Allergie alimentari, febbre da fieno, rinite, orticaria, asma

Analisi

Negli ultimi anni, la prevalenza di malattie allergiche tra i bambini è aumentata in modo significativo. Al fine di prevenire lo sviluppo di condizioni allergiche nei bambini, è necessario sapere cosa porta alla loro insorgenza, quali forme della malattia sono più comuni, quali misure dovrebbero essere utilizzate per eliminarle.

Che cos'è un'allergia?
Questo termine deriva dalle parole greche: "allos" - un altro, diverso e "ergon" - lo faccio; traduzione letterale significa fare diversamente. Nella medicina moderna, il termine "allergia" si riferisce a un'ipersensibilità alterata del corpo in relazione a una particolare sostanza - un allergene. L'ipersensibilità si manifesta in vari sintomi dolorosi. Il numero di allergeni in natura è estremamente vario. Possono essere prodotti alimentari (frutta, verdura, bacche, carne), polline di varie erbe, alberi, cereali, sostanze chimiche, medicine, peli di animali, batteri e virus.

Gli allergeni che causano una reazione alterata (allergica) nel corpo entrano nel corpo in vari modi: attraverso la bocca, la pelle, il tratto respiratorio e durante l'iniezione (sottocutanea, intramuscolare, endovenosa). È stato ora dimostrato che l'ipersensibilità o la predisposizione alle malattie allergiche sono molto spesso ereditate. Ma lo sviluppo di una malattia allergica si verifica sotto l'influenza di fattori ambientali avversi, quando si incontrano allergeni.

Le reazioni allergiche sono divise in due grandi gruppi: tipo ritardato e immediato. Le reazioni lente includono malattie come la diatesi allergica, l'eczema, la neurodermite e le reazioni immediate comprendono shock anafilattico, malattia da siero, edema di Quincke, allergia ai farmaci.

Forme di malattie allergiche.

A seconda delle cause e dei principali sintomi delle malattie, si distinguono diverse forme: allergia alimentare, malattie farmacologiche, asma bronchiale, pollinosi, dermatite atopica. Allo stesso tempo, c'è una certa sequenza di sviluppo di ipersensibilità e ci sono caratteristiche legate all'età dell'insorgenza di malattie allergiche nei bambini.

Molto spesso, l'insorgenza di malattie allergiche si riferisce alla prima infanzia e quindi l'ipersensibilità si sviluppa principalmente per gli allergeni alimentari. Nei bambini del primo anno di vita, i sintomi allergici sono causati principalmente dal consumo di latte di mucca, formula per neonati basata su di esso, quindi proteine ​​o tuorlo di uova di gallina, pesce, semola, agrumi, carote. In età avanzata, le allergie alimentari compaiono su piatti contenenti sostanze estrattive, nonché su prodotti con coloranti e conservanti (marmellata, marmellata, gelato, torte, torte, bevande gassate), noci, cioccolato, banane.

Le manifestazioni cliniche delle allergie alimentari sono diverse e dipendenti dall'età. Nel primo anno di vita, queste possono essere reazioni immediate sotto forma di vomito, feci molli, gonfiore e spasmi dell'intestino con dolori di coliche, nonché una reazione ritardata di tipo. Queste sono manifestazioni cutanee: dermatite da pannolino, croste sul cuoio capelluto, arrossamenti luminosi sulle guance. Se non si presta attenzione a questi sintomi in tempo e non si consulta un medico, si possono sviluppare eczema, neurodermite, accompagnati da forte prurito e possono svilupparsi disturbi del sistema nervoso. I bambini diventano irritabili, dormono male, l'appetito è disturbato.

Con l'età, la sensibilità agli allergeni alimentari nella maggior parte dei bambini, di norma, diminuisce, ma alcuni di essi hanno una maggiore sensibilità ad altri allergeni: domestici (polvere domestica, cibo secco per pesci d'acquario), epidermici (capelli, peli di animali domestici), prodotti chimici ( vernici, vernici, detergenti, profumi), polline (polline di erbe fiorite, alberi, polline di fiori), droghe (medicinali, vitamine, prodotti sanguigni, vaccini e sieri). Con ripetute malattie acute, in particolare malattie respiratorie acute, si forma l'ipersensibilità a virus e batteri che causano queste malattie e quindi ai medicinali utilizzati nel loro trattamento. Un bambino sviluppa un circolo vizioso grave.

La pollinosi è una malattia allergica causata dall'ipersensibilità al polline delle piante, manifestata in sintomi acuti come naso che cola, tosse, congiuntivite, un attacco d'asma, un attacco di asma bronchiale. Spesso può esserci una combinazione di congiuntivite e rinite mucosa profusa. Alcuni bambini lamentano prurito e bruciore agli occhi, lacrimazione, fotofobia, congestione nasale con difficoltà respiratorie.

Uno dei sintomi della malattia è lo starnuto parossistico, alternato a uno stato calmo. La prevalenza e la gravità della febbre da fieno dipende dalla stagione dell'anno, dalle caratteristiche della vegetazione della zona. Quindi, ad esempio, a Mosca e nella regione di Mosca, la febbre da fieno provoca soprattutto polline di cereali, meno spesso - erbacce e alberi. Le manifestazioni di picco di pollinosi nei bambini si verificano durante il periodo di fioritura di queste piante più significative di varie zone geografiche. L'insorgenza di una malattia in un bambino di solito coincide con la fioritura di quella pianta o piante a cui è ipersensibile, e quindi i sintomi della malattia, di regola, si ripetono ogni anno allo stesso tempo.

La malattia da droga è una reazione allergica all'assunzione di un farmaco. Lo sviluppo e la gravità di una reazione allergica dipendono dal tipo di medicinale, dalla sua dose, dal metodo di applicazione.

La forma più grave di allergia ai farmaci è lo shock anafilattico: questa è una reazione immediata. La malattia da siero si verifica dopo l'introduzione di una proteina estranea in un bambino con uno scopo profilattico o terapeutico. Con la somministrazione iniziale di siero, la malattia si sviluppa spesso il 6-12 ° giorno, meno spesso - il 20 ° giorno. La temperatura del bambino aumenta, i linfonodi aumentano, sulla pelle compaiono eruzioni cutanee di vari tipi, i vasi sanguigni sono colpiti, lo stato dei cambiamenti del sangue, ci sono dolori articolari, gonfiore e arrossamento.

Con un'allergia ai farmaci, possono verificarsi malattie respiratorie: un bambino sviluppa una tosse che abbaia, mancanza di respiro, una voce rauca e alcuni antibiotici causano attacchi di asma.

L'asma bronchiale è una malattia caratterizzata da attacchi ripetuti di difficoltà respiratoria, respiro corto (difficoltà ad espirare). Gli attacchi possono essere molto lunghi e quindi parlano della condizione asmatica in un bambino.

La causa dell'asma bronchiale è una maggiore sensibilità del tratto respiratorio (trachea, bronchi) a vari allergeni. Un attacco di asma bronchiale si verifica spesso in background o dopo una malattia respiratoria acuta.

La dermatite atopica è lo sviluppo di un processo allergico sulla pelle. La malattia inizia più spesso nei bambini di 2-4 mesi di vita. Sulla fronte e sulle guance appare arrossamento, gonfiore, un'eruzione cutanea con una piccola eruzione vescicolare che esplode e al suo posto si formano delle croste. Aree colpite del prurito della pelle, i bambini si pettinano nel sangue.

A seconda della gravità e della localizzazione dei sintomi della pelle nei bambini, si distinguono eczema e neurodermite. I sintomi caratteristici di queste malattie sono il prurito delle aree interessate della pelle, il linguaggio "geografico" è irregolare, con aree di diversi colori, con uno schema errato, e spesso anche una violazione delle condizioni generali e del benessere.

Parlando delle forme cliniche di malattie allergiche nei bambini, è indispensabile ricordare quanto segue: 1) in un bambino del primo anno di vita con un'allergia alimentare, nel tempo, appare la sensibilità alla polvere domestica, al polline delle piante, ai peli di animali domestici e ai farmaci; 2) le malattie acute ripetute causano anche reazioni allergiche, spesso esacerbando le malattie allergiche esistenti; 3) più spesso si ripete una reazione allergica, più il suo meccanismo è fissato nei bambini e quindi ipotermia, surriscaldamento, stress emotivo o fisico possono causare un'altra malattia allergica.

Prevenzione delle malattie allergiche.

Per la prevenzione delle allergie nei bambini, è necessario raccomandare una serie di misure da cui dipende la salute del bambino.

La futura mamma deve stare attenta con antibiotici e altri farmaci e seguire una dieta razionale..

È importante che una madre che allatta segua una dieta, consumi attentamente cibi spesso allergici (frutta a guscio, cioccolato, agrumi, pesce, tuorlo d'uovo e proteine ​​di pollo, brodi saturi, spezie).

Per i bambini i cui genitori soffrono di malattie allergiche, è necessario introdurre con molta attenzione alimenti complementari, provare a nutrirli più a lungo con il latte materno. Quando si prescrivono cibi complementari da cereali - meglio grano saraceno e avena, cotti su un brodo vegetale. Zuppe di verdure preparate senza piselli e cavolfiore.

I bambini con manifestazioni di allergie alimentari non dovrebbero ricevere piatti piccanti e salati, spezie, marinate, cibi in scatola. Possono essere date zuppe vegetariane, carne bollita, kefir, burro chiarificato, ricotta, olio vegetale, cavolo bianco, zucchine, patate, grano saraceno e porridge di riso, mele in agrodolce, prugne, pere, anguria, pane integrale, biscotti secchi e diabetici, invece di zucchero, fruttosio o parzialmente xilitolo. Per le allergie al latte vaccino, è possibile utilizzare latte trattato termicamente e miscele di latte acido.

È impossibile creare un'unica dieta per i bambini con allergie alimentari, quindi è individuale per ogni bambino.

È importante per i genitori, i caregiver e tutti coloro che lavorano con bambini sensibili alle reazioni allergiche per impedire ai bambini di entrare in contatto con polvere domestica, peli di animali domestici.

I genitori non devono impegnarsi nell'automedicazione, nell'uso incontrollato di farmaci senza prescrizione medica, cerca di non dare al bambino diversi farmaci contemporaneamente.

Le vaccinazioni preventive per i bambini con reazioni allergiche devono essere eseguite secondo un programma individuale, con un metodo di risparmio, nel periodo di benessere a lungo termine, cioè l'assenza di sintomi di esacerbazione di una malattia allergica. Prima e dopo la vaccinazione, i bambini ricevono farmaci che alleviano l'ipersensibilità del corpo per 7-10 giorni.

Le misure obbligatorie per la prevenzione delle allergie nei bambini includono: rispetto del regime di età del giorno, alimentazione naturale più lunga possibile nel primo anno di vita, alimentazione razionale di un bambino di età superiore a un anno, indurimento graduale e educazione fisica razionale del bambino, rispetto delle raccomandazioni del medico per il trattamento dei bambini, quando vaccinazioni.

Il trattamento delle malattie allergiche nei bambini è sempre lungo e complesso, è prescritto da un pediatra o da un allergologo. I bambini con allergie sono sottoposti a speciale controllo medico..

Parlando del trattamento delle allergie, si dovrebbe dire delle misure di pronto soccorso di emergenza per i bambini con lo sviluppo di gravi condizioni acute - shock anafilattico e un attacco di asma bronchiale.

Se un bambino inizia un attacco di asma bronchiale, è prima necessario fornirgli l'accesso all'aria fresca, fare bagni caldi per le braccia e le gambe. La maggior parte dei pazienti con asma ha inalatori tascabili che sono pieni di farmaci speciali. L'inalazione di aerosol attraverso un inalatore interrompe rapidamente l'attacco.

In caso di shock anafilattico, è necessario chiamare immediatamente un'ambulanza. Prima dell'arrivo del medico, il bambino deve essere steso su un fianco (per evitare l'asfissia da vomito), avvolgere il calore, aprire la finestra.

Reazioni allergiche nei bambini

Secondo l'OMS, dal 20 al 40% degli abitanti del nostro pianeta ha alcune malattie allergiche. Triste ma vero: le allergie in tenera età spesso portano allo sviluppo di gravi disturbi in futuro. Le statistiche presentate dal gruppo di ricerca internazionale ISAAC mostrano che circa il 15% della popolazione dei bambini nell'Europa orientale soffre di asma bronchiale, uno dei prerequisiti per lo sviluppo sono solo reazioni allergiche. Diventa chiaro perché gli esperti dell'OMS in una delle relazioni hanno definito questa malattia una piaga del 21 ° secolo..

Tuttavia, le reazioni allergiche acute nei bambini hanno un posto speciale nella pratica pediatrica, non solo per questo motivo. Spesso si sviluppano alla velocità della luce e portano a violazioni irreversibili delle funzioni di base del corpo, che è pieno di morte per il paziente. In alcune situazioni, il conteggio potrebbe protrarsi per alcuni minuti e la vita del bambino in tali casi dipende dalla capacità degli adulti di sospettare che qualcosa non andasse e di chiamare un team medico. Oggi parleremo di quali sono le reazioni allergiche e come fornire il primo soccorso a un bambino se si verificano.

Tipi di reazioni allergiche nei bambini

Le reazioni allergiche acute significano condizioni di emergenza che si sviluppano a seguito di una pronunciata risposta immuninfiammatoria del corpo all'azione di un antigene. Possono essere divisi in due gruppi: locale e generalizzato. Il primo include orticaria, edema di Quincke, rinite allergica, congiuntivite, esacerbazione della sindrome ostruttiva bronchiale e un attacco di asma bronchiale. La tossicoderma e lo shock anafilattico sono reazioni acute comuni..

I tipi più comuni di reazioni allergiche nei bambini, nonché le situazioni tipiche in cui si manifestano, meritano di essere esaminati in modo più dettagliato..

Di solito si sviluppa in risposta al consumo di cibi o all'assunzione di farmaci..

Segni: comparsa improvvisa di un'eruzione cutanea sul corpo, prurito delle aree interessate. Le eruzioni cutanee possono essere descritte come vesciche rosa che sovrastano una superficie cutanea non interessata. A volte, sullo sfondo dell'orticaria, i pazienti hanno febbre e dolore addominale.

Oltre all'ingestione di allergeni alimentari e farmacologici, i fattori che causano questa condizione sono punture di insetti ed esposizione a fattori esterni (freddo, raggi solari).

Segni: improvviso inizio di gonfiore del viso e degli arti. In caso di sviluppo di edema della mucosa del tratto gastrointestinale, si verificano vomito e dolore addominale. Il gonfiore delle vie aeree è accompagnato da tosse, raucedine, mancanza di respiro e sensazione di soffocamento..

  1. Ostruzione bronchiale, attacco asmatico

Si verifica a contatto con aeroallergeni: inalazione di polline di piante, peli di animali domestici, spore di muffe, polvere, ecc..

Indicazioni: tosse, difficoltà ad espirare (dispnea espiratoria), respiro sibilante. Il paziente prende una posizione forzata del corpo - seduto con le spalle sollevate.

Di solito, lo shock anafilattico si sviluppa rapidamente in pochi minuti dopo che il corpo ha contattato l'allergene (somministrazione di farmaci per via parenterale, punture di insetti), tuttavia, in alcuni casi, si manifesta ore dopo l'evento provocatorio.

Sintomi: manifestazioni locali nell'area del corpo esposta all'allergene (ad esempio, dolore acuto e gonfiore nel sito di iniezione), prurito senza localizzazione chiara, insorgenza improvvisa di debolezza, svenimento, insufficienza respiratoria, palpitazioni, pallore o arrossamento della pelle.

Trattamento di reazioni allergiche nei bambini: pronto soccorso

La fornitura di pronto soccorso a un bambino in queste condizioni comporta la cessazione del contatto con l'allergene, il suo legame e l'escrezione accelerata o l'assorbimento ritardato nei tessuti, il ripristino e il mantenimento delle funzioni vitali del corpo, la desensibilizzazione e il sollievo di alcune manifestazioni allergiche.

Nonostante il fatto che le reazioni allergiche siano incluse nell'elenco delle condizioni che minacciano la vita di una persona, l'uso di farmaci sotto forma di compresse o iniezioni da parte di persone senza adeguata preparazione in tali casi è indesiderabile: i primi sono inefficaci nei processi acuti e il secondo richiede la conoscenza dei dosaggi e delle caratteristiche del farmaco correlati all'età.

Prima dell'arrivo dell'ambulanza, è possibile utilizzare i seguenti metodi di trattamento delle reazioni allergiche nei bambini:

  • Prima di tutto, prova a determinare cosa ha innescato la condizione patologica. Rimuovi il bambino dalla stanza se la causa è aeroallergenica - polvere, peli di peli e peli di animali, spore di muffa, ecc. Se stiamo parlando di inalare polline di piante al di fuori dei confini della città, al contrario, porta il paziente in casa o mettilo in macchina;
  • L'uso di assorbenti è consigliabile in caso di allergie ai prodotti alimentari o ai farmaci per via orale;
  • Se la reazione ha provocato la somministrazione parenterale di farmaci per via intramuscolare o una puntura di insetto, applicare ghiaccio sulla zona interessata del corpo;
  • Se si sospetta uno shock anafilattico, mettere il bambino a letto e fornire aria fresca alla stanza prima dell'arrivo del team medico. È meglio rimuovere il cuscino da sotto la testa del bambino e posizionare le gambe su una piattaforma rialzata per fornire ulteriore flusso di sangue al cervello, affetto da ipotensione. Se si verificano sintomi di morte clinica, eseguire la rianimazione cardiopolmonare da soli;
  • Lo sviluppo di broncospasmo o un attacco asmatico comporta l'uso di farmaci per inalazione precedentemente prescritti al bambino da un medico. Se non ci sono medicinali a portata di mano o se si sviluppa per la prima volta un attacco di ostruzione bronchiale, posizionare il paziente su una sedia o un letto e libero da indumenti stretti. Fornire aria fresca alla stanza. Come procedure di distrazione, puoi usare pediluvi, intonaci di senape sul petto, bevanda calda alcalina.

Allergia alimentare in un neonato: come riconoscere e come trattare?

Le reazioni allergiche riducono significativamente la qualità della vita anche negli adulti. Cosa dire dei bambini il cui organismo è ancora poco adattato alle condizioni del mondo circostante. Il sistema immunitario del bambino si sta appena formando, quindi nei primi mesi tutto può causare un'allergia: biancheria da letto, polvere domestica e persino una polvere progettata specificamente per i neonati. Ma nella maggior parte dei casi, l'allergene si trova nel cibo, tale allergia in un bambino si chiama cibo.

Nell'articolo rispondiamo alle domande: come si manifesta l'allergia alimentare nei bambini, qual è il pericolo di allergia alimentare in un bambino e come trattare l'allergia alimentare nei bambini?

I primi segni di allergie alimentari nei bambini

I sintomi delle allergie alimentari nei neonati sono diversi, è questo fatto che rende difficile diagnosticare questa condizione. In questo caso, è necessario riconoscere una reazione allergica nel più breve tempo possibile - al fine di eliminare l'allergene e correggere con successo le condizioni delle briciole.

I seguenti sintomi possono indicare allergie alimentari nei neonati:

  • Cambiamenti nella pelle. Il bambino è preoccupato per l'eruzione cutanea e il rossore sul corpo, prurito e desquamazione sul collo e sulle guance, dermatite da pannolino e sudorazione, formazione di fiocchi e desquamazione sotto i capelli. Ma la manifestazione più ovvia di un'allergia alimentare in un bambino è l'edema..
  • Disturbi respiratori I disturbi respiratori possono essere lievi, come ad esempio la rinite allergica. Tuttavia, una forte allergia alimentare in un bambino può portare all'edema di Quincke, che è accompagnato da un attacco di soffocamento ed è fatale.

La mancanza di respiro è un sintomo molto pericoloso. In tale situazione, è necessario rimuovere tutti i potenziali allergeni dal bambino e chiamare un'ambulanza!

  • Problemi di sonno, pianto frequente, scarso appetito. Tali cambiamenti comportamentali possono segnalare un'allergia alimentare a un bambino..
  • Violazioni del tratto digestivo. Rigurgito frequente, accompagnato da urla e pianto, vomito, costipazione, coliche, flatulenza: ecco come il corpo del bambino può reagire a un allergene. Vale la pena notare che l'allergia è strettamente associata alla disbiosi: può essere sia la sua causa che il suo effetto. È improbabile che almeno una madre non abbia familiarità con questo concetto, poiché la disbiosi si verifica in quasi tutti i neonati (nel 90% dei casi) [1]. Ma per ogni evenienza, spieghiamo: questo è uno squilibrio nella microflora intestinale, in cui diminuisce il numero di bifidobatteri e lattobacilli benefici e aumenta il numero di microrganismi patogeni e condizionatamente patogeni.

Possibili cause di allergie alimentari in un bambino

La predisposizione alle allergie alimentari al bambino può passare "per eredità" ai genitori. Se uno di loro è una persona allergica, la probabilità che il bambino abbia adottato questa funzione da lui è del 25%. Se mamma e papà soffrono di allergie, il rischio raddoppia.

Secondo le statistiche, il cibo è il tipo più comune di allergia nei neonati [2].

Le allergie alimentari sono più comuni nei neonati allattati al seno. Il corpo del bambino può persino rifiutare le miscele ipoallergeniche, quindi non devi nemmeno parlare di quelle "normali". Ad esempio, l'intolleranza alle proteine ​​del latte di vacca - un componente frequente della formula per l'infanzia - si verifica in circa il 10% [3] bambini, di norma passa da 2 a 3 anni.

In un bambino allattato al seno, possono verificarsi allergie a causa di un'alimentazione scorretta della madre. Dopotutto, i prodotti della sua dieta con il latte entrano nel corpo del bambino. Quindi, in caso di rilevazione di manifestazioni allergiche in un bambino, i medici raccomandano di abbandonare i prodotti potenzialmente allergici. Molto spesso questi sono: agrumi e frutti esotici, cibi a base di pigmenti rossi, cioccolato, noci, miele, uova, latte e frutti di mare. La stessa "dieta" è rilevante per l'introduzione di alimenti complementari: durante questo periodo si verifica spesso una reazione allergica.

Infezioni intestinali, malattie virali, l'uso di antibiotici aumentano il rischio di allergie in un neonato di diverse volte: qualsiasi colpo al sistema immunitario facilita la penetrazione della flora patogena e condizionatamente patogena nell'intestino del bambino, che, come abbiamo già detto, può portare ad allergie.

Trattamento delle allergie alimentari nei neonati

Tutti i genitori dovrebbero ricordare che il trattamento indipendente di qualsiasi malattia nel bambino è inaccettabile! Un rischio troppo elevato di danneggiare il corpo di un bambino fragile. Pertanto, la prima cosa da fare è mostrare il bambino al pediatra. Se la causa dell'allergia è evidente, allora, ovviamente, è necessario escludere il prodotto dalla dieta del bambino. Altrimenti, il medico scriverà un rinvio per un esame speciale per identificare l'allergene e regolare il menu.

Elenchiamo i mezzi principali che un pediatra può prescrivere:

  • Sorbenti: aiutano a rimuovere rapidamente l'allergene dal corpo.
  • Antistaminici. Tali farmaci eliminano rapidamente i sintomi delle allergie, in particolare eruzioni cutanee e gonfiore, ma hanno un ampio elenco di effetti collaterali e controindicazioni. Pertanto, nei bambini vengono utilizzati solo in forme gravi di allergie.
  • Unguenti e gel per il trattamento locale - per eliminare un'eruzione cutanea in un bambino con allergie alimentari, così come altre manifestazioni della pelle.
  • Probiotici con lattobacilli e / o bifidobatteri - per correggere i disturbi della microflora intestinale.

Il medico prescriverà fondi con batteri benefici vivi con quasi il cento per cento di probabilità. E non è solo una stretta relazione tra allergie e disbiosi. I probiotici non sono un medicinale, il che significa che non portano un carico di droga sul corpo del bambino. Questi microrganismi sono abitanti naturali del tratto intestinale, abitano il corpo umano nelle prime ore dopo la nascita. Bifidobatteri e lattobacilli sono attivamente coinvolti nella digestione e nell'assimilazione dei nutrienti, promuovono la sintesi di vitamine nell'intestino, inibiscono la crescita della microflora patogena e aiutano a rafforzare l'immunità.

L'effetto positivo dei lactobacilli Lactobaccillus rhamnosus GG (LGG) è stato confermato da cinquanta studi clinici. In particolare, nel 2016, la Kharkov Medical Academy ha testato l'efficacia dell'uso di LGG nel complesso trattamento delle allergie alimentari nei bambini. Gli studi hanno mostrato dinamiche positive dal terzo giorno di trattamento (coliche, costipazione e flatulenza sono scomparse) e le manifestazioni cutanee di allergie sono state completamente risolte entro il giorno 15 [4].

Vale la pena notare che gli agenti probiotici possono essere monocomponenti (con un tipo di batteri benefici) e complessi (con bifidobatteri e lattobacilli nella composizione). Quest'ultima opzione è ottimale, poiché i lattobacilli, tra le altre cose, supportano l'ambiente acido necessario allo sviluppo dei bifidobatteri.

Le allergie alimentari nei bambini sono un evento comune. Di norma, questa condizione scompare infine all'età di tre anni, quando il sistema immunitario del bambino diventa più perfetto. Tuttavia, ciò non significa affatto che le allergie non debbano essere trattate: senza una terapia tempestiva e corretta, possono insorgere complicazioni.

Perché si verifica allergia alimentare nei bambini

L'allergia alimentare è una reazione del sistema immunitario a determinati alimenti. La sua manifestazione principale è considerata un'eruzione cutanea. In tutto il mondo, circa l'8% dei bambini è allergico. Inoltre, nei paesi sviluppati, l'incidenza è molto più elevata. La malattia si sviluppa ugualmente spesso sia nei ragazzi che nelle ragazze. Come identificare un problema in tempo e aiutare il tuo bambino?

Le ragioni

Gli scienziati hanno dimostrato una predisposizione genetica alle allergie alimentari. Se uno dei genitori soffre della malattia, il rischio del suo sviluppo nel bambino è del 40%. Se sia la madre che il padre sono interessati, la probabilità aumenta all'80%.

In generale, i fattori scatenanti delle allergie alimentari nei bambini sono molti.

  • Malnutrizione materna durante la gravidanza. Si raccomanda di limitare l'uso di cioccolato, agrumi, piselli e fagioli, uova, miglio, pollo, pesce, latte. Abbandonare completamente i prodotti contenenti spezie e additivi alimentari, stabilizzanti, conservanti, coloranti.
  • Uso precoce di latte artificiale. La maggior parte di essi è prodotta sulla base delle proteine ​​del latte vaccino. Se non è possibile mantenere l'allattamento, è meglio scegliere una dieta ipoallergenica. È composto da proteine ​​di capra o di soia.
  • Introduzione errata di alimenti complementari. Il menu dei bambini di età inferiore a 6 mesi non deve essere variato. Puoi espandere la tua dieta solo più vicino a un anno.

Ulteriori cause di allergie alimentari includono fumo materno, gestosi, malattie infettive e antibiotici durante la gravidanza, ipossia fetale.

Sintomi

I segni di un'allergia alimentare dipendono dalle caratteristiche della risposta immunitaria. Con un tipo immediato di malattia, il quadro clinico appare dopo 20-30 minuti. Tuttavia, la malattia può farsi sentire 3-4 ore dopo aver mangiato. Questi sono principalmente orticaria, dermatite, reazioni anafilattiche, edema vascolare, asma.

Le reazioni lente vengono rilevate dopo 10-24 ore o pochi giorni dopo l'uso di un prodotto altamente allergenico. Il bambino si lamenta di mal di testa e dolori muscolari, visione offuscata. Vengono anche rilevati crampi vascolari, infiammazione delle articolazioni, bronchite e disfunzione urinaria. Il bambino mangia male, è letargico e apatico.

Con l'intolleranza a determinati alimenti, sono possibili numerosi disturbi..

  • Dal sistema digestivo: dolore addominale, vomito, disturbi delle feci. Tale reazione è provocata da latte, uova, cereali, pesce, carne.
  • Dal sistema respiratorio: congestione nasale, rinite, tosse, mal di gola, starnuti, secrezione nasale, respiro corto, respiro corto. La causa del disturbo può essere il consumo di frutta, verdura, latte, uova e grano..
  • Da parte della pelle: secchezza e arrossamento dell'epidermide, eruzioni cutanee, prurito. Spesso i sintomi sono causati da pomodori, cioccolato, agrumi, uova, latte.

I bambini dei primi 2 anni di vita sono più sensibili alla patologia. I segni di dermatite atopica persistono fino a 3 anni. Con il rafforzamento dell'immunità e l'efficacia della terapia, le reazioni negative scompaiono. Allergia alle noci, il pesce a volte dura una vita.

Diagnostica

L'identificazione delle allergie alimentari viene effettuata da un allergologo. Se si verifica in un bambino durante l'allattamento, viene analizzata la dieta della madre. Per i bambini più grandi, è applicabile un approccio diverso. Il medico studia attentamente la storia familiare, impara dai genitori su problemi di gravidanza, patologie ereditarie, ecc..

La diagnosi di laboratorio include un esame del sangue immunologico del bambino. Il metodo determina il livello di immunoglobuline (IgG4 e IgE) rispetto agli allergeni più comuni. Durante l'esacerbazione, l'esame viene eseguito indipendentemente dall'età del paziente.

Nei bambini di età superiore ai 5 anni, è consigliabile eseguire test diagnostici della pelle. Graffi superficiali vengono applicati all'interno dell'avambraccio. Le soluzioni di vari allergeni sono gocciolate su di loro. Dopo 10 minuti, i risultati vengono analizzati. La comparsa di edema infiammatorio e arrossamento consente di determinare l'irritante.

Durante la remissione, viene prescritta una prova orale provocatoria. L'allergene sospetto viene applicato sulla mucosa orale. Lo studio è condotto in cliniche specializzate.

Primo soccorso

Il compito numero uno è rimuovere l'allergene dal corpo. Sciacquare la bocca del bambino con acqua bollita il prima possibile. Per grave diarrea e dolore addominale, somministrare sorbenti. Con sintomi gravi, è indicata la lavanda gastrica. La procedura viene eseguita in condizioni stazionarie..

Gli antistaminici sono progettati per eliminare il prurito. Prima di esaminare un pediatra, non somministrare più di 1 compressa. In alcuni casi, è consigliabile dare un clistere al bambino.

Per migliorare il benessere, fornire al paziente una bevanda abbondante. È meglio dare acqua bollita a temperatura ambiente. Con lo sviluppo di shock anafilattico o edema di Quincke, è necessario il ricovero di emergenza. Queste condizioni minacciano la vita del bambino.

Trattamento farmacologico

Per eliminare i sintomi delle allergie alimentari nei bambini, vengono utilizzati gruppi speciali di farmaci. Questi sono antistaminici, sedativi e ormoni, complessi multivitaminici e sorbenti.

Antistaminici: Claritin, Zirtek, Suprastin, Erius e Loratadin. Normalizza il sonno, elimina forti pruriti, gonfiori e arrossamenti. Sono prescritti sotto forma di creme, unguenti, compresse e iniezioni intramuscolari. Applicare 1-2 volte al giorno. La durata del trattamento è di 5-7 giorni.

Sedativo. Elimina l'insonnia e l'ansia aumentata causata dal prurito. Per i bambini piccoli, sono preferibili infusi e decotti di erbe. In età avanzata, vengono mostrate gocce contenenti estratti di piante. Le proprietà lenitive sono origano, menta, melissa, valeriana.

ormonale Questi sono unguenti di prednisone e idrocortisone, Celestoderm-B, Fluorocort, Elokom. Sono usati nei casi più gravi della malattia. L'effetto di tali farmaci persiste a lungo. Con una terapia prolungata, esiste il rischio di effetti collaterali.

Complessi multivitaminici. Ripristina il sistema immunitario. Accettato entro 1-2 mesi. A scopo preventivo, è richiesto un corso multivitaminico due volte l'anno..

Assorbenti. Tra questi - carbone bianco, Lactofiltrum, Enterosgel. Colpiscono la motilità intestinale, rimuovono alcuni degli allergeni dal corpo e accelerano il recupero. Indicato con grave feci molli. Per migliorare le condizioni del paziente, sono sufficienti 2-3 giorni di ricovero.

Prevenzione

Per evitare segni negativi di allergie alimentari, è necessario monitorare attentamente la dieta. Ciò è particolarmente vero per le madri in gravidanza e in allattamento. Prima di tutto, devi abbandonare i prodotti altamente allergenici. Assicurati di tenere un diario alimentare. Segna in esso tutti i piatti che sono stati consumati durante il giorno. Le note aiuteranno a determinare cosa ha causato in particolare l'allergia del bambino..

Rafforza l'immunità del tuo bambino. Forniscigli una buona alimentazione, giochi all'aria aperta, sonno profondo e temperamento. Durante le esacerbazioni, ridurre la durata delle procedure dell'acqua a 10-15 minuti. Un bagno più lungo contribuisce alla comparsa di nuove eruzioni cutanee e aumento del prurito.

Dopo la doccia o il bagno, applica unguento sulle zone infiammate. Lascia il farmaco fino a completo assorbimento. Assicurati che la pelle del tuo bambino sia idratata. Con allergie alimentari, diventa secco e sensibile. Migliora gli emollienti delle condizioni della pelle. Lubrificarli con il coperchio 2-3 volte al giorno.

Visita il tuo allergologo regolarmente. Quando si scelgono le medicine, evitare le droghe sotto forma di sciroppi. Nella loro composizione, di norma, ci sono molti coloranti e aromi che peggiorano il decorso della malattia.

Le allergie alimentari sono più facili da prevenire che da curare. L'esito della terapia dipende dalla tempestività di andare dal medico. È importante seguire le raccomandazioni del pediatra o dell'allergologo. Se segui una dieta e rinforzi le difese dell'organismo, puoi ridurre il rischio di esacerbazioni.

Cause e segni per un esame del sangue per allergeni nei bambini

Cause di allergie nei bambini

La malattia è caratterizzata da una risposta inadeguata del sistema immunitario del bambino agli stimoli esterni. Il processo è dovuto a reazioni di ipersensibilità in un organismo predisposto..

Viene eseguito un esame del sangue per allergeni nei bambini per determinare la causa della malattia.

I seguenti fattori contribuiscono al verificarsi di allergie:

  • malattie infettive;
  • creare condizioni "sterili" - limitare il contatto di un bambino con i microbi;
  • malattie degli organi interni, in particolare del tratto gastrointestinale;
  • predisposizione ereditaria: la probabilità di sviluppare patologia è superiore al 40%;
  • situazione ecologica - inquinamento da gas, polverosità dell'aria.

Una reazione allergica può anche verificarsi sullo sfondo di ipersensibilità a determinati tipi di prodotti, pollini di alberi e piante e droghe. A volte lo sviluppo dell'intolleranza alimentare in un bambino allattato al seno porta a errori dietetici commessi dalla madre.

Indicazioni per un esame del sangue per allergeni nei bambini

Con frequenti eruzioni cutanee e arrossamenti sul viso del bambino, se si prevede che sviluppi ipersensibilità a determinate sostanze, si raccomanda di sottoporsi a speciali procedure diagnostiche - test allergologici.

Oltre ai segni di diatesi allergica, ci sono ulteriori fattori che costituiscono una buona ragione per la ricerca:

  • ha iniziato l'asma bronchiale;
  • varie forme di eczema, dermatite;
  • frequenti infezioni respiratorie;
  • allergie alimentari o farmacologiche;
  • elmintiasi.

Gli studi devono essere eseguiti secondo le istruzioni e in conformità con le raccomandazioni del medico curante. Ma anche se i genitori notano che il bambino ha un'eruzione cutanea e altri sintomi allergici - dopo aver consumato un determinato prodotto, il contatto con un animale o detergenti - possono fare i test appropriati.

In caso di contatto tempestivo con uno specialista, la condizione può essere complicata e portare a gravi conseguenze.

Sintomi di allergie nei bambini

Il processo è accompagnato da sintomi pronunciati:

  • starnuti frequenti e naso che cola;
  • attacchi di tosse secca;
  • eruzione cutanea, prurito e desquamazione;
  • aumento della lacrimazione;
  • bruciore e dolore agli occhi;
  • gonfiore e arrossamento delle palpebre;
  • disturbi dispeptici: nausea, vomito, coliche, disturbi delle feci.

L'edema di Quincke è osservato in luoghi con fibre sciolte - sul viso, genitali. Con il coinvolgimento della lingua e dei tessuti della gola, può verificarsi asfissia. Nei casi più gravi con allergie sistemiche, si osserva anche uno shock anafilattico. La condizione è accompagnata da malessere generale, perdita di coscienza, sviluppo di convulsioni, minzione involontaria e defecazione.

Se non si esegue la diagnosi precoce e non si avvia la terapia appropriata in tempo, c'è il rischio di condizioni pericolose e la transizione delle allergie a una forma cronica con lo sviluppo di asma bronchiale, dermatite atopica, rinite.

A che età si consiglia di condurre uno studio

Il tipo di studio è selezionato dal medico curante in base alla natura della reazione allergica e all'età del bambino. Secondo le raccomandazioni degli allergologi, la diagnostica può essere eseguita a partire da 1 mese. Tuttavia, i dati più informativi e precisi possono essere ottenuti nei bambini di 3-5 anni..

Necessariamente tiene conto della natura dell'alimentazione del bambino e della nutrizione del bambino più grande. Lo studio viene condotto per confermare o confutare la diagnosi, identificare lo stimolo causativo a cui si sviluppa la sensibilizzazione nel corpo..

Tipi di esami del sangue per allergeni nei bambini

Esistono diversi studi speciali per determinare le reazioni di ipersensibilità, combinati nel concetto di diagnosi di allergia..

L'immunoglobulina E nel sangue indica la presenza di sensibilizzazione agli allergeni

Tipi di test di allergia cutanea che indicano indirettamente se il bambino ha immunoglobuline E nel sangue:

  • test prik;
  • scarificazione;
  • intradermica;
  • applicazione.

Sono anche prescritti esami generali del sangue e delle urine. Per la determinazione quantitativa di anticorpi specifici, viene effettuato uno studio biochimico - diagnosi sierologica.

Un esame del sangue generale consente di determinare la concentrazione di eosinofili, il livello di VES. Tassi significativamente elevati sono un segno importante della presenza nel corpo di un agente che provoca lo sviluppo di una reazione allergica.

Come eseguire i test allergologici

Prima dell'allergodiagnostica, si raccomanda di osservare una serie di regole che aumentano l'efficacia dello studio..

La preparazione per la procedura include quanto segue:

  • Rifiuto completo dell'uso di droghe.
  • Esclusione di alcuni prodotti: noci, miele, agrumi, cioccolato contenente sostanze artificiali e chimiche.
  • Limitazione del contatto con animali domestici.
  • Ridurre ed eliminare lo stress psicoemotivo.

Prima di condurre direttamente lo studio, si consiglia di astenersi dal mangiare cibo per diverse ore..

Decodifica dei dati

Il trattamento dei dati ottenuti deve essere effettuato da uno specialista nel trattamento delle reazioni allergiche nei bambini.

Nei bambini di età inferiore a 2 anni, compresi i neonati, la concentrazione di immunoglobulina nella norma non deve superare i 64 UI / ml. Gli indicatori nei bambini da 2 a 14 anni variano da 140-150 UI / ml. Negli adolescenti dopo 14 anni, c'è una leggera diminuzione dell'immunoglobulina a un livello di 123 UI / ml.

La decrittazione degli esami del sangue nei bambini deve essere eseguita da un allergologo

I risultati dei test cutanei sono classificati in base alla gravità dei sintomi. Esistono tali designazioni:

  1. -. I sintomi sono assenti.
  2. -/ +. Rossore della pelle - iperemia.
  3. +. La formazione di piccole vesciche.
  4. ++. La comparsa di una bolla con un diametro fino a 0,5 cm con iperemia.
  5. +++. La comparsa di vesciche con un diametro di 5-10 mm, accompagnata da un forte rossore.
  6. ++++. Grandi vesciche (oltre 1 cm di diametro) con iperemia e pseudopodia.

Con manifestazioni errate del test e difficoltà nell'interpretazione dei suoi risultati, possono essere prescritti ulteriori metodi diagnostici..

Trattamento e prevenzione delle allergie nei bambini

Il regime di trattamento è sviluppato da uno specialista che tiene conto della natura del decorso della malattia e del livello della risposta immunitaria del corpo a una sostanza provocante. I regimi terapeutici complessi standard comprendono una dieta ipoallergenica, antistaminici e, se necessario, preparati ormonali (effetti locali o sistemici).

Una bassa risposta immunitaria a un allergene non richiede un intervento medico. Possibile leggero contatto del bambino con l'irritante. Una reazione grave richiede un trattamento tempestivo e una completa eliminazione dell'allergene.

Si raccomanda un esame del sangue per allergeni nei bambini ai primi sintomi di una reazione allergica. Per ottenere i dati corretti e identificare l'irritante, è necessario osservare una serie di regole prescritte dal medico. Se il trattamento viene ritardato o abbandonato, il processo può portare a gravi conseguenze e persino alla morte.

Reazioni allergiche nei bambini

Tutto il contenuto di iLive è monitorato da esperti medici per garantire la migliore accuratezza e coerenza possibili con i fatti..

Abbiamo regole rigorose per la scelta delle fonti di informazione e ci riferiamo solo a siti affidabili, istituti di ricerca accademica e, se possibile, comprovata ricerca medica. Si noti che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono collegamenti interattivi a tali studi..

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri materiali sia impreciso, obsoleto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Le reazioni allergiche nei bambini si sviluppano a seguito della riduzione della soglia di sensibilità del bambino agli effetti di qualsiasi agente allergenico. La reazione del corpo può manifestarsi sotto forma di una risposta acuta (ipersensibilità immediata) o più protratta (tipo ritardato).

Reazioni corporee simili sono alla base dello sviluppo di malattie allergiche, ad esempio l'asma bronchiale o la febbre da fieno. Le sostanze provocatorie possono essere polvere di casa, peli di animali, polline di piante e molto altro. Non sempre a seguito del primo incontro con un agente allergenico, si verifica una risposta con sintomi caratteristici. Sono più spesso osservati quando si incontrano di nuovo..

La maggior parte delle patologie allergiche si verificano durante l'infanzia. Le principali manifestazioni cliniche delle reazioni allergiche sono naso che cola, gonfiore, iperemia, dispnea e disturbi intestinali.

Le allergie riguardano circa il 15-20% dei bambini e degli adulti. La gravità della risposta del corpo a un allergene determina il volume delle manifestazioni cliniche. In alcuni casi sono possibili rinite, prurito e lacrimazione, in altri bambini la clinica può consistere in lesioni della pelle, dolore addominale, tosse, nausea e mal di testa.

Codice ICD-10

Cause di reazioni allergiche nei bambini

Un ruolo importante nello sviluppo di reazioni allergiche è svolto da una predisposizione genetica. Abbastanza spesso ci sono casi di trasmissione di allergie ai bambini da genitori e parenti immediati. Inoltre, sono noti casi di allergie al cibo, fumo di sigaretta, situazioni stressanti o ambiente..

Le cause delle reazioni allergiche nei bambini sono caratterizzate dall'effetto di vari allergeni sul corpo del bambino. Tra questi, viene spesso osservata l'influenza degli acari della casa, che sono contenuti nella polvere, nel polline delle piante e degli alberi in fiore, inalati attraverso il tratto respiratorio superiore..

I bambini con animali (gatti, parotite, ratti, cani) vivono soprattutto a rischio di sviluppare allergie. I peli di gatto sono l'allergene più fastidioso. Tuttavia, non solo il mantello, ma anche le particelle di saliva e i peeling della pelle possono anche essere un allergene.

Cause di reazioni allergiche nei bambini si trovano in alimenti come latticini, cioccolato, agrumi e altri frutti, uova di gallina e spezie. Separatamente, vale la pena notare additivi e coloranti alimentari, la cui ingestione nei bambini è anche possibile lo sviluppo di reazioni allergiche.

Alcune persone soffrono di manifestazioni cliniche di allergie in risposta a situazioni stressanti, paura, rabbia e altri fattori psicogeni. Abbastanza spesso ci sono allergie ai farmaci, in particolare antibatterici e antimicrobici.

Sintomi di reazioni allergiche nei bambini

Le manifestazioni di allergie dipendono dal volume del fattore influenzante, dal suo grado di attività e dalla sensibilità del corpo. La risposta può manifestarsi in diversi modi, coinvolgendo nel processo organi interni e tegumenti della pelle..

I sintomi delle reazioni allergiche nei bambini sul viso si manifestano sotto forma di iperemia, elementi di eruzione cutanea e desquamazione. Tali sintomi non sono così spaventosi quanto colpiscono la gola e il tratto respiratorio, a seguito dei quali la funzione respiratoria può essere compromessa e può verificarsi una tosse..

L'allergia alimentare è molto comune ed è caratterizzata dalla comparsa di un'eruzione cutanea fino alla formazione di vesciche, arrossamento della pelle, forte prurito e calore pungente abbondante. Inoltre, il sonno del bambino è disturbato. In alcuni casi, c'è lo sviluppo di edema di Quincke, broncospasmo, danni all'apparato digerente con nausea, flatulenza, coliche e disfunzione intestinale.

I sintomi delle reazioni allergiche nei bambini sulla pelle possono manifestarsi con diatesi, eczema con vescicole, croste e prurito tipici, nonché dermatite atopica.

Tipi di reazioni allergiche nei bambini

Tenendo conto del meccanismo di sviluppo, si distinguono i seguenti tipi di reazioni allergiche nei bambini: vero e pseudo-allergico. Il primo tipo di reazione allergica passa attraverso 3 fasi di sviluppo.

Lo stadio immunologico è la sensibilizzazione del corpo del bambino con un allergene provocante, che comporta l'accumulo di anticorpi in risposta al suo effetto.

Lo stadio biochimico è caratterizzato dalla comparsa di una risposta immunitaria in caso di contatto ripetuto con questo antigene-allergene, con conseguente rilascio di istamina.

E infine, lo stadio fisiopatologico comprende le manifestazioni cliniche di una reazione allergica. Tali tipi di reazioni allergiche nei bambini come il tipo pseudo-allergico appartengono alla patologia senza la partecipazione del sistema immunitario, cioè sono caratterizzati dall'assenza di anticorpi allergici e cellule sensibilizzate (linfociti).

Il tipo immunologico di reazione è determinato dal meccanismo di ipersensibilità del tipo immediato o ritardato. Nel processo, i mediatori con una potente attività biologica vengono rilasciati e causano arrossamento, prurito, vertigini, mal di testa e mancanza di respiro..

Reazioni allergiche acute nei bambini

La reazione del corpo all'influenza di un fattore irritante può essere diversa. Le reazioni allergiche acute nei bambini appartengono a uno speciale campo della medicina, poiché si sviluppano molto rapidamente e provocano la comparsa di gravi disfunzioni delle funzioni vitali di base. Come risultato dello sviluppo rapido di una reazione allergica, la vita del bambino può soffrire.

Le reazioni allergiche acute nei bambini necessitano di cure mediche immediate, poiché ogni minuto è molto importante. Reazioni simili compaiono in risposta all'esposizione a un allergene sotto forma di un complesso immuninfiammatorio pronunciato.

Esistono due gruppi di risposta del corpo all'influenza dello stimolo: si tratta di reazioni locali e generalizzate. Le manifestazioni locali sono caratterizzate dallo sviluppo di edema di Quincke, rinite allergica e lacrimazione, orticaria, esacerbazione dell'ostruzione bronchiale e asma bronchiale.

Le manifestazioni comuni di una reazione allergica includono shock anafilattico e tossicoderma. Tutte queste reazioni acute, specialmente quelle generalizzate, richiedono cure mediche immediate..

Diagnosi di reazioni allergiche nei bambini

Quando si visita un medico per un'allergia, è prima necessario stabilire la causa del suo sviluppo. Quindi, per determinare l'influenza di fattori genetici, vale la pena conoscere la presenza di allergie simili in parenti stretti. Se viene rilevato questo fatto, dovrebbe essere fatta una diagnosi più dettagliata con la determinazione di un fattore provocante - un allergene.

La principale diagnosi di reazioni allergiche nei bambini è quella di condurre test cutanei per identificare le cause delle reazioni allergiche.

Il processo di esecuzione di un test allergologico si basa sulla somministrazione sottocutanea di una determinata sostanza irritante o sull'uso di un test dell'ago con allergeni domestici.

Per eseguire un test cutaneo, viene applicato un cerotto speciale con un allergene applicato su di esso. Successivamente, deve essere incollato sulla pelle del bambino e osservare la reazione.

La diagnosi di reazioni allergiche nei bambini consiste anche nell'uso di ulteriori metodi di esame. Tra questi, vale la pena prestare attenzione a un esame del sangue per rilevare gli anticorpi per ciascun allergene. Se, dopo aver eseguito questi test, la causa dell'allergia non è stata stabilita, vale la pena condurre un test provocatorio..

Chi contattare?

Trattamento di reazioni allergiche nei bambini

Aiutare un bambino che soffre di allergie è ridurre l'attività del processo allergico e la gravità delle manifestazioni cliniche. Inoltre, è necessario prevenire l'ulteriore sviluppo di allergie attraverso misure preventive..

Il trattamento delle reazioni allergiche nei bambini comprende una vasta gamma di misure. La quantità di farmaci usati dipende dal grado di attività del processo e dai sintomi. Dovrebbe essere considerato anche il fattore causale che scatena lo sviluppo di una reazione allergica..

Il trattamento delle reazioni allergiche nei bambini consiste nell'uso di antistaminici (cetrina, claritina, allerone). Inoltre, è necessario utilizzare creme speciali in presenza di lesioni cutanee. Il resto dei farmaci è prescritto in base ai sintomi..

Nei casi più gravi, si consiglia di utilizzare agenti ormonali e un metodo di desensibilizzazione. Si basa sulla graduale introduzione di un allergene nel corpo, aumentando regolarmente il dosaggio. Pertanto, il corpo inizia a resistere al fattore irritante e successivamente smette di manifestarsi clinicamente.

Una direzione importante nel trattamento delle allergie è il trattamento termale. I bambini rafforzano l'immunità e aumentano la resistenza non solo agli allergeni, ma anche agli agenti infettivi.

Prevenzione delle reazioni allergiche nei bambini

Il metodo più efficace per prevenire lo sviluppo di tali condizioni è la prevenzione delle reazioni allergiche nei bambini. Inizia nel periodo prenatale, quando il feto può incontrare per la prima volta allergeni. Al fine di evitare la sensibilizzazione del corpo, una donna incinta dovrebbe seguire una certa dieta. Dovrebbe escludere agrumi, noci, cioccolato, miele e altri alimenti altamente sensibilizzanti..

Inoltre, non è consigliabile assumere un gran numero di droghe, fumare e, al contrario, trascorrere più tempo all'aperto.

La prevenzione delle reazioni allergiche nei bambini nel periodo neonatale è l'allattamento al seno e, in sua assenza, l'uso di miscele altamente adattate con una quantità minima di allergeni.

Inoltre, è necessario eseguire regolarmente la pulizia a umido nella stanza e cercare di limitare il contatto del bambino con gli animali domestici. Non sono solo portatori di infezione, ma anche proprietari di un tale allergene come la lana.

In caso di sospette allergie al polline e ad altre piante, si raccomanda di limitare il contatto del bambino con loro.

La prognosi delle reazioni allergiche nei bambini

Ogni bambino reagisce in modo diverso agli agenti allergenici, quindi è difficile prevedere quale sarà l'attività della reazione, soprattutto se il suo corpo incontra per la prima volta un fattore irritante.

In caso di allergie stagionali, i genitori affrontano più di una volta la comparsa di sintomi nei bambini e possono persino prevenirne lo sviluppo. Tuttavia, se si verifica una reazione allergica immediata, ad esempio a un farmaco o un ingrediente alimentare, con conseguente shock anafilattico, è necessario chiamare immediatamente un'ambulanza.

La prognosi delle reazioni allergiche nei bambini con questa forma di risposta immunitaria dipende dalla velocità delle cure mediche, poiché lo shock anafilattico minaccia la vita del bambino. Nel processo di sviluppo, i sistemi vitali sono interessati, a causa dei quali vengono fornite tutte le funzioni vitali.

Le reazioni allergiche nei bambini possono verificarsi nei primi mesi di vita, tuttavia, in assenza di una predisposizione genetica allo sviluppo di allergie, devono essere utilizzati tutti i metodi per affrontarla. Ciò è dovuto alla progressione della patologia e al peggioramento della condizione ogni anno sempre più in assenza di un trattamento adeguatamente selezionato.