Allergia alle farine

Nutrizione

Tutto il contenuto di iLive è monitorato da esperti medici per garantire la migliore accuratezza e coerenza possibili con i fatti..

Abbiamo regole rigorose per la scelta delle fonti di informazione e ci riferiamo solo a siti affidabili, istituti di ricerca accademica e, se possibile, comprovata ricerca medica. Si noti che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono collegamenti interattivi a tali studi..

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri materiali sia impreciso, obsoleto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

L'allergia alla farina si presenta come una risposta acuta del sistema immunitario ai suoi componenti. Con lo sviluppo di una reazione allergica alla farina di grano o di segale, non solo i piatti di farina, ma anche i prodotti contenenti proteine ​​di grano o di segale sono esclusi dalla dieta allergica. Secondo le statistiche, un'allergia alla farina di segale è molto meno comune del grano. I segni di una reazione allergica possono includere disturbi del tratto digestivo, dell'apparato respiratorio e della pelle. Per differenziare i tipi di allergie e determinare con precisione l'irritazione, vengono eseguiti speciali test allergici, dopo di che viene preparato un menu dietetico speciale per la persona allergica, che non contiene cereali come grano o segale.

Sintomi di un'allergia alla farina

I sintomi di un'allergia alla farina possono manifestarsi come una violazione del funzionamento del tratto gastrointestinale, del sistema respiratorio (asma, rinite allergica), eruzioni cutanee, eczema, in alcuni casi può verificarsi una reazione anafilattica.

L'ipersensibilità al glutine, che fa parte della farina, può causare diarrea, gonfiore e sensazione di debolezza. Nei bambini, i sintomi dell'allergia alla farina possono anche includere ritardi nello sviluppo fisico..

Allergia alla farina di frumento

L'allergia alla farina di frumento si verifica a seguito di una reazione acuta dell'organismo al glutine contenuto nella sua composizione. L'intolleranza al glutine derivante dall'irritazione dei villi dell'intestino tenue in caso di ingestione dovrebbe essere distinta da una vera allergia. Puoi diagnosticare un'allergia alla farina di grano contattando un allergologo. Dopo aver condotto i test necessari, è possibile determinare con precisione la presenza di una reazione allergica e la sua gravità. Con ipersensibilità alla farina di grano, tutti i prodotti contenenti derivati ​​del grano sono esclusi dalla dieta. Nella fabbricazione di prodotti a base di pasta, l'amido o la farina di patate o mais, così come la farina di riso o di avena, possono essere usati come analoghi della farina di grano. 1 tazza di farina di grano è circa mezzo bicchiere di farina di patate, 0,9 tazza di farina di riso, 1, 25 tazza di farina di segale, una tazza di farina di mais e mezza tazza di farina d'orzo.

Allergia alla farina di segale

L'allergia alla farina di segale è molto meno comune rispetto al grano, poiché la segale è considerata uno dei cereali meno allergenici. Per determinare esattamente a quale cereale è allergico, è necessario condurre speciali test allergici, contattando un allergologo per un consiglio. I sintomi di un'allergia alla farina di segale possono includere mal di testa, soffocamento, eruzioni cutanee, prurito, ecc. Se viene rilevata un'allergia alla farina di segale, al paziente viene assegnato un menu dietetico speciale che non contiene farina di segale e segale.

allergia (buon articolo)

La nutrizione è una funzione di supporto vitale, pertanto le lamentele del paziente relative all'intolleranza a qualsiasi prodotto alimentare devono essere trattate il più attentamente possibile..

L'attuale classificazione dell'intolleranza alimentare comprende le seguenti opzioni.

  • Vera allergia alimentare, ovvero intolleranza alimentare dovuta a meccanismi immunologici.
  • Reazioni pseudoallergiche associate alle proprietà di laminazione dell'istamina di alcuni alimenti e integratori alimentari.
  • Intolleranza alimentare a causa di una carenza di enzimi digestivi.
  • Reazioni psicogene al cibo.

La funzione fisiologica del tratto gastrointestinale (GIT) è la digestione del cibo. Come risultato delle trasformazioni chimiche, le strutture proteiche commestibili vengono convertite in amminoacidi, che vengono assorbiti e sono una fonte di energia e crescita. Pertanto, comprendere i meccanismi dell'intolleranza alimentare è impossibile senza valutare la funzione del tratto digestivo nel suo insieme.

Inizialmente, il cibo viene elaborato nella cavità orale. C'è una macinatura del grumo alimentare, gli enzimi agiscono su di esso, che sono secreti dalle ghiandole salivari e hanno una reazione alcalina. L'ulteriore elaborazione del cibo avviene nello stomaco, dove è esposto all'acido cloridrico. La bile emulsiona i grassi. Gli enzimi pancreatici sono coinvolti nella lavorazione di fibre muscolari, amido e fibre. In futuro, un nodulo alimentare (chimo) entra nell'intestino, dove termina la digestione del cibo da parte dei succhi intestinali con la partecipazione della normale microflora intestinale.

La conversione dell'antigene (allergene) nell'intestino in una forma non allergenica o tollerogena è essenziale.

Il tratto gastrointestinale funge anche da barriera protettiva per eventuali agenti patogeni: ogni giorno riceve un gran numero di proteine ​​estranee di origine alimentare, batterica, parassitaria e virale.

L'autoregolazione del tratto gastrointestinale viene effettuata utilizzando numerosi neuropeptidi del sistema APUD (gastrine, somatostatina, colecistochinina, prostaglandine, peptide intestinale vasoattivo, ecc.). Gli ormoni peptici sono sostanze che interconnettono il sistema immunitario, endocrino e nervoso..

Nel tratto digestivo, viene determinata la tolleranza alle proteine ​​estranee contenute negli alimenti. Il tratto gastrointestinale ha il proprio sistema immunitario - tessuto linfoide intestinale associato all'intestino, costituito dai seguenti componenti: gruppi di follicoli linfoidi situati in tutta la mucosa e sottomucosa intestinale, tra cui placche e appendice di Peyer, linfociti intraepiteliali, plasmacellule e altre cellule della mucosa, mesenteria linfonodi. Alte concentrazioni di IgA nel muco intestinale migliorano la sua funzione barriera. Un ruolo importante appartiene a fattori di immunità locale e sistemica..

La parola "allergia" deriva dalle parole greche "allos" (un altro, diverso) e "ergos" (azione) e nella traduzione significa "un'altra azione". Nella scienza moderna, questo concetto è definito come segue: l'allergia è uno stato di una maggiore reazione del corpo a qualsiasi sostanza di natura estranea, che si basa su meccanismi immunologici. Le condizioni patologiche caratterizzate dalla formazione di anticorpi e linfociti specificamente sensibili si sviluppano in risposta al contatto con gli allergeni corrispondenti, che sono considerati fattori eziologici della malattia. Di norma, gli allergeni sono sostanze di natura proteica che hanno determinate proprietà (estraneità, immunogenicità, specificità).

Tutti gli allergeni sono generalmente divisi in due gruppi: endoallergeni che si formano nel corpo stesso ed exoallergeni che entrano nel corpo dall'esterno. Gli exoallergeni possono essere di origine infettiva o non infettiva. Gli allergeni differiscono nel modo in cui entrano nel corpo umano: inalati (entrano nel corpo attraverso la respirazione) ed enterici - ingeriti attraverso il tratto digestivo.

Allergeni di origine medicinale o alimentare (prodotti alimentari, additivi alimentari, ovvero conservanti, coloranti, emulsionanti, ecc.) Penetrano nel corpo umano attraverso la via enterale..

Il corpo reagisce all'esposizione agli allergeni con maggiore sensibilità, cioè sensibilizzazione in soggetti con predisposizione genetica. Quando un allergene rientra nel corpo, si formano proteine ​​specifiche: anticorpi della classe IgE con speciali proprietà biologiche che si fissano sulla superficie dei mastociti degli organi d'urto e li danneggiano. Di conseguenza, l'istamina e altre sostanze biologicamente attive vengono rilasciate nel flusso sanguigno, determinando il quadro clinico della malattia. Con la sensibilizzazione alimentare, la pelle e il tratto gastrointestinale diventano spesso organi di shock. Sintomi allergici respiratori meno comuni.

La prevalenza di allergie alimentari causate da reazioni allergiche di tipo immediato (IgE-mediate) è, secondo vari autori, 0,1–7%. Gli uomini si ammalano 2 volte più spesso delle donne.

Le allergie alimentari si sviluppano a causa della mancanza di tolleranza o della sua perdita. L'elevata incidenza della malattia nell'infanzia, anche nei neonati, può essere spiegata dall'immaturità funzionale del sistema immunitario e degli organi digestivi. Una piccola quantità di IgA viene prodotta nel tratto digestivo nei bambini. L'importanza dell'immunità locale è confermata dal fatto che nei bambini con carenza di IgA le allergie alimentari sono più comuni. Inoltre, viene prodotto meno acido cloridrico nello stomaco del bambino rispetto agli adulti, l'attività degli enzimi digestivi e la produzione di muco, le mucoproteine ​​del muco sono più basse nella composizione chimica e nelle proprietà fisiche. Tutto ciò contribuisce alla formazione di intolleranze alimentari in soggetti con predisposizione genetica.

Lo sviluppo di ipersensibilità alimentare associata a un complesso processo di digestione è multifattoriale.

Reazioni pseudoallergiche. Reazioni pseudoallergiche sono spesso osservate con patologia del tratto gastrointestinale. A causa di una violazione della mucosa intestinale, che porta a una maggiore disponibilità del mastocita per istaminoliberatori esogeni, ad esempio fragole, pesce, additivi alimentari, le reazioni possono ricordare clinicamente allergiche, ma se esaminate, il livello di anticorpi allergici di classe IgE è compreso norme. Esiste una prontezza di numerosi mastociti ampiamente sparsi in tutta la mucosa gastrointestinale e, apparentemente, oltre, per rispondere a stimoli non specifici mediante il rilascio di sostanze biologicamente attive. Questo spiega la frequente insorgenza di orticaria ricorrente, l'edema di Quincke in assenza di una chiara storia allergica, sullo sfondo di malattie gastrointestinali.

Le reazioni pseudoallergiche sono osservate con una diminuzione dell'attività dell'istaminasi, cioè con una violazione dei meccanismi di disattivazione di sostanze biologicamente attive.

Spesso ci sono reazioni a cibi contenenti grandi quantità di istamina. Ad esempio, il tonno contiene 400 mg di istamina per 100 g di prodotto. Una grande quantità di istamina si trova nel vino rosso..

Il lievito di birra, le aringhe in salamoia sono ricchi di tiramina. Il paziente può manifestare nausea, vomito e mal di testa indotti dalla tiramina. Un eccesso di tiramina si forma nell'intestino in violazione della biocenosi microbica.

Spesso l'intolleranza alimentare di natura pseudoallergica è causata da additivi alimentari come la tartrazina colorante arancione (si trova in bevande gassate, panna, marmellata e altri prodotti). Le complicazioni derivanti sono associate a una violazione del metabolismo dell'acido arachidonico e alla formazione di prostaglandine, causando attacchi di asma.

Intolleranza alimentare associata a carenza di enzimi. I seguenti tipi di intolleranza alimentare si distinguono a causa di una carenza di enzimi digestivi.

  • Intolleranza al latte vaccino dovuta a carenza congenita o acquisita di lattasi, che decompone lo zucchero del latte - il lattosio (più spesso osservato tra la popolazione dell'Africa e dell'Asia). Il gonfiore è clinicamente notato, la diarrea.
  • Meno comune è una carenza di saccarosio che interrompe la fermentazione dello zucchero e si manifesta come diarrea (c'è molto zucchero nelle feci, c'è un ambiente pH acido).

Con la sindrome della celiachia (malassorbimento), c'è una carenza di enzimi necessari per la fermentazione e l'assorbimento del glutine - una proteina presente nei chicchi di grano, riso e altre colture. La clinica della malattia è espressa in diarrea. Ad eccezione dei cereali contenenti glutine, la condizione si normalizza. Nei casi più gravi, una biopsia determina l'atrofia dei villi intestinali. Gli anticorpi IgG contro la gliadina, che è un componente del glutine, si trovano nel sangue.

Intolleranza alimentare a causa di malattie mentali. L'intolleranza al cibo psicogena è abbastanza comune. I pazienti lamentano disagio, mal di testa, debolezza, nausea, vomito e iniziano a evitare di assumere molti alimenti. Con l'esclusione dei prodotti a supporto della vita, può svilupparsi anemia sideropenica e si può osservare una diminuzione del livello di proteine ​​nel sangue. L'anoressia nervosa (un cambiamento nel comportamento alimentare) può verificarsi in combinazione con adattamento alterato, disordini dissociativi (isterici), ansia e depressione e richiede una consultazione con uno psichiatra.

Le allergie alimentari hanno un quadro clinico diversificato. Possono essere osservate manifestazioni gastrointestinali (nausea, vomito, dolore addominale, diarrea), ovvero una clinica di gastrite allergica, enterocolite. L'azione specifica degli ormoni peptici prodotti dagli apudociti dello stomaco e del duodeno può spiegare la comparsa di alcuni sintomi clinici delle allergie alimentari dopo la provocazione di un prodotto allergenico: aumento della motilità, cambiamenti morfologici nella mucosa dello stomaco e dell'intestino, iperemia ed emorragie nella mucosa.

Una forma nosologica separata è la gastrite eosinofila, l'enterocolite. La malattia procede senza la partecipazione di meccanismi mediati da IgE.

Alcuni pazienti hanno i fenomeni di cheilite, stomatite. Si possono osservare orticaria, edema di Quincke, esacerbazione della dermatite atopica e disturbi respiratori (rinite, attacchi di asma).

Molto spesso, le allergie alimentari sono causate da uova, latte di vacca, arachidi, nocciole, molluschi, crostacei, grano, mais.

Diagnosi di allergie alimentari

La diagnosi di allergia alimentare si basa su reclami dei pazienti, anamnesi, dati dell'esame, risultati di laboratorio.

È necessario stabilire una connessione tra la ricezione di un determinato prodotto e la comparsa di reclami. Il medico dovrebbe chiarire la natura della sconfitta del tratto gastrointestinale, della pelle, degli organi respiratori e determinare la gravità della malattia.

Presta attenzione alla storia allergica personale e familiare.

All'esame, è necessario chiarire il peso e l'altezza del paziente e confrontare questi indicatori con le norme di età. Potrebbe esserci una varietà di eruzioni cutanee sulla pelle. Valutazione dello stato del tessuto sottocutaneo.

Nella rinite allergica, la respirazione nasale può essere difficile. Con l'esacerbazione dell'asma bronchiale, il paziente è preoccupato per la tosse, il respiro sibilante, che viene diagnosticato durante l'esame del paziente. Questo gruppo di pazienti necessita di un esame polmonare classico, compreso un esame radiografico degli organi toracici, un'analisi microscopica dell'espettorato, uno studio della funzione della respirazione esterna.

Gravi complicanze allergiche comprendono l'edema laringeo. All'esame della laringe, un medico ORL scopre l'edema dello spazio legamentoso.

Il paziente ha raucedine, con edema grave (II, III grado) c'è difficoltà a respirare.

In presenza di disturbi gastroenterologici ed esame radiografico, viene rivelato un quadro di pilorospasmo, aumento del tono e passaggio accelerato di bario nell'intestino tenue, edema segmentario della mucosa, che scompare dopo un breve periodo di trattamento con antistaminici.

L'esofagogastroduodenoscopia elimina altre cause di danno gastrointestinale e valuta il grado di danno alla mucosa.

Gli studi di laboratorio forniscono grandi informazioni sui pazienti che soffrono di allergie alimentari. Un esame del sangue rivela eosinofilia. Un aumento del livello di IgE totale in assenza di elmintiasi indica una malattia atopica.

Una fase importante di un esame allergologico è la determinazione di anticorpi IgE specifici. Viene effettuato un test con radio allergosorbenti (il più informativo). È possibile utilizzare il saggio di immunosorbente MAST legato agli enzimi.

I risultati della moderna diagnostica di laboratorio comprendono la determinazione della sensibilità del corpo ai vari allergeni in otto test. Questo studio esclusivo è stato condotto presso l'Istituto di allergologia e immunologia clinica..

Un esempio sono i risultati della diagnostica di laboratorio, presentati nella tabella, secondo i quali sono state tratte le conclusioni: sensibilizzazione secondo il tipo IgE-dipendente, reazioni pseudo-allergiche.

La fase successiva di lavoro con il paziente è il test cutaneo, che viene eseguito non prima di un mese dopo la scomparsa dei disturbi allergici. L'affidabilità dei test cutanei dipende dal tipo di allergene. Per le allergie al latte di mucca, uova, pesce, noci, semi di soia, i campioni sono generalmente positivi. Se i risultati dei test cutanei con estratti preparati non corrispondono all'anamnesi, prelevare campioni con estratti appena preparati.

Non vengono utilizzati test intradermici con preparati pronti per allergeni alimentari, poiché spesso si osservano reazioni false positive. Inoltre, con la somministrazione intracutanea di alcuni allergeni, come gli allergeni alle noci, possono svilupparsi gravi reazioni anafilattiche..

Si raccomanda al paziente di tenere un diario alimentare in cui annota gli alimenti utilizzati e registra le complicazioni che si sono presentate. Le diete per l'eliminazione sono spesso utilizzate per diagnosticare le allergie alimentari e identificare gli allergeni. Il test di eliminazione consiste nell'esclusione per 7-14 giorni di prodotti che possono causare una reazione allergica. Se ci sono diversi prodotti "sospetti", il test può essere ripetuto, escludendo sequenzialmente determinati prodotti. Questo metodo è efficace per le malattie allergiche croniche, come la dermatite atopica. I test di eliminazione sono molto stancanti sia per i medici che per i pazienti e richiedono molto tempo. Inoltre, la costante eliminazione dei prodotti alimentari può portare alla malnutrizione, che influisce sullo stato di salute dei bambini. In rari casi, per confermare il significato eziologico, ricorrere a una combinazione di eliminazione degli alimenti e test provocatori.

Le informazioni più affidabili sono fornite da campioni di alimenti provocatori in doppio cieco..

Lo schema presentato per i campioni di cibo provocatorio è stato proposto da Boch et al. (J. Clin. Allergy Immunol. 62: 327.1978).

  • 2 settimane prima del test provocatorio, viene prescritta una dieta di eliminazione, esclusi i sospetti allergeni dalla dieta.
  • Per i campioni vengono utilizzati prodotti secchi (latte in polvere, uova in polvere, farina di frumento). Se necessario, liofilizzare e macinare cibi crudi.
  • I prodotti vengono inseriti in capsule incolore opache. Né il medico né il paziente sanno quali sono i prodotti in capsule. La dose iniziale del prodotto è di 20–2000 mg, a seconda della gravità dell'allergia alimentare. Le capsule vengono somministrate al paziente prima dei pasti..
  • Bambini piccoli che non sono in grado di deglutire le capsule, i prodotti in esame vengono miscelati con il cibo.
  • In caso di reazioni allergiche di tipo immediato, i sintomi compaiono entro 2 ore Se non si verifica alcuna reazione entro 24 ore, la dose del prodotto viene raddoppiata ogni giorno e adattata a 8000 mg. Questa quantità di prodotto secco corrisponde a circa 100 g del materiale di partenza..
  • Con risultati dubbi di test provocatori, al paziente viene prescritto glucosio in capsule.
  • Con lo sviluppo di una reazione allergica, un test provocatorio è considerato positivo. Se non vi è alcuna reazione all'assunzione di 8000 mg di prodotto secco, il campione è negativo..
  • In caso di reazioni allergiche sistemiche ai prodotti, i test provocatori sono pericolosi da condurre a causa della possibilità di reazioni anafilattiche.

Gli alimenti vegetali che causano più comunemente allergie alimentari

Cereali: grano: farina integrale, farina di grano ad alto contenuto di glutine; crusca; piantine di grano; segale; malto d'orzo; mais: amido di mais, olio di mais, zucchero di mais, sciroppo di mais; avena; riso: riso canadese; sorgo; canna: zucchero di canna, melassa nera.

Rosaceae: mela: sidro, aceto, pectina di mele; ciliegia; Pera; mela cotogna: semi di mela cotogna; prugna: prugne secche; lampone; mora; incrocio lampone e mora; un ibrido di ribes nero e mora; Fragola; fragole selvatiche; pesca; albicocca; Nettarina; mandorla.

Grano saraceno: grano saraceno; rabarbaro.

Solanaceo: patate; Pomodori melanzana; Peperoncino; Peperoncino di Cayenna; Pepe verde; pepe cileno.

Asteraceae: insalata; cicoria insalata; carciofo; dente di leone; radice di avena; cicoria; girasole: olio di girasole; pera di terra.

Legumi: fagioli comuni; fagioli di Lima; fagioli verdi; semi di soia: olio di semi di soia; Lenticchie Vigna cinese; piselli; arachidi: burro di arachidi; liquirizia; acacia; senna.

Ombrello: prezzemolo; pastinaca; carota; sedano; cumino; anice; aneto; coriandolo; finocchio.

Arrowroot: arrowroot.

Crocifisso: senape; cavolo; cavolfiore; broccoli; Cavoletti di Bruxelles; rapa; svedese; Cavolo cinese; cavolo rapa; ravanello; Rafano; crescione.

Zucca: zucca comune; zucca a frutto grosso; cetriolo; Cantalupo; melone bianco Melone persiano melone d'inverno; anguria.

Liliaceo: asparagi; cipolla; aglio; Porro; erba cipollina; aloe.

Nocciole: barbabietole: zucchero di barbabietola; spinaci; barbabietola.

Convolvolo: yam; patata dolce.

Melograno: Melograno.

Ebano: cachi.

Uva spina: uva spina; ribes.

Euforbiacea: manioca; tapioca.

Bromeliacee: ananas.

Caric: papaya.

Uva: uva: uva passa; crema di tartaro.

Mirto: garofano; Pepe di Giamaica; guaiava; pimento.

Labrum: menta piperita; menta; timo; saggio; Maggiorana; salato.

Pepe: pepe nero.

Case da tè: tè.

Semi di sesamo: semi di sesamo: olio di sesamo.

Noci: noce americano; noce; Noce nera; butternut; noce americano; pecan.

Aronikovye: tarocchi.

Banana: Banana.

Alloro: avocado; cannella alloro.

Oliva: olive; olive nere: olio d'oliva.

Noce moscata: noce moscata.

Zenzero: zenzero; cardamomo; Curcuma.

Cipresso: ginepro.

Orchidea: Vaniglia.

Marenovye: caffè.

Faggio: faggio; Castagna.

Anacardium: anacardi (anacardi); Mango; pistacchi.

Palme: cocco; frutto della data; palma da saga.

Papavero: papavero.

Heather: mirtilli rossi; mirtillo; mirtilli mirtilli rossi.

Caprifoglio: Sambuco.

Routine: arancione; pompelmo; Limone; lime; mandarino; kinkan.

Betulla: nocciole; nocciola; gaulteria.

Gelsi: gelso; fichi; albero del pane.

Canapa: luppolo.

Acero: sciroppo d'acero; zucchero d'acero.

Sterkulievye: cacao; cioccolato.

Malvaceo: gombo; cotone (semi).

Funghi: lievito; champignons.

Prodotti alimentari di origine animale, che spesso causano allergie alimentari

Crostacei (classe). Granchi. Aragoste spinose Aragoste. Gamberetto.

Rettili (classe). Tartaruga.

Mammiferi (classe). Tori: vitello, latte di mucca, burro, formaggio, gelatina. Cinghiali: prosciutto, pancetta. Capre: latte di capra, formaggio. Ram: agnello. Cervo. Cavallo. Lepre. Scoiattolo.

Uccelli (classe). Anatre: anatre, uova di anatra. Oche: uova d'oca. Piccione: piccioni. Pollo: galline, uova di gallina. Faraona. Tacchini. Fagiani. Pernici. Fagiano di monte.

Pesci (overclass). Storione: caviale di storione. Acciughe. Sardine. Aringa. Aloses. Smelt. Salmone (trota). Sigovye. Cavedano. Acne. Ciprinidi. Chukuchanovye (iktiobus). Som. Scullers. Luccio. Mullet. Barracuda. Sgombro (tonno, bonito). Funghi Sott'olio. Pesce spada. Lingue del mare Pesce persico (fiume e branzino). Snapper. Gracchiante (gracchiante, gracchiante d'argento). Carpa Crucian. Passera (passera, ippoglosso). Scorpione (branzino). Merluzzo bianco (eglefino, pollock, manichino). Nasello (Nasello).

Molluschi (tipo). orecchia di mare Cozze Ostriche Scaloppine. Clem. Calamaro.

Anfibi (classe). rane.

Allergeni alimentari essenziali

Quasi tutti gli alimenti, ad eccezione di sale e zucchero, hanno vari gradi di antigenicità.

Molto spesso, le reazioni allergiche ai prodotti alimentari sono causate da glicoproteine ​​con un peso molecolare compreso tra 10.000 e 67.000 e sono altamente solubili in acqua, generalmente termostabili, resistenti agli acidi e agli enzimi proteolitici..

Negli Stati Uniti, sono stati condotti studi utilizzando un test provocatorio con un placebo ed è stato dimostrato che nel 93% dei casi, le allergie alimentari sono causate da otto alimenti. In ordine decrescente di importanza allergenica, possono essere disposti come segue: uova, arachidi, latte, soia, nocciole, pesce, crostacei, grano. Inoltre, l'attività allergica del cioccolato si è dimostrata significativamente esagerata..

Reazioni anafilattiche fatali negli adulti e nei bambini più grandi sono state osservate da arachidi, crostacei, nocciole, pesce. Tra i fattori che aumentano la probabilità di un esito fatale, vi è la presenza di asma bronchiale concomitante e somministrazione ritardata di adrenalina.

Il problema delle allergie alimentari è particolarmente importante nei bambini piccoli che, a causa dell'alta permeabilità della parete intestinale, della carenza di enzimi e dell'ingestione di proteine ​​non digerite nel flusso sanguigno, le allergie alimentari sono molto più comuni che negli adulti.

Latte di mucca. Contiene 20 proteine. La maggiore allergenicità è la β-lattoglobulina. Inoltre, il latte contiene caseina (un antigene debole), a-lattalbumina (a-La), albumina sierica bovina (ABS), ecc. Dopo ebollizione, ABS e α-La si scompongono dopo 15-20 minuti e i pazienti sensibili a queste frazioni può usare il latte senza trattamento dopo il trattamento. Il latte condensato e il latte in polvere contengono tutte le proteine ​​antigeniche del latte e pertanto sono escluse quando sensibilizzate alle proteine ​​del latte vaccino, che in questo caso sono sostituite dal latte di capra. Il formaggio contiene caseina, un po 'di α-La, quindi alcuni pazienti con allergie al latte possono tollerare il formaggio normalmente.

Il latte fa parte di molti prodotti (alcune varietà di pane, gelati, cioccolato, creme, ecc.).

Uova di gallina Le proprietà antigeniche delle proteine ​​della proteina e del tuorlo sono diverse e durante il trattamento termico l'antigenicità della proteina è ridotta. Le proteine ​​proteiche non sono specifiche della specie, quindi non è possibile la sostituzione con anatra, uova d'oca. L'allergia all'uovo di pollo è combinata con un'allergia alla carne di pollo. I pazienti possono presentare intolleranza ai prodotti contenenti uova. Le uova fanno parte di ricche varietà di pane, torte, dolci, gelati e altri prodotti. Va notato che sull'embrione di pollo crescono colture di virus e rickettsia e che i vaccini finiti contengono una miscela di proteine ​​dell'uovo. Se vaccinati contro influenza, tifo, febbre gialla, possono verificarsi gravi reazioni anafilattiche fino alla morte in pazienti sensibili.

Il pesce ha pronunciate proprietà allergeniche. Con un alto grado di sensibilità, è possibile osservare manifestazioni cliniche anche quando si inala vapore di pesce durante la cottura, aerosol durante la lavorazione meccanica. I pazienti in questo caso notano intolleranza a tutti i tipi di pesce. Spesso un'allergia ai pesci, cioè le sue proteine ​​sarcoplasmatiche, persiste per tutta la vita. La cottura riduce l'allergenicità di questo prodotto e i pazienti possono tollerare il pesce in scatola.

Gli allergeni dei pesci cambiano le loro proprietà durante l'essiccazione lipofila. A causa del fatto che questo processo viene spesso utilizzato nella preparazione di allergeni alimentari, questo dovrebbe essere tenuto presente quando si ricevono risultati negativi di un test provocatorio con allergeni da pesci.

Crostacei (gamberi, granchi, gamberi, aragoste). I crostacei hanno un'antigenicità trasversale pronunciata, cioè con intolleranza a una specie, è necessario eliminare il resto.

Carne. La composizione antigenica degli animali è diversa, quindi con le allergie alla carne bovina, puoi mangiare agnello, maiale, pollame. I pazienti allergici alla carne equina sono più sensibili al siero di cavallo e non devono assumere tossoide tetanico.

Grani alimentari (grano, segale, mais, riso, miglio, avena, ecc.). Questi cereali raramente causano allergie. A volte si osservano reazioni gravi sul grano saraceno. Quando si sensibilizzano i cereali, è necessario ricordare che la farina di grano fa parte di molte varietà di salsicce, salsicce. La farina di riso e grano può essere utilizzata in alcuni cosmetici, come la polvere.

Verdure, frutta, bacche. Manifestazioni allergiche si osservano spesso quando si mangiano frutta e bacche. I pazienti allergici al polline degli alberi spesso non tollerano mele, frutti di bosco. Con il trattamento termico, l'antigenicità di verdure, frutta e bacche è ridotta.

Un allergologo viene trattato da pazienti che lamentano prurito nella cavità orale, gonfiore delle labbra, orticaria, meno spesso - sintomi di rinite, tosse, broncospasmo, cioè fenomeni respiratori, dopo aver consumato gli allergeni alimentari "classici": fragole, fragole, agrumi.

Noccioline. Spesso causano gravi reazioni allergiche, con quantità minime di prodotto. I pazienti che soffrono di febbre da fieno con un'allergia al polline nocciola (nocciola) spesso non possono tollerare le noci. Le noci sono ampiamente utilizzate nell'industria dolciaria..

Condimenti. Possono causare allergie nei pazienti con febbre da fieno..

Un'allergia al latte, alle uova e alla soia, che si verifica nei bambini piccoli, nella maggior parte dei casi scompare spontaneamente entro il 2o - 3o anno di vita. Durante il trattamento termico, le proprietà allergeniche del cibo possono diminuire.

Con una diagnosi differenziale di reazioni allergiche e pseudoallergiche, occorre prestare attenzione ai seguenti sintomi.

  • Le vere reazioni allergiche al cibo di solito iniziano durante l'infanzia.
  • Con la natura allergica della malattia, si nota un'eosinofilia ematica alta e potrebbe esserci una significativa eosinofilia nel muco delle feci.
  • Con l'atopia vengono rilevati anticorpi specifici nel sangue e test cutanei positivi con allergeni alimentari.

Trattamento delle allergie alimentari

Il medico deve spiegare ai genitori di un bambino malato o di un paziente adulto che in passato ha avuto gravi reazioni allergiche sistemiche agli alimenti che mangiare questi alimenti è molto pericoloso e può portare alla morte. Quando mangi fuori, devi sempre scoprire quali alimenti fanno parte del cibo proposto. Ogni scuola dovrebbe avere medicine per trattare gravi reazioni allergiche. Ai bambini di età superiore ai 7 anni deve essere insegnata l'autoiniezione di adrenalina. Gli insegnanti dovrebbero essere consapevoli della malattia del bambino. Si consiglia di non tenere cibi allergenici in casa. Se ciò non è possibile, è necessario posizionare etichette di avvertimento su di essi..

Il trattamento delle allergie alimentari inizia dopo la verifica della diagnosi a seguito di un esame allergologico e clinico generale (principalmente gastroenterologico).

Nelle reazioni anafilattiche gravi, il prodotto "colpevole", nonché i prodotti con un determinante allergenico comune, devono essere esclusi dalla dieta del paziente.

Prima di escludere il latte, dovresti provare a sostituire il latte crudo con latte bollito o di vacca con latte di capra.

Spesso è necessario consultare un nutrizionista per dare raccomandazioni sulla selezione di prodotti al fine di mantenere una dieta equilibrata sulla composizione di proteine, grassi, carboidrati, vitamine, oligoelementi. Il valore calorico del cibo dovrebbe corrispondere al dispendio energetico del paziente.

A volte dopo alcuni anni l'allergia può scomparire (di solito ciò si verifica dopo 2 anni). Reintrodurre con cura il prodotto..

Va ricordato che un'allergia a arachidi, pesce, crostacei persiste per tutta la vita..

A volte si verifica un miglioramento mentre si limita l'uso di un prodotto allergenico.

Antistaminici. I bloccanti H1 sono usati per le allergie alimentari, manifestate da orticaria, edema di Quincke, congiuntivite o rinite, nonché con intensificazione del prurito cutaneo nei pazienti con dermatite atopica. L'efficacia dei bloccanti H1 nella sconfitta del tratto gastrointestinale non è stata dimostrata. Gli antistaminici possono essere utilizzati per prevenire lievi reazioni allergiche. A tale scopo, sono più adatti i farmaci che sono stabilizzatori delle membrane dei mastociti (ad esempio, il ketotifene).

Glucocorticoidi. I farmaci sono prescritti per gravi manifestazioni di allergie, gastroenterocolite eosinofila. Il corso del trattamento dura, di solito da 3 a 14 giorni.

Cromoline. Il medicinale è prescritto per l'uso a lungo termine prima dei pasti. È stata acquisita esperienza positiva con l'uso del farmaco sia negli adulti che nei bambini..

Adrenalina. I pazienti con una storia di reazioni anafilattoidi dovrebbero avere adrenalina nel loro kit di pronto soccorso per cure mediche di emergenza.

Trattamento shock anafilattico

Il farmaco di prima linea è l'adrenalina. È un antagonista fisiologico dell'istamina, provoca una ridistribuzione del volume del sangue circolante e il suo afflusso verso gli organi vitali.

Nello shock anafilattico, lo 0,1% - 0,3 ml di adrenalina viene iniettato per via sottocutanea, quindi è possibile una nuova somministrazione del farmaco ogni 15 minuti (per un totale di non più di tre iniezioni). Durante questo periodo, è necessario stabilire una flebo di dopamina e posizionare il paziente nell'unità di terapia intensiva per ulteriori trattamenti.

I glucocorticoidi sono necessariamente prescritti: prednisone 90 mg per via intramuscolare ogni 4-6 ore o desametasone 8 mg ogni 8 ore (la dose giornaliera totale è di 16-24 mg). Negli ultimi anni, il celestone, che ha una durata d'azione più lunga e rimane attivo fino a 12 ore, si è dimostrato efficace.La dose totale del farmaco dipende dal peso del paziente. L'introduzione di glucocorticoidi nello shock anafilattico viene effettuata per almeno 3 giorni. In presenza di lesioni viscerali, complicanze neurologiche, è possibile un ciclo più lungo di trattamento.

In presenza di edema di Quincke, viene inoltre introdotto un diuretico, specialmente se c'è gonfiore della laringe. Gli antistaminici con shock anafilattico non sono abbastanza efficaci.

Trattamento di patologia del tratto gastrointestinale

In presenza di manifestazioni cliniche, i principali principi di trattamento della patologia gastrointestinale esistente sono:

  • Soppressione della crescita eccessiva della flora opportunistica.
  • Regolazione e stabilizzazione delle unità anaerobiche e aerobiche della normale flora intestinale.
  • Ottimizzazione della funzione di evacuazione del motore.
  • Rimozione e assorbimento di tossine.
  • Recupero di tipi di scambio disturbati.
  • Correzione della funzione delle parti umorali e cellulari del sistema immunitario.
  • Trattamento di patologie concomitanti, in particolare malattie parassitarie e infezioni croniche.

Viene prescritta una terapia dietetica (nella dieta quotidiana sono inclusi latte acido, prodotti contenenti bifidi, miscele contenenti lattosio). Farmaci prescritti che aiutano a ripristinare la normale microflora intestinale. Questi sono principalmente preparati monocomponenti classici (colibacterin, bifidumbacterin, lactobacterin). Se necessario, preparati competitivi che sostituiscono la microflora patogena (bactisubtil, intetrix, ecc.). Esistono preparazioni multicomponenti di normoflora (linex, bifiform, ecc.).

La normale microflora intestinale svolge un ruolo importante nel mantenimento dei processi metabolici, nonché la resistenza del corpo a sostanze estranee, soprattutto di natura proteica. La microflora intestinale riduce gli effetti tossici sulla parete intestinale dei batteri patogeni, previene l'ingresso di tossine nel corpo attraverso il cibo. Gli acidi organici secreti durante la vita della normale microflora (lattica, acetica, propionica, ecc.) Acidificano il chimo e impediscono la propagazione della flora patogena. L'autoflora intestinale sintetizza varie sostanze antibatteriche.

Si raccomanda l'uso di preparati enzimatici (pancreatina, panzinorm, mezim forte, enzistali, ecc.). È importante il rigoroso attaccamento dei farmaci all'assunzione di cibo, che fornisce la sincronizzazione della motilità gastrointestinale con l'attività secretoria del pancreas. Questo ha un effetto benefico sulla digestione..

Se necessario, sono collegati farmaci che influenzano la motilità del tratto digestivo (procinetici), ad esempio motilium.

Il trattamento tempestivo e completo migliora l'efficacia del trattamento della malattia di base.

In conclusione, notiamo che l'allergia alimentare appartiene al gruppo di malattie atopiche in cui il corpo risponde agli antigeni alimentari con la formazione di reagine - anticorpi della classe IgE, meno spesso - IgG.

Gli anticorpi IgE vengono fissati sui mastociti e li danneggiano. Esiste un rilascio di sostanze biologicamente attive, che porta a una varietà di manifestazioni cliniche della malattia. La natura dell'atopia è complessa, sia fattori genetici che ambientali partecipano al suo sviluppo. L'atopia si basa su disturbi dell'immunità, in cui vi è uno squilibrio tra le cellule Th-1 e Th-2 nella direzione di aumentare l'attività di quest'ultima, che porta al lancio di meccanismi allergici.

I terapisti, i gastroenterologi hanno bisogno di una buona comprensione dei meccanismi dell'intolleranza alimentare al fine di prescrivere un trattamento adeguato in modo tempestivo.

Panoramica delle manifestazioni di allergie al mais e metodi per il suo trattamento

L'allergia al mais è una delle più difficili da eliminare. Il fatto è che il mais è spesso incluso in una forma o nell'altra in vari prodotti alimentari. Questo non è solo mais bollito, bastoncini o cereali, ma anche vari cereali, pasticcini, bevande, pasticcini, marmellate in scatola, gelatine, marmellate, composte.

La domanda di mais è anche spiegata dal fatto che contiene molte sostanze utili per l'uomo. Tuttavia, per alcune persone, il consumo di mais può essere non solo inutile, ma anche veramente pericoloso..

Cause di allergie

Le principali cause di allergie (incluso il mais) includono:

  • donna che usa antibiotici durante la gravidanza e l'allattamento,
  • alimentazione impropria,
  • condizioni ambientali avverse,
  • l'uso da parte di una donna incinta di prodotti contenenti additivi sotto forma di conservanti e aromi.

Di solito, il porridge di mais viene introdotto come alimento per primi. Questo perché di solito è perfettamente assorbito. Ma il porridge di mais può causare allergie nei neonati? Sfortunatamente sì. Vi sono due possibilità:

  1. Se si è verificata una reazione allergica al mais dalla confezione, la causa potrebbe essere non solo il cereale stesso, ma anche vari additivi.
  2. Se il porridge è stato cucinato con graniglie di mais naturali senza aggiungere olio e zucchero, ha senso parlare di una vera allergia al mais.

Versato su mais o altri componenti del porridge - solo un allergologo può installare usando test speciali.

A volte c'è un'allergia crociata al mais. Può verificarsi in soggetti sensibili al polline di cereali..

Allergeni

Il mais include sia allergeni alimentari che pollinici.

Polline

  • Zea m 1 - allergeni alle erbe del gruppo 1;
  • Zea m 2 - allergeni alle erbe del gruppo 2;
  • Zea m 3 - espansione
  • Zea m 4 - gruppo 4 di allergeni alle erbe, pectato di liasi;
  • Zea m 5 è una proteina con funzione biologica sconosciuta;
  • Zea m 7 - proteina legante il calcio;
  • Zea m 11 è un inibitore della tripsina presente in semi e polline;
  • Zea m 12 - profilin - allergene crociato;
  • Zea m 13 - gruppo 13 allergeni alle erbe, poligalatturonasi;
  • Zea m Zm13 - Proteina associata all'allergene del polline di olivo.

Cibo

  • Zea m 14 è una proteina trasportatrice lipidica (BPL). Allergene principale;
  • Zea m 25 - thioredoxin;
  • Zea m 27kD, Zea m 50kD - Zein.

La proteina portatrice di lipidi Zea m 14 è stata isolata dalla farina di mais. Tradizionalmente, è estremamente termostabile e persino il trattamento termico a 100 ° C per 160 minuti non riduce particolarmente le sue proprietà allergeniche..

Pertanto, è probabile che la BPL causi allergie sia al mais crudo che bollito..

Zea M 50kD è anche resistente al calore e alla digestione..

Oltre a quanto sopra, i semi di mais contengono profilina, ma in quantità molto inferiori rispetto al polline e alle verdure come sedano e pomodori. Questa profilazione può avere un basso valore clinico poiché viene distrutta dal trattamento termico..

Reattività crociata (cibo)

La reattività crociata può essere dimostrata tra varie colture. Ciò è particolarmente vero per le reazioni professionali, ad esempio per i fornai.

nomi
CerealiGrano, triticale, segale, orzo, avena, riso, mais

Il principale allergene alimentare nel mais è la proteina trasportatrice dei lipidi (LTP). Presenta un alto grado di reattività crociata..

nomi
Piante con BPLPesca, mela, noce. nocciole, arachidi, mais, riso, semi di girasole, fagioli, albicocche.

Non tutti i BPL degli impianti sono strettamente correlati.

Ad esempio, le ciliegie mature mostrano fino all'88% di identità con pesca e albicocca e solo il 59% con mais. Allo stesso modo, le proteine ​​del mais reagiscono con la pesca e il riso, ma non con il grano o l'orzo BPL.

Sintomi allergici

I sintomi di un'allergia al mais possono essere diversi. Le manifestazioni di un'allergia al mais in un adulto e in un bambino sono.

  • Eruzioni cutanee, vesciche sulla pelle, eczema.
  • Naso che cola allergico, congestione nasale.
  • Gonfiore di labbra, lingua e viso.
  • Disturbi del tratto gastrointestinale (diarrea, nausea, vomito, dolore addominale).
  • Forte mal di testa.
  • Shock anafilattico.

Di norma, i sintomi allergici si sviluppano molto rapidamente. Per questo motivo, contattare uno specialista allergologo il più presto possibile..

I segni di un'allergia al mais per bambini sono:

In caso di gravi allergie, nausea e vomito possono unirsi..

Diagnostica

Per essere sicuri: le graniglie di mais sono un allergene o no, i bambini e gli adulti sono testati per gli anticorpi contro le proteine ​​del mais. Un'allergia viene rilevata da esami della pelle o esami del sangue..

Principi generali per il trattamento delle allergie al mais

Una strategia di trattamento delle allergie alimentari per il mais viene sviluppata individualmente. Molto spesso, svolgono un trattamento complesso, che include.

  • L'uso di farmaci sotto il controllo delle condizioni generali del paziente.
  • Conformità con una dieta ipoallergenica, selezionata individualmente.

Le medicine sono prescritte da un allergologo. Questo viene fatto rigorosamente tenendo conto dell'età e delle condizioni del paziente. Gli antistaminici (claritina, suprastin, tavegil) possono far fronte ai sintomi della malattia e unguenti e gel eliminano le manifestazioni cutanee di allergie. La soluzione alcolica al mentolo aiuta anche con prurito.

L'immunoterapia dà buoni risultati. Questo è un trattamento a lungo termine che dura diversi anni e consiste nella somministrazione di piccole dosi sottocutanee di allergene. Tale trattamento è molto importante, poiché il mais in una forma o nell'altra si trova in molti prodotti e può essere difficile rintracciarne la presenza..

Rimedi popolari

Molte persone, insieme all'uso di medicinali, usano la medicina tradizionale. Molti di loro "funzionano" davvero e aiutano a superare le spiacevoli manifestazioni di allergie..

Non automedicare. L'uso dell'uno o dell'altro metodo popolare è consentito solo con l'approvazione di un allergologo. Se scopri di essere allergico a qualsiasi pianta medicinale, puoi aggravare le tue condizioni.

guscio d'uovo

Schiacciato allo stato di un guscio di uova bianche (senza trattamento termico) fa bene alle allergie al mais. Spegnere 1/8 di cucchiaino di polvere di guscio con due gocce di succo di limone appena spremuto (dose giornaliera indicata).

Continuare il trattamento fino a quando i sintomi dell'allergia scompaiono completamente..

Mummia

È anche una buona medicina antiallergenica. Sciogli un cucchiaino di mummia in un litro d'acqua (se la mummia è di buona qualità, si dissolverà perfettamente in acqua). Bere 100 ml di soluzione ogni mattina per un mese.

Rizomi di geranio rosso sangue

Due cucchiaini di rizomi tritati, versare due bicchieri di acqua bollente e lasciare per otto ore in un luogo buio. Usa l'infuso per pulire le aree allergiche della pelle..

Radice di sedano

Macina la radice in un tritacarne o in un frullatore (puoi grattugiare). Strizzare a fondo la massa risultante. Il succo ottenuto in questo modo, prendere due cucchiaini tre volte al giorno mezz'ora prima dei pasti.

Fiori di tonaca

Prendi cinque cucchiaini di fiori secchi tritati, versa un bicchiere di acqua bollente. Filtrare e bere il brodo indipendentemente dal pasto e la massa può essere utilizzata per lubrificare la pelle pruriginosa.

Radice di liquirizia

Versare un cucchiaio di radice schiacciata con un litro di acqua bollente. Insistere sul brodo per un'ora, quindi filtrare. Prendi una volta al giorno in un bicchiere, indipendentemente dal pasto.

Terapia allergica nei bambini

Gli antistaminici sotto forma di capsule o sciroppi (Zirtek, Zodak, Fenistil) danno un buon effetto per alleviare i sintomi allergici. Va tenuto presente che gli antistaminici hanno i loro limiti di età, quindi l'automedicazione è inaccettabile. Con una rinite allergica, le gocce di Nazonex o Avamis aiuteranno a far fronte. Gli unguenti Advantan o Elidep sono ottimi per alleviare il prurito della pelle..

Prima dell'arrivo del team medico, il bambino deve essere disteso sulla schiena con le gambe sollevate.

Dei rimedi popolari, i seguenti aiutano bene:

Il dott. Komarovsky raccomanda di pulire le aree interessate con tintura di calendula (venduta in farmacia) o con una soluzione di soda (sciogliere 1,5 cucchiaini di soda in un bicchiere di acqua bollita).

Questi fondi ti permetteranno di asciugare leggermente la pelle colpita da allergie e alleviare il prurito..

Da dermatite allergica, aiuta la lubrificazione delle aree infiammate con estratto di rosa canina.

Prevenzione

Per eliminare la possibilità di un'allergia al mais, escludere completamente gli alimenti che contengono mais dalla dieta. Dieta ipoallergenica: la soluzione più ragionevole.

Tra i prodotti vietati:

  • mais bollito e in scatola,
  • bastoncini di mais e scaglie (sia smaltati che non smaltati),
  • una miscela di oli vegetali, che può includere olio di mais (allergene!),
  • miscele vegetali in scatola e surgelate,
  • frittelle pronte da mangiare,
  • bevande gassate dolci (contengono zucchero di mais),
  • birra,
  • lievito,
  • salse e marinate preparate.

Fai attenzione quando ordini i piatti in un ristorante. Il mais si trova in molti piatti messicani e cinesi..

Evita i cosmetici che hanno il mais nel loro trucco (ad es. Cosmetici con estratti di stigma di mais).

Per una persona che soffre di un'allergia al mais, le medicine in capsule di gelatina sono pericolose (leggi attentamente il sommario del farmaco), dentifricio, vitamine. Piatti usa e getta, confezioni di latte includono componenti ottenuti dalla lavorazione del mais. Spesso anche la colla applicata su superfici appiccicose (ad esempio la colla sui francobolli postali) è spesso pericolosa. Assicurati di tenerlo a mente..

Le madri che allattano i bambini con un'allergia al mais in un bambino dovrebbero essere escluse dai prodotti dietetici con proteine ​​del mais. Se lo trascuri, le proteine ​​del mais penetrano nel corpo del bambino con il latte materno e provocano di nuovo un'allergia.

Se uno dei membri della famiglia soffre di allergia, è necessario controllare attentamente se il bambino ha questo tipo di allergia. Alcuni consigli utili per la prevenzione delle allergie

  • Prepara i piatti con ingredienti semplici. In questo modo, probabilmente puoi evitare gli ingredienti contenenti mais..
  • Quando acquisti cereali non essere pigro per chiedere quali non contengono mais.
  • Al momento dell'acquisto di medicinali, informare il farmacista sull'ipersensibilità. Uno specialista esperto ti aiuterà a scegliere i medicinali senza il contenuto di prodotti di mais trasformati.
  • Per evitare che la dieta sia troppo povera, consulta un nutrizionista che può aiutarti a creare una dieta varia e ipoallergenica.
  • Esamina le etichette dei prodotti per assicurarti che il mais non si trovi nel prodotto che hai acquistato..

Come introdurre il mais come alimento complementare

Il mais è un prodotto alimentare prezioso, ma dovrebbe essere usato con molta attenzione per non provocare un'allergia e raramente viene usato come primo alimento. Di solito, il bambino conosce il mais per 8-9 mesi, quando nella sua dieta apparivano grano saraceno e porridge di riso.

La procedura per introdurre il porridge di mais negli alimenti complementari è la seguente:

Inizia con un cucchiaino. Se non vi è alcuna reazione allergica sotto forma di eruzione cutanea o dolore addominale, il giorno successivo è possibile aumentare la dose a 3-4 cucchiaini da tè, aumentando gradualmente la quantità di porridge a duecento grammi.

Come cucinare il porridge da granaglie di mais

Nei negozi è possibile acquistare cereali con vari gradi di macinatura, incluso il più piccolo.

Algoritmo di cottura - Avanti.

  • Risciacquare il mais con acqua fredda una o due volte, quindi asciugarlo.
  • Macinare con un macinacaffè o un frullatore. Per i bambini dopo un anno, questo non è necessario.
  • Versare i cereali con acqua calda, portare ad ebollizione e cuocere, mescolando continuamente, per quindici o venti minuti a fuoco basso. Si consiglia di utilizzare una padella antiaderente per cucinare il porridge.
  • Per addolcire il porridge, i bambini di età inferiore a un anno sono meglio aggiungere la purea di banana. Puoi usare lo zucchero per migliorare il gusto dei bambini di età superiore a un anno..
  • Frequenza d'uso di alimenti complementari - una volta alla settimana.

Puoi cucinare questo porridge in una doppia caldaia, in una pentola a cottura lenta o in un forno.

Solo dopo esserti accertato che il bambino non è allergico al porridge di mais, puoi cucinarlo nel latte e compiacere il bambino con un nuovo piatto.

Porridge istantaneo

Il vantaggio di un prodotto del genere è che le madri non devono passare il tempo a preparare piatti gustosi e salutari. È sufficiente versare una certa quantità di prodotto con acqua bollita (è possibile aggiungere un po 'di latte materno) - e il porridge è pronto.

Ecco una recensione dei cereali di mais più comuni, basata su recensioni di madri reali.

Porridge, composto per oltre il 92% da cereali, con aggiunta di oligoelementi e vitamine. Questo è un porridge di mais a bassa allergene con probiotici che migliora la funzione intestinale. È anche utile che non ci siano additivi "extra" per il bambino, come sale e zucchero, nel prodotto.

Non è necessario aver paura che il porridge sembrerà troppo fresco per il bambino: il piccolo buongustaio non si è ancora abituato ai condimenti.

Prezzo medio: 130 rubli (200 grammi)

NomeDescrizione e foto
Bebi mais a basso allergene
Porridge "Baby"È ben sciolto, molto gradevole, di sapore dolciastro. Svantaggio: contiene olio di palma (e questo non è molto buono per un adulto).

Prezzo medio: 110 rubli (200 grammi)

Heinz a basso allergeneIl nome di questo porridge di mais parla da solo. Non ci sono praticamente svantaggi: divorzia bene e ai bambini piace di solito. E l'assenza di aromi e latte riduce significativamente il rischio di allergie.

Prezzo medio: 100 rubli (200 grammi)

Elena Malysheva sui benefici delle graniglie di mais

Domande e risposte sull'allergia al mais

Per migliorare l'effetto, viene utilizzata una miscela di olio di mais e canfora (tre cucchiai di olio rappresentano un cucchiaino di canfora). La miscela ha una buona guarigione delle ferite e un effetto antibatterico..

  1. Pastorello EA, Pompei C, Pravettoni V, Farioli L, Calamari AM, Scibilia J, Robino AM, Conti A, Iametti S, Fortunato D, Bonomi S, Ortolani C. La proteina di trasferimento lipidico è il principale allergene del mais che mantiene l'attività legante le IgE dopo la cottura a 100 ° C, come dimostrato nei pazienti anafilattici e nei pazienti con risultati positivi in ​​sfida alimentare in doppio cieco, controllati con placebo. Link: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/14564361
  2. Blocco G, Tse KS, Kijek K, Chan H, asma di Chan-Yeung M. Baker. Link: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/6200252

Commenti sull'articolo: 2

A rigor di termini, un'allergia nell'uomo può essere osservata su qualsiasi prodotto. Ecco come funziona il corpo umano: è molto complesso e qualsiasi fallimento, qualsiasi cambiamento, qualsiasi deviazione nel funzionamento del sistema immunitario può provocare una reazione allergica.

Per quanto riguarda l'allergia specifica al mais, non è di per sé "più grave" rispetto ad altri irritanti allergici.

Allo stesso tempo, concordo con l'autore dell'articolo che il mais in una forma o nell'altra è contenuto in molti prodotti attualmente venduti nei negozi. E in questo senso, l'allergia al mais è un problema più pronunciato..

Non invidio chi è allergico al mais... non ci avevo mai pensato prima, ma la verità è dove viene usato. Anche il re degli hamburger ha i panini di mais!