Allergia alle vitamine del gruppo B.

Analisi

Un'allergia alle vitamine del gruppo B non è un fenomeno molto comune, tuttavia, in caso di insorgenza, causa gravi problemi di salute. Le manifestazioni più probabili di un'allergia alle vitamine B1, meno spesso un'allergia a B6, B12. Le altre cinque vitamine idrosolubili di questo gruppo occupano una piccola parte della storia, sono rare.

Prodotti contenenti vitamine del gruppo B: tabella

L'allergia alla vitamina B può essere causata da cibi comuni comunemente usati nella cucina tradizionale. Alcuni di questi sono anche prodotti nell'intestino: acido pantotenico (B5), piridossina (B6), biotina (B7), acido folico (B9). Il resto viene dall'esterno sotto forma di droghe o di cibo.

VisualizzaProdotti ad alta vitamina B.
IN 1Colture di cereali (in particolare il loro guscio - crusca), piselli, noci, frutta secca. Verdure - barbabietole, carote, cipolle, cavoli, spinaci, rosa canina.
ALLE 2Carne, pesce, latte, fegato, uova.

Cereali: grano saraceno, riso e grano.

Dalle verdure piselli, lievito, mandorle, cavoli.

ALLE 3Carne magra, fegato, uova, pesce. Prodotti vegetali: legumi, asparagi, arachidi, peperoni, carote, aglio, prezzemolo, funghi. Il contenuto di vitamine è maggiore nei prodotti di origine animale.
ALLE 5La più grande quantità di acido pantotenico contiene verdure verdi, oltre a crusca, carne, pesce, latticini, tuorlo d'uovo, legumi, nocciole e lievito. Il latte uterino è anche raccomandato in assenza di un'allergia ai prodotti dell'apicoltura..
ALLE 6Noci, patate, germogli di cereali, spinaci, carote, cavoli, agrumi, fragole, ciliegie.

Origine animale: carne, pollame, pesce, latte.

ALLE 7La maggior quantità contiene legumi, frattaglie, noci, cavolfiore, lievito.
ALLE 9Crusca, verdure a foglia verde, legumi, miele.
ALLE 12Fegato, uova, pesce, alghe.

Nei casi in cui è stata rilevata un'allergia alle vitamine del gruppo, cosa può essere sostituito e limitato nel menu da un prodotto contenente la causa del disturbo, qualsiasi hostess può determinare selezionando la riga desiderata nella tabella. Una dieta competente aiuterà a far fronte ai sintomi, ad accelerare il recupero.

Sintomi di allergia alla vitamina

Un'allergia alle vitamine del gruppo B si manifesta con intensità diverse. Per tipo di manifestazione, si distinguono diversi tipi di reazioni:

  • lesioni cutanee sotto forma di dermatite, eczema, orticaria, prurito intenso da allergie;
  • un aumento del gonfiore fino a Quincke (la laringe è bloccata, una condizione molto pericolosa);
  • spasmo dell'albero bronchiale (tipo di asma asma);
  • alterazioni necrotiche (morte) della pelle e delle mucose (rispettivamente sindrome di Steven-Jones e Lyell), con la minaccia della morte.

Le più comuni e indicative per le singole vitamine sono:

  • allergia a B1 sotto forma di grave gonfiore del viso e delle mucose;
  • allergia alla B3 (acido nicotinico) sotto forma di desquamazione, prurito, orticaria, dolore toracico, gonfiore, mancanza di respiro prima dell'anafilassi, disfunzione dei sistemi cardiovascolare e digestivo;
  • allergia ai sintomi della vitamina B6 principalmente sotto forma di dermatite e orticaria, raramente shock anafilattico;
  • un'allergia alla B9 si manifesta con un'eruzione cutanea comune, che si gonfia fino allo shock anafilattico, l'asma, che è particolarmente pericoloso per le donne in gravidanza a causa dell'uso frequente;
  • allergia ai sintomi della vitamina B12 oltre a manifestazioni cutanee nausea, vomito, diarrea, aumento della frequenza cardiaca, problemi di vista e memoria, sonnolenza, irritabilità, mal di testa.

La somministrazione intramuscolare è caratterizzata da una reazione allergica sotto forma di edema locale, arrossamento, dolore. Nei casi più gravi, sono caratteristici intorpidimento con gonfiore delle estremità, improvviso calo della pressione sanguigna, soffocamento, dolore addominale acuto (nell'addome). Possibile aumento della temperatura.

Diagnostica

La diagnosi delle allergie è abbastanza semplice con una vivida reazione a un singolo farmaco. In altri casi, i medici usano:

  • esame del sangue generale per rilevare il numero di eosinofili (aumento del numero);
  • reazione di trasformazione dell'esplosione dei leucociti;
  • analisi per immunoglobulina E (aumento caratteristico);
  • reazione di alterazione dei leucociti;
  • CASK - test per la reazione di basofili;
  • RIA - dosaggio radioimmunologico per la formazione di antigeni + complessi anticorpali;
  • Test intradermici con una quantità minima di allergene con una valutazione dopo 30 minuti di dimensione della papula, quindi ritardati di 48 ore ricontrollando.

I risultati del test aiuteranno il medico a determinare se esiste una connessione tra il sospetto allergene e manifestazioni sintomatiche. Successivamente dovrebbe determinare il trattamento.

Trattamenti efficaci

Nei casi in cui l'allergia alle vitamine del gruppo B sia confermata dalla diagnosi, il trattamento deve essere iniziato eliminando il contatto con l'allergene. Cioè, escludilo completamente dal cibo e smetti di assumere droghe. In caso di impossibilità di escludere le vitamine del gruppo B dalla dieta, dovrebbero essere sottoposti a un trattamento termico sufficiente a distruggere la sostanza allergica..

Per un'eliminazione più intensiva delle vitamine B in eccesso dal corpo, sono applicabili Enterosgel e Polysorb. Aiuta a bere molta acqua, poiché le vitamine sono solubili in acqua. In casi difficili, è necessario un contagocce, terapia infusionale.

In futuro, l'allergologo sceglierà un farmaco adatto dal gruppo di antistaminici. Tali mezzi come:

Le recenti generazioni di farmaci antistaminici sono più sicure per il corpo, non causano dipendenza e sonnolenza. Vorrei notare la possibilità del loro congedo da banco dalle farmacie.

Con un'efficacia insufficiente, il medico prescriverà una prescrizione per gli ormoni contenenti desametasone, prednisone. È pericoloso intraprendere l'automedicazione con questo gruppo di farmaci.

Un'allergia accompagnata da un componente asmatico può essere fermata con Allerginol Plus. In caso di broncospasmo in combinazione di farmaco antiallergico con salbutamolo, viene utilizzato l'inalatore Ditek. L'eccitazione aumentata sarà inoltre rimossa con farmaci antiallergici Tavegil, Suprastin, che sono dispensati dalla prescrizione.

In caso di edema al naso, sono applicabili lacrimazione, preparazioni per uso intranasale e colliri contenenti acido cromoglicico (Lekrolin, Khai Krom, Kromoglin). Non causano effetti collaterali. In caso di edema grave, vengono utilizzati decongestionanti nel naso ("Tizin", "Nazol") o spray con mometasone, fluticasone ("Mometasone-Teva", "Forinex", "Avamis", "Flikonase").

Va tenuto presente che la manifestazione di un'allergia alle vitamine del gruppo B, accompagnata da gonfiore, difficoltà respiratoria, segnala la necessità di contattare urgentemente un servizio medico di emergenza. Gli specialisti prenderanno le misure necessarie per eliminare rapidamente i sintomi in crescita con l'aiuto di forme di iniezione..

Se un'allergia all'acne b12 è accettabile per la lubrificazione con agenti esterni come "Fenistil gel", nei casi più gravi, contenenti ormoni ("Beloderm", "Lorinden C"). Possono ridurre l'intensità del prurito, eliminare le eruzioni cutanee, prevenire l'infezione da graffi.

Raccomandazioni preventive

Un'allergia alle vitamine del gruppo B non ha una profilassi specifica. Particolare attenzione dovrebbe essere prestata al rispetto dei dosaggi quando si assumono farmaci prescritti da un medico contenente questa vitamina. Inoltre, sapendo della maggiore sensibilità del tuo corpo, dovresti informare immediatamente il medico durante l'esame.

Va tenuto presente che le dosi terapeutiche aumentate sono aumentate dall'assunzione simultanea di vitamine dal cibo. Se c'è un'allergia alle vitamine del gruppo B, è impossibile decidere da soli cosa sostituire un particolare multivitaminico, nonché un farmaco monocomponente con un componente simile, prescritto da un medico.

Ricorda che l'assunzione di una preparazione multivitaminica abbastanza spesso può essere accompagnata da una reazione allergica non alla stessa vitamina B, ma alla sua combinazione con altri componenti che formano complessi non digeriti. Lo specialista è meglio esperto nella varietà di forme e combinazioni, aiuterà a scegliere un farmaco accettabile individualmente, tenendo conto delle caratteristiche del corpo, dell'età e della patologia concomitante. Dovrebbero essere escluse anche le allergie alle sostanze ausiliarie utilizzate nella fabbricazione del preparato: coloranti, stabilizzanti, agenti aromatizzanti, gelatina, che è difficile da fare da soli.

Vale la pena prestare attenzione al sistema immunitario, prestando estrema attenzione a malattie come l'insufficienza epatica o renale (la reazione del sistema immunitario alla tiamina può provocarle). Avendo una storia di reazione allergica alle vitamine del gruppo B, leggi attentamente le annotazioni sui cosmetici per il loro contenuto. Considera anche la possibilità di aumentare il loro contenuto nei prodotti finiti, come indicato dal produttore sulla confezione.

I preparati vitaminici sono utili se usati con saggezza. Come risultato di una selezione e di un uso impropri, c'è un'allergia provocata, un'intossicazione del corpo (in particolare le allergie alla B12 sono piene di questo). Non abusare. Con una dieta ben costruita, non sono necessarie ulteriori vitamine del gruppo B..

Tutto sulle allergie

Sovradosaggio di vitamine del gruppo B.

Le vitamine del gruppo B sono diverse vitamine idrosolubili scoperte nel 1912 come un'unica sostanza. Successivamente si è scoperto che questo gruppo include 20 diversi composti contenenti azoto che hanno un effetto simile sul corpo e hanno ricevuto la designazione corrispondente - da1 fino a20.

Secondo i risultati di recenti studi, il gruppo di vitamine B è stato significativamente ridotto, poiché è stato scoperto che la maggior parte è sintetizzata esclusivamente all'interno del corpo o si riferisce a composti vitaminici.

Attualmente, le vitamine B includono:

  • B1 (tiamina) - è coinvolto nella regolazione di tutti i tipi di metabolismo;
  • B2 (riboflavina) - regola i processi metabolici, assicura il normale funzionamento dell'analizzatore visivo, mantiene una condizione adeguata della pelle e delle mucose, partecipa alla sintesi dell'emoglobina;
  • B3 (vitamina PP, acido nicotinico) - regola i processi metabolici;
  • Bcinque (acido pantotenico) - è coinvolto nella sintesi di anticorpi;
  • B6 (piridossina) - è coinvolto nella regolazione del metabolismo, nel funzionamento dei sistemi nervoso e immunitario, nello sviluppo dei globuli rossi e nella sintesi dell'emoglobina;
  • B7 (vitamina H, biotina) - regola il metabolismo energetico;
  • Bnove (Ba partire dal, acido folico) - è necessario per la normale crescita e sviluppo del feto durante la gravidanza, il funzionamento del sistema immunitario e nervoso, stimola la formazione di nuclei e la proliferazione cellulare;
  • B12 (cyancobalamin) - promuove la formazione dei globuli rossi, un'adeguata formazione e funzionamento del sistema nervoso.

Le fonti di vitamine del gruppo B sono sia vegetali che animali: cereali, legumi, cereali, latticini, carne (soprattutto fegato e reni), pesce, caviale, noci, verdure (cavolo, carote, aglio, verdure a foglia, pomodori), lievito, frutta e bacche (fragole, ciliegie, agrumi), miele. Alcuni rappresentanti di questo gruppo di vitamine sono parzialmente sintetizzati dalla normale microflora intestinale..

Una caratteristica delle vitamine del gruppo B è la loro maggiore distruzione nel corpo sotto l'influenza di prodotti intermedi del metabolismo di alcol, nicotina, caffeina e zuccheri raffinati. Con l'intensificazione dei processi metabolici (stress psico-emotivo e fisico), il tasso di utilizzo di queste vitamine aumenta fino a 10 volte.

Nonostante il dispendio intensivo di vitamine di questo gruppo nel corpo, quando usato in forme di dosaggio, si trova spesso un sovradosaggio acuto o cronico, manifestato sia da intossicazione generale che da sintomi specifici.

Quante vitamine del gruppo B sono necessarie per un sovradosaggio?

Ogni rappresentante di questo gruppo di vitamine ha dosi terapeutiche che vengono calcolate individualmente per diverse categorie di pazienti: bambini, adulti, anziani, donne in allattamento o in gravidanza a cui viene prescritto un dosaggio preventivo; atleti professionisti, la cui dose di vitamina può essere molto più elevata; pazienti con ipovitaminosi che ricevono una dose terapeutica.

La dose giornaliera massima consentita di vitamine B (può superare la dose terapeutica di diverse decine o addirittura centinaia di volte):

Il superamento della dose massima giornaliera porta allo sviluppo di sintomi di sovradosaggio (ipervitaminosi).

Segni di overdose

Un sovradosaggio di vitamine del gruppo B è sia acuto che cronico. Un sovradosaggio acuto si verifica con la somministrazione simultanea di una quantità di sostanza molte volte superiore alla dose terapeutica media (a causa della bassa tossicità). Il cronico si sviluppa con l'uso prolungato di una dose selezionata in modo errato, più spesso in soggetti vulnerabili (anziani, bambini, donne in gravidanza e in allattamento).

L'ipervitaminosi sia cronica che acuta manifestano sintomi comuni di intossicazione comuni a tutto il gruppo B:

  • discorso ed eccitazione motoria;
  • disturbi del sonno (insonnia);
  • iperemia e aumento della sensibilità della pelle;
  • un mal di testa di carattere versato, vertigini;
  • maggiore prontezza convulsa;
  • attacchi di palpitazioni, tachicardia.

Ci sono anche caratteristiche caratteristiche dell'ipervitaminosi. Molto spesso, l'intossicazione si sviluppa con un sovradosaggio di B1. B3. B6. Bnove. B12.

Segni di un sovradosaggio di vitamina B1 :

  • orticaria colinergica (un'eruzione cutanea pruriginosa su avambracci, collo, torace, accompagnata da febbre, disturbi dispeptici) dovuta all'aumentata attività del neurotrasmettitore acetilcolina;
  • disordinazione dei sistemi di enzimi epatici e sua degenerazione grassa;
  • compromissione della funzionalità renale, fino a insufficienza renale;
  • fotosensibilità (aumento della sensibilità della pelle alla luce solare).

Vitamina B1 porta al rischio di shock anafilattico (una reazione allergica grave che si manifesta rapidamente e che rappresenta una minaccia per la vita) - si verifica nel 2,69% dei casi.

Overdose B3 manifestato dai seguenti sintomi:

  • arrossamento della pelle del viso e metà superiore del corpo, vampate di calore;
  • pelle secca e mucose degli occhi;
  • parestesia (sensazione di gattonare sulla pelle);
  • prurito cutaneo debilitante;
  • vertigini;
  • nausea, vomito, diarrea;
  • dolore muscolare;
  • aritmia, ipotensione ortostatica.

Per ipervitaminosi B6 caratteristica:

  • eruzioni cutanee;
  • coscienza offuscata e vertigini;
  • spasmi
  • aumento dell'acidità del succo gastrico (il decorso è aggravato o viene provocato lo sviluppo di gastrite e ulcera peptica).

Segni di ipervitaminosi Bnove :

  • crampi tonici (contrazioni muscolari), spesso nei muscoli del polpaccio;
  • reazioni allergiche.

Overdose di vitamina B.12 di solito si sviluppa con un trattamento improprio12 -anemia carente o ipersensibilità individuale alla sostanza. Le principali manifestazioni:

  • reazioni allergiche di diversa gravità (fino allo shock anafilattico);
  • aumento della gravità dell'insufficienza cardiaca esistente, malattia coronarica (aumento della frequenza e progressione delle convulsioni);
  • iperattivazione della coagulazione (aumento della trombosi).

Nell'intossicazione acuta, i sintomi di un sovradosaggio di vitamine del gruppo B saranno simili a quelli sopra descritti, la differenza si manifesta nel tasso di sviluppo e nell'intensità dei cambiamenti patologici.

Pronto soccorso per un sovradosaggio di vitamine del gruppo B.

  1. Annulla la droga.
  2. Risciacquare lo stomaco, per il quale bere 1-1,5 litri di acqua o una soluzione debolmente rosa di permanganato di potassio e provocare un vomito.
  3. Prendi lassativo salino (solfato di magnesio).
  4. Prendi enterosorbente (Enterosgel, Polysorb, Lactofiltrum).

In caso di intossicazione acuta con un preparato vitaminico per uso parenterale, interrompere immediatamente la somministrazione e consultare un medico.

Non esistono antidoti specifici per le vitamine del gruppo B..

Quando è richiesta assistenza medica?

L'assistenza medica è necessaria in diversi casi:

  • bambino ferito, persona anziana, donna incinta;
  • sviluppo di sintomi neurologici attivi (agitazione o, al contrario, depressione della coscienza, crampi, paralisi, paresi, forte mal di testa;
  • la vittima è disponibile in modo limitato al contatto o è incosciente;
  • febbre persistente, non suscettibile di correzione;
  • disturbi cardiologici (dolore nella regione del cuore, battito cardiaco irregolare, attacchi di cuore, alterazioni della pressione sanguigna, cianosi, respiro corto improvviso);
  • intensa reazione allergica;
  • violazione della minzione (diminuzione della quantità o completa assenza di urina).

Dopo il primo soccorso, la vittima, se necessario, viene ricoverata nel dipartimento specializzato dell'ospedale. Il trattamento comprende le seguenti attività:

  • alimenti dietetici che contengono vitamine del gruppo B;
  • terapia infusionale per ridurre la concentrazione di tossine (soluzione di Ringer, soluzione isotonica di cloruro di sodio, poliglucina, Reopoliglukin);
  • diuresi forzata (farmaci diuretici (Furosemide, Veroshpiron) in combinazione con bere pesante da 3 a 5 l / giorno) per accelerare l'eliminazione delle tossine da parte dei reni;
  • ossigenoterapia per la prevenzione di danni ipossici a organi e tessuti;
  • epatoprotettori (Heptral, Essentiale);
  • terapia sintomatica di disturbi concomitanti sviluppati;
  • nei casi più gravi - trasfusione di sangue hardware, emodialisi, emosorbimento.

Possibili conseguenze

Le complicazioni di un grave sovradosaggio di vitamine del gruppo B possono essere:

  • insufficienza renale;
  • insufficienza epatica;
  • malattia del fegato grasso;
  • shock anafilattico;
  • edema polmonare;
  • progressione dell'angina;
  • trombosi.

Video da YouTube sull'argomento dell'articolo:

Lo sai che:

Il lavoro che una persona non piace è molto più dannoso per la sua psiche rispetto alla mancanza di lavoro in generale.

Per tutta la vita, la persona media produce non meno di due grandi pozze di saliva.

La maggior parte delle donne è in grado di trarre più piacere dal contemplare il proprio bel corpo allo specchio che dal sesso. Quindi le donne lottano per l'armonia.

Il sangue umano "scorre" attraverso i vasi sotto una tremenda pressione e, se viene violata la sua integrità, può sparare fino a 10 metri.

Quando gli innamorati si baciano, ognuno di loro perde 6,4 kcal al minuto, ma allo stesso tempo si scambiano quasi 300 tipi di batteri diversi.

Il peso del cervello umano è circa il 2% del peso corporeo totale, ma consuma circa il 20% dell'ossigeno che entra nel sangue. Questo fatto rende il cervello umano estremamente suscettibile ai danni causati dalla mancanza di ossigeno..

Ci sono sindromi mediche molto interessanti, come l'ingestione ossessiva di oggetti. Sono stati trovati 2.500 oggetti estranei nello stomaco di un paziente affetto da questa mania.

Anche se il cuore di una persona non batte, allora può ancora vivere per un lungo periodo di tempo, come ci ha mostrato il pescatore norvegese Jan Revsdal. Il suo "motore" si fermò per 4 ore dopo che il pescatore si perse e si addormentò sulla neve.

Il fegato è l'organo più pesante del nostro corpo. Il suo peso medio è di 1,5 kg.

Se cadi da un asino, hai maggiori probabilità di rotolare il collo che se cadi da un cavallo. Basta non provare a confutare questa affermazione..

Nel Regno Unito esiste una legge in base alla quale il chirurgo può rifiutare di eseguire l'operazione sul paziente se fuma o è in sovrappeso. Una persona dovrebbe abbandonare le cattive abitudini e quindi, forse, non avrà bisogno di un intervento chirurgico.

Secondo la ricerca dell'OMS, una conversazione di mezz'ora al giorno su un telefono cellulare aumenta la probabilità di sviluppare un tumore al cervello del 40%.

Una persona che assume antidepressivi nella maggior parte dei casi soffrirà di nuovo di depressione. Se una persona affronta la depressione da sola, ha tutte le possibilità di dimenticare questo stato per sempre..

I dentisti sono comparsi relativamente di recente. Nel 19 ° secolo, era un dovere di un normale parrucchiere tirare fuori i denti malati.

James Harrison, 74 anni, residente in Australia, è diventato donatore di sangue circa 1.000 volte. Ha un raro gruppo sanguigno, i cui anticorpi aiutano a sopravvivere i neonati con grave anemia. Pertanto, l'australiano ha salvato circa due milioni di bambini.

Trattamento di fobie e dipendenze emotive

Nella classificazione internazionale delle malattie (ICD-10), la sindrome di dipendenza è una combinazione di manifestazioni comportamentali, cognitive e fisiologiche che.

Quando la vitamina B 12 è pericolosa e quando necessario

Inoltre, come altre sostanze utili, il corpo ha bisogno della vitamina B 12. Fornisce l'accumulo di energia necessaria per la vita, promuove la riproduzione cellulare, supporta il normale funzionamento del sistema immunitario.

Se non ne abbiamo abbastanza con il cibo, se il processo di assorbimento della vitamina è disturbato (ad esempio, grandi quantità di vitamina C possono interrompere il processo di ottenere B12 con il cibo), se il paziente ha più di 50 anni e l'assorbimento è compromesso a causa di cambiamenti legati all'età, allora è necessario richiedere aiutare in medicina. Inizia a prendere il farmaco "Cianocobalamina". La vitamina B 12 è realizzata in fiale per iniezioni intramuscolari, sottocutanee e endovenose, sotto forma di polvere cristallina di colore rosso e sotto forma di compresse, capsule.

Indicazioni per l'uso

La norma giornaliera per gli adulti è di 3 mcg, per i bambini 1-2 mcg che vivono in Russia (all'estero la norma è 2 volte inferiore). La vitamina B 12 si trova negli alimenti principalmente di origine animale: fegato, carne, pesce, uova, latte, formaggio, aringhe, ostriche. Ma c'è negli alimenti vegetali: alghe, soia, lievito. Un piccolo pezzo di pesce (come il salmone) sarebbe sufficiente per compensare il fabbisogno vitaminico di 3 giorni.

Un segnale sulla mancanza di vitamina nel corpo può essere una violazione del processo digestivo (costipazione, scarsa digeribilità del cibo), debolezza muscolare, secchezza delle fauci, anemia, ulcere, disturbi visivi, immunodeficienze, intorpidimento degli arti. Le manifestazioni psicologiche includono: affaticamento, irritabilità, sonnolenza, depressione, vertigini costanti, mal di testa, ronzio nelle orecchie e con grave ipovitaminosi possono esserci anche allucinazioni e perdita di memoria. Tutto ciò può essere accompagnato da un danno significativo al sistema nervoso (senza vitamina, la membrana protettiva dei nervi collassa). Gli scienziati hanno notato un aumento del rischio di malattie cardiache e morbo di Alzheimer, anche con una piccola carenza di B12.

Se non sei sicuro dei sintomi, ma sei molto preoccupato, in un laboratorio privato puoi fare un test per l'omocisteina (10 mmol per 1 litro di sangue è normale) o per l'acido metilmalonico urinario (dovrebbe essere fino a 4 mg di creatinina).

La vitamina B 12 è necessaria in dosi elevate per le donne in gravidanza e in allattamento, i bambini prematuri, gli anziani, i vegetariani, nonché per l'abuso di alcol e il fumo frequente.

È indicato per l'uso in pazienti affetti da AIDS con anemia cronica, traumi, malattie della pelle, con epatite, cirrosi epatica, diarrea cronica, processi infiammatori nel sistema nervoso, con sclerosi, paralisi cerebrale e malattia di Down. E anche a scopo di prevenzione per problemi di assorbimento delle vitamine (patologia dello stomaco, dell'intestino).

La vitamina B 12 facilita il decorso di malattie del sistema nervoso, malattie da radiazioni, malattie del fegato, pancreatite cronica, reazioni allergiche.

È pericoloso assumere il farmaco con le seguenti diagnosi: angina pectoris, tromboembolia, eritremia, eritrocitosi.

La vitamina B 12 in compresse viene prodotta sia separatamente che come parte di complessi multivitaminici. Il suo contenuto in integratori alimentari e biocomplessi è sufficiente per un adulto sano. Le dosi terapeutiche sono centinaia di volte più alte.

Sotto forma di iniezioni, come prescritto dal medico, vengono somministrati 0,1 o 0,2 mg (per malattie gravi - 0,4 o 0,5 mg) a giorni alterni, poiché la vitamina B 12 tende ad accumularsi nel corpo.

Sotto forma di polvere, è scarsamente assorbito, pertanto si consiglia l'assunzione con acido folico. L'uso a lungo termine in combinazione con potassio (così come con ormoni corticosteroidi e antipsicotici) porterà a zero il trattamento con la vitamina.

Un sovradosaggio è molto pericoloso: fino allo shock anafilattico. Gli effetti collaterali sono anche spiacevoli: vertigini, dolore, allergie, tachicardia. Non correre rischi senza le istruzioni esplicite di un medico. Tuttavia, questo consiglio non si applica all'assunzione di vitamine nel biocomplex.

Contrariamente a tutti gli stereotipi: una ragazza con un raro disturbo genetico conquista il mondo della moda, questa ragazza si chiama Melanie Gaidos, ed è entrata rapidamente nel mondo della moda, scioccando, ispirando e distruggendo gli stupidi stereotipi..

11 strani segni che indicano che sei bravo a letto Vuoi anche credere che dai piacere al tuo partner romantico a letto? Almeno non vuoi arrossire e mi dispiace.

Improvvisamente: i mariti vogliono che le loro mogli facciano queste cose più spesso 17. Se vuoi che la tua relazione sia più felice, dovresti fare le cose da questo semplice elenco più spesso..

Come apparire più giovani: i migliori tagli di capelli per chi ha più di 30, 40, 50, 60 ragazze in 20 anni non si preoccupano della forma e della lunghezza della pettinatura. Sembra che la gioventù sia stata creata per esperimenti sull'aspetto e sui ricci audaci. Tuttavia, già.

Cosa può dire una forma del naso sulla tua personalità? Molti esperti ritengono che guardare il naso possa dire molto sulla personalità di una persona. Pertanto, al primo incontro, presta attenzione al naso sconosciuto.

I nostri antenati non dormivano come noi. Cosa stiamo sbagliando? È difficile da credere, ma gli scienziati e molti storici sono inclini a credere che l'uomo moderno non dorme affatto come i suoi antichi antenati. Originariamente.

Vitamina B12 (cianocobalamina)

La cianocobalamina, o vitamina B12, è spesso chiamata "super-vitamina". Ha giustamente guadagnato questo complimento, poiché è l'unica vitamina idrosolubile che può accumularsi nel corpo umano, vale a dire nei polmoni, nel fegato, nei reni e nella milza. Un'altra importante proprietà della cianocobalamina è la sua maggiore resistenza alla luce e alle alte temperature, in relazione alle quali è molto più facile da conservare negli alimenti rispetto a tutte le altre vitamine appartenenti al gruppo B.

La vitamina B12 svolge un ruolo molto importante per la salute umana e svolge diverse importanti funzioni: protegge dall'obesità, rafforza il sistema immunitario e migliora anche il benessere generale. A causa delle caratteristiche uniche di questa vitamina, si consiglia di usarla anche per le persone a cui è stato diagnosticato l'AIDS: la cianocobalamina è in grado di prolungare la loro vita.

Inoltre, la vitamina B12 partecipa attivamente ai processi di emopoiesi e svolge un ruolo importante nella formazione del tessuto osseo. A questo proposito, i prodotti contenenti cianocobalamina devono essere presenti nella dieta di bambini e adolescenti.

E la vitamina B12 è in grado di influenzare l'attività cerebrale, nonché l'equilibrio emotivo di una persona. Bere questa vitamina in quantità sufficiente aiuta a combattere lo stress e la depressione, oltre a eliminare l'insonnia e contribuisce a un più facile adattamento al cambiamento del regime del giorno. Inoltre, la cianocobalamina normalizza la pressione sanguigna ed è coinvolta nella creazione di strati speciali che forniscono una protezione affidabile delle fibre nervose.

L'assunzione inadeguata di vitamina B12 è irta di pericoli e può persino causare lo sviluppo di gravi malattie del sistema nervoso. La sclerosi multipla, con conseguente paralisi, nonché una significativa riduzione della durata della vita, è una delle peggiori malattie che possono causare carenza di cianocobalamina..

Inoltre, la vitamina B12 è essenziale per il corretto metabolismo di proteine, carboidrati e grassi. Come risultato dell'interazione attiva della cianocobalamina con alcune altre sostanze importanti e utili, iniziano i processi di sintesi nei nuclei delle cellule dell'RNA e del DNA, che contengono assolutamente tutte le informazioni ereditarie importanti.

Gli scienziati hanno definito la cianocobalamina un "mistero della natura", al punto da far emergere artificialmente qualcosa del genere, è assolutamente irrealistico, poiché la molecola di questa vitamina era sorprendentemente complessa.

Sintomi di carenza di overdose e vitamina B12

Quando la vitamina B12 non è sufficientemente assorbita nel corpo umano, può verificarsi un disturbo gastrointestinale a causa della cattiva digestione; vertigini e mal di testa; problemi con memoria e visione; così come sonnolenza, irritabilità e tensione nervosa.

L'uso di prodotti come fegato di pollame o animali cotto a metà aiuterà a colmare la mancanza di cianocobalamina nel corpo - la cosa principale è che è ecologico. Se ciò non bastasse, puoi assumere anche vitamina B12 sotto forma di compresse o capsule. La cosa più importante è assicurarsi che il cibo sia sempre pieno e sano.

A volte è molto difficile diagnosticare la carenza di cianocobalamina, perché le analisi potrebbero non dare sempre i risultati corretti. Altri segni di mancanza di questa vitamina possono includere una sensazione di depressione, balbuzie, intorpidimento degli arti e persino cattivo odore della pelle.

Per quanto riguarda un sovradosaggio di vitamina B12, può verificarsi solo se viene iniettato nel corpo. Le reazioni avverse in questo caso possono essere edema polmonare, insufficienza cardiaca, orticaria e trombosi. Queste spiacevoli conseguenze possono essere facilmente eliminate, poiché la cianocobalamina viene sciolta in liquidi ed escreta a causa dello svuotamento. Ma, in ogni caso, è meglio rispettare l'assunzione consentita di vitamina B12.

Interazione con altre sostanze

La cianocobalamina interagisce molto bene con le vitamine C e B5 e con l'acido folico. Di conseguenza, il processo metabolico è normalizzato e viene fornita anche una protezione affidabile contro situazioni stressanti e le loro conseguenze negative..

In combinazione con vitamina B12, vitamina A e ferro iniziano a funzionare molto più attivamente. La cianocobalamina non è "amichevole" con il potassio, poiché questo elemento interferisce con il suo normale assorbimento..

Va notato che le qualità della vitamina B12 in combinazione con acido folico si manifestano meglio. Completandosi a vicenda, queste due vitamine non solo possono prevenire, ma anche curare molte malattie gravi.

Per avere sempre una quantità sufficiente di cianocobalamina nel tuo corpo, cerca di consumare meno zucchero, poiché influenza negativamente la microflora intestinale e, quindi, interferisce con il normale processo di sintesi della vitamina B12. Per risolvere questo problema, consuma più ricotta ricca di calcio e prendi anche il lievito di birra: questo integratore alimentare venduto in ogni farmacia è in grado di sintetizzare la cianocobalamina.

Fabbisogno giornaliero di vitamina B12

Affinché il corpo umano funzioni normalmente, richiede la seguente quantità di cianocobalamina al giorno:

per adulti 2,0-3,0 mcg

per le donne in gravidanza 3,0-4,0 mcg

per le madri che allattano 3,0-4,0 mcg

per i bambini, a seconda dell'età e del sesso 1,0-2,0 mcg

per i neonati 0,3-0,5 mcg

Per le donne in gravidanza e durante l'allattamento, questa norma può aumentare di circa due o quattro volte. Inoltre, si raccomanda agli anziani, ai fumatori e ai seguaci del vegetarianismo di usare la vitamina B12 sotto forma di compresse o come parte di complessi vitaminici o integratori alimentari.

Contenuto negli alimenti

La più grande quantità di vitamina B12 si trova negli alimenti di origine animale. È quasi impossibile incontrarlo nei prodotti vegetali, ad eccezione del luppolo, della soia, dell'alga, dell'insalata verde, delle cime di alcune verdure e degli spinaci. Una piccola quantità di cianocobalamina si trova nel lievito. Tuttavia, i più ricchi di vitamina B12 sono fegato di vitello e manzo, rene, tuorli d'uovo di pollo, latte scremato in polvere, granchi, salmone, sardine, ostriche e formaggio a pasta dura.

I vegetariani che rinunciano non solo alla carne e ai prodotti a base di pesce, ma anche a latte, formaggio e uova sono a rischio di carenza di vitamina B12..

Allergia a tutto

Lo sviluppo di allergie alle vitamine del gruppo B.

Un'allergia alle vitamine del gruppo B è rara, ma crea grandi difficoltà, poiché queste sostanze biologicamente attive svolgono un ruolo importante nel corpo e sono quindi utilizzate per trattare molte malattie.

Cause di allergia alla vitamina B.

Nella maggior parte dei casi, una reazione allergica alle vitamine del gruppo B è associata a un sovradosaggio con l'uso eccessivo di determinati prodotti o l'uso improprio di droghe. Il più pericoloso è l'eccesso di vitamina B1 (tiamina), perché stimola la produzione di acetilcolina, una sostanza che è coinvolta nello sviluppo di allergie. Inoltre, una reazione negativa alla tiamina dal sistema immunitario può portare a compromissione della funzionalità epatica e renale..

Le vitamine B6 e B12 causano allergie molto meno frequentemente. Particolare attenzione dovrebbe essere prestata alla quantità di vitamina B12 consumata. Tende ad accumularsi nel corpo, poiché la sua emivita è di circa 1,5 anni. L'allergia alla vitamina B può verificarsi anche se assunta con moderazione. Le ragioni possono essere le seguenti condizioni:

  • ipersensibilità;
  • immunità indebolita;
  • malattie metaboliche (ad es. insufficienza renale o epatica).

Vale la pena notare che l'assunzione di vitamine in compresse o capsule è spesso accompagnata da un deterioramento del benessere. Il motivo potrebbe non essere un'allergia alla vitamina B in quanto tale, ma una reazione negativa agli eccipienti: gelatina, amido, coloranti e aromi.

Si noti che una reazione allergica si sviluppa più volte più spesso nelle persone che assumono complessi multivitaminici o vitaminici. Ciò è dovuto all'interazione tra tutti i componenti di tali farmaci. Alcuni esperti ritengono che l'assorbimento di vitamine e minerali da questi farmaci sia molto peggio, motivo per cui i composti non digeriti sono percepiti dal sistema immunitario come agenti estranei.

Sintomi di allergia alla vitamina

È importante essere in grado di distinguere i sintomi di una reazione allergica dai segni di un sovradosaggio, poiché il trattamento in queste condizioni viene effettuato in modo diverso. Tutti i rappresentanti delle vitamine del gruppo B hanno un diverso livello di attività, quindi la gravità delle allergie può variare. I sintomi con una lieve allergia alla tiamina, alla B12 o ad altri tipi sono limitati alle manifestazioni cutanee:

  • arrossamento
  • prurito e bruciore;
  • eruzioni cutanee sotto forma di piccole vescicole e desquamazione;
  • orticaria.

Se le vitamine del gruppo B sono state somministrate per via intramuscolare, possono verificarsi edema, arrossamento e dolore nel sito di iniezione.

Nei casi più gravi, un'allergia alla vitamina B è accompagnata da congestione nasale, naso che cola, tosse, lacrimazione e febbre. Un decorso particolarmente grave è caratterizzato dal fatto che si verificano sintomi di angioedema:

  • raucedine e una sensazione di soffocamento;
  • gonfiore del viso;
  • gonfiore e intorpidimento degli arti;
  • dolore addominale acuto;
  • forte calo della pressione sanguigna.

Questa condizione rappresenta una minaccia per la vita, quindi se compaiono segni di edema di Quincke, è necessario consultare urgentemente un medico. In casi molto rari, dopo l'iniezione della soluzione vitaminica si sviluppa uno shock anafilattico..

Un sovradosaggio di vitamina B12 o altri rappresentanti di vitamine del gruppo B si manifesta come segue:

  • nausea e vomito;
  • diarrea
  • debolezza, vertigini;
  • aumento della frequenza cardiaca;
  • cambiamenti caratteristici nei test del sangue e delle urine.

Spesso, i sintomi di una reazione allergica e un sovradosaggio si verificano contemporaneamente.

Trattamento di allergia alla vitamina

Affinché la reazione allergica si fermi, è necessario interrompere l'assunzione di allergene nel corpo: rifiutare iniezioni o assumere complessi multivitaminici. Se tali misure non sono sufficienti, si raccomanda di seguire una dieta speciale con una quantità minima di prodotti contenenti vitamina B12 o altri rappresentanti del gruppo B. Se è impossibile escludere completamente tali prodotti, si raccomanda di eseguire un trattamento termico, che aiuta a distruggere la vitamina.

Il medico prescrive il regime di trattamento farmacologico, la scelta dei farmaci, i dosaggi e la durata del corso di somministrazione dipendono dai sintomi. Per la somministrazione orale, vengono prescritti antistaminici: "Erius", "Zirtek", "Tavegil", "Eden".

Se l'uso di questi fondi non dà un effetto positivo, è indicato il trattamento con farmaci ormonali: "Prednisolone" o "Desametasone". Per eliminare i sintomi cutanei dell'allergia alla vitamina B, nonché la congestione nasale, vengono utilizzati pomate con componenti antiallergici (fenistil-gel, Gistan) e gocce nasali con decongestionanti (Galazolina, Tizin, Nazol). Nelle reazioni cutanee gravi, il medico prescrive un unguento con un componente ormonale (Beloderm, Lorinden C).

Al fine di rimuovere dal corpo i residui di B12 o un altro allergene, possono essere prescritti agenti adsorbenti (carbone attivo, Enterosgel, Polyphepan) e un clistere detergente. In caso di febbre, è indicata la terapia per infusione (contagocce). L'ulteriore eliminazione della vitamina B12 è aiutata bevendo molta acqua potabile e una dieta ipoallergenica..

Prevenzione delle allergie alla vitamina B.

Per proteggersi da un'allergia alla vitamina B, si consiglia di seguire alcune regole..

  1. Non abusare dei preparati vitaminici: più non significa meglio. Le persone che conducono uno stile di vita attivo, mangiano in modo vario e si sentono bene, di norma non è necessario un uso urgente di complessi vitaminico-minerali.
  1. Quando si scelgono i farmaci, dare la preferenza ai monovitaminici, poiché i complessi multivitaminici e vitaminici-minerali causano allergie molto più spesso. Per scoprire quale sostanza è carente, è sufficiente un esame del sangue.
  2. Cerca di assumere medicinali vitaminici contenenti la quantità minima di eccipienti. Ad esempio, i farmaci per bambini sono prodotti sotto forma di sciroppi dolci o pillole colorate, tuttavia contengono molto più potenziali allergeni rispetto alle semplici compresse.
  3. Si noti che recentemente i produttori hanno aggiunto vitamine del gruppo B ai prodotti per la cura della pelle e dei capelli. In presenza di allergie, i cosmetici con tali additivi possono causare dermatiti da contatto di varia gravità..

I preparati vitaminici non sono così innocui come molte persone pensano. L'uso improprio di questi fondi può danneggiare l'organismo sotto forma di allergie o intossicazione (in misura maggiore ciò si applica alla vitamina B12).

Se l'assunzione di complessi multivitaminici ha causato una reazione allergica, sono necessari ulteriori studi. Aiuteranno a determinare esattamente quale rappresentante del gruppo B ha agito come allergene. A tale scopo vengono eseguiti test cutanei: flebo, scarificazione e intradermica, nonché un esame del sangue per le immunoglobuline. Sulla base di tali analisi, il medico sarà in grado di scegliere la dieta e il regime terapeutico più adatti.

Un'allergia alle vitamine del gruppo B - b, sintomi, se può essere, come manifestato

Una reazione allergica è una maggiore sensibilità del sistema immunitario a una particolare sostanza. Le sostanze che causano questa reazione sono chiamate allergeni. Allergie a praticamente qualsiasi sostanza.

Cosa è incluso nel gruppo

Il gruppo contiene otto vitamine idrosolubili:

  • B1 (tiamina), è coinvolto nella produzione di energia, quindi, in quasi tutti i processi del corpo, la sintesi di acetilcolina; necessario per il lavoro attivo di tutti i sistemi del corpo, in particolare del sistema nervoso e del cervello;
  1. colture di cereali;
  2. soprattutto in crusca;
  3. piselli verdi;
  4. meno: in noci, frutta secca, barbabietole, cavoli, carote, spinaci, rosa canina, cipolle;
  • B2 (riboflavina) è necessaria per lo sviluppo delle cellule nervose, la crescita dei globuli rossi e il loro assorbimento del ferro, per il normale funzionamento delle ghiandole surrenali, è coinvolto nei processi di protezione della cornea dalla luce solare, è coinvolto nella rigenerazione (rinnovamento) della pelle e delle mucose;
  1. carne;
  2. fegato
  3. pesce
  4. latte;
  5. uova
  6. semole di grano saraceno;
  7. piselli verdi;
  8. cavolo;
  9. lievito
  10. mandorle;
  11. riso;

B3 (acido nicotinico, PP), è coinvolto nelle reazioni energetiche ed enzimatiche, è necessario per il funzionamento del sistema nervoso, la produzione di ormoni sessuali e ormoni delle ghiandole surrenali, è coinvolto nei processi di sorveglianza immunologica (è coinvolto nella rimozione delle cellule mutanti dal corpo);

Alto contenuto in:

  1. fegato
  2. uova
  3. pesce
  4. carne magra;
  5. le piante contengono meno: prezzemolo, asparagi, legumi, funghi, peperoni, aglio, carote, arachidi;
  • B5 (acido pantotenico) è coinvolto nella sintesi del coenzima A, nella scomposizione di grassi e carboidrati, nel processo di rigenerazione e nel funzionamento del sistema immunitario;

Contenuto in molti prodotti, soprattutto in:

  1. verdure verdi;
  2. crusca;
  3. prodotti a base di carne e pesce;
  4. latte;
  5. lievito
  6. legumi;
  7. Nocciole;
  8. tuorlo d'uovo;
  9. prodotto nell'intestino;
  • B6 (piridossina) è coinvolto nella sintesi di acidi grassi polinsaturi, anticorpi, emoglobina, metabolismo dei carboidrati, regola il sistema nervoso;
  1. noccioline
  2. patate;
  3. germogli di cereali;
  4. Spinaci
  5. carote;
  6. cavolo;
  7. carne;
  8. latticini;
  9. pesce
  10. un uccello;
  11. Fragole
  12. ciliegia dolce;
  13. agrumi;
  14. prodotto nell'intestino
  • B7 (biotina) è coinvolto nel rilascio di energia;

in grandi quantità contenute in:

  1. frattaglie;
  2. legumi;
  3. noccioline
  4. lievito e cavolfiore;
  5. in quantità minore - in quasi tutti i prodotti; prodotto nell'intestino;
  • B9 (acido folico), è coinvolto nella formazione di acidi nucleici, nello sviluppo del feto e dei globuli rossi;
  1. ortaggi a foglia;
  2. legumi;
  3. miele di crusca;
  4. prodotto nell'intestino;
  • B12 (cianocobalamina) è strategicamente importante per l'ematopoiesi, è necessario per la produzione di mielina;

Le vitamine del gruppo B fanno parte di quasi tutti i complessi multivitaminici prodotti dall'industria farmaceutica. Sono anche disponibili come preparazioni iniettabili separate..

Prodotti naturali o farmaceutici

Il detentore del record per la frequenza delle reazioni è la vitamina B1 (tiamina).

Significativamente meno spesso, ma ci sono reazioni allergiche alla vitamina B6 (piridossina) e alla vitamina B12 (cianocobalamina).

Ad altre vitamine del gruppo, si verificano reazioni allergiche in casi isolati.

Se è allergico a specifiche vitamine del gruppo B, non importa da quale fonte provengano.

Che cos'è un allergene??

In questo caso, essi stessi agiscono come un allergene, cioè una sostanza chimica, che è una vitamina.

Ammissione come parte di complessi multivitaminici

Molto spesso, la reazione si verifica con l'uso di complessi multivitaminici. Tutti i componenti del complesso, di regola, sono contenuti nella quantità di fabbisogno giornaliero.

Iniziando un corso di trattamento multivitaminico, vale la pena considerare che le vitamine sono anche fornite con il cibo, così come i casi di mancanza di tutte le vitamine e i minerali per il corpo sono rari e quindi alcune vitamine verranno in eccesso, questo può portare a sensibilizzazione.

Soprattutto se, con l'obiettivo di una rapida fortificazione, il dosaggio raccomandato dal produttore viene deliberatamente aumentato.

Devi sapere che la maggior parte dei complessi vitaminici sono registrati come integratori alimentari (additivi biologicamente attivi), il che consente di semplificare e ridurre i costi del processo di registrazione dei farmaci.

Controllo degli integratori meno grave.

Un laboratorio privato indipendente negli Stati Uniti ha condotto un'analisi dei complessi multivitaminici nel mercato locale, risultando che il 30% di essi, indicato nel riepilogo del dosaggio, è stato superato.

Il prossimo fattore provocante sono vari eccipienti nel complesso, come gomma e algin, che stessi sensibilizzano il corpo (aumentano la prontezza del sistema immunitario per sviluppare reazioni allergiche).

Contenuto negli alimenti

Anche in questo caso l'incidenza della sensibilizzazione è elevata, ma per altri motivi. Tutti gli alimenti ad eccezione delle vitamine contengono molti più altri componenti..

Queste sostanze possono cambiare la risposta del corpo alle vitamine del gruppo B, poiché sono esse stesse potenti allergeni..

Gli allergeni più comuni includono:

  • proteine ​​del latte vaccino;
  • agrumi;
  • albume;
  • arachidi;
  • frutti di mare;
  • cereali, tra cui spicca segale e grano;
  • cacao.

Inoltre, gli alimenti che possono includere sostanze che aumentano l'assorbimento delle vitamine del gruppo B nel tratto digestivo.

Tali sostanze comprendono:

  • magnesio - aumenta l'assorbimento dell'intero gruppo di vitamine B;
  • La vitamina C contribuisce all'accumulo di vitamina B9;
  • calcio - migliora l'assorbimento della vitamina B12;

Forme di dosaggio

Questi fondi sono disponibili come singoli farmaci e sotto forma di combinazioni di diverse vitamine di un gruppo con minerali. Ci sono iniettabili e compresse orali.

I seguenti fattori contribuiscono allo sviluppo di una reazione allergica alle forme di dosaggio di vitamine:

  • alta concentrazione di vitamine nella preparazione;
  • il contenuto di eccipienti con alta attività sensibilizzante.

Le ragioni

Per vari motivi, il corpo può percepire alcune sostanze (in questo caso, le vitamine del gruppo B) come pericolose e richiedere un'azione immediata per eliminarle. Questa reazione è allergica..

Esistono due tipi di reazioni allergiche:

  1. la vera reazione è questo tipo di allergia, quando la reazione si sviluppa sempre e ad ogni dose dell'allergene, di regola, si manifesta per la prima volta durante l'infanzia, è rara, ha un decorso più grave e può intensificarsi nel corso degli anni;
  2. reazione pseudo-allergica - dipende dalla quantità di sostanza ingerita, nonché dai prodotti correlati, sono comuni, possono manifestarsi a qualsiasi età.

Le ragioni per lo sviluppo di reazioni vere non sono ancora esattamente stabilite dalla scienza..

Il sistema immunitario del corpo è responsabile dello sviluppo di allergie ed è molto difficile da organizzare..

La chiave della sua soluzione fornirà una risposta alla soluzione di molte domande relative non solo alla sensibilizzazione, ma anche ad altre malattie gravi, come la sclerosi multipla e l'artrite reumatoide..

Ma ci sono molti fattori che possono provocare una reazione pseudo-allergica:

  • un sovradosaggio di vitamina B è possibile quando si assumono forme di farmaci, perché negli alimenti, il contenuto di vitamine è così basso che è semplicemente fisiologicamente impossibile mangiare abbastanza per ottenere un sovradosaggio; tuttavia, vale la pena prestare attenzione al fatto che, a fini di marketing, molti prodotti alimentari sono artificialmente arricchiti con vitamine (latticini, prodotti da forno), quindi vengono presentati i loro maggiori benefici; vale la pena rintracciare tali prodotti nella dieta e non combinarli con l'assunzione di forme di dosaggio di vitamine;
  • lo stato del sistema immunitario, se il sistema immunitario, come dice il proverbio, è soggetto a reazioni allergiche, quindi la probabilità di una risposta immunitaria a un'alta dose di vitamina B aumenta in modo significativo, nel qual caso altri potenziali allergeni (agrumi, bacche, albume e molti altri);
  • l'uso di più farmaci contemporaneamente, oltre alle vitamine del gruppo B, può anche essere un catalizzatore per lo sviluppo di allergie, con l'aumentare del numero di interazioni farmacologiche;

Idealmente, una persona non dovrebbe assumere più di 5 farmaci contemporaneamente;

  • l'aumento dello stress emotivo e fisico porta anche a uno squilibrio del sistema immunitario e può provocare reazioni allergiche;
  • l'insolazione, l'ultravioletto può anche alterare il funzionamento del sistema immunitario;
  • nelle donne, la tendenza a sviluppare reazioni allergiche aumenta nei giorni critici;
  • può provocare una risposta immunitaria e alcune procedure precedenti (ad esempio, l'uso di una crema con un alto contenuto di vitamina B, dopo un peeling profondo).

Sintomi di un'allergia alle vitamine del gruppo B.

Esistono diversi tipi di manifestazioni di reazioni allergiche:

  • manifestazioni cutanee: prurito, eczema, dermatite, orticaria;
  • gonfiore della pelle e nei casi più gravi della laringe (edema di Quincke);
  • broncospasmo (asma bronchiale);
  • e la più grave - la necrosi cutanea (sindrome di Steven Johnson) e le mucose (sindrome di Lyell), possono portare alla morte;

Tutti possono svilupparsi con sensibilità a qualsiasi sostanza, compresa la vitamina B..

Pertanto, è possibile stabilire che si tratta di un'allergia specifica alla vitamina B, se presa da sola. Altrimenti, devi agire per esclusione.

Naturalmente, è possibile sospettare una reazione a una determinata vitamina se il paziente assume un complesso multivitaminico, ma sarà impossibile dire immediatamente e con una precisione su quale.

Sarà anche difficile distinguere una forma alimentare da una reazione alle vitamine se si è sviluppata a seguito del consumo di un prodotto.

Anche un allergologo al primo appuntamento sospetterà che si tratti di un'allergia alimentare, poiché le manifestazioni di reazioni allergiche alle vitamine non sono prevedibili in ogni persona.

Ci sono le manifestazioni più comuni per ogni vitamina:

  • Vitamina B1: una reazione allergica, molto spesso gonfiore del viso e delle mucose (fino allo sviluppo dell'edema di Quincke);
  • La vitamina B6 e B12 si manifestano spesso con orticaria e dermatite..

Ma non sono un marker di una specifica allergia..

Come stabilire una diagnosi e quali sono i test

Come già accennato in precedenza, è più facile stabilire una diagnosi quando un'allergia si è sviluppata immediatamente dopo l'introduzione di tale vitamina in monoterapia.

In altri casi, l'allergologo dovrà condurre ulteriori test..

Esistono indicatori non specifici che indicano semplicemente una reazione allergica:

  • i cambiamenti nell'analisi del sangue generale si manifesteranno con un aumento del livello di cellule specifiche - eosinofili;
  • aumento dei livelli di immunoglobulina E.

Questi indicatori informeranno il medico che determinerà se i sintomi sono associati alla manifestazione della reazione..

Inoltre, al fine di stabilire esattamente su quale sostanza si è sviluppata la sensibilizzazione, vengono eseguiti test cutanei..

Gli allergeni sospetti vengono somministrati per via sottocutanea e viene valutata la reazione cutanea. Tale test può stabilire con precisione l'allergene..

C'è una cura

Il trattamento più necessario è di interrompere l'interazione con l'allergene, ovvero è necessario interrompere immediatamente l'assunzione della vitamina ed escludere i prodotti che lo contengono.

Per ridurre i sintomi, puoi assumere antistaminici, che attualmente sono una quantità enorme.

Un ulteriore trattamento è prescritto da un allergologo o terapista in sua assenza.

Solo un medico può prescrivere un trattamento specifico ed efficace..

Se le allergie sono gravi sin dall'inizio, è apparso gonfiore del viso e / o è diventato difficile respirare, è necessario chiamare immediatamente un'ambulanza o andare all'ospedale più vicino da soli.

Video: antistaminici

Prevenzione

Nessuna profilassi specifica.

Le misure generali devono seguire rigorosamente la prescrizione delle istruzioni per l'uso di farmaci contenenti vitamine del gruppo B, se utilizzate da sole, il che è altamente indesiderabile.

Non superare la dose prescritta dal medico e indicata nelle istruzioni!

È anche importante ricordare che il contenuto di vitamine del gruppo B nei complessi vitaminici, nonché le prescrizioni del medico, sono progettati per essere l'unica fonte di questa sostanza..

Pertanto, durante le iniezioni di vitamine del gruppo B, non è necessario utilizzarle ulteriormente sotto forma di complessi multivitaminici, nonché rifiutare prodotti contenenti queste vitamine in grandi quantità.

All'appuntamento del medico, assicurati di segnalare tutte le reazioni allergiche che erano in precedenza.

Come viene diagnosticata l'allergia all'oro? Dettagli qui.

Quale trattamento è necessario per un'allergia al metallo? Continuare a leggere.

Nella maggior parte dei casi, una reazione pseudo-allergica provoca il recupero. Ma la probabilità di una seconda reazione rimane alta.

Con una vera reazione allergica con un allergene, dovrai dire addio per sempre, poiché ogni contatto con lui causerà un nuovo episodio di allergia. Di norma, anche questi episodi si fermano, ma molto raramente sono possibili casi gravi..

Le principali cause dello sviluppo di allergie alle vitamine del gruppo B: sintomi e trattamento, una tabella di prodotti vietati

Un'allergia alle vitamine del gruppo B si sviluppa negli adulti e nei bambini con ipersensibilità del sistema immunitario, intolleranza congenita, patologie croniche degli organi interni. Riboflavina, piridossina, cianocobalamina sono coinvolti in molti processi, regolano il metabolismo energetico. Con l'intolleranza alle vitamine del gruppo B, devi regolare la dieta, rifiutare molti farmaci e integratori alimentari.

Perché la tiamina provoca gravi reazioni allergiche nelle persone con ipersensibilità al corpo? Quali alimenti contengono riboflavina, cianocobalamina, piridossina, biotina? Come trattare un'allergia alle vitamine? Risposte nell'articolo.

Una reazione negativa alla riboflavina o all'acido folico è meno comune di un'allergia al cioccolato e agli agrumi, nella maggior parte dei casi il problema è congenito. La predisposizione genetica è una delle principali cause di intolleranza a sostanze preziose coinvolte in molti processi di supporto vitale del corpo. La vera allergia rimane per la vita, una cura completa è impossibile, ma con l'esatta osservanza delle regole di prevenzione, la probabilità di ricaduta può essere ridotta al minimo..

Altri fattori che causano reazioni allergiche:

  • le frequenti malattie infantili provocano una maggiore sensibilità del sistema immunitario alle proteine ​​estranee;
  • contatto prolungato con prodotti chimici, gravi condizioni ambientali;
  • patologie croniche del fegato, tratto digestivo, reni;
  • il trattamento delle oncopatologie in condizioni sterili porta a malfunzionamenti nel sistema immunitario: il corpo non distingue tra sostanze sicure e antigeni, combatte non solo componenti dannosi ma anche utili.

A volte si manifesta una pseudo-allergia alle vitamine. Molto spesso, una reazione negativa è accompagnata dalla comparsa di eruzioni cutanee, prurito, arrossamento, problemi digestivi.

Cosa tratta un allergologo - immunologo e quando devo consultare uno specialista? Leggi informazioni utili.

Panoramica e regole per l'uso di colliri per allergie in un bambino, guarda questo indirizzo.

Cause di false allergie:

  • uso improprio di complessi vitaminici e minerali. Un sovradosaggio crea un sovraccarico sul corpo;
  • l'uso di integratori alimentari, che includono coloranti, aromi, conservanti;
  • eccesso di cibo. Alcuni tipi di alimenti contengono sostanze sintetiche che influenzano negativamente l'apparato digerente;
  • abbandono delle norme igieniche. Quando si mangiano verdure scarsamente lavate e verdure a foglia verde, le sostanze chimiche che hanno trattato le piante penetrano nel corpo.

Su una nota! Il più pericoloso per chi soffre di allergie è la tiamina (B1). Le vitamine B12 e B6 hanno meno probabilità di provocare manifestazioni negative. Altri nomi: B7, B2, B5, B9, B3 raramente causano reazioni cutanee, processi negativi nel sistema digestivo.

Primi segni e sintomi

I segni di intolleranza alle vitamine del gruppo B si manifestano in diversi modi (reazioni specifiche):

  • cianocobalamina. Prurito, eruzioni cutanee;
  • tiamina. La combinazione con il rilascio attivo di acetilcolina porta alla comparsa di orticaria, insufficienza epatica e renale, anafilassi;
  • piridossina. Sintomi emorragici.

Altri tipi di vitamine del gruppo B provocano la comparsa dei principali sintomi di allergie:

Diagnostica

È importante consultare un medico per identificare sostanze antigene inadeguate. Un allergologo-immunologo prescrive test, conduce il trattamento quando la diagnosi è confermata.

I principali tipi di ricerca:

  • esame del sangue per determinare il livello di immunoglobulina E;
  • test di allergia cutanea: prik-test, metodo di applicazione;
  • test provocatori.
  • analisi delle feci per disbiosi;
  • digestione ad ultrasuoni;
  • Analisi delle urine.

Allergia alle vitamine negli adulti

Con l'inizio prematuro della terapia, l'ipersensibilità del corpo all'azione delle sostanze irritanti, l'azione costante della produzione dannosa e dei fattori ambientali, una reazione acuta dura una vita. Dopo 40 anni, i medici identificano spesso patologie croniche, contro le quali aumenta il rischio di allergie. Le vitamine del gruppo B si trovano in molti alimenti e integratori alimentari, è difficile evitare l'assunzione di ingredienti inappropriati.

A volte gli adulti stessi provocano lo sviluppo di una reazione negativa con una terapia vitaminica impropria. Nella speranza di un effetto precoce, alcune persone assumono molte più compresse e capsule del normale. I gusci di molte pillole contengono coloranti, conservanti. In combinazione con un consumo eccessivo di cianocobalamina, tiamina, piridossina, si sviluppano reazioni nel tratto digestivo, compaiono sintomi di allergia cutanea.

Conclusione: rafforzare l'immunità con l'uso di complessi multivitaminici è necessario solo sotto la guida di un medico, in conformità con un dosaggio singolo e giornaliero. L'ipervitaminosi causa anche interruzioni nei processi metabolici, nonché una carenza di componenti preziosi.

Malattia nei bambini

Un raro tipo di reazione negativa alle sostanze benefiche nei bambini viene posto nella maggior parte dei casi a livello genetico. Il corpo percepisce le vitamine come antigeni, dopo ripetuti contatti con una dose minima di allergene, si sviluppa una reazione, spesso acuta.

Le malattie gravi durante l'infanzia riducono l'immunità, interrompono la composizione della microflora intestinale e aumentano la sensibilizzazione del corpo. L'oncopatologia è particolarmente pericolosa.

Nei bambini, l'intolleranza alle vitamine del gruppo B si manifesta per la prima volta dopo l'introduzione di alimenti complementari per i bambini o dai primi giorni di vita se il bambino riceve miscele nutrizionali. Molti sostituti del latte contengono vitamine, comprese quelle con una risposta immunitaria negativa..

Su una nota! Se sospetti un'allergia, è importante mostrare il bambino al medico il prima possibile per evitare reazioni gravi. La correzione tempestiva della dieta previene le esacerbazioni con intolleranza congenita a tiamina, piridossina, cianocobalamina, acido folico.

Il contenuto nelle vitamine del gruppo B: tabella

Quando si conferma la risposta negativa del corpo, è importante sapere quali tipi di alimenti contengono un gran numero di sostanze che causano allergie. L'elenco dei prodotti dovrebbe essere sempre a portata di mano per evitare irritazioni. Con l'intolleranza stabilita a livello genetico, è importante seguire rigorosamente una dieta, non assumere multivitaminici e integratori alimentari con ingredienti inappropriati.

NomeQuali alimenti contengono vitamine del gruppo B.
Tiamina o B1Crusca, cereali, piselli. Ingrediente meno utile: spinaci, cavoli, cipolle, cinorrodi, frutta secca
Riboflavina o B2Pesce, uova, fegato, carne, lievito, riso, grano saraceno e semole di grano, mandorle, piselli
Niacina o PP (B3)Carne magra, fegato, pesce di diverse varietà, uova. Meno: legumi, funghi, verdure a foglia verde, arachidi, carote, aglio
Acido pantotenico o B5Lievito, fegato, tuorlo d'uovo, crusca, pesce, prodotti a base di carne, verdure verdi, nocciole
Piridossina o B6Spinaci, latticini e prodotti a base di carne, cavoli, grano germogliato, carote, agrumi, ciliegie, pollame
Biotina o B7Noci, frattaglie, tutti i tipi di legumi. La sostanza meno preziosa contiene la maggior parte dei tipi di cibo.
Acido folico o B9Miele, crusca, fagioli
Cianocobalamina o B12Cavolo marino, uova, pesce di mare e di fiume, fegato

Su una nota! Alcune sostanze preziose vengono prodotte in piccole quantità nell'intestino. Il corpo produce: biotina, piridossina, acido pantotenico e folico.

Trattamenti efficaci

I principali metodi di terapia:

  • sostituzione di iniezioni di vitamine piridossina, tiamina e cianocobalamina con altri tipi di farmaci;
  • aderenza a una dieta ipoallergenica. Quando compili il menu, avrai bisogno della tabella della sezione precedente. È importante sapere: il trattamento termico distrugge molte vitamine, tra cui - e il gruppo B;
  • rifiuto di assumere complessi multivitaminici contenenti cianocobalamina, biotina, acido folico e pantotenico, piridossina e altri potenziali allergeni;
  • prendendo antistaminici. In caso di reazione acuta, vengono prescritti Tavegil, Suprastin, Difenidramina, Diazolina. Se i segni sono deboli o moderati, sono sufficienti i farmaci antiallergici di una nuova generazione. Nomi efficaci: Zodak, Erius, Claritin, Zirtek, Xizal e altri;
  • con una forma grave della malattia, sono indicati i corticosteroidi: desametasone, prednisolone;
  • con rinite allergica sullo sfondo di intolleranza alle vitamine, vengono prescritte gocce nasali di Nazol, Tizin Alergi, Galazolina;
  • per le reazioni cutanee saranno necessari unguenti per allergie: Ketocin, Gistan, Psilo-balsamo, Fenistil-gel, Dermadrin;
  • i sorbenti delle nuove generazioni sono adatti per rimuovere le vitamine in eccesso, purificando attivamente l'intestino da tossine e allergeni. Multisorb, Lactofiltrum, Polyphepan, Enterosgel, Enterumin, Filtrum, Carbone bianco, Smecta, Sorbex;
  • nelle reazioni cutanee gravi, vengono prescritti pomate ormonali. Nell'infanzia sono ammessi i seguenti articoli: Advantan, Elokom. Per gli adulti, l'elenco è più ampio: Beloderm, Flucort, Triderm, Lorinden S, Fluconazole. I medici raccomandano corticosteroidi non fluorurati per ridurre il rischio di reazioni avverse;
  • in caso di sovradosaggio di preparati vitaminici, lavanda gastrica, clistere detergente, viene prelevato un grande volume di acqua pulita e con un aumento della temperatura durante le allergie, viene prescritto un contagocce per eliminare attivamente l'allergene.

Dai un'occhiata alla nostra selezione di trattamenti efficaci per la dermatite allergica da contatto in adulti e bambini..

Potrebbe esserci un'allergia a Nurofen in un bambino e come riconoscere una patologia? Leggi la risposta in questo articolo..

Segui il link http://allergiinet.com/articles/chto-takoe-allergiya.html e scopri i sintomi delle allergie cutanee e il meccanismo della malattia.

Dopo aver fermato i segni di una falsa allergia o una vera risposta immunitaria alle vitamine, è importante ascoltare le raccomandazioni del medico. La tiamina, la cianocobalamina e la piridossina nei soggetti allergici spesso causano reazioni acute, frequenti recidive peggiorano la salute.

  • avvisare sempre i medici delle allergie alle vitamine del gruppo B;
  • rifiutare l'assunzione incontrollata di multivitaminici;
  • cambiare la dieta, tenendo conto del contenuto di vitamine inadeguate in vari alimenti;
  • mangiare cibo dopo il trattamento termico: in questo caso i componenti pericolosi vengono completamente o parzialmente distrutti;
  • rafforzare l'immunità, monitorare il decorso delle malattie croniche, prevenire le esacerbazioni;
  • studiare la composizione di shampoo, balsami, maschere per capelli, cosmetici: molti articoli contengono biotina, acido pantotenico, piridossina. Quando si utilizzano prodotti con vitamine del gruppo B, è possibile la dermatite da contatto;
  • ridurre il livello di sensibilizzazione del corpo sotto il controllo di un allergologo-immunologo, evitare il contatto con altri tipi di allergeni.

Un'allergia alle vitamine del gruppo B complica la vita, impone restrizioni a molti tipi di alimenti e medicine. La fiducia nel medico curante, le consultazioni regolari, l'implementazione delle raccomandazioni di un allergologo-immunologo prevengono le esacerbazioni.

Allergia alle vitamine: come si manifesta e cosa fare

Un'allergia alle vitamine può manifestarsi in tutti. Il motivo può essere la maggiore sensibilità o intolleranza a un determinato componente da parte del corpo. Quindi cosa fare se tu o la persona amata siete allergici alle vitamine? Ne parleremo in dettaglio nell'articolo.

Informazione Generale

Sicuramente sai che vari farmaci, così come il cibo, possono facilmente causare una reazione allergica. Ma allo stesso tempo, poche persone si rendono conto di avere intolleranza a un solo componente specifico, contenuto nella droga assunta o nel piatto consumato. Per identificare la vera causa di questo disturbo, dovresti consultare un medico. Se non hai l'opportunità di visitare l'ospedale, ti consigliamo di prendere in considerazione alcuni segni che indicano un'allergia.

Sintomi comuni di una reazione allergica nei bambini

Quasi sempre un'allergia alle vitamine ricorda i segni di un'allergia alimentare.

Nei bambini piccoli, tali deviazioni possono verificarsi con manifestazioni completamente diverse, vale a dire:

  • La comparsa di dermatite da pannolino, rigurgito regolare, disturbi digestivi e diatesi piangente.
  • Reazioni cutanee sotto forma di eczema, prurito, eruzione cutanea e arrossamento.
  • Manifestazioni gravi sotto forma di edema di Quincke, attacco asmatico, tosse allergica e naso che cola.

Un'allergia alle vitamine nei neonati può verificarsi sia a piccole dosi che a seguito di un sovradosaggio. E non devono prendere lui stesso il bambino. Basta mangiare la vitamina di una madre che allatta.

Segni comuni di una reazione allergica negli adulti

Molti credono che le allergie dopo le vitamine compaiano solo nei bambini. Ma questa è un'opinione errata. Infatti, nonostante l'organismo formato e un forte sistema immunitario, un adulto può affrontare un tale problema.

I sintomi più comuni di una reazione allergica alle vitamine comprendono asma, naso che cola, affaticamento, prurito e mancanza di respiro e mal di testa. Uno dei primi posti le cui lesioni indicano intolleranza a una particolare sostanza è la cavità nasale. Allo stesso tempo, con un aumento del flusso sanguigno, i seni si gonfiano e successivamente privano la persona allergica della capacità di respirare normalmente.

I problemi con il tratto digestivo spesso indicano che una persona è allergica alla vitamina D, B, C, ecc. In questo caso, il paziente inizia a sentirsi molto male, vomito, ha gonfiore e crampi addominali, nonché diarrea.

A causa della congestione nasale (a causa della pressione sui seni nasali e sulla loro infezione), un paziente adulto può manifestare forti mal di testa. Le reazioni cutanee sotto forma di eruzione cutanea ed eczema fungono anche da risposta di un organismo a componenti indesiderabili.

Quali altri segni indicano un'allergia vitaminica?

Se il tuo viso si gonfia improvvisamente, puoi tranquillamente dire che questa è una reazione anormale del corpo a qualsiasi vitamina. Ecco perché è necessario prendere con cura e in piccole quantità complessi nuovi e non familiari. Se dopo questo inizi a sentire che la lingua e la faccia sono gonfie, l'assunzione di integratori deve essere immediatamente annullata. In tali situazioni, si consiglia di chiamare un'ambulanza e di prendere un antistaminico.

Come sbarazzarsi?

L'allergia risultante alle vitamine non significa che dovresti abbandonare completamente tutte le sostanze benefiche presenti nel complesso. In questi casi, dovresti scegliere solo un farmaco adatto a te stesso, che non include il componente specifico che ti provoca reazioni indesiderate.

Per quanto riguarda i bambini, vari integratori e complessi vitaminici devono essere somministrati al bambino solo dopo aver consultato un pediatra. Se, dopo questo, si sono manifestate reazioni allergiche, allora il farmaco deve essere sospeso e, se possibile, sostituirlo con un altro.

Allergia alle vitamine del gruppo B.

Reazioni allergiche possono verificarsi su qualsiasi vitamina B. Tuttavia, molto spesso il corpo non percepisce esattamente B1. Un sovradosaggio di questa sostanza aumenta notevolmente l'attività dell'acetilcolina, che svolge un ruolo importante nella patogenesi allergica. Va anche notato che un consumo eccessivo della vitamina presentata può influire negativamente sul lavoro dei reni, del fegato.

Per quanto riguarda la sostanza B6, le reazioni indesiderabili ad esso sono molto rare. Sebbene un loro sovradosaggio possa facilmente portare a disturbi circolatori. Se il tuo corpo non prende bene la vitamina B12, corri il rischio di notare un'eruzione cutanea minore..

Allergia alla vitamina D.

A volte una reazione allergica nell'uomo si manifesta anche nella vitamina D. Di norma, ciò è dovuto al fatto che una persona è stata portata via dal consumo di additivi della farmacia o è andata troppo lontano con il consumo di uova o uova. Tuttavia, va notato che le persone hanno meno probabilità di incontrare tale fastidio. Dopo tutto, la vitamina D è essenziale per il nostro corpo. Inoltre, entra nel corpo umano non solo attraverso l'uso di determinati prodotti alimentari (ad esempio uova di pesce, latticini, uova, semi di girasole, funghi e prezzemolo), ma è anche sintetizzato a seguito dell'esposizione del sole alla pelle.

Per evitare manifestazioni allergiche dopo l'assunzione di vitamina D, non è consigliabile superare la sua dose, che è di 10-25 mcg al giorno.

Cosa succederà se usi una grande quantità di vitamina D3? Un'allergia a questo componente si manifesta nei seguenti casi:

  • gonfiore della gola e delle labbra;
  • reazioni cutanee sotto forma di prurito, eczema, arrossamento ed eruzione cutanea;
  • tosse e rinite allergica;
  • nausea e vomito grave;
  • attacchi asmatici;
  • respirazione difficoltosa
  • perdita di appetito e sete costante.

Se tali reazioni si sono manifestate in te o nei tuoi cari, dovresti consultare immediatamente un medico e interrompere temporaneamente l'assunzione del farmaco. Abbandonare per sempre questo componente è anche impossibile (specialmente per le madri in gravidanza e in allattamento). Dopotutto, la vitamina D è attivamente coinvolta nella costruzione del tessuto osseo umano..

Ciò che minaccia un sovradosaggio di vitamina E?

Di solito, un'allergia alla vitamina E si manifesta nel fatto che una persona inizia a notare disturbi nel suo sistema digestivo. Di norma, ciò accade molto raramente. In effetti, a grandi dosi, questo componente non è tossico. Tuttavia, la vitamina E dovrebbe essere presa con estrema cautela per i diabetici..

Reazioni allergiche alla vitamina C.

Forse il più delle volte le persone sono allergiche alla vitamina C. Se usi regolarmente l'acido ascorbico e gli agrumi sono sempre presenti sul tuo tavolo, allora non sei allergico alla vitamina C. Dopotutto, le persone con una tale deviazione sono tenute a seguire una dieta, nonché a leggere tutte le istruzioni per i farmaci e la composizione del cibo.

Va notato che nella sua forma pura una tale malattia è piuttosto rara. Quindi, se dopo aver mangiato agrumi hai un'allergia, non dovresti lamentarti immediatamente della vitamina C. Dopotutto, una reazione indesiderata può essere causata da quelle sostanze che vengono utilizzate per elaborare i frutti. Una vera allergia alla vitamina C appare solo in quelle persone il cui corpo manca di un enzima come il glucosio-6-fosfato deidrogenasi.

Quindi, quali sintomi indicano il rifiuto della sostanza menzionata? Di norma, i seguenti sono segni di un'allergia alla vitamina C:

  • arrossamento della pelle, gonfiore, vesciche e prurito;
  • spessa eruzione cutanea di varia localizzazione;
  • tosse e rinite allergica;
  • shock anafilattico ed edema di Quincke.

Trattamento

Il modo più efficace per curare un'allergia alle vitamine è un rifiuto completo (forse temporaneo) dell '"irritante".

Va notato che tali reazioni si verificano nelle persone individualmente. E se vuoi stare bene, dovrai assumerti la responsabilità. Quindi, si consiglia di apportare alcune modifiche al normale stile di vita. Una buona prevenzione per una reazione allergica è seguire una dieta speciale. La dieta selezionata eliminerà la "penetrazione" di componenti indesiderati o persino un gruppo di sostanze nel tuo corpo.

I farmaci e i vari integratori possono anche aiutarti a far fronte ai segni delle allergie. Si consiglia di utilizzare alcuni di essi prima del contatto diretto con l'allergene. Di solito funzionano come segue: impediscono il rilascio di istamina, così come altre sostanze chimiche che avviano e contribuiscono a reazioni indesiderate.

Alcuni farmaci (come Suprastin o carbone attivo) sono efficaci nel sopprimere i sintomi già presenti. Ma prima di iniziare a prenderli, si consiglia di visitare un allergologo.