Allergia in primavera alla fioritura, sintomi. Come trattare e come sbarazzarsi delle allergie primaverili

Allergeni

Un'allergia alla fioritura è una condizione molto comune e spiacevole in cui una persona allergica sperimenta un notevole disagio.

Coloro che soffrono di questo disturbo spiacevole non possono normalmente godere della natura in fiore, sono costretti a gestire manifestazioni e conseguenze negative.

Alcuni sperimentano il problema per la prima volta, anche se non hanno mai provato tali sintomi prima..

Per sbarazzarsi di questo disturbo, è necessario fornire cure adeguate, ridurre il rischio di sintomi spiacevoli.

Perché è un'allergia in primavera alle piante da fiore

Spesso si verifica una reazione allergica quando il polline delle piante entra nel tratto respiratorio. In risposta a ciò, segue una reazione acuta dal sistema immunitario..

Le particelle di polline galleggiano nell'aria, il che è particolarmente vero in primavera. Sono in grado di estendersi per decine di chilometri. Con tempo ventoso la situazione si intensifica.

Quando fuori piove, la condizione si normalizza. L'elevata umidità nell'aria non consente al polline di volare liberamente.

Sintomi di un'allergia alla fioritura primaverile

Nella Russia centrale, ci sono tre fasi dell'allergia ai fiori.

Il primo segno è un leggero pizzicamento al naso, come se arrivassero particelle dall'atmosfera.

Nel mezzo della fioritura, è possibile rilevare le seguenti manifestazioni:

  • Prurito al naso, orecchie, gola, occhi;
  • L'aspetto del naso che cola abbondante;
  • Starnuti incessanti;
  • Congestione nasale;
  • Arrossamento degli occhi;
  • Lacrimazione
  • Gonfiore del naso e degli occhi;
  • Presenza di mal di testa a causa dell'insorgenza dei sintomi;
  • Spesso c'è una tosse secca;
  • La mancanza di respiro è il sintomo più spiacevole quando è impossibile inspirare ed espirare normalmente, che non ti consente di impegnarti normalmente in alcuna attività;
  • Lo sviluppo di prurito cutaneo, orticaria.

Malessere generale, debolezza e affaticamento possono essere aggiunti ai sintomi..

La malattia è pericolosa in quanto può portare allo sviluppo di asma bronchiale. Un'allergia può diffondersi ad altri tipi di piante, tormentando così dalla primavera all'autunno.

È importante eliminare il disturbo in modo tempestivo, applicando vari metodi di trattamento.

A quali piante e pollini può essere allergico

La malattia si verifica su diversi tipi di piante e alberi.

Molto spesso, le allergie si verificano alle seguenti piante:

  • Sul polline di denti di leone. Le particelle di polline penetrano nelle vie respiratorie e causano gravi irritazioni. Succede abbastanza velocemente. Dopo un paio d'ore, il sistema respiratorio è interessato;
  • Sul polline degli alberi. Quando gli alberi fioriscono, si verificano sintomi spiacevoli. Una persona allergica ha difficoltà a respirare, peggiorando così il sonno e le condizioni generali. Spesso l'irritante diventa polline di betulla;
  • Sul polline delle erbacce. Le manifestazioni negative rovinano la vita a molti, a partire dalla fine dell'estate e possono continuare fino all'inverno. Molto spesso, i sintomi iniziano con l'inalazione del polline di ambrosia e assenzio;
  • Sul polline Appare nel periodo primavera-estate, nel mezzo della fioritura. Spesso si osservano sintomi di allergia nei bambini. Non solo i fiori di strada, ma anche le piante da interno. Le piante che provocano possono essere: azalea, geranio, felce, oleandro, ortensia, Kalanchoe, ecc.;
  • Sul polline di pino. La malattia si sviluppa quando il polline proviene da noci e pini. È abbastanza raro Le particelle si depositano nelle vie aeree e nelle mucose, dopo di che si sviluppano i sintomi. Meno bisogno di essere in luoghi con una grande concentrazione di conifere;
  • Mangiarono polline. Una reazione negativa può essere osservata in inverno, durante le vacanze di Capodanno, quando in casa compaiono abeti rossi. Più spesso diagnosticato nei bambini. Si verificano sintomi classici. Per alleviare la condizione, gli abeti rossi vengono sostituiti con quelli artificiali..
  • Sul polline di erbe di prato. Questo tipo non è troppo comune, ma è estremamente difficile affrontarlo. Segni di allergie compaiono in determinati periodi dell'anno. Dopo il contatto con un allergene, si verificano numerosi sintomi. Può essere sui seguenti tipi di piante: fiordalisi, Kamassia kvamash, gaillardia spinosa, aquilegia appiccicoso, ecc..

Come trattare le allergie in primavera negli adulti e nei bambini

Per iniziare il trattamento della malattia, è possibile solo dopo una diagnosi approfondita. È necessario registrare tutti i cambiamenti nella pelle, correggere lo stato di salute. È anche importante identificare gli allergeni che causano una reazione negativa..

Tutti i dati vengono presi in considerazione per tutto il periodo di fioritura di un impianto. Con sintomi frequenti, puoi giudicare la presenza di un disturbo.

Mezzi di tre generazioni vengono utilizzati per fermare il sintomo e sbarazzarsi della malattia. Le medicine più efficaci e sicure sono le droghe dell'ultimo gruppo.

Antistaminici di prima generazione:

La difenidramina ha un effetto antinfiammatorio. Il principio attivo del farmaco può causare anemia. Non consentito ai bambini, in gravidanza e in allattamento.

Tavegil è usato per reazioni pseudoallergiche, shock anafilattico. Dopo l'ammissione, sono vietate le attività che richiedono maggiore attenzione. Assegnare a bambini da un anno, vietato alle donne in gravidanza.

La diazolina è usata per le malattie lievi. Non è auspicabile assumere il farmaco per le donne in gravidanza, durante l'allattamento, con malattie cardiache, adenoma prostatico, epilessia.

Farmaci di seconda generazione:

Fenistil può essere prodotto in varie forme, è in grado di fermare rapidamente i segni della malattia. Dovresti stare attento quando condividi altri farmaci..

Trexil Neo è adatto per il trattamento dell'asma cronico. Il dosaggio deve essere rigorosamente controllato..

Histalong agisce per 10 giorni, è una droga potente. Adatto al decorso cronico della malattia. La ricezione non è consentita per la patologia del sistema cardiovascolare.

Farmaci di terza generazione:

Cetrin è ben tollerato dal corpo, non provoca sonnolenza. Per stabilizzare la condizione, si raccomanda una singola dose del farmaco. I suoi analoghi includono: Zirtek, Zodak, Cetirizine, ecc..

Come sbarazzarsi delle allergie a casa

Semplici metodi popolari aiuteranno ad affrontare la malattia. Spesso, l'agopuntura viene utilizzata come trattamento, viene presa la tintura dalla radice di liquirizia, è anche possibile la trasfusione di sangue. È importante sottoporsi a un corso completo di trattamento al fine di ottenere i migliori risultati..

In diverse fasi della malattia, saranno necessari diversi mezzi. I farmaci sono preparati secondo semplici ricette, rimuovono abbastanza efficacemente i sintomi della malattia.

Mummia. 1 grammo di prodotto deve essere sciolto in un litro, mescolare accuratamente. La composizione richiede 100 ml al giorno.

Decotto della stringa. Un cucchiaio di materie prime viene versato in bicchieri di acqua bollente, fatto bollire per 20 minuti a fuoco basso. La composizione viene filtrata e riempita con acqua in modo che il bicchiere sia pieno. La composizione curativa viene bevuta per tutto il giorno durante il periodo di fioritura.

Aglio. Macina alcuni chiodi di garofano, versa tre cucchiai d'acqua e mangia tre volte.

Succo di mela e carota. Per preparare la composizione, è necessario spremere il succo da due mele, due carote, un mazzo di prezzemolo e due infiorescenze di cavolfiore. La bevanda risultante è divisa in tre parti e bevuta prima dei pasti.

È necessario assicurarsi che pinoli, fichi, mirtilli rossi siano presenti nella dieta. Si raccomanda di ridurre il consumo di cibi salati, piccanti e grassi..

Cinorrodo e dente di leone. Ci vorranno diversi cinorrodi e la stessa quantità di radici di tarassaco essiccate. Dovrebbero essere rotti. Versare un cucchiaio di miscela con un bicchiere di acqua bollente. Versa la composizione in un thermos e insisti. Filtrare e consumare prima dei pasti tre volte al giorno per tre mesi.

Raccomandazioni per la febbre da fieno

Una diagnosi tempestiva e un trattamento adeguato danno buoni risultati nella lotta contro la malattia. Ma spesso questo non è abbastanza. È necessario un approccio integrato per ridurre gli effetti negativi della malattia..

Non dimenticare i metodi preventivi che alleviano significativamente la condizione e ti consentono di recuperare molto più velocemente. Uno di questi metodi è condurre regolarmente la pulizia a umido in ambienti chiusi..

È importante ridurre al minimo il contatto con l'allergene. Evita i luoghi con molte piante da fiore o rimuovi i fiori interni causando sintomi spiacevoli.

Dopo aver visitato la strada, si consiglia di sciacquare il naso, gli occhi, sciacquare il viso. In questo modo è possibile rimuovere la più grande quantità di polline. Vale la pena rivedere la tua dieta.

Durante il periodo di fioritura attiva, i prodotti con un alto titolo allergico, ad esempio cioccolato, agrumi, ecc. Ne sono esclusi. Per rafforzare il sistema nervoso è necessario il magnesio B6.

Quindi sarà possibile normalizzare l'umore, ridurre la probabilità di sviluppare depressione, preoccuparsi di meno. Le emozioni negative contribuiscono allo sviluppo della malattia.

Si consiglia di assumere antistaminici per prevenire la malattia. Le sostanze che bloccano gli allergeni entrano nel corpo. Il farmaco viene cambiato ogni 10 giorni.

Contattare tempestivamente uno specialista aiuterà a determinare il tipo di allergia e inizierà immediatamente il trattamento. Un ruolo importante è svolto dalla prevenzione. Solo misure complesse saranno in grado di curare la malattia che interferisce con il normale svolgimento di qualsiasi attività.

elena

Amici, l'articolo mi è piaciuto! Condividi con i tuoi amici! Basta un clic sul pulsante social. reti e il gioco è fatto! Questo mi aiuterà a rendere il sito ancora più utile e interessante per te.!

Quali alberi causano allergie nei bambini

Ciao cari lettori. Oggi ci occupiamo delle manifestazioni allergiche dei bambini in relazione alla spolverata degli alberi.

Come viene diagnosticata un'allergia, cosa stanno facendo i medici per curarla.

Un'allergia al polline degli alberi nei bambini è anche chiamata febbre da fieno (quando il corpo reagisce bruscamente al polline delle piante).

Questa è una malattia stagionale e poiché la maggior parte degli alberi (compresi quelli allergenici) alle medie latitudini russe fioriscono in primavera e all'inizio dell'estate, il picco della malattia si osserva proprio in questa stagione.

È necessario effettuare un aggiustamento per la regione: per il sud, la fioritura inizierà prima, per il nord della Russia in seguito. Gli alberi fioriscono più velocemente nei climi caldi che in quelli temperati.

La sfera immunitaria del bambino si riferisce al polline degli alberi come un agente alieno pericoloso che deve essere affrontato immediatamente..

L'istamina è prodotta nel corpo per una lotta simile contro il pericolo e quindi inizia il processo allergico..

La febbre da fieno estiva è già associata alla fioritura di cereali ed erbe infestanti, ma oggi stiamo considerando come un bambino reagisce al polline degli alberi in fiore.

Clinicamente, la reazione del bambino alla spolverata degli alberi è molto simile al comune raffreddore.

A volte i genitori nutrono un bambino con farmaci freddi, antibiotici, che peggiorano il fegato e i reni.

Di conseguenza, il processo allergico si manifesta ancora di più: le reazioni cutanee sono collegate a sintomi simili al raffreddore..

Tutto dipende dalla cura dei genitori: se in aprile-maggio il bambino è malato di qualcosa di simile a un raffreddore, è probabile un'allergia al polline degli alberi. Non ritardare la visita di un allergologo, è molto importante iniziare il trattamento giusto in modo tempestivo.

Alberi pericolosi e non pericolosi per un bambino allergico

È stato a lungo rivelato che il polline di alcuni alberi ha un livello di allergenicità quasi zero, mentre in altri questo livello è molto alto. Quali alberi causano allergie?

Il polline più pericoloso è la betulla: è molto leggera, i suoi grani hanno una superficie non appiccicosa, quindi il vento lo porta molto lontano.

Una concentrazione molto piccola di polline di betulla nell'aria è sufficiente per un bambino allergico a sviluppare una esacerbazione della malattia.

E al culmine della fioritura della betulla in un metro cubo d'aria ci sono quattromila chicchi di polline di questo albero.

Oltre alla betulla, gli allergeni nelle latitudini medio russe includono:

  • Ontano.
  • nocciola.
  • acero.
  • Quercia.
  • Salice.
  • Castagna.
  • Acacia.
  • Pioppo.
  • Lilla.
  • albero di mele.
  • pioppo tremolo.
  • Olmo.
  • Carpino.
  • Faggio.
  • Gelsomino.
  • Pino.
  • Abete rosso.
  • Tiglio (questo albero fiorisce un po 'più tardi degli altri e diventa pericoloso per un bambino allergico quasi in piena estate).

I ricercatori hanno scoperto che il pericolo maggiore è rappresentato dagli alberi impollinati con l'aiuto del vento (hanno un polline fine con un guscio denso e ne viene prodotto molto).

Molto spesso, i bambini sono allergici al polline di un particolare albero, ma è possibile l'ipersensibilità a diverse varietà di polline.

Gli alberi impollinati dagli insetti sono caratterizzati da polline allergenico basso. Ad esempio, quasi tutti gli alberi da frutto si riferiscono a questo tipo di pianta..

Quasi tutti questi alberi fioriscono in aprile-maggio-inizio giugno. L'allergia al polline degli alberi in un bambino si verifica ogni anno allo stesso tempo.

Se parliamo delle regioni più meridionali della Russia, il polline più allergenico di cipresso, arborvitae, ginepro.

Sintomatologia

I principali segni di un processo allergico innescato dalla spolverata di alberi irritanti:

  • Rinite, accompagnata da una sensazione di bruciore nel naso e nella bocca.
  • Congiuntivite, in cui si verifica lacrimazione, gli occhi diventano rossi: il bambino avverte una sensazione di bruciore negli occhi dal polline depositato sui bulbi oculari.
  • starnuti.
  • Tosse, la respirazione diventa più difficile.
  • Eruzione cutanea pruriginosa.

I genitori dovrebbero mostrare il bambino in tempo all'allergologo per prevenire complicazioni: il loro asma più pericoloso.

Diagnosi della malattia e terapia

La malattia viene diagnosticata mediante un esame del sangue per la presenza di immunoglobuline E o mediante un test allergologico (dall'età di cinque anni). Gli allergotest devono essere eseguiti al di fuori del periodo di esacerbazione..

Dopo aver determinato quale polline dell'albero risponde a un albero, viene prescritta una terapia complessa. Come trattare correttamente un bambino?

  • Ridurre al minimo il contatto con il polline.
  • Assunzione di antistaminici. Di solito, un allergologo prescrive antistaminici di ultima generazione (compresse, sciroppi, unguenti), mentre la terapia farmacologica non è accompagnata da effetti collaterali negativi..
  • Dieta ipoallergenica per allergie al polline degli alberi. Lo specialista raccomanderà di rimuovere i prodotti che possono causare una reazione crociata.
  • Gli enterosorbenti rimuoveranno dal corpo un irritante.
  • Il naso che cola e la congiuntivite causati dall'intolleranza al polline degli alberi sono trattati con spray nasali antinfiammatori e colliri..
  • Per trattare l'infiammazione della pelle, uno specialista prescriverà unguenti antistaminici, gel.
  • Un allergologo può raccomandare l'uso di vari rimedi popolari insieme a farmaci e elencherà quali erbe possono essere utilizzate..

La prescrizione di eventuali farmaci è di esclusiva responsabilità dell'allergologo..

La tecnica di trattamento dell'allergia ai pollini moderna di maggior successo è la terapia ASIT, quando a un bambino vengono regolarmente somministrate determinate dosi di stimolo.

Innanzitutto, l'allergene viene somministrato in ordine crescente, quindi lo stesso dosaggio viene utilizzato per circa tre anni.

Il corpo si abitua allo stimolo e non lo percepisce più come un agente dannoso..

Il metodo consente di recuperare completamente dalle allergie stagionali o di ottenere una remissione molto lunga. Dopo che il bambino ha 5 anni, può essere trattato con la terapia ASIT.

Per distinguere tra pollinosi con reazioni crociate e allergie alimentari, gli esperti utilizzano test e analisi speciali.

Maggiori informazioni sulla nutrizione per le allergie infantili al polline degli alberi

Se un bambino risponde al polline di un albero o di un altro, oltre al trattamento farmacologico, una dieta correttamente pianificata è molto importante.

Questa è una "dieta incrociata", perché insieme all'intolleranza al polline si sviluppano reazioni allergiche a una serie di prodotti, poiché alcuni irritanti alimentari e per inalazione sono simili nella struttura.

A causa di questa somiglianza, il sistema immunitario dei bambini risponderà non solo alle molecole di granuli di polline, ma anche a quelle presenti in numerosi prodotti..

Il medico che compone la dieta terrà conto non solo del fattore di allergia crociata, ma esclude anche cibi altamente allergenici (cioccolato, carne affumicata, sottaceti, noci, miele, fragole, ecc.) Dal menu del bambino per il periodo di esacerbazione.

L'allergia crociata al polline degli alberi è molto comune. Cosa non mangiare per un bambino che è ipersensibile al polline di alberi in fiore?

Di solito, dalla dieta dei bambini, quando il polline è nell'aria, viene rimosso quanto segue:

  • Linfa di betulla.
  • Noccioline.
  • Mele, ciliegie, pesche, nettarine, lamponi, banane, arance, albicocche.
  • Patate novelle.
  • Prezzemolo e aneto.
  • Pomodori, cetrioli, carote, sedano, peperoni rossi e verdi.

Ma rimane abbastanza cibo per organizzare una dieta variata per le malattie allergiche stagionali.

Questi sono cereali, prodotti a base di latte acido e latte, ricotta, carne (a basso contenuto di grassi), patate (vecchio raccolto), cavolo (bollito, stufato), barbabietole, legumi, pane, pasta, biscotti, cracker, zuppe, uova, uva passa (il medico elencherà tutto in dettaglio). Delle bevande, si consigliano tè, composta di frutta secca..

La dieta viene introdotta per un periodo piuttosto breve e quando termina la fioritura dell'albero, i prodotti proibiti per la durata della manifestazione di pollinosi vengono lentamente restituiti alla dieta dei bambini.

I genitori dovrebbero ricordare che una dieta in caso di intolleranza al polline degli alberi è necessaria e non deve essere violata, altrimenti i sintomi allergici potrebbero intensificarsi.

È possibile proteggersi dalle esacerbazioni?

È completamente impossibile proteggere un bambino dagli incontri con il polline degli alberi quando è sbocciato. Ma è possibile ridurre al minimo l'esposizione al polline:

  • Non aprire le finestre durante la fioritura.
  • La messa in onda è consigliabile solo sotto la pioggia.
  • Pulizia giornaliera a umido.
  • Per asciugare i vestiti dei bambini lavati solo al chiuso (quindi non ci sarà polline depositato su di esso).
  • Grazie al calendario della fioritura, la terapia preventiva può essere completata poco prima della fioritura di un albero che è "pericoloso" per il bambino. La terapia antistaminica è prescritta da un allergologo.
  • Sulla strada per usare un allergomask.
  • È meglio camminare fino alle dieci del mattino o dopo quattro giorni: il polline è meno attivo in questo momento..
  • Dopo essere rimasto in strada, fai i gargarismi e risciacqua i passaggi nasali con acqua.

Allergia ai pollini: tipi, sintomi e trattamento

L'allergia è uno speciale processo immunopatologico caratterizzato dall'ipersensibilità del sistema immunitario a varie sostanze irritanti (allergeni). Le allergie nell'uomo possono verificarsi su qualsiasi cosa.

Alla polvere, peli di animali, polline di piante, cibo, prodotti chimici domestici, cosmetici e altre sostanze irritanti che possono causare una specifica reazione del corpo umano.

L'allergia al polline delle piante è il tipo più comune di malattia e viene chiamata pollinosi nella terminologia medica..

Una caratteristica distintiva di tutti gli altri tipi di malattie allergiche è la stagionalità. Ciò significa che tutti i sintomi della febbre da fieno si verificano durante le piante da fiore..

Tipi di allergie ai pollini

Un'allergia al polline può essere su qualsiasi specie di alberi e piante. I tipi di allergie ai pollini sono:

  • Allergia al polline dei denti di leone. La reazione al dente di leone è causata dal suo polline, che si deposita nel tratto respiratorio. È la più potente irritante per il corpo umano. L'allergia al dente di leone si verifica rapidamente, quasi un paio d'ore dopo l'interazione con un allergene. Inizialmente, il sistema respiratorio soffre;
  • Allergia al polline degli alberi. Questa allergia si verifica quando gli alberi fioriscono. Una persona allergica inizia congestione nasale, tosse e lacrimazione. A causa della cattiva respirazione nasale, il sonno è disturbato, una persona si stanca rapidamente e questo influisce sulla sua vita. Spesso l'allergia è causata dal polline di betulla;
  • Allergia al polline delle erbacce. Inizia a fine estate e può durare fino all'inverno. Le allergie a polline, ambrosia e assenzio sono note a molti. Una persona inizia un naso che cola, lacrimazione, ecc.;
  • Allergia al polline. Si verifica in primavera e in estate, quando inizia la fioritura. Molto spesso, una tale allergia si verifica nei bambini. Oltre ai fiori di strada, le piante d'appartamento possono anche essere i colpevoli. L'allergia si manifesta con prurito, eruzione cutanea, naso che cola, tosse. I più pericolosi sono: geranio, felce, ortensia, azalea, oleandro, Kalanchoe e altri;
  • Allergia al polline di pino. Questa specie è rara, poiché solo il polline di noci e pino è considerato irritante. Sintomi allergici: arrossamento e prurito agli occhi, gonfiore, naso chiuso, naso che cola e tosse. Il polline di pino si deposita nel tratto respiratorio e sulle mucose, dopo di che si verificano i sintomi. Pertanto, è necessario evitare luoghi con una grande concentrazione di conifere;
  • L'allergia al polline ha mangiato. Sintomi classici: naso che cola, tosse, lacrimazione, mal di gola. Spesso si trovano nei bambini, soprattutto in inverno, quando si acquistano abeti vivi durante le vacanze di Capodanno. In questo caso, è desiderabile semplicemente sostituire l'abete rosso con artificiale per non provocare la comparsa di reazioni allergiche;
  • Allergia al polline delle erbe di prato. Questa allergia non è molto comune, ma se lo è, liberarsene è difficile. L'allergia è stagionale e una persona avverte disagio solo in determinati periodi dell'anno. Al contatto con un allergene, compaiono arrossamento della pelle, tosse soffocante, lacrimazione, forti dolori articolari, gonfiore delle mucose e congestione nasale. Si verifica un'allergia a: Kamassia kvamash, aquilegia appiccicoso, fiordalisi, acanto gaillardia, ecc..

Cause dell'evento

Un'allergia al polline si verifica a causa dell'inalazione dei più piccoli frammenti di polline, che nella successiva immunità è considerata come elemento dannoso.

Una reazione allergica è un tentativo comune di difendersi. Pertanto, il corpo segnala il pericolo e le cause dell'allergia ai pollini..

Sulla mucosa della laringe e degli occhi ci sono recettori speciali che attivano le cellule immunitarie a contatto con lo stimolo. Dopo il rilascio di istamina.

L'istamina è un composto attivo con la proprietà di espandere i capillari e aumentarne la trasmittanza. Il muco e altri frammenti che causano reazioni allergiche entrano nel corpo dal sangue..

La comparsa della febbre da fieno può provocare sia una singola pianta che polline di numerosi fiori, alberi o arbusti. Ad esempio, un'allergia al polline di pino può aggravare notevolmente la condizione quando si soggiorna in una foresta di pini per lungo tempo o in contatto con un allergene.

Se una persona ha un'allergia alimentare oltre alla febbre da fieno, è necessario monitorare attentamente gli alimenti consumati al fine di prevenire lo sviluppo di reazioni allergiche crociate.

Provocare fattori per lo sviluppo di allergie ai pollini

Un'allergia ai pollini è una malattia stagionale. Alcune piante, alberi e altri fattori provocano la malattia. Le cause delle allergie ai pollini comprendono le stagioni:

  • Primavera. In questo periodo dell'anno, viene attivato il polline di pino, acero e altri alberi. Un'allergia al polline di betulla è considerata una delle più comuni;
  • Estate. In estate c'è un'allergia al polline delle erbe di cereali (segale, mais, erba di grano, erba di grano, ecc.);
  • Autunno. Nell'aria autunnale, la concentrazione di polline d'erba è molto alta (assenzio, acetosa, ambrosia, ecc.). I medici affermano che le allergie alle erbe infestanti possono causare gravi complicazioni. Particolarmente allergico al polline di ambrosia.

Sintomi di allergia ai pollini

Di solito, qualsiasi tipo di allergia ha quasi gli stessi sintomi, ma la febbre da fieno è caratterizzata dalla sindrome rinocongiuntivale, che provoca reazioni del tratto respiratorio superiore, della mucosa nasale e degli occhi.

I sintomi possono essere associati ad altri processi infiammatori. Questi includono:

  • congestione nasale, starnuti, secrezione e bruciore. Tali segni possono indicare lo sviluppo di rinite allergica - infiammazione della mucosa nasale;
  • arrossamento e secchezza oculare, lacrimazione costante. Possibile congiuntivite allergica - infiammazione della mucosa dell'occhio;
  • grave tosse e sudorazione avvisano della faringite allergica - infiammazione della mucosa faringea;
  • a causa della mancanza di respiro e degli attacchi d'asma, può svilupparsi l'asma bronchiale - una violazione del passaggio dell'aria attraverso il tratto respiratorio;
  • eruzioni cutanee, dermatite atopica, orticaria (vedi foto sopra);
  • se il bambino ha un'allergia, diventa letargico, irritabile e spesso cattivo.

Tipi e fasi dell'allergia ai pollini

La natura dei meccanismi che prendono parte allo sviluppo della febbre da fieno è suddivisa in fase III:

  • I. Immunologico. Questo stadio influenza tutte le deviazioni nel sistema immunitario che si verificano dalla prima penetrazione dello stimolo nel corpo. Inoltre, la formazione di anticorpi, linfociti e il loro contatto con un allergene secondario o già presente;
  • II. Pathochemical. Questa fase è caratterizzata dalla formazione di mediatori attivi. La formazione si verifica quando gli stimoli sono combinati con anticorpi o linfociti sensibili alla fine del primo stadio;
  • III. Patofisiologico. In questa fase, i mediatori formati sono patogeni e influenzano negativamente gli organi e le cellule di tutto l'organismo..

Oltre alle fasi della febbre da fieno, ci sono quattro tipi di danni ai tessuti nella manifestazione di reazioni allergiche. I tipi di febbre da fieno sono:

  • Reagin. Il tipo prende il nome da specifiche reagenti anticorpali. Quando un allergene entra nel corpo, si verifica la formazione di reagine. Quindi vengono fissati su basofili e mastociti, dopo di che appare la sensibilizzazione. I mediatori formati possono avere un effetto patogeno, cioè manifestare sintomi di allergia;
  • Citotossici. Questo tipo è caratterizzato dal fatto che gli anticorpi formati si combinano con le cellule e le danneggiano. Il danno ha tre opzioni:
    • l'attivazione del complemento forma elementi attivi che danneggiano la membrana cellulare;
    • la citotossicità cellulare anticorpo-dipendente è attivata;
    • la fagocitosi cellulare è attivata, che è ricoperta di anticorpi.
  • Complessi immunitari. Il danno si verifica con l'aiuto di complessi immunitari. Quando l'antigene entra nel corpo in forma solubile, si formano anticorpi. L'antigene-anticorpo provoca la febbre da fieno;
  • Reazione allergica lenta Ciò significa che le reazioni si sviluppano in persone troppo sensibili alle sostanze irritanti 24 ore dopo il primo contatto.

Diagnosi di allergia ai pollini

La diagnosi della febbre da fieno si basa sullo studio delle cause dell'allergia ai pollini e sull'esame.

Come esame, vengono prescritti test allergologici cutanei.

Nel processo, una piccola quantità di frammenti di polline sotto forma di soluzione viene applicata sul retro o sull'avambraccio.

Se nell'area del test compaiono arrossamenti, prurito o gonfiore, questi sono segni che è probabile che sia allergica. Sulla base dei risultati ottenuti, è possibile sviluppare ulteriori tattiche di trattamento.

I test allergici sono:

  • Scarificazione. Piccoli graffi vengono fatti sulla pelle, dopo di che viene applicato il presunto allergene;
  • Test di Prik. Usando un ago speciale, vengono fatte delle forature leggere e viene applicato un allergene;
  • Applicazione. Un tampone inumidito con un allergene viene applicato sulle aree danneggiate della pelle..

Oltre ai test delle allergie cutanee, è necessario eseguire un esame del sangue di laboratorio per identificare immunoglobuline specifiche di classe E (proteine ​​speciali).

Se durante lo studio immunologico ha rivelato un'alta concentrazione di immunoglobuline, ciò significa che sono attive reazioni allergiche.

Trattamento di pollinosi

L'obiettivo principale del trattamento della febbre da fieno è la completa esclusione o minimizzazione dell'interazione con la fonte dello stimolo.

La terapia deve essere eseguita in combinazione con la prevenzione.

La manifestazione dei sintomi in un bambino richiede misure terapeutiche obbligatorie volte a ridurre la secrezione di muco, ripristinare la respirazione e alleviare il gonfiore delle mucose.

Enterosgel o carbone attivo possono essere utilizzati per rimuovere gli allergeni che sono stati ingeriti..

È possibile che un allergologo nomina una specifica iposensibilizzazione (uno stato di ridotta sensibilità corporea a un allergene) - un metodo di trattamento durante la remissione.

Il corpo umano è gradualmente abituato a dosi minime di sostanze irritanti. Il trattamento deve essere effettuato in un corso che dura fino a diversi mesi. L'intero corso deve essere rigorosamente monitorato da un allergologo.

Trattamento farmacologico

Non esiste ancora una cura universale per la febbre da fieno. I farmaci per l'allergia ai pollini vengono utilizzati a seconda delle manifestazioni. Questi includono:

  • Gli antistaminici che aiutano con la febbre da fieno sono divisi in 2 generazioni:
    • Suprastin, Peritol, Ketotifen, Pipolfen, Tavegil. Ad esempio, la suprastin è efficace nel trattamento delle allergie al polline di pino. I farmaci hanno uno svantaggio comune: si tratta di un effetto inibitorio pronunciato sul sistema nervoso centrale. Per questo motivo, una persona può provare sonnolenza, lieve inibizione e una velocità di reazione lenta. Sono anche possibili nausea, vomito, secchezza delle fauci o ridotta motilità intestinale. Quando si assumono farmaci, devono essere considerati tutti gli effetti collaterali. Se una persona allergica ha adenoma prostatico, malattie epatiche, glaucoma o epilessia, sono vietati gli antistaminici;
    • La seconda generazione comprende: Zirtek, Terfenadin, Claritin, Ebastin, Astemizole. Questi farmaci hanno anche effetti collaterali, ma meno. Forse disturbi del sonno, una reazione moderatamente bassa, cattivo umore (disforia) e una violazione del ritmo del cuore. Spasmi, dolori muscolari e alta attività degli enzimi epatici sono molto meno comuni..
  • Farmaci vasocostrittori. Sono usati per la rinite allergica, solitamente gocce nasali: Rinazolina, Nazol, Xylometazoline, ecc. Le gocce riducono la secrezione di muco e riducono il gonfiore della mucosa, quindi la respirazione è più facile per un po '. È vietato l'uso di gocce per più di 5 giorni, in modo da non causare rinite vasomotoria;
  • Medicinali glucocorticosteroidi. Di solito sono utilizzati sotto forma di compresse di allergia ai pollini, soluzioni di iniezione, una goccia per occhi e naso, pomate speciali o inalanti (se una persona ha l'asma bronchiale). I farmaci non causano forti effetti collaterali, quindi affrontano bene le infiammazioni allergiche e riducono il rilascio di istamina, a causa della stabilità delle membrane dei mastociti;
  • Il cromoglicato di sodio ha effetti collaterali minimi ed è usato come gocce o spray. Il cromoglicato di sodio si lega all'immunoglobulina sulla membrana dei mastociti e inibisce la produzione di istamina. A causa di ciò, lo sviluppo dell'infiammazione allergica si interrompe. Il cromoglicato è la migliore cura per le allergie alla maggior parte dei tipi di febbre da fieno..

Trattamenti complementari e alternativi a casa

La consulenza può essere fornita da specialisti nel campo della medicina tradizionale. Oltre a prendere farmaci che neutralizzano i sintomi delle allergie, ci sono molte ricette e metodi alternativi. A casa, è molto facile occuparsi del trattamento e della prevenzione della febbre da fieno.

Vale la pena ricordare che non tutte le ricette che utilizzano varie erbe sono adatte per chi soffre di allergie. La raccolta erroneamente raccolta di erbe medicinali può solo aggravare la condizione. È anche necessario seguire una dieta e non mangiare determinati alimenti.

Nutrizione allergica ai pollini

Le persone che soffrono di febbre da fieno devono mettere in ordine la propria alimentazione e seguire una dieta. Prima di scegliere i prodotti, è necessario sapere esattamente qual è la causa delle reazioni allergiche.

La dieta per le allergie dovrebbe essere selezionata da un medico.

  • Per le allergie al polline degli alberi, rimuovere tutte le noci e la linfa di betulla dalla dieta. Vi è anche una restrizione per frutta e verdura: pesche, mele, pomodori, carote, prezzemolo e vari condimenti per i piatti.
  • Se sei allergico al polline dei cereali, devi abbandonare il pane, i panini, la pasta, i cereali, gli agrumi, le fragole, le fragole. I preparati a base di erbe contenenti cereali non sono raccomandati..
  • Se sei allergico al polline delle erbacce, devi abbandonare i semi di girasole, le spezie, l'olio, gli agrumi, l'anguria, l'aneto. Collezioni proibite di piante medicinali, costituite da dente di leone e camomilla.

L'allergia crociata è una reazione allergica abbastanza comune che colpisce le persone con febbre da fieno. Allergia crociata a determinati alimenti.

Se c'è un'allergia crociata al latte di mucca, uova di gallina, pomodori, mirtilli e senape, allora dovresti rifiutare questi prodotti.

Durante la fioritura degli alberi, nella dieta dei soggetti allergici dovrebbero essere presenti alimenti con una quantità minima di allergeni. Deve essere:

  • ricotta, yogurt naturale;
  • spezzatino e carne bollita di varietà a basso contenuto di grassi (carne di tacchino, pollo);
  • frutta secca;
  • frutta al forno.

È necessario ridurre al minimo ed è meglio escludere tè, caffè, bevande altamente gassate. Se la febbre da fieno in un bambino, è necessario limitare i dolci. Assicurati di bere molti liquidi. La dieta dovrebbe contenere prodotti rispettosi dell'ambiente che non sono sottoposti ad alcun trattamento.

Rimedi popolari

Uno dei rimedi più famosi e popolari per le allergie al polline è il polline d'api..

La medicina tradizionale non ha fretta di riconoscere l'effetto positivo del polline d'api sulla salute di una persona allergica.

Si ritiene che il polline di questo insetto volante riduca significativamente la sensibilità di una persona a un allergene e abbia praticamente lo stesso effetto di dopo iniezioni con preparazioni mediche. Quando il corpo è esposto a sostanze irritanti o antigeni, il polline d'api aiuta a produrre anticorpi, riducendo così la reazione allergica.

L'effetto del polline d'api non è stato studiato, quindi nessuno degli scienziati può dare una risposta definitiva alla domanda sui benefici. Una cosa è nota che dopo aver usato il polline di insetti, i sintomi di allergia non compaiono più..

Va ricordato che il polline d'api potrebbe non essere adatto a tutti coloro che soffrono di allergie, quindi il suo uso dovrebbe essere attento. È necessario trattare l'allergia ai pollini a piccole dosi e aumentarle gradualmente. Se c'è il minimo arrossamento della pelle, mancanza di respiro, mal di testa, dovresti immediatamente smettere di prendere.

Le seguenti ricette appartengono alla medicina tradizionale:

  • Sedano. È necessario spremere il succo da diversi mazzi di sedano, aggiungere 2 cucchiai di miele, mescolare e conservare in frigorifero. Bere liquido 3 volte al giorno per 2 cucchiai 30 minuti prima di mangiare;
  • Aceto di mele. Si consiglia di prendere 2 cucchiaini di aceto di mele 6% e 1 cucchiaino di miele, mescolare e versare un bicchiere di acqua bollita. Bere 30 minuti prima dei pasti 3 volte al giorno;
  • Cumino. 1⁄2 cucchiaio di semi di cumino e 1⁄2 cucchiaio di radici, versare un bicchiere di acqua bollente, far bollire per 10 minuti e lasciare in infusione per mezz'ora. Prendi 1/3 tre volte al giorno;
  • Ortica. 1 cucchiaio di ortica tritata versare un bicchiere di acqua calda. Bollire per 10 minuti e prendere un cucchiaio 5 volte al giorno.

Prevenzione

Le persone che soffrono di febbre da fieno stagionale dovrebbero aderire a qualche profilassi del polline. È necessario attuare tali misure preventive:

  • pulizia giornaliera bagnata;
  • ventilare la stanza con tempo piovoso e calmo;
  • umidificare l'aria con un condizionatore d'aria;
  • evitare luoghi di accumulo di piante e alberi (campi, parchi, piazze, ecc.);
  • quando torni a casa, cambia in vestiti puliti;
  • prendere le procedure dell'acqua più volte al giorno;
  • usare occhiali da sole;
  • contattare tempestivamente gli specialisti con esacerbazione delle allergie;
  • prendere i farmaci prescritti al ritmo e osservare il dosaggio;
  • escludere piante d'appartamento;
  • mangiare bene e dieta.

Queste semplici linee guida aiuteranno a neutralizzare i sintomi spiacevoli e le cause dell'allergia ai pollini..

previsione

Sfortunatamente, la pollinosi non può essere completamente curata. Puoi solo osservare e rispettare le raccomandazioni per la prevenzione delle allergie ai pollini al fine di prevenire gravi complicazioni. Cosa fare in caso di allergia, dirà il medico.

Allergia ai pollini: 7 modi per ridurre i sintomi della febbre da fieno

Trattamento della febbre da fieno nei bambini: antistaminici, filtri nasali e ASIT

Succede che un'allergia al polline delle piante si manifesta solo in primavera e in estate - il resto del tempo una persona non se ne ricorda. Ma più spesso un adulto o un bambino con un'allergia dà una reazione allergica ai cosiddetti allergeni crociati: frutta, verdura, noci, peli di animali. Quale può essere il trattamento della febbre da fieno durante la spolverata - la stessa betulla, ad esempio, ed è necessario affrontare il trattamento delle allergie quando è trascorso il periodo acuto? Dice Natalia Shartanova, capo del dipartimento ambulatoriale dell'Istituto di immunologia dell'FMBA della Russia, allergologo-immunologo, dottore in scienze mediche.

La pollinosi è una reazione allergica al polline delle piante impollinate dal vento. Colpisce oltre il 30% della popolazione di ciascun paese. Nel mondo ci sono più di 700 specie di piante allergeniche; in Russia ce ne sono molti meno.

Nella corsia centrale ci sono chiare fasi di spolverata. Primavera - quando ontano, nocciola, betulla e altri alberi fioriscono. All'inizio dell'estate fioriscono le erbe di cereali: timote, bluegrass, riccio. In agosto-settembre fioriscono le Asteraceae: assenzio, ambrosia, quinoa.

- C'è un modo per proteggerti dal polline?

- Esistono farmaci barriera che sono sepolti nel naso e creano un film protettivo. I metodi di barriera per le allergie ai pollini hanno una certa efficacia. Ma non è alto come quello degli antistaminici.

I filtri che vengono inseriti nel naso aiutano molto. Lasciano passare l'aria, ma non il polline, e non interferiscono con la respirazione. Questi filtri sono anche usati per le allergie all'epidermide degli animali (epidermica). Sono spesso utilizzati da veterinari allergici, lavoratori del circo e altri specialisti che sono costretti a entrare in contatto con animali..

Secondo i pazienti, i filtri nasali sono davvero efficaci. Ho un paziente con grave allergia epidermica. Fa spesso visita a sua figlia, il cui gatto vive. Grazie a questi filtri nel naso, tollera meglio il contatto con l'animale. Dice che il naso reagisce meno. Ma prende ancora antistaminici perché anche i suoi occhi rispondono.

- Come non aggravare le manifestazioni della febbre da fieno? Ci sono tali raccomandazioni?

- Sicuro. Questo è l'uso di depuratori d'aria e aspirapolvere con filtri speciali, che aiuta a ridurre al minimo il contatto con il polline in casa. Una buona raccomandazione è quella di partire per una stagione di spolverata in un'altra regione, se possibile..

Un altro consiglio importante è quello di evitare cibi che reagiscono in modo incrociato con allergeni pollinici. Ad esempio, uno dei nostri pazienti, un bambino piccolo, aveva delle piaghe in bocca quando mangiava una mela. La mamma è andata con lui all'ORL, ha donato strisci per stafilococco e infezione da funghi - nulla è stato confermato. E abbiamo subito capito che il bambino è allergico al polline degli alberi con cui attraversa la mela. Durante la spolverata degli alberi, la mucosa orale ha reagito all'allergene.

- Quali altre reazioni ci sono con le allergie crociate??

- La reattività di ognuno è diversa: qualcuno sullo sfondo di una mela o di una pesca mangiata avrà solo un mal di gola e qualcuno potrebbe sperimentare un edema laringeo. Tutto dipende dalle caratteristiche individuali. Abbiamo avuto un paziente che ha bevuto linfa di betulla durante la spolverata di betulla. Ha avuto una grave reazione con edema laringeo e broncospasmo. Tutti i genitori di bambini con allergie dovrebbero ricordare che qualsiasi allergene che è causalmente significativo per il paziente può causare reazioni anafilattiche - e seguire una dieta individuale ipoallergenica, specialmente durante la spolverata.

- Esiste una combinazione di febbre da fieno con un'allergia alla polvere domestica, agli animali?

- Spesso. Questa si chiama allergia polivalente. Una persona manifesta sintomi tutto l'anno - rinite, attacchi di asma - che, durante il periodo di fioritura di alberi o erbe, si intensificano sotto l'influenza di allergeni pollinici. Con l'immunoterapia specifica per allergeni, ASIT (questo metodo prevede l'introduzione di dosi crescenti di stimolo nel corpo umano, a seguito del quale il corpo si abitua gradualmente all'allergene), a volte trattiamo questi pazienti con due allergeni, ad esempio polvere domestica e polline delle piante. Le iniezioni di farmaci con il metodo ASIT possono essere eseguite congiuntamente.

- Cos'altro consiste solitamente nel trattamento della pollinosi?

- Per alleviare i sintomi della febbre da fieno, prescriviamo antistaminici, che vengono utilizzati nel corso.

- Se la pollinosi non viene trattata, qual è il pericolo?

- Il pericolo di allergia ai pollini è che la febbre da fieno può svilupparsi in asma bronchiale. E l'asma bronchiale è una malattia pericolosa per la vita. Se progredisce, sarà più difficile trattarla. Inoltre, l'asma riduce la qualità della vita. Quindi prima inizi il trattamento per le allergie, meglio è.

Per domande di carattere medico, assicurati di consultare prima il medico.

Trattamento di allergia dell'albero

Come è un'allergia al polline e cosa c'entra il nematode


Benvenuti a tutti nel blog di Tion. Continuiamo il tema del polline e della febbre da fieno. Abbiamo già scritto su come appare il polline allergenico e quanto vola intorno a noi. Ora analizzeremo a livello cellulare perché e come si verifica l'allergia ai pollini.

Le proteine ​​allergeniche nel polline ricordano le proteine ​​dei vermi parassiti. Questa è la scoperta di scienziati britannici (reali, non meme).

Prendi ad esempio la proteina che segreta il nematode umano. E confrontalo con la proteina Bet V1 presente nel polline di betulla..

Si è scoperto che coincidono del 27%. Inoltre, sono proprio quelle parti delle proteine ​​a cui il sistema immunitario risponde. Queste parti delle proteine ​​sono chiamate epitopi. Nell'immagine seguente modelli 3D di proteine: blu di nematode, verde di polline.

I loro epitopi sono evidenziati in una cornice e la sequenza di epitopi nel testo sopra le molecole. Come puoi vedere, sono davvero simili..

La proteina vegetale Bet V1 non ha alcun effetto sulla salute. Ma a causa di un epitopo così sospetto, il nostro sistema immunitario reagisce alle proteine ​​della betulla, in quanto alle escrezioni del nematode. Quindi il polline innocuo diventa un allergene. In totale, gli scienziati hanno trovato 1.400 analogie tra piante e parassiti. Si scopre che l'allergia è il prezzo che paghiamo per l'immunità alle infezioni parassitarie. Un fatto interessante: meno spesso una persona entra in contatto con i parassiti, più acuta reagisce al polline. Nei paesi del terzo mondo con cattive condizioni igieniche, le persone hanno meno probabilità di soffrire di allergie. Se emigrano verso paesi “puliti” sviluppati, la loro sensibilità agli allergeni aumenta nel tempo. Ciò è dimostrato da studi statistici. La spiegazione per questo modello è semplice. Le reazioni a parassiti e pollini coinvolgono le stesse cellule immunitarie e proteine. E se vengono spesi per i parassiti, semplicemente non sono abbastanza per il polline. Una risposta allergica è una reazione a catena alla quale partecipano varie cellule immunitarie e proteine. Un breve video su come ciò accada: (in inglese, ma tutto è chiaro e senza sottotitoli) Per coloro che vogliono saperne di più, il meccanismo di comparsa delle allergie è descritto in dettaglio di seguito. Questo accade in tre fasi. Attori del primo stadio: cellule presentanti l'antigene, cellule T, cellule B e mastociti. Ognuno ha il suo ruolo. Tutto inizia quando una persona inala il polline allergenico. Ad esempio, betulla. I granelli di polline passano attraverso la mucosa nasale ed entrano nel corpo..

Le cellule presentanti l'antigene sono le prime ad attaccare il polline. Lo “digeriscono” e lo trasformano in piccole proteine. Nel caso della betulla, questa è la stessa scommessa V1. Questo è l'antigene pollinico o allergene..

Un allergene è una chiave di accensione. Egli "accende" le cellule T e inviano un segnale di soccorso attraverso il corpo: "Attenzione! Il corpo ha un allergene! E non solo un allergene, vale a dire Bet V1. " Le cellule B e i mastociti rispondono a questo segnale SOS..

Le cellule B producono immunoglobuline IgE specifiche per l'allergene della betulla.

IgE - anticorpi, proteine ​​chiave nella risposta immunitaria. Nel passaggio successivo, legheranno l'allergene e scateneranno una risposta immunitaria protettiva..

I mastociti in risposta al segnale SOS iniziano a moltiplicarsi attivamente. Sulla loro superficie ci sono molti recettori a cui si attaccano gli anticorpi IgE..

Un risultato intermedio del primo stadio: il corpo ha molti mastociti che hanno immunoglobulina IgE "cresciuta" da tutti i lati. Questa immunoglobulina memorizza informazioni su un allergene specifico (Bet V1). Quindi il sistema immunitario "ricordava" l'allergene della betulla e si preparava a ripetuti attacchi. Al primo contatto con il polline, non ci sono ancora sintomi di allergia. Il secondo stadio è semplice, coinvolge solo un attore: i mastociti già a noi familiari. Tutto inizia con un'esposizione ripetuta all'allergene Bet V1. Il sistema immunitario lo sa già e lega immediatamente i mastociti agli anticorpi IgE.

Dopo il legame con l'allergene, i granuli con speciali sostanze biologicamente attive, le chemochine, scoppiano all'interno dei mastociti. Questi includono istamina, fattori di attivazione piastrinica (TAF), leucotrieni e prostaglandine. Tutte queste sostanze alterano il benessere di una persona..

Il risultato intermedio del secondo stadio: sostanze biologicamente attive "viaggiano" in tutto il corpo. La salute umana dipende da dove arrivano. Per ogni sostanza del secondo stadio, diverse cellule del corpo hanno i loro recettori. Prendi l'istamina. Per lui, sono noti 4 tipi di recettori dell'istamina: H1, H1, H3 e H4. Ogni recettore innesca una diversa risposta corporea all'istamina..

  • Recettori dell'istamina + H1 Aumenta la permeabilità delle membrane tra vasi sanguigni e tessuti. Il liquido attraversa più facilmente questa membrana e si accumula nei tessuti, compaiono gonfiore, naso che cola e lacrimazione. Le terminazioni nervose della pelle e delle mucose sono irritate, appaiono orticaria, prurito. Le pareti dei bronchi sono compresse, compaiono broncospasmo, tosse e respiro corto.
  • Recettori dell'istamina + H2 L'acido cloridrico e gli enzimi digestivi vengono rilasciati. Aumento del rischio di gastrite o ulcere allo stomaco.
  • Recettori dell'istamina + H3 Vengono prodotti neurotrasmettitori, aumenta la velocità di trasmissione dei segnali nervosi. Il cervello è più veloce.
  • Recettori dell'istamina + H4 Le cellule del sistema immunitario si moltiplicano, la risposta immunitaria e i sintomi allergici aumentano.

Altre sostanze biologicamente attive scatenano anche sintomi allergici:

  • Fattori di attivazione dei trombociti (TAF) Saluti dal capitano delle prove: i TAF attivano le piastrine. E le piastrine, a loro volta, secernono istamina e serotonina. La serotonina provoca broncospasmo (tosse). Che cosa fa l'istamina, lo sappiamo già.
  • Leucotrieni e prostaglandine: queste sostanze aumentano la contrazione della muscolatura liscia, provocano attacchi di starnuti e tosse..

Il risultato del terzo stadio e l'intera risposta allergica nel suo insieme - mancanza di respiro, tosse, naso che cola, lacrime agli occhi, irritazione della pelle. Questi sintomi compaiono nella persona allergica ad ogni incontro con l'allergene. Un allergene può entrare nel corpo non solo con il polline. La stessa proteina Bet V1 si trova in mele, pesche, pere, ciliegie, soia, arachidi, nocciole, carote, prezzemolo e altre piante alimentari. Quindi un'allergia al polline di betulla si trasforma in un'allergia alimentare. Questa si chiama reazione allergica crociata. Proteggersi dagli allergeni alimentari è semplice: basta eliminare gli alimenti "pericolosi" dalla dieta. Proteggersi dal polline è più difficile. Ed è ancora più difficile addestrare la tua immunità in modo che ignori gli allergeni e non scateni una reazione allergica a catena. La prossima volta scriveremo su come proteggersi dal polline nell'aria e su come trattare le allergie..

Leggi la quantità di polline presente nell'aria e quale polline provoca allergie. Leggi qui..

Allergia ai pollini degli alberi: diagnosi e trattamento delle allergie stagionali

Capo del centro per lo studio e il trattamento del prurito, capo curatore della ricerca clinica nel campo della dermatologia e allergologia, membro del comitato etico dell'EMC, Ph.D..

La pollinosi (rinocongiuntivite allergica stagionale, febbre da fieno) è una malattia stagionale che si sviluppa nelle persone sensibilizzate a causa del contatto con il polline.

Per sensibilizzazione si intende la maggiore sensibilità del corpo agli effetti di sostanze irritanti (allergeni) che causano una reazione allergica.

L'allergene, essendo innocuo per la maggior parte delle persone, è considerato "pericoloso" dal sistema immunitario nei pazienti sensibilizzati, che di conseguenza provoca una reazione allergica.

I sintomi delle allergie stagionali si verificano quasi contemporaneamente ogni anno sotto forma di naso che cola, congestione nasale, starnuti, bruciore o prurito nel naso e nella bocca, congiuntivite (occhi rossi, sabbia negli occhi, prurito / bruciore), tosse, alcuni casi di attacchi di asma. Oltre ai segni caratteristici delle allergie, i frequenti compagni di febbre da fieno sono disturbi del sonno, affaticamento e aumento della fatica. Ciò porta a un significativo deterioramento della qualità della vita dei pazienti e influisce in modo significativo sull'attività quotidiana, sull'attività professionale e sullo studio..

I sintomi più comuni della febbre da fieno nella Russia centrale si sviluppano nel periodo aprile-maggio (tabella 1) durante la fioritura della betulla (betulla, ontano, carpino, nocciola). Nelle regioni meridionali della Russia, il cipresso (cipresso, ginepro, thuja) ha un effetto simile e, nell'Europa meridionale, l'olivo viene prima tra gli alberi che causano allergie..

Tab. 1. Calendario fiorito delle piante nella Russia centrale

Una caratteristica distintiva del polline di betulla è che è più leggero, ad esempio, del polline di conifere; ha una superficie non appiccicosa, che gli consente di essere trasportato dal vento su lunghe distanze.

Anche una piccola quantità di polline nell'aria può essere sufficiente per causare sintomi di allergia nelle persone sensibilizzate e, al culmine della fioritura, il numero di granuli di polline raggiunge i 4000 / m³. In caso di allergia al polline degli alberi, possono verificarsi anche reazioni allergiche a determinati tipi di alimenti (Tabella 2).

La ragione di questo fenomeno, chiamato "allergia crociata", è che la struttura di alcuni alimenti e allergeni inalanti è molto simile. A causa delle somiglianze (Fig. 1), il sistema immunitario reagisce non solo al polline, ma anche a molecole simili contenute negli alimenti.

Tab. 2. Reazioni allergiche crociate

Figura. 1. La struttura delle molecole della proteina di betulla (bet v 1), sedano (api g 1) e ciliegia (pru av 1).

La diagnosi delle allergie stagionali si basa su una valutazione del quadro clinico della malattia e su un esame speciale. Include un esame del sangue per specifiche immunoglobuline E e / o test di allergia cutanea.

Durante il test delle allergie cutanee (pri-diagnostica), una piccola quantità di estratti di polline di alberi sotto forma di soluzione viene posizionata sull'avambraccio o sulla schiena. Gonfiore e arrossamento della pelle nell'area di applicazione indicano la presenza di allergie.

Sulla base delle informazioni ricevute, viene presa una decisione sulle ulteriori tattiche di trattamento.

Il trattamento delle allergie stagionali comprende la terapia sintomatica (antistaminici, farmaci antinfiammatori e antiallergici locali), nonché un trattamento patogenetico mirato alla causa della malattia. Ad oggi, l'unico metodo per il trattamento patogenetico delle allergie stagionali è l'immunoterapia specifica per allergeni (ASIT).

L'ASIT consiste nell'introduzione sequenziale di determinate dosi di allergeni nel corpo umano: durante la fase iniziale del trattamento (fino a 4 mesi), le dosi somministrate aumentano gradualmente, quindi durante la fase di mantenimento la stessa dose dell'allergene viene somministrata per 3 anni. Dopo l'intero ciclo di trattamento, il paziente ha una remissione prolungata, immunità all'allergene.

Esistono due metodi principali per somministrare un allergene: sottocutaneo e sublinguale. Le iniezioni sottocutanee vengono eseguite dal medico nella superficie esterna della spalla. I farmaci sotto forma di gocce sublinguali o compresse vengono presi sotto la lingua e quindi ingeriti..

ASIT può ridurre o arrestare completamente i sintomi della malattia, aiuta ad evitare la successiva sensibilizzazione, impedisce la transizione della rinite in asma.

I fattori chiave per una terapia di successo sono l'inizio del trattamento nelle prime fasi della febbre da fieno, l'ammissione regolare e l'adesione alla prescrizione del medico..

Nella Clinica di Dermatologia e Allergologia, EMC conduce tutti i tipi di diagnosi delle allergie stagionali e di altre forme e offre anche moderni metodi di trattamento della febbre da fieno.

Allergia agli alberi: cause, sintomi e cosa fare

L'allergia è una maggiore sensibilità del corpo a determinate sostanze chiamate allergeni. Quando interagiscono con il sistema immunitario umano, una reazione inadeguata delle forze protettive del corpo umano a queste sostanze.

Un allergene può essere qualsiasi prodotto alimentare, sostanza chimica, polvere, peli di animali, polline di piante da fiore e così via..

Oggi oltre il 50% della popolazione mondiale soffre di malattie allergiche in varie forme e manifestazioni..

In diverse persone, la malattia si manifesta in diversi modi e ha le sue caratteristiche. Può svilupparsi come reazione del sistema immunitario a una varietà di sostanze, presentare sintomi individuali e vari gradi di gravità.

Gli allergeni possono anche formarsi nell'ambiente interno del corpo. Questi sono i cosiddetti endo-allergeni o autoallergeni. Questi includono proteine ​​di tessuti sani, erroneamente attaccati dal sistema immunitario, nonché proteine ​​che hanno subito cambiamenti a seguito dell'esposizione a fattori esterni (chimici, termici, virali e altri).

Allergia agli alberi in fiore

Una delle forme più comuni della malattia è la febbre da fieno causata dal polline degli alberi in fiore. La febbre da fieno si verifica con una prevalenza di danni al tratto respiratorio superiore e alla mucosa degli occhi.

La stagione di fioritura può durare dalla prima metà di marzo a metà luglio. Nella zona centrale della Russia a marzo e aprile, ontano, salice, fiore di nocciola. Il quadro clinico più pronunciato è dato da ontano e nocciola.

A partire dalla fine di aprile, le latifoglie fioriscono enormemente durante il mese. Allo stesso tempo, i frutteti fioriscono. Il più pericoloso in questo periodo dell'anno è il polline di betulla..

Nella seconda metà di maggio e nella prima metà di giugno polvere di conifere. Il pino è considerato più allergenico dell'abete rosso..

Da fine giugno a metà luglio, fiorisce il tiglio. In altre parti del nostro paese, le stagioni di fioritura possono essere significativamente spostate nel tempo. Pertanto, è importante che chi soffre di allergie sappia quando fiorisce nella propria regione..

Cause delle allergie agli alberi

Molti, ma non tutti, soffrono di questo flagello. Ci sono persone con una predisposizione ad esso, associate all'ereditarietà a livello genetico.

Uno dei fattori chiave sono le caratteristiche individuali del sistema immunitario umano. Ma anche in questo caso, il contatto prolungato con sostanze provocanti non si conclude necessariamente con lo sviluppo di una reazione allergica.

Ma in determinate condizioni, l'immunità umana identifica una sostanza come qualcosa di ostile al corpo..

Lo sviluppo del processo è anche facilitato da malattie e disturbi degli organi interni e infezioni trasmesse. E, naturalmente, lo stato dell'ecologia dell'ambiente ha una grande influenza.

Sintomi

A seconda della localizzazione, possono essere divisi in due gruppi: generale e locale.

  • Febbre.
  • Abbassamento della pressione sanguigna.
  • Sbiancamento della pelle.
  • Cambiamenti nel funzionamento del sistema nervoso centrale (inibizione o eccitabilità, coscienza alterata)
  • Sintomi di natura generale derivanti dallo sviluppo di gravi complicanze come l'edema di Quincke e lo shock anafilattico.

I sintomi locali dipendono dalla varietà della malattia e dalla posizione del focus del suo decorso. Questi includono:

  • Segni di danno al tratto respiratorio: mal di gola, naso che cola, difficoltà respiratoria, tosse (di solito secca), respiro sibilante, sensazione di mancanza d'aria e soffocamento;
  • Gonfiore e arrossamento degli occhi, lacrimazione, sensazione di bruciore negli occhi, sensazione di intasamento degli occhi o presenza di un corpo estraneo in essi.
  • Disturbi digestivi: dolore addominale, nausea, feci molli, gas intenso nell'intestino.
  • Eruzioni cutanee, prurito, bruciore, pelle secca, un forte aumento della sensibilità della pelle alle sostanze irritanti esterne.

Allergia ai pollini

Le prime manifestazioni della febbre da fieno spesso iniziano con piccole eruzioni cutanee. Nel tempo, l'eruzione cutanea può diffondersi e coprire una parte significativa della superficie della pelle ed essere accompagnata da prurito. Può apparire sotto forma di acne, vesciche, orticaria e nei casi più gravi è possibile lo sviluppo dell'edema di Quincke.

Quindi si fanno sentire rinite allergica e congiuntivite, i cui sintomi sono:

  • Rinorrea.
  • Arrossamento degli occhi, accompagnato da prurito, gonfiore e lacrimazione.
  • tosse, respiro corto.
  • A volte si verifica dolore all'orecchio.

Una forma grave del decorso della malattia porta spesso a shock anafilattico, che si verifica con una velocità della luce e porta a gravi conseguenze per l'intero organismo. La morte non è esclusa. Un'altra grave complicazione in assenza di un trattamento adeguato è l'asma bronchiale. Ne consegue che con qualsiasi manifestazione è necessaria una terapia del quadro clinico tempestiva e adeguata.

Allergia ai primi alberi

Immediatamente dopo la fine dell'inverno, anche se la neve non si è completamente sciolta, inizia la fioritura di molte piante. In questo periodo dell'anno è enorme.

Alcune razze non hanno il tempo di sbocciare fino alla fine, poiché il periodo di fioritura inizia in altri. In determinate condizioni meteorologiche, la polvere si verifica immediatamente in molte specie. Può andare avanti per più di un mese.

Non c'è da stupirsi che la primavera sia la stagione peggiore per molte persone con allergie..

Allergia ai germogli degli alberi

Quando il polline interagisce con prodotti o preparati contenenti componenti di altre piante, può verificarsi una reazione allergica, anche se i singoli componenti stessi non lo causano. A questo proposito, il nocciolo è particolarmente indicativo, che può dare forti manifestazioni mentre si usano preparazioni di gemme d'albero in qualsiasi forma. Questi includono i germogli di betulla e ontano..

Allergia al legno tenero

Comincia ad apparire durante la fioritura di massa delle conifere. Il pino è considerato la conifera più allergenica..

Va notato che i problemi di salute iniziano non solo dal polline di conifere, ma anche quando si utilizzano prodotti di legno di conifere. L'esacerbazione può persino causare l'odore del legno, specialmente del pino. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, la fonte del problema è la fioritura e la relativa spolverata..

Un po 'di lanugine di pioppo

La stessa lanugine di pioppo provoca raramente le reazioni di cui sopra dal sistema immunitario. Piuttosto, è un trasportatore di polline proveniente da altre piante, così come la polvere, che è la causa del problema.

Allergia dell'albero del tè

Qualsiasi reazione negativa alla pianta stessa è praticamente esclusa. Molto più spesso (ma ancora abbastanza raramente) accade sul suo olio essenziale. Le sue manifestazioni sono ridotte a una reazione locale sulla pelle sotto forma di eruzione cutanea, comparsa di arrossamenti, gonfiore dell'area di contatto con olio e prurito.

Allergia al limone

Come altri agrumi, l'uso di limoni può causare un'irragionevole attività di immunità. Più spesso, il problema si verifica nei bambini e nelle persone con disturbi digestivi. La fioritura del limone è anche un fattore avverso per chi soffre di allergie..

Le allergie al limone e al polline del limone sono inerenti alle sue caratteristiche:

  • Malfunzionamento degli organi digestivi.
  • Eruzioni cutanee sulla pelle, accompagnate da secchezza e desquamazione della pelle, prurito e gonfiore.
  • Congiuntivite, rinite, asma bronchiale, edema di Quincke.

La conseguenza più pericolosa è lo shock anafilattico..

Alberi non allergici

Non tutte le piante degli alberi sono allergeni. Esistono specie che producono una piccola quantità di polline, che è anche sicura. Prima di tutto, si tratta di varietà da giardino di meli, pere, prugne, ciliegie, cornioli.

In molte specie, esclusivamente individui maschi rappresentano una minaccia per la salute. Le femmine sono al sicuro. Tra loro:

  • Tutte le varietà di pioppo.
  • Aceri delle seguenti specie: foglie di cenere, rosso, argento.
  • pioppo tremolo.
  • Cenere.
  • Cedro siberiano.
  • Salice.
  • Lo schiaccianoci (gelso).
  • Tutti i tipi di palme.

Trattamento

Innanzitutto, il contatto con sostanze irritanti deve essere eliminato o ridotto al minimo. Si consiglia di effettuare il trattamento insieme a misure preventive. Dovrebbe essere mirato sia all'eliminazione dei sintomi sia alla rimozione degli allergeni dal corpo..

Ai primi sintomi, è necessario prescrivere una terapia che allevia o riduce le manifestazioni della malattia e previene l'ulteriore sviluppo di una reazione allergica. Viene mostrato l'uso di farmaci volti a migliorare la respirazione, limitare il volume della secrezione di muco e la rimozione dell'edema. Tra loro:

  1. Antistaminici che bloccano l'azione dell'allergene (suprastin, claritina, erius, cetrin, loratadina, desloratadina)
  2. Mezzi per alleviare la congestione nasale e ridurre il gonfiore delle mucose del sistema respiratorio.
  3. Soluzione albucida.

Per rimuovere le sostanze nocive dal corpo, puoi prendere carbone attivo o enterosgel.

Un allergologo può prescrivere iposensibilizzazione durante un periodo di remissione. È mirato al graduale adattamento del corpo a piccole dosi di un allergene. Una parte del trattamento può durare fino a diversi mesi e viene eseguita sotto la supervisione di un medico..

Nella medicina popolare, si consiglia di mangiare il pane d'api per alleviare i sintomi. Ci sono anche molte diverse ricette popolari legate alla preparazione di decotti, infusi e lozioni da erbe e materiali vegetali. Ma prima di usarli, è consigliabile consultare un medico.

Diagnostica

Per prescrivere un trattamento adeguato, sono necessarie diagnosi accurate per determinare quali sostanze causano una reazione allergica. I metodi diagnostici sono divisi in due gruppi:

  • Effettuato con la partecipazione diretta del paziente - test sulla pelle, sulle mucose, sotto la lingua.
  • Tecnologie senza contatto che determinano la reazione del siero di sangue per interagire con un allergene.

Il metodo di prova più utilizzato è un test cutaneo. È caratterizzato dalla visibilità del risultato. Questa procedura è relativamente economica..

Puoi anche superare test provocatori. Implica l'introduzione di piccole porzioni di allergene nel corpo..

Il metodo di eliminazione prevede l'abolizione del farmaco o l'esclusione della capacità di consumare prodotti che sono allergeni.

Uno dei metodi diagnostici più recenti è il metodo Voll. Utilizzando attrezzature speciali, le informazioni vengono lette da punti biologicamente attivi.

Va tenuto presente che i risultati diagnostici sono affidabili entro 6 mesi dalla data dell'esame.

Prevenzione

Durante il periodo di fioritura attiva degli alberi, il contatto con loro dovrebbe essere completamente escluso. Se questo è difficile, il contatto con gli allergeni dovrebbe essere ridotto al minimo..

Per fare questo, è necessario astenersi dall'escursionismo in foreste e parchi. L'aerazione dovrebbe essere effettuata solo dopo le piogge, con tempo calmo e la sera.

Si consiglia di appendere un foglio bagnato su una porta o finestra aperta.

Con tempo secco e ventoso, è meglio abbandonare le passeggiate all'aperto. Se ciò non è possibile, immediatamente dopo la restituzione vale la pena cambiare immediatamente i vestiti. È impossibile asciugare i panni lavati all'aperto a causa della sedimentazione del polline su di essi. È necessario fare la doccia il più spesso possibile (almeno due volte al giorno) e fare una pulizia a umido della stanza (ogni giorno).

Allergia agli alberi negli adulti e nei bambini

Recentemente, si deve spesso affrontare una tale patologia come un'allergia agli alberi. In precedenza, una tale malattia era un evento piuttosto raro, ma oggi appare in quasi ogni terzo.

Inoltre, l'ipersensibilità a determinate sostanze si nota anche durante l'infanzia. Inoltre, gli scienziati hanno stabilito che questa malattia si manifesta più spesso a 25-40 anni.

In questo momento, molto spesso sviluppa la febbre da fieno (febbre da fieno) - una reazione allergica ad alberi e piante.

Quali alberi possono causare allergie

Il giudizio che la causa della febbre da fieno risieda solo nei fiori è errato. Uno stato simile può svilupparsi durante la fioritura di qualsiasi pianta (può essere non solo fiori, ma anche fioritura di erbe da prato, erbacce e persino alberi).

Secondo gli esperti, il principale allergene tra gli alberi è la betulla. Fiorisce da metà primavera e il processo continua fino a metà maggio. Il suo polline contiene una quantità significativa di composti proteici che possono provocare allergie.

Il vento trasporta polline di legno su lunghe distanze.

A volte le allergie al polline degli alberi nei bambini e negli adulti si sviluppano in un momento in cui fioriscono ontano e nocciola. Il picco di questo tipo di malattia si verifica a maggio. Queste piante finiscono di fiorire a giugno.

Oltre agli alberi già nominati, la febbre da fieno a qualsiasi età può svilupparsi su:

Il più allergenico, secondo gli esperti, è il polline di betulla

Ogni albero produce una quantità individuale di polline. Gli scienziati hanno scoperto che le persone che vivono nelle città sono più sensibili alla febbre da fieno che nei villaggi.

Il deterioramento della situazione è dovuto al fatto che una qualsiasi di queste piante può causare reazioni crociate con il nostro solito cibo..

Pertanto, con una tale patologia, è vietato camminare nei parchi e in generale sulla strada al momento della fioritura, nonché consumare del cibo.

Quali alberi non causano allergie

Non tutti i tipi di alberi possono provocare lo sviluppo di allergie. Esistono varietà che emettono polline in piccola quantità e non è un allergene.

Questi includono meli, pere, prugne, ciliegie e varietà da giardino di corniolo.
In alcune specie di alberi, solo i maschi possono causare allergie.

Mentre le femmine sono completamente innocue. Questi includono:

  • pioppo di qualsiasi tipo;
  • alcune varietà di acero;
  • pioppi;
  • cenere;
  • Cedro siberiano;
  • salice;
  • gelso;
  • qualsiasi tipo di palma.

Come si sviluppa

Lo sviluppo della febbre da fieno inizia quando la più alta quantità di polline è l'allergene.

Il polline è il seme delle piante delle specie maschili, hanno le dimensioni più piccole - circa 20-50 micron, contengono proteine.

Sotto l'influenza dei composti proteici, appare un'allergia raggiungendo il sistema respiratorio superiore, che aumenta la sensibilità nei vasi bronchiali. Questo vale solo per le piante di alberi anemofili - quelle che sono impollinate dal vento..

Il polline sulle mucose stimola la funzione immunitaria. È considerato dal corpo un aggressore estraneo, a causa del quale inizia la sintesi di anticorpi simili a quelli che contribuiscono alla rimozione di virus e batteri.

Di conseguenza, il livello di istamina aumenta nel flusso sanguigno, che è la ragione per la comparsa di segni di allergia.

Segni di febbre da fieno negli adulti e nei bambini

Tutti conoscono i segni della febbre da fieno. Inizialmente, appare semplicemente un'eruzione cutanea. Spesso le persone ignorano questo sintomo. Le eruzioni cutanee possono apparire su una piccola area della pelle e diffondersi in tutto il corpo. L'eruzione cutanea è solitamente accompagnata da un forte prurito. Può essere sotto forma di:

  • febbre di ortica;
  • acne
  • vesciche;
  • Edema di Quincke.

In assenza di un trattamento tempestivo in futuro, è possibile la comparsa di tali segni:

I sintomi compaiono accompagnati da tosse parossistica e mancanza di respiro. Se la malattia è grave, può svilupparsi uno shock anafilattico. Questa condizione è caratterizzata da un inizio improvviso e può danneggiare gravemente una persona. In futuro, le conseguenze della malattia si verificheranno regolarmente, in alcuni casi, ciò può causare la morte del paziente.

La mancanza di una terapia tempestiva per la febbre da fieno può provocare lo sviluppo di una complicazione come l'asma bronchiale. Questa è una malattia piuttosto grave e quasi incurabile. Una persona nota continuamente attacchi di soffocamento, di conseguenza non ha l'opportunità di rilassarsi in campagna, avere animali domestici e semplicemente camminare attraverso l'aria fresca durante la fioritura degli alberi e di qualsiasi altra pianta.

Sintomi di una reazione allergica al polline degli alberi nei bambini

Nell'infanzia, la febbre da fieno è espressa come:

  • rinite allergica e congiuntivite;
  • congiuntiva arrossata;
  • gonfiore del sistema respiratorio superiore e delle palpebre;
  • lacrimazione e secrezioni e seni trasparenti;
  • prurito al naso, alla laringe e alle palpebre;
  • fotofobia;
  • starnuti frequenti;
  • funzione respiratoria gravata, tosse secca;
  • spasmo dei vasi bronchiali;
  • eruzione cutanea.

Con la febbre da fieno nei bambini, possono comparire segni caratteristici dell'asma bronchiale: soffocamento parossistico, sindrome della tosse secca e respiro sibilante. In rari casi, si nota lo sviluppo di dermatite da polline e febbre di ortica.

Inoltre, possono verificarsi segni di un disturbo del sistema nervoso, che si manifestano sotto forma di:

  • emicrania;
  • mal di testa;
  • aracnoencefalite corticale allergica;
  • letargia;
  • convulsioni
  • disfunzione del sonno;
  • iperidrosi.

La temperatura nei bambini con questa malattia, di regola, è mantenuta all'interno dell'intervallo normale.

I segni della febbre da fieno di solito durano circa 2 mesi (questo è il momento della fioritura di alberi e fiori), se si minimizza il contatto del bambino con sostanze irritanti e si seguono misure preventive, è possibile ridurre la durata del corso.

Come diagnosticare la patologia

Come diagnosi di febbre da fieno, una persona dovrebbe donare il sangue per determinare se contiene immunoglobuline E. Ad adulti e bambini di età superiore ai 5 anni può essere prescritto un allergotest. Una diagnosi simile viene eseguita durante il periodo di remissione della malattia.

Come trattare la febbre da fieno

Quando sarà determinato con precisione quale polline di quali alberi provoca allergie in un adulto o in un bambino, viene prescritto un trattamento complesso, che consiste nel ridurre al minimo il contatto con l'allergene, oltre a utilizzare:

  1. Farmaci antiallergici. Di norma, uno specialista prescrive l'uso di antistaminici, sciroppi, pomate di nuova generazione che non causano reazioni avverse.
  2. Alimento dietetico ipoallergenico. Un allergologo determinerà quali prodotti dovranno essere eliminati in modo che non si sviluppi una reazione crociata..
  3. Enterosorbenti per la rimozione dell'allergene dal corpo.
  4. Farmaci nasali e oftalmici antinfiammatori per eliminare la rinite e la congiuntivite.
  5. Antistaminici topici per eliminare le eruzioni cutanee.
  6. Immunoterapia specifica per allergeni (ASIT). Tale trattamento prevede l'uso di farmaci moderni come Fostal (un allergene del polline degli alberi) o Antipollin (un mix di alberi).

Solo un allergologo dovrebbe prescrivere farmaci per tale patologia.

Rimedi popolari contro la febbre da fieno

Su raccomandazione di un medico, i rimedi popolari possono essere aggiunti al complesso trattamento della febbre da fieno. Una serie è molto efficace in questa situazione. Per fare questo, puoi preparare un'infusione, versare 1 cucchiaino di pianta con un bicchiere di acqua bollente.

La bevanda viene infusa per 20 minuti e viene assunta 3 volte al giorno invece del normale tè. La calendula può essere applicata allo stesso modo. Ma una tale pozione è preparata con molta erba e usa solo 3 cucchiai. cucchiai.

In assenza di allergia crociata alla camomilla, puoi fare un infuso con questo fiore. Per eliminare completamente la malattia, è necessario eseguire la pulizia del corpo. A tale scopo, puoi usare la farina d'avena. Per fare questo, una libbra di fiocchi viene versata con acqua bollente in un volume di 2 litri di capacità termica, infusa durante la notte, filtrata e consumata tutto il giorno.

I succhi di frutta e verdura aiutano con la febbre da fieno: carota, cetriolo, mela, cavolfiore, sedano e prezzemolo. Queste bevande sono diuretici naturali che promuovono l'escrezione di sostanze irritanti dannose nelle urine..

Nel trattamento delle allergie al polline degli alberi, i guaritori tradizionali usano tinture alcoliche. A tale scopo, è possibile utilizzare l'echinacea infusa con vodka o alcool.

Il farmaco viene infuso per 7 giorni, quindi filtrato e assunto quotidianamente, 25 gocce diluite in 0,1 l di acqua.

Cosa dovresti sapere sulla febbre da fieno in un bambino

Con la febbre da fieno, i bambini di qualsiasi categoria di età hanno sintomi simili, sebbene ci siano alcune differenze nel trattamento.

Non molto tempo fa, la febbre da fieno non si è verificata nei bambini, ma ora una tale malattia può anche svilupparsi in un bambino di età inferiore a 1 anno..

In una situazione simile, una mamma dovrà aderire a una dieta ipoallergenica, a meno che, naturalmente, non allatta il bambino. Il bambino deve camminare periodicamente per strada ed effettuare l'immunizzazione, il che è controindicato in caso di esacerbazione della malattia.

Spesso i bambini di 2 anni mangiano latte materno e allo stesso tempo mangiano regolarmente. In questo caso, dovrebbero essere esclusi i probabili irritanti..
I bambini in età prescolare sono molto più facili da trattare. La difficoltà sta nel fatto che un bambino di 3 anni inizia a frequentare la scuola materna, dove il più delle volte manca una cura adeguata - molti educatori non accettano di dare al bambino farmaci.

A 4 anni, ASIT non è ancora stato eseguito e per un bambino di 7 anni questo è un ottimo modo per curare le allergie agli alberi.

Un bambino di sette anni è in grado di instillare autonomamente un naso o assumere preparazioni per compresse secondo lo schema. Sebbene non siano adatti a tutti, la scelta dei farmaci a volte è un processo piuttosto complicato..

Nel caso in cui i segni della febbre da fieno non diminuiscano, motivo per cui è difficile per il bambino andare a scuola, è necessario contattare uno specialista. Può raccomandare un trasferimento all'istruzione a casa per esacerbare un disturbo.

Come mangiare con la febbre da fieno

Il requisito principale nel trattamento delle manifestazioni allergiche è una dieta ipoallergenica. Poiché la febbre da fieno è in grado di provocare varie reazioni crociate, dovrai rifiutare:

  1. Per una reazione allergica alla betulla: da linfa di betulla, ciliegia, prugne e pesche, nocciola, carote e patate, sedano e kiwi.
  2. Quando il corpo reagisce al colore della mela - da mele, carote, prezzemolo e aneto, pere, albicocca, patata dolce.
  3. Quando reagisce alla lanugine di pioppo - da mais, cicoria, olio di semi di girasole, zucca, miele, meloni.
  4. Quando il corpo risponde al polline di ontano e nocciola - da noci, mandorle e nocciole, funghi, barbabietole, banane, agrumi.

Se possibile, dovrai anche rimuovere i latticini e le uova dalla dieta. Dovresti anche abbandonare il consumo di frutti di mare nel momento in cui le piante fioriscono..

Cerca di ridurre al minimo il consumo di frutta e bacche, abbandona completamente l'alcol, tutti i tipi di condimenti, senape e maionese, cibi affumicati e salati. Il sale a questo punto deve essere completamente eliminato..

La dieta dovrebbe includere l'uso di tali prodotti (in assenza di allergie ad essi):

  • Carne di varietà dietetiche: conigli, tacchini. Inoltre, i piatti dovrebbero essere bolliti, a vapore o cotti in forno.
  • Alcune verdure: bianco e cavolfiore, broccoli, zucchine e zucchine.
  • Groppa: grano saraceno, riso, orzo, farina d'avena e grano. Ma l'esca è vietata.
  • Puoi cucinare solo con olio vegetale: olive, semi di lino, sesamo.
  • Kefir e yogurt senza aroma sono raramente ammessi.
  • È consentito bere solo composta di frutta secca, tè verde e infuso di menta piperita.

Come prevenire le ricadute

Non è possibile eliminare completamente il contatto con alberi in fiore. Tuttavia, al fine di ridurre al minimo la possibilità di un'esacerbazione, si può ricorrere a tali azioni preventive:

  • non lasciare la finestra aperta durante il periodo di fioritura degli alberi;
  • ventilare meglio la stanza sotto la pioggia;
  • eseguire la pulizia a umido ogni giorno;
  • eseguire l'asciugatura della biancheria lavata in una stanza chiusa e non su un balcone o una strada - questo aiuterà ad evitare che il polline si depositi su di essa;
  • prima della fioritura di una pianta ad albero dannosa, può essere eseguita una terapia antistaminica prescritta da un allergologo;
  • durante le passeggiate con un allergologo infantile, è necessario utilizzare uno speciale allergomask per lui;
  • le passeggiate sono eseguite al meglio durante l'attività minima del polline: prima delle 10:00 o dopo le 16:00;
  • all'arrivo dalla strada, si dovrebbero eseguire gargarismi e lavaggi dei seni con acqua.

Se trovi qualche segno, anche minimo, di allergia alle piante da fiore, dovresti assolutamente consultare uno specialista.

Metodi per la prevenzione e il trattamento delle allergie stagionali

Se hai un'allergia stagionale (febbre da fieno o rinite allergica stagionale), allora hai una reazione allergica al polline di alberi in fiore, erba o erbe infestanti trasportate dal vento.

I sintomi compaiono durante la stagione di fioritura di piante specifiche..

In genere, gli allergologi notano diverse ondate di pazienti che visitano un medico: il primo da metà marzo ai primi di giugno, associato all'impollinazione degli alberi, il secondo - la fine di maggio, metà estate (fioritura delle erbe di cereali); il terzo - la metà dell'estate, la fine dell'autunno (impollinazione delle erbe infestanti).

Inoltre, la pelle, i sistemi cardiovascolari, digestivi e nervosi sono coinvolti nel processo patologico (ad eccezione di occhi e naso).

Di solito vengono dal medico nel secondo o terzo anno di malattia e durante un'esacerbazione. E poi, di norma, vengono prescritti farmaci antiallergici, che sono un mezzo per alleviare i sintomi allergici. Ma non il suo trattamento.

Il principale metodo di terapia è di escludere il contatto con l'allergene e questo non è possibile con la febbre da fieno.

Pertanto, gli allergologi ricorrono all'immunoterapia specifica, ovvero riducendo la sensibilità del corpo agli allergeni che hanno causato la malattia.

Questo è il modo più efficace e nel novantacinque percento dei casi porta a un pieno recupero.

Con il trattamento tardivo, lavorare con il paziente è molto più difficile: la febbre da fieno è irta dello sviluppo di altri tipi di allergie agli oggetti che ci circondano ogni giorno.

Come puoi vedere, il trattamento è possibile, ma il suo successo dipende in gran parte dal paziente stesso.

Potresti essere allergico a diversi allergeni, quindi i sintomi possono diventare più forti e più frequenti di una volta all'anno..

Ad esempio, potresti avere un'allergia in primavera a causa della fioritura degli alberi, ma la tregua non si verifica alla fine dell'estate, perché sei allergico all'assenzio. Non ci sono due persone uguali.

Il medico può aiutarti a determinare qual è il tuo allergene e come trattare al meglio i sintomi dell'allergia. Comunicando al medico informazioni dettagliate sul tuo stile di vita e le tue abitudini, lo aiuterai a identificare più accuratamente il problema e ti daranno consigli su come alleviare le allergie..

Ora parliamo di cosa fare se alberi in fiore e aiuole fiorite ti fanno starnutire e gli occhi acquosi non ti permettono di concentrarti sui documenti aziendali?

(L'esperienza è condivisa da Irina Nesterova, MD, professore, immunologo-consulente clinico nel sistema del Centro medico dell'Amministrazione presidenziale della Federazione Russa e Sergey Sokurenko, MD).

Se pensi che valga la pena sopravvivere alla primavera e un'allergia al polline verrà completamente rimossa, ti sbagli profondamente. La stagione allergica nel nostro paese dura da metà aprile alle prime gelate. All'inizio della primavera, molto spesso le allergie sono causate dalla fioritura di betulla, ontano e nocciola. Da fine maggio a metà luglio, gli allergeni più feroci sono i cereali: bluegrass, felce, segale, segale e in agosto e settembre erbacce: assenzio, quinoa, ambrosia.

I medici usano il vecchio nome allergia ai pollini per la febbre da fieno. Nella stagione della fioritura, colpisce fino al 16% della popolazione mondiale. Lacrimazione, lacrimazione, naso che cola, attacchi di asma, come nell'asma bronchiale: tutti questi sono veri segni di allergia ai pollini.

il colpevole dell'insorgenza della febbre da fieno è un sistema immunitario indebolito. Anche un'allergia alla fioritura viene ereditata..

Può nascondersi nel tuo corpo e poi, sotto l'influenza dei "provocatori", dichiararsi, rovinando il piacere del sole primaverile e della calda estate.

Tra i provocatori che indeboliscono il sistema immunitario - stress, ambiente inquinato, infezioni, fumo.

Attualmente, l'acqua piovana contiene un gran numero di composti chimici. Queste sostanze nocive modificano il polline, rendendolo ancora più pericoloso per le persone allergiche. Mentre prima, quando l'acqua piovana non era così sporca, "inchiodava" il polline al suolo e l'umidità ha portato sollievo alle allergie. Le condizioni dei pazienti per molti aspetti dipendono dal vento.

I venti forti portano più polline. Al contrario, in tempo calmo e calmo la sua concentrazione nell'aria è più debole. Quindi, è più facile per chi soffre di allergie. Come proteggere il corpo dalle allergie ai pollini? I dottori scherzano: “Non c'è allergene - non c'è allergia. Quando tutto fiorisce, è meglio spostarsi in un altro emisfero ". Dopotutto, è impossibile evitare completamente di ottenere polline negli occhi e nel tratto respiratorio.

A meno che, naturalmente, non preveda di trascorrere l'intera primavera ed estate in maschera antigas.

Per chi soffre di allergie, il metodo più efficace di prevenzione è la cosiddetta immunoterapia specifica..

Un allergene viene rilevato in un paziente (ad esempio, il corpo non tollera il polline di betulla) e prima dell'inizio della stagione di fioritura, vengono introdotte alcune dosi di farmaci, in base al colpevole della malattia.

A poco a poco, il corpo si abitua al farmaco, una persona allergica sviluppa l'immunità e durante la stagione di fioritura non reagisce affatto al polline o la malattia procede in una forma più mite. Questo metodo è simile alla vaccinazione antinfluenzale..

Dopo 3-4 anni di trattamento regolare, la predisposizione alle allergie scompare completamente. I medici non promettono che l'immunoterapia specifica aiuti a rallegrare la vita di tutti i soggetti allergici, senza eccezioni. Inoltre non esistono ricette universali per il trattamento dell'osteocondrosi o delle ulcere.

Tutto dipende dalle caratteristiche individuali del corpo. Ma nel 95% dei casi, l'immunoterapia è efficace.

A seconda delle condizioni del paziente, il corso include 5-10 vaccinazioni.

Un farmaco iniettato può causare sintomi simili a quelli che si verificano in una persona allergica nel mezzo della fioritura: arrossamento della mucosa degli occhi, naso che cola, tosse.

In questo caso, il medico utilizza un metodo più delicato: riduce la dose somministrata del farmaco. L'immunoterapia specifica ha senso molto prima della stagione della fioritura. Altrimenti, il trattamento non darà l'effetto desiderato..

Se non hai abituato il tuo corpo a un allergene, devi combattere la malattia stessa e non la sua causa.

In questo caso, i medici raccomandano un ciclo di trattamento con farmaci antistaminici (antiallergici). Un'allergia al polline è accompagnata dall'espansione dei vasi sanguigni, dal rilascio di acido cloridrico in eccesso, dal "intasamento" delle mucose degli occhi, del naso e del tratto respiratorio superiore (i microbi dannosi per il corpo si depositano su di essi).

Gli antistaminici combattono questi sintomi.

Per combattere le allergie alla fioritura nella medicina moderna, gli antistaminici come Telfast, Claritin, Clarotodin, Zirtek e Terfenadin sono usati più spesso. Questi sono farmaci generali, ripristinano il sistema immunitario nel suo insieme e, in particolare, controllano i sintomi della malattia in caso di allergia alla fioritura. Dose standard: una compressa al giorno.

Il corso del trattamento di solito dura 10-15 giorni. Come azione locale, puoi usare lo spray nasale "Histimet", "Allergodil", ecc. (Se hai la rinite, scorre dal naso). In caso di congiuntivite, collirio antiallergenico "Optikrom", "Khaykrom" aiuterà. Questi farmaci alleviano le manifestazioni esterne dell'allergia ai pollini: naso che cola, infiammazione della mucosa dell'occhio.

Se sei tormentato da attacchi di asma (come nell'asma bronchiale), le pillole non sono d'aiuto qui. Inalatori di broncodilatatori "Berotek", "Salbutamol", "Intal plus". Gli esperti consigliano di non iniziare la malattia e consultare uno specialista in tempo.

Se hai un naso che cola, congiuntivite di anno in anno, un percorso diretto per un immunologo-allergologo e non per un normale terapista. Potrebbe non riconoscere i sintomi dell'allergia e prescrivere un trattamento inadeguato. E un altro consiglio importante: non automedicare mai. Prima di assumere qualsiasi farmaco, è necessario consultare il proprio medico.

Tra le controindicazioni all'uso degli antistaminici ci sono alcune malattie del sistema nervoso centrale e del tratto gastrointestinale, che nella maggior parte dei casi danno solo un effetto temporaneo. Per questo, i medici li hanno chiamati "fazzoletti". Quando li prendi - il sollievo arriva e smetti di bere - l'allergia si fa sentire di nuovo.

Se l'immunoterapia e gli antistaminici specifici non facessero fronte ad un'allergia al polline, la malattia potrebbe assumere forme più serie. In questo caso, chi soffre di allergie dovrà sottoporsi a un esame stazionario e trattare l'intero sistema immunitario nel suo insieme.

Per il trattamento di pazienti con il Centro medico dell'Amministrazione presidenziale della Federazione Russa, sono stati sviluppati programmi speciali di immunorbilitazione. Ripristinano l'immunità e in futuro aiutano l'organismo a tollerare più facilmente carichi aggiuntivi (in particolare, malattie infettive, tempo umido).

Si raccomanda che le persone con un sistema immunitario indebolito durante il periodo di fioritura seguano una dieta ipeallergenica, cioè i prodotti che possono aggravare le allergie dovranno essere esclusi dalla dieta. Tra questi, nei mesi primaverili, fragole e lamponi, in autunno - angurie, meloni, uva, melanzane, per tutto il periodo di fioritura - caffè, cioccolato, cacao, noci, miele, uova.

Fai molta attenzione alla terapia ormonale sostitutiva. Può essere utilizzato solo nel caso più estremo, quando un altro trattamento per le allergie non aiuta. I farmaci ormonali sono indicati solo per forme stagionali gravi di asma bronchiale..

Tra i metodi naturali per affrontare le allergie ai pollini, i medici raccomandano la terapia vitaminica. Le vitamine B e C sono efficaci combattenti per l'allergia ai pollini. Sono anche responsabili della funzione protettiva del corpo, aumentano l'immunità.

Grandi dosi di vitamina C si trovano in limoni, arance, cavoli salati e rose selvatiche. Vitamine del gruppo B - nel farmaco "Vita B plus" dell'azienda "Vitolax". Il tuo sistema immunitario diventerà molto più forte se nutri il tuo corpo con un cocktail verde-magico tutto l'anno..

Nella stagione della fioritura, il cibo leggero dovrebbe prevalere nella tua dieta quotidiana - è buono se è composto per il 60-70% da frutta e verdura. Il cibo pesante indebolisce il sistema immunitario. Al contrario, la normalizzazione dell'equilibrio acido-base (lo stesso PH di cui gli inserzionisti parlano regolarmente) e il metabolismo lo rafforzano.

"Camera bianca" è il nome di un altro metodo per affrontare le allergie primaverili.

Il paziente viene collocato in una stanza con un ambiente privo di polvere (la stanza ricorda una scatola vetrata sigillata). L'aria con l'aiuto di filtri speciali viene fornita lì assolutamente pulita, senza batteri e polvere.

I sintomi della febbre da fieno scompaiono in 2-3 giorni. Non ci sono controindicazioni a questo metodo di trattamento. Il paziente è in una stanza pulita per diverse ore. Durante la procedura, non puoi leggere o fare nulla.

Immagina di essere nella giungla dell'Amazzonia. C'è la stessa atmosfera pulita del modulo del vuoto - non più di 100 particelle di polvere per 1 metro cubo di aria. Inizialmente, questa procedura ha un effetto temporaneo. Nella stagione di fioritura di nuovi allergeni, potresti non sentirti di nuovo bene.

Quindi le sessioni in una "stanza pulita" dovranno essere ripetute. Ma dopo 3-4 anni di trattamento regolare, l'effetto diventerà permanente, cioè il sistema immunitario si riprenderà così tanto che può combattere un'allergia al polline da solo.