Allergia ai pollini degli alberi: diagnosi e trattamento delle allergie stagionali

Trattamento

La pollinosi (rinocongiuntivite allergica stagionale, febbre da fieno) è una malattia stagionale che si sviluppa nelle persone sensibilizzate a causa del contatto con il polline. Per sensibilizzazione si intende una maggiore sensibilità del corpo agli effetti di sostanze irritanti (allergeni) che causano una reazione allergica. L'allergene, essendo innocuo per la maggior parte delle persone, è considerato "pericoloso" dal sistema immunitario nei pazienti sensibilizzati, che di conseguenza provoca una reazione allergica.

I sintomi delle allergie stagionali si verificano quasi contemporaneamente ogni anno sotto forma di naso che cola, congestione nasale, starnuti, bruciore o prurito nel naso e nella bocca, congiuntivite (occhi rossi, sabbia negli occhi, prurito / bruciore), tosse, alcuni casi di attacchi di asma. Oltre ai segni caratteristici delle allergie, i frequenti compagni di febbre da fieno sono disturbi del sonno, affaticamento e aumento della fatica. Ciò porta a un significativo deterioramento della qualità della vita dei pazienti e influisce in modo significativo sull'attività quotidiana, sull'attività professionale e sullo studio..

I sintomi più comuni della febbre da fieno nella Russia centrale si sviluppano nel periodo aprile-maggio (tabella 1) durante la fioritura della betulla (betulla, ontano, carpino, nocciola). Nelle regioni meridionali della Russia, il cipresso (cipresso, ginepro, thuja) ha un effetto simile e, nell'Europa meridionale, l'olivo viene prima tra gli alberi che causano allergie..

Tab. 1. Calendario fiorito delle piante nella Russia centrale

Una caratteristica distintiva del polline di betulla è che è più leggero, ad esempio, del polline di conifere; ha una superficie non appiccicosa, che gli consente di essere trasportato dal vento su lunghe distanze. Anche una piccola quantità di polline nell'aria può essere sufficiente per causare sintomi di allergia nelle persone sensibilizzate e, al culmine della fioritura, il numero di granuli di polline raggiunge i 4000 / m³. In caso di allergia al polline degli alberi, possono verificarsi anche reazioni allergiche a determinati tipi di alimenti (Tabella 2).

La ragione di questo fenomeno, chiamato "allergia crociata", è che la struttura di alcuni alimenti e allergeni inalanti è molto simile. A causa delle somiglianze (Fig. 1), il sistema immunitario reagisce non solo al polline, ma anche a molecole simili contenute negli alimenti.

Tab. 2. Reazioni allergiche crociate

Figura. 1. La struttura delle molecole della proteina di betulla (bet v 1), sedano (api g 1) e ciliegia (pru av 1).

La diagnosi delle allergie stagionali si basa su una valutazione del quadro clinico della malattia e su un esame speciale. Include un esame del sangue per specifiche immunoglobuline E e / o test di allergia cutanea. Durante il test delle allergie cutanee (pri-diagnostica), una piccola quantità di estratti di polline di alberi sotto forma di soluzione viene posizionata sull'avambraccio o sulla schiena. Gonfiore e arrossamento della pelle nell'area di applicazione indicano la presenza di allergie. Sulla base delle informazioni ricevute, viene presa una decisione sulle ulteriori tattiche di trattamento.

Il trattamento delle allergie stagionali comprende la terapia sintomatica (antistaminici, farmaci antinfiammatori e antiallergici locali), nonché un trattamento patogenetico mirato alla causa della malattia. Ad oggi, l'unico metodo per il trattamento patogenetico delle allergie stagionali è l'immunoterapia specifica per allergeni (ASIT). L'ASIT consiste nell'introduzione sequenziale di determinate dosi di allergeni nel corpo umano: durante la fase iniziale del trattamento (fino a 4 mesi), le dosi somministrate aumentano gradualmente, quindi durante la fase di mantenimento la stessa dose dell'allergene viene somministrata per 3 anni. Dopo l'intero ciclo di trattamento, il paziente ha una remissione prolungata, immunità all'allergene.

Esistono due metodi principali per somministrare un allergene: sottocutaneo e sublinguale. Le iniezioni sottocutanee vengono eseguite dal medico nella superficie esterna della spalla. I farmaci sotto forma di gocce sublinguali o compresse vengono presi sotto la lingua e quindi ingeriti..

ASIT ti consente di ridurre o arrestare completamente i sintomi della malattia, aiuta a evitare la successiva sensibilizzazione, previene la transizione della rinite in asma. I fattori chiave per una terapia di successo sono l'inizio del trattamento nelle prime fasi della febbre da fieno, l'ammissione regolare e l'adesione alla prescrizione del medico. Nella Clinica di Dermatologia e Allergologia, EMC conduce tutti i tipi di diagnosi delle allergie stagionali e di altre forme e offre anche moderni metodi di trattamento della febbre da fieno.

Trattamento delle allergie al polline degli alberi con ASIT

Come trattare le allergie al polline degli alberi (betulla, nocciola, salice, ontano, acero, quercia, cenere, ecc.). L'immunoterapia allergenica specifica (ASIT) è l'unico trattamento per le malattie allergiche che colpisce tutte le parti del processo allergico.

Non trattare i sintomi dell'allergia, ma le sue cause!

Il programma "Vita senza allergie"

Nome della proceduraPrezzo, rub.)
Immunoterapia specifica per allergeni - un ciclo di radiazioni con allergeni della Federazione Russa4.500
Immunoterapia specifica per allergeni (per via sublinguale) senza tenere conto del costo dei farmaci9 500
Immunoterapia allergenica specifica (ASIT) - corso di supporto (escluso il costo del farmaco)12.400
Immunoterapia specifica per allergeni (iniezione) senza tener conto del costo dei farmaci16 750

Sintomi di allergia ai pollini degli alberi

Di solito, i sintomi della malattia si ripresentano allo stesso tempo ogni anno. I disturbi tipici sono una sensazione di prurito al naso, una sensazione di bruciore, irritazione, starnuti frequenti, eccessiva secrezione di muco dal naso e difficoltà nella respirazione nasale. Prurito, arrossamento delle palpebre, gonfiore, lacrimazione, sensazione di dolore, sensazione di "granello di sabbia" negli occhi.

Gli alveari possono apparire sulla pelle. Una delle manifestazioni cliniche più gravi della febbre da fieno è l'asma bronchiale, che si manifesta in tosse, respiro sibilante, senso di oppressione al petto e mancanza di respiro. Fortunatamente, l'asma non si verifica in tutti i pazienti con reazioni allergiche al polline e di solito non è la prima manifestazione della febbre da fieno..

Diagnostica

L'allergia è una malattia senza età, può apparire sia in un bambino che in un adulto. Pertanto, è molto importante contattare uno specialista il più presto possibile per un esame immunitario e una diagnosi di allergia..

L'ambito dell'esame allergologico e i metodi sono determinati dal medico allergologo-immunologo!

Inoltre, è necessario determinare l'efficacia di ASIT.

Sulla base degli indicatori ottenuti di componenti allergici, il medico prende una decisione sulla fattibilità di ASIT.

Trattamento delle allergie per il polline degli alberi

L'immunoterapia allergenica specifica (ASIT) è una terapia allergica personalizzata ed efficace, che consiste nell'introduzione sequenziale di determinate dosi di allergeni nel corpo umano.

Le dosi e la durata della terapia sono determinate dal medico individualmente!

Durante la fase iniziale del trattamento, le dosi somministrate aumentano gradualmente e la stessa dose dell'allergene viene successivamente somministrata durante la fase di mantenimento..

La durata del corso dipende dalle caratteristiche individuali del decorso della malattia in ciascun paziente.

  • ridurre la gravità delle manifestazioni cliniche, che porta a una diminuzione della dose di antistaminici o consente di abbandonare completamente il trattamento antiallergico. Prevenire lo sviluppo di complicanze di una malattia allergica: prevenire la transizione da forme lievi di reazioni allergiche a reazioni più gravi - shock anafilattico, edema di Quincke, asma;
  • fornire una remissione continua;
  • prevenire l'espansione dello spettro allergico: prevenzione dell'ipersensibilità ad altri tipi di allergeni;

Misure preventive

Le prime manifestazioni di allergia al polline degli alberi nella Russia centrale di solito si verificano a fine marzo - inizio aprile, durante il periodo di fioritura di ontano, nocciola, salice. Le massime manifestazioni di allergie si verificano di solito durante il periodo di fioritura della betulla.

Calendario spolvero alberi

Per i pazienti allergici al polline degli alberi, è necessario ottenere informazioni dal monitoraggio del polline per attività volte a ridurre le reazioni allergiche.

Monitoraggio del polline - determinazione della presenza di polline nell'aria delle sostanze irritanti più pericolose, identificazione di alberi ed erbe che stanno per fiorire o che sono già sbiaditi.

MEMORIA PER UN PAZIENTE CHE SOFFRE UN'ALLERGIA AL POLLO DEGLI ALBERI E DELLE ERBE

  1. Ogni anno per il periodo di fioritura, se possibile, lascia questa zona.
  2. Cerca di non lasciare la città.
  3. Con il bel tempo soleggiato (soprattutto al mattino) indossare occhiali di sicurezza.
  4. Bagnato ogni giorno.
  5. Ventilare la stanza, preferibilmente la sera, utilizzare un purificatore d'aria.
  6. Le reti speciali (garza) devono essere tirate su finestre, prese d'aria, traverse.
  7. Se possibile, non assumere farmaci durante il periodo di fioritura (ad eccezione di quelli prescritti da un allergologo).
  8. Escludere i seguenti alimenti e bevande: miele di erbe medicinali, propoli, cognac, balsamo, vermouth, birra.
  9. Nella stagione della spolveratura delle piante, non eseguire interventi chirurgici programmati, esami strumentali, vaccinazioni preventive.

Per allergie al polline degli alberi: è necessario escludere: noci, mele, ciliegie, ciliegie, prugne pesche, carote, linfa di betulla, sedano, kiwi, patate, pere, feijoa, olive, peperone.

Devi anche ricordare che molti cosmetici (shampoo, creme, lozioni) contengono ingredienti a base di erbe.

Stagione delle lacrime Come affrontare le allergie ai pollini?

Oggi i medici conoscono dozzine di specie di piante che possono trasformare le nostre vite in vere torture con l'inizio della stagione calda. Quando fioriscono, secernono il polline, che viene trasportato dal vento ed entra nelle mucose del naso e degli occhi.

Per una persona sana, il polline non rappresenta alcun pericolo. Tuttavia, nelle persone ipersensibili, provoca una serie di sintomi caratteristici: naso che cola, lacrimazione, starnuti, arrossamento degli occhi, prurito delle palpebre, palato e lingua, orticaria, tosse. In genere, questi sintomi compaiono entro 5-10 minuti dopo il contatto con l'allergene, ma a volte possono richiedere diverse ore o addirittura giorni. In un certo senso, i sintomi della febbre da fieno sono simili alle manifestazioni del raffreddore comune. La differenza principale tra allergia ai pollini e SARS è che si verifica sempre nello stesso periodo dell'anno (di solito in primavera o in estate).

Chi è colpevole?

La medicina moderna non sa perfettamente perché una persona sviluppi un'allergia. Esistono diverse versioni su questo argomento..
1) Eredità
Se uno dei genitori soffre di febbre da fieno, il bambino può ereditarla nel 40% dei casi e quando sia il padre che la madre sono inclini alle allergie, la probabilità del suo sviluppo aumenta quasi due volte e costituisce il 75%.

2) Qualità del cibo
Secondo le statistiche, sullo sfondo del consumo costante di alimenti con additivi chimici negli alimenti, il numero di persone allergiche aumenta ogni anno.

3) Cattiva ecologia
Ci sono sempre più persone allergiche nelle città che nelle aree rurali.

4) Insufficienza immunitaria
Alcuni scienziati ritengono che le allergie siano una reazione difensiva all'invasione di specifiche proteine ​​allergeniche, in grandi quantità contenute in granelli di fiori e polline di legno.

Ciò che di solito provoca allergie?

Dall'inizio di aprile alla fine di maggio - betulla, ontano, pioppo.
Le erbe di cereali fioriscono da giugno a luglio (erba timida, bluegrass, festuca, segale, grano, paglia).
Da fine luglio a inizio settembre - erbe infestanti (assenzio, quinoa).

Come si sviluppa un'allergia??

1) Il polline entra nelle mucose del naso, degli occhi e dei bronchi.
2) Il sistema immunitario risponde secernendo anticorpi.
3) Gli anticorpi si legano all'allergene, portando al rilascio di istamina.
4) L'aumento dei livelli di istamina provoca sintomi allergici.

Esistono moltissimi stampi che "vivono" in "luoghi umidi" - sotto il soffitto vicino a perdite, negli scantinati e nelle soffitte umide. I funghi "polverosi" più comuni sono il cladosporium e l'alternaria. Possono causare sintomi allergici nell'uomo durante tutto l'anno..

Riconosci il nemico

Per identificare cosa causa esattamente i sintomi caratteristici, i cosiddetti test cutanei aiuteranno. Per fare una diagnosi, il medico applica goccioline di vari allergeni all'interno dell'avambraccio e fa piccoli graffi. Dopo un quarto d'ora, la reazione viene valutata. Nella zona in cui la pelle è diventata rossa e gonfia e si trova lo stesso allergene causativo.

Tale studio dovrebbe essere condotto solo nel periodo "sicuro", quando non vi è alcuna esacerbazione della febbre da fieno (in autunno o in inverno) e non prima di 3-5 giorni dopo la fine dell'assunzione di antistaminici. Un altro metodo diagnostico comune è un esame del sangue per determinare immunoglobuline specifiche per vari allergeni..

Trattamento

Puoi prendere solo quei farmaci anti-allergenici (antistaminici) che sono prescritti da uno specialista - un allergologo o un immunologo. Un ottimo mezzo per prevenire la febbre da fieno è un corso di immunoterapia specifica per allergeni (ASIT). Ti permette di sbarazzarti di sintomi spiacevoli, se non per sempre, quindi per molto tempo. Le terapie sono sempre precedute da esami cutanei e da un esame del sangue..
Con il passaggio di ASIT, un piccolo allergene viene introdotto nel corpo con una certa frequenza - iniziando con piccole dosi e aumentandole gradualmente.

Nella prima fase, di norma, gli allergeni sottocutanei vengono iniettati ogni giorno per due settimane, quindi una iniezione al mese. Il processo deve essere completato due settimane prima dell'inizio della fioritura di piante "pericolose". Di conseguenza, di fronte a una grande quantità di allergene, il sistema immunitario non reagisce in modo così netto come prima e i sintomi della febbre da fieno “si cancellano” o scompaiono del tutto. Un corso di ASIT richiede diversi mesi. Devono essere ripetuti. Notevoli miglioramenti sono già visibili nel primo anno di trattamento e per ottenere il massimo effetto, sono richiesti da 3 a 5 cicli (uno all'anno).

Gli antistaminici sono divisi in due tipi: a breve e a lungo termine. I primi hanno un effetto ipnotico, mentre i secondi no (sono ottimali per l'uso quotidiano e a lungo termine).

Avviso minaccia

Se non hai tempo di prendere il ciclo di vaccinazione, due settimane prima della fioritura prevista (quando i boccioli sugli alberi si gonfiano e compaiono i "gattini"), inizia a prendere farmaci profilattici e usa spray nasali. Naturalmente, questo non allevia i sintomi delle allergie, ma sarà molto più semplice procedere..

Corso di sopravvivenza allergica

Il modo più semplice per evitare l'esacerbazione della febbre da fieno è limitare il contatto con l'allergene, ad esempio, per partire per l'intero periodo di fioritura in un'altra regione, preferibilmente verso il mare o le montagne. Tuttavia, tale opportunità non è sempre.

Per facilitare il decorso della febbre da fieno, segui questi suggerimenti

1) Cerca di uscire di casa il meno possibile. Il picco di concentrazione di polline nell'aria è al mattino dalle 6.00 alle 10.00 e alla sera dalle 18.00 alle 22.00. Cerca di non apparire per strada in questo momento.

2) Stringere le finestre con una rete e tirare saldamente le tende. La finestra e le finestre dovrebbero essere aperte solo di notte, quando la concentrazione di allergeni nell'aria è minima.

3) Bagnare la stanza ogni giorno, acquistare un condizionatore d'aria o un depuratore d'aria. Tappeti, mobili e altri oggetti interni che possono accumulare polvere devono essere smaltiti. I cuscini in piuma sono meglio sostituiti con cuscini imbottiti in materiale sintetico..

4) Durante la stagione di fioritura, le persone con allergie non dovrebbero andare fuori città per lunghe passeggiate, specialmente quando fa caldo. È meglio camminare dopo la pioggia quando il polline viene “inchiodato” al suolo e non vola in aria. Se è necessario uscire, si consiglia di utilizzare mezzi "protettivi": occhiali, un cappello. Indossa abiti a maniche lunghe.

5) Arrivando a casa, fai subito una doccia, lavati il ​​viso e risciacqua i capelli. È anche utile risciacquare la gola e sciacquare il naso: questo eliminerà le mucose dagli allergeni. Assicurati di rimuovere l'abbigliamento da strada (spediscilo in lavanderia o mettilo in un armadio chiuso).

6) Per il periodo di fioritura, abbandona cosmetici, deodoranti, creme, shampoo, lozioni e gel doccia con estratti di erbe e fiori.

7) Porta sempre con te antistaminici e gocce speciali per naso e occhi, che alleviano l'attacco entro 15 minuti.

Cravatte pericolose

Molte difficoltà per le persone che soffrono di febbre da fieno, porta la cosiddetta allergia crociata. Alcuni alimenti, rimedi erboristici e persino bevande possono contenere gli stessi fastidiosi ingredienti del polline. Secondo gli esperti, circa un terzo di tutti i soggetti allergici sono "mirini".

Coloro che sono allergici al polline degli alberi non dovrebbero mangiare alcuni frutti degli alberi (noci, mele), così come ciliegie, ciliegie, prugne e carote. È anche meglio rifiutare i vini di frutta e la vodka e la linfa di betulla.
Se sei sensibile al polline delle erbe di cereali, dovresti limitare il consumo di prodotti da forno e cereali (eccetto il grano saraceno) e smettere di usare bevande “a base di cereali” - vodka, birra, kvas e whisky.

Se i sintomi della febbre da fieno compaiono dopo il contatto con le erbacce, si consiglia di abbandonare l'uso di olio di girasole e prodotti a base di esso (maionese, senape, halva). Non lasciarti coinvolgere da semi di girasole, pomodori, meloni, angurie e altri meloni. Inoltre, dovrai dimenticare il vermouth e i cognac che contengono erbe..

Allergia ai pollini in un bambino

Il corpo del bambino è suscettibile a varie infezioni, comprese le malattie allergiche. La pollinosi è una malattia stagionale o un tipo specifico di allergia al polline dell'erba che si diffonde nel vento. La patologia si manifesta in una forma grave, ci sono gonfiori della mucosa, gli occhi si infiammano, la microflora del rinofaringe viene distrutta.

I bambini molto piccoli hanno eruzioni cutanee che a volte si trasformano in macchie rossastre. Se sei allergico al polline in un bambino, devi essere in grado di fornire assistenza in modo tempestivo, consultare uno specialista competente in campo ristretto e fornire un'adeguata prevenzione della febbre da fieno.

Nozioni di base sulle allergie

Un'allergia al polline in un bambino si verifica in primavera (fine aprile o inizio maggio) e termina quando le piante che causano il problema appassiscono. Nella sua specificità, la febbre da fieno è paragonabile alle infezioni virali respiratorie acute o alle malattie infettive. I genitori commettono un grave errore iniziando a trattare un bambino con farmaci freddi, che aggravano il corso delle allergie.

Questo viene visualizzato negativamente sullo stato dell'intestino, carica il fegato e il pancreas, il che contribuisce all'ulteriore diffusione delle allergie. Da ciò ne consegue che un trattamento scelto in modo improprio aggrava solo la reazione allergica esistente. Non tenendo conto del fatto che il bambino ha la febbre da fieno, i genitori eliminano i sintomi caratteristici, ignoro la radice del problema. Il deterioramento delle condizioni del bambino può essere la presenza di piante fiorite e animali soffici in casa.

Nota: quando un bambino sviluppa virus respiratori in autunno e in primavera, dovrebbero essere condotti studi speciali sul tema dell'interazione del corpo del bambino e di alcuni allergeni. Con una diagnosi tempestiva, è possibile eliminare un fattore di rischio per lo sviluppo di allergie croniche..

Come il polline provoca allergie?

Le piante impollinate dal vento sono una fonte naturale degli allergeni più pericolosi che provocano una reazione negativa in molti bambini. Piccoli granuli rilasciati dalle erbe per fertilizzare le piante vicine penetrano nel rinofaringe e possono successivamente finire nel sistema circolatorio.

Il raggio di distribuzione è molto ampio, fino a 10-12 chilometri. Ne consegue che il provocatore di una reazione allergica potrebbe non essere nelle immediate vicinanze del bambino. Una volta nel corpo di un bambino, un piccolo grano stimola i recettori nervosi, che a sua volta provoca lo sviluppo della febbre da fieno.

I bambini con allergie possono provare un po 'di sollievo nei giorni di pioggia, poiché la pioggia elimina gli allergeni che vivono nell'aria. Vale la pena notare che la febbre da fieno può verificarsi diversi giorni dopo il contatto con una fonte di polline, ma in forma grave.

Allergeni vegetali comuni

La febbre da fieno si sviluppa quando un bambino entra in contatto con il polline di alcune erbe. In alcuni casi, una reazione allergica a una pianta, quando sviluppata, provoca suscettibilità ai grani di un'altra erba. Nella terminologia medica, questo fenomeno è chiamato allergia crociata..

Le piante che provocano lo sviluppo della febbre da fieno includono:

Un'allergia al polline in un bambino si manifesta in diversi modi e può verificarsi sullo sfondo del contatto con una certa erba. Sfortunatamente, esiste una grave forma di febbre da fieno, che si manifesta con intolleranza a tutte le piante fertilizzate spruzzando polline nell'aria.

Calendario di fioritura 2020

Nel 2020 è prevista la fioritura attiva delle erbe allergeniche. In primavera, vale la pena fare attenzione a bluegrass, assenzio e successione. Queste erbe spruzzeranno polline per la fecondazione a fine aprile o inizio maggio. All'inizio dell'estate appare l'ambrosia, che è l'allergene più forte. Secondo le statistiche mediche compilate dagli allergologi, circa il 60% delle persone ha intolleranza all'ambrosia. Durante questi periodi, il contatto diretto con le erbe dovrebbe essere evitato e dovrebbero essere presi farmaci adeguati..

Se c'è un'allergia al polline degli alberi nei bambini, è necessario prevenire la malattia nel mese di aprile. A maggio 2018 è prevista la fioritura attiva di betulla e pioppo..

Caratteristiche della malattia

Al contatto di polline e organi respiratori, si verifica una grave infiammazione del rinofaringe, tutti i sintomi sono presenti (prurito, bruciore, gonfiore, eruzioni cutanee). Inizialmente, la febbre da fieno può essere assunta come manifestazione catarrale, poiché il bambino ha tosse, naso che cola e lacrimazione degli occhi. 2-3 giorni dopo l'esposizione a una malattia allergenica, la malattia si manifesta con tutti i sintomi caratteristici.

Se il processo infiammatorio colpisce il seno, può innescare lo sviluppo di sinusite allergica. Nei casi più gravi, i bambini sviluppano l'asma bronchiale, che alla fine si trasforma in una forma cronica.

Nota: nelle situazioni più difficili, la febbre da fieno provoca problemi al sistema cardiaco e all'uretra.

Sintomi

I sintomi iniziali della febbre da fieno possono essere facilmente scambiati per un raffreddore. Il bambino ha il naso che cola, gli occhi acquosi, il disturbo fisico è presente. In futuro, la malattia inizia a progredire ed è accompagnata dai seguenti sintomi:

  • arrossamento della gola;
  • bruciore agli occhi;
  • si verifica gonfiore;
  • la congiuntivite purulenta si sviluppa con una profusa sconfitta da parte di batteri maligni;
  • fotofobia.

Questi sono solo i sintomi iniziali. Con lo sviluppo della febbre da fieno, il bambino ha uno starnuto abbondante, il naso diventa rosso, la lingua si gonfia. Una forma grave della malattia è accompagnata da attacchi di asma, distruzione della mucosa del rinofaringe e del tratto respiratorio e nei casi peggiori esiste un fattore di rischio per lo sviluppo di shock anafilattico.

Vale la pena notare che esiste un'allergia al polline di betulla nei bambini. I sintomi coincidono con una normale malattia con l'unica differenza: la febbre alta.

Cause della febbre da fieno

Il provocatore del polline è il polline di erba, che si diffonde nel vento. Tuttavia, con la piena immunità in un bambino, un'allergia potrebbe non svilupparsi o procedere in forma lieve. La febbre da fieno si manifesta completamente per i seguenti motivi:

  • mancanza di una reazione protettiva del corpo all'allergene penetrato, mancanza di immunoglobulina secretoria A;
  • violazione dell'integrità della mucosa del rinofaringe;
  • predisposizione genetica trasmessa da madre a figlio;
  • mancanza di soppressori di T responsabili della stabilizzazione della quantità di immunoglobuline E.

In termini generali, la febbre da fieno si verifica sullo sfondo del corpo di un bambino indebolito. Se questa è la prima allergia in un bambino, devono essere prese adeguate misure terapeutiche e preventive per impedire alla malattia di fluire in una forma cronica. Ma è impossibile curare la febbre da fieno senza una diagnosi approfondita.

Diagnostica

La diagnosi tempestiva della febbre da fieno è un compito importante. Dipende se la malattia ha il tempo di fluire in una forma complessa o se è possibile interrompere l'allergia in fase di sviluppo. Un allergologo può fare una diagnosi basata sui sintomi primari, ma ulteriori test di laboratorio e test cutanei.

Puoi basarti sul fatto che la febbre da fieno in un bambino si aggrava in specifici segmenti dell'anno, al momento della fioritura di alcune erbe allergeniche. Ma le allergie crociate concomitanti complicano le misure diagnostiche, il che porta a difficoltà nello sviluppo di un regime di trattamento.

Nota: solo un allergologo può fare una diagnosi finale. L'autotrattamento è severamente vietato. Tutti i farmaci e i dosaggi sono anche prescritti da uno specialista ristretto.

Test di laboratorio

I test di laboratorio sono divisi in due categorie: lo studio della struttura biologica e la diagnostica strumentale e hardware. La prima categoria comprende la consegna di un esame del sangue, per la presenza di eosinofilia. Questa è una malattia in cui le cellule del sangue aumentano significativamente di dimensioni. In presenza di eosinofilia, il bambino è allergico al 100%.

Dopo aver eseguito un esame del sangue, un paziente sarà sottoposto a fluoroscopia per valutare le condizioni della mucosa del rinofaringe e del tratto respiratorio. Se durante l'esame viene stabilito che sono presenti blackout sui polmoni o sui bronchi, uno specialista di profilo stretto è obbligato a collocare il bambino in un ospedale generale per ulteriori trattamenti.

Come studio aggiuntivo, viene eseguita la spirografia, che determina il funzionamento della respirazione esterna. In presenza di febbre da fieno nel bambino, respirazione instabile, il volume della espirazione forzata è ridotto.

Test cutanei

La seconda fase delle misure diagnostiche consiste in test cutanei, che consentono di stabilire la causa provocatoria della malattia. I cereali appositamente raffinati vengono somministrati al paziente per identificare la reazione e stabilire l'erba a cui il bambino è allergico. I risultati del test possono essere ottenuti dopo 20 minuti.

Se gli occhi del bambino diventano rossi, inizierà un leggero gonfiore, inizierà la tosse o lo starnuto - una reazione positiva all'allergene introdotto. Tale test non viene eseguito per i bambini piccoli, poiché presenta molte controindicazioni.

Dopo le misure diagnostiche, l'allergologo e il dermatologo (se necessario, altri specialisti di profilo stretto) sviluppano un regime di trattamento individuale basato sui risultati.

Come aiutare il bambino: trattamento e prevenzione?

Il corso terapeutico per il trattamento di bambini allergici al polline non fa a meno dell'intervento di terapia farmacologica. Altrimenti, i sintomi verranno eliminati, ma la radice del problema rimarrà al suo posto. Se un'allergia sta appena iniziando a svilupparsi, è necessario utilizzare antistaminici per eliminare i sintomi corrispondenti. In forma grave della malattia, è necessaria l'assistenza medica diretta..

Dopo il corso terapeutico, è necessaria la prevenzione completa. Pertanto, il fattore di rischio per la ricorrenza della febbre da fieno viene ridotto e viene ripristinata l'immunità distrutta del bambino.

Nota: durante il trattamento è necessario attenersi alle raccomandazioni di un medico di profilo stretto. L'adempimento tempestivo e coscienzioso dei compiti aiuterà il bambino a riprendersi più velocemente.

Cosa fa il dottore?

Le prime azioni di un medico sono di raccomandare di limitare il contatto del paziente e un potenziale allergene. Per questo, al bambino viene assegnato un regime familiare. Durante la quarantena forzata, le finestre della casa devono essere chiuse in modo che il polline non penetri nella stanza. Tali raccomandazioni sono accettabili se il bambino ha una lieve forma di febbre da fieno.

Con una forma complessa della malattia, il medico curante deve ricoverare il bambino e metterlo in un ospedale. Un contagocce con soluzione salina verrà posizionato quotidianamente per purificare il sangue dell'allergene. Inoltre, vengono prescritti farmaci locali e antistaminici per alleviare i sintomi e stabilizzare il paziente. Per eliminare il fattore di rischio per un aumento delle allergie, un reparto può essere messo in quarantena, senza possibilità di visitare un bambino.

Sintomi Farmaci

La base della terapia farmacologica sono gli antistaminici di una certa generazione. In totale, ci sono 4 gruppi di questa categoria di farmaci prescritti a seconda del grado di febbre da fieno, della presenza di sintomi appropriati e delle condizioni del bambino. Considera in quali casi utilizza quale generazione di antistaminici e quali farmaci appartengono a ciascun gruppo:

  1. La prima generazione comprende Suprastin, difenidramina e diazolina. Questi sono medicinali per l'eliminazione d'emergenza delle allergie. Le medicine hanno un effetto terapeutico rapido e potente, ma a breve termine. Inoltre, i farmaci hanno molti effetti collaterali (sonnolenza, squilibrio del tratto gastrointestinale). Per questo motivo, i farmaci sono raramente prescritti per i bambini..
  2. La seconda generazione di antistaminici comprende Cetrin e tutti i suoi analoghi, Fenistil e Ketitofen. La differenza dal primo gruppo è l'assenza di effetti collaterali sotto forma di sonnolenza e disturbi gastrointestinali, ma i farmaci caricano il cuore e il fegato, quindi possono essere utilizzati solo con un breve ciclo terapeutico.
  3. Telfast e Gismanal sono antistaminici di terza generazione. Hanno un forte effetto terapeutico, non ci sono controindicazioni. Sfortunatamente, è accettabile l'uso per bambini dall'età di tre anni.
  4. La quarta generazione di farmaci comprende levocetizina, lordestina e terfen. I farmaci più potenti usati per il trattamento e la prevenzione della febbre da fieno. Non ci sono reazioni o manifestazioni avverse. Consentito per l'uso da parte di bambini di età inferiore a 3 anni..

Come ulteriore profilassi, vengono utilizzati farmaci corticosteroidi se non ci sono risultati dall'uso dei componenti di base. Questi sono farmaci che aiutano a ridurre le reazioni infiammatorie nel seno del naso. I farmaci corticosteroidi sono usati a breve termine, in combinazione con la categoria di farmaci non ormonali.

Nota: tutti i medicinali e i dosaggi sono prescritti dal medico curante. La classe di farmaci antistaminici è molto pericolosa se usata in modo improprio.

Durante la remissione, il pediatra può prescrivere ASIT, un'immunoterapia specifica per allergeni, per il bambino. Questa metodologia si basa sullo sviluppo della resistenza del corpo a un particolare allergene. Il metodo è abbastanza semplice.

Un bambino con febbre da fieno riceve un allergene provocante (sottocutaneo o nel naso). Nel tempo, il corpo inizia a resistere ai microrganismi dannosi e sviluppa resistenza all'allergene.

L'ASIT viene effettuato in qualsiasi momento dell'anno, sia a fini terapeutici che profilattici.

Cross Allergy e Baby Diet

L'allergia crociata si verifica sullo sfondo di sostanze che provocano un nuovo aumento dei sintomi della febbre da fieno. La causa del problema può essere il materiale sintetico, la presenza di piante domestiche in vaso, ma molto spesso una malattia ausiliaria provoca una dieta squilibrata.

La febbre da fieno può intersecarsi con allergie alimentari, che aggraveranno le condizioni del bambino. Per il periodo del decorso della malattia, è necessario escludere (o limitare) i seguenti alimenti nel menu:

  • eventuali agrumi;
  • prodotti che includono lattosio;
  • Noci;
  • ingredienti a base di carne;
  • eventuali dolci, compresi tè e bevande dolci;
  • prugne secche e uvetta.

Per evitare allergie crociate, devi cucinare cibo per una coppia e dare a tuo figlio esclusivamente prodotti freschi.

Cosa può fare un genitore per alleviare le allergie in un bambino?

Naturalmente, ogni genitore si preoccuperà per il figlio, perché la febbre da fieno non si presenta sempre in una forma delicata e favorevole. Ecco perché, è necessario prendere sul serio la diagnostica e la terapia e seguire tutte le raccomandazioni di un allergologo.

Puoi facilitare il corso delle allergie in un bambino a casa:

  • fornire condizioni sanitarie, eseguire la pulizia a umido con disinfettanti 1-2 volte al giorno;
  • rimuovere tutte le piante da appartamento;
  • minimizzare il contatto con animali domestici;
  • Non ventilare l'ambiente per eliminare il fattore di rischio per la penetrazione di nuovi allergeni;
  • cambia i vestiti e le lenzuola del bambino il più spesso possibile;
  • escludere dalla dieta prodotti che provocano allergie crociate.

È sufficiente seguire le raccomandazioni di base per l'ulteriore riabilitazione delle condizioni del bambino.

Cosa è raccomandato per il trattamento dalla medicina tradizionale?

La medicina tradizionale è stata salvata più volte in situazioni in cui il trattamento farmacologico non era valido. È importante ricordare che la febbre da fieno è un'allergia alle erbe e quando si scelgono ricette per il trattamento di un bambino, è necessario scegliere piante che non siano allergeni. Per la prevenzione delle malattie fuori stagione, vengono utilizzati i seguenti strumenti:

  • Un decotto di calendula. Lo strumento viene preparato in una proporzione di 1k1 (un cucchiaio di calendula in un bicchiere d'acqua). Mescolare i componenti, preparare in un grande contenitore di vetro, coprire e lasciare fermentare per diverse ore. Il corso preventivo è di 30-60 giorni.
  • Un decotto di erbe. Per cucinare vengono utilizzati camomilla, farfara, piantaggine e trifoglio. Tutte le erbe devono essere asciutte. Macina tutte le erbe, versa 3 cucchiai in un contenitore, versa 750 ml di acqua bollita. Lasciare fermentare per 2-3 ore. Il corso preventivo è di diversi mesi.

Tutte le ricette popolari hanno superato la prova del tempo e dell'esperienza delle persone, ma prima dell'uso diretto è necessario consultare uno specialista del trattamento.

complicazioni

Sfortunatamente, la febbre da fieno non passa senza complicazioni, poiché la mucosa del rinofaringe, il tratto respiratorio e il seno sono interessati. Tra le conseguenze conosciute della malattia, vale la pena notare i seguenti problemi:

  • lo sviluppo di sinusite allergica;
  • otite media interna;
  • esacerbazione della malattia, si sviluppa una forma cronica di febbre da fieno;
  • problemi agli occhi, fino al verificarsi della congiuntivite;
  • Edema di Quincke;
  • asma bronchiale.

Tutte le complicazioni sono estremamente pericolose per la salute del bambino. Ma tra tutti i problemi, i medici di profilo stretto distinguono l'asma bronchiale, che rappresenta una minaccia per la vita del bambino.

La febbre da fieno può causare asma?

Con la febbre da fieno, segue un danno ai polmoni e ai bronchi, che porta allo sviluppo di nuove malattie, come l'asma. Nella sua specificità, questa malattia è accompagnata da attacchi di asma, mancanza di capacità di inalare o espirare e necessità di usare un inalatore.

Se inizi la febbre da fieno e non fornisci al bambino un aiuto tempestivo, potrebbe sviluppare una forma cronica di asma bronchiale, che è quasi impossibile da curare.

Prevenzione

Le misure preventive sono la chiave per la salute di tuo figlio. È estremamente difficile pregiudicare lo sviluppo della febbre da fieno, pertanto è necessario attuare una prevenzione obbligatoria per ridurre il fattore di rischio per lo sviluppo della malattia:

  • evitare il luogo con la massima concentrazione di erbe spray;
  • effettuare quotidianamente la pulizia a umido;
  • durante la fioritura del polline, non ventilare la stanza;
  • effettuare passeggiate all'aria aperta esclusivamente la sera;
  • condurre una vaccinazione annuale.

Se le condizioni del bambino iniziano a peggiorare, è necessario chiamare un'ambulanza.

Allergia ai pollini: 7 modi per ridurre i sintomi della febbre da fieno

Trattamento della febbre da fieno nei bambini: antistaminici, filtri nasali e ASIT

Succede che un'allergia al polline delle piante si manifesta solo in primavera e in estate - il resto del tempo una persona non se ne ricorda. Ma più spesso un adulto o un bambino con un'allergia dà una reazione allergica ai cosiddetti allergeni crociati: frutta, verdura, noci, peli di animali. Quale può essere il trattamento della febbre da fieno durante la spolverata - la stessa betulla, ad esempio, ed è necessario affrontare il trattamento delle allergie quando è trascorso il periodo acuto? Dice Natalia Shartanova, capo del dipartimento ambulatoriale dell'Istituto di immunologia dell'FMBA della Russia, allergologo-immunologo, dottore in scienze mediche.

La pollinosi è una reazione allergica al polline delle piante impollinate dal vento. Colpisce oltre il 30% della popolazione di ciascun paese. Nel mondo ci sono più di 700 specie di piante allergeniche; in Russia ce ne sono molti meno.

Nella corsia centrale ci sono chiare fasi di spolverata. Primavera - quando ontano, nocciola, betulla e altri alberi fioriscono. All'inizio dell'estate fioriscono le erbe di cereali: timote, bluegrass, riccio. In agosto-settembre fioriscono le Asteraceae: assenzio, ambrosia, quinoa.

- C'è un modo per proteggerti dal polline?

- Esistono farmaci barriera che sono sepolti nel naso e creano un film protettivo. I metodi di barriera per le allergie ai pollini hanno una certa efficacia. Ma non è alto come quello degli antistaminici.

I filtri che vengono inseriti nel naso aiutano molto. Lasciano passare l'aria, ma non il polline, e non interferiscono con la respirazione. Questi filtri sono anche usati per le allergie all'epidermide degli animali (epidermica). Sono spesso utilizzati da veterinari allergici, lavoratori del circo e altri specialisti che sono costretti a entrare in contatto con animali..

Secondo i pazienti, i filtri nasali sono davvero efficaci. Ho un paziente con grave allergia epidermica. Fa spesso visita a sua figlia, il cui gatto vive. Grazie a questi filtri nel naso, tollera meglio il contatto con l'animale. Dice che il naso reagisce meno. Ma prende ancora antistaminici perché anche i suoi occhi rispondono.

- Come non aggravare le manifestazioni della febbre da fieno? Ci sono tali raccomandazioni?

- Sicuro. Questo è l'uso di depuratori d'aria e aspirapolvere con filtri speciali, che aiuta a ridurre al minimo il contatto con il polline in casa. Una buona raccomandazione è quella di partire per una stagione di spolverata in un'altra regione, se possibile..

Un altro consiglio importante è quello di evitare cibi che reagiscono in modo incrociato con allergeni pollinici. Ad esempio, uno dei nostri pazienti, un bambino piccolo, aveva delle piaghe in bocca quando mangiava una mela. La mamma è andata con lui all'ORL, ha donato strisci per stafilococco e infezione da funghi - nulla è stato confermato. E abbiamo subito capito che il bambino è allergico al polline degli alberi con cui attraversa la mela. Durante la spolverata degli alberi, la mucosa orale ha reagito all'allergene.

- Quali altre reazioni ci sono con le allergie crociate??

- La reattività di ognuno è diversa: qualcuno sullo sfondo di una mela o di una pesca mangiata avrà solo un mal di gola e qualcuno potrebbe sperimentare un edema laringeo. Tutto dipende dalle caratteristiche individuali. Abbiamo avuto un paziente che ha bevuto linfa di betulla durante la spolverata di betulla. Ha avuto una grave reazione con edema laringeo e broncospasmo. Tutti i genitori di bambini con allergie dovrebbero ricordare che qualsiasi allergene che è causalmente significativo per il paziente può causare reazioni anafilattiche - e seguire una dieta individuale ipoallergenica, specialmente durante la spolverata.

- Esiste una combinazione di febbre da fieno con un'allergia alla polvere domestica, agli animali?

- Spesso. Questa si chiama allergia polivalente. Una persona manifesta sintomi tutto l'anno - rinite, attacchi di asma - che, durante il periodo di fioritura di alberi o erbe, si intensificano sotto l'influenza di allergeni pollinici. Con l'immunoterapia specifica per allergeni, ASIT (questo metodo prevede l'introduzione di dosi crescenti di stimolo nel corpo umano, a seguito del quale il corpo si abitua gradualmente all'allergene), a volte trattiamo questi pazienti con due allergeni, ad esempio polvere domestica e polline delle piante. Le iniezioni di farmaci con il metodo ASIT possono essere eseguite congiuntamente.

- Cos'altro consiste solitamente nel trattamento della pollinosi?

- Per alleviare i sintomi della febbre da fieno, prescriviamo antistaminici, che vengono utilizzati nel corso.

- Se la pollinosi non viene trattata, qual è il pericolo?

- Il pericolo di allergia ai pollini è che la febbre da fieno può svilupparsi in asma bronchiale. E l'asma bronchiale è una malattia pericolosa per la vita. Se progredisce, sarà più difficile trattarla. Inoltre, l'asma riduce la qualità della vita. Quindi prima inizi il trattamento per le allergie, meglio è.

Per domande di carattere medico, assicurati di consultare prima il medico.

Pollinosi: cosa succede?

Ieri abbiamo iniziato a parlare di allergie e reazioni al polline e alle erbacce nei bambini e negli adulti. E alcune domande ci sono già diventate chiare, ma dobbiamo chiarire alcuni punti in più. Quindi, per il nostro paese, un'allergia al polline e alla polvere delle nostre piante ed erbe tradizionali sarà rilevante oggi. Ora di più su questo.

Allergia al polline degli alberi

La pollinosi, causata dal polline degli alberi, può iniziare intorno a metà primavera, tra la fine di aprile e maggio, questo è il momento in cui l'ontano inizia a fiorire e la betulla dopo di essa. Questi sono gli allergeni più comuni, ma le allergie al polline delle conifere sono rare, nonostante l'abete rosso, il pino o l'abete possano produrre molto più polline rispetto alle piante decidue della stessa regione. Ma questo fatto è associato al fatto che la dimensione delle particelle di polline di conifere è piuttosto grande, si attardano attivamente a livello delle mucose del naso e della faringe e raramente penetrano nelle parti inferiori del sistema respiratorio e non penetrano nella circolazione sistemica. Pertanto, l'immunogenicità di queste particelle è molto più bassa di quelle simili in latifoglie. Il più allergenico tra gli alberi è la betulla e le sue famiglie correlate, dopo che arriva la nocciola allergenica (nocciola) e la cenere. Data l'ampia distribuzione della betulla e dei suoi fratelli più stretti sul pianeta, le allergie a questi alberi sono molto diffuse e ogni anno ne soffrono fino a un milione.

L'elenco degli alberi più allergenici oggi è il seguente:

La betulla è il leader della lista: circa 40 proteine ​​potenzialmente pericolose si trovano nel suo polline, provocando una reazione allergica, e sei sono le più attive e sono spesso identificate come allergeni. Secondo la stagione della fioritura della betulla, l'allergia va dalla fine di marzo (nelle regioni meridionali) all'inizio di giugno (alle latitudini settentrionali).
L'ontano, un lontano parente di betulla, appartiene alla famiglia delle betulle e occupa un onorevole secondo posto tra gli alberi allergenici. Inizia a fiorire anche prima della betulla, da marzo a metà aprile. Allo stesso tempo, l'ontano rilascia meno allergeni da polline, ma allo stesso tempo sono concentrati e abbastanza forti, quindi spesso provoca anche reazioni negative.

Il terzo rappresentante della betulla è la nocciola (nocciola), il polline che può causare gravi reazioni allergiche, inclusa la croce (con altre piante e sostanze simili). La nocciola può fiorire presto - da metà febbraio a fine marzo, è sufficiente per lui aumentare la temperatura dell'aria già a 7-10 gradi Celsius.

La cenere è un altro rappresentante delle piante allergeniche, ma appartiene alla famiglia delle olive. Oltre al fatto che il polline di cenere stesso può causare una grave febbre da fieno, questo polline può anche causare dermatite da contatto quando viene a contatto con la pelle. La fioritura delle ceneri inizia in aprile e termina entro la fine di maggio - giugno. Un altro forte allergene è il salice (salice, vetlo), che ama crescere vicino a eventuali corpi idrici. Un'allergia al polline della famiglia del salice è molto meno comune della febbre da fieno a causa della betulla, ma in gravità questa allergia è solitamente la più grave. Spesso gli attacchi di febbre da fieno che questa pianta provoca la fine di attacchi di asma bronchiale.

Un altro albero popolare in termini di allergie è il pioppo, che tutti accusano di quasi tutte le reazioni allergiche nella stagione. Ma, in realtà, il pioppo stesso non è il colpevole di reazioni allergiche come una pianta. Il fatto è che il pioppo produce semi con lanugine e la lanugine è un ottimo adsorbente di allergeni da altre erbe che fioriscono in questo momento o da altri alberi che sono allergeni - il pioppo li sopporta solo. E considerando che la lanugine volante penetra perfettamente nelle mucose degli occhi e del naso, gli allergeni di altre piante cadono esattamente sul bersaglio - sulle mucose.

Allergia alle piante di polline

Questo tipo di febbre da fieno, che si presenta come un'allergia al polline di molte piante, è chiaramente associato alla fioritura stagionale di entrambi gli alberi, che abbiamo menzionato sopra, e di alcuni cereali, erbe infestanti e fiori di prato. Oggi, gli allergologi hanno più di 700 piante diverse che provocano la febbre da fieno, anche nei bambini di età diverse. Spesso, gli attacchi di allergie sono provocati se il bambino viene a contatto con il polline delle piante al mattino. Fu in quel momento che la stragrande maggioranza delle piante costituiva le condizioni più favorevoli per il rilascio attivo di polline e impollinazione. Ulteriori condizioni per lo sviluppo della febbre da fieno sono considerate un certo livello di umidità e luce solare. Molto meno spesso, un'allergia al polline si verifica nelle estati piovose o molto secche, poiché si creano condizioni sfavorevoli per far maturare ed espellere il polline. La pioggia fa piovere il polline a terra, l'aria si schiarisce e in una siccità le piante muoiono semplicemente senza essere impollinate. Inoltre, il tasso di incidenza è associato alla regione, per le regioni calde meridionali si verifica prima che per le latitudini settentrionali. In molti paesi, incluso nel nostro paese, i medici allergologi hanno sviluppato alcune mappe allergiche che elencano i tempi e le zone di spolveramento di alcune piante.

Manifestazioni cliniche di febbre da fieno

Ci possono essere molte manifestazioni della febbre da fieno, tipiche della stagione della fioritura, e gli allergologi hanno identificato diverse forme cliniche di questa malattia. Quindi, tali forme si distinguono come:

- rinocongiuntivite allergica con gonfiore e congestione nasale, arrossamento degli occhi e forte prurito,
- tracheite allergica con tosse ossessiva secca, sudore,
- laringite allergica con sviluppo di falsa groppa o tosse che abbaia,
- attacchi di asma,
- attacchi di bronchite con componenti ostruttivi e asmatici,
- una combinazione di queste manifestazioni in un paziente.

Le reazioni allergiche al polline sono state studiate per molto tempo e i fattori di rischio che provocano la febbre da fieno sono stati sistematizzati in alcuni gruppi. Quindi, se la febbre da fieno è causata dalla fioritura di alberi e arbusti, di solito inizia alla fine di marzo e dura verso la fine di maggio. Con la febbre da fieno causata da erbe o cereali, le normali reazioni allergiche si verificano tra metà maggio e la fine di luglio. Con lo sviluppo della febbre da fieno in risposta alla fioritura delle erbe infestanti, le reazioni si verificano di solito da metà giugno e terminano entro la fine dell'autunno.

Reazioni allergiche al polline

Il polline di molti colori può causare un'allergia, mentre può essere sia piante da campo che piante da interno, ma molto spesso tale allergia è una conseguenza dell'allergia crociata. Cioè, se esiste già un'allergia a cibo, droga o erbe. Inoltre, vale la pena considerare che solo i fiori possono essere allergenici, il cui polline deve essere trasportato dal vento per l'impollinazione. Tipicamente, questi includono molti amati fiori di campo e fiori di campo con grandi foglie, ma allo stesso tempo con piccole infiorescenze tenui, inoltre, la famiglia delle felci può essere allergenica. E tutte le piante con fiori profumati, grandi e luminosi che sono impollinati da api o altri insetti non sono allergeniche. Il loro polline non è trasportato dal vento e non provoca allergie. La maggior parte delle piante domestiche non ha polline, poiché le piante da interno si riproducono in altri modi, quindi, di solito, si verificano reazioni allergiche ai fiori interni a causa del rilascio di oli essenziali, succhi di latte e molto probabilmente causeranno dermatite da contatto.

In molti casi, le allergie al polline possono essere causate dalla presenza di allergenicità generale inerente al corpo di bambini e adulti e dalla somiglianza nella struttura del polline tra i fiori stessi e le loro piante correlate, che già ha causato un'allergia nel paziente. Quindi, le reazioni incrociate possono produrre cereali e rosaceae, la famiglia dei gigli, polline di assenzio, fiori di ambrosia e camomilla, margherite, crisantemi o aster. I medici raccomandano caldamente di astenersi dalla crescita nel proprio sito o nella casa estiva, se si hanno bambini allergici, di questo tipo:
fiori perenni a forma di aster, crisantemo, elleboro, ranuncoli, zinnia, coreopsis o rudbeckia. Non dovresti piantare fiori come gerani e fiordalisi, mancini e primule, margherite e calendula, mughetti e calendule. Non dovresti inoltre propagare le piante rampicanti sotto forma di imopeia, clematide e glicine.

Per i bambini con allergie, la vicinanza alle piante da fiore, anche dai fiori domestici, non è molto buona. Prova a rimuovere tutte le piante da fiore e le piante con un forte odore pungente dalla casa. Spruzza il resto delle piante con acqua il più spesso possibile per ridurre la quantità di particelle emesse da esse. Rimuovi questi fiori dal vivaio nelle stanze dove è poco ventilato, rifiuta i fiori volumetrici e di grandi dimensioni e sii sempre pronto a separarti dai fiori se le allergie si verificano ancora e ancora.