Tutto ciò che devi sapere sulle allergie al pesce e ai frutti di mare nei bambini

Cliniche

Home> Consultazioni> Medico per bambini> Tutto ciò che devi sapere sulle allergie ai pesci e ai frutti di mare nei bambini

I rapporti statistici mostrano un aumento del 18% nei casi di malattie allergiche ogni anno.

In Russia, in media il 30% della popolazione ha familiarità con le allergie e il numero di chiamate in ambulanza causate da allergie alimentari supera i 30.000 all'anno.

Pesce e frutti di mare sono tra gli otto alimenti più allergenici. La reazione a questi prodotti è espressa in sintomi estremamente spiacevoli..

Le allergie ai pesci si verificano in 1 su 250 persone. Secondo i ricercatori, il 40% dei pazienti ha una reazione alle proteine ​​del pesce.

Le proteine ​​- parvalbumina si trovano in grandi quantità in molte specie di pesci, sia negli habitat fluviali che marini. Va notato che anche una temperatura di cottura elevata non può abbassare la concentrazione di questa proteina..

Tradotta dal greco, l'allergia significa "un altro effetto". Il sistema immunitario protegge il corpo da virus, batteri, tossine. Tuttavia, nel caso degli allergeni, la protezione funziona anche su sostanze innocue, percependole come estranee. In altre parole, il corpo reagisce a una proteina estranea - l'antigene (in questo caso, la proteina "pesce" del cibo) e lo neutralizza, formando anticorpi (proprio come quando viene a contatto con un patogeno infettivo). Nel tessuto muscolare dei pesci, gli scienziati hanno isolato la proteina legante il calcio - la parvalbumina, che è il principale agente causale delle allergie. Dopo che l'antigene è entrato nel corpo, si verifica con un anticorpo IgE (immunoglobulina). Gli anticorpi vengono quindi attaccati ai mastociti del tessuto connettivo. A loro volta secernono istamina. Dopo il rilascio di istamina, una persona avverte una sensazione di bruciore, prurito, febbre, tosse o naso che cola, ecc. Questo è il meccanismo attraverso il quale si verifica un processo allergico.

È stato stabilito che gli anticorpi IgE sono multi-tipo e diversi. Ognuno di essi è associato a un allergene specifico. Questo spiega la diversità degli agenti allergici..

È stato dimostrato che i crostacei (aragoste, granchi, gamberi, gamberi) e molluschi (cozze, capesante, ostriche) sono gli agenti causali più comuni delle reazioni allergiche negli adulti e nei bambini. Il rischio di sviluppare reazioni allergiche crociate tra crostacei e molluschi è molto elevato.

Il tonno è chiamato tra i pesci marini più allergenici, sebbene non vi siano proteine ​​muscolari, la parvalbumina, nella sua polpa, che è un mediatore di reazioni atipiche. D'altra parte, il tonno appartiene a grandi predatori. Vale a dire, i pesci predatori accumulano una grande quantità di mercurio nei tessuti, il che porta allo sviluppo di una reazione allergica quando vengono consumati. Per questo motivo, tra le specie di pesci allergenici, ci sono: tonno, merluzzo zafferano, nasello grande, salmone rosa, pollock, nelma, beluga, anguilla, pesce gatto.

Gli allergeni più comuni includono: olio di pesce, cozze, aroma di pesce, caviale di pesce, surimi, frutti di mare, gamberi, acciughe, sashimi, tempura, sushi.

Pesce meno allergenico: sgombro, aringa, sardine.

Poiché le persone hanno inquinato i fiumi prima, i pesci di fiume sono i più tossici (ad esempio, pesce gatto, anguilla). I tessuti assorbono pesticidi, metalli pesanti, tossine, aumentando il rischio di una reazione allergica. Pertanto, confrontando i pesci di mare e di fiume, dovresti dare la preferenza al primo.

Il caviale rosso e nero è un prodotto ipercalorico e ricco di minerali. Tuttavia, l'aggiunta di conservanti e cloruro di sodio riduce significativamente l'utilità del caviale. Per lo stesso motivo, anche i bastoncini di granchio sono a rischio, nella produzione dei quali viene utilizzato un gran numero di additivi alimentari artificiali..

Una persona allergica può determinare autonomamente il tipo indesiderato di pesce, osservando l'insorgenza dei sintomi, lo sviluppo della malattia, conoscendo l'ereditarietà.

Le allergie ai pesci si verificano per tutta la vita. Ma la buona notizia è che ogni persona ha un'intolleranza individuale a un particolare antigene. Se si verifica una reazione spiacevole al salmone affumicato, forse il corpo percepirà favorevolmente l'aringa o l'olio di pesce.

Cause di una reazione allergica ai pesci

  1. La parvalbumina si trova in quasi tutti i pesci tranne il tonno. È questa proteina che viene spesso percepita dal sistema immunitario come estranea, come abbiamo detto prima. Non viene rimosso mediante trattamento termico e congelamento. Una quantità minima di antigene può causare una reazione del sistema immunitario..
  2. Un'allergia ai piatti di pesce e ai frutti di mare è associata non solo alla presenza di una specifica proteina in essi. Avendo inquinato i bacini idrici con pesticidi, fertilizzanti, rifiuti industriali, una persona ha anche danneggiato la sua salute. Le sostanze velenose vengono assorbite nel tessuto del pesce, che viene poi messo in vendita e sul tavolo. In vendita c'è un pesce di mare allevato nei vivai. Per mantenere la sua salute, vengono aggiunti agli alimenti e all'acqua antibiotici e stimolanti della crescita chimica. Le sostanze avvelenanti vengono assorbite attraverso la pelle del pesce e vi rimangono. Ciò influisce negativamente sulla purezza del prodotto e può provocare una violenta reazione protettiva del corpo quando viene consumato..
  3. Con una conservazione a lungo termine di pesci marini, si sviluppano microrganismi che formano scombrotossina. La scombrotoxina è resistente alle alte temperature, alla salatura e al fumo. Una volta nel corpo, provoca il rilascio di istamina, provocando lo sviluppo di allergie.
  4. I parassiti che vivono nel tratto digestivo dei pesci non perdono proprietà allergeniche anche dopo il trattamento termico del prodotto.

Si consiglia di consumare anche pesce di alta qualità non più di 1 volta a settimana.

L'uso quotidiano del pesce, indipendentemente dal metodo di preparazione, provoca uno squilibrio del tratto gastrointestinale e può essere accompagnato da reazioni allergiche. La presenza di conservanti e coloranti nel caviale, nel pesce affumicato e in salamoia porta al loro rifiuto da parte dell'organismo e aumenta la probabilità di sviluppare una reazione atipica a questi prodotti.

Modi di esposizione agli antigeni: cibo - quando si mangia pesce e frutti di mare negli alimenti; contatto - durante il contatto tattile con il pesce durante la sua lavorazione; respiratorio - attraverso il tratto respiratorio, ad esempio, quando si trova nella stanza in cui viene preparato un piatto di pesce.

È importante ricordare che cucinare il pesce in qualsiasi modo: friggere, stufare, cuocere, bollire e altri, non proteggerà una persona che soffre di allergie dall'inevitabile reazione del corpo, poiché anche i fumi e l'odore sono pericolosi in tali circostanze!

I sintomi delle allergie a contatto con i prodotti ittici sono generalmente simili a qualsiasi altro tipo di allergia alimentare..

  • Spesso, al primo apporto di una piccola quantità di allergene, un leggero formicolio appare sulle mucose della bocca, al palato.
  • Insorgenza di vomito.
  • Eruzione cutanea, prurito e arrossamento del corpo.
  • Orticaria.
  • In alcuni casi, la comparsa di vesciche nella parte posteriore, nell'addome, nel collo, nei fianchi.
  • Con uno sviluppo grave, può svilupparsi l'edema di Quincke, che è una minaccia diretta per la vita del paziente..
  • È possibile una tosse secca, che con complicazioni può trasformarsi in asmatico.
  • È necessario prestare attenzione alla possibilità di una reazione anafilattica (shock) in un bambino i cui sintomi si manifestano sotto forma di una diminuzione improvvisa della pressione sanguigna (pressione sanguigna). Questa situazione richiede un intervento medico di emergenza..

Se si verifica uno dei sintomi sopra elencati o qualsiasi altra reazione del corpo, consultare immediatamente un medico! Solo un medico è in grado di stabilire la vera causa e determinare se la reazione è scatenata da un'allergia ai pesci e prescriverà anche il trattamento appropriato!

Trattamento delle malattie

Dieta per allergie. La cosa più importante nella dieta è eliminare l'allergene. Se il prodotto provoca una reazione indesiderata, il suo utilizzo deve essere posticipato per un periodo da due mesi a due anni. Dopo una pausa, il prodotto viene introdotto con cura, in piccole porzioni, con l'osservazione della reazione del corpo. Gli esperti non raccomandano l'uso del prodotto se si verifica una reazione durante la somministrazione ripetuta, al fine di evitare lo sviluppo di allergie croniche.

Dovrai anche rinunciare a prodotti che innescano il rilascio di istamina. Questi includono: salsiccia affumicata; alcol; formaggio; piatti di pesce, compresi panini e sushi; cavolo salato; cioccolato.

Gli antistaminici sono progettati per ridurre la quantità di istamina o per neutralizzarla quando è già attiva. I farmaci vengono utilizzati per prevenire o eliminare i sintomi di qualsiasi tipo di allergia (respiratoria, cibo, contatto). Sono state sviluppate quattro generazioni di antistaminici. Ricorda che solo uno specialista può determinare come e quanto usare i farmaci per non danneggiare il corpo.

I corticosteroidi sono potenti farmaci antinfiammatori. Nelle reazioni allergiche gravi a pesci e frutti di mare, gli steroidi topici (locali) sono usati per trattare le manifestazioni cutanee. Ad esempio, unguento all'idrocortisone, unguento al prednisolone, Elokom, Lokoid, Advantan, Celestoderm, Flucinar (gel di fluocinolone), ecc. Significa sopprimere efficacemente i meccanismi dell'infiammazione, localizzare il fuoco dell'infiammazione, seccare la pelle, ridurre il rossore.

Gli spray nasali (antiallergici) hanno un effetto locale e il rischio di effetti collaterali è molto piccolo. I farmaci più comuni includono: Vibrocil, Cromohexal, Nasobek, Avamis, ecc..

Assorbenti. Se si osserva una reazione allergica dal sistema digestivo, la lavanda gastrica e il clistere diventano un elemento di trattamento. Nei casi in cui queste procedure non sono disponibili, vengono utilizzati assorbenti. Gli assorbenti aiutano a rimuovere gli allergeni e le tossine dal corpo il più rapidamente possibile. I rappresentanti più famosi di questo gruppo di medicinali: Enterosgel, polisorb, smecta, carbone attivo, ecc. I sorbenti sono prescritti ai bambini per alleviare un attacco allergico acuto. La principale controindicazione al loro uso sono le lesioni ulcerative del tratto gastrointestinale e la costipazione. Gli assorbenti sono usati nella terapia complessa e solo come indicato da un medico.

Fondi aggiuntivi. Buoni risultati nel trattamento delle allergie sono stati dimostrati dai preparati di calcio (cloruro di calcio e gluconato di calcio). Sono usati per ricostituire il calcio nel corpo, rafforzare le pareti vascolari, riducendo la loro permeabilità. In altre parole, è più difficile per un allergene entrare nel sangue.

Nelle manifestazioni acute acute di una reazione allergica (shock anafilattico, edema di Quincke, orticaria generalizzata), deve essere somministrata un'iniezione di adrenalina, prednisone.

Il decorso della malattia nei bambini

È difficile per qualsiasi madre immaginare il menu del bambino senza la presenza di pesci, poiché contiene in grande volume gli oligoelementi più importanti: fosforo, iodio, calcio, ferro, ecc., Necessari per la struttura dei tessuti e delle ossa in un corpo in crescita. Se un bambino ha notato in precedenza qualsiasi altra reazione allergica, prima di introdurre componenti di pesce nella dieta, questo processo dovrebbe essere coordinato con uno specialista. I medici raccomandano di iniziare l'introduzione del pesce nella dieta del bambino da 8 a 10 mesi. Alla prima alimentazione, usando il pesce, dovrebbe essere combinato con purè di patate e organizzare un ricevimento al mattino, in modo che di notte il pesce si sia completamente assimilato.

A causa dell'immaturità del tratto gastrointestinale, i bambini sono particolarmente vulnerabili a vari allergeni e tossine. Di norma, una reazione allergica appare istantaneamente o nelle prime 1-2 ore sotto forma di vomito, diarrea, gonfiore, vesciche sul viso e sulle mani. In questo caso, il bambino deve chiamare un team di emergenza medica. Successivamente, si consiglia di abbandonare completamente tutti i frutti di mare. Vitamina D, acidi grassi vengono introdotti artificialmente.

Se tuttavia si manifesta un'allergia al pesce nel bambino, rinuncia immediatamente a provare a ridare il pesce, poiché il corpo rifiuta i componenti contenuti nel pesce e causando allergie, non passa con l'età. Tali esperimenti possono portare a una grave manifestazione di sintomi e complicanze, perché il sistema immunitario del bambino non si è ancora formato.

Nei bambini, i sintomi della malattia possono comparire anche con particelle microscopiche residue di pesce. Molto spesso, insieme alle allergie dei pesci, vi è una maggiore reazione all'alimentazione dei pesci. Tuttavia, dopo 7–8 anni, il corpo del bambino è pronto per essere ricostruito. Dovrebbe offrire di nuovo al bambino pesce.

Nel caso in cui l'allergia al pesce venga confermata, è importante controllare la composizione dei piatti. Soprattutto quando si visitano mense pubbliche, ristoranti, caffè. Inoltre, è necessario scegliere attentamente frutti di mare, pesce, conserve negli ipermercati, perché potrebbero esserci aromi di pesce, inosina disodica, alginato e altri allergeni.

Il pesce è un prodotto naturale di grande valore, che include un enorme complesso di vitamine. Se non sei pronto a rifiutare completamente di mangiare pesce, è importante identificare i tipi di pesci che sono allergeni per te e non consumarli in futuro per tutta la vita. Questo può essere fatto solo attraverso una serie di campioni accurati sotto la supervisione di specialisti..

Per prevenire il ripetersi di reazioni allergiche, è necessario.

  • Seguire rigorosamente una dieta.
  • Evitare il contatto tattile con i prodotti ittici. Indossare guanti e un respiratore durante il taglio e la cottura..
  • Rispettare l'igiene dei piatti e delle case. Gli scienziati hanno stabilito una reazione allergica crociata ai crostacei e agli acari della polvere.
  • Monitorare la qualità dei filtri di purificazione dell'aria.
  • Preferisci uno stile di vita attivo.
  • Al fine di prevenire gravi reazioni allergiche a pesci e frutti di mare, il medico curante può prescrivere l'uso di antistaminici delle ultime generazioni prima di mangiare un piatto non familiare.
  • Assumi il controllo personale del menu offerto a te e ai tuoi figli a una festa, in un bar o in un ristorante. La cosa principale è che nella composizione e nelle tecniche di cottura non vengono utilizzate: caviale rosso o nero, acciughe, gamberi, aromi di pesce, olio di pesce. Evita sushi, sashimi, surimi, tempura, ma anche salse, polpette e zuppe contenenti pesce. Leggi l'elenco degli ingredienti sulla confezione di tutti i prodotti che acquisti, poiché alcuni di essi possono contenere controindicazioni per chi soffre di allergie ai pesci, agar, inosina disodica, alginato, aroma di pesce.
  • Lavare accuratamente i piatti, si consiglia di bollire, soprattutto se in precedenza ha preparato piatti di pesce. Poiché la proteina parvalbumina è molto resistente, la reazione del corpo può verificarsi anche dalla dose più piccola.

Come è un'allergia al pesce e ai frutti di mare

La causa principale delle allergie ai pesci nella maggior parte dei casi è una proteina specifica - la parvalbumina. La particolarità di questa sostanza è che non collassa sotto l'influenza dell'alta temperatura..

Una malattia allergica può anche essere causata da:

  • additivi alimentari artificiali, conservanti, esaltatori di sapidità e coloranti aggiunti per migliorare il colore del prodotto (provocare un'allergia al pesce rosso);
  • la presenza nei pesci di parassiti resistenti al trattamento termico;
  • bassa qualità di pesce e frutti di mare a causa della loro coltivazione in corpi idrici contaminati, nonché l'uso di stimolanti della crescita durante l'alimentazione;
  • inosservanza delle tecnologie di trasformazione e conservazione del pesce; utilizzo di fumo liquido per il fumo.

Vale la pena notare che l'allergia ai pesci è una malattia che può essere ereditata: se uno dei genitori ce l'ha, allora molto probabilmente il bambino la erediterà.

Reazione ai frutti di mare

Non solo i pesci di mare, ma anche i pesci di fiume possono essere l'allergene più forte. A sua volta, un'allergia ai frutti di mare è caratterizzata da una maggiore sensibilità ai crostacei: gamberi, granchi, aragoste e gamberi. La reazione a cozze e ostriche è meno comune. Molto spesso si manifestano pseudoallergie o avvelenamenti. Le allergie ai calamari si verificano a causa del loro alto contenuto proteico. Le reazioni possono svilupparsi anche con una piccola quantità di antigene (ad esempio, da cibi cotti in olio a pesci precedentemente fritti).

Che pesce è anallergico

I rappresentanti meno allergenici sono il nasello, il merluzzo e l'aringa. La maggior parte delle persone ha una reazione a una specie e mangiare altre non provoca alcun disagio..

Per i bambini piccoli, a partire dall'età di 9 mesi, è possibile introdurre gradualmente i prodotti ittici nella dieta in piccole porzioni, ma a condizione che il bambino non soffra di allergie alimentari e non abbia reazioni negative ad altri prodotti (vedere "Allergie alimentari nei bambini: ragioni per questo occorrenze e possibili manifestazioni “). Devi iniziare con varietà a basso contenuto di grassi. Se si verifica una reazione negativa anche con piccole porzioni, escluderla dalla dieta. Più vicino agli anni di scuola, puoi ancora provare a introdurre piatti di pesce - spesso i bambini superano la loro sensibilità ad alcune sostanze irritanti.

Come notato sopra, pesce e frutti di mare sono nella lista degli allergeni più forti. È meglio astenersi dal loro uso durante la gravidanza e l'alimentazione del bambino.

Importante! Quando compaiono sintomi di shock anafilattico, è necessario consultare immediatamente un medico. Se non fornisci assistenza medica in modo tempestivo, una reazione allergica può portare a conseguenze irreversibili e in una fase grave: fino alla morte.

Diagnostica

Le reazioni allergiche si basano sulla reazione antigene-anticorpo. Oltre all'analisi del sangue clinica generale, i test cutanei sono stati ampiamente utilizzati nella diagnostica delle allergie (vedere più in dettaglio "Test cutanei per la diagnostica delle allergie"). Questo metodo è sicuro per l'uomo e i suoi risultati sono altamente affidabili..

La base per la diagnosi di problemi allergici è una storia accuratamente raccolta con un vasto programma di test cutanei. La procedura consiste nell'applicare una piccola dose di allergene sulla pelle del paziente, identificando e confermando così la loro presenza.

Trattamento

Un'allergia ai frutti di mare e ai pesci non si sviluppa se vengono esclusi dalla dieta. Chi soffre di allergie deve conoscere tutti i cibi pericolosi ed evitarli.

Terapia farmacologica

Per il trattamento del disturbo, esiste una terapia speciale. Si compone di tre fasi:

  1. Eliminazione dell'allergene dal corpo (limitazione del contatto con l'irritante). Pesce e frutti di mare, nonché derivati ​​(ad esempio olio di pesce), sono esclusi dalla dieta. Nelle allergie gravi, non solo gli alimenti ma anche gli odori devono essere evitati.
  2. I farmaci eliminano o riducono la gravità dei sintomi. Gli antistaminici sono più comunemente usati per il trattamento (vedere "Antistaminici nel trattamento delle allergie: meccanismo d'azione e classificazione"). Molti di questi sono venduti da banco. Per trovare il giusto trattamento, è necessario consultare un allergologo.
  3. L'immunoterapia allergenica specifica (ASIT) è un metodo che può sopprimere il meccanismo di reazione a un irritante e non solo rimuovere i sintomi di un'allergia a frutti di mare e pesce. È prescritto in caso di reazione grave, nonché con un effetto insufficientemente pronunciato del trattamento farmacologico. Il significato del metodo è che una persona viene iniettata per via sottocutanea con una piccola quantità di allergene. Il sistema immunitario attraverso la lotta alle sostanze irritanti, sviluppa resistenza ad esso.

Medicina tradizionale

Un rimedio efficace per le eruzioni cutanee è la polvere di guscio d'uovo. Viene assunto dopo i pasti per un quarto di cucchiaino, diluito con succo di limone. Inoltre, prodotti come ribes nero, cinorrodi, ciliegie sono ricchi di vitamina C, che ha un effetto antistaminico naturale.

Nella medicina popolare, le seguenti erbe sono usate per curare le allergie:

  • camomilla;
  • Iperico
  • una serie di;
  • sedano.

Nella loro composizione, queste erbe hanno azulene - un principio attivo con proprietà antiallergiche e antinfiammatorie. Per preparare un decotto, versare un paio di cucchiai di erbe con acqua bollente. Successivamente, il brodo deve essere filtrato e raffreddato.

Come sostituire un prodotto allergenico

In caso di allergie, il pesce deve essere sostituito con prodotti contenenti fosforo, zinco, ferro e vitamine del gruppo B. Tra questi:

Misure preventive

Più importante per chi soffre di allergie è la dieta. L'istamina è una sostanza che viene rilasciata nel flusso sanguigno quando appare un allergene. Per la prevenzione delle reazioni allergiche, si consiglia di abbandonare i prodotti che innescano il rilascio di istamina: carni affumicate, alcool, formaggio. Inoltre, fattori come un maggiore sforzo fisico, traumi, stress, farmaci non controllati contribuiscono al rilascio di istamina..

La prevenzione delle allergie alimentari ai pesci inizia con la gravidanza. È particolarmente importante osservare una corretta alimentazione nelle famiglie in cui vi è una predisposizione alle allergie. Gli allergeni forti dovrebbero essere evitati. Tra questi ci sono pesce, agrumi e miele..

Evita il contatto con l'allergene, ma non rinunciare a pesce e frutti di mare, mangiando quelle varietà e specie che il corpo assorbe.

Ora solo carne: allergia ai pesci - sintomi negli adulti e come affrontare

Allergia ai pesci - si riferisce a gravi reazioni di intossicazione da parte del corpo di un tipo immediato di sviluppo. L'effetto dell'esposizione allo stimolo si manifesta in pochi minuti e può portare rapidamente a shock anafilattico o edema di Quincke. Se sei soggetto ad allergie, dovresti sapere esattamente come può essere fermato e sottoposto periodicamente a un trattamento preventivo.

descrizione generale

La violazione è provocata dagli effetti aggressivi di determinate sostanze contenute in alimenti, lana e sudore animale, aria, prodotti chimici domestici, cosmetici, acqua.

A volte, per l'insorgenza di allergie, è necessaria una quantità minima di antigene, a causa della quale il paziente ha problemi come eruzione cutanea, lacrimazione, vomito, nausea, gonfiore delle mucose e altri.

Gli allergeni entrano rapidamente nel flusso sanguigno, il che spiega il loro ampio effetto su tutti gli organi e sistemi, che è simile all'intossicazione. Pertanto, si raccomanda di eseguire il trattamento utilizzando non solo antistaminici, ma anche adsorbenti, farmaci che alleviano l'irritazione della pelle e altri sintomi locali..

Importante! Data la sensibilità del paziente, una reazione a un allergene può svilupparsi da pochi secondi a diversi anni. Nel secondo caso, il paziente ha a che fare con un'allergia cumulativa, che si manifesta dopo l'accumulo di una certa quantità di agenti patogeni nei tessuti e nel sangue del paziente.

Cause della malattia

Una reazione indesiderata dal corpo è provocata dalla parvalbumina. Questo è il nome di una speciale proteina muscolare contenuta nei tessuti dei muscoli dei pesci, nella maggior parte dei molluschi, delle cozze e di altri frutti di mare.

La sostanza appartiene agli allergeni che provocano una reazione istantanea dall'organismo, in rari casi si sviluppa dopo poche ore..

Poiché la parvalbumina appartiene a forti antigeni alimentari, non si presta a gravi distruzioni anche dopo un buon trattamento termico. Non ha paura delle proteine ​​e dei succhi digestivi. È scarsamente digerito e ha costantemente un effetto negativo se una persona ha una maggiore sensibilità. Pertanto, è necessario sapere come la malattia si manifesta negli adulti al fine di iniziare il trattamento in tempo.

Segni e localizzazione

I segni di una reazione indesiderata dal corpo possono apparire sulla pelle, sulle mucose del tratto respiratorio, negli organi digestivi. I primi sintomi di allergie negli adulti si verificano entro la prima ora dopo aver mangiato pesce. Le caratteristiche principali includono quanto segue:

  • l'aspetto di un'eruzione cutanea secca con prurito, le eruzioni sono di colore rosso vivo o rosa pallido, come nella foto;
  • grave gonfiore appare nel sito dell'eruzione cutanea, a volte si avverte dolore;
  • gradualmente le eruzioni cutanee possono assumere un carattere piangente, il che aumenta la probabilità di infiammazione purulenta;
  • palpebre, labbra, mucose della bocca e gonfiore della gola, può svilupparsi l'edema di Quincke;
  • un forte formicolio si avverte anche nelle mucose, diventano rosa e talvolta dolorose;
  • le vie aeree reagiscono con l'apparenza di un naso che cola, starnuti e tosse secca;
  • dal tratto gastrointestinale, si possono notare dolore addominale, vomito, nausea, diarrea.

Importante! Se sei allergico ai pesci, anche inalare i suoi fumi durante la cottura è pericoloso. Per questo motivo, può verificarsi una tosse acuta che può provocare soffocamento o gravi difficoltà respiratorie..

Primo soccorso

Non appena il paziente ha sviluppato una reazione indesiderata al piatto, è necessario chiamare immediatamente un'ambulanza, poiché è difficile dire quante ulteriori misure fermeranno l'edema di Quincke e lo shock anafilattico.

Prima dell'arrivo degli specialisti, è necessario eseguire le seguenti manipolazioni:

  • dare al paziente qualsiasi assorbente e antistaminico;
  • cerca di indurre il vomito meccanicamente, prima si beve una grande quantità di acqua e due dita vengono inserite nella bocca;
  • con una forte tosse secca, respira sul vapore;
  • non appena è possibile liberare lo stomaco dalle masse di pesce, è necessario bere costantemente acqua per ridurre ulteriormente la concentrazione di allergeni;
  • è desiderabile mettere il paziente o dargli una posizione semi-seduta per ridurre il carico sugli organi interni;
  • è indispensabile garantire il flusso di aria fresca;
  • non lasciare che il paziente getti la testa in modo che in caso di nausea il vomito non penetri nelle vie respiratorie.

Importante! Non lasciare in alcun caso un paziente con segni di allergia alimentare da solo. Alcune persone sviluppano disorientamento e si apre il vomito acuto, che può causare il soffocamento del paziente.

Trattamento

Il trattamento prevede un'intera gamma di farmaci, ognuno dei quali aiuta a stabilizzare le condizioni del paziente. Le dosi e il corso del trattamento sono selezionati da un allergologo. Se necessario, i farmaci vengono assunti contro vomito, diarrea, nausea, ma solo come indicato da un medico.

Farmaco

In genere, i seguenti farmaci compaiono in terapia:

Una drogaUn tipoDose al giorno
TelfastAntistaminico1 compressa
EriusAntistaminico10 ml
cetirizinaAntistaminico1 compressa
prednisonecorticosteroidiIndividualmente
PolysorbSorbent1-2 cucchiai per 100 ml
EnterosgelSorbent15 ml tre volte
DiadermContro il prurito della pelleApplicare 4-6 volte

Metodi popolari

Esistono diversi modi per sbarazzarsi delle allergie ai pesci. La medicina tradizionale viene utilizzata come ulteriore sollievo dai sintomi, ma non sotto forma di terapia di base.

Rimedi popolari popolari per il trattamento delle allergie:

  1. Strofinando l'aloe sulla pelle irritata. Il succo viene spremuto dalla foglia della pianta, che viene sfregato nell'area interessata fino a 5 volte al giorno.
  2. Per rimuovere l'allergene dal sangue e dal tratto digestivo, viene presa una mummia. Per fare ciò, 1 g di sostanza viene sciolto in 1 l di acqua e assunto 100 ml al mattino prima di colazione.
  3. Un'instillazione di succo di barbabietola è buona contro il gonfiore della mucosa. Per fare questo, viene diluito nella stessa quantità con acqua e 5 gocce vengono gocciolate in ogni passaggio nasale 3 volte al giorno.
  4. Per rimuovere l'allergene e rafforzare il sistema immunitario, puoi preparare un decotto di erbe. Una stringa, l'erba di San Giovanni e la camomilla si mescolano in proporzioni uguali. 1 cucchiaio viene cotto a vapore in 500 ml di acqua. miscela, lasciare per 20 minuti e assumere 50-100 ml 3 volte al giorno. Può essere usato contro il prurito fino a 10 volte al giorno..

Importante! La durata dell'uso dei rimedi popolari è individuale, tenendo conto delle condizioni del paziente, ma non più di due settimane.

raccomandazioni

Durante il trattamento, è necessario considerare diversi punti importanti:

  • eventuali alimenti allergenici devono essere eliminati, compresi agrumi, pollo e uova;
  • è vietato qualsiasi pesce, anche se prima non vi era alcuna reazione;
  • non è possibile sostituire un farmaco antiallergico con un altro, a meno che il medico curante non abbia detto che la stessa regola si applica ai dosaggi e alla durata del trattamento;
  • per ridurre i sintomi di intossicazione, si raccomanda di aderire ai principi di una corretta alimentazione, abbandonando affumicato, salato e grasso, che consentirà al tratto gastrointestinale di sbarazzarsi rapidamente degli effetti negativi.

Importante! Dopo un attacco acuto di allergia ai pesci, si raccomanda di monitorare le condizioni del fegato. Poiché questa condizione è simile alla massiccia intossicazione, è necessario sostenere il corpo assumendo farmaci altamente specializzati. Farà il solito Essential Forte..

conclusioni

Un'allergia ai pesci è una condizione grave che si avvicina all'avvelenamento. In assenza di un trattamento adeguato, il paziente può morire per shock anafilattico acuto. In presenza di qualsiasi tipo di allergia, è sempre necessario avere antistaminici con sé e non rifiutare un trattamento preventivo e alternativo, se danno il giusto effetto.

Possono verificarsi allergie ai pesci?

Il pesce è un alimento sano raccomandato per la dieta. Tuttavia, i prodotti che ne derivano possono provocare allergie, in quanto contengono una proteina specifica che non tutte le persone percepiscono. Inoltre, i medici escludono quasi sempre chi soffre di allergie dalla dieta dei loro pazienti, perché può provocare una reazione negativa del corpo.

Risposta del corpo

Le allergie ai pesci sono un tipo abbastanza raro di disturbo autoimmune. La reazione si verifica in risposta all'ingestione di una proteina chiamata parvalbumina. Questa sostanza è un forte allergene..

Nelle persone sane che non sono inclini a reazioni allergiche, il pesce occupa una parte importante della nutrizione quotidiana, in quanto è un prodotto molto utile che contiene molti oligoelementi essenziali. Per chi soffre di allergie, il prodotto presenta un certo pericolo. In casi particolarmente gravi, è sufficiente che una persona inali il vapore che sale dal piatto caldo per sentirsi male.

La parvalbumina si trova non solo nei tessuti (nella carne), ma nelle strutture ossee degli abitanti acquatici. Alcune persone possono sviluppare una reazione allergica a contatto con il pesce crudo, ad esempio durante la pulizia..

Un altro sviluppo della risposta immunitaria è l'irritazione in risposta a sostanze chimiche nei frutti di mare. Questa condizione può provocare il consumo di prodotti salati o affumicati acquistati in un supermercato. Inoltre, questo problema può interessare le persone che acquistano il prodotto in luoghi discutibili. Spesso vengono utilizzati mangimi speciali per allevare pesci, causando un'accelerazione della crescita. Tali sostanze chimiche vengono immagazzinate nella carne anche dopo il trattamento termico e possono causare una forte risposta da parte dell'organismo..

Sintomi

I sintomi allergici ai pesci dipendono da molti fattori. In caso di allergie alimentari, compaiono segni di rinoreazione: lacrimazione costante, congestione nasale, arrossamento degli occhi. Ciò può essere accompagnato da forti starnuti o tosse allergica secca..

Nei casi più gravi, oltre ai sintomi elencati, appare un'eruzione cutanea. L'epidermide si gonfia e diventa rossa, coperta da piccole vescicole. Nel tempo, le bolle scoppiano e si verifica un forte prurito..

In caso di allergia da contatto ai pesci negli adulti, ad esempio durante la pulizia o la cottura, compaiono sintomi in quelle aree dell'epidermide che interagiscono con l'irritante. La reazione si manifesta con orticaria, gonfiore, forte prurito. È possibile la comparsa di secchezza, macchie rosse e grave desquamazione della pelle..

Nella maggior parte dei casi, la risposta immunitaria si sviluppa quando si mangiano pesci marini di varietà grasse. Gli abitanti dei fiumi raramente provocano allergie.

Allergia ai pesci foto

È possibile mangiare pesce con allergie?

Di per sé, questo prodotto appartiene già agli allergeni, quindi non è raccomandato per un uso regolare a persone soggette a varie reazioni autoimmuni. Il suo uso a lungo termine porta all'accumulo di sostanze pericolose, che nel tempo possono portare a gravi allergie.

Inoltre, chi soffre di allergie dovrebbe abbandonare altri frutti di mare. Particolarmente pericoloso:

In questo caso, i pesci di fiume e i gamberi possono essere consumati dalla maggior parte dei pazienti, ma è necessario prima consultare un allergologo.

Si consiglia ai bambini di età inferiore ai due anni di evitare i piatti di pesce. Un'allergia al pesce in un bambino può verificarsi durante l'allattamento, se questo prodotto è presente nella dieta della madre. Una reazione negativa si manifesta principalmente con la diatesi.

I medici raccomandano di trattare attentamente i problemi nutrizionali di una madre che allatta, con una predisposizione del bambino alle reazioni allergiche. Oltre a pesce, carne grassa, eventuali frutta e verdura che sono allergeni dovrebbero essere rimossi dalla dieta.

Cosa fare?

Le persone che hanno riscontrato una tale reazione allergica dovrebbero rinunciare a vari sapori di pesce, caviale, olio di aringa. Qualsiasi pesce, in particolare i gamberi, dovrebbe essere escluso dalla dieta..

Se si verifica un'allergia, dovrebbe essere assunto un antistaminico. Si raccomanda inoltre di svuotare lo stomaco e bere qualsiasi sorbente che aiuti a rimuovere rapidamente l'allergene dal corpo. Se si verificano sintomi di una grave reazione allergica, ad esempio edema laringeo, un attacco asmatico, il paziente necessita di ricovero urgente.

È importante ricordare che non tutte le specie ittiche sono allergeni. Dopo un esame completo con un allergologo e l'identificazione accurata di quale varietà provoca una reazione negativa, è possibile regolare la dieta in modo da non abbandonare completamente questo prodotto. Abbastanza spesso, i pazienti con allergie ai pesci di mare tollerano il fiume.

Allergia ai pesci: potrebbero essere sintomi e trattamento

Un tipo di allergia alimentare è l'allergia ai pesci. Viene rilevato su una proteina costituita dalle fibre muscolari dei vertebrati acquatici..

La proteina che provoca una peculiare reazione del corpo umano è racchiusa nella carne degli abitanti marini e fluviali e dipende dalla varietà e dal luogo di crescita.

Cause dell'evento

Assolutamente ogni reazione allergica ha il suo percorso di sviluppo. Questa allergia non è velocissima, nella maggior parte dei casi viene dall'infanzia.

La causa più comune delle allergie ai pesci è l'indigestibilità delle proteine ​​delle fibre muscolari. Il corpo in risposta all'assunzione di un agente estraneo, inizia a produrre intensivamente componenti che attaccano le proteine ​​del proprio organismo.

La parvalbumina proteica si trova nella carne, nel caviale, nonché nel muco e nelle squame. Ciò provoca allergie a contatto con gli abitanti del mare e del fiume..

La parvalbumina non viene distrutta dal trattamento termico e dalla salatura. Questo è il motivo per cui l'intolleranza permane con l'uso di pesce fritto, bollito, essiccato, affumicato o di altro tipo.

Sintomatologia

La manifestazione di allergie è caratterizzata da disturbi del tratto respiratorio, pelle. Possibile infiammazione della congiuntiva degli occhi.

I segni di base di un'allergia sono:

  • La comparsa di vesciche, vesciche ed eruzioni cutanee nell'addome, nella schiena e nelle estremità inferiori.
  • Prurito intollerabile sulla superficie della pelle.
  • Gonfiore del viso, in particolare degli occhi.
  • Sensazione di bruciore sulle mucose della cavità orale.
  • Disturbi digestivi - Nausea, vomito, disturbi delle feci.
  • Aumentare la temperatura corporea a livelli elevati.
  • Forte mal di testa.

Un tipo pericoloso di risultato dell'uso di un allergene è lo sviluppo di shock anafilattico e l'edema di Quincke. Con lo sviluppo di shock anafilattico, la pressione sanguigna diminuisce, le contrazioni dei muscoli cardiaci diventano più frequenti, appare una debolezza muscolare acuta, pallore della pelle, svenimento.

Questo tipo di reazione richiede un intervento medico immediato con l'uso di farmaci specifici..

Risposta dei pesci adulti

Il maggior numero di reazioni ipersensibili del sistema immunitario si trova su varietà rosse di pesci, gamberi, granchi, aragoste spinose e vari molluschi. Gli abitanti dei fiumi che possono causare allergie sono il pesce gatto e le anguille. Ma non tutti gli abitanti marini o fluviali possono sviluppare un'allergia nell'uomo..

Il mistero sta nel fatto che la quantità di parvalbumina in alcuni residenti delle vaste distese d'acqua non è tanto quanto nei loro parenti.

Il più comune è un'allergia al pesce rosso. Il fatto è che contiene un'enorme quantità di componente proteico. Le caratteristiche caratteristiche di una reazione allergica sono danni allo strato superficiale dell'epidermide: sviluppo di orticaria, comparsa di eruzione cutanea, iperemia, prurito e bruciore.

Il pesce rosso è una prelibatezza, tutti i tipi di piatti sono preparati da esso, affumicati, al forno, in salamoia. La causa della reazione possono essere gli additivi e le spezie utilizzati nella preparazione.

Un altro parente del salmone, l'odore, può anche causare ipersensibilità. Oltre al fatto che nella sua carne c'è una quantità sufficientemente grande di proteine ​​specifiche, quindi anche nei luoghi di cattura, di norma, non c'è acqua pulita contaminata da tutti i tipi di rifiuti, che può anche causare allergie.

Allergia alla pesca nei bambini

La reazione viene rilevata dopo un breve periodo di tempo, dopo solo poche ore. Tutto inizia con la comparsa di una caratteristica eruzione cutanea sul corpo, sensazioni di dolore nell'addome, nausea ed eruzione del contenuto gastrico.

Nello sviluppo acuto delle allergie, è necessario chiamare un'ambulanza di emergenza.

Il pesce ha un gran numero di minerali utili e complessi vitaminici, quindi è così utile e necessario per la crescita e lo sviluppo del bambino.

Al fine di proteggere al massimo il bambino dalle manifestazioni di allergia, è necessario iniziare a introdurre pesce e prodotti da esso nella pappa, non prima di 8 mesi, in piccole porzioni. In assenza di reazione, la dose viene aumentata, dando prodotti a base di pesce al mattino. Ciò è necessario per una migliore assimilazione..

Diagnostica

È possibile determinare la presenza di allergie anche a casa, con evidenti processi allergici, dopo aver mangiato questo tipo di cibo. Le istituzioni mediche conducono un test speciale basato sull'introduzione di una proteina aliena nel corpo sotto la pelle. Per fare questo, fai piccoli graffi con uno speciale ago medico (scarificatore) e applica la sostanza. Per 20 minuti, aspettati reazioni.

Il tipo di diagnosi sopra descritto non può essere eseguito per bambini di età inferiore a 4 anni, pertanto esiste un'altra tecnica basata sul rilevamento di una specifica immunoglobulina E in un esame del sangue, la cui concentrazione aumenta con l'insorgenza di allergie.

Trattamento di allergia

Il trattamento di questo tipo di allergia non differisce in modo particolare dal metodo, con altri tipi di intolleranza. Quindi, il punto più importante è l'eliminazione degli allergeni. Ciò significa che è necessario rimuovere l'allergene dalla dieta. I tipi di pesce più allergenici sono vietati: salmone, gamberi e molti tipi di frutti di mare.
La tecnica di eliminazione implica non solo l'esclusione dei pesci dalla dieta, ma anche la massima protezione contro l'inalazione degli odori della cucina durante la sua preparazione.

Anche l'olio, dopo aver cucinato il pesce, deve essere cambiato, altrimenti l'uso in altri piatti può causare allergie.

Terapia sintomatica basata su:

  1. Assunzione di medicinali antiallergici.
  2. Assunzione di enterosorbenti.
  3. L'uso di unguenti esterni per eliminare il prurito della pelle.

Misure preventive

Le allergie alla pesca, in casi eccezionali eccezionali, sono pericolose. Ma nonostante ciò, i sintomi delle manifestazioni possono essere abbastanza spiacevoli e portare molto disagio al paziente.

Il pesce ha molte sostanze utili e se sei allergico ad esso, devi compensare la carenza con analoghi utili:

  • Prodotti a base di carne.
  • Cavolfiore.
  • Feijoa.
  • Seme di zucca.
  • Noccioline.
  • Oli vegetali.
  • Colture di cereali.

Dopo la completa esclusione dei prodotti allergenici dalla dieta, è necessario fare una pausa per 6-12 mesi e riprovare, ma a piccole dosi. Si consiglia di iniziare con i pesci di fiume catturati in un'area ecologicamente pulita..

Allergia ai pesci, cause di manifestazione, trattamento

Le allergie alimentari a vari tipi di alimenti sono tipiche per quasi la metà della popolazione mondiale. Tra i prodotti allergenici, un posto speciale è occupato da diverse varietà di pesci di mare e di fiume, nonché da un folto gruppo di frutti di mare.

Le allergie alla pesca si sviluppano più spesso fin dall'infanzia, ma capita anche che per la prima volta una malattia compaia in un adulto con il primo uso di un piatto di pesce precedentemente sconosciuto.

Una reazione allergica ai pesci si verifica con un'ampia varietà di sintomi, a volte molto gravi, che richiedono cure di emergenza.

È molto facile prevenire la malattia, devi solo eliminare completamente il contatto con l'allergene, ma devi considerare che parti del pesce possono essere contenute in altri prodotti - oli, aromi, salse e persino in alcune linee cosmetiche.

Cause delle allergie ai pesci e ai frutti di mare

L'allergia ai pesci è provocata da una speciale proteina - parvalbumina, la sua ingestione porta allo sviluppo di una specifica reazione immunitaria.

Un'allergia può svilupparsi non solo sulla polpa del pesce stesso, ma anche sul suo caviale e persino sulle squame e sul muco, motivo per cui anche con il contatto esterno con prodotti fluviali e marini, iniziano a comparire i sintomi della malattia.

Le proteine ​​allergeniche non vengono distrutte durante alcun tipo di lavorazione, quindi non importa in quale forma viene utilizzato il pesce - essiccato, bollito, fritto o affumicato, in ogni caso, con intolleranza a un particolare tipo di prodotto, la malattia si sviluppa inevitabilmente.

Spesso, i segni di una reazione compaiono quando le proteine ​​vengono inalate durante la cottura e anche se i piatti venivano usati per friggere alimenti sicuri per l'uomo, in cui in precedenza i frutti di mare o di fiume.

Sintomi di intolleranza ai prodotti ittici

Le allergie ai pesci possono manifestarsi con sintomi respiratori, della pelle, spesso in risposta all'introduzione di una congiuntivite allergenica e la salute generale peggiora.

I segni più tipici di una reazione allergica ai prodotti ittici includono:

  • La comparsa di vesciche su addome, schiena, collo, fianchi, metà superiore del torace;
  • Gonfiore del viso, degli occhi;
  • Forte prurito della pelle;
  • Bruciore sulla lingua, sulle mucose della bocca e della gola. Inoltre, una sensazione di bruciore può apparire immediatamente non appena un pezzo di piatto di pesce entra in bocca;
  • Digestione: nausea, vomito, feci molli e frequenti;
  • Febbre, mal di testa.

Lo shock anafilattico dovrebbe essere particolarmente diffidente, accompagnato da un battito cardiaco accelerato, una forte debolezza, un calo della pressione sanguigna, pallore della pelle, svenimento.

In questa condizione, una persona ha urgentemente bisogno di un aiuto medico utilizzando farmaci speciali per le allergie.

L'intolleranza ai prodotti ittici rimane quasi per sempre, e quindi una persona che ha subito una reazione di intolleranza dovrebbe sempre prestare attenzione alla scelta dei prodotti in negozi, ristoranti, caffè.

Alcune statistiche

Il maggior numero di allergie si registra su varietà rosse di pesci, aringhe, gamberi, granchi, molluschi e aragoste spinose. Tra i pesci di fiume, i più allergenici sono il pesce gatto e l'anguilla, alcuni tipi di gamberi.

Molte persone hanno intolleranza a una o due varietà di pesci e ne consumano altre senza segni visibili di intolleranza..

Ciò è dovuto al fatto che alcune specie di pesci contengono solo frammenti di proteine ​​muscolari che non causano una risposta immunitaria specifica.

Intolleranza al pesce nei bambini

Pesce e vari piatti da esso nella dieta dei bambini devono essere presenti a colpo sicuro. I prodotti ittici sono ben assorbiti dall'organismo, contengono acidi grassi essenziali, un folto gruppo di oligoelementi e vitamine unici e benefici..

L'uso regolare di piatti di pesce contribuisce al pieno sviluppo mentale, ha un effetto positivo su tutti i sistemi del corpo, aumenta la resistenza alle infezioni.

Ma a causa del fatto che l'allergia ai pesci nei bambini inizia in tenera età ed è accompagnata da gravi sintomi, è necessario prestare molta attenzione nell'introduzione di piatti a base di pesce nella dieta del bambino.

Si consiglia ai pediatri di aderire a diverse fasi durante l'introduzione del cibo per pesci:

  • La prima volta che i piatti a base di pesce iniziano ad essere introdotti non prima che il bambino compia 8 mesi;
  • Cominciano a introdurre cibi complementari con un cucchiaino, non dobbiamo dimenticare che le allergie il più delle volte non compaiono nel primo utilizzo, ma a partire dal secondo e successivo;
  • Al mattino viene dato un piatto di pesce, in modo da poter monitorare le condizioni del bambino durante il giorno e prendere misure in tempo se la sua salute peggiora;
  • Si raccomanda ai bambini con dermatite atopica di iniziare a somministrare prodotti ittici il più tardi possibile e questo dovrebbe essere fatto con molta attenzione.

Se noti che dopo l'alimentazione del pesce il bambino inizia a sviluppare segni di allergia quasi istantaneamente, allora devi dare antistaminici in un dosaggio specifico per età e chiamare un'ambulanza.

Trattamento di allergia ai pesci

Un'allergia ai pesci non si sviluppa se il contatto con un prodotto sintomatico è completamente limitato..

Va ricordato che è necessario non solo escludere il prodotto stesso dalla dieta, ma anche rimuovere i seguenti piatti dal cibo:

  • Olio di pesce;
  • Caviale
  • surimi
  • Sushi
  • Frutti di mare - gamberi e acciughe;
  • Crocchette di pesce, zuppe, salse.

Devi prestare attenzione al processo di cottura. Spesso l'olio usato per friggere il pesce viene utilizzato per preparare altri piatti, il che porta anche a una reazione allergica.

Devi essere interessato a quale olio o salsa è stato usato per i secondi piatti o insalate - gli aromi di pesce sono spesso uno dei componenti delle medicazioni.

Quando acquisti prodotti nei negozi, devi leggere attentamente la loro composizione.

Se vedi che il cibo contiene:

  1. Inosina disodica;
  2. agar;
  3. Acido agarico;
  4. Alginato o aroma di pesce.

Sappi che questo acquisto non fa per te..

Se sospetti un'allergia ai pesci, smetti di mangiare immediatamente, sciacqua la bocca.

Nessuno condannerà il fatto di liberare lo stomaco dal piatto con l'allergene che vi è entrato.

Si consiglia di bere l'antistaminico Suprastin, Pipolfen, Diphenhydramine e Enterosorbent, che aiuteranno a neutralizzare rapidamente le tossine che sono entrate nel corpo..

I test cutanei, che vengono eseguiti nella maggior parte delle cliniche, aiuteranno a stabilire con precisione l'allergene. Rilevare un allergene ti aiuterà a fare una dieta quotidiana e quindi prevenire lo sviluppo di una grave reazione allergica ai pesci.

Allergia ai pesci: può esserci una reazione ai frutti di mare, foto

Le allergie alla pesca in un bambino o in un adulto possono verificarsi a qualsiasi età e le sue manifestazioni hanno spesso gravi conseguenze e possono essere potenzialmente letali. Nell'articolo esamineremo perché si manifesta una reazione allergica dal consumo di piatti di pesce e come determinarne i sintomi.

Allergia ai pesci - Cause

Di norma, la parvalbumina proteica, che si trova nella carne di pesce bianco, è la principale causa di allergie. E non importa: pesce crudo, essiccato, affumicato, bollito o fritto.

La parvalbumina è una proteina molto stabile: non si rompe durante la cottura o la frittura. Vale la pena sapere che questa proteina si trova nei pesci marini e d'acqua dolce. Tuttavia, le allergie ai pesci di fiume sono molto meno comuni e rappresentano circa il 30% dei casi.

L'allergia al pesce essiccato è dovuta all'antigene principale - la parvalbumina.

Di norma, un'allergia si sviluppa con frequente contatto con questa proteina. Cioè, le persone che mangiano regolarmente pesce o interagiscono con esso nel campo professionale: cuochi, pescatori, ecc..

Una reazione allergica dopo aver mangiato pesce si verifica per il seguente motivo: l'immunoglobulina E (IgE), che di solito agisce come anticorpo contro gli endoparassiti, inizia ad attaccare erroneamente la parvalbumina. Inoltre, legandosi ai mastociti, rimane nel corpo per molti anni.

Non appena il sistema immunitario rileva un allergene di pesce nel corpo, l'istamina viene rilasciata, causando immediatamente reazioni infiammatorie nel corpo. Pertanto, l'allergia ai pesci è una risposta inadeguata del sistema immunitario in cui le IgE attaccano erroneamente la parvalbumina come proteina estranea presumibilmente ostile..

Naturalmente, mangiare pesce frequentemente non è l'unica causa di allergie. Inoltre, una certa predisposizione genetica gioca un ruolo speciale nell'iniziare reazioni. Inoltre, in casi frequenti, una reazione allergica si manifesta in tutti i tipi di pesce.

Solo in rari casi accade che un'allergia sia osservata solo contro una delle sue specie. Questo è il caso in cui un'altra proteina scatena un'allergia o quando si trova la risposta immunitaria contro una sola sottospecie di parvalbumina.

Altre cause di reazioni allergiche:

  • sostanze chimiche nei corpi idrici che, se penetrate nei pesci, possono causare varie reazioni del sistema immunitario nei bambini e negli adulti;
  • antibiotici utilizzati nell'allevamento ittico artificiale;
  • tossine da deterioramento;
  • parassiti che possono essere trovati nei pesci di fiume;
  • conservanti, coloranti, aromi inclusi nel prodotto finito.

Pesci che provocano allergie: un elenco dei principali antigeni

Di seguito consideriamo gli allergeni che causano allergie nella maggior parte delle persone..

Beta paravalbumina

  • aringhe - Clu h 1;
  • Pacific Sardine, Mackerel - Sar sa 1;
  • branzino, lucioperca - Seb m 1;
  • branzino bianco - Lat c 1;
  • trota iridea - Onc m 1;
  • Salmone atlantico - Sal s 1;
  • tonno: gio 1;
  • pesce spada - Xip g 1;
  • flounder, ippoglosso Lep - w 1;
  • carpa - Cyp c 1;
  • Merluzzo baltico - Gad c 1;
  • merluzzo bianco - Gad m 1.
Quando si verifica un'allergia ai pesci rossi, i sintomi della pelle possono apparire come macchie rosse o una piccola eruzione cutanea in tutto il corpo.

Beta enolasi

  • Merluzzo baltico - Gad m 2: il 63% delle persone sensibilizzate risponde alla beta beta enolasi senza reagire alla parvalbumina;
  • tonno: gio 2;
  • Atlantic Salmon - Sal s 2.

aldolase

  • Merluzzo baltico - Gad m 3 Aldolase A: il 50% delle reazioni si verifica su merluzzo aldolasi.
  • tonno - Gio a 3 Aldolase A;
  • Atlantic Salmon - Sal s 3 Aldolase A.

tropomyosin

  • Branzino bianco - Minerale m 4. Potrebbero verificarsi reazioni crociate con gamberi.

vitellogenin

  • Keta - Onc k 5.

Altri allergeni

Sono state trovate proteine ​​labili termiche separate (40-85 kDa) nella lingua del mare, nel nasello e nel diavolo marino.

Come è un'allergia ai pesci: sintomi, foto

Il pesce è un allergene che può causare reazioni gravi, fino all'anafilassi. Di norma, quando si mangiano pesce e frutti di mare in bambini e adulti, si osservano i seguenti sintomi:

  • disagio gastrointestinale: dolore addominale, diarrea e flatulenza;
  • reazioni cutanee: gonfiore, prurito, bruciore, orticaria, arrossamento, eczema;
  • Edema di Quincke che si manifesta su labbra, lingua, gola;
  • rinite allergica (naso che cola);
  • lacrimazione, gonfiore e prurito delle palpebre;
  • soffocamento o mancanza di respiro, come attacco d'asma, tosse, respiro sibilante.
Nel caso in cui si verifichi un'allergia ai pesci, i sintomi negli adulti e nei bambini compaiono in modo identico, molto spesso sotto forma di manifestazioni cutanee.

Meno comunemente, si verifica una reazione allergica sotto forma di shock anafilattico, che è un forte calo della pressione sanguigna, sbiancamento della pelle, vertigini, svenimento.

Questa condizione può minacciare la vita di una persona, pertanto è necessario fornire immediatamente un pronto soccorso e chiamare un team di medici.

Allergia alla pesca in un bambino

Spesso si osservano allergie con l'introduzione di alimenti complementari nella dieta del bambino. Dopo averlo usato, un bambino può provare prurito alla pelle, sviluppo dell'edema di Quincke, disturbi alimentari.

Pertanto, quando si espande la dieta dei bambini, è necessario monitorare attentamente la durata di conservazione degli alimenti per bambini, leggere la composizione e scegliere i prodotti solo da produttori verificati.

Foto: orticaria sul viso del bambino.

In alcuni casi, il contatto diretto o indiretto con i prodotti ittici può causare una reazione allergica. Cioè, un bambino può inalare vapore durante la cottura del pesce o toccarlo con le proprie mani. Di conseguenza, possono verificarsi sintomi respiratori sotto forma di frequenti starnuti, lacrimazione, naso che cola o eruzioni cutanee. In questo caso, è necessario contattare immediatamente uno specialista.

Diagnostica

Se si verificano sintomi allergici mentre si mangia pesce, consultare un allergologo..

Alla reception, il medico raccoglierà un'anamnesi, che determinerà la diagnosi preliminare e la nomina di una serie di studi.

È importante stabilire la vera causa della malattia, poiché possono verificarsi sintomi simili all'allergenico durante l'avvelenamento con frutti di mare. Questo fenomeno può essere osservato perché anche i batteri producono istamina..

Gli esami della pelle e un esame del sangue per rilevare gli anticorpi IgE ti permetteranno di scoprire se una persona può essere allergica ai pesci o se i sintomi compaiono in connessione con il decorso di un'altra malattia, ad esempio la giardiasi.

Allergia ai pesci - Trattamento

Il trattamento delle allergie alimentari implica l'esclusione dei frutti di mare allergenici dalla dieta e l'uso di antistaminici. Di seguito consideriamo farmaci che facilitano varie manifestazioni nutrizionali di reazioni allergiche da parte dei pesci.

L'intolleranza al pesce, sotto forma di manifestazioni cutanee e sintomi respiratori, può essere eliminata con l'aiuto di pillole allergiche: Zodak, Loratadin, Erius, ecc..

Nelle reazioni allergiche gravi, potrebbe essere necessario assumere un farmaco glucorticosteroide (ormonale), ad esempio Prednisolone.

L'orticaria e le macchie rosse sulla pelle nei bambini e negli adulti vengono eliminate con unguenti, possibilmente con un componente steroideo: gel di fenistil, idrocortisone, Elidel, ecc..

Per facilitare le manifestazioni gastrointestinali, si consiglia l'uso di assorbenti: Lactofiltrum, Polysorb, carbone attivo, ecc..

Vale la pena ricordare che non dovresti curare le allergie da solo, poiché la terapia analfabeta può causare danni irreversibili alla tua salute: devi cercare l'aiuto di specialisti in modo tempestivo.

Dieta: come sostituire il pesce

Prima di tutto, con un'allergia al pesce, una persona deve astenersi dal mangiarla. In particolare, è vietato mangiare: sushi, panini, salsa di pesce, gamberi, cozze, ostriche, calamari, granchi e caviale. Questi frutti di mare contengono una varietà di antigeni che non vengono distrutti dal trattamento termico, che può causare una risposta negativa dal corpo..

Prima di identificare l'allergene che ha causato la reazione, i piatti di pesce non devono essere consumati..

In generale, una persona deve aderire a una dieta corretta ed equilibrata, escludendo dal suo menu cibi dolci, grassi, farinosi, cibi pronti e alcol.

I frutti di mare sono una preziosa fonte di proteine, vitamina D, acidi grassi omega-3 e iodio. Pertanto, affinché questi nutrienti non scompaiano dalla dieta, devono essere reintegrati con l'aiuto di altri alimenti. Un'alternativa può essere semi di lino e girasole, tuorlo d'uovo, latticini.

Differimento dall'esercito

Le persone allergiche ai pesci che possono documentarne la presenza ricevono una categoria di fitness "B". Cioè, sono adatti per il servizio militare nell'esercito, ma con restrizioni minori.