Sintomi dell'allergia alla tintura di un bambino

Trattamento

Coloranti: sostanze di origine sintetica o naturale utilizzate per colorare alimenti e materiali vari (tessuto, gomma, carta, legno, pelliccia).

Molte persone credono che i coloranti siano molto dannosi, ma questo è solo parzialmente vero: la maggior parte dei coloranti ha superato un numero significativo di test in cui la loro sicurezza è stata confermata, quindi la loro tossicità è esagerata.

Le reazioni allergiche a queste sostanze sono rare e un'allergia ai coloranti in un bambino è solitamente associata all'effetto allergenico di quelli più pericolosi..

Come si manifesta un'allergia fredda in un bambino? Scoprilo dal nostro articolo..

Informazione Generale

I coloranti sono presenti quasi ovunque.

Sono usati per tingere vestiti, scarpe, attrezzature, mobili, tessuti e quasi tutto ciò su cui potrebbe cadere uno sguardo. Senza di loro, la vita sarebbe molto più noiosa..

Le persone più preoccupanti sono i coloranti, che vengono utilizzati per colorare prodotti alimentari, medicinali e articoli destinati ai bambini (giocattoli, vestiti, libri, articoli di cartoleria).

Molto spesso, una reazione allergica è causata dai coloranti alimentari, poiché possono essere consumati in grandi quantità. La maggior parte dei coloranti viene a contatto solo con la pelle, quindi le allergie sono meno probabili.

I più inclini alle reazioni allergiche ai coloranti sono i bambini con immunità indebolita, che i genitori tendono a mantenere in condizioni praticamente sterili per evitare nuove malattie, e i bambini fino a un anno che stanno appena iniziando a familiarizzare con nuovi alimenti.

I produttori di alimenti per bambini raramente aggiungono coloranti, ad eccezione di quelli naturali e persino utili, che includono beta-carotene (un precursore della vitamina A, etichettato come E160a sulla confezione), lattoflavina (aka vitamina B2, E101), caramello (E150).

Se sono indicati sui pacchetti, non è necessario preoccuparsi: non danneggiano il bambino. In alcuni casi, specialmente se il bambino mangia molto cibo alla volta, può verificarsi un'allergia al beta-carotene.

Pertanto, un'allergia ai coloranti può verificarsi in seguito, quando il bambino ha più di un anno e assaggia più alimenti per adulti, dove ci sono più coloranti sintetici..

Allergie agli aromi si trovano spesso sia nei bambini piccoli che nei bambini più grandi. Sapori che possono causare una reazione allergica, ce ne sono almeno ventimila. Molto spesso, l'ipersensibilità a loro viene rilevata nei bambini con asma bronchiale, rinite allergica, febbre da fieno.

La maggior parte delle sostanze allergeniche

Molto spesso, le allergie nei bambini sono causate dalla seguente sostanza colorante:

  1. Tartrazina (E102). Giallo. Influisce negativamente sull'attenzione dei bambini, può causare gravi reazioni allergiche (1: 10000, una persona su diecimila può sviluppare un'allergia). Utilizzato per colorare bevande e dolci..
  2. Beta carotene (E160a). Giallo arancio Tintura naturale sicura, ma nei bambini piccoli (specialmente se il bambino lo ha consumato in grandi quantità) può causare una lieve reazione allergica. Contiene molta frutta e verdura in natura..
  3. Carmine (E120). Colore rosso scuro Utilizzato nel settore dolciario, nella produzione di salsicce, come colorante per prodotti lattiero-caseari (yogurt, dessert), nelle bevande.
  4. Curcumina (E100). Giallo-arancio, a base di curcuma. Tintura naturale sicura. Un'assunzione eccessiva può causare sintomi allergici. Si aggiunge a formaggi, maionese, yogurt.
  5. "Tramonto" giallo (E110). Vietato in diversi paesi, influisce negativamente sull'attenzione dei bambini.
  6. Azorubin (E122). Rosso. Utilizzato in cosmetica, nei dessert di gelatina.
  7. Rosso affascinante AC (E129). Oltre all'allergenicità, influisce negativamente sull'intelligenza dei bambini e sulla loro attenzione. Si aggiunge a dolci, prodotti da forno, cosmetici, biscotti, gelatine.
  8. HT marrone cioccolato (E155). Viene aggiunto a gelati e altri dolci, condimenti, salse, prodotti farinacei, frutta in scatola. Non raccomandato per i bambini..
  9. Diamond Black BN (151). È vietato in molti paesi occidentali. Viene aggiunto a formaggi, prodotti a base di carne, salse, frutti di mare, semilavorati..

Le reazioni allergiche possono anche essere causate da altri coloranti, compresi quelli vietati in Russia: in alcuni paesi sono ammessi e durante il viaggio il bambino può avere una reazione allergica.

I profumi non hanno denominazioni come coloranti e i produttori indicano solo le informazioni generali su di essi sulla confezione: aroma naturale identico a naturale o artificiale.

I più pericolosi sono i profumi sintetici, come isoamil acetato (odore di pera), allil esanoato (ananas) e altri.

Ragioni per l'apparenza

I principali fattori che possono causare una reazione allergica:

  1. Introduzione precoce alla dieta del bambino di cibi con coloranti, aromi e altri additivi. Se il bambino è troppo piccolo, il suo corpo potrebbe non essere preparato per l'abbondanza di coloranti e sostanze aromatiche di origine sintetica, quindi si verificherà una reazione allergica. Ai bambini di età inferiore a tre anni non devono essere somministrati prodotti con additivi sintetici..
  2. Predisposizione genetica. Se i parenti stretti del bambino hanno allergie alle sostanze coloranti comuni, potrebbe anche averlo..
  3. Dieta sbagliata di una madre che allatta. La madre del bambino durante il periodo di gestazione e alimentazione dovrebbe mangiare il più possibile cibi naturali con un basso livello di allergenicità. Se una madre mangia una grande quantità di cibo con coloranti, il suo latte può causare allergie nel bambino.
al contenuto ↑

Segni e sintomi

Reazione allergica alla tintura - foto:

I principali sintomi che si verificano a contatto con un allergene sono:

  1. Congestione nasale, naso che cola. Spicca il moccio trasparente, è difficile per un bambino respirare attraverso il naso, quindi respira attraverso la bocca. I seni mangiano peggio, spesso si fermano e inspirano attraverso la bocca. Disturbi del sonno osservati.
  2. Congiuntivite allergica. Il bianco degli occhi diventa rosso, gli occhi sembrano bagnati, la pelle intorno a loro è dolorante e pruriginosa. È importante non dare troppo al bambino per graffiarlo in modo che non porti l'infezione.
  3. Violazioni nel funzionamento del tratto digestivo. Il bambino inizia a vomitare (può essere ripetuto), si osservano nausea, gonfiore, debolezza e diarrea. I bambini più grandi si lamentano del dolore addominale. In alcuni casi, il dolore è molto acuto.
  4. Problemi di respirazione. Nei bambini con asma, può iniziare un attacco. Il bambino tossisce, diventa più difficile per lui respirare, quindi i bambini con allergie che hanno un forte gonfiore nella laringe respirano rauco, con respiro sibilante, possono provare a ingoiare aria, aprendo e chiudendo la bocca.
  5. Sintomi della pelle. Si manifesta sotto forma di eruzione cutanea, arrossamento, gonfiore della pelle, in alcuni casi gonfiore delle mucose. Il bambino prude, sembra irrequieto, i bambini spesso piangono.
al contenuto ↑

A forma di croce

Molti coloranti alimentari e agenti aromatizzanti vengono utilizzati anche nella fabbricazione di medicinali e cosmetici..

Nei bambini con ipersensibilità al beta-carotene, si verificano reazioni allergiche quando si mangiano vari frutti e verdure che lo contengono, tra cui zucca, carote, spinaci, pomodori, pesche, cachi.

Quando si utilizzano cosmetici con beta-carotene, compaiono anche sintomi di allergia.

Se un bambino è allergico alla curcumina, allora avrà una reazione allergica quando mangia la curcuma, che viene aggiunta ad alcuni piatti, in particolare al curry.

Se sei allergico alla tartrazina, la probabilità di reazioni allergiche ai solfiti è alta - un gruppo di conservanti che si possono trovare negli alimenti.

Se un bambino è allergico a determinati alimenti, i sapori naturali basati su di essi possono causare sintomi allergici..

Pericolo

In alcuni casi, coloranti e aromi possono provocare lo sviluppo delle seguenti condizioni pericolose:

  • angioedema;
  • anafilassi.

Se i genitori non trattano i bambini e il contatto con l'allergene non si interrompe, esiste la possibilità di sviluppare asma bronchiale e infezioni batteriche a causa dell'infiammazione della pelle (la pelle infiammata non può proteggere correttamente il corpo).

Diagnostica

La diagnosi di allergie a coloranti e aromi non è sempre facile..

Se un bambino ha sintomi di allergia, è importante consultare un pediatra che farà riferimento a un allergologo pediatrico.

Un allergologo porrà ai genitori chiarimenti, esaminerà il bambino e lo indirizzerà verso ulteriori ricerche:

  • test prik;
  • esame del sangue clinico;
  • rilevazione del livello di immunoglobulina E nel sangue;
  • esame fecale;
  • test di applicazione.

Se i risultati non hanno aiutato il medico a capire cosa ha causato esattamente l'allergia, al fine di chiarire la diagnosi, può raccomandare di tenere un diario alimentare per qualche tempo, in cui tutto ciò che il bambino mangia dovrebbe essere inserito e indicare se sono comparsi sintomi di allergia.

Trattamento

Quando viene fatta la diagnosi, il medico offre ai genitori consigli sulla dieta e prescrive farmaci:

  1. Medicinali antiallergenici. Supramin (adatto a tutti tranne i neonati), Fenistil (le gocce possono essere utilizzate per bambini di età superiore a un mese), Peritol (da sei mesi), Psilo-balsamo (adatto a tutti).
  2. Adsorbenti (Enterosgel, Smecta). È necessario somministrare a un bambino che ha recentemente consumato un prodotto con un allergene negli alimenti per accelerare l'escrezione. Adatto a bambini di tutte le età..

Esistono rimedi popolari che possono mitigare la gravità di una reazione allergica con il giusto approccio. Prima dell'uso, consultare un medico..

  • bagni alle erbe (camomilla, calendula). Allevia il prurito, accelera la guarigione;
  • decotti di ortica, menta, dente di leone.

Il trattamento principale per le allergie è la dieta. È importante che i genitori studino attentamente la composizione dei prodotti ed eviti di acquistare quelli in cui vi è un gran numero di additivi, in particolare di origine sintetica.

È anche importante rafforzare il sistema immunitario del bambino, fare passeggiate con lui e assicurarsi che abbia tutti gli elementi preziosi necessari nella sua dieta.

Prevenzione

Per proteggere il tuo bambino dalle reazioni allergiche a profumi e coloranti, è importante:

  • Non introdurre alimenti con additivi nella sua dieta prima di 2-3 anni;
  • Non acquistare prodotti con coloranti sintetici allergenici;
  • scegli prodotti senza aromi o con aromi naturali.

Nella maggior parte dei bambini, le allergie scompaiono da sole nel tempo. Se il bambino ha segni caratteristici di un'allergia, dovresti consultare un medico.

Informazioni sui pericoli della colorazione alimentare in questo video:

Vi preghiamo di non auto-medicare. Iscriviti al dottore!

Allergia ai coloranti alimentari in un bambino

Tosse, prurito, pianto frequente, comportamento irrequieto dei bambini piccoli possono essere un segnale di allergie alimentari, di cui non si è nemmeno a conoscenza. Affrontando tempestivamente sintomi allarmanti, proteggerai il tuo bambino dall'ulteriore sviluppo della malattia.

  1. Ci sono molte ragioni per lo sviluppo di allergie alimentari nei bambini fino a 1 anno di età. Molto spesso, sono associati a una violazione del tratto gastrointestinale (GIT). Quando nasce un bambino, la maggior parte dei suoi organi interni continua a formarsi. Ad esempio, il pancreas non è ancora in grado di produrre le quantità necessarie di enzimi necessari per la scomposizione di proteine, carboidrati o grassi..
  2. Nei neonati, la microflora è spesso disturbata. Lei non si è ancora formata. Quindi, risulta che le piccole particelle che compongono i prodotti alimentari, cadendo nelle briciole di pancia, non possono essere digerite. A causa dell'alta permeabilità della mucosa intestinale (una caratteristica dei neonati), i residui non digeriti entrano nei vasi sanguigni che penetrano nella parete intestinale. Il corpo inizia a produrre anticorpi chiamati IgE. Si verifica la cosiddetta sensibilizzazione, ovvero aumenta la sensibilità a determinate macromolecole. Si sviluppa una reazione allergica. Le allergie alimentari possono verificarsi nei primi giorni o mesi della vita di un bambino..
  3. I fattori di rischio per lo sviluppo di una reazione allergica in un neonato possono essere ereditari, nonché associati a problemi ambientali ambientali (e, prima di tutto, fumo di una madre durante la gravidanza). Anche la gestosi materna (e, di conseguenza, l'ipossia - carenza di ossigeno nel feto) e le malattie infettive che una donna ha sofferto mentre trasporta un bambino svolgono un ruolo negativo.
  4. Disturbi nella nutrizione di madri e bambini possono anche portare allo sviluppo di allergie alimentari. Alle donne che allattano non è raccomandato di abusare di latte di mucca, ricotta, cioccolato, fragole, pesce rosso e caviale, aumenta il rischio di allergie e il trasferimento precoce del bambino all'alimentazione artificiale, soprattutto se si usano miscele di latte non adattate e il latte intero di vacca è prescritto come alimento principale.

Sintomi di allergie alimentari nei bambini

I sintomi delle allergie alimentari nei bambini sono estremamente diversi. Possono essere tutti i tipi di lesioni cutanee (orticaria, dermatite, edema di Quincke, strobo - una reazione con forte prurito cutaneo); disturbi gastrointestinali (nausea, rigurgito, vomito, flatulenza, coliche, costipazione, diarrea, feci instabili); disturbi respiratori (rinite allergica o asma bronchiale).

Gli studi dimostrano che nei bambini del 1 ° anno di vita che soffrono di allergie, molto spesso rivelano un'alta sensibilità alle proteine ​​del latte vaccino. Tra i pazienti con dermatite atopica, il 90% soffre di intolleranza alle proteine ​​del latte vaccino.

I bambini sono anche molto sensibili alle proteine ​​delle uova di gallina (62%), glutine (53%), banane (51%) e chicchi di riso (50%). L'intolleranza alle proteine ​​del grano saraceno (27%), tuberi di patata (26%), semi di soia (26%), proteine ​​del mais (12%), diversi tipi di carne (0-3%) è meno comune. Va notato che in molti bambini (76%) viene rilevata una sensibilizzazione polivalente, cioè sono allergici a 3 o più alimenti proteici (o proteine) contemporaneamente.

Trattamento delle allergie alimentari nei bambini

  • La dieta è la base per trattare i bambini con allergie alimentari. Il principio principale della costruzione di una dieta ipoallergenica è l'esclusione dal cibo di alimenti ad alta attività sensibilizzante, irritando la mucosa gastrointestinale, contenente conservanti, coloranti, emulsionanti, stabilizzanti, ecc..
  • I prodotti ipoallergenici di produzione industriale sono miscele specializzate a base di proteine ​​del latte (medicinali, terapeutiche e profilattiche, che possono essere utilizzate dalla nascita); miscele a base di proteine ​​di soia (utilizzate da 6 mesi); cereali senza latte; purea monocomponente di frutta, bacche e verdure (da 5 mesi); carne in scatola monocomponente: carne di cavallo, agnello, tacchino, ecc. (da 9 mesi); acqua specializzata per alimenti per l'infanzia.
  • Anche le madri che allattano devono seguire una dieta speciale. Dovrebbero escludere completamente dalla loro dieta frutti di mare, uova, noci, cioccolato, caffè, verdure e bacche di colore rosso e arancione, ananas, avocado, marinate, piatti piccanti, spezie, bevande gassate, ravanello, alcuni formaggi, prosciutto, birra. Il latte intero dovrebbe essere consumato solo in cereali, panna acida in condimenti per insalata.
  • Yogurt senza additivi alla frutta, grano saraceno, riso e farina d'avena, verdure e frutta (verde), zuppe (verdure e cereali), carne magra (bollita, in umido e sotto forma di cotolette di vapore) devono essere sul tavolo; pane di frumento e segale, tè, composte e bevande alla frutta.

Leggi anche:

  • Allergia alla banana nei bambini
  • Come sbarazzarsi delle allergie alla polvere?
  • Cosa fare con le allergie alle mele nei bambini?
  • Come curare la diatesi in un bambino?
  • Gocce di fenistil per bambini: applicazione, recensioni
  • Lividi sotto gli occhi di un bambino: cause

Avendo imparato il più possibile sui primi sintomi delle allergie alimentari, sarai sicuramente in grado di far fronte alle sue manifestazioni nel bambino. Il sorriso di un bambino sano e felice sarà una vera ricompensa per te!

Soprattutto per LadySpecial.ru - Snezhana

Le allergie alimentari in un bambino possono verificarsi a qualsiasi età. Questa malattia viene diagnosticata nei neonati, così come nei bambini in età prescolare e negli adolescenti. In generale, un'allergia si manifesta come una risposta del sistema immunitario umano a eventuali allergeni. Se stiamo parlando di allergie alimentari, alcuni tipi di cibo causano una reazione autoimmune del corpo. I sintomi allergici si manifestano a seguito della reazione tra l'immunoglobulina E prodotta dal sistema immunitario e l'allergene. L'allergia alimentare è una malattia grave, che ignora che può contribuire alla formazione di malattie croniche di altri organi.

La natura e il meccanismo dello sviluppo delle allergie alimentari

La reazione al cibo si sviluppa spesso molto rapidamente, non appena l'allergene entra nel tratto gastrointestinale (GIT) o dopo un po '. Di norma, la malattia si sviluppa in un contesto di interruzione del tratto digestivo. In questo caso, è possibile aggiungere sostanze chimiche agli allergeni alimentari. La reazione a coloranti alimentari o antiossidanti, sostanze aromatiche e altre sostanze è un evento molto comune. Tra un gran numero di manifestazioni allergiche, nel 70% dei casi si verifica un'allergia nei bambini ai componenti alimentari.

Il meccanismo di sviluppo della malattia è lo stesso per adulti e bambini, ha diverse fasi. Nella fase immunologica, il corpo incontra l'antigene e produce anticorpi. Quindi si formano complessi immunitari che danneggiano alcune cellule contenenti sostanze biologicamente attive (istamina, serotonina, ecc.). Questi mediatori infiammatori agiscono su tessuti e organi. In questa fase si manifestano reazioni esterne: eruzioni cutanee, aumento della motilità intestinale, espansione dei capillari, tosse, ecc..

Nel video, il Dr. Komarovsky parla delle allergie alimentari:

Cause delle allergie alimentari

La maggior parte dei pediatri moderni concorda sul fatto che le allergie alimentari nei bambini piccoli sono dovute alla mancanza di alcuni enzimi che possono scomporre proteine, grassi e carboidrati stranieri.

Tra le principali cause della malattia ci sono:

  • alimentazione impropria di una donna incinta o in allattamento;
  • alimentazione precedente o errata.

Nel video, un consulente per l'allattamento parla delle allergie nell'epatite B:

Non è auspicabile che la madre del futuro abbia agrumi e frutti di mare. Nelle ultime settimane di gravidanza, si raccomanda di abbandonare il latte intero di vacca a favore dei prodotti a base di latte fermentato. Una dieta per le allergie alimentari dovrebbe essere bilanciata, ma escludendo gli alimenti che causano reazioni autoimmuni nel paziente.

Le allergie alimentari nei bambini di età inferiore a un anno sono spesso causate dall'introduzione di componenti estranei nella sua dieta. Si consiglia di mantenere l'allattamento al seno il più a lungo possibile e di introdurre alimenti complementari nel menu del bambino prima di 6 mesi.

Sintomi della malattia

I sintomi delle allergie alimentari nei bambini si verificano dopo aver consumato cibi. Anche gli adulti circostanti che non hanno un'educazione medica speciale possono identificare i sintomi del disturbo che si è presentato..

Classificazione e tipi di manifestazioni della malattia:

  1. Reazioni cutanee: i primi sintomi di allergie alimentari nei bambini fino a un anno di età possono manifestarsi sotto forma di macchie, eruzioni cutanee e noduli. Gli spot possono essere puntati o uniti in "isole". Molto spesso si formano sul papa nei bambini. L'orticaria nei bambini è uno dei sintomi più comuni. A volte tali manifestazioni cutanee iniziano a bagnarsi, il che porta allo sviluppo dell'eczema. Il piccolo paziente è cattivo, dorme male, rifiuta di mangiare. Ai bambini di età inferiore ai 7 anni viene spesso diagnosticato lo strofolo - un'eruzione papulo-vescicolare. Accompagnato da prurito e bruciore..
  2. I disturbi digestivi si manifestano sotto forma di colica intestinale, rigurgito, vomito, gonfiore, disturbi delle feci (costipazione o diarrea). A volte nelle feci dei bambini c'è muco o strisce di sangue.
  3. Sintomi respiratori nelle allergie alimentari: rinite, tosse, starnuti.
  4. Nelle allergie gravi, il bambino sviluppa gonfiore dei tessuti molli. Colpisce le mucose del cielo e del naso, degli arti (mani e piedi), dei genitali, delle orecchie e delle palpebre. Una manifestazione allergica della malattia sotto forma di edema di Quincke è il più pericoloso dei sintomi. Se appare nell'area del tratto respiratorio, bloccando l'accesso dell'aria, questa condizione può portare alla morte.

Con allergie alimentari nei bambini, i sintomi si verificano più spesso da parte del sistema respiratorio (rinite, tosse) e della pelle (allergia al prete e allo stomaco), meno spesso digestione.

I bambini dei primi 2 anni di vita sono i più sensibili alla malattia. A volte le malattie sono accompagnate da vari tipi di dermatite atopica, che si manifestano fino a 3-4 anni. Molto spesso, si verifica un'allergia sul prete del bambino, sulla schiena, sullo stomaco.

La manifestazione di allergie alimentari in assenza di un trattamento competente e l'incapacità di escludere un allergene può assumere una forma seria. Man mano che il sistema protettivo si rafforza, gli organi digestivi e il sistema endocrino migliorano, le manifestazioni di allergie scompaiono.

Reazione alimentare gastrointestinale

Descrivendo le varie reazioni del corpo al cibo, i medici in un gruppo separato distinguono le manifestazioni gastrointestinali delle allergie alimentari nei bambini. È difficile diagnosticare questo tipo di malattia, poiché molti dei suoi sintomi sono simili a una violazione del tratto gastrointestinale..

L'allergia alimentare gastrointestinale nei bambini è caratterizzata da un danno alla mucosa gastrointestinale. Tra i principali sintomi della manifestazione della malattia, si distinguono i seguenti:

  • orticaria nei bambini piccoli;
  • eruzione cutanea che si trasforma in dermatite atopica;
  • rinite allergica;
  • apnea;
  • asma bronchiale.

A causa dell'infiammazione della mucosa dell'esofago, i bambini possono avere difficoltà a deglutire. Una mucosa della gola irritata provoca una tosse, aggravando ulteriormente la situazione. Gravi danni all'apparato digerente portano allo sviluppo di enterocolite, accompagnata da diarrea con sangue, vomito, perdita di peso, anemia.

Nei bambini di età inferiore a 1 anno, i sintomi della malattia compaiono quando il latte di mucca viene aggiunto al cibo. Nei bambini del primo anno di vita, tale disturbo è accompagnato da rigurgito frequente, flatulenza, perdita di peso e feci compromesse.

L'allergia gastrointestinale in un bambino di un anno è osservata in quasi l'80% dei casi. Tra i principali allergeni si distinguono il latte di mucca, le proteine ​​delle uova di gallina e il grano. Dopo 3-4 anni, i sintomi della malattia diventano più frequenti nei bambini che mangiano agrumi, cioccolato, fragole.

Questo tipo di disturbo viene trattato con l'aiuto di una dieta ipoallergenica speciale. Altrimenti, aumenta il rischio di allergia crociata. Quindi, nei bambini dopo gli 8 anni sullo sfondo di una malattia gastrointestinale, si verifica un'allergia al polline delle piante, ai coloranti contenuti nella tintura per capelli e ai conservanti. Rinite allergica, tosse, eruzioni cutanee si aggiungono ai problemi esistenti..

Diagnosi della malattia

In un bambino di un mese che ha ricevuto solo la miscela di latte, l'identificazione di una tale sostanza allergenica non è difficile. Un compito difficile è diagnosticare nei bambini di 6-7 mesi quando iniziano a nutrire.

Nei bambini di età superiore ai 6 anni che consumano già un'ampia varietà di alimenti, la diagnosi della malattia inizia con una storia medica, un'analisi della predisposizione ereditaria, del regime e della qualità del cibo. Il medico chiarisce anche l'elenco dei prodotti consumati. Un allergologo consiglierà sicuramente ai genitori di un piccolo paziente di tenere un diario alimentare in cui è necessario registrare tutti gli alimenti consumati, la loro quantità e il tempo di ammissione. Nello stesso diario viene descritta la reazione al prodotto: se il colore della pelle è cambiato, se è apparso il prurito, ecc. Un diario così dettagliato viene conservato per circa 2-3 settimane e poi passato al medico curante per l'analisi.

Metodi diagnostici di laboratorio:

  1. Il sangue viene prelevato da una vena e sottoposto ad analisi immunologiche..
  2. Per i bambini di età superiore ai 5 anni, un allergologo può prescrivere test cutanei. Per fare questo, vengono fatti piccoli tagli sulla pelle, su cui vengono applicate piccole dosi di allergene. La reazione all'allergene appare entro cinque-dieci minuti sotto forma di arrossamento o gonfiore.

I metodi di laboratorio per l'analisi degli anticorpi contro il gruppo di allergeni sui prodotti sono efficaci e praticamente non causano disagi ai piccoli pazienti.

Trattamento del disturbo

Il trattamento delle allergie alimentari nei bambini inizia con un'analisi della dieta di una madre che allatta o di una persona malata, se non è allattato al seno.

Nel video, dottore in scienze mediche, dietologo S.G. Makarova parla della manifestazione e del trattamento delle allergie alimentari:

Le allergie alimentari nei bambini fino a un anno, di regola, scompaiono completamente non appena mamma e bambino passano a una dieta ipoallergenica.

È necessario trattare la malattia in modo globale, vale a dire:

  1. Dal menu di una persona allergica o di una madre che allatta, è necessario escludere completamente i prodotti che causano reazioni. Il periodo di prescrizione è fissato dal medico, ma non meno di 1 mese.
  2. Il medico prescrive alcuni farmaci. Molto spesso, si tratta di antistaminici sotto forma di compresse, gocce, unguenti. Un medicinale prescritto per un bambino potrebbe non essere adatto per un altro. Ecco perché è così importante non automedicare e consultare uno specialista.
  3. Nel trattamento delle manifestazioni cutanee, un allergologo può prescrivere pomate a base di catrame o zinco. Nei casi più gravi, quando un'eruzione cutanea grave si trasforma in eczema, il medico può prescrivere farmaci ormonali.
  4. Con le ferite umettanti sulla pelle, le procedure dell'acqua devono essere limitate a 1 volta in 7-10 giorni.
  5. Prurito e ferite sulla pelle del bambino guariscono quando si usano bagni a base di erbe medicinali. Può essere tasse da una stringa, camomilla, timo. Tali vasche da bagno sono particolarmente rilevanti quando si verificano allergie nel sacerdote e negli arti..

Al fine di prevenire la malattia, non vale la pena introdurre nel cibo dei neonati complesse puree di frutta e verdura prima di 8 mesi. È meglio rimandare carne e pesce in scatola fino a quando non raggiunge i 9-10 mesi. Se hai sintomi di natura allergica, qualsiasi esperimento con il cibo dovrebbe iniziare a partire dai 2 anni, quando il corpo dei bambini diventa più forte.

L'allergia alimentare è una malattia che la maggior parte dei bambini subisce nei primi anni di vita. In questo caso, i principali allergeni sono latte di mucca, uova, pesce, frutta, in particolare agrumi e alcune verdure. In generale, tutti i prodotti e le loro combinazioni possono essere tra gli allergeni durante questo periodo..

Cause di allergie nei bambini

I principali fattori che influenzano lo sviluppo di allergie nel neonato sono:

  1. predisposizione ereditaria;
  2. dieta della madre durante la gravidanza e l'allattamento.

Le allergie alimentari derivanti dall'infanzia possono successivamente innescare lo sviluppo di altre forme di malattie allergiche (

, asma bronchiale, ecc.) e varie malattie croniche di qualsiasi sistema del corpo.

Se è estremamente difficile influenzare un fattore come una predisposizione ereditaria, regolare il menu di una donna incinta e in allattamento non è solo possibile, ma anche necessario.

Durante questi periodi importanti, dovrebbe limitare il consumo o eliminare completamente alcuni alimenti dalla dieta, il che ridurrà al minimo la probabilità di allergie alimentari nel neonato:

  • cibi affumicati, fritti e grassi;
  • dolci, cacao e prodotti derivati;
  • caffè, tè, bevande gassate contenenti caffeina;
  • salse piccanti e condimenti, cipolle e aglio;
  • arance fresche e in scatola, mandarini e altri agrumi, angurie e meloni, uva e ananas, nonché succhi di queste bacche e frutti;
  • carne, pesce, verdure in scatola e semilavorati;
  • patatine, snack, semi di girasole, noci;
  • tipi di formaggi a pasta molle: camembert, mascarpone, mozzarella, ecc.;
  • piatti a base di funghi e funghi;
  • frutti di mare: gamberi, cozze, granchi, calamari, ecc.;
  • bevande alcoliche, in particolare spumanti e champagne.

La base della dieta di una donna incinta e in allattamento dovrebbe essere:

  • carne bollita, salsicce cotte di alta qualità;
  • un pesce;
  • latte e prodotti derivati: panna acida, ricotta, kefir, formaggi a pasta dura;
  • una varietà di cereali da cereali, nonché cereali appositamente progettati per la gravidanza e l'allattamento;
  • insalate condite con olio vegetale o panna acida a basso contenuto di grassi;
  • bacche, frutta e verdura fresche;
  • zuppe di carne debole o brodo vegetale;
  • pane integrale o di segale, meglio con crusca;
  • bevande di frutta e bacche: bevande di frutta, composte, succhi senza zucchero, tè debole senza erbe e aromi.

Le allergie alimentari nei bambini possono essere scatenate da altri fattori:

  • breve durata dell'allattamento al seno;
  • la prima ingestione di possibili allergeni nel corpo di un bambino in tenera età;
  • ingestione frequente di un allergene nel corpo;
  • alta permeabilità della mucosa gastrica;
  • composizione alterata della microflora intestinale, causata da qualsiasi malattia del bambino;
  • riduzione dell'immunità intestinale;
  • sovralimentazione costante del bambino;
  • nutrizione squilibrata e monotona;
  • insufficiente pulizia dei piatti per il bambino o mancanza di igiene durante la cottura.

Un fattore come la breve durata dell'allattamento al seno, spesso diventa la principale causa di allergie alimentari nei neonati. L'alimentazione naturale è la migliore prevenzione di molte malattie, poiché il latte materno contiene un complesso di tutti i nutrienti necessari per il bambino, vitamine, minerali, ormoni ed enzimi. Rafforzano l'immunità dei bambini e contribuiscono allo sviluppo del bambino.

Ecco perché l'alimentazione aggiuntiva dei bambini che soffrono di allergie alimentari dovrebbe corrispondere ai termini specifici stabiliti per ciascuno dei prodotti:

  • purea di frutta - 3,5-4 mesi;
  • succhi di frutta e bacche - 4-4,5 mesi;
  • puree vegetali e olio vegetale - 4,5-5 mesi;
  • porridge a base di miscele di soia o idrolizzato proteico, nonché burro fuso - 5-5,5 mesi;
  • biscotti non commestibili - 7 mesi;
  • pane integrale e prodotti lattiero-caseari - 9-10 mesi.

La principale minaccia per i bambini è i seguenti prodotti: allergeni alimentari:

  • latte vaccino, cereali e miscele a base di esso;
  • uova di gallina, prodotti farinacei con aggiunta (pasta e biscotti);
  • piatti a base di funghi e funghi (zuppe e salse);
  • noccioline
  • pesce, caviale e frutti di mare;
  • miele;
  • cioccolato, cacao e caffè;
  • frutta e verdura di rosso e arancio;
  • soia e prodotti derivati.

I principali sintomi di allergie

Il sintomo più comune delle allergie infantili in 2-4 mesi, cioè quando si passa all'alimentazione artificiale, è la dermatite atopica: lesioni cutanee sotto forma di arrossamento, varie eruzioni cutanee (orticaria), occhiaie, gonfiore delle labbra, secchezza, desquamazione e prurito della pelle, crepe nella lingua, gonfiore delle palpebre e delle estremità, nonché eczema essudativo (piangente). Quest'ultima è la manifestazione più tipica della dermatite atopica: compaiono macchie rosse sulle guance e sulla fronte del bambino, che alla fine iniziano a bagnarsi e si ricoprono di vescicole. A poco a poco, le macchie si diffondono ad altre parti del corpo e il bambino diventa irrequieto, spesso piange ed è cattivo, con difficoltà ad addormentarsi.

Altri sintomi di allergie nei bambini:

  • disturbi digestivi: rigurgito frequente e vomito, mal di stomaco e coliche intestinali, diarrea con muco o costipazione, flatulenza, sanguinamento intestinale;
  • danno all'apparato respiratorio: congestione e gonfiore nasale, naso che cola e starnuti, respiro corto, arrossamento della gola, bronchite, infiammazione dell'orecchio, ecc.;
  • manifestazioni nervose: aumento dell'irritabilità e dell'ansia del bambino, aumento dell'attività motoria, disturbi del sonno, manifestazioni di paura;
  • una combinazione di questi sintomi.

La durata della manifestazione dei sintomi di allergia nei diversi bambini varia: da pochi giorni a pochi minuti. A diverse età, anche le manifestazioni di allergie in un bambino possono variare: la "composizione" dei cambiamenti di allergeni, le reazioni del corpo a un particolare cambiamento di allergeni - da costante a ciclica e viceversa. È anche possibile una completa mancanza di reazione con un piccolo consumo di un prodotto allergenico.

Diagnosi e terapia

La manifestazione di un'allergia in un bambino, contrariamente a tutte le misure preventive, richiede innanzitutto la diagnosi corretta: è necessario redigere un elenco accurato e completo di allergeni. Gran parte di questo contribuisce all'attenzione dei genitori, al loro costante monitoraggio della reazione del corpo del bambino a determinati prodotti e al mantenimento di un diario alimentare.

Nel diario alimentare, su raccomandazione del medico pediatrico, il menu giornaliero del bambino deve essere registrato per un certo periodo di tempo (in media 1 settimana). Vengono tenuti registri che indicano la composizione dei piatti, il tipo di lavorazione dei prodotti, la quantità e il tempo di alimentazione, nonché le eventuali reazioni negative del corpo del bambino.

Insieme a un sondaggio dei genitori durante la diagnosi, viene applicato il metodo dei test cutanei, ma solo ai pazienti che hanno raggiunto l'età di 2 anni. Pertanto, questo metodo, nonostante la sua efficacia, non può essere applicato ai neonati. Un esame del sangue di laboratorio di un bambino aiuta anche a determinare la fonte di allergie..

Quando si conferma la diagnosi di "allergia" e si stabiliscono le sue cause, lo specialista prescrive il trattamento e fornisce le raccomandazioni necessarie. Il compito dei genitori è seguire rigorosamente tutte le istruzioni del medico e in nessun caso essere coinvolti nel trattamento dei "metodi della nonna": ciò può causare una esacerbazione delle reazioni allergiche.

Il principale metodo di trattamento delle allergie infantili è la terapia dietetica, che può anche essere combinata con i farmaci - antistaminici.

  • esclusione dalla dieta degli allergeni;
  • stretta aderenza alla dieta;
  • monitoraggio continuo della qualità del prodotto -

e comprende 3 fasi:

  1. Dieta ipoallergenica non specifica: tutti i sospetti allergeni e prodotti industriali sono esclusi dal menu. Il consumo di piatti con un forte odore e sapore, così come i prodotti lattiero-caseari e di acido lattico è ridotto. Pertanto, vengono rilevati prodotti contenenti allergeni..
  2. Selezione di una dieta individuale e dieta, che deve essere seguita per 1-3 mesi.
  3. Espansione graduale del menu del bambino attraverso l'introduzione di nuovi prodotti, ad eccezione degli allergeni palesi.

Allo stesso tempo, la dieta del bambino dovrebbe rimanere varia ed equilibrata per tutto il tempo della terapia dietetica..

Prevenzione delle allergie con una predisposizione ereditaria

I genitori che soffrono di allergie o i cui familiari hanno questa malattia dovrebbero imparare alcune regole nutrizionali per il bambino, che sono obbligatorie per:

  1. Fin dall'inizio, il bambino deve prendere l'abitudine di mangiare cibi con un contenuto minimo di sale e zucchero, senza additivi aromatici.
  2. Purea e succhi di frutta e verdura (non rossi e non arancioni!) Dovrebbero essere preparati senza latte e miscele di latte e inseriti nel menu del bambino non prima di 3 mesi.
  3. Le verdure devono essere tritate finemente e cotte in acqua fredda per almeno 12 ore prima della cottura.
  4. Uova di gallina sostituite con quaglie.
  5. Sciogli il burro prima di aggiungerlo al porridge.
  6. Sostituisci i brodi di carne con i brodi vegetali.
  7. Carne a basso contenuto di grassi - carne di cavallo, manzo, coniglio - può essere somministrata solo da 5-7 mesi, pesce - da 1 anno, latte di mucca - da 1,5 anni.

Oggi, per i bambini nei quali si manifesta un'allergia durante il periodo dell'allattamento al seno, vengono prodotti molti prodotti e miscele ipoallergenici speciali. I bambini con allergie di età superiore ai 2 anni devono includere un minimo di potenziali allergeni nella loro dieta. Ai bambini in età prescolare e ai bambini delle scuole elementari vengono mostrati piatti vegetariani e sono controindicati i prodotti appartenenti al gruppo dei principali allergeni alimentari, nonché i piatti complessi di un gran numero di componenti. Anche gli adolescenti allergici hanno le loro abitudini alimentari..

In ogni caso, le specifiche della dieta di un bambino allergico dovrebbero essere stabilite da uno specialista che esamina il paziente, analizza il diario alimentare, sviluppa una dieta rigorosa e, se necessario, prescrive antistaminici.

L'allergia alimentare nei bambini è una malattia caratterizzata da ipersensibilità al cibo..

Gli allergeni sono sostanze che scatenano reazioni allergiche. Le proteine ​​negli alimenti sono i colpevoli delle allergie alimentari. Gli allergeni alimentari possono cambiare le loro qualità durante il trattamento termico. Solo in alcuni, l'allergenicità diminuisce, mentre in altri, al contrario, cresce.

L'azione di un allergene provoca una serie di reazioni allergiche. Il corpo sintetizza le immunoglobuline E, compaiono sintomi allergici. La reazione del corpo può essere subito dopo aver mangiato il prodotto, oppure può apparire dopo qualche tempo.

Le allergie in un bambino possono essere complicate da sintomi non specifici. Le allergie alimentari nei bambini (in particolare i bambini) possono anche essere accompagnate da vomito, rigurgito, gonfiore, coliche, disturbo delle feci, naso che cola di natura allergica. Il motivo è che nei bambini con allergie soffre anche il tratto gastrointestinale.

Il segno più pericoloso di un'allergia è l'edema di Quincke. Con esso, la pelle e le mucose si gonfiano molto rapidamente, si osserva una tosse che abbaia, mancanza di respiro. Consultare immediatamente un medico, il bambino può soffocare!

Sintomi di allergie alimentari nei bambini

Con allergie alimentari nei bambini, i sintomi sono arrossamento, eruzione cutanea. Sulle guance, la pelle del bambino può staccarsi. Si noti che le allergie alimentari nei bambini sono molto spesso ereditate. Inoltre, se il bambino è allattato al seno, i prodotti che sua madre consuma sono interessati. Miscele artificiali, nutrizione mista, antibiotici possono causare la malattia. Le malattie infettive subite dalla madre durante la gravidanza possono lasciare il segno.

Si ritiene che se una madre ha abusato di prodotti altamente allergenici durante la gravidanza e fumato, allora la probabilità di allergie in un bambino è alta.

Prima di tutto, devi consultare un pediatra.

Se c'è un'allergia alimentare nei neonati, la madre dovrebbe cercare di mantenere l'allattamento al seno fino a 6 mesi, non di dare cibo per bambini. La mamma è semplicemente obbligata a monitorare la sua dieta, non a mangiare cibi allergenici. È necessario monitorare le feci del bambino, per evitare la costipazione. Mentre il bambino è piccolo, cerca di escludere il contatto con gli animali domestici. Spesso si sviluppa un'allergia su cosmetici, indumenti sintetici. Quando scegli i vestiti, dai la preferenza al naturale e quando scegli i detergenti: prodotti ipoallergenici, preferibilmente di fabbricazione russa. Non usare profumi e il bambino compra cosmetici per bambini ipoallergenici. Tutto ciò che un bambino viene a contatto dovrebbe ridurre al minimo il rischio di allergie..

Trattamento delle allergie alimentari nei bambini

Con le allergie alimentari nei bambini, il trattamento deve essere effettuato in modo integrato!

Si consiglia a tutti i pediatri di continuare l'allattamento il più a lungo possibile. Una dieta aiuterà ad eliminare il contatto con gli allergeni. Se non c'è contatto aggressivo, il sistema immunitario del bambino funzionerà normalmente. Evitare tutti gli alimenti che possono contenere allergeni alimentari. Se le allergie alimentari nei neonati, devi aderire a una dieta rigorosa non solo per il bambino, ma anche per la madre. Sappi che anche minime quantità di allergeni con latte materno passeranno nel corpo del bambino. Una dieta rigorosa per i bambini con alimentazione artificiale è il passaggio a una miscela ipoallergenica.

Per i bambini più grandi, scegli una dieta, consiglia la nutrizione, la durata della terapia dietetica può essere solo un medico!

Il sistema immunitario deve recuperare, formare una protezione stabile contro gli allergeni.

Cosa prescrivono i medici per le allergie?

- Accettazione di preparati assorbenti. La medicina Enterosgel aiuta l'organismo a rimuovere le tossine, le sostanze nocive.

- Trattamento della disbiosi. L'intestino deve essere popolato con batteri benefici, poiché la disbatteriosi può svilupparsi sullo sfondo di un'allergia. I medici raccomandano le capsule Linex, Bifidumbacterin.

- Per le allergie scende Fenistil.

Allergie alimentari nei bambini, il trattamento dipende dalla gravità della condizione del bambino, da sintomi specifici. La scelta dei farmaci e la durata del loro uso è determinata dal medico.

Cosa fare se il bambino è allergico?

Se l'allergia si manifesta sotto forma di un'eruzione cutanea, dopo aver applicato un nuovo rimedio (ad esempio, crema per bambini o shampoo), allora è sufficiente non utilizzare più questo rimedio.

Se sospetti che il bambino abbia un'allergia alimentare, inizia con un esame. Prima di tutto, il medico esaminerà, si interesserà alla dieta, traccerà la connessione tra l'assunzione di determinati prodotti e le allergie. Sono necessarie analisi per determinare gli allergeni alimentari..

La consulenza di un pediatra, allergologo pediatrico, nutrizionista ti aiuterà.

In un esame del sangue per le allergie, il livello di immunoglobulina totale E è alto. Il numero di eosinofili nell'analisi del sangue può anche essere aumentato.

L'ecografia degli organi addominali viene eseguita in presenza di sintomi dallo stomaco e dall'intestino, per escludere la natura non allergica.

Se dopo l'assunzione di farmaci allergici e l'esclusione di prodotti allergici sospetti dalla dieta del bambino, si nota un effetto positivo, allora ci sono prove indirette di una diagnosi di allergia.

Nel caso delle allergie alimentari nei neonati, il sangue viene prelevato da una vena per determinare allergeni causalmente significativi e viene determinata una specifica immunoglobulina E. I bambini più grandi e adulti vengono sottoposti a un metodo di test cutaneo. Per questo, il medico utilizza un set standard di allergeni di riferimento..

I genitori non dovrebbero fare affidamento solo sui test. Una madre può identificare le allergie monitorando la nutrizione del bambino e l'effetto dei prodotti sulle condizioni del corpo e della pelle. Quasi tutti i prodotti possono causare una reazione allergica, quindi è difficile creare una dieta ipoallergenica. È necessario escludere i prodotti a cui il bambino ha già notato un'allergia, nonché i prodotti che molto spesso causano allergie. Questi prodotti includono: latte di mucca, uova, cioccolato, agrumi, verdure e frutti di colore rosso e arancione, pesce, frutti di mare. Non dovrebbero essere nella dieta di un bambino soggetto ad allergie fino a 1-2 anni. Aggiungi con attenzione nuovi alimenti alla dieta. Con allergie alimentari nei bambini, è necessario tenere un diario alimentare. Correggi tutti i tipi di reazioni allergiche a nuovi alimenti.

È necessario escludere uova, funghi, caffè, cacao, piatti piccanti e salati, spezie, cibi in scatola, frutti rossi e arancioni, maionese, salsa. I prodotti contenenti conservanti, coloranti, sostituti dello zucchero, prodotti affumicati, bevande gassate sono severamente vietati. Si raccomanda di limitare la pasticceria, lo zucchero, il latte intero. Possono essere utilizzati prodotti a base di latte acido, cereali, verdure e frutta di colore verde e bianco..

Semplici consigli per affrontare le allergie

- Si consiglia di riscaldare il cibo. La loro allergia quindi diminuisce, poiché le proteine ​​vengono parzialmente distrutte.

- I cibi in scatola sono vietati ai bambini piccoli, poiché contengono aceto e sale.

- La nutrizione dovrebbe essere equilibrata, completa, varia. Il regime giornaliero, la dieta dovrebbe essere osservata.

La domanda è rilevante: il bambino smetterà di manifestare allergie da grande? Con l'età, il sistema immunitario del corpo migliora, il lavoro dell'intestino, il fegato. Quindi, voglio rassicurare i miei genitori. Nella maggior parte dei bambini in età adulta, le allergie alimentari regrediscono.

Che cos'è un'allergia alimentare? Questa è intolleranza a determinati alimenti, che è espressa dalla formazione di corpi protettivi prodotti dall'immunità umana. Poiché alcuni tipi di prodotti causano una reazione irritante più spesso, non esiste solo un individuo, ma anche una dieta generale per le allergie alimentari negli adulti e nei bambini.

Sintomi della malattia nei bambini

Una reazione irritante agli alimenti si verifica spesso quando si mangiano alimenti che contengono composti proteici. Il corpo inizia a resistere attivamente all'allergene e secerne anticorpi che sopprimono la sostanza nociva. Ma vengono prodotti troppi corpi immunitari, con conseguente reazione negativa e infiammazione..

Come si manifesta un'allergia alimentare e come si presenta una persona che soffre di un tale disturbo? Negli adulti e nei bambini, la reazione è leggermente diversa. Segni di allergie alimentari nei bambini:

  • Un'eruzione cutanea di una tonalità rossastra, possono verificarsi graffi alla pelle. Il bambino si comporta a disagio, rifiuta di mangiare, il suo schema del sonno è disturbato.
  • Malfunzionamenti dell'apparato digerente, che è accompagnato da un ritardo nelle feci o diarrea, vomito e nausea.
  • Rigonfiamento. Spesso compaiono su mani, palpebre, piedi, mucose del naso e del palato del bambino, orecchie e organi genitali. Prestare particolare attenzione per prevenire l'edema polmonare..

Le allergie alimentari possono portare a gravi complicazioni. I più pericolosi sono:

  • Shock anafilattico, che può essere fatale.
  • Gonfiore della laringe, che provoca soffocamento, a causa del quale il bambino potrebbe morire.

Pertanto, i genitori, i cui figli hanno manifestato questa malattia, non dovrebbero sorgere la domanda: "Cosa fare delle allergie alimentari". La risposta è semplice: consultare immediatamente un medico.

Classificazione

L'allergia alimentare è divisa in due tipi: latente e pronunciato. La prima categoria è dinamica. Quando una persona consuma spesso o in grandi quantità un prodotto allergenico, la malattia diventa cronica. Se il paziente esclude completamente il prodotto dal menu, inizia la fase di riposo. Il modulo nascosto è suddiviso nelle seguenti categorie:

  • Tutto l'anno: può verificarsi per giorni nel tempo.
  • Salto: una forte reazione ai cibi che di solito non causano irritazione, spesso accompagnata da emicrania.
  • Temperatura. Una esacerbazione inizia durante l'ipotermia, i segni di allergia sono più veloci.
  • Concomitante quando i sintomi di una reazione irritante si manifestano contemporaneamente su odori e prodotti.

Con una forma pronunciata, la reazione inizia quasi immediatamente dopo l'uso di prodotti allergenici. Il cibo con allergie alimentari dovrebbe eliminare completamente gli elementi allergenici.

Segni di allergie alimentari negli adulti

Uno dei sintomi di un'allergia alimentare può essere prurito, arrossamento e gonfiore degli occhi..

I sintomi delle allergie alimentari negli adulti sono i seguenti:

  1. Un'eruzione si forma sul corpo. Può diffondersi in tutto il corpo o localizzarsi in un unico posto. Inizia il bruciore e il prurito dei tessuti interessati. Molto spesso, il paziente è tormentato da malattie della pelle come:
  • Orticaria. I suoi sintomi: eruzione cutanea rossa e vesciche sulla pelle.
  • Dermatite atopica.
  • L'edema di Quincke.
  1. Può verificarsi gonfiore. Dovrebbe essere attento, il gonfiore della laringe può causare soffocamento.
  2. La temperatura aumenta leggermente. Ci sono salti della pressione sanguigna - può aumentare o diminuire. L'umore è instabile, una persona si sente debole. Potrebbe avere mal di testa.
  3. Fallimento nella modalità di sonno, i bambini spesso soffrono di insonnia.
  4. La cavità orale inizia a prudere e prurito, le labbra e la lingua si gonfiano e perdono sensibilità.
  5. L'udito sta peggiorando.
  6. Le feci sono rotte: si possono osservare sia la diarrea che la costipazione. Tutto ciò è spesso accompagnato da coliche e flatulenza..
  7. Il paziente soffre di vomito e nausea costante, che può verificarsi dopo aver mangiato o poche ore dopo averlo mangiato. Spesso questo è accompagnato da dolore all'addome e coliche.
  8. Occhi arrossati e prurito, lacrime spiccano da loro.
  9. Si verificano fallimenti del tratto digestivo, l'appetito peggiora, si sente pesantezza allo stomaco.
  10. Il paziente spesso inizia a tossire e starnutire, la respirazione è difficile.

Un'allergia al viso, alle mani e ad altre parti del corpo viene eliminata con l'aiuto di farmaci e una dieta selezionata individualmente dal medico. La difficoltà sta nel fatto che a volte il paziente non sa di soffrire di una reazione allergica e non di malattie virali respiratorie o della pelle.

Le allergie alimentari a volte possono essere accompagnate da nausea e vomito..

I sintomi delle allergie alimentari hanno maggiori probabilità di manifestarsi nei bambini rispetto agli adulti e scompaiono dopo i primi anni di vita. Quanto è veloce un'allergia? I segni della malattia possono essere osservati sia dopo i primi minuti di consumo del cibo, sia 4-6 ore dopo la sua assunzione.

Cause di allergie alimentari nei bambini

I seguenti fattori di rischio influenzano il rilevamento di allergie alimentari nei bambini:

  1. Eredità: se la madre o il padre hanno un'allergia, molto probabilmente, questo si manifesterà nel bambino.
  2. Abuso di una futura madre con determinati alimenti durante la gravidanza, in particolare pesce o latte.
  3. Alimentazione precoce.
  4. Alimentazione irrazionale, quando l'età e il peso del bambino non corrispondono alla quantità di cibo consumato.
  5. Antibiotici somministrati nel primo anno di vita di un bambino. Lo sviluppo principale del sistema immunitario si verifica nei primi anni di vita di un bambino. Le compresse possono portare a guasti irreversibili in questo processo..
  6. Igiene eccessiva. Il fatto è che i genitori cercano di proteggere il loro bambino da eventuali microrganismi dannosi. Ma l'immunità del bambino è sempre in allerta e, a causa dell'assenza di fattori negativi, il corpo inizia a rispondere anche a sostanze sicure.
  7. Malformazioni congenite e malattie del tratto gastrointestinale e dei dotti biliari.
  8. Disturbi endocrini.
  9. L'uso di alimenti per lattanti a cui il bambino è allergico. Pertanto, una dieta speciale è raccomandata per tutte le donne che allattano..

Perché l'allergia alimentare appare negli adulti

Le seguenti cause contribuiscono alla manifestazione di allergie alimentari negli adulti:

  • Violazione della dieta, quando gli intervalli tra il mangiare sono troppo brevi o lunghi, per questo motivo, si verificano interruzioni nella secrezione dello stomaco, che spesso porta alla gastrite.
  • Insufficienza del sistema immunitario.
  • Esposizione permanente a sostanze irritanti.
  • Infiammazione nel tratto digestivo, a causa della quale l'ostruzione vascolare peggiora.
  • Interruzioni dell'assorbimento dei nutrienti.

Inoltre, il paziente può essere tormentato da un'allergia agli additivi alimentari, quando la reazione non si verifica sul prodotto, ma su coloranti, aromi, emulsionanti e altri ingredienti. Molto spesso, una reazione negativa del corpo è causata da: tartrazina - dà una tinta giallastra ai prodotti, glutammato di sodio - viene utilizzata per l'inscatolamento, beta-feniletilamina, che fa parte del cioccolato e dei formaggi.

Perché si verifica allergia alimentare

Le allergie alimentari negli adulti derivano dalla produzione di immunoglobuline E, al fine di neutralizzare gli effetti di una sostanza che il corpo considera pericolosa. L'immunità elabora attentamente l'allergene e lo riconosce in vari prodotti con la stessa consistenza. Pertanto, l'elenco proibito può contenere diversi elementi. A questo proposito, possiamo concludere che le allergie non si verificano sui prodotti, ma sulle sostanze che contengono, sulla loro quantità e proprietà chimiche.

Coloranti e conservanti spesso causano allergie..

Se l'immunità non considera la sostanza pericolosa, l'immunoglobulina A entrerà nel sistema di formazione del sangue, quando una persona consumerà ripetutamente questo prodotto, il corpo lo determinerà e le allergie non lo faranno.

La digestione e l'assorbimento dei nutrienti si verificano a causa del tratto gastrointestinale, del sistema endocrino e biliare, delle mucose intestinali. Gli elementi si disintegrano in composti che non presentano proprietà irritanti. Se i prodotti non sono completamente decomposti, la parete intestinale rimane impenetrabile per loro..

C'è anche intolleranza alimentare, che molte persone confondono con le allergie. Si differenzia per il fatto che non è causato da una reazione a un elemento specifico, ma da malattie, a causa delle quali si verificano interruzioni dell'assorbimento dei nutrienti. Queste sono malattie del tratto gastrointestinale, dotti biliari, malattie endocrine, fermentopatia e altre malattie.

Se la sindrome allergica è grave, è espressa come segue:

  • La lingua si gonfia, diventa difficile deglutire, si avverte mal di gola. Questi sintomi possono essere un segno dell'edema di Quincke..
  • Vertigini, la vista si deteriora, una persona sente letargia e debolezza. La pressione sanguigna diminuisce, l'ipotensione si manifesta.

In questo caso, devi chiamare un'ambulanza.

Elenco dei prodotti allergenici

Le allergie al viso e ad altre parti del corpo nei bambini e negli adulti compaiono spesso dopo aver mangiato prodotti allergenici che provocano una reazione irritante. Principalmente:

  • Latticini e uova, in quanto includono molti composti proteici.
  • Frutti di mare e pesce.
  • Cereali. Soprattutto grano, riso, avena, mais, pisello, grano saraceno.
  • Funghi.
  • Carne, in via prioritaria - agnello e maiale.
  • Fagioli e noci (soprattutto arachidi), soia.
  • Dolci. Molto spesso è miele e cioccolato..
  • Frutta, bacche rosse e verdure. La reazione a ciascun prodotto si manifesta separatamente..

Soprattutto spesso le persone sono allergiche a melone, agrumi, pesche, zucchine, patate, prugne e carote.

Ciò che la ricerca deve essere fatta

La diagnosi delle allergie alimentari viene effettuata utilizzando i seguenti metodi:

  1. Identificazione del grado e dell'insorgenza dei sintomi. È anche necessario scoprire quali alimenti sono stati consumati prima dell'eruzione cutanea e di altri segni di allergia. Il medico curante può chiedere al paziente di tenere un diario, dove dovrebbe registrare gli alimenti consumati, nonché monitorare le condizioni del corpo. Dopo aver letto il diario, il medico sarà più facile da diagnosticare e sarà in grado di determinare come trattare le allergie alimentari nel paziente.
  2. Analisi per determinare l'eziologia di una reazione allergica. Le ragioni dell'origine della malattia possono essere: un fattore genetico, cibo o malattie gastrointestinali.
  3. Ispezione. Il medico curante verifica se il paziente ha gonfiore della laringe, nonché eruzione cutanea e arrossamento sul corpo.
  4. Un esame del sangue per un'allergia alimentare che mostra il numero di corpi immunitari per irritante. Il paziente dona sangue in cui viene introdotto l'allergene, dopo di che lo specialista determina la presenza di anticorpi verso questo elemento.

Test cutanei per la diagnosi di allergie alimentari

  • Test cutanei. Irritanti come coloranti o estratti vengono introdotti nella pelle dell'avambraccio. Se il paziente ha una reazione allergica a un allergene specifico, si forma una vescica rossa sulla pelle. Se dopo mezz'ora non viene rilevato arrossamento, si conclude che la sostanza per il corpo non è allergenica.
  • La procedura deve essere eseguita con estrema attenzione, poiché potrebbero esserci complicazioni:

    • È stata introdotta una reazione irritante a diversi allergeni, che può provocare edema laringeo e diminuzione della pressione sanguigna..
    • Reazione ritardata quando compaiono sintomi di allergia alimentare solo poche ore dopo l'introduzione di sostanze irritanti.
    • Una reazione incontrollata, ad esempio, se si formavano graffi sulla pelle al momento dell'introduzione di allergeni. Cura questi danni per molto tempo, a volte rimangono delle cicatrici.
    1. Ulteriori consultazioni con un terapista o un ginecologo. Il pediatra guarda i bambini.

    Come trattare le allergie alimentari

    Preparati farmaceutici

    Come curare le allergie alimentari? È quasi impossibile farlo completamente. Ma vale la pena ridurre i sintomi della malattia.

    Il trattamento delle allergie alimentari negli adulti e nei bambini include l'uso dei seguenti farmaci:

    1. Si possono usare pomate ormonali e non ormonali, in forma grave, un medicinale o compresse contenenti sostanze ormonali.
    2. Sorbenti che aiutano a rimuovere gli allergeni dal corpo e migliorare le condizioni del paziente.
    3. Un antistaminico che elimina il processo infiammatorio. Inoltre, le compresse normalizzano l'azione del sistema immunitario umano, riducendo il numero di anticorpi secreti. Come trattare le allergie? Buon aiuto: Ebastin, Claritin, Cetirizine e suoi analoghi, ad esempio Allertek e Zirtek, nonché Telfast e Loratadin.

    Non solo le pillole, ma anche le infusioni aiutano a rimuovere i sintomi di allergia. I decotti a base di celidonia, spago e dente di leone sono particolarmente efficaci. Le erbe possono essere versate nell'infusione per somministrazione orale, nonché impacchi e bagni alle erbe con la loro aggiunta.

    Come sbarazzarsi delle allergie alimentari: esistono metodi simili? Esiste un tale metodo di trattamento delle allergie alimentari come immunoterapia specifica per allergeni, quando una quantità molto piccola di anticorpi verso una sostanza irritante viene somministrata a un paziente. A poco a poco, la sensibilità ad esso diminuisce e aumenta il numero di anticorpi. Questo metodo può ridurre al minimo le allergie o addirittura eliminare i sintomi. Ma il metodo viene mostrato solo quando il prodotto non può davvero essere eliminato, ad esempio, può essere latte per i bambini. Il latte di mucca provoca una reazione irritante nel 90% dei neonati, il 98% dei bambini con intolleranza alimentare soffre di allergie ai prodotti ittici.

    Ma anche il complesso farmacologico e altri metodi di terapia potrebbero non aiutare con le allergie a arachidi, noci, pesce e crostacei.

    Terapia dietetica

    La cosa più importante con le allergie alimentari è una corretta alimentazione.

    Con le allergie alimentari, viene prescritta una dieta speciale, che è divisa in due forme:

    • Non specifico. Tutti gli alimenti che sono in grado di causare un sintomo allergico sono vietati. Succede anche se non è stato possibile determinare l'allergene..
    • Esclusivo, in cui è necessario escludere l'irritante in tutti i piatti, anche in piccole quantità.

    La prevenzione delle allergie alimentari comprende le seguenti regole:

    1. Puoi mangiare solo cibi freschi.
    2. I nuovi alimenti dovrebbero essere consumati con estrema cautela..
    3. Prendi l'abitudine di visualizzare l'elenco degli ingredienti che compongono i prodotti.
    4. Rimuovere gli alimenti contenenti allergeni dalla dieta.

    La terapia dietetica deve essere prescritta dopo aver consultato un medico..

    Le allergie alimentari sono particolarmente comuni nei bambini e passano nel tempo. Ma succede che i segni di questa malattia compaiono in un adulto. L'eliminazione delle allergie è quasi del tutto impossibile. Tutte le misure sono volte a rimuovere i sintomi dal paziente e migliorare le sue condizioni.

    L'industria chimica offre costantemente alle persone nuove invenzioni progettate per migliorare la nostra vita e agire per il bene comune. Tuttavia, i componenti chimici possono influire negativamente sulla salute delle persone. Una di queste sostanze sono i coloranti, a cui molti sviluppano gravi allergie..
    (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []). push (<>);

    Perché abbiamo bisogno di coloranti?

    Coloranti negli alimenti

    Anche un bambino piccolo sa che le verdure e la frutta mature hanno colori vivaci. Questo è un istinto naturale che ti consente di scegliere i frutti più maturi tra molti altri. Anche i primati ce l'hanno, ma sono rimasti anche a livello inconscio nell'uomo.

    Molto spesso puoi trovare note che il blu riduce la fame, l'arancione migliora la vista e il verde è il più piacevole per l'occhio umano e dona giovinezza. In effetti, i coloranti influenzano solo l'aspetto del prodotto e possono solo dare segnali sul fatto che il frutto maturo o meno. Molto spesso vediamo bevande color acido e sperimentiamo involontariamente una sensazione spiacevole, perché "questa è chimica". Ciò è dovuto anche alla percezione dei colori e il daltonico a questo proposito è generalmente più semplice.

    Per loro natura, tutti i coloranti sono divisi in naturali, cioè fatti da piante, oltre che innaturali, gli stessi additivi che sono fabbricati nelle fabbriche e sono attivamente utilizzati nell'industria.

    I coloranti naturali includono:

    • Spezia
    • Fiori secchi
    • Succhi di verdura, frutta e bacche
    • Oli essenziali

    Gli innaturali includono:

    • Coloranti naturali Coloranti secchi
    • Liquido
    • pigmenti
    • Glitters
    • Madreperla
    • Sintetico

    Tutti sono usati come additivi alimentari, nonché per la produzione di abbigliamento, scarpe, altri articoli e cosmetici.

    Perché si verifica un'allergia??

    Esiste uno stereotipo: tutto ciò che è naturale è utile e tutto ciò che ha una natura chimica è dannoso. Questo è un malinteso profondo, dal momento che qualsiasi sostanza può causare allergie..

    Esistono diversi tipi di allergeni:

    1. Polline di madreperla
    2. Polvere
    3. Cibo
    4. Epidermal
    5. chimico

    I coloranti sono inclusi nel gruppo di allergeni alimentari, oltre che chimici, a seconda della loro origine. Inoltre, il numero di malati aumenta ogni anno. Gli scienziati hanno diverse ipotesi al riguardo, alcune in genere sembrano piuttosto ridicole.

    Tuttavia, ci sono una serie di fattori che contribuiscono allo sviluppo di allergie:

    1. Il fattore genetico contribuisce allo sviluppo di allergie genetiche. È il più elementare, poiché nel 90% dei casi i bambini allergici nascono allergici.
    2. Ecologico. L'inquinamento di acqua, suolo e aria influisce negativamente sulla salute umana. Si parla costantemente di questo, ma le persone continuano a vivere in condizioni costanti. Ma il corpo in questo caso è in costante stress, quindi è soggetto a reazioni allergiche e altre malattie.
    3. Malattie croniche congenite e acquisite e patologie. I problemi con il sistema immunitario, così come il cuore e il tratto digestivo, influenzano soprattutto la sensibilizzazione del corpo..
    4. Cattive abitudini, tra cui alcol e fumo. Nei genitori fumatori, un bambino nel 90% nasce con disturbi del sistema respiratorio e rientra automaticamente nel gruppo a rischio di asma bronchiale.
    5. L'abbondanza di materiali sintetici ai quali il corpo è difficile da adattare, tra cui agenti cancerogeni, conservanti, cibo e altri coloranti e così via.

    Le aziende farmaceutiche stanno sviluppando sempre più farmaci per curare le allergie e i medici stanno inventando nuovi trattamenti, ma la percentuale di persone allergiche non è diminuita nel tempo..

    Come si manifesta l'allergia?

    L'allergia ai coloranti ha sintomi pronunciati, che possono manifestarsi in vari gradi di gravità e dipendere da come il colorante interagisce con il corpo umano..

    In generale, una reazione allergica può avere i seguenti sintomi:

    1. Possibile gonfiore del viso Disturbi del sistema digestivo quando si mangiano cibi, bruciore di stomaco, diarrea, feci molli, aumento della formazione di gas, nausea e vomito, sviluppo graduale.
    2. La pelle soffre anche, possono verificarsi un'eruzione cutanea, macchie, desquamazione, forte prurito, specialmente quando il contatto corporeo con oggetti contenenti coloranti, il bambino può avere arrossamenti nelle pieghe se la pelle viene a contatto con il tessuto colorato, così come la diatesi dopo aver mangiato.
    3. Infiammazione delle mucose del naso e degli occhi, lacrimazione, sensazione di soffocamento, secrezione acquosa dal naso.
    4. Gonfiore di occhi, labbra, viso nel suo insieme, il bambino può gonfiare le braccia e le gambe, nonché il collo.
    5. Raucedine, tosse umida, respiro corto e respiro corto, broncospasmo.

    Va ricordato che un'allergia ai coloranti e ai conservanti può avere sintomi lievi, ma a volte si sviluppa molto rapidamente e si trova in condizioni incontrollate come l'edema di Quincke e lo shock anafilattico. Se noti gonfiore nel tuo bambino, consulta immediatamente un medico. Lo shock anafilattico inizia con un generale peggioramento del benessere, possibilmente formicolio e sensazione di pesantezza al petto, difficoltà respiratoria, gonfiore, crampi e confusione. In questa condizione, solo i medici possono aiutare, quindi è necessario chiamare immediatamente un'ambulanza.

    Allergia alla tintura per capelli

    Può essere allergico alla tintura per capelli

    Le donne non possono fare nulla per essere belle, ma a volte questo desiderio finisce con un fallimento. La tinta per capelli contiene pigmenti coloranti molto attivi che possono causare una forte reazione.

    Su molte vernici scrivono "Testato dai dermatologi", "Non provoca allergie". Ciò significa che una tale vernice ha un basso contenuto di sostanze nocive, ma non vi è alcuna garanzia che sia la tua pelle a non reagire in alcun modo ad essa. Più costosa è la vernice, meno composti sono pericolosi, quindi non dovresti risparmiare in nessun caso.

    Se sei allergico alla tintura per capelli, i parrucchieri possono sviluppare dermatite sulle mani, ma il proprietario di un nuovo colore soffre principalmente di cuoio capelluto. In questo caso, forte prurito, desquamazione. Se ci sono ferite sulla pelle, quando un inchiostro penetra nel sangue, è possibile una reazione anafilattica. Ecco perché è così importante applicare la vernice su una pelle sana..

    Prima di applicare qualsiasi vernice, è meglio fare un test del gomito. Applicare una piccola quantità di prodotto sulla pelle e attendere 15-20 minuti. Se appare il rossore, non dovresti usare tale vernice.
    Se si verificano sintomi spiacevoli dopo la colorazione, in nessun caso utilizzare nuovamente questa vernice, poiché la reazione può essere ancora più pronunciata e portare a conseguenze terribili.

    Come diagnosticare correttamente?

    Per la diagnosi, vale la pena contattare qualsiasi clinica in cui è presente un medico allergologo. Dopo l'esame iniziale, il medico prescriverà le procedure necessarie e condurrà la diagnosi. È molto importante scoprire qual è la natura dello stimolo. Se l'allergia è causata da un colorante naturale, è necessario regolare la dieta ed escludere questo prodotto dalla dieta. Inoltre, in questo caso, è probabile che una persona abbia la febbre da fieno, cioè un'allergia alla fioritura. Molto spesso si verificano situazioni in cui il paziente è allergico ad alcuni frutti e allergico ad alberi ed erbe in fiore.

    È più difficile diagnosticare una reazione allergica ai composti sintetici e ancora di più cercare di evitarli nella vita. Tuttavia, è possibile, ma solo uno specialista può dire tutti i dettagli..

    Metodi di trattamento e precauzioni

    Claritin per allergie

    Se sei allergico ai coloranti, devi escluderli dal contatto. Questa è la principale precauzione, che fornisce anche un trattamento efficace. Se sei allergico ai pigmenti di frutta o verdura, l'uso di prodotti di questo colore è controindicato. Ciò è particolarmente vero per i bambini, poiché il loro corpo risponde molto spesso al cibo luminoso..

    È meglio usare tessuti naturali di colori tenui che non causeranno eruzioni cutanee. È meglio rifiutare cosmetici decorativi e tinture per capelli, poiché ciò contribuirà alla manifestazione di allergie.

    Al fine di rimuovere rapidamente i spiacevoli sintomi di allergie, è possibile utilizzare antistaminici. Sono disponibili senza prescrizione medica in qualsiasi farmacia, mentre aiutano ad alleviare la condizione in 15-20 minuti.

    È importante prestare attenzione agli effetti collaterali e alle controindicazioni, nonché osservare il dosaggio. Vari gel possono essere applicati sulla pelle. Di solito sono sicuri da usare anche per i bambini, quindi puoi aiutare rapidamente il bambino e se stesso.

    Assicurati di consultare un medico per diagnosticare e fare un piano di trattamento. Questo è l'unico modo per sconfiggere le allergie e vivere la vita senza limiti..

    Le allergie alimentari possono verificarsi in un bambino di qualsiasi età. È un problema serio che è difficile da trattare in una forma trascurata. Il compito principale dei genitori con un disturbo è identificare ed escludere un allergene.

    Che cos'è l'allergia alimentare e come si sviluppa

    L'allergia alimentare è la maggiore suscettibilità del sistema immunitario ai singoli componenti del cibo. Quando un allergene alimentare entra nel corpo, il sistema immunitario produce immunoglobulina E, che reagisce con esso e provoca la comparsa di sintomi allergici.

    Cause di reazioni allergiche al cibo

    La tendenza all'intolleranza di alcuni prodotti è determinata già dai primi mesi di vita. I principali sintomi di un'allergia nei neonati sono eruzioni cutanee e prurito. Molte ragioni possono provocarlo, ecco le principali:

    1. Dieta sbagliata della madre. Spesso, una reazione allergica in un bambino si verifica quando una donna consuma agrumi, fragole, pesce, frutti di mare, latte di mucca. Una dieta ipoallergenica è di grande importanza per il normale sviluppo del feto nell'ultimo trimestre di gravidanza. Quando si usano allergeni in gravidanza, esiste un rischio di allergie nel neonato.
    2. Somministrazione precoce di miscele artificiali. L'allergia alla miscela è dovuta al contenuto di proteine ​​del latte vaccino, l'allergene più forte. Lo zucchero viene aggiunto ad alcune miscele e i bambini spesso reagiscono ai dolci con reazioni allergiche..
    3. Violazioni delle regole per l'introduzione di alimenti complementari. Un'allergia in un bambino può verificarsi in qualsiasi tipo di cibo complementare, l'introduzione di diversi prodotti contemporaneamente e persino troppo consumati.
    4. Sensibilità individuale a un componente nutrizionale specifico.

    Spesso i bambini soffrono di intolleranza al lattosio a causa della mancanza di un enzima che lo scompone. I principali sintomi di questo disturbo sono sintomi dispeptici. Spesso questa condizione è chiamata allergia al lattosio, ma questi concetti differiscono sostanzialmente nel meccanismo di sviluppo.

    Valutazione degli alimenti che causano allergie nei bambini

    Molto spesso, i bambini sono allergici alle proteine ​​del latte vaccino, pesce, noci, miele, uova, fragole, funghi, fragole, lamponi, melone, cachi, melograni, more, cioccolato, ribes nero, cacao, barbabietole, pomodori, uva, porridge di grano, sedano di segale.

    Meno spesso, la reazione si verifica su pesche, mirtilli rossi, ribes rosso, piselli, carote, albicocche, cinorrodi, peperoni verdi, mais, riso, farina d'avena e porridge di grano saraceno, tacchino, pollo, maiale, coniglio, prodotti lattiero-caseari fermentati (kefir, ricotta).

    Le reazioni allergiche a zucca, zucca, rapa, zucchine, banana, mele, ribes bianco, pere, uva spina, mandorle, lattuga, anguria, patate, prugne, agnello, manzo, pane vengono diagnosticate raramente nei neonati e nei bambini più grandi..

    Le allergie nei bambini possono verificarsi non solo con l'uso dell'allergene nella sua forma pura, ma anche con quei piatti e prodotti in cui è incluso. Ad esempio, se un bambino è allergico all'amido o al lievito, risponderà con una reazione allergica a dolci, purè di patate, kvas o gelatina. Se sei allergico al latte di mucca, il bambino potrebbe avere un'eruzione cutanea dopo aver consumato burro o panna acida.

    Vari additivi alimentari (emulsionanti, coloranti, conservanti) e alcuni microelementi possono provocare una reazione allergica e persino l'acqua può diventare un allergene se sono intolleranti..

    In alcuni bambini con ipersensibilità, anche le erbe medicinali (camomilla, finocchio, spago) e le bevande a base di essi possono causare allergie..

    Sintomi e segni di allergia alimentare in un bambino

    Si può sospettare una malattia se, dopo aver assunto un prodotto, il bambino presenta i seguenti sintomi:

    1. Manifestazioni cutanee: eruzioni cutanee sotto forma di vesciche, noduli, macchie rosse o rosa di diverse dimensioni. L'eruzione cutanea è accompagnata da prurito, peggio ancora la sera. Il bambino diventa lunatico, il sonno peggiora. L'allergia alimentare più comune è un'eruzione cutanea sotto forma di macchie traballanti.
    2. Disturbi digestivi: dopo aver assunto l'allergene, il bambino può manifestare diarrea, nausea, coliche, vomito, flatulenza, vomito, dolore addominale.
    3. Edema: indica una grave allergia. Possono apparire sul viso, sugli arti, sui genitali.
    4. Fenomeni catarrali: rinite, starnuti, tosse.

    I sintomi possono manifestarsi in una singola o intera sindrome, che dipende dalla quantità di allergene ricevuta e dalle caratteristiche del sistema immunitario..

    Se l'allergene non viene eliminato immediatamente e non aderisce alla dieta consigliata, il bambino potrebbe essere allergico a tutti i prodotti. Inoltre, lo spettro di allergeni può espandersi. Il bambino inizierà a soffrire di allergie ai medicinali (Sumamed, altri antibiotici, sciroppi per la tosse), peli di animali domestici (gatti, criceti, cani), polline di piante o muffe.

    Nelle persone allergiche, varie malattie sono più gravi che nei bambini sani. Ciò è dovuto al fatto che l'allergia al suo agente patogeno (virus, funghi) si unisce anche ai principali sintomi della malattia.

    Le allergie alimentari possono svilupparsi in asma o dermatite atopica.

    I segni di allergie nei bambini dovrebbero essere un motivo per visitare un pediatra o un allergologo. È importante distinguerlo da una serie di altre patologie. Ad esempio, un'allergia al latte, che si verifica spesso durante l'infanzia, si manifesta nella maggior parte dei casi esclusivamente da eruzioni cutanee e disturbi digestivi. Dopo aver bevuto il latte, il bambino inizia a soffrire di coliche o appare rigurgito. Anche l'intolleranza al lattosio ha sintomi simili, quindi è quasi impossibile distinguere queste condizioni a casa..

    Per semplificare la diagnosi, è consigliabile che i genitori abbiano un diario alimentare in cui sono registrati tutti i nuovi alimenti introdotti nella dieta e la reazione del bambino ad essi. Ulteriori metodi di esame:

    • esame del sangue immunologico (determina l'immunoglobulina specifica nel siero del sangue);
    • i bambini di età superiore ai 5 anni sono sottoposti a test di allergia cutanea.

    Come curare le allergie alimentari

    Il modo migliore per trattare le allergie alimentari nei neonati e nei bambini più grandi è la dieta. Implica l'eliminazione di allergeni, alimenti irritanti chimicamente e meccanicamente, additivi alimentari e coloranti..

    In caso di allergie nei neonati, è consigliabile introdurre alimenti in scatola di frutta, verdura e carne di produzione industriale come alimenti complementari, contrassegnati ipoallergenicamente sulla confezione.

    Se sei allergico al latte di mucca in un bambino o in un bambino di età superiore a un anno, la formula per neonati deve essere sostituita con una ipoallergenica specializzata. Le miscele ipoallergeniche includono:

    • miscele da latte;
    • miscele di soia (per allergie alle proteine ​​del latte, compresa la caseina);
    • miscele a base di idrolizzato proteico (per allergie alle proteine ​​del latte e alla soia).

    Quasi tutti i produttori di alimenti per bambini hanno miscele speciali. Sulla confezione con una miscela speciale per chi soffre di allergie deve essere marcato N. A o G.A..

    Per eliminare i sintomi, viene prescritto un farmaco:

    • probiotici: normalizza la digestione ed elimina i fenomeni dispeptici;
    • enterosorbenti (Smecta, Enterosgel) - assorbono e rimuovono l'allergene dal corpo in modo naturale;
    • antistaminici (Fenistil, Zirtek) - alleviano le manifestazioni esterne;
    • i farmaci ormonali sono prescritti in casi gravi di intolleranza alimentare.

    Cosa fare se un bambino ha un'allergia alimentare: misure di emergenza

    Se una reazione allergica all'introduzione di un nuovo prodotto si verifica letteralmente davanti ai tuoi occhi, devi:

    • dare al bambino enterosorbente secondo le istruzioni per il farmaco;
    • metti un clistere detergente da una soluzione di 1 cucchiaio. sale, 1/3 cucchiaino soda per 1 litro di acqua; il volume del clistere è di 0,5 litri di acqua, moltiplicato per il numero di chilogrammi del peso del bambino;
    • dai al tuo bambino una cura per le allergie.

    Prevenzione delle reazioni allergiche al cibo

    È impossibile escludere una reazione a un prodotto, ma sarà possibile ridurre il rischio che si verifichi seguendo alcune raccomandazioni:

    • monitorare la dieta durante la gravidanza e l'allattamento;
    • aderire al programma di introduzione di alimenti complementari raccomandato dal pediatra;
    • i prodotti con un alto livello di allergenicità devono essere somministrati dopo 2-3 anni;
    • aumentare l'immunità del bambino.

    Il dottore presta attenzione

    1. Se papà o mamma hanno una tendenza alle malattie allergiche, si consiglia di esaminare il bambino con un allergologo prima di incontrare nuovi alimenti. Un bambino i cui genitori soffrono di disturbi allergici è a rischio.
    2. È importante che i genitori sappiano non solo come nutrire il bambino con un'allergia al latte o ad altri prodotti, ma anche sulle caratteristiche della cura di lui:
    • i bambini allergici non devono assumere determinate forme di dosaggio di farmaci, ad esempio sciroppi, poiché contengono coloranti e aromi;
    • per le procedure igieniche è necessario utilizzare esclusivamente cosmetici ipoallergenici;
    • poiché i bambini con allergie alimentari sono inclini ad altri tipi di disturbo, è meglio rifiutare gli animali domestici.

    Le malattie allergiche rimangono una questione rilevante nella pratica pediatrica. Molto spesso, il loro sviluppo è provocato dall'introduzione di alimenti complementari e dall'abbandono della loro dieta da parte della madre. Un'allergia alimentare trascurata può causare molte complicazioni e influire sulla qualità della vita del bambino in futuro..