Algorithm 23 "Un attacco di asma bronchiale"

Allergeni

Semey 2008.

Tema № 4: Algoritmo di azione di un'infermiera in un attacco di asma bronchiale

Linee guida

addizionale

Principale

1.Obukhovets T.P. Le basi dell'assistenza infermieristica. - Rostov-n / D: Phoenix, 2004.-- p.514.

1. Buyanov V.M., Nesterenko Yu.A. Pronto soccorso: libro di testo. - 7 ° ed., Rev. e ulteriori..- M.: Medicine, 2000.-244 p. (Libri di testo per studenti di scuole di medicina)

2. Grebenev A.L., Sheptulin A.A. Fondamenti di cura generale del paziente.- M.: Medicina, 1991.- 256 s..

3. Obukhovets TP Nozioni di base di infermieristica: Workshop. - Rostov-n / D: Phoenix, 2004.-- 480 s.

4. Fomina I.G. Assistenza generale per i pazienti.- M.: Medicina, 2000.- 304 p. (S.9-43), 369

5. Jaromich I.V. Infermieristica: libro di testo. manuale.- Mn.: Scuola superiore, 2001.- 431 s.

9. Controllo: i problemi relativi al CPC sono inclusi nei problemi di classificazione differenziale..

1. Il concetto di procedure della sonda

2. Tecnica delle procedure della sonda.

3. Possibili complicazioni durante le procedure della sonda.

ACCADEMIA MEDICA DELLO STATO SEMIPALATINO

per lavoro studentesco indipendente

Specialità: medicina generale

Disciplina: introduzione alla clinica - 2

Dipartimento di Propedeutica delle malattie interne

Compilato da: Assistente del Dipartimento di Propedeutica della medicina interna,

RPS, Izbasarova I.A..

Approvato in una riunione del dipartimento

Da "____" ___________2008.

Capo Dipartimento, prof. Zhumambaeva R.M.

2. Scopo: formare un'idea della procedura per l'azione di un'infermiera in caso di attacco di asma bronchiale.

3. Compito: comporre un algoritmo (protocollo) di azione, presentazione

- domande sull'attività:

1. Il concetto di un attacco di asma bronchiale

2. Pronto soccorso per un attacco di asma bronchiale.

3. L'ordine di azione di un'infermiera in un attacco di asma bronchiale.

4. Modulo di esecuzione: comporre un algoritmo di azione (protocollo).

Il protocollo - descrive specificamente la metodologia per eseguire questa o quella manipolazione, la sequenza delle manipolazioni. Il volume del protocollo è di 3-5 pagine.

5. Criteri di rendimento: le domande poste nel compito vengono eseguite sulla base delle fonti di letteratura indicate su carta A4, font Times New Roman, dimensione 14, intervallo di una e mezza. Campi: sinistro - 30 mm, destro - 10 mm, superiore, inferiore - 20 mm.

Indicare il nome della disciplina, nome completo studente, specialità, gruppo.

6. Termine di consegna - 10 settimane. Punti - 4.

7. Criteri per la valutazione della conformità - condizioni che incidono sul punteggio di valutazione:

- termini per l'incarico - 10 settimane

- analisi approfondita;

- chiarezza di espressione e chiarezza di espressione dei propri pensieri;

- conclusioni e suggerimenti motivati;

- eccesso del numero di pagine da un determinato volume;

Per ottenere un punteggio massimo di 4, l'attività deve essere completata per intero, soddisfare i criteri per la valutazione del completamento e consegnata in tempo.

Il CPC verrà consegnato dopo la scadenza, il punteggio viene ridotto di 1 punto;

IWS è scritto senza tener conto dei requisiti per la sua attuazione, il punteggio è ridotto di 1 punto;

i requisiti di progettazione non sono soddisfatti, il punteggio è ridotto di 0,5 punti.

8. letteratura:

In russo:

Data di inserimento: 2014-12-07; Visualizzazioni: 782; Violazione del copyright?

La tua opinione è importante per noi! Il materiale pubblicato è stato utile? Sì | Non

Algoritmo "Cure di emergenza per un attacco di asma bronchiale"

L'infermiera prepara medicine:

Soluzione al 2,4% di aminofillina;

soluzione di prednisolone (idrocortisone, desametasone)

Laringotracheite acuta da stenosi

(groppa falsa o groppa virale)

fasiGiustificazione
1. Chiama un medico.Fornitura tempestiva di assistenza qualificata.
2. Aiutare il paziente ad assumere una posizione comoda (postura "ortopnea").Rilievo respiratorio.
3. Per slacciare gli abiti vincolanti (colletto, cintura, cintura).Facilitare le escursioni polmonari.
4. Fornire aria fresca.Diminuzione dell'ipossia cerebrale.
5. Creare un ambiente tranquillo.L'ansia peggiora il paziente.
6. Se possibile, stabilire la causa dell'attacco (innesco) ed eliminarlo.
7. Dare molta bevanda calda in piccoli sorsi frequenti.Liquefazione della secrezione e facilitazione della tosse.
8. Aiuta il paziente a inalare un broncodilatatore (se il farmaco è stato prescritto da un medico in precedenza).Riduzione dell'ostruzione bronchiale e miglioramento delle condizioni del paziente.
9. Aiutare il paziente a eseguire diversi esercizi di respirazione (respirazione diaframmatica) se è stato precedentemente allenato.Facilitare le escursioni polmonari.
10. Ricordare al paziente di rilassarsi se è stato precedentemente addestrato in speciali tecniche di rilassamento..L'ansia porta a una respirazione superficiale e peggiora le condizioni del paziente.
Fase 1: abbaiare, tosse gracchiante; Raucedine della voce; · Dispnea inspiratoria solo con sforzo fisico e ansia. Fase 2: · respirazione rumorosa (difficoltà respiratoria); · Mancanza di respiro costantemente, nettamente amplificata dall'esercizio; · Partecipazione dei muscoli ausiliari all'atto della respirazione; · Retrazione su ispirazione della fossa giugulare, gonfiore delle ali del naso; Tachicardia; · Pronunciata raucedine della voce; acrocianosi Sudorazione · Ansia. Fase 3: · i periodi di ansia sono sostituiti da periodi di adynamia, letargia; Pallore affilato; · Periorale e acrocianosi a riposo, possono passare alla cianosi generalizzata; Mancanza di respiro, sia inspirazione che espirazione sono difficili; · Pressione sanguigna abbassata. Fase 4: · la pelle è cianotica pallida; Respirazione aritmica o paradossale; bradicardia Ipotensione arteriosa; · Arresto respiratorio o arresto cardiaco.
Dati dell'esame infermieristico

Cure di emergenza per laringotracheite acuta stenosante

Preparare i medicinali:

Aiuta l'infermiera con un attacco di soffocamento

Tecnica delle bolle di ghiaccio

  • Mi lavo le mani.
  • Metti un pezzo di ghiaccio in un asciugamano e macinalo in piccoli pezzi con un martello di legno.
  • Prendi una bolla per il ghiaccio e svita il tappo da esso.
  • Riempi la bolla con cubetti di ghiaccio 1/3 del suo volume.
  • Aggiungi acqua fredda alla bolla a 2/3 del volume della bolla.
  • Rilasciamo aria dalla bolla, la poniamo su una superficie orizzontale e ruotiamo il cappuccio.
  • Capovolgi la bolla e controlla la tenuta del tappo a spirale.
  • Avvolgiamo una bolla con ghiaccio con un asciugamano e la applichiamo sull'area desiderata del corpo del paziente per 15-20 minuti.
  • Rimuoviamo la bolla di ghiaccio, facendo una pausa per 20-30 minuti al fine di prevenire l'ipotermia o il congelamento dei tessuti del paziente.
  • Ancora una volta applichiamo la bolla sull'area desiderata del corpo e facciamo delle pause ogni 15-20 minuti per 20-30 minuti, come per la prima volta.
  • La durata della procedura è prescritta dal medico curante. Quando il ghiaccio si scioglie, lo segnaliamo nella bolla.
  • Alla fine dell'esposizione locale al freddo sul paziente, liberiamo la bolla dall'acqua, spostiamo l'aria e avvitiamo il tappo.
  • Immergere la bolla di ghiaccio nell'apposito contenitore con un disinfettante per la disinfezione (con l'esposizione necessaria).
  • Mi lavo le mani.

Quando si utilizza una vescica ghiacciata, è possibile una complicazione come l'ipotermia. Pertanto, è necessario monitorare le condizioni del paziente, far fronte alla sua salute, se il paziente è cosciente.

La tecnica per usare una vescica di ghiaccio include le seguenti note:

  • La bolla di ghiaccio deve essere mantenuta asciutta con il tappo svitato..
  • Direttamente durante la procedura: se il paziente sviluppa dolore a causa della pressione della vescica, dovrebbe essere sospeso su una parte del corpo che richiede raffreddamento.
  • Non usare un ghiaccio nella vescica, perché ciò può portare all'ipotermia dell'area del corpo del paziente..

40. Dichiarazione di intonaco senape Obiettivo. Causare un afflusso di sangue ai tessuti e agli organi sottostanti; effetto analgesico, assorbibile, antinfiammatorio.
Indicazioni. Malattie infiammatorie dell'apparato respiratorio; dolore muscolare crisi ipertensiva; dolore nella regione del cuore (effetto di distrazione).
Controindicazioni Allergia alla senape; malattie della pelle pustolosa, violazione dell'integrità della pelle nel sito di senape; neoplasie; alta temperatura corporea.
Equipaggiamento. Senape in quantità sufficiente, testata per l'idoneità (non ha cambiato colore, la senape non si sbriciola); nave con acqua (+40. +45 ° С); carta non verniciata o polietilene di dimensioni sufficienti; un pannolino o un asciugamano; cotone idrofilo. Non è possibile utilizzare l'acqua con una temperatura superiore a +45 ° C, poiché ciò provoca la distruzione degli oli essenziali di senape, che sono irritanti per i recettori della pelle. Di conseguenza, l'effetto terapeutico sarà assente.
Tecnica per la posa di intonaci senape:
1. Posare comodamente il paziente, esporre quella parte del corpo su cui verranno posizionati gli intonaci di senape.
2. La senape viene capovolta con la senape, inumidita con acqua e posizionata sulla parte del corpo, rimossa dagli indumenti, con il lato senape sulla pelle. Per pelli sensibili, gli intonaci di senape devono essere posizionati su carta sottile o garza. Hanno messo tanti intonaci di senape che si adattano alla zona preparata del corpo.
3. Intonaci di senape coprono con carta bianca o polietilene, quindi con un pannolino.
5. Lasciare il paziente per 3-5 minuti, quindi chiedere come si sente. Con lamentele di gravi ustioni, controllano se l'iperemia è comparsa nel sito di applicazione degli intonaci di senape.
6. I cerotti di senape vengono rimossi con la comparsa di iperemia in 5 - 10 - 15 minuti dopo la loro presa.
7. La pelle viene lavata con acqua calda, asciugata.
8. Aiuta il paziente a vestirsi, a prendere una posizione comoda a letto. Si consiglia di sdraiarsi per 30 - 40 minuti.

Intonaco di senape, algoritmo di esecuzione.


Nota. Con la pelle eccessivamente sensibile o un aumento della durata dell'azione, sono possibili ustioni. In caso di ustioni, le aree interessate della pelle vengono anche lavate con acqua, asciugate e lubrificate con vaselina. I cerotti di senape non possono essere posizionati sulle ghiandole mammarie, sul viso.

Aiuta l'infermiera con un attacco di soffocamento

All'inizio dell'attacco, l'infermiera deve chiamare immediatamente un medico e fornire il primo soccorso prima del suo arrivo. L'algoritmo delle azioni di un'infermiera in caso di attacco di asma bronchiale comprende i seguenti passaggi:

Con un attacco di soffocamento, è consigliabile eseguire l'ossigenoterapia

  1. Chiami un dottore. Chiamare immediatamente il medico (per i bambini, chiamare il pediatra).
  2. Rassicurare il paziente, questo è particolarmente importante per i bambini..
  3. Posizione. Spostare il paziente in posizione semi-seduta per facilitare la respirazione.
  4. Aria: fornire accesso all'aria fresca, rimuovere gli indumenti stretti dal torace e, se possibile, eseguire l'ossigenoterapia.
  5. Bevanda calda Preparare una bevanda calda e bere il paziente.

23. L'impulso (impulso) è un'oscillazione ritmica della parete arteriosa dovuta a un cambiamento nel suo apporto di sangue a causa della contrazione del cuore - un'espansione a scatti dell'arteria nella sistole e il suo declino nella diastole. Distingua il polso centrale (determinato su arterie grandi - carotide, succlavia, femorale) e periferico. Il polso arterioso può essere determinato su qualsiasi arteria localizzata superficialmente e situata su una base densa. Nella pratica clinica, viene spesso utilizzata la definizione di polso sulle arterie radiali nell'avambraccio distale..

Tecnica per determinare il polso sull'arteria radiale (Fig. 1) Prima di procedere alla determinazione del polso e delle sue caratteristiche, l'infermiere deve condurre antisettici igienici sulla pelle delle mani e ottenere il consenso informato del paziente. Per una valutazione obiettiva delle caratteristiche del polso, il paziente deve essere in uno stato di calma..

È necessario sedere o posare il paziente in modo che il suo braccio sia in uno stato rilassato. Il polso del paziente è afferrato in modo tale che il palmo dell'infermiera poggia sulla superficie dell'estensore dell'avambraccio del paziente, il pollice copre il polso dal lato del gomito e le punte chiuse delle dita rimanenti si trovano sulla superficie di flessione dell'avambraccio, lungo il bordo interno del raggio vicino al processo stiloideo.

Le principali proprietà (caratteristiche) dell'impulso:

1. Il riempimento del polso dipende dalla quantità di gittata cardiaca, dal volume del sangue circolante, dalla pervietà delle arterie. Per determinare il riempimento dell'impulso, l'arteria viene delicatamente premuta fino a quando scompare la pulsazione, quindi le punte delle dita vengono gradualmente sollevate fino a quando appare una pulsazione appena percettibile. L'ampiezza dei movimenti della punta delle dita caratterizza il riempimento dell'impulso. Normalmente, l'impulso ha un riempimento soddisfacente. Con un aumento della gittata cardiaca, il polso diventa pieno (pulsus plenus); con una diminuzione della gittata cardiaca, una diminuzione del volume del sangue circolante (ad esempio, con ipovolemia dovuta a sanguinamento) - vuoto (pulsus vacuus).

2. La tensione dell'impulso è stimata dalla forza con cui è necessario comprimere l'arteria radiale per arrestare completamente la pulsazione al suo interno. Dipende dal livello di pressione sanguigna sistolica, dal tono vascolare. A valori normali di pressione sanguigna, il polso ha una tensione normale. Con alta pressione sanguigna sistolica, il polso è duro (pulsus durus), con bassa pressione sanguigna - morbido (pulsus mollis).

3. Il ritmo dell'impulso è stimato dalla durata degli intervalli di tempo tra le successive ondate di impulso. Il polso può essere ritmico (pulsus regularis) e aritmico (pulsus irregis). Il polso diventa aritmico con aritmie cardiache (extrasistole, fibrillazione atriale) e conduzione (blocco atrioventricolare di II grado).

4. Frequenza: il numero di onde di impulso al minuto. Normalmente, la frequenza cardiaca è di 60–90 onde di polso al minuto. Con una frequenza di impulsi superiore a 90 onde di impulso al minuto, viene chiamata frequente (frequenze di impulso), con una frequenza inferiore a 60 onde di impulso al minuto - rara (impulso raro). La frequenza cardiaca, in base alla sua natura ritmica, può essere calcolata entro 15 secondi e quindi moltiplicata per 4. Il risultato della valutazione della frequenza cardiaca viene inserito nella corrispondente colonna del foglio della temperatura nella storia medica (Appendice 1).

5. Il valore dell'impulso dipende dal riempimento e dalla tensione dell'impulso. L'impulso di un buon riempimento e tensione è grande (pulsus magnus), debole - piccolo (pulsus parvus). L'impulso di riempimento e tensione estremamente bassi (il valore delle onde di impulso è difficile da determinare) è un impulso filiforme (pulsus filiformis). Si osserva un impulso filamentoso con shock di varie eziologie (ad esempio, shock cardiogeno con infarto del miocardio).

24. Pressione sanguigna (BP) - la pressione che il sangue nell'arteria esercita sulla sua parete. La pressione sanguigna dipende dal valore della gittata cardiaca, dalla resistenza vascolare periferica totale. La pressione arteriosa sistolica è determinata nel periodo della sistole, con l'aumento dell'onda del polso. La pressione arteriosa diastolica viene determinata durante la diastole, quando l'onda del polso diminuisce. La pressione del polso è la differenza tra la pressione arteriosa sistolica e diastolica.

Un livello di pressione arteriosa sistolica da 90 a 139 mm Hg è considerato normale. Art., Diastolico - da 60 a 89 mm RT. Arte. Il risultato della misurazione viene registrato come una frazione: 120/80 mm RT. Arte. Pressione sanguigna inferiore a 90/60 mm Hg. Arte. valutato come ipotensione arteriosa. HELL 140/90 mm RT. Arte. e tasso più elevato di ipertensione arteriosa.

Metodi di misurazione della pressione sanguigna. Esistono metodi diretti (invasivi) e indiretti (non invasivi) per misurare la pressione sanguigna. Nel metodo diretto, viene utilizzato un ago speciale, collegato a un manometro, che viene inserito direttamente nel vaso sanguigno. Questo metodo viene utilizzato in cardiochirurgia per cardiochirurgia. Quando si misura la pressione arteriosa con un metodo indiretto, viene utilizzato uno sfigmomanometro collegato a un bracciale posizionato sulla spalla del paziente..

L'apparato per misurare la pressione sanguigna, che includeva un manometro e un bracciale a mercurio, fu descritto per la prima volta nel 1896 da S. Riva-Rocci. Un bracciale è stato posizionato sulla spalla del paziente e gradualmente, pompando aria, ha aumentato la pressione al suo interno fino a quando non ha superato la pressione nell'arteria brachiale. La pulsazione nell'arteria brachiale sotto il bracciale si fermò. Quindi, l'aria è stata gradualmente rilasciata dal bracciale. La diminuzione della pressione nella cuffia ha portato al ripristino della circolazione sanguigna nell'arteria brachiale, che potrebbe essere rilevata palpando il polso sull'arteria radiale. Questo metodo, che utilizza un manometro meccanico più sicuro, a volte viene ora utilizzato. Sfortunatamente, ti consente di valutare solo il livello di pressione arteriosa sistolica.

Nel 1905, il medico russo Nikolai Sergeyevich Korotkov propose un metodo auscultatorio per misurare la pressione sanguigna, che è usato oggi in tutto il mondo, e i fenomeni auscultatori che si sentono sull'arteria brachiale durante il sanguinamento del bracciale e associati alle vibrazioni della parete dell'arteria rilassata sono chiamati i toni di Korotkov.

Distinguere cronologicamente 5 fasi (toni) Korotkov:

1) Fase I: la comparsa di toni costanti aumenta di intensità, l'intensità del suono aumenta quando il bracciale viene sgonfiato; il primo tono chiaro è definito come un indicatore della pressione arteriosa sistolica;

2) Fase II - la comparsa di rumore e suono frusciante;

3) III fase - il suono ricorda uno scricchiolio e aumenta di intensità;

4) Fase IV: un forte silenziamento del suono e l'aspetto di una soffiante; questa fase viene utilizzata per determinare il livello di pressione arteriosa diastolica;

5) Fase V: scomparsa dei toni.

Diversi tipi di sfigmomanometri vengono utilizzati per misurare la pressione sanguigna:

- meccanico - per eseguire la misurazione, è necessaria l'iniezione meccanica di aria nel bracciale e il suo sanguinamento graduale con l'aiuto di un bulbo di gomma (Fig. 2);

- semiautomatico - l'aria viene pompata meccanicamente nel bracciale con l'aiuto di una pera e viene rilasciata automaticamente (Fig. 3);

- automatico - l'aria viene forzata dentro e fuori usando un compressore

Il risultato delle misurazioni della pressione arteriosa con monitor della pressione arteriosa semiautomatici e automatici viene visualizzato sullo schermo contemporaneamente alla frequenza cardiaca.

Tecnica per misurare la pressione sanguigna Per misurare la pressione sanguigna, è necessario: un tonometro, un fonendoscopio (stetoscopio), la cartella clinica di un paziente, una penna. Prima di procedere con la misurazione della pressione sanguigna, l'infermiere deve eseguire antisettici igienici della pelle delle mani e ottenere il consenso informato del paziente.

La pressione sanguigna viene misurata in un ambiente tranquillo, calmo e confortevole a una temperatura confortevole non prima di dopo 5 minuti di riposo. Si consiglia che dopo aver mangiato 1-2 ore siano trascorse. Entro 1 ora prima di misurare la pressione sanguigna, il paziente non deve fumare o bere caffè. Il paziente deve sedersi su una sedia con la schiena dritta vicino al tavolo con gambe rilassate e non incrociate. Quando si misura la pressione sanguigna, il braccio dovrebbe essere nudo. Non è consentito sovrapporre il bracciale sugli indumenti o succhiare la manica sopra il bracciale. Il paziente non deve parlare durante la misurazione della pressione sanguigna. La violazione delle condizioni elencate porta a risultati di misurazione errati.

La larghezza del bracciale dovrebbe essere almeno il 40% della circonferenza della spalla (una media di 12-14 cm); lunghezza della telecamera - non inferiore all'80% della circonferenza della spalla. L'uso di un bracciale stretto o corto porta a una significativa sovrastima della pressione sanguigna (ad esempio con l'obesità).

Prima di applicare il bracciale, è necessario palpare l'arteria brachiale nella parte mediale della fossa ulnare (con il braccio esteso nell'articolazione del gomito). Il bracciale viene applicato 2-3 cm sopra il gomito. La parte centrale del palloncino di gomma all'interno del bracciale in tessuto dovrebbe trovarsi sopra l'arteria brachiale (spesso c'è un segno sul bracciale - "arteria"). Tra il bracciale e la superficie della spalla, lo spazio libero dovrebbe essere uguale allo spessore di un dito. Se il bracciale viene applicato più liberamente o, al contrario, più stretto, è necessario modificarne la posizione. I tubi di gomma che collegano il bracciale al tonometro devono essere posizionati verso l'esterno dalla curva del gomito per evitare di toccare la testa dello stetoscopio. Non dovresti provare a misurare la pressione sanguigna sul braccio dal lato di una mastectomia o su un braccio paralizzato.

Prima di iniettare aria nel bracciale, controllare la posizione dell'ago del manometro (“0”). Strettamente, ma senza una forte pressione, collegare la membrana del fonendoscopio alla pulsazione dell'arteria brachiale sul gomito. Chiudere la valvola sul cilindro. Pompare rapidamente aria nel bracciale fino a 60 mm Hg. Art., Quindi - 10 mm RT. Arte. superando
20-30 mm al livello in cui i toni di Korotkov sono scomparsi. Quindi il paziente avverte il minor disagio quando misura la pressione sanguigna. Quindi, aprendo la valvola, spurgare lentamente l'aria a 2 mm Hg. Art., Ascoltando i toni di Korotkov e monitorando il manometro. La comparsa dei primi toni consente di valutare il livello di pressione arteriosa sistolica, l'ultimo tono distinto - pressione diastolica.

La misurazione viene ripetuta due volte con un intervallo di 2-3 minuti, il valore medio è fisso. Il risultato viene inserito nella colonna corrispondente del foglio della temperatura nella storia medica.

Dopo aver misurato la pressione sanguigna, la membrana del fonendoscopio viene disinfettata con un antisettico.

25. L'insufficienza circolatoria è intesa come l'incapacità del sistema cardiovascolare di fornire agli organi e ai tessuti del corpo la quantità necessaria di sangue. Allocare il cuore e l'insufficienza vascolare. L'insufficienza cardiaca si sviluppa a seguito di varie lesioni miocardiche (ad esempio, con miocardite e distrofia miocardica, malattia coronarica, difetti cardiaci, ipertensione); può essere acuto e cronico.


Nella pratica clinica, si riscontra spesso un'insufficienza ventricolare sinistra acuta, causata da una diminuzione della contrattilità miocardica ventricolare sinistra, manifestata da attacchi di asma cardiaco e edema polmonare, nonché da shock cardiogeno.

L'asma cardiaco si verifica con un significativo ristagno di sangue nella circolazione polmonare ed è caratterizzato dall'apparizione nel paziente di una sensazione di grave mancanza d'aria (soffocamento) ed è accompagnata da grave mancanza di respiro a riposo, cianosi. Se il paziente non viene aiutato durante questo periodo, un attacco di asma cardiaco può svilupparsi in edema polmonare, gorgoglio, respirazione e rilascio di una grande quantità di espettorato spumeggiante. L'edema polmonare in assenza di misure terapeutiche può causare la morte del paziente. La cura di tali pazienti consiste nel dare loro una posizione semi-seduta, applicare pediluvi caldi o applicare laccio emostatico alle estremità inferiori, aspirare espettorato schiumoso dal tratto respiratorio superiore, inalazione di ossigeno e vapori di alcol etilico. Un aumento della contrattilità miocardica si ottiene con l'aiuto di glicosidi cardiaci (strophanthin, digossina, ecc.) E una diminuzione del volume del sangue circolante con diuretici (lasix).

Un calo acuto della contrattilità del ventricolo sinistro può portare allo sviluppo di shock cardiogeno, che è caratterizzato da un calo della pressione sanguigna, pallore della pelle, sudore freddo, mancanza di respiro, un frequente polso di debole riempimento e tensione, a volte confusione. L'aiuto per i pazienti con shock cardiogeno consiste nell'alleviare il dolore (somministrazione di farmaci), aumentare la pressione sanguigna (somministrare noradrenalina, mesatone), migliorare la contrattilità miocardica (prescrivere glicosidi cardiaci), aumentare il volume del sangue circolante (infusione endovenosa di poliglucina, reopoliglukin, ecc. ).

L'insufficienza cardiaca cronica è caratterizzata da un progressivo indebolimento della contrattilità miocardica e si manifesta con un aumento della mancanza di respiro (inizialmente durante lo sforzo fisico e poi a riposo), tachicardia, edema periferico e ingrossamento del fegato a causa della stasi venosa. I pazienti con insufficienza cardiaca cronica, specialmente durante il periodo di aumento della sua scompenso, devono osservare il riposo a letto. Per ridurre la congestione della circolazione polmonare, i pazienti devono avere una posizione da letto con una testiera rialzata. In caso di dispnea grave, si utilizza l'inalazione con una miscela di ossigeno, si notano la frequenza respiratoria quotidiana, la frequenza del polso, il livello di pressione sanguigna. In questo caso, i risultati della misurazione sono registrati nel foglio della temperatura. Dovresti monitorare regolarmente la dinamica dell'edema. Ogni giorno considerare la quantità di liquido bevuto al giorno e l'urina escreta (diuresi). Il monitoraggio della dinamica dell'edema può essere effettuato utilizzando la pesatura regolare dei pazienti. Per combattere l'edema, i pazienti limitano l'assunzione di liquidi (fino a 800 ml - 1 litro al giorno), nonché l'uso di sale. Quando si alimentano pazienti con insufficienza cardiaca cronica, viene prescritta una dieta terapeutica n. 10, la dieta include cibi ricchi di potassio (albicocche secche, patate al forno, ecc.). L'edema a lungo termine porta in alcuni casi a cambiamenti secondari della pelle, che allo stesso tempo cambiano colore, diventano più sottili, perdono elasticità. È necessario prendersi cura con cura di pelle, biancheria intima e biancheria da letto, per eseguire la prevenzione obbligatoria delle piaghe da decubito.

26. Nel valutare le lamentele del paziente relative al dolore nella regione del cuore (nella metà sinistra del torace), bisogna tenere presente che non sono sempre associate a malattie del sistema cardiovascolare. Il dolore in questa zona è osservato, ad esempio, con lesioni pleuriche, con nevralgia intercostale, miosite, osteocondrosi spinale (alterazioni patologiche nei dischi intervertebrali), alcune malattie dell'esofago e dello stomaco.

Il dolore nella metà sinistra del torace associato a malattie cardiache può anche avere un'origine diversa e può essere causato, in particolare, da danni al pericardio, all'aorta e alle condizioni nevrotiche.

Di grande valore diagnostico e prognostico è l'istituzione in un paziente di attacchi di angina (angina pectoris), risultante da ischemia miocardica sullo sfondo di spasmo o aterosclerosi delle arterie coronarie, accompagnata da irritazione dei recettori nervosi con prodotti metabolici nel miocardio.

In casi tipici, gli attacchi di angina sono caratterizzati dalla comparsa di dolori al petto di natura pressante o compressiva. Il dolore si diffonde alla spalla sinistra, alla scapola, alla metà sinistra del collo; accompagnato da sudorazione e senso di paura, durano alcuni minuti e passano rapidamente dopo l'assunzione di nitroglicerina. A seconda delle condizioni in cui si verificano gli attacchi di angina (durante lo sforzo fisico, di notte durante il sonno, ecc.), È consuetudine isolare l'angina pectoris e l'angina pectoris. È importante che a volte l'equivalente dell'angina possa essere attacchi di soffocamento o interruzioni nel lavoro del cuore.

Un attacco di angina pectoris richiede un trattamento di emergenza, poiché con un corso prolungato di esso, è possibile una transizione all'infarto del miocardio. Con un attacco di angina pectoris, il paziente deve essere completamente a riposo, somministrare nitroglicerina (una compressa o 1-3 gocce di una soluzione alcolica su un pezzo di zucchero sotto la lingua), che elimina rapidamente lo spasmo delle arterie coronarie. L'uso di intonaci senape (sulla metà sinistra del torace) può anche portare un buon effetto..

Una malattia estremamente grave, che spesso minaccia la vita del paziente, è l'infarto del miocardio, in cui si formano focolai di necrosi ischemica nel muscolo cardiaco. Una tipica variante del dolore dell'infarto del miocardio è caratterizzata dal fatto che i precedenti dolori di angina sono molto più intensi e, soprattutto, più lunghi, di solito durano diverse ore. Il dolore è accompagnato da una forte debolezza generale, la paura della morte. Possono esserci anche varianti di infarto del miocardio, che si manifestano con soffocamento, forte dolore nella regione epigastrica, disturbi del ritmo cardiaco, disturbi cerebrovascolari.

I pazienti con infarto del miocardio hanno bisogno di un ricovero urgente nelle prime ore della malattia. Si consiglia di trasportare il paziente da squadre di ambulanze specializzate che dispongono delle attrezzature necessarie per affrontare le complicanze dell'infarto miocardico. Al momento del ricovero in ospedale, i pazienti vengono immediatamente inviati al reparto, non facendo un bagno igienico e non cambiando in abiti ospedalieri.

Per il trattamento di pazienti con infarto miocardico acuto, ora sono state create speciali unità di terapia intensiva (reparti) (cardioreanimazione). Questi reparti sono dotati delle attrezzature necessarie per il monitoraggio continuo delle funzioni dei sistemi cardiovascolare e respiratorio - frequenza respiratoria e frequenza cardiaca, frequenza cardiaca, livello della pressione sanguigna, ecc., Defibrillatori, consentendo di eliminare gravi disturbi del ritmo. pacemaker per rianimazione con

arresto cardiaco, ventilatori, ecc. Questi dipartimenti sono collegati in qualsiasi momento della giornata con un laboratorio espresso, che consente di effettuare gli studi necessari tutto il giorno, forniti delle medicine necessarie e delle soluzioni trasfusionali. L'elenco del personale delle unità di terapia intensiva (medico e 2 infermiere per 6 pazienti) consente un monitoraggio costante delle condizioni dei pazienti in questi reparti.

Dopo la stabilizzazione della condizione di un paziente con infarto miocardico acuto (eliminazione del dolore attraverso la somministrazione di farmaci, riduzione della coagulazione del sangue mediante somministrazione di eparina, streptasi, ecc., Normalizzazione della frequenza cardiaca e del livello di pressione sanguigna), i pazienti di solito dopo 5-7 giorni vengono trasferiti a terapia terapeutica o cardiologia generale ramo. Durante le prime 2-3 settimane, i pazienti con infarto del miocardio sono in stretto riposo a letto. All'inizio, non è nemmeno permesso loro di girare a letto. Durante questo periodo, è di grande importanza prendere tutte le misure di cura necessarie: monitoraggio delle condizioni del letto, cambio tempestivo di biancheria intima e biancheria da letto, alimentazione dei pazienti, cura della pelle, alimentazione della nave e orinatoio, attento monitoraggio delle funzioni dell'apparato respiratorio e circolatorio.

27. L'insufficienza vascolare acuta è caratterizzata da una diminuzione del tono vascolare. Una manifestazione relativamente lieve può essere considerata svenimento, che si verifica a seguito di una violazione della regolazione nervosa centrale del tono vascolare (ad esempio, con dolore, emozioni negative, posizione permanente prolungata, rapida transizione da orizzontale a verticale, ecc.). Lo svenimento si manifesta con sbiancamento della pelle, perdita di coscienza a breve termine, diminuzione del tono muscolare, ipotensione arteriosa. La coscienza del paziente viene di solito ripristinata in pochi minuti. Durante lo svenimento, al paziente dovrebbe essere data una posizione orizzontale con la testa in giù e le gambe sollevate (per migliorare la circolazione sanguigna nel cervello), fornire accesso all'aria fresca, libero da indumenti stretti, spruzzare acqua fredda sul viso, picchiettare sulle guance e odorare cotone idrofilo inumidito con ammoniaca.

L'insufficienza vascolare acuta associata a un pronunciato calo del tono vascolare e una diminuzione del volume del sangue circolante si chiama collasso. Il collasso si osserva in casi gravi di un numero di malattie infiammatorie infettive e acute (ad esempio, polmonite cronica, pancreatite acuta), perdita di sangue, avvelenamento, aritmie cardiache gravi, embolia polmonare. Con un collasso, la coscienza del paziente viene solitamente preservata, si nota un pallore della pelle, una diminuzione della temperatura corporea, una respirazione superficiale e rapida, un polso frequente e piccolo, una pressione sanguigna bassa. L'aiuto al collasso include l'eliminazione della causa del suo verificarsi (ad esempio, l'interruzione del sanguinamento, la rimozione dei veleni dal corpo), il riscaldamento del paziente, la somministrazione di farmaci che aumentano la pressione sanguigna (adrenalina, mesatone, glucocorticoidi), aumentando il volume del sangue circolante (trasfusione di sangue e sostituzione del sangue liquidi).

I sintomi dell'insufficienza vascolare acuta comprendono svenimenti, collasso e shock..

Sincope (sincope greca) - improvvisa perdita di coscienza a breve termine. La causa dello svenimento è spesso un disturbo a breve termine della circolazione cerebrale a causa di una diminuzione del tono del centro vasomotorio. Lo svenimento può verificarsi a causa di forti eccitazioni, dolore e altri fattori psico-emotivi, con disturbi del ritmo e della conduzione. Lo svenimento dura secondi, minuti, raramente dura più a lungo. Quando si esaminano i pazienti, si nota il pallore della pelle, il polso è raro, il basso riempimento, la pressione sanguigna viene abbassata.

Collasso e shock - forme di insufficienza vascolare, che si basano su una diminuzione della gittata cardiaca, il suo valore è insufficiente per il normale afflusso di sangue ai tessuti. La forma più lieve di insufficienza vascolare, in cui la sindrome ipotensiva domina nel quadro clinico, è chiamata collasso, e la forma più grave, in cui il metabolismo, la microcircolazione, la funzione degli organi e dei sistemi del corpo è chiamata shock. Cause di collasso o shock: massiccia perdita di sangue, infarto del miocardio (la causa più comune di shock in cardiologia), aritmie cardiache, infezioni acute, avvelenamento, traumi. Con qualsiasi tipo di collasso o shock, si verifica ipotensione, la pelle diventa umida, fredda e cianotica, gli occhi si perdono, le occhiaie si formano intorno a loro, le forme scure del viso ("volto di Ippocrate"), il paziente viene inibito, il polso è frequente e piccolo (filiforme), fiato corto.

Quando si fornisce il primo soccorso a un paziente con insufficienza vascolare acuta, è necessario:

- fornire al paziente riposo completo;

- dare al paziente una posizione orizzontale senza cuscino con gambe leggermente sollevate - la posizione di Trelenenburg - per aumentare il flusso di sangue al cervello;

- fornire un afflusso di aria fresca;

- libera la parte superiore del corpo dagli indumenti vincolanti;

- riscaldare il paziente (con l'aiuto di coperte);

- valutare e monitorare costantemente il polso e la pressione sanguigna;

- per irritare i centri vasomotori, si consiglia di inalare i vapori di cloruro di ammonio (ammoniaca) o altre sostanze non tossiche che hanno un forte odore, strofinando il viso con acqua fredda;

- stabilire l'inalazione di ossigeno inumidito;

Il trattamento di collasso e shock richiede terapia intensiva nell'unità di terapia intensiva.

28. Crisi ipertensiva - una complicazione dell'ipertensione, un attacco di un forte aumento della pressione sanguigna con aumento di mal di testa, vertigini, nausea e vomito. Con crisi ipertensiva è necessario:

- fornire al paziente pace fisica e mentale, giacere in posizione orizzontale;

- fornire un afflusso di aria fresca;

- applicare cerotti di senape sui muscoli del polpaccio, trattenere i pediluvi caldi, applicare un impacco freddo sulla fronte;

- per il dolore nell'area del cuore, somministrare al paziente validol o nitroglicerina (0,0005 g) sotto la lingua;

- monitorare costantemente la pressione sanguigna e il polso del paziente.

29..
Nutrizione clinica (terapia dietetica): l'uso a scopo terapeutico o profilattico di dietoli appositamente formulati, una componente obbligatoria dell'effetto terapeutico. Le diete terapeutiche (tabelle dietetiche) differiscono nelle nosologie di base. Zero diete (chirurgiche), di solito nel periodo postoperatorio.

Il controllo clinico della nutrizione viene effettuato da un dietista e dal dietista di un istituto medico. I compiti di un dietista includono la corretta preparazione delle diete terapeutiche, il monitoraggio del loro corretto utilizzo, l'assistenza consultiva ai medici nella nomina ottimale di una tabella dietetica, il monitoraggio del menu, l'adesione alla tecnologia di preparazione dei piatti dietetici, la loro qualità e composizione chimica. Al dietista è affidato il monitoraggio del lavoro dell'unità di ristorazione e il rispetto degli standard sanitari e igienici.

Ordine di distribuzione alimentare. La consegna del cibo dall'unità di ristorazione viene effettuata rigorosamente secondo i tempi stabiliti per ciascun reparto. Inizia solo dopo che il medico di turno in ospedale ha prelevato un campione dal cibo. Dopo la consegna del cibo da parte della barista al dipartimento, secondo il requisito della porzione, inizia la sua distribuzione, come infermiera più giovane e infermiera del reparto. Abiti separati con marcature speciali "Per la distribuzione di alimenti" devono essere assegnati al personale medico. I pazienti con un regime generale (gratuito) pranzano nella sala da pranzo. Dopo aver mangiato, i tavoli vengono puliti, dopo cena - lavati con acqua calda e sapone. I piatti vengono lavati due volte con acqua calda con senape o soda, devono essere disinfettati con una soluzione di candeggina chiarificata allo 0,2%, sciacquati con acqua calda e messi nei forni. I rifiuti alimentari sono collocati in secchi chiusi chiusi o serbatoi. Scrivo ai pazienti in cura di reparto, consegnati al reparto. Nelle camere il cibo viene trasportato su speciali barelle. La distribuzione di cibo non è consentita dal personale tecnico che pulisce i locali dell'ospedale (infermieri e addetti alle pulizie).

30. L'alimentazione di un paziente gravemente malato a letto viene effettuata se al paziente viene prescritto il riposo a letto o se il paziente è debole.

Al momento dell'alimentazione in reparto tutte le procedure mediche, le partenze fisiologiche, la pulizia devono essere completate. La stanza deve essere ventilata. Prima di allattare, è necessario rimuovere tutti gli elementi che possono causare l'avversione del paziente al cibo (odore di cattiva medicina, urine, sputacchiera, ecc.). Il custode dovrebbe essere pulito, dovrebbe lavarsi le mani in presenza del paziente. Si assicura che il cibo dietetico abbia un aspetto e un odore attraenti, oltre che un buon servizio. La stanza deve essere pulita. Prima di allattare, lavarsi le mani e il paziente. Pulisci il comodino prima di mettere il vassoio. Non è possibile mettere un vassoio di cibo sul torace o sui piedi del paziente (se è seduto). Dovrebbe essere detto quale piatto viene cucinato, soprattutto in assenza di appetito di una persona. Il cibo dovrebbe essere caldo e appetitoso durante l'intero processo di alimentazione..

In alcuni casi, il paziente, mentre è a letto, può sedersi e mangiare da solo. I pazienti gravemente indeboliti e gravemente malati vengono nutriti nella posizione più conveniente per loro. Molto spesso, il caregiver dà al paziente una posizione elevata a metà seduta posizionando 2-3 cuscini sotto la schiena o sollevando la testata del letto funzionale. In alcuni casi, la testa del paziente viene sollevata con la mano sinistra insieme a un cuscino e il cucchiaio o un bevitore vengono portati alla bocca con la mano destra. A volte, come prescritto dal medico, il paziente viene girato su un fianco per l'alimentazione. Il collo e il torace del sdraiato sono coperti da un pannolino a doppia piega. L'alimentazione viene effettuata con calma, lentamente. Non puoi affrettare il paziente, ma devi aspettare pazientemente che viva e ingoia il cibo. Il paziente viene alimentato con cibo morbido da un cucchiaio in piccole porzioni o da un bevitore a piccoli sorsi. Riempi il cucchiaio per 2/3 e toccalo sul labbro inferiore in modo che il paziente apra la bocca; poi toccano la lingua con un cucchiaio e, lasciando il cibo in bocca, rimuovono un cucchiaio vuoto. Dai al paziente il tempo di masticare e deglutire, offri da bere dopo qualche cucchiaio di cibo morbido. Per fare questo, applica il "naso" del bevitore sul labbro inferiore e versa il liquido in piccole porzioni. Se necessario, pulire le labbra del paziente con un fazzoletto.

Quando si utilizza un bevitore, il cibo, ovviamente, dovrebbe essere liquido e non dovrebbero esserci controindicazioni a questo. Dovresti prestare attenzione al fatto che il paziente deglutisca liberamente il cibo, se ci sono cinguettii o tosse quando cerca di deglutire. Al paziente viene data abbastanza bevanda, se non diversamente fornito dalla dieta; offrono da bere da un bevitore o da un bicchiere in cui è inserito un tubo piegato nella forma della lettera "G".

Dopo la poppata, al paziente viene data un po 'd'acqua e gli viene chiesto di sciacquarsi la bocca, pulire le labbra e il mento. Quindi rimuovono il tovagliolo, che copriva il paziente, e lo aiutano a mentire comodamente; i piatti vengono puliti. Assicurati di scuotere le briciole dal letto e allargarle. Se possibile, per l'alimentazione di un paziente gravemente malato, i singoli piatti vengono isolati, che dopo aver mangiato vengono puliti da detriti alimentari, lavati con un agente sgrassante e disinfettati. Vari mezzi possono essere usati per la disinfezione, ad esempio Septodor 0,2%: i piatti vengono completamente immersi nella soluzione per 15 minuti, dopo di che vengono lavati sotto acqua corrente per 10 minuti. Il tempo di esposizione dei piatti dipende dal disinfettante ed è determinato dalle istruzioni allegate al farmaco.

Ci sono caratteristiche di alimentazione dei pazienti con danni al sistema nervoso. Quindi, nel 27% dei pazienti a cui è stato diagnosticato un ictus, esiste un grado variabile di disturbo della deglutizione - disfagia orofaringea. Circa il 13% è in uno stato di sofferenza e non può essere seduto per mangiare. In questi casi (se il paziente non deglutisce) quando si nutre attraverso la bocca, non si può semplicemente versare il cibo, dal momento che immetterlo nelle vie respiratorie può causare gravi complicazioni. Pertanto, nei pazienti prima dell'alimentazione, devono essere rilevati segni di disturbi della deglutizione, che possono anche comparire nella dinamica della malattia. In alcuni casi, a causa del disturbo del linguaggio concomitante, il paziente non sarà in grado di parlare direttamente del sintomo. Pertanto, è innanzitutto necessario valutare le condizioni del paziente rispondendo a una serie di domande (Il paziente è sveglio o può essere svegliato? Può il paziente sedere? Può controllare la posizione della testa mentre è seduto? Può il paziente tossire se gli viene chiesto? Può controllare la saliva? Il paziente può leccarsi le labbra? Può respirare liberamente? La voce del paziente è pulita o rauca, "bagnata"?) In assenza di ovvie deviazioni, secondo i dati del test, il test di screening della deglutizione viene eseguito come segue: somministrare alternativamente
3 cucchiaini di acqua, ogni volta dopo un sorso, valutando la presenza di tosse, sonorità, comparsa di fiato corto. Se tutto va bene, dai da bere
0,5 tazze d'acqua. Nel caso in cui non vi siano deviazioni, eseguire la procedura di alimentazione senza perdere la vigilanza

Profili trasversali di terrapieni e fascia costiera: nelle aree urbane, la protezione delle banche è progettata tenendo conto dei requisiti tecnici ed economici, ma attribuiscono particolare importanza all'estetica.

Organizzazione del deflusso delle acque superficiali: la più grande quantità di umidità sul globo evapora dalla superficie dei mari e degli oceani (88 ‰).

Attacco di asma bronchiale: pronto soccorso

I pazienti asmatici sembrano persone completamente sane fino a quando non hanno un attacco. L'asma è una malattia con attacchi intermedi di asma che si verificano a causa del restringimento dei bronchi.

Ragioni per il restringimento dei bronchi:

  1. spasmo dei muscoli dei bronchi;
  2. gonfiore della mucosa;
  3. aumento della produzione di muco.

Gli asmatici hanno vie aeree molto sensibili. Un attacco può verificarsi a causa di qualsiasi fattore irritante: fumo, polvere, allergeni, fattore infettivo, sostanze chimiche spruzzate.

Spesso gli attacchi si verificano di notte, hanno gravità variabile. Lo sviluppo rapido avviene, può svilupparsi gradualmente - in poche ore. In alcuni casi, un attacco può andare via da solo senza l'uso di misure e mezzi speciali. Il ricovero a volte richiesto a causa di pericolo di vita.

Anche in casi lievi, non puoi affrontare l'attacco alla leggera, devi sempre ricordare un piano d'azione chiaro. È utile per gli asmatici o le persone che hanno parenti con questa malattia in famiglia scrivere le azioni su una carta e tenerle sempre vicine.

Sintomi

  • tosse;
  • respiro sibilante nei bronchi;
  • una sensazione di pesantezza nelle vie aeree;
  • una sensazione di mancanza di ossigeno;
  • tremante, sudante;
  • soffocamento;
  • un sentimento di paura, a volte confusione;
  • partecipazione attiva dei muscoli addominali alla respirazione.

Azioni d'attacco

  1. Non fatevi prendere dal panico (il panico aggrava il corso dell'attacco). Mantieni la calma, calma.
  2. Dare al paziente una posizione seduta, mentre la respirazione è notevolmente facilitata.
  3. Dai una medicina al paziente. I medici raccomandano di aumentare la dose di aerosol a causa della complessità del flusso del farmaco nell'area di azione (spasmi bronchiali). Il nebulizzatore consentirà di immettere una dose elevata per il paziente. L'agonista beta-adrenergico sotto forma di aerosol (salbutamolo, alupente, terbutalina, fenoterolo, ecc.) Può essere usato ogni 3-4 ore durante un attacco. Inoltre, per gli attacchi gravi, vengono prescritti corticosteroidi (ormoni che alleviano l'infiammazione), ma solo sotto forma di compresse, ad esempio il prednisone.
  4. Nel caso in cui dopo 15 minuti dall'applicazione della prima dose di aerosol, le condizioni del paziente non siano migliorate, è possibile inalare una dose aggiuntiva. Dopo 10 minuti non ci sono miglioramenti: chiama un'ambulanza.
  5. Il paziente non deve andare in ospedale da solo durante un attacco. Il dispatcher di ambulanze deve essere informato che il paziente ha un grave attacco d'asma.

Quando è necessaria una chiamata in ambulanza

  • In assenza dell'azione di un aerosol broncodilatatore o della sua durata inferiore a 2 ore.
  • La sensazione di mancanza d'aria è molto forte.
  • In precedenza si erano verificati gravi convulsioni con ricovero in ospedale..
  • Alto tasso di attacco.
  • Il paziente ha arrossamento della pelle, delle labbra, del naso (cianosi).
  • Alcuni segni di un attacco non sono mai accaduti prima, sono molto preoccupati.

In un'ambulanza

Molto probabilmente, i lavoratori delle ambulanze useranno l'aminofillina. Nei casi più gravi, viene utilizzata la somministrazione endovenosa di farmaci ormonali. La struttura medica utilizza inalazioni di ossigeno, analizza il sangue alla ricerca di ossigeno e anidride carbonica per valutare la gravità dell'attacco e determinare ulteriori tattiche.

Conclusione

La stretta aderenza alla sequenza di azioni per un attacco d'asma, tenendo conto delle raccomandazioni individuali del medico curante, aiuterà a far fronte efficacemente all'attacco. Va notato che il respiro sibilante nei bronchi con convulsioni gravi può essere assente. Al minimo dubbio, senza alcuna esitazione, devi chiamare un'ambulanza. Il ritardo nei casi più gravi può portare alla morte..

Fermare un attacco di asma bronchiale: regole per le cure di emergenza

L'asma bronchiale è una malattia del sistema respiratorio. La violazione si basa sull'ipersensibilità dei bronchi agli stimoli esterni.

A rischio sono i fumatori e le persone che soffrono di patologie polmonari.

Un attacco di asma bronchiale porta al soffocamento, quindi il paziente ha bisogno di cure di emergenza. Con un attacco, si sviluppa un broncospasmo, che blocca il flusso d'aria nel corpo.

La prolungata mancanza di ossigeno porta allo sviluppo di ipossia, problemi cardiaci e altre conseguenze pericolose. Pertanto, tutti dovrebbero sapere quali azioni intraprendere per evitare complicazioni..

Il decorso e i sintomi di un attacco d'asma

Un attacco d'asma si verifica a causa di una serie di fattori provocatori. Molto spesso, inizia di notte o all'alba, ma di giorno è anche possibile.

A volte i sintomi scompaiono da soli se è stato possibile identificare l'irritante e isolare il paziente da esso. Ma ci sono anche condizioni gravi che durano circa un giorno. Quindi è urgentemente necessario un aiuto per l'asma.

Le conseguenze negative possono essere evitate se si presta attenzione tempestiva ai primi segni di esacerbazione. Nelle fasi iniziali del paziente si osserva:

  • letargia, perdita di forza;
  • sensazione di prurito nei passaggi nasali;
  • starnuti costanti;
  • mancanza di aria;
  • una sensazione di contrazione al torace (considerata il principale presagio dello sviluppo della malattia).

Se durante questo periodo non viene fatto nulla, il deterioramento si verifica dopo uno o due giorni. Quando i sintomi di un attacco peggiorano, è necessaria l'assistenza medica di emergenza. L'attacco è accompagnato da:

  • sudorazione profusa;
  • aumento della pressione sanguigna;
  • respiro sibilante durante l'inspirazione e l'espirazione;
  • aumento della mancanza di respiro;
  • tosse che abbaia costante, accompagnata dalla separazione dell'espettorato trasparente;
  • dolore al petto.

A volte in questa fase si nota la pelle blu delle labbra. L'asfissia è considerata la più pericolosa per l'asma, quindi il primo soccorso ha lo scopo di fermare questo sintomo e ripristinare la respirazione.

È necessario monitorare il lavoro del cuore, poiché a causa di un forte aumento della pressione, il carico su questo organo aumenta.

I segni di un attacco di asma bronchiale si attenuano gradualmente dopo le cure di emergenza.

Pronto soccorso per gli asmatici durante un attacco

L'assistenza qualificata fornita da uno specialista aiuta ad alleviare rapidamente i sintomi e ripristinare la respirazione del paziente. Tuttavia, prima che arrivi l'ambulanza, devi agire da solo.

Per alleviare anche un grave attacco d'asma a casa è realistico se una serie di azioni sono eseguite correttamente. Poiché il pericolo principale nell'esacerbazione dell'asma è il broncospasmo, è importante arrestarlo il prima possibile o almeno ridurlo.

L'algoritmo delle cure di emergenza per un attacco di asma bronchiale

Lo sviluppo dell'attacco è preceduto dall'esposizione allo stimolo. Questo può accadere all'improvviso, lontano dall'ospedale. In questo caso, ogni responsabilità per la salute del paziente spetta agli amici o alle persone che lo circondano.

Anche se non c'è esperienza nella fornitura di cure mediche, ci sono una serie di semplici manipolazioni che resisteranno fino all'arrivo dei medici. Quando sono necessarie cure di emergenza per l'asma bronchiale, l'algoritmo di azione sarà il seguente:

  1. Chiama l'ambulanza, descrivi in ​​dettaglio le condizioni della persona.
  2. Individua e rimuovi (se possibile) la fonte che ha scatenato l'attacco (fiori, animali, ecc.).
  3. Posizionare il paziente in una posizione comoda, dare l'opportunità di appoggiare le mani su una superficie dura.
  4. Per sganciare i bottoni, rimuovere gli abiti stretti stringendo un petto.
  5. Rassicurare una persona per prevenire un attacco di panico.
  6. Cerca nelle tasche o borsa i farmaci per inalazione. Spesso, le persone con la malattia descritta mantengono un aerosol in un luogo accessibile..

Il primo soccorso per l'asma bronchiale è molto importante, in quanto evita complicazioni e facilita il compito dei medici. Pertanto, non è necessario passare, alcune semplici manipolazioni possono salvare la vita di una persona. Il corretto algoritmo d'azione per l'asma bronchiale può alleviare le condizioni del paziente dopo 15 minuti.

Metodi non farmacologici

Quando non ci sono inalatori e altri farmaci a portata di mano ed è iniziato un attacco d'asma, devi sapere cosa fare in tali circostanze. Sono stati sviluppati numerosi metodi efficaci che miglioreranno il benessere senza l'uso di droghe. Se qualcuno di loro non ha portato sollievo, puoi usarne diversi.

Ciò che aiuta esattamente con gli attacchi di asma in ogni caso dipende dalle caratteristiche individuali del corpo e dal decorso della malattia. È importante quando si adottano misure per monitorare costantemente le condizioni del paziente. Se si notano deterioramento o mancanza di progressi, le azioni cessano immediatamente e attendono l'arrivo di un'ambulanza.

Puoi alleviare un attacco d'asma senza farmaci nei seguenti modi:

  1. Preparare una soluzione di soda: in un bicchiere di acqua calda, sciogliere due cucchiaini di polvere. Utilizzare in tre approcci per mezz'ora.
  2. Il delicato massaggio delle ali del naso riduce la mancanza di respiro.
  3. Effettuare l'inalazione con erbe medicinali. Timo ed eucalipto andranno bene. Il medicinale penetra rapidamente nel tratto respiratorio, causando un effetto broncodilatatore. Prima di eseguire la procedura, è necessario assicurarsi che non vi siano reazioni allergiche ai componenti utilizzati.
  4. Normalizzare la condizione aiuterà esercizi di respirazione. Inalazioni prolungate ed esalazioni attraverso il naso per dieci minuti prevengono un attacco di panico.
  5. Fai bagni caldi per braccia e gambe, metti intonaci di senape o una piastra riscaldante sui muscoli del polpaccio. Aiuta a ridurre lo spasmo, migliorare il flusso sanguigno, ripristinare la funzione respiratoria. Il metodo è proibito per le persone con malattie del sistema cardiovascolare.
  6. Impastare i muscoli spinali nella parte superiore del corpo e del torace per migliorare il flusso sanguigno e alleviare il dolore. L'impatto non dovrebbe essere forte.
  7. Metti un umidificatore nelle immediate vicinanze del letto del paziente. Se è presente un cuscino di ossigeno, puoi usarlo.

Emergenza medica

La prestazione di cure mediche di emergenza per l'asma in un ospedale è considerata la più efficace. La presenza nella clinica di specialisti qualificati e le attrezzature necessarie possono far fronte anche ai casi più difficili.

Se dopo tutte le misure terapeutiche si osserva un risultato positivo, al paziente vengono fornite raccomandazioni e rimandate a casa. Tuttavia, se il medico dubita della stabilità delle condizioni del paziente, viene lasciato in ospedale per ulteriori esami e osservazioni.

Assistenza infermieristica

Le cure di emergenza per un attacco di asma bronchiale iniziano immediatamente all'arrivo in ospedale. La cartella clinica del paziente viene preliminarmente studiata, che contiene dati sul decorso della patologia, i farmaci e le sostanze che causano allergie.

Il personale medico adotta misure per alleviare l'asma. Quando arriva un paziente con sintomi di esacerbazione, devono essere preparate attrezzature per la ventilazione meccanica e una sacca Ambu.

Prima che un medico esamini il paziente, un'infermiera fornisce il primo soccorso per l'asma. Deve seguire un certo algoritmo di azioni:

  1. Rimuovere gli indumenti esterni dal colletto paziente, allentando. Sedere il paziente comodamente. Il rilassamento muscolare facilita la respirazione.
  2. Fornire aria fresca alla stanza. Se necessario, viene utilizzato ossigeno inumidito..
  3. Proibire l'uso di un inalatore situato nel paziente (per prevenire la dipendenza dal farmaco). L'aerosol a base di salbutamolo solfato deve essere usato per alleviare gli spasmi.
  4. Dai una bevanda calda, puoi solo acqua.

Durante l'esame del paziente da parte di uno specialista, l'infermiera rimane nelle vicinanze per somministrare i farmaci necessari o eseguire altri appuntamenti medici.

Primo soccorso

Quando si è verificato un attacco acuto di asma bronchiale, deve essere rapidamente interrotto. Una persona viene eliminata da questa condizione con l'aiuto di farmaci. Tutti i farmaci e il loro dosaggio sono prescritti da un medico. Il trattamento inizia dopo aver esaminato il paziente e determinato la gravità della patologia..

La fornitura di pronto soccorso per un attacco di asma bronchiale comprende le seguenti azioni:

  1. Un'iniezione sottocutanea viene somministrata per l'asma. Di solito, l'epinefrina viene utilizzata come soluzione o come sospensione acquosa. Dopo l'iniezione, i muscoli si rilassano, i bronchi si espandono. Il farmaco non è raccomandato per le persone con malattie del sistema cardiovascolare.
  2. Il trattamento farmacologico per un attacco di asma bronchiale comprende la somministrazione endovenosa di corticosteroidi. Questi farmaci ormonali alleviano il gonfiore e hanno antistaminici..
  3. Per alleviare il broncospasmo, i farmaci del gruppo xantina vengono somministrati per via endovenosa.
  4. L'inalazione di ossigeno è efficace. Assottigliano l'espettorato e facilitano la rimozione del muco dai bronchi.

Cure di emergenza per un attacco nei bambini

Il bambino è sensibile alla patologia descritta come gli adulti. I segni della malattia possono verificarsi a qualsiasi età. Spesso la predisposizione alla malattia viene ereditata, se il parente più prossimo soffriva di questa malattia. Le cure di emergenza per l'asma nei bambini richiedono cautela. Il problema principale in questo caso è il gonfiore delle mucose e non un broncospasmo, quindi non dovresti usare un inalatore, il farmaco non porterà sollievo.

Quando si verifica un attacco di asma bronchiale nei bambini, l'assistenza di emergenza viene fornita secondo il seguente algoritmo:

  1. Metti a tuo agio il tuo bambino.
  2. Somministrare farmaci combinati per l'asma o farmaci del gruppo xantina.
  3. Calma il bambino, dai sedativi. Il panico aggrava il soffocamento.
  4. Per alleviare i sintomi, fai bagni caldi per mani e piedi..
  5. Assicurarsi che l'aria fresca entri nella stanza aprendo la finestra.

Se la condizione del bambino non si normalizza entro mezz'ora, è urgente andare in un istituto medico.

Prevenzione degli attacchi

Per ridurre la frequenza delle esacerbazioni, si raccomanda l'asma:

  • evitare il contatto con allergeni;
  • pulizia giornaliera bagnata, arieggiare la stanza;
  • aggiungere un elenco di farmaci che causano un attacco alla cartella clinica;
  • monitorare la composizione dei prodotti in caso di allergia alimentare;
  • impegnarsi in esercizi di fisioterapia;
  • cura tempestiva patologia polmonare;
  • rifiutare da cattive abitudini;
  • se vengono rilevati i primi segni della malattia, consultare immediatamente uno specialista;
  • visitare un medico regolarmente (ogni sei mesi) per valutare le condizioni generali del corpo.

È impossibile curare completamente l'asma bronchiale, tuttavia è possibile ridurre il numero di esacerbazioni. Una persona con questa diagnosi dovrebbe prendersi cura della propria salute, condurre lo stile di vita giusto, assumere farmaci prescritti in tempo.

I parenti degli asmatici devono sapere come fornire assistenza di emergenza in situazioni di emergenza.

fasiGiustificazione
1. Chiama un medico senza lasciare il bambino.Fornitura tempestiva di assistenza qualificata.
2. Creare un ambiente tranquillo.L'ansia di un bambino peggiora le sue condizioni.
3. Dare al bambino una posizione con un'estremità della testa sollevata, possibilmente tra le braccia della madre.Rilievo respiratorio.
4. Allentare gli indumenti stretti.Fornire escursioni polmonari e sollievo respiratorio.
5. Fornire aria fresca.Riduzione della carenza di ossigeno.
6. Eseguire procedure di distrazione (piedi caldi e bagni per le mani) a una temperatura corporea non superiore a 37,5 ° C.C'è un deflusso di sangue nella metà inferiore del corpo, l'edema laringeo diminuisce.
7. Effettuare l'inalazione di vapore o creare un "clima tropicale".Il calore umido riduce il gonfiore della laringe.
8. Bevanda calda alcalina frazionalmente in piccole porzioni: Ø latte con Borjomi diluito 1: 1; Ø latte con soda sulla punta del coltello.Ammorbidisce la tosse.
9. Ricoverare un bambino.La necessità di un trattamento patogenetico.