Come riconoscere un'allergia alle vitamine in un bambino

Trattamento

Un'allergia alle vitamine in un bambino si manifesta più spesso quando si introducono nella dieta alimenti complementari di frutta e verdura e arricchiti con miscele di vitamine e minerali. Le allergie sono anche possibili quando si applicano alle creme per la pelle con un complesso vitaminico. La rinite allergica può essere fermata, le eruzioni cutanee possono essere curate a casa e l'edema di Quincke e un'allergia alla vitamina B6, che provoca disturbi nel sistema circolatorio del bambino, sono trattati in ospedale sotto la costante supervisione di specialisti.

Caratteristiche di allergia alla vitamina

La probabilità di insorgenza dipende dal sistema immunitario. Può verificarsi con una sovrasaturazione del corpo o con ipersensibilità a un certo tipo di vitamine, minerali. In presenza di allergie nei genitori, il bambino è a rischio.

I primi sintomi di un'allergia

Molto spesso, i primi segni di un'allergia sono associati a un cambiamento nella respirazione, che è causato dal gonfiore dei seni. Accompagnando questo:

  • letargo,
  • respiro affannoso,
  • naso che cola correlato al freddo,
  • gonfiore del naso,
  • starnuti,
  • tosse,
  • aumento delle pulsazioni,
  • mal di testa,
  • vertigini.

I casi più gravi sono un attacco d'asma e l'edema di Quincke..

I segni esterni di una reazione includono:

  • arrossamento della pelle,
  • eruzione cutanea,
  • prurito,
  • gonfiore del viso, degli arti,
  • la comparsa di vesciche.

Un'allergia alle vitamine in un bambino può manifestarsi come sintomo di irritazione alimentare. Ecco perché ogni nuovo prodotto per il bambino viene introdotto nella dieta a piccole dosi, in modo da non provocare gravi conseguenze, per vedere la reazione del corpo.

Tipi di allergie nei neonati

I sintomi dell'allergia di un bambino dipendono dal patogeno. L'intolleranza è divisa in diversi tipi:

  • cibo,
  • contatto,
  • respiratorio,
  • termico (caldo o freddo).

Se vengono rilevati segni di una reazione allergica alle vitamine, nessuno di questi tipi può essere escluso. Le vitamine entrano nel corpo non solo per via orale, ma anche attraverso la pelle - durante l'applicazione di creme, oli e una passeggiata dal sole. Spesso, la vitamina D, ottenuta durante una passeggiata con attività solare, appare sulla pelle di un bambino con orticaria. Il bambino può ottenere la stessa reazione quando consuma prodotti con acido folico, nonché durante la fisioterapia, quando prescrive un trattamento con questo medicinale per iperattività.

Per i bambini con malattie renali, anche un eccesso di potassio può causare malessere. Sintomi di avvelenamento da potassio:

  • vertigini,
  • disorientamento,
  • aritmia,
  • nausea,
  • diarrea,
  • stipsi,
  • riduzione della pressione.

Il pronto soccorso tempestivo aiuta ad evitare il coma.

Cosa fare con le allergie

La reazione del corpo ai complessi vitaminici in un bambino è individuale, così come il trattamento. È prescritto dopo l'esame, identificando l'agente causale delle manifestazioni di allergia. Quando si confrontano i sintomi della malattia e il prodotto introdotto nella dieta del bambino, è possibile riconoscere alcuni alimenti indesiderati.

Attenzione! Con qualsiasi manifestazione di una reazione allergica in un bambino che non è in grado di spiegare le sue condizioni, è necessario chiamare un'ambulanza.

Con l'aspetto periodico dell'orticaria - una crosta rossastra sulla pelle, che diventa pallida e scompare dopo breve tempo, è necessario consultare un dermatologo. La stessa cosa deve essere fatta con tutti i tipi di manifestazioni sulla pelle. La diatesi può essere accompagnata da un aumento della temperatura, che rende la chiamata di un medico a casa una misura necessaria.

Vitamina C

L'allergia alla vitamina C solo in un bambino è il tipo più comune di malattia causata dal consumo eccessivo di agrumi. Inoltre, un aumento delle dosi di confetti con cure mediche può provocare questo tipo di allergia. La causa della diatesi può anche essere l'intolleranza individuale all'acido ascorbico. Un sovradosaggio di vitamina C si manifesta con eruzioni cutanee - diatesi. Con le recidive, questa malattia si sviluppa in forme più complesse: neurodermite, psoriasi.

Un sovradosaggio di acne pruriginosa rossa è espresso in alcune parti del corpo o ovunque. Le prime manifestazioni della malattia compaiono su guance, ascelle, glutei.

Vitamina D

Quando è allergico alla vitamina D3, il bambino diventa irritabile, letargico o lunatico. Se si osservano eruzioni cutanee sulla pelle delle mani, del collo, delle ascelle, si può sospettare una reazione a questo farmaco. D3 aiuta a rafforzare le ossa, i pediatri lo prescrivono (a base di olio o acqua) per quasi tutti i bambini, ma questo non è sempre necessario.

Attenzione! Se, dopo aver assunto il farmaco, vengono osservati respiro corto, respiro sibilante, gonfiore del viso, delle braccia, delle gambe, è urgentemente necessaria l'assistenza medica.

Prima di condurre un esame clinico, il farmaco dovrà essere posticipato. Se ricevi un effetto indesiderato da un farmaco, dovresti smettere di prenderlo. Entro 2-3 giorni, il corpo viene pulito dall'eccesso in modo naturale.

Vitamina E

Nei bambini e nei neonati, la reazione alla vitamina E è più spesso il tipo di contatto. Quando si applica una crema per bambini fortificata sulla pelle del bambino, compaiono i seguenti segni di dermatite da contatto:

  • prurito,
  • arrossamento della pelle,
  • mal di testa,
  • letargo,
  • irritabilità.

In forma grave, la malattia viene diagnosticata per mancanza di respiro, gonfiore del viso e degli arti. Per i bambini, questo tipo di reazione allergica minaccia solo di intolleranza personale.

Vitamina B

I bambini nel loro secondo anno di vita hanno un rischio di sovradosaggio e ipersensibilità alla vitamina B1. La tiamina in caso di sovradosaggio provoca una forte reazione allergica - una serie di processi cumulativi e sequenziali. La relazione tra processi fisiologici, biochimici, immunologici e morfologici determina il decorso della malattia.

Il tipo più raro è un'allergia alla vitamina B6. Non agisce a livello cellulare, ma danneggia il sistema circolatorio. Un'allergia alla B12 si manifesta con arrossamento, lieve prurito e un'eruzione cutanea da acne sulla pelle..

Calcio

Un sovradosaggio di calcio, che può causare segni di allergia, è possibile in presenza di malattia renale cronica o quando viene superata la dose necessaria per il bambino. Per le persone con reazioni allergiche, il gluconato di calcio viene utilizzato per fermare gli attacchi.

Magnesio

Il magnesio per un bambino il cui apparato digerente non è ancora pronto a digerire questo componente è la causa della febbre. Se l'allergene è magnesio, è possibile:

  • peeling,
  • piccole eruzioni cutanee,
  • prurito,
  • arrossamento della pelle causato da un flusso sanguigno eccessivo.

I segni più frequenti di sovraccarico di magnesio sono:

  • mal di stomaco,
  • flatulenza,
  • nausea,
  • diarrea.

I sintomi di un orientamento neurologico sono anche possibili:

  • fatica,
  • sonnolenza,
  • abbassamento della pressione sanguigna.

Ci sono dolori e febbre, che è insolito per la maggior parte delle reazioni allergiche.

Metodi di trattamento

I metodi di trattamento sono prescritti dal medico. Per i bambini, i medici spesso raccomandano contro la dermatite i rimedi popolari che alleviano l'irritazione, le infusioni di erbe secche dell'acne. I farmaci assorbenti sono usati come agenti di pulizia del corpo, come nell'intossicazione alimentare. Assicurati di aumentare la quantità di bevande nella dieta, che accelera l'eliminazione degli allergeni dal corpo.

Farmaco

Gli antistaminici adatti all'età sono prescritti per i bambini in caso di emergenza. Con irritazione intestinale, vengono prescritti farmaci per la disbiosi. Non solo normalizzano le feci, ma rafforzano anche il sistema immunitario. Gli enterosorbenti sono usati per rimuovere le tossine dal corpo. Per alleviare lo stress, la tensione, al bambino vengono prescritti sedativi, che aiutano a ripristinare l'umore del bambino e rafforzare la sua immunità.

Sintomi: colliri per congiuntivite, gocce nasali per rinite, spray da mal di gola. Sintomatici includono unguenti, creme da dermatite da pannolino, arrossamenti, prurito. Con complesse reazioni allergiche alla pelle, un dermatologo può prescrivere pomate ormonali per un periodo limitato di utilizzo.

popolare

Metodi alternativi di trattamento sono bagni alle erbe e decotti per somministrazione orale. Durante il nuoto, alleviare l'irritazione, il prurito, i processi infiammatori aiuteranno:

  • successione,
  • camomilla,
  • calendola,
  • lavanda,
  • gemme di pino,
  • corteccia di quercia.

Come tè antiallergico, puoi usare un decotto di una serie, ma la ricezione di questo strumento dovrebbe essere discussa con un pediatra locale.

Consigli utili

Se si verificano uno o più segni di allergia, consultare urgentemente un medico.

Nell'armadietto dei medicinali per bambini dovrebbero esserci droghe:

  • antistaminici in gocce,
  • enterosorbents,
  • antidiarroico,
  • lenitivo,
  • crema per bambini con una camomilla o una corda.

È più difficile curare una malattia che prevenirne lo sviluppo. Non puoi dare al bambino un nuovo tipo di alimentazione in grandi quantità. Frutta, verdura, bacche vengono introdotte con un graduale aumento delle porzioni, a partire dal volume più piccolo. Dopo la prima assunzione del preparato vitaminico prescritto, è necessario monitorare attentamente il comportamento e il benessere del bambino.

Allergia alle vitamine nei bambini: cause, sintomi, trattamento

Le vitamine possono causare allergie nei bambini

Se confrontiamo vitamine e farmaci, il secondo gruppo causa spesso una reazione allergica non solo nei bambini di età inferiore ai 3 anni e nei neonati, ma anche negli adulti. Tuttavia, le vitamine, specialmente sotto forma di compresse, possono causare una reazione negativa del corpo.
Le allergie alle vitamine nei bambini possono essere:

  • Cibo. Le vitamine presenti negli alimenti, nelle verdure e nella frutta causano eruzioni cutanee, arrossamenti, naso che cola dopo averle mangiate.
  • Contatto. I sintomi della malattia compaiono dopo l'applicazione di crema fortificata o balsamo sulla pelle del bambino.

Il primo tipo di allergia si trova più spesso nei neonati e nei bambini di età inferiore a 3 anni. A volte si manifesta con piccole eruzioni cutanee e a volte la forma della malattia è grave e per il suo trattamento è necessario ricoverare il bambino in ospedale.
Una reazione allergica può verificarsi in un bambino nel caso di una grande quantità di una specifica vitamina che viene ingerita alla volta. Inoltre, esiste un'intolleranza individuale a un certo tipo di vitamina. A volte la causa delle allergie dopo le vitamine risiede nell'uso a lungo termine. Nel corpo si verifica una sovrabbondanza e i benefici si trasformano in danni.

Cause di allergia alle vitamine in un bambino

La ragione per sviluppare un'allergia alle vitamine risiede nel sistema immunitario. Dopotutto, questa patologia è una reazione di immunità a un corpo estraneo. Per proteggere una persona, inizia a provocare la produzione di immunoglobuline, che sono anticorpi e il loro scopo è rimuovere l'irritante dal corpo.
Le immunoglobuline entrano in contatto con l'allergene, formando un complesso complesso. Circolando attraverso il sangue umano, questi composti si depositano nei capillari, causando la loro infiammazione. Di conseguenza, otteniamo la reazione più comune ad un allergene: prurito e arrossamento della pelle, naso che cola, eruzioni cutanee.
Molto spesso, nei bambini di età inferiore ai 3 anni e nei neonati, le vitamine C, D ed E. possono causare allergie.Una reazione negativa può verificarsi non solo quando si mangiano alimenti contenenti questi composti negli alimenti. Se queste sostanze fanno parte di cosmetici, salviettine umidificate per la cura, pannolini, detergenti o medicinali, possono causare una reazione acuta sotto forma di eruzioni cutanee e arrossamenti.
A volte ci sono bambini fino a 3 anni e bambini che hanno intolleranza personale all'una o all'altra vitamina. La reazione alla sostanza, anche in quantità estremamente ridotte, può essere così acuta da richiedere cure mediche urgenti e ricovero in ospedale..

Tipi di allergie vitaminiche nei neonati

Le vitamine entrano nel corpo del bambino con cibi complementari o latte materno. Più tardi, alcuni di loro, come D, vengono aggiunti alla dieta del bambino specificamente per rafforzare l'immunità e migliorare la crescita. Una reazione allergica alle vitamine D, C, E differisce nei sintomi.

Allergia alla vitamina D nei neonati

Sia un sovradosaggio che un'allergia alla vitamina D sono caratterizzati dagli stessi sintomi. Ciò è dovuto al fatto che il primo nella maggior parte dei casi provoca la comparsa del secondo.
Esistono diversi motivi per cui un bambino è allergico alla vitamina D. Considerali:

  • Una dose erroneamente selezionata di un farmaco vitaminico che entra nel corpo del bambino per lungo tempo.
  • Se una madre che allatta sta assumendo attivamente la vitamina, allora sarà sicuramente nel corpo del bambino. E non sempre può essere di beneficio al bambino.
  • L'aggiunta di vitamina D alla dieta con l'alimentazione artificiale. I produttori stanno già aggiungendo il complesso vitaminico necessario alle miscele di latte finito. Pertanto, con un'ulteriore assunzione di vitamina D, può svilupparsi una reazione allergica..

I principali sintomi che indicano che un bambino è allergico alla vitamina D sono:

  1. Le aree delle guance, del collo, degli avambracci, del culo e delle ginocchia del bambino sono coperte da piccole bolle. Sono anche possibili arrossamento e desquamazione..
  2. Il bambino è irrequieto, non può essere messo a dormire. È associato alla pelle pruriginosa..
  3. Mangia male.
  4. Ha il naso chiuso e starnutisce costantemente.
  5. L'occhio mucoso è infiammato, rosso. Ci può essere lacrimazione abbondante.

Tutti questi sintomi compaiono insieme o separatamente immediatamente dopo l'assunzione di vitamina D o dopo alcune ore. Meno spesso, la reazione si verifica il giorno successivo. Basta smettere di assumere la vitamina e i sintomi scompaiono da soli.
Tuttavia, se la causa non viene determinata e la vitamina D continua ad entrare nel corpo di un bambino indebolito, si possono osservare i seguenti sintomi allergici:

  • Insufficienza respiratoria, tosse persistente, pianto rauco indica una grave forma di allergia. In questo caso, al bambino viene mostrato il ricovero immediato.
  • La costipazione persistente o un disturbo con rigurgito frequente sono caratteristici dell'intossicazione acuta da vitamina D. In questo caso, il bambino deve essere urgentemente mostrato al medico.
  • La presenza di problemi di sonno, rapida crescita eccessiva della fontanella, irritabilità, problemi renali sono chiari sintomi di un sovradosaggio cronico di vitamina D. Per determinare questa condizione, è sufficiente fare un test delle urine.

Allergia alla vitamina D3 nei neonati

La vitamina D3 è una forma di vitamina D che si trova principalmente nei prodotti di origine animale. Un altro nome per la sostanza è colecalciferolo. È quasi impossibile ottenerlo in quantità sufficienti dal cibo a un bambino. Pertanto, viene spesso prescritto per la prevenzione del rachitismo e altre deviazioni nello sviluppo del sistema muscolo-scheletrico in una soluzione oleosa o acquosa.
La reazione allergica alla vitamina D3 nei bambini è molto simile nei sintomi e nel quadro clinico a un'allergia alla vitamina D. Il bambino è costantemente cattivo, è irritabile, è tormentato dall'insonnia e dalla mancanza di appetito. La pelle può essere iperemica o coperta da una piccola eruzione cutanea.
Nei casi più gravi, sono possibili lo sviluppo dell'edema di Quincke, mancanza di respiro, gonfiore degli arti inferiori e superiori e del viso. Questa condizione del bambino richiede il ricovero immediato e la supervisione medica.

Allergia alla vitamina E nei neonati

La vitamina E è necessaria per il normale sviluppo e crescita dei tessuti nel corpo del bambino, rinforza i muscoli, dona elasticità alla pelle e così via. Tuttavia, con un gran numero di vantaggi, questa sostanza può causare una reazione allergica nei bambini. Si manifesta come segue: arrossamento della pelle, eruzioni cutanee, prurito, starnuti frequenti, congestione nasale, pianto. A volte c'è un rilassamento delle feci.
Meno comune è il gonfiore degli arti superiori o inferiori, del viso e dell'edema di Quincke. In questo caso, i medici diagnosticano una forma grave e li inviano in ospedale per il trattamento.
In generale, la vitamina E è considerata un allergene abbastanza debole, che raramente è in grado di causare una reazione negativa eccessivamente pronunciata..

Sintomi di allergia alla vitamina C nei neonati

Il verificarsi di un'allergia ai bambini con vitamina C è in gran parte "obbligato" a sua madre nel caso in cui venga allattato al seno. È lei che, incapace di resistere, può mangiare del prodotto contenente questa sostanza nella sua composizione. Questi sono solitamente agrumi..
Inoltre, la vitamina C può entrare nel corpo di un bambino come parte di alcuni farmaci. Pertanto, è importante leggere attentamente la composizione di qualsiasi medicinale somministrato ai bambini. Il loro corpo reagisce abbastanza bruscamente alla vitamina C. Molto spesso, le allergie si verificano nei bambini che sono carenti di glucosio-6-fosfato deidrogenasi.
A volte questa reazione si verifica nei bambini con l'introduzione di nuovi alimenti in alimenti complementari. Non appena vedi che le briciole sul corpo hanno arrossamenti o eruzioni cutanee, devi rimuovere dalla dieta gli alimenti contenenti acido ascorbico.
Tra i principali sintomi di una reazione allergica a questa sostanza in un bambino, si può distinguere: arrossamento della pelle, eruzione cutanea, naso che cola, lacrimazione. In rare situazioni, si verifica uno shock anafilattico..

Vitamine che causano allergie in un bambino di età inferiore a 3 anni e nei suoi tipi

Nel periodo da un anno a tre, il bambino impara attivamente il mondo, assaggia nuovi piatti, frutta, verdura, succhi di frutta. Inoltre, molte madri utilizzano attivamente cosmetici e creme per il bambino. Tutti questi prodotti contengono vitamine A, C, E, gruppi B e D. Tutti sono in grado di provocare una reazione allergica in un bambino.

Allergia alla vitamina C in un bambino

Questa vitamina si trova in grandi quantità nei mandarini e nelle arance. Questo è ciò che i bambini amano così tanto. Se il bambino ha un'intolleranza individuale all'acido ascorbico, quindi un paio d'ore dopo aver mangiato agrumi, la madre rileva arrossamenti e eruzioni cutanee sul corpo o sulle guance del bambino. Il bambino inizia a lamentarsi del prurito. Anche i glutei, l'area sotto le ascelle e la pancia possono diventare rossi. È cattivo, si lamenta, perde interesse per i giochi e il cibo.
In casi particolarmente gravi, l'edema di Quincke è possibile. Rimuoverlo a casa non funzionerà per te. Qui è necessario l'aiuto qualificato di specialisti..
Inoltre, può verificarsi una reazione allergica se il bambino ha ricevuto una dose eccessiva di vitamina alla volta. Ciò accade spesso quando si mangia un gran numero di agrumi o si abusano di pillole o confetti contenenti acido ascorbico.

Allergia alla vitamina D in un bambino

Questa vitamina è essenziale per una corretta crescita e sviluppo osseo. Li rende forti e durevoli. La vitamina D è richiesta per i bambini di età inferiore ai 3 anni. Durante questo periodo, il bambino cresce attivamente, si muove molto e ha bisogno di un'assunzione aggiuntiva di vitamine del gruppo D. Di norma, ai bambini viene prescritta una soluzione oleosa o acquosa di vitamina D3.
Tuttavia, un'assunzione attiva di questa vitamina non è sempre necessaria. Sebbene una reazione allergica sia estremamente rara, deve essere fermata all'inizio della manifestazione. I suoi sintomi principali includono: prurito della pelle, eruzione cutanea su diverse parti del corpo (viso, collo, ascelle, glutei), rugosità della pelle, irritabilità, letargia, malumore.
A volte la reazione può essere abbastanza forte e manifestarsi sotto forma di edema degli arti superiori o inferiori e del viso. La respirazione è spesso molto difficile in questo caso. Il bambino può sussultare e ansimare. C'è solo una via d'uscita da questa situazione: cure mediche immediate.
Se c'è un eccesso costante di dosaggi di vitamina D, questo può causare gravi danni ai reni..

Allergia alla vitamina E in un bambino

All'età di 3 anni, un'allergia alla vitamina E è estremamente rara. Tuttavia, si verifica con intolleranza personale a questa sostanza. Si manifesta esattamente come nei neonati.
Il bambino appare arrossato e prurito della pelle (dermatite da contatto), eruzioni cutanee su guance, vita, glutei. Un bambino può lamentare mal di testa. Diventa letargico e irritabile. Appetito significativamente ridotto.
Se la vitamina E è entrata sulla pelle come parte di una crema, allora le zone di eruzione cutanea, di regola, causano disagio: prurito. Successivamente, in questi punti possono formarsi vesciche piene di un liquido giallastro..
In forme gravi, può apparire gonfiore di mani, piedi, viso. Inoltre, possono verificarsi problemi respiratori. In questo caso, il bambino ha urgentemente bisogno dell'aiuto di un medico.

Allergia alle vitamine del gruppo B in un bambino

Le reazioni allergiche alle vitamine del gruppo B sono più comuni nei bambini di età superiore a un anno. Un'allergia alla vitamina B1 è particolarmente pericolosa. In caso di intolleranza a questa sostanza o in caso di sovradosaggio, l'attività dell'acetilcolina aumenta in modo significativo, il che svolge un ruolo importante nella patogenesi allergica. Di conseguenza, il bambino inizia ad avere gravi anomalie nel lavoro del fegato e dei reni. Si notano il giallo della pelle, il dolore al fegato e l'urina scura.
Meno comune è un'allergia alla vitamina B6. In questo caso, il sistema circolatorio del bambino soffre. Molto raramente, si verifica una reazione negativa alla vitamina B12. È limitato a manifestazioni da parte della pelle: eruzione cutanea, arrossamento, lieve prurito.

Cosa fare con le allergie alle vitamine nei bambini

Qualsiasi forma, anche lieve, di allergia alle vitamine in un bambino, indipendentemente dall'età, richiede un trattamento. Può essere diverso e dipende dalla gravità della malattia..

Come sbarazzarsi di un'allergia alla vitamina C.

Se noti che il tuo bambino è allergico alla vitamina C, è necessario escludere completamente dalla dieta verdure e frutta che contengono questa sostanza. Questo gruppo comprende agrumi, ribes nero, cipolle, cavoli, rosa canina, peperoni e altro ancora..
Se al bambino viene prescritto l'assunzione di acido ascorbico in compresse su raccomandazione di un medico, è necessario contattare immediatamente lui per un consiglio e interrompere l'assunzione delle compresse.
Inoltre, nel trattamento di gravi reazioni allergiche a questa vitamina, sono necessari farmaci speciali che alleviano i sintomi principali (prurito, bruciore, arrossamento, eruzione cutanea). La selezione di questi farmaci viene effettuata esclusivamente dal medico curante.
Di norma, la terapia include tali gruppi di medicinali:

  • Antistaminici. Ad esempio, Erius, Tavegil, Allertek, Akrivastin e altri.
  • Enterosorbenti, come Enterosgel, Lactofiltrum, Polysorb e altri, che sono responsabili della rimozione dell'allergene dall'intestino e del fissaggio delle feci.
  • Immunomodulatori: Vilozen, Tactivin, immunoglobulina antiallergica.
  • Ormoni glucocorticosteroidi. Utilizzato solo in casi estremamente gravi sotto forma di unguenti, soluzioni e compresse. Questi sono flucinar, metilprednisolone, desametasone e altri.

Inoltre, i bagni con una successione di ortiche, farina d'avena aiuteranno a lenire la pelle infiammata e ad alleviare l'irritazione..

Può esserci un'allergia alla vitamina D e come sbarazzarsene

La vitamina D ha un effetto significativo su tutti i sistemi del corpo. Pertanto, le gravi reazioni allergiche associate al suo sovradosaggio o intolleranza devono essere trattate esclusivamente sotto la supervisione di un medico. Per identificare tutte le possibili patologie, si consiglia di sottoporsi a un esame completo..
Se tuo figlio ha intolleranza a questa vitamina, allora dovresti escluderla completamente dalla dieta del bambino. In modo che al corpo del bambino non manchi, durante la stagione calda, cerca di trascorrere più tempo all'aria aperta. Ciò andrà a beneficio del corpo dei bambini e lo rafforzerà..
Se un'allergia si sviluppa a causa di un eccesso di sostanza nel corpo, il primo passo è quello di annullare tutti i preparati contenenti vitamina D. Dopo un paio di giorni, il corpo stesso rimuoverà l'eccesso e la quantità di vitamina nel sangue tornerà alla normalità.
Con una forte reazione allergica, gli antistaminici aiuteranno il bambino a liberarsi dei sintomi spiacevoli. Ai bambini vengono solitamente prescritti medicinali sotto forma di sciroppi. Può essere Fenistil, Cetirizine. All'età di 6 mesi puoi dare a Claritin, Zirtek.
Se si verifica una grave reazione allergica dalla pelle, utilizzare un trattamento locale: unguenti Bepanten, Gistan, Desitin.
È anche importante aiutare il corpo del bambino a rimuovere le tossine dal corpo. Gli enterosorbenti sono efficaci in questo: Enterosgel, Polyphepan.
Se si verifica un sovradosaggio di droghe, non dimenticare di dare a tuo figlio una bevanda abbondante - decotti di erbe, acqua bollita.
Se un bambino di età inferiore a 3 anni o un bambino ha una lieve allergia alla vitamina D, quindi, di norma, è sufficiente interrompere l'assunzione del farmaco. Prurito e irritazione della pelle dopo il ritiro della vitamina scompaiono in pochi giorni.
Puoi comprare un bambino in speciali bagni alle erbe. Allevia l'irritazione e accelerano il processo di guarigione. A tal fine, i decotti di camomilla, spago, calendula, corteccia di quercia, lavanda e gemme di pino sono eccellenti.
Tutti i bagni alle erbe sono preparati secondo la stessa ricetta:

  1. Prendiamo circa quattro cucchiai di materiale vegetale secco;
  2. Riempi con un litro di acqua calda;
  3. Insistiamo per 45-60 minuti;
  4. Filtriamo l'infusione attraverso una garza, piegata in due o tre strati;
  5. Versa il liquido nel bagno. La temperatura dell'acqua dovrebbe essere di circa 37 gradi, non di più, in modo da non causare ancora più irritazione alla pelle.

Se al bambino non importa, puoi dargli da bere un decotto di spago, un paio di cucchiai al giorno.

Trattamento di allergia alla vitamina E.

Non appena un bambino sviluppa sintomi caratteristici di quelli allergici alla vitamina E, i preparati contenenti tocoferolo devono essere sospesi. È inoltre necessario rimuovere gli alimenti dalla dieta che contiene questa sostanza in grandi quantità.
Al fine di rimuovere l'allergene dal corpo il più rapidamente possibile, è necessario dare al bambino il massimo consumo di liquidi. Gli enterosorbenti aiutano anche nella pulizia: Enterodesum, Smecta, carbone attivo.
Gli antistaminici, come Zirtek, Telfast, aiuteranno ad eliminare i sintomi negativi. Se un bambino sviluppa una grave complicazione - l'edema di Quincke, il medico può anche prescrivere corticosteroidi e farmaci diuretici.
Come trattamento locale vengono utilizzati gel e unguenti antistaminici esterni: Suprastin, Zirtek, Fenistil. Per alleviare il prurito con eruzioni cutanee, puoi anche applicare Bepanten, Advantan, Allergodil, Levocabastine Cream e altri.
Prestare estrema attenzione nel somministrare ai bambini corticosteroidi e farmaci ormonali. Hanno una serie di controindicazioni. Assicurati di consultare un medico.

Trattamento

Il trattamento allergologico è possibile solo dopo un esame completo per identificare una reazione allergica alla vitamina D. Le analisi vengono eseguite per un certo periodo in laboratorio. Tuttavia, la terapia allergica può essere avviata immediatamente..

Per prima cosa devi interrompere l'assunzione di vitamina D, è importante osservare le condizioni del bambino. Inoltre, si raccomanda di prestare attenzione all'alimentazione del bambino. Se la miscela contiene vitamina D, deve essere urgentemente esclusa o sostituita.


Se il bambino ha sintomi gravi, puoi iniziare a somministrare antistaminici. Per prescrivere un rimedio, è meglio consultare un medico. Prescriverà il farmaco e il metodo di applicazione, il dosaggio. Riuscito trattamento delle allergie nelle mani dei genitori!

Per un bambino all'età di 1 mese dalla nascita, Fenistil è prescritto in gocce, Cetirizina. Un bambino di sei mesi può assumere Zyrtec e Claritin, ma solo in un dosaggio determinato da un medico. Se sei allergico alla pelle, puoi usare unguenti con un effetto antistaminico: Bepanten, Fenistil, Gistan.

In caso di sovradosaggio, è molto importante rimuovere le tossine accumulate dall'intestino. Per questi scopi, vengono utilizzati enterosorbenti: Enterosgel, Polyphepan. I farmaci rimuovono le tossine, ma lasciano gli oligoelementi e le vitamine necessari. Inoltre, il loro uso riduce l'intossicazione, l'indigestione, rimuove la nausea e il vomito. I genitori devono prendersi cura di un drink abbondante per il bambino. Acqua adatta, frutta in umido, decotti.

Sintomi di un'allergia all'acido ascorbico

Un'allergia alimentare che si è manifestata sullo sfondo di un consumo eccessivo di alimenti con vitamina C è spesso accompagnata da una lieve forma di dermatite. I sintomi di questa condizione sono i seguenti:

  • arrossamento, secchezza e desquamazione della pelle;
  • eruzioni cutanee sotto forma di piccole bolle con all'interno un liquido chiaro;
  • orticaria;
  • prurito della pelle.

Meno comunemente, con allergie alla vitamina C, si verifica la rinite, che si manifesta con congestione nasale, bruciore e prurito al naso e naso che cola. I sintomi della congiuntivite possono unire questi segni: arrossamento degli occhi, scarsa tolleranza alla luce intensa, lacrimazione e dolore agli occhi. È estremamente raro che un'allergia alla vitamina C sia grave e sia accompagnata da angioedema. Questa condizione si manifesta con respiro corto, respiro corto, tosse, gonfiore del viso e degli arti, dolore addominale acuto.

Un sovradosaggio di acido ascorbico ha sintomi leggermente diversi. Questa condizione si manifesta

  • nausea e vomito ripetuto;
  • dolore addominale, diarrea;
  • vertigini
  • insonnia e debolezza.

Molto spesso, l'ipervitaminosi e una reazione allergica si verificano insieme, quindi si osservano contemporaneamente segni di intossicazione e allergie.

Come distinguere un'allergia da un sovradosaggio di vitamina

Un'allergia alla vitamina D ha manifestazioni caratteristiche che molti confondono con un sovradosaggio ordinario. La differenza tra questi concetti è che una reazione allergica è una risposta immunitaria inadeguata alle sostanze estranee che entrano nel corpo. Tali fenomeni sono il risultato di un sistema immunitario indebolito, una predisposizione genetica a tali patologie. I segni di un sovradosaggio compaiono a causa dell'eccessiva assunzione di calciferolo nel corpo associata alla non conformità con le prescrizioni mediche, usando un analogo al posto del farmaco raccomandato, e anche con l'assunzione di complessi vitaminici contenenti calciferolo da parte di una madre che allatta. Ai bambini con alimentazione artificiale viene prescritta una dose inferiore di vitamina, poiché quasi tutte le miscele contengono questa sostanza.

Le differenze nei sintomi dell'allergia alla vitamina D e i segni di sovradosaggio sono presentati nella seguente tabella:

Overdose di allergia
Eruzione cutanea di colore rosso su viso e corpo, pruritoMal di testa
gonfioreMancanza di appetito
Disordini del sonnoIrritabilità
Appetito alteratoSonno irrequieto
rinitevomito
LacrimazioneCrescita lenta dei capelli
DispneaGrande sete, bocca secca
Secchezza delle fauci e rinofaringeIpertensione
RigonfiamentoPerdita di peso
Sintomi di angioedemaEccessiva produzione di urina
Sintomi di anafilassiPallore della pelle
Aumento della temperaturaApatia, debolezza

È importante ricordare che un eccesso di vitamina D, oltre alla sua carenza, è pericoloso per la salute di adulti e bambini.

Diagnosi e terapia

Cosa fare se i genitori hanno notato almeno alcuni dei segni di un'allergia alla vitamina D, diranno allo specialista a cui il bambino deve essere consegnato immediatamente.

In effetti, con una vera allergia, può svilupparsi l'edema di Quincke o persino lo shock anafilattico, che sono potenzialmente letali perché un bambino può soffocare.

Prima di iniziare il trattamento per le allergie nei neonati, il medico deve stabilire una diagnosi accurata. Viene eseguito utilizzando test di laboratorio: test cutanei o esami del sangue per la presenza di immunoglobulina E in esso..

Il corso terapeutico inizia con la cessazione dell'uso della vitamina D nella forma di dosaggio. Successivamente, il medico effettua un trattamento completo, che, di norma, include:

  • L'uso di antistaminici, che eliminano rapidamente i segni di allergie nei neonati. Dal primo mese di vita, puoi dare al bambino Fenistil (gocce) e Cetirizina. A partire dai sei mesi, il bambino può assumere Zyrtec o Claritin.
  • Unguenti, gel, creme per la pelle infiammata del bambino. Uno specialista può prescrivere il popolare gel Fenistil, una serie di altri medicinali locali che possono aiutare la pelle del bambino a tornare di nuovo in salute..
  • Sostituzione della miscela con Vinamina D nella composizione per un bambino sicuro che non contiene vitamina D..
  • Ricezione di enterosorbenti che rimuovono l'eccesso di vitamina D dal corpo del bambino. Enterosgel o Polyphepam sono adatti per il bambino. Non solo rimuoveranno l'allergene, ma porteranno anche il sistema digestivo del bambino alla normalità.
  • Uso di bevande aggiuntive: dall'acqua bollita alle composte.

Un medico non prescriverà mai farmaci ormonali a un bambino che soffre di allergie a meno che non vi sia un bisogno urgente (ad esempio, nel caso dell'edema di Quincke, anafilassi, quando il bambino può morire per soffocamento).

Dopo la rimozione di sintomi acuti pericolosi, il trattamento continuerà con farmaci non ormonali fino a quando i sintomi non scompaiono completamente.

Misure preventive per le allergie nei bambini alla vitamina D

La prevenzione include:

  • Rispetto rigoroso del dosaggio.
  • La scelta corretta della miscela per il bambino (se è presente una vitamina pericolosa, il medico di solito riduce la dose del farmaco in farmacia).
  • Le soluzioni vitaminiche a base d'acqua sono generalmente più allergeniche delle soluzioni oleose..
  • La mamma è meglio non assumere vitamina D durante la gravidanza, quindi il rischio di allergie nel bambino sarà significativamente ridotto.

I genitori devono ricordare che con le più lievi manifestazioni allergiche dopo aver assunto la vitamina del bambino, dovrebbero immediatamente mostrare al medico.

Se, dopo le misure diagnostiche, viene confermata un'allergia alla vitamina D nei bambini, come sostituire questa vitamina, lo specialista dirà ai genitori.

Un'ottima opzione di sostituzione può essere olio di pesce o Devisol. Ma, forse, questo non sarà necessario se la madre che allatta sarà molto attenta alla sua dieta, inserisci correttamente tutte le poppate per il bambino.

Tuttavia, va ricordato che la sintesi di vitamina D si verifica nel corpo del bambino solo con passeggiate regolari alla luce del sole (è necessario camminare con tempo nuvoloso).

Le manifestazioni allergiche nei neonati dovute all'assunzione di vitamina D possono essere temporanee e scomparire con la formazione del sistema immunitario dei bambini.

Ma la comparsa di sintomi allergici richiede una visita immediata da uno specialista.

Allergico alla vitamina C.

La vitamina C è essenziale per mantenere un buon tessuto connettivo e osseo. Poiché l'acido ascorbico svolge molte funzioni importanti, molti non solo cercano di aggiungere cibi ricchi di esso al menu, ma prendono anche questa vitamina oltre a prevenire l'ipovitaminosi.

Vale la pena notare che un'allergia alla vitamina C è considerata comune, ma è davvero ascorbica che provoca i sintomi spiacevoli?

Metodi diagnostici e trattamento della malattia

I genitori hanno una domanda naturale: il bambino è allergico alla vitamina C, cosa devo fare? Innanzitutto, è richiesto un esame specialistico.

Il medico prescriverà le procedure di laboratorio: test cutanei per bambini dopo sette anni. Gli esami del sangue vengono spesso eseguiti per la presenza di immunoglobulina E in esso (l'analisi può essere eseguita per i bambini se hanno già sei mesi).

L'allergia alla vitamina C diagnosticata nei bambini comporta l'esclusione dalla scrittura del menu, in cui vi è una sostanza irritante per la vitamina.

Lo specialista di solito prescrive una dieta ipoallergenica per il bambino: non solo i prodotti in cui è presente molto acido ascorbico sono esclusi dal menu.

Il medico rimuoverà gli alimenti con un alto livello di allergenicità dalla dieta dei bambini (è chiaro che è vietato consumare arance e mandarini, ma la dieta richiede anche il rifiuto di un elenco piuttosto impressionante di prodotti).

L'allergologo dirà anche ai genitori che non è difficile ridurre il contenuto di allergeni usando il trattamento termico (cottura in un contenitore aperto, riscaldamento prolungato).

Una dieta ipoallergenica prolungata dura, in media, due o tre settimane, quindi i prodotti allergenici possono essere lentamente riportati al menu del bambino a piccole dosi e monitorare attentamente la reazione del corpo del bambino.

Il trattamento per le allergie infantili all'acido ascorbico comprende anche:

  • Antistaminici che bloccano il rilascio di istamina, eliminando così i sintomi di allergia. Spesso prescritto ai bambini Zirtek, Erius, ben dimostrato nella lotta contro l'allergia alla vitamina C..
  • Medicinali locali (pomate, creme, gel) che curano la pelle dei bambini affetti da allergie. Il gel di fenistil aiuterà un bambino la cui pelle reagisce all'acido ascorbico. I medici raccomandano anche Bamipin, che ha anche un effetto antistaminico e antinfiammatorio..
  • Gli enterosorbenti, che rimuoveranno l'allergene dal corpo del bambino in modo naturale, miglioreranno il sistema digestivo. Tuttavia, questi farmaci non influenzano in alcun modo la microflora benefica del tratto digestivo. Per i bambini sono indicati medicinali come Enterosgel, Polysorb, Polyphepan.

Con lievi allergie all'acido ascorbico, una dieta ipoallergenica è talvolta sufficiente. I gradi medi e gravi della malattia richiedono una terapia farmacologica.

L'uso di farmaci ormonali è possibile solo nelle situazioni più gravi. Qualsiasi farmaco è prescritto solo da uno specialista..

Ciò è estremamente importante nei casi in cui sono necessari farmaci ormonali che, con tutta l'alta efficienza, hanno molti effetti collaterali..

Particolarmente allergico alla vitamina C nei bambini piccoli. Quando il trattamento viene avviato in tempo, il bambino successivamente "cresce" di questa malattia.

Allergia alla vitamina D in una foto di bambino

I sintomi delle allergie in un bambino sono simili a quelli che si verificano nei bambini. Un'allergia alla vitamina D in un bambino (foto 3) si manifesta principalmente con punti liberi sul corpo e sul viso. Hanno un colore rosa di varia intensità..

Di norma, la pelle intorno alle macchie è irritata, si gonfia, si può notare l'espansione di piccoli vasi sanguigni, a causa della quale le guance acquisiscono un colore brillante, come nel gelo. La superficie della pelle prude e i bambini spesso pettinano la pelle, lasciando piccole ferite sulla sua superficie.

Spesso a causa delle mani sporche nei bambini, le allergie ai farmaci sono complicate da un'infezione batterica. Dopo un po ', quando la reazione allergica diventa meno pronunciata, il peeling può essere notato sulla superficie della pelle. Un'allergia alla vitamina D3 in un bambino (foto sotto) può verificarsi in modo più grave.

In questo caso, i bambini sperimentano le manifestazioni più gravi di allergie: edema di Quincke, gonfiore della congiuntiva, labbra, mucosa nasale, a seguito del quale appare la rinite. I bambini soffrono di attacchi di asma, possono sviluppare shock anafilattico. In questo caso, l'aiuto tempestivo dei medici e il successivo ritiro del farmaco sono importanti.

Caratteristiche del corso nei bambini

Le manifestazioni di sensibilità all'acido ascorbico in un bambino coincidono con segni di compromissione negli adulti, tuttavia, ci sono diverse sfumature:

  • alto rischio di disidratazione con vomito e diarrea ripetuti;
  • frequente comparsa di febbre, congiuntivite (lesioni oculari);
  • la prevalenza dell'orticaria sistemica - con questa variante della reazione, l'eruzione cutanea copre tutto il corpo e non le singole parti della pelle.

Può verificarsi un'allergia alla vitamina C in un bambino:

  1. Eruzione cutanea pruriginosa.
  2. Gonfiore, arrossamento e desquamazione della pelle.
  3. Nausea, vomito, diarrea, dolore addominale.
  4. Naso che cola, tosse, respiro corto.
  5. Febbre.
  6. Dolori muscolari e articolari.

Reclami di debolezza, brividi sono anche probabili; il bambino diventa letargico, perde interesse per i giochi all'aperto, sembra sfinito e assonnato.

Spesso c'è una predominanza di manifestazioni digestive: alternando costipazione con diarrea, frequenti episodi di gonfiore, bruciore di stomaco.

In casi acuti, la reazione nei bambini può essere confusa con l'infezione, poiché la presenza di debolezza e febbre in presenza di un'eruzione cutanea parla a favore della seconda diagnosi. Inoltre, il verificarsi di allergie durante il trattamento di patologie virali o batteriche non è escluso: può essere associato all'uso frequente / sovradosaggio di vitamina C, che viene somministrato al bambino per aumentare le difese dell'organismo.

Allergia a diversi gruppi di vitamine

Molto spesso, le vitamine che causano allergie sono sostanze del gruppo A, B, C, D, E, K. Ognuna di esse svolge alcune funzioni necessarie per mantenere la vita del bambino. Secondo l'osservazione dei pediatri di questo gruppo, C, D, B, E meritano un'attenzione speciale Le reazioni allergiche che derivano dalla loro assunzione differiscono nei sintomi.

Vitamina C

Il tipo più comune di allergia a questa sostanza organica è l'intolleranza o il consumo eccessivo di agrumi. Un'allergia pronunciata alla vitamina C si manifesta con l'orticaria, che si chiama diatesi. L'intolleranza pura all'acido ascorbico si verifica solo in caso di sovradosaggio o intolleranza individuale.

  • eruzioni cutanee e arrossamenti della pelle (guance, glutei, ascelle);
  • prurito
  • la comparsa di vesciche;
  • rinite e tosse;
  • Edema di Quincke e shock anafilattico.

Spesso la diatesi apparente può svilupparsi in neurodermite, quindi, quando appare, dovresti consultare un pediatra. Numerosi studi sulle reazioni all'assunzione di agrumi mostrano che abbastanza spesso la reazione non è causata dal frutto stesso, ma dalle sostanze con cui vengono elaborati per mantenere il loro aspetto originale per lungo tempo.

Vitamina D

Le sostanze di questo gruppo entrano nel corpo del bambino con latte materno in piccole quantità. Previene lo sviluppo del rachitismo, rafforza il sistema scheletrico. I pediatri della vitamina D3 prescrivono ai bambini di età superiore a 1 mese. La maggior parte dei bambini non è allergica alla vitamina D. La causa del suo verificarsi è spesso un sovradosaggio..

  • mancanza di respiro, respiro sibilante;
  • gonfiore del viso, delle braccia e delle gambe;
  • prurito.

In rari casi, può apparire un'eruzione cutanea. Se compare uno dei sintomi, chiamare immediatamente un medico e interrompere l'assunzione di vitamina. La pulizia naturale del corpo avviene entro 2-3 giorni.

Vitamina B

Questo gruppo include un gran numero di diversi composti organici, quindi le allergie alle vitamine del gruppo B sono abbastanza comuni. I più popolari in questo gruppo sono B1, B6, B12. La reazione a B6 si verifica in casi isolati. La reazione a B12 si manifesta con irritazione della pelle (eruzione cutanea e arrossamento).

Le reazioni più pericolose sono causate da B1 a causa di sovradosaggio o intolleranza individuale. A seguito di un sovradosaggio, viene attivata la sostanza acetilcolina, che aggrava le reazioni allergiche. Di conseguenza, i reni e il fegato falliscono, il che porta a gravi conseguenze per il bambino.

Importante! È impossibile escludere l'assunzione di vitamine del gruppo B. B1 è coinvolto nel processo di conversione del cibo in energia, B6 sintetizza gli oligoelementi necessari per la vita, aiuta il funzionamento del sistema nervoso, B12 regola il sistema circolatorio.

Come dimostra la pratica, un'allergia alle vitamine di questo gruppo è più comune nei bambini di età superiore a 1 anno. Le vitamine sono disponibili in compresse e fiale. Pertanto, un caso speciale può essere un'allergia a un'iniezione di vitamine con tutti i sintomi caratteristici. Il gruppo B è necessario per il bambino a colpo sicuro, ma in quantità sicure. Per scoprire la norma necessaria per ogni età è possibile e necessario presso il pediatra.

Vitamina E

Molto spesso, i bambini sono allergici alla vitamina E per contatto. Si trova in molte creme per bambini, la cui applicazione può causare reazioni allergiche sotto forma di dermatite.

  • arrossamento e prurito della pelle;
  • letargia;
  • aumento dell'umore;
  • mal di testa.

In casi isolati, sono possibili gonfiore e difficoltà respiratorie. Nei neonati, queste conseguenze possono verificarsi solo in caso di intolleranza individuale alle vitamine del gruppo E.

Parere dell'esperto Alena Azarova @ azarovadietologExpert, dietista, Vitebsk Informazioni sull'esperto

Per quanto riguarda le allergie in un bambino, devi capire attentamente. E qui è pertinente notare: allergia o intolleranza.

L'allergia è più una diagnosi clinica e gli allergologi dovrebbero lavorare con essa.

Per quanto riguarda l'intolleranza di alcune vitamine, questa è una reazione immunopatologica e l'immunità è coinvolta in essa. Il lavoro del sistema immunitario dipende completamente dal lavoro del tratto digestivo. Portiamo il suo lavoro nella giusta direzione, selezioniamo le vitamine giuste e viviamo una vita sana e piena

Ma per sapere esattamente con cosa combattere, devi contattare un medico pediatrico o un allergologo.

A cosa devi prestare attenzione?

Il primo segno che è necessario abbandonare l'acido ascorbico sono i seguenti segnali:

  • Eruzione cutanea pruriginosa.
  • Compaiono delle vesciche.
  • La pelle diventa rossa e gonfia.
  • Naso che cola, tosse, lacrimazione aumenta, occhi arrossati.
  • L'edema di Quincke è osservato.
  • Si verificano sintomi di shock anafilattico.

Per sbarazzarsi di sintomi spiacevoli, prima di tutto è necessario rinunciare al cibo che contiene vitamina C, leggere anche attentamente le istruzioni per il farmaco.

Sintomi di mancanza e sovradosaggio di calciferoli

La crescita ossea intensiva si verifica all'età di 0–2 anni, ma la pelle dei bambini non produce ancora abbastanza vitamina D3. Con carenza di calcio, c'è il rischio di ammorbidimento delle ossa - rachitismo. Recenti studi di scienziati hanno rivelato la partecipazione della vitamina D alla divisione cellulare, al metabolismo e alla formazione dell'immunità. Con la sua mancanza, si verificano violazioni della formazione del tessuto dentale e osseo, si sviluppano malattie autoimmuni.

I pediatri spesso prescrivono la vitamina D ai bambini, a seconda del periodo dell'anno in cui è nato il neonato. Se la data di nascita è nei mesi autunnali e invernali, il bambino può avere sintomi di carenza di calciferolo. Nel corpo di una donna che allatta con una mancanza di luce solare, a volte anche la vitamina D non è sufficiente.

Se si verifica un sovradosaggio di calciferoli, il bambino perde l'appetito, soffre di costipazione, diventa apatico.

L'eccesso di vitamina D può portare a gravi effetti collaterali - ipercalcemia e convulsioni. L'aumento della dose di integratori vitaminici provoca disidratazione, dolore muscolare. Il bambino diventa debole, soffre di vomito. I ritmi cardiaci cambiano, la sabbia, i calcoli renali si depositano, il sistema urinario si sta deteriorando.

Regole generali e metodi di trattamento

Quando si conferma la reazione negativa del corpo all'acido ascorbico, i prodotti con un alto contenuto di vitamina C devono essere temporaneamente abbandonati.Un allergologo-immunologo è coinvolto nel trattamento.

Il medico analizza l'elenco di farmaci, multivitaminici, integratori alimentari che il paziente prende, seleziona altri tipi quando identifica gli articoli con un componente utile ma inappropriato. Ogni caso è individuale, richiede un'analisi approfondita della dieta e dell'uso dei medicinali.

Con la comparsa di arrossamenti, eruzioni cutanee, problemi al tratto digestivo, viene prescritto un complesso di farmaci:

  • pillole, gocce e sciroppi per allergie. Nella maggior parte dei casi, le formulazioni con un effetto prolungato aiutano. I farmaci delle ultime generazioni sono sufficienti per prendere 1 volta al giorno per mantenere l'azione antistaminica. Claritin, Erius, Zodak, Levocetirizine, Allerginol Plus, Loratadin, Aleron e altri;
  • assorbenti. I farmaci rimuovono le quantità in eccesso di acido ascorbico dal corpo, prevengono l'effetto negativo della sostanza in caso di ipervitaminosi e vera allergia alla vitamina C. Multisorb, Enterosgel, carbone bianco, Sorbex, Polyphepan, Smecta, Filtrum, Lactofiltrum;
  • pomate antipruriginose ed emollienti per allergie con effetto antistaminico. Psilo-Balm, Fenistil-gel, Ketocin, Dermadrin;
  • per i sintomi dell'orticaria, i rimedi popolari per le allergie sono utili per purificare il corpo, ridurre l'irritazione e il prurito: infuso di camomilla, calendula, treno (esternamente e verso l'interno), tè di giovani rametti di viburno, decotto di ortica, radice di liquirizia, bardana e dente di leone.


Scopri le cause delle allergie sulle guance e sul viso del bambino, nonché sul trattamento della malattia.

In questa pagina sono descritti metodi efficaci per il trattamento delle allergie alle mani sotto forma di macchie rosse..

Vai su http://allergiinet.com/zabolevaniya/u-detej/neyrodermit.html e leggi come e come trattare la neurodermite nei bambini di età diverse.

Reazione ai farmaci vitaminici D.

La malattia si manifesta principalmente in caso di sovradosaggio. Questo farmaco è essenziale per i bambini piccoli. Viene loro prescritto sotto forma di una soluzione acquosa, un mese dopo la loro nascita. Per i bambini, la dose non deve superare una goccia al giorno. La composizione del farmaco include molte miscele altamente adattate. Un sovradosaggio può verificarsi a seguito dell'uso del farmaco al di sopra della velocità specificata. In questo caso, si verificano le seguenti reazioni:

  • vomito
  • Dolore addominale in un bambino.

Vale la pena sapere che si verificano principalmente allergie alla vitamina D, che fa parte della soluzione oleosa. Quando si utilizza il farmaco incluso nella soluzione acquosa, questo è molto raro. Il sovradosaggio nei bambini è espresso in 2 forme:

  • Intossicazione cronica: ciò si verifica a seguito dell'uso della vitamina D, più del normale per 6-8 settimane. I segni di un sovradosaggio sono: una violazione del normale funzionamento dei reni, la presenza di psicosi, lo sviluppo della distrofia, un aumento più rapido della fontanella, il dolore alle articolazioni, una maggiore irritabilità, disturbi del sonno e debolezza;
  • Intossicazione acuta - osservata principalmente nei bambini di sei mesi. Il motivo è il consumo eccessivo di vitamina, nonché la sua intolleranza individuale. Di conseguenza, l'appetito del bambino scompare, si verifica vomito, si verificano costipazione o feci molli, il corpo si disidrata e talvolta si osservano convulsioni.

Questo farmaco è necessario per il normale funzionamento del corpo, se il suo uso non supera la norma.

Come affrontare rapidamente una reazione allergica

Prima di tutto, devi interrompere l'assunzione di preparati contenenti vitamina D. Quindi cerca l'aiuto di un pediatra che, a seconda della gravità della malattia e dell'età del paziente, prescriverà la terapia.

Può includere un ricevimento:

  • Antistaminici: se il bambino ha già un mese, prescriverà Fenistil, Suprastin o Cetirizine; se i bambini hanno più di 6 mesi, quindi medicinali come Zodak, Claritin, Cetirizine, Zirtek o Kestin.
  • Unguenti con un effetto antistaminico. Ad esempio, Gistan, Vundekhil, Desitin, Bepanten o Fenistil, La Cree.
  • Enterosorbents. Sono necessari per rimuovere le tossine dal corpo. Può essere utilizzato "Polyphepan", "Smecta", "Enterosgel" o "Polysorb".
  • Corticosteroidi, se il bambino ha sviluppato angioedema.

Solo un medico dovrebbe selezionare i medicinali per alleviare una reazione allergica.


Antistaminici approvati per i neonati

Se il bambino ha un'allergia, si consiglia a una madre che sta allattando di rivedere il suo menu, rimuovere i prodotti contenenti vitamina D da esso. Se il bambino è alimentato artificialmente, allora è necessario guardare la composizione della miscela. Se è presente calciferolo, deve essere sostituito. Per una più rapida rimozione dell'allergene dal corpo del bambino dovrebbe dargli il più fluido possibile.

Qual è la pericolosa allergia alla vitamina D nei bambini

Questa particolare allergia non è così innocua come sembra..

Oltre ai soliti segni di rinite, arrossamento e cambiamenti nella superficie della pelle, può causare condizioni potenzialmente letali:

  1. L'edema di Quincke. C'è disidratazione a causa di vomito abbondante, diarrea. L'ipossia può svilupparsi a causa di difficoltà respiratorie, pressione nei polmoni.
  2. Asma bronchiale. Gli attacchi regolari della malattia portano a bronchite purulenta, polmonite, stato asmatico.
  3. Gonfiore della cavità orale, laringe, labbra. In questa condizione, il bambino non sarà in grado di respirare normalmente, di mangiare. Urgente necessità di alleviare il gonfiore.
  4. Shock anafilattico. Il lavoro del sistema cardiovascolare, l'apparato respiratorio viene rapidamente interrotto. A causa dell'ipossia, il cervello smette di funzionare correttamente. La morte si verifica a seguito di arresto respiratorio o insufficienza cardiaca..

Al fine di prevenire lo sviluppo di queste complicanze, si consiglia di selezionare il farmaco insieme al medico. Anche il dosaggio del farmaco non è raccomandato da solo, specialmente se il bambino ha patologie.

URGENTE DA LEGGERE! Incolla proprio ora6 principali segni di allergia alla vitamina D.