro posto al sole. L'uso corretto delle creme SPF, nonché:

  1. Non essere sotto il sole aperto dalle 11:00 alle 15:00, in questo momento l'attività della luce solare è al massimo livello
  2. La crema solare deve essere utilizzata con un livello massimo di protezione (30-50)
  3. Sulla spiaggia, Sanskrin dovrebbe essere aggiornato dopo ogni contatto con l'acqua e, in un ambiente urbano, applicare la crema prima di uscire e poi ogni 2 ore, se necessario, al sole
  4. L'applicazione del sanscrito dovrebbe essere una parte indispensabile del trucco. E, soprattutto, ricorda che i valori SPF non sono cumulativi.

Se hai applicato la crema con SPF-50 e la crema BB con SPF-8 in cima, l'ultima crema con fattore 8 funzionerà sulla pelle. In tali momenti, ci sono creme BB e CC con un alto fattore di protezione, oltre a uno spray, che può essere utilizzato sopra il trucco.

Chi è a rischio

Predisposizione ereditaria, uno dei fattori per la manifestazione di allergie solari nell'uomo. Se sulla linea di madre e padre, la famiglia era allergica al sole, compresi i nonni e altri parenti, la probabilità che si manifestasse la fotodermatosi raggiunge il 70%.

Se un'allergia si manifestava solo in un ramo della famiglia, solo ad esempio la madre o solo il padre, la probabilità di manifestazione sarà del 30%.

Uno dei fattori scatenanti può essere:

  • malattia epatica cronica
  • processo disturbato nel funzionamento della cistifellea
  • problemi digestivi
  • qualsiasi manifestazione di malfunzionamenti nella ghiandola tiroidea
  • fallimento renale cronico
  • infestazione elmintica
  • lo scambio di pigmenti non funziona
  • carenti vitamine PP, A, E
  • trattamento farmacologico
  • manifestazioni allergiche croniche

Dai un'occhiata più da vicino ad alcuni farmaci che possono contribuire allo sviluppo della sensibilità al sole..

I farmaci fototossici includono prodotti e preparati di:

  • farmaci tetracicline
  • ormoni corticosteroidi
  • citostatici
  • prodotti anti-zucchero
  • sonniferi
  • pillole anticoncezionali
  • sulfamidici
  • cardiopreparations
  • retinolo
  • rimedi non steroidei per l'infiammazione
  • antipsicotici
  • fluorochinoloni
  • agenti di controllo dei funghi
  • aritmie cardiache
  • diuretici
  • vitamine B2 e B6
  • bevande contenenti alcol, in particolare vini rossi
  • pomodoro, carote, mele acide, agrumi, ma anche fichi, melograno, prezzemolo, sedano
  • succhi di frutta appena spremuti dai frutti di cui sopra
  • cosmetici contenenti: bergamotto, muschio, lime, ecc.

Trattamento di fotodermatosi

Se hai un'allergia al sole, devi pensare al motivo e cancellare il componente che ha causato l'allergia - da medicine, creme o oli.

Se il medico insiste sull'ulteriore utilizzo di un farmaco che provoca allergie, allora non c'è nulla da fare; dovresti limitare il più possibile l'esposizione al sole, oltre a utilizzare la massima protezione.

La fotodermatosi viene trattata, ma deve consistere in un intero complesso ed è prescritta da uno specialista. Il trattamento allergologico, anche con gravità da lieve a moderata, può durare 1-2 settimane e, in casi difficili, fino a un mese.

Nel trattamento delle allergie al sole vengono utilizzati:

  1. Creme e unguenti
  2. Antistaminici
  3. Vitamine prescritte
  4. Vengono utilizzati enterosorbenti e consumo abbondante di acqua pura.

Aiuta i metodi popolari

Nelle manifestazioni iniziali di allergie, puoi aiutare con i metodi popolari:

Usiamo il cavolo. Eliminiamo la foglia di cavolo fino a quando appare il succo e lo applichiamo alle aree interessate della pelle.

L'uso di compresse. Applicare impacchi dal cetriolo affettato o grattugiare le patate e attaccarlo. Mantieni almeno mezz'ora.

Fai il bagno con l'infuso di celidonia.

Conclusione

In tutti i consigli per la raccolta di valigie per le tue vacanze, viene sempre menzionato un kit di pronto soccorso, che dovrebbe essere portato con te in viaggio. E in questo armadietto dei medicinali dovrebbe esserci un antistaminico, il primo assistente nella lotta contro le allergie, incluso il solare.

Di conseguenza, la protezione solare con un alto livello di protezione è sempre al primo posto. E anche unguenti, ad esempio con contenuto di pantenolo, che hanno proprietà per aiutare la guarigione, che saranno necessari se l'allergia prende improvvisamente in vacanza.

E, in generale, l'approccio giusto per proteggersi dal sole e prendersi cura di sé contribuirà a diventare un periodo estivo spensierato e gioioso. Buona stagione estiva a tutti i miei lettori.

Allergia al sole - sintomi, trattamento, cause


L'estate è un ottimo momento per le vacanze, per un lungo soggiorno in case di campagna, per viaggi, gite al mare, in paesi esotici. Nuotare e prendere il sole, godersi l'acqua di mare e riscaldarsi al sole: cosa potrebbe esserci di meglio?

Tuttavia, negli ultimi anni, i casi di maggiore sensibilità al sole in molte persone sono diventati più frequenti. Questa è un'allergia al sole, i cui sintomi si manifestano o in un lampo - dopo 20-30 secondi, o dopo alcune ore o 2-3 giorni dopo l'abbronzatura. In medicina, una reazione così inadeguata del corpo a radiazioni eccessive è chiamata fotodermatosi o reazione fototossica..

Tipi di allergie al sole

L'esposizione alla luce solare provoca varie reazioni innaturali in una persona chiamata fotosensibilizzazione:

questa è una normale reazione del corpo dopo una lunghissima esposizione al sole, anche in una persona completamente sana, dopo molte ore di intensa radiazione ultravioletta, possono verificarsi scottature solari. Non ci soffermeremo su questa opzione, poiché tutti sanno che non puoi prendere il sole a lungo, soprattutto dalle 11-00 alle 16-00 ore.

può anche apparire in qualsiasi persona sotto forma di scottature solari - edema, vesciche, eritema. Ciò è spesso causato dall'uso orale o per iniezione di determinati farmaci, erbe, prodotti contenenti fotosensibilizzanti..

questo è un processo patologico che si verifica solo nelle persone il cui corpo rifiuta per qualche motivo le radiazioni ultraviolette e la loro pelle e le mucose reagiscono alla luce solare come un effetto esterno ostile, alieno, tossico. Ciò è dovuto a disturbi immunitari e una reazione simile si manifesta come papule, pianto, vescicole e lichenizzazione della pelle (eruzione cutanea con un modello migliorato, che è accompagnata da un forte ispessimento della pelle e una violazione della pigmentazione, mentre la pelle diventa ruvida e usurata).

A rischio per lo sviluppo di allergie al sole sono:

  • Persone con malattie del sistema endocrino
  • Persone con malattie epatiche e renali
  • Persone con vari disturbi del sistema immunitario

Come è un'allergia al sole - sintomi

I segni di un'allergia al sole possono essere variati e variare a seconda delle cause che l'hanno causata, sull'età di un adulto o di un bambino, su un fattore provocatorio interno o esterno. Molto spesso, i sintomi dell'allergia solare si manifestano con i seguenti disturbi:

  • Rossore, eruzione cutanea, prurito, ascessi della pelle esposti alla luce solare.
  • Un'allergia al sole sulle mani, sul viso, sulle gambe, sul petto si manifesta come irregolarità della pelle ruvida e piccola che fanno male, prurito, a volte si fondono in foche gonfie e arrossate.
  • A volte croste, squame, sanguinamento.
  • Molto spesso, le allergie cutanee del sole sembrano orticaria, eczema o vesciche.
  • Segni e sintomi di un'allergia al sole compaiono non solo nei luoghi in cui vi è stata un'esposizione solare attiva, se si verifica una reazione allergica sotto forma di eczema, può anche essere in luoghi lontani dagli effetti delle radiazioni ultraviolette.

Un corpo fisicamente forte e sano non dovrebbe avere allergie al sole. Pertanto, soprattutto spesso c'è un'allergia al sole nei neonati, nei bambini che non sono forti dopo una malattia, nelle persone anziane e nelle persone con molte malattie croniche.

Cause delle allergie al sole

Molto spesso, le persone con il primo fototipo cutaneo, chiamato anche Celtic, sono esposte alle allergie solari. La pelle di queste persone quasi non si abbronza, ma su di essa si verificano abbastanza spesso reazioni allergiche alla luce ultravioletta..

Sostanze speciali I fotosensibilizzatori o gli agenti fotoreattivi causano allergie al sole, i cui sintomi dipendono dall'intensità dell'esposizione e dalla quantità di queste sostanze. Nel corpo di una persona che ha subito radiazioni ultraviolette naturali o artificiali (abbronzatura solare, lettini abbronzanti, lampade UV), questi fotosensibilizzatori causano cambiamenti che si manifestano come allergie al sole.

Le reazioni fototossiche possono essere causate da alcune sostanze, al fine di scoprire perché è apparsa una tale allergia, è necessario sapere dove possono essere contenute tali sostanze provocatorie:

  • Nei prodotti per l'igiene - nel sapone antibatterico
  • In cosmetici e profumi - nella maggior parte delle lozioni, profumi, colonie, deodoranti, rossetti. La maggior parte delle creme, che includono burro di arachidi, oli essenziali di tutti gli agrumi, semi di cumino, aneto, bergamotto, muschio, ambra, iperico, patchouli, corteccia di cannella.
  • I filtri solari sono un paradosso, ma è quando si applicano prodotti per la protezione solare che si può ottenere una grave reazione allergica. Se la composizione di tali fondi include PABA - acido para-aminobenzoico e benzofenoni.
  • In alcuni additivi alimentari, ad esempio dolcificanti.
  • Quando si applicano i tatuaggi, poiché utilizza l'eccipiente cadmio solfato, è anche in grado di causare fotosensibilità.
  • Nei prodotti chimici domestici - ad esempio, nelle falene.
  • Nelle medicine, inoltre, anche se sono trascorse diverse settimane o mesi dall'interruzione del farmaco, può verificarsi una reazione allergica dopo l'irradiazione ultravioletta, poiché le sostanze si accumulano nel corpo e nella pelle umana e talvolta vengono eliminate molto lentamente. Ci sono casi in cui la sensibilità alla luce solare dovuta ai farmaci persiste per diversi mesi o addirittura anni.

Malattia di Gunther - una rara forma di fotodermatosi è la malattia di Gunther o porfiria eritropoietica. I pazienti con questa mutazione recessiva sono pienamente coerenti con le classiche descrizioni dei vampiri: hanno paura della luce del giorno e della luce solare a causa di ulcere e crepe della pelle, che si trasformano gradualmente in deformazioni e cartilagine, sono abbastanza pallidi, hanno sopracciglia e ciglia eccessivamente spesse. Nei pazienti, lo smalto dei denti e l'urina possono essere rosa. Alla luce ultravioletta, lo smalto dei denti si illumina di rosso sangue. Oggi la malattia non è ancora completamente guarita.

Pellagra - una malattia rara è anche accompagnata da fotodermatosi. La pellagra (pelle ruvida) è una violazione dell'assorbimento o dell'assunzione insufficiente di acido nicotinico (vitamina PP).

Elenco di medicinali, piante e alimenti che causano sintomi di allergie solari

Le istruzioni per l'uso di un numero molto elevato di diversi farmaci contengono indicazioni di un possibile effetto collaterale come la fotosensibilizzazione e che tale effetto è estremamente raro, circa 1/10 000 di casi. Questi medicinali includono:

  • Fluorochinoloni: ofloxacina, ciprofloxacina, levofloxacina, nolicina, ecc..
  • Tetracicline - doxiciclina
  • Macrolidi: Sumamed, Macropen, ecc..
  • Co-trimoxazole - Biseptol, un inibitore dell'acido folico
  • Acido pipemidico - usato per il trattamento della cistite, pielonefrite (Palin)
  • Antimicotici - specialmente Griseofulvin e altre compresse antifungine.

FANS - farmaci antinfiammatori non steroidei, antipiretici e analgesici - Ibuprofene e Piroxicam.
Antistaminici: difenidramina e prometazina.
Agenti cardiologici per il trattamento delle malattie cardiovascolari:

  • Fibrati: acidi fibroici, farmaci che abbassano il colesterolo nel sangue
  • L'amiodarone è un farmaco antiaritmico Cordaron, inoltre provoca un'abbronzatura bluastra
  • Digitossina - un farmaco cardiotonico
  • Atorvastatine - pillole per colesterolo, statine, per abbassare il colesterolo

Antidepressivi, sedativi - Doxipin, Melipramine, alcuni sonniferi.
Diuretici tiazidici - Il diuretico di clortiazide e qualsiasi altro agente diuretico possono anche causare o aggravare allergie cutanee al sole, i suoi sintomi.
Farmaci ipolipemizzanti per il trattamento del diabete - Glibenclamide e clorpropamide.
Oli essenziali - olio di bergamotto, lime piccolo, iperico, oli essenziali di quasi tutti gli agrumi - limone, mandarino, arancia.
Corticosteroidi: creme e pomate ormonali con uso prolungato.
Acido borico e salicilico, blu di metilene, pomate contenenti catrame.

Piante che causano allergie al sole

Molto spesso, a contatto con la pelle di sostanze speciali - furocoumarine, che sono contenute in prato e altre piante, nonché l'esposizione alla luce solare su queste aree della pelle, si verifica un'allergia al sole. I sintomi della fotodermite in questo caso sono i seguenti:

  • Eruzioni cutanee e vesciche
  • Arrossamento della pelle
  • Forte prurito
  • La pigmentazione rimane a lungo al posto delle aree interessate della pelle..

Piante - i fotosensibilizzatori esogeni che dovrebbero essere evitati in estate includono:

  • Ortica, grano saraceno, quinoa, cenere, ranunculaceae, panace, fico.
  • Se prendi erbe medicinali all'interno, è anche possibile lo sviluppo di sintomi di allergie al sole: erba di San Giovanni, trifoglio, angelica, Donnik, Repeshok, Hogweed, ancore.
  • Le alghe carice e blu-verde possono anche causare allergie al sole perché contengono clorofilla e ficocianina.

Prodotti fotoallergici

I seguenti prodotti hanno un effetto così provocatorio:

  • Prima di uscire al sole, non tagliare, mangiare o bere succhi di tali prodotti, poiché le mani e le labbra possono soffrire di una reazione inadeguata del corpo ai raggi del sole: succo di carota, peperone dolce, fichi, succhi di agrumi, acetosa, sedano, prezzemolo.
  • La sensibilità ai raggi ultravioletti è anche aumentata da: cibi piccanti, bevande alcoliche, in particolare vino e champagne, tutti i prodotti con un'abbondanza di coloranti, additivi artificiali e conservanti.
  • Un fattore di rischio aumentato per lo sviluppo di sintomi di allergie al sole esiste nelle persone che sono già allergiche al caffè, noci, cioccolato.

Trattamento di allergia al sole

Quando appare un'allergia al sole - come trattare questa strana reazione? Prima di tutto, dovresti scoprire la vera causa della reazione allergica alla luce ultravioletta. Se si tratta di una droga, cibo o erba, dovresti interromperla o mangiarla. Se non puoi rifiutare di usare le medicine necessarie, allora è meglio evitare qualsiasi contatto della pelle con il sole, hai bisogno di una protezione costante dai raggi UV.

E se questo non è associato all'uso di droghe, dovresti scoprire possibili malfunzionamenti interni nel funzionamento di sistemi e organi, incluso il sistema immunitario. Quali rimedi, medicine, pillole esistono per le allergie al sole? Quali sono unguenti e creme per le allergie al sole?

Creme e unguenti con corticosteroidi sono molto efficaci, ma il loro uso dovrebbe essere solo con una grave forma di allergia al sole, il trattamento con questi agenti dovrebbe essere prescritto solo da un medico. Il corso del trattamento con unguenti così gravi dovrebbe essere breve, poiché il loro uso a lungo termine stesso può causare vari disturbi della pelle, eritema, rosacea, vasodilatazione sulla pelle, nonché abituarsi rapidamente a loro e il loro uso frequente può provocare atrofia della pelle.

Tra le creme e gli unguenti non ormonali per le allergie, puoi usare il gel Fenistil, Desitin, Gistan, La Cree, Dexpanthenol, Panthenol, Radevit, Elidel, Protopic, Losterin, Vundekhil, La Cree (per ulteriori informazioni su queste creme e unguenti, vedi pomate per dermatite ) C'è anche un elenco di gel, creme, unguenti nel nostro articolo sul trattamento delle scottature solari: Phlocet, Actovegin, Psilo-Balsam, Solcoseryl, Vinylin, Carotolin, Livian, ecc..

Dopo un esame completo con un terapista, un dermatologo, un allergologo-immunologo e stabilendo la causa dell'allergia, i medici possono prescrivere antistaminici. A seconda della causa della fotodermatosi, questi rimedi aiutano qualcuno molto bene;.

Tra questi, puoi provare Claritin, Suprastin e Tavegil. Gli antistaminici di terza generazione, come Cetrin e Zodak, sono molto efficaci in varie reazioni allergiche, non provocano sonnolenza e hanno un effetto prolungato, possono essere utilizzati a lungo.

Una delle cause delle allergie può essere una diminuzione dell'immunità, una carenza di vitamine, quindi vitamine come la vitamina C, il gruppo B, la vitamina E e l'acido nicotinico possono essere uno dei componenti di un trattamento completo per le allergie al sole.

  • Detergere il corpo con enterosorbenti e bere pesante

È necessario purificare il corpo da allergeni e tossine il più rapidamente possibile, per questo è possibile utilizzare assorbenti come Polysorb MP, Filtrum STI, Polyphepan, Enterosgel. Dovresti anche bere quanta più acqua pulita possibile al giorno, più di 2-2,5 litri, questo aiuterà il corpo a rimuovere rapidamente gli allergeni dal corpo..

Se non c'è modo di consultare urgentemente un medico, allora puoi provare a trovare tra i rimedi popolari quelli che possono aiutare per la prima volta a mitigare l'infiammazione della pelle: si tratta di succo fresco di cetriolo, cavolo o patate. Il succo di patate e cavolo ha incredibili proprietà di ammorbidimento e rapida guarigione di ferite, lesioni cutanee. Inoltre, l'infuso di calendula o celidonia, con cui si possono fare impacchi freddi, ha un effetto ammorbidente.

Se compaiono reazioni fotosensibili patologiche, il medico dovrebbe dirti per quanto tempo è iniziata la reazione al sole, quali sono state le manifestazioni, come sono state le eruzioni cutanee e come ti sei sentito.