Pronto soccorso per shock anafilattico

Allergeni

Di recente, c'è stato un aumento del numero di malattie allergiche. Sfortunatamente, la crescita non aggira il numero di condizioni e reazioni allergiche acute. Una delle reazioni gravi del corpo è la manifestazione di shock anafilattico..

Chi soffre di allergie è ipersensibile. Esiste un rischio elevato che si verifichi immediatamente uno shock anafilattico. La pressione sanguigna del paziente scenderà bruscamente e poco sangue scorrerà agli organi interni. Con shock anafilattico, possono essere necessarie cure di emergenza per bambini, adulti, anziani di qualsiasi genere.

Cos'è?

In greco, shock anafilattico significa "protezione per la schiena". Si sviluppa in 2 minuti e durante un attacco una persona può morire. La malattia fu descritta nei cani nel 1902. Le punture di insetti e altri allergeni possono provocare shock..

Cosa causa lo shock anafilattico?

Una volta nel corpo, gli allergeni provocano shock anafilattico:

  • Medicinali in cui sono presenti molecole proteiche: siero, che sono antidoti; farmaci allergici; medicinali con insulina; un numero di vaccini, ecc..
  • Penicillina, altri antibiotici simili ad esso. Gli anticorpi possono essere a 1 ingrediente, ma ne riconoscono un altro e inizia una reazione allergica..
  • Novocaina e analoghi farmaci antidolorifici.
  • Ape, calabrone e altri insetti velenosi con ali palmate.
  • Sostanze allergiche negli alimenti (occasionalmente).

Sintomi

Dopo il contatto con un allergene in una tipica condizione di shock, ci saranno tali sintomi:

  • La pelle diventerà pallida o apparirà la cianosi;
  • Una faccia che si gonfia nel corso dei secoli, così come la mucosa nasale;
  • Esantema diverso;
  • Il paziente sentirà un prurito, inizierà a starnutire e tossire;
  • Il sudore sarà freddo e umido;
  • Le lacrime si riversano involontariamente;
  • Crampi alle braccia e alle gambe (clonico). Si verificano anche convulsioni con convulsioni;
  • Si verifica il vomito ed esce il contenuto dello stomaco;
  • Il paziente inizia a muoversi irrequieto;
  • Fuori dal corpo: gas, con feci, urina.

Dopo l'esame in ospedale, si scopre:

  • Il polso del paziente è filiforme e frequente.
  • Battito del cuore.
  • Nel cuore c'è la tachicardia. Si verifica anche aritmia, con bradicardia, ma raramente.
  • Appare mancanza di respiro, respiro sibilante e schiuma dalla bocca..
  • Bassa pressione sanguigna. Se il paziente è in gravi condizioni, il medico non sarà in grado di determinarlo. La pressione è considerata estremamente bassa quando inferiore a 90 o 80 mmHg. Arte. Nei primi minuti, la pressione superiore aumenta.
  • Gli alunni si espandono e non reagiscono all'illuminazione.

Forme

La condizione anafilattica di shock si sviluppa abbastanza rapidamente. Considera le diverse forme di malattia anafilattica:

  1. Fulminante. Lo sviluppo della malattia è fulminante. Dopo che un allergene entra, trascorrono 2 secondi: si verifica una condizione di shock e il paziente può morire. Aiuto richiesto emergenza.
  2. Acuto quando l'attacco si sviluppa in 2-30 minuti. Il paziente ha tempo di rivolgersi ai medici, lo salveranno. Gli esiti letali sono molto meno comuni..
  3. Subacute si sviluppa gradualmente in 30 minuti o più. L'aiuto inizia dopo sintomi allarmanti.

Quando la forma anafilattica è acuta o subacuta, si notano evidenti sintomi che l'attacco inizierà - è necessaria l'assistenza medica di emergenza (NMP).

Cosa fare con lo shock anafilattico?

In caso di shock anafilattico, il pronto soccorso prima dell'arrivo di un medico deve essere effettuato secondo il seguente algoritmo:

  1. Il paziente è posto su qualcosa di uniforme. Mettono qualcosa sotto gli arti, ad esempio una coperta arrotolata, ecc..
  2. Devi girare la testa da un lato. Quindi il vomito non strangolerà una persona. Se ci sono protesi, devono essere estratte..
  3. Porte, finestre aperte in modo che ci sia molta aria.
  4. Dopo una puntura d'insetto, una ferita viene estratta dalla ferita. Quindi, impediscono il contatto dell'allergene con il corpo. Il ghiaccio viene applicato sul sito dell'iniezione o del morso. La benda è stretta..
  5. Sulla mano è necessario tentare e misurare il polso. Quando non lo è, le arterie carotidi o femorali vengono utilizzate per le misurazioni. Il polso non è palpabile? Quindi è necessario un massaggio cardiaco indiretto. Le mani sono piegate dalla serratura, posizionate al centro del torace, spinte verso l'interno da 4 a 5 cm.
  6. Scopri se una persona sta respirando. Vedi se il petto si muove. Alle labbra devi attaccare uno specchio. Se non respira, i polmoni iniziano a iniziare artificialmente. Metti un fazzoletto o un tovagliolo sulla bocca, inspira l'aria nei polmoni della vittima.
  7. È necessario chiamare rapidamente l'ambulanza o consegnare personalmente la vittima all'ospedale.

Questo è l'algoritmo di azione.

Come aiutare dal punto di vista medico?

Fare sempre cure di emergenza per shock anafilattico. Quando si verifica uno shock, l'adrenalina viene somministrata al paziente. Si chiama anche epinefrina..

Qualsiasi muscolo farà, la medicina può anche essere somministrata attraverso i vestiti che l'ago penetra. 1 dose da 0,2 a 0,5 ml di soluzione di adrenalina allo 0,1%. Stanno aspettando 15 minuti. Se gli spasmi nei bronchi non si fermano, l'iniezione viene ripetuta.

Ogni 5 volte l'ammortizzatore si manifesta in 2 fasi. Dopo un po 'di tempo (dalle 6 alle 12 ore), l'attacco può ripresentarsi. Richiede il ricovero in ospedale, la somministrazione di glucocorticoidi con antistaminici.

Cosa dà l'introduzione dell'adrenalina?

Quando una persona è scioccata, il medico, al fine di alleviare le sue condizioni, introduce il medicinale. L'adrenalina viene somministrata per via intramuscolare a:

  • vasi coronarici dilatati;
  • i ventricoli cardiaci iniziarono a contrarsi fortemente;
  • il muscolo del cuore era tonico;
  • tono della pressione sanguigna, con vasi aumentati;
  • il flusso sanguigno si è intensificato;
  • L'effetto di massaggio indiretto sul cuore ha avuto ancora più benefici per il corpo..

Oltre alle dosi sopra espresse, l'adrenalina viene somministrata in un dosaggio diverso:

  • Con la somministrazione endovenosa, è necessaria una somministrazione lenta del farmaco. Prendere una soluzione di adrenalina allo 0,1% diluita in glucosio al 5% o assumere cloruro di sodio al 9% (da 10 a 20 ml).

Se non c'è contagocce, una soluzione all'1% deve essere diluita in cloruro di sodio al 9% e prenderla 10 ml.

  • C'è uno spray adrenalina. Viene iniettato direttamente nella trachea mediante un tubo (endotracheale). L'aerosol non dura quanto l'iniezione.
  • Se il medico non è coinvolto in un intervento chirurgico, preferirà somministrare adrenalina sotto la lingua o direttamente nella zona della guancia..

Insieme all'adrenalina usa l'atropina. I recettori M-colinergici situati nel sistema nervoso parasimpatico sono bloccati. Il cuore batte più velocemente, la pressione sanguigna torna alla normalità. Spasmi nel tratto digestivo e muscoli lisci bronchiali scompaiono.

Prevenzione

Per prevenire il verificarsi di shock, è necessario prevenire il contatto, che soffre di allergie, con l'allergene. Questa è la prevenzione primaria e le azioni sono le seguenti:

  • Una persona smette di fumare, di usare droghe o di inalare sostanze tossiche. Pulire costantemente l'ambiente da gas e sostanze chimiche tossiche.
  • Tutti i farmaci sono attentamente monitorati nella produzione..
  • Non puoi assumere troppi medicinali contemporaneamente, anche se prescritti dai medici.
  • Alcuni additivi alimentari non possono essere utilizzati. Questa è tartrazina, con glutammato, agar, con bisolfito.

Le misure preventive possono essere secondarie. Quindi la malattia anafilattica viene rapidamente diagnosticata e trattata:

  • Questi sono eczema, con rinite allergica, pollinosi, con dermatite atopica.
  • Per scoprire quale allergene colpisce il corpo, sono necessari vari test. I medici trovano quell'allergene.
  • Il medico intervista il paziente, raccogliendo una storia di una reazione allergica.
  • Rosso nella storia medica sul frontespizio o nella scheda indica il medicinale per il quale la persona è allergica.
  • Prima di introdurre un nuovo medicinale per il paziente, è necessario effettuare un test. Scopri quanto è sensibile il corpo a una particolare sostanza..
  • Dopo l'iniezione, è necessario osservare la persona per 30 minuti.

In modo che la malattia non abbia ricadute, fai la prevenzione terziaria:

  • è necessario effettuare quotidianamente la pulizia a umido in modo che non vi siano polvere, zecche, insetti pericolosi che non volano dentro;
  • le stanze devono essere regolarmente ventilate;
  • vecchi giocattoli morbidi, divani, poltrone e altri vecchi mobili vengono gettati via;
  • una persona osserva ciò che mangia;
  • in primavera, estate, quando molte piante sbocciano, una persona indossa occhiali da sole o una maschera che copre il naso, la bocca.

Sia i bambini che gli adulti, gli anziani possono ammalarsi. Non importa maschio o femmina. L'1% dei pazienti muore. Pronto soccorso necessario per shock anafilattico.

Editor: Oleg Markelov

Soccorritore GU EMERCOM della Russia nel territorio di Krasnodar

Cure di emergenza per shock anafilattico

Lo shock anafilattico (anafilassi) è la risposta del corpo a un allergene che è entrato in esso e porta alla morte in uno su dieci casi. Un altro pericolo di anafilassi è il rapido sviluppo dei suoi sintomi, a causa del quale le persone che sono vicine a una persona allergica non hanno il tempo di aiutarlo in qualche modo e sono semplicemente perse dalla sorpresa. Sapere come aiutare un malato di anafilassi è molto importante, poiché è un algoritmo ben addestrato per le cure di emergenza per lo shock anafilattico che può salvare la vita di un paziente.

Cosa devi sapere sull'anafilassi

Lo shock anafilattico è attribuito a patologie che hanno tassi di sviluppo estremamente rapidi: il tempo minimo per la manifestazione dei sintomi può essere solo di pochi secondi. Tuttavia, ci sono casi in cui l'anafilassi si è manifestata diverse ore dopo aver contattato la vittima con un allergene.

La durata e la gravità della reazione d'urto del corpo dipendono da tre indicatori:

  • caratteristiche individuali di un soggetto allergico;
  • durata del contatto con l'allergene;
  • quantità di allergene ingerita.

Va tenuto presente che la via di penetrazione dell'allergene influisce sul tasso di sviluppo dello stato di shock, ma non influisce sulla sua gravità e probabilità di manifestazione: l'anafilassi può verificarsi sia dopo l'ingestione dell'allergene sia dal contatto con la pelle.

È importante sapere quanto tempo è necessario per fornire il primo soccorso allo shock anafilattico. L'algoritmo delle azioni dipende dal tipo di anafilassi:

  1. Lo shock fulminante (fulminante) - è caratterizzato da sviluppo istantaneo, per la manifestazione dei sintomi, 5 secondi dopo aver toccato l'allergene sono sufficienti. Molto spesso è la causa della morte della vittima, a causa della velocità di sviluppo che non ha tempo per fornire il primo soccorso.
  2. La forma acuta di anafilassi. Il tempo di sviluppo varia da un minuto a mezz'ora.
  3. Forma subacuta di shock. Ha uno sviluppo graduale. La vittima ha il tempo di andare in un istituto medico, poiché lo sviluppo dei sintomi richiede da mezz'ora a diverse ore, il che consente di determinare lo shock anafilattico.

Le cure di emergenza hanno i migliori risultati nella forma acuta e subacuta di patologia, poiché il fulmine non dà il tempo di eseguire almeno alcune manipolazioni per salvare la vita del paziente.

Sintomi di anafilassi

Al fine di fornire il primo soccorso in tempo per lo shock anafilattico, è necessario conoscere i sintomi della patologia. L'anafilassi è caratterizzata da:

  • stato generale di debolezza;
  • perdita di chiarezza di coscienza, vertigini gravi;
  • crescente sensazione di calore, febbre;
  • spasmi
  • riduzione istantanea della pressione sanguigna;
  • tachicardia;
  • panico, paura senza fondamento;
  • dolori al petto e mal di testa;
  • pallore del paziente, comparsa di eruzioni cutanee, arrossamento sulla pelle;
  • sudorazione eccessiva;
  • edema;
  • disturbi nel lavoro dei sistemi corporei: respiratorio, digestivo e altri;
  • pupille dilatate e orecchie chiuse;
  • nausea e vomito.

Di regola, diversi sintomi compaiono immediatamente con lo sviluppo di shock anafilattico. Il primo soccorso rallenterà la comparsa di nuovi sintomi della patologia e non permetterà di peggiorare le condizioni del paziente. La prima attenzione dovrebbe essere prestata all'eliminazione del gonfiore dei tessuti molli della gola, poiché l'asfissia è considerata la causa più comune di morte nell'anafilassi.

Cause di shock anafilattico

L'algoritmo d'azione per lo shock anafilattico dipende dall'eziologia della patologia. L'anafilassi può essere causata da diversi tipi di allergeni:

  • Farmaci: antibiotici, ormoni, sieri, enzimi, vaccini, farmaci non steroidei contro l'infiammazione.
  • Contatto con prodotti in lattice.
  • Animali: peli di animali domestici e piume, infezioni da elminti, punture di insetti.
  • Alimenti: frutta, latticini, cereali e noci, proteine, cioccolato e alcool.
  • Piante: polline di fiori, aghi, resina di alberi, forbs.

Cure di emergenza per shock anafilattico

L'algoritmo stabilito delle azioni durante il primo soccorso ha una struttura chiara definita da specialisti. È la corretta sequenza di azioni che molto probabilmente consente alla vittima di salvare la vita e minimizzare i danni da anafilassi.

  1. Prima di tutto, devi chiamare una squadra di ambulanze. Numero dell'ambulanza in Kazakistan - 103.
  2. È necessario allineare il corpo del paziente e posarlo, il pavimento o un materasso duro sono i migliori. Le gambe dovrebbero essere sopra la testa, per le quali si consiglia di mettere un cuscino o vestiti attorcigliati sotto di esse.
  3. In presenza di vomito, deve essere garantito che il paziente non soffoca. Per fare ciò, girare la testa di lato e controllare la cavità orale per oggetti estranei e rimuoverli. Anche le protesi dentarie devono essere rimosse.
  4. La vittima deve essere dotata di aria fresca: finestre, prese d'aria o porte aperte.
  5. È necessario sopprimere tutti i contatti con l'allergene: rimuovere la puntura dell'insetto, rimuovere animali o piante dalla stanza, sciacquare la bocca della vittima. Nel caso in cui l'anafilassi si manifesti a causa di una puntura di insetto, animale o iniezione, la ferita deve essere trattata con un antisettico e una benda stretta o un laccio emostatico sopra il sito della lesione.
  6. Successivamente, è necessario determinare il polso della vittima. Innanzitutto, puoi provare a sentirlo al polso, se non ha funzionato, quindi vicino alla carotide o all'arteria femorale.
  7. Se il polso non è determinato in nessuno dei punti, è necessario iniziare urgentemente il massaggio indiretto del muscolo cardiaco: con le mani giunte nella serratura, iniziare a spingere lo sterno con un ritmo uniforme. Idealmente, la profondità di spinta non dovrebbe superare i 5 cm, in modo da non rompere le costole della vittima.
  8. Controlla la respirazione del paziente. Questo può essere fatto attaccando uno specchio al naso e assicurandoti che appaia. Se non si respira, è urgentemente necessaria una sessione di respirazione respirando aria nella bocca o nel naso.

Come evitare l'anafilassi

È quasi impossibile evitare completamente lo sviluppo di uno stato di shock, poiché è molto difficile eliminare completamente il contatto con gli allergeni. Tuttavia, la probabilità di anafilassi può essere ridotta..

  1. Nel caso in cui una persona sia una persona allergica con una predisposizione a tale patologia, i medici raccomandano di portare una nota con un'indicazione di tutte le sostanze che possono causare shock anafilattico. Inoltre, devi avere con te pillole allergiche (suprastin, prednisolone) e quando fai lunghi viaggi puoi fare scorta di iniezioni di adrenalina, tavegil e difenidramina. A proposito di compresse, si raccomanda di avere uno schema semplice e comprensibile per la loro assunzione in caso di anafilassi.
  2. Le persone vicino a una persona allergica dovrebbero conoscere i numeri di emergenza e il meccanismo di pronto soccorso per lo shock anafilattico. Per le persone vicine e i parenti del paziente, conoscenza degli allergeni che possono causare shock.
  3. Prima di utilizzare medicinali o alimenti non familiari, assicurarsi che non vi siano allergeni. Per l'uso di nuovi cosmetici, maschere, pomate e altri mezzi, è obbligatorio un test allergologico.
  4. Si consiglia di indossare abiti realizzati con tessuti naturali..
  5. Quando si usano sostanze chimiche per la casa, chi soffre di allergie deve indossare guanti e un respiratore e anche per escludere il contatto del prodotto con la pelle.
  6. È necessario visitare un allergologo in tempo e assumere antistaminici più volte all'anno.

Se si seguono queste semplici regole, la probabilità di sviluppare una condizione di shock con allergie diminuirà in modo significativo. Tuttavia, anche se un'allergia non si manifesta da tempo, si consiglia vivamente di non dimenticare le misure di sicurezza. Vale anche la pena ricordare sempre come fornire assistenza di emergenza per shock anafilattico, l'algoritmo delle azioni in questo caso è sempre lo stesso.

Algoritmo d'azione con fulminante forma di shock anafilattico

Sezione 5. ALGORITMO PER AZIONI DI EMERGENZA IN SHOCK ANAFILATTICO

Sezione 4. ELENCO DEI MEDICINALI E DELLE ATTREZZATURE NEGLI ARMADI PROCEDURALI NECESSARI PER IL TRATTAMENTO DELLO SHOCK ANAFILASSICO

  1. Soluzione di adrenalina 0,1% - 1 ml N 10 amp.
  2. Soluzione salina (soluzione allo 0,9% di cloruro di sodio) flaconi da 400 ml N 5.
  3. Glucocorticoidi (prednisone o idrocortisone) in fiale N 10.
  4. Difenidramina 1% soluzione - 1 ml N 10 amp.
  5. Eufillin 2,4% soluzione - 10 ml N 10 amp. o salbutamolo per inalazione N 1.
  6. Diazepam 0,5% soluzione 5 - 2 ml. - 2 - 3 amp.
  7. Maschera di ossigeno o condotto a forma di S per la ventilazione.
  8. Sistema di infusione endovenosa.
  9. Siringhe 2 ml e 5 ml N 10.
  10. imbracatura.
  11. Benda Vata.
  12. alcool.
  13. Nave con ghiaccio.
Attività organizzativeTerapia primariaTerapia secondaria
1. Interrompere la somministrazione del farmaco che ha causato lo shock, se l'ago nella vena non viene rimosso, collegare la siringa con soluzione salina e la terapia viene eseguita attraverso questo ago. 2. Informare il medico dell'unità di terapia intensiva. 3. Posare il paziente in posizione orizzontale con l'estremità della gamba sollevata. Copertura di calore. Metti la testa da un lato, spingi la mascella in avanti abbassando la lingua. 4. Misurare il polso, la pressione sanguigna, impostare il termometro. 5. Se possibile, metti un laccio emostatico sopra il farmaco. 6. Ispezionare la pelle. 7. Fornire l'accesso all'aria fresca o fornire ossigeno. Con grave insufficienza respiratoria - ventilazione meccanica. 8. Metti il ​​ghiaccio nel sito di iniezione. 9. Preparare un sistema per infusione endovenosa con 400 ml di soluzione fisiologica da 2,5 e 10 ml siringhe da 5 a 6 pezzi, fiale con adrenalina, dimerolo, prednisolone.1. Con un'iniezione sottocutanea del farmaco che ha causato lo shock, perforare trasversalmente il sito di iniezione con 0,3 - 0,5 ml di soluzione di adrenalina in ciascuna iniezione (1 ml di soluzione di adrenalina allo 0,1% deve essere diluito in 10 ml di soluzione fisiologica). 2. Quando si somministra un farmaco allergico al naso o agli occhi, sciacquarli con acqua e gocciolare 1 - 2 gocce di adrenalina allo 0,1%. Z. Jet endovenoso 0,1% di adrenalina 0,1 ml / anno di vita, ma non più di 1 ml. un albero da 15 a 20 minuti. 4. Rifornimento di BCC con soluzione fisiologica ad una velocità di 20-40 ml / kg / h 5. Quando la pressione sanguigna aumenta del 20% rispetto alla norma di età o la pressione sanguigna si normalizza, la velocità di infusione diminuisce. 6. Prednisolone 5-10 mg / kg1. Soluzione di difenidramina all'1% 0,1 ml / kg, non più di 5 ml. 2. Infusione continua di adrenalina alla velocità di 0,005-0,05 ml / kg / min. H. Con ipotensione arteriosa persistente o tachicardia - una soluzione di noradrenalina 0,05 ml / kg / min per ottenere l'effetto desiderato. 4. Con broncospasmo 1-2 inalazioni berotek (salbutamolo) con un intervallo di 15 - 20 minuti. Eufillin soluzione al 2,4%, 1 ml / anno di vita - singolo per 20 minuti, quindi titolazione con 0,5 mg / kg / ora.

Lo shock anafilattico è una condizione patologica basata su una reazione allergica immediata che si sviluppa in un corpo sensibilizzato dopo la reintroduzione dell'allergene in esso ed è caratterizzata da insufficienza vascolare acuta.

Ragioni: droghe, vaccini, sieri, punture di insetti (api, calabroni, ecc.).

Molto spesso caratterizzato da un inizio improvviso e rapido entro 2 secondi a un'ora, dopo il contatto con un allergene. Più veloce si sviluppa lo shock, peggiore è la prognosi.

I principali sintomi clinici sono ansia, senso di paura della morte, depressione, mal di testa pulsante, vertigini, acufeni, sensazione di costrizione al petto, diminuzione della vista, "velo" davanti agli occhi, perdita dell'udito, dolore cardiaco, nausea, vomito, dolore nello stomaco, minzione e defecazione.

All'esame: la coscienza può essere confusa o assente. La pelle è pallida con una tonalità cianotica (a volte iperemia). Fuori dalla bocca, potrebbero esserci dei crampi. Sulla pelle possono esserci orticaria, gonfiore di palpebre, labbra, viso. Le pupille sono dilatate, sopra i polmoni un suono squilibrato, con respiro affannoso, rantoli secchi. Il polso è frequente, filiforme, la pressione sanguigna è ridotta, i suoni del cuore sono sordi.

Pronto soccorso per shock anafilattico:

Azionifondamento logico
Chiami un dottore.Per fornire assistenza medica qualificata.
Con l'introduzione del farmaco in una vena:
1. Interrompere la somministrazione del farmaco, mantenere l'accesso venoso.Ridurre il contatto con l'allergene.
2. Appoggiare su un lato, stabilizzare, posizionare un vassoio o un tovagliolo sotto la bocca, rimuovere le protesi rimovibili, fissare la lingua, estendere in avanti la mascella inferiore.Per prevenire l'asfissia.
3. Sollevare l'estremità del piede del letto..Migliora l'afflusso di sangue al cervello.
4. Somministrare ossigeno umidificato al 100%..Ridurre l'ipossia.
5. Misurare la pressione sanguigna, calcolare la frequenza cardiaca, VAN.Monitoraggio delle condizioni.
Con l'introduzione del farmaco nel muscolo:
1. Interrompere il farmaco, se possibile, applicare un laccio emostatico sopra il sito di iniezione.Prevenire l'assorbimento del farmaco
2. Iniettare il sito di iniezione con 0,1% di adrenalina 0,5 ml in 2-3 iniezioni. Metti un impacco di ghiaccio nel sito di iniezione.Per rallentare l'assorbimento del farmaco
3. Fornire accesso venoso.Per un trattamento efficace.
Ripetere i passaggi 2, 3, 4, 5 dello standard quando si inietta il farmaco in una vena.

Preparare per l'arrivo del medico:

- Sistema IV, siringhe IV, iniezioni IV e SC, laccio emostatico, batuffoli di cotone, etanolo 70 0, ventilatore, pulsossimetro, tracheotomia o kit per intubazione tracheale, borsa Ambu;

- una serie di farmaci "Shock anafilattico": adrenalina 0,1: - 1 ml, noradrenalina 0,2% - 1 ml., suprastin 2% - 1 ml., difenidramina 1% - 1 ml., pipolfen 2,5% - 2 ml., aminofillina 2,4% - 10 ml., Mesatone 1% - 1 ml., Strophanthin 0,05% - 1 ml., Glucosio 40% - 20 ml., Soluzione di cloruro di sodio isotonico, tiosolfato di sodio 30% - 10 ml., Penicillinasi 1.000.000 di unità in una fiala, lasix 40 mg amp., Berotek (salbutamolo) in un aerosol dosato.

Cure di emergenza per shock anafilattico: cosa dovresti sapere

Ci sono molte persone che soffrono di questo o quel tipo di allergia. Ogni paziente lo sa: un attacco allergico è imprevedibile, inizia all'improvviso e la forza della reazione può raggiungere lo stadio di shock anafilattico e dimostrarsi pericolosa per la vita. Pertanto, ogni persona che soffre di allergie ha sempre almeno antistaminici con sé e, al massimo, un intero mini-kit con il set necessario di cure di emergenza per un attacco allergico. È sempre in allerta e sa chiaramente cosa fare se sente che si sta avvicinando un attacco allergico. Tuttavia, il paziente non è sempre in grado di aiutare se stesso, e quindi solo chi è vicino in momenti difficili può salvarlo.

Cosa fare a una persona che si trova accanto alla vittima che ha bisogno di cure di emergenza per shock anafilattico?

Come riconoscere lo shock anafilattico

Lo shock anafilattico (anafilassi) è un grado estremo di reazione immunitaria che può portare alla morte. Di solito l'anafilassi si manifesta nell'intervallo di tempo da 3-5 minuti a 4-5 ore dopo il contatto con l'allergene.

I segni di shock anafilattico sono molte volte maggiori dei sintomi di una normale risposta immunitaria e colpiscono molti sistemi corporei: tratto gastrointestinale, cardiovascolare, sistema respiratorio, pelle, mucose.

Qualsiasi allergene può causare lo sviluppo di anafilassi, tuttavia i più comuni sono:

  • medicinali;
  • test cutanei per allergeni;
  • punture di insetti, serpenti;
  • prodotti alimentari;
  • trasfusione di sangue e suoi componenti;
  • vaccinazione;
  • alta attività fisica;
  • contatto con sostanza aggressiva.

Per essere in grado di aiutare il paziente, è necessario essere in grado di riconoscere in tempo l'insorgenza dell'anafilassi e fornire l'assistenza necessaria.

È importante sapere: prima si è manifestata l'anafilassi, più grave è la reazione stessa. Quanto prima viene fornita l'assistenza di emergenza in caso di shock anafilattico, maggiori sono le possibilità che la vittima abbia di sopravvivere!

Segni di reazione anafilattica

I segni di shock anafilattico sono diversi, ma ci sono manifestazioni generali che consentono di sospettare lo sviluppo dell'anafilassi:

  • arrossamento della pelle, eruzione cutanea, forte prurito;
  • gonfiore delle superfici mucose;
  • spasmo broncopolmonare;
  • coscienza offuscata, paura della morte, panico;
  • nausea, vomito, crampi al dolore addominale;
  • gonfiore di occhi, labbra, lingua, edema di Quincke;
  • un forte calo della pressione sanguigna;
  • pallore del viso, labbra blu, sudore freddo;
  • vertigini, perdita di coscienza.

Qualsiasi sospetto di shock anafilattico richiede cure mediche immediate.!

Aiuto prima dell'arrivo del team di medici

Nella situazione di anafilassi, una persona non addestrata probabilmente non sarà in grado di fornire alla vittima assistenza completa, poiché le cure di emergenza per lo shock anafilattico richiedono l'uso di farmaci e rianimazione. Tuttavia, una persona può e deve fornire tutta l'assistenza possibile.

Quando si chiama un'ambulanza, è necessario trasmettere al dispatcher informazioni nel modo più preciso possibile sul tempo di insorgenza dell'attacco e sulle misure di emergenza utilizzate, ed è anche importante seguire chiaramente tutte le raccomandazioni.

Prima dell'arrivo dell'equipaggio dell'ambulanza, deve essere applicato il seguente algoritmo di azioni:

  1. Interrompere l'esposizione agli allergeni. Se la vittima è cosciente, prova a scoprire cosa ha causato l'attacco allergico. Se la reazione è innescata dall'introduzione del farmaco, rimuovere l'ago, applicare un laccio emostatico a circa 25 cm sopra il sito di iniezione e applicare ghiaccio. Se un insetto morde, rimuovere la puntura, applicare un laccio emostatico (quando possibile), applicare ghiaccio. Se lo shock è causato da un allergene alimentare, sciacquare lo stomaco, ecc..
  2. Appoggiare la vittima sulla schiena, sollevare le gambe.
  3. Gira la testa di lato. Se la vittima è incosciente, rilasciare le vie aeree da muco, vomito, ecc. Allunga la mascella inferiore, tira fuori la lingua. Se ci sono protesi, devono essere rimosse..
  4. Monitorare la respirazione, il polso, la pressione, il tempo per iniziare la reazione anafilattica.
  5. Garantire che le vittime ricevano antistaminici disponibili.
  6. Fornire aria fresca. Finestra aperta, vestiti slacciati.

Se la vittima ha farmaci di emergenza (i cosiddetti iniettori di adrenalina EpiPen, Anapen, Jext), devono essere somministrati secondo le istruzioni. Questi farmaci hanno la forma di una penna per siringa usa e getta. Gli iniettori di adrenalina vengono iniettati nel muscolo interno della coscia (è importante entrare nel muscolo e non nel tessuto adiposo). Il miglioramento delle condizioni del paziente di solito si verifica entro circa 5 minuti. Altrimenti, è consentita l'iniezione ripetuta dell'iniettore..

Emergenza medica

Immediatamente all'arrivo di un team di medici, al paziente verranno fornite cure di emergenza qualificate in caso di shock anafilattico, che consentirà di portare il paziente in una struttura medica senza perdita. Una serie di misure di emergenza comprende:

  • somministrazione endovenosa o intramuscolare di una soluzione di adrenalina. Se l'anafilassi è causata dall'introduzione di un farmaco o di una puntura di insetto, il sito di iniezione viene ulteriormente punzecchiato con una soluzione di adrenalina;
  • somministrazione di farmaci glucocorticosteroidi (prednisone, idrocortisone);
  • iniezione di una soluzione antistaminica (difenidramina, suprastina);
  • l'uso di "Eufillin" per lo spasmo broncopolmonare;
  • fornitura di ossigeno attraverso un catetere nasale;
  • rianimazione (massaggio cardiaco chiuso, respirazione artificiale, ventilazione meccanica, tracheotomia).

Inoltre, nelle condizioni di un'istituzione medica, al paziente verranno fornite una serie di misure volte a fermare la produzione di istamina, disintossicare il corpo, ripristinare il funzionamento stabile del sistema broncopolmonare, normalizzare la pressione sanguigna.

Dopo il ricovero, si consiglia al paziente di consultare uno specialista per 2-3 settimane.

Prevenzione dello sviluppo della reazione

Lo shock anafilattico può essere prevenuto osservando alcune regole:

  • evitare il contatto con sostanze aggressive;
  • studiare attentamente la composizione dei prodotti prima dell'uso;
  • evitare le punture di insetti;
  • leggere le istruzioni per l'uso di medicinali;
  • hanno sempre antistaminici con te;
  • portare un iniettore di adrenalina;
  • avvisare gli operatori sanitari della presenza di allergie prima di somministrare farmaci, vaccini;
  • attenersi rigorosamente al regime di trattamento prescritto da un allergologo.


Puoi anche scrivere una nota in cui dovresti descrivere in dettaglio come dovrebbero essere fornite le cure di emergenza in caso di shock anafilattico e portarlo con te in un luogo accessibile, ad esempio in una borsa, in tasca, nella borsa. Pertanto, è possibile facilitare in modo significativo il compito di una persona che è vicina in tempi difficili. essere sano!

Shock anafilattico: sintomi, cure di emergenza, prevenzione

Lo shock anafilattico (dal greco "protezione inversa") è una reazione allergica rapida generalizzata che minaccia la vita di una persona, in quanto può svilupparsi in pochi minuti. Il termine è noto dal 1902 ed è stato descritto per la prima volta nei cani.

Questa patologia si verifica ugualmente spesso negli uomini e nelle donne, nei bambini e negli anziani. La mortalità nello shock anafilattico è circa l'1% di tutti i pazienti.

Cause di shock anafilattico

Lo shock anafilattico può verificarsi sotto l'influenza di molti fattori, siano essi cibo, droghe o animali. Le principali cause di shock anafilattico:

Gruppo allergeniAllergeni principali
farmaci
  • Antibiotici: penicilline, cefalosporine, fluorochinoloni, sulfamidici
  • Ormoni: insulina, ossitocina, progesterone
  • Mezzi di contrasto - miscela di bario, contenente iodio
  • Sieri - tetano, anti-difterite, rabbia (anti-rabbia)
  • Vaccini: anti-influenza, anti-tubercolosi, anti-epatite
  • Enzimi: pepsina, chimotripsina, streptochinasi
  • Rilassanti muscolari - trakrium, norkuron, succinilcolina
  • Farmaci antinfiammatori nasteroidi - analgin, amidopyrine
  • Sostituti del sangue: albulina, poliglucina, reopoliglicina, refortan, stabizol
  • Lattice: guanti, strumenti, cateteri medici
Animali
  • Insetti: morsi di api, vespe, calabroni, formiche, zanzare; zecche, scarafaggi, mosche, pidocchi, insetti, pulci
  • Elminti: nematodi, lombrichi, ossiuri, toxocaras, trichinella
  • Animali domestici - lana di gatti, cani, conigli, porcellini d'India, criceti; piume di pappagalli, piccioni, oche, anatre, galline
Impianti
  • Forbs - ambrosia, erba di grano, ortica, assenzio, dente di leone, quinoa
  • Conifere - pino, larice, abete, abete rosso
  • Fiori: rosa, giglio, margherita, garofano, gladiolo, orchidea
  • Latifoglie - pioppo, betulla, acero, tiglio, nocciola, cenere
  • Piante coltivate - girasole, senape, olio di ricino, luppolo, salvia, trifoglio
Cibo
  • Frutta - agrumi, banane, mele, fragole, bacche, frutta secca
  • Proteine: latte intero e latticini, uova, carne bovina
  • Prodotti ittici - gamberi, granchi, gamberi, ostriche, aragoste spinose, tonno, sgombro
  • Cereali: riso, mais, legumi, grano, segale
  • Verdure - pomodori rossi, patate, sedano, carote
  • Additivi alimentari - alcuni coloranti, conservanti, aromi e additivi aromatici (tartrazina, bisolfiti, agar-agar, glutammato)
  • Cioccolato, caffè, noci, vino, champagne

Cosa succede nel corpo sotto shock?

La patogenesi della malattia è piuttosto complessa e consiste in tre fasi successive:

  • immunologica
  • pathochemical
  • fisiopatologico

La patologia si basa sul contatto di un allergene specifico con le cellule del sistema immunitario, dopo di che vengono secreti anticorpi specifici (Ig G, Ig E). Questi anticorpi causano un enorme rilascio di fattori infiammatori (istamina, eparina, prostaglandine, leucotrieni e così via). In futuro, i fattori infiammatori penetrano in tutti gli organi e tessuti, causando una violazione della circolazione e della coagulazione del sangue in essi fino allo sviluppo di insufficienza cardiaca acuta e arresto cardiaco.

Di solito, qualsiasi reazione allergica si sviluppa solo in caso di contatto ripetuto con l'allergene. Lo shock anafilattico è pericoloso in quanto può svilupparsi anche con l'esposizione iniziale dell'allergene al corpo umano..

Sintomi di shock anafilattico

Opzioni per il decorso della malattia:

  • Maligno (fulminante) - caratterizzato da uno sviluppo molto rapido in un paziente con insufficienza cardiovascolare e respiratoria acuta, nonostante la terapia in corso. Il risultato nel 90% dei casi è fatale.
  • Persistente: si sviluppa con l'introduzione di farmaci a lunga durata d'azione (ad esempio la bicillina), pertanto la terapia intensiva e il monitoraggio del paziente devono essere prolungati a diversi giorni.
  • L'aborto è l'opzione più semplice; nulla minaccia le condizioni del paziente. Lo shock anafilattico si interrompe facilmente e non provoca effetti residui..
  • Ricorrente - caratterizzato da episodi ricorrenti di questa condizione a causa del fatto che l'allergene continua ad entrare nel corpo all'insaputa del paziente.

Nel processo di sviluppo dei sintomi della malattia, i medici distinguono tre periodi:

Inizialmente, i pazienti avvertono debolezza generale, vertigini, nausea, mal di testa, eruzioni cutanee e mucose sotto forma di orticaria (vesciche). Il paziente lamenta una sensazione di ansia, disagio, mancanza di aria, intorpidimento del viso e delle mani, visione alterata e udito.

È caratterizzato da perdita di coscienza, calo della pressione sanguigna, pallore generale, aumento della frequenza cardiaca (tachicardia), respirazione rumorosa, cianosi delle labbra e degli arti, sudore umido e freddo, interruzione della produzione di urina o viceversa, incontinenza urinaria, prurito.

Può durare per diversi giorni. I pazienti persistono debolezza, vertigini, mancanza di appetito.

La gravità della condizione

Flusso facileModerareCorso severo
Pressione arteriosaDiminuisce a 90/60 mm HgDiminuisce a 60/40 mm HgNon determinato
Periodo dell'araldo10-15 minuti2-5 minutisecondi
Perdita di conoscenzaSvenimento a breve termine10-20 minutiPiù di 30 minuti
Effetto del trattamentoBen curabileL'effetto è lento, richiede un'osservazione prolungataNessun effetto
In lieve corso

I precursori con una lieve forma di shock di solito si sviluppano entro 10-15 minuti:

  • prurito, eritema, eruzione cutanea
  • sensazione di calore e bruciore in tutto il corpo
  • se la laringe si gonfia, la voce diventa rauca, fino all'afonia
  • Edema di Quincke di varia localizzazione

Una persona riesce a lamentarsi con gli altri di uno shock anafilattico lieve:

  • Provano mal di testa, vertigini, dolore toracico, riduzione della vista, debolezza generale, mancanza di aria, paura della morte, acufene, intorpidimento della lingua, labbra, dita, mal di schiena, stomaco.
  • Si nota la pelle cianotica o pallida del viso..
  • Alcune persone possono avere broncospasmo: si sente un respiro sibilante a distanza, difficoltà a espirare.
  • Nella maggior parte dei casi si verificano vomito, diarrea, dolore addominale, minzione involontaria o defecazione.
  • Ma anche così, i pazienti perdono conoscenza.
  • La pressione è nettamente ridotta, polso filiforme, suoni cardiaci sordi, tachicardia
Nel corso moderato
  • Come con un decorso lieve, debolezza generale, vertigini, ansia, paura, vomito, dolore cardiaco, soffocamento, edema di Quincke, orticaria, sudore umido e freddo, cianosi delle labbra, pallore della pelle, pupille dilatate, movimenti involontari dell'intestino e minzione.
  • Spesso - convulsioni toniche e cloniche, dopo di che arriva una perdita di coscienza.
  • La pressione è bassa o non rilevabile, tachicardia o bradicardia, polso filiforme, suoni del cuore sordi.
  • Raramente, gastrointestinale, sangue dal naso, sanguinamento uterino.
Corso severo

Il rapido sviluppo dello shock non consente al paziente di avere il tempo di lamentarsi dei propri sentimenti, perché in pochi secondi si verifica una perdita di conoscenza. Una persona ha bisogno di cure mediche immediate, altrimenti si verifica una morte improvvisa. Il paziente ha un pallore acuto, schiuma dalla bocca, grandi gocce di sudore sulla fronte, cianosi diffusa della pelle, le pupille si dilatano, convulsioni toniche e cloniche, respiro sibilante con un'espirazione prolungata, la pressione sanguigna non viene rilevata, i suoni del cuore non si sentono, il polso è filiforme, quasi no palpazione.

Esistono 5 forme cliniche di patologia:

  • Asfitico: in questa forma, i sintomi di insufficienza respiratoria e broncospasmo predominano nei pazienti (mancanza di respiro, difficoltà respiratoria, raucedine), spesso si sviluppa l'edema di Quincke (gonfiore della laringe fino alla completa cessazione della respirazione);
  • Addominale: il sintomo predominante è il dolore addominale che imita i sintomi di appendicite acuta o ulcere gastriche perforate (dovute allo spasmo dei muscoli lisci dell'intestino), vomito, diarrea;
  • Cerebrale - una caratteristica di questa forma è lo sviluppo dell'edema del cervello e delle meningi, manifestato sotto forma di convulsioni, nausea, vomito, che non porta sollievo, con uno stato di stupore o coma;
  • Emodinamica: il primo sintomo è il dolore al cuore, simile all'infarto del miocardio e un forte calo della pressione sanguigna;
  • Generalizzato (tipico) - si verifica nella maggior parte dei casi, include tutte le manifestazioni comuni della malattia.

Diagnosi di shock anafilattico

La diagnosi della patologia deve essere eseguita il più rapidamente possibile, quindi la prognosi per la vita del paziente dipende in gran parte dall'esperienza del medico. Lo shock anafilattico viene facilmente confuso con altre malattie, il fattore principale nella diagnosi è la corretta raccolta dell'anamnesi!

  • Un esame del sangue generale rivela anemia (una diminuzione del numero di globuli rossi), leucocitosi (un aumento dei globuli bianchi) con eosinofilia (un aumento degli eosinofili).
  • In un esame del sangue biochimico, viene determinato un aumento degli enzimi epatici (AST, ALT, fosfatasi alcalina, bilirubina) e campioni renali (creatinina, urea).
  • Con una radiografia del torace, viene rilevato edema polmonare interstiziale..
  • Il saggio di immunosorbente enzimatico è utilizzato per rilevare anticorpi specifici (Ig G, Ig E).
  • Se il paziente trova difficoltà a rispondere, dopo di che sviluppa una reazione allergica, si consiglia di consultare un allergologo con test allergologici.

Pronto soccorso pronto soccorso - algoritmo di azione per shock anafilattico

  • Appoggiare il paziente su una superficie piana, sollevare le gambe (ad esempio, mettere una coperta piegata sotto il rullo sotto di loro);
  • Girare la testa di lato per prevenire l'aspirazione del vomito, rimuovere la dentiera dalla bocca;
  • Fornire aria fresca alla stanza (finestra aperta, porta);
  • Adottare misure per impedire all'allergene di entrare nel corpo della vittima: rimuovere la puntura con il veleno, attaccare un impacco di ghiaccio sul sito del morso o dell'iniezione, applicare una fasciatura a pressione sopra il sito del morso e così via..
  • Per sentire il polso del paziente: prima sul polso, se è assente, poi sulle arterie carotidi o femorali. Se non c'è polso, inizia un massaggio cardiaco indiretto - chiudi le mani nella serratura e metti la parte centrale dello sterno, disegna punti ritmici profondi 4-5 cm;
  • Controllare la respirazione del paziente: vedere se c'è movimento del torace, fissare uno specchio alla bocca del paziente. Se non si respira, si consiglia di iniziare la respirazione artificiale respirando aria nella bocca o nel naso del paziente attraverso un tovagliolo o uno scialle;
  • Chiamare un'ambulanza o trasportare il paziente all'ospedale più vicino.

Algoritmo di assistenza di emergenza per shock anafilattico (assistenza medica)

  • Monitoraggio delle funzioni vitali: misurazione della pressione sanguigna e del polso, determinazione della saturazione di ossigeno, elettrocardiografia.
  • Garantire la pervietà delle vie aeree - rimuovere il vomito dalla bocca, rimuovere la mascella inferiore usando la tripla presa di Safar e l'intubazione tracheale. In caso di spasmo della glottide o edema di Quincke, si consiglia la conicotomia (eseguita in caso di emergenza da un medico o un paramedico, l'essenza della manipolazione è quella di tagliare la laringe tra la tiroide e la cartilagine cricoidea per garantire il flusso d'aria) o la tracheotomia (eseguita solo in ospedale, il medico analizza gli anelli tracheali ).
  • Somministrazione di adrenalina - 1 ml di soluzione allo 0,1% di adrenalina cloridrato viene diluito a 10 ml con soluzione salina. Se esiste un posto diretto per l'introduzione di un allergene (un morso, un'iniezione), è consigliabile iniettarlo per via sottocutanea diluito di adrenalina. Quindi è necessario introdurre 3-5 ml di soluzione per via endovenosa o sublinguale (sotto la radice della lingua, poiché viene abbondantemente fornita di sangue). Il resto della soluzione di adrenalina deve essere iniettato in 200 ml di soluzione salina e continuare ad essere somministrato per via endovenosa sotto il controllo della pressione sanguigna.
  • L'introduzione di glucocorticosteroidi (ormoni della corteccia surrenale) - utilizzava principalmente desametasone in un dosaggio di 12-16 mg o prednisolone in un dosaggio di 90-12 mg.
  • L'introduzione di antistaminici: prima iniezione, quindi passaggio a forme di compresse (difenidramina, suprastina, tavegil).
  • Inalazione di ossigeno inumidito al 40% ad una velocità di 4-7 litri al minuto.
  • In caso di grave insufficienza respiratoria, sono indicate le metilxantine - 2,4% di aminofillina 5-10 ml.
  • A causa della ridistribuzione del sangue nel corpo e dello sviluppo dell'insufficienza vascolare acuta, si raccomanda l'introduzione di soluzioni di cristalloide (suoneria, ringer lattato, plasmalite, sterofundina) e colloide (gelofusina, neoplasmazhel).
  • Per la prevenzione dell'edema cerebrale e polmonare, vengono prescritti diuretici: furosemide, torasemide, minnitolo.
  • Anticonvulsivanti per malattia cerebrale - 25% solfato di magnesio 10-15 ml, tranquillanti (sibazon, relanium, seduxen), 20% sodio oxibutirrato (GHB) 10 ml.

Le conseguenze dello shock anafilattico

Qualsiasi malattia non passa senza lasciare traccia, incluso lo shock anafilattico. Dopo l'interruzione dell'insufficienza cardiovascolare e respiratoria, in un paziente possono persistere i seguenti sintomi:

  • Inibizione, letargia, debolezza, dolori articolari, dolori muscolari, febbre, brividi, respiro corto, dolori cardiaci, dolori addominali, vomito e nausea.
  • Ipotensione a lungo termine (bassa pressione sanguigna) - viene interrotta dalla somministrazione prolungata di vasopressori: adrenalina, mesatone, dopamina, noradrenalina.
  • Si raccomanda dolore al cuore dovuto all'ischemia del muscolo cardiaco - si raccomanda la somministrazione di nitrati (isoket, nitroglicerina), antiipossanti (tiotriazolina, messidolo), cardiotrofi (riboxin, ATP).
  • Mal di testa, diminuzione delle funzioni intellettuali dovute a ipossia cerebrale prolungata - vengono utilizzati farmaci nootropici (piracetam, citicolina), sostanze vasoattive (cavinton, ginko biloba, cinnarizina);
  • Quando gli infiltrati compaiono nel sito di un morso o di un'iniezione, viene indicato un trattamento locale: unguenti ormonali (prednisone, idrocortisone), gel e unguenti con un effetto risolutivo (unguento con eparina, troxevasin, lyoton).

A volte si verificano complicazioni tardive dopo shock anafilattico:

  • epatite, miocardite allergica, neurite, glomerulonefrite, vestibolopatia, danno diffuso al sistema nervoso - che provoca la morte del paziente.
  • 10-15 giorni dopo lo shock, possono svilupparsi edema di Quincke, orticaria ricorrente, asma bronchiale
  • con contatto ripetuto con farmaci allergenici, malattie come la periarterite nodosa, lupus eritematoso sistemico.

Principi generali per la prevenzione dello shock anafilattico

Prevenzione degli shock primari

Prevede la prevenzione del contatto di una persona con un allergene:

  • esclusione di cattive abitudini (fumo, tossicodipendenza, abuso di sostanze);
  • controllo sulla produzione di qualità di medicinali e dispositivi medici;
  • lotta all'inquinamento ambientale con prodotti chimici;
  • divieto di utilizzare determinati additivi alimentari (tartrazina, bisolfiti, agar-agar, glutammato);
  • la lotta con la nomina simultanea di un gran numero di farmaci da parte dei medici.

Prevenzione secondaria

Promuove la diagnosi precoce e il trattamento tempestivo della malattia:

  • trattamento tempestivo di rinite allergica, dermatite atopica, pollinosi, eczema;
  • condurre test allergologici per identificare un allergene specifico;
  • attenta raccolta di anamnesi allergica;
  • indicazione di farmaci intollerabili sul frontespizio della storia medica o scheda ambulatoriale con pasta rossa;
  • condurre test di sensibilità prima della somministrazione endovenosa o intramuscolare di farmaci;
  • osservazione dei pazienti dopo l'iniezione per almeno mezz'ora.

Prevenzione terziaria

Previene la ricomparsa della malattia:

  • igiene personale
  • pulizia frequente delle stanze per rimuovere polvere domestica, zecche, insetti
  • aerazione
  • rimozione di mobili e giocattoli in eccesso dall'appartamento
  • controllo preciso dell'assunzione di cibo
  • l'uso di occhiali da sole o maschere durante il periodo di fioritura delle piante

Come i medici possono ridurre al minimo il rischio di shock in un paziente?

Per la prevenzione dello shock anafilattico, l'aspetto principale è una storia medica accuratamente raccolta della vita e della malattia del paziente. Per ridurre al minimo il rischio del suo sviluppo dall'assunzione di farmaci dovrebbe:

  • Eventuali farmaci devono essere prescritti rigorosamente secondo le indicazioni, il dosaggio ottimale, tenendo conto della tolleranza, della compatibilità
  • Non somministrare più farmaci contemporaneamente, solo un farmaco. Dopo aver verificato la portabilità, è possibile assegnare quanto segue
  • L'età del paziente deve essere presa in considerazione, poiché le dosi giornaliere e singole di farmaci cardiaci, neuroplegici, sedativi e antiipertensivi devono essere ridotte di 2 volte per gli anziani rispetto alle dosi per i pazienti di mezza età
  • Quando si prescrivono diversi farmaci simili alla fattoria. azione e composizione chimica, tengono conto del rischio di reazioni allergiche crociate. Ad esempio, con l'intolleranza alla prometazina, non è possibile prescrivere derivati ​​antistaminici della prometazina (diprazina e pipolfen), con allergie alla procaina e all'anestesia, c'è un alto rischio di intolleranza al sulfanilamide.
  • È pericoloso per i pazienti con malattie fungine prescrivere antibiotici per la penicillina, poiché i funghi e la penicillina hanno un determinante antigenico comune.
  • Gli antibiotici devono essere prescritti tenendo conto degli studi microbiologici e determinando la sensibilità dei microrganismi
  • Per un solvente antibiotico, è meglio usare acqua salata o distillata, poiché la procaina porta spesso a reazioni allergiche.
  • Valutare la funzionalità epatica e renale
  • Per controllare il contenuto di leucociti ed eosinofili nel sangue dei pazienti
  • Prima di iniziare il trattamento, i pazienti ad alto rischio di shock anafilattico, 30 minuti e 3-5 giorni prima della somministrazione del farmaco pianificato, prescrivono antistaminici di 2a e 3a generazione (Claritin, Semprex, Telfast), preparazioni di calcio, secondo le indicazioni dei corticosteroidi.
  • Per poter applicare un laccio emostatico sopra il sito di iniezione in caso di shock, la prima iniezione del farmaco (dose 1/10, per antibiotici inferiori a 10.000 unità) deve essere introdotta nella parte superiore 1/3 della spalla. Se si verificano sintomi di intolleranza, applicare un laccio emostatico stretto sopra il sito di iniezione fino a quando l'impulso non si ferma sotto il laccio emostatico, perforare il sito di iniezione con una soluzione di adrenalina (9 ml di soluzione salina con 1 ml di adrenalina allo 0,1%), applicare una piastra riscaldante con acqua fredda sull'area di iniezione o coprire con ghiaccio
  • Le sale di trattamento devono essere dotate di kit di pronto soccorso anti-shock e disporre di tabelle con un elenco di farmaci che danno reazioni allergiche crociate, con determinanti antigenici comuni
  • Vicino alle sale di manipolazione non dovrebbe esserci un reparto di pazienti con shock anafilattico e inoltre non collocare i pazienti con shock nella storia nelle camere in cui vengono posti i pazienti a cui vengono somministrati i farmaci che causano allergie nella prima.
  • Al fine di evitare l'insorgenza del fenomeno Artyus-Sakharov, il sito di iniezione deve essere monitorato (prurito, gonfiore, arrossamento, in seguito con ripetute iniezioni di farmaci necrosi cutanea)
  • Quei pazienti che hanno subito uno shock anafilattico durante il trattamento in ospedale, quando scritti sulla copertina della storia medica, sono contrassegnati a matita rossa con il segno "allergia ai farmaci" o "shock anafilattico"
  • Dopo la dimissione di pazienti con shock anafilattico, i medicinali devono essere indirizzati agli specialisti nel luogo di residenza, dove saranno registrati presso il dispensario e sottoposti a trattamento immunocorrettivo e iposensibilizzante..