Cosa fare se la temperatura aumenta con le allergie

Allergeni

Le allergie sono un sintomo raro. In genere, la risposta immunitaria si manifesta sotto forma di eruzioni cutanee, prurito o problemi digestivi. Alcuni allergeni possono causare lacrimazione e naso che cola. La temperatura elevata si verifica solo con grave intossicazione del corpo. Cosa provoca una simile reazione di immunità, quali azioni intraprendere in questo caso?

Le ragioni

L'aumento della temperatura negli adulti e nei bambini con allergie indica una lotta attiva delle cellule immunitarie con una proteina estranea che è penetrata nei tessuti. In rari casi, un aumento della temperatura può causare una malattia infettiva che si sviluppa contemporaneamente a un'allergia.

Varie condizioni possono provocare un decorso insolito della malattia..

  • Allergia al farmaco. I principali sintomi: irritazione delle mucose, prurito. I segni di intossicazione sono accompagnati da un aumento della temperatura corporea a 39 ° C..
  • Allergia alle punture di insetti. C'è una febbre nel sito del morso, che si gonfia e fa male.
  • Fitodermatosi (reazione a polline e ambrosia). Un aumento della temperatura può verificarsi sullo sfondo di altre reazioni allergiche. Ad esempio, con rinorrea, congiuntivite.
  • Vaccinazione. Le vaccinazioni spesso causano eruzioni cutanee, gonfiore, febbre sopra i 38 ° C e arrossamento nel sito di iniezione. In caso di allergia al vaccino o al siero, è necessario consultare immediatamente un medico..
  • Allergia al cibo. L'intolleranza acuta a determinate sostanze può causare sudorazione, eruzione cutanea, eruzione cutanea, febbre, febbre fino a 39 ° C.
  • Peli di animali. A volte le sostanze irritanti sui peli degli animali possono provocare un aumento della temperatura a 37 ° C..

Studi medici a lungo termine hanno rivelato che le reazioni più acute, accompagnate da febbre, provocano punture di insetti pungenti e intolleranza ai farmaci. I sintomi negativi con tale allergia si sviluppano rapidamente e possono portare a shock anafilattico o edema di Quincke..

Come distinguere da altre malattie

La temperatura per le allergie nei bambini e negli adulti ha somiglianze con la febbre nei raffreddori. Tuttavia, il trattamento di queste malattie è sostanzialmente diverso. Pertanto, prima di procedere con il trattamento, la causa della febbre deve essere determinata nel modo più accurato possibile.

Tabella delle principali differenze tra allergie da malattie virali e infezioni respiratorie acute
SintomiAllergiaARI, malattie virali e infettive
TemperaturaSi alza raramente. Solo con una risposta immunitaria acuta. Fluttua nell'intervallo da 37 a 38 ° C.Sorge spesso. La colonna di mercurio sale a 38 ° C e oltre.
Reazione antipireticaLa temperatura scende leggermente. Alla fine torna alla normalità dopo aver assunto antistaminici.La temperatura scende bene. Ritorna infine alla normalità come recupero e diminuzione del numero di batteri patogeni.
Segni aggiuntiviStrappo, starnuti e tosse secca senza espettorato.
Eruzione cutanea, arrossamento, prurito, gonfiore.
Nelle reazioni acute, il viso e il collo si gonfiano gravemente e aumenta il rischio di soffocamento. Le allocazioni dal naso sono le stesse per tutto il periodo della malattia: chiare, acquose, inodori.
Gonfiore raramente.
Il prurito della pelle accompagna solo le malattie infettive contagiose.
Cambiamenti di scarico dal naso: inizialmente liquido, traslucido. Mentre si riprendono, cambiano colore dal bianco nuvoloso o traslucido al giallo verdastro, si addensano.
Durata dei sintomi negativiScompaiono dopo aver assunto antistaminiciIndebolito gradualmente. La temperatura (particolarmente alta) dura da 3 a 7 giorni.

Primo soccorso

Un aumento della temperatura con allergie indica una forte risposta del sistema immunitario allo stimolo. È particolarmente pericoloso quando si verificano reazioni allergiche con la temperatura in un bambino. Pertanto, se c'è la febbre dopo la vaccinazione, una puntura d'insetto o l'assunzione di farmaci, è necessaria immediatamente assistenza medica. Chiama immediatamente un'ambulanza, ma non sederti ad aspettare un dottore.

  • Cerca di eliminare il contatto con l'allergene..
  • Prendi un antistaminico: Suprastin, Loratadine o Zyrtec. Seguire l'età di dosaggio raccomandata.
  • Se si verifica una reazione a una puntura di insetto, sciacquare l'area interessata con abbondante acqua corrente. Quindi ungere la zona del morso con unguento antiallergico..
  • Per migliorare il benessere generale, assumere enterosorbenti: carbone attivo, Enterosgel, Polysorb. Per lo stesso scopo, puoi bere acqua naturale pulita.
  • Se sospetti un'allergia al farmaco, rifiuta di assumere il farmaco. Consultare un medico per selezionare un nuovo rimedio ed escludere ulteriori cause che possono causare un aumento della temperatura.

Trattamento

Per far fronte alle allergie, soprattutto se è accompagnato da febbre, è necessario sotto la guida di un medico. Lo specialista identificherà la vera causa della malattia, prescriverà una serie di farmaci appropriati.

Prima di iniziare il trattamento, ridurre al minimo il contatto con l'allergene. A volte questo è abbastanza difficile da raggiungere, soprattutto se la causa dell'allergia è il polline delle piante o una puntura di insetto pungente. In questo caso, usa metodi di protezione speciali: usa bende di garza o filtri per il naso, indossa occhiali da sole, lava i vestiti più spesso ed evita i luoghi in cui le vespe o le api possono volare.

Per alleviare una reazione acuta, un allergologo può prescrivere antistaminici. Elimina bene i sintomi di Suprastin, Tavegil, Diazolin o Diphenhydramine. Per segni moderati o lievi della malattia, usare Claritin, Xizal, Loratadina, Cetirizina e altri farmaci.

Per rimuovere l'allergene e ridurre il carico sul sistema immunitario, bere un corso di sostanze assorbenti. I più popolari sono Sorbex, Multisorb, Eneterosgel, Lactofiltrum.

Se le allergie sono accompagnate da eruzioni cutanee, lubrificare l'area interessata con pomate e creme speciali. Ricorda che i glucocorticosteroidi possono essere utilizzati per un breve periodo, in quanto possono causare gravi effetti collaterali. Questi includono Advantan, Lokoid, Elokom, Flukort.

Compresse e sciroppi per ridurre la temperatura sono ammessi solo in caso di caldo estremo o brividi (valori da 38 ° C in poi). Molto spesso, con allergie, viene mantenuta una febbre di basso grado (da 37 a 37,5 ° C). È importante considerare che alcuni farmaci antipiretici possono migliorare la risposta immunitaria. Pertanto, non automedicare. Prendi solo i fondi prescritti dal tuo medico. Se la temperatura inizia a salire tra una puntura di insetto o dopo un ciclo di antibiotici, prendi Ibuprofen, Paracetamol o Nurofen.

La febbre nelle allergie non è una caratteristica, ma un possibile fenomeno. Se si verificano tali problemi, non ritardare la visita dal medico. Le misure tempestive adottate eviteranno gravi complicazioni, ripristinano il corpo e prevengono un aumento della temperatura in futuro.

Cambiamenti di temperatura e allergie

Il danno da freddo o una netta transizione dal caldo al freddo e viceversa, causato alle persone che soffrono di allergie, si manifesta in tre forme. I cambiamenti improvvisi di temperatura dovrebbero prestare particolare attenzione all'asma e alla rinite. A volte è sufficiente uscire di casa (soprattutto in inverno) in modo che scoppi un attacco di asma, poiché i bronchi si restringono dall'aria fredda e quasi immediatamente una sensazione di soffocamento. Pertanto, è molto importante uscire all'aperto in abiti caldi, avvolgendo naso e bocca con una sciarpa in modo che l'aria calda entri nei polmoni.

Nel caso della rinite, il freddo, al contrario, migliora le condizioni dei capillari e quando va fuori nella stagione fredda, smette di gocciolare dal naso (ovviamente, ad eccezione delle allergie ai pollini). Quando la rinite, è necessario assicurarsi che la casa non sia troppo calda ed evitare improvvisi cambiamenti di temperatura in modo da non causare ostruzione delle vie respiratorie superiori.

Un altro fattore che può causare una violenta reazione allergica si sta spostando in un'altra zona climatica. Nelle allergie, un clima secco è considerato più favorevole, anche se, d'altra parte, la pioggia pulisce l'atmosfera del polline, inchiodandolo al suolo. Tuttavia, un altro tipo di fenomeno meteorologico si verifica in un temporale, ad esempio la ionizzazione atmosferica da cariche positive che precedono un temporale. Il fatto è che l'aria che respiriamo è carica di ioni positivi e negativi. Nelle zone rurali, gli ioni negativi prevalgono nell'aria, e nella città, al contrario, gli ioni positivi. Ciò è dovuto al fatto che gli ioni negativi, le particelle circostanti di contaminanti, precipitano, purificando così l'aria in cui gli ioni positivi iniziano a prevalere. Gli ioni negativi, dopo aver raccolto l'inquinamento, con l'umidità dell'aria passano nei fiumi, nelle cascate e in altre fonti d'acqua.

Gli ioni negativi, penetrando attraverso la pelle nel corpo, hanno un effetto benefico su di esso, e in particolare sul sistema respiratorio, poiché contribuiscono a un migliore assorbimento di ossigeno e purificano l'aria dalla polvere e dall'inquinamento. Un eccesso di ioni positivi nell'aria è dannoso per le persone, gli animali e le piante e provoca insonnia, depressione, mal di testa e in caso di allergie provoca problemi ai bronchi. Questo tipo di ione appare sotto l'influenza della luce solare e durante l'interazione delle masse d'aria, che si verifica nel vento o prima di un temporale. Pertanto, molte madri di bambini con allergie prevedono un temporale nei loro attacchi. Nel momento iniziale durante un temporale, si verifica un fenomeno del tipo "gola", che è accompagnato da una grande preponderanza di ioni positivi e porta alla copertura nuvolosa, al raffreddamento dell'aria e alla pioggia prolungata.

Le nostre case hanno anche fonti di ioni positivi: atmosfera inquinata, aria condizionata, elettrodomestici, schermi televisivi e informatici, materiali sintetici, ecc. Per correggere lo squilibrio elettrico dell'aria che respiriamo e per pulirla dall'inquinamento, esistono dispositivi speciali, chiamato ionizzatori. La loro funzione è quella di produrre ioni negativi che arricchiscono la composizione elettrica dell'atmosfera interna della casa..

E infine, improvvisi sbalzi di temperatura aumentano il rischio di "orticaria da freddo" o l'intensità della sua manifestazione. Questa reazione allergica appare con un brusco cambiamento di temperatura, quando una persona che ha preso il sole per un po 'di tempo sulla spiaggia è immersa nell'acqua. Questa orticaria è talvolta confusa con l'orticaria derivante da intolleranza alimentare. Sebbene le vesciche compaiano sulla pelle, questo non è il peggiore. Un grave pericolo è irto di una netta transizione da una forte espansione dei vasi sanguigni alla loro compressione, che porta a un calo di pressione e svenimento. Una persona predisposta a questa reazione non dovrebbe prendere il sole e nuotare da sola, poiché può annegare. Deve ricordare l'avvertimento: immergersi nell'acqua solo lentamente, in modo che il corpo si abitui gradualmente al cambiamento di temperatura..

Ionizzatori e loro vantaggi

Non c'è dubbio che questi dispositivi abbiano un effetto positivo sulla qualità dell'aria che respiriamo, ma finora non ci sono dati ufficiali sui loro effetti sulle persone allergiche. L'unica cosa ovvia è che producono ioni negativi - particelle elettriche con le seguenti proprietà positive:

  • ridurre la concentrazione di microrganismi dannosi nell'aria;
  • ridurre la concentrazione di allergeni nell'aria, poiché le loro particelle cariche elettricamente si depositano sulla superficie del pavimento del mobile, sulle pareti e persino all'interno dello ionizzatore stesso;
  • causare sensazioni piacevoli, migliorare l'attività mentale, la memoria e il sonno e, soprattutto, alleviare le condizioni delle persone con asma.

Alcuni dei dispositivi sul mercato producono ozono. Al momento dell'acquisto, è necessario leggere le istruzioni e scegliere uno ionizzatore senza questa funzione.

Inoltre, va tenuto presente che questo dispositivo elettrico crea un campo elettromagnetico attorno a se stesso con un diametro di circa 1,5 m. Pertanto, non può essere acceso nelle immediate vicinanze delle persone o lasciato acceso per diverse ore nelle stanze in cui lavorano o dormono, in evitare la saturazione dello spazio con onde elettromagnetiche.

Allergia alla temperatura

sospetto di asma. da MicсhaelvabubOggi alle 10:13:23
Allergia incomprensibile da RodneySig28 settembre 2017, 01:45:27
Prurito e dossi alle mani. da un po 'logoro26 settembre 2017, 03:26:31
Aiutate a decifrare l'immunogramma di una reenka di 6 mesi di alexvod12 settembre 2017, 11:42:05
Un'espansione dell'analisi del pannello IgE pediatrico di Svetlana8408 settembre 2017, 12:11:29
O un'allergia o la fine sta già arrivando. da stfp31 agosto 2017, 07:44:48
Allergy Help di alexvod30 agosto 2017, 03:35:08
Allergia alla muffa nera di alexvod30 agosto 2017, 03:31:48

Il danno da freddo o una netta transizione dal caldo al freddo e viceversa, causato alle persone che soffrono di allergie, si manifesta in tre forme. I cambiamenti improvvisi di temperatura dovrebbero prestare particolare attenzione all'asma e alla rinite. A volte è sufficiente uscire di casa (soprattutto in inverno) in modo che scoppi un attacco di asma, poiché i bronchi si restringono dall'aria fredda e quasi immediatamente una sensazione di soffocamento. Pertanto, è molto importante uscire all'aperto in abiti caldi, avvolgendo naso e bocca con una sciarpa in modo che l'aria calda entri nei polmoni.

Nel caso della rinite, il freddo, al contrario, migliora le condizioni dei capillari e quando va fuori nella stagione fredda, smette di gocciolare dal naso (ovviamente, ad eccezione delle allergie ai pollini). Quando la rinite, è necessario assicurarsi che la casa non sia troppo calda ed evitare improvvisi cambiamenti di temperatura in modo da non causare ostruzione delle vie respiratorie superiori.

Un altro fattore che può causare una violenta reazione allergica si sta spostando in un'altra zona climatica. Nelle allergie, un clima secco è considerato più favorevole, anche se, d'altra parte, la pioggia pulisce l'atmosfera del polline, inchiodandolo al suolo. Tuttavia, un altro tipo di fenomeno meteorologico si verifica in un temporale, ad esempio la ionizzazione atmosferica da cariche positive che precedono un temporale. Il fatto è che l'aria che respiriamo è carica di ioni positivi e negativi. Nelle zone rurali, gli ioni negativi prevalgono nell'aria, e nella città, al contrario, gli ioni positivi. Ciò è dovuto al fatto che gli ioni negativi, le particelle circostanti di contaminanti, precipitano, purificando così l'aria in cui gli ioni positivi iniziano a prevalere. Gli ioni negativi, dopo aver raccolto l'inquinamento, con l'umidità dell'aria passano nei fiumi, nelle cascate e in altre fonti d'acqua.

Gli ioni negativi, penetrando attraverso la pelle nel corpo, hanno un effetto benefico su di esso, e in particolare sul sistema respiratorio, poiché contribuiscono a un migliore assorbimento di ossigeno e purificano l'aria dalla polvere e dall'inquinamento. Un eccesso di ioni positivi nell'aria è dannoso per le persone, gli animali e le piante e provoca insonnia, depressione, mal di testa e in caso di allergie provoca problemi ai bronchi. Questo tipo di ione appare sotto l'influenza della luce solare e durante l'interazione delle masse d'aria, che si verifica nel vento o prima di un temporale. Pertanto, molte madri di bambini con allergie prevedono un temporale nei loro attacchi. Nel momento iniziale durante un temporale, si verifica un fenomeno del tipo "gola", che è accompagnato da una grande preponderanza di ioni positivi e porta alla copertura nuvolosa, al raffreddamento dell'aria e alla pioggia prolungata.

Le nostre case hanno anche fonti di ioni positivi: atmosfera inquinata, aria condizionata, elettrodomestici, schermi televisivi e informatici, materiali sintetici, ecc. Per correggere lo squilibrio elettrico dell'aria che respiriamo e per pulirla dall'inquinamento, esistono dispositivi speciali, chiamato ionizzatori. La loro funzione è quella di produrre ioni negativi che arricchiscono la composizione elettrica dell'atmosfera interna della casa..

E infine, improvvisi sbalzi di temperatura aumentano il rischio di "orticaria da freddo" o l'intensità della sua manifestazione. Questa reazione allergica appare con un brusco cambiamento di temperatura, quando una persona che ha preso il sole per un po 'di tempo sulla spiaggia è immersa nell'acqua. Questa orticaria è talvolta confusa con l'orticaria derivante da intolleranza alimentare. Sebbene le vesciche compaiano sulla pelle, questo non è il peggiore. Un grave pericolo è irto di una netta transizione da una forte espansione dei vasi sanguigni alla loro compressione, che porta a un calo di pressione e svenimento. Una persona predisposta a questa reazione non dovrebbe prendere il sole e nuotare da sola, poiché può annegare. Deve ricordare l'avvertimento: immergersi nell'acqua solo lentamente, in modo che il corpo si abitui gradualmente al cambiamento di temperatura..

Ionizzatori e loro vantaggi

Non c'è dubbio che questi dispositivi abbiano un effetto positivo sulla qualità dell'aria che respiriamo, ma finora non ci sono dati ufficiali sui loro effetti sulle persone allergiche. L'unica cosa ovvia è che producono ioni negativi - particelle elettriche con le seguenti proprietà positive:

ridurre la concentrazione di microrganismi nocivi nell'aria; ridurre la concentrazione di allergeni nell'aria, poiché le loro particelle caricate elettricamente si depositano sulla superficie del pavimento del mobile, sulle pareti e persino all'interno dello stesso ionizzatore; causano piacevoli sensazioni, migliorano l'attività mentale, la memoria e il sonno e, soprattutto, alleviano la condizione asma.

Alcuni dei dispositivi sul mercato producono ozono. Al momento dell'acquisto, è necessario leggere le istruzioni e scegliere uno ionizzatore senza questa funzione.

Inoltre, va tenuto presente che questo dispositivo elettrico crea un campo elettromagnetico attorno a se stesso con un diametro di circa 1,5 m. Pertanto, non può essere acceso nelle immediate vicinanze delle persone o lasciato acceso per diverse ore nelle stanze in cui lavorano o dormono, in evitare la saturazione dello spazio con onde elettromagnetiche.

Orticaria termica: cause, trattamento, prevenzione

L'orticaria termica (TK), oggettivamente, non è una reazione allergica, sebbene sia spesso chiamata intolleranza al calore nella vita di tutti i giorni.

È piuttosto una risposta immunitaria complessa del corpo ad un aumento della temperatura corporea e dell'ambiente, che si manifesta con eruzioni cutanee rosse sul corpo e prurito episodico.

Comprendiamo nell'articolo quali sono i segni dell'orticaria termica, come far fronte correttamente e se può essere prevenuta la sua insorgenza.

Allergia al calore: vera o finzione

A rischio sono i bambini la cui immunità non ha davvero capito chi è uno straniero, chi è il loro e le donne durante la menopausa - al contrario, la loro immunità è già formata, ma sullo sfondo di un ambiente in evoluzione "bombardano" tutto.

Se studi il quadro clinico delle eruzioni cutanee, diventa chiaro che non c'è allergia al calore o al calore.

Qualsiasi reazione ipersensibile è accompagnata dal rilascio di istamina nel sangue da mastociti basofili: ecco come l'immunità reagisce a fattori provocatori esterni (cibo, bevande, polvere, ecc.), Con TC il processo è leggermente diverso.

Sullo sfondo dell'istamina, si verifica contemporaneamente un rilascio in eccesso di acetilcolina, il principale neurotrasmettitore del sistema nervoso parasimpatico, che è responsabile della conduzione degli impulsi nervosi. E ora, al momento, l'immunità reagisce esattamente ad esso - cioè ai suoi neurotrasmettitori e li porta a una provocazione esterna.

In effetti, la TC è una reazione patologica del corpo all'ipertermia causata da disturbi dell'adattamento.

La TK è osservata solo in quei pazienti che hanno precedentemente sperimentato qualsiasi forma di allergia.

I primi segni e sintomi di orticaria dal calore

L'orticaria termica, come altre varietà di eruzioni cutanee, di solito si verifica in forma acuta e cronica.

Forma acuta

I primi segni e sintomi compaiono entro un'ora - la pelle è più rossa, le vesciche appaiono sui tessuti molli, simili nella consistenza a un'ustione di ortica, inizia il prurito e il gonfiore dei tessuti circostanti.

Nella forma acuta di TC, appare rapidamente e scompare rapidamente. Bastano poche ore alla normale temperatura corporea e all'aria aperta perché tutti i sintomi scompaiano..

Il pericolo di una forma acuta in una reazione inadeguata del corpo è l'edema di Quincke, svenimento o shock anafilattico

cronico

I sintomi compaiono all'improvviso, ma rimangono a lungo. Quando la situazione si normalizza, le macchie svaniscono, ma poi c'è di nuovo una ricaduta con gonfiore e prurito.

Questa forma di orticaria è associata alla malattia di base e, in linea di massima, non ha nulla a che fare con le allergie..

  • arrossamento e gonfiore dei tessuti molli;
  • vesciche con contenuto trasparente - singole o consolidate;
  • prurito molto grave;
  • alla palpazione, le vesciche sono calde.

Con una maggiore sensibilità, i sintomi in alcuni pazienti possono essere più gravi:

  • vomito
  • diarrea;
  • perdita di conoscenza;
  • dolore addominale spasmodico;
  • aumento della salivazione;
  • mal di testa;
  • febbre.

Perché sorge TC

I processi autoimmuni sono stati studiati molto male. Non si tratta solo di gravi malattie sistemiche, ad esempio SLE, ma anche di reazioni immunologiche. Perché c'è un'eccessiva scelta di acetilcolina, perché l'immunità lo riconosce - non stabilito.

Tra le cause più tipiche che si trovano in molti pazienti:

  • reazione allergica precedentemente diagnosticata di qualsiasi natura di origine;
  • violazione della ghiandola tiroidea;
  • squilibrio ormonale - pubertà, andro- e menopausa;
  • sensibilità congenita all'acetilcolina.

Chi è a rischio?

Il più grande gruppo di pazienti con TC sono bambini di età inferiore ai 12 anni che hanno già una maggiore sensibilizzazione del corpo.

I secondi nel gruppo sono pazienti con allergie croniche. Più spesso e più gravemente il paziente soffre di reazioni allergiche, maggiore è il rischio di orticaria termica.

In altre parole, se una persona ha avuto l'edema di Quincke l'altro giorno, il calore, il surriscaldamento e lo sforzo fisico eccessivo, in cui devi sudare, dovrebbero essere evitati.

Incinta e in allattamento - una caratteristica di un determinato periodo di tempo aumenta il livello di sensibilizzazione, che porta a una risposta immunitaria errata.

Per tutti questi pazienti, incluso il potenziale, è importante scoprire quali fattori possono scatenare una ricaduta di TC, i cosiddetti fattori scatenanti:

  • bagno o doccia con una temperatura dell'acqua superiore a 40 ° C;
  • forte calo di temperatura;
  • cibi piccanti e bevande alcoliche, portando all'espansione dei vasi periferici;
  • forti esperienze emotive;
  • infezioni
  • attività fisica, accompagnata da sudorazione profusa;
  • neurologia ecc.

Manifestazioni di TC nei bambini

Una reazione allergica in un bambino e in un adulto con questa forma di dermatite non può essere distinta. Eruzioni cutanee e luoghi di lussazione simili, ma se in un adulto la temperatura può rimanere stabile, il bambino aumenterà sicuramente.

Con un aumento della temperatura corporea e l'osservazione di sintomi in aumento - vomito, diarrea, crampi, svenimenti, è necessario chiamare immediatamente un'ambulanza e insistere per ricoverare il bambino.

Se si nota solo la temperatura su uno sfondo di eruzioni cutanee, il corso del trattamento sarà ambulatoriale. I bambini sono generalmente prescritti:

  • antistaminici per alleviare prurito e gonfiore;
  • antinfiammatorio;
  • bloccanti del recettore dell'istamina;
  • sedativi.

Prevenzione TC

È impossibile liberarti completamente di questo disturbo, devi sempre essere preparato che in un determinato momento il corpo non funzionerà di nuovo. Allo stesso tempo, è possibile adottare una serie di misure preventive che, se eliminano completamente il gelo, ma riducono al minimo i sintomi:

  • correzione del regime di temperatura nella stanza - a casa e al lavoro;
  • tavolo ipoallergenico e abbondanza di bevande;
  • attività fisica entro limiti normali senza sudorazione;
  • esame fisico annuale da parte di un terapista;
  • prendere sedativi il giorno prima di un evento emozionante (esame, intervista, matrimonio, ecc.).

Conclusione

L'orticaria termica non ha nulla a che fare con un'allergia al calore. Questa è una risposta inadeguata del sistema immunitario umano a un aumento della temperatura corporea. Abbiamo parlato di cosa ci si può aspettare da una malattia, quali sono i suoi sintomi principali.

Se hai la tua ricetta per inibire la reazione, o hai già riscontrato un tale fenomeno, stiamo aspettando i tuoi consigli e storie nei commenti.

Allergia e tutto ciò che riguarda

L'inverno è un grande momento dell'anno. Dopo la faticosa calura estiva, molti di noi non vedono l'ora di gelo, neve, pulizia. Tuttavia, non a tutti viene dato il pieno godimento delle gioie invernali. Ci sono persone che sono costrette a evitare il gelo, il vento e qualsiasi improvviso cambiamento di temperatura, poiché soffrono di allergie al freddo.

L'allergia al freddo (allergia fredda) è un tipo di reazione allergica, in cui l'effetto delle basse temperature agisce come fattore provocante. L'allergia al freddo non è una pura allergia (pseudoallergia), poiché non c'è allergene. In precedenza, la medicina non aveva nemmeno considerato questo tipo di allergia come una diagnosi. Comunque ultimo

Imparerai a conoscere le cause delle allergie al freddo e i metodi per trattarlo da questo articolo. Gli studi dimostrano che circa il 30% della popolazione in misura maggiore o minore soffre di una maggiore reazione al freddo, quindi questa informazione è rilevante.

. Inoltre, donne e bambini hanno maggiori probabilità di soffrire di questa sventura, cioè quelli la cui pelle è più sottile e delicata..

Perché nasce una reazione del genere e come affrontarla?

Cause dell'evento

Come con qualsiasi reazione allergica, l'istamina provoca sintomi di allergia fredda. In questo caso, i mastociti lo rilasciano - cellule situate molto vicino alla pelle. Perché questo accada proprio sotto l'influenza del freddo non è stato ancora studiato a fondo. Sono stati identificati numerosi fattori che possono provocare intolleranza alle basse temperature..

Fattori provocatori

Il malfunzionamento del sistema immunitario può causare cause sia esterne che interne, vale a dire:

  • uso a lungo termine di antibiotici;
  • malattie del sistema endocrino, fegato, reni;
  • malattie oncologiche;
  • malattie ORL croniche;
  • carie;
  • malattie gastrointestinali;
  • predisposizione genetica;
  • asma;
  • eczema, psoriasi;
  • la presenza di altre reazioni allergiche.

Pertanto, diventa chiaro che le allergie al freddo si verificano spesso tra l'esaurimento dell'immunità e in presenza di altre malattie.

Anche a rischio sono le persone con ipersensibilità congenita alla pelle, pelle sottile, bambini piccoli.

Sintomi della malattia

La reazione al freddo può avere varie manifestazioni esterne:

1. Orticaria fredda. Le manifestazioni di orticaria fredda si verificano in aree della pelle che sono a diretto contatto con l'ambiente freddo: mani e viso. La pelle diventa rossa, vesciche, eruzioni cutanee, prurito e talvolta bruciore.

2. Rinite fredda. Quando il paziente raggiunge il gelo, il naso si blocca, le superfici mucose si gonfiano, viene prodotta abbondantemente una scarica (moccio). Di norma, dopo essere tornati in una stanza calda, queste manifestazioni scompaiono entro 30-60 minuti.

3. congiuntivite fredda. Sotto l'influenza del freddo, e specialmente in caso di vento, gli occhi diventano rossi, acquosi, iniziano a prudere.

4. Asma freddo. Quando un paziente respira aria fredda, appare respiro corto, difficoltà respiratorie, si verifica uno spasmo broncopolmonare e si sviluppa un attacco asmatico. Nei casi più gravi, si verifica soffocamento.

5. Dermatite da freddo. Al freddo, la pelle diventa rossa, fa male, appare un'eruzione cutanea, pelle secca, forte prurito, bruciore. È importante non pettinare l'area interessata per prevenire l'infezione..

Inoltre, una reazione al freddo è spesso accompagnata da mal di testa, dolore muscolare, febbre e pressione sanguigna.

Ovviamente, i segni di un'allergia al freddo sono molto simili non solo ai sintomi di qualsiasi altro tipo di reazione allergica, ma sono anche facilmente confusi con l'inizio della SARS.

È possibile riconoscere una malattia da sola?

Come non commettere un errore, cos'è: un'allergia al freddo o all'ARVI?

Naso che cola, lacrimazione, mal di testa, dolore alle articolazioni e ai muscoli possono accompagnare sia un'infezione respiratoria iniziale che un'allergia fredda. La differenza è la seguente:

  • i sintomi di un'allergia fredda scompaiono gradualmente entro 30-60 minuti dal ritorno in una stanza calda, mentre con la SARS i sintomi non scompaiono, ma aumentano solo con il tempo;
  • la temperatura corporea con infezioni virali respiratorie acute raggiunge spesso 38-39 ℃ e con allergie varia tra 37-38 ℃;
  • ARVI non ha manifestazioni cutanee, come: arrossamento, prurito, gonfiore, eruzione cutanea.

Inoltre, se il paziente ha un'allergia identificata a una sostanza e il contatto con l'allergene è escluso e quando si verifica il raffreddore, compaiono sintomi caratteristici, è possibile sospettare lo sviluppo di una reazione allergica al freddo.

Trattamento

Ovviamente, il trattamento di qualsiasi intolleranza si basa sulla prevenzione del contatto con l'allergene. La difficoltà principale è che non può essere fatto a basse temperature. Nel caso in cui sia accertato in modo affidabile che un'allergia al freddo è una conseguenza di un'altra malattia, è prima necessario eliminare la causa principale (se possibile). Altrimenti, rimane solo una variante del trattamento sintomatico, la corrispondente varietà e intensità delle manifestazioni di allergie: l'uso di antistaminici, unguenti, gocce nasali e spray, colliri speciali.

Prevenzione

I seguenti metodi sono progettati per ridurre o prevenire completamente una reazione allergica:

  1. 20-30 minuti prima di uscire, puoi lubrificare la pelle con grasso di tasso o qualsiasi crema oleosa. La crema creerà un film protettivo, previene le screpolature, migliora le funzioni barriera della pelle. Importante: la crema non deve essere idratante. L'acqua contenuta nella crema idratante si trasformerà in cristalli di ghiaccio al freddo, che danneggerà ulteriormente le cellule della pelle, aggravando solo i sintomi;
  2. assicurati di usare un rossetto oleoso oleoso;
  3. proteggere ulteriormente le aree della pelle esposte: indossare guanti caldi sulle mani, avvolgere il naso e le guance con una sciarpa, coprirsi dalle raffiche di vento, indossare un cappuccio;
  4. indossare abiti realizzati con tessuti igroscopici naturali: sintetici e lana possono provocare una reazione allergica;
  5. in caso di rinite fredda, utilizzare spray nasali antistaminici prima di uscire;
  6. assumere complessi multivitaminici e mangiare cibi ricchi di grassi e aminoacidi: noci, pesce azzurro, oli vegetali;
  7. rifiutare cosmetici e profumi decorativi - possono anche provocare una reazione immunitaria.

Inoltre, le allergie fredde possono essere corrette mediante indurimento..

tempra

L'indurimento rafforza i piccoli vasi e le connessioni intercellulari, che consente di allenare il corpo a superare gli sbalzi di temperatura e in futuro a ridurre le manifestazioni di una reazione allergica.

È meglio iniziare l'indurimento con lo sfregamento con un asciugamano immerso in acqua fredda (circa 18 ℃), aumentando gradualmente il tempo di procedura. Quindi puoi andare al dousing. L'acqua non dovrebbe essere immediatamente fredda: ogni settimana la temperatura dell'acqua viene abbassata di 1 ℃, a partire da 36-37 ℃. Se ad un certo punto compaiono sintomi di allergia indurente, la temperatura deve essere aumentata di 1 ℃ e non ridotta per altre 1-2 settimane. I principi fondamentali dell'indurimento sono la regolarità e la gradualità.

Un'allergia al freddo è una malattia molto spiacevole e può e deve essere trattata. Indipendentemente dalla gravità delle manifestazioni allergiche, è necessario visitare un allergologo. Aiuterà a trovare la vera causa della malattia (e potrebbe rivelarsi una malattia molto più grave) e selezionare la terapia più appropriata.

Scegliere uno specialista competente

Allergia alla temperatura

Che cos'è un'allergia al freddo? Sintomi, trattamento delle allergie fredde

L'allergia al freddo è uno dei molti tipi di risposte negative del corpo a vari stimoli esterni. Il nome stesso di tale allergia suggerisce che una reazione allergica si verifica sotto l'influenza delle basse temperature..

Fino a poco tempo fa, la medicina respingeva tale diagnosi, poiché non esiste un allergene che provoca una reazione specifica del corpo, c'è solo un effetto fisico: il freddo. Nessun allergene - nessuna allergia.

Ma quando esposti all'aria fredda, alcune persone sensibili sperimentano un rilascio significativo di istamina, che provoca reazioni come con altri tipi di allergie: lo sviluppo di edema, vasodilatazione, arrossamento e prurito della pelle e delle mucose. Questa è la risposta ai recettori di calore della pelle inferiore.

Cause di allergie fredde

Perché compare un'allergia fredda? La medicina non conosce ancora la risposta esatta a questa domanda, ma con i seguenti fattori, le persone particolarmente sensibili possono sperimentare uno strano tipo di allergia:

  • Con un brusco cambiamento nella presenza di una persona in un ambiente con una normale temperatura dell'aria in un ambiente a bassa temperatura - in inverno, specialmente in caso di vento
  • A contatto con acqua fredda - a casa per lavare i piatti, pulire, fare il bagno in acque libere
  • Quando si bevono bevande molto fredde e cibi freddi

Un'allergia al freddo si sviluppa spesso dopo malattie gravi e trattamenti antibiotici prolungati, si ritiene che abbia una predisposizione genetica, può verificarsi sullo sfondo di malattie infettive (ad es. Tubercolosi) o parassitaria (nematodi nei bambini, adulti, ossiuri nei bambini, giardiasi.

In un corpo forte, temperato con un forte sistema immunitario, tali sbalzi di temperatura non provocano alcuna reazione.

Tuttavia, in caso di diminuzione delle forze protettive, disturbi sistemici, malattie gravi, disturbi metabolici nel corpo, può verificarsi questo tipo di allergia. Lo stress, come sapete, è il fattore di rischio più elementare per l'insufficienza del sistema immunitario, quindi le persone resistenti allo stress hanno generalmente meno probabilità di ammalarsi e di avere una buona salute.

Provocare fattori per lo sviluppo di allergie fredde

  • La presenza di reazioni allergiche ad altre sostanze irritanti: cibo, polline (allergia alla lanugine di pioppo), allergie domestiche
  • Alcune malattie infettive - parotite, morbillo (vedere i sintomi del morbillo negli adulti), polmonite da micoplasma, rosolia
  • Malattie della tiroide, lupus eritematoso sistemico, cancro
  • La presenza di malattie croniche - sinusite, sinusite, varie elmintiasi, disbiosi intestinale
  • Malattie della pelle ricorrenti - neurodermite, eczema, psoriasi
  • Fattore ereditario

Ci sono casi in cui una tale reazione ha una natura ereditaria, cioè viene trasmessa per eredità e molto spesso è la reazione del corpo al tempo ventoso che al freddo. Il sintomo di una tale allergia è una sensazione di bruciore, non una pelle pruriginosa..

Come è un'allergia al freddo?

Come è un'allergia al freddo? I sintomi di una tale allergia possono avere varie forme di manifestazione - da lievi segni che scompaiono qualche tempo dopo l'esposizione a un ambiente freddo, a gravi eruzioni cutanee ricorrenti.

Le manifestazioni cutanee sono i sintomi più comuni. Questi includono arrossamento, gonfiore, prurito delle aree aperte del corpo che sono venute a contatto con un ambiente freddo. Dopo qualche tempo, la pelle inizia a ferire, prudere e può essere coperta di vesciche come con alveari.

Le allergie fredde nei bambini possono persino coprire la superficie interna di gambe, cosce, ginocchia e apparire sotto forma di orticaria. L'eruzione è rosa, densa, pruriginosa, ma passa entro poche ore. Ci sono casi in cui, dopo un raffreddore, la pelle non solo si arrossa e prude, ma si copre anche con uno strato che inizia a staccarsi, come con la dermatite. A volte i lividi compaiono nel sito dell'allergia nel tempo.

Molto spesso c'è un'allergia fredda sul viso, sulle mani, poiché questi luoghi sono più sensibili all'ambiente esterno, sono sempre aperti e più vulnerabili.

Malessere generale - aumento della pressione, mancanza di respiro, mal di testa e debolezza.

Rinite allergica - l'aspetto di un naso che cola, starnuti quando entra aria fredda. Il gonfiore delle mucose del naso può complicare notevolmente la respirazione nasale o bloccarlo completamente, e al ritorno in una stanza calda, tutti i sintomi di allergia scompaiono.

I segni di congiuntivite allergica sono lacrimazione, gonfiore intorno agli occhi, gonfiore delle palpebre, dolore agli occhi. E c'è anche un'ipersensibilità alla luce intensa. Per differenziare la diagnosi, è indispensabile consultare un oftalmologo e un dermatologo, perché se c'è una lacrimazione abbondante nel freddo, questo può essere un segno di una lesione trasmessa da zecche (demodicosi) o fungo.

Diagnosi di allergie fredde

Se hai sintomi simili, prima di tutto devi visitare un terapista e un immunologo - un allergologo. Dopo un complesso di studi diagnostici e di laboratorio, sarà possibile stabilire con precisione la causa della reazione allergica. L'allergia al freddo, i cui segni sono simili ad altri tipi di reazioni allergiche, dovrebbe essere differenziata da una serie di altre malattie.

  • A volte nei bambini piccoli in età prescolare, un'allergia fredda sul viso è simile alla dermatite atopica, alla neurodermite.
  • Spesso, sintomi dermatologici simili si verificano con dermatosi idiopatica. In questa malattia, i recettori della pelle termica e fredda non sono regolati. Gonfiore, lacrimazione, starnuti, mancanza di respiro in questo caso si verificano sia a freddo che a caldo.
  • L'intolleranza della pelliccia di alcuni animali - conigli, visoni, cincillà, tessuti di lana, lana di pecora - può anche essere confusa con un'allergia al freddo. Indossando vestiti, uscendo al freddo, una persona ritorna con un'eruzione cutanea e gonfiore del rinofaringe, di conseguenza, puoi valutare questo come una reazione al freddo e non un'allergia alla lana o alla pelliccia.
  • La situazione è simile con i prodotti di profumeria. Di solito, il profumo può essere applicato sull'avambraccio, sul collo, sul viso e l'eruzione allergica può essere causata da cosmetici e profumi, piuttosto che dal freddo.

Quando compaiono i sintomi, è importante stabilire la diagnosi correttamente e solo dopo aver differenziato i segni di allergia, il medico può confermare questa malattia. Quindi, sorge la domanda: viene trattata l'allergia al freddo?

Come trattare un'allergia al freddo

L'incapacità di eliminare un tale allergene come il freddo rende la lotta contro un tale disturbo abbastanza difficile. Se al paziente viene diagnosticata un'allergia al freddo, il trattamento in questo caso è puramente sintomatico. È possibile solo con l'aiuto di antistaminici ridurre leggermente le sue manifestazioni o proteggere al massimo le aree aperte del corpo dall'esposizione a temperature gelide. È possibile ridurre la manifestazione di reazioni allergiche se:

  • Prima di uscire al freddo, lubrificare il viso, le mani - per i bambini con crema per bambini, adulti - con qualsiasi crema oleosa. Le labbra devono essere lubrificate con un rossetto igienico. Questo protegge parzialmente la pelle esposta dall'aria fredda..
  • Il grasso di tasso ha un ottimo effetto, è ricco di acidi grassi insaturi e vitamine B, A, che hanno solo un effetto positivo sulla pelle. 20 minuti prima di raffreddarti, puoi lubrificare la pelle esposta con grasso di tasso (labbra, guance, naso, mani), se non ci sono lesioni epatiche gravi, puoi usarla all'interno per 40 minuti. prima di colazione, 1 cucchiaio. un cucchiaio di grasso.
  • Guanti lunghi e caldi, migliori guanti impermeabili per bambini, sciarpe calde, è preferibile avere i cappucci negli indumenti esterni: questo proteggerà efficacemente dal vento e manterrà meglio il calore.
  • Le erbe medicinali, se non sono allergiche, possono anche aiutare con lo sviluppo dell'orticaria, che appare come un'allergia al freddo. La radice di bardana, la viola tricolore e le foglie di noce sono molto utili. Per la raccolta, mescolare le materie prime in proporzioni uguali, 2 s. cucchiai della miscela versare un bicchiere di acqua bollente, per 1 ora, insistere, filtrare, il brodo risultante per usare 60 ml 3 r / giorno.
  • Le pigne (vedi pigne per il tratto) o l'abete hanno anche proprietà utili, sono necessari 4 coni per preparare il brodo, dovrebbero essere macinati in un mulino o tritacarne, aggiungere acqua e cuocere a fuoco lento per mezz'ora a fuoco basso. Dopo aver filtrato il brodo, possono pulire la pelle esposta all'aria e ruvida ogni sera.
  • Se hai un'allergia al freddo, i cui sintomi sono minori, quindi un graduale indurimento, asciugandosi, può rafforzare il sistema immunitario e ridurre la reazione del corpo. Ma per i bambini piccoli e le persone con sintomi intensi, l'indurimento è controindicato, poiché è irto di sviluppo di complicanze sotto forma di shock anafilattico, edema di Quincke, edema laringeo.
  • Nella stagione fredda, è possibile utilizzare antistaminici (un elenco completo di tutte le pillole allergiche nel nostro articolo.)

L'allergia al freddo non fa più paura

L'inverno è un grande momento dell'anno. Dopo la faticosa calura estiva, molti di noi non vedono l'ora di gelo, neve, pulizia. Tuttavia, non a tutti viene dato il pieno godimento delle gioie invernali. Ci sono persone che sono costrette a evitare il gelo, il vento e qualsiasi improvviso cambiamento di temperatura, poiché soffrono di allergie al freddo.

L'allergia al freddo (allergia fredda) è un tipo di reazione allergica, in cui l'effetto delle basse temperature agisce come fattore provocante. L'allergia al freddo non è una pura allergia (pseudoallergia), poiché non c'è allergene. In precedenza, la medicina non aveva nemmeno considerato questo tipo di allergia come una diagnosi. Comunque ultimo

Imparerai a conoscere le cause delle allergie al freddo e i metodi per trattarlo da questo articolo. Gli studi dimostrano che circa il 30% della popolazione in misura maggiore o minore soffre di una maggiore reazione al freddo, quindi questa informazione è rilevante.

. Inoltre, donne e bambini hanno maggiori probabilità di soffrire di questa sventura, cioè quelli la cui pelle è più sottile e delicata..

Perché nasce una reazione del genere e come affrontarla?

Cause dell'evento

Come con qualsiasi reazione allergica, l'istamina provoca sintomi di allergia fredda. In questo caso, i mastociti lo rilasciano - cellule situate molto vicino alla pelle. Perché questo accada proprio sotto l'influenza del freddo non è stato ancora studiato a fondo. Sono stati identificati numerosi fattori che possono provocare intolleranza alle basse temperature..

Fattori provocatori

Il malfunzionamento del sistema immunitario può causare cause sia esterne che interne, vale a dire:

  • uso a lungo termine di antibiotici;
  • malattie del sistema endocrino, fegato, reni;
  • malattie oncologiche;
  • malattie ORL croniche;
  • carie;
  • malattie gastrointestinali;
  • predisposizione genetica;
  • asma;
  • eczema, psoriasi;
  • la presenza di altre reazioni allergiche.

Pertanto, diventa chiaro che le allergie al freddo si verificano spesso tra l'esaurimento dell'immunità e in presenza di altre malattie.

Anche a rischio sono le persone con ipersensibilità congenita alla pelle, pelle sottile, bambini piccoli.

Sintomi della malattia

La reazione al freddo può avere varie manifestazioni esterne:

1. Orticaria fredda. Le manifestazioni di orticaria fredda si verificano in aree della pelle che sono a diretto contatto con l'ambiente freddo: mani e viso. La pelle diventa rossa, vesciche, eruzioni cutanee, prurito e talvolta bruciore.

2. Rinite fredda. Quando il paziente raggiunge il gelo, il naso si blocca, le superfici mucose si gonfiano, viene prodotta abbondantemente una scarica (moccio). Di norma, dopo essere tornati in una stanza calda, queste manifestazioni scompaiono entro 30-60 minuti.

3. congiuntivite fredda. Sotto l'influenza del freddo, e specialmente in caso di vento, gli occhi diventano rossi, acquosi, iniziano a prudere.

4. Asma freddo. Quando un paziente respira aria fredda, appare respiro corto, difficoltà respiratorie, si verifica uno spasmo broncopolmonare e si sviluppa un attacco asmatico. Nei casi più gravi, si verifica soffocamento.

5. Dermatite da freddo. Al freddo, la pelle diventa rossa, fa male, appare un'eruzione cutanea, pelle secca, forte prurito, bruciore. È importante non pettinare l'area interessata per prevenire l'infezione..

Inoltre, una reazione al freddo è spesso accompagnata da mal di testa, dolore muscolare, febbre e pressione sanguigna.

Ovviamente, i segni di un'allergia al freddo sono molto simili non solo ai sintomi di qualsiasi altro tipo di reazione allergica, ma sono anche facilmente confusi con l'inizio della SARS.

È possibile riconoscere una malattia da sola?

Come non commettere un errore, cos'è: un'allergia al freddo o all'ARVI?

Naso che cola, lacrimazione, mal di testa, dolore alle articolazioni e ai muscoli possono accompagnare sia un'infezione respiratoria iniziale che un'allergia fredda. La differenza è la seguente:

  • i sintomi di un'allergia fredda scompaiono gradualmente entro 30-60 minuti dal ritorno in una stanza calda, mentre con la SARS i sintomi non scompaiono, ma aumentano solo con il tempo;
  • la temperatura corporea con infezioni virali respiratorie acute raggiunge spesso 38-39 ℃ e con allergie varia tra 37-38 ℃;
  • ARVI non ha manifestazioni cutanee, come: arrossamento, prurito, gonfiore, eruzione cutanea.

Inoltre, se il paziente ha un'allergia identificata a una sostanza e il contatto con l'allergene è escluso e quando si verifica il raffreddore, compaiono sintomi caratteristici, è possibile sospettare lo sviluppo di una reazione allergica al freddo.

Ovviamente, il trattamento di qualsiasi intolleranza si basa sulla prevenzione del contatto con l'allergene. La difficoltà principale è che non può essere fatto a basse temperature. Nel caso in cui sia accertato in modo affidabile che un'allergia al freddo è una conseguenza di un'altra malattia, è prima necessario eliminare la causa principale (se possibile). Altrimenti, rimane solo una variante del trattamento sintomatico, la corrispondente varietà e intensità delle manifestazioni di allergie: l'uso di antistaminici, unguenti, gocce nasali e spray, colliri speciali.

Prevenzione

I seguenti metodi sono progettati per ridurre o prevenire completamente una reazione allergica:

  1. 20-30 minuti prima di uscire, puoi lubrificare la pelle con grasso di tasso o qualsiasi crema oleosa. La crema creerà un film protettivo, previene le screpolature, migliora le funzioni barriera della pelle. Importante: la crema non deve essere idratante. L'acqua contenuta nella crema idratante si trasformerà in cristalli di ghiaccio al freddo, che danneggerà ulteriormente le cellule della pelle, aggravando solo i sintomi;
  2. assicurati di usare un rossetto oleoso oleoso;
  3. proteggere ulteriormente le aree della pelle esposte: indossare guanti caldi sulle mani, avvolgere il naso e le guance con una sciarpa, coprirsi dalle raffiche di vento, indossare un cappuccio;
  4. indossare abiti realizzati con tessuti igroscopici naturali: sintetici e lana possono provocare una reazione allergica;
  5. in caso di rinite fredda, utilizzare spray nasali antistaminici prima di uscire;
  6. assumere complessi multivitaminici e mangiare cibi ricchi di grassi e aminoacidi: noci, pesce azzurro, oli vegetali;
  7. rifiutare cosmetici e profumi decorativi - possono anche provocare una reazione immunitaria.

Inoltre, le allergie fredde possono essere corrette mediante indurimento..

tempra

L'indurimento rafforza i piccoli vasi e le connessioni intercellulari, che consente di allenare il corpo a superare gli sbalzi di temperatura e in futuro a ridurre le manifestazioni di una reazione allergica.

È meglio iniziare l'indurimento con lo sfregamento con un asciugamano immerso in acqua fredda (circa 18 ℃), aumentando gradualmente il tempo di procedura. Quindi puoi andare al dousing. L'acqua non dovrebbe essere immediatamente fredda: ogni settimana la temperatura dell'acqua viene abbassata di 1 ℃, a partire da 36-37 ℃. Se ad un certo punto compaiono sintomi di allergia indurente, la temperatura deve essere aumentata di 1 ℃ e non ridotta per altre 1-2 settimane. I principi fondamentali dell'indurimento sono la regolarità e la gradualità.

Un'allergia al freddo è una malattia molto spiacevole e può e deve essere trattata. Indipendentemente dalla gravità delle manifestazioni allergiche, è necessario visitare un allergologo. Aiuterà a trovare la vera causa della malattia (e potrebbe rivelarsi una malattia molto più grave) e selezionare la terapia più appropriata.

Cambiamenti di temperatura e allergie

Il danno da freddo o una netta transizione dal caldo al freddo e viceversa, causato alle persone che soffrono di allergie, si manifesta in tre forme. I cambiamenti improvvisi di temperatura dovrebbero prestare particolare attenzione all'asma e alla rinite. A volte è sufficiente uscire di casa (soprattutto in inverno) in modo che scoppi un attacco di asma, poiché i bronchi si restringono dall'aria fredda e quasi immediatamente una sensazione di soffocamento. Pertanto, è molto importante uscire all'aperto in abiti caldi, avvolgendo naso e bocca con una sciarpa in modo che l'aria calda entri nei polmoni.

Nel caso della rinite, il freddo, al contrario, migliora le condizioni dei capillari e quando va fuori nella stagione fredda, smette di gocciolare dal naso (ovviamente, ad eccezione delle allergie ai pollini). Quando la rinite, è necessario assicurarsi che la casa non sia troppo calda ed evitare improvvisi cambiamenti di temperatura in modo da non causare ostruzione delle vie respiratorie superiori.

Un altro fattore che può causare una violenta reazione allergica si sta spostando in un'altra zona climatica. Nelle allergie, un clima secco è considerato più favorevole, anche se, d'altra parte, la pioggia pulisce l'atmosfera del polline, inchiodandolo al suolo. Tuttavia, un altro tipo di fenomeno meteorologico si verifica in un temporale, ad esempio la ionizzazione atmosferica da cariche positive che precedono un temporale. Il fatto è che l'aria che respiriamo è carica di ioni positivi e negativi. Nelle zone rurali, gli ioni negativi prevalgono nell'aria, e nella città, al contrario, gli ioni positivi. Ciò è dovuto al fatto che gli ioni negativi, le particelle circostanti di contaminanti, precipitano, purificando così l'aria in cui gli ioni positivi iniziano a prevalere. Gli ioni negativi, dopo aver raccolto l'inquinamento, con l'umidità dell'aria passano nei fiumi, nelle cascate e in altre fonti d'acqua.

Gli ioni negativi, penetrando attraverso la pelle nel corpo, hanno un effetto benefico su di esso, e in particolare sul sistema respiratorio, poiché contribuiscono a un migliore assorbimento di ossigeno e purificano l'aria dalla polvere e dall'inquinamento. Un eccesso di ioni positivi nell'aria è dannoso per le persone, gli animali e le piante e provoca insonnia, depressione, mal di testa e in caso di allergie provoca problemi ai bronchi. Questo tipo di ione appare sotto l'influenza della luce solare e durante l'interazione delle masse d'aria, che si verifica nel vento o prima di un temporale. Pertanto, molte madri di bambini con allergie prevedono un temporale nei loro attacchi. Nel momento iniziale durante un temporale, si verifica un fenomeno del tipo "gola", che è accompagnato da una grande preponderanza di ioni positivi e porta alla copertura nuvolosa, al raffreddamento dell'aria e alla pioggia prolungata.

Le nostre case hanno anche fonti di ioni positivi: atmosfera inquinata, aria condizionata, elettrodomestici, schermi televisivi e informatici, materiali sintetici, ecc. Per correggere lo squilibrio elettrico dell'aria che respiriamo e per pulirla dall'inquinamento, esistono dispositivi speciali, chiamato ionizzatori. La loro funzione è quella di produrre ioni negativi che arricchiscono la composizione elettrica dell'atmosfera interna della casa..

E infine, improvvisi sbalzi di temperatura aumentano il rischio di "orticaria da freddo" o l'intensità della sua manifestazione. Questa reazione allergica appare con un brusco cambiamento di temperatura, quando una persona che ha preso il sole per un po 'di tempo sulla spiaggia è immersa nell'acqua. Questa orticaria è talvolta confusa con l'orticaria derivante da intolleranza alimentare. Sebbene le vesciche compaiano sulla pelle, questo non è il peggiore. Un grave pericolo è irto di una netta transizione da una forte espansione dei vasi sanguigni alla loro compressione, che porta a un calo di pressione e svenimento. Una persona predisposta a questa reazione non dovrebbe prendere il sole e nuotare da sola, poiché può annegare. Deve ricordare l'avvertimento: immergersi nell'acqua solo lentamente, in modo che il corpo si abitui gradualmente al cambiamento di temperatura..

Ionizzatori e loro vantaggi

Non c'è dubbio che questi dispositivi abbiano un effetto positivo sulla qualità dell'aria che respiriamo, ma finora non ci sono dati ufficiali sui loro effetti sulle persone allergiche. L'unica cosa ovvia è che producono ioni negativi - particelle elettriche con le seguenti proprietà positive:

  • ridurre la concentrazione di microrganismi dannosi nell'aria;
  • ridurre la concentrazione di allergeni nell'aria, poiché le loro particelle cariche elettricamente si depositano sulla superficie del pavimento del mobile, sulle pareti e persino all'interno dello ionizzatore stesso;
  • causare sensazioni piacevoli, migliorare l'attività mentale, la memoria e il sonno e, soprattutto, alleviare le condizioni delle persone con asma.

Alcuni dei dispositivi sul mercato producono ozono. Al momento dell'acquisto, è necessario leggere le istruzioni e scegliere uno ionizzatore senza questa funzione.

Inoltre, va tenuto presente che questo dispositivo elettrico crea un campo elettromagnetico attorno a se stesso con un diametro di circa 1,5 m. Pertanto, non può essere acceso nelle immediate vicinanze delle persone o lasciato acceso per diverse ore nelle stanze in cui lavorano o dormono, in evitare la saturazione dello spazio con onde elettromagnetiche.

"Allergia al calore" o orticaria termale: che cos'è?

L'orticaria termica è un tipo relativamente raro di reazione agli effetti del calore sulla pelle umana. Contrariamente a un possibile malinteso, una tale reazione non è puramente allergica. Esiste un complesso di componenti biochimici e fisici. Pertanto, il termine popolare "allergia al calore" non sarà corretto.

L'aumento della temperatura corporea, il dolore, il prurito e il bruciore riducono significativamente la qualità della vita del paziente. Principalmente i bambini soffrono di patologia. Durante la pubertà, le loro condizioni spesso ritornano alla normalità. Sebbene alcuni casi clinici durino per decenni.

Una caratteristica distintiva dell'orticaria termica è una chiara condizione dovuta all'esposizione della pelle a una fonte di temperatura elevata. Può essere sia il sole che l'aria calda all'aperto, al chiuso. Le recidive si verificano più volte all'anno, variano di intensità.

C'è un'allergia al calore?

Nel senso tipico, no, non lo è. Anche le allergie ai cambiamenti di temperatura non esistono. L'orticaria termica è un processo complesso. La classica reazione allergica è causata dal rilascio di una grande quantità di istamina dai mastociti di basofilo. Questo è il risultato del loro danno da parte del complesso antigene-anticorpo. L'antigene è una sostanza a cui il paziente è allergico, può essere un pigmento innocuo, una particella di lana, polvere, ecc. Nello sviluppo della dermatite termica, il rilascio di acetilcolina, uno speciale neurotrasmettitore responsabile della conduzione degli impulsi nervosi, svolge un ruolo..

Non sono noti gli esatti meccanismi di sviluppo del processo patologico. Si presume che l'acetilcolina aumenti la sensibilizzazione (suscettibilità) del corpo a fattori aggressivi interni. In particolare, agli effetti dell'istamina. Attiva anche il nucleo dell'ipotalamo (il centro di temperatura nel cervello), che è responsabile della termoregolazione, provoca una falsa risposta e febbre.

In ogni caso, non c'è allergia alla temperatura, questa è una variante clinica della violazione dell'adattamento del corpo all'ambiente.

Cos'è l'orticaria termale?

L'eruzione cutanea termica è un processo patologico complesso. Ha le proprietà sia delle allergie che della neurodermite. Con il decorso, i sintomi, l'origine, entrambe le malattie sono simili. La linea di fondo è il rilascio di acetilcolina, che aumenta la sensibilità del corpo all'istamina. Al momento dell'esposizione al calore, viene rilasciato in grandi quantità.

Il secondo punto è più difficile da un punto di vista fisiologico. In realtà, il fattore termico non è in grado di portare al rilascio di istamina. Oltre all'esposizione diretta alla luce solare. Ma in questo caso, non si tratta di una vera allergia, ma di una riduzione dell'adattamento ai raggi ultravioletti.

Gli studi dimostrano che circa il 98% dei pazienti ha sofferto di una forma di reazione allergica in una forma o nell'altra - asma bronchiale, rash, dermatite, neurodermite, edema di Quincke o almeno una volta ha subito uno shock anafilattico prima dell'inizio della dermatite termica. Pertanto, la dermatite termica è un processo secondario. Al di fuori di una reazione allergica, non si sviluppa. È una sorta di complicazione del principale processo allergico..

La malattia è distribuita principalmente tra i bambini di età inferiore ai 10-12 anni. Non appena inizia la pubertà, il 60-70% dei pazienti guarisce. In alcuni casi, inizia la remissione (miglioramento dei sintomi), erroneamente scambiata per una cura completa. In altri pazienti, il processo procede costantemente, ricorrendo 2-6 volte l'anno.

Il recupero viene effettuato sotto la supervisione di un immunologo-allergologo. Con manifestazioni cutanee intense (formazione di grandi papule, secrezione fluida, infezione, un'area significativa di eruzioni cutanee), una consultazione di un dermatologo (bambino o adulto).

Sai che non c'è solo orticaria termica, ma anche fredda? In un altro articolo del sito Web temperatureurka.com, puoi scoprire in dettaglio come e perché si manifesta l'allergia al freddo.

Cause di una reazione allergica al calore

Come già notato, non sono noti i fattori esatti nello sviluppo del processo patologico. Non sono ancora state condotte ricerche sufficienti. Sulla base di informazioni esistenti, possiamo parlare dei seguenti motivi:

  • La presenza di una reazione allergica nella storia medica. Esiste una relazione tra la gravità e la frequenza delle risposte immunitarie e la probabilità di orticaria termica. Che, molto probabilmente, è associato al grado di sensibilizzazione (suscettibilità) del corpo.
  • Le malattie endocrine aumentano anche il rischio di sviluppare un processo patologico. L'esatto meccanismo non è noto..
  • Ipersensibilità all'acetilcolina.

Una "allergia alla temperatura" dovrebbe essere distinta da una patologia pediatrica fredda che si manifesta con un'eruzione cutanea (difterite, rosolia, varicella). La diagnosi differenziale viene effettuata raccogliendo una raschiatura dalla pelle interessata o un campione di essudato (fluido) dalla papula. Forse un corso congiunto di diversi processi, che complica l'esame.

Chi è più incline a riscaldare l'orticaria?

Secondo gli studi, più colpiti:

  • Bambini fino a 10-12 anni. Ciò è dovuto alle caratteristiche del sistema immunitario, allo sviluppo biologico del corpo.
  • Pazienti con allergie croniche. Più grave è la risposta immunitaria, più spesso sono episodi di allergia, più è probabile lo sviluppo di dermatite termica. Quindi, per gli stessi motivi, si verificano ricadute. Dopo un altro attacco di asma bronchiale, l'edema di Quincke deve stare lontano da fonti di calore.
  • Donne incinte. A causa della maggiore sensibilità del corpo.
  • Anziani a causa dell'immunità debole.
  • Persone nate in zone climatiche fredde. Il motivo è la bassa adattabilità del corpo alle alte temperature.

Inoltre, secondo dati non dimostrati, esiste una connessione tra la reazione termica e i seguenti fattori:

  • fumo.
  • Alcol, consumo di sostanze psicoattive.
  • Hypodynamia.

Fattori di innesco (innescare un'altra ricaduta):

  • Fare una doccia calda, un bagno.
  • Essere nel bagno, sauna.
  • Mangiare cibi piccanti, che porta all'espansione dei vasi periferici.
  • Sovraccarico emotivo.
  • Raffreddori, malattie infettive.
  • Sovraccarico fisico.
  • Disturbi dell'apparato digerente, ghiandola tiroidea nella fase acuta.
  • Episodi di malattie neurologiche, lesioni cerebrali con sviluppo di disfunzione autonomica.

Sintomi dell'allergia al calore

I segni della malattia variano da paziente a paziente. Il quadro clinico completo comprende:

  • La formazione sulla pelle di piccole papule (2-3 mm) è rosa. Nel tempo, i fuochi si fondono insieme, formando aree di danno.
  • Prurito, bruciore nel sito dell'eruzione cutanea.
  • Sindrome del dolore Il luogo coinvolto nel processo non può essere toccato..
  • Problemi di sonno dovuti a grave disagio.

I sintomi principali si verificano pochi minuti dopo l'esposizione al corpo di un fattore scatenante, come una doccia calda. Il corso del processo patologico viene osservato per 3-7 giorni, più o meno diversi giorni. Nel periodo subacuto, si verifica l'apertura delle papule, il contenuto viene versato sulla pelle. Quando si pettinano, sono possibili infezioni secondarie, suppurazione, formazione di aree locali di necrosi. Da qui le ruvide cicatrici e la comparsa di difetti estetici. Con un'immunità indebolita, è possibile il flemmone: un ascesso nel tessuto adiposo (estremamente raro).

L'orticaria termica si presenta in due forme: classica o locale e colinergica. La differenza tra loro è minima. Il quadro clinico è identico (la seconda forma è anche caratterizzata da manifestazioni comuni: nausea, vomito, febbre, debolezza). Con la varietà colinergica, l'intensità dei sintomi è più alta, la durata di ogni episodio è di diversi giorni in più. Le previsioni di recupero per questo tipo sono peggiori.

L'eruzione termica nei bambini si verifica principalmente in una forma classica. Il processo acquisito può essere l'uno o l'altro..

Orticaria termale nei bambini

Procede, come già accennato, nella classica forma locale. Il verificarsi di una varietà colinergica è insolito, la frequenza di tali casi non supera il 15-20% del totale.

Sintomi di intossicazione generale, febbre anche a livello insignificante: questa è la base per il ricovero in ospedale al fine di evitare complicazioni.

Le allergie alla temperatura in un bambino sono le più comuni, associate al processo di formazione del sistema immunitario. Ma questa non è la norma, è necessario un trattamento.

Diagnosi e terapia

L'esame di pazienti con sospetta orticaria termica è una prerogativa di un allergologo-immunologo. Come parte di una diagnosi e di un trattamento estesi, sono coinvolti dermatologi.

Schema diagnostico di esempio:

  • Interrogazione orale del paziente o dei suoi genitori.
  • Anamnesi (informazioni sulla storia della malattia, malattie passate, condizioni di vita del paziente).
  • Esame della pelle, valutazione delle condizioni degli strati dermici.
  • Emocromo completo, biochimica.

Le misure di routine consentono di determinare il tipo di processo patologico. In realtà l'intolleranza al calore viene rilevata utilizzando un test provocatorio (un bicchiere di acqua riscaldata, abbassando le mani in acqua calda, somministrazione sottocutanea di carbacholina). Un risultato positivo indica orticaria termica. Il metodo viene utilizzato per verificare la presunta diagnosi..

Se necessario, viene eseguito un esame microscopico e batteriologico della raschiatura della pelle o dell'essudato dalla papula. Fondamentalmente, questo viene fatto per identificare i processi infettivi e infiammatori concomitanti..

Il trattamento dell'orticaria da calore negli adulti e nei bambini viene effettuato in regime ambulatoriale. La terapia è medica. Applicabile:

  1. Antistaminici. Per uso topico, Fenistil-gel viene utilizzato, per via orale - Suprastin, Tavegil, Tsetrin. Non è consigliabile assumere antistaminici di seconda generazione, provocano problemi cardiovascolari.
  2. Unguenti a base di corticosteroidi (Advantan, Prednisolone, Idrocortisone). Allevia l'infiammazione. Allevia il prurito doloroso, normalizza il contenuto di umidità della pelle, esclude le screpolature e contribuisce anche alla guarigione delle ferite..
  3. Bloccanti del recettore dell'istamina: famotidina, cimetidina.
  4. Difenidramina come parte dei preparati (Psilo-balsamo e altri).

Nel sistema per il trattamento dell'orticaria termica, questo è sufficiente. In futuro, si raccomanda di controllare la dieta, lo stile di vita del paziente.

Possibili complicazioni

L'elenco delle conseguenze della reazione termica è relativamente piccolo:

  • Edema di Quincke, broncospasmo, shock anafilattico, asfissia e morte. A rigor di termini, questo elenco non è considerato una conseguenza dell'orticaria termica, è determinato dal principale processo allergico. Tuttavia, il rischio sullo sfondo è maggiore.
  • Infezione delle superfici della ferita durante i pettini. Fino alla formazione di ascessi profondi e flemmoni.
  • Gonfiore delle vie aeree.

Al fine di evitare tali conseguenze quando si verificano sintomi comuni, è indicato il ricovero in un ospedale terapeutico o polmonare. Il problema è deciso a discrezione del paramedico. Si consiglia di chiamare un'ambulanza.

Prevenzione

Le misure preventive contro le allergie termiche sono:

  • Smettere di fumare, alcol, sostanze psicoattive (senza contare i farmaci antipsicotici, la correzione della terapia viene eseguita dal medico curante).
  • Correzione delle condizioni di temperatura quotidiane: acquisto di un condizionatore d'aria, riscaldamento dell'acqua non più di un livello accettabile, rifiuto di camminare durante le ore di maggiore attività solare.
  • Rifiuto di cibi piccanti, condimenti, spezie.
  • Normalizzazione dell'attività fisica. Se possibile, modificare la natura dell'attività professionale - se si svolgono lavori meccanici.
  • Esami preventivi del terapista.
  • Trattamento di allergia, evitando il contatto con sostanze pericolose che si sono dimostrate o sospettate essere una reazione.

L'orticaria termica è un tipo di risposta immunitaria complessa. Viene eliminato sotto la supervisione di un immunologo-allergologo. Al fine di evitare conseguenze pericolose, un medico dovrebbe essere consultato dalla prima manifestazione del disturbo. Con lo sviluppo di complicanze, è necessario chiamare un'ambulanza. La prognosi del trattamento è favorevole. Un ruolo importante nel determinare la futura qualità della vita è giocato dalla capacità di cambiare le abitudini e le condizioni di vita..

Autore dell'articolo: Artyom Shimansky, medico praticante. Si è laureato presso l'Università medica di Saratov. Dal 2008 si esercita a Wroclaw (Polonia). Specializzazione: urologo andrologo.