Allergia agli occhi: cause, sintomi, come appare, come trattare

Analisi

L'allergia agli occhi è un processo infiammatorio che si sviluppa a seguito della penetrazione di un irritante. Può essere virale, batterica o di altra razza. Alcuni tipi di allergie si presentano come un sintomo concomitante di malattie come dermatite atopica, asma bronchiale, rinite allergica. Pertanto, prima di iniziare il trattamento, è necessario scoprire la causa dello sviluppo di una reazione allergica.

Le ragioni

Varie sostanze possono agire come allergeni: polvere, peli di animali, polline di piante, ecc. Gli occhi sono i primi a rispondere a un allergene, che si manifesta con i sintomi corrispondenti. Gli esperti chiamano una serie di fattori che predispongono allo sviluppo dell'infiammazione. Sono i seguenti:

  • immunità debole;
  • predisposizione genetica;
  • occhi asciutti (il più delle volte si verifica nelle persone che sono costrette a sedersi a lungo al computer, eseguendo lavori visivi in ​​condizioni di scarsa illuminazione, driver).

Le principali cause di allergie agli occhi sono:

  • uso prolungato di lenti a contatto;
  • suture sul fondo dopo chirurgia;
  • prendendo alcuni farmaci;
  • sostanze chimiche volatili o polvere domestica;
  • peli di animali o saliva, piume di uccelli, squame di pesce;
  • polline di piante;
  • bassa temperatura dell'aria;
  • violazioni del tratto digestivo, cattiva alimentazione, disbiosi;
  • acqua di rubinetto (durante il lavaggio);
  • I raggi del sole;
  • germi sulla montatura degli occhiali;
  • cosmetici decorativi; lacca per capelli;
  • piante d'appartamento.

A volte una reazione allergica può svilupparsi a causa della reazione del corpo al cibo. Ma nella maggior parte dei casi, è causato da allergeni nell'aria. Le allergie agli occhi di un bambino sono spesso il risultato dell'essiccazione della mucosa o dell'affaticamento degli occhi.

Una reazione allergica agli occhi può verificarsi in forma acuta o cronica. Il primo si sviluppa entro un'ora dopo l'esposizione a un allergene. La forma cronica è caratterizzata da un lungo decorso della malattia con attenuazione periodica e una nuova manifestazione di sintomi. Nelle allergie, il processo infiammatorio si estende al guscio esterno o interno dell'occhio. A seconda dello stimolo che ha causato la reazione, della sua localizzazione e dei sintomi associati alla malattia, le allergie agli occhi sono suddivise in diversi tipi.

Congiuntivite papillare

Il motivo principale della comparsa della patologia è la costante irritazione della congiuntiva dell'occhio con lenti a contatto o soluzione salina per prendersi cura di loro. Le seguenti manifestazioni di questo tipo di allergia possono essere osservate in un paziente: gli occhi si gonfiano e la congiuntiva si arrossa, l'erosione spot si verifica sulla superficie della cornea e piccoli follicoli (tubercoli) compaiono sulla mucosa della palpebra superiore.

La congiuntivite papillare nei bambini può svilupparsi a causa dell'ingresso di sabbia negli occhi, sostanze chimiche o corpi estranei.

Dermatite da contatto

Spesso una reazione allergica agli occhi è causata dall'uso di cosmetici: mascara, eyeliner, ombretto, crema per gli occhi. A volte un farmaco (unguento, gel o crema) diventa irritante. I sintomi saranno i seguenti:

  • gonfiore e arrossamento delle palpebre (si osserva spesso arrossamento del bulbo oculare);
  • piccola eruzione cutanea intorno agli occhi.

cheratocongiuntivite

Questa patologia è spesso caratteristica dei ragazzi di 5-12 anni. La comparsa di allergie negli occhi è dovuta a uno sfondo ormonale instabile. Inoltre, la malattia può svilupparsi come complicanza della neurodermite o dermatite atopica. Il processo infiammatorio si estende alla congiuntiva e alla membrana della cornea. I principali segni della malattia saranno: annebbiamento e arrossamento della mucosa dell'occhio, compromissione visiva temporanea. Un'altra caratteristica di questo tipo di allergia è il forte prurito. Il bambino può lamentarsi del fatto che i suoi occhi sono molto pruriginosi. La cheratocongiuntivite è molto spesso persistente, può svilupparsi in una forma cronica.

Allergia primaverile

Questo tipo di allergia può svilupparsi a seguito della reazione del corpo ai venti primaverili secchi. Pertanto, molto spesso colpisce le persone che vivono in aree con un clima caratteristico. Ci sono momenti in cui un'allergia primaverile appare a seguito dell'esposizione ai raggi luminosi del sole sugli occhi sensibili. I sintomi della patologia sono i seguenti:

  • arrossamento della sclera dell'occhio e gonfiore delle palpebre;
  • secrezione di secrezione viscosa;
  • lacrimazione e forte prurito;
  • aumento della fotosensibilità.

Inoltre, il paziente può infiammare il rivestimento dell'occhio. Un segno caratteristico dell'allergia primaverile sarà la crescita papillare sulle palpebre o lungo i bordi della cornea.

Allergia al freddo

Le allergie fredde agli occhi si verificano nei mesi invernali o autunnali, quando fuori fa molto freddo. Molto spesso, una reazione al freddo si verifica nei bambini piccoli o nelle persone con immunità debole. Sintomi caratteristici di un'allergia: prurito agli occhi, palpebre gonfie e gonfie, la pelle su di esse può staccarsi.

Congiuntivite allergica

Questa è la risposta del corpo a un allergene irritante. Si distinguono le seguenti varietà di congiuntivite allergica:

  • Pollinoso - causato dall'ingestione di polline di piante sulla congiuntiva dell'occhio. Questo di solito si verifica in tarda primavera o all'inizio dell'estate. La patologia è caratterizzata da manifestazioni di rinite allergica: lacrimazione, tosse secca (sono possibili attacchi di soffocamento), eruzioni cutanee, secrezione di secrezione liquida dal naso. Questa allergia agli occhi e al naso che cola è accompagnata.
  • Medicinale - causato dall'assunzione del farmaco (una reazione allergica può provocare sia il componente principale del farmaco che gli eccipienti). Il disturbo più spesso ha un esordio acuto: una reazione allergica si sviluppa un'ora dopo l'uso del farmaco o entro un giorno. Potrebbe esserci una congiuntivite allergica cronica sui farmaci. In questo caso, un'allergia alle palpebre prende un decorso cronico a causa dell'uso prolungato del farmaco.

Congiuntivite infettiva

Un'allergia può comparire davanti agli occhi e a seguito di un'infezione virale o batterica. In questo caso, c'è una congiuntivite batterica allergica virale e allergica. Le patologie sono accompagnate da arrossamento e irritazione degli occhi, il gonfiore è possibile sulla mucosa e sulle palpebre, che porta a un tumore oculare visibile. Le allergie sono spesso accompagnate da secrezione purulenta e forte prurito..

Sintomi

È difficile perdere una reazione allergica. Per la natura del decorso della patologia, si distinguono le forme acute e croniche di allergia negli occhi. I sintomi dell'infiammazione acuta si verificano 3-24 ore dopo l'esposizione a un irritante. Di solito, un'allergia si manifesta immediatamente in due occhi, ma ci sono casi in cui solo la mucosa di un occhio cede all'allergene.

I principali sintomi dell'allergia agli occhi sono i seguenti:

  • forte prurito, sensazione di corpo estraneo negli occhi, sensazione di bruciore;
  • arrossamento e gonfiore delle palpebre, comparsa di gonfiore;
  • affaticamento degli occhi;
  • aumento della fotosensibilità;
  • lacrimazione (specialmente in piena luce);
  • secrezione purulenta (con infezione batterica);
  • spasmi della palpebra (raro).

Una forma cronica di patologia si sviluppa pochi giorni o settimane dopo l'esposizione a un irritante. È caratterizzato da prurito periodico e sensazione di bruciore agli occhi..

Diagnostica

I sintomi delle allergie intorno agli occhi sono generalmente pronunciati, quindi il medico può fare una diagnosi basata sull'esame visivo e sui reclami dei pazienti. Ma per escludere una possibile congiuntivite infettiva, saranno necessarie diverse misure diagnostiche. Saranno i seguenti:

  • esami del sangue e delle urine;
  • studio del siero del sangue per le immunoglobuline;
  • raschiatura congiuntivale.

Se l'allergia è confermata, il paziente sarà sottoposto a una serie di test per identificare l'allergene. Può essere test di scarificazione, prik-test, test provocatori nasali, sublinguali o congiuntivali. Tutti i test per la rilevazione dell'allergene vengono eseguiti rigorosamente durante il periodo di remissione (in assenza di sintomi pronunciati).

Trattamento farmacologico

Il trattamento delle allergie oculari inizia principalmente con l'esclusione dell'esposizione all'allergene. Se l'irritante è ancora sconosciuto, si consiglia al paziente di interrompere temporaneamente l'uso di cosmetici decorativi e prodotti chimici domestici, non di contattare gli animali.

Per curare le allergie, il medico può prescrivere i seguenti farmaci:

  • Bloccanti del recettore dell'istamina locale e sistemico (Tavegil, Supragil).
  • Per alleviare il gonfiore e l'infiammazione, vengono prescritti preparati a base di corticosteroidi (gocce o pomata di desametasone). Ma possono essere utilizzati solo per alleviare i sintomi. È vietato l'uso prolungato di tali farmaci.
  • Gocce vasocostrittive "Octilia", "Okumetil", "Vizin". I genitori dovrebbero ricordare che i bambini di età inferiore a 6 anni hanno controindicato gocce vasocostrittive..
  • In congiuntivite grave e cheratite, verrà prescritto un farmaco antinfiammatorio non steroideo (Diklo F, Indokollir, Desametasone).

Per alleviare il forte prurito e gonfiore delle palpebre, possono essere prescritti pomate o creme ormonali, nonché allergie a base di antibiotici. La terapia per le allergie lievi prevede l'uso di unguenti o gocce di "Fenistil", crema "Pantenolo". Gli unguenti ormonali "Fenkarol" ed "Elokom" sono abbastanza efficaci, ma hanno una serie di effetti collaterali. La congiuntivite è trattata con unguento per l'eritromicina o unguento "Levomekol".

La base di una reazione allergica è una diminuzione delle forze immunitarie del corpo. Pertanto, il medico prescrive a colpo sicuro agenti di rinforzo generali. Di solito si tratta di complessi vitaminici e minerali; ai bambini può essere prescritto olio di pesce.

Trattamento con rimedi popolari

Molti pazienti hanno domande: se le allergie graffiano gli occhi, cosa trattare a casa, è possibile alleviare il prurito e ridurre l'infiammazione con ricette alternative. I medici affermano che durante il trattamento delle allergie ai farmaci è consentito l'uso di rimedi popolari. Ma questo dovrebbe integrare la terapia farmacologica di base e non sostituirla.

Quindi, i seguenti rimedi casalinghi aiuteranno ad alleviare i sintomi e ridurre la manifestazione di allergie:

  • Infusi di erbe medicinali (timo, camomilla, aneto). Per preparare la soluzione, hai bisogno di 1-2 cucchiai di erba. Viene versato in bicchieri di acqua bollente, insistito e filtrato. Quindi un batuffolo di cotone viene abbassato nell'infusione risultante e applicato sugli occhi per 5-10 minuti.
  • Una soluzione con succo di aloe. Per preparare il farmaco, è necessario spremere un po 'di succo dalla foglia della pianta e diluirlo con acqua pulita in un rapporto di 1:10. La soluzione risultante viene pulita con gli occhi per tutto il giorno (4-6 volte al giorno).
  • Strofinando gli occhi con il tè verde. Per fare questo, fai un drink forte, quindi abbassalo in un batuffolo di cotone e applica sugli occhi per circa quindici minuti.

Tutte le soluzioni preparate secondo le ricette della casa dovrebbero essere calde. Non usarli caldi, in quanto potresti scottarti. Prima di usare una ricetta popolare, è meglio consultare un allergologo. Alcune erbe stesse possono scatenare allergie e aggravare la situazione..

Possibili complicazioni

Se non trattate le allergie oculari, potrebbero svilupparsi alcune complicazioni. La conseguenza più negativa in questo caso sarà una diminuzione dell'acuità visiva. Possono anche svilupparsi le seguenti patologie croniche:

  • rinite cronica;
  • asma bronchiale;
  • eczema, psoriasi, dermatite allergica.

Se la reazione allergica è abbastanza forte, allora c'è la possibilità di shock anafilattico.

Prevenzione

È meglio prevenire l'insorgenza della malattia piuttosto che curarla. Se la reazione allergica non è causata da una predisposizione genetica, quindi come misura preventiva, puoi fare quanto segue:

  • usare cosmetici ipoallergenici, scegliere cosmetici e prodotti per la casa senza profumo;
  • eseguire tutte le manipolazioni con le lenti a contatto solo con le mani pulite, seguire attentamente le istruzioni per l'uso;
  • monitorare la dieta, eliminare gli alimenti che causano allergie;
  • ventilare la stanza regolarmente ed eseguire la pulizia a umido.

Quando il paziente conosce un irritante che può causare una reazione allergica, è necessario escludere qualsiasi contatto con lui.

Se inizi il trattamento in tempo e ascolti le raccomandazioni del medico, puoi liberarti rapidamente dei spiacevoli sintomi allergici negli occhi. La mancanza di una terapia tempestiva può portare a conseguenze indesiderate: esacerbazione del glaucoma e sviluppo di patologie croniche.

Allergia agli occhi

Un'allergia è una reazione immunitaria a sostanze estranee chiamate allergeni: medicine, polvere, cibo, polline di piante, peli di animali e molto altro. Di solito sono innocui per l'uomo, ma nelle persone allergiche la risposta immunitaria a queste sostanze è ipersensibile. 1 Un'allergia può iniziare in una persona a qualsiasi età, la ragione è un indebolimento del sistema immunitario.

L'immunità svolge un lavoro importante: protegge il corpo da virus e batteri che lo danneggiano. Ma a volte inizia a combattere con sostanze con le quali non dovrebbe - allergeni. Il sistema immunitario risponde a loro e rilascia anticorpi dell'immunoglobulina (IgE) - proteine ​​che combattono le sostanze "dannose". Le cellule producono quindi istamina, che provoca sintomi allergici 2.

Tipi di malattia

Congiuntivite allergica stagionale (febbre da fieno)

Gli allergeni stagionali lo causano, come polline, erbacce e spore fungine che compaiono in estate o in primavera.

Congiuntivite allergica tutto l'anno

Non dipende dal periodo dell'anno. Può essere causato da acari della polvere o peli di animali domestici. Potrebbero verificarsi esacerbazioni stagionali 9.

Cheratocongiuntivite primaverile

Una malattia di un clima caldo o mesi con tempo caldo 10. È raro, ma può causare gravi complicazioni, poiché la cornea si infiamma 11.

Cheratocongiuntivite atopica

Infiammazione bilaterale che colpisce la superficie dell'occhio e della palpebra. Può causare perdita della vista a causa di complicanze della cornea 12.

Le ragioni

L'allergia agli occhi è il risultato del sistema immunitario del corpo alle prese con materiale, di solito innocuo, che non può riconoscere. Si chiama anche una reazione di ipersensibilità. Il contatto visivo, gli allergeni, cioè i materiali sui quali il corpo ha una maggiore sensibilità, causano il rilascio di sostanze chimiche chiamate istamine, che causano infiammazione.

Se il prurito agli occhi o arrossisce, lacrimazione o bruciore, questo è il primo segno di allergia oculare o congiuntivite allergica. Le palpebre si gonfiano, si arrossano e pruriscono 3. Spesso le persone trattano la rinite allergica, ma ignorano gli occhi - non è necessario farlo 4.

Allergeni:

  • Polline vegetale;
  • Polvere;
  • Peli di animali domestici;
  • Muffa;
  • Fumo;
  • Prodotti cosmetici;
  • antibiotici.

Alcune persone sono allergiche ai conservanti nei colliri. A volte gli occhi possono rispondere ad altri allergeni che non entrano necessariamente in contatto diretto con loro. Ad esempio, su determinati alimenti o punture di insetti.

Alcune persone ereditano allergie agli occhi dai loro genitori. Le probabilità sono raddoppiate se entrambi ce l'hanno.

Sintomi

I sintomi delle allergie oculari comprendono: 6

  • Prurito o bruciore;
  • strappare;
  • Arrossamento;
  • Peeling intorno agli occhi;
  • Gonfiore e gonfiore.

Possono apparire rapidamente - immediatamente dopo il contatto con un allergene. In altri casi, ad esempio, con un'allergia ai colliri, i sintomi possono comparire dopo 2-4 giorni 7.

Durante i periodi in cui c'è molto polline nell'aria, come caldo, cioè nei giorni caldi, asciutti e ventosi, i sintomi possono peggiorare. Nei giorni bagnati, freddi e piovosi, le allergie sono meno comuni..

Qual è il pericoloso gonfiore oculare allergico e come rimuoverlo?

L'edema allergico degli occhi è considerato una delle forme più comuni di reazione allergica. Gli allergologi spiegano la frequente manifestazione di allergie negli occhi dal fatto che gli organi della visione sono costantemente esposti allo stimolo. Le palpebre superiori si gonfiano più spesso, il gonfiore delle palpebre inferiori si trova anche nella pratica medica. Di seguito scoprirai perché l'edema allergico si verifica sotto gli occhi, cosa fare quando appare un sintomo così spiacevole e i principali metodi di terapia.

Che cos'è un'allergia??

Intorno a noi i microrganismi sono costantemente presenti, ce ne sono molti in frutta, acqua, aria, verdura. Le persone sane non prestano attenzione alla presenza di tali irritanti. Se una persona ha problemi di immunità, sentirà gli effetti di un certo gruppo di agenti patogeni che si depositano sulle mucose. La mucosa degli occhi è considerata molto vulnerabile, facilmente accessibile..

L'edema degli occhi con allergie non si manifesta solo dopo l'esposizione diretta dell'allergene alla mucosa. L'edema può apparire sotto forma di una reazione a medicine, cibo. Se un allergene entra nella mucosa dell'occhio, dopo mezz'ora comparirà gonfiore. Se l'allergene entra nel corpo con il cibo, le palpebre si gonfieranno molto più tardi (passerà un certo periodo di tempo fino a quando i microrganismi raggiungono la mucosa delle palpebre con il flusso sanguigno).

Sintomi di gonfiore oculare di un'eziologia allergica

Con lo sviluppo di un'allergia sulle palpebre, i sintomi possono manifestarsi molto brillantemente o non troppo chiaramente. La gravità e la durata dei segni di allergia sono influenzate da fattori tattili:

  • sensibilità del sistema immunitario;
  • il numero di allergeni che entrano nel corpo.

I segni di una reazione allergica sulle palpebre sono:

  • lacerazione;
  • prurito
  • gonfiore delle palpebre;
  • disagio quando si sposta l'occhio;
  • la retina è rossa;
  • ipersensibilità alla luce;
  • sensazione di bruciore; dolore;
  • arrossamento degli occhi;
  • secrezione mucosa;
  • una sensazione della presenza di un oggetto estraneo all'interno dell'occhio;
  • gonfiore delle palpebre.

A volte il gonfiore degli occhi con allergie è trascurabile. Con una lieve reazione allergica, il paziente ha l'effetto di lacrime agli occhi. Se l'allergia è grave, è difficile per il paziente aprire gli occhi. Oltre all'edema, è preoccupato per il dolore agli occhi, il dolore.

Il gonfiore dell'occhio può verificarsi contemporaneamente su entrambe le palpebre. In alcuni casi, si osserva un gonfiore di tutto il viso. L'edema può colpire varie parti del bulbo oculare:

  • fibra retrobulbare;
  • conchiglia;
  • cornea;
  • tratto uveale;
  • nervo ottico.

Il grave gonfiore degli occhi è pericoloso a causa dell'aumento della pressione intraoculare, della ridotta qualità della vista, della completa perdita della vista.

Perché gli occhi si gonfiano nei bambini?

Il gonfiore degli occhi nei bambini si verifica abbastanza spesso. Possono essere leggermente pronunciati, passare nella prima metà della giornata. A volte il gonfiore della palpebra è molto forte. Il gonfiore delle palpebre segnala sempre qualsiasi deviazione nel corpo in crescita.

Ci sono molte ragioni per cui può apparire un gonfiore agli occhi di un bambino. Indichiamo il più comune:

  • polline di piante;
  • aumento della pressione intracranica;
  • l'uso di prodotti contenenti allergeni (fragole, frutti di mare, cioccolato, uova, agrumi, latte);
  • nuoto prolungato, surriscaldamento al sole;
  • erba appena tagliata;
  • problemi renali, del tratto urinario;
  • allergia al sole;
  • acari sottocutanei;
  • passione per computer, tablet, TV;
  • disbiosi intestinale;
  • assunzione di grandi quantità di acqua;
  • orzo;
  • interruzione del tratto digestivo;
  • morsi di insetto. È facile per i medici determinare l'eziologia dell'edema in questo caso, perché esiste un sito di morso distinto;
  • lungo pianto arrabbiato;
  • polvere costosa;
  • peli di animali.

Negli adulti, gli occhi possono gonfiarsi a causa dell'uso di cosmetici, assunzione di farmaci (complessi vitaminici, antibiotici, preparati di iodio).

Una reazione allergica si verifica negli occhi nei bambini e negli adulti. Il quadro clinico è quasi lo stesso.

Diagnostica

Prima di aiutare un paziente, è necessario diagnosticare con precisione la malattia. Se c'è il sospetto di sviluppare un'allergia intorno agli occhi (sulle palpebre), è necessario consultare un allergologo. Differenzia un'allergia con tali patologie: congiuntivite, edema infiammatorio. Dai test, il paziente deve superare quanto segue:

  1. Raschiatura congiuntivale.
  2. Test cutanei (con allergeni).
  3. Determinazione dell'acuità visiva.
  4. Lo studio del liquido lacrimale. Viene effettuato al fine di stabilire il numero di eosinofili.
  5. Biomicroscopia (studio dei bordi delle palpebre, cornea, congiuntiva, ciglia).

I seguenti specialisti aiuteranno a determinare la causa esatta dell'edema palpebrale:

  • allergologo;
  • dermatologo;
  • endocrinologo;
  • gastroenterologo.

Pronto soccorso per una reazione allergica acuta

Se l'occhio si gonfia a causa di una reazione allergica acuta, è necessario rimuovere rapidamente l'edema allergico dagli occhi. Inizialmente, il contatto con l'allergene deve essere eliminato. Per ridurre la sensazione di bruciore, prurito, gonfiore, impacchi freddi aiutano. I batuffoli di cotone inumiditi con acqua fredda (bollita) vengono posti sugli occhi.

Dopo aver eliminato il fattore provocante, al paziente deve essere somministrata una compressa di un farmaco antiallergico:

Delle creme, il medico può prescrivere questi:

Se la congiuntivite allergica si è unita all'allergia, uno specialista può prescrivere uno dei seguenti colliri:

Dopo aver preso la medicina, devi chiamare un'ambulanza.

Dopo una reazione allergica, un paziente può avere conseguenze molto pericolose. Data questa sfumatura, un paziente con palpebre gonfie deve immediatamente prestare attenzione alla malattia. Il gonfiore delle palpebre può provocare gonfiore di altri organi (rinofaringe, gola, mucose).

Per accelerare la rimozione dell'allergene dal corpo della vittima, il paziente deve bere molti liquidi (i medici preferiscono l'acqua). Devi bere più acqua, la temperatura di questa bevanda dovrebbe essere compresa tra 18 e 20 gradi. È utile prendere carbone attivo. In sua assenza, puoi bere qualsiasi adsorbente.

Chiamare un'ambulanza e visitare un allergologo per l'edema delle palpebre è un must. Questa patologia può innescare lo sviluppo dell'edema di Quincke, che è pericoloso per la salute. A volte un paziente con edema delle palpebre viene ricoverato in ospedale.

Trattamento dell'edema palpebrale

Se gli occhi sono gonfi a causa di un allergene specifico, il trattamento deve essere prescritto da un allergologo dopo l'esame, la determinazione di un fattore irritante, l'esame dei risultati del test.

La maggior parte dei casi di allergie agli occhi provoca l'eliminazione del gonfiore. I sintomi delle allergie scompaiono senza lasciare tracce luminose. Se l'allergene rientra nella mucosa, possono verificarsi gravi conseguenze..

Se l'occhio è gonfio e il paziente non vuole sottoporsi a una terapia speciale, può svilupparsi un'infiammazione. Il processo infiammatorio entra in cheratite. Questa patologia è pericolosa da una graduale diminuzione della visione, completa cecità..

Per il periodo di trattamento per le allergie, il paziente deve seguire una dieta speciale. È anche vietato indossare lenti, applicare cosmetici (per adulti), spesso stare al sole.

È possibile rimuovere il gonfiore dalle palpebre nei seguenti modi:

  1. L'uso di unguenti ormonali ("Advantan").
  2. Uso di colliri vasocostrittori.
  3. Antistaminici (Suprastin, Tavegil, Parlazin). I medici possono prescrivere questi medicinali in varie forme (iniezioni, pillole).
  4. Unguenti oftalmici con effetti antipruriginosi e antinfiammatori.

Metodi alternativi per alleviare il gonfiore allergico

Oltre alla terapia principale, che dovrebbe essere prescritta da un allergologo, puoi utilizzare i fondi delle persone. Per migliorare il benessere generale del paziente, è necessario risciacquare gli occhi più spesso, eseguire impacchi. Non è consigliabile iniziare l'automedicazione senza prima consultare un oculista. Non tutte le raccolte di farmaci aiutano ad alleviare il gonfiore, eliminano altre manifestazioni di allergie negli occhi. Se non conosci l'allergene che ha provocato una forte reazione, puoi solo aggravare la situazione.

Puoi ridurre le secrezioni ipofisarie usando un impacco regolare. La procedura consiste nell'applicare un batuffolo di cotone inumidito con acqua per circa dieci minuti. Le compresse possono essere eseguite più volte al giorno.

Oltre alle compresse, possono essere applicate altre procedure per l'acqua:

  1. Risciacquo con acqua.
  2. Sciacquare con un decotto di camomilla, che viene pre-insistito per circa un'ora.
  3. Bustina di tè d'impressione.
  4. Risciacquare con una soluzione di bicarbonato di sodio. Questa procedura aiuta ad alleviare l'infiammazione..

Oltre alle procedure per l'acqua, puoi usare altri metodi per alleviare il gonfiore delle palpebre:

  • lozioni di patate (crude);
  • lozioni da mele, cetrioli.
  • Lozioni con erbe medicinali. Per calmare il derma infiammato, usa salvia, camomilla, una serie di.

Per migliorare le condizioni del paziente, è necessario seguire le istruzioni del medico.

Congiuntivite allergica

Cos'è la congiuntivite allergica?

La congiuntivite allergica è un'infiammazione della congiuntiva (una sottile membrana trasparente che copre l'esterno degli occhi e la superficie posteriore delle palpebre) causata da allergie. La malattia può manifestarsi tutto l'anno o essere stagionale. La forma stagionale si verifica con sensibilizzazione (ipersensibilità) al polline (febbre da fieno) e allergeni fungini e tutto l'anno agli allergeni da acari della polvere domestica, polvere di biblioteche, allergeni epidermici di animali e uccelli, allergeni di insetti, allergeni della muffa, alimenti e droghe con costante la loro ricezione, allergeni professionali.

La malattia è anche conosciuta come

  • Congiuntivite pollinosa;
  • febbre da fieno;
  • congiuntivite stagionale.

Le ragioni

Contatto con un allergene specifico (una sostanza che, quando interagisce con il sistema immunitario umano, provoca una reazione allergica).

Chi è a rischio

  • Persone in cui vengono rintracciate malattie allergiche e / o autoimmuni familiari;
  • avere altre malattie allergiche e / o autoimmuni;
  • a contatto con sostanze nocive sul lavoro e / o che vivono in condizioni di vita sfavorevoli;
  • i fumatori
  • lenti a contatto a lunga tenuta.

Quante volte

Secondo studi epidemiologici stranieri, la prevalenza di malattie allergiche agli occhi tra la popolazione dei paesi occidentali è di circa il 15-20%.

Sintomi

I sintomi più comuni sono:

  • gonfiore (gonfiore) delle palpebre e / o congiuntiva degli occhi;
  • arrossamento delle palpebre e / o congiuntiva degli occhi;
  • prurito, bruciore, sensazione di un corpo estraneo negli occhi;
  • lacrimazione, secrezione mucosa dagli occhi;
  • ipersensibilità alla luce.

Nei casi più gravi della malattia può verificarsi:

  • deficit visivo;
  • edema di un tale grado di gravità che lo spazio tra le palpebre superiore e inferiore diventa simile a una fessura;
  • forte dolore agli occhi.

In alcuni casi, ci sono sintomi non specifici:

Con una congiuntivite allergica durante tutto l'anno, i sintomi possono apparire ondulati, ma spesso c'è una leggera sensazione di bruciore e prurito negli occhi, nonché una maggiore sensibilità alla luce. Se il processo allergico colpisce altre parti dell'occhio, è possibile sviluppare, ad esempio, cheratocongiuntivite atopica (oltre alla congiuntiva, anche la cornea è coinvolta), cataratta atopica (lente), ecc..

Esiste sempre una connessione tra il verificarsi di sintomi e l'esposizione a un allergene (contatto con un animale, con vecchi libri, pulizia della stanza, inizio della fioritura, nuovi detergenti per la casa o profumi, ecc.), Ma non può sempre essere chiaramente distinto, soprattutto quando ci sono diversi allergeni.

I sintomi della malattia possono essere presenti costantemente con peggioramento episodico della condizione o apparire solo a contatto con un innesco causativo. Molto spesso, la congiuntivite allergica è combinata con la rinite allergica (naso che cola), meno comunemente con altre malattie allergiche (ad esempio, l'asma bronchiale).

Un segno caratteristico della sensibilizzazione al polline è il deterioramento quando si va fuori, in tempo asciutto e ventoso, durante un soggiorno in una zona periferica e in altri luoghi in cui la fioritura è più attiva. In questo caso, di norma, dopo la pioggia arriva un miglioramento.

Con la sensibilizzazione fungina, l'esacerbazione si verifica spesso in primavera e autunno (nella zona centrale della Russia), ma in condizioni di elevata umidità, i sintomi possono disturbare l'intera stagione calda.

Le manifestazioni cliniche di ipersensibilità agli allergeni trasmessi da zecche possono essere stagionali (primavera e autunno - il periodo di riproduzione attiva delle zecche) o essere tutto l'anno. Se c'è una sensibilizzazione simultanea agli allergeni che si verificano quotidianamente e agli allergeni che sono presenti nell'aria solo durante una certa stagione, allora le manifestazioni sono tutto l'anno con deterioramento stagionale.

In alcuni casi, la congiuntivite allergica può svilupparsi in risposta a determinati farmaci o sostanze che entrano negli occhi (ad es. Soluzione per lenti a contatto, colliri, trucco).

Diagnosi della malattia

La diagnosi viene fatta sulla base di un esame completo:

  • il medico chiederà reclami;
  • ispezionerà;
  • prescrivere test strumentali (oftalmoscopia) e di laboratorio (analisi del sangue cliniche, determinazione del livello di immunoglobulina E totale nel sangue, citologia di raschiatura congiuntivale);
  • effettuerà un esame allergologico (test allergologici cutanei, diagnostica molecolare degli allergeni, test provocatori).

Trattamento

Obiettivi del trattamento

  • Il più presto possibile, alleviare l'esacerbazione della malattia;
  • creare condizioni per una remissione prolungata;
  • nei casi in cui è possibile eliminare le allergie (ad esempio, mediante ASIT (immunoterapia antigene-specifica)).

Trattamento domiciliare

Nella maggior parte dei casi, il trattamento viene eseguito in regime ambulatoriale..

Prima di tutto, è importante escludere il contatto con l'allergene. In quelle situazioni in cui ciò non è possibile, è necessario ridurne al minimo l'effetto (ad esempio, durante il periodo di fioritura, è necessario vestirsi a casa in abiti domestici, chiudere le finestre, usare un detergente e un umidificatore).

Tutti coloro che soffrono di allergie dovrebbero aderire a condizioni di vita ipoallergeniche, anche se non hanno sensibilizzazione specifica per gli allergeni domestici. I pazienti allergici alla fioritura non devono usare droghe o cosmetici a base di materiali vegetali. È inoltre necessario seguire una dieta, tenendo conto della possibile sensibilità crociata tra prodotti e pollini o allergeni fungini significativamente significativi..

Il trattamento farmacologico per la congiuntivite allergica consiste nella terapia per il sollievo dei sintomi durante le esacerbazioni e nel trattamento di base per la prevenzione delle esacerbazioni.

Inoltre, in presenza di sensibilizzazione a determinati allergeni (ad esempio polline, polvere domestica), è possibile condurre un trattamento finalizzato all'eliminazione della causa della malattia. Questo tipo di trattamento include ASIT (immunoterapia specifica per antigene). Di norma, vengono condotti diversi corsi, a seguito dei quali l'ipersensibilità all'allergene causale scompare o si indebolisce significativamente..

preparativi

Il trattamento preventivo inizia 2-3 settimane prima dell'attesa esacerbazione e include la nomina di antistaminici topici o sistemici, preparati di acido cromoglicico, antagonisti del recettore dei leucotrieni.

Quando si usa l'esacerbazione:

  • preparati di acido cromoglicico sotto forma di colliri;
  • bloccanti orali (in compresse) e locali dei recettori dell'istamina H1 (ad esempio olopatadina cloridrato, levocetirizina, azelastina);
  • antistaminici con effetto stabilizzante sulle membrane dei mastociti (ketotifene);
  • corticosteroidi topici (oftalmici) (ad esempio pomata all'idrocortisone, gocce di desametasone);
  • antagonisti dei leucotrieni (montelukast, zafirlukast);
  • decongestionanti oftalmici (naphazoline, difenidramina) - un breve corso.

I corticosteroidi sistemici (prednisone, desametasone) sono usati solo quando assolutamente necessario nei casi più gravi con effetto insufficiente della terapia standard.

In caso di attacco di un'infezione secondaria, vengono aggiunti farmaci antibatterici, antinfiammatori e altri, molto spesso sono rappresentati da farmaci complessi.

procedure

  • Test delle allergie cutanee (ad es. Test prik);
  • ASIT (immunoterapia antigene-specifica), effettuata mediante iniezione o somministrazione sublinguale del farmaco.

Chirurgia

Trattamento chirurgico delle complicanze, se necessario.

Possibili complicazioni

È possibile un'infezione secondaria della congiuntiva, ulcere corneali o cornea conica (cheratocono) possono formarsi molto raramente..

Prevenzione

Per la prevenzione delle esacerbazioni, è necessario:

  • escludere il contatto con irritanti non specifici (fumo di tabacco, gas di scarico, ecc.), fattori dannosi sul lavoro;
  • escludere il contatto con allergeni causalmente significativi;
  • in presenza di altre malattie allergiche, tenerle sotto controllo ed escludere anche il contatto con allergeni e fattori che potrebbero diventare sensibilizzanti (animali domestici, piante, fitoterapia, fattori domestici avversi);
  • osservare una dieta ipoallergenica, tenendo conto del possibile spettro di sensibilizzazione incrociata;
  • usa cosmetici decorativi ipoallergenici, se c'è un'allergia alla fioritura - senza componenti vegetali;
  • i pazienti con una forma della malattia per tutto l'anno devono essere sotto la supervisione di un allergologo, indipendentemente dal periodo dell'anno, per la valutazione dinamica e la correzione della terapia di base;
  • consultazioni allergiche sono mostrate ai pazienti con una forma stagionale della malattia 1-2 settimane prima dell'esacerbazione attesa, durante la stagione di fioritura (formazione di spore) e anche alla fine della stagione di esacerbazione per valutare l'efficacia del trattamento e risolvere il problema di ASIT.

Studi recenti hanno dimostrato che l'ambiente non sterile attorno al bambino riduce il rischio di sviluppare malattie allergiche (se non c'è dermatite atopica).

previsione

Con adeguata terapia e prevenzione, di norma, favorevole.

Malattie allergiche dell'occhio

L'ambiente contiene un numero enorme di particelle di diversa origine. L'aria della città "ci presenta" con gas di scarico, fumo di fabbrica e reagenti. Fuori dalla città, il contenuto di polline nell'aria aumenta. Arrivando a casa, ci troviamo di fronte a particelle di polvere, peli di animali, lanugine di uccelli, cosmetici e prodotti chimici domestici, spore di funghi, ecc. Puoi elencarlo a lungo, ma la cosa principale è che tutte queste sostanze microscopiche possono causare allergie. E in molti casi - nella zona degli occhi.

Molto spesso, con la comparsa di allergie negli occhi, gli esperti parlano di dermatite allergica e congiuntivite. Consideriamo più in dettaglio i sintomi, le varietà e i metodi di trattamento di queste malattie..

Cause di condizioni allergiche

Le caratteristiche anatomiche e fisiologiche degli occhi contribuiscono alla rapida manifestazione di reazioni allergiche. Mucosa aperta, prossimità e connessione con la cavità nasale, che è così sensibile agli allergeni: tutti questi fattori contribuiscono al rapido sviluppo della malattia.

Le principali cause di malattie degli occhi di natura allergica:

  • aria inquinata da allergeni. Il polline delle piante, la polvere interna, industriale o d'ufficio, le spore di muffa e altre particelle disperse nell'aria causano spesso allergie agli occhi.
  • allergia al cibo. Un prodotto alimentare mangiato con una maggiore sensibilità del corpo agli ingredienti costitutivi può causare, tra le altre cose, sintomi di allergia agli occhi.

allergia ai medicinali. Le allergie possono anche verificarsi con medicinali prescritti dal medico e talvolta con farmaci allergici..

  • allergia da contatto. Nuova crema per gli occhi, siero, ombretto o mascara e altri cosmetici fanno apparire rapidamente i sintomi allergici.
  • allergia al sole e al freddo. La sensibilità del corpo alle condizioni meteorologiche spesso influenza le condizioni delle palpebre e dei bulbi oculari.
  • l'uso di lenti a contatto inadeguate per la correzione della vista - lenti a contatto morbide o rigide, nonché mezzi per la loro cura.
  • Malattie allergiche oculari: sintomi

    Questo gruppo di malattie è caratterizzato da sintomi comuni. Tra loro:

    • iperemia delle proteine ​​oculari;
    • arrossamento e gonfiore delle palpebre superiore e inferiore, borse caratteristiche sotto gli occhi;
    • edema congiuntivale;
    • prurito e intorpidimento delle palpebre;
    • lacrimazione abbondante, incontrollata;
    • la pelle cambia con allergie intorno agli occhi: comparsa di sfregi, desquamazione, eruzioni cutanee;
    • aumento del muco.

    Sintomi di danni agli occhi allergici

    I sintomi elencati - a seconda del grado della malattia - possono essere espressi più luminosi o più deboli. A volte l'allergia agli occhi è così forte che il prurito diventa intollerabile, doloroso per il paziente e quindi, naturalmente, la persona consulta rapidamente un medico. Tuttavia, se i sintomi vengono cancellati e sembrano un po 'di disagio, una visita a uno specialista può essere posticipata a tempo indeterminato. E invano: la condizione può e deve essere controllata sotto la supervisione di un oculista, altrimenti sono possibili complicazioni.

    Tipi di malattie allergiche oculari

    Gli specialisti distinguono diverse varietà di questa malattia.

    Dermatite allergica

    La dermatite allergica delle palpebre è un'infiammazione della pelle dell'area sotto l'influenza di allergeni. Si verifica sulla palpebra superiore o inferiore, portando a assottigliamento della pelle già delicata, approfondimento delle rughe, ingrossamento, invecchiamento precoce. Se la dermatite non viene trattata, possono svilupparsi altre malattie infiammatorie dell'occhio: blefarite, cheratite, ecc. Inoltre, con allergie sulle palpebre, possono apparire cicatrici..

    Con tale dermatite, si verifica un'allergia sotto gli occhi e sopra di loro. La pelle è pruriginosa, arrossata, screpolata, desquamata, appare una sensazione di bruciore.

    La dermatite allergica può assumere una forma ritardata o immediata. Nel primo caso, i sintomi compaiono solo 6-12 ore dopo l'esposizione all'allergene. Nel secondo - dopo 15-30 minuti. La forma rallentata dura più a lungo: fino a diverse settimane, quella immediata - scompare un paio d'ore dopo l'interruzione dell'esposizione all'allergene.

    Congiuntivite allergica

    Un tipo di malattia, che colpisce circa il 20% delle persone, caratterizza l'infiammazione della congiuntiva di natura allergica. Spesso causato da aeroallergeni..

    Con congiuntivite allergica, appare una sensazione di bruciore doloroso, prurito in uno (raramente) o in entrambi gli occhi. Il rivestimento dell'occhio diventa rosso, si gonfia e la secrezione si intensifica. Gli occhi si gonfiano e lacrimano per le allergie. L'acuità visiva di solito non cambia.

    Gli specialisti distinguono tra forme stagionali e annuali di congiuntivite allergica. La stagionalità della malattia è dovuta alla fioritura di erbe e alberi, quindi, stagionale, è anche chiamata febbre da fieno, la congiuntivite è solitamente associata al periodo primavera-estate.

    Il rischio del suo verificarsi è influenzato da fattori quali: la situazione ambientale nella regione, il clima, le caratteristiche biologiche del luogo di residenza (lontananza di una casa o appartamento da parchi, giardini, campi), nonché le caratteristiche individuali del corpo del paziente.

    Con una forma per tutto l'anno, gli allergeni che una persona incontra giorno dopo giorno causano irritazione: peli di animali domestici o peli di peli, polvere di libri, acari della polvere, ecc. Tale congiuntivite acquisisce spesso un decorso cronico, l'unico modo per liberarsene è rilevare e interrompere completamente il contatto con la fonte dell'allergene..

    Qatar di primavera

    Questa è una delle varietà di congiuntivite allergica o cheratocongiuntivite. Questa malattia colpisce più spesso i ragazzi che le ragazze e si sviluppa, come suggerisce il nome, in primavera. Si ritiene che la sua causa possa essere la sensibilità degli occhi ai raggi ultravioletti. Oltre al prurito "classico" e alla lacrimazione, la malattia presenta sintomi caratteristici: fotofobia e papillare, in apparenza simili a un pavimento di ciottoli, escrescenze sulla congiuntiva e intorno al limbo.

    Trattamento per danni agli occhi allergici

    La terapia delle lesioni allergiche agli occhi deve essere controllata da uno specialista. Il medico prescriverà antistaminici: compresse o gocce.

    Potrebbe anche essere necessario un ormone per alleviare il prurito e il gonfiore degli occhi o gli antimicrobici in caso di infezione. La cosa principale nel trattamento è identificare e prevenire il successivo contatto con l'allergene. Ad esempio, se si è verificata un'allergia a causa di materiale per lenti a contatto non adatto a te, uno specialista sarà in grado di scegliere un altro paio per te, oltre a dare consigli sulla scelta dei prodotti per la cura e dei colliri idratanti.

    Congiuntivite allergica

    La congiuntivite allergica è un'infiammazione reattiva della congiuntiva causata da reazioni immunitarie in risposta al contatto con un allergene. Con congiuntivite allergica, si sviluppano iperemia e gonfiore delle mucose degli occhi, prurito e gonfiore delle palpebre, lacrimazione, fotofobia. La diagnosi si basa sulla raccolta di una storia allergologica, test cutanei, test allergici provocatori (congiuntivale, nasale, sublinguale) e test di laboratorio. Nel trattamento della congiuntivite allergica, vengono utilizzati antistaminici (interni e topici), corticosteroidi topici, immunoterapia specifica.

    ICD-10

    Informazione Generale

    La congiuntivite allergica si verifica in circa il 15% della popolazione ed è un problema significativo nella moderna oftalmologia e allergologia. Il danno allergico all'organo della visione nel 90% dei casi è accompagnato dallo sviluppo di congiuntivite, meno comunemente: blefarite allergica, dermatite palpebrale, cheratite allergica, uveite, irite, retinite, neurite. La congiuntivite allergica si verifica in individui di entrambi i sessi, principalmente giovani adulti. La congiuntivite allergica è spesso combinata con altre allergie: rinite allergica, asma bronchiale, dermatite atopica.

    Le ragioni

    Comune nell'eziologia di tutte le forme di congiuntivite allergica è l'ipersensibilità a vari fattori ambientali. A causa delle peculiarità della struttura anatomica e della posizione dell'occhio, sono più suscettibili al contatto con allergeni esogeni. A seconda dell'eziologia, ci sono:

    • Congiuntivite allergica stagionale. Congiuntivite pollinica (febbre da fieno, allergia ai pollini) causata da allergeni da polline durante la fioritura di erbe, alberi, cereali. Una esacerbazione della congiuntivite pollinosa è associata al periodo di fioritura delle piante in una particolare regione. La congiuntivite allergica stagionale nel 7% dei pazienti peggiora in primavera (fine aprile - fine maggio), 75% in estate (inizio giugno - fine luglio), 6,3% in bassa stagione (fine luglio - metà settembre), che coincide rispettivamente con l'impollinazione di alberi, prati e erbe infestanti.
    • Congiuntivite primaverile. L'eziologia della congiuntivite primaverile è stata poco studiata. La malattia peggiora in primavera - all'inizio dell'estate e regredisce in autunno. Questa forma di congiuntivite allergica di solito passa spontaneamente nella pubertà, il che suggerisce un certo ruolo del fattore endocrino nel suo sviluppo.
    • Grande congiuntivite papillare. Il principale fattore di sviluppo è l'uso di lenti a contatto e protesi oculari, il contatto prolungato della mucosa con il corpo estraneo dell'occhio, la presenza di congiuntiva irritante delle suture dopo cataratta o estrazione di cheratoplastica, deposizione di calcio nella cornea, ecc. In questa forma di congiuntivite allergica, la reazione infiammatoria è accompagnata dalla formazione di una mucosa superiore secolo di grandi papille appiattite.
    • La congiuntivite farmacologica si sviluppa come una reazione allergica locale in risposta all'uso topico (90,1%), meno spesso sistemico (9,9%) dei farmaci. L'emergere della congiuntivite allergica da farmaco contribuisce all'automedicazione, all'intolleranza individuale ai componenti del farmaco, alla polieterapia - una combinazione di diversi farmaci senza tener conto della loro interazione. Molto spesso, l'uso di colliri e unguenti antibatterici e antivirali porta alla congiuntivite allergica ai farmaci..
    • Congiuntivite allergica cronica. Rappresenta oltre il 23% di tutte le malattie allergiche agli occhi. Con manifestazioni cliniche minime, il decorso della congiuntivite allergica cronica è persistente in natura. Gli allergeni immediati in questo caso sono di solito polvere domestica, peli di animali, cibo secco per pesci, piume, lanugine, cibo, profumi, cosmetici e prodotti chimici domestici. La congiuntivite allergica cronica è spesso associata a eczema e asma bronchiale..
    • Cheratocongiuntivite atopica. È una malattia allergica di eziologia multifattoriale. Di solito si sviluppa con reazioni immunologiche sistemiche, quindi spesso procede sullo sfondo di dermatite atopica, asma, febbre da fieno, orticaria.

    patogenesi

    La base della patogenesi della congiuntivite allergica è una reazione di ipersensibilità mediata da IgE. Il fattore scatenante della congiuntivite allergica è il contatto diretto dell'allergene con la congiuntiva, che porta alla degranulazione dei mastociti, all'attivazione di linfociti ed eosinofili e una risposta clinica seguita da una reazione infiammatoria-allergica. I mediatori rilasciati dai mastociti (istamina, serotonina, leucotrieni, ecc.) Causano lo sviluppo di sintomi caratteristici della congiuntivite allergica..

    La gravità del decorso della congiuntivite allergica dipende dalla concentrazione dell'allergene e dalla reattività del corpo. Il tasso di sviluppo della reazione di ipersensibilità nella congiuntivite allergica può essere immediato (entro 30 minuti dal momento del contatto con l'allergene) e lento (dopo 24-48 o più ore). Questa classificazione della congiuntivite allergica è praticamente significativa per la scelta della terapia farmacologica..

    Classificazione

    Le lesioni allergiche agli occhi possono verificarsi sotto forma di congiuntivite da pollinosi, cheratocongiuntivite primaverile, congiuntivite capillare grande, congiuntivite da farmaco, congiuntivite allergica cronica, cheratocongiuntivite atopica. Con il decorso della congiuntivite allergica può essere acuto, subacuto o cronico; per ora dell'evento - stagionale o per tutto l'anno.

    Sintomi di congiuntivite allergica

    Nelle allergie, di solito sono colpiti entrambi gli occhi. I sintomi si sviluppano da pochi minuti a 1-2 giorni dal momento dell'esposizione all'allergene. La congiuntivite allergica è caratterizzata da forte prurito agli occhi, bruciore sotto le palpebre, lacrimazione, gonfiore e iperemia della congiuntiva; in decorso grave - lo sviluppo di fotofobia, blefarospasmo, ptosi.

    Il prurito con congiuntivite allergica è espresso così intensamente che costringe il paziente a strofinarsi costantemente gli occhi, il che, a sua volta, migliora ulteriormente le rimanenti manifestazioni cliniche. Piccole papille o follicoli possono formarsi sulla mucosa. Lo scarico dagli occhi è generalmente mucoso, trasparente, a volte viscoso, filiforme. Con la stratificazione dell'infezione, un angolo purulento appare negli angoli degli occhi..

    In alcune forme di congiuntivite allergica (primavera e cheratocongiuntivite atopica), la cornea è danneggiata. Con allergie ai farmaci, si possono osservare lesioni cutanee delle palpebre, cornea, retina, coroide, nervo ottico. La congiuntivite da farmaco acuto è talvolta esacerbata da shock anafilattico, edema di Quincke, orticaria acuta, capillarotossicosi sistemica.

    Nella congiuntivite allergica cronica, i sintomi sono scarsamente espressi: lamentele di prurito periodico delle palpebre, bruciore agli occhi, arrossamento delle palpebre, lacrimazione, moderata quantità di secrezione sono caratteristiche. Si dice che la congiuntivite allergica cronica sia se la malattia dura 6-12 mesi..

    Diagnostica

    Nella diagnosi e nel trattamento della congiuntivite allergica, è importante un'interazione coordinata tra l'oftalmologo curante e l'allergologo-immunologo. Se nella storia viene tracciata una chiara relazione di congiuntivite con l'effetto di un allergene esterno, la diagnosi, di regola, non è in dubbio. Per confermare la diagnosi:

    • Visita oftalmologica. Rivela cambiamenti nella congiuntiva (edema, iperemia, iperplasia delle papille, ecc.). L'esame microscopico della raschiatura congiuntivale in caso di congiuntivite allergica può rilevare eosinofili (dal 10% in poi). Nel sangue è tipico un aumento delle IgE superiore a 100-150 UI.
    • Esame allergologico Per stabilire la causa della congiuntivite allergica, vengono eseguiti test: eliminazione, quando, sullo sfondo delle manifestazioni cliniche, viene escluso il contatto con il sospetto allergene ed esposizione, che consiste in un'esposizione ripetuta a questo allergene dopo che i sintomi si attenuano. Dopo che le manifestazioni allergiche acute della congiuntivite si attenuano, vengono eseguiti test allergici cutanei (applicazione, scarificazione, elettroforesi, pri-test). Durante la remissione, ricorrono a test provocatori: congiuntivale, sublinguale e nasale.
    • Esame di laboratorio. Nella congiuntivite allergica cronica è indicato uno studio delle ciglia per demodex. In caso di sospetto danno oculare infettivo, viene eseguito un esame batteriologico dello striscio dalla congiuntiva alla microflora..

    Trattamento di congiuntivite allergica

    I principi fondamentali del trattamento della congiuntivite allergica comprendono: eliminazione (esclusione) dell'allergene, terapia desensibilizzante locale e sistemica, terapia farmacologica sintomatica, immunoterapia specifica, prevenzione di infezioni e complicanze secondarie. Con la congiuntivite capillare grande, è necessario smettere di indossare lenti a contatto, protesi oculari, rimuovere suture postoperatorie o rimuovere un corpo estraneo.

    In caso di congiuntivite allergica, gli antistaminici vengono prescritti per via orale (claritina, chetotifene, ecc.) E l'uso di colliri anti-allergici (levocabastina, azelastina, olopatadina) 2-4 volte al giorno. È anche indicato l'uso locale come gocce di derivati ​​dell'acido cromoglicico (stabilizzatori dei mastociti). Con lo sviluppo della sindrome dell'occhio secco, vengono prescritti sostituti lacrimali; con danno alla cornea - collirio con dexpantenolo e vitamine.

    Le forme gravi di congiuntivite allergica possono richiedere la somministrazione di corticosteroidi topici (colliri o pomate con desametasone, idrocortisone), FANS topici (colliri con diclofenac). La congiuntivite allergica persistente ricorrente è la base per l'immunoterapia specifica.

    Previsioni e prevenzione

    Nella maggior parte dei casi, con l'istituzione e l'eliminazione di un allergene, la prognosi della congiuntivite allergica è favorevole. In assenza di trattamento, è possibile allegare un'infezione con lo sviluppo di cheratite erpetica o batterica secondaria e una diminuzione dell'acuità visiva. Al fine di prevenire la congiuntivite allergica, il contatto con allergeni noti dovrebbe essere escluso quando possibile. Con le forme stagionali di congiuntivite allergica, è necessario condurre corsi preventivi di terapia desensibilizzante. I pazienti che soffrono di congiuntivite allergica devono essere osservati da un oculista e un allergologo..