Cosa mangiare per le allergie: la dieta giusta

Trattamento

Spesso i medici prescrivono una dieta speciale per eliminare i sintomi allergici. Questo modo di mangiare aiuta a identificare i prodotti allergenici e migliorare la terapia. Quali alimenti possono essere consumati con allergie e quali no?

Tipi di diete

Gli specialisti medici hanno sviluppato 2 tipi di diete ipoallergeniche: non specifiche ed eliminative. Il primo è adatto a tutti i tipi di reazioni allergiche. La sua essenza è l'esclusione dalla dieta degli alimenti più allergenici, come latte o frutti di mare. Il menu è composto da prodotti a basso contenuto allergenico: cereali, verdure e frutta verdi, prodotti a base di latte acido, carne a basso contenuto di grassi, ecc. Il corso minimo di una dieta non specifica va da 2 a 4 settimane.

La dieta di eliminazione è sviluppata individualmente. Gli alimenti specifici che causano una reazione allergica sono esclusi dalla dieta. Ad esempio, con la febbre da fieno, è necessario abbandonare alcuni prodotti per il periodo di fioritura delle piante. Se il latte provoca allergie, escludere tutti i prodotti lattiero-caseari, i dolci e le pasticcerie che contengono questo allergene.

Per migliorare il benessere, è importante non solo utilizzare alimenti a basso contenuto allergenico, ma anche rispettare determinate regole. Mangia frazionalmente, in piccole porzioni, almeno 4-5 volte al giorno. Bere almeno 2,5 litri di acqua naturale pulita al giorno. Assicurarsi che il tasso calorico non superi 2600–2900 al giorno.

Prodotti consentiti

La dieta per le allergie comporta non solo l'esclusione di alimenti ad alto potenziale allergenico. Alcuni prodotti sono classificati come allergenici moderati. A volte possono essere introdotti nella dieta, ma il consumo è ridotto al minimo. L'elenco di tali prodotti comprende grano e segale, grano saraceno, mais e riso, banane, albicocche, carote, barbabietole, patate e legumi.

Per le allergie, sono ammessi determinati alimenti..

  • Prodotti lattiero-caseari a bassa e media percentuale di grassi (solo in assenza di allergie alle proteine ​​del latte).
  • Tacchino, coniglio, pesce di fiume (pesce persico, pesce persico, luccio).
  • Cereali: orzo perlato e avena.
  • Frutta, verdura e bacche di verde e bianco: cavolo bianco, broccoli, cetrioli, zucchine, mele.
  • Una varietà di erbe ed erbe: aneto, prezzemolo, lattuga, ortica, dente di leone.
  • Verdure e Burro.
  • Mele e pere secche.

Tutti questi prodotti sono preferibilmente consumati crudi, bolliti, in umido o cotti al forno.

L'elenco dei prodotti consentiti può espandersi in modo significativo a seconda del tipo di allergia. Quindi, se i peli dell'animale sono irritanti, chi soffre di allergie può mangiare quasi tutto tranne carne di maiale e manzo. Quando reagisce agli acari della polvere e agli scarafaggi, l'elenco è limitato solo agli abitanti del mare profondo con un guscio chitinoso (gamberi, granchi, aragoste, ostriche). Con l'asma bronchiale, provocato dal polline delle piante, è permesso mangiare tutto tranne il pane integrale, il miele, le noci, alcuni tipi di frutta.

Prodotti ipoallergenici

Con un'esacerbazione delle allergie, adulti e bambini devono rinunciare a cibi ricchi di allergeni per qualche tempo. In questo caso, non è possibile mangiare quanto segue:

  • Frutti di mare (gamberi, calamari, ostriche).
  • Tutte le verdure rosse, bacche, frutta: pomodori, angurie, ciliegie, fragole.
  • Latte e latte grasso.
  • Frutta a guscio, funghi, prodotti dell'apicoltura.
  • Uova, carne grassa.
  • Spezie, senape, aceto, rafano.
  • Agrumi, Ananas, Mango.

Con una dieta a basso contenuto allergenico, è vietato mangiare cibi affumicati, salati e piccanti. Con gravi eruzioni cutanee, è necessario abbandonare la cottura, muffin, fast food, bevande gassate zuccherate, succhi confezionati. È vietato bere alcolici di qualsiasi forza. Ricorda: anche una piccola concentrazione di alcol etilico influisce negativamente sul sistema immunitario, esacerbando le manifestazioni di allergie.

Se sei allergico al polline di ambrosia, rifiuta di usare semi e olio di semi di girasole. Cerca di non mangiare melone, sedano, aneto, prezzemolo, spezie: curry, cannella, zenzero, noce moscata.

Se l'allergia è causata dalle proteine ​​del latte vaccino, escludere dalla dieta non solo i prodotti a base di latte acido, ma anche panna, formaggio, gelato, burro, pane integrale. Sostituisci i nutrienti mancanti includendo pane di segale, cereali, verdure, carne, grassi vegetali nella dieta. Bevi tè, bevande alla frutta, succhi di frutta appena spremuti.

La dieta della mamma che allatta

Spesso, al fine di identificare un allergene, una madre che allatta deve non solo aderire a una corretta alimentazione, ma anche tenere un diario alimentare. Per fare questo, annota tutto ciò che era nel menu nelle colonne appropriate, indica il numero di ingredienti, il tempo di mangiare. È altrettanto importante notare il metodo di preparazione e lavorazione dei piatti, le condizioni, la durata di conservazione. Di fronte a ogni prodotto, descrivi la reazione del bambino: se ci sono state eruzioni cutanee, in caso affermativo, qual è la loro natura, intensità.

Introdurre gradualmente nuovi prodotti, in piccole porzioni: un articolo in 3 giorni. Quindi puoi monitorare la reazione del bambino e assicurarti che il nuovo cibo sia ben tollerato..

Prodotti consigliati per una madre che allatta:

  • Latticini (kefir, latte cotto fermentato, panna acida), formaggio.
  • Pesce bianco magro (nasello, eglefino, luccio sauro).
  • Carne di coniglio, tacchino, manzo magro.
  • Cereali: mais, riso, grano saraceno.
  • Verdure bianche e verdi: cavolo, rape, olive.
  • Frutti gialli e verdi: mele, banane, albicocche.

Se a un bambino vengono diagnosticate allergie alimentari, al fine di evitare eruzioni cutanee, scartare cibi in scatola, caffè forte, salse piccanti, condimenti e cibi pronti. Ignora gli alimenti che contengono coloranti e conservanti. Non abusare dei dolci. Con un grande desiderio, puoi occasionalmente gustare marmellate, marshmallow o biscotti.

Razione del bambino

Nei bambini in età prescolare, viene spesso diagnosticata l'intolleranza a determinati prodotti. Per eliminare i sintomi delle allergie, è necessario aderire alla nutrizione terapeutica. Il corso di una tale dieta non supera i 10 giorni. L'elenco dei prodotti consentiti e vietati per i bambini è praticamente lo stesso di un adulto. Le seguenti raccomandazioni ti aiuteranno a eliminare rapidamente i sintomi delle allergie..

In particolare, attenersi rigorosamente alla dieta durante i periodi di esacerbazione della malattia. Escludere completamente tutte le sostanze irritanti dal menu per bambini: bacche fresche, frutta, formaggi, yogurt, latte, piatti contenenti uova. Non dare salsicce, spinaci, salsicce e fegato ai bambini. Sostituisci il pane integrale con pane di segale o senza zucchero.

Per ricostituire le proteine ​​animali, includi tacchino, coniglio, maiale magro o agnello nel menu per bambini. Se il bambino ha intolleranza al latte, in nessun caso dargli carne di manzo. Come contorno per i piatti di carne, cuoci il grano saraceno, il miglio, l'avena, il mais o il porridge di riso.

Non privare completamente il bambino dei dolci: il glucosio è necessario per il pieno funzionamento del cervello. Dagli pere, mele verdi, cucina composte di frutta secca. Come dessert, cuoci una casseruola di farina di riso con albicocche o purè di frutta cotta.

Per rendere il bambino più facile da tollerare una dieta ipoallergenica, aderire a questa dieta con tutta la famiglia.

Una dieta sana è importante per il benessere. Una persona allergica deve sapere quali alimenti può mangiare per non provocare un'esacerbazione. Tuttavia, non dimenticare che la dieta è solo uno dei metodi di trattamento complesso. Pertanto, con un'esacerbazione della malattia, assicurati di visitare un medico e adattare ulteriormente la terapia con lui.

Dieta ipoallergenica

Regole generali

Il termine "allergia" indica uno stato di ipersensibilità a vari stimoli (allergeni), manifestato da una reazione specifica, che si basa su reazioni immunologicamente (IgE) mediate. Gli allergeni possono agire come sostanze di origine organica e inorganica e fattori fisici (calore, freddo, raggi ultravioletti). Esistono molti gruppi di allergeni, i più importanti dei quali sono: cibo, droga, famiglia, polline, epidermico, industriale, infettivo (fungino, virale, batterico, parassitario), insetto e altri.

Il meccanismo di una reazione specifica di un organismo a un allergene è lo sviluppo della sensibilizzazione (la produzione di anticorpi in risposta all'ingestione iniziale di un allergene nel corpo) e lo sviluppo di una reazione allergica quando un allergene riappare in un organismo già sensibilizzato. Una reazione allergica è causata da una serie di processi biochimici che si verificano con il rilascio di ammine biogeniche (istamina, serotonina) che danneggiano le cellule di vari tessuti e organi.

Il trattamento delle allergie implica, innanzitutto, l'eliminazione o la riduzione del contatto con un allergene causale. È la dieta per le allergie che è il fattore più importante che consente sia di escludere l'allergene alimentare dalla dieta in presenza di una reazione allergica ai prodotti alimentari sia di ridurre lo stato generale dell'iperreattività del corpo in risposta ad allergeni di altri gruppi (fungini, domestici, medicinali, pollini e altri), poiché durante questo periodo, qualsiasi irritante minore può esacerbare i sintomi clinici di una malattia esistente (con orticaria, asma, rinite allergica, edema di Quincke) o provocare una nuova reazione allergica sistemica o locale (prurito della pelle / eruzione della pelle).

Tuttavia, la dietoterapia è della massima importanza nei casi in cui le manifestazioni cliniche sono causate da un'allergia ai prodotti alimentari, compresi i farmaci utilizzati nell'industria alimentare e l'allevamento di animali e uccelli (salicilati, antibiotici). La dieta di questa categoria di pazienti richiede la correzione più scrupolosa e accurata, ma l'effetto di seguire un'eliminazione individuale o una dieta ipoallergenica generale può essere molto significativo.

Una dieta antiallergica dovrebbe basarsi su una serie di principi:

  • esclusione dalla dieta di alimenti che contengono causalmente significativi e allergeni crociati;
  • l'esclusione di prodotti ad alta attività allergenica;
  • l'uso di soli prodotti freschi, l'esclusione di prodotti geneticamente modificati e di conservazione a lungo termine (conservazione, conserve), nonché di prodotti contenenti additivi alimentari (conservanti, coloranti, additivi aromatizzanti);
  • l'esclusione dei prodotti che liberano istamina che provocano il rilascio di istamina dalle cellule del tratto gastrointestinale (caffè, latte di mucca, cioccolato, succo d'arancia, crusca di frumento), nonché prodotti contenenti istamina (fragole, pomodori, cacao, legumi, nocciole, filetto di aringhe, tonno, affumicati, spinaci, formaggi) contenenti una grande quantità di ammine biogeniche - istamina, tiramina, beta-etil etil ammina;
  • evitare l'eccesso di proteine ​​animali nella dieta;
  • limitazione del consumo di carboidrati semplici e sale da tavola, nonché di prodotti che irritano la mucosa gastrointestinale: cibi piccanti, fritti, salati e bevande contenenti alcol;
  • adeguata sostituzione dei prodotti esclusi per garantire la conformità quantitativa e qualitativa della dieta ai bisogni fisiologici del corpo del paziente in base ai principali nutrienti.

Quando si elabora una dieta o quando è necessario correggerla, è importante esplorare l'attività allergica di un prodotto e disporre di un elenco di prodotti alimentari ipoallergenici:

  • gli alimenti con un alto grado di attività allergenica includono: uova di gallina, crostacei, latte vaccino e prodotti lattiero-caseari, cioccolato, formaggio, pesce, caffè, senape, grano, noci, fragole, fragole, lamponi, uva, cachi, cacao, pomodori, barbabietole, sedano, melone, carote, ananas, more, agrumi, miele, ribes nero, melograno, funghi, spezie, salse, caviale rosso, conserve e prodotti in salamoia, carni affumicate, bevande gassate e contenenti alcol;
  • gli alimenti con un grado medio di attività allergenica includono: carne di maiale, ribes, tacchino, patata, coniglio, piselli, pesche, mais, riso, albicocche, peperoni verdi, grano saraceno, segale, banane, grano saraceno, mirtilli rossi;
  • i prodotti a basso grado di attività allergenica comprendono agnello, manzo (varietà a basso contenuto di grassi), pollo bollito, zucca (toni chiari), zucchine, rape, zucca, mele di colore verde e giallo, uva spina, prugne, ribes bianco, cetriolo verde, anguria, mandorle, prodotti a base di latte acido, erbe aromatiche, frattaglie (fegato, lingua, reni), riso, farina d'avena e porridge di orzo perlato, crema, olio di oliva e di girasole, pere, frutta secca.

Dieta allergica per adulti

I principi generali della nutrizione dietetica per chi soffre di allergie si riflettono in una dieta ipoallergenica non specifica - Tabella n. 5 HA (ipoallergenico), che si basa sulla dieta n. 5, destinata a pazienti con malattie del fegato e del sistema biliare. Nel periodo acuto di una malattia allergica, la base della dieta dovrebbe essere i prodotti anti-allergenici. Di norma, il paziente deve osservare una dieta rigorosa fino a quando le manifestazioni della malattia scompaiono. La durata di tale dieta dovrebbe essere di circa 3 settimane per gli adulti e circa 10 giorni per un bambino.

Man mano che i sintomi si attenuano, i menu possono essere espansi per includere prodotti con un grado medio di attività allergenica, che vengono somministrati in piccole quantità. In primo luogo, pane bianco, pesce bollito a basso contenuto di grassi di varietà bianche, cipolle fresche, succhi di frutta appena spremuti e purea di frutta e bevande di frutta vengono introdotti nella dieta. Allo stesso tempo, vengono introdotti i primi frutti e verdure di colore verde e giallo e, in assenza di eruzioni cutanee, in pochi giorni vengono introdotti frutti / verdure di arancia (zucca) e rosso.

Ogni nuovo prodotto deve essere introdotto non più di una volta ogni tre giorni, tenendo conto della reazione del corpo a ciascun prodotto appena introdotto. Se non ci sono reazioni negative, questo prodotto è sicuro per la salute e può essere incluso nella dieta di base per chi soffre di allergie. Se dopo la sua introduzione la reazione allergica è ripresa, allora dovrebbe essere completamente esclusa dalla dieta.

Nonostante una dieta ipoallergenica rigorosa nel periodo acuto della malattia includa un elenco limitato di prodotti, la nutrizione del paziente deve essere fisiologicamente completa, ma non eccessiva in termini di micronutrienti (specialmente proteine) e significato energetico. È estremamente importante escludere dal menu tutti i prodotti e i piatti allergenici, in cui sono presenti anche in quantità minima. Quindi, in caso di una reazione allergica del paziente alle uova di gallina, è necessario escludere maionese, creme, casseruole, pasticcini e tutti i piatti, la cui ricetta include uova o i suoi componenti.

Se non si conosce un allergene causale, tutti i prodotti con un alto grado di attività allergenica sono esclusi dalla dieta: latte, uova, frutti di mare, pesce, caviale di pesce, agrumi, pomodori, miele, cioccolato, melone, fragole, noci.

Nella dieta, gli alimenti contenenti carboidrati facilmente digeribili sono limitati: miele, zucchero, dolciumi, confetteria, marmellata, cioccolato. Sono ammessi zucchero, saccarina, aspartame, xilitolo. La dieta è arricchita con prodotti contenenti una grande quantità di calcio (prodotti a base di latte fermentato, ricotta), che ha effetti antiallergici e antinfiammatori. Allo stesso tempo, gli alimenti contenenti acido ossalico, che riduce l'assorbimento del calcio, sono limitati nella dieta..

Il sale e tutti i cibi salati sono soggetti a limitazione. La dieta aumenta il contenuto di alimenti ricchi di vitamine (frutta e verdura consentite) e bioflavonoidi che rafforzano le pareti dei vasi sanguigni.

Particolare attenzione dovrebbe essere prestata ai prodotti che hanno una pronunciata reazione allergica crociata. In caso di intolleranza a un tipo di prodotto dalla dieta, è necessario escludere i tipi rimanenti. Di seguito sono riportati alcuni di questi alimenti e un elenco di prodotti che reagiscono in modo incrociato con ciascuno di essi..

  • Pesce - con tutti i tipi di pesce di fiume / di mare, frutti di mare (gamberi, granchi, aragoste, caviale, cozze, aragoste).
  • Latte di mucca - prodotti contenenti proteine ​​del latte di mucca, vitello, manzo e prodotti derivati, latte di capra.
  • Patate - pomodori, peperoni rossi, melanzane, paprika.
  • Uovo di gallina - carne e brodo di pollo, carne di anatra; maionese, carne e uova di quaglia, creme e salse contenenti componenti di uova di gallina.
  • Noci - altri tipi di noci, farina (riso, avena, grano saraceno), kiwi, sesamo, mango, papavero.
  • Banane: kiwi, avocado, melone, glutine di frumento.
  • Agrumi - tutti gli altri tipi di agrumi (arancia, pompelmo, mandarino, limone).
  • Fragole - ribes, lamponi, more, mirtilli rossi.
  • Legumi - mango, arachidi, soia, lenticchie.
  • Prugna - albicocche, ciliegie, mandorle, pesche, nettarine, ciliegie, mele, prugne.
  • Kefir (kefir lievito) - pasta lievitata, varietà di formaggi a muffa (Dor Blue, Roquefort, Bri), kvas.

Forti carni, brodi di funghi e pesce, spezie e condimenti, piatti piccanti, affumicati e salse sono soggetti ad eccezione. Quando si cucina la carne, il primo brodo deve essere versato e i cereali devono essere immersi in acqua per 2 ore prima della cottura.

Quando si scelgono i prodotti, è estremamente importante prestare attenzione alla presenza di additivi alimentari, che in molti casi sono allergeni, e anche conoscere la loro designazione codificata. I seguenti additivi alimentari sono i più pericolosi:

  • Antiossidanti: E 321 (butilidranisolo / butil idrossitoluene).
  • Conservanti: E 220-227 (solfiti), E 249-252 (nitriti), E 210-219 (acido benzoico e derivati), E 200-203 (acido sorbico).
  • Coloranti: E 122 (azorubina), E 102 (tartrazina), E 110 (giallo-arancio), E 124 (rosso cocciniglia), E127 (eritrosina), E 151 (diamante BN nero).
  • Sapori: B 550-553 (glutammati).
  • Additivi aromatizzanti: E 621 (glutammato di sodio), E 622 (glutammato di potassio), E 623 (glutammato di calcio), E 624 (glutammato di ammonio) ed E 625 (glutammato di magnesio).

Si consiglia di cucinare i piatti nella dieta cuocendo o bollendo; non è consentito friggere cibi. Ciò fornisce un risparmio chimico della mucosa gastrointestinale e riduce l'assorbimento di allergeni nell'intestino. Per la completa digestione delle proteine ​​alimentari, che sono potenziali allergeni, si raccomanda l'assunzione di cibo frazionato e una riduzione del volume delle porzioni..

indicazioni

Malattie allergiche (edema di Quincke, orticaria, rinite allergica). Allergie di varia genesi (cibo, droga, famiglia, polline, epidermico, insetto e altri).

Prodotti consentiti

Una dieta antiallergica comprende una carne dietetica non grassa (senza pelle) bollita o in umido di pollo, coniglio o tacchino. Dai cereali sono ammessi grano, grano saraceno e farina d'avena.

I primi piatti vengono cotti senza friggere su un brodo vegetale debole con l'aggiunta di varie erbe da giardino. Le patate bollite in pezzi separati o come purè di patate sull'acqua sono consentite come contorno.

La dieta può contenere yogurt senza additivi, ricotta fresca a basso contenuto di grassi, latticini a basso contenuto di grassi, crusca / pane integrale, pasta di grano duro, biscotti secchi.

Dai grassi: girasole vegetale o olio d'oliva. Dalle verdure - insalate a foglia, cetriolo, zucchine stufate / bollite, cavolo, cipolle.

Tabella dei prodotti approvata

Verdure e verdure

Proteine, gGrassi, gCarboidrati, gCalorie, kcal
melanzana1,20.14,524
zucchine0.60.34.624
cavolo1.80.14.727
broccoli3.00.45.228
cavoletti di Bruxelles4.80,08.043
cavolfiore2,50.35,4trenta
cipolla verde1.30,04.6diciannove
cipolle a bulbo1.40,010,441
cetrioli0.80.12,815
schiacciare0.60.14.3diciannove
prezzemolo3,70.47.647
insalata1,20.31.312
sedano0.90.12.112
asparago1.90.13,120
Topinambur2.10.112.861
aneto2,50.56.338
fagioli7.80.521.5123
aglio6.50.529.9143
Lenticchie24,01,542.7284

Frutta

pere0.40.310.942
Nettarina0.90.211.848
Pesche0.90.111.346
mele0.40.49.847

Frutti di bosco

uva spina0.70.212.043
ribes nero1,00.47.344

Frutta secca e noci

semi di lino18,342,228.9534
semi di girasole20.752,93.4578

Cereali e cereali

semole di grano saraceno (nocciolo)12.63.362,1313
semolino10.31,073,3328
semola12.36.159,5342
cereali11.97.269.3366
crusca di frumento15.13.853,6296

Farina e Pasta

pasta10,41,169,7337

Latticini

latticini3.26.54.1117
kefir 0%3.00.13.8trenta
kefir 1%2,81,04.040

Formaggi e ricotta

ricotta 0,6% (magro)18,00.61.888
cagliata di tofu8.14.20.673

Prodotti a base di carne

manzo cotto25.816.80,0254
Manzo brasato16.818,30,0232

Uccello

pollo bollito25,27.40,0170
petto di pollo al vapore23.61.90,0113
filetto di tacchino bollito25,01,0-130

Pesce e frutti di mare

cavolo marino0.85.10,049

Oli e grassi

burro0.582.50.8748
olio di lino0,099,80,0898
olio d'oliva0,099,80,0898
olio di semi di girasole0,099.90,0899

Bevande analcoliche

acqua minerale0,00,00,0-
tè verde0,00,00,0-

Succhi e composte

succo di rosa canina0.10,017.670
* i dati si intendono per 100 g di prodotto

Prodotti totalmente o parzialmente soggetti a restrizioni

La dieta antiallergenica comporta l'esclusione dalla dieta di cibi come brodo di carne e pesce e tutti i primi piatti a base di essi; varietà grasse di carne rossa, carni affumicate, anatra, oca, latte intero; la maggior parte delle salsicce, uova di gallina, pesce "rosso" di ogni tipo; cioccolato, agrumi, prodotti farinacei e dolci, frutti di mare (gamberetti, cozze, calamari), miele e prodotti derivati ​​(latte d'api, propoli), cibi salati, verdure in salamoia, conserve; grassi culinari e animali, panna, formaggi salati e grassi, panna acida, cagliata dolce.

Sono esclusi i prodotti contenenti carboidrati digeribili: zucchero, confetteria, marmellata, miele, gelati, marmellate, dolci. Anche pasta, semola, soia, riso bianco sono soggetti a restrizioni..

Sono esclusi dalla dieta aceto, tutti i condimenti (ketchup, senape, maionese, rafano), funghi, melanzane, melone, ananas, pasticceria e anche frutta / verdura di colore rosso e arancione (mandarini, pomodori, mele rosse, arance, barbabietole, ravanello, carote, ravanelli, fragole, fragole), noci (arachidi e nocciole), caffè.

Nel menu ipoallergenico, è vietato includere qualsiasi prodotto contenente additivi alimentari (coloranti, conservanti), succhi di frutta / verdura da bacche vietate, tè alla frutta, zuccheri gassati e tutte le bevande contenenti alcol e anidride carbonica.

Tabella dei prodotti allergenici

Il tavolo è destinato ai genitori del bambino che iniziano a introdurre cibi complementari. La tabella mostra quali alimenti sono i più allergenici, quali sono i meno. Tuttavia, vale la pena ricordare che tutto va bene con moderazione. Se al bambino viene somministrato cibo anallergico in eccesso, potrebbe anche apparire un'allergia.

Alimenti consigliatiUsare con cautelaProdotti altamente allergenici (consigliato da escludere)
Altro
  • Mais o olio d'oliva
  • Tè (non forte)
  • Decotti di erbe
  • Gomma da masticare
  • Noccioline
  • Halva
  • Miele
  • Kvas
  • Aceto
  • Maionese
  • Pepe
  • Mostarda
  • aglio
  • Cannella
  • Tuorlo d'uovo
  • Pasta e prodotti farinacei
  • Funghi
carboidrati
  • Il pane con crusca non è ricco (grano e nero non sono dolci)
  • L'asciugatura è semplice
  • Crackers
  • Cracker
  • Crackers
  • marshmallows
  • Incolla
  • Marmellata di mele (in piccole quantità)
  • Cioccolato
  • caffè
  • Cacao
  • Torte alla crema
  • Pane al burro
  • Biscotti allo zenzero
  • Gelato
Un pesce
  • Zander
  • Merluzzo
  • Nasello
  • Pesce grasso (rosso e bianco)
  • Pesce in scatola
  • Caviale (rosso e nero)
  • Altri prodotti marini
Carne
  • Manzo al vapore, bollito
  • coniglio
  • tacchino
  • carne di cavallo
  • Varietà di maiale magre (bollite e in umido)
  • Salsicce bollite
  • Salsicce e salsicce
  • Frattaglie (fegato, rene).
  • Una gallina
  • Brodo di pollo
  • Anatra
  • Oca
  • Maiale
  • Montone
  • Vitello
  • Salsicce affumicate
  • prelibatezze
Frutti di bosco
  • Ribes bianco
  • Uva spina
  • Ciliegie bianche
  • Mirtillo rosso
  • mirtilli
  • Ribes nero e rosso
  • Mirtillo
  • Anguria
  • Fragole
  • fragola
  • Lampone
  • Olivello spinoso
  • Uva
  • ciliegia
Frutta
  • Mele (Verde)
  • Prugna e prugna
  • Ciliegie bianche
  • Pere (verde)
  • mirtilli
  • Frutta secca (mele secche, prugne secche)
  • Banane
  • Pesche
  • albicocche
  • meloni
  • agrume
  • Mele rosse
  • Cachi
  • granate
  • Tutti i frutti tropicali (kiwi, feijoa, mango, papaia, ananas, ecc.)
  • Succhi di frutta in scatola, composte
  • Frutta secca (uvetta. Albicocche secche, datteri, fichi)
Verdure
  • Patate (ammollate 10-12 ore)
  • cavolo bianco
  • Prezzemolo
  • aneto
  • Lattuga
  • Zucchine
  • patison
  • Cetrioli Freschi
  • Spinaci
  • Insalata verde
  • Cavolfiore
  • cavoletti di Bruxelles
  • Legumi
  • Pisello
  • Rapa
  • Zucca
  • svedese
  • Pomodori
  • Salsa di pomodoro
  • Ravanello
  • Semi di girasole
  • Melanzana
  • Barbabietola
  • Carota
  • Peperoni rossi e verdi
  • Acetosa
Cereali
  • Grano saraceno
  • Ercole
  • Riso (imbevuto)
  • Orzo perlato
  • Semolino
  • Semole di grano
  • Krupa Artek
Latticini
  • Latticini
  • Burro
  • Formaggio non piccante
  • Latte fresco
  • Yogurt
  • Ryazhenka
  • Crema
  • Panna acida
  • Crema di formaggio
  • Crema di formaggio
  • Formaggio piccante

Questa è la tabella dei prodotti allergenici: ti consigliamo di seguire l'introduzione di alimenti complementari per i bambini

9 alimenti comuni che possono scatenare allergie

Molti medici definiscono le allergie "la piaga del terzo millennio". E tutto a causa del fatto che sempre più persone iniziano a soffrire di questa malattia. Ciò è dovuto al deterioramento dell'ecologia, allo stress, all'immunità indebolita. Ma anche il cibo può provocare questa malattia - secondo gli esperti dell'OMS, circa l'8% delle persone sulla Terra soffre di allergie alimentari e una varietà di prodotti alimentari può provocare la malattia.

latte

Il problema è causato dall'elevato contenuto di proteine, che a suo modo è estraneo al corpo umano. Molto spesso, il problema viene rilevato già durante l'infanzia, ma molti bambini facilmente "superano" un tale problema, ma per molti, le allergie possono persistere per tutta la vita.

È vero, non confondere una vera allergia con intolleranza al lattosio (quest'ultima è spesso causata da disturbi metabolici).

A proposito, il latte acido e il latte condensato causano meno spesso allergie, in quanto sottoposti a trattamenti speciali.

Agrumi

Spesso portano anche ad allergie, che sono causate dal fatto che tali frutti sono esotici, a cui il nostro corpo non è abituato. È per questo motivo che molti medici russi credono che sia meglio mangiare frutta locale: contengono tutto il necessario per il nostro corpo e sono assorbiti meglio di quelli esotici. Ciò è dovuto al fatto che alcuni enzimi necessari per la loro digestione possono essere assenti nel nostro corpo..

È a causa dell'elevato rischio di allergie che gli agrumi non dovrebbero essere somministrati ai bambini piccoli (Foto: Pixabay.com)

Molto spesso le allergie sono causate da arance, pompelmi.

Cereali

Molto spesso, le allergie sono causate da semola e grano. E tutto a causa della proteina che fa parte della composizione - alcuni organismi possono percepire questa proteina come agenti estranei. Il problema può anche essere l'acido fitico e il glutine. Per inciso, l'ultima sostanza che molti produttori di alimenti per l'infanzia non aggiungono ai loro prodotti, perché è il glutine che può causare intolleranza, interrompere il processo di digestione.

Cioccolato

Un'allergia alle fave di cacao da cui viene prodotto il cioccolato è piuttosto rara. Ma ancora si può trovare, perché per il 15% questo prodotto è costituito da proteine, che causano solo reazioni spiacevoli nel corpo.

Ma il problema direttamente sul cioccolato non è solo nelle proteine. Ciò è dovuto alla presenza di ingredienti nel prodotto, come:

  • latte;
  • noccioline
  • Grano;
  • semi di soia.

Un'allergia ai semi di cacao stessi è rara, ma per la soia e il latte nella loro composizione abbastanza spesso (Foto: Pixabay.com)

Ognuno di questi ingredienti al cioccolato può causare una reazione allergica. Pertanto, quando si acquista il cioccolato, è importante leggere attentamente la composizione.

Il pericolo delle uova in presenza di proteine ​​nella composizione, che diventa solo una causa comune di reazioni allergiche. Inoltre, questo può accadere a qualsiasi età, indipendentemente dalle uova che mangi - pollo, oca, ecc..

Inoltre, alcuni soggetti allergici possono tranquillamente mangiare tuorli, rifiutando le proteine ​​e, in casi difficili, le uova devono essere completamente abbandonate.

Il problema di una tale allergia è che le uova fanno spesso parte di molti altri prodotti, ad esempio la cottura al forno, la maionese.

Questo prodotto è molto gustoso, sano, ma può portare a eruzioni cutanee, prurito e altre allergie spiacevoli, tra cui gonfiore. Ed è tutto sul polline che le api operaie raccolgono da una grande varietà di piante..

Se sei allergico al miele, dovrai abbandonare tutti i prodotti di cui fa parte (Foto: Pixabay.com)

Noccioline

Una delle allergie più comuni. Molti film mostrano che le persone dopo aver usato solo poche noci sono svenute - e questo è vero. Anche 2-3 noci, se c'è un problema, possono causare shock anafilattici - se l'assistenza viene fornita in ritardo, può portare alla morte.

Le arachidi e le mandorle più pericolose, ma le noci causano problemi in rari casi.

Frutti di mare e pesce

Molto spesso, le allergie ai pesci di mare sono comuni, i pesci di fiume sono più sicuri. Inoltre, la sensibilità può essere osservata per una specie di pesce e per diverse, quindi è necessario considerare attentamente la dieta.

A proposito, le varietà rosse di pesce sono più pericolose in termini di allergie, ma il merluzzo bianco non provoca quasi mai allergie.

Se non hai mai provato i frutti di mare prima, ma vuoi, compra medicine e portalo con te - non farà male (Foto: Pixabay.com)

Anche i frutti di mare ad alto contenuto proteico sono pericolosi: contengono latte e albume, che raddoppia il pericolo.

Mostarda

Molte spezie possono causare reazioni allergiche. Il vantaggio è che molti di loro non sono venduti in Russia o sono molto costosi, non tutti possono permetterseli. Ma la senape normale può causare sintomi spiacevoli. Inoltre, un'allergia si sviluppa se assunto per via orale e, in caso di inalazione di vapori, a contatto con la pelle.

Se sei allergico a qualsiasi prodotto, assicurati di leggere la composizione di altri prodotti prima di acquistare (Foto: Pixabay.com)

Le allergie possono verificarsi in molti modi: eruzione cutanea, prurito, gonfiore, vomito, febbre.

Se sei allergico alla senape, dovresti stare attento a molti cibi e piatti che potrebbero contenere questo componente.

Nutrizione per le allergie negli adulti - a quali alimenti possono essere allergici?

Il contenuto dell'articolo:

La reazione del sistema immunitario del corpo a un prodotto o una sostanza è chiamata allergia. In un adulto, può apparire a qualsiasi età.

La ragione di ciò è una predisposizione genetica, stress sperimentato, automedicazione o scarso livello di ecologia. Gli allergeni sono in genere alimenti, polvere, lana, medicine e sostanze chimiche..

Le regole della nutrizione dietetica e terapeutica durante l'esacerbazione delle allergie negli adulti

Il sistema alimentare per le allergie alimentari può essere dovuto alla prevenzione o al trattamento. In generale, ha lo scopo di liberare il corpo da un "irritante" allergico e ridurre l'assunzione di cibo.

Dovresti assolutamente consultare un medico che determinerà a cosa sei allergico e scrivere la tua dieta.

Vale la pena notare che è necessario aderire a una dieta ipoallergenica durante un'esacerbazione di allergie..

Ecco alcuni passaggi per la dieta:

Uno o due giorni dovrai morire di fame e non mangiare affatto cibo. Puoi bere solo acqua non gassata. Dovresti bere 1,5 - 2 litri al giorno. Se sai quale sostanza provoca allergie, smetti di usarla..

Nei giorni seguenti, introdurre nella dieta alimenti che non causano allergie: i prodotti del pane di ieri; zuppe cotte in brodo vegetale; avena, miglio, grano saraceno, porridge di riso. Dovrebbero essere cotti senza aggiungere olio. Mangia piccoli pasti 6 volte al giorno.

Se noti che non c'è reazione allergica o che si è attenuata, includi nella dieta i seguenti prodotti: carne - vitello, pollo, preferibilmente seno; verdure, frutta, tè debole, biscotti non zuccherati. A questo punto, mangia 4 volte al giorno.

Aderire a tale dieta vale una settimana, ma il medico può permetterti di mangiare in questo modo per 2-3 settimane. Durante questo periodo, ti libererai sicuramente dell '"irritante" allergico, oltre a normalizzare la tua dieta.

Per mantenere una dieta - e molti hanno difficoltà a decidere - tenere un diario alimentare. Scrivi in ​​esso quali alimenti usi. Se si nota una reazione del corpo - marchio.

Con esacerbazioni di allergie, il medico può prescrivere una dieta per diverse settimane. Dopo averlo superato, una persona allergica può passare a una dieta individuale, escludendo i prodotti che sono allergeni.

Non trattare la dieta come un tormento. In una settimana senza determinati prodotti, ti sentirai notevolmente meglio e perderai un paio di chilogrammi.

Nel trattamento delle allergie, le seguenti infusioni di erbe e piante aiutano:

L'infusione di questa pianta aiuterà a sbarazzarsi dei sintomi allergici. Versare 1 cucchiaio di 200 ml di acqua calda, quindi respirare questo brodo. Puoi anche prendere la tintura all'interno - circa 6-8 volte al giorno per un cucchiaio.

L'infuso della serie può essere sostituito da un normale caffè, tè, che non sono utili per le allergie. Inoltre, viene calcolato 1 cucchiaio per 200 ml di acqua, cioè un bicchiere. Insisti sull'erba per 30 minuti. Prendilo è dentro circa un bicchiere tre volte al giorno.

Insieme a una successione, è un ottimo antistaminico. Vale la pena mescolare queste piante e preparare solo 1 cucchiaino da tè in un bicchiere di acqua bollente. Bere sia prima che dopo i pasti mezzo bicchiere tre volte al giorno.

Elenco dei prodotti per allergie per adulti

Oggi i medici emettono circa 160 sostanze che causano allergie. La maggior parte degli "irritanti" sono proteine. Ma grassi e carboidrati non hanno proprietà allergiche, ma in combinazione con proteine ​​possono causare allergie.

Ci sono prodotti che hanno un alto livello di allergenicità. Non dovrebbero mai essere usati senza la supervisione di un medico..

  • Latticini: latte, in particolare mucca, burro, formaggi, yogurt
  • Uova
  • Qualsiasi pesce ordinario, caviale, gamberi, granchi, tutti i frutti di mare
  • Prodotti affumicati, pesce, salsicce, salsicce
  • Grano, segale
  • Cibo in scatola. Pasta, conserve di carne e pesce
  • Marinate. sottaceti
  • Cibi piccanti e spezie. Maionese al ketchup
  • Verdure - pomodori, peperoni rossi, carote, zucca, melanzane, crauti, sedano e acetosa
  • Frutti di bosco - fragole, fragole, ciliegie, melograni, lamponi. E altri: mirtilli, uva, olivello spinoso, melone, mora
  • Pasticceria, pasticceria
  • agrume
  • Uova
  • Frutta, in particolare mele rosse, cachi, ananas
  • Frutti esotici
  • Alcuni frutti secchi - albicocche secche, fichi, datteri
  • Noccioline
  • Funghi
  • Caffè, Cacao, Cioccolato
  • Dolci: miele, caramelle gommosa e molle, caramelle, caramello. Gelati, pasticcini e torte
  • Semilavorati, prodotti istantanei
  • Gazvoda
  • Bevande alcoliche, nonché succo di frutta, kvas
  • Gomma da masticare

Vale la pena notare che tutti gli alimenti rossi sono allergeni. Ma ci sono quelli che non causano una reazione allergica. Hanno un livello medio di allergenicità..

Elenco di alimenti ammessi per allergie negli adulti

  • Pollo e manzo
  • Semole - avena, mais, riso, grano saraceno
  • Alcune verdure: peperoni verdi, barbabietole, patate e rape
  • Albicocche, Pesche
  • Legumi - piselli, soia, fagioli
  • Bacche - rosa selvatica, mirtilli rossi, mirtilli rossi, ribes nero
  • Semolino
  • Latte, burro, panna acida, ricotta, yogurt
  • carne di agnello
  • Pasta
  • Bacche - more, ribes bianco e nero, ciliegie, mirtilli rossi e rosa canina
  • Frutta - Banane
  • Verdure - barbabietole, carote, rape, cipolle e aglio

Quali alimenti fanno bene alle allergie?

  • Da prodotti lattiero-caseari fermentati solo kefir, yogurt termostato, latte cotto fermentato
  • Pesce bollito - pesce persico
  • Carne bollita, ma non grassa. Can petto di pollo, filetto di manzo e maiale
  • Frattaglie - cuore, rene, fegato, lingua
  • Semole: grano saraceno, mais, farina d'avena, orzo, riso
  • Olio di oliva magro e di girasole
  • Alcuni frutti sono ciliegie bianche e ribes bianco, mele verdi, pere
  • Secchi: prugne secche, mele, pere
  • Verdure - zucchine, cetrioli, cavoli
  • verdura
  • Acqua minerale senza gas
  • composte
  • Infusi di erbe

Caratteristiche della nutrizione dopo il trattamento delle allergie negli adulti

Dopo aver condotto test medici per l'allergene, nonché un trattamento, la persona allergica dovrebbe aderire a un determinato sistema nutrizionale.

Ecco alcuni suggerimenti utili per aiutare a mantenere una buona salute dopo il trattamento allergico:

  • Discuti con il tuo allergologo quali alimenti puoi e non dovresti mangiare.
  • Costruisci il tuo sistema di alimentazione
  • Introdurre lentamente nuovi alimenti e sostanze nella dieta. È meglio farlo sotto la supervisione di un medico
  • Cucinare con cibi freschi
  • Rifiuta da cibi "pronti", semilavorati, conserve, maionese e ketchup
  • Quando acquisti un prodotto, leggi la sua composizione

Gli alimenti più allergenici

Non il primo anno, scienziati e medici hanno discusso sul perché le allergie stanno diventando una malattia sempre più comune. Forse questo è dovuto a molti fattori: il deterioramento dell'ambiente e un cambiamento nella tecnologia di produzione alimentare e l'uso di troppi farmaci e tutti i tipi di chimica. La dipendenza da allergie viene trasmessa geneticamente. Ciò significa che ci saranno sempre più persone allergiche..

Uno degli allergeni più comuni è considerato il cibo. Alcuni di essi sono particolarmente allergenici e rappresentano un rischio per i bambini e gli adulti che sono inclini alle allergie..

Elenco dei cibi più allergenici

La chiarezza dovrebbe essere fatta subito: le allergie e le intolleranze alimentari non sono la stessa cosa. L'intolleranza è associata alla mancanza di enzimi necessari per l'assimilazione di una particolare sostanza, alla loro mancanza o ad un cambiamento nella struttura dell'enzima. Un'allergia si sviluppa quando il corpo percepisce le sostanze sicure come ostili e inizia a combatterle. L'intolleranza più comune al lattosio sono i latticini e il glutine, che fa parte del grano. Si verificano anche vere allergie al latte e ai cereali. Solo uno specialista può capire cosa succede esattamente al tuo corpo..

Inoltre, va tenuto presente che le informazioni di seguito non sono un assioma, ma semplicemente dati statistici su quali alimenti causano allergie più spesso di altri. Occasionalmente, anche gli alimenti più a basso contenuto allergenico possono causare una risposta inadeguata..

  • Pesce e uova di pesce, neri e rossi. Anche i frutti di mare sono in questo elenco..
  • Carne. La varietà più allergenica è il manzo, il pollo, l'oca, il montone meno allergene e la carne di tacchino.
  • Uova di gallina, in particolare proteine.
  • Latte di mucca e prodotti derivati. I latticini sono meno allergenici del latte intero o condensato.
  • Grano: grano e farina, grano saraceno, farina d'avena, meno allergeni, riso e orzo.
  • Lievito e tutti i prodotti in cui si trovano.
  • Cioccolato e Cacao.
  • Miele.
  • Noci, soprattutto arachidi. A rigor di termini, le arachidi appartengono ai legumi, quindi un'allergia alle arachidi può portare all'ampliamento dell'elenco a causa di piselli, fagioli, soia, lenticchie.
  • Verdure: barbabietole, carote, ravanelli, pomodori, rafano.
  • Bacche e frutti: fragole e fragoline di bosco sono in testa, gli agrumi, guidati dal limone, non sono molto indietro. L'elenco ha anche trovato un posto per lamponi e ribes nero, olivello spinoso, ciliegie, uva, fichi. In generale, le allergie sono spesso causate da frutti esotici che non crescono nella regione allergica.

È stato osservato che lo zucchero e l'alcool aumentano la probabilità di allergie. Se limiti l'assunzione di carboidrati e alcool, le allergie si sviluppano molto meno frequentemente..

La probabilità di una reazione dipende dalla quantità di prodotto consumato. Un tacco di bacche di fragole potrebbe non dare una reazione e se mangi immediatamente 2 kg, un'allergia apparirà anche in una persona sana.

Inoltre, i componenti alimentari indesiderati a volte causano allergie:

  • antibiotici e ormoni nutriti con mucche o polli;
  • prodotti chimici usati per trattare le piante dai parassiti;
  • spezie, conservanti, coloranti e altri prodotti chimici che compongono la composizione;
  • muffa nascosta nel prodotto.

Va ricordato che durante gli attacchi di allergia, il corpo diventa pienamente vigile e può rispondere con una reazione allergica a quasi tutti i prodotti, anche se lo stesso prodotto non aveva causato alcuna reazione particolare prima. Pertanto, durante un'esacerbazione della malattia, si raccomanda di aderire a una dieta ipoallergenica e di non introdurre nuovi prodotti nella dieta, soprattutto in grandi quantità.

Allergia alimentare: prodotti pericolosi e metodi di prevenzione

Siamo tutti molto diversi e ognuno ha la propria reazione agli stessi prodotti e fenomeni. A volte il sistema immunitario risponde inadeguatamente al cibo e questo è comunemente chiamato allergia alimentare. Parliamo di quali alimenti sono spesso allergici e come gestirli.?

Che cos'è l'allergia alimentare?

Una delle cause delle allergie alimentari è quando il corpo percepisce un determinato prodotto come estraneo, quindi cerca di rimuoverlo o distruggerlo. Vomito, diarrea, orticaria, prurito, naso che cola, gonfiore, mancanza di respiro, febbre e allergie possono essere molto diversi in risposta a tale stress. In alcuni, questa è eredità e caratteristiche congenite del sistema digestivo, in altri - disfunzione tiroidea, in altri - cattive abitudini.

A volte un'allergia al cibo è provocata da un'ecologia sfavorevole, una cattiva alimentazione, nonché da malattie di stomaco, intestino, fegato, cistifellea e pancreas. Nei bambini, le allergie spesso compaiono dopo una transizione precoce all'alimentazione artificiale.

A proposito, non confondere l'intolleranza alimentare con le allergie, perché nel primo caso, la reazione del corpo non è associata al sistema immunitario. Ad esempio, molte persone hanno intolleranza al lattosio: non possono bere latte, ma i latticini possono facilmente permetterselo.

Cosa sono i prodotti allergenici

Gli alimenti allergici più comuni sono latte, uova, pesce, caviale, frutti di mare, alcuni tipi di carne, grano, soia, arachidi e altre noci, cacao e cioccolato, fragole e fragole, miele, agrumi e funghi. Tuttavia, il 90% dei casi di allergie sono latte, uova, pesce, frutti di mare, grano, soia, arachidi e noci..

L'allergia al latte si trova più spesso nei bambini piccoli, con l'età, questa tendenza alle allergie diminuisce o scompare. Marina Appletaeva, un allergologo-immunologo, osserva: “Se ti senti regolarmente a disagio dal tratto gastrointestinale dopo aver consumato prodotti lattiero-caseari, potresti essere allergico alle proteine ​​presenti nel latte di mucca. Puoi scoprire se lo è o meno facendo un test speciale. A proposito, in alcuni ospedali è possibile verificare contemporaneamente intolleranza al lattosio e allergie "..

Se parliamo di uova di gallina, la proteina dà una reazione allergica più forte del tuorlo, inoltre, si sente anche nei prodotti da forno e nei prodotti da forno. Il motivo è che le uova contengono albumina, che è un potente allergene che induce l'organismo a produrre anticorpi. La principale causa di allergie alle colture sono le proteine ​​vegetali, il glutine, il polline e le proteine ​​dei cereali, e soprattutto nel grano, nella segale, nell'avena e nel mais, e soprattutto nel riso, nell'orzo e nel grano saraceno.

Le allergie ai pesci si trovano spesso tra i residenti delle aree costiere, alcuni addirittura non riescono a sopportare l'odore dei pesci. Allo stesso tempo, i pesci di mare provocano una reazione più spesso dei pesci di fiume. Le proteine ​​della carne sono molto diverse nella composizione, quindi, con un'allergia al pollo, potrebbe non esserci alcuna reazione al manzo o al maiale. Spesso, le allergie non compaiono sulla carne, ma sulla forfora e sui peli degli animali, sugli antibiotici e sugli aromi. È interessante notare che l'oca è uno dei tipi di carne più allergenici e, tra i legumi, le arachidi contenenti 32 tipi di proteine, di cui 18 allergeni, sono considerate inadatte ai soggetti allergici. Il grande pericolo è che può causare shock anafilattico..

Tra gli alimenti che provocano allergie ci sono molte verdure, frutta e bacche: lenticchie, piselli, ceci, pomodori, barbabietole, carote, ravanelli, ravanelli, peperoni rossi, melone, kiwi, cachi, banane, ciliegie, uva, fichi, melograni e arance, mandarini, limoni, lamponi, more e ribes nero. I frutti e le bacche di colore rosso e arancione contengono spesso allergeni alimentari, a differenza del giallo e del verde, i pomodori contengono proteine, che è considerato uno "straccio rosso" per gli organismi sensibili, come alcuni frutti esotici. Molte persone hanno un'allergia così grave alle noci che persino le briciole di noci nella torta possono causare un attacco d'asma. Per quanto riguarda il miele, i più allergenici sono le varietà di fiori, mentre il polline e il nettare sono allergeni..

Nutrizione allergica

Come rendere il cibo più adatto alla dieta di tutti i giorni in modo da non dover rinunciare ai tuoi cibi preferiti? Hai solo bisogno di sapere alcuni trucchi a causa dei quali gli allergeni alimentari perdono la loro forza e diventano sicuri. Il latte deve essere portato a ebollizione, poiché il latte bollito è raramente incluso nell'elenco degli alimenti che causano allergie, anche se la schiuma deve essere trattata con cautela. E puoi persino bere latte di capra. È meglio cucinare uova sode o fare una frittata - rispetto alle uova alla coque e alle uova fritte, sono meno pericolose per chi soffre di allergie, anche se molti medici affermano che l'allergene lascia il tuorlo dopo la cottura e rimane nelle proteine.

Per ridurre la quantità di allergeni in frutta e verdura, i frutti devono essere cotti. Quindi, le carote bollite o le mele cotte possono essere chiamate prodotti anallergici. Anche il peeling di frutta aiuta, perché molti allergeni sono concentrati nel guscio.

Molte persone pensano di essere allergiche al cioccolato, ma in realtà può essere una reazione ai suoi singoli ingredienti: noci, lecitina di soia, latte in polvere, glutine, olio di palma o la chitina composta naturale contenuta nel guscio degli insetti, perché nessuno sta ordinando i frutti albero di cioccolato. Le fave di cacao raramente causano allergie, quindi prova prima una bevanda al cacao in polvere naturale o un cioccolato puro per vedere se sei allergico o meno..

Come ridurre la probabilità di una reazione

Il modo più semplice è eliminare gli alimenti pericolosi per le allergie o sostituirli con opzioni più adatte. Allo stesso tempo, ricorda che le particelle di alimenti proibiti (ad esempio un uovo) possono essere dove non aspetti, ad esempio nel pane o in un panino. Lo stesso si può dire della maionese e delle salse, inoltre, anche in un sacchetto di caffè con panna e bevande frizzanti può esserci un componente dell'uovo.

Se sei allergico ai prodotti lattiero-caseari, fai attenzione con formaggi, ricotta, panna acida, burro, gelati, dolci e pasticcini. Anche la pasta a volte contiene latticini e uova. La soia si trova spesso in salsicce, carne, cibi pronti e dolci. Molti integratori alimentari, in particolare coloranti, conservanti e alcuni enzimi, possono anche essere allergici. E a proposito, se sei allergico ai frutti di mare, molto probabilmente non dovresti mangiare alghe e alghe. In generale, è necessario leggere attentamente la composizione di qualsiasi alimento e acquistare prodotti che non causano allergie.

Inoltre, cerca di non mangiare troppo, in modo da non mettere a dura prova il tratto gastrointestinale e ridurre la quantità di carboidrati veloci (dolci e miele) che creano terreno adatto per lo sviluppo di allergie. Il miele è sicuramente un dolcificante utile, quindi se non sei allergico, non dovresti rifiutarlo, ma non superare la dose giornaliera consentita - non più di 2-3 cucchiai al giorno. L'alcol è anche un potente catalizzatore di una reazione allergica, quindi non dovresti abusarne..

La dieta che una persona osserva con allergie si chiama eliminazione.

Quali alimenti non causano allergie? L'elenco è piuttosto ampio. Si tratta di frutta e verdura con un alto contenuto di vitamina C, che ha un forte effetto antistaminico, quindi fai attenzione a cavolfiori e cavoletti di Bruxelles, broccoli e verdure, ma fai attenzione agli agrumi. Beta-carotene (spinaci, patate, zucca), magnesio (avocado, grano saraceno, banane, prugne), quartsetina flavonoide (prugne, capperi, mele), acidi omega-3 (semi di lino e olio d'oliva) sono molto utili per chi soffre di allergie - tutti questi preziosi le sostanze combattono contro le allergie e ammorbidiscono le sue manifestazioni. Le carni più anallergiche sono coniglio, tacchino e agnello.

Secondo le osservazioni dei medici, un'allergia al latte, alle uova, alle verdure e alla frutta può passare nel tempo e la reazione a pesce e noci di solito rimane per tutta la vita, quindi costruisci la tua dieta in modo tale da non avvertire la mancanza di vitamine e minerali vitali. Usa più spezie, bevi la camomilla e resta in salute!